Risultati sommari ~el Censimento ~ella ~o~olazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risultati sommari ~el Censimento ~ella ~o~olazione"

Transcript

1 MINISTERO DELL'ECONOMIA NAZIONALE DIREZiONE GENERALE DELLA STATISTICA UFFICIO DEL CENSrMENTO Risultati sommari ~el Censimento ~ella ~o~olazione eseguito il 1 Dicembre 1921 III. VENEZIA GIULIA ROMA SOCIETÀ ANONIMA G. SCOTTI

2 VENEZIA GIU_LIA 1. - Sviluppo demografico dal 1910 al La Venezia Giulia, nei limiti territoriali entro i quali fu annessa al Regno d'italia in virtù del Trattato di S. Germano, era formata dei distretti politici di Gorizia, Gradisca, Monfalcone, Sesana, Tolmino, Postumia, Trieste, Capodistria, Lussino; Parenzo, Pisino, Pola, Volosca-Abbazia, dei distretti giudiziari di Idria e Tarvisio, nonchè della città di Zara e isole annesse della Dalmazia (l).. Nel prospetto che segue, dalla popolazione del distretto di Idria è stata tolta, anche per il 1910, al fine di rendere possibili i confronti, la parte della popolazione del Comune di Ziri (Sairach) non annessa all'italia e vi è stata aggiunta invece quella parte della popolazione dei Comuni di Gereuth, Planina e Logatec, già appartenenti al distretto giudiziario di Loitsch, che è rimasta compresa entro i nuovi confini del Regno. Alla popolazione del distretto di Tarvisio è stata unita parte della popolazione del Comune di Arnoldstein, già appartenente al distretto politico di Villach, nonchè l'intero Comune di Roccalba (Weissenfels) e parte del Comune di Ratschach, già appartenenti al distretto politico di Radmannsdorf. Infine nella popolazione del distretto di Volosca-Abbazia non'si è compresa una parte della popolazione del Comune di Castua perchè non annessa al Regno d'italia, ed è da avvertire che per la popolazione della parte del Comune di Zara annessa all'italia, il calcolo, per il 1910, non si è potuto fare che approssimativamente. (l) La popolazione dei singoli Comuni secondo le successive variazioni di circoscrizione (R. D. 29 marzo 1923, n. 800) è data nel volume «Elenco dei Comuni del Regno secondo la circoscrizione amministrativa al 31 dicembre 1924». Roma - Libreria dello Stato 1925.

3 -4- Il movirrwnto bre ID21 ~ indicatu!'i \'enezia Ginìia fra il :)] DicemlJl'p HJlO (Il p il 1 Dwpm 1wl j'{iplll1zkrlh; prht'lltc L\ Unl~'Jlto ( ) dirlllnlli:j~mt\ ( --i nei IDlO w'! I ~I:": l fwl\'f'lit1lale R l l'.\ n T I Z l o N l " Gorizla ( Dj,.tretto 1-'01it lco)~ IOJ R;;()!lI R:J:\.. BJ'I (~radioca :~,t l;;rì ;~:~ 08:) Lì :;\lon fa Icone f,:j O;5H ;")H (;:{.M) 12A Sesana :W,HlI '27 HO:! l', Tolmill" :IH 2;W :\7 UHi la Idria (Ili"t r. (;illdìziario). lj 55S IIOS;) :l.!l Postumia ( DistreHo Politi('o ). 4:) 200 1:\ :l2!) (). ~} Tarvisio ( Distr, Giudiziario). R D02 H 224 B,5 Tric:-:to (Distrdto Politi('o). 22\1 5](1 2:l8 li55 LO Capodb;tria ilo 60\) Hi [Hl; LS Lu.-;sino III 272 B,J Parenzo (il :151l ti] ;,)GJ. tu Pisino ~S 51H i,o ll,i:! J.K Poi" lo7 7 i);} K;17t1ì - 2:!,2 Yolosca '\ blmzia 12 H70 :l\}!i:l!l 7.1 Zara e i"o!c aml"s'" della ljallllazia, Il)!JHi J?3 ():!a lui YJ-;:'<EZIA (;[{'LU,!liH 5:liì!Jl!l mn :J.O ')... Distrihllziulle telthorihle delih popolazione. I Comuni della \'PllPi\ia Giulia, alla dilla dl'll'ultimo ("'II~illWllt(), pcr gruppi di popolaziolle: POl'OLAZlO:-!E fino il 500 da r,oi 1000 I UOI ) :looo OO[ Pì 0(10 O/!l lo 000 lo 001 l!',ouu :'0 ono cl, oltre:.'o UOIi ahitanti ('omoui :~4 ;;0 70 i'h l\ìtalb IlEI C!J1>l1:~r ::,-j 1 ('J'allO 2:)1, così ripartiti I 14 Comuni di oltr p IO (100 abitalltl "l'allo l ~f":rl!l'lltl: TrÌcste ('{)n ;!:!f.:-; u.).) afyit,'llti l'ira no Pola +~I :1:~:; l'}t!tiizij (;orizìa :!s \., I ('a}lodi;-;t ria Pi~ dn() l" 1ì!1! \Tw.C~.o:i'l Zara 17 Oli,) jllltlf"lko!w PiHgU('l]te lli:ltil Jli;.!lìallO Alb'Hla II l\)7 Ho\ i.~n() ].t l?ìs l:! Ol:~ J:! (lì)!; Il ii:;" IO.):~n 111 o:!:! abitanti Sp('zialurt,..;n'lH'rtorlUHl t!(,f' d~t!'!n.'ldli~'wl]{'1l l.iilldf'1' \' "Il O,tt'lTejehioeh-lllyrisd1eo KiisCenlllud, \\'j"ll, luih. }\,il'li(,il, \\'i(,11. l!i!k..\11. Dulll"";"l!. \\'icn, lul'l, YI Eraill. \\,i"li, WI!I,

4 -5- Della popolazione della Venezia Giulia, abitanti (861 per mille df'11'intera pof('~azione) vennero eensìti in 1694 Centri (1) di differenti grandezze, mentre (139 per mille) furono censiti in case sparse. Diamo qui sotto la distribuzione della popolazione nei Centri, distinti secondo la rispettiva importanza demografica, e nelle case sparse: Centri Abitant.l Su 1000 ab. CENTRI E CASE SPARSE N. N. in complesso Centri fino a 50 ab da 51 a » » » » 1001» l» 2 001» » 3 001» di oltre ab Centri in totale Case sparse IN COMPLESSO I 13 Centri di oltre abitanti erano: Trieste con abitanti Pola con abitanti Isola con 5932 abitanti Gorizia Pirano 5587 Zara Dignano 5202 Monfalcone 9659 Grado 5113 Rovigno 9453 Idria 5041 Capodistria 8192 Lussinpiccolo Famiglie e convivenze. guente: La popolazione dena Venezia Giulia SI ripartiva in famiglie e convivenze nel modo se, Convivenze (alberghi, caserme, ospedali ecc.) N" 1214 con Famiglie.» CONVIVENZE E FAl\HGLIE )l abitanti (l) A differenza dei censimenti precedenti,,quello del 1921 ha rilevato,. indipendentemente da, ogni suddivisione dei Comuni in frazioni di censimento, la, distribuzione della, popolazione italiana per singoli Centrì abitati e cioè> per ogni agglomerazione di case, in modo da conseguire la maggiore possibile corrispondènza fra i dati demografici. e le segnala.zioni della carta topografica. '

5 -6- Per ogni convivenza si avevano in media abitanti 32.8, per ogni famiglia abitanti 4. l L Secondo il numero elei membri censiti presenti alla data del censimento, le 201.H52 famiglie si classificavano nel modo seguente: Famiglie secondo il numero dei membri presenti che le componevano, Membri Famiglie Su N. N. famiglie l lo"" Ii , (2.2) (1.5) (0.7) 16e più 214 l (1.1) IN COMPLESSO Secondo il tipo della loro eomposizione, le famiglip suddette presentavano la segw>nte ripartizione: Famiglie classificate secondo la loro composizione. TIPI DI FAMIGLIE Soli parenti e affini. Parenti e affini con domestici Parenti e affini con garzoni. Parenti e affini con dozzinanti, conviventi ed estranei. Parenti e affini con domestici e garzoni. Parenti e affini con domestici, doz zinanti, conviventi ed estranei Parenti e affini con garzoni, conviventi, dozzinanti ed estranei. Parenti e affini con domestici, garzoni, dozzinanti, conviventi ed estranei. Soli estranei. IN COMPLESSO Famiglie N i) su 1000 famiglie

6 -7- Le famiglie suddette, ricondotte alla loro composizione naturale, escludendone cioè i domestici, i gl1,fzoni, gli estranei e ineludendovi invece i membri (parenti e affini) temporaneamente assenti, si distribuivano, secondo le varie condizioni sociali dei rispettivi capi di famiglia, nel modo seguente: Famiglie naturali, secondo la condizione sociale del capo di famiglia. CONDIZIONE SOCIALE Famiglie Componenti Su 1000 Su 1000 compo- N. N. famiglie nenti Agricoltori conducenti terreni propri Fittavoli Mezzadri Contadini giornalieri, boscaioli, pastori, mandriani, bifolchi ecc. lo Industriali e commercianti (padroni, direttori, ca'tli aziende) Esercenti (padroni), venditori di generi alimentari Artigiani e lavoratori, per proprio conto, di tutte le industrie (eccettua te le agricole) Operai salariati di tutte le industrie (eccettuate le agricole) Persone di servizio e di fatica, garzoni ecc Professionisti, artisti, addetti a culti Ufficiali dell'esercito, impiegati di aziende pubbliche, di banche ecc.. lo Impiegati di aziende private, commessi di negozio (esclusi i garnoni) Pensionati Possidenti, benestanti Attendenti a casa, professione incerta o non indicata IN COMPLESSO La composizione media per famiglia, secondo la condizione sociale del capo, vemva a flsultare come segue: CONDIZIONE SOCIALE Composizione media per famiglia Agricoltori cond~centi terreni propri Fittavoli Mezzadri Contadini giornalieri, boscaioli, pastori, mandriani, bifolchi ecc. 4.6 Industriali e commercianti (padroni, direttori, capi aziende). 4.1 Esercenti (padroni), venditori di generi alimentari. 4.2 Artigiani e lavoratori per proprio conto di tutte le industrie (eccettuate le agricole) 4.3 Operai sajariati di tutte le industrie (eccettuate le agricole) 3.9 Persone di servizio e di fatica, garzoni, ecc. 3.5 Professionisti, arti$ti, addetti a culti. 3.1 Ufficiali dell'esercito, impiegati di aziende pubbliche, di banche ecc. 3.5 Impiegati di aziende private, commessi di negozio (esclusi i garzoni) 3.4 Pensionati 3.3 Possidenti, benestanti 3.7 Attendenti alle cure domestiche, professione incerta o non indicata 1.9 COMPOSlzrONE MEDIA.. 4.4

7 POl,olaziolle secondo il sesso, l'età, lo stato civile, il luogo di nascita, la professione, l'istruzione e la lingua parlata. La ripartizione degli abitanti censiti secondo il sesso f'; che segue: l'età è data dal prospetto, Popolazione secondo il sesso e l'età. ANNI DI ETÀ In complesso ]H F ANNI DI ETÀ In complesso ]H F fino a Il () l Il "' M lo 423 lo lo lo 446 lo : Il 2086] lo 032 lo lo Il lo IO 712 lo lo 597 lo lo 615 lo :~ lo 466 lo lo oh re ignota 2213 l ] Il TO'l'ALI G Raggruppallflo i dati della precedente tahella in modo che si possano rilevare gli effetto demografici avvenimenti eccezionali del decennio, si ottiene il prospetto: Popolazione classificata secondo il sesso e per gruppi di età. GRUPPI DI ETÀ Nllnwri assoluti Sn ahitanti Tn complt'sso li F In complesso 1\1: F tino a 2ann ] da 3 Il 6 Il G )1 7 l) 20 Il ~W(i II 21 Il 40 l) 292., ) n» 41 l) 00 )l W ] oltre 60» B2 HG 98 Età ignota 2213 l IN COMPLESSO

8 -9-. Secondo il sesso e lo stato civile, Ja popolazione SI distingueva IleI modo qui sotto indicato: Popolazione secondo il sesso e lo stato civile. STATO CIVILE Numeri assoluti Su 1000 abitanti in complesso M F M F Celibi e nu bili Coniugati Vedovi Separati e divorziatì Ignoto l l IN COMPLESSO Secondo il sesso e il luogo di nascita la popolazione risultava così ripartita: Popolazione secondo il sesso e il luogo di nascita. Numeri assoluti Su 1000 abitanti in totale LUOGO DI NASCITA In complesso M F In complesso M F stesso Comune di censimento stessa Provincia altre Provincie del Regno estero ignoto l IN COMPLESSO In cifre riassuntive, la popolazione della Venezia Giulia di età superiore ai lo anni, così SI ripartiva nelle differenti categorie professionali ; Popolazione di età superiore a lo anni classificata per sesso e per grandi categorie professionali. a) NUMERI ASSOLUTI. CATEGORIE PROFESSIONALI Agricoltura, caccia e pesca Industrie Commercio. Amministrazione pubblica e privata. Culto, professioni e arti liberali Addetti a servizi domestici Proprietari, benc;,;tanti. Attendenti alle cure domestiche, pen sionati, studenti, rif'overati eec. In complesso lo M l : F :34, 25206:3 IN COMPLESSO a

9 - 10- b) NU~IERI RELATIVI A l 000 ABITANTI. CATEGORIE PRO.FESRIONALI In ccjluplesso 1\1 Agricoltura, caccia e pesca Industrie Commercio AmmÌnistra7.ione pubblica e privata 'CuUo, professioni e arti liberali ]4 17 Addetti a servizi domestiei 2" '.l 5 Proprietari, benestanti. 8 6 Attendenti alle cure domestiche, pensionati, studenti, ricoverati ecc IN COMPLESSO ~' La diffusione della cultura, rilevata dal numero delle persone in età superiore ai 6 anm che sapevano leggere, risulta, per singole ripartizioni, dal prospetto che segue: Alfabetismo per singole ripartizioni. Su 100 persone, sa,pcvano leggeri'! R I P AItTIZION I In complesso M I!' Gorizia Gradisca,.. Monfalcone. Sesana. Tolmino. Idria Postumia Tarvisio. Trieste.. Capodistria. Lussino. Parenzo Pisino. Pola,, Volosca-Abhazia Zara, della i'iolc étilfles::;6 Dalmazia IN Cu:llI'LESSO, li 7D W) (~ (\ , fì 83 Per di età le condizioni delrahabeti,'mo GI.JlJ<:\;H)'llU dal GRUPPI DI ETA In cumpleiiw M 1<' In comph..,ss() ;\1 le' In compleb:ju }1 li' e oltre IN COMPLESSO Popolazione pruwnte Alfabetismo per gruppi di età. Su 100 di. ogni "ingoio gruppo :-:apcy::-ul0 leggere 181 fj;j[) D1 J!J8 001:n 1558;)5 78 tì:1ì 770,j8 8fj l28 >!O:J lh;:n5 (j[) 025 5;J ;350 f)~ m, ,7!) li!) 787 1::.\1 975 li!) fin;.: 1)2 ;':82 DJ ~)3 8D l H5G lo7 2:.\1 5:3 25] SU!J l H7 W O:~:3 1:{/j 2GO (i8978 (ii :j 7U 866fJ;) ~5 J8lJ 5:) H\) 27 O;Hl (j '!lo

10 Secondo la lingua parlata, gli abitanti della Venezia Giulia SI riparti vano nel modo seguente: Popolazione secondo la lingua parlata. a) NUMERI ASSOLUTI. Cittadini parlanti: RIPARTIZlONI Italiano Ser bo-croato Sloveno Tedesco Gorizia (18873 Gradisca Monfalcone Sesana Tolmino l Idria Post.umi:t l 14: Tarvi"io l 207 l Trieste Ca podistria Lussino "1778 G8 Parenzo Pisino. e) l 213 Pola Volosca-Abbazia G Zara e isole annesse della Dalmazia IN COMPLESSO Stra- In nieri complesso l H9 19~ b) NUMERI RELATIVI. RIPARTIZIONI Gorizia Gradisca Monfalcone Sesana 32 5 Tolmino 35 6 Idria 30 7 Postumia 27 8 Tarvisio Trieste 918 lo Ca podistria Il Lussino Parenzo Pisino.. (") Pola Volosca-Abbazia Zara e isole annesse della Dalmazia Su 1000 cittadini parlavano :" Italiano Serbo-croato Sloveno lo 346 Tedesco 644 IN COMPLESSO (3) (l) In questo numero sono compresi l 644 abitanti di lingua rumena. (2) Compreso il di lingua rumena. (3) Compreso il di lingua rumena.

11 Occorre osservare che dei 32.2:34 stranieri, avevano, alla data del fatto domanda di opzione, a nonna del tratta,to di S. Germano, per ottenere la eìttl:tdinarìza italiana. (1). (1) Secondo il censimento austriaco del 1910, la ripartizione della popolazione secondo la lingua parlata, nella stessa estensione di territorio, era la seguente: LINGUA PARLATA Italiana Serbo-croata. Slovena Altre IN OOMPLESSO Su 1000 abitanti

12

LIGURIA. . Risultati sommari ~BI Censimento ~ella ~o~olazione. l r. eseguito il 1 0 Dicembre MINISTERO DELL'ECONOMiA NAZIONALE

LIGURIA. . Risultati sommari ~BI Censimento ~ella ~o~olazione. l r. eseguito il 1 0 Dicembre MINISTERO DELL'ECONOMiA NAZIONALE MINISTERO DELL'ECONOMiA NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DELLA STATISTICA- UFFICIO DEL CENSIMENTO. Risultati sommari ~BI Censimento ~ella ~o~olazione eseguito il 1 0 Dicembre 1921 l r. v. LIGURIA ROMA SOOlET,i

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

2.1 L andamento infortunistico

2.1 L andamento infortunistico 2.1 L andamento infortunistico Anche nel 2012, in Toscana, prosegue l andamento infortunistico in diminuzione. Infatti, le denunce di infortunio pervenute, ammontano a 53.286 casi con una differenza di

Dettagli

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia IL SISTEMA PRODUTTIVO LOMBARDO NEL 2006 SECONDO IL REGISTRO STATISTICO ASIA (giugno 2009) Secondo il registro statistico delle imprese attive e delle loro unità locali (ASIA Imprese e Unità locali) sono

Dettagli

Sommario. Consodata S.p.A.

Sommario. Consodata S.p.A. Business Data Base Statistici e Microcollection Georeferenziate Contenuti informativi Aggiornamento al 11 Maggio 2015 Sommario GEOGRAFIA TERRITORIALE... 3 SEZIONE DEMOGRAFICA... 4 SEZIONE ECONOMICA...

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

GUIDA RAPIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA GUIDA RAPIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA La dichiarazione sostitutiva è composta dal presente modello base, che a pagina 3 raccoglie i dati relativi al nucleo familiare, e da tanti

Dettagli

Atlante statistico della Svizzera

Atlante statistico della Svizzera 00 Basi statistiche e presentazioni generali 1355-1300 Atlante statistico della Svizzera Carte interattive aggiornate su società, economia, territorio e ambiente Tutto sull offerta Neuchâtel, 2013 Mit

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI LAVORATIVI NELLA ULSS 12 VENEZIANA ( DATI DALL ARCHIVIO INAIL EPIWORK 2004, RELATIVI AGLI ANNI 2000, 2001, 2002 )

EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI LAVORATIVI NELLA ULSS 12 VENEZIANA ( DATI DALL ARCHIVIO INAIL EPIWORK 2004, RELATIVI AGLI ANNI 2000, 2001, 2002 ) EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI LAVORATIVI NELLA ULSS 12 VENEZIANA ( DATI DALL ARCHIVIO INAIL EPIWORK 2004, RELATIVI AGLI ANNI 2000, 2001, 2002 ) Epidemiologia degli Infortuni lavorativi nella Ulss 12 Veneziana

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

Domenighini Stefano. La Posta in Istria da Cecco Beppe a Tito

Domenighini Stefano. La Posta in Istria da Cecco Beppe a Tito Domenighini Stefano La Posta in Istria da Cecco Beppe a Tito Prima della caduta della Serenissima (1797), operava in Istria il solo ufficio postale (veneto) di Capodistria; l assetto definitivo dato alla

Dettagli

Indice dei prospetti delle serie storiche e delle tavole statistiche

Indice dei prospetti delle serie storiche e delle tavole statistiche LA VITA QUOTIDIANA. ANNO 2011 1 Indice dei prospetti delle serie storiche e delle tavole statistiche 1. Mass media e letture CULTURA, SOCIALITÀ E TEMPO LIBERO Prospetto 1.1 - Persone di 3 anni e più che

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Provincia di Trieste Area Servizi

Dettagli

Questionario per intervista

Questionario per intervista MOD. ISTAT/IMF-10/B2.03 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Provincia INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE 1... Comune... Sezione di Censimento... (a cura del Comune)

Dettagli

LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI

LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI 0. Introduzione La statistica è la disciplina che studia i fenomeni collettivi allo scopo di metterne in evidenza le regolarità. Il vocabolo Statistica deriva dal latino

Dettagli

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001 8 luglio 2004 La città di al Censimento della popolazione 2001 L Istat diffonde oggi alcuni approfondimenti riguardanti la struttura demografica e familiare della città di, sulla base dei dati rilevati

Dettagli

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DEL SALDO DELL

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DEL SALDO DELL OPUSCOLO II RATA per la stampa 23-11-2012 8:19 Pagina 1 IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DEL SALDO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA OPUSCOLO II RATA per la stampa 23-11-2012 8:19 Pagina 2 Imposta municipale

Dettagli

Rizzieri Stefania Marzo 2007

Rizzieri Stefania Marzo 2007 Rizzieri Stefania Marzo 2007 1 Provincia di Savona. Settore Politiche del Lavoro e Sociali. Osservatorio del Mercato del Lavoro Obiettivi dell indagine Fornire alcune informazioni sulle performance occupazionali

Dettagli

Would you like to Shrink the Welfare State? The Opinions of European Citizens

Would you like to Shrink the Welfare State? The Opinions of European Citizens QUESTIONARIO per Would you like to Shrink the Welfare State? The Opinions of European Citizens Caratteristiche personali e della famiglia C1. Sesso - Uomo - Donna C2. Quanti anni ha? (Se meno di 16, fine

Dettagli

Rapporto Annuale 2007

Rapporto Annuale 2007 Rapporto Annuale 007 del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione sugli interventi nelle aree sottoutilizzate Appendice Tavole statistiche territoriali, cartine e note metodologiche Presentato

Dettagli

I censimenti. I questionari a lettura ottica del Censimento della popolazione del 2001. Qualità dei dati

I censimenti. I questionari a lettura ottica del Censimento della popolazione del 2001. Qualità dei dati I censimenti Una rilevazione ampia, generale, totale come è un censimento comporta un onere finanziario e organizzativo notevole. In Italia, ad esempio, si tratta di raggiungere a una a una tutte le famiglie,

Dettagli

28-6-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 148

28-6-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 148 7 RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA Nota metodologica La legge 7 marzo 1996, n. 108, volta a contrastare il fenomeno dell usura, prevede che siano

Dettagli

Inchiesta 2013 sui salari degli impiegati di banca

Inchiesta 2013 sui salari degli impiegati di banca Inchiesta 2013 sui salari degli impiegati di banca L inchiesta sui salari viene condotta dall ASIB ogni due anni. Il salario è una parte essenziale del contratto di lavoro. Nelle banche, gli stipendi vengono

Dettagli

- CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELL INTERVISTATO - (PER TUTTI)

- CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELL INTERVISTATO - (PER TUTTI) Soddisfazione per il servizio di distribuzione del GAS e del Teleriscaldamento (AES) Proposta di questionario telefonico Buongiorno. Sono un intervistatore/trice della XXXX. Stiamo effettuando una ricerca

Dettagli

A5. Elaborazioni connesse alla metodologia per la stima per stima dei consumi di gas a livello comunale

A5. Elaborazioni connesse alla metodologia per la stima per stima dei consumi di gas a livello comunale A5. Elaborazioni connesse alla metodologia per la stima per stima dei consumi di gas a livello comunale Per parametrizzare i consumi a livello comunale sono stati dapprima considerati la popolazione (dato

Dettagli

Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi

Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi di Nicola Serio Udine 30 settembre 2014 Donne Impresa FVG Caratteristiche demografiche delle imprenditrici

Dettagli

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA Scheda 1 Introduzione Lo scopo di questo gruppo di schede è di presentare alcuni aspetti della grande trasformazione dei modi di produrre, consumare e vivere avvenuta in alcuni paesi europei (Inghilterra,

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Ambiente Territorio e Infrastrutture

Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Ambiente Territorio e Infrastrutture Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Ambiente Territorio e Infrastrutture Protocollo comunale Marca da Bollo Legge 9 dicembre 1998, n.431, art. 11 FONDO NAZIONALE PER LA LOCAZIONE Richiesta di assegnazione

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI. ANNO 2009 1 Indice delle tavole statistiche 1. I pendolari della famiglia Prospetto 1.1 Tavola 1.1 Tavola 1.2 Tavola 1.3 Tavola 1.4 Tavola 1.5 Tavola 1.6 motivo, durata media

Dettagli

Comune di Montopoli in Val D'Arno (Provincia di Pisa). Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno - ( 0571/44.98.

Comune di Montopoli in Val D'Arno (Provincia di Pisa). Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno - ( 0571/44.98. UFFICIO TRIBUTI OGGETTO: DENUNCIA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Locali ad uso diverso da abitazione (da restituire compilata all Ufficio Tributi) MOTIVO DELLA DENUNCIA (barrare l ipotesi che ricorre) INIZIO

Dettagli

Ennio Savino Dirigente Medico INAIL

Ennio Savino Dirigente Medico INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO Ennio Savino Dirigente Medico INAIL Il medico di Medicina Generale rappresenta spesso il primo riferimento per il paziente vittima

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

Proposta di lettura statistica del database

Proposta di lettura statistica del database Proposta di lettura statistica del database Giovanni Aiassa Transiti nel Battaglione dei Cacciatori Franchi dal 1 gennaio 1859 al 31 dicembre 1861 Presentiamo dati e considerazioni che emergono dall analisi

Dettagli

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari)

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari) Allegato A. Allegato statistico Interruzione di sezione (pagina dispari) Tabella 58 Titolari e soci per attività economica, sesso e anno valori assoluti (A) 2001 2000 Attività Titolari Soci Titolari Soci

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2014 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro del Dipartimento Programmazione coordinato dal Capo Dipartimento

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL

PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL Tav.1 Infortuni sul lavoro avvenuti nel periodo 2005-2007 per anno, gestione e sesso Tav. 2 Infortuni sul lavoro avvenuti

Dettagli

Roma 20 maggio 2015 ore 10.30. Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio

Roma 20 maggio 2015 ore 10.30. Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio Roma 20 maggio 2015 ore 10.30 Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio La domanda estera sostiene l economia PIL E COMPONENTI DELLA DOMANDA IN ITALIA Variazioni congiunturali percentuali

Dettagli

Cenni storici sulla previdenza obbligatoria in Italia

Cenni storici sulla previdenza obbligatoria in Italia R.S.U. Siae Microelettronica Cenni storici sulla previdenza obbligatoria in Italia L attuale ordinamento previdenziale italiano muove i primi passi dopo l unità d Italia con l affermarsi della rivoluzione

Dettagli

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1.

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1. FAMIGLIA Numero di famiglie. Il numero di famiglie abitualmente dimoranti sul territorio nazionale è aumentato da 21.8 a 24.6 milioni nel 2013. Durante il periodo intercensuario le famiglie unipersonali

Dettagli

OCCUPATI SETTORE DI ATTIVITA' ECONOMICA

OCCUPATI SETTORE DI ATTIVITA' ECONOMICA ESERCIZIO 1 La tabella seguente contiene i dati relativi alla composizione degli occupati in Italia relativamente ai tre macrosettori di attività (agricoltura, industria e altre attività) negli anni 1971

Dettagli

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE CLASSE 3 E ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROF.SA CALCAGNO VALERIA

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE CLASSE 3 E ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROF.SA CALCAGNO VALERIA LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE CLASSE 3 E ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROF.SA CALCAGNO VALERIA DOVE NASCE CHE COSA IMPLICA NASCE IN INGHILTERRA PERMETTE ALL UOMO DI AVERE UNA FORMA DI ENERGIA: QUELLA DEL VAPORE.

Dettagli

Spazio riservato all'intervistatore (informazioni ad uso esclusivo interno per il controllo di qualità della rilevazione).

Spazio riservato all'intervistatore (informazioni ad uso esclusivo interno per il controllo di qualità della rilevazione). Spazio riservato all'intervistatore (informazioni ad uso esclusivo interno per il controllo di qualità della rilevazione). 1. Sede LILT di: 2. Referente: Con la compilazione del codice rilevatore lo stesso

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCIOLI TERRITORIALI

INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCIOLI TERRITORIALI INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCIOLI TERRITORIALI Tav 1.1 - Riepilogo delle imprese registrate e attive per divisione di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei quattro trimestri 2011. Iscrizioni

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006)

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006) Territorio La provincia di Cremona si estende a sud della Lombardia al confine con l Emilia Romagna. E completamente pianeggiante, appena digradante verso il Po, con un altitudine che oscilla mediamente

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Mod. ISTAT/P/90/E SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (A cura del Comune) Provincia... Comune... RILEVAZIONE TRIMESTRALE DELLE FORZE DI LAVORO Numero generale progressivo: da

Dettagli

Tra Regno d Italia e Regno delle due Sicilie

Tra Regno d Italia e Regno delle due Sicilie Tra Regno d Italia e Regno delle due Sicilie PRIMO CENSIMENTO GENERALE del neonato Regno d Italia nel 1861 dal testo: Scienza delle Finanze di Francesco Saverio Nitti, economista e statista, Presidente

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

Giustizia, litigiosità, criminalità

Giustizia, litigiosità, criminalità Giustizia, litigiosità, criminalità Procedimenti civili esauriti con sentenza Procedimenti di cognizione ordinaria La rilevazione sui singoli procedimenti di cognizione ordinaria è stata condotta dall

Dettagli

Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Programmazione Innovazione e competitività dell Umbria

Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Programmazione Innovazione e competitività dell Umbria Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Programmazione Innovazione e competitività dell Umbria Protocollo comunale Marca da Bollo Legge 9 dicembre 1998, n.431, art. 11 FONDO NAZIONALE PER LA LOCAZIONE

Dettagli

e CARTA DEI SERVIZI An n o d i r i f e r i m e n t o 2 0 0 7 P A R T E P R I M A P R I N C I P I F O N D A M E N T A L I 1. 1 P R E M E S S A P a n s e r v i c e s. a. s. d i F. C u s e o & C. ( d i s

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2014 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

Tavola 2 - Persone di 6 anni e più per tipo di linguaggio abitualmente usato in famiglia, regione, ripartizione geografica

Tavola 2 - Persone di 6 anni e più per tipo di linguaggio abitualmente usato in famiglia, regione, ripartizione geografica Tavola 1 - Persone di 6 anni e più per tipo di linguaggio abitualmente usato in famiglia, classe di età e sesso - Tavola 2 - Persone di 6 anni e più per tipo di linguaggio abitualmente usato in famiglia,

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010 Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Nel si registra un aumento delle nascite (+21, per un totale di 2.953) e dei decessi (+110, per un totale di 2.971). Il saldo naturale, ossia la

Dettagli

Le persone senza dimora

Le persone senza dimora Le persone senza dimora Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento statistiche sociali e ambientali 9 Ottobre 2012 In maggioranza vivono al Nord Sono 47.648 le persone senza dimora che tra novembre e

Dettagli

Pensioni ai cittadini ultrasessantacinquenni sprovvisti di reddito Articolo26.

Pensioni ai cittadini ultrasessantacinquenni sprovvisti di reddito Articolo26. Legge 30 aprile1969 n. 153 Revisione degli ordinamenti pensionistici e norme in materia di sicurezza sociale. Disciplina del cumulo della pensione con la retribuzione (Stralcio) Articolo 20. [18]. Per

Dettagli

Disoccupati registrati (-444, -7.2%)

Disoccupati registrati (-444, -7.2%) Disoccupati registrati (-444, -7.2%) Persone in cerca di impiego registrate (-556, -5.7%) Tasso di disoccupazione (-0.3 punti percentuali) Disoccupati ai sensi dell Organizzazione Internazionale del Lavoro

Dettagli

ITANES 1992. Itanes 1992: Original Questionnaire ORIGINAL QUESTIONNAIRE

ITANES 1992. Itanes 1992: Original Questionnaire ORIGINAL QUESTIONNAIRE ITANES 1992 ORIGINAL QUESTIONNAIRE 1. Numero di telefono 2. Sesso maschio 1 femmina 2 La Swg di Trieste sta conducendo un sondaggio in tutta Italia. Vorrei parlare con il signor/la signora. 3. E lei? sono

Dettagli

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche.

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. L Italia è il primo Paese europeo per presenza di cittadini e negli ultimi anni ha visto un aumento del 62%.

Dettagli

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE 5.1 - Imprese dei settori industria e servizi Al Censimento intermedio dell Industria e dei Servizi (31 dicembre1996) sono state rilevate 3.494 imprese 1 di tipo industriale

Dettagli

GLI IMMIGRATI ALBANESI NELLE MARCHE: CARATTERISTICHE DETERMINANTI E MODALITA DI IMPIEGO DELLE RIMESSE

GLI IMMIGRATI ALBANESI NELLE MARCHE: CARATTERISTICHE DETERMINANTI E MODALITA DI IMPIEGO DELLE RIMESSE GLI IMMIGRATI ALBANESI NELLE MARCHE: CARATTERISTICHE DETERMINANTI E MODALITA DI IMPIEGO DELLE RIMESSE Eralba Cela - Università Politecnica delle Marche INDAGINE SUGLI IMMIGRATI ALBANESI NELLE MARCHE: ANALISI

Dettagli

TRAVNIK - PLASKI VOGEL NOTIZIE STORICHE

TRAVNIK - PLASKI VOGEL NOTIZIE STORICHE TRAVNIK - PLASKI VOGEL NOTIZIE STORICHE Il Travnik e il Plaski Vogel sono cime delle Alpi Giulie Slovene sulle cui vette tra le due guerre mondiali passava il confine Italo Jugoslavo in applicazione del

Dettagli

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA Nunzio Mastrorocco I quozienti grezzi o generici Volendo procedere all esame di un fenomeno demografico, in un primo e generico approccio è sufficiente

Dettagli

Rapporto Annuale 2006 del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione sugli interventi nelle aree sottoutilizzate

Rapporto Annuale 2006 del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione sugli interventi nelle aree sottoutilizzate DPS - Rapporto Annuale 2006 - Appendice Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Rapporto Annuale 2006 del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana 1 Tarvisio, 8 marzo 2013 Studio Tecnico Forestale Provincia di Trento 6.206 km2

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 2 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità semestrale 1 Numero e

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo.

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. A) La prestazioni per invalidità nel regime generale obbligatorio La legge

Dettagli

Rapporto Annuale 2008

Rapporto Annuale 2008 DPS - Rapporto Annuale 2008 - Appendice Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica Rapporto Annuale 2008 del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica

Dettagli

Unità 2. La licenza di venditore ambulante. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Commercio CHIAVI

Unità 2. La licenza di venditore ambulante. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Commercio CHIAVI Unità 2 La licenza di venditore ambulante CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni su come ottenere la licenza di venditore ambulante parole relative ai tipi di documenti

Dettagli

CITTA DI ALBENGA (Provincia di Savona) Rip. I AREA AMMINISTRATIVA SERVIZI ANAGRAFICI

CITTA DI ALBENGA (Provincia di Savona) Rip. I AREA AMMINISTRATIVA SERVIZI ANAGRAFICI TEL.0182/562213-307-301 FAX 0182/557667 e-mail: anagrafe@comune.albenga.sv.it CITTA DI ALBENGA (Provincia di Savona) Rip. I AREA AMMINISTRATIVA SERVIZI ANAGRAFICI Direttore dell Area: Avv. Emanuele Scardigno

Dettagli

Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Programmazione Innovazione e competitività dell Umbria

Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Programmazione Innovazione e competitività dell Umbria Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Programmazione Innovazione e competitività dell Umbria Protocollo comunale Marca da Bollo Legge 9 dicembre 1998, n.431, art. 11 FONDO NAZIONALE PER LA LOCAZIONE

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

DGR 2889 DD. 26.9.2003

DGR 2889 DD. 26.9.2003 DGR 2889 DD. 26.9.2003 VISTO il documento di indirizzo programmatico per l anno 2003 predisposto, ai sensi dell art. 6 della L.R. 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni, dalla

Dettagli

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione)

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione) COMUNE DI COMO I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004 (1 Edizione) Settore Statistica - Agosto 2007 I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

1 Il calcolo anticipato della rendita informa sulle rendite

1 Il calcolo anticipato della rendita informa sulle rendite 3.06 Stato al 1 o gennaio 2007 Calcolo anticipato della rendita Informazioni sulla rendita futura 1 Il calcolo anticipato della rendita informa sulle rendite AVS/AI a cui si avrà verosimilmente diritto.

Dettagli

ALLEGATO 1 Simulazioni previdenziali di casi di lavoratrici nel settore terziario

ALLEGATO 1 Simulazioni previdenziali di casi di lavoratrici nel settore terziario ALLEGATO 1 Simulazioni previdenziali di casi di lavoratrici nel settore terziario ANALISI PER FIGURE TIPO - CASSIERA COOP - RISULTATI DI SINTESI QUADRO DELLE IPOTESI Parametri normativi Parametri economici

Dettagli

Contrassegnare le caselle e compilare la domanda con le informazioni richieste DICHIARO

Contrassegnare le caselle e compilare la domanda con le informazioni richieste DICHIARO Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Programmazione Innovazione e competitività dell Umbria Protocollo comunale Marca da Bollo Legge 9 dicembre 1998, n.431, art. 11 FONDO NAZIONALE PER LA LOCAZIONE

Dettagli

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 PRESENTAZIONE A CURA DI EMANUELE GALOSSI E GIULIANO FERRUCCI I lavoratori

Dettagli

SEGNALAZIONE PRESUNTA PRESENZA DI MATERIALE CONTENENTE AMIANTO

SEGNALAZIONE PRESUNTA PRESENZA DI MATERIALE CONTENENTE AMIANTO SERVIZIO SANITARIO FRIULI VENEZIA GIULIA Azienda per i servizi sanitari n. 2 Isontina Centro Regionale Unico Amianto - CRUA Riferimento CRUA/7/2014 Telefono 0481487588 Persona da contattare TdP Laura Leban

Dettagli

ANF per il lavoro dipendente

ANF per il lavoro dipendente ANF per il lavoro dipendente ISTRUZIONI PER L USO BERGAMO ENZO MOLOGNI LAVORO DIPENDENTE D.P.R. 30 MAGGIO 1955, N 797 (Assegni familiari) LEGGE 13 MAGGIO 1988, N 153 (Assegni al nucleo familiare) RIFERIMENTI

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

CABARA INSURANCE BROKER srl QUESTIONARIO SULL ADEGUATEZZA DEL CONTRATTO OFFERTO

CABARA INSURANCE BROKER srl QUESTIONARIO SULL ADEGUATEZZA DEL CONTRATTO OFFERTO AUTO / NATANTI CABARA INSURANCE BROKER srl QUESTIONARIO SULL ADEGUATEZZA DEL CONTRATTO OFFERTO Gentile Cliente, Le chiediamo cortesemente di dedicarci alcuni minuti del Suo tempo per rispondere ad alcune

Dettagli

Annuario Statistico Demografico

Annuario Statistico Demografico Città di Treviso Annuario Statistico Demografico 2014 a cura dell Ufficio Statistica Città di Treviso Annuario Statistico Demografico 2014 a cura dell Ufficio Statistica INTRODUZIONE Il presente annuario

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli