Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione"

Transcript

1 Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale messo a confronto ha riguardato 3 specie macroterme (Cynodon dactylon, o gramigna, Paspalum vaginatum, o panico acquatico, e Zoysia japonica, o zoisia) per un totale di 7 varietà diverse e una varietà di una specie microterma (Lolium perenne, loietto inglese) come confronto. In totale sono state poste a confronto 24 parcelle (di superficie pari a 6 m 2 ) in ogni sito, pari a 8 tesi replicate 3 volte, secondo il disegno sperimentale dei blocchi completamente randomizzati, con una distribuzione delle parcelle all interno del campo sperimentale uguale in entrambe le località. La semina (con dosi di 25 g m -2 ) è avvenuta il 18 maggio 2011 per la località di Marciano e il 10 giugno 2011 per la località di Antria. La gestione agronomica della prova, per entrambi i siti, ha previsto per la stagione vegetativa 2011: un intervento di pulizia manuale dalle infestanti, la fertilizzazione con una concimazione standard effettuata in 4 interventi (apportando in totale 327, 120 e 81 kg ha -1 di NPK), lo sfalcio periodico delle parcelle. La prova in questo primo anno ha avuto termine alla fine della stagione vegetativa, che per entrambe le situazioni saggiate si è collocata verso la metà di novembre. Sulle parcelle impiantate sono state eseguite alcune rilevazioni volte a caratterizzare le diverse specie dal punto di vista dell efficienza e della qualità del tappeto erboso. I rilievi eseguiti sono stati i seguenti: emergenza delle plantule, mediante conteggio su un quadrato di 20x20 cm in due date successive alla semina per ogni area; aspetto estetico globale (AEG), mediante una stima visiva con una scala da 1 (minimo) a 9 (massimo); colore del tappeto erboso, mediante una stima visiva con una scala da 1 (minimo) a 9 (massimo); stima della larghezza della lamina fogliare (tessitura), mediante una stima visiva con una scala da 1 (minimo) a 9 (massimo); densità dei culmi/stoloni, mediante una stima visiva con una scala da 1 (minimo) a 9 (massimo); ricoprimento, mediante la stima visiva della percentuale di ricoprimento totale della parcella; presenza di infestanti, mediante la stima visiva della percentuale di specie non seminate presenti nella parcella. Tali rilievi (tranne l emergenza) sono stati eseguiti su entrambi i campi sperimentali con una cadenza di circa 15 giorni a partire dal momento di completo insediamento delle parcelle. Di seguito sono sinteticamente riportati i risultati più significativi. Per quanto riguarda l emergenza si è avuto un comportamento piuttosto diversificato in funzione della località, in quanto l insediamento è stato avvantaggiato nel sito di Antria dalla più tardiva semina (circa 20 giorni di differenza tra le due date). Relativamente alle tesi poste a confronto, l emergenza più 1

2 rapida a Marciano è stata fatta registrare da Lolium perenne, confermando la rapidissima capacità germinazione di questa specie, ma nel sito di Antria la velocità di emergenza di alcune cultivar di C. dactylon non è stata dissimile dal loietto inglese, segno evidente che se impiantate in un periodo adeguato alcune specie a crescita estiva possono far registrare rapidità di insediamento soddisfacente. La specie Zoysia in genere ha mostrato emergenze molto ridotte e questo ha influito notevolmente sullo sviluppo delle parcelle impiantate con le cultivar appartenenti a questa specie, mentre Paspalum vaginatum ha mostrato un comportamento intermedio tra le succitate specie. Questi raffronti, oltre a mettere in luce differenze tipiche tra le diverse macroterme, evidenziano abbastanza bene che queste specie dovrebbero essere impiantate per semina in questi areali interni non prima dell inizio di giugno. Il parametro AEG ha permesso di dare un giudizio globale sulle specie analizzate, in quanto questo parametro fornisce una valutazione complessiva dell aspetto di una parcella tenendo in considerazione tutte le caratteristiche legate agli aspetti estetici di un tappeto erboso e che quindi influenzano un giudizio di valore complessivo: colore, uniformità della parcella, copertura, presenza di infestanti, etc. La gramigna ha mostrato il miglior aspetto estetico globale in entrambe le situazioni, sia rispetto al loietto sia rispetto alle altre macroterme, anche se nel sito di Antria Paspalum, dopo un insediamento particolarmente lento, ha permesso alla fine delle prova di raggiungere livelli medi di AEG superiori a Cynodon. Decisamente ridotta l efficacia della zoisia, soprattutto per la cultivar Compadre, che ha confermato la già nota ridottissima velocità di insediamento (emersa dall analisi della letteratura ed evidenziata anche dai rilievi sull emergenza eseguiti a prove impiantate) e che ha influito fortemente su questo primo anno di prova. Per quanto concerne il colore del tappeto erboso, questo parametro ha dimostrato la netta superiorità del loietto inglese che è risultato superiore in ogni località e in ogni data, essendo questa una specie caratterizzata da un colore lucente e brillante. Le macroterme hanno avuto un comportamento piuttosto omogeneo nei due siti di prova, con superiorità della gramigna sulle altre due, soprattutto nella fase iniziale, mentre Paspalum ha ottenuto valori discreti soprattutto verso la fine del periodo vegetativo. Valori poco accettabili sono stati fatti registrare dalle cultivar appartenenti a Zoysia. Relativamente alla copertura delle parcelle va evidenziato il comportamento superiore, rispetto al loietto, sia di Paspalum che della gramigna, in quanto queste specie si sono ovviamente adattate all ambiente caldo molto meglio di Lolium perenne ed hanno incrementato i propri valori di ricoprimento durante la stagione vegetativa in maniera graduale e continua, fino ad arrivare a fine prova a coperture dell ordine di 85-90%. Al contrario il loietto ha avuto un andamento altalenante con massimi relativi di ricoprimento all inizio e alla fine della stagione vegetativa, e anche questo comportamento è da mettere in relazione alle caratteristiche di tale specie microterma. Da notare la ridotta capacità di coprire il suolo della zoisia, ed anche in questo caso la cultivar Zenith, come già evidenziato per gli altri parametri, ha avuto un comportamento nettamente migliore rispetto alla Compadre. 2

3 Relativamente agli altri parametri analizzati, la densità sembra un parametro da mettere in relazione sia al comportamento individuale di una singola specie sia dall efficacia del suo impianto in ogni area. La finezza della foglia è invece un parametro nettamente influenzato dalle caratteristiche intrinseche delle specie, e quelle con tessitura migliore sono risultate sempre le cultivar appartenenti a Paspalum vagiantum e a quella del loietto, mentre per questo parametro la zoisia ha fatto registrare valori comparabili alle cultivar di gramigna. Le infestanti infine sono state elevate soprattutto in Zoysia japonica, e questo è facilmente riconducibile al suo lento e stentato insediamento, e nelle parcelle di loietto del campo di Antria. I valori registrati comunque, anche grazie al controllo manuale effettuato ad inizio prova, sono da considerare bassi e quindi molto soddisfacenti e dovuti alle capacità che hanno queste specie, con il loro tappeto prostrato e denso formato da numerosi stoloni, di controllare le specie invasive. Linea 2 Le attività della linea 2 sono state condotte nella località di Marciano della Chiana su terreni attigui a quelli dove è in atto la prova presentata nell ambito della Linea 1. Il dispositivo sperimentale è servito anche per gli approfondimenti della successiva Linea 3 (vedi dopo). In questo caso sono state impiantate delle parcelle con una varietà delle due specie ritenute più meritevoli di approfondimenti: Cynodon dactylon (cv. La Paloma) e Paspalum vaginatum (cv. Sea spray) che sono state sottoposte a tre livelli differenziati rispettivamente di irrigazione e di fertilizzazione. In particolare, i livelli di irrigazione messi a confronto hanno previsto la restituzione rispettivamente del 100% dell ETP calcolata per l area di prova (I1,) del 75% (I2) e del 50% (I3). L irrigazione è stata distribuita per mezzo di irrigatori comandati da elettrovalvole nelle quali si poteva impostare la durata dell adacquamento e il numero di interventi per ogni giorno in maniera diversificata; nei giorni piovosi un sensore interrompeva su tutte le parcelle l irrigazione quando la piovosità superava il limite di 2mm piovuti. L ETP è stata calcolata utilizzando la formula di Hargreaves-Samani che prevede l impiego di temperature medie giornaliere e di radiazione come dati di input. La possibilità di avere i dati meteorologici provenienti da una stazione posta a ridosso del campo sperimentale e consultabili in tempo reale ha permesso di ottenere i valori di ETP su base settimanale e di adeguare i parametri irrigui di conseguenza. Per quanto riguarda la fertilizzazione, sono state individuate tre tipologie di concimazioni: una standard, considerata quella che viene ordinariamente erogata nell area oggetto di studio a tappeti erbosi in simili condizioni (C1), una con una maggiorazione (di circa il 20% rispetto a C1) dell azoto erogato durante la stagione vegetativa (C2) ed una con una maggiorazione (di circa il 35% rispetto a C1) del potassio (C3). Gli interventi di concimazione sono stati eseguiti tramite 4 applicazioni durante la stagione vegetativa con formulati a lenta cessione. I trattamenti diversificanti di irrigazione e di fertilizzazione sono stati adottati solo a completo insediamento delle parcelle, cosa che è avvenuta durante il mese di agosto. 3

4 Il disegno sperimentale scelto è stato quello a split-split-plot a 3 repliche, con parcelle elementari di 15 m 2 (3x5m) per un totale di 54 parcelle. Durante la stagione vegetativa le parcelle sono state periodicamente sfalciate con un altezza di taglio di circa 3,5 cm. Sulle parcelle sono stati eseguiti periodicamente dei rilievi che in buona parte coincidono con quelli già visti per la linea 1: AEG, colore, tessitura, densità: questi parametri sono stati valutati visivamente con la scala variabile da 1 (minimo) a 9 (massimo); Copertura totale della parcella e presenza di infestati: con determinazione visiva della percentuale di ricoprimento. Venendo ai risultati, dato che la differenziazione tra trattamenti (irrigazione e fertilizzazione) è avvenuta solo durante il mese di agosto per permettere un completo insediamento del materiale vegetale, il fattore più importante nel far emergere differenze durante questo primo anno di sperimentazione è stata la specie. L irrigazione è stata il fattore che ha influenzato in misura minore i risultati ottenuti, anche perché l adozione delle irrigazioni differenziate è avvenuta solo ad agosto inoltrato quando ormai le temperature più elevate hanno praticamente appiattito le eventuali differenze presenti tra i livelli di questo fattore. Il parametro che mediamente è risultato più condizionato dal livello irriguo è stata la presenza di infestanti nelle parcelle, con valori più elevati in relazione alle maggiori quantità di acqua erogate (I1). La ridotta differenza tra i vari trattamenti suggerisce che queste specie macroterme possono raggiungere notevoli livelli di efficienza, di funzionalità e di qualità anche con forti riduzioni di impiego di acqua. Ovviamente tali risultati si devono ritenere interlocutori e preliminari e maggiori indicazioni si avranno al secondo anno, quando l adozione di trattamenti diversificati avverrà in maniera molto più precoce all inizio della stagione vegetativa. Anche la fertilizzazione non ha mostrato effetti rimarchevoli sulle caratteristiche studiate e il parametro condizionato in maniera più significativa è stato il colore del tappeto erboso, che è risultato mediamente più elevato nella concimazione C2, ossia con un maggior tenore di azoto, mentre le altre due formulazioni hanno raggiunto mediamente valori simili. Come detto, la specie è stato il parametro che in questo anno di impianto ha fatto registrare differenze più elevate. In particolare la gramigna è risultata migliore per molti dei parametri analizzati come aspetto estetico globale, colore, copertura del suolo, densità e presenza di infestanti, mentre Paspalum vaginatum è risultato migliore come tessitura della lamina fogliare. In alcuni casi è stato comunque possibile trovare effetti dell interazione tra alcuni fattori fra quelli studiati. In definitiva, per quanto attiene ai risultati di questa Linea, si può affermare che in questa prima stagione vegetativa le caratteristiche intrinseche delle specie utilizzate hanno condizionato le performance molto più delle tecniche gestionali. E però vero che in alcuni casi è stato possibile riscontrare delle 4

5 interazioni fra più fattori e che i dati del prossimo anno serviranno a consolidare quanto è stato preliminarmente visto nel corso del Linea 3 Le attività di questa Linea sono state svolte in stretta sinergia con quelle della Linea precedente in quanto il dispositivo sperimentale utilizzato è stato lo stesso. La valutazione dell impatto ambientale delle acque di rilascio in tappeti erbosi, che rappresentava la tematica specifica di questa attività di ricerca, è stata eseguita difatti sulle stesse parcelle descritte in precedenza per la prova relativa all analisi delle tecniche agronomiche: infatti al momento dell impianto delle parcelle, sono stati eseguiti dei fossetti profondi circa 30 cm e larghi 25 cm che sono stati impermeabilizzati mediante un foglio di plastica sul fondo del quale è stato successivamente posto un tubo drenante di 5 cm di diametro. Dopo la posa di tale strumentazione il fossetto è stato riempito di nuovo e sulla superficie è avvenuta la semina come descritto in precedenza. I tubi raccoglievano l acqua dal fondo di due parcelle attigue seminate con le due specie (C. dactylon e P. vaginatum) per cui non c era separazione fra le acque di percolazione provenienti dalle due specie diverse: pertanto i fattori posti sotto osservazione in questa Linea sono stati solo l irrigazione e la concimazione, con i livelli di trattamento descritti al punto precedente. Il prelievo dei campioni di acqua avveniva in bottiglie di plastica opportunamente interrate in un pozzetto laterale al campo, uno per ogni tubo di drenaggio per un totale di 27 punti di raccolta. Le acque sono state prelevate periodicamente per valutare sia il volume di acqua defluito sia la concentrazione dei macronutrienti presenti che è stata eseguita in laboratorio su campioni appositamente prelevati in campagna. In questo modo è stato possibile conoscere il volume totale di acqua percolato, le concentrazioni di tali acque e i quantitativi assoluti di nutrienti persi nelle acque di drenaggio. In totale sono state effettuate 4 raccolte di acqua di percolazione nel primo anno di prova, rispettivamente dopo 28, 70, 106 e 212 giorni dalla semina (18/05/2011). In totale sono arrivati sul campo sperimentale 1252 l m -2 costituiti per circa il 77% (969,6 l m -2 ) da acqua di irrigazione e per il restante 23% (282,4 l m -2 ) dalle piogge. A fronte di questi apporti idrici, complessivamente sono stati raccolti 3,33 l m -2 di acque di percolazione, corrispondenti ad una percentuale di acqua arrivata sul terreno e percolata assai ridotta, pari nella media a 0,27%. Il volume maggiore di percolato (1,82 l m -2 ) è stato prelevato con la raccolta del 15/06/2011 corrispondente ad una percentuale di percolazione di 0,56% dei 325,2 l/m 2 complessivamente apportati al campo sperimentale dall irrigazione e dalle piogge nei primi 28 giorni successivi alla semina. Il minor volume di percolazione è stato invece misurato in corrispondenza dell ultima raccolta, avvenuta il 16/12/2011, quando dei 279,6 l m -2 di acqua arrivata al terreno per pioggia e irrigazione è stato raccolto come percolato soltanto lo 0,02% corrispondente a 0,07 l m -2. Dall analisi di questi risultati appare come il sistema colturale costituito dal tappeto erboso coltivato su suolo naturale con buona dotazione di argilla sia caratterizzato da elevata capacità d invaso nei confronti degli apporti idrici naturali e irrigui, con volumi di percolazione estremamente contenuti durante tutto il 5

6 periodo vegetativo sia nelle prime fasi caratterizzate da copertura del terreno ridotta sia alla fine del ciclo vegetativo con tappeto erboso denso e caratterizzato da elevato ricoprimento. Questi risultati possono essere spiegati dalle specifiche caratteristiche pedo-vegetative del tappeto erboso oggetto della ricerca, in particolare le proprietà igroscopiche della frazione argillosa dominante nel suolo, l effetto assorbente del tappeto erboso insediato, la sua azione evapotraspirante nei confronti dell acqua apportata al sistema suolo-piante e anche dall uso di concimi a lenta cessione. Strettamente connessi con le dinamiche della percolazione dell acqua apportata da piogge ed irrigazioni al tappeto erboso, sono i risultati avuti con la misurazione delle asportazioni dei macroelementi N e K (il fosforo non è stato ancora analizzato) dovute all azione lisciviante delle acque di percolazione. Le quantità di azoto e potassio lisciviate dalle acque di drenaggio per percolazione sono risultate estremamente basse durante tutta la stagione vegetativa, determinando percentuali di lisciviazione di N e K rispettivamente dello 0,06 e dello 0,10%. Per quanto i risultati di questo primo anno di sperimentazione siano parziali e debbano essere valutati in considerazione dello sviluppo vegetativo dei tappeti erbosi per lo più occupato dalle fasi di impianto e progressiva copertura del terreno, essi evidenziano impatti ambientali delle acque di percolazione minimi o nulli relativamente alla perdita di macroelementi della nutrizione minerale da parte di tappeti erbosi di essenze macroterme. Questo è stato anche causato molto probabilmente dalla estrema aridità della stagione vegetativa, per cui l acqua apportata tramite irrigazione è stata tutta consumata dalle piante o immagazzinata nel terreno e si sono registrati pochissimi eventi meteorici di intensità tale da far drenare acqua nei pozzetti di raccolta. 6

Forum Tappeti Erbosi nello sport

Forum Tappeti Erbosi nello sport Forum Tappeti Erbosi nello sport Le più aggiornate tecniche di manutenzione del tappeto erboso a cura di Paolo Croce 30 ottobre 2015 Casalunga Golf Resort Paolo Croce La manutenzione del tappeto erboso

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

Mastergreen per i professionisti

Mastergreen per i professionisti Mastergreen per i professionisti Linea caratterizzata da una vasta gamma di prodotti destinati ad un cliente esigente e preparato. Si articola in miscugli di sementi unicamente di provenienza americana,

Dettagli

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Pinna Massimo ( ) -Gamba Ursula ( ) -Spagnolo Sandra ( ) ( ) CRAB-Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica della Provincia

Dettagli

Catalogo. Tappeti Erbosi. Padana Sementi Elette

Catalogo. Tappeti Erbosi. Padana Sementi Elette Catalogo Tappeti Erbosi Padana Sementi Elette Natural Garden pag. 4 Natural Garden Sud 5 Top Green 6 Brillante 6 Prestige 6 Unirustic Plus 7 Sporting 7 Special Green 8 Prato Americano 8 Fast 9 Rigenervit

Dettagli

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO CAPITOLO DELLE NORME GENERALI Scelta dell'ambiente di coltivazione e vocazionalità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

Lo specialistà dei prati

Lo specialistà dei prati Lo specialistà dei prati 13 13 13 15 16 17 19 23 24 25 26 27 28 29 29 30 14 Introduzione L erba del vicino è sempre più verde. E proprio vero? Blumen ha pensato di sfatare questo detto. Realizzare un bellissimo

Dettagli

IL PRATO. Un morbido e verde prato ha alle spalle un grande lavoro che richiede professionalità e l utilizzo di materie prime di qualità.

IL PRATO. Un morbido e verde prato ha alle spalle un grande lavoro che richiede professionalità e l utilizzo di materie prime di qualità. IL PRATO Un morbido e verde prato ha alle spalle un grande lavoro che richiede professionalità e l utilizzo di materie prime di qualità. La realizzazione di un morbido e verde prato è caratterizzata da

Dettagli

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II AZIENDA AGRARIA TORRE LAMA Via G. Fortunato, 3 84092 BELLIZZI ITALY Tel/Fax.: +39 089 51110 Convenzione tra Pastificio Lucio Garofalo e Azienda Torre Lama Aspetti

Dettagli

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale)

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

PRATO FIORITO. Espositore 30 buste (5x6 varietà)

PRATO FIORITO. Espositore 30 buste (5x6 varietà) TAPPETI ERBOSI LINEA PROFESSIONALE E un miscuglio di sementi per tappeti erbosi ottenuto da varietà professionali con la caratteristica di essere resistente alle diverse tipologie di terreno e condizioni

Dettagli

L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE

L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE Dr.Agr. Paolo Bortolami ARPAV Settore per la Prevenzione e la Comunicazione Ambientale Servizio valutazioni ambientali e degli

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI.

ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI. ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI. Pagina1 LA PRIMA FASE: LA SEMINA E LA PRIMA CONCIMAZIONE La differenza tra le cariossidi

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

PREPARAZIONE DEL SITO

PREPARAZIONE DEL SITO Pur essendo un lavoro che richiede molta cura, la realizzazione di un buon prato è alla portata anche di chi, per hobby, si dedica con passione al giardinaggio. Al giardiniere fai da te sono necessarie

Dettagli

ARPA Umbria, Faber s.r.l. Tecnologie Avanzate per l Ambiente di Napoli, Vekos s.r.l. di Vicenza.

ARPA Umbria, Faber s.r.l. Tecnologie Avanzate per l Ambiente di Napoli, Vekos s.r.l. di Vicenza. INTRODUZIONE > Molti degli usi dell acqua non sono struttivi della stessa ma soltanto moficativi delle sue caratteristiche fisiche, chimiche e microbiologiche e, pertanto, a valle tali usi si producono

Dettagli

L'INTERAZIONE PENDIO ATMOSFERA: PIANTE ERBACEE A RADICAZIONE PROFONDA PER LA PROTEZIONE DEI VERSANTI IN CASO DI FENOMENI METEOROLOGICI INTENSI.

L'INTERAZIONE PENDIO ATMOSFERA: PIANTE ERBACEE A RADICAZIONE PROFONDA PER LA PROTEZIONE DEI VERSANTI IN CASO DI FENOMENI METEOROLOGICI INTENSI. L'INTERAZIONE PENDIO ATMOSFERA: PIANTE ERBACEE A RADICAZIONE PROFONDA PER LA PROTEZIONE DEI VERSANTI IN CASO DI FENOMENI METEOROLOGICI INTENSI. I cambiamenti climatici, con piogge sempre più intense e

Dettagli

Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm

Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm Posizione di impianto Queste consociazioni sono da posizionare in ombra luminosa. Per ombra luminosa intendiamo un luogo dove il sole

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura 1 Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi

Dettagli

Acquisti.Benza.it. I CONSIGLI DEL NOSTRO AGRONOMO, il Dott. Enrico Leva: ORTO

Acquisti.Benza.it. I CONSIGLI DEL NOSTRO AGRONOMO, il Dott. Enrico Leva: ORTO 1 di 5 13/07/2013 15.22 Oggetto: [Benza.it] I consigli dell'agronomo, speciale Prati Mittente: "Newsletter Benza.it" Data: 12/03/2013 20.41 A: mastrobenza@gmail.com Acquisti.Benza.it

Dettagli

Linee guida generali per una manutenzione ecocompatibile dei percorsi di golf italiani

Linee guida generali per una manutenzione ecocompatibile dei percorsi di golf italiani Linee guida generali per una manutenzione ecocompatibile dei percorsi di golf italiani Introduzione A cura della Sezione Tappeti Erbosi della Scuola Nazionale di Golf e del Gruppo di lavoro: Golf e Ambiente

Dettagli

Guida alla concimazione

Guida alla concimazione Guida alla concimazione OLIVO 1 PREMESSA La Guida alla Concimazione, di breve e semplice consultazione, scientificamente corretta, non vuole essere un strumento esaustivo per tutti i casi verificabili

Dettagli

TURF & ornamentals. Diario del manutentore

TURF & ornamentals. Diario del manutentore VALAGRO TURF & ornamentals Diario del manutentore Il tappeto erboso è l associazione più o meno stabile di piante appartenenti alla famiglia delle Graminacee con portamento rizomatoso cespitoso o stolonifero

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

Pro e contro dell irrigazione del mais con ala gocciolante

Pro e contro dell irrigazione del mais con ala gocciolante PROVE SVOLTE A FERRARA NEL 2015 Pro e contro dell irrigazione del mais con ala gocciolante di Fabio Galli, Alessandro Zago, Andrea Biondi stagionale degli ultimi anni, molto spesso caratterizzato da estati

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico Realizzazione e gestione Quando si progetta e realizza un area verde, non si può prescindere da quella che sarà la sua gestione. Una manutenzione inadeguata infatti, porta inevitabilmente al degrado dell

Dettagli

GIARDINO. Seminare un. tappeto erboso

GIARDINO. Seminare un. tappeto erboso GIARDINO Seminare un tappeto erboso 05 1 Gli attrezzi POLVERIZZATORE RASTRELLO TOSAERBA SUOLE PER AERARE RASTRELLO SCARIFICATORI TAGLIABORDI RASTRELLI CONCIMATRICE DISTRIBUTORE DI SEMI MANUALE RULLO MOTOZAPPA

Dettagli

ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto

ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto a cura di Giuseppe Pia, Renzo Peretto, Luigi Petillo. Cos è la subirrigazione a goccia. La subirrigazione a goccia, altrimenti

Dettagli

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI PRESEMINATO è il biotessile preseminato, interamente biodegradabile, contenente sementi di prima qualità, fornito in rotoli, che consente la realizzazione di inerbimenti in varie situazioni a seguito della

Dettagli

EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA. Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia

EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA. Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA Relazione del dr. Giorgio Gazzotti, agronomo Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia Dati rilevati in campo sull efficienza

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO

UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO FERTILIZZAZIONE CON DIGESTATO UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO Manuela Rancati Matteo Piombino Pioneer Hi-Bred Italia. Quando si parla di digestione

Dettagli

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PSR CAMPANIA 2007/2013 MISURA 124 ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO www.consulenzairrigua.it PROGETTO REALIZZATO

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione delle colture ortive di pieno campo

CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione delle colture ortive di pieno campo Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Conferenza delle regioni e delle provincie Autonome Regione Siciliana Assessorato Agricoltura e Foreste CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

GRAMINACEE FORAGGERE

GRAMINACEE FORAGGERE GRAMINACEE FORAGGERE CARATTERISTICHE BOTANICHE Radici: fascicolate, non molto profonde, che si rinnovano annualmente. Culmi: costituiti da nodi e internodi; intenso accestimento; in alcune specie fungono

Dettagli

L INFORMATORE AGRARIO SPECIALE

L INFORMATORE AGRARIO SPECIALE L INFORMATORE AGRARIO Considerando le sempre maggiori carenze idriche, il Crpa ha messo a confronto due tecniche irrigue del prato stabile: aspersione e scorrimento. I risultati non evidenziano significative

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT)

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT) colture energetiche colza Confronto varietale 21 Negli ultimi anni in Italia e in Veneto si è osservata una progressiva diffusione della coltivazione di colza. A livello nazionale, infatti, le superfici

Dettagli

Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui

Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui Docente: Ing. Demetrio Antonio Zema Lezione n. 11: Generalità sugli impianti irrigui Anno Accademico 2011-2012 2012 1 Metodi irrigui 2 Metodi irrigui Modalità

Dettagli

EFFETTI INDOTTI DAI CONCIMI ORGANICI GUANITO E PHENIX SULLO SVILUPPO DELLA RUCOLA (ERUCA SATIVA) IN AMBIENTE PROTETTO, CON PARTICOLARE ATTENZIONE

EFFETTI INDOTTI DAI CONCIMI ORGANICI GUANITO E PHENIX SULLO SVILUPPO DELLA RUCOLA (ERUCA SATIVA) IN AMBIENTE PROTETTO, CON PARTICOLARE ATTENZIONE EFFETTI INDOTTI DAI CONCIMI ORGANICI GUANITO E PHENIX SULLO SVILUPPO DELLA RUCOLA (ERUCA SATIVA) IN AMBIENTE PROTETTO, CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA SALINITA DEL TERRENO OBIETTIVO DELLA PROVA Valutazione

Dettagli

ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE

ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE ASPETTI GENERALI Si fa riferimento a quanto riportato nel documento Principi e criteri generali per le pratiche agronomiche della produzione

Dettagli

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Ricerca Finanziata dalla Regione Piemonte Carlo Ferrero, Andrea Pilati - Capac Soc, Coop. Agr. Roberta Pons - Cooperativa Agrovalli S. C. Nel 2012, nonostante

Dettagli

Miscugli di specie selvatiche perenni. Lungo periodo di fioritura. Macchie di vari colori o monocromatiche. Grande capacità di colonizzazione

Miscugli di specie selvatiche perenni. Lungo periodo di fioritura. Macchie di vari colori o monocromatiche. Grande capacità di colonizzazione Miscugli di specie selvatiche perenni Lungo periodo di fioritura Macchie di vari colori o monocromatiche Grande capacità di colonizzazione Informazioni tecniche Il dosaggio e la scelta delle specie vegetali

Dettagli

CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010. Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte

CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010. Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010 Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte OBIETTIVI Ottenimento di risultati produttivi, agronomici e di qualità dei prodotti, in areali piemontesi rappresentativi

Dettagli

L argilla assorbe elementi nutritivi e li cede lentamente alle piante - si evita un sovradosaggio di concimazione

L argilla assorbe elementi nutritivi e li cede lentamente alle piante - si evita un sovradosaggio di concimazione TERRICCI FRUX Prodotti con garanzia di successo per la buona qualità dell argilla. I terricci Frux sono prodotti di qualità, per la presenza di pregiate materi prime quali argilla montmorillonitica dei

Dettagli

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE Cipolla La sensibilità della cipolla nei confronti della disponibilità di acqua è notevole. Ciò è determinato dall apparato radicale che tende

Dettagli

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 TECNOZOO, AL FIANCO DEGLI ALLEVATORI DAL SEME AL PRODOTTO FINITO! SOMMARIO SORGO IBRIDO DA SFALCIO KARIM Pag 4 SORGO GENTILE

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

Isole ad alto gradimento

Isole ad alto gradimento GESTIONE CONSOCIAZIONE DI MICRO E MACROTERME Isole ad alto gradimento Un morbido tappeto erboso a ridosso del lago è molto gradito dai fruitori della spiaggia di Riva del Garda (TN). Dalla ghiaia al prato,

Dettagli

La coltivazione del pomodoro da

La coltivazione del pomodoro da UNA FORMA CHE TA RICUOTENDO UN BUON UCCEO COMMERCIALE celta delle varietà di pomodoro Cuor di Bue Alcune prove in Piemonte hanno messo a confronto qualità e produzioni dei nuovi ibridi della tipologia

Dettagli

NITRATI: RICERCA & APPLICAZIONE

NITRATI: RICERCA & APPLICAZIONE LA DIRETTIVA NITRATI: RICERCA & APPLICAZIONE NELLA PROVINCIA DI FERRARA La fertilizzazione azotata nei diversi terreni della provincia di Ferrara è un argomento complesso la cui trattazione tt spazia dalla

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati 4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati DBC 2009 19 Preparazione dei campioni Parametro da analizzare (elemento nutritivo o caratteristica del suolo) Mezzo / metodo d estrazione Rapporto tra

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

Copyright www.ilgiardinodelgiardinaggio.com IL TUO PRATO PERFETTO. Guida completa per la realizzazione. di Andrea Malagoli

Copyright www.ilgiardinodelgiardinaggio.com IL TUO PRATO PERFETTO. Guida completa per la realizzazione. di Andrea Malagoli IL TUO PRATO PERFETTO Guida completa per la realizzazione 1 di Andrea Malagoli 2 INDICE Preparazione del terreno.. 4 Il terreno. 11 Terreni argillosi....20 Terreni sabbiosi...21 Le lavorazioni del terreno....21

Dettagli

Studio di Ingegneria e Consulenza 01P. Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Studio di Ingegneria e Consulenza 01P. Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Studio di Ingegneria e Consulenza 01P COMUNE DI SONDRIO PROVINCIA DI SONDRIO Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA SOMMARIO PREMESSA... 3 IRRIGAZIONE DI SUPERFICI SPORTIVE...

Dettagli

Soia. (Glicine max (L.) Merr.)

Soia. (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) La soia è la più importante fonte vegetale di olio e di proteine per uso alimentare a livello mondiale In Italia la coltura della soia oggi è

Dettagli

Allestimento di una rete di monitoraggio per il rilascio dei nutrienti nei suoli agricoli

Allestimento di una rete di monitoraggio per il rilascio dei nutrienti nei suoli agricoli Allestimento di una rete di monitoraggio per il rilascio dei nutrienti nei suoli agricoli Milano 24 Novembre 2009 - Il comportamento di nitrati e fitofarmaci nel suolo Lorenzo Bassi ERAF - Dipartimento

Dettagli

Sito sperimentale per la ricerca e

Sito sperimentale per la ricerca e Sito sperimentale per la ricerca e dimostrazione sui benefici ambientali del verde pensile in area urbana Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi

Dettagli

Il prato cenni generali

Il prato cenni generali Il prato cenni generali Per ottenere uno splendido tappeto erboso in estate, bisogna cominciare e curarlo già all inizio della primavera. Appena possibile, bisognerà cominciare con la rastrellatura delle

Dettagli

Opere di consolidamento LÖFFELSTEIN

Opere di consolidamento LÖFFELSTEIN Scheda Prodotto: Data ultimo agg.: 23 agosto 2006 Opere di consolidamento LÖFFELSTEIN Classificazione 06 Elementi scarpate e muri sostegno 06.500 Elementi per scarpate 06.500.23 Löffelstein Indice scheda

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

Tecnica colturale della soia

Tecnica colturale della soia Tecnica colturale della soia Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Impianto 1 2 Fertilizzazione 2 3 Cure colturali 2 1 Impianto Scelta varietale 1. Le

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Attività generali le finalità del centro saranno perseguite mediante le seguenti

Dettagli

In uno scenario di aumento dei costi

In uno scenario di aumento dei costi analisi dei costi di esercizio Come scegliere il rotolone più adatto alle proprie esigenze di Giuseppe Taglioli, Giulia Villani, Matteo Boscarato In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

Dettagli

Irrigazione a goccia e fertirrigazione delle colture estensive

Irrigazione a goccia e fertirrigazione delle colture estensive Irrigazione a goccia e fertirrigazione delle colture estensive Schema di un moderno impianto di fertirrigazione a goccia Arpa Speciali è una azienda fortemente coinvolta da molti anni nel Mercato dei fertilizzanti

Dettagli

ALLEGATO 3 RELAZIONE SULLO STUDIO PEDOLOGICO PER L AZIENDA AGRICOLA MANENTI. a cura della dott.ssa SILVIA CHERSICH

ALLEGATO 3 RELAZIONE SULLO STUDIO PEDOLOGICO PER L AZIENDA AGRICOLA MANENTI. a cura della dott.ssa SILVIA CHERSICH ALLEGATO 3 RELAZIONE SULLO STUDIO PEDOLOGICO PER L AZIENDA AGRICOLA MANENTI a cura della dott.ssa SILVIA CHERSICH 2.1 - OBIETTIVI DELLA RICERCA Si sono volute studiare, in via preliminare, le caratteristiche

Dettagli

Lombriasco, 27 marzo 2015 Convegno Finale Progetto Life+ UNIZEO

Lombriasco, 27 marzo 2015 Convegno Finale Progetto Life+ UNIZEO Life + UNIZEO: Progettazione delle prove agronomiche e risultati della sperimentazione S. Monaco, N. Sanino, C. Grignani Università di Torino - Dip. Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari Lombriasco,

Dettagli

AZIENDA SPERIMENTALE Vittorio Tadini Loc. Gariga - 29027 Podenzano Piacenza

AZIENDA SPERIMENTALE Vittorio Tadini Loc. Gariga - 29027 Podenzano Piacenza AZIENDA SPERIMENTALE Vittorio Tadini Loc. Gariga - 29027 Podenzano Piacenza CONFRONTO TRA DIVERSI SISTEMI IRRIGUI SU POMODORO DA INDUSTRIA ANNO 2006 Questa attività promossa dall Azienda Sperimentale V.

Dettagli

Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio

Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio La definizione della struttura della rete di monitoraggio (numero e tipo di sensori e loro localizzazione spaziale) dipende dall estensione e dalle caratteristiche

Dettagli

Il verde pensile nel clima mediterraneo. Tecniche di irrigazione riuso e criticità. arch. Sonia Pecchioli

Il verde pensile nel clima mediterraneo. Tecniche di irrigazione riuso e criticità. arch. Sonia Pecchioli Il verde pensile nel clima mediterraneo Tecniche di irrigazione riuso e criticità arch. Sonia Pecchioli A cosa serve un impianto di irrigazione? Scopo dell irrigazione è somministrare il quantitativo d

Dettagli

Un analisi dell uso dell acqua nel vivaismo ornamentale e possibili strategie per una maggiore efficienza dell irrigazione e della fertilizzazione

Un analisi dell uso dell acqua nel vivaismo ornamentale e possibili strategie per una maggiore efficienza dell irrigazione e della fertilizzazione Seminario tecnico La razionalizzazione dell irrigazione e della fertilizzazione nel settore vivaisttico Ce. Spe. Vi., 5 giugno 2008 Un analisi dell uso dell acqua nel vivaismo ornamentale e possibili strategie

Dettagli

AMPLIARE L USO DEI REFLUI ZOOTECNICI E POSSIBILE E CONVENIENTE

AMPLIARE L USO DEI REFLUI ZOOTECNICI E POSSIBILE E CONVENIENTE Monica Bassanino Direzione Agricoltura, Settore Sviluppo Agroindustriale Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte AMPLIARE L USO DEI REFLUI ZOOTECNICI E POSSIBILE E CONVENIENTE Al progetto di ricerca,

Dettagli

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE L applicazione realizzata si propone la stima dei consumi idrici delle colture attraverso l integrazioni di più moduli

Dettagli

IRRIGAZIONE. Diffusione di portinnesti deboli, Infittimento sesti d impianto, Nuove tecniche irrigue

IRRIGAZIONE. Diffusione di portinnesti deboli, Infittimento sesti d impianto, Nuove tecniche irrigue IRRIGAZIONE Nei nuovi impianti fin dall inizio si installa l impianto d irrigazione. In passato l irrigazione era riservata agli agrumi e specie coltivate in zone siccitose. Motivi dello sviluppo dell

Dettagli

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Perché risparmiare acqua in agricoltura? Non è un bene infinito Riduzione riserva terrestre acqua dolce Scioglimento dei ghiacci competizione utilizzatori (aumento

Dettagli

Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40

Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40 giunta regionale Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40 PSR - REGIONE DEL VENETO. MISURA 214/i AZIONE 3 (alternativa 1, 2 e 2bis) PER GLI IMPEGNI DI Riduzione del 25% dei volumi irrigui per

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE Geoplast www.geoplast.it Ciclo naturale dell acqua La gestione delle acque meteoriche è importante al fine di ripristinare il naturale ciclo dell

Dettagli

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO SOLUZIONI PROFESSIONALI PER LA GESTIONE DEL PRATO MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO Marciume Rosa Invernale (Microdochium nivale) Malattia tipica della stagione invernale SINTOMI Si manifesta al principio con

Dettagli

RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO DELLE SERRE PROPOSTE PER AUMENTARE L EFFICIENZA E RIDURRE I COSTI

RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO DELLE SERRE PROPOSTE PER AUMENTARE L EFFICIENZA E RIDURRE I COSTI RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO DELLE SERRE PROPOSTE PER AUMENTARE L EFFICIENZA E RIDURRE I COSTI I sistemi di riscaldamento sono numerosi e si sono evoluti in relazione a: costo dell energia (fonti fossili

Dettagli

INTERVENTI ESEGUITI CON CARATTERE DI URGENZA PRESSO AREA DISCARICA LOC. VALLENONCELLO PORDENONE (PN)

INTERVENTI ESEGUITI CON CARATTERE DI URGENZA PRESSO AREA DISCARICA LOC. VALLENONCELLO PORDENONE (PN) INTERVENTI ESEGUITI CON CARATTERE DI URGENZA PRESSO AREA DISCARICA LOC. VALLENONCELLO PORDENONE (PN) Premessa: Nel periodo compreso fra la seconda metà di dicembre 2013 e la prima di febbraio 2014, sul

Dettagli

PRESIDENZA COMUNICATO

PRESIDENZA COMUNICATO COMUNICATO POR FESR 2007-2013 Linea di attività 4.1.5.a Azioni volte al risparmio idrico attraverso il riutilizzo delle acque reflue depurate - Indirizzi per la predisposizione del Piano di Monitoraggio

Dettagli

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione Introduzione Megna A. Spada V. Manzini V. A.D.M. srl Agricultural Data Management Via Cairoli, 71 97100 RAGUSA (RG) Italy info@agronix.com adm@adm.it

Dettagli

Scopo della concimazione è

Scopo della concimazione è PECIALE S DOSI, TIPOLOGIE DI CONCIMI E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE La concimazione azotata ideale dipende dall obiettivo produttivo È solo dopo aver definito quantità e qualità della produzione da ottenere

Dettagli

INVARIANZA IDRAULICA E RISPARMIO IDRICO Relazione tecnica

INVARIANZA IDRAULICA E RISPARMIO IDRICO Relazione tecnica ALLEGATO N. A 12 Oggetto: Proposta di Piano Urbanistico Attuativo SCHEDA A20 A03 PROPOSTA DI ACCORDO ART. 18 L.R. 2072000 FONDAZIONE FORNINO VALMORI ONLUS PER LA REALIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA SOCIO- ASSISTENZIALE

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

Piccolo giardino Cosa fare e cosa non fare Senza complicarsi la vita

Piccolo giardino Cosa fare e cosa non fare Senza complicarsi la vita Piccolo giardino Cosa fare e cosa non fare Senza complicarsi la vita Per fare un piccolo giardino bastano anche dimensioni ridottissime, come può essere con un contenitore di medie dimensioni, dove vengono

Dettagli

PRIN 2002. UO Padova Dip. Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali Reponsabile Prof. G. Prosdocimi Gianquinto

PRIN 2002. UO Padova Dip. Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali Reponsabile Prof. G. Prosdocimi Gianquinto PRIN 22 Monitoraggio e valutazione agro-ambientale dell'attività orticola nel Veneto e possibilità di contenimento dell'impatto ambientale mediante sistemi di ottimizzazione della concimazione azotata

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 10 Pagamenti agro climatico ambientali Sottomisura 10.1 Pagamenti per impegni agro climatico ambientali Tipo di operazione 10.1.2 Miglioramento della gestione

Dettagli

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE Sezione 1 Strutture, attrezzature e strumenti a disposizione degli studenti MODULO 1 L azienda agraria dell Istituto 12 1.1 La visita aziendale

Dettagli