Attento alla tua Azienda

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attento alla tua Azienda"

Transcript

1 Attento alla tua Azienda Tutto quello che devi sapere per gestire al meglio la tua Edicola e per recuperare redditività SNAG CONFCOMMERCIO Via San Vito, 24 - Milano

2 PREFAZIONE Lo Snag Confcommercio (Sindacato Nazionale Autonomo Giornalai) perseguendo lo scopo di fornire sempre maggiori e dettagliate informazioni a tutta la categoria, e in ragione dell inserimento nel settore di nuovi colleghi o di naturali cambi generazionali, ha ritenuto utile predisporre un piccolo manuale, di comode dimensioni per una rapida consultazione, contenente una serie di delucidazioni, o se si preferisce chiarimenti, utilizzando un linguaggio edicolese con lo scopo di aiutare tutti gli interessati a capire meglio, ma soprattutto a usare, le normative contenute nell Accordo Nazionale e delle sue estensioni. L Accordo Nazionale è l unico documento che norma e regola il rapporto di lavoro tra Editore, Distributore e rete di vendita. L ultimo Accordo Nazionale è stato sottoscritto nel 1994 tra Fieg (Federazione Italiana Editori Giornali), Snag-Confcommercio, Fenagi-Confesercenti, Sinagi aff. Slc-Cgil, Cisl- Giornalai, Uiltucs-Giornalai, scaduto nel 1999 e prorogato in quanto, in quel periodo, era in discussione la modifica della Legge sull Editoria n. 416/1981 che prevedeva una fase di sperimentazione sul nostro territorio, inerente la vendita di quotidiani e periodici in esercizi diversi dalle tradizionali edicole. Oggi la Legge 416/1981 è stata sostituita con la Legge sull Editoria n. 170/2001 e questo, di fatto, consente alle parti sopra indicate (per quanto riguarda la componente sindacale si è aggiunto l Usiagi-Ugl e per quanto riguarda i distributori locali si è aggiunta l Anadis - Associazione Nazionale Distributori Stampa) di riaprire il confronto per il rinnovo dell Accordo Nazionale stesso.

3 L Accordo nuovo dovrà prevedere normative più idonee al tipo di prodotto oggi sul mercato ma, potete star certi, che tutto ciò che è contenuto in questo piccolo manuale sarà previsto anche nel nuovo testo, con nuove e migliori condizioni di lavoro per i rivenditori. Non abbiamo la presunzione che questo piccolo manuale risolva i mille difficili problemi che esistono nel gestire un prodotto che ha molteplici caratteristiche ed esigenze e che giornalmente coinvolge circa punti vendita, più tutti i distributori Locali, più tutti i Distributori Nazionali, più tutte le Aziende Editoriali. Il prodotto che noi tutti trattiamo è un prodotto talmente fresco e di veloce rotazione che obbliga tutti a un sempre maggiore impegno e a una migliore professionalità. Se, poi, si tiene in considerazione il numero delle testate che si editano nel nostro paese, la quantità di testate che si distribuiscono e ridistribuiscono, e che si riridistribuiscono (per la verità alcune inutili e in molti casi dannose al sistema) più il numero di copie per testate, si può immaginare che questa mole di prodotto, che arriva, si vende e si rende, può creare tensione tra i componenti della filiera (Editore, Distributore, Rivenditore) soprattutto se non ci sono regole chiare, se queste non si conoscono e se queste non si applicano. Lo scopo di questo piccolo stampato è quello di illustrare, in modo chiaro e semplice, alcune normative oggi in essere che regolano il nostro settore e che, se rispettate, possono in parte stemperare questa tensione aiutando ognuno a gestire meglio la propria azienda. Qualcuno di voi, leggendo questa prefazione, starà pensando quanto è difficile ottenere il rispetto delle normative esposte. Ed ha ragione.

4 Una strada che aiuta molto al rispetto e all applicazione delle normative è quella dell unità di categoria, i colleghi devono imparare a parlarsi e, ritrovandosi tra di loro, a non ignorarsi a vicenda o vedersi concorrenti, in quanto facciamo tutti parte di un comparto che, se unito e affiatato, otterrà sempre di più. Il solista, quasi sempre, in questo settore come in altri settori del commercio, è perdente in quanto vulnerabile. L associazionismo a qualunque sigla sindacale è, e rimane, un punto di riferimento e di forza e un grande segnale di esserci per la controparte. Tenete presente che i Sindacati Nazionali hanno il preciso compito, e il dovere, di trattare e concordare normative di carattere generale con gli editori, che si sposino con le esigenze e le peculiarità di tutto il nostro paese; sono poi le strutture locali che con la loro capacità, forza e unità devono essere in grado di vigilare e pretendere che gli accordi siano applicati e rispettati nelle loro aree di competenza. Dove non esistono strutture sindacali locali, anche in prospettiva, riteniamo utile consigliare di unirvi e di costituirvi in un gruppo che sia poi riconosciuto dalle istituzioni, dagli enti territoriali, dai distributori, dagli editori, aderendo a qualunque sigla sindacale si preferisca o si ritenga essa operi secondo le proprie preferenze o pensiero, purché questa sia riconosciuta a livello nazionale. Sta a voi trovare gli uomini che vi rappresentano, ma il sindacato a difesa dei propri interessi si fa sul proprio territorio e anche nei confronti dei vostri fornitori giornalieri (vedi distributori locali), i quali possono essere più o meno bravi, più o meno precisi più o meno attenti alle singole esigenze.

5 Solo così si potranno avere maggiori possibilità di essere ascoltati e si potrà pretendere di vedere risolti quotidianamente i propri problemi. Lo Snag Confcommercio ha proprie rappresentanze sparse in tutto il territorio nazionale anche in collaborazione con le Ascom (Associazione Commercianti) locali e da sempre è impegnato nella tutela degli interessi della categoria. Lo Snag Confcommercio ringrazia la redazione e i collaboratori di Azienda Edicola per l impegno profuso nella realizzazione di questo piccolo volume e si augura che da un attenta lettura il collega e amico edicolante ne tragga un minimo di aiuto. Nella speranza di avere usato chiarezza, che non esclude la possibilità di avere commesso errori, auguriamo buona lettura.

6 SAPEVI CHE. se ti viene fornito un periodico e questo non ti viene messo in conto al momento dell arrivo di fatto ti viene inviato in conto deposito. Tutto il prodotto che ti arriva in edicola in conto deposito deve permanere nella tua rivendita 60/65 giorni, non di più. Dopo 60/65 giorni dal ricevimento, questo prodotto deve esserti messo in conto sulla bolla d arrivo del giorno della sua scadenza e contestualmente richiamato in resa. Nel caso di prodotto inviato alle edicole in conto deposito è bene tenere presente che nessun prodotto, per nessun motivo, può rimanere nella vostra rivendita oltre i 60/65 giorni previsti dall Accordo Nazionale. Qualora ti venisse comunicato che, per qualunque motivo l Editore ha deciso di prolungare la permanenza del proprio prodotto in edicola, sappi che è una prevaricazione o una forzatura. Sappiamo che molti prodotti quali: calendari, agende, diari ecc.. non vengono richiamati in resa alla loro scadenza naturale (60/65 giorni) e a questi NON RICHIAMI vengono date spiegazioni quali: disposizioni dell Editore, scelte editoriali, deve rimanere in vendita perché perché perché, sono tutte spiegazioni o motivazioni che non hanno nessun riscontro concordato. Da questa normativa sono escluse solo le pubblicazioni che fanno riferimento a servizi pubblici che saranno richiamate all uscita del numero successivo (esempio: orari ferroviari).

7 SAPEVI CHE.. se ti viene fatto pagare, dal tuo distributore un periodico al momento dell arrivo questo prodotto, non deve e non può, rimanere nella tua edicola più di 30/35 giorni anche se in copertina viene riportata una periodicità superiore? In pratica se il tuo distributore ti fa pagare un periodico, conteggiandolo in bolla d arrivo della giornata, questo prodotto indipendentemente dalla periodicità eventualmente riportata sul giornale, NON deve rimanere nella tua edicola più di 30/35 giorni. Se il distributore locale, per errore, per negligenza o per cattiva volontà, non richiama il prodotto in questione nei tempi sopra indicati, anche in assenza dell uscita del numero seguente, di fatto si autorizza il rivenditore a forzare la resa scrivendo e conteggiando in fondo bolla la testata e le copie in questione. Ricordati bene, un periodico che si paga subito al momento dell arrivo, può rimanere in vendita solo 30/35 giorni anche a seguito di segnalazioni o comunicati con indicazioni diverse che possano apparire sia sulla bolla d arrivo, che per circolare o per lettera.

8 SAPEVI CHE. l inserto che devi compiegare o abbinare al quotidiano di riferimento ti dà diritto a un compenso di 0,0031 per ogni inserto e a copia venduta nel caso quest abbinamento comporti un aumento del prezzo abituale di vendita dello stesso quotidiano. La normativa prevede 0,0155 (vecchie 30 lire) per ogni copia di inserto, senza prezzo di vendita autonomo, abbinato al quotidiano. Esempio A: per un quotidiano con prezzo di vendita al pubblico a 0,90, all edicolante deve essere riconosciuto 0,0155 per ogni inserto previsto in quella giornata che non abbia un prezzo di vendita autonomo. Lo sconto deve essere fatto in bolla d arrivo sul prezzo di cessione del quotidiano. Esempio B: per un quotidiano con prezzo di vendita al pubblico superiore a 0,90 (vedi Repubblica + Venerdì, oppure Corsera + Io Donna) all edicolante deve essere riconosciuto 0,0031 (vecchie 6 lire) per ogni copia venduta. Lo sconto deve essere fatto in bolla d arrivo sul prezzo di cessione del supplemento da abbinare al quotidiano. Esempio C: per un quotidiano abbinato a libro, cd, dvd o quant altro 0,0031 (vecchie 6 lire). Lo sconto deve essere fatto in bolla d arrivo sul prodotto allegato o abbinato al quotidiano.

9 SAPEVI CHE..l estratto conto settimanale che ti invia il Distributore Locale non può comprendere, nella somma da pagare nient altro che il fornito e il reso delle pubblicazioni quotidiane e periodiche. L estratto conto settimanale che ricevi dal tuo distributore deve contenere sette giorni di merce fornita e sette giorni di merce resa inerente alle sole pubblicazioni periodiche. L estratto conto editoriale non deve contenere nessun altra somma di merce fornita o richiami di bolle o fatture riferenti ad altri prodotti forniti dal distributore locale (es.: schede telefoniche, fatture di prodotti con Iva, biglietti delle lotterie, libri, piantine o altro ). La commistione o il richiamo sull estratto conto settimanale tra la fornitura di prodotti periodici e altri prodotti, di qualunque natura, può avvenire SOLO con il tuo consenso che dovrai comunicare al tuo distributore.

10 SAPEVI CHE è un tuo diritto richiedere, una volta al mese, il tabulato delle pubblicazioni che ti ha inviato il tuo distributore locale in conto deposito giacenti presso la tua edicola? Il tabulato deve essere nominativo e contenere il fornito del tuo punto vendita. Deve riportare il titolo delle testate che ti sono state inviate, il numero delle copie che ai ricevuto, il prezzo di copertina e il prezzo di cessione di ogni pubblicazione, la data dell invio e la data in cui la pubblicazione verrà chiamata in resa. Questo ti risulterà molto utile per controllare il periodo di permanenza delle pubblicazioni presso la tue edicola, che non deve superare i 60/65 giorni, così come ti risulterà utile per conoscere l ammontare del conto deposito giacente nel tuo esercizio ma soprattutto individuare se una pubblicazione è già stata richiamata in resa o se sta per scadere.

11 SAPEVI CHE. i buoni sconto devono essere richiamati in resa dal tuo distributore locale con decadenza settimanale? (Accordo Nazionale - Articolo 9 ultimo capoverso) I buoni sconto che ritiri dai clienti a fronte di promozioni editoriali debbono essere richiamati dal tuo distributore locale settimanalmente.

12 SAPEVI CHE.. nel caso di cessazione di una pubblicazione il distributore deve richiamare la stessa entro 10 giorni dal termine della sua periodicità? Tieni presente che qualora il distributore locale non richiamasse tali pubblicazioni, ai la ha facoltà di inviare immediatamente in resa le copie in questione (ovviamente aggiungendo tali pubblicazioni in bolla resa) - Accordo Nazionale - Articolo 10 penultimo capoverso e meglio chiarito e specificato dalla Commissione art. 5 del 10 dicembre 2003.

13 SAPEVI CHE.. la sospensione della fornitura di quotidiani e periodici, da parte del distributore locale, al punto di vendita non può essere operata in caso di mancato pagamento di addebiti non concordati e non riconducibili alla vendita delle pubblicazioni. Pare inoltre opportuno richiamare il principio in base al quale, in ogni caso di sospensione delle forniture, l editore o per esso l impresa di distribuzione locale deve provvedere al ritiro della resa effettiva relativa alle pubblicazioni consegnate al punto di vendita come previsto dall Accordo Nazionale - Articolo 7 - punto 2.

14 SAPEVI CHE.... si riconosce comunque la facoltà al rivenditore di rendere immediatamente (per immediatamente si intende il giorno successivo al ricevimento) al distributore locale il prodotto editoriale ritenuto invendibile in quanto palesemente deteriorato o danneggiato. Verbale di commissione art. 5 del 7 maggio 1998 punto 3 - penultimo capoverso. Milano sede Fieg.

15 SAPEVI CHE..gli estratti conto che ricevi settimanalmente dalla tua agenzia di distribuzione devono riportare, separatamente in fondo al documento, il totale delle forniture e delle rese tra prodotti Fieg e altri? Esempio: Fornito Fieg 500,00 Reso Fieg 50,00 Fornito altri 300,00 Reso Altri 200,00 Tot. da pagare 550,00 Questo metodo di fatturazione è stato preteso da tutte le Organizzazioni Sindacali, e sottoscritto anche dalla Fieg, con lo scopo di mettere in condizione il rivenditore in condizione di avere un minimo di riscontro sulle proprie forniture e valutare se queste sono bilanciate e proporzionate alle proprie vendite. In pratica il Distributore locale deve porre in essere dei piani di vendita mirati per ogni punto vendita che prevedano un equilibrata fornitura delle pubblicazioni. Certamente l applicazione del piano di vendita mirato su ogni edicola richiede un impegno costante e preciso da parte delle agenzie di distribuzione. Con varie giustificazioni più o meno plausibili e alcune bugie, nella maggior parte dei casi, però, non viene tenuta in considerazione questa normativa, con il risultato che molte rivendite soffrono di pesanti squilibri nelle forniture e preoccupanti squilibri nei propri conti correnti bancari. Il fatto di porre attenzione alle forniture e alle rese riportate in estratto conto, suddivise come sopra evidenziato, dà modo al rivenditore di poter intervenire presso il distributore (è

16 auspicabile un intervento tramite le Organizzazioni Sindacali che operano nell area di riferimento) perché esso bilanci meglio eventuali storture. Proviamo, a migliore chiarezza, a leggere i dati in un ottica di collaborazione tra punto vendita e Agenzia di distribuzione. Se i prodotti forniti Fieg danno un totale di 500,00 euro e le rese degli stessi prodotti Fieg nell arco della distribuzione settimanale sono di 50,00 euro è evidente che una resa del 10%, su questo tipo di prodotto, generalmente ritenuto di maggior vendita e di incasso, fa presumere che la rivendita in questione è sottoservita rischiando molti esauriti. Viceversa, se per il prodotto altri il suo fornito è di 300,00 euro con una resa di 200,00 euro per lo stesso periodo, è facile presupporre che al punto vendita venga inviato materiale eccedente, e di scarsa vendita, in quanto la percentuale di resa è del 67%. In tutte e due i casi è indispensabile intervenire presso il distributore perché provveda a riequilibrare le forniture. Nel primo caso è impensabile lavorare sulla costanza del sottoservito e del rischio esauriti, e nel secondo caso è impensabile movimentare prodotto ad alta percentuale di resa che impegna spazio, tempo e fatica senza un ritorno economico. Tenendo presente che, comunque, il distributore locale DEVE applicare il piano vendita (che in edicolese vuol dire adeguare le forniture) la risoluzione del proporzionale sulle forniture è un buon passo avanti.

17 SAPEVI CHE.. l Accordo Nazionale, tutt ora vigente, proibisce che ti venga richiesto dal distributore locale, qualunque tipo di costo aggiuntivo? Il punto vendita non deve subire e pagare alcun tipo di richiesta avanzata dalle Agenzie di distribuzione che prevedano costi per il rivenditore. Eventuali voci di costi aggiuntivi, riportati o in estratto conto o in bolla d arrivo, sono irregolari, così come sono irregolari contratti fatti sottoscrivere dalle Agenzie di distribuzione che prevedono pagamenti di importi in forma percentualizzata fissando preventivamente il raggiungimento di fatturati.

18 SAPEVI CHE.. la Commissione Nazionale istituita ai sensi dell art. 5 del vigente Accordo Nazionale ha raccomandato, alle Agenzie di Distribuzione, che gli inserti consegnati nella stessa giornata in cui devono essere diffusi vengano assemblati in forma distinta rispetto alle altre pubblicazioni periodiche? Questa raccomandazione è stata sottoscritta anche dai rappresentanti dei distributori locali il 6 febbraio 2001 in sede Fieg a Milano. Non ci risulta, tuttavia, che sia mai stata messa in pratica, eppure ha una sua logica operativa, sia per il rivenditore che non deve tutte le mattine fare una caccia al tesoro tra la merce ricevuta, avendo poco tempo per individuare cosa e a chi và abbinato l inserto, sia per l utente finale che non rischia al mattino presto di allontanarsi dal punto vendita senza l inserto abbinato al suo quotidiano dando poi la colpa al rivenditore di inefficienza.

19 SAPEVI CHE....qualora il distributore locale ti dovesse richiedere delle forme di garanzia, in termini economici, queste possono essere rilasciate SOLO per una durata non superiore agli otto mesi? Se il distributore locale dovesse avanzare una richiesta mirata ad ottenere una forma di garanzia di natura economica, a copertura delle forniture, sappi che questa DEVE essere di natura temporale e non può essere trattenuta dall Agenzia stessa per un periodo superiore agli otto mesi dalla data di rilascio così come non può essere di entità superiore al valore (presunto se non si ha uno storico e l edicola è di nuova attivazione) della somma di tre settimane di fatturato netto. Tutte le forme di garanzia oggi in essere, che non rispettano quanto sopra esposto, vanno restituite all emittente se sono scaduti i termini temporali e adeguate se non rispettano l entità. Ovviamente se il punto vendita risulta costantemente preciso e regolare nei pagamenti.

20 SAPEVI CHE in ragione del fatto che la Legge sull Editoria 170/2001 vieta l esposizione al pubblico del prodotto pornografico e che tale prodotto potrebbe determinare, per il rivenditore, problemi di natura penale, è legittimo ritenere che il rivenditore possa rappresentare al proprio distributore locale il non interesse a detenere tale tipo di prodotto. In pratica se un punto vendita, per le ragioni sopra esposte o perché la propria rivendita è ubicata in una posizione vicino ad asili, scuole, chiese o quant anche questo tipo di prodotto non avesse mercato in quell area o ancora, per una questione morale, il rivenditore non lo volesse trattare, è sufficiente una comunicazione scritta al proprio distributore locale perché quest ultimo azzeri questo tipo di fornitura al punto vendita che ne ha fatto richiesta. Questa procedura è stata ampiamente discussa e condivisa anche dalla Federazione Italiana Editori.

21 SAPEVI CHE....devi rispettare tutte le normative contenute nell Accordo Nazionale comprese le decisioni sottoscritte nell ambito della Commissione art. 5 che hanno valore su tutto il territorio nazionale? Al rispetto delle normative sopra citate si devono attenere tutte le parti della filiera editori, distributori e rivenditori. Questi doveri e diritti delle parti riguardano esclusivamente i prodotti quotidiani e periodici e non i prodotti editoriali in genere. Pertanto, tutto quello che, più o meno forzatamente, ti viene fornito e non risulta essere nè quotidiano nè periodico non sei obbligato a trattenerlo presso il tuo punto vendita. Una pubblicazione quotidiana o periodica è tale se riporta la registrazione presso il Tribunale (completare).

22 SAPEVI CHE.. l orario di apertura al pubblico delle rivendite è regolato dall Accordo Nazionale e non dal Comune o dalle Istituzioni? L orario di apertura al pubblico delle edicole non dovrà essere inferiore alle 12 ore giornaliere dal Lunedì al Sabato ed almeno sino alle ore 13 della Domenica. Le chiusure domenicali potranno essere esercitate con decadenza quattordicinale e fino ad un massimo del 50% delle rivendite, questo al fine di salvaguardare le esigenze di vendita nelle singole zone. Non è consentita la chiusura domenicale nelle località in cui vi è un solo punto vendita ove non avvenga l affidamento integrale di tutte le pubblicazioni ad altro esercizio. In merito agli orari di apertura e chiusura dei punti vendita e in merito alle chiusure domenicali i comuni o chiunque altro non ha facoltà di intervento.

23 SAPEVI CHE..le chiusure estive (ferie) possono essere esercitate sino ad un massimo di 18 giorni consecutivi a cavallo del 16 agosto, fino al limite del 50% delle rivendite esistenti nei vari comuni e nel caso di fruizione delle chiusure estive in altro periodo, le stesse possono essere esercitate fino ad un massimo di 17 giorni consecutivi. Non è consentita la chiusura per ferie nelle località (inteso come comune) in cui vi è una sola edicola al fine di salvaguardare le esigenze di vendita ad eccezione che vengano affidate tutte le pubblicazioni, per il periodo di chiusura, ad altro esercizio. I periodi di turnazione ferie vengono stabiliti da un apposita Commissione Nazionale che fissa le date (periodi) di svolgimento. Tali periodi vanno stabiliti entro il 31 ottobre di ogni anno e si riferiscono alle ferie dell anno successivo. Una volta stabiliti i periodi feriali (generalmente vengono individuati due periodi da godersi in due turni) questi vengono comunicati alle commissioni provinciali affinché queste scelgano il periodo più idoneo in quell area distributiva. Le commissioni provinciali sono costituite in forma paritetica tra la Federazione Italiana Editori Giornali (rappresentanti o referenti locali) e le Organizzazioni Sindacali (rappresentanti o delegati locali) firmatarie dell Accordo Nazionale, unitamente alle Aziende di distribuzione locali interessate. Il periodo scelto dalle commissioni provinciali, tenute presenti la volontà e le esigenze della rete di vendita nell area distributiva in questione, viene comunicato alla commissione nazionale entro il 28 febbraio dell anno di riferimento.

24 Tenete presente che, in ambito provinciale, nè i rappresentanti editoriali nè i rappresentanti delle agenzie di distribuzione possono imporre periodi non concordati con le Organizzazioni Sindacali. Durante il periodo coincidente con le chiusure estive è sospeso l esercizio facoltativo delle chiusure domenicali. La commissione fisserà anche le date di svolgimento delle chiusure feriali per le località di interesse turistico e di villeggiatura che non possono fruire del periodo estivo.

25 SAPEVI CHE... le Aziende Editoriali aderenti alla F.I.E.G. si sono impegnate ad armonizzare ed adeguare costantemente il flusso delle forniture alle reali esigenze del mercato, predisponendo piani distributivi ed utilizzando le strutture ritenute più rispondenti. Oltre che dalla Fieg, l Accordo Nazionale è stato sottoscritto anche dall Uspi (Unione Stampa Periodica Italiana). Quando la Fieg ha discusso, concordato e sottoscritto l Accordo Nazionale nel 1994 ha operato, per delega, anche a nome dei Distributori Nazionali il che vuol dire che tutti i quotidiani e periodici che vi pervengono dal distributore locale devono essere armonizzati e adeguati alle reali Vostre esigenze.

26 SAPEVI CHE... le Aziende Editoriali si sono impegnate a fornire ai rivenditori il numero di copie necessario a soddisfare le esigenze diffusionali dei singoli punti di vendita, senza con ciò trascurare l esigenza di contenere i costi e la resa in limiti compatibili con le scelte compiute dalle singole aziende. Ad effettuare, di norma, le forniture dei periodici in forma assemblata. A fornire i numeri arretrati delle pubblicazioni a durata predeterminata (*) tramite l impresa di distribuzione locale abituale. Se la richiesta viene soddisfatta integralmente, gli arretrati saranno ceduti in conto assoluto. Accordo Nazionale - Articolo 6 Impegni delle Aziende Editoriali 2 capoverso. * Enciclopedie, raccolte a fascicoli ecc.

27 SAPEVI CHE......le pubblicazioni devono essere poste in vendita subito dopo il loro ricevimento con tempestività ed impegno professionale tali da favorire lo sviluppo della loro diffusione. La vendita stessa deve avvenire tutti i giorni tranne che nelle seguenti ricorrenze: - 1 gennaio, lunedì di Pasqua, 16 agosto, 25 e 26 dicembre (chiusura totale); - il pomeriggio di tutte le domeniche, non prima delle ore 13, del 6 gennaio, del 25 aprile, del 1 maggio, del 2 giugno (*), del 15 agosto, del 1 novembre, del 8 dicembre e il mattino del 2 maggio con apertura entro le ore Accordo Nazionale - Articolo 2 Agibilità della rete di vendita - 3 e 4 capoverso. * festività ripristinata dopo la firma dell Accordo Nazionale.

28 SAPEVI CHE... le Aziende Editoriali si sono impegnate ad intervenire tempestivamente presso le Aziende di distribuzione locale in caso di forniture che risultassero inadeguate (per difetto o per eccesso) e, comunque ad adoperarsi per il funzionamento del servizio sulla base dei criteri esposti all art. 4. Accordo Nazionale - Articolo 4 - Distribuzione delle pubblicazioni Le organizzazioni firmatarie del presente accordo, al fine di stabilire un più organico raccordo tra le fasi della distribuzione e della vendita, si impegnano a promuovere forme di consultazione che consentano alle organizzazioni dei rivenditori di esprimere pareri e formulare richieste che - sulla base di documentate rilevazioni - si propongano di armonizzare i programmi elaborati dalle singole imprese con la potenzialità effettiva del mercato attraverso l ottimizzazione dei piani di vendita.

29 SAPEVI CHE.....le Aziende Editoriali si sono impegnate ad operare affinché i quotidiani siano distribuiti nei tempi ottimali per la messa in vendita e, comunque, contemporaneamente ai rivenditori dislocati nella stessa zona di diffusione. Criteri analoghi debbono essere adottati (anche attraverso un calendario di massima delle uscite) nella distribuzione dei periodici, con il fermo proposito di uniformare i tempi di fornitura nella stessa zona di diffusione. Accordo Nazionale - Articolo 6 Impegni delle Aziende Editoriali 5 capoverso.

30 SAPEVI CHE.....i compensi da riconoscere alla rete di vendita sono i seguenti così come prevede l art. 9 dell Accordo Nazionale? Le Aziende editoriali praticheranno alla rete di rivendita la percentuale di sconto del 19% sul prezzo defiscalizzato per la vendita delle loro pubblicazioni, ad eccezione del primo numero delle pubblicazioni di nuova uscita, per le enciclopedie esclusivamente alfabetiche e composte di soli fascicoli cartacei destinate a essere rilegate in volumi e le relative copertine e raccoglitori, per le pubblicazioni senza periodicità, per i numeri unici, per le pubblicazioni che contengono sotto rilegatura più fascicoli arretrati; per i libri facenti parte di collane periodiche e per le collane monografiche qualora siano vendute anche da esercizi commerciali in possesso di licenza libraria. In tali casi vi sarà uno sconto supplementare del 5%. In relazione ai casi di mantenimento del ritiro delle pubblicazioni al banco previsti all art. 6, punto 3, le Aziende editoriali praticheranno ai rivenditori interessati la percentuale di sconto del 20% fatto salvo lo sconto supplementare del 5%, come sopra previsto.

31 SAPEVI CHE.....hai diritto a percepire un ulteriore sconto sulla vendita di quotidiani e periodici così come sotto riportato? In termini pratici questo ulteriore sconto viene praticato nel mese di dicembre di ogni anno alla rete di vendita e viene definito sovrasconto di Natale. Le Aziende editoriali praticheranno, inoltre, i seguenti sovrasconti sul prezzo defiscalizzato nelle occasioni sotto specificate: - quotidiani editi il 27 dicembre, sovrasconto de 8 %; - periodici settimanali editi nella settimana di Natale, sovrasconto del 6%; - periodici quindicinali editi nella seconda quindicina di dicembre e mensili editi nel mese di dicembre, o comunque per l ultimo numero dell anno, sovrasconto del 3%. Le Aziende editoriali comunicheranno alle organizzazioni dei rivenditori i numeri sui quali verranno applicati gli sconti di cui sopra. Le maggiorazioni di sconto sopra indicate saranno versate direttamente alla rete di vendita o, dietro delega singola, alle organizzazioni locali dei rivenditori aderenti alle strutture firmatarie del presente accordo. Le maggiorazioni di sconto saranno liquidate con l estratto conto del mese di dicembre e non oltre il 31 marzo dell anno successivo. Accordo Nazionale - Articolo 9 Compensi per la vendita delle pubblicazioni - 3 capoverso.

32 SAPEVI CHE.....tutte le pubblicazioni bimestrali, trimestrali, semestrali, annuali nonché i supplementi devono esserti distribuiti in conto deposito? Qualora ciò non avvenisse il rivenditore o le Organizzazioni Sindacali possono segnalare in forma scritta al Distributore locale o all Editore le pubblicazioni che andavano inviate in conto deposito e pagate al ritiro della resa e, in occasione del primo estratto conto, il distributore locale dovrà provvedere a riaccreditare a tutti i rivenditori serviti quanto erroneamente addebitato.

33 SAPEVI CHE.. se ti sei dimenticato di rendere una pubblicazione della quale non esce o non uscirà il numero successivo ed il distributore locale non ha fatto il richiamo resa finale puoi chiedere al tuo distributore locale che questo avvenga? Non essendoci il numero seguente di una pubblicazione è evidente che, nel caso l edicolante non avesse reso il numero chiamato in resa, per qualunque motivo, rischia di perdere dei soldi in quanto non ha possibilità di renderlo con il numero successivo. Per tale ragione è stato concordato che un secondo richiamo finale deve avvenire a distanza di 30 giorni dal normale richiamo resa per questo tipo di periodici.

ART. 10 Processo di distribuzione della stampa

ART. 10 Processo di distribuzione della stampa ART. 10 Processo di distribuzione della stampa Il processo di distribuzione della stampa coinvolge tutti i soggetti della filiera con ruoli e compiti diversi ma finalizzati al raggiungimento di un obiettivo

Dettagli

Categoria: Contratti Sottocategoria: Domiciliazione A cura di Carla De Luca

Categoria: Contratti Sottocategoria: Domiciliazione A cura di Carla De Luca Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 51 17.02.2014 Il contratto di domiciliazione tra lo studio professionale e il cliente Categoria: Contratti Sottocategoria: Domiciliazione A cura

Dettagli

Su carta intestata della Pro Loco. Al sig. Prefetto della Provincia di

Su carta intestata della Pro Loco. Al sig. Prefetto della Provincia di Su carta intestata della Pro Loco Al sig. Prefetto della Provincia di Al sig. Sindaco del Comune di Via Spett.le Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione dei Monopoli di Stato Ufficio Regionale

Dettagli

30 APRILE 2010 (Prima convocazione)

30 APRILE 2010 (Prima convocazione) CARRARO S.p.A. Sede legale in Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 23.914.696 i.v. Codice fiscale, Partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Padova n. 00202040283 REA di Padova 84033

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

posticipato per causa di forza maggiore o in seguito ad un numero ridotto di materiale presentato. Eventuali proroghe di scadenza saranno pubblicate

posticipato per causa di forza maggiore o in seguito ad un numero ridotto di materiale presentato. Eventuali proroghe di scadenza saranno pubblicate Con la semplice navigazione tra le pagine di questo sito internet i visitatori ne accettano le condizioni. Chi ritenesse di non accettare le seguenti condizioni generali dovrà immediatamente uscire e sospendere

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di gas naturale Cosa riguarda Quando si applica Con la liberalizzazione del mercato del gas naturale, tutti i clienti del servizio gas hanno la possibilità

Dettagli

Condizioni generali di Noleggio

Condizioni generali di Noleggio Condizioni generali di Noleggio 1. Oggetto del contratto Il Contratto ha per oggetto la fornitura del servizio di noleggio di articoli di puericultura e relativi accessori (di seguito Bene o Beni ) tra

Dettagli

Lettera di Incarico d Agenzia

Lettera di Incarico d Agenzia La seguente lettera di incarico si conclude tra: OnyxNail S.r.l. - Via L. Montegani 7/a 20141 Milano P.IVA e C.F. IT 07706750960 Email amministrazione@onyxnail.it ed Lettera di Incarico d Agenzia il Sig./Sig.ra,

Dettagli

NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK

NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK NORME E CONDIZIONI OPZIONE PREMIUM TRUCK TELEPASS (di seguito TLP) offre ai propri Clienti che abbiano sottoscritto il contratto TELEPASS collegato ad un contratto VIACARD di conto corrente (di seguito

Dettagli

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AI DIPENDENTI DELLA CITTA' METROPOLITANA DI MILANO CON ESTINZIONE MEDIANTE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO L anno nel mese di il giorno.in

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

Contratto tipo di Agenzia

Contratto tipo di Agenzia Contratto tipo di Agenzia LETTERA D INCARICO D AGENZIA 1 In relazione alle intese intercorse, vi confermiamo, con la presente, l incarico di promuovere stabilmente, per nostro conto, la vendita dei prodotti

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997)

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997) REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997) REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Art.1 Art.2 Art.3 Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA CEDCAMERA AZIENDA DI SERVIZI INFORMATIVI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO E COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI...

PROTOCOLLO DI INTESA TRA CEDCAMERA AZIENDA DI SERVIZI INFORMATIVI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO E COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI... PROTOCOLLO DI INTESA TRA CEDCAMERA AZIENDA DI SERVIZI INFORMATIVI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO E COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI... CEDCAMERA Azienda dei Servizi Informativi della Camera

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI SGD G 030 LE INVENZIONI DEI DIPENDENTI DEL MINISTERO DELLA DIFESA ROMA EDIZIONE 2015 MINISTERO DELLA DIFESA

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato

CIRCOLARE N. 16/E. OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato CIRCOLARE N. 16/E Roma, 19 aprile 2011 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato 2 INDICE

Dettagli

Certificazione Unica (c.d. CU2015)

Certificazione Unica (c.d. CU2015) (c.d. CU2015) Indice degli argomenti Introduzione 1. Disposizioni normative 2. Prerequisiti tecnici 3. Impostazioni necessarie per operare in Gestionale 1 4. Stampa Certificazioni Unica Assis tenza tecni

Dettagli

EBILOG. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014

EBILOG. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014 EBILOG REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014 INDICE Art. 1 - Funzionamento degli Organi pag. 1 Art. 2 - Contribuzione pag. 1 Art. 3 Spese per il funzionamento

Dettagli

GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! Leggi il bando per sapere come fare Per informazioni: Comune di Castelfranco Veneto

Dettagli

COMUNE DI MARTIGNANO PROVINCIA DI LECCE CONTRATTO DI COTTIMO FIDUCIARIO

COMUNE DI MARTIGNANO PROVINCIA DI LECCE CONTRATTO DI COTTIMO FIDUCIARIO 1 COMUNE DI MARTIGNANO PROVINCIA DI LECCE CONTRATTO DI COTTIMO FIDUCIARIO OGGETTO: Fornitura di punto luce su palo relativi al progetto di "Riqualificazione della viabilità del centro antico di Martignano:

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

!""#$%#&'()*#+(,-&./,,(&0-+%*1(&%-*&2*#$+(,*&3/#1*%*(+*&-&4-$*#%*"*&

!#$%#&'()*#+(,-&./,,(&0-+%*1(&%-*&2*#$+(,*&3/#1*%*(+*&-&4-$*#%**& ""#$%#'()*#+(,-./,,(0-+%*1(%-*2*#$+(,*3/#1*%*(+*-4-$*#%*"* 5678 9$-(:;#,# "# $%'( ()#*%+, -.# )/(+0,1%2(,+# 3,44#'', 5( 6%'(-,)%# '7'#)% # 4%%+2(%+#)+,8',,5(+%1#+',4(7(5(-,%6%'(#5%))/%'9:;5#))%

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 agosto 2011 OGGETTO: Imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai depositi di titoli Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 convertito con modificazioni

Dettagli

CONTRATTO ESTIMATORIO

CONTRATTO ESTIMATORIO Allegato C3 FAC SIMILE Contratto estimatorio Protesi ortopediche e mezzi di sintesi Premessa Il contratto estimatorio è il contratto con cui una parte consegna una o più cose mobili all altra parte e questa

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Nelle presenti condizioni generali: si intende come Venditrice o Società la Berner Spa, con sede in Verona, via dell Elettronica 15, Partita IVA 02093400238, C.F. e numero

Dettagli

Inserti di Gruppo. Il 730/2015 Precompilato. A chi interessa. Quali informazioni contiene. DIRCREDITO Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Inserti di Gruppo. Il 730/2015 Precompilato. A chi interessa. Quali informazioni contiene. DIRCREDITO Gruppo Banca Popolare di Vicenza Associazione Sindacale dell Area Direttiva e delle Alte Professionalità del Credito ed Enti assimilati delle Società Assicurative e delle Agenzie Esattoriali Inserti di Gruppo Il 730/2015 Precompilato

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006 Allegato 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006 1. GENERALITÀ Ciascun depositario autorizzato o altro soggetto senza impianto

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura.

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura. Articolo1 (Istituzione del servizio) 1. In esecuzione dell articolo 4, comma 5, punto e) e dell articolo 34 dello Statuto Sociale della Cooperativa Edificatrice Ferruccio Degradi S.c.r.l. viene istituito

Dettagli

Regolamento prestiti da soci

Regolamento prestiti da soci Regolamento prestiti da soci Art. 1 Oggetto del presente regolamento Art. 2 Limiti della raccolta Art. 3 Modalità della raccolta Il presente regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci effettuata

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE predisposta ai sensi dell articolo 125-ter del D. Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 per l Assemblea degli Azionisti convocata per il giorno 26 aprile 2013,

Dettagli

QUANTO COSTA LA MEDIAZIONE CIVILE PRESSO RES AEQUAE ADR SRL/IO CONCILIO.COM?

QUANTO COSTA LA MEDIAZIONE CIVILE PRESSO RES AEQUAE ADR SRL/IO CONCILIO.COM? QUANTO COSTA LA MEDIAZIONE CIVILE PRESSO RES AEQUAE ADR SRL/IO CONCILIO.COM? LA MEDIAZIONE CIVILE COSTA DI PIU O DI MENO DI UNA CAUSA NORMALE? Costa molto di meno. Per una mediazione relativa ad una lite

Dettagli

DICHIARA. - che l organico complessivo aziendale, in ambito nazionale, alla data odierna risulta essere il seguente:

DICHIARA. - che l organico complessivo aziendale, in ambito nazionale, alla data odierna risulta essere il seguente: Alla CITTA METROPOLITANA di Bari Servizio Lavoro e Formazione Professionale Ufficio Collocamento Obbligatorio Via Postiglione, 50 70126 BARI Il sottoscritto....... in qualità di legale rappresentante della

Dettagli

CAPITOLATO PER LA FORNITURA DI LIBRI DI TESTO PER LE SCUOLE PRIMARIE DEL COMUNE DI CORSICO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015

CAPITOLATO PER LA FORNITURA DI LIBRI DI TESTO PER LE SCUOLE PRIMARIE DEL COMUNE DI CORSICO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Allegato 1 CAPITOLATO PER LA FORNITURA DI LIBRI DI TESTO PER LE SCUOLE PRIMARIE DEL COMUNE DI CORSICO - ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Art. 1 OGGETTO DELLA FORNITURA L appalto ha per oggetto la fornitura di

Dettagli

Accordo Nazionale sulla vendita dei giornali quotidiani e periodici e accordi correlati

Accordo Nazionale sulla vendita dei giornali quotidiani e periodici e accordi correlati Accordo Nazionale sulla vendita dei giornali quotidiani e periodici e accordi correlati 19 maggio 2005 Accordo Nazionale sulla vendita dei giornali quotidiani e periodici 1) INDICE Art.1 Preambolo 2 Art.2

Dettagli

A tutti i Clienti Loro sedi. Ravenna, 13/12/2013. Circolare informativa n. 22/2013

A tutti i Clienti Loro sedi. Ravenna, 13/12/2013. Circolare informativa n. 22/2013 Dott. Danilo Cortesi A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 13/12/2013 Circolare informativa n. 22/2013 Oggetto: 1. PAGAMENTO COMPENSI AMMINISTRATORI 2. INVENTARIO DI MAGAZZINO DI FINE ANNO 1. PAGAMENTO

Dettagli

Regolamento: Piano di attribuzione gratuita di azioni ordinarie della Società ai dipendenti del Gruppo Saras (il Piano Azionario o il Piano )

Regolamento: Piano di attribuzione gratuita di azioni ordinarie della Società ai dipendenti del Gruppo Saras (il Piano Azionario o il Piano ) Piano Azionario 2 PIANO AZIONARIO Regolamento: Piano di attribuzione gratuita di azioni ordinarie della Società ai dipendenti del Gruppo Saras (il Piano Azionario o il Piano ) 1. Emittente Saras S.p.A.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. 1. OGGETTO Le presenti condizioni generali di vendita regolano e disciplinano in via esclusiva i rapporti commerciali di compravendita tra SATI S.r.l. e i propri

Dettagli

con sede in via Città Cap Prov Partita IVA Codice fiscale Cognome Nome Nato/a il codice fiscale Recapiti telefono Fax Cell e-mail @

con sede in via Città Cap Prov Partita IVA Codice fiscale Cognome Nome Nato/a il codice fiscale Recapiti telefono Fax Cell e-mail @ RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO (da compilare, sottoscrivere e inviare in originale a mezzo posta al CAF in Via Ontani 48, 36100 Vicenza, o a mezzo telefax al n. 0444-349 501 o via mail a vistoiva@cafinterregionale.it)

Dettagli

Condizioni generali di vendita Art. 1 Oggetto del contratto Art. 2 Ricevimento dell ordine Art. 3 Esecuzione del contratto e tempi di consegna

Condizioni generali di vendita Art. 1 Oggetto del contratto Art. 2 Ricevimento dell ordine Art. 3 Esecuzione del contratto e tempi di consegna Condizioni generali di vendita Art. 1 Oggetto del contratto Le presenti condizioni generali di vendita si applicano a tutti i contratti stipulati dalla società Ghibli Design srl (d ora innanzi Ghibli)

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI E DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER PUNTI VENDITA

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

Regolamento: Piano di attribuzione gratuita di azioni ordinarie della Società ai. dipendenti del Gruppo Saras (il Piano Azionario o il Piano )

Regolamento: Piano di attribuzione gratuita di azioni ordinarie della Società ai. dipendenti del Gruppo Saras (il Piano Azionario o il Piano ) Regolamento: Piano di attribuzione gratuita di azioni ordinarie della Società ai dipendenti del Gruppo Saras (il Piano Azionario o il Piano ) 1. Emittente Saras S.p.A. e qualsiasi successore (la Società

Dettagli

Schema di CONVENZIONE

Schema di CONVENZIONE Schema di CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI NEMBRO E LA SOCIETA SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DEI SEGUENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: - IMPIANTO FOTOVOLTAICO SULLA SCUOLA PRIMARIA DEL CENTRO;

Dettagli

REGOLAMENTO PER I PRESTITI SOCIALI

REGOLAMENTO PER I PRESTITI SOCIALI COOPERATIVA EDIFICATRICE LAVORATORI TONOLLI SOCIETA' COOPERATIVA Sede in Via G. Rotondi, 41/A - 20037 PADERNO DUGNANO (MI) Cod. Fisc. 83002100150 - Partita IVA 00985970961 Lega 1104 REA 877488 Reg. Impr.

Dettagli

CONTRATTO ESTIMATORIO

CONTRATTO ESTIMATORIO Premessa Il contratto estimatorio è il contratto con cui una parte consegna una o più cose mobili all altra parte e questa si obbliga a pagare il prezzo, salvo che restituisca le cose nel termine stabilito

Dettagli

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria DMAIL GROUP S.p.A. Sede legale e amministrativa: Via San Vittore n. 40 20123 MILANO (MI) - Capitale Sociale: 15.300.000,00 euro C.F. P.IVA e Registro delle Imprese: 12925460151 Sito internet: www.dmailgroup.it

Dettagli

Compensazione credito IVA

Compensazione credito IVA 1 Normativa...2 Credito annuale IVA: procedura applicativa...4 Credito IVA automatico...4 Credito IVA manuale...6 1. Progressivi IVA...7 2. F24...8 Utilizzo del credito IVA in F24...10 Compensazione verticale...10

Dettagli

1. INDICAZIONI RELATIVE ALLA NORMA TRANSITORIA: iscrizione e contribuzione

1. INDICAZIONI RELATIVE ALLA NORMA TRANSITORIA: iscrizione e contribuzione Milano, febbraio 2008 Circolare n. 2/08 ALLE IMPRESE INTERESSATE Loro Sedi Alla c.a. Amministrazione del Personale Alla c.a. RSU p.c.: Organizzazioni sindacali Associazioni industriali territoriali Oggetto:

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l..

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. COPIA PER IL RICHIEDENTE CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. Il sottoscritto.............., codice fiscale., nato a......, il / /, domiciliato

Dettagli

REALIZZAZIONE E GESTIONE DEI PUNTI DI CONSEGNA E RICONSEGNA

REALIZZAZIONE E GESTIONE DEI PUNTI DI CONSEGNA E RICONSEGNA REALIZZAZIONE E GESTIONE DEI PUNTI DI CONSEGNA E RICONSEGNA 1) PROCEDURA PER LE RICHIESTE DI ALLACCIAMENTO DI NUOVI PUNTI DI CONSEGNA/RICONSEGNA...2 1.1) PREMESSA...2 1.1.1) La richiesta...2 1.1.2) La

Dettagli

Aedes S.p.A. Bastioni di Porta Nuova 21 20121 Milano Tel. +39 02 62431 Fax +39 02 29002719

Aedes S.p.A. Bastioni di Porta Nuova 21 20121 Milano Tel. +39 02 62431 Fax +39 02 29002719 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Aedes S.p.A. sulla proposta di acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi e per gli effetti degli artt. 2357 e 2357-ter del Codice Civile,

Dettagli

Il/la sottoscritto/a residente in. della Ditta quale TITOLARE. in seguito denominato CEDENTE

Il/la sottoscritto/a residente in. della Ditta quale TITOLARE. in seguito denominato CEDENTE www.house4all.it Via C. Ferrari, 2 20841 Carate B.za Tel. 0362.1482371 info@house4all.it Il/la sottoscritto/a residente in alla via n. nato/a a il cod fisc in qualità di della Ditta quale TITOLARE EFFETTIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

Termini e condizioni di acquisto

Termini e condizioni di acquisto COME ACQUISTARE Condizioni di Vendita Si applicano alle compravendite regolate dalle seguenti condizioni generali, le norme del Codice Civile Italiano e delle altre Leggi vigenti in materia nel territorio

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

Termini e condizioni di acquisto

Termini e condizioni di acquisto COME ACQUISTARE Condizioni di Vendita Si applicano alle compravendite regolate dalle seguenti condizioni generali, le norme del Codice Civile Italiano e delle altre Leggi vigenti in materia nel territorio

Dettagli

COMUNE DI SIENA REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SIENA CONCERNENTE LA VERIFICA DI RISPONDENZA DEGLI IMPIANTI TERMICI ALLE NORME VIGENTI

COMUNE DI SIENA REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SIENA CONCERNENTE LA VERIFICA DI RISPONDENZA DEGLI IMPIANTI TERMICI ALLE NORME VIGENTI COMUNE DI SIENA DIREZIONE MANUTENZIONE DELLA CITTA REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SIENA CONCERNENTE LA VERIFICA DI RISPONDENZA DEGLI IMPIANTI TERMICI ALLE NORME VIGENTI approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini avranno il significato di seguito

Dettagli

= circolare n. 7 03.12.2008

= circolare n. 7 03.12.2008 = circolare n. 7 03.12.2008 = scadenziario + 16 dicembre + pagamento ritenute, contributi INPS, imposte e l IVA relativo al mese di novembre; versamento del saldo ICI anno 2008 + 29 dicembre + versamento

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) tra

VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) tra VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) In Milano, 22 ottobre 2012 tra - l'associazione DELLE IMPRESE EDILI E COMPLEMENTARI DELLE PROVINCE DI MILANO,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

Regolamento di disciplina delle anticipazioni

Regolamento di disciplina delle anticipazioni PreviGen - Cassa di previdenza per i Dipendenti delle aziende convenzionate - Fondo Pensione Regolamento di disciplina delle anticipazioni Ai sensi dell Art. 11 comma 7 del D. Lgs. 252, 5 dicembre 2005

Dettagli

UNITA SINDACALE - PAG.

UNITA SINDACALE - PAG. Unita Sindacale Gruppo Unicredit Fondo Pensione UniCredit Iscrizione familiari a carico Essere previdenti oggi è più facile... Iscrivi al Fondo i tuoi familiari! Le modifiche apportate al sistema pensionistico

Dettagli

CONTRATTO DI CONVENZIONE PER LA SOTTOSCRIZIONE DI SERVIZI AI DIPENDENTI

CONTRATTO DI CONVENZIONE PER LA SOTTOSCRIZIONE DI SERVIZI AI DIPENDENTI CONTRATTO DI CONVENZIONE PER LA SOTTOSCRIZIONE DI SERVIZI AI DIPENDENTI Tra MUOVERSI SRL (di seguito detta MUOVERSI) con sede in Milano,, C.F. e P.IVA. 05525760962, iscritta nel Registro Imprese di Milano

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5

Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5 Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5 La checklist fornisce utili indicazioni per agevolare il lavoro del revisore cooperativo, nell'ottica di una

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

Condizioni di Vendita

Condizioni di Vendita Condizioni di Vendita Le presenti Condizioni di Vendita vanno lette con attenzione dal Cliente prima di procedere ad effettuare ogni acquisto. Con l avvertenza che il Cliente sarà soggetto alle Condizioni

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA SULLA PROPOSTA DI ACQUISTO E DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE CON FINALITA DI SOSTEGNO DELLA LIQUIDITA DEL TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA ALLEGATO A Alla delibera n. REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA Art. 1 (Definizioni) 1. 1.

Dettagli

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Roma, 31 luglio 2002. OGGETTO: Rimborsi in conto fiscale per l imposta sul valore aggiunto derivanti dalla dichiarazione annuale Attività degli uffici

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE ALLEGATO A Art. 1 I competenti Uffici periferici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza operano le ritenute sulle competenze

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Premessa : ogni fornitura comprende esclusivamente la merce e i servizi indicati nel relativo ordine d acquisto, nel preventivo e/o nella lettera di conferma d ordine accettati

Dettagli

LOCAZIONE AD USO TURISTICO

LOCAZIONE AD USO TURISTICO CONTRATTO TIPO di LOCAZIONE AD USO TURISTICO RELAZIONE SU CONTRATTO LOCAZIONE AD USO TURISTICO La redazione di un modello di contratto-tipo relativo a locazioni ad uso turistico risulta di particolare

Dettagli

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Obiettivi del corso Iniziamo, con questa prima lezione, il nostro corso dal titolo addetto alla contabilità. Si tratta di un corso base che

Dettagli

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

ISTITUZIONE PUBBLICA CULTURALE BIBLIOTECA CIVICA BERTOLIANA REGOLAMENTO DEI SERVIZI

ISTITUZIONE PUBBLICA CULTURALE BIBLIOTECA CIVICA BERTOLIANA REGOLAMENTO DEI SERVIZI ISTITUZIONE PUBBLICA CULTURALE BIBLIOTECA CIVICA BERTOLIANA REGOLAMENTO DEI SERVIZI 1. GESTIONE L organizzazione della biblioteca civica Bertoliana è curata dal Direttore che svolge questo compito nel

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

D. U. R. C... Una storia infinita!!!

D. U. R. C... Una storia infinita!!! D. U. R. C.... Una storia infinita!!! (Circolare INPS n. 54 del 13.04.2012- Risoluzione Agenzia delle Entrate n. 34/E del 11 aprile 2012) Contributo Professionale Con due precedenti contributi professionali

Dettagli

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14)

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14) VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14) Pagina 2 di 6 - Documento sulle anticipazioni Edizione 01.2014 Valore Pensione

Dettagli

Procedure del personale

Procedure del personale Liquidazione delle ferie non godute Giovanni Donzella Analista funzionale software paghe WKI In quanti mesi è fissato il limite temporale massimo per usufruire delle ferie annuali? In quali casi è possibile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE DEL COMUNE DI SCANZOROSCIATE Art. 1 - Finalità. L Amministrazione Comunale di Scanzorosciate, impegnata attraverso il Progetto Giovani a promuovere

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA DI PROCACCATORE D AFFARI. Con la presente scrittura privata, da valersi ad ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti:

SCRITTURA PRIVATA DI PROCACCATORE D AFFARI. Con la presente scrittura privata, da valersi ad ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti: SCRITTURA PRIVATA DI PROCACCATORE D AFFARI Con la presente scrittura privata, da valersi ad ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti: la società Goldline S.r.l. con sede legale in Via Andrea Costa,

Dettagli

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE PARTE I Elezione dei delegati in rappresentanza dei lavoratori per la costituzione

Dettagli

MODULO RICHIESTA DI ANTICIPAZIONE DELLA POSIZIONE INDIVIDUALE CHIEDE

MODULO RICHIESTA DI ANTICIPAZIONE DELLA POSIZIONE INDIVIDUALE CHIEDE MODULO RICHIESTA DI ANTICIPAZIONE DELLA POSIZIONE INDIVIDUALE _l _ sottoscritt Cod. Fisc. Nat_ a: il / / Residente a prov. in Via: n. C.A.P. tel. cell. e-mail Data 1^ iscrizione a previdenza complementare

Dettagli

CITTÀ DI SAN DONÀ DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con medaglia d Argento al Valor Militare) ------------------ Biblioteca Civica

CITTÀ DI SAN DONÀ DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con medaglia d Argento al Valor Militare) ------------------ Biblioteca Civica CITTÀ DI SAN DONÀ DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con medaglia d Argento al Valor Militare) ------------------ Biblioteca Civica Disciplinare sul Prestito interbibliotecario e fornitura

Dettagli

Il Ministero dell Economia e delle Finanze

Il Ministero dell Economia e delle Finanze Il Ministero dell Economia e delle Finanze Modalità di svolgimento delle operazioni per la movimentazione della liquidità depositata sul conto disponibilità del Tesoro per il servizio di tesoreria e sui

Dettagli

CONTRATTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI NOLEGGIO STAMPANTI E FORNITURA TONER 01/04/2011 31/03/2015 CIG 1303554EC6

CONTRATTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI NOLEGGIO STAMPANTI E FORNITURA TONER 01/04/2011 31/03/2015 CIG 1303554EC6 CONTRATTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI NOLEGGIO STAMPANTI E FORNITURA TONER 01/04/2011 31/03/2015 CIG 1303554EC6 FRA Camera di Commercio di Lodi, P.IVA 11125130150 C.F. 92515670153, con sede in Lodi Via Haussmann

Dettagli

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione Azioni di propria emissione Marzo 2016 SOMMARIO Premessa... 5 Regole interne per la negoziazione di Azioni BPC... 5 Strategia di esecuzione... 5 Soggetti ammessi alla negoziazione... 6 Modalità di conferimento

Dettagli