Attento alla tua Azienda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attento alla tua Azienda"

Transcript

1 Attento alla tua Azienda Tutto quello che devi sapere per gestire al meglio la tua Edicola e per recuperare redditività SNAG CONFCOMMERCIO Via San Vito, 24 - Milano

2 PREFAZIONE Lo Snag Confcommercio (Sindacato Nazionale Autonomo Giornalai) perseguendo lo scopo di fornire sempre maggiori e dettagliate informazioni a tutta la categoria, e in ragione dell inserimento nel settore di nuovi colleghi o di naturali cambi generazionali, ha ritenuto utile predisporre un piccolo manuale, di comode dimensioni per una rapida consultazione, contenente una serie di delucidazioni, o se si preferisce chiarimenti, utilizzando un linguaggio edicolese con lo scopo di aiutare tutti gli interessati a capire meglio, ma soprattutto a usare, le normative contenute nell Accordo Nazionale e delle sue estensioni. L Accordo Nazionale è l unico documento che norma e regola il rapporto di lavoro tra Editore, Distributore e rete di vendita. L ultimo Accordo Nazionale è stato sottoscritto nel 1994 tra Fieg (Federazione Italiana Editori Giornali), Snag-Confcommercio, Fenagi-Confesercenti, Sinagi aff. Slc-Cgil, Cisl- Giornalai, Uiltucs-Giornalai, scaduto nel 1999 e prorogato in quanto, in quel periodo, era in discussione la modifica della Legge sull Editoria n. 416/1981 che prevedeva una fase di sperimentazione sul nostro territorio, inerente la vendita di quotidiani e periodici in esercizi diversi dalle tradizionali edicole. Oggi la Legge 416/1981 è stata sostituita con la Legge sull Editoria n. 170/2001 e questo, di fatto, consente alle parti sopra indicate (per quanto riguarda la componente sindacale si è aggiunto l Usiagi-Ugl e per quanto riguarda i distributori locali si è aggiunta l Anadis - Associazione Nazionale Distributori Stampa) di riaprire il confronto per il rinnovo dell Accordo Nazionale stesso.

3 L Accordo nuovo dovrà prevedere normative più idonee al tipo di prodotto oggi sul mercato ma, potete star certi, che tutto ciò che è contenuto in questo piccolo manuale sarà previsto anche nel nuovo testo, con nuove e migliori condizioni di lavoro per i rivenditori. Non abbiamo la presunzione che questo piccolo manuale risolva i mille difficili problemi che esistono nel gestire un prodotto che ha molteplici caratteristiche ed esigenze e che giornalmente coinvolge circa punti vendita, più tutti i distributori Locali, più tutti i Distributori Nazionali, più tutte le Aziende Editoriali. Il prodotto che noi tutti trattiamo è un prodotto talmente fresco e di veloce rotazione che obbliga tutti a un sempre maggiore impegno e a una migliore professionalità. Se, poi, si tiene in considerazione il numero delle testate che si editano nel nostro paese, la quantità di testate che si distribuiscono e ridistribuiscono, e che si riridistribuiscono (per la verità alcune inutili e in molti casi dannose al sistema) più il numero di copie per testate, si può immaginare che questa mole di prodotto, che arriva, si vende e si rende, può creare tensione tra i componenti della filiera (Editore, Distributore, Rivenditore) soprattutto se non ci sono regole chiare, se queste non si conoscono e se queste non si applicano. Lo scopo di questo piccolo stampato è quello di illustrare, in modo chiaro e semplice, alcune normative oggi in essere che regolano il nostro settore e che, se rispettate, possono in parte stemperare questa tensione aiutando ognuno a gestire meglio la propria azienda. Qualcuno di voi, leggendo questa prefazione, starà pensando quanto è difficile ottenere il rispetto delle normative esposte. Ed ha ragione.

4 Una strada che aiuta molto al rispetto e all applicazione delle normative è quella dell unità di categoria, i colleghi devono imparare a parlarsi e, ritrovandosi tra di loro, a non ignorarsi a vicenda o vedersi concorrenti, in quanto facciamo tutti parte di un comparto che, se unito e affiatato, otterrà sempre di più. Il solista, quasi sempre, in questo settore come in altri settori del commercio, è perdente in quanto vulnerabile. L associazionismo a qualunque sigla sindacale è, e rimane, un punto di riferimento e di forza e un grande segnale di esserci per la controparte. Tenete presente che i Sindacati Nazionali hanno il preciso compito, e il dovere, di trattare e concordare normative di carattere generale con gli editori, che si sposino con le esigenze e le peculiarità di tutto il nostro paese; sono poi le strutture locali che con la loro capacità, forza e unità devono essere in grado di vigilare e pretendere che gli accordi siano applicati e rispettati nelle loro aree di competenza. Dove non esistono strutture sindacali locali, anche in prospettiva, riteniamo utile consigliare di unirvi e di costituirvi in un gruppo che sia poi riconosciuto dalle istituzioni, dagli enti territoriali, dai distributori, dagli editori, aderendo a qualunque sigla sindacale si preferisca o si ritenga essa operi secondo le proprie preferenze o pensiero, purché questa sia riconosciuta a livello nazionale. Sta a voi trovare gli uomini che vi rappresentano, ma il sindacato a difesa dei propri interessi si fa sul proprio territorio e anche nei confronti dei vostri fornitori giornalieri (vedi distributori locali), i quali possono essere più o meno bravi, più o meno precisi più o meno attenti alle singole esigenze.

5 Solo così si potranno avere maggiori possibilità di essere ascoltati e si potrà pretendere di vedere risolti quotidianamente i propri problemi. Lo Snag Confcommercio ha proprie rappresentanze sparse in tutto il territorio nazionale anche in collaborazione con le Ascom (Associazione Commercianti) locali e da sempre è impegnato nella tutela degli interessi della categoria. Lo Snag Confcommercio ringrazia la redazione e i collaboratori di Azienda Edicola per l impegno profuso nella realizzazione di questo piccolo volume e si augura che da un attenta lettura il collega e amico edicolante ne tragga un minimo di aiuto. Nella speranza di avere usato chiarezza, che non esclude la possibilità di avere commesso errori, auguriamo buona lettura.

6 SAPEVI CHE. se ti viene fornito un periodico e questo non ti viene messo in conto al momento dell arrivo di fatto ti viene inviato in conto deposito. Tutto il prodotto che ti arriva in edicola in conto deposito deve permanere nella tua rivendita 60/65 giorni, non di più. Dopo 60/65 giorni dal ricevimento, questo prodotto deve esserti messo in conto sulla bolla d arrivo del giorno della sua scadenza e contestualmente richiamato in resa. Nel caso di prodotto inviato alle edicole in conto deposito è bene tenere presente che nessun prodotto, per nessun motivo, può rimanere nella vostra rivendita oltre i 60/65 giorni previsti dall Accordo Nazionale. Qualora ti venisse comunicato che, per qualunque motivo l Editore ha deciso di prolungare la permanenza del proprio prodotto in edicola, sappi che è una prevaricazione o una forzatura. Sappiamo che molti prodotti quali: calendari, agende, diari ecc.. non vengono richiamati in resa alla loro scadenza naturale (60/65 giorni) e a questi NON RICHIAMI vengono date spiegazioni quali: disposizioni dell Editore, scelte editoriali, deve rimanere in vendita perché perché perché, sono tutte spiegazioni o motivazioni che non hanno nessun riscontro concordato. Da questa normativa sono escluse solo le pubblicazioni che fanno riferimento a servizi pubblici che saranno richiamate all uscita del numero successivo (esempio: orari ferroviari).

7 SAPEVI CHE.. se ti viene fatto pagare, dal tuo distributore un periodico al momento dell arrivo questo prodotto, non deve e non può, rimanere nella tua edicola più di 30/35 giorni anche se in copertina viene riportata una periodicità superiore? In pratica se il tuo distributore ti fa pagare un periodico, conteggiandolo in bolla d arrivo della giornata, questo prodotto indipendentemente dalla periodicità eventualmente riportata sul giornale, NON deve rimanere nella tua edicola più di 30/35 giorni. Se il distributore locale, per errore, per negligenza o per cattiva volontà, non richiama il prodotto in questione nei tempi sopra indicati, anche in assenza dell uscita del numero seguente, di fatto si autorizza il rivenditore a forzare la resa scrivendo e conteggiando in fondo bolla la testata e le copie in questione. Ricordati bene, un periodico che si paga subito al momento dell arrivo, può rimanere in vendita solo 30/35 giorni anche a seguito di segnalazioni o comunicati con indicazioni diverse che possano apparire sia sulla bolla d arrivo, che per circolare o per lettera.

8 SAPEVI CHE. l inserto che devi compiegare o abbinare al quotidiano di riferimento ti dà diritto a un compenso di 0,0031 per ogni inserto e a copia venduta nel caso quest abbinamento comporti un aumento del prezzo abituale di vendita dello stesso quotidiano. La normativa prevede 0,0155 (vecchie 30 lire) per ogni copia di inserto, senza prezzo di vendita autonomo, abbinato al quotidiano. Esempio A: per un quotidiano con prezzo di vendita al pubblico a 0,90, all edicolante deve essere riconosciuto 0,0155 per ogni inserto previsto in quella giornata che non abbia un prezzo di vendita autonomo. Lo sconto deve essere fatto in bolla d arrivo sul prezzo di cessione del quotidiano. Esempio B: per un quotidiano con prezzo di vendita al pubblico superiore a 0,90 (vedi Repubblica + Venerdì, oppure Corsera + Io Donna) all edicolante deve essere riconosciuto 0,0031 (vecchie 6 lire) per ogni copia venduta. Lo sconto deve essere fatto in bolla d arrivo sul prezzo di cessione del supplemento da abbinare al quotidiano. Esempio C: per un quotidiano abbinato a libro, cd, dvd o quant altro 0,0031 (vecchie 6 lire). Lo sconto deve essere fatto in bolla d arrivo sul prodotto allegato o abbinato al quotidiano.

9 SAPEVI CHE..l estratto conto settimanale che ti invia il Distributore Locale non può comprendere, nella somma da pagare nient altro che il fornito e il reso delle pubblicazioni quotidiane e periodiche. L estratto conto settimanale che ricevi dal tuo distributore deve contenere sette giorni di merce fornita e sette giorni di merce resa inerente alle sole pubblicazioni periodiche. L estratto conto editoriale non deve contenere nessun altra somma di merce fornita o richiami di bolle o fatture riferenti ad altri prodotti forniti dal distributore locale (es.: schede telefoniche, fatture di prodotti con Iva, biglietti delle lotterie, libri, piantine o altro ). La commistione o il richiamo sull estratto conto settimanale tra la fornitura di prodotti periodici e altri prodotti, di qualunque natura, può avvenire SOLO con il tuo consenso che dovrai comunicare al tuo distributore.

10 SAPEVI CHE è un tuo diritto richiedere, una volta al mese, il tabulato delle pubblicazioni che ti ha inviato il tuo distributore locale in conto deposito giacenti presso la tua edicola? Il tabulato deve essere nominativo e contenere il fornito del tuo punto vendita. Deve riportare il titolo delle testate che ti sono state inviate, il numero delle copie che ai ricevuto, il prezzo di copertina e il prezzo di cessione di ogni pubblicazione, la data dell invio e la data in cui la pubblicazione verrà chiamata in resa. Questo ti risulterà molto utile per controllare il periodo di permanenza delle pubblicazioni presso la tue edicola, che non deve superare i 60/65 giorni, così come ti risulterà utile per conoscere l ammontare del conto deposito giacente nel tuo esercizio ma soprattutto individuare se una pubblicazione è già stata richiamata in resa o se sta per scadere.

11 SAPEVI CHE. i buoni sconto devono essere richiamati in resa dal tuo distributore locale con decadenza settimanale? (Accordo Nazionale - Articolo 9 ultimo capoverso) I buoni sconto che ritiri dai clienti a fronte di promozioni editoriali debbono essere richiamati dal tuo distributore locale settimanalmente.

12 SAPEVI CHE.. nel caso di cessazione di una pubblicazione il distributore deve richiamare la stessa entro 10 giorni dal termine della sua periodicità? Tieni presente che qualora il distributore locale non richiamasse tali pubblicazioni, ai la ha facoltà di inviare immediatamente in resa le copie in questione (ovviamente aggiungendo tali pubblicazioni in bolla resa) - Accordo Nazionale - Articolo 10 penultimo capoverso e meglio chiarito e specificato dalla Commissione art. 5 del 10 dicembre 2003.

13 SAPEVI CHE.. la sospensione della fornitura di quotidiani e periodici, da parte del distributore locale, al punto di vendita non può essere operata in caso di mancato pagamento di addebiti non concordati e non riconducibili alla vendita delle pubblicazioni. Pare inoltre opportuno richiamare il principio in base al quale, in ogni caso di sospensione delle forniture, l editore o per esso l impresa di distribuzione locale deve provvedere al ritiro della resa effettiva relativa alle pubblicazioni consegnate al punto di vendita come previsto dall Accordo Nazionale - Articolo 7 - punto 2.

14 SAPEVI CHE.... si riconosce comunque la facoltà al rivenditore di rendere immediatamente (per immediatamente si intende il giorno successivo al ricevimento) al distributore locale il prodotto editoriale ritenuto invendibile in quanto palesemente deteriorato o danneggiato. Verbale di commissione art. 5 del 7 maggio 1998 punto 3 - penultimo capoverso. Milano sede Fieg.

15 SAPEVI CHE..gli estratti conto che ricevi settimanalmente dalla tua agenzia di distribuzione devono riportare, separatamente in fondo al documento, il totale delle forniture e delle rese tra prodotti Fieg e altri? Esempio: Fornito Fieg 500,00 Reso Fieg 50,00 Fornito altri 300,00 Reso Altri 200,00 Tot. da pagare 550,00 Questo metodo di fatturazione è stato preteso da tutte le Organizzazioni Sindacali, e sottoscritto anche dalla Fieg, con lo scopo di mettere in condizione il rivenditore in condizione di avere un minimo di riscontro sulle proprie forniture e valutare se queste sono bilanciate e proporzionate alle proprie vendite. In pratica il Distributore locale deve porre in essere dei piani di vendita mirati per ogni punto vendita che prevedano un equilibrata fornitura delle pubblicazioni. Certamente l applicazione del piano di vendita mirato su ogni edicola richiede un impegno costante e preciso da parte delle agenzie di distribuzione. Con varie giustificazioni più o meno plausibili e alcune bugie, nella maggior parte dei casi, però, non viene tenuta in considerazione questa normativa, con il risultato che molte rivendite soffrono di pesanti squilibri nelle forniture e preoccupanti squilibri nei propri conti correnti bancari. Il fatto di porre attenzione alle forniture e alle rese riportate in estratto conto, suddivise come sopra evidenziato, dà modo al rivenditore di poter intervenire presso il distributore (è

16 auspicabile un intervento tramite le Organizzazioni Sindacali che operano nell area di riferimento) perché esso bilanci meglio eventuali storture. Proviamo, a migliore chiarezza, a leggere i dati in un ottica di collaborazione tra punto vendita e Agenzia di distribuzione. Se i prodotti forniti Fieg danno un totale di 500,00 euro e le rese degli stessi prodotti Fieg nell arco della distribuzione settimanale sono di 50,00 euro è evidente che una resa del 10%, su questo tipo di prodotto, generalmente ritenuto di maggior vendita e di incasso, fa presumere che la rivendita in questione è sottoservita rischiando molti esauriti. Viceversa, se per il prodotto altri il suo fornito è di 300,00 euro con una resa di 200,00 euro per lo stesso periodo, è facile presupporre che al punto vendita venga inviato materiale eccedente, e di scarsa vendita, in quanto la percentuale di resa è del 67%. In tutte e due i casi è indispensabile intervenire presso il distributore perché provveda a riequilibrare le forniture. Nel primo caso è impensabile lavorare sulla costanza del sottoservito e del rischio esauriti, e nel secondo caso è impensabile movimentare prodotto ad alta percentuale di resa che impegna spazio, tempo e fatica senza un ritorno economico. Tenendo presente che, comunque, il distributore locale DEVE applicare il piano vendita (che in edicolese vuol dire adeguare le forniture) la risoluzione del proporzionale sulle forniture è un buon passo avanti.

17 SAPEVI CHE.. l Accordo Nazionale, tutt ora vigente, proibisce che ti venga richiesto dal distributore locale, qualunque tipo di costo aggiuntivo? Il punto vendita non deve subire e pagare alcun tipo di richiesta avanzata dalle Agenzie di distribuzione che prevedano costi per il rivenditore. Eventuali voci di costi aggiuntivi, riportati o in estratto conto o in bolla d arrivo, sono irregolari, così come sono irregolari contratti fatti sottoscrivere dalle Agenzie di distribuzione che prevedono pagamenti di importi in forma percentualizzata fissando preventivamente il raggiungimento di fatturati.

18 SAPEVI CHE.. la Commissione Nazionale istituita ai sensi dell art. 5 del vigente Accordo Nazionale ha raccomandato, alle Agenzie di Distribuzione, che gli inserti consegnati nella stessa giornata in cui devono essere diffusi vengano assemblati in forma distinta rispetto alle altre pubblicazioni periodiche? Questa raccomandazione è stata sottoscritta anche dai rappresentanti dei distributori locali il 6 febbraio 2001 in sede Fieg a Milano. Non ci risulta, tuttavia, che sia mai stata messa in pratica, eppure ha una sua logica operativa, sia per il rivenditore che non deve tutte le mattine fare una caccia al tesoro tra la merce ricevuta, avendo poco tempo per individuare cosa e a chi và abbinato l inserto, sia per l utente finale che non rischia al mattino presto di allontanarsi dal punto vendita senza l inserto abbinato al suo quotidiano dando poi la colpa al rivenditore di inefficienza.

19 SAPEVI CHE....qualora il distributore locale ti dovesse richiedere delle forme di garanzia, in termini economici, queste possono essere rilasciate SOLO per una durata non superiore agli otto mesi? Se il distributore locale dovesse avanzare una richiesta mirata ad ottenere una forma di garanzia di natura economica, a copertura delle forniture, sappi che questa DEVE essere di natura temporale e non può essere trattenuta dall Agenzia stessa per un periodo superiore agli otto mesi dalla data di rilascio così come non può essere di entità superiore al valore (presunto se non si ha uno storico e l edicola è di nuova attivazione) della somma di tre settimane di fatturato netto. Tutte le forme di garanzia oggi in essere, che non rispettano quanto sopra esposto, vanno restituite all emittente se sono scaduti i termini temporali e adeguate se non rispettano l entità. Ovviamente se il punto vendita risulta costantemente preciso e regolare nei pagamenti.

20 SAPEVI CHE in ragione del fatto che la Legge sull Editoria 170/2001 vieta l esposizione al pubblico del prodotto pornografico e che tale prodotto potrebbe determinare, per il rivenditore, problemi di natura penale, è legittimo ritenere che il rivenditore possa rappresentare al proprio distributore locale il non interesse a detenere tale tipo di prodotto. In pratica se un punto vendita, per le ragioni sopra esposte o perché la propria rivendita è ubicata in una posizione vicino ad asili, scuole, chiese o quant anche questo tipo di prodotto non avesse mercato in quell area o ancora, per una questione morale, il rivenditore non lo volesse trattare, è sufficiente una comunicazione scritta al proprio distributore locale perché quest ultimo azzeri questo tipo di fornitura al punto vendita che ne ha fatto richiesta. Questa procedura è stata ampiamente discussa e condivisa anche dalla Federazione Italiana Editori.

21 SAPEVI CHE....devi rispettare tutte le normative contenute nell Accordo Nazionale comprese le decisioni sottoscritte nell ambito della Commissione art. 5 che hanno valore su tutto il territorio nazionale? Al rispetto delle normative sopra citate si devono attenere tutte le parti della filiera editori, distributori e rivenditori. Questi doveri e diritti delle parti riguardano esclusivamente i prodotti quotidiani e periodici e non i prodotti editoriali in genere. Pertanto, tutto quello che, più o meno forzatamente, ti viene fornito e non risulta essere nè quotidiano nè periodico non sei obbligato a trattenerlo presso il tuo punto vendita. Una pubblicazione quotidiana o periodica è tale se riporta la registrazione presso il Tribunale (completare).

22 SAPEVI CHE.. l orario di apertura al pubblico delle rivendite è regolato dall Accordo Nazionale e non dal Comune o dalle Istituzioni? L orario di apertura al pubblico delle edicole non dovrà essere inferiore alle 12 ore giornaliere dal Lunedì al Sabato ed almeno sino alle ore 13 della Domenica. Le chiusure domenicali potranno essere esercitate con decadenza quattordicinale e fino ad un massimo del 50% delle rivendite, questo al fine di salvaguardare le esigenze di vendita nelle singole zone. Non è consentita la chiusura domenicale nelle località in cui vi è un solo punto vendita ove non avvenga l affidamento integrale di tutte le pubblicazioni ad altro esercizio. In merito agli orari di apertura e chiusura dei punti vendita e in merito alle chiusure domenicali i comuni o chiunque altro non ha facoltà di intervento.

23 SAPEVI CHE..le chiusure estive (ferie) possono essere esercitate sino ad un massimo di 18 giorni consecutivi a cavallo del 16 agosto, fino al limite del 50% delle rivendite esistenti nei vari comuni e nel caso di fruizione delle chiusure estive in altro periodo, le stesse possono essere esercitate fino ad un massimo di 17 giorni consecutivi. Non è consentita la chiusura per ferie nelle località (inteso come comune) in cui vi è una sola edicola al fine di salvaguardare le esigenze di vendita ad eccezione che vengano affidate tutte le pubblicazioni, per il periodo di chiusura, ad altro esercizio. I periodi di turnazione ferie vengono stabiliti da un apposita Commissione Nazionale che fissa le date (periodi) di svolgimento. Tali periodi vanno stabiliti entro il 31 ottobre di ogni anno e si riferiscono alle ferie dell anno successivo. Una volta stabiliti i periodi feriali (generalmente vengono individuati due periodi da godersi in due turni) questi vengono comunicati alle commissioni provinciali affinché queste scelgano il periodo più idoneo in quell area distributiva. Le commissioni provinciali sono costituite in forma paritetica tra la Federazione Italiana Editori Giornali (rappresentanti o referenti locali) e le Organizzazioni Sindacali (rappresentanti o delegati locali) firmatarie dell Accordo Nazionale, unitamente alle Aziende di distribuzione locali interessate. Il periodo scelto dalle commissioni provinciali, tenute presenti la volontà e le esigenze della rete di vendita nell area distributiva in questione, viene comunicato alla commissione nazionale entro il 28 febbraio dell anno di riferimento.

24 Tenete presente che, in ambito provinciale, nè i rappresentanti editoriali nè i rappresentanti delle agenzie di distribuzione possono imporre periodi non concordati con le Organizzazioni Sindacali. Durante il periodo coincidente con le chiusure estive è sospeso l esercizio facoltativo delle chiusure domenicali. La commissione fisserà anche le date di svolgimento delle chiusure feriali per le località di interesse turistico e di villeggiatura che non possono fruire del periodo estivo.

25 SAPEVI CHE... le Aziende Editoriali aderenti alla F.I.E.G. si sono impegnate ad armonizzare ed adeguare costantemente il flusso delle forniture alle reali esigenze del mercato, predisponendo piani distributivi ed utilizzando le strutture ritenute più rispondenti. Oltre che dalla Fieg, l Accordo Nazionale è stato sottoscritto anche dall Uspi (Unione Stampa Periodica Italiana). Quando la Fieg ha discusso, concordato e sottoscritto l Accordo Nazionale nel 1994 ha operato, per delega, anche a nome dei Distributori Nazionali il che vuol dire che tutti i quotidiani e periodici che vi pervengono dal distributore locale devono essere armonizzati e adeguati alle reali Vostre esigenze.

26 SAPEVI CHE... le Aziende Editoriali si sono impegnate a fornire ai rivenditori il numero di copie necessario a soddisfare le esigenze diffusionali dei singoli punti di vendita, senza con ciò trascurare l esigenza di contenere i costi e la resa in limiti compatibili con le scelte compiute dalle singole aziende. Ad effettuare, di norma, le forniture dei periodici in forma assemblata. A fornire i numeri arretrati delle pubblicazioni a durata predeterminata (*) tramite l impresa di distribuzione locale abituale. Se la richiesta viene soddisfatta integralmente, gli arretrati saranno ceduti in conto assoluto. Accordo Nazionale - Articolo 6 Impegni delle Aziende Editoriali 2 capoverso. * Enciclopedie, raccolte a fascicoli ecc.

27 SAPEVI CHE......le pubblicazioni devono essere poste in vendita subito dopo il loro ricevimento con tempestività ed impegno professionale tali da favorire lo sviluppo della loro diffusione. La vendita stessa deve avvenire tutti i giorni tranne che nelle seguenti ricorrenze: - 1 gennaio, lunedì di Pasqua, 16 agosto, 25 e 26 dicembre (chiusura totale); - il pomeriggio di tutte le domeniche, non prima delle ore 13, del 6 gennaio, del 25 aprile, del 1 maggio, del 2 giugno (*), del 15 agosto, del 1 novembre, del 8 dicembre e il mattino del 2 maggio con apertura entro le ore Accordo Nazionale - Articolo 2 Agibilità della rete di vendita - 3 e 4 capoverso. * festività ripristinata dopo la firma dell Accordo Nazionale.

28 SAPEVI CHE... le Aziende Editoriali si sono impegnate ad intervenire tempestivamente presso le Aziende di distribuzione locale in caso di forniture che risultassero inadeguate (per difetto o per eccesso) e, comunque ad adoperarsi per il funzionamento del servizio sulla base dei criteri esposti all art. 4. Accordo Nazionale - Articolo 4 - Distribuzione delle pubblicazioni Le organizzazioni firmatarie del presente accordo, al fine di stabilire un più organico raccordo tra le fasi della distribuzione e della vendita, si impegnano a promuovere forme di consultazione che consentano alle organizzazioni dei rivenditori di esprimere pareri e formulare richieste che - sulla base di documentate rilevazioni - si propongano di armonizzare i programmi elaborati dalle singole imprese con la potenzialità effettiva del mercato attraverso l ottimizzazione dei piani di vendita.

29 SAPEVI CHE.....le Aziende Editoriali si sono impegnate ad operare affinché i quotidiani siano distribuiti nei tempi ottimali per la messa in vendita e, comunque, contemporaneamente ai rivenditori dislocati nella stessa zona di diffusione. Criteri analoghi debbono essere adottati (anche attraverso un calendario di massima delle uscite) nella distribuzione dei periodici, con il fermo proposito di uniformare i tempi di fornitura nella stessa zona di diffusione. Accordo Nazionale - Articolo 6 Impegni delle Aziende Editoriali 5 capoverso.

30 SAPEVI CHE.....i compensi da riconoscere alla rete di vendita sono i seguenti così come prevede l art. 9 dell Accordo Nazionale? Le Aziende editoriali praticheranno alla rete di rivendita la percentuale di sconto del 19% sul prezzo defiscalizzato per la vendita delle loro pubblicazioni, ad eccezione del primo numero delle pubblicazioni di nuova uscita, per le enciclopedie esclusivamente alfabetiche e composte di soli fascicoli cartacei destinate a essere rilegate in volumi e le relative copertine e raccoglitori, per le pubblicazioni senza periodicità, per i numeri unici, per le pubblicazioni che contengono sotto rilegatura più fascicoli arretrati; per i libri facenti parte di collane periodiche e per le collane monografiche qualora siano vendute anche da esercizi commerciali in possesso di licenza libraria. In tali casi vi sarà uno sconto supplementare del 5%. In relazione ai casi di mantenimento del ritiro delle pubblicazioni al banco previsti all art. 6, punto 3, le Aziende editoriali praticheranno ai rivenditori interessati la percentuale di sconto del 20% fatto salvo lo sconto supplementare del 5%, come sopra previsto.

31 SAPEVI CHE.....hai diritto a percepire un ulteriore sconto sulla vendita di quotidiani e periodici così come sotto riportato? In termini pratici questo ulteriore sconto viene praticato nel mese di dicembre di ogni anno alla rete di vendita e viene definito sovrasconto di Natale. Le Aziende editoriali praticheranno, inoltre, i seguenti sovrasconti sul prezzo defiscalizzato nelle occasioni sotto specificate: - quotidiani editi il 27 dicembre, sovrasconto de 8 %; - periodici settimanali editi nella settimana di Natale, sovrasconto del 6%; - periodici quindicinali editi nella seconda quindicina di dicembre e mensili editi nel mese di dicembre, o comunque per l ultimo numero dell anno, sovrasconto del 3%. Le Aziende editoriali comunicheranno alle organizzazioni dei rivenditori i numeri sui quali verranno applicati gli sconti di cui sopra. Le maggiorazioni di sconto sopra indicate saranno versate direttamente alla rete di vendita o, dietro delega singola, alle organizzazioni locali dei rivenditori aderenti alle strutture firmatarie del presente accordo. Le maggiorazioni di sconto saranno liquidate con l estratto conto del mese di dicembre e non oltre il 31 marzo dell anno successivo. Accordo Nazionale - Articolo 9 Compensi per la vendita delle pubblicazioni - 3 capoverso.

32 SAPEVI CHE.....tutte le pubblicazioni bimestrali, trimestrali, semestrali, annuali nonché i supplementi devono esserti distribuiti in conto deposito? Qualora ciò non avvenisse il rivenditore o le Organizzazioni Sindacali possono segnalare in forma scritta al Distributore locale o all Editore le pubblicazioni che andavano inviate in conto deposito e pagate al ritiro della resa e, in occasione del primo estratto conto, il distributore locale dovrà provvedere a riaccreditare a tutti i rivenditori serviti quanto erroneamente addebitato.

33 SAPEVI CHE.. se ti sei dimenticato di rendere una pubblicazione della quale non esce o non uscirà il numero successivo ed il distributore locale non ha fatto il richiamo resa finale puoi chiedere al tuo distributore locale che questo avvenga? Non essendoci il numero seguente di una pubblicazione è evidente che, nel caso l edicolante non avesse reso il numero chiamato in resa, per qualunque motivo, rischia di perdere dei soldi in quanto non ha possibilità di renderlo con il numero successivo. Per tale ragione è stato concordato che un secondo richiamo finale deve avvenire a distanza di 30 giorni dal normale richiamo resa per questo tipo di periodici.

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

1. Lo studente è interessato a svolgere un corso di lingua a

1. Lo studente è interessato a svolgere un corso di lingua a 1. Lo studente è interessato a svolgere un corso di lingua a domicilio o via Skype tramite l istituto. 2. L istituto fornisce allo studente il recapito di un docente in grado di soddisfare le sue esigenze

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI EDIZIONE MARZO 015 ABBONARSI AI MEZZI ATM 1 ATM, per rispondere alle diverse esigenze di mobilità, offre ai giovani e agli studenti una serie di agevolazioni sull acquisto

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS Le attività formative svolte sono riconoscibili e pertanto possono essere oggetto di domanda di rimborso a condizione che: -

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli