Il contratto estimatorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il contratto estimatorio"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Il contratto estimatorio (art c.c.) Volodymyr LESYUK & Andrea TRAVAGLIANTI 2010 D O C E N T E : S A R A D U R S O

2 La distribuzione dei prodotti imprenditore consumatori altri imprenditori commerciali dettaglianti consumatori consumatori La prima ipotesi è la meno frequente La distribuzione dei prodotti in serie su larga scala, richiede una complessa e capillare organizzazione, ramificata sul territorio, e richiede magazzini per la conservazione dei prodotti, opportunamente dislocati, che spesso il produttore rinuncia a costituire.

3 Il rischio della distribuzione A questo modo il produttore trasferisce sui rivenditori dei suoi prodotti, in prima battuta sui rivenditori allàingrosso, oneri e rischi della distribuzione: spetta al grossista ogni onere inerente ai tempi e ai luoghi della distribuzione, in particolare gli oneri (e i connessi rischi) del magazzinaggio delle merci e del loro trasporto ai rivenditori al dettaglio; incombe sul grossista, in quanto proprietario delle merci che acquista per rivendere, il rischio dell invenduto. Il grossista, a sua volta, trasferisce parte di questi oneri e di questi rischi sui rivenditori al dettaglio, che ne caricano la relativa rimunerazione sul prezzo di vendita al pubblico, contribuendo così al noto fenomeno della progressione dei prezzi dalla produzione al consumo.

4 Vendita e contratto estimatorio La traslazione, dal produttore ai rivenditori, del principale rischio della distribuzione, ossia il rischio dell invenduto, dipende dal fatto che per la distribuzione si utilizza il contratto di vendita: il rivenditore diventa proprietario dei beni che acquista dal produttore ed è obbligato a pagarne il prezzo; se, a sua volta,non riesce a collocarli sul mercato, l invenduto è suo, sua è la perdita.

5 Vendita e contratto estimatorio È però possibile utilizzare, per la distribuzione, una diversa figura contrattuale, il CONTRATTO ESTIMATORIO che consente di addossare al produttore, esonerandone il rivenditore, il rischio dell invenduto. Nella pratica si parla di conto deposito; ed è contratto frequente nel rapporto Fra editore e libraio o giornalaio, Fra produttori di articoli di moda o di oggetti di oreficeria e rispettivi rivenditori.

6 Il contratto estimatorio (art c.c.) Col contratto estimatorio una parte (tradens) consegna una o più cose mobili all altra (accipiens) e questa si obbliga a pagare il prezzo, salvo che restituisca le cose nel termine stabilito (art.1556 c.c.). Примечание [A1]: è utilizzato nel commercio al minuto, in cui la vita del prodotto è molto breve tradens accipiens Tradens τ Accipiens α

7 Tale figura contrattuale è assai diffusa nella prassi, specie dei rapporti commerciali tra imprenditori operanti nel settore della distribuzione e della vendita di particolari prodotti a. libri b. pubblicazioni periodiche c. quotidiani d. abbigliamento e. ecc. Col contratto estimatorio, infatti, il venditore al dettaglio paga al suo fornitore soltanto il corrispettivo dei beni che egli abbia venduto, a sua volta, al pubblico entro un certo termine; in tal modo, il dettagliante, potendo restituire al fornitore i beni non acquistati dalla clientela, non corre il rischio dell invenduto.

8 Il contratto estimatorio è un contratto: Reale Oneroso A prestazioni corrispettive a) È reale in quanto si perfeziona nel momento in cui una parte consegna all altra una o più cose mobili b) È a titolo oneroso, in quanto la parte che riceve una o più cose mobili si obbliga a pagare il prezzo, salvo che restituisca le cose c) È a prestazioni corrispettive. Una parte consegna una o più cose. L altra è obbligata a pagare il prezzo, o a restituirle nel termine stabilito

9 Il Disponibilità contratto estimatorio delle cose differisce (art da c.c.) altre figure: Circa gli efetti del contratto, è discusso se l accipiens acquisti la proprietà dei beni consegnati. La legge (art.1558 c.c.) si limita ad attribuirgli la facoltà di compiere alidi atti di disposizione dei beni e su tale dato normativo si fonda la tesi prevalente, secondo cui la proprietà della cosa resta in capo al tradens fino al momento in cui l accipiens alieni la cosa stessa al terzo o la trattenga definitivamente per sè. Примечание [A2]: nei confronti dei terzi, l accipiens agisce, quindi, come dominus In senso contrario, si è osservato che l obbligazione nascente in capo all accipiens, per effetto della conclusione del contratto, è soltanto quella di pagare il prezzo (art.1556 c.c.). Ciò dovrebbe indurre a ritenere che il diritto di proprietà sulle cose si trasferisca immediatamente in capo all accipiens, salva la facoltà per quest ultimo di liberarsi dell obbligazione del prezzo attraverso larestituazione delle cose stesse.

10 Disponibilità delle cose (art c.c.) L attribuzione all accipiens della facoltà di alienare i beni è esclusiva: il tradens, pertanto, non può disporre dei beni dal momento della consegna fino all eventuale restituzione degli stessi (art.1558, 2 comma, c.c.). A garanzia dell obbligazione di pagamento del prezzo, si stabilisce che i creditori dell accipiens non possono sottoporre le cose oggetto del contratto a pignoramento o a sequestro finchè non ne sia stato pagato il prezzo (art.1558,1 comma,c.c.)

11 Restituzione (art c.c.) La restituzione delle cose deve avvenire nel termine stabilito. Laddove le parti non abbiano previsto un termine, questo può essere stabilito dal giudice. Per quel che concerne, invece, il pagamento del prezzo, il termine può essere (o no) previsto dalle parti nel contratto. Tale termine può coincidere (o no) col termine per la restituzione delle cose. In difetto di una previsione contrattuale, si applica l art.1183 c.c.

12 Restituzione (art c.c.) Il contratto estimatorio è un contratto con attribuzioni patrimoniali corrispettive. Si applicano, quindi, gli istituti concernenti tale categoria contrattuale (art.1453,1460,1467,ecc.). Non si applica, invece, la risoluzione del contratto per impossibilità sopravvenuta (art.1463 c.c.) nel caso in cui diventi impossibile la restituzione delle cose nella loro integrità per causa non imputabile all accipiens.

13 Restituzione (art c.c.) In coerenza con l unicità dell obbligazione dell accipiens (pagamento del prezzo) obbligazione che, ai fini dell art c.c. non potrebbe mai divenire impossibile (genus numquam perit) la legge stabilisce che tale impossibilità non influisce sul sinallagma contrattuale: pertanto, l accipiens resta obbligato al pagamento del prezzo (art.1557 c.c.)

14 Il contratto estimatorio differisce da altre figure: a. Dal deposito, perchè l accipiens a differenza del depositario (art.1766c.c.) è obbligato, principalmente, a pagare il prezzo e non a restituire le cose in natura; in caso di restituzione, peraltro, egli deve avere diligentemente custodio la cosa (art.1177c.c.); b. Dalla commissione, perchè l accipiens a differenza del commissionario (art.1731c.c.) non ha l obbligo di vendere i beni; il mandante, peraltro, può revocare l incarico o alienare direttamente i beni; l accipiens agisce, inoltre, nel proprio interesse e non per conto del tradens (l utile consiste nella differenza tra il prezzo di vendita e quello di acquisto dal tradens e non in una provvigione: art.1733c.c.)

Contratto estimatorio

Contratto estimatorio Contratto estimatorio di Walter Giacardi Il contratto estimatorio prevede che una parte (tradens) consegni una o più cose mobili all'altra (accipiens), mentre quest ultima si obbliga a pagarne il prezzo

Dettagli

CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT

CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT Periodico quindicinale FE n. 09 9 agosto 2012 ABSTRACT CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT Il consignment stock agreement è una forma contrattuale di origine anglosassone che si è andata sempre più sviluppando

Dettagli

SEMINARIO DI STUDIO La procedura di acquisto e la gestione dei dispositivi medici impiantabili in conto deposito. Aspetti amministrativi e sanitari

SEMINARIO DI STUDIO La procedura di acquisto e la gestione dei dispositivi medici impiantabili in conto deposito. Aspetti amministrativi e sanitari ASL SALERNO 1 Nocera Inferiore VENERDI 30 MAGGIO 2008 SEMINARIO DI STUDIO La procedura di acquisto e la gestione dei dispositivi medici impiantabili in conto deposito. Aspetti amministrativi e sanitari

Dettagli

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI GLI ACQUISTI DA PARTE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE CON IL SISTEMA DEL CONTO DEPOSITO

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI GLI ACQUISTI DA PARTE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE CON IL SISTEMA DEL CONTO DEPOSITO LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI GLI ACQUISTI DA PARTE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE CON IL SISTEMA DEL CONTO DEPOSITO INDICE GLI ASPETTI FISCALI, CONTABILI ED AMMINISTRATIVI DEL CONTO DEPOSITO

Dettagli

Acquisti da parte delle strutture sanitarie pubbliche con il sistema del conto deposito e il contratto estimatorio

Acquisti da parte delle strutture sanitarie pubbliche con il sistema del conto deposito e il contratto estimatorio Federazione nazionale per le tecnologie biomediche, diagnostiche, apparecchiature medicali, dispositivi medici borderline, servizi e telemedicina La posizione associativa In tema di Acquisti da parte delle

Dettagli

CORSO DI DIRITTO PRIVATO Docente: Sara D Urso

CORSO DI DIRITTO PRIVATO Docente: Sara D Urso CORSO DI DIRITTO PRIVATO Docente: Sara D Urso I CONTRATTI IL DEPOSITO Fonte: Diritto Privato Vincenzo Franceschelli terza edizione Contratti TIPICI IV LIBRO TITOLO III IL DEPOSITO Capo XII (art.1766-1797

Dettagli

CONTRATTO DI LEASING. Con la presente scrittura privata da valere ad ogni. effetto di legge, tra: la... S.p.A. con sede in...

CONTRATTO DI LEASING. Con la presente scrittura privata da valere ad ogni. effetto di legge, tra: la... S.p.A. con sede in... CONTRATTO DI LEASING Con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge, tra: la... S.p.A. con sede in... iscritta presso l Ufficio del registro delle imprese di... al n...., cod. fisc....,

Dettagli

Condizioni internazionali di vendita e fornitura

Condizioni internazionali di vendita e fornitura Condizioni internazionali di vendita e fornitura 1. Generalità a) Le Condizioni Generali di Contratto (di seguito denominate CGC ) disciplinano la collaborazione fra la Warendorfer Küchen GmbH e l acquirente

Dettagli

LA SOMMINISTRAZIONE. NOZIONE. DISTINZIONI.

LA SOMMINISTRAZIONE. NOZIONE. DISTINZIONI. IL CONTRATTO ESTIMATORIO PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 NOZIONE. FUNZIONE. ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA DISCIPLINA.

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T O

A P P R O F O N D I M E N T O A P P R O F O N D I M E N T O IL CONTRATTO DI COMODATO NOZIONE Il legislatore definisce il comodato come il contratto con cui una parte (c.d. comodante) consegna all altra (c.d. comodatario) una cosa mobile

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Consignment stock: profili doganali

Consignment stock: profili doganali Consignment stock: profili doganali 1. Inquadramento generale Il consignment stock è un contratto con il quale beni di proprietà del fornitore (in genere materie prime o semilavorati) vengono trasferiti

Dettagli

I contratti d impresa

I contratti d impresa Nome e Cognome... Classe... Data... (contratti di distribuzione di beni e servizi, contratti di produzione di beni e servizi, contratti bancari e assicurativi, contratti commerciali atipici) autore MARIA

Dettagli

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE CONTRATTO TIPO di AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE 1 CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE Il condominio sito in via.. codice fiscale.., nella persona del sig.., delegato alla sottoscrizione del presente

Dettagli

Condizioni generali di contratto della TAB Austria Industrie- und Unterhaltungselektronik GmbH & CoKG Haider Straße 40, A-4052 Ansfelden

Condizioni generali di contratto della TAB Austria Industrie- und Unterhaltungselektronik GmbH & CoKG Haider Straße 40, A-4052 Ansfelden Condizioni generali di contratto della TAB Austria Industrie- und Unterhaltungselektronik GmbH & CoKG Haider Straße 40, A-4052 Ansfelden 1. Validità delle condizioni di contratto Le seguenti condizioni

Dettagli

C. Singoli Contratti.

C. Singoli Contratti. C. Singoli Contratti. 77. Premessa. Esistono moltissimi tipi di contratti, ciascuno dotato di un peculiare regolamento; bisogna fare la differenza tra contratti tipici e contratti atipici: per i contratti

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO . COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n

Dettagli

MANDATO DI AGENZIA. 2). ZONA, SUE EVENTUALI VARIAZIONI E OBBLIGO DI NON CONCORRENZA. Il presente mandato viene conferito per la seguente zona:

MANDATO DI AGENZIA. 2). ZONA, SUE EVENTUALI VARIAZIONI E OBBLIGO DI NON CONCORRENZA. Il presente mandato viene conferito per la seguente zona: Tra la Ditta... in persona dell'amministratore Sig... con Sede in Via Città P. IVA (PREPONENTE) Ed Il Sig.... residente in Via..... Città... P. IVA... iscritto nel Ruolo Agenti e/o Rappresentanti di Commercio

Dettagli

2) I TITOLI, sebbene intestati a nome della FIDUCIARIA, sono di esclusiva proprietà del FIDUCIANTE il quale ne può sempre disporre pienamente.

2) I TITOLI, sebbene intestati a nome della FIDUCIARIA, sono di esclusiva proprietà del FIDUCIANTE il quale ne può sempre disporre pienamente. [Città, data] Spettabile FIDUCIARIA CAVOUR SRL Piazza della Libertà n. 13 00192 ROMA Rapporto fiduciario n. [ ] / 200[ ] Il sottoscritto [ ] i cui dati identificativi sono sotto riportati (d ora in avanti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA

FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (D.LGS.

Dettagli

I T INTESTAZIONE CONTRATTO. Indirizzo Provincia CAP. CF/P. IVA Tel. Fax INTESTAZIONE FATTURA. Indirizzo Provincia CAP. CF/P. IVA Tel.

I T INTESTAZIONE CONTRATTO. Indirizzo Provincia CAP. CF/P. IVA Tel. Fax INTESTAZIONE FATTURA. Indirizzo Provincia CAP. CF/P. IVA Tel. MO3154 ed. 6 del 01.06.2012 pag 1-5 INTESTAZIONE CONTRATTO CF/P. IVA Tel. Fax INTESTAZIONE FATTURA La posta elettronica certificata (PEC) è uno strumento che permette di dare, ad un messaggio di posta

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA DOCUMENTO DI SINTESI PROVVIGIONE A FAVORE DEL MEDIATORE % ( percento) dell importo del finanziamento deliberato dalla banca o intermediario finanziario, a seguito della

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Premesse Le presenti Condizioni Generali di Vendita ( CGV ) disciplinano tutti gli attuali e i futuri contratti di vendita (ivi incluse le vendite effettuate nell ambito

Dettagli

Per l affidamento della distribuzione dei titoli di viaggio ARST

Per l affidamento della distribuzione dei titoli di viaggio ARST Gara n. 11/08 CIG 015785493B Allegato C) CONTRATTO Per l affidamento della distribuzione dei titoli di viaggio ARST L anno, il giorno del mese di a Cagliari in Via Zagabria n. 54, presso gli uffici della

Dettagli

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Queste clausole e condizioni generali sono valide esclusivamente tra commercianti 1 Luogo dell adempimento, consegna ed

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini.

Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini. Il recupero IVA: condizioni, monitoraggio, termini. Andrea Davide Arnaldi Responsabile area legale di Credit Evolution Studio Legale Arnaldi, Caimmi & Associati Credit Evolution Credit Evolution Credit

Dettagli

Le condizioni generali di contratto

Le condizioni generali di contratto Inserire testo Inserire testo Le condizioni generali di contratto Condizioni generali di contratto e clausole vessatorie: in particolare, la riserva di proprietà A cura dell Avv. Simona Cardillo CONDIZIONI

Dettagli

DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E/O AMMINISTRAZIONE

DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E/O AMMINISTRAZIONE FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E/O AMMINISTRAZIONE Sezione I - Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DEGLI ULIVI - TERRA DI BARI - Società

Dettagli

Avv. Maurizio Iorio. Contratto di Agenzia 1 Domande e risposte. Indice

Avv. Maurizio Iorio. Contratto di Agenzia 1 Domande e risposte. Indice Contratto di Agenzia 1 Domande e risposte 1 Indice (1) Contratto di agenzia: gli errori più ricorrenti commessi dalle aziende nel calcolo dell'indennità di mancato preavviso. Pag. 3 (2) Registrazione di

Dettagli

CAMPOBASSO VOLUME 3: CONTRATTI, TITOLI DI CREDITO.

CAMPOBASSO VOLUME 3: CONTRATTI, TITOLI DI CREDITO. CAMPOBASSO VOLUME 3: CONTRATTI, TITOLI DI CREDITO. PARTE PRIMA : I CONTRATTI CAPITOLO PRIMO: LA VENDITA 1. Nozione. Tipi La vendita è il contratto che ha per oggetto il trasferimento di proprietà di una

Dettagli

Notaio Alessandro Nazari

Notaio Alessandro Nazari Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Notaio Alessandro Nazari Le attribuzioni patrimoniali possono essere realizzate con due diversi mezzi Liberalità DIRETTE o più correttamente

Dettagli

Parte Prima LE OBBLIGAZIONI

Parte Prima LE OBBLIGAZIONI INDICE SOMMARIO Parte Prima LE OBBLIGAZIONI Capitolo I Le obbligazioni 1. La nozione di obbligazione.... 3 2. Le obbligazioni naturali.... 8 3. Complementarità e complessità delle posizioni... 10 4. La

Dettagli

Codice di comportamento degli agenti immobiliari

Codice di comportamento degli agenti immobiliari Codice di comportamento degli agenti immobiliari Approvato con delibera della Giunta camerale n.69 del 29 maggio 2014 Articolo 1 Finalità 1. Il presente Codice di comportamento contiene norme finalizzate

Dettagli

Decisione N. 1233 del 24 febbraio 2015

Decisione N. 1233 del 24 febbraio 2015 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MASSERA (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) NERVI Membro designato da Associazione

Dettagli

DISCIPLINARE DI VENDITA DEI PRODOTTI DEL MERCHANDISING LA SAPIENZA

DISCIPLINARE DI VENDITA DEI PRODOTTI DEL MERCHANDISING LA SAPIENZA ALLEGATO 2 DISCIPLINARE DI VENDITA DEI PRODOTTI DEL MERCHANDISING LA SAPIENZA ALL INTERNO DEL LOCALE DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA OVE SVOLGERE IL SERVIZIO DI GESTIONE DEL CAFFE LETTERARIO Università degli

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Cristiana Maria Schena Membro designato dalla Banca d'italia

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Cristiana Maria Schena Membro designato dalla Banca d'italia COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Cristiana Maria Schena Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla Membro

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO ALLEGATO 4.1 FOGLIO INFORMATIVO Redatto in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell art. 16 della legge 108/1996, del titolo VI del T.U. Bancario e successive

Dettagli

ALTRI MODELLI DI APPROVVIGIONAMENTO: TRANSITO, CONTO DEPOSITO

ALTRI MODELLI DI APPROVVIGIONAMENTO: TRANSITO, CONTO DEPOSITO Corso Interregionale Itinerante a cura dell Area Scientifico Culturale SIFO Logistica in collaborazione con la regione Toscana CORSO BASE: IL PROCESSO DELLA LOGISTICA FARMACEUTICA, PROSPETTIVE E SFIDE

Dettagli

Aperture di credito in conto corrente ordinario NON CONSUMATORI

Aperture di credito in conto corrente ordinario NON CONSUMATORI 04/08/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Aperture di credito in conto

Dettagli

Ciascuno dei FIDUCIANTI ha diritto di chiedere l adempimento per intero delle obbligazioni nascenti dal rapporto fiduciario e l adempimento

Ciascuno dei FIDUCIANTI ha diritto di chiedere l adempimento per intero delle obbligazioni nascenti dal rapporto fiduciario e l adempimento NORME GENERALI 1) Il FIDUCIANTE ha la possibilità di modificare in ogni momento i poteri conferiti e di revocarli, nonché ha la possibilità di impartire in ogni momento istruzioni per il relativo esercizio,

Dettagli

Codice delle obbligazioni

Codice delle obbligazioni Progetto della Commissione del Consiglio degli Stati del 14.11.2013 Parere del Consiglio federale del 14.03.2014 Decisioni del Consiglio nazionale del 17.09.2014 Decisioni del Consiglio degli Stati del

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

È sempre ipotizzabile un preliminare?

È sempre ipotizzabile un preliminare? CAPITOLO QUARTO È sempre ipotizzabile un preliminare? SOMMARIO: 1. Compatibilità (ipotizzabilità, eseguibilità) del preliminare. 2. Mutuo. 3. Costituzione di società. 4. Donazione. 5. Preliminare del preliminare.

Dettagli

Indice. 1 La compravendita ---------------------------------------------------------------------------------------- 4

Indice. 1 La compravendita ---------------------------------------------------------------------------------------- 4 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE LEZIONE VII I CONTRATTI (PARTE I) PROF. VALENTINA SCOGNAMIGLIO Indice 1 La compravendita ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

Inquadramento giuridico e responsabilità

Inquadramento giuridico e responsabilità Proprietario Custode Detentore Inquadramento giuridico e responsabilità Proprietario Proprietà Definizione La proprietà è il diritto di godere e di disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro

Dettagli

Capitolo 4 - LEASING. Sommario

Capitolo 4 - LEASING. Sommario Capitolo 4 - LEASING Sommario Sezione I Leasing mobiliare Definizione Art. 1 Scelta del fornitore 2 Forma del contratto 3 Ordinazione del bene 4 Consegna del bene 5 Legittimazione attiva dell utilizzatore

Dettagli

dei beni acquistati dai consumatori, e cioè i criteri di determinazione del contenuto dell obbligo, gravante sul «venditore»,

dei beni acquistati dai consumatori, e cioè i criteri di determinazione del contenuto dell obbligo, gravante sul «venditore», Non conformità del bene di consumo e responsabilità del venditore La nozione di vendita accolta dal Codice del consumo, comprende tutti i contratti di fornitura di beni di consumo: in primo luogo, dunque,

Dettagli

INCARICO DI MEDIAZIONE PER VENDITA IMMOBILIARE - IN ESCLUSIVA - a...il...c.f......e residente. a...via......n..., tel..., C.F./P.IVA.

INCARICO DI MEDIAZIONE PER VENDITA IMMOBILIARE - IN ESCLUSIVA - a...il...c.f......e residente. a...via......n..., tel..., C.F./P.IVA. INCARICO DI MEDIAZIONE PER VENDITA IMMOBILIARE - IN ESCLUSIVA - ART. 1 - CONFERIMENTO DI INCARICO Con il presente contratto TRA,...nato a...il...c.f......e residente a...via......n..., tel..., oppure Società.,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

CONDIZIONI DI VENDITA FERRAMENTA POINT 1. OGGETTO DEL CONTRATTO ON LINE E SUA DEFINIZIONE ATTENZIONE

CONDIZIONI DI VENDITA FERRAMENTA POINT 1. OGGETTO DEL CONTRATTO ON LINE E SUA DEFINIZIONE ATTENZIONE CONDIZIONI DI VENDITA FERRAMENTA POINT 1. OGGETTO DEL CONTRATTO ON LINE E SUA DEFINIZIONE ATTENZIONE FERRAMENTAPOINT SI RISERVA IL DIRITTO, A SUO INSINDACABILE GIUDIZIO, DI ACCETTARE L ORDINE. L ACCETTAZIONE

Dettagli

Condizioni commerciali generali (AGB)

Condizioni commerciali generali (AGB) Condizioni commerciali generali (AGB) della Knauf AMF GmbH & Co. KG per forniture e prestazioni (01/2014) (1) Campo d applicazione (1.1) Tutte le nostre offerte, accettazioni di ordini e/o tutte le forniture

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA E DI UTILIZZO DEL SITO E-COMMERCE WWW.DEDGY.IT

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA E DI UTILIZZO DEL SITO E-COMMERCE WWW.DEDGY.IT CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA E DI UTILIZZO DEL SITO E-COMMERCE WWW.DEDGY.IT 1. PREMESSA 1. Le presenti Condizioni Generali di Vendita hanno per oggetto la definizione dei diritti e degli obblighi delle

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

A.O.U. Sassari. Pagina 1 di 6 CONTO DEPOSITO

A.O.U. Sassari. Pagina 1 di 6 CONTO DEPOSITO CONTO DEPOSITO 1 - Oggetto Consegna, in Conto Deposito, dei beni di cui alla procedura di gara PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA ANNUALE, IN LOTTI DISTINTI DI ENDOPROTESI TORACICHE DA DESTINARE ALL UNITA

Dettagli

MPS Banca Personale S.p.A. Lecce, Strada Provinciale Lecce Surbo WWW.MPSBANCAPERSONALE.IT. Numero: 5544

MPS Banca Personale S.p.A. Lecce, Strada Provinciale Lecce Surbo WWW.MPSBANCAPERSONALE.IT. Numero: 5544 ÃÃ Ã )RJOLR,QIRUPDWLYR Ã Pag. 1 / 5 &2175$772',3(*12,1)250$=,21,68//$%$1&$ '(120,1$=,21(( MPS Banca Personale S.p.A )250$*,85,',&$ 6('(/(*$/(( Lecce, Strada Provinciale Lecce Surbo $00,1,675$7,9$,1',5,==27(/(0$7,&2

Dettagli

Sezione II CHE COS E LA FIDEIUSSIONE

Sezione II CHE COS E LA FIDEIUSSIONE FOGLIO INFORMATIVO per la garanzia da ricevere denominata fideiussione Questo foglio è suddiviso nelle seguenti sezioni: Sezione I Sezione II Sezione III Sezione IV Sezione V Informazioni sull intermediario

Dettagli

Condizioni generali di Acquisto Tower Automotive Italia

Condizioni generali di Acquisto Tower Automotive Italia I rapporti contrattuali tra il Fornitore e l impresa committente Tower Automotive (di seguito denominata Committente ) sono regolati dalle seguenti CONDIZIONI DI ACQUISTO, salvo quanto eventualmente diversamente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING)

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) GARANZIE Informazioni sulla società di leasing HYPO VORARLBERG LEASING S.p.A. è un intermediario finanziario con sede in: 39100 Bolzano

Dettagli

Voluntary disclosure

Voluntary disclosure S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Gestione post regolarizzazione Voluntary disclosure Milano, 13 febbraio 2015 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA SOCIETÀ FIDUCIARIA EX L.1966/1939

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Roma,05 novembre 2009

Roma,05 novembre 2009 RISOLUZIONE N. 274/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 procedura di reso nella vendita per corrispondenza

Dettagli

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo:

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo: LEASING - NOZIONE > è il contratto con il quale una parte (concedente) concede all altra (utilizzatore) il godimento di un bene mobile o immobile, per un tempo determinato, verso corrispettivo rateale

Dettagli

LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE

LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE 1 LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE 2 Sistema distributivo ante CdA Agenzie in economia: produzione diretta Agente in gestione libera: (art. 2, 1 comma ANA 2003 e L.

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente (Estensore) - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia

COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente (Estensore) - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente (Estensore) - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA Easy Leasing S.p.A. C.so Trieste, 56 00198 Roma - Capitale Sociale 624.000,00 interamente versato - Partita IVA 01466681002 Codice Fiscale 05928280584 R.E.A. Roma 509054 - Intermediario Finanziario iscritto

Dettagli

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO RISOLUZIONE N.15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 18 febbraio 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - polizze estere offerte in regime di libera prestazione dei servizi in Italia. Obblighi di monitoraggio

Dettagli

Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio. Dott. Andrea Bertolotti

Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio. Dott. Andrea Bertolotti Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio Dott. Andrea Bertolotti 1 Sono società fiduciarie e di revisione quelle che si propongono sotto forma d impresa, di assumere l amministrazione

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq Appunti di diritto wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui Contratto di

Dettagli

BENICOMUNI SRL CONCESSIONE COMMERCIALE. - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012 il Comune di Imola ha conferito

BENICOMUNI SRL CONCESSIONE COMMERCIALE. - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012 il Comune di Imola ha conferito BENICOMUNI SRL Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento da parte del Comune di Imola CONCESSIONE COMMERCIALE Atto n. del Premesso che: - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012

Dettagli

Condizioni di Vendita

Condizioni di Vendita Condizioni di Vendita Oggetto del Contratto Le presenti Condizioni di Vendita hanno per oggetto l'acquisto di prodotti e di servizi, effettuato a distanza per mezzo di rete telematica tramite il sito "www.spaziopoesia.it"

Dettagli

Norme del codice civile in materia di Trasporto

Norme del codice civile in materia di Trasporto CAPO VIII Del trasporto SEZIONE I Disposizioni generali Art. 1678 Nozione Col contratto di trasporto il vettore si obbliga, verso corrispettivo (2761, 2951), a trasferire persone o cose (1683 e seguenti)

Dettagli

Termini - condizioni di vendita e Privacy 16/09/2014

Termini - condizioni di vendita e Privacy 16/09/2014 Termini - condizioni di vendita e Privacy 16/09/2014 INTRODUZIONE Significato dei Termini - CONDIZIONI: il presente contratto. - TORNOACASA: sito internet www.tornoacasa.it. Nel termine TORNOACASA è sempre

Dettagli

Codice delle obbligazioni

Codice delle obbligazioni Progetto della Commissione del Consiglio degli Stati del 14.11.2013 Parere del Consiglio federale del 14.03.2014 Decisioni del Consiglio degli Stati del 18.06.2014 Codice delle obbligazioni (Revisione

Dettagli

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari Settembre 2010 Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari (risposta fornita a un associazione di categoria)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

Condizioni di vendita e di consegna

Condizioni di vendita e di consegna Condizioni di vendita e di consegna Le presenti condizioni di vendita e di consegna si applicano soltanto ai commercianti, se il contratto rientra nell esercizio della loro attività commerciale, alle persone

Dettagli

Libretto di deposito nominativo BRUCOCONTO

Libretto di deposito nominativo BRUCOCONTO 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Libretto di deposito nominativo

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

1 - FONTI LEGISLATIVE

1 - FONTI LEGISLATIVE NORME E CONDIZIONI Condizioni generali di contratto di vendita di pacchetto turistico Approvate da Assotravel, Assoviaggi, Astoi, Autotutela, Federviaggio, Fiavet 1 - FONTI LEGISLATIVE La vendita di pacchetti

Dettagli

Avv. Maurizio Iorio 2013

Avv. Maurizio Iorio 2013 Garanzia di legge e garanzia convenzionale sui prodotti venduti ai consumatori Avv. Maurizio Iorio Si conclude con questo elaborato, dedicato alla garanzia, la trilogia di tre articoli dedicata alle principali

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

ResponsabilitÄ solidale nel contratto di trasporto e altre tipologie contrattuali

ResponsabilitÄ solidale nel contratto di trasporto e altre tipologie contrattuali N. 331 del 03.09.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) ResponsabilitÄ solidale nel contratto di trasporto e altre tipologie contrattuali Politiche Sociali,

Dettagli

Condizioni generali di Noleggio

Condizioni generali di Noleggio Condizioni generali di Noleggio 1. Oggetto del contratto Il Contratto ha per oggetto la fornitura del servizio di noleggio di articoli di puericultura e relativi accessori (di seguito Bene o Beni ) tra

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco AFFITTO AZIENDA a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco 1 ASPETTI CIVILISTICI } L affitto d azienda non ha una disciplina ad hoc NORME DEL CODICE CIVILE APPLICABILI : } L art. 2562

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 112 del 30 se embre 2013 "REGOLAMENTO"PER"LA"GESTIONE"DEGLI"OGGETTI"RINVENUTI"NEL"TERRITORIO"COMUNALE"

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO per la garanzia da ricevere denominata pegno. Sezione I

FOGLIO INFORMATIVO per la garanzia da ricevere denominata pegno. Sezione I Questo foglio è suddiviso nelle seguenti sezioni: FOGLIO INFORMATIVO per la garanzia da ricevere denominata pegno Sezione I Sezione II Sezione III Sezione IV Sezione V Informazioni sull intermediario Informazioni

Dettagli

Indice. 1 Contratto a favore di terzo e contratto per persona da nominare ------------------------------ 4

Indice. 1 Contratto a favore di terzo e contratto per persona da nominare ------------------------------ 4 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO LEZIONE LE PRINCIPALI FORME CONTRATTUALI PROF. GIOVANNI SABBATO Indice 1 Contratto a favore di terzo e contratto per persona da nominare ------------------------------

Dettagli

COMUNE DI PRESICCE "CITTA' DEGLI IPOGEI" PROVINCIA DI LECCE AREA AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

COMUNE DI PRESICCE CITTA' DEGLI IPOGEI PROVINCIA DI LECCE AREA AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI PRESICCE "CITTA' DEGLI IPOGEI" Copia PROVINCIA DI LECCE AREA AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO REG. GEN.LE N. 308 DEL 12/06/2015 OGGETTO: Concessione di un ulteriore

Dettagli

Questa pagina contiene le seguenti informazioni:

Questa pagina contiene le seguenti informazioni: I vantaggi della garanzia limitata Apple si aggiungono ai diritti previsti dalla normativa a tutela del consumatore applicabile nel tuo paese. Ai sensi degli articoli 128 135 del Decreto Legislativo n.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Identità del fornitore Tenuta La Novella S.r.l. - Soc. Agr. Via Musignana n. 11, San Polo in Chianti 50022 Greve in Chianti, Firenze, Italia Tel. (+39) 055.8337749 Fax. (+39)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE

FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS. 385 del 1/9/1993 delibera CICR del 4/3/2003) Data decorrenza 10/06/2009 FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DEPOSITO TITOLI A CUSTODIA E

Dettagli

SOTTOTIPI: LEASING DI GODIMENTO E LEASING TRASLATIVO

SOTTOTIPI: LEASING DI GODIMENTO E LEASING TRASLATIVO NOZIONE DI LEASING Il Leasing o locazione finanziaria è una nuova tecnica contrattuale nata per soddisfare una specifica esigenza dell'impresa: quella di disporre dei beni strumentali necessari per l'attività

Dettagli

DISPENSA IN TEMA DI: LA RESPONSABILITA CIVILE (Appunti per aree semantiche)

DISPENSA IN TEMA DI: LA RESPONSABILITA CIVILE (Appunti per aree semantiche) 17 DISPENSA IN TEMA DI: LA RESPONSABILITA CIVILE (Appunti per aree semantiche) Fatto giuridico È qualsiasi evento, naturale o umano, produttivo di conseguenze giuridiche. Esso in particolare costituisce,

Dettagli

Aperture di credito in conto corrente ordinario CONSUMATORI

Aperture di credito in conto corrente ordinario CONSUMATORI 04/08/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Aperture di credito in conto

Dettagli