Il contratto librario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il contratto librario"

Transcript

1 GUIDO SMORTO Il contratto librario Sommario: 1. Considerazioni introduttive. 2. Il contratto librario e i contratti della distribuzione. La distribuzione diretta. 3. La distribuzione indiretta. Il contratto librario come contratto estimatorio. 4. Segue: altre qualificazioni del contratto librario. 5. Il contratto librario e gli accordi regolativi della concorrenza. 1. Con l espressione contratto librario si fa riferimento ad una pluralità di moduli contrattuali la cui strutturazione può mutare in relazione alla specie di libro che deve essere commercializzata ed al sistema di distribuzione prescelto. Ai fini di un suo più preciso inquadramento è necessario, pertanto, tenere conto in primo luogo delle particolarità che valgono a differenziare il libro da tutti gli altri prodotti che vengono scambiati nel mercato, per poi soffermare l attenzione sulle diverse specie di libri e di condizioni del mercato al mutare dei quali mutano anche le forme giuridiche prescelte per la commercializzazione. Secondo una definizione dell UNESCO risalente al 1964, si intende per libro qualsiasi pubblicazione che avvenga a mezzo stampa, a tiratura non periodica e consistente di almeno quarantanove pagine ad esclusione della copertina. Il libro appartiene alla categoria dei beni e servizi che: a) rivestono carattere culturale; b) sono autografici, ossia agevolmente riproducibili, in contrapposizione a quei beni culturali detti allografici, i quali, per le loro modalità di realizzazione, sono insuscettibili di essere prodotti in serie ( 1 ). Si individuano convenzionalmente quattro specie di libro: 1) il libro destinato a soddisfare le esigenze dell istruzione; 2) il libro che possiede un contenuto scientifico o professionale; 3) il libro di particolare pregio culturale; 4) il libro in senso generale, categoria residuale nel cui ambito possono ( 1 ) Questo tratto distintivo del libro consente all editore di recuperare facilmente le spese di produzione e di distribuzione anche tramite una diversificazione tra le varie edizioni di un medesimo libro (si pensi alle versioni hardcover o paperback ). Cfr. van der Ploeg, Beyond the Dogma of the Fixed Book Price Agreement, p. 5, il quale rileva come il costo marginale di pubblicazione di ogni libro sia molto basso.

2 462 CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA ricomprendersi le pubblicazioni dal contenuto più disparato, dai libri di cucina alle guide turistiche, ai bestseller, etc. ( 2 ). Le caratteristiche del singolo libro hanno sicure ricadute sulla conformazione giuridica dei rapporti tra l editore e tutti gli altri soggetti che, a vario titolo, si collocano nella catena distributiva: un libro può, ad esempio, essere destinato ad una grande diffusione o, al contrario, essere volto al soddisfacimento delle esigenze legate a quote di mercato più circoscritte. In funzione di tale diversa destinazione si ricorre all adozione di sistemi di commercializzazione e di distribuzione differenti. È evidente, infatti, che un potenziale bestseller necessita di una rete distributiva molto più capillare rispetto a quella occorrente alla circolazione di un libro la cui funzione principale sia quella, ad esempio, di procurare nuovi adepti ad un determinato partito politico o ad una certa confessione religiosa, o ai libri scientifici o professionali, la cui diffusione avviene in modo prevalente o esclusivo tra gli appartenenti a determinate categorie professionali. Oltre al potenziale bacino di utenza, altre caratteristiche valgono a differenziare le modalità di commercializzazione dei libri. Si pensi, ad esempio, al costante aggiornamento dei contenuti di cui abbisognano i libri c.d. professionali, ed alla conseguente nascita di case editrici estremamente specializzate, da cui la creazione di un sistema distributivo localizzato nei centri in cui determinate attività professionali vengono esercitate in modo preponderante ( 3 ). 2. Esaminiamo dunque i diversi meccanismi distributivi cui in concreto si ricorre per la diffusione e la vendita del prodotto libro. La nozione di contratti di distribuzione rimanda, come è noto, alla multiforme realtà della distribuzione commerciale, cioè, a quel complesso sistema di meccanismi deputati a colmare la distanza tra produzione e consumo ( 4 ). Seguendo questa impostazione, contratto librario è da intendersi come espressione riassuntiva nell ambito della quale ricondurre una ( 2 ) Cfr. Canoy, van Ours e van der Ploeg, The Economics of Books, p. 2. ( 3 ) Con riferimento alla professione forense, un sistema distributivo, invalso negli anni settanta in Nord America, consisteva nel contattare direttamente i singoli professionisti tramite l invio di pubblicazioni giuridiche nelle law firm, la selezione delle quali ai fini dell acquisto non sempre veniva affidata a personale competente, essendo spesso compito delle segretarie svolgere tale mansione. In senso critico nei confronti di tale pratica, cfr. Taylor, New Protection for Lawbook Users, 61 A. B. A. J ss. (1975); Id., Lawbook Consumers Need Protection, 55 A. B. A. J. 553 (1969). ( 4 ) Pardolesi, I contratti di distribuzione, Napoli, 1979, p. 2.

3 SAGGI 463 serie di rapporti fra la casa editrice ed i soggetti di cui questa si avvale nella gestione del sistema di commercializzazione dei libri da essa istituito. Si distinguono, in particolare, sistemi di distribuzione diretta e sistemi di distribuzione indiretta ( 5 ). La c.d. distribuzione diretta comprende tutte quelle fattispecie in cui il libro perviene nella disponibilità dell acquirente finale senza l intermediazione di un operatore professionale, tanto che ciò avvenga tramite lo strumento della vendita a distanza e del commercio elettronico, quanto che ci si avvalga di punti vendita facenti capo direttamente all editore. Nel sistema di distribuzione indiretta, al contrario, il produttore rinuncia alla creazione di una propria rete distributiva, affidando la commercializzazione del prodotto ad uno o più operatori commerciali. La vendita dei beni agli acquirenti finali è, pertanto, il risultato dell attività di un soggetto diverso dal produttore. Il ricorso a sistemi di distribuzione diretta consente al produttore di controllare ogni fase del processo produttivo, inclusa la commercializzazione del prodotto, la quale avviene per il tramite di risorse ed uomini facenti capo alla sua organizzazione. Quanto alla qualificazione del rapporto, nel sistema della distribuzione diretta il produttore stipula ordinari contratti di compravendita con gli acquirenti finali. L importanza di questo sistema di commercializzazione sta crescendo sempre più negli ultimi anni, in larga misura in ragione delle potenzialità offerte dalle tecnologie informatiche: la necessità di avvalersi di intermediari viene eliminata alla radice dall editore mediante l allestimento di vere e proprie librerie virtuali, alle quali l eventuale acquirente finale può accedere tramite un collegamento internet, selezionando, prenotando ed ordinando i singoli volumi ai quali è interessato. I volumi prescelti verranno, poi, recapitati al domicilio del cliente a cura di terzi con i quali la casa editrice ha stipulato apposite convenzioni per la consegna dei libri ai propri clienti. Si tratta di un sistema di distribuzione il cui perno, nel quadro di una contrattazione che avviene necessariamente a distanza, è costituito dal contratto informatico: quel contratto, cioè, concluso dal computer senza il contestuale intervento dell operatore umano, disciplinato dal d.lgs. 9 aprile 2003, n. 70, attuativo della direttiva 2000/31/CE, relativa a taluni aspetti giu- ( 5 ) Sui canali di vendita del mercato librario, si veda, di recente, Peresson, Rapporto sullo stato dell editoria in Italia, Milano, 2003, p. 33 ss.

4 464 CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA ridici dei servizi della società dell informazione, in particolare al commercio elettronico nel mercato interno ( 6 ). Naturalmente, non è escluso, anche se più raro, che un sistema di distribuzione diretta venga realizzato nelle forme tradizionali, attraverso la creazione, più o meno diffusa nel mercato nazionale o comunitario, di librerie da considerarsi alla stregua di mere propaggini dell organizzazione imprenditoriale dell editore. 3. Molto più diffuso appare il ricorso a forme di distribuzione c.d. indiretta. In generale, si ha un sistema di distribuzione indiretta quando il produttore concentra ogni suo sforzo ed attenzione sull attività di produzione, rinunciando alla creazione di una propria rete distributiva, e demanda la commercializzazione del prodotto ad una catena di operatori commerciali, giuridicamente autonomi, operanti su diversi livelli (grossista, dettagliante, ecc.) ( 7 ). Nell ambito della distribuzione indiretta, si distingue, poi, tra canale corto o breve, che ricorre quando il passaggio all utente finale avviene tramite un solo intermediario ( 8 ), e canale lungo, qualora sia prevista la presenza di due o più intermediari ( 9 ). Nelle ricostruzioni dottrinali più risalenti, la multiforme realtà economico sociale compendiata nell espressione contratto librario veniva ricondotta ad unità giuridica tramite il suo inquadramento in un unico tipo contrattuale, fra i vari presenti nel codice civile. La nozione di contratto librario veniva, pertanto, confinata al solo canale breve della distribuzione indiretta, e qualificato come contratto estimatorio. Sulla scorta della prassi all epoca più diffusa, l Accordo economico collettivo per la disciplina del commercio librario del 5 giugno 1935, approvato con Decreto del Capo del Governo del 14 giugno 1935, n. 942, individuava tre diverse forme di ( 6 ) Cfr. Bocchini, La responsabilità civile degli intermediari del commercio elettronico: contributo allo studio dell illecito plurisoggettivo permanente, Napoli, 2003; Gambino, L accordo telematico, Milano, 1997; Clarizia, Il contratto informatico, in Castronovo e Mazzamuto (a cura di), Manuale di diritto privato europeo, vol. II, Milano, 2007, p ( 7 ) Cassano, I contratti di distribuzione, Milano, 2006, p. 8. ( 8 ) Tale sistema si riscontra solitamente in quelle ipotesi in cui il produttore si avvale di commercianti indipendenti, i quali operano come dettaglianti, trattando e vendendo gli articoli del primo in nome e per conto proprio ( 9 ) Cfr. Aa. Vv., I contratti commerciali. Produzione, trasferimento, circolazione, distribuzione e promozione di beni e servizi, in Sirotti Gaudenzi (a cura di), Nuovo trattato di diritto civile e commerciale, Forlì, 2007, p. 162.

5 SAGGI 465 fornitura dei libri: contanti, in conto assoluto ed in conto deposito ( 10 ). Le prime due forme si risolvevano in una semplice compravendita (ordinaria, la prima; a credito a scadenze semestrali, la seconda), ed erano ritenute, pertanto, prive di particolare interesse sotto il profilo scientifico. La terza forma (c.d. in conto deposito), la più diffusa, veniva sussunta nello schema del contratto estimatorio ( 11 ). L inquadramento della fornitura di libri in conto deposito nella figura del contratto estimatorio si fondava sul contenuto materiale del rapporto, nel quale ricorrevano generalmente i seguenti elementi: 1) l invio, da parte dell editore, di uno o più volumi al libraio, perché questi li prendesse in consegna; 2) l obbligo, incombente sul libraio, di vendere i libri al pubblico al prezzo segnato in copertina; 3) l obbligo, posto sempre a carico del libraio, di rimettere all editore alla scadenza stabilita il prezzo dei libri venduti, normalmente diminuito del 25%, in caso di esito positivo dell operazione, ovvero di restituire i libri invenduti all editore; 4) l apposizione di un termine di durata al rapporto, di norma corrispondente ad un semestre ( 12 ). In questa prospettiva, il profilo considerato di importanza prevalente era quello della circolazione dei libri, del loro passaggio, cioè, dalla sfera giuridica dell editore a quella del libraio; mentre rimanevano in ombra gli aspetti normativi del rapporto. La qualificazione del contratto librario come estimatorio determina: 1) l attribuzione del potere di disposizione sui libri al libraio consegnatario il quale li abbia ricevuti dall editore per la rivendita; 2) la permanenza del diritto di proprietà in capo all editore; 3) la traslazione del rischio del perimento per caso fortuito in capo al libraio (cfr. art c.c.); 4) la derivazione del titolo proprietario dell acquirente direttamente dall editore; 5) l impossibilità per i creditori del libraio di rivalersi sui libri consegnatigli dall editore finché il primo non ne abbia pagato il prezzo al secondo ( 13 ). Il ricorso a questo schema contrattuale era considerato preferibile perché attribuisce al rivenditore uno strumento che gli consente di evitare sia il pesante onere economico derivante dall immobilizzo di un cospicuo capitale per l acquisto di tutte le merci necessarie, che il rischio economico del- ( 10 ) Cfr. Neppi, voce Contratto librario, in Noviss. dig. it., vol. IX, Torino, 1963, p In senso analogo, Balbi, Il contratto estimatorio, Torino, 1960, p. 53. ( 11 ) V. Neppi, voce Contratto librario, cit., p ( 12 ) V. Neppi, voce Contratto librario, cit., p ( 13 ) Cfr. sul punto Luminoso, Vendita. Contratto estimatorio, in Buonocore (a cura di), Trattato di diritto commerciale, Torino, 2004, il quale si sofferma sul congegno autorizzatorio creato dalla stipulazione del contratto estimatorio, in virtù del quale si verifica una dissociazione tra proprietà della merce e legittimazione a disporre della stessa.

6 466 CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA l invenduto connaturato al contratto di compravendita ( 14 ). Il produttore, d altra parte, attraverso il ricorso al contratto estimatorio, evita i costi di una distribuzione capillare, e immette sul mercato una quantità tale di beni da rendergli più agevole la conquista dello stesso ( 15 ). Una minore uniformità di vedute si registra, invece, sul versante giurisprudenziale, ove la tesi del contratto librario come contratto estimatorio non ha mai incontrato la stessa fortuna riscossa in ambito dottrinale. La mancanza di un orientamento consolidato al riguardo sembra da attribuire ad una maggiore propensione mostrata dalla giurisprudenza verso un esame approfondito del concreto atteggiarsi del rapporto, nella consapevolezza della variabilità dei moduli negoziali di cui le parti possono avvalersi nel settore del commercio librario. Ai fini di una corretta qualificazione del contratto, sono considerati elementi chiave, tra gli altri, la titolarità dei libri e la previsione di un termine per la loro restituzione: l avvenuto trasferimento della proprietà dei libri in capo al cedente, o la mancanza di un termine per la loro restituzione, sono reputati, ad esempio, elementi in contrasto con la ricorrenza di un contratto estimatorio ( 16 ). In questa prospettiva, il rapporto tra la casa editrice ed il distributore viene ricondotto allo schema del contratto estimatorio o della somministrazione solamente quando sia dimostrata, o non sia stata altrimenti contestata in corso di causa, l autonomia del distributore nei confronti dell edito- ( 14 ) La correttezza di tale impostazione viene ribadita anche dalla dottrina più recente, la quale rileva come il contratto estimatorio, dopo essere stato espressamente regolamentato nel codice del 1942, abbia ricevuto un impiego marginale nella prassi, che se ne è servita nell ambito della circolazione di prodotti di difficile ed incerta collocazione sul mercato, quali, appunto, i libri, il cui successo è indeterminabile a priori ed è legato ad una diffusa e tempestiva presenza nelle vetrine del maggior numero possibile di librerie. Così, ad esempio, Sarale, Il contratto estimatorio. Tra vendita ed atipicità, Milano, 1991, p. 12. ( 15 ) Cfr. Biscontini e Ruggeri, Il contratto estimatorio, Milano, 1998, p. 8 s. ( 16 ) Si veda, ad esempio, Trib. Catania 17 settembre 1985, in Giur. comm., 1986, p. 626, nella quale si afferma che si differenziano dal contratto estimatorio tanto il cosiddetto conto deposito, che prevede la facoltà per la casa editrice di richiedere in qualsiasi momento la restituzione dei libri consegnati al distributore, che il cosiddetto conto assoluto, che si concretizza in una vendita con l eventuale possibilità che la casa editrice accetti la restituzione dei libri invenduti dal distributore. In questo secondo caso, secondo i giudici di merito, si avrebbe, piuttosto, una vendita definitiva, salva la possibilità che la casa editrice accetti, in luogo del corrispettivo, la resa dei libri invenduti da parte del distributore. In senso contrario alla qualificazione in termini di contratto estimatorio del contratto librario, sulla base del rilievo della mancanza, nel caso di specie, della previsione di un termine per la restituzione dei libri, si veda anche App. Catania 29 maggio 1984, in Giur. comm., 1986, p. 619.

7 SAGGI 467 re ( 17 ). In effetti l esclusiva riconduzione allo schema del contratto estimatorio appare alquanto riduttiva, in quanto dimentica, da una parte, dei vari livelli distributivi esistenti nel campo del commercio librario e, dall altra, del tipo di libro la cui distribuzione viene in rilievo. Come detto, l espressione contratto librario rimanda a realtà economiche e giuridiche anche molto diverse tra loro e l analisi condotta in queste pagine testimonia l irriducibilità del complesso di rapporti, sintetizzato con il sintagma contratto librario, ad un unico schema contrattuale ( 18 ). La qualificazione del contratto librario come contratto estimatorio sembra oggi essere limitata all ipotesi delle librerie c.d. olistiche, le quali trattano qualsiasi genere di libro, e delle librerie scolastiche o specializzate non vincolate in modo più intenso con una determinata casa editrice, e presuppone comunque la qualifica di imprenditore del consegnatario della merce; circostanza questa che non si verifica sempre nella prassi ( 19 ). Sembra quindi più opportuno inquadrare giuridicamente il fenomeno in esame in relazione alle caratteristiche in concreto dei diversi tipi di realtà economiche che con l espressione contratto librario si intendono evocare. 4. Con il passare del tempo, i moduli distributivi utilizzati nella prassi per la commercializzazione dei libri si sono moltiplicati, in relazione come detto anche alle c.d. nuove tecnologie, oltre che alle diverse tipologie di libro. Ai fini dell esatta qualificazione delle singole figure che possono essere compendiate nell espressione commercio librario, e della loro distinzione da figure simili, occorre pertanto verificare il legame esistente tra la casa edi- ( 17 ) Assimila il contratto librario ad un contratto di somministrazione, ritenendo che la vendita di libri ad un prezzo inferiore a quello di copertina non integri un inadempimento contrattuale del libraio nei confronti della casa editrice, Trib. Padova, 16 ottobre 1970, in Giur. it., 1971, I, c Più di recente, invece, Cass., 26 aprile 1990, n. 3485, ha ritenuto corretta la qualificazione, operata dai giudici di merito, come estimatorio del contratto con il quale una casa editrice si obbliga con un soggetto a stampare un determinato numero di guide turistiche che quest ultimo avrà diritto di vendere in concessione esclusiva, restando i rapporti di credito-debito tra le parti agganciati alle movimentazioni delle copie nell ambito della costituzione di un deposito da regolarsi al venduto con rendiconti periodici. ( 18 ) Che a livelli distributivi diversi possano corrispondere schemi negoziali differenti è stato affermato dalla giurisprudenza con riferimento al settore merceologico, sotto alcuni profili affine a quello dei libri, dei giornali; cfr., da ultimo, Cass., 17 luglio 2003, n ( 19 ) Sulla qualifica del consegnatario alla stregua di commerciante ai fini dell iscrizione nell apposito albo e del possesso dei necessari titoli abilitativi all esercizio di tale professione, si veda Aa. Vv., I contratti commerciali. Produzione, trasferimento, circolazione, distribuzione e promozione di beni e servizi, cit., p. 327.

8 468 CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA trice ed il soggetto che si interpone fra questa e l acquirente finale, il livello in cui si colloca il singolo operatore nella piramide distributiva, e il grado di esclusività del rapporto intrattenuto tra casa editrice e distributore. La ricostruzione giuridica di ciascuno di tali rapporti comporta difficoltà pratiche non trascurabili, data la possibile presenza di più livelli distributivi e la non sempre agevole collocazione di determinate figure professionali all interno, ovvero all esterno, dell organizzazione imprenditoriale della casa editrice. La scelta di una certa struttura distributiva dipende dal grado di integrazione che il produttore vuole realizzare con il distributore: vi sono contratti di distribuzione compatibili con un elevato grado di autonomia del secondo nei confronti del primo e altri che, invece, implicano una maggiore soggezione alle direttive del produttore ( 20 ). L esatto inquadramento dogmatico di ciascuna figura assume ovvie ricadute in termini di disciplina. La predisposizione di modalità differenti di circolazione dei libri riveste un importanza centrale ai fini del corretto inquadramento del titolo in relazione al quale i libri pervengono dalla sfera giuridica della casa editrice nella disponibilità del distributore: occorre, di volta in volta, stabilire se i libri si trovino nella mera disponibilità del distributore, da considerarsi alla stregua di un semplice incaricato alla rivendita, ovvero se questi ne divenga proprietario. La corretta qualificazione del rapporto rileva anche nella prospettiva di individuare il rapporto di forza tra i contraenti e di contemperare le ragioni dell impresa editoriale con le esigenze di tutela del soggetto solitamente più debole del rapporto, vale a dire l operatore che si inserisce nel circuito della distribuzione. Si pensi al rischio che vengano definiti come connotati della massima autonomia rapporti in cui sono, invece, presenti tutte le caratteristiche della parasubordinazione o, al limite, della subordinazione. Anche se nulla esclude, naturalmente, l esistenza di situazioni in cui, al contrario, sia l impresa editoriale a rivestire il ruolo di soggetto debole del rapporto, come nel caso di una modesta casa editrice al cospetto di un distributore in posizione dominante nel mercato librario. La realtà del commercio dei libri conosce diverse figure professionali create dalla prassi per l apprestamento di un efficace rete di distribuzione indiretta. Alla tradizionale figura del libraio olistico, il quale tratta e vende li- ( 20 ) Una più penetrante soggezione alle direttive del produttore, invece, è caratteristica di quei contratti che danno vita a rapporti di parasubordinazione e, in particolare, ai sensi dell art. 409, n. 3, c.p.c., a rapporti di agenzia, di rappresentanza commerciale ed altri rapporti di collaborazione che si concretino in una prestazione di opera continuativa e coordinata, prevalentemente personale, anche se non a carattere subordinato.

9 SAGGI 469 bri di ogni specie e provenienti da ogni casa editrice, si affiancano le agenzie autorizzate alla rivendita dei libri per conto di una determinata casa editrice, i depositari di libri, i rappresentanti librari, e varie altre figure. Sul piano giuridico, tali soggetti sono spesso riconducibili alle figure disciplinate nelle disposizioni contenute nel Capo IX del Libro IV del codice civile (commissione, agenzia, mediazione). Tali tipi contrattuali si caratterizzano per l instaurarsi di forme di integrazione piuttosto significative dei distributori nell organizzazione imprenditoriale degli editori (si pensi, ad esempio, al ramo dell editoria scientifica, ove si è assistito ad una proliferazione di agenzie autorizzate e di centri di distribuzione della casa editrice ). Questi rapporti sono spesso caratterizzati da clausole di esclusiva mediante le quali ci si impegna a svolgere l attività nei confronti di una sola casa editrice e nell ambito di una zona ben delimitata. Non di rado, poi, il profitto che i distributori traggono dalla loro attività di interposizione assume i connotati di una vera e propria provvigione: di un tipo di remunerazione, cioè, che viene determinato in relazione al volume degli affari del distributore e che comprende anche eventuali rimborsi spese e compensi relativi ad attività accessorie ( 21 ). Ancora, una quota del personale di tali agenzie o centri di distribuzione è spesso incaricato di prestare la propria attività di promozione e di vendita presso appositi stand allestiti in luoghi specifici e di effettuare periodiche visite propagandistiche negli studi professionali ( 22 ). La previsione o meno di tali obblighi vale a conformare in modo differente questi rapporti rispetto al paradigma costituito dal contratto estimatorio e mette in risalto la soggezione del distributore ai penetranti poteri di organizzazione dell attività di rivendita spettanti all editore. Nell ambito della distribuzione indiretta si riscontrano, dunque, moduli distributivi caratterizzati da forme di cooperazione costante tra il produttore ed il distributore, mediante la quale si realizzano forme più o meno intense di integrazione del secondo nell apparato produttivo del primo (c.d. sistemi integrati di distribuzione) ( 23 ). ( 21 ) Sulla nozione di provvigione, da ricavarsi, in mancanza di una definizione codicistica, dall art. 6, par. 2, della direttiva 86/653/CEE del Consiglio del 18 dicembre 1986, relativa al coordinamento dei diritti degli Stati membri concernenti gli agenti commerciali indipendenti, cfr. Aa. Vv., Manuale di diritto della distribuzione, vol. I, Il contratto di agenzia commerciale, Padova, 2007, p ( 22 ) Sempre come attività di promozione può essere considerata la predisposizione di appositi stand in occasione di convegni, spesso occasione per la presentazione di nuovi libri al mondo accademico. ( 23 ) Si parla a tale riguardo anche di distribuzione coordinata, in virtù della quale è possibile, da un lato, coordinare le fasi di produzione e di distribuzione attraverso la stipulazione

10 470 CONTRATTO E IMPRESA / EUROPA In molti di questi rapporti la titolarità dei libri rimane in capo all editore, mentre è attribuito al distributore il potere di concludere contratti per conto del preponente, solitamente nell ambito di un rapporto di agenzia con rappresentanza ai sensi dell art c.c. ( 24 ). Spesso l aspetto relativo alla circolazione dei libri (dalla sfera giuridica del disponente a quella dell acquirente finale per il tramite dell intermediazione del distributore) è destinato ad assumere un rilievo secondario rispetto ai profili normativi dei contratti che tali rapporti istituiscono e regolamentano. In questo tipo di accordi, generalmente, produttore e distributore si impegnano a rispettare le prescrizioni contenute in una convenzione quadro volta a regolare le modalità di acquisto e di rivendita da parte del secondo delle merci prodotte dal primo. Le prescrizioni più diffuse riguardano l obbligo del distributore di acquistare un determinato quantitativo di prodotti in un certo arco di tempo e di promuovere la vendita dei prodotti, e il correlativo obbligo del distributore di osservare le istruzioni del produttore in materia di pubblicizzazione dei prodotti e di praticare determinati prezzi di rivendita. Un ulteriore modalità distributiva, di cui si avvalgono non di rado le varie case editrici, è quella che consiste nell impiego dei cosiddetti propagandisti, vale a dire, di soggetti, incaricati esclusivamente di contattare i potenziali acquirenti dei libri, senza, tuttavia, essere muniti del potere di stipulare contratti in nome della casa editrice e di vendere i libri. Ove sussista la previsione, a carico del distributore, di un obbligo di propagandare i libri della casa editrice, lo schema giudicato maggiormente rispondente alla realtà economica sottostante è quello del contratto atipico di deposito per la vendita in esclusiva. Tale modulo si caratterizza per il fatto che il distributore dei libri, eccezion fatta per l obbligo di propaganda, conserva la propria autonomia nei confronti dell editore, ponendosi, nei confronti di quest ultimo, come un rivenditore autonomo ( 25 ). di una variegata gamma di contratti fra operatori formalmente indipendenti, e, dall altro, consentire una rilevante ingerenza del produttore sul distributore coordinato. Cfr. sul punto, Cassano, I contratti di distribuzione, cit., p. 8. ( 24 ) Nella prassi, tuttavia, avviene che le fatturazioni dei libri consegnati ai clienti siano emesse in nome della casa editrice, anche se materialmente predisposte ed inviate all indirizzo del cliente dall agente. ( 25 ) In questo senso, cfr. Cass., sez. lav., 20 gennaio 2006, n. 1077, in cui si ha cura di precisare che la differenza tra agenzia e deposito per vendita in esclusiva sta nel fatto che l agente si limita a mettere in contatto le parti che stipulano tra loro una vendita (l agente lucra la provvigione) mentre nel deposito per vendita l agente acquista in proprio e rivende a terzi, con obbligo di propagandare la merce, e lucra il differenziale tra prezzo di acquisto e prezzo di rivendita.

11 SAGGI 471 La centralità dell obbligo di propaganda è stato considerato particolarmente significativo nel campo dell editoria scolastica, ramo del commercio librario con esigenze peculiari ed affatto differenti rispetto a quelle che possono sorgere in altri campi dell editoria. Qui sovente si richiede al distributore un attività di promozione che, nell economia del singolo rapporto, assume un ruolo altrettanto importante rispetto a quello rivestito dal profilo concernente la titolarità dei libri. Talvolta, l attività di promozione può rappresentare l unica obbligazione assunta dal distributore, il quale viene, in questa maniera, privato di ogni legittimazione a disporre dei libri dell editore. Con riferimento a questo fenomeno si è talora parlato di un vero e proprio contratto di propaganda libraria: con esso il distributore si vincolerebbe nei confronti dell editore ad effettuare ripetute visite promozionali presso i dirigenti ed il personale docente dei vari istituti scolastici per illustrare a questi ultimi i libri della casa editrice afferenti al suo reparto scolastico. Particolarmente eloquente a tale riguardo è una recente decisione della Corte di Cassazione, nella quale viene giudicata immune da vizi giuridici la ricostruzione della figura del propagandista di testi scolastici effettuata dai giudici di merito, i quali avevano ritenuto detta figura non coincidente con quella dell agente di cui all art c.c. ( 26 ). Più specificamente, ha affermato la Corte che il rapporto intercorrente fra la casa editrice ed il propagandista di testi scolastici o parascolastici, il quale si obblighi a favore della prima a svolgere un attività di promozione editoriale mediante visite a presidi ed insegnanti di una determinata zona, allo scopo di favorire l adozione dei testi stessi e il conseguente acquisto dei libri da parte dei librai, è un rapporto atipico e non inquadrabile nello schema del rapporto di agenzia, in quanto il propagandista, oltre a non stipulare alcun contratto con i clienti della casa editrice, non svolge neppure attività volta alla conclusione di contratti, ponendosi tale conclusione come un fatto esterno all attività di propaganda e, per di più, eventuale. L attenzione rivolta dalla Corte all identificazione dei termini del contratto, al suo contenuto e alle finalità pratiche perseguite dalle parti, si riscontra in modo esemplare, ad esempio, in una pronuncia della Cassazione risalente ai primi anni novanta ( 27 ). La controversia giunta all attenzione della Suprema Corte verteva sul- ( 26 ) Cass., sez. lav., 21 febbraio 2006, n In altre pronunce è preferita la nomenclatura di procacciatore di affari rispetto a quella di propagandista; cfr. sul punto, Cass., sez. lav., 1 giugno 1998, n ( 27 ) Cass., sez. lav., 29 ottobre 1991, n

INDICE SOMMARIO. Abbreviazione delle principali riviste...

INDICE SOMMARIO. Abbreviazione delle principali riviste... INDICE SOMMARIO Abbreviazione delle principali riviste... XI Capitolo 1 AGENZIA E DISTRIBUZIONE COMMERCIALE. NORMATIVA ED ACCORDI ECONOMICI COLLETTIVI. LA DIRETTIVA CEE 86/653 1. La distribuzione commerciale...

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

RUGGIERO CAFARI PANICO. Professore ordinario di Diritto dell Unione europea nell Università degli Studi di Milano

RUGGIERO CAFARI PANICO. Professore ordinario di Diritto dell Unione europea nell Università degli Studi di Milano RUGGIERO CAFARI PANICO Professore ordinario di Diritto dell Unione europea nell Università degli Studi di Milano LE ATTIVITÀ FUNERARIE NEL DIRITTO EUROPEO: IL NUOVO DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA 1. Introduzione.

Dettagli

ISVAP - Istituto di Diritto Pubblico - Legge 12 Agosto 1982, n. 576

ISVAP - Istituto di Diritto Pubblico - Legge 12 Agosto 1982, n. 576 ASSILEA rileva che la presenza della disgiuntiva o avrebbe esteso il concetto di locali dell intermediario anche ai locali che non costituiscono una dipendenza diretta dell intermediario medesimo. Se così

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese 4. L azienda e la concorrenza tra le imprese Di cosa parleremo L azienda rappresenta il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Di essa, pertanto, fanno parte sia

Dettagli

INDICE. Art. 1742 (Nozione) SEZIONE I: LINEAMENTI DELL AGENZIA

INDICE. Art. 1742 (Nozione) SEZIONE I: LINEAMENTI DELL AGENZIA INDICE Art. 1742 (Nozione) SEZIONE I: LINEAMENTI DELL AGENZIA I. - L incarico dell agente 1. «Promuovere la conclusione di contratti» significa renderla possibile. 3 2. Il significato specifico di promuovere.

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

Il licenziamento disciplinare

Il licenziamento disciplinare Capitolo 4 Il licenziamento disciplinare Caso 4.1 Quali sono stati gli effetti della sentenza della Corte Costituzionale n. 204 del 1982? Con più ordinanze del 1976 furono impugnati innanzi alla Corte

Dettagli

La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust

La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust Master in Consulente Legale d Impresa Prospettive Nazionali e Internazionali La Responsabilità Oggettiva della Condotta Antitrust a cura di: Dott.ssa Stefania Palumbo Pagina 1 La responsabilità oggettiva

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 03/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 31/01/2002 Modificato con

Dettagli

Venezia, 9 gennaio 2015

Venezia, 9 gennaio 2015 Venezia, 9 gennaio 2015 Spett.le Compagnia assicurativa Sua Sede Trasmissione a mezzo e-mail Indennità di cessazione del rapporto dell agente Ho esaminato la previsione contrattuale dell accordo che regola

Dettagli

Anche nel caso di ricorso al lavoro a termine è ammissibile lo scorrimento a catena di mansioni.

Anche nel caso di ricorso al lavoro a termine è ammissibile lo scorrimento a catena di mansioni. Lavoro a tempo determinato: ammissibile lo scorrimento a catena di mansioni Cassazione, sez. lavoro, sentenza 24.08.2004 n. 16661 Anche nel caso di ricorso al lavoro a termine è ammissibile lo scorrimento

Dettagli

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n.

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. 581 In termini generali la protezione del diritto d autore del software

Dettagli

ANTITRUST AND CONSUMER LAW BRIEFING n. 2 del 20 giugno 2014 VENDITE ON-LINE E ANTITRUST: RECENTI SVILUPPI IN EUROPA E IN ITALIA

ANTITRUST AND CONSUMER LAW BRIEFING n. 2 del 20 giugno 2014 VENDITE ON-LINE E ANTITRUST: RECENTI SVILUPPI IN EUROPA E IN ITALIA ANTITRUST AND CONSUMER LAW BRIEFING n. 2 del 20 giugno 2014 : RECENTI SVILUPPI IN EUROPA E IN ITALIA SOMMARIO (I) PREMESSA... 1 (II) VENDITE ON-LINE DI PRODOTTI DI MARCA... 2 (III) VENDITE ON-LINE E POLITICHE

Dettagli

Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79

Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del

Dettagli

I contratti di Distribuzione

I contratti di Distribuzione I contratti di Distribuzione Il contratto di distribuzione è una fattispecie atipica ovvero priva di una specifica disciplina legislativa. Molti contratti di distribuzione hanno strutture complesse tali

Dettagli

Contratto estimatorio

Contratto estimatorio Contratto estimatorio di Walter Giacardi Il contratto estimatorio prevede che una parte (tradens) consegni una o più cose mobili all'altra (accipiens), mentre quest ultima si obbliga a pagarne il prezzo

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04 Commissione contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A *******

TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A ******* TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A ******* Il giudice, dott. Claudio Marangoni; sciogliendo la riserva assunta all esito dell udienza dell 11.6.2013 nel procedimento

Dettagli

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e. APPALTI e CONCESSIONI. Europa e Regioni FRANCIA

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e. APPALTI e CONCESSIONI. Europa e Regioni FRANCIA Anno 2012, Numero 634 FRANCIA C C M P (Commissione Consultativa appalti pubblici) Rapporto annuale 2011 Il Rapporto annuale 2011 evidenzia vari temi rilevanti e in particolare: 1) contratti globali : la

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 65/2009 Roma, 31 luglio 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del

Dettagli

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno.

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno. PER POSTA ELETTRONICA Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 luglio 2009 Direzione Centrale Accertamento Alle Direzioni regionali Alle Direzioni provinciali Agli Uffici locali e, p. c., All

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L AGENTE: CENNI STORICI ED INTRODUTTIVI

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L AGENTE: CENNI STORICI ED INTRODUTTIVI CAPITOLO I L AGENTE: CENNI STORICI ED INTRODUTTIVI 1. Origine della figura dell agente nel quadro dei rapporti di distribuzione commerciale e suo inserimento nel diritto positivo italiano....................

Dettagli

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE ---------------------------------------------- 3 2 L INGRESSO IN ITALIA DI BANCHE COMUNITARIE

Dettagli

CORSO INTEGRATIVO Parte 2 La concessione di vendita

CORSO INTEGRATIVO Parte 2 La concessione di vendita UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Diritto per il marketing anno accademico 2013/2014 primo semestre - seconda parte CORSO INTEGRATIVO Parte 2 La concessione di vendita SINONIMI:

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) SANTONI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

Diritto delle Relazioni Industriali

Diritto delle Relazioni Industriali ISSN 1121-8762 Pubblicazione Trimestrale - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (convertito in L. 27/02/2004 n 46) articolo 1, comma 1, DCB (VARESE) Rivista di ADAPT-CENTRO

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 72/2014 del 02.07.2014 OGGETTO: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER ANNI 1 (UNO). IL DIRIGENTE SCOLASTICO

DETERMINAZIONE N. 72/2014 del 02.07.2014 OGGETTO: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER ANNI 1 (UNO). IL DIRIGENTE SCOLASTICO Sede Amm.va Segreteria Viale dei Mille n. 158 47042 Cesenatico (FC) DETERMINAZIONE N. 72/2014 del 02.07.2014 OGGETTO: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER ANNI 1 (UNO). IL DIRIGENTE

Dettagli

I CONTRATTI DI DISTRIBUZIONE (SPUNTI INTERPRETATIVI)

I CONTRATTI DI DISTRIBUZIONE (SPUNTI INTERPRETATIVI) I CONTRATTI DI DISTRIBUZIONE (SPUNTI INTERPRETATIVI) Matteo Bignami 25/05/2010 L unica ragionevole certezza è che ci si vuole riferire ad ipotesi in qualche modo attinenti al processo di distribuzione

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T O

A P P R O F O N D I M E N T O A P P R O F O N D I M E N T O IL CONTRATTO DI COMODATO NOZIONE Il legislatore definisce il comodato come il contratto con cui una parte (c.d. comodante) consegna all altra (c.d. comodatario) una cosa mobile

Dettagli

IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO

IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO composto dai Signori: Dott. Maurizio Massera Presidente del Collegio ABF di Roma Dott. Flavio Lapertosa Presidente del Collegio ABF di Milano Dott. Marcello Marinari Presidente

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale

AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale Relativamente agli aiuti concessi ai Confidi la disciplina 136 rilevante è contenuta nella Comunicazione

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

Nuove norme in materia di accordi verticali

Nuove norme in materia di accordi verticali ANTITRUST Nuove norme in materia di accordi verticali Contenuti 1. Premessa 2. Cosa sono gli accordi verticali 3. Il precedente contesto normativo (Reg. 2790/99) 4. Focus della nuova normativa 5. Conclusioni

Dettagli

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646)

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) LAVORATORE SUBORDINATO GIUDIZIALMENTE DICHIARATO E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) La problematica che si analizza riguarda le ricadute,

Dettagli

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001 1. Premessa La realtà del settore finanziario ha registrato, in particolare negli ultimi anni, una chiara trasformazione della figura del promotore finanziario. Questi infatti, superando l originario ruolo

Dettagli

05 TASSAZIONE DEI LAVORATORI ITALIANI ALL ESTERO

05 TASSAZIONE DEI LAVORATORI ITALIANI ALL ESTERO 05 TASSAZIONE DEI LAVORATORI ITALIANI ALL ESTERO 5.1 CONCETTO DI RESIDENZA Prima di iniziare l esame della tassazione dei lavoratori italiani all estero conviene chiarire il concetto dello status di residente

Dettagli

il giudice designato letti gli atti del procedimento; a scioglimento della riserva di cui al processo verbale d udienza che precede;

il giudice designato letti gli atti del procedimento; a scioglimento della riserva di cui al processo verbale d udienza che precede; Tribunale di Brescia, Sezione Feriale, collegio Giudicante Dott. Augusto Bitonte, dott.ssa Lucia Cannella, dott.ssa Elda Geraci. Ordinanza ex artt. 669 terdecies c.p.c. del 29.12.2007 n. 14558 Argomento

Dettagli

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti.

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti. IL BISOGNO ASSICURATIVO E LA LEGGE FINANZIARIA 2008 (DANNI PATRIMONIALI) L evoluzione dell ordinamento giuridico e dell amministrazione pubblica verso la trasformazione in aziende di diritto privato di

Dettagli

È sempre ipotizzabile un preliminare?

È sempre ipotizzabile un preliminare? CAPITOLO QUARTO È sempre ipotizzabile un preliminare? SOMMARIO: 1. Compatibilità (ipotizzabilità, eseguibilità) del preliminare. 2. Mutuo. 3. Costituzione di società. 4. Donazione. 5. Preliminare del preliminare.

Dettagli

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 28.05.2015 Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Categoria: IVA Sottocategoria: Reverse charge La nuovo normativa concernente

Dettagli

CORTE GIUSTIZIA CE, Sez. IV, C-305/08, del 23 dicembre 2009, CoNISMA CORTE GIUSTIZIA CE, Sez. IV, C-357/06, del 18 dicembre 2007, Frigerio L.

CORTE GIUSTIZIA CE, Sez. IV, C-305/08, del 23 dicembre 2009, CoNISMA CORTE GIUSTIZIA CE, Sez. IV, C-357/06, del 18 dicembre 2007, Frigerio L. CAMBIA LA NOZIONE DI OPERATORE ECONOMICO: LA CORTE DI GIUSTIZIA CONFERMA LA PARTECIPAZIONE ALLE GARE PUBBLICHE DI UNIVERSITÀ, ENTI NO PROFIT, IMPRESE SOCIALI, FONDAZIONI ED ALTRE ORGANIZZAZIONI Nota del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli

INDICE SOMMARIO INDICE SOMMARIO

INDICE SOMMARIO INDICE SOMMARIO INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L AGENTE: CENNI STORICI ED INTRODUTTIVI 1. Origine della moderna figura dell agente nel quadro dei rapporti di distribuzione commerciale - Suo inserimento nel diritto positivo

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 16 aprile 2015, C-42/14

Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 16 aprile 2015, C-42/14 Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 16 aprile 2015, C-42/14 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione della direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre

Dettagli

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 Sezione quarta La retribuzione del professionista Questionario n. 4 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 2. Possono essere derogati i minimi tariffari?...» 31 3. Quali sono le azioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

ORDINANZA N. R.G. 2015/28522

ORDINANZA N. R.G. 2015/28522 N. R.G. 2015/28522 Accoglimento totale del 01/07/2015 TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE Nel procedimento cautelare iscritto al n. r.g. 28522/2015 promosso da: ASSOCIAZIONE MOVIMENTO CONSUMATORI

Dettagli

SPETT.LE COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ART. 2, CO. 26, LEGGE 8.08.1995 N. 335

SPETT.LE COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ART. 2, CO. 26, LEGGE 8.08.1995 N. 335 SPETT.LE COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ART. 2, CO. 26, LEGGE 8.08.1995 N. 335 (TRAMITE INPS SEDE DI ROMA, PIAZZA AUGUSTO IMPERATORE N. 32) Per il sottoscritto Avv.

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia febbraio 2007 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTO ARISTEIA N. 73 LE NOVITÀ

Dettagli

dei beni acquistati dai consumatori, e cioè i criteri di determinazione del contenuto dell obbligo, gravante sul «venditore»,

dei beni acquistati dai consumatori, e cioè i criteri di determinazione del contenuto dell obbligo, gravante sul «venditore», Non conformità del bene di consumo e responsabilità del venditore La nozione di vendita accolta dal Codice del consumo, comprende tutti i contratti di fornitura di beni di consumo: in primo luogo, dunque,

Dettagli

PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO

PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO La questione in esame circa la possibilità di un azione di risarcimento del danno patito a causa del tardivo

Dettagli

Casa Editrice Vallardi, Milano, 1954.

Casa Editrice Vallardi, Milano, 1954. Contratto di sponsorizzazione e sfruttamento del diritto all immagine del minore nello sport dott. Vinella Paolo Giuseppe P&D.IT Un ruolo decisivo nel mondo dello sport ha svolto negli ultimi anni il maggior

Dettagli

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Messa a disposizione di spazi e relative attrezzature: ai fini IVA rileva come prestazione generica della Dott.ssa Cristina Seregni e dell Avv. Giuseppe Rigano L Approfondimento Nella prassi commerciale

Dettagli

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA INFORMATIVA N. 086 28 MARZO 2013 IVA LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA Art. 41, DL n. 331/93 Risoluzioni Agenzia Entrate 28.11.2007, n.

Dettagli

Licenziamento collettivo dei manager

Licenziamento collettivo dei manager Legge europea 2013 bis Licenziamento collettivo dei manager Daniele Colombo - Avvocato Dal 25 novembre 2014 la procedura di licenziamento collettivo di cui alla legge n. 223/1991 interessa anche i dirigenti.

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore)

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) - Prof. Avv. Emanuele Lucchini

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 43 Ammissione al Registro Revisori ex l. n. 132/1997 (Corte Cost. 20.1.2004, n. 35)

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 43 Ammissione al Registro Revisori ex l. n. 132/1997 (Corte Cost. 20.1.2004, n. 35) DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 43 Ammissione al Registro Revisori ex l. n. 132/1997 (Corte Cost. 20.1.2004, n. 35) febbraio 2004 AMMISSIONE AL REGISTRO REVISORI EX L. N. 132/1997 (CORTE COST. 20.1.2004

Dettagli

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE RISOLUZIONE N. 106/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22/04/2009 OGGETTO: Richiesta parere su istanza di rimborso ex articolo 38 del DPR 29 settembre 1973, n. 602 - Danno all immagine Articolo

Dettagli

I profili di criticità legati alla distribuzione assicurativa in regime di libera prestazione di servizi tramite canale agenziale

I profili di criticità legati alla distribuzione assicurativa in regime di libera prestazione di servizi tramite canale agenziale I profili di criticità legati alla distribuzione assicurativa in regime di libera prestazione di servizi tramite canale agenziale Autore: Avv. Alessandro Steinhaus e Avv. Silvia Colombo Categoria Approfondimento:

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO

IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO composto dai Signori: Dott. Maurizio Massera Presidente del Collegio ABF di Roma Dott. Flavio Lapertosa Presidente del Collegio ABF di Milano Dott. Marcello Marinari Presidente

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau.

Ufficio Studi CODAU. Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau. Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau. Richiesta di pareri su quesiti concernenti l individuazione dell

Dettagli

RAPPORTI DI LAVORO NELL IMPRESA SOCIALE. Paolo Puppo Consulente del lavoro in Genova

RAPPORTI DI LAVORO NELL IMPRESA SOCIALE. Paolo Puppo Consulente del lavoro in Genova RAPPORTI DI LAVORO NELL IMPRESA SOCIALE Paolo Puppo Consulente del lavoro in Genova L IMPRESA SOCIALE art. 14 del Dlgs 155/2006 Ai lavoratori dell impresa sociale non può essere corrisposto un trattamento

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO

IL COLLEGIO DI MILANO IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) - Prof.ssa Cristiana

Dettagli

Rivenditori di auto usate: recente sentenza della Corte UE ribadisce l impossibilità di applicare il regime del margine a cura di Luca Caramaschi

Rivenditori di auto usate: recente sentenza della Corte UE ribadisce l impossibilità di applicare il regime del margine a cura di Luca Caramaschi Il Punto sull Iva Rivenditori di auto usate: recente sentenza della Corte UE ribadisce l impossibilità di applicare il regime del margine a cura di Luca Caramaschi Con la recente sentenza datata 19 luglio

Dettagli

IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE

IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE Cendon / Book DIRITTO INTERNAZIONALE PROFESSIONAL IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE Diego Comba Monica Rosano Edizione MAGGIO 2015 Copyright MMXV KEY SRL VIA PALOMBO 29 03030 VICALVI

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 5 del 25 Marzo 2010

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 5 del 25 Marzo 2010 Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N. 5 del 25 Marzo 2010 OGGETTO: OBBLIGO DI RITENUTA SULLE SOMME OGGETTO DI PIGNORAMENTO PREMESSA L articolo 15, coma 2 del decreto Legge 1 luglio

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

Orbene, ai fini della ricostruzione dell andamento del rapporto contrattuale di conto corrente, assume rilevanza, nella specie, innanzitutto la

Orbene, ai fini della ricostruzione dell andamento del rapporto contrattuale di conto corrente, assume rilevanza, nella specie, innanzitutto la Nel caso di contratto di conto corrente bancario concluso prima della legge sulla trasparenza bancaria (l n. 17.2.1992, n. 154, successivamente confluita nel t.u. in materia bancaria 1.9.1993, n. 385),

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE FOGLIO INFORMATIVO

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE FOGLIO INFORMATIVO FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE FOGLIO INFORMATIVO DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (le condizioni di seguito pubblicizzate non costituiscono

Dettagli

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo.

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. - Gabriele Gentilini - La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. Premessa Ambito di applicazione della nuova normativa La conformità al contratto La tutela del consumatore ====================================================

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (CO) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (CO) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (CO) LUCCHINI GUASTALLA (MI) SANTONI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (CO) RONDINONE Membro designato

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y OLANDA CONTRATTI COMMERCIALI IN OLANDA di Avv. Francesco Misuraca Contratto di agenzia Il contratto d agenzia è disciplinato negli articoli 401-445 del Libro 7, Titolo 7, del Nuovo Codice civile olandese

Dettagli

La riregolazione del lavoro a progetto e delle c.d. partite Iva

La riregolazione del lavoro a progetto e delle c.d. partite Iva La riregolazione del lavoro a progetto e delle c.d. partite Iva di Chiara Bizzarro La nozione di progetto Quando il lavoro a progetto è stato introdotto nell ordinamento, nel 2003, due tesi di ordine ricostruttivo

Dettagli

L'AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. VISTO il regolamento del Consiglio n. 1/2003 del 16 dicembre 2002;

L'AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. VISTO il regolamento del Consiglio n. 1/2003 del 16 dicembre 2002; L'AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 9 marzo 2011; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 102 del TFUE;

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Per poter competere con successo nei mercati stranieri è fondamentale la consapevolezza delle regole del gioco, dei rischi da evitare e delle

Dettagli

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Milano 5 dicembre 2011 Il risarcimento del danno da comunicazione scorretta: profili tendenze Cesare de Sapia Risarcimento del danno norme del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli