COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO"

Transcript

1 C O P I A DELIBERAZIONE N. 69 DEL 31/07/2009 Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: PRESENTAZIONE DELLE LINEE PROGRAMMATICHE DI MANDATO RELATIVE AD AZIONI E PROGETTI DA REALIZZARE NEL CORSO DEL MANDATO. L anno 2009 addì trentuno del mese di Luglio alle ore 18:30 nella sala delle adunanze consiliari in seduta pubblica, sessione ordinaria di prima convocazione; Previa l osservanza delle formalità prescritte dal D.Lgs. n. 267 del vennero oggi convocati a seduta i Consiglieri Comunali. All appello risultano: TOSONI ANGELO Sindaco Presente VESENTINI ANDREA Consigliere Comunale Presente MARCONI MARTINA Consigliere Comunale Assente OLIOSI LEONARDO Consigliere Comunale Presente MENINI CESARE Consigliere Comunale - Presidente Presente BONFAINI FRANCESCO Consigliere Comunale Presente VALBUSA VANIA Consigliere Comunale Presente MAZZAFELLI SIMONE Consigliere Comunale Assente DAL FORNO MARCO Consigliere Comunale Presente MOLINARI ANDREA Consigliere Comunale Presente TURRINA GIAMPAOLO Consigliere Comunale Presente BENINI SILVANO Consigliere Comunale Presente MAZZI CORRADO Consigliere Comunale Presente FORNARI VALENTINA Consigliere Comunale Presente LUGO MARIA GRAZIA Consigliere Comunale Presente CORDIOLI NICOLA Consigliere Comunale Presente PASINI FRANCESCO Consigliere Comunale Assente PEZZINI ALBINO Consigliere Comunale Presente SACHETTO FAUSTO Consigliere Comunale Assente VICENTINI GIORGIO Consigliere Comunale Assente MORANDINI GIAN LUCA Consigliere Comunale Presente Presenti n. 16 Assenti n. 5 Assiste all adunanza il Segretario Comunale Sig. PRA DR. GIUSEPPE. Constatato legale il numero degli intervenuti il Sig. MENINI CESARE, assunta la Presidenza, dichiara aperta la seduta ed invita il Consiglio Comunale a discutere e deliberare sopra l oggetto sopraindicato, il cui testo è riportato nel foglio allegato. Copia della presente deliberazione viene trasmessa, a cura dell Ufficio Segreteria, ai Responsabili degli Uffici appresso indicati che ne accusano ricevuta per l attuazione come da firma che segue: Uff. Ragioneria: Uff. proponente: Uff. : Pag.1

2 Il Presidente pone in trattazione la proposta relativa all oggetto. Vista la proposta di deliberazione riguardante: PRESENTAZIONE DELLE LINEE PROGRAMMATICHE DI MANDATO RELATIVE AD AZIONI E PROGETTI DA REALIZZARE NEL CORSO DEL MANDATO. corredata dei prescritti pareri a norma art. 49 D.Lgs n. 267; Entra il consigliere Vicentini. Consiglieri presenti n. 17. Il Sindaco illustra la proposta, e fa poi presente di ritenere accoglibili i seguenti punti ricompresi nelle osservazioni pervenute dai gruppi consiliari: - Gruppo consiliare Valeggio anch io : le parti riguardanti: la realizzazione di un distributore di metano, la Connessione internet ADSL in tutte le frazioni, la realizzazione della circonvallazione in frazione Salionze; - Gruppo consiliare Il Ponte : la parte riguardante Il Difensore Civico. Udito quanto emerso dalla discussione in aula, come sommariamente riportata nel verbale di adunanza ed integralmente conservata agli atti mediante registrazione magnetica a cura della segreteria comunale, a disposizione dei singoli Consiglieri e degli aventi titolo; Preso atto che il consigliere Pezzini dichiara di astenersi dalla votazione; Ritenuta la proposta meritevole di approvazione per le motivazioni in essa indicate, che si recepiscono nel presente provvedimento anche per i fini di cui all art. 3 della Legge 241/1990, con le seguenti integrazioni all allegato A): I TERRITORIO E SOSTENIBILITA AMBIENTALE Alla lettera d) Energia viene aggiunto in fine il seguente comma: Ad ulteriore sensibilizzazione sulla riduzione dell inquinamento potrebbe essere valutata anche la realizzazione di un distributore di metano lungo il percorso del metanodotto ed in posizione strategica rispetto alla viabilità attuale e futura. X FRAZIONI All inizio viene aggiunto: In tutte le frazioni sarà portata la connessione internet ADSL ; Al paragrafo Salionze viene aggiunto all inizio: penalizzata da una forte crescita urbana realizzata senza gli adeguati servizi e soprattutto senza la previsione di un adeguata viabilità, verranno intensificati gli sforzi per attivare al più presto la realizzazione di una circonvallazione che riconsegni ai cittadini una comunità vivibile. XI GESTIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEI SERVIZI COMUNALI Alla fine del primo comma viene aggiunto: A garanzia e tutela dei cittadini viene istituita la figura del Difensore Civico, figura già prevista dall art. 80 dello Statuto Comunale fin dalla sua prima versione, ma mai tradotto in pratica funzionale. Visto il nuovo testo delle linee programmatiche quale risultante con le suddette integrazioni, inserite con carattere corsivo all allegato A) alla presente proposta; Pag 2

3 Effettuata la votazione per alzata di mano ed eseguito il computo dei voti, si ha il seguente risultato: Consiglieri presenti n. 17 Consiglieri astenuti n. 2 (Pezzini - Vicentini) Consiglieri votanti n. 15 Maggioranza n. 8 Voti favorevoli n. 14 Voti contrari n. 1 (Morandini) Il Consiglio Comunale approva la proposta come sopra integrata. Pag 3

4 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI INIZIATIVA DEL SINDACO OGGETTO: PRESENTAZIONE DELLE LINEE PROGRAMMATICHE DI MANDATO RELATIVE AD AZIONI E PROGETTI DA REALIZZARE NEL CORSO DEL MANDATO. Premesso: - che nelle giornate del 6-7giugno si è svolta la consultazione elettorale per il rinnovo del Consiglio comunale e per l elezione del Sindaco; - che in data il Consiglio Comunale ha provveduto alla convalida degli eletti; Visto l art. 46 co. 3 del D.Lgs. n.267/2000; Visto l art. 20 del vigente Statuto Comunale; Ritenuto di dover presentare le linee programmatiche relative alle azioni e ai progetti da realizzare durante il mandato politico amministrativo, così come riportate nel documento allegato sub a al presente atto S I P R O P O N E 1) Di presentare e contestualmente approvare le linee programmatiche relative alle azioni ed ai progetti da realizzare nel corso del mandato amministrativo 2009/2014, come da documento allegato sub A (integrato con carattere corsivo nelle parti aggiunte). IL PROPONENTE F.to Angelo Tosoni Pag 4

5 Allegato A) La legge dello Stato ed il nostro Statuto Comunale stabiliscono che entro 60 giorni dalla data del suo insediamento, il Sindaco presenti, sentita la Giunta Comunale, le linee programmatiche di mandato. Il nostro programma elettorale è stato discusso, approfondito e condiviso con tutti i componenti della nostra lista civica e presentato nei vari incontri tenuti con la popolazione valeggiana che, sulla base di quel programma, ci ha voluto dare la sua fiducia. In questa occasione avremmo potuto selezionare al suo interno alcune priorità, individuando alcuni programmi o progetti particolarmente interessanti. Pur consapevoli che l attuale congiuntura economica internazionale potrà incidere negativamente sulla possibilità di raggiungere tutti i nostri obiettivi, abbiamo deciso di portare all approvazione del Consiglio il nostro intero programma elettorale in quanto siamo convinti che ciascuno degli obiettivi in esso indicati è meritevole di attenzione e di sostegno. Auspico che la situazione economica del nostro territorio e quella nazionale possa nel più breve tempo possibile migliorare dando fiducia alle attività economiche, produttive e sociali del nostro territorio. Mi impegno personalmente e con tutta la Giunta Comunale al mio fianco a fare in modo di utilizzare nel miglior modo possibile tutte le risorse umane e finanziarie di questo Comune per raggiungere i seguenti obiettivi: I- TERRITORIO e SOSTENIBILITA AMBIENTALE a) Riduzione del traffico, meno inquinamento e più parcheggi L accresciuto passaggio di autoveicoli sul territorio comunale, pur essendo sintomo di un forte e compiuto sviluppo, ha contribuito tuttavia ad un peggioramento della qualità della vita relativamente all inquinamento ed alla sicurezza stradale. Allo scopo di alleviare, almeno in parte, questi disagi, ci appare evidente la necessità di realizzare un maggior numero di parcheggi intorno al centro storico, anche gratuiti, con una particolare attenzione ai posti auto per disabili. Verrà inoltre studiata la possibilità di realizzare un parcheggio per camion pullman e camper in zona idonea, in modo da non arrecare disturbo ai residenti nelle zone del centro. Tra i primi obiettivi del nostro programma vi sono, pertanto, nell ordine: L attuazione in modo responsabile, con il coinvolgimento dei cittadini, di un approfondito studio sulla viabilità; La messa in sicurezza di pedoni e ciclisti (è in atto uno studio apposito per la realizzazione del Bici-plan la cui realizzazione avverrà attingendo anche a finanziamenti regionali e comunitari); La realizzazione di rotatorie al fine di snellire e rendere più sicura la circolazione per le vie del paese; L incentivazione di nuove tipologie di trasporto sostenibili, quali l uso della bicicletta (Bike-sharing) e l introduzione del Pedi-bus per accompagnare, partendo da punti di ritrovo predefiniti, bambini e ragazzi alle scuole del paese; Sarà nostro impegno, inoltre, fare pressione sugli enti di competenza (nello specifico la Provincia), al fine di portare a compimento un mirato adeguamento delle strade non comunali di grande percorrenza che attraversano il nostro territorio. In tale ottica cercheremo di ottenere anche, nel più breve tempo possibile, il completamento della tangenziale che partendo dalla rotonda a nord del paese, dovrà congiungere il nuovo ponte sul fiume Mincio. b) Territorio e Urbanistica Il territorio è una risorsa da conservare, per quanto possibile, intatta e quindi è per noi prioritario il recupero del patrimonio edilizio esistente sia privato, sia di proprietà comunale. Per questo proponiamo di migliorare l ambiente di vita del nostro comune conservando, per quanto possibile, tutti gli elementi architettonici ed ambientali tradizionali e di interesse storico che caratterizzano l unicità del nostro territorio. Un comune più bello e sicuro, con maggiori spazi verdi fruibili da tutti e connotato da un adeguato e moderno arredo urbano va a vantaggio non solo dei residenti, ma anche del comparto edilizio e di quello turistico. Perciò, oltre ad arricchire le zone verdi già esistenti nelle aree residenziali con piantumazioni autoctone e con nuove e più moderne strutture d arredo, intendiamo dimensionare anche appositi spazi destinati ai nostri animali domestici. Pag 5

6 Consideriamo, poi, la previsione della crescita demografica un dato molto importante poichè è ad esso che ancoreremo da un lato la quota di espansione edilizia, e dall altro i servizi che il Comune dovrà conseguentemente potenziare per renderli adeguati all incremento della popolazione. Riteniamo, pertanto, che prima di procedere con nuove espansioni edilizie sia indispensabile e responsabile offrire ai valeggiani servizi accessori adeguati e maggiormente fruibili a tutti. Stessa politica adotteremo per le zone produttive: è importantissimo dare la possibilità a chi lavora e a chi produce sul nostro territorio di ampliare le proprie strutture o di potere edificare su nuove aree più adeguate. Occorrerà, tuttavia, prima di procedere in questa direzione, dimostrare la reale necessità di espansione anche allo scopo di poter effettivamente determinare nuove offerte di lavoro. In questo modo la crescita edilizia diventerà controllata e potrà attuarsi con minore spreco di suolo, sarà di maggiore qualità e realmente legata alle necessità socio-economiche del nostro territorio. c) Rifiuti e Ecologia Intendiamo impegnarci fermamente nella lotta contro la disdicevole prassi dell abbandono dei rifiuti in luoghi non idonei (quali cigli stradali, zone in prossimità delle campane di raccolta ed altri ancora) incrementando, in particolar modo, i controlli ed applicando sanzioni più severe. Un altro fenomeno da contrastare, sarà poi quello relativo alla parziale o mancata differenziazione dei rifiuti nelle zone condominiali, più soggette a ricambio di utenze; verrà perciò attuata, in primis, una mirata campagna di sensibilizzazione rivolta sia ai condomini che agli amministratori. Daremo nuovo impulso al servizio di raccolta, anche introducendo nuove forme di incentivazione premiante per gli utenti, allo scopo di ridurre i costi di gestione e la relativa tariffa a carico del cittadino. Realizzeremo la nuova isola ecologica a Salienze, rendendo in tal modo più efficiente il riciclaggio dei rifiuti nel nostro Comune. Riqualificheremo le isole ecologiche già esistenti. Il Comune di Valeggio, insieme ad altri 18 comuni veronesi, con l intervento della Provincia, usufruirà di fondi destinati alla realizzazione di un piano per il ripristino dei valori accettabili di qualità dell aria che attiveremo nel più breve tempo possibile. (Con il primo intervento previsto, verranno periodicamente monitorati i parametri di PM10, o polveri sottili, presenti nell atmosfera. Non prevediamo, quindi, l apertura di nuove discariche per nessun tipo di rifiuti. d) Energia Come previsto dal protocollo di Kyoto e dalla normativa nazionale di attuazione, anche il nostro Comune si impegnerà alla riduzione delle emissioni di gas nell atmosfera e più in generale alla tutela dell ambiente. A tal fine sosterremo sistemi di informazione d educazione che porteranno a sensibilizzare il cittadino verso tali tematiche. Il nostro Comune aderirà al Piano Regolatore dell Illuminazione Comunale (PRIC) con lo scopo di ridurre il consumo energetico e regolamentare, nel contempo, le nuove installazioni anche con l introduzione dell obbligo del posizionamento di lampioni stradali fotovoltaici. Al fine di incentivare la produzione di energia da fonti rinnovabili, la nostra amministrazione concluderà poi, anche attraverso operazioni di intermediazione, appositi accordi con soggetti pubblici o privati che vorranno investire in tal settore mettendo anche a disposizione le aree pubbliche (palazzetto dello sport, mercato ortofrutticolo, ecc), ora non utilizzate. Tali accordi saranno opportunamente finalizzati all installazione di impianti fotovoltaici o solari termici che permetteranno non solo di ottenere un effettivo risparmio sui consumi, ma anche di ottenere interessanti remunerazioni derivanti dai meccanismi incentivanti previsti e regolati dal conto energia. Organizzeremo, inoltre, un apposito sportello InfoEnergie al fine di informare il cittadino sulla possibilità di utilizzare appropriatamente le fonti rinnovabili di energia, usufruendo delle previste incentivazioni ed agevolazioni fiscali in materia. Ad ulteriore sensibilizzazione sulla riduzione dell inquinamento potrebbe essere valutata anche la realizzazione di un distributore di metano lungo il percorso del metanodotto ed in posizione strategica rispetto alla viabilità attuale e futura. e) Ambiente e qualità della vita Al fine di salvaguardare l ambiente naturale e le bellezze paesaggistiche del monte Mamaor in particolare, in Pag 6

7 sede di predisposizione del P.A.T. verranno posti vincoli di tutela e protezione in modo da salvaguardare adeguatamente le aree boschive e i prati aridi, scoraggiando così eventuali interessi finalizzati ad altre prospettive di carattere speculativo. Riqualificheremo, inoltre, la zona ex ICOMEC riprendendo il dialogo col privato titolare dei siti, nell ottica di concretizzare un recupero dell area mirato e compatibile con la zona. La regolamentazione delle cave è di competenza regionale. Il nostro impegno sarà pertanto rivolto alla concretizzazione dell accordo con la regione per il riordino ambientale delle aree comprese nel c.d. progetto cave site nella parte sud di Valeggio (zona Loc Foroni), aggiornando contestualmente il prezziario della ghiaia che potrà essere escavata, al fine di garantire una nuova fonte di introito certo per il nostro comune derivante dalla parte di sua spettanza. f) P.A.T. Il Piano di Assetto Territoriale attualmente è in fase solo preliminare. Il nostro impegno sarà volto alla sua completa pianificazione, in accordo con la Regione, in modo da coniugare, nel rispetto del territorio e della vocazione naturale dei luoghi del nostro Comune, da un lato le esigenze dei privati e dall altro quelle delle attività commerciali e artigianali già presenti o che potrebbero insediarsi. II- SICUREZZA Intendiamo potenziare e migliorare il servizio di polizia locale, realizzando la nuova sede, che potrà ospitare anche la sede operativa del nucleo di Protezione Civile Comunale in modo da coordinare le rispettive attività. Estenderemo il servizio di vigilanza e controllo del territorio comunale anche nelle ore serali. Realizzeremo una nuova stazione per i carabinieri allo scopo di consentire all arma di potenziare l organico in servizio e di migliorare, conseguentemente, tutte le attività di controllo e prevenzione già attivate. Intendiamo, inoltre, estendere la videosorveglianza, migliorando ed incrementando, nel contempo, anche l illuminazione pubblica soprattutto nelle zone dove è minore la percezione della sicurezza (es. luoghi adiacenti ai parchi pubblici, ecc). Per concretizzare l esigenza di legalità molto sentita, introdurremo specifici procedimenti per la concessione dell iscrizione anagrafica (rivedremo i requisiti per ottenere la residenza nel nostro comune). III- SOCIALE a) Promozione e sostegno della Famiglia Riteniamo la famiglia (intesa come società fondata sul matrimonio: art. 29 Costituzione) la risorsa vitale per la società, pilastro fondamentale su cui poggia la comunità. E su tale pilastro che si fonda il sistema educativo e il benessere sociale ed economico. E sempre la famiglia il primo fornitore di tutti quei servizi legati ad ogni fase della vita, quindi è inequivocabilmente identificata come il primo ammortizzatore sociale; ed è per questo che intendiamo porla al centro del nostro programma politico. Vogliamo riconoscere alle famiglie le loro funzioni peculiari, passando dalle obsolete politiche assistenziali per la famiglia, alle politiche della famiglia, attraverso le quali essa possa essere dotata degli strumenti culturali, economici, strutturali e sociali che le possano consentire di svolgere al meglio il proprio insostituibile ruolo. La famiglia è influenzata da tutti gli interventi impliciti o espliciti ad essa rivolti in tutti i settori di attività dell amministrazione (quindi non solo nei servizi sociali, ma anche negli interventi per la casa, la scuola, l educazione e la formazione, l arredo urbano, le tariffe, le tasse, i trasporti, la qualità della vita, la sicurezza, la salute, ecc). Per questo sarà istituita una delega specifica alla famiglia e alle politiche familiari in modo tale da coordinare le politiche che l intera amministrazione compie e, nello stesso tempo, vigilare affinchè la famiglia sia promossa ed effettivamente sostenuta in ogni azione amministrativa. Il primo punto della nostra politica sociale sarà quello di sostenere e tutelare le famiglie in tutti quei settori in cui spesso si sono trovate prevaricate, se non del tutto escluse, a causa di un coordinamento operativo troppo spesso distante dalle reali esigenze della popolazione ed incapace di dare pronte risposte a chi realmente necessita di maggior aiuto. Attualmente l erogazione degli aiuti economici avviene in maniera discrezionale e senza precise regole che definiscano in modo chiaro e trasparente le modalità di accesso alle graduatorie di assistenza ed i parametri per poter beneficiare dei contributi comunali. Introdurremo, perciò, per un principio di oggettività, Pag 7

8 appositi e rinnovati regolamenti al fine di collegare l erogazione di tali aiuti economici a parametri obiettivi e certi, anche rendendo la modalità di erogazione più veloce (passando, se possibile, da un erogazione trimestrale ad un erogazione mensile). Intendiamo, inoltre, modificare tutti i regolamenti attuativi sia per l assegnazione dei servizi sociali (asilo nido, case Ater, alloggi comunali), sia per l ottenimento di contributi o agevolazioni (es. contributo gas metano), privilegiando le famiglie e i cittadini residenti e introducendo, ove possibile, il principio di anzianità di residenza. Tali requisiti verranno annualmente accertati in modo da controllarne la loro effettiva persistenza nel tempo. Un occhio di riguardo, al fine di poter usufruire adeguatamente di questi aiuti, sarà rivolto a coloro che coabitano con i parenti anziani non autosufficienti o malati. Al fine, poi, di informare le famiglie sulle varie agevolazioni e servizi destinati agli anziani, sarà istituito un apposito sportello InformAnziani anche coinvolgendo le associazioni di volontariato che già operano in questo settore, non da ultima l As.Li.Pe.Va. Inoltre crediamo sia divenuto necessario: ripristinare la commissione assistenza, anche al fine di garantire maggiore trasparenza dell operato dell amministrazione, in questo settore, nei confronti della cittadinanza; istituire una consulta per creare una rete di collegamento tra associazioni di volontariato, parrocchia ed enti preposti in modo da coordinare opportunamente tali realtà e realizzare un servizio più efficiente ed adeguatamente indirizzato. In questa direzione, realizzeremo, anche una guida informativa specifica e completa al fine di dare corretta divulgazione sui servizi comunali erogati e sulle modalità per poter accedere a contributi e sovvenzioni. Per prevenire situazioni di degrado che potrebbero portare alla conseguente necessaria attivazione di assistenza diretta, anche tenendo in considerazione le risorse economiche comunali, riteniamo utile e doveroso confermare i requisiti per l iscrizione anagrafica subordinata alla dimostrazione di autonomia economica e previdenziale. Intendiamo aiutare concretamente le famiglie: Erogando un contributo per ogni nato da genitori entrambi residenti (che andrà a sommarsi a quello regionale già esistente); impegnandoci a contenere l onere del trasporto scolastico per la scuola dell obbligo, nel principio di uguaglianza fra gli studenti del capoluogo e quelli delle frazioni; intervenendo e sostenendo organici progetti di formazione rivolti alle coppie ed alle famiglie, oltre che di prevenzione e cura delle situazioni patologiche della famiglia, rendendo concreto e funzionale l S.F.P. (Programma Sostegno Famiglie), tra l altro completamente gratuito poiché interamente sovvenzionato dal Ministero dell istruzione. accertando la possibilità di stipulare accordi con l U.S.L.L. per introdurre un sostegno psicologico o interventi specifici (es. logopedista, psicomotricista, pedagogista, ecc). Riteniamo necessario, inoltre, dare concreto sostegno alle ragazze madri e alle madri separate o sole che si trovino in difficoltà nell accudire i figli, mediante l adozione di soluzioni tipo affido diurno. Attraverso la collaborazione con l U.S.L.L. e con altri Enti saremo, poi particolarmente sensibili nei confronti di quelle situazioni ove sarà necessario il sostegno a minori in situazioni di disagio mediante un adeguato progetto di Appoggio educativo individuale. b) Lotta alle dipendenze Intendiamo fermamente ed ostacolare la diffusione di ogni sostanza stupefacente e l abuso di alcol, soprattutto tra i giovani: Promuovendo, con i servizi socio assistenziali, campagne di informazione atte a diffondere nei giovani comportamenti responsabili e coscienti che facciano maturare la consapevolezza dei rischi connessi all uso di tali sostanze. Incrementando i controlli in collaborazione con le forze dell ordine, il Servizio per le Tossicodipendenze, il mondo della scuola e le associazioni di volontariato. Monitorando costantemente la situazione in modo da poter intraprendere le dovute iniziative di concerto con le Istituzioni a ciò preposte. Consci che questo problema riguarda l intera società, aiuteremo realmente quelle famiglie coinvolte in situazioni connesse alle dipendenze. Pag 8

9 c) Giovani I giovani per noi sono una risorsa, una scommessa ed un nuovo punto di svolta. Le ultime amministrazioni non hanno puntato molto sui giovani, costringendoli così molte volte a ricercare servizi ed attività nei comuni limitrofi. Riteniamo pertanto utile, in collaborazione soprattutto con la Pro Loco: pubblicizzare adeguatamente i servizi e le attività che il nostro comune offre, ma che in pochi effettivamente conoscono (es. Informagiovani, gemellaggi, scambi culturali, ecc); introdurre attività e concorsi che siano maggiormente interessanti per i giovani (ad es. oltre al concorso di poesia fare un concorso di video-pubblicità di Valeggio ed altri ancora, anche su diretto suggerimento); organizzare nuovi e più coinvolgenti eventi (es. il Festival della musica, oltre a mostre ed esposizioni a tema); arricchire l offerta formativa in generale; istituire la Carta Giovani (che darà diritto ad ottenere sconti, vantaggi, e promozioni in diversi contesti ed occasioni). Ci attiveremo, inoltre, per realizzare una Ludoteca con il preciso intento di creare un luogo di aggregazione per giovani alternativo ai pochi già esistenti, con annessa sala prova adeguatamente allestita a disposizione dei gruppi musicali che volessero disporne. Attraverso lo sportello Informagiovani (già esistente) saremo, quindi, pronti non solo a segnalare ed indirizzare, ma anche a cogliere tutti i suggerimenti che proprio i giovani potranno direttamente e liberamente farci pervenire, in modo da ottimizzare il servizio e coinvolgerli direttamente nella pianificazione di eventuali, attività ed iniziative mirate. d) Terza età Condivideremo con l associazione locale (As.Li.Pe.Va), tutte le iniziative ed i progetti di maggior valore rivolti alla valorizzazione della figura e della vita dell anziano. Collaboreremo con le scuole del territorio per realizzare laboratori didattici coinvolgendo direttamente gli anziani, allo scopo di far rivivere e far riscoprire ai ragazzi usanze, arti e mestieri di un tempo. Sempre in quest ottica di collaborazione, introdurremo la Festa dei nonni (il 2 ottobre) in modo da agevolare, in un clima di festa, lo scambio culturale tra tradizione e modernità. Attiveremo, inoltre, uno sportello InformaAnziani. e) Immigrazione Pur consci del valore degli scambi interculturali, un punto primario del nostro programma amministrativo sarà costituito dalla lotta all immigrazione irregolare nel nostro Comune. Controlleremo non solo gli immigrati, ma anche coloro che alimenteranno il mercato del lavoro irregolare, anche con l affitto di immobili ad abusivi, sempre in un ottica del rispetto della legalità e di tutela nei confronti dei soggetti più deboli. Per quanto riguarda invece gli immigrati regolari (circa il 13% della popolazione residente), agevoleremo adeguatamente il loro inserimento nella nostra comunità (tramite ad es. campagne informative multi-lingua, l istituzione della figura del mediatore culturale ed altre iniziative mirate) in modo da permettere loro anche di conoscere opportunamente, e quindi di rispettare, tutti i regolamenti vigenti nel nostro territorio. A tal fine, per i richiedenti la residenza, verranno organizzati appositi incontri informativi sull Ente Locale e l Amministrazione. Costituiremo anche una nuova Consulta per l immigrazione in collaborazione con le associazioni già operanti in tale settore, in modo da monitorare costantemente il fenomeno nell ambito del nostro territorio Comunale e poter conseguentemente organizzare, in tempo utile, interventi ed attività mirate e, ove necessario, anche servizi di supporto. f) Diversamente abili Particolare attenzione verrà prestata al mondo dei diversamente abili, allo scopo di poterli adeguatamente aiutare ad usufruire delle strutture pubbliche, prima fra tutte il palazzetto dello sport. Organizzeremo anche tutta una serie di supporti rivolti alle famiglie che assistono direttamente diversamente abili che presentano patologie particolarmente gravi. Pag 9

10 Attingeremo dai fondi provinciali e regionali le risorse necessarie al fine di eliminare le barriere architettoniche ancora presenti e di ostacolo. Collaboreremo con tutte le associazioni che volessero intraprendere ogni iniziativa a favore delle persone disabili mirata ad un loro un concreto inserimento nel tessuto sociale. IV- SCUOLA Sempre in un'ottica di sollievo economico per le famiglie, attueremo il Progetto Libri a Noleggio per il triennio delle scuole secondarie di primo grado. L'amministrazione si impegnerà, verosimilmente con decorrenza dall anno scolastico , a contribuire per il 60% del prezzo di copertina dei libri; la restante cifra sarà a carico della famiglia. Terminato il primo ciclo triennale, si autofinanzierà un fondo di cassa per i successivi cicli. Per garantire locali adeguati, per alleggerire l'impegno delle famiglie nel trasporto dei propri figli e per rendere la viabilità adiacente alle scuole più sicura e scorrevole, riteniamo utile l attuazione di uno studio di fattibilità mirato all eventuale creazione di un nuovo Polo Scolastico comprendente scuole per l infanzia primarie e secondarie. Tale intervento terrà altresì conto della futura ubicazione della nuova scuola alberghiera. Analizzeremo la possibilità di realizzare una nuova scuola per l infanzia in loc. Salionze. Riteniamo importante la collaborazione con il settore scolastico anche per dare attivazione ad un servizio di consulenza gestito da esperti, come psicologi e psicopedagogisti, al fine di supportare sia i docenti, sia i genitori nel sempre più difficile ruolo educativo che sono chiamati a svolgere. Riteniamo, inoltre, che il progetto doposcuola attualmente in essere, sia da riorganizzare e ridimensionare in collaborazione con realtà già consolidate nel settore e personale qualificato. In questo modo, il servizio sarà maggiormente rispondente alle effettive esigenze e necessità organizzativo-educative e di studio della popolazione scolastica dal momento che potrà prevedere, oltre a momenti di compito-studio ed attività ricreativo-educative, anche la possibilità di usufruire del servizio mensa. V- CITTADINANZA e PARTECIPAZIONE Per cittadinanza e partecipazione intendiamo: Valeggio come laboratorio di idee : crediamo che ai giovani valeggiani laureati e diplomati non debba essere riconosciuto solamente un premio in denaro ed una medaglia, ma debba essere concessa loro la possibilità di portare il proprio contributo e le proprie conoscenze, maturate in tanti anni di studio, a beneficio dell intera comunità. Per questo motivo, valorizzeremo adeguatamente tutti quegli elaborati che saranno attinenti alla promozione, alla riqualificazione ed alla valorizzazione del nostro territorio. Attiveremo incontri periodici con gli abitanti di ogni frazione e quartiere alla presenza di assessori o consiglieri comunali e favoriremo la costituzione di Comitati di quartiere e di frazione. a) Associazionismo Riteniamo le associazioni di volontariato, tutte indistintamente, un grande patrimonio della nostra comunità. Importantissimo è il ruolo delle associazioni nell opera di coesione della comunità e soprattutto nell azione educativa rivolta al mondo giovanile. Valeggio ha dimostrato negli anni una forte e spiccata sensibilità verso il mondo del volontariato, con una massiccia partecipazione a diverse realtà associative riunite ora nella Consulta permanente per il volontariato appositamente istituita alla quale, attualmente, sono iscritte più di 50 associazioni suddivise in 4 ambiti di appartenenza. Crediamo, pertanto, sia indispensabile: consolidare l opera di coordinamento e collaborazione tra le associazioni potenziando e valorizzando ulteriormente proprio la consulta, quale veicolo di vera partecipazione civica alla vita ed alle attività del paese per una crescita comunemente condivisa; destinare spazi e sedi idonee ad ospitare le varie attività associative con il preciso intento di identificare, in un luogo appositamente istituito, una sorta di cittadella del volontariato ; stipulare apposite convenzioni al fine di concretizzare idonee e proficue forme di collaborazione soprattutto con tutte quelle associazioni che garantiscono sul territorio un servizio di pubblica utilità soprattutto di carattere socio-assistenziale. Stringeremo, inoltre, accordi con l As.Li.Pe.Va e con qualunque altra associazione che volesse aderire, per Pag 10

11 consolidare ed allargare il progetto nonno vigile. Intendiamo costituire anche il Gruppo di Protezione Civile Comunale Volontario di fondamentale importanza per il nostro territorio. Saranno inoltre concessi aiuti ed incentivi a quelle associazioni che si occuperanno di ricostruire, ricordare e diffondere verso i più giovani, la personalità storica e culturale della nostra Comunità. b) Sport Lo sport dilettantistico è stato tenuto in secondo piano per troppi anni: ci si è dimenticati spesso che il suo esercizio può essere vera scuola di vita, oltre che veicolo per raggiungere forma e salute fisica e mentale. Pertanto riteniamo importantissimo garantire una sempre maggiore incentivazione della pratica sportiva sul nostro territorio anche ricercando finanziamenti, sponsor e collaborazioni diverse per poterla adeguatamente sostenere nelle sue diverse diramazioni. In tale ottica le strutture sportive, attraverso le varie discipline proposte, dovranno costituire anche spazi per una vera aggregazione capaci di attrarre un sempre maggiore numero di persone, giovani e meno giovani. Rivisiteremo, perciò, le modalità di gestione degli impianti sportivi valutando la possibilità di costituire una nuova forma di collaborazione di tipo pubblico/privato, al fine di garantire una maggiore funzionalità operativa delle strutture ed ottimizzare, nel contempo, anche gli aspetti economico-finanziari-gestionali legati alla conduzione delle stesse. Ricercheremo possibili soluzioni per convertire il campo da tennis coperto, adiacente al Palazzetto dello Sport, in struttura polivalente per ogni tipo di attività indoor, considerando la crescente richiesta di spazi per discipline e per manifestazioni anche extra-sportive. Realizzeremo un idonea struttura, completando la già programmata costruzione del nuovo campo da rugby. Convinti della loro utilità, realizzeremo un collegamento tra attività sportive e programmi di valorizzazione turistica (anche internazionali) e riscoperta storica, con riferimenti eventuali anche ai giochi del passato tipici dei nostri luoghi. Incentiveremo, infine, la diffusione popolare e per ogni fascia di età di manifestazioni ludiche a carattere sportivo non agonistico, rivolte all intera collettività e collegate all ambiente, in modo da attirare anche chi abitualmente non frequenta gli impianti sportivi, con il preciso obiettivo di favorire la riappropriazione degli spazi urbani a disposizione anche in contesti diversi da quelli che solitamente li rappresentano. Collaboreremo, inoltre, con l Associazione Tiro a Segno Nazionale allo scopo da realizzare, a costo zero per il nostro comune, un nuovo tiro a segno che verrà collocato in area idonea. Ci proponiamo di realizzare, infine, la piscina comunale nelle vicinanze degli impianti sportivi già esistenti, in modo da arricchire ulteriormente l offerta sportiva proposta nel nostro comune. VI- TURISMO E PROMOZIONE Un settore verso il quale avremo certamente un occhio di riguardo, sarà quello della cultura tradizionale e della valorizzazione del territorio. Anche per questo, doteremo tutti i monumenti ed i luoghi di interesse storico delle varie zone, di adeguati pannelli esplicativi che riportino indicazioni chiare e precise sulle principali notizie da trasmettere al visitatore e segnaleremo adeguatamente quei percorsi alternativi, solitamente non battuti, che permetteranno di far conoscere scorci di territorio di particolare pregio paesaggistico. Per questi motivi, considerando la Pro Loco lo strumento privilegiato per realizzare questi obiettivi, rafforzeremo con l associazione le sinergie di collaborazione già in essere. Convinti dell eccezionalità dei nostri prodotti tipici e delle peculiarità dei nostri luoghi caratteristici, vero cavallo di battaglia del nostro territorio sia in chiave turistico-culturale che lavorativo-artigianale, creeremo percorsi ed itinerari enogastronomici ben definiti (tipo magnalonga ) allo scopo di far conoscere tutti quei luoghi (corti, cantine, ecc.) ove sia possibile degustare ed acquistare produzioni tipiche e/o assistere a lavorazioni particolari. Organizzeremo, poi, in collaborazioni con tutte le associazioni che vorranno aderire, il Festival del tortellino inteso come momento conviviale ed occasione per conoscere e farsi conoscere maggiormente attraverso il più tipico e conosciuto dei nostri prodotti. In definitiva, il nostro impegno verterà nel promuovere una politica del territorio in armonico equilibrio tra tradizione e modernità, volta al recupero della nostra identità ma contemporaneamente pronta a cogliere e a valorizzare tutte le modificazioni in atto. Crediamo, quindi, in un potenziamento del turismo ed in una promozione sostenibile di tutto quanto possa Pag 11

12 essere realmente evidenziato nell interesse di tutta la comunità. Sosterremo, inoltre, le attività commerciali ed imprenditoriali strettamente connesse al turismo, comunque sempre nel rispetto della qualità della vita dei cittadini. In quest ottica confermeremo, poi, tutte quelle iniziative già tradizionalmente consolidate ed affermate quali, ad esempio, la Cena sul ponte Visconteo, Valeggio Produce, il Mercatino dell antiquariato, la Fiera di San Pietro ecc. Infine, la bellezza dei luoghi e l eccellenza delle iniziative promosse e che tutti ci riconoscono, riteniamo debbano essere una ricchezza per tutti e motore su cui puntare per la rivitalizzazione del paese. VII- CULTURA La propria storia, la propria cultura e la propria lingua fanno di ogni Comunità un bene da tutelare e proteggere, in primis con interventi di natura amministrativa, al fine di valorizzare le proprie peculiarità. La nostra convinzione è che la cultura non debba essere considerata un costo, ma, al contrario, debba essere vista come un vero investimento non solo in ottica turistica e a livello di immagine per il nostro Comune, ma anche come possibilità per il paese di esprimere le proprie sensibilità e le proprie attitudini apportando, quindi, valore aggiunto ad un territorio ed alle sue risorse di per sé già meravigliose. A riprova di ciò: a lavori ultimati, riporteremo la biblioteca comunale nella sua sede originaria all interno del ristrutturato Palazzo Guarienti, con nuovi spazi idonei e dotata di collegamento internet. Riteniamo che la biblioteca possa e debba essere il luogo privilegiato per la realizzazione di eventi culturali, nonché terreno fertile di incontro e confronto; Per fare ciò è indispensabile: Pensare a spazi accoglienti e su misura per bambini, giovani e adulti perché i cittadini non siano avvertiti come semplici utenti, ma come cuore e risorsa di ogni iniziativa; Fornire un supporto competente a bambini, ragazzi, studenti e a chiunque volesse usufruirne in termine di assistenza, attraverso laboratori di pedagogia della lettura, incontri con associazioni culturali ed interventi mirati volti a coniugare cultura, tradizione e volontariato collaborando, per questo, attivamente anche con le scuole del territorio. Implementeremo, quindi, l offerta formativa dell università del tempo libero intendendola non solo come un servizio da assolvere, ma anche come un opportunità di crescita per tutta la cittadinanza avendo avuto la sensazione che purtroppo sino ad ora, non sia stata adeguatamente colta e valorizzata. Crediamo, poi, che una fattiva e vera integrazione generazionale fra valeggiani e nuovi cittadini possa passare solo da una sincera condivisione di radici, anche diverse, per il raggiungimento di nuovi obiettivi comuni. Per questo ci attiveremo per creare occasioni di incontro e di confronto, dove vecchi e nuovi abitanti possano conoscersi, confrontarsi e trovare nuove e proficue forme di collaborazione e di condivisione. VIII- CENTRO STORICO Al fine di conservare il centro storico, predisporremo sostegni ed agevolazioni rivolte ad iniziative di recupero edilizio degli immobili presenti. Le vie esistenti nel centro storico, saranno oggetto di appositi interventi di riqualificazione stradale consistenti nella sistemazione del manto e nel completamento dell arredo urbano. Inoltre, con l obiettivo di incentivare le attività commerciali ed artigianali presenti o che intendessero insediarsi nel centro storico, predisporremo sgravi ed agevolazioni consistenti in una minore imposizione di alcune imposte comunali (es. plateatico ed altre). Riteniamo infine idonea la collocazione degli storici mercati in piazza Carlo Alberto, teatro da sempre dell attività commerciale del nostro paese. Ci attiveremo, inoltre, per promuovere ogni azione preventivamente concertata per recuperare la vivibilità della piazza principale. IX- ZONA ARTIGIANALE Nelle aree produttive (finora abbandonate a sé stesse) arricchiremo le zone verdi esistenti con nuove piantumazioni autoctone oltre che con apposito arredo urbano. Pag 12

13 Creeremo un nuovo collegamento fra Via dell Artigianato e la rotonda a sud della tangenziale. Ci adopereremo per attivare servizi accessori, preventivamente individuati, agli insediamenti produttivi X- FRAZIONI In tutte le frazioni sarà portata la connessione internet ADSL. Borghetto: riqualificheremo l ex stazione, elimineremo (con idonee alternative, tra cui la realizzazione di un attrezzato parcheggio per la sosta dei camper) il parcheggio sul Ponte Visconteo; realizzeremo corsie e marciapiedi per una maggiore sicurezza dei pedoni; riqualificheremo il percorso che scende dal castello verso il centro di Borghetto; sistemeremo il ponte di legno; promuoveremo eventi che possano evidenziare la vocazione storica del borgo. Salionze: penalizzata da una forte crescita urbana realizzata senza gli adeguati servizi e soprattutto senza la previsione di un adeguata viabilità, verranno intensificati gli sforzi per attivare al più presto la realizzazione di una circonvallazione che riconsegni ai cittadini una comunità vivibile. Realizzeremo una nuova scuola per l infanzia; apriremo la farmacia; ci impegneremo a realizzare un sistema viabilistico sostenibile con il diretto coinvolgimento dei residenti; riqualificheremo la zona ex ICOMEC ; completeremo, con marciapiede ed illuminazione, il percorso che dal cimitero porta verso Camalavicina e metteremo in sicurezza l incrocio situato al centro della località (da via Scarpina); per quanto possibile, continueremo la limitazione del traffico veicolare pesante. Santa Lucia: daremo la possibilità alla locale associazione di realizzare un area polifunzionale per gestire adeguatamente gli eventi; riadatteremo il manto del campo sportivo e lo doteremo di impianto di irrigazione e di una piccola gradinata per il pubblico; sistemeremo il collegamento pedonale che dalla chiesa porta all area solitamente utilizzata per la sagra del borgo. Vanoni-Remelli: realizzeremo aree verdi a disposizione della comunità dotate di idonee strutture, al fine di agevolare l aggregazione; studieremo la possibilità di dirottare il traffico pesante su strade a bassa densità abitativa; anche se di recente realizzazione, ripristineremo il manto stradale dell arteria principale gravemente danneggiato; realizzeremo i nuovi impianti sportivi. Foroni: completeremo la pista ciclabile; metteremo in sicurezza i pedoni realizzando adeguati marciapiedi; completeremo l illuminazione pubblica; realizzeremo nuove aree verdi attrezzate per bambini. XI- GESTIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEI SERVIZI COMUNALI Per una maggiore trasparenza nei confronti dei nostri concittadini verrà realizzata un apposita area del sito web del Comune di Valeggio in cui sarà possibile vedere le registrazioni dei consigli comunali. Chi lo vorrà, potrà quindi essere sempre costantemente aggiornato, in maniera diretta e rapida, su tutto quanto deliberato e messo in atto. Sempre a tal fine riorganizzeremo, semplificandolo, il sito web del Comune in modo da agevolarne la navigazione e permettendo agli utenti di esprimere liberamente opinioni, suggerimenti e critiche potendo interagire direttamente con l amministrazione. A garanzia e tutela dei cittadini viene istituita la figura del Difensore Civico, figura già prevista dall art. 80 dello Statuto Comunale fin dalla sua prima versione, ma mai tradotto in pratica funzionale. Valorizzeremo le competenze dei dipendenti comunali secondo un principio di meritocrazia. Dopo 4 anni dall avvio di un idoneo procedimento organizzativo sostenuto da 2 professionisti esterni attiveremo, inoltre, un sistema interno di controllo di gestione autonomamente gestito che possa essere propedeutico ad una verifica attenta e costante dell efficacia e dell economicità di ogni azione amministrativa intrapresa e da intraprendere. XII- AGRICOLTURA Verificheremo la possibilità di stringere accordi sia con Enti Pubblici (regione e provincia), sia con privati allo scopo di incentivare la costituzione di consorzi che possano permettere agli aderenti di adempiere alla normativa nitrati anche attraverso la realizzazione di impianti a biogas per la produzione di energia elettrica opportunamente remunerata e, quindi, denitrificare opportunamente gli effluenti prima dello spandimento su terreni. Valorizzeremo i nostri prodotti agricoli attraverso il sostegno di tutte le iniziative già proposte. Stringeremo sinergie con Enti provinciali e regionali per evidenziare l eccellenza dei nostri prodotti al fine di accrescere la redditività delle famiglie che si impegnano in questo settore e che rappresentano un importante realtà Pag 13

14 economica per il nostro territorio. Sosterremo l iniziativa denominata prodotti km 0. Istituiremo un servizio di consulenza tecnica per la cura di orti e giardini. SOSTENIBILITA ECONOMICO-FINANZIARIA Programmazione e controllo per una nuova autonomia amministrativa. Atteso che le linee programmatiche riportate in questo documento di sintesi esprimono quali potranno essere gli interventi che verosimilmente andremo a sviluppare nel prossimo quinquennio, che per la loro attuazione avranno bisogno di un appropriata e controllata programmazione economico-finanziaria che non può prescindere da una rigorosa ed attenta ottimizzazione delle spese e da una mirata razionalizzazione delle risorse disponibili, non potendo più materialmente contare sulle fonti certe d entrata tradizionalmente accertate ed essendo determinati a non inasprire la pressione fiscale sui cittadini, riteniamo indispensabile trovare soluzioni diverse per reperire altre fonti d introito. Intendiamo quindi istituire, principalmente, un osservatorio finanziario per la ricerca e l individuazione di finanziamenti specifici che potrebbero essere erogati da Regione, Stato e Comunità Europea attraverso specifici bandi. In particolare, proprio in riferimento a quest ultima, le opportunità di accedere ad appositi fondi, anche attraverso la Regione, sono veramente numerose e poiché prevedono la costituzione di partnership internazionali con altri Enti omologhi, si potrà anche sviluppare una fitta rete di rapporti con numerosi soggetti dando un valore aggiunto ad ogni singola iniziativa. E dal momento che i settori per i quali si possono ottenere finanziamenti sono davvero molti ( es. cultura, agricoltura, energie, lavoro, turismo, ambiente e territorio, piccola impresa ed altri ancora) ci attiveremo, avendo le competenze necessarie per farlo, per seguire adeguatamente ogni progetto proponibile ed attivabile. Fremo ricorso, poi, al project-financing (o finanza di progetto), ovvero a modalità alternative di finanziamento di opere e servizi pubblici, suscettibili di gestione economica, attraverso il ricorso a capitale privato. Adotteremo, inoltre, nuove metodologie di programmazione basate su percorsi di decisioni e di azioni rivolte all individuazione ed al conseguimento di obiettivi predeterminati, anche mediante l impiego razionale delle risorse umane e strumentali a disposizione secondo un percorso che porterà ad individuare coerentemente: informazioni mirate (rilevazione), valutazione e selezione dei bisogni pubblici (analisi), individuazione delle scelte (decisioni), attuazione delle scelte (azioni), verifica delle scelte attivate ed eventualmente non attuate (controlli). Secondo questi principi e nell ottica della trasparenza e del confronto saremo in grado di redigere, quindi, anche un appropriato bilancio consuntivo di metà mandato nel quale saranno raggruppati, per singoli settori, tutti i risultati raggiunti o ancora da perfezionare. Attiveremo, infine, un sistema di controllo di gestione interno autonomamente gestito, dopo quattro anni di preparazione con l ausilio di professionisti esterni, che possa essere propedeutico ad una verifica attenta e costante dell efficacia e dell economicità di ogni azione amministrativa intrapresa o da intraprendere secondo il principio costi-risultati. Pag 14

15 Letto, confermato e sottoscritto IL PRESIDENTE F.to MENINI CESARE IL SEGRETARIO COMUNALE F.to PRA DR. GIUSEPPE RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE Copia della presente deliberazione è stata affissa all albo pretorio e vi rimarrà per quindici giorni consecutivi. Addì IL SEGRETARIO COMUNALE F.to PRA DR. GIUSEPPE Per copia conforme all originale ad uso amministrativo. Addì IL SEGRETARIO COMUNALE PRA DR. GIUSEPPE Il sottoscritto Segretario Comunale, visti gli atti d ufficio. A T T E S T A - che la presente deliberazione: [ ] è stata dichiarata immediatamente eseguibile (art comma 4 D.Lgs. n. 267/2000). - che la presente deliberazione è divenuta esecutiva il [ X ] decorsi 10 giorni dalla pubblicazione. Addì IL SEGRETARIO COMUNALE PRA DR. GIUSEPPE Pag 15

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli