COMUNE DI GORLE - BG. P.R.I.C. Piano Regolatore Illuminazione Comunale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI GORLE - BG. P.R.I.C. Piano Regolatore Illuminazione Comunale"

Transcript

1 STUDIO TECNICO PELLICONI Via Frizzoni, BERGAMO Tel. e Fax 035/ COMUNE DI GORLE - BG P.R.I.C. Piano Regolatore Illuminazione Comunale IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA Bergamo,

2 PIANO DI ILLUMINAZIONE 1 - Premessa Pag Inquadramento Territoriale " Illuminazione del territorio: censimento e stato di fatto " Classificazione della viabilità " Pianificazione adeguamenti " Interventi - considerazioni - piano di manutenzione " 9 Relazione 1 PRIC

3 1 Premessa Il P.R.I.C. si deve prefiggere i seguenti obiettivi: 1) la limitazione dell inquinamento luminoso e ottico; 2) il risparmio energetico; 3) l economia gestionale; 4) l adeguamento alle normative elettrotecniche ed illuminotecniche; 5) la sicurezza delle persone e della viabilità; 6) valorizzazione dell ambiente urbano. La normativa di riferimento è la seguente: - Norma UNI Illuminazione stradale - Norma UNI EN Illuminazione stradale - Norma UNI EN Luce e illuminazione. Illuminazione dei posti di lavoro. Parte 2: Posti di lavoro in esterno - Norma UNI EN Luce e illuminazione. Illuminazione di installazioni sportive - Norma CEI Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua - Norma UNI EN 40 - sulle caratteristiche meccaniche e calcoli dei pali - Norma UNI sulle barriere di sicurezza - Norma CEI sulle distanze dalle linee aeree e calcolo di pali e fondazioni - Norma CEI per i distanziamenti dalla sede stradale - LR 17/2000 del Misure urgenti in tema di risparmio energetico ad uso di illuminazione esterna e di lotta all inquinamento luminoso - Delibera 7/2611 del Aggiornamento dell elenco degli osservatori astronomici in Lombardia e determinazione delle relative fasce di rispetto - Delibera 7/6162 del Criteri di applicazione della LR n. 17 del LR 38/2004 del Modifiche ed integrazioni alla LR n Delibera 8950 BURL 33 del Linee guida regionali per la realizzazione dei piani comunali dell illuminazione - DLgs n Nuovo codice della strada - DM n Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade - DM Norme tecniche per le costruzioni (per il calcolo di pali e fondazioni) Una serie di istruzioni tecniche per la progettazione, l omologazione e l impiego delle barriere stradali di sicurezza: - DM n DM DM DM DM n Direttiva Ministeriale Relazione 2 PRIC

4 2 Inquadramento territoriale Inquadramento territoriale Il Comune di Gorle è situato in territorio pianeggiante e confina con i seguenti Comuni: Bergamo - Ranica - Torre Boldone - Scanzorosciate - Pedrengo - Seriate Dati rilevati: - abitanti superficie 2,4 km2 - densità abitativa 2109 ab/km2 - altezza territorio 268 mt sopra il livello del mare Cenni storici ed evoluzione storica dell illuminazione sul terriotorio comunale Il territorio comunale nonostante gli impianti datati ha installato: - quasi esclusivamente lampade al sodio alta pressione ( il 94% del totale delle lampade ), con alta efficienza luminosa ( con un valore medio di tutto l impianto di 83,72 lm/w ) - molti apparecchi di illuminazione che pur non rispettando la LR 17/00 emettono prevalentemente il flusso luminoso verso il basso - la regolazione del flusso luminoso su tutti i circuiti Nel Comune ci sono 1312 punti luce Aree omogenee Viene fornita la Tavola Dis. 1 allegata che raffigura le varie aree Zone di protezione dall inquinamento luminoso Il Comune di Gorle ricade nella fascia di rispetto degli osservatori astronomici, ed esattamente è quello di Brera di Merate (LC), come indicato nell elenco della Deliberazione Giunta Regionale 11 Dicembre N 7/ Aggiornamento dell elenco degli osservatori astronomici in Lombardia e determinazione delle relative fasce di rispetto. Relazione 3 PRIC

5 3 Illuminazione del territorio: censimento e stato di fatto E stato fatto il censimento di tutti i punti luce del Comune individuando: - lo stato dell illuminazione pubblica esistente - la conformità legislativa - lo stato dei quadri elettrici e compatibilità con le norme di settore Il tutto riportato in una serie di Tabelle allegate richiamate con le lettere A - B - C - D - E - F che riguardano lo Stato di Fatto Esistente e più precisamente: Tabella A Individua le varie strade o ambiti particolari raggruppate sotto le varie Cabine di Trasformazione. In queste tabelle sono riportate tutte le caratteristiche dei vari centri luminosi: - tipo di applicazione del corpo illuminante; - tipo di corpo illuminante; - rispondenza alla LR 17/00; - tipo e potenza della lampada; - altezza del punto luminoso dal piano stradale; - altezza e diametro dei pali di sostegno; - interdistanza tra i pali o dei punti di riferimento. Tabella B Individua il numero delle sorgenti luminose suddivise nelle varie Cabine in funzione delle caratteristiche e potenza delle varie lampade. La tabella riepilogativa fornisce: - il numero totale dei centri luminosi; - la potenza complessiva installata. Tabella C Individua Cabina per Cabina le sorgenti luminose indicando: - la potenza e caratteristiche delle varie lampade; - numero delle sorgenti luminose; - il flusso luminoso delle varie lampade; - il flusso totale; - la potenza totale; - il rapporto flusso/potenza dei punti luce; - l incidenza delle varie sorgenti luminose sul totale di ogni impianto; - il totale per ogni Cabina del numero, del flusso luminoso, della potenza e il rapporto flusso/potenza. Una tabella riepilogativa fornisce di ogni cabina: - il flusso totale; - la potenza totale; - il rapporto flusso/potenza. Un altra tabella riepilogativa di tutte le cabine fornisce: - il numero di ogni tipo di lampada per ogni cabina; - il numero di ogni tipo di lampada totale di tutte le cabine; - l incidenza di ogni tipo di lampada sul totale di tutte le cabine. Tabella D Individua Cabina per Cabina le caratteristiche strutturali dei vari centri luminosi quali: - tipo di apparecchio illuminante: stradale, lampione, lanterna, proiettore, plafoniera; - tipo di sostegno: palo, torrefaro, mensola, braccio; con una tabella riepilogativa riportante le quantità di ogni componente e l incidenza percentuale sul totale dell impianto. Relazione 4 PRIC

6 Tabella E Individua lo stato dei quadri o Cabine elettriche installati a monte dei vari impianti, precisando nel contempo la presenza delle protezioni dei circuiti e la messa a terra. Tabella F Indica la classificazione illuminotecnica delle Strade e Ambiti particolari ricavata da progetti esistenti (dove è stato possibile) con i relativi dati illuminotecnici (luminanza, illuminamento), nonchè la classe di progetto e l eventuale idoneità al P.R.I.C.. L idoneità al P.R.I.C. è in riferimento alle Tabelle A dove è indicato se rispondente alla Legge Regionale 17/00 e alle Tabelle G - H - I. In questa tabella vi sono dei dati non coerenti con il PRIC, ma si riferiscono a progetti in cui è stata adeguata l armatura nei confronti della LR 17/00, mantenendo però l impianto elettrico esistente, i pali esistenti e la loro posizione, pertanto pur non avendo un valore di candele (cd) idoneo al tipo di strada, e poichè questo risulta superiore al valore minino da rispettare, e quindi non a scapito della sicurezza stradale, è stato indicato che è conforme al PRIC. Viene fornita la Tavola Dis. 2 in allegato indicante tutti i punti luminosi. Relazione 5 PRIC

7 4 Classificazione della viabilità La classificazione illuminotecnica delle strade deve far riferimento a: - Dlgs 30 aprile 1992 n DM 5 novembre 2001 n Norma UNI Norme UNI E normativa vigente in fase di realizzo di nuovo progetto. Nella Norma UNI viene detto: La classificazione della strada deve essere comunicata al progettista dal committente o dal gestore della strada, valutate le reali condizioni ed esigenze Mancando la precisa classificazione delle categorie delle strade da parte del Comune, che peraltro, secondo la normativa, non è di responsabilità del progettista illuminotecnico, i tecnici comunali, per detto piano hanno: - evidenziato quali sono le stade provinciali SP - dichiarato che tutte le altre proprie strade sono di categoria F, aggiungendo che i parametri di influenza piuttosto che zona 30 possono variare, pertanto la classificazione risulta generica; Una migliore e più mirata classificazione, in funzione delle realtà in essere, potrà essere effettuata in futuro con le nuove fasi di progetto illuminotecnico. Anche perchè il Comune, in considerazione delle caratteristiche non completamente negative degli impianti, difficilmente effettuerà l intera ed immediata sostituzione Si evidenzia che le Linee Guida della Regione Lombardia (vedi Allegato 1 punto 5 tabella della classificazione stradale e Allegato 6 tabella 2) sono in contrasto con il DM 6792 del 5 nov (tabella 3.4.a). Infatti è diverso il numero di corsie indicate. Esempio: Strada urbana di scorrimento D - limite velocità 50 km/h Per il DM numero corsie per senso di marcia 1 o più Per la Regione Lombardia - numero corsie per senso di marcia 2 E evidente che la Regione Lombardia spinge molto per la riduzione dell inquinamento luminoso a prescindere da normative e leggi. La LR 17/00 imponeva la sostituzione dei corpi illuminanti. Ovviamente solo con questo provvedimento potrebbe risultare che l impianto non sia rispondente alla classificazione definitiva di progetto (PRIC): vedi categoria illuminotecnica. Da oggi in poi per gli impianti di illuminazione si dovrà fare riferimento a questa classificazione introducendo i vari parametri di influenza che saranno presenti al momento del nuovo progetto I progetti realizzati dopo il 2000, riguardanti l adeguamento degli impianti esistenti, hanno considerato essenzialmente il cambio delle armature e relativi componenti nel rispetto della LR 17/00 mantenendo i pali e l impianto elettrico esistenti, per non incorrere in costi troppo elevati, anche nel rispetto delle richieste dell Amministrazione Comunale Prima di oggi la classificazione delle strade non era ben chiara. Mancando una Classificazione delle strade del Comune, il professionista elettrotecnico ha classificato la strada in maniera forse non perfetta, secondo una sua interpretazione. La normativa di riferimento è varia ed è uscita in tempi diversi creando non sempre chiarezza: - Legge Regionale 17/00 e 38/04 - Norma UNI del 2001 parla di Indice illuminotecnico vedi All. 6 RL - Norma UNI del 2003 parla di Categoria illuminotecnica ME-CE-S - Linee Guida Regione Lombardia (che considera ancora la UNI 10439) - Norma UNI del 2007 parla di Categoria illuminotecnica ME-CE-S Risulta pertanto che oggi alcune strade o ambiti particolari potrebbero essere non proprio in linea con la nuova classificazione. Relazione 6 PRIC

8 4.6 - E stata effettuata una classificazione illuminotecnica delle strade e ambiti particolari del territorio comunale, individuando solo la categoria illuminotecnica di riferimento e successivamente, solo in fase di progetto, dovrà essere definita dal progettista una eventuale categoria di progetto ed esercizio diversa, oppure se indivuare delle zone di studio, il tutto secondo normativa vigente. Il tutto riportato in una serie di Tabelle allegate richiamate con le lettere G - H. Si evidenzia che nella categoria di progetto tra i parametri di influnza vi è anche quello del colore della luce, cioè del tipo di sorgente luminosa adottata in fase di progetto: - con indice di resa dei colori superiore o uguale a 60 si può ridurre la categoria illuminotecnica - con indice di resa dei colori inferiore a 30 si deve aumentare la categoria illuminotecnica La lampada Sodio Alta Pressione (SAP) ha un indice di resa colori inferiore a 30, ma offre una resa lm/w più alta rispetto alle altre. La sorgente a Led ha un indice di resa colori superiore a 60, oggi offre una resa lm/w di poco superiore a quelle al Sodio Alta Pressione (SAP), ma con costi dell apparecchio decisamente superiori. Questa tecnologia è in continua evoluzione; si assiste di anno in anno ad un continuo miglioramento delle resa lm/w ed ad un continuo abbattimento dei costi. Nel giro di pochissimi anni potrebbe essere la soluzione economica e tecnica nettamente vantaggiosa rispetto ad altre, con la possibilità di essere adottata in fase di progettazione per i nuovi impianti e per quelli da adeguare. La resa dei colori (Ra) non è stato evidenziato nelle Tabelle G - H, ma dovrà esserne tenuto conto in fase di progetto. Esse dovranno essere utilizzate in futuro per tutti i Progetti, sia per gli impianti nuovi che per quelli da adeguare e comprendono: Tabella G Viene definita la classificazione illuminotecnica delle Strade con i parametri stabiliti dal Codice della Strada (Dlgs 30 aprile 1992 n. 285), dal D.M. 5 novembre 2001 n e dalla Norma UNI quali: a) Categoria della Strada b) Categoria illuminotecnica di riferimento; c) presenza o meno di particolari caratteristiche che possono diminuire o aumentare la Categoria indicata in b); d) Categoria illuminotecnica rettificata in considerazione di un flusso di traffico pari al 100%. Tabella H Viene definita la classificazione illuminotecnica degli Ambiti particolari quali: - incroci, svincoli, rotatorie; - pedonali, ciclabili, parcheggi, piazze, parchi, cortili. Viene fornita la Tavola Dis. 3 in allegato indicante le Strade e gli Ambiti particolari. Relazione 7 PRIC

9 5 Pianificazione adeguamenti Sono state indivituate le situazioni in difetto riportandole in una serie di tabelle richiamate con la lettera I. Queste dovranno essere consultate quando si vorrà intervenire alla sistemazione degli impianti esistenti e a realizzare nuovi Progetti, e dovrà essere data la priorità d intervento a chi ha un punteggio totale maggiore. Tabelle I A seguito delle precedenti situazioni rilevate vengono dati dei punteggi atti a stabilire con il punteggio totale la priorità degli interventi per l adeguamento degli impianti esistenti. In questa tabella viene esclusivamente trattata l illuminazione stradale e ambiti particolari, escludendo tutti i Quadri di Distribuzione, che potrebbero essere trattati singolarmente a parte. In riferimento ai valori da inserire nelle varie colonne le linee guida della Regione Lombardia indicano di attribuire: - impianti non conformi LR 17/ impianti in area protetta 2 - impianti realizzati dopo 27/05/2000 e non conformi LR 17/ elevato impatto ambientale 1 o 2 - sorgenti Vapori di Mercurio 2 Per gli impianti ad elevato impatto ambientale essendo installate tutte armature che pur non rispettando la LR 17/00 emettono prevalentemente il flusso luminoso verso il basso, si ritiene più che ragionevole considerare un punteggio pari a 1. Relazione 8 PRIC

10 6 Interventi e considerazioni Dalla valutazione degli impianti esistenti si è rilevato quanto segue: a) quasi l intero impianto (fa eccezione la Piazza Marconi) è costituito con lampade a vapori di sodio alta pressione che hanno il migliore rapporto lumen/watt e quindi una elevata efficienza luminosa. b) l intero impianto è dotato di dispositivi per la riduzione dell intensità luminosa nelle ore notturne mediante: - alimentatori biregime su tutte le strade; - regolatori periferici per le 2 torri faro delle rotatorie; - regolatore centralizzato per la Piazza Marconi; - spegnimento notturno per il sottopasso di Via Mazza. c) l intero impianto, pur essendo dotato di corpi illuminanti a bassa emissione di luce verso l alto, non è interamente rispondente alle Leggi Regionali 17/2000 e 38/2004. Le più recenti realizzazioni sono dotate di corpi illuminanti con distribuzione oltre i 90, inferiore a 0,49 candele per 1000 lumen di flusso luminoso totale emesso, mentre i corpi illuminanti installati prima dell anno 2000, non garantiscono la suddetta condizione. d) quasi tutti i Quadri, quantomeno i più recenti, sono dotati di apparecchiature che consentono: - elevate selettività nei circuiti, per cui un ipotetico guasto non disattiva l intero impianto; - efficaci protezioni contro i guasti, salvaguardando il rispetto alle normative elettrotecniche e la sicurezza, soprattutto alle persone. e) gli illuminamenti attuali, anche se non perfettamente aderenti alle vigenti normative, vada per la potenza installata, vada per l ubicazione dei punti luminosi, vada per i tipi dei corpi illuminanti, in linea di massima possono garantire la sicurezza alle persone ed alla viabilità Per cui a fronte di quanto detto precedentemente, mentre si può affermare che l esistente impianto assolve in buona parte l esigenza sul risparmio energetico e la sicurezza delle persone e della viabilità, non è possibile ripetere l affermazione suddetta per: 1) la limitazione dell inquinamento luminoso (per il rispetto delle Leggi Regionali sopra citate); 2) il rispetto alle normative illuminotecniche vigenti, in quanto esse sono di recente emanazione; 3) l economia gestionale, in quanto precedentemente non venne mai presa in considerazione Richiamando la tabella I dove sono indicati i vari valori, dei punteggi di priorità di intervento delle situazioni esistenti, nell ultima colonna si individuano con il punteggio totale maggiore le zone di maggiore necessità di intervento. A punteggio più elevato corrisponderebbe minor tempo per l intervento (priorità) di sistemazione Fra tutti, emerge che l impianto più urgente da sistemare, sarebbe quello relativo alla Piazza Marconi che, essendo di recente realizzazione e di modeste dimensioni, potrebbe essere preso in considerazione successivamente ad altre zone, che pur risultando con punteggi inferiori, sono impianti di vecchia realizzazione e che hanno largamente superato il periodo dell ammortamento Ora considerando che gli attuali impianti, salvo pochi, sono stati realizzati man mano che necessitava l illuminazione, oppure ampliando l esistente, dove era possibile effettuare gli aggiornamenti, impianti purtroppo datati, sarebbe opportuno considerare nelle priorità, alcuni assestamenti, che renderebbero gli stessi più omogenei e meno dispersivi, eliminando conseguentemente alcuni punti di consegna da parte del Distributore dell Energia Elettrica. Relazione 9 PRIC

11 6.6 - Qui di seguito vengono relazionati gli interventi che dovrebbero essere effettuati, e l ordine adottato è quello utilizzato nella numerazione delle tabelle per le Cabine/Quadri e, senza voler definire le esatte priorità d intervento che eventualmente potrà essere individuata con l esame approfondito della tabella I. Si fa presente, che per esame si deve intendere l opportunità di un confronto con il Tecnico progettista, al fine di rendere più razionali e meno costosi gli interventi Analizzando la Tabella B si nota che si hanno n 515 lampade 150 W SAP con una potenza totale di W. In molti circuiti la lampada da 150 W potrebbe essere sostituita con una di potenza inferiore. Facendo 2 ipotesi si nota il risparmio energetico massimo che potrebbe raggiungere il Comune in considerazione che tutto l impianto è già dotato di regolazione della luce. Ipotesi 1 Supponendo di ridurre a 215 le lampade da 150 W e convertire le altre 300 in 70 W si otterrebbe una potenza totale di W, con una riduzione di potenza del 15%. Ipotesi 2 Supponendo di ridurre a 115 da 150 W e convertire le altre 400 in 70 W si otterrebbe una potenza totale di W, con una riduzione di potenza del 20%. Va precisato che non è sempre detto che le lampade da 150 W debbano essere sostituite con altre da 70 W, ma potrebbero necessitare lampade da 100 W, per cui le valutazioni sopra indicate vanno considerate in modo molto informativo Altro risparmio energetico potrebbe essere riferito alle lanterne semaforiche attualmente corredate di lampade ad incandescenza che potrebbero essere sostituite da Led I paragrafi successivi includono: A - Opere di assestamento B - Opere di adeguamento C - Scelte illuminotecniche D - Corpi illuminanti E - Criteri di progettazione F - Programma di manutenzione G - Supporto al Comune Relazione 10 PRIC

12 A) Opere di Assestamento Le opere qui sotto elencate vengono proposte per le seguenti ragioni: a) eliminare alcune cabine e conseguentemente i punti di fornitura per eliminare: - i costi fissi imposti dalla società erogatrice di energia - i costi di manutenzione ordinaria ed eventualmente quella straordinaria b) ridurre i costi di manutenzione e delle perdite di energia elettrica per alcune cabine, in quanto alimentando le porzioni di impianto alla cabina più vicina si semplificano le operazioni di gestione e si riducono le perdite di energia elettrica per la riduzione dei percorsi dei cavi c) qualora venisse adottata la gestione centralizzata si ridurrebbero le unità di controllo installate nelle varie cabine che rappresentano un costo considerevole Opere A1) Cabina elettrica A1 (Via Marconi) Poichè la stessa andrebbe sostituita, trovandosi nelle immediate vicinanze della Cabina A2 più recente e capiente, si propongono le sottoelencate varianti. A1a) A1b) A1c) Spostare l impianto del circuito 300, che alimenta le lampade delle Vie Marconi, Battisti, Piave, Trieste, Vecchio Borghetto, Parcheggio Campi Bassi, P.zza Papa Giovanni XXIII, Sagrato Chiesa, dal Quadro A1 al Quadro A2, in quanto la potenza ridondante del regolatore di A2, può alimentare anche detto circuito (vedere successivo punto A5a). Ovviamente, sul quadretto con le protezioni poste a lato dell armadio regolatore, dovrà essere modificato il contenitore e integrate le protezioni esistenti con quelle dell ampliamento. Nel contempo, sarebbe opportuno alimentare le lampade del Sagrato Chiesa e quelle del palo sullo svincolo, di fronte al Municipio dalla Via Mazzi anzichè dalla Via Piave. Spostare l impianto del circuito 200, che alimenta le lampade dello Svincolo, Vie Bixio e Mazzini, alimentandolo dal Quadro L di Via Trento (vedere successivo punto A7). Spostare l impianto del circuito 100, che alimenta le lampade delle Vie Mazza, Verdi, IV Novembre, Vitt. Veneto, alimentandolo dal Quadro G di Piazza AIDO (vedere successivo punto A5a). A2) Cabina elettrica D (Green House) Alimenta un impianto di modeste dimensioni, è in grado di alimentare anche l impianto del nuovo Quartiere Baio 2. A2a) A2b) La ditta che dovrà realizzare l impianto del Quartiere Baio 2, anzichè costruire e installare un nuovo Quadro e impegnare un nuovo punto di consegna, dovrebbe considerare lo spostamento della Cabina D in un punto appropriato, da definire chiedendo all Ente Erogatore di Energia lo spostamento e l integrazione della potenza necessaria. Il Quadro esistente contempla già le apparecchiature per il nuovo Quartiere. Con la nuova ubicazione del Quadro, va considerata la possibilità di derivare da questo Quadro anche l impianto del Quartiere Baio, ora alimentato dalla Cabina E (vedere successivo punto A3a). Relazione 11 PRIC

13 A3) Cabina elettrica E (Quartiere Baio) Dovrebbe essere sostituita; essa alimenta un impianto parecchio datato di corpi illuminanti, nel territorio Comunale, decisamente fra i meno rispondenti alle Leggi Regionali, che peraltro si trovano posizionati stranamente molto vicini alle piante e dove risulta che le radici delle piante abbiano creato danni alla rete cavi. Detto impianto andrebbe completamente ristrutturato individuando: - soluzione nuova con corpi illuminanti diversi; - ubicazione dei corpi illuminanti da individuare il più lontano possibile dalle piante; - percorso delle linee elettriche, nuove anche queste, il più lontano possibile dalle radici delle piante. Per realizzare dette modifiche senza mettere fuori servizio l impianto esistente, è possibile prevedere, in alternativa, l alimentazione: A3a) Dalla Cabina elettrica D - descritta al punto A2b). Qualora fosse adottata l alimentazione dalla Cabina D, sarà possibile realizzare con comodo il nuovo impianto, lasciando funzionante quello esistente, avendo, ovviamente, cura di non danneggiarlo durante i lavori, modificando opportunamente il Quadro di Distribuzione e alla fine, integrando la potenza con l Ente Erogatore di Energia, disdettando il contratto esistente per la Cabina E, dopodichè provvedere allo smontaggio del vecchio impianto. A3b) Dalla Cabina elettrica F - descritta al punto A4). Qualora venisse adottata l alimentazione dalla Cabina F del Centro Sportivo, si potrà procedere nello stesso modo di cui sopra, con l unica eccezione riguardante l integrazione della potenza, in quanto l impianto di illuminazione stradale è derivato dal Trasformatore di Media Tensione, dal quale sono derivate in parallelo le utenze Comunali: - Campo Calcio Allenamento e Spogliatoi; - Scuole Materna, Elementari e Medie; che complessivamente hanno potenza notevolmente superiore a quella della illuminazione stradale, per cui considerato il funzionamento dell illuminazione stradale, l energia delle scuole non è a piena potenza, e quindi si può evitare di aumentare l impegno di potenza con l ente fornitore di energia elettrica. A4) Cabina elettrica F (Centro Sportivo) Che alimenta: - i vialetti dell Area Campi Sportivi e Scuole; - i parcheggi interni dell Area Scuole, Campi Sportivi e Tensostruttura. Detto impianto, oggetto già da ora di una possibile revisione sia per quanto riguarda le sorgenti luminose (corpi illuminanti e lampade), sia per quanto riguarda la regolazione e la gestione, non dovrebbe essere successivamente ristrutturato. La possibile integrazione di cui al punto A3b), qualora scelta come la migliore versione, dovrà essere opportunamente analizzata per il tipo di gestione esistente. Relazione 12 PRIC

14 A5) Cabina elettrica G (Piazza AIDO) Dovrebbe essere sostituito il Quadro, il quale fra i vari circuiti alimenta anche quello di Via Turati e Via Perrucchetti, che si trovano più vicini alla Cabina I. Si propongono quindi le sottoelencate varianti. A5a) A5b) A5c) Spostare l impianto del circuito 100 della Cabina A1, che alimenta le lampade delle Vie Mazza (lato Sud), Verdi, IV Novembre e Vitt. Veneto (vedere punto A1b) al Quadro G con il circuito 200 recuperato (vedere successivo punto A5c) Contemporaneamente, allacciare all esistente impianto, il nuovissimo impianto con Parcheggio e Strada Pedonale lato Est di Via Verdi (vedere successivo punto A8). Spostare l impianto del circuito 200 delle Vie Mazza, Turati, Perrucchetti e relativi Parcheggi, alimentandolo dalla Cabina I (vedere successivo punto A6). A6) Cabina elettrica I (Via Turati) Detta Cabina, alimenta il circuito 600 sul lato Nord-Ovest della Via Turati, date le immediate vicinanze può risultare opportuna l alimentazione anche dell impianto posto sul lato Nord-Est della stessa Via Turati, che alimenta anche la Via Perrucchetti (vedere punto A5c). Per non modificare globalmente il Quadro di distribuzione, è possibile integrare i due circuiti 200 e 700 in un unico circuito, mettendo in parallelo le linee di alimentazione sia nel punto di partenza che nel punto terminale del circuito 700. A7) Cabina elettrica L (Via Trento) L impianto derivato da detta Cabina è parzialmente disattivato o smontato, in quanto sono in corso lavori. Lo stato di fatto elencato nella tabella A contempla, per la Via Trento, la sistemazione di nuove sorgenti luminose nei punti già ubicati. Al nuovo impianto di modeste dimensioni, circuito n. 100 della Via Trento, sarebbe opportuno allacciare l impianto di Via Mazzini ristrutturato, nonchè quello della Via Bixio attualmente alimentato dalla Cabina A1 (vedere punto A1b). Si precisa che mentre per la Via Bixio gli interventi non sono particolarmente urgenti, quelli relativi alla Via Mazzini, sarebbero da realizzare immediatamente, in quanto la linea aerea fascettata su fune, vista la vetustità della fune, non offre garanzie di resistenza. A8) Cabina elettrica N (Via Verdi - Privato) Di recentissima realizzazione, detto impianto posto nelle immediate vicinanze al circuito 100 di Via Verdi (alimentato dalla Cabina A1), per dimensioni di impianto particolarmente modeste, ha un proprio Quadro con un proprio punto di consegna. La situazione non è molto logica, per cui sarebbe opportuno individuare un punto di raccordo fra detto impianto e quello esistente sulla Via Verdi. Attuando la modifica proposta al punto A5b), che prevede l allacciamento alla Cabina G delle Vie Mazza Sud, Verdi, IV Novembre e Vitt. Veneto, è possibile individuare il punto e le modalità di esecuzione della modifica. Relazione 13 PRIC

15 A9) Cabina elettrica O (Centro Culturale) L impianto installato nel Parco interno del Centro Culturale è alimentato dal Quadro del Centro stesso, per cui in caso di eventuali disservizi, è necessario accedere nell Edificio. Esso, evidentemente non subisce la regolazione di riduzione notturna, per cui se verranno apportate modifiche, si consiglia di effettuare la derivazione dell impianto di Via Marconi. Essendo installato in area indipendente, dove esiste un proprio impianto, al fine di non introdurre tensioni elettriche diverse, con possibilità di pericolo, detto impianto dovrà essere in Classe di isolamento 2. Le lampade di detto impianto non necessitano di alimentatore biregime, in quanto il Quadro A2 e attrezzato per la riduzione centralizzata. Relazione 14 PRIC

16 B) Opere di Adeguamento B1) Cabina elettrica A1 (Via Marconi) Questo è un impianto di vecchia data e non rispondente alla normativa illuminotecnica ed alle Leggi Regionali, pertanto va adeguato integralmente. Vista l altezza delle sorgenti luminose e le interdistanze, sarà da verificare se possibile recuperare l impianto elettrico e con eventuali opportuni adattamenti, anche i sostegni. Con l adeguamento in alcune strade, sarà possibile un risparmio energetico per impiego di lampade con minor potenza. Con l adeguamento sarebbe opportuno considerare anche l assestamento dei circuiti come descritto in A). B2) Cabina elettrica A2 (Via Marconi) Questo è un impianto di recente realizzazione. Purtroppo gli illuminamenti sono sfacciatamente elevati e parecchi corpi illuminanti proiettano fasci luminosi verso l alto, all esterno del riflettore, per cui risulta non aderente alla normativa e alle Leggi Regionali. I corpi illuminanti non sono più a Catalogo, per cui non sarà possibile il recupero, adottando gli stessi con lampade a minore potenza. In questa Cabina potrebbe essere opportuno derivare un circuito dalla Cabina A1, in previsione di eliminare un Quadro di Distribuzione peraltro non regolare. B3) Cabina elettrica B (Via Buonarroti) Anche questo è un impianto di vecchia data (forse il più anziano), non idoneo al PRIC in cui nel tempo sono stati inseriti degli ampliamenti, che a fronte di calcoli di verifica a campione, potrebbero risultare idonei al PRIC: trattasi di alcune aree di Parcheggio. Considerate le altezze dei sostegni e le interdistanze, con oculata progettazione, sarà da verificare se possibile recuperare l impianto elettrico e, con eventuali opportune modifiche, i sostegni. Con l adeguamento sarà possibile un risparmio energetico per l impiego di lampade di minor potenza. In particolare sulla Via Deledda, alcuni corpi illuminanti andrebbero collegati all impianto di Via Negri e sostituiti similmente a quelli di Via Negri. B4) Cabina elettrica C (Via Celadina) Questo è un impianto realizzato recentemente con corpi illuminanti che rispondono ai requisiti prescritti dalle Leggi Regionali, ne fanno eccezione alcuni installati in precedenza sulle Vie Buonarroti lato Ovest, Daste Spalenga e le 5 strade laterali tra le Vie Celadina e Roma, allacciate recentemente al nuovo impianto, per ridurre il carico sulla Via Roma che nel tempo ha subito ampliamenti. Con calcoli di verifica a campione, gli impianti nuovi potrebbero risultare idonei al PRIC, mentre quelle appendici sopra menzionate, con opportune modifiche ai sostegni necessiterebbero quantomeno della sostituzione del corpo illuminante. B5) Cabina elettrica D (Green House) Anche questo è un impianto realizzato recentemente con corpi illuminanti che rispondono ai requisiti prescritti dalle Leggi Regionali, fa eccezione un corpo illuminante installato sulla appendice di Via Negri. A questo impianto sarebbe opportuno allacciare i corpi illuminanti di Via Deledda, lato Ovest, e considerare anche l eventuale assestamento descritto in A3a). Relazione 15 PRIC

7 ANALISI ECONOMICA E RISPARMIO ENERGETICO

7 ANALISI ECONOMICA E RISPARMIO ENERGETICO 7 ANALISI ECONOMICA E RISPARMIO ENERGETICO 7.1 Quota annuale di incremento Dai dati ricavati dallo stato di fatto si può desumere che la potenza installata delle lampade esistenti è pari a Kw 123,34 Per

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA

ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA DA FINE APRILE 2014 Tutto il nostro Comune sarà interessato dalla sostituzione dei corpi illuminanti di tutta la pubblica illuminazione con tecnologia a LED. Lampioni

Dettagli

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Intervento di riqualificazione energetica ed illuminotecnica della rete di illuminazione pubblica del Comune di Progetto Definitivo/Esecutivo ELENCO PREZZI

Dettagli

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE Comune di PISOGNE - BS Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 RISPARMIO ENERGETICO ANALISI DELLA SITUAZIONE F - IN ALLEGATO AI FASCIOLI

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO 2013 Comune di Roncade RELAZIONE DI PROGETTO RELAZIONE PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE ILLUMINAZIONE PUBBLICA DI RONCADE Novembre 2013 2013 Comune di Roncade RELAZIONE DI PROGETTO PARTE 1. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

PIANO DI INTERVENTO E DI MANUTENZIONE

PIANO DI INTERVENTO E DI MANUTENZIONE PARTE VIII PIANO DI INTERVENTO E DI MANUTENZIONE OBIETTIVI 1- Introdurre una scaletta logica degli interventi di adeguamento del territorio 2- Definizione di una traccia di piano di manutenzione per il

Dettagli

Convenzione Servizio Luce. Comune di Selvazzano Dentro

Convenzione Servizio Luce. Comune di Selvazzano Dentro Convenzione Servizio Luce 1 Servizio Luce in Convenzione Consip Ministero dell Economia e delle Finanza Consip Gare di beni e servizi per Pubbliche Amministrazioni Servizio Luce - Gestione e manutenzione

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

STILIS. armatura stradale a LED

STILIS. armatura stradale a LED armatura stradale a LED Informazioni Generali Lo STILIS è un apparecchio brevettato innovativo e d eccezionale potenza caratterizzato da un fascio luminoso generato da led sapientemente orientati (sistema

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

La soluzione COFELY nella pubblica illuminazione. Comune di Pastena

La soluzione COFELY nella pubblica illuminazione. Comune di Pastena T.E.L.E.CITY La soluzione COFELY nella pubblica illuminazione Comune di Pastena APPALTO DEL COMUNE PER L II.PP. Il Comune di Pastena, in provincia di Frosinone, attraverso la realizzazione del Piano Regolatore

Dettagli

PICIL IN OTTICA SMART

PICIL IN OTTICA SMART PICIL IN OTTICA SMART Ing. Diego Bonata Belluno, 11 Aprile 2014 La prima associazione europea di progettisti dell illuminazione eco-sostenibile www.lightis.eu 01-gen-05 01-ago-05 01-mar-06 01-ott-06 01-mag-07

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

Commenti alla Variante V2 della Norma CEI 64-8 In vigore Giugno 2005 Inerente anche gli Impianti elettrici di illuminazione pubblica

Commenti alla Variante V2 della Norma CEI 64-8 In vigore Giugno 2005 Inerente anche gli Impianti elettrici di illuminazione pubblica Commenti alla Variante V2 della Norma CEI 64-8 In vigore Giugno 2005 Inerente anche gli Impianti elettrici di illuminazione pubblica Documento organizzato dall ing. Eugenio Agnello, in ottobre 2005, per

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO PE/A.4 PIANO DI MANUTENZIONE LAVORI DI COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NELLA FRAZIONE PASTA

PROGETTO ESECUTIVO PE/A.4 PIANO DI MANUTENZIONE LAVORI DI COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NELLA FRAZIONE PASTA COMUNE DI RIVALTA DI TORINO Provincia di Torino LAVORI DI COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NELLA FRAZIONE PASTA PROGETTO ESECUTIVO PE/A.4 Settembre 2013 INDICE 1 Premessa... 3 1.1 Le

Dettagli

SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E SEMAFORICA

SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E SEMAFORICA CITTA di SAVIGLIANO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E SEMAFORICA Andrea PARLANTI ESIGENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE NEL 2012 RIDURRE COSTI GESTIONE IMPIANTI ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNALE RIDURRE

Dettagli

Workshop Trasporti e Infrastrutture

Workshop Trasporti e Infrastrutture Workshop Trasporti e Infrastrutture Illuminazione efficiente nel terziario: illuminazione pubblica Fabio Pagano ANIE ASSIL Introduzione L'illuminazione è stato il primo servizio offerto dalle aziende elettriche

Dettagli

FOTO 1. Via XXV Aprile frazione Brugarolo. Questa via presenta un illuminazione non a norma perché: Le lampade sono in parte al neon ed in parte al mercurio; Il montaggio non è a norma a causa dell inclinazione

Dettagli

ALLEGATO I ESEMPIO DI CONTENUTI DI UN PIANO DELLA LUCE

ALLEGATO I ESEMPIO DI CONTENUTI DI UN PIANO DELLA LUCE ALLEGATO I ESEMPIO DI CONTENUTI DI UN PIANO DELLA LUCE L.r. 15/07, Art. 1, comma 1, lettera a) compiti dei comuni: a) si dotano, entro tre anni dalla data di entrata in vigore della presente legge, di

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

valentino led LA LUCE VERDE

valentino led LA LUCE VERDE valentino led LA LUCE VERDE valentino led 3.5-5m LA TECNOLOGIA LED IN UNA LANTERNA IN STILE La lanterna Valentino equipaggiata con LED è proposta in abbinamento al palo classico Gardone, in fusione d acciaio,

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

SUD OVEST ENGINEERING S.r.l. - Viale Marconi 87, 09131 Cagliari 1

SUD OVEST ENGINEERING S.r.l. - Viale Marconi 87, 09131 Cagliari 1 INDICE PREMESSA... 1 STATO DI FATTO DEI LUOGHI E DELLE OPERE... 1 DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA STATO DI FATTO... 2 RISPONDENZA DEL PROGETTO ESECUTIVO RISPETTO AI PRECEDENTI LIVELLI DI PROGETTAZIONE... 4

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ. 29 settembre 2014

Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ. 29 settembre 2014 Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ 29 settembre 2014 Milano a LED Illuminazione Pubblica a Milano 181,76 km 2 area Milano 1.316.000 abitanti 141.963 lampade per l illuminazione pubblica

Dettagli

Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale

Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale INDICE ALLEGATO A: Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale A. - RELAZIONE GENERALE 2 A.1 - PREMESSA 2 A.2 - INTENTI DEL PICIL 3 A.3 CONTENUTI DEL PICIL 5 A.4 - INQUADRAMENTO

Dettagli

COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA

COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA ALLEGATO A Traccia delle operazioni richieste di manutenzione ordinaria Programmata preventiva e straordinaria AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO INERENTE LA

Dettagli

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione Linee Guida per la progettazione della sicurezza nelle Gallerie Stradali secondo la normativa vigente Ottobre 2009 Pag. 71 di

Dettagli

CONTENUTI PREVENTIVI DELLA PROGRAMMAZIONE

CONTENUTI PREVENTIVI DELLA PROGRAMMAZIONE CONTENUTI PREVENTIVI DELLA PROGRAMMAZIONE TESTI : G. Conte, M. Erbogasto, E. Monastero, G. Ortolani, E. Venturi ELETTROTECNICA, ELETTRONICA ED APPLICAZIONI (vol. 1 e vol.2) - Hoepli Prof. Domenico D Andrea

Dettagli

percepto THE GREEN LIGHT

percepto THE GREEN LIGHT THE GREEN LIGHT CARATTERISTICHE APPARECCHIO Ermeticità blocco ottico: IP 66 (*) Ermeticità vano ausiliari: IP 66 (*) Resistenza agli urti: senza rilevatore di movimento IK 08 (**) con rilevatore di movimento

Dettagli

Efficienza energetica nel patrimonio pubblico

Efficienza energetica nel patrimonio pubblico Scheda P Azione P.1 Efficienza energetica nel patrimonio pubblico Ristrutturazione del parco edilizio pubblico Obiettivi Quelli che sono stati gli Obiettivi prefissati quali : riduzione dei consumi di

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A MANUTENZIONE DI ALLOGGIO DELLE CASE DEI SALINARI pag.1 di 10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE PARTE 1... 3 OGGETTO DELL INTERVENTO... 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE DA ESEGUIRE...

Dettagli

Tecnologia e risparmio energetico nel rispetto della qualità urbana

Tecnologia e risparmio energetico nel rispetto della qualità urbana Tecnologia e risparmio energetico nel rispetto della qualità urbana Marco Frascarolo Presidente AIDI (Associazione Italiana di Illuminazione) Sez. Lazio-Molise www.aidiluce.it Membro Collegio Dottorato

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA LAMPIONE FOTOVOLTAICO. Modello SPL12-W

DESCRIZIONE TECNICA LAMPIONE FOTOVOLTAICO. Modello SPL12-W DESCRIZIONE TECNICA LAMPIONE FOTOVOLTAICO Modello SPL12-W versione 01/2011 Il lampione fotovoltaico dovrà essere dotato di : N 1 modulo fotovoltaico da 85Wp 12V in silicio monocristallino N 1 contenitore

Dettagli

Relazione Impianti comparto Produttivo Pallerone AULLA (MS) Lotto I

Relazione Impianti comparto Produttivo Pallerone AULLA (MS) Lotto I Relazione Impianti comparto Produttivo Pallerone AULLA (MS) Lotto I 1/13 2/13 Relazione progetto La presente relazione si pone l obbiettivo di confrontare il progetto originario con quanto realizzato fino

Dettagli

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato.

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato. In questo numero riportiamo uno svolgimento possibile al quesito posto dal Ministero per l esame di stato di abilitazione all esercizio della libera professione di perito industriale della sessione 2008.

Dettagli

Linee Guida Operative per la realizzazione di impianti di Pubblica illuminazione

Linee Guida Operative per la realizzazione di impianti di Pubblica illuminazione PUBBLICATO 12004565 (PAD - 877706) RSE implementa attività congiunte con il sistema della pubblica amministrazione centrale e locale, con il sistema produttivo, nella sua più ampia articolazione, con le

Dettagli

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNE DI GUAGNANO Provincia DI LECCE POI ENERGIA 2007 2013 / PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

Dettagli

L Esperienza di Sirti nell Efficientamento Energetico

L Esperienza di Sirti nell Efficientamento Energetico di Amedeo Paulone L Esperienza di Sirti nell Efficientamento Energetico Profilo di Sirti Sirti è la società italiana leader nell ingegneria, nel settore impiantistico, nel facility management e nella realizzazione

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

ZAGALLO per. ind. MARINO - progettazione e consulenza impianti Tel. e Fax 049.9703650 SOMMARIO 1. OGGETTO...2 2. GENERALITÀ...2 3. DATI TECNICI...

ZAGALLO per. ind. MARINO - progettazione e consulenza impianti Tel. e Fax 049.9703650 SOMMARIO 1. OGGETTO...2 2. GENERALITÀ...2 3. DATI TECNICI... SOMMARIO 1. OGGETTO...2 2. GENERALITÀ...2 3. DATI TECNICI...3 4. IMPIANTI ESISTENTI...4 5. DESIGNAZIONE DELLE OPERE...5 5.1. FORNITURA ENEL...6 5.2. QUADRO ELETTRICO DI PROTEZIONE/COMANDO (RIF. TAV. 8)...6

Dettagli

Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Protezione Civile. Mercoledì 30 Novembre 2005. Sala Mosaico Bergamo. Convegno ENERGIA 21

Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Protezione Civile. Mercoledì 30 Novembre 2005. Sala Mosaico Bergamo. Convegno ENERGIA 21 Mercoledì 30 Novembre 2005 Sala Mosaico Bergamo Convegno ENERGIA 21 MIGLIOR SERVIZIO E RISPARMIO: DUE ESIGENZE CONCILIABILI? EFFICIENZA ENERGETICA DEL SISTEMA DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA PROVINCIALE OTTOBRE

Dettagli

KIT FOTOVOLTAICO AD ISOLA CON ARMATURA STRADALE A LED

KIT FOTOVOLTAICO AD ISOLA CON ARMATURA STRADALE A LED KIT FOTOVOLTAICO AD ISOLA CON ARMATURA STRADALE A LED COMPONENTI KIT SINGOLA ARMATURA LED Armatura stradale a led Struttura testa palo con sbraccio per armatura stradale Ø 60mm Moduli FV policristallino

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 1/12 QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 Autore: Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI FONDAMENTALI PER RIDURRE IL RISCHIO ELETTRICO Premessa Nei cantieri edili i rischi

Dettagli

Proprietà Stila Energy S.p.A. Tutti i diritti riservati 2005-2009

Proprietà Stila Energy S.p.A. Tutti i diritti riservati 2005-2009 Proprietà Stila Energy S.p.A. Tutti i diritti riservati 2005-2009 Stila Energy S.p.A. Via Ippodromo, 61 20151 Milano ITALY Tel. +39 02 40918310 Fax +39 02 40917052 e-mail top@stilaenergy.com 9001:2000

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Arcavacata Rende, 8 ottobre 2010 La luce come requisito di legge negli ambienti di lavoro Come riconoscere un apparecchio di illuminazione Direttiva ECOdesign e possibili

Dettagli

Allegato C - Operazioni di manutenzione programmata

Allegato C - Operazioni di manutenzione programmata IPA - ILLUMINAZIONE PUBBLICA - APPARECCHIO ILLUMINANTE Mensile Ispezione notturna mensile per impianti non telecontrollati sorveglianza sistematica dell'efficienza dei corpi illuminanti, necessaria per

Dettagli

TeleControllo dell impianto di Pubblica illuminazione Risultati sperimentazione di Via Ferrari Descrizione progetto complessivo

TeleControllo dell impianto di Pubblica illuminazione Risultati sperimentazione di Via Ferrari Descrizione progetto complessivo Progetto Smart Town Pianezza TeleControllo dell impianto di Pubblica illuminazione Risultati sperimentazione di Via Ferrari Descrizione progetto complessivo Smart Town di Telecom Italia è una suite di

Dettagli

Dicembre 2008 Versione 1.7. Repubblica di San Marino. Materiale Riservato Vietata la diffusione Copyright 2008 G.I.A. Servizi S.r.l.

Dicembre 2008 Versione 1.7. Repubblica di San Marino. Materiale Riservato Vietata la diffusione Copyright 2008 G.I.A. Servizi S.r.l. Presentazione impianto dimostrativo di risparmio energetico, videosorveglianza, trasmissione dati e tele-controllo, integrati su rete elettrica di pubblica illuminazione Repubblica di San Marino Dicembre

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Decreto Dirigenziale n. 460 del 17 ottobre 2005 Giunta Regionale della Campania Programma tetti fotovoltaici. Approvazione ed emanazione del secondo bando regionale. Affidamento dell'attuazione alle amministrazioni

Dettagli

ELENCO DEI PREZZI UNITARI

ELENCO DEI PREZZI UNITARI PROGETTO ESECUTIVO Comune di Loiri Porto S. Paolo Provincia di OT OGGETTO: Gli interventi in progetto riguardano la riqualificazione di parte degli impianti di illuminazione pubblica con l'inserimento

Dettagli

Illuminazione Pubblica a LED

Illuminazione Pubblica a LED Illuminazione Pubblica a LED Esperienze sul Campo: Milano, Brescia, Paolo Meneghini Resp. Business Development Italia A2A A2A azienda leader per l efficientamento dell IP Casi di successo: Milano e Brescia

Dettagli

TELECONTROLLO E TELEGESTIONE

TELECONTROLLO E TELEGESTIONE TELECONTROLLO E TELEGESTIONE NEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE ing. Ruggero Guanella AIDI Associazione Italiana di Illuminazione Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano. Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio

Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano. Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio Il Comune di Rozzano 12,5 kmq 40.502 abitanti (31/12/08) 73 km strade comunali 6 km strade provinciali 4 km

Dettagli

U.M.I. 3 - SCHEDE TECNICHE CORPI ILLUMINANTI, SOSTEGNI E QUADRO COMANDO

U.M.I. 3 - SCHEDE TECNICHE CORPI ILLUMINANTI, SOSTEGNI E QUADRO COMANDO U.M.I. 3 - SCHEDE TECNICHE CORPI ILLUMINANTI, SOSTEGNI E QUADRO COMANDO Marca Articolo Note AEC Illuminazione S.p.A. Lampione Triloga1 Scheda prodotto AEC Illuminazione S.p.A. Palo EC5 Estratto catalogo

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE

PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE A.S. 2015/2016 Prof. Emanuele Ghironi Prof. Sandro Manca Disciplina Tecnologie e Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici Classe: TERZA Sez. Y INDIRIZZO: ELETTRONICA

Dettagli

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U COMUNE DI SEGRATE MILANO YOU una città di persone INDICE 1. PREMESSE... 2 2. RETE IMPIANTO ELETTRICO... 4 2.1. RETE ENEL MT / BT... 4 2.2. IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA... 5 2.3. IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA...

Dettagli

Comune di Rimini. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99

Comune di Rimini. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99 Comune di Rimini Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99 Regolamento del Servizio Pubblico Globale di Gestione del Territorio del Comune di Rimini. Regolamento servizio pubblico globale.doc

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

I L L U M I N A Z I O N E S T R A D A L E E F F I C I E N T E

I L L U M I N A Z I O N E S T R A D A L E E F F I C I E N T E L occasione per città e comuni: risparmio di energia e di costi fissi grazie a investimenti affidabili. I L L U M I N A Z I O N E S T R A D A L E E F F I C I E N T E Occasioni e possibilità per città e

Dettagli

Il Progettista Il Sindaco

Il Progettista Il Sindaco Progetto: Comune Tremestieri Etneo (CT) PROJECT FINANCING PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE RELATIVA ALLA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA, GESTIONE, MANUTENZIONE ORDINARIA, PROGRAMMATA E STRAORDINARIA

Dettagli

Hera Luce. Servizio luce per l illuminazione pubblica.

Hera Luce. Servizio luce per l illuminazione pubblica. Hera Luce. Servizio luce per l illuminazione pubblica. Offrire sicurezza, risparmiare energia, tutelare l ambiente in cui viviamo. Creare e valorizzare sentieri e luoghi di incontro, attraverso l applicazione

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO ED INQUINAMENTO LUMINOSO NEGLI IMPIANTI D ILLUMINAZIONE PER ESTERNI

RISPARMIO ENERGETICO ED INQUINAMENTO LUMINOSO NEGLI IMPIANTI D ILLUMINAZIONE PER ESTERNI RISPARMIO ENERGETICO ED INQUINAMENTO LUMINOSO NEGLI IMPIANTI D ILLUMINAZIONE PER ESTERNI Il consumo di energia elettrica per illuminazione di ambienti esterni, negli ultimi anni è cresciuto vertiginosamente,

Dettagli

Sistema di telecontrollo dell illuminazione pubblica milanese

Sistema di telecontrollo dell illuminazione pubblica milanese Sistema di telecontrollo dell illuminazione pubblica milanese Milano possiede un sistema di controllo dell illuminazione pubblica particolarmente efficiente. s.d.i. automazione industriale ha provveduto,

Dettagli

Impianti elettrici nei condomini

Impianti elettrici nei condomini Incontro di aggiornamento ANACI BOLOGNA Impianti elettrici nei condomini Ing. Alfonso Montefusco Direttore UOC Impiantistica Antinfortunistica Azienda USL di Bologna Teatro Galliera via Matteotti 27 Bologna

Dettagli

Hera Luce. Illuminiamo il futuro della tua città

Hera Luce. Illuminiamo il futuro della tua città Hera Luce Illuminiamo il futuro della tua città Hera Luce 2 company profile Un partner affidabile di dimensioni nazionali Hera Luce è la società del Gruppo Hera che progetta, realizza, mantiene e gestisce

Dettagli

Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici

Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici COMUNE DI POLVERARA Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici relatore: ing. Davide Fraccaro IL CONCETTO DI ENERGIA ENERGIA: capacità di un corpo di compiere lavoro ENERGIA E LAVORO SONO CONCETTI

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona V SETTORE LAVORI PUBBLICI e MANUTENZIONE MANUTENZIONE STRAORDINARIA di VIA IV NOVEMBRE PROGETTO ESECUTIVO 2014 RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO RESPONSABILE UNICO

Dettagli

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania LAVORI DI BONIFICA, DISINFESTAZIONE E SPOLVERATURA DEL PATRIMONIO LIBRARIO E DELLA SCAFFALATURA

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

1) RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE INTERVENTO IN F.T.T.

1) RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE INTERVENTO IN F.T.T. 1) RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE INTERVENTO IN F.T.T. Pagina 1 di 12 INDICE A) OBIETTIVI DEL PROGETTO IN F.T.T pag. 3 B) DOCUMENTAZIONE DEL PROGETTO PRELIMINARE pag. 7 C) CONCLUSIONI pag. 8 Pagina 2

Dettagli

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS A34 Prove sui quadri elettrici 1. Premesse Nel testo apparecchiatura è sinonimo di quadro. Si definisce quadro elettrico la combinazione, in un unico complesso, di apparecchiature elettriche destinate

Dettagli

la luce ha un cuore nuovo!

la luce ha un cuore nuovo! 2014 la luce ha un cuore nuovo! Sistemi di illuminazione a led Armature Stradali led mod. ELE ELE 24.1 ELE 32.3 ELE 54.5 ELE 80.7 ELE 96.9 Cappelloni led mod. HBL HBL 60...10 HBL 80.11 HBL 100...12 HBL

Dettagli

Illuminazione intelligente e rivoluzione led per la città Palazzo Vecchio Salone de' Dugento. Claudio Bini A.D SILFIspa

Illuminazione intelligente e rivoluzione led per la città Palazzo Vecchio Salone de' Dugento. Claudio Bini A.D SILFIspa Illuminazione intelligente e rivoluzione led per la città Palazzo Vecchio Salone de' Dugento Claudio Bini A.D SILFIspa Silfispa: Gestione integrata dei servizi di mobilità e illuminazione Sistemi di controllo

Dettagli

ARMATURA A 32 LED. per sbraccio tra -5 e + 5. per cima palo tra 0 e + 10

ARMATURA A 32 LED. per sbraccio tra -5 e + 5. per cima palo tra 0 e + 10 ARMATURA A 32 LED Armatura stradale compatta dalla linea innovativa e aerodinamica. Il Corpo portante è in pressofusione di lega di alluminio UNI 5076, verniciato con polveri poliesteri di colore RAL 7035.

Dettagli

Chiarimenti sulle definizioni di manutenzione

Chiarimenti sulle definizioni di manutenzione O&M&P : OPERATION & MAINTENANCE & PERFORMANCE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Fiera Milano 9 maggio 2014 La corretta manutenzione degli impianti fotovoltaici Massimo Gamba, CEI - Comitato Elettrotecnico Italiano

Dettagli

COMUNE DI APPIANO SULLA STRADA DEL VINO

COMUNE DI APPIANO SULLA STRADA DEL VINO COMUNE DI APPIANO SULLA STRADA DEL VINO Sintesi relazione finale sul monitoraggio dell intervento di efficientamento energetico dell impianto di pubblica illuminazione, effettuato con il sistema Dibawatt.

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA DEL COMUNE DI SANT AGATA DI PUGLIA

RELAZIONE DESCRITTIVA DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA DEL COMUNE DI SANT AGATA DI PUGLIA RELAZIONE DESCRITTIVA DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA DEL COMUNE DI SANT AGATA DI PUGLIA SOMMARIO 1. PREMESSA.......................................................... 2. IL FINANZIAMENTO TRAMITE

Dettagli

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri.

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri. ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 2001 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Si deve realizzare l'impianto elettrico di una

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

furyo DESCRIZIONE CARATTERISTICHE VANTAGGI OTTICO/AUSILIARI FURYO 1

furyo DESCRIZIONE CARATTERISTICHE VANTAGGI OTTICO/AUSILIARI FURYO 1 furyo +flo furyo Design: Michel Tortel DESCRIZIONE Furyo, apparecchio d illuminazione pubblica Sealsafe IP 66, è disponibile in due taglie e può essere equipaggiato con numerosi tipi di lampade: Cosmopolis,

Dettagli

STIMA LAVORI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

STIMA LAVORI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DOMUS ing&arch s.r.l. 012_06_Compl_tang_IE_CME - copertina_01 COMUNE: MARTINENGO All. CME COMMITTENTE: COMUNE DI MARTINENGO PROPRIETÀ: LOTTIZZANTI PA7/a OGGETTO: OPERE DI URBANIZZAZIONE DEL PA7/a REALIZZAZIONE

Dettagli

Premessa... 3 Le opere in progetto... 3

Premessa... 3 Le opere in progetto... 3 INDICE Premessa... 3 Le opere in progetto... 3 Strade ed opere d'arte... 4 Manuale d'uso... 4 Manuale di manutenzione... 4 Programma di manutenzione... 6 Verifiche e controlli... 7 Interventi di manutenzione...

Dettagli

LUM&N. LUx Management & maintainer

LUM&N. LUx Management & maintainer Il sistema di telecontrollo su onde radio per una smart city Illuminazione Pubblica Servizio pubblico che consiste nell illuminazione di spazi di libera circolazione. Generalmente è offerto dal Comune

Dettagli

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 INDICE pag. 1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 2.1 PREMESSA... 2 2.2 CABINA MT/BT... 2 2.3 IMPIANTO DI TERRA... 3 2.4 QUADRI ELETTRICI... 3 2.5 DISTRIBUZIONE ELETTRICA... 5 2.6 APPARECCHI DI

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 Cap. XI IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 11.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte installatrici del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente, comprensivi di: materiali,

Dettagli

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi Bergamo 10 febbraio 2012 dott. Giuseppe Trapletti Quali sono le principali situazioni di rischio elettrico?

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

LINEA GUIDA PROCEDURALE

LINEA GUIDA PROCEDURALE LINEA GUIDA PROCEDURALE LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA prevista dall articolo 7 comma 6 e dall articolo 8 comma 3 del D.M. n. 37/08 Delibera n. 353/12 Consiglio Direttivo

Dettagli

R.07 RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI ELETTRICI. Oggetto: ... ... Gennaio 2014 ... Project: 01 Revisione 00 Emissione

R.07 RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI ELETTRICI. Oggetto: ... ... Gennaio 2014 ... Project: 01 Revisione 00 Emissione Oggetto: RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI ELETTRICI R.07... 02 Revisione 01 Revisione 00 Emissione...... Gennaio 2014 Project: Binini Partners S.r.l. via Gazzata, 4 42121 Reggio Emilia tel. +39.0522.580.578

Dettagli

SCHEMI IMPIANTI ELETTRICI

SCHEMI IMPIANTI ELETTRICI SCHEMI Di IMPIANTI ELETTRICI CEI EN 60617-2/7 1 GENERALITÀ La norma CEI 44-5 tratta all art.3.2 tratta della necessità della documentazione tecnica che deve accompagnare l equipaggiamento elettrico di

Dettagli

art R LUX 10 Lampada a LED per l illuminazione di strade provinciali, tangenziali, urbane, extraurbane e residenziali.

art R LUX 10 Lampada a LED per l illuminazione di strade provinciali, tangenziali, urbane, extraurbane e residenziali. art R LUX 10 Lampada a LED per l illuminazione di strade provinciali, tangenziali, urbane, extraurbane e residenziali. ottica - 24 / 36 LED CREE con assorbimento di 40-60 - 80-100W efficienza sorgente

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.)

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) Sistema di alimentazione: TT,TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Risparmiare energia nell illuminazione

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Risparmiare energia nell illuminazione Questa guida è stata realizzata in collaborazione con AIMB - Associazione Industriali Monza e Brianza e Lyte & Lyte Italy Srl Nova Milanese (MI). Suggerimenti per migliorare l utilità di queste guide e

Dettagli

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag. ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.1 di 12 1A) QUADRO ELETTRICO GENERALE QUADRO ELETTRICO GENERALE DI BASSA TENSIONE SEZIONATORI

Dettagli

Alimentatore switching controllato, per Led di potenza.

Alimentatore switching controllato, per Led di potenza. Alimentatore switching controllato, per Led di. Detto alimentatore è controllato da un circuito, che consente la possibilità a qualsiasi corpo illuminante, ( stradale ovvero di interni ), di erogare la

Dettagli