COMUNE DI GORLE - BG. P.R.I.C. Piano Regolatore Illuminazione Comunale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI GORLE - BG. P.R.I.C. Piano Regolatore Illuminazione Comunale"

Transcript

1 STUDIO TECNICO PELLICONI Via Frizzoni, BERGAMO Tel. e Fax 035/ COMUNE DI GORLE - BG P.R.I.C. Piano Regolatore Illuminazione Comunale IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA Bergamo,

2 PIANO DI ILLUMINAZIONE 1 - Premessa Pag Inquadramento Territoriale " Illuminazione del territorio: censimento e stato di fatto " Classificazione della viabilità " Pianificazione adeguamenti " Interventi - considerazioni - piano di manutenzione " 9 Relazione 1 PRIC

3 1 Premessa Il P.R.I.C. si deve prefiggere i seguenti obiettivi: 1) la limitazione dell inquinamento luminoso e ottico; 2) il risparmio energetico; 3) l economia gestionale; 4) l adeguamento alle normative elettrotecniche ed illuminotecniche; 5) la sicurezza delle persone e della viabilità; 6) valorizzazione dell ambiente urbano. La normativa di riferimento è la seguente: - Norma UNI Illuminazione stradale - Norma UNI EN Illuminazione stradale - Norma UNI EN Luce e illuminazione. Illuminazione dei posti di lavoro. Parte 2: Posti di lavoro in esterno - Norma UNI EN Luce e illuminazione. Illuminazione di installazioni sportive - Norma CEI Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua - Norma UNI EN 40 - sulle caratteristiche meccaniche e calcoli dei pali - Norma UNI sulle barriere di sicurezza - Norma CEI sulle distanze dalle linee aeree e calcolo di pali e fondazioni - Norma CEI per i distanziamenti dalla sede stradale - LR 17/2000 del Misure urgenti in tema di risparmio energetico ad uso di illuminazione esterna e di lotta all inquinamento luminoso - Delibera 7/2611 del Aggiornamento dell elenco degli osservatori astronomici in Lombardia e determinazione delle relative fasce di rispetto - Delibera 7/6162 del Criteri di applicazione della LR n. 17 del LR 38/2004 del Modifiche ed integrazioni alla LR n Delibera 8950 BURL 33 del Linee guida regionali per la realizzazione dei piani comunali dell illuminazione - DLgs n Nuovo codice della strada - DM n Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade - DM Norme tecniche per le costruzioni (per il calcolo di pali e fondazioni) Una serie di istruzioni tecniche per la progettazione, l omologazione e l impiego delle barriere stradali di sicurezza: - DM n DM DM DM DM n Direttiva Ministeriale Relazione 2 PRIC

4 2 Inquadramento territoriale Inquadramento territoriale Il Comune di Gorle è situato in territorio pianeggiante e confina con i seguenti Comuni: Bergamo - Ranica - Torre Boldone - Scanzorosciate - Pedrengo - Seriate Dati rilevati: - abitanti superficie 2,4 km2 - densità abitativa 2109 ab/km2 - altezza territorio 268 mt sopra il livello del mare Cenni storici ed evoluzione storica dell illuminazione sul terriotorio comunale Il territorio comunale nonostante gli impianti datati ha installato: - quasi esclusivamente lampade al sodio alta pressione ( il 94% del totale delle lampade ), con alta efficienza luminosa ( con un valore medio di tutto l impianto di 83,72 lm/w ) - molti apparecchi di illuminazione che pur non rispettando la LR 17/00 emettono prevalentemente il flusso luminoso verso il basso - la regolazione del flusso luminoso su tutti i circuiti Nel Comune ci sono 1312 punti luce Aree omogenee Viene fornita la Tavola Dis. 1 allegata che raffigura le varie aree Zone di protezione dall inquinamento luminoso Il Comune di Gorle ricade nella fascia di rispetto degli osservatori astronomici, ed esattamente è quello di Brera di Merate (LC), come indicato nell elenco della Deliberazione Giunta Regionale 11 Dicembre N 7/ Aggiornamento dell elenco degli osservatori astronomici in Lombardia e determinazione delle relative fasce di rispetto. Relazione 3 PRIC

5 3 Illuminazione del territorio: censimento e stato di fatto E stato fatto il censimento di tutti i punti luce del Comune individuando: - lo stato dell illuminazione pubblica esistente - la conformità legislativa - lo stato dei quadri elettrici e compatibilità con le norme di settore Il tutto riportato in una serie di Tabelle allegate richiamate con le lettere A - B - C - D - E - F che riguardano lo Stato di Fatto Esistente e più precisamente: Tabella A Individua le varie strade o ambiti particolari raggruppate sotto le varie Cabine di Trasformazione. In queste tabelle sono riportate tutte le caratteristiche dei vari centri luminosi: - tipo di applicazione del corpo illuminante; - tipo di corpo illuminante; - rispondenza alla LR 17/00; - tipo e potenza della lampada; - altezza del punto luminoso dal piano stradale; - altezza e diametro dei pali di sostegno; - interdistanza tra i pali o dei punti di riferimento. Tabella B Individua il numero delle sorgenti luminose suddivise nelle varie Cabine in funzione delle caratteristiche e potenza delle varie lampade. La tabella riepilogativa fornisce: - il numero totale dei centri luminosi; - la potenza complessiva installata. Tabella C Individua Cabina per Cabina le sorgenti luminose indicando: - la potenza e caratteristiche delle varie lampade; - numero delle sorgenti luminose; - il flusso luminoso delle varie lampade; - il flusso totale; - la potenza totale; - il rapporto flusso/potenza dei punti luce; - l incidenza delle varie sorgenti luminose sul totale di ogni impianto; - il totale per ogni Cabina del numero, del flusso luminoso, della potenza e il rapporto flusso/potenza. Una tabella riepilogativa fornisce di ogni cabina: - il flusso totale; - la potenza totale; - il rapporto flusso/potenza. Un altra tabella riepilogativa di tutte le cabine fornisce: - il numero di ogni tipo di lampada per ogni cabina; - il numero di ogni tipo di lampada totale di tutte le cabine; - l incidenza di ogni tipo di lampada sul totale di tutte le cabine. Tabella D Individua Cabina per Cabina le caratteristiche strutturali dei vari centri luminosi quali: - tipo di apparecchio illuminante: stradale, lampione, lanterna, proiettore, plafoniera; - tipo di sostegno: palo, torrefaro, mensola, braccio; con una tabella riepilogativa riportante le quantità di ogni componente e l incidenza percentuale sul totale dell impianto. Relazione 4 PRIC

6 Tabella E Individua lo stato dei quadri o Cabine elettriche installati a monte dei vari impianti, precisando nel contempo la presenza delle protezioni dei circuiti e la messa a terra. Tabella F Indica la classificazione illuminotecnica delle Strade e Ambiti particolari ricavata da progetti esistenti (dove è stato possibile) con i relativi dati illuminotecnici (luminanza, illuminamento), nonchè la classe di progetto e l eventuale idoneità al P.R.I.C.. L idoneità al P.R.I.C. è in riferimento alle Tabelle A dove è indicato se rispondente alla Legge Regionale 17/00 e alle Tabelle G - H - I. In questa tabella vi sono dei dati non coerenti con il PRIC, ma si riferiscono a progetti in cui è stata adeguata l armatura nei confronti della LR 17/00, mantenendo però l impianto elettrico esistente, i pali esistenti e la loro posizione, pertanto pur non avendo un valore di candele (cd) idoneo al tipo di strada, e poichè questo risulta superiore al valore minino da rispettare, e quindi non a scapito della sicurezza stradale, è stato indicato che è conforme al PRIC. Viene fornita la Tavola Dis. 2 in allegato indicante tutti i punti luminosi. Relazione 5 PRIC

7 4 Classificazione della viabilità La classificazione illuminotecnica delle strade deve far riferimento a: - Dlgs 30 aprile 1992 n DM 5 novembre 2001 n Norma UNI Norme UNI E normativa vigente in fase di realizzo di nuovo progetto. Nella Norma UNI viene detto: La classificazione della strada deve essere comunicata al progettista dal committente o dal gestore della strada, valutate le reali condizioni ed esigenze Mancando la precisa classificazione delle categorie delle strade da parte del Comune, che peraltro, secondo la normativa, non è di responsabilità del progettista illuminotecnico, i tecnici comunali, per detto piano hanno: - evidenziato quali sono le stade provinciali SP - dichiarato che tutte le altre proprie strade sono di categoria F, aggiungendo che i parametri di influenza piuttosto che zona 30 possono variare, pertanto la classificazione risulta generica; Una migliore e più mirata classificazione, in funzione delle realtà in essere, potrà essere effettuata in futuro con le nuove fasi di progetto illuminotecnico. Anche perchè il Comune, in considerazione delle caratteristiche non completamente negative degli impianti, difficilmente effettuerà l intera ed immediata sostituzione Si evidenzia che le Linee Guida della Regione Lombardia (vedi Allegato 1 punto 5 tabella della classificazione stradale e Allegato 6 tabella 2) sono in contrasto con il DM 6792 del 5 nov (tabella 3.4.a). Infatti è diverso il numero di corsie indicate. Esempio: Strada urbana di scorrimento D - limite velocità 50 km/h Per il DM numero corsie per senso di marcia 1 o più Per la Regione Lombardia - numero corsie per senso di marcia 2 E evidente che la Regione Lombardia spinge molto per la riduzione dell inquinamento luminoso a prescindere da normative e leggi. La LR 17/00 imponeva la sostituzione dei corpi illuminanti. Ovviamente solo con questo provvedimento potrebbe risultare che l impianto non sia rispondente alla classificazione definitiva di progetto (PRIC): vedi categoria illuminotecnica. Da oggi in poi per gli impianti di illuminazione si dovrà fare riferimento a questa classificazione introducendo i vari parametri di influenza che saranno presenti al momento del nuovo progetto I progetti realizzati dopo il 2000, riguardanti l adeguamento degli impianti esistenti, hanno considerato essenzialmente il cambio delle armature e relativi componenti nel rispetto della LR 17/00 mantenendo i pali e l impianto elettrico esistenti, per non incorrere in costi troppo elevati, anche nel rispetto delle richieste dell Amministrazione Comunale Prima di oggi la classificazione delle strade non era ben chiara. Mancando una Classificazione delle strade del Comune, il professionista elettrotecnico ha classificato la strada in maniera forse non perfetta, secondo una sua interpretazione. La normativa di riferimento è varia ed è uscita in tempi diversi creando non sempre chiarezza: - Legge Regionale 17/00 e 38/04 - Norma UNI del 2001 parla di Indice illuminotecnico vedi All. 6 RL - Norma UNI del 2003 parla di Categoria illuminotecnica ME-CE-S - Linee Guida Regione Lombardia (che considera ancora la UNI 10439) - Norma UNI del 2007 parla di Categoria illuminotecnica ME-CE-S Risulta pertanto che oggi alcune strade o ambiti particolari potrebbero essere non proprio in linea con la nuova classificazione. Relazione 6 PRIC

8 4.6 - E stata effettuata una classificazione illuminotecnica delle strade e ambiti particolari del territorio comunale, individuando solo la categoria illuminotecnica di riferimento e successivamente, solo in fase di progetto, dovrà essere definita dal progettista una eventuale categoria di progetto ed esercizio diversa, oppure se indivuare delle zone di studio, il tutto secondo normativa vigente. Il tutto riportato in una serie di Tabelle allegate richiamate con le lettere G - H. Si evidenzia che nella categoria di progetto tra i parametri di influnza vi è anche quello del colore della luce, cioè del tipo di sorgente luminosa adottata in fase di progetto: - con indice di resa dei colori superiore o uguale a 60 si può ridurre la categoria illuminotecnica - con indice di resa dei colori inferiore a 30 si deve aumentare la categoria illuminotecnica La lampada Sodio Alta Pressione (SAP) ha un indice di resa colori inferiore a 30, ma offre una resa lm/w più alta rispetto alle altre. La sorgente a Led ha un indice di resa colori superiore a 60, oggi offre una resa lm/w di poco superiore a quelle al Sodio Alta Pressione (SAP), ma con costi dell apparecchio decisamente superiori. Questa tecnologia è in continua evoluzione; si assiste di anno in anno ad un continuo miglioramento delle resa lm/w ed ad un continuo abbattimento dei costi. Nel giro di pochissimi anni potrebbe essere la soluzione economica e tecnica nettamente vantaggiosa rispetto ad altre, con la possibilità di essere adottata in fase di progettazione per i nuovi impianti e per quelli da adeguare. La resa dei colori (Ra) non è stato evidenziato nelle Tabelle G - H, ma dovrà esserne tenuto conto in fase di progetto. Esse dovranno essere utilizzate in futuro per tutti i Progetti, sia per gli impianti nuovi che per quelli da adeguare e comprendono: Tabella G Viene definita la classificazione illuminotecnica delle Strade con i parametri stabiliti dal Codice della Strada (Dlgs 30 aprile 1992 n. 285), dal D.M. 5 novembre 2001 n e dalla Norma UNI quali: a) Categoria della Strada b) Categoria illuminotecnica di riferimento; c) presenza o meno di particolari caratteristiche che possono diminuire o aumentare la Categoria indicata in b); d) Categoria illuminotecnica rettificata in considerazione di un flusso di traffico pari al 100%. Tabella H Viene definita la classificazione illuminotecnica degli Ambiti particolari quali: - incroci, svincoli, rotatorie; - pedonali, ciclabili, parcheggi, piazze, parchi, cortili. Viene fornita la Tavola Dis. 3 in allegato indicante le Strade e gli Ambiti particolari. Relazione 7 PRIC

9 5 Pianificazione adeguamenti Sono state indivituate le situazioni in difetto riportandole in una serie di tabelle richiamate con la lettera I. Queste dovranno essere consultate quando si vorrà intervenire alla sistemazione degli impianti esistenti e a realizzare nuovi Progetti, e dovrà essere data la priorità d intervento a chi ha un punteggio totale maggiore. Tabelle I A seguito delle precedenti situazioni rilevate vengono dati dei punteggi atti a stabilire con il punteggio totale la priorità degli interventi per l adeguamento degli impianti esistenti. In questa tabella viene esclusivamente trattata l illuminazione stradale e ambiti particolari, escludendo tutti i Quadri di Distribuzione, che potrebbero essere trattati singolarmente a parte. In riferimento ai valori da inserire nelle varie colonne le linee guida della Regione Lombardia indicano di attribuire: - impianti non conformi LR 17/ impianti in area protetta 2 - impianti realizzati dopo 27/05/2000 e non conformi LR 17/ elevato impatto ambientale 1 o 2 - sorgenti Vapori di Mercurio 2 Per gli impianti ad elevato impatto ambientale essendo installate tutte armature che pur non rispettando la LR 17/00 emettono prevalentemente il flusso luminoso verso il basso, si ritiene più che ragionevole considerare un punteggio pari a 1. Relazione 8 PRIC

10 6 Interventi e considerazioni Dalla valutazione degli impianti esistenti si è rilevato quanto segue: a) quasi l intero impianto (fa eccezione la Piazza Marconi) è costituito con lampade a vapori di sodio alta pressione che hanno il migliore rapporto lumen/watt e quindi una elevata efficienza luminosa. b) l intero impianto è dotato di dispositivi per la riduzione dell intensità luminosa nelle ore notturne mediante: - alimentatori biregime su tutte le strade; - regolatori periferici per le 2 torri faro delle rotatorie; - regolatore centralizzato per la Piazza Marconi; - spegnimento notturno per il sottopasso di Via Mazza. c) l intero impianto, pur essendo dotato di corpi illuminanti a bassa emissione di luce verso l alto, non è interamente rispondente alle Leggi Regionali 17/2000 e 38/2004. Le più recenti realizzazioni sono dotate di corpi illuminanti con distribuzione oltre i 90, inferiore a 0,49 candele per 1000 lumen di flusso luminoso totale emesso, mentre i corpi illuminanti installati prima dell anno 2000, non garantiscono la suddetta condizione. d) quasi tutti i Quadri, quantomeno i più recenti, sono dotati di apparecchiature che consentono: - elevate selettività nei circuiti, per cui un ipotetico guasto non disattiva l intero impianto; - efficaci protezioni contro i guasti, salvaguardando il rispetto alle normative elettrotecniche e la sicurezza, soprattutto alle persone. e) gli illuminamenti attuali, anche se non perfettamente aderenti alle vigenti normative, vada per la potenza installata, vada per l ubicazione dei punti luminosi, vada per i tipi dei corpi illuminanti, in linea di massima possono garantire la sicurezza alle persone ed alla viabilità Per cui a fronte di quanto detto precedentemente, mentre si può affermare che l esistente impianto assolve in buona parte l esigenza sul risparmio energetico e la sicurezza delle persone e della viabilità, non è possibile ripetere l affermazione suddetta per: 1) la limitazione dell inquinamento luminoso (per il rispetto delle Leggi Regionali sopra citate); 2) il rispetto alle normative illuminotecniche vigenti, in quanto esse sono di recente emanazione; 3) l economia gestionale, in quanto precedentemente non venne mai presa in considerazione Richiamando la tabella I dove sono indicati i vari valori, dei punteggi di priorità di intervento delle situazioni esistenti, nell ultima colonna si individuano con il punteggio totale maggiore le zone di maggiore necessità di intervento. A punteggio più elevato corrisponderebbe minor tempo per l intervento (priorità) di sistemazione Fra tutti, emerge che l impianto più urgente da sistemare, sarebbe quello relativo alla Piazza Marconi che, essendo di recente realizzazione e di modeste dimensioni, potrebbe essere preso in considerazione successivamente ad altre zone, che pur risultando con punteggi inferiori, sono impianti di vecchia realizzazione e che hanno largamente superato il periodo dell ammortamento Ora considerando che gli attuali impianti, salvo pochi, sono stati realizzati man mano che necessitava l illuminazione, oppure ampliando l esistente, dove era possibile effettuare gli aggiornamenti, impianti purtroppo datati, sarebbe opportuno considerare nelle priorità, alcuni assestamenti, che renderebbero gli stessi più omogenei e meno dispersivi, eliminando conseguentemente alcuni punti di consegna da parte del Distributore dell Energia Elettrica. Relazione 9 PRIC

11 6.6 - Qui di seguito vengono relazionati gli interventi che dovrebbero essere effettuati, e l ordine adottato è quello utilizzato nella numerazione delle tabelle per le Cabine/Quadri e, senza voler definire le esatte priorità d intervento che eventualmente potrà essere individuata con l esame approfondito della tabella I. Si fa presente, che per esame si deve intendere l opportunità di un confronto con il Tecnico progettista, al fine di rendere più razionali e meno costosi gli interventi Analizzando la Tabella B si nota che si hanno n 515 lampade 150 W SAP con una potenza totale di W. In molti circuiti la lampada da 150 W potrebbe essere sostituita con una di potenza inferiore. Facendo 2 ipotesi si nota il risparmio energetico massimo che potrebbe raggiungere il Comune in considerazione che tutto l impianto è già dotato di regolazione della luce. Ipotesi 1 Supponendo di ridurre a 215 le lampade da 150 W e convertire le altre 300 in 70 W si otterrebbe una potenza totale di W, con una riduzione di potenza del 15%. Ipotesi 2 Supponendo di ridurre a 115 da 150 W e convertire le altre 400 in 70 W si otterrebbe una potenza totale di W, con una riduzione di potenza del 20%. Va precisato che non è sempre detto che le lampade da 150 W debbano essere sostituite con altre da 70 W, ma potrebbero necessitare lampade da 100 W, per cui le valutazioni sopra indicate vanno considerate in modo molto informativo Altro risparmio energetico potrebbe essere riferito alle lanterne semaforiche attualmente corredate di lampade ad incandescenza che potrebbero essere sostituite da Led I paragrafi successivi includono: A - Opere di assestamento B - Opere di adeguamento C - Scelte illuminotecniche D - Corpi illuminanti E - Criteri di progettazione F - Programma di manutenzione G - Supporto al Comune Relazione 10 PRIC

12 A) Opere di Assestamento Le opere qui sotto elencate vengono proposte per le seguenti ragioni: a) eliminare alcune cabine e conseguentemente i punti di fornitura per eliminare: - i costi fissi imposti dalla società erogatrice di energia - i costi di manutenzione ordinaria ed eventualmente quella straordinaria b) ridurre i costi di manutenzione e delle perdite di energia elettrica per alcune cabine, in quanto alimentando le porzioni di impianto alla cabina più vicina si semplificano le operazioni di gestione e si riducono le perdite di energia elettrica per la riduzione dei percorsi dei cavi c) qualora venisse adottata la gestione centralizzata si ridurrebbero le unità di controllo installate nelle varie cabine che rappresentano un costo considerevole Opere A1) Cabina elettrica A1 (Via Marconi) Poichè la stessa andrebbe sostituita, trovandosi nelle immediate vicinanze della Cabina A2 più recente e capiente, si propongono le sottoelencate varianti. A1a) A1b) A1c) Spostare l impianto del circuito 300, che alimenta le lampade delle Vie Marconi, Battisti, Piave, Trieste, Vecchio Borghetto, Parcheggio Campi Bassi, P.zza Papa Giovanni XXIII, Sagrato Chiesa, dal Quadro A1 al Quadro A2, in quanto la potenza ridondante del regolatore di A2, può alimentare anche detto circuito (vedere successivo punto A5a). Ovviamente, sul quadretto con le protezioni poste a lato dell armadio regolatore, dovrà essere modificato il contenitore e integrate le protezioni esistenti con quelle dell ampliamento. Nel contempo, sarebbe opportuno alimentare le lampade del Sagrato Chiesa e quelle del palo sullo svincolo, di fronte al Municipio dalla Via Mazzi anzichè dalla Via Piave. Spostare l impianto del circuito 200, che alimenta le lampade dello Svincolo, Vie Bixio e Mazzini, alimentandolo dal Quadro L di Via Trento (vedere successivo punto A7). Spostare l impianto del circuito 100, che alimenta le lampade delle Vie Mazza, Verdi, IV Novembre, Vitt. Veneto, alimentandolo dal Quadro G di Piazza AIDO (vedere successivo punto A5a). A2) Cabina elettrica D (Green House) Alimenta un impianto di modeste dimensioni, è in grado di alimentare anche l impianto del nuovo Quartiere Baio 2. A2a) A2b) La ditta che dovrà realizzare l impianto del Quartiere Baio 2, anzichè costruire e installare un nuovo Quadro e impegnare un nuovo punto di consegna, dovrebbe considerare lo spostamento della Cabina D in un punto appropriato, da definire chiedendo all Ente Erogatore di Energia lo spostamento e l integrazione della potenza necessaria. Il Quadro esistente contempla già le apparecchiature per il nuovo Quartiere. Con la nuova ubicazione del Quadro, va considerata la possibilità di derivare da questo Quadro anche l impianto del Quartiere Baio, ora alimentato dalla Cabina E (vedere successivo punto A3a). Relazione 11 PRIC

13 A3) Cabina elettrica E (Quartiere Baio) Dovrebbe essere sostituita; essa alimenta un impianto parecchio datato di corpi illuminanti, nel territorio Comunale, decisamente fra i meno rispondenti alle Leggi Regionali, che peraltro si trovano posizionati stranamente molto vicini alle piante e dove risulta che le radici delle piante abbiano creato danni alla rete cavi. Detto impianto andrebbe completamente ristrutturato individuando: - soluzione nuova con corpi illuminanti diversi; - ubicazione dei corpi illuminanti da individuare il più lontano possibile dalle piante; - percorso delle linee elettriche, nuove anche queste, il più lontano possibile dalle radici delle piante. Per realizzare dette modifiche senza mettere fuori servizio l impianto esistente, è possibile prevedere, in alternativa, l alimentazione: A3a) Dalla Cabina elettrica D - descritta al punto A2b). Qualora fosse adottata l alimentazione dalla Cabina D, sarà possibile realizzare con comodo il nuovo impianto, lasciando funzionante quello esistente, avendo, ovviamente, cura di non danneggiarlo durante i lavori, modificando opportunamente il Quadro di Distribuzione e alla fine, integrando la potenza con l Ente Erogatore di Energia, disdettando il contratto esistente per la Cabina E, dopodichè provvedere allo smontaggio del vecchio impianto. A3b) Dalla Cabina elettrica F - descritta al punto A4). Qualora venisse adottata l alimentazione dalla Cabina F del Centro Sportivo, si potrà procedere nello stesso modo di cui sopra, con l unica eccezione riguardante l integrazione della potenza, in quanto l impianto di illuminazione stradale è derivato dal Trasformatore di Media Tensione, dal quale sono derivate in parallelo le utenze Comunali: - Campo Calcio Allenamento e Spogliatoi; - Scuole Materna, Elementari e Medie; che complessivamente hanno potenza notevolmente superiore a quella della illuminazione stradale, per cui considerato il funzionamento dell illuminazione stradale, l energia delle scuole non è a piena potenza, e quindi si può evitare di aumentare l impegno di potenza con l ente fornitore di energia elettrica. A4) Cabina elettrica F (Centro Sportivo) Che alimenta: - i vialetti dell Area Campi Sportivi e Scuole; - i parcheggi interni dell Area Scuole, Campi Sportivi e Tensostruttura. Detto impianto, oggetto già da ora di una possibile revisione sia per quanto riguarda le sorgenti luminose (corpi illuminanti e lampade), sia per quanto riguarda la regolazione e la gestione, non dovrebbe essere successivamente ristrutturato. La possibile integrazione di cui al punto A3b), qualora scelta come la migliore versione, dovrà essere opportunamente analizzata per il tipo di gestione esistente. Relazione 12 PRIC

14 A5) Cabina elettrica G (Piazza AIDO) Dovrebbe essere sostituito il Quadro, il quale fra i vari circuiti alimenta anche quello di Via Turati e Via Perrucchetti, che si trovano più vicini alla Cabina I. Si propongono quindi le sottoelencate varianti. A5a) A5b) A5c) Spostare l impianto del circuito 100 della Cabina A1, che alimenta le lampade delle Vie Mazza (lato Sud), Verdi, IV Novembre e Vitt. Veneto (vedere punto A1b) al Quadro G con il circuito 200 recuperato (vedere successivo punto A5c) Contemporaneamente, allacciare all esistente impianto, il nuovissimo impianto con Parcheggio e Strada Pedonale lato Est di Via Verdi (vedere successivo punto A8). Spostare l impianto del circuito 200 delle Vie Mazza, Turati, Perrucchetti e relativi Parcheggi, alimentandolo dalla Cabina I (vedere successivo punto A6). A6) Cabina elettrica I (Via Turati) Detta Cabina, alimenta il circuito 600 sul lato Nord-Ovest della Via Turati, date le immediate vicinanze può risultare opportuna l alimentazione anche dell impianto posto sul lato Nord-Est della stessa Via Turati, che alimenta anche la Via Perrucchetti (vedere punto A5c). Per non modificare globalmente il Quadro di distribuzione, è possibile integrare i due circuiti 200 e 700 in un unico circuito, mettendo in parallelo le linee di alimentazione sia nel punto di partenza che nel punto terminale del circuito 700. A7) Cabina elettrica L (Via Trento) L impianto derivato da detta Cabina è parzialmente disattivato o smontato, in quanto sono in corso lavori. Lo stato di fatto elencato nella tabella A contempla, per la Via Trento, la sistemazione di nuove sorgenti luminose nei punti già ubicati. Al nuovo impianto di modeste dimensioni, circuito n. 100 della Via Trento, sarebbe opportuno allacciare l impianto di Via Mazzini ristrutturato, nonchè quello della Via Bixio attualmente alimentato dalla Cabina A1 (vedere punto A1b). Si precisa che mentre per la Via Bixio gli interventi non sono particolarmente urgenti, quelli relativi alla Via Mazzini, sarebbero da realizzare immediatamente, in quanto la linea aerea fascettata su fune, vista la vetustità della fune, non offre garanzie di resistenza. A8) Cabina elettrica N (Via Verdi - Privato) Di recentissima realizzazione, detto impianto posto nelle immediate vicinanze al circuito 100 di Via Verdi (alimentato dalla Cabina A1), per dimensioni di impianto particolarmente modeste, ha un proprio Quadro con un proprio punto di consegna. La situazione non è molto logica, per cui sarebbe opportuno individuare un punto di raccordo fra detto impianto e quello esistente sulla Via Verdi. Attuando la modifica proposta al punto A5b), che prevede l allacciamento alla Cabina G delle Vie Mazza Sud, Verdi, IV Novembre e Vitt. Veneto, è possibile individuare il punto e le modalità di esecuzione della modifica. Relazione 13 PRIC

15 A9) Cabina elettrica O (Centro Culturale) L impianto installato nel Parco interno del Centro Culturale è alimentato dal Quadro del Centro stesso, per cui in caso di eventuali disservizi, è necessario accedere nell Edificio. Esso, evidentemente non subisce la regolazione di riduzione notturna, per cui se verranno apportate modifiche, si consiglia di effettuare la derivazione dell impianto di Via Marconi. Essendo installato in area indipendente, dove esiste un proprio impianto, al fine di non introdurre tensioni elettriche diverse, con possibilità di pericolo, detto impianto dovrà essere in Classe di isolamento 2. Le lampade di detto impianto non necessitano di alimentatore biregime, in quanto il Quadro A2 e attrezzato per la riduzione centralizzata. Relazione 14 PRIC

16 B) Opere di Adeguamento B1) Cabina elettrica A1 (Via Marconi) Questo è un impianto di vecchia data e non rispondente alla normativa illuminotecnica ed alle Leggi Regionali, pertanto va adeguato integralmente. Vista l altezza delle sorgenti luminose e le interdistanze, sarà da verificare se possibile recuperare l impianto elettrico e con eventuali opportuni adattamenti, anche i sostegni. Con l adeguamento in alcune strade, sarà possibile un risparmio energetico per impiego di lampade con minor potenza. Con l adeguamento sarebbe opportuno considerare anche l assestamento dei circuiti come descritto in A). B2) Cabina elettrica A2 (Via Marconi) Questo è un impianto di recente realizzazione. Purtroppo gli illuminamenti sono sfacciatamente elevati e parecchi corpi illuminanti proiettano fasci luminosi verso l alto, all esterno del riflettore, per cui risulta non aderente alla normativa e alle Leggi Regionali. I corpi illuminanti non sono più a Catalogo, per cui non sarà possibile il recupero, adottando gli stessi con lampade a minore potenza. In questa Cabina potrebbe essere opportuno derivare un circuito dalla Cabina A1, in previsione di eliminare un Quadro di Distribuzione peraltro non regolare. B3) Cabina elettrica B (Via Buonarroti) Anche questo è un impianto di vecchia data (forse il più anziano), non idoneo al PRIC in cui nel tempo sono stati inseriti degli ampliamenti, che a fronte di calcoli di verifica a campione, potrebbero risultare idonei al PRIC: trattasi di alcune aree di Parcheggio. Considerate le altezze dei sostegni e le interdistanze, con oculata progettazione, sarà da verificare se possibile recuperare l impianto elettrico e, con eventuali opportune modifiche, i sostegni. Con l adeguamento sarà possibile un risparmio energetico per l impiego di lampade di minor potenza. In particolare sulla Via Deledda, alcuni corpi illuminanti andrebbero collegati all impianto di Via Negri e sostituiti similmente a quelli di Via Negri. B4) Cabina elettrica C (Via Celadina) Questo è un impianto realizzato recentemente con corpi illuminanti che rispondono ai requisiti prescritti dalle Leggi Regionali, ne fanno eccezione alcuni installati in precedenza sulle Vie Buonarroti lato Ovest, Daste Spalenga e le 5 strade laterali tra le Vie Celadina e Roma, allacciate recentemente al nuovo impianto, per ridurre il carico sulla Via Roma che nel tempo ha subito ampliamenti. Con calcoli di verifica a campione, gli impianti nuovi potrebbero risultare idonei al PRIC, mentre quelle appendici sopra menzionate, con opportune modifiche ai sostegni necessiterebbero quantomeno della sostituzione del corpo illuminante. B5) Cabina elettrica D (Green House) Anche questo è un impianto realizzato recentemente con corpi illuminanti che rispondono ai requisiti prescritti dalle Leggi Regionali, fa eccezione un corpo illuminante installato sulla appendice di Via Negri. A questo impianto sarebbe opportuno allacciare i corpi illuminanti di Via Deledda, lato Ovest, e considerare anche l eventuale assestamento descritto in A3a). Relazione 15 PRIC

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Comune di Scandicci. Viabilità area CDR Data: 24-09-2008

Comune di Scandicci. Viabilità area CDR Data: 24-09-2008 omune di Scandicci Viabilità area DR Data: 4-09-008 Descrizione: Larghezza carreggiata mt. 8,0 Arretramento punto luce mt. 1,5 Altezza punto luce mt. 10,0 Interasse mt. 4,0 - disposizione unilaterale Apparecchio

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE.

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. Nello Mastrobuoni, SWL 368/00 (ver. 1, 06/12/2011) Questo strumento è utile per verificare se gli

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono I CIRCUITI ELETTRICI di CHIARA FORCELLINI Materiale Usato: 5 lampadine Mammut 4 pile da 1,5 volt (6Volt)+Portabatteria Tester (amperometro e voltmetro) I circuiti in Parallelo In un collegamento in parallelo

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Illuminazione Intelligente. Philips CitySpirit

Illuminazione Intelligente. Philips CitySpirit Illuminazione Intelligente Philips Apparecchi per Arredo Urbano Introduzione, illuminazione intelligente Il mondo cambia: le tecnologie ormai sorpassate con eccessivo impatto ambientale sono sostituite

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici Der Verband für Stark- und Schwachstrominstallationen, Telekommunikation, IT- und Sicherheitsinstallationen, Anlagenbau, Gebäudetechnik L union pour les installations à courant fort et courant faible,

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR)

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 0 PREMESSA... 2 1 IDENTIFICAZIONE DELLA TIPOLOGIA D IMPIANTO... 3 2 COMPONENTI

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 domenica 7 Ottobre 2012 - ore 9.45 GORLE - BERGAMO ARRIVEDERCI alla 42a Settimana Ciclistica Bergamasca dal 2 al 7 settembre 2013 REGOLAMENTO SPECIALE DI CORSA SU STRADA

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Schneider Electric - 25/02/2009

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli