COMUNE DI GORLE - BG. P.R.I.C. Piano Regolatore Illuminazione Comunale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI GORLE - BG. P.R.I.C. Piano Regolatore Illuminazione Comunale"

Transcript

1 STUDIO TECNICO PELLICONI Via Frizzoni, BERGAMO Tel. e Fax 035/ COMUNE DI GORLE - BG P.R.I.C. Piano Regolatore Illuminazione Comunale IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA Bergamo,

2 PIANO DI ILLUMINAZIONE 1 - Premessa Pag Inquadramento Territoriale " Illuminazione del territorio: censimento e stato di fatto " Classificazione della viabilità " Pianificazione adeguamenti " Interventi - considerazioni - piano di manutenzione " 9 Relazione 1 PRIC

3 1 Premessa Il P.R.I.C. si deve prefiggere i seguenti obiettivi: 1) la limitazione dell inquinamento luminoso e ottico; 2) il risparmio energetico; 3) l economia gestionale; 4) l adeguamento alle normative elettrotecniche ed illuminotecniche; 5) la sicurezza delle persone e della viabilità; 6) valorizzazione dell ambiente urbano. La normativa di riferimento è la seguente: - Norma UNI Illuminazione stradale - Norma UNI EN Illuminazione stradale - Norma UNI EN Luce e illuminazione. Illuminazione dei posti di lavoro. Parte 2: Posti di lavoro in esterno - Norma UNI EN Luce e illuminazione. Illuminazione di installazioni sportive - Norma CEI Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua - Norma UNI EN 40 - sulle caratteristiche meccaniche e calcoli dei pali - Norma UNI sulle barriere di sicurezza - Norma CEI sulle distanze dalle linee aeree e calcolo di pali e fondazioni - Norma CEI per i distanziamenti dalla sede stradale - LR 17/2000 del Misure urgenti in tema di risparmio energetico ad uso di illuminazione esterna e di lotta all inquinamento luminoso - Delibera 7/2611 del Aggiornamento dell elenco degli osservatori astronomici in Lombardia e determinazione delle relative fasce di rispetto - Delibera 7/6162 del Criteri di applicazione della LR n. 17 del LR 38/2004 del Modifiche ed integrazioni alla LR n Delibera 8950 BURL 33 del Linee guida regionali per la realizzazione dei piani comunali dell illuminazione - DLgs n Nuovo codice della strada - DM n Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade - DM Norme tecniche per le costruzioni (per il calcolo di pali e fondazioni) Una serie di istruzioni tecniche per la progettazione, l omologazione e l impiego delle barriere stradali di sicurezza: - DM n DM DM DM DM n Direttiva Ministeriale Relazione 2 PRIC

4 2 Inquadramento territoriale Inquadramento territoriale Il Comune di Gorle è situato in territorio pianeggiante e confina con i seguenti Comuni: Bergamo - Ranica - Torre Boldone - Scanzorosciate - Pedrengo - Seriate Dati rilevati: - abitanti superficie 2,4 km2 - densità abitativa 2109 ab/km2 - altezza territorio 268 mt sopra il livello del mare Cenni storici ed evoluzione storica dell illuminazione sul terriotorio comunale Il territorio comunale nonostante gli impianti datati ha installato: - quasi esclusivamente lampade al sodio alta pressione ( il 94% del totale delle lampade ), con alta efficienza luminosa ( con un valore medio di tutto l impianto di 83,72 lm/w ) - molti apparecchi di illuminazione che pur non rispettando la LR 17/00 emettono prevalentemente il flusso luminoso verso il basso - la regolazione del flusso luminoso su tutti i circuiti Nel Comune ci sono 1312 punti luce Aree omogenee Viene fornita la Tavola Dis. 1 allegata che raffigura le varie aree Zone di protezione dall inquinamento luminoso Il Comune di Gorle ricade nella fascia di rispetto degli osservatori astronomici, ed esattamente è quello di Brera di Merate (LC), come indicato nell elenco della Deliberazione Giunta Regionale 11 Dicembre N 7/ Aggiornamento dell elenco degli osservatori astronomici in Lombardia e determinazione delle relative fasce di rispetto. Relazione 3 PRIC

5 3 Illuminazione del territorio: censimento e stato di fatto E stato fatto il censimento di tutti i punti luce del Comune individuando: - lo stato dell illuminazione pubblica esistente - la conformità legislativa - lo stato dei quadri elettrici e compatibilità con le norme di settore Il tutto riportato in una serie di Tabelle allegate richiamate con le lettere A - B - C - D - E - F che riguardano lo Stato di Fatto Esistente e più precisamente: Tabella A Individua le varie strade o ambiti particolari raggruppate sotto le varie Cabine di Trasformazione. In queste tabelle sono riportate tutte le caratteristiche dei vari centri luminosi: - tipo di applicazione del corpo illuminante; - tipo di corpo illuminante; - rispondenza alla LR 17/00; - tipo e potenza della lampada; - altezza del punto luminoso dal piano stradale; - altezza e diametro dei pali di sostegno; - interdistanza tra i pali o dei punti di riferimento. Tabella B Individua il numero delle sorgenti luminose suddivise nelle varie Cabine in funzione delle caratteristiche e potenza delle varie lampade. La tabella riepilogativa fornisce: - il numero totale dei centri luminosi; - la potenza complessiva installata. Tabella C Individua Cabina per Cabina le sorgenti luminose indicando: - la potenza e caratteristiche delle varie lampade; - numero delle sorgenti luminose; - il flusso luminoso delle varie lampade; - il flusso totale; - la potenza totale; - il rapporto flusso/potenza dei punti luce; - l incidenza delle varie sorgenti luminose sul totale di ogni impianto; - il totale per ogni Cabina del numero, del flusso luminoso, della potenza e il rapporto flusso/potenza. Una tabella riepilogativa fornisce di ogni cabina: - il flusso totale; - la potenza totale; - il rapporto flusso/potenza. Un altra tabella riepilogativa di tutte le cabine fornisce: - il numero di ogni tipo di lampada per ogni cabina; - il numero di ogni tipo di lampada totale di tutte le cabine; - l incidenza di ogni tipo di lampada sul totale di tutte le cabine. Tabella D Individua Cabina per Cabina le caratteristiche strutturali dei vari centri luminosi quali: - tipo di apparecchio illuminante: stradale, lampione, lanterna, proiettore, plafoniera; - tipo di sostegno: palo, torrefaro, mensola, braccio; con una tabella riepilogativa riportante le quantità di ogni componente e l incidenza percentuale sul totale dell impianto. Relazione 4 PRIC

6 Tabella E Individua lo stato dei quadri o Cabine elettriche installati a monte dei vari impianti, precisando nel contempo la presenza delle protezioni dei circuiti e la messa a terra. Tabella F Indica la classificazione illuminotecnica delle Strade e Ambiti particolari ricavata da progetti esistenti (dove è stato possibile) con i relativi dati illuminotecnici (luminanza, illuminamento), nonchè la classe di progetto e l eventuale idoneità al P.R.I.C.. L idoneità al P.R.I.C. è in riferimento alle Tabelle A dove è indicato se rispondente alla Legge Regionale 17/00 e alle Tabelle G - H - I. In questa tabella vi sono dei dati non coerenti con il PRIC, ma si riferiscono a progetti in cui è stata adeguata l armatura nei confronti della LR 17/00, mantenendo però l impianto elettrico esistente, i pali esistenti e la loro posizione, pertanto pur non avendo un valore di candele (cd) idoneo al tipo di strada, e poichè questo risulta superiore al valore minino da rispettare, e quindi non a scapito della sicurezza stradale, è stato indicato che è conforme al PRIC. Viene fornita la Tavola Dis. 2 in allegato indicante tutti i punti luminosi. Relazione 5 PRIC

7 4 Classificazione della viabilità La classificazione illuminotecnica delle strade deve far riferimento a: - Dlgs 30 aprile 1992 n DM 5 novembre 2001 n Norma UNI Norme UNI E normativa vigente in fase di realizzo di nuovo progetto. Nella Norma UNI viene detto: La classificazione della strada deve essere comunicata al progettista dal committente o dal gestore della strada, valutate le reali condizioni ed esigenze Mancando la precisa classificazione delle categorie delle strade da parte del Comune, che peraltro, secondo la normativa, non è di responsabilità del progettista illuminotecnico, i tecnici comunali, per detto piano hanno: - evidenziato quali sono le stade provinciali SP - dichiarato che tutte le altre proprie strade sono di categoria F, aggiungendo che i parametri di influenza piuttosto che zona 30 possono variare, pertanto la classificazione risulta generica; Una migliore e più mirata classificazione, in funzione delle realtà in essere, potrà essere effettuata in futuro con le nuove fasi di progetto illuminotecnico. Anche perchè il Comune, in considerazione delle caratteristiche non completamente negative degli impianti, difficilmente effettuerà l intera ed immediata sostituzione Si evidenzia che le Linee Guida della Regione Lombardia (vedi Allegato 1 punto 5 tabella della classificazione stradale e Allegato 6 tabella 2) sono in contrasto con il DM 6792 del 5 nov (tabella 3.4.a). Infatti è diverso il numero di corsie indicate. Esempio: Strada urbana di scorrimento D - limite velocità 50 km/h Per il DM numero corsie per senso di marcia 1 o più Per la Regione Lombardia - numero corsie per senso di marcia 2 E evidente che la Regione Lombardia spinge molto per la riduzione dell inquinamento luminoso a prescindere da normative e leggi. La LR 17/00 imponeva la sostituzione dei corpi illuminanti. Ovviamente solo con questo provvedimento potrebbe risultare che l impianto non sia rispondente alla classificazione definitiva di progetto (PRIC): vedi categoria illuminotecnica. Da oggi in poi per gli impianti di illuminazione si dovrà fare riferimento a questa classificazione introducendo i vari parametri di influenza che saranno presenti al momento del nuovo progetto I progetti realizzati dopo il 2000, riguardanti l adeguamento degli impianti esistenti, hanno considerato essenzialmente il cambio delle armature e relativi componenti nel rispetto della LR 17/00 mantenendo i pali e l impianto elettrico esistenti, per non incorrere in costi troppo elevati, anche nel rispetto delle richieste dell Amministrazione Comunale Prima di oggi la classificazione delle strade non era ben chiara. Mancando una Classificazione delle strade del Comune, il professionista elettrotecnico ha classificato la strada in maniera forse non perfetta, secondo una sua interpretazione. La normativa di riferimento è varia ed è uscita in tempi diversi creando non sempre chiarezza: - Legge Regionale 17/00 e 38/04 - Norma UNI del 2001 parla di Indice illuminotecnico vedi All. 6 RL - Norma UNI del 2003 parla di Categoria illuminotecnica ME-CE-S - Linee Guida Regione Lombardia (che considera ancora la UNI 10439) - Norma UNI del 2007 parla di Categoria illuminotecnica ME-CE-S Risulta pertanto che oggi alcune strade o ambiti particolari potrebbero essere non proprio in linea con la nuova classificazione. Relazione 6 PRIC

8 4.6 - E stata effettuata una classificazione illuminotecnica delle strade e ambiti particolari del territorio comunale, individuando solo la categoria illuminotecnica di riferimento e successivamente, solo in fase di progetto, dovrà essere definita dal progettista una eventuale categoria di progetto ed esercizio diversa, oppure se indivuare delle zone di studio, il tutto secondo normativa vigente. Il tutto riportato in una serie di Tabelle allegate richiamate con le lettere G - H. Si evidenzia che nella categoria di progetto tra i parametri di influnza vi è anche quello del colore della luce, cioè del tipo di sorgente luminosa adottata in fase di progetto: - con indice di resa dei colori superiore o uguale a 60 si può ridurre la categoria illuminotecnica - con indice di resa dei colori inferiore a 30 si deve aumentare la categoria illuminotecnica La lampada Sodio Alta Pressione (SAP) ha un indice di resa colori inferiore a 30, ma offre una resa lm/w più alta rispetto alle altre. La sorgente a Led ha un indice di resa colori superiore a 60, oggi offre una resa lm/w di poco superiore a quelle al Sodio Alta Pressione (SAP), ma con costi dell apparecchio decisamente superiori. Questa tecnologia è in continua evoluzione; si assiste di anno in anno ad un continuo miglioramento delle resa lm/w ed ad un continuo abbattimento dei costi. Nel giro di pochissimi anni potrebbe essere la soluzione economica e tecnica nettamente vantaggiosa rispetto ad altre, con la possibilità di essere adottata in fase di progettazione per i nuovi impianti e per quelli da adeguare. La resa dei colori (Ra) non è stato evidenziato nelle Tabelle G - H, ma dovrà esserne tenuto conto in fase di progetto. Esse dovranno essere utilizzate in futuro per tutti i Progetti, sia per gli impianti nuovi che per quelli da adeguare e comprendono: Tabella G Viene definita la classificazione illuminotecnica delle Strade con i parametri stabiliti dal Codice della Strada (Dlgs 30 aprile 1992 n. 285), dal D.M. 5 novembre 2001 n e dalla Norma UNI quali: a) Categoria della Strada b) Categoria illuminotecnica di riferimento; c) presenza o meno di particolari caratteristiche che possono diminuire o aumentare la Categoria indicata in b); d) Categoria illuminotecnica rettificata in considerazione di un flusso di traffico pari al 100%. Tabella H Viene definita la classificazione illuminotecnica degli Ambiti particolari quali: - incroci, svincoli, rotatorie; - pedonali, ciclabili, parcheggi, piazze, parchi, cortili. Viene fornita la Tavola Dis. 3 in allegato indicante le Strade e gli Ambiti particolari. Relazione 7 PRIC

9 5 Pianificazione adeguamenti Sono state indivituate le situazioni in difetto riportandole in una serie di tabelle richiamate con la lettera I. Queste dovranno essere consultate quando si vorrà intervenire alla sistemazione degli impianti esistenti e a realizzare nuovi Progetti, e dovrà essere data la priorità d intervento a chi ha un punteggio totale maggiore. Tabelle I A seguito delle precedenti situazioni rilevate vengono dati dei punteggi atti a stabilire con il punteggio totale la priorità degli interventi per l adeguamento degli impianti esistenti. In questa tabella viene esclusivamente trattata l illuminazione stradale e ambiti particolari, escludendo tutti i Quadri di Distribuzione, che potrebbero essere trattati singolarmente a parte. In riferimento ai valori da inserire nelle varie colonne le linee guida della Regione Lombardia indicano di attribuire: - impianti non conformi LR 17/ impianti in area protetta 2 - impianti realizzati dopo 27/05/2000 e non conformi LR 17/ elevato impatto ambientale 1 o 2 - sorgenti Vapori di Mercurio 2 Per gli impianti ad elevato impatto ambientale essendo installate tutte armature che pur non rispettando la LR 17/00 emettono prevalentemente il flusso luminoso verso il basso, si ritiene più che ragionevole considerare un punteggio pari a 1. Relazione 8 PRIC

10 6 Interventi e considerazioni Dalla valutazione degli impianti esistenti si è rilevato quanto segue: a) quasi l intero impianto (fa eccezione la Piazza Marconi) è costituito con lampade a vapori di sodio alta pressione che hanno il migliore rapporto lumen/watt e quindi una elevata efficienza luminosa. b) l intero impianto è dotato di dispositivi per la riduzione dell intensità luminosa nelle ore notturne mediante: - alimentatori biregime su tutte le strade; - regolatori periferici per le 2 torri faro delle rotatorie; - regolatore centralizzato per la Piazza Marconi; - spegnimento notturno per il sottopasso di Via Mazza. c) l intero impianto, pur essendo dotato di corpi illuminanti a bassa emissione di luce verso l alto, non è interamente rispondente alle Leggi Regionali 17/2000 e 38/2004. Le più recenti realizzazioni sono dotate di corpi illuminanti con distribuzione oltre i 90, inferiore a 0,49 candele per 1000 lumen di flusso luminoso totale emesso, mentre i corpi illuminanti installati prima dell anno 2000, non garantiscono la suddetta condizione. d) quasi tutti i Quadri, quantomeno i più recenti, sono dotati di apparecchiature che consentono: - elevate selettività nei circuiti, per cui un ipotetico guasto non disattiva l intero impianto; - efficaci protezioni contro i guasti, salvaguardando il rispetto alle normative elettrotecniche e la sicurezza, soprattutto alle persone. e) gli illuminamenti attuali, anche se non perfettamente aderenti alle vigenti normative, vada per la potenza installata, vada per l ubicazione dei punti luminosi, vada per i tipi dei corpi illuminanti, in linea di massima possono garantire la sicurezza alle persone ed alla viabilità Per cui a fronte di quanto detto precedentemente, mentre si può affermare che l esistente impianto assolve in buona parte l esigenza sul risparmio energetico e la sicurezza delle persone e della viabilità, non è possibile ripetere l affermazione suddetta per: 1) la limitazione dell inquinamento luminoso (per il rispetto delle Leggi Regionali sopra citate); 2) il rispetto alle normative illuminotecniche vigenti, in quanto esse sono di recente emanazione; 3) l economia gestionale, in quanto precedentemente non venne mai presa in considerazione Richiamando la tabella I dove sono indicati i vari valori, dei punteggi di priorità di intervento delle situazioni esistenti, nell ultima colonna si individuano con il punteggio totale maggiore le zone di maggiore necessità di intervento. A punteggio più elevato corrisponderebbe minor tempo per l intervento (priorità) di sistemazione Fra tutti, emerge che l impianto più urgente da sistemare, sarebbe quello relativo alla Piazza Marconi che, essendo di recente realizzazione e di modeste dimensioni, potrebbe essere preso in considerazione successivamente ad altre zone, che pur risultando con punteggi inferiori, sono impianti di vecchia realizzazione e che hanno largamente superato il periodo dell ammortamento Ora considerando che gli attuali impianti, salvo pochi, sono stati realizzati man mano che necessitava l illuminazione, oppure ampliando l esistente, dove era possibile effettuare gli aggiornamenti, impianti purtroppo datati, sarebbe opportuno considerare nelle priorità, alcuni assestamenti, che renderebbero gli stessi più omogenei e meno dispersivi, eliminando conseguentemente alcuni punti di consegna da parte del Distributore dell Energia Elettrica. Relazione 9 PRIC

11 6.6 - Qui di seguito vengono relazionati gli interventi che dovrebbero essere effettuati, e l ordine adottato è quello utilizzato nella numerazione delle tabelle per le Cabine/Quadri e, senza voler definire le esatte priorità d intervento che eventualmente potrà essere individuata con l esame approfondito della tabella I. Si fa presente, che per esame si deve intendere l opportunità di un confronto con il Tecnico progettista, al fine di rendere più razionali e meno costosi gli interventi Analizzando la Tabella B si nota che si hanno n 515 lampade 150 W SAP con una potenza totale di W. In molti circuiti la lampada da 150 W potrebbe essere sostituita con una di potenza inferiore. Facendo 2 ipotesi si nota il risparmio energetico massimo che potrebbe raggiungere il Comune in considerazione che tutto l impianto è già dotato di regolazione della luce. Ipotesi 1 Supponendo di ridurre a 215 le lampade da 150 W e convertire le altre 300 in 70 W si otterrebbe una potenza totale di W, con una riduzione di potenza del 15%. Ipotesi 2 Supponendo di ridurre a 115 da 150 W e convertire le altre 400 in 70 W si otterrebbe una potenza totale di W, con una riduzione di potenza del 20%. Va precisato che non è sempre detto che le lampade da 150 W debbano essere sostituite con altre da 70 W, ma potrebbero necessitare lampade da 100 W, per cui le valutazioni sopra indicate vanno considerate in modo molto informativo Altro risparmio energetico potrebbe essere riferito alle lanterne semaforiche attualmente corredate di lampade ad incandescenza che potrebbero essere sostituite da Led I paragrafi successivi includono: A - Opere di assestamento B - Opere di adeguamento C - Scelte illuminotecniche D - Corpi illuminanti E - Criteri di progettazione F - Programma di manutenzione G - Supporto al Comune Relazione 10 PRIC

12 A) Opere di Assestamento Le opere qui sotto elencate vengono proposte per le seguenti ragioni: a) eliminare alcune cabine e conseguentemente i punti di fornitura per eliminare: - i costi fissi imposti dalla società erogatrice di energia - i costi di manutenzione ordinaria ed eventualmente quella straordinaria b) ridurre i costi di manutenzione e delle perdite di energia elettrica per alcune cabine, in quanto alimentando le porzioni di impianto alla cabina più vicina si semplificano le operazioni di gestione e si riducono le perdite di energia elettrica per la riduzione dei percorsi dei cavi c) qualora venisse adottata la gestione centralizzata si ridurrebbero le unità di controllo installate nelle varie cabine che rappresentano un costo considerevole Opere A1) Cabina elettrica A1 (Via Marconi) Poichè la stessa andrebbe sostituita, trovandosi nelle immediate vicinanze della Cabina A2 più recente e capiente, si propongono le sottoelencate varianti. A1a) A1b) A1c) Spostare l impianto del circuito 300, che alimenta le lampade delle Vie Marconi, Battisti, Piave, Trieste, Vecchio Borghetto, Parcheggio Campi Bassi, P.zza Papa Giovanni XXIII, Sagrato Chiesa, dal Quadro A1 al Quadro A2, in quanto la potenza ridondante del regolatore di A2, può alimentare anche detto circuito (vedere successivo punto A5a). Ovviamente, sul quadretto con le protezioni poste a lato dell armadio regolatore, dovrà essere modificato il contenitore e integrate le protezioni esistenti con quelle dell ampliamento. Nel contempo, sarebbe opportuno alimentare le lampade del Sagrato Chiesa e quelle del palo sullo svincolo, di fronte al Municipio dalla Via Mazzi anzichè dalla Via Piave. Spostare l impianto del circuito 200, che alimenta le lampade dello Svincolo, Vie Bixio e Mazzini, alimentandolo dal Quadro L di Via Trento (vedere successivo punto A7). Spostare l impianto del circuito 100, che alimenta le lampade delle Vie Mazza, Verdi, IV Novembre, Vitt. Veneto, alimentandolo dal Quadro G di Piazza AIDO (vedere successivo punto A5a). A2) Cabina elettrica D (Green House) Alimenta un impianto di modeste dimensioni, è in grado di alimentare anche l impianto del nuovo Quartiere Baio 2. A2a) A2b) La ditta che dovrà realizzare l impianto del Quartiere Baio 2, anzichè costruire e installare un nuovo Quadro e impegnare un nuovo punto di consegna, dovrebbe considerare lo spostamento della Cabina D in un punto appropriato, da definire chiedendo all Ente Erogatore di Energia lo spostamento e l integrazione della potenza necessaria. Il Quadro esistente contempla già le apparecchiature per il nuovo Quartiere. Con la nuova ubicazione del Quadro, va considerata la possibilità di derivare da questo Quadro anche l impianto del Quartiere Baio, ora alimentato dalla Cabina E (vedere successivo punto A3a). Relazione 11 PRIC

13 A3) Cabina elettrica E (Quartiere Baio) Dovrebbe essere sostituita; essa alimenta un impianto parecchio datato di corpi illuminanti, nel territorio Comunale, decisamente fra i meno rispondenti alle Leggi Regionali, che peraltro si trovano posizionati stranamente molto vicini alle piante e dove risulta che le radici delle piante abbiano creato danni alla rete cavi. Detto impianto andrebbe completamente ristrutturato individuando: - soluzione nuova con corpi illuminanti diversi; - ubicazione dei corpi illuminanti da individuare il più lontano possibile dalle piante; - percorso delle linee elettriche, nuove anche queste, il più lontano possibile dalle radici delle piante. Per realizzare dette modifiche senza mettere fuori servizio l impianto esistente, è possibile prevedere, in alternativa, l alimentazione: A3a) Dalla Cabina elettrica D - descritta al punto A2b). Qualora fosse adottata l alimentazione dalla Cabina D, sarà possibile realizzare con comodo il nuovo impianto, lasciando funzionante quello esistente, avendo, ovviamente, cura di non danneggiarlo durante i lavori, modificando opportunamente il Quadro di Distribuzione e alla fine, integrando la potenza con l Ente Erogatore di Energia, disdettando il contratto esistente per la Cabina E, dopodichè provvedere allo smontaggio del vecchio impianto. A3b) Dalla Cabina elettrica F - descritta al punto A4). Qualora venisse adottata l alimentazione dalla Cabina F del Centro Sportivo, si potrà procedere nello stesso modo di cui sopra, con l unica eccezione riguardante l integrazione della potenza, in quanto l impianto di illuminazione stradale è derivato dal Trasformatore di Media Tensione, dal quale sono derivate in parallelo le utenze Comunali: - Campo Calcio Allenamento e Spogliatoi; - Scuole Materna, Elementari e Medie; che complessivamente hanno potenza notevolmente superiore a quella della illuminazione stradale, per cui considerato il funzionamento dell illuminazione stradale, l energia delle scuole non è a piena potenza, e quindi si può evitare di aumentare l impegno di potenza con l ente fornitore di energia elettrica. A4) Cabina elettrica F (Centro Sportivo) Che alimenta: - i vialetti dell Area Campi Sportivi e Scuole; - i parcheggi interni dell Area Scuole, Campi Sportivi e Tensostruttura. Detto impianto, oggetto già da ora di una possibile revisione sia per quanto riguarda le sorgenti luminose (corpi illuminanti e lampade), sia per quanto riguarda la regolazione e la gestione, non dovrebbe essere successivamente ristrutturato. La possibile integrazione di cui al punto A3b), qualora scelta come la migliore versione, dovrà essere opportunamente analizzata per il tipo di gestione esistente. Relazione 12 PRIC

14 A5) Cabina elettrica G (Piazza AIDO) Dovrebbe essere sostituito il Quadro, il quale fra i vari circuiti alimenta anche quello di Via Turati e Via Perrucchetti, che si trovano più vicini alla Cabina I. Si propongono quindi le sottoelencate varianti. A5a) A5b) A5c) Spostare l impianto del circuito 100 della Cabina A1, che alimenta le lampade delle Vie Mazza (lato Sud), Verdi, IV Novembre e Vitt. Veneto (vedere punto A1b) al Quadro G con il circuito 200 recuperato (vedere successivo punto A5c) Contemporaneamente, allacciare all esistente impianto, il nuovissimo impianto con Parcheggio e Strada Pedonale lato Est di Via Verdi (vedere successivo punto A8). Spostare l impianto del circuito 200 delle Vie Mazza, Turati, Perrucchetti e relativi Parcheggi, alimentandolo dalla Cabina I (vedere successivo punto A6). A6) Cabina elettrica I (Via Turati) Detta Cabina, alimenta il circuito 600 sul lato Nord-Ovest della Via Turati, date le immediate vicinanze può risultare opportuna l alimentazione anche dell impianto posto sul lato Nord-Est della stessa Via Turati, che alimenta anche la Via Perrucchetti (vedere punto A5c). Per non modificare globalmente il Quadro di distribuzione, è possibile integrare i due circuiti 200 e 700 in un unico circuito, mettendo in parallelo le linee di alimentazione sia nel punto di partenza che nel punto terminale del circuito 700. A7) Cabina elettrica L (Via Trento) L impianto derivato da detta Cabina è parzialmente disattivato o smontato, in quanto sono in corso lavori. Lo stato di fatto elencato nella tabella A contempla, per la Via Trento, la sistemazione di nuove sorgenti luminose nei punti già ubicati. Al nuovo impianto di modeste dimensioni, circuito n. 100 della Via Trento, sarebbe opportuno allacciare l impianto di Via Mazzini ristrutturato, nonchè quello della Via Bixio attualmente alimentato dalla Cabina A1 (vedere punto A1b). Si precisa che mentre per la Via Bixio gli interventi non sono particolarmente urgenti, quelli relativi alla Via Mazzini, sarebbero da realizzare immediatamente, in quanto la linea aerea fascettata su fune, vista la vetustità della fune, non offre garanzie di resistenza. A8) Cabina elettrica N (Via Verdi - Privato) Di recentissima realizzazione, detto impianto posto nelle immediate vicinanze al circuito 100 di Via Verdi (alimentato dalla Cabina A1), per dimensioni di impianto particolarmente modeste, ha un proprio Quadro con un proprio punto di consegna. La situazione non è molto logica, per cui sarebbe opportuno individuare un punto di raccordo fra detto impianto e quello esistente sulla Via Verdi. Attuando la modifica proposta al punto A5b), che prevede l allacciamento alla Cabina G delle Vie Mazza Sud, Verdi, IV Novembre e Vitt. Veneto, è possibile individuare il punto e le modalità di esecuzione della modifica. Relazione 13 PRIC

15 A9) Cabina elettrica O (Centro Culturale) L impianto installato nel Parco interno del Centro Culturale è alimentato dal Quadro del Centro stesso, per cui in caso di eventuali disservizi, è necessario accedere nell Edificio. Esso, evidentemente non subisce la regolazione di riduzione notturna, per cui se verranno apportate modifiche, si consiglia di effettuare la derivazione dell impianto di Via Marconi. Essendo installato in area indipendente, dove esiste un proprio impianto, al fine di non introdurre tensioni elettriche diverse, con possibilità di pericolo, detto impianto dovrà essere in Classe di isolamento 2. Le lampade di detto impianto non necessitano di alimentatore biregime, in quanto il Quadro A2 e attrezzato per la riduzione centralizzata. Relazione 14 PRIC

16 B) Opere di Adeguamento B1) Cabina elettrica A1 (Via Marconi) Questo è un impianto di vecchia data e non rispondente alla normativa illuminotecnica ed alle Leggi Regionali, pertanto va adeguato integralmente. Vista l altezza delle sorgenti luminose e le interdistanze, sarà da verificare se possibile recuperare l impianto elettrico e con eventuali opportuni adattamenti, anche i sostegni. Con l adeguamento in alcune strade, sarà possibile un risparmio energetico per impiego di lampade con minor potenza. Con l adeguamento sarebbe opportuno considerare anche l assestamento dei circuiti come descritto in A). B2) Cabina elettrica A2 (Via Marconi) Questo è un impianto di recente realizzazione. Purtroppo gli illuminamenti sono sfacciatamente elevati e parecchi corpi illuminanti proiettano fasci luminosi verso l alto, all esterno del riflettore, per cui risulta non aderente alla normativa e alle Leggi Regionali. I corpi illuminanti non sono più a Catalogo, per cui non sarà possibile il recupero, adottando gli stessi con lampade a minore potenza. In questa Cabina potrebbe essere opportuno derivare un circuito dalla Cabina A1, in previsione di eliminare un Quadro di Distribuzione peraltro non regolare. B3) Cabina elettrica B (Via Buonarroti) Anche questo è un impianto di vecchia data (forse il più anziano), non idoneo al PRIC in cui nel tempo sono stati inseriti degli ampliamenti, che a fronte di calcoli di verifica a campione, potrebbero risultare idonei al PRIC: trattasi di alcune aree di Parcheggio. Considerate le altezze dei sostegni e le interdistanze, con oculata progettazione, sarà da verificare se possibile recuperare l impianto elettrico e, con eventuali opportune modifiche, i sostegni. Con l adeguamento sarà possibile un risparmio energetico per l impiego di lampade di minor potenza. In particolare sulla Via Deledda, alcuni corpi illuminanti andrebbero collegati all impianto di Via Negri e sostituiti similmente a quelli di Via Negri. B4) Cabina elettrica C (Via Celadina) Questo è un impianto realizzato recentemente con corpi illuminanti che rispondono ai requisiti prescritti dalle Leggi Regionali, ne fanno eccezione alcuni installati in precedenza sulle Vie Buonarroti lato Ovest, Daste Spalenga e le 5 strade laterali tra le Vie Celadina e Roma, allacciate recentemente al nuovo impianto, per ridurre il carico sulla Via Roma che nel tempo ha subito ampliamenti. Con calcoli di verifica a campione, gli impianti nuovi potrebbero risultare idonei al PRIC, mentre quelle appendici sopra menzionate, con opportune modifiche ai sostegni necessiterebbero quantomeno della sostituzione del corpo illuminante. B5) Cabina elettrica D (Green House) Anche questo è un impianto realizzato recentemente con corpi illuminanti che rispondono ai requisiti prescritti dalle Leggi Regionali, fa eccezione un corpo illuminante installato sulla appendice di Via Negri. A questo impianto sarebbe opportuno allacciare i corpi illuminanti di Via Deledda, lato Ovest, e considerare anche l eventuale assestamento descritto in A3a). Relazione 15 PRIC

COMUNE DI TORRI IN SABINA UTENZE ELETTRICHE COMUNALI

COMUNE DI TORRI IN SABINA UTENZE ELETTRICHE COMUNALI COMUNE DI TORRI IN SABINA UTENZE ELETTRICHE COMUNALI PREMESSA Con riferimento a quanto concordato nel corso del consiglio Comunale del 29/9/12 ho eseguito una prima analisi di massima sulle utenze elettriche

Dettagli

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Intervento di riqualificazione energetica ed illuminotecnica della rete di illuminazione pubblica del Comune di Varapodio Progetto Definitivo/Esecutivo

Dettagli

La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia. novembre 2014

La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia. novembre 2014 La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia novembre 2014 Milano e Brescia a LED Illuminazione Pubblica 181,76 km 2 area Milano 90,34 km 2 area Brescia 1.316.000 abitanti Milano 195.500 abitanti

Dettagli

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE Comune di PISOGNE - BS Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 RISPARMIO ENERGETICO ANALISI DELLA SITUAZIONE F - IN ALLEGATO AI FASCIOLI

Dettagli

Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Trasporti ILLUMINAZIONE PUBBLICA CON TECNOLOGIA A LED

Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Trasporti ILLUMINAZIONE PUBBLICA CON TECNOLOGIA A LED Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Trasporti ILLUMINAZIONE PUBBLICA CON TECNOLOGIA A LED CALCINATE: ROTATORIA Ex S.S. S n. 573 S.P. n. 122 S.P. n. 89 ROTATORIA DI CALCINATE : S.A.P. o TECNOLOGIA

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

Disciplinare descrittivo e prestazionale

Disciplinare descrittivo e prestazionale Disciplinare descrittivo e prestazionale Sommario PREMESSA... 1 OGGETTO DELL APPALTO... 1 REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME, LEGGI E REGOLAMENTI... 1 ILLUMINAZIONE PUBBLICA, QUADRI E LINEE ELETTRICHE...

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

P.I.C.I.L. del Comune di Rosà. Piano dell illuminazione per il contenimento dell inquinamento luminoso L.R. 17/2009

P.I.C.I.L. del Comune di Rosà. Piano dell illuminazione per il contenimento dell inquinamento luminoso L.R. 17/2009 Pag. 1 di 16 totali INDICE STIMA ECONOMICA DEI COSTI DI ADEGUAMENTO... 2 1. PREMESSA... 2 2. COSTI ADEGUAMENTI CORPI ILLUMINANTI... 3 2.1. SOSTITUZIONE CORPI ILLUMINANTI CON NUOVA SORGENTE AL SODIO (SOLUZIONE

Dettagli

Progetto Lumière Efficienza energetica nell Illuminazione Pubblica. Audit energetico: Modello Lumière. Ing. Franco Curti

Progetto Lumière Efficienza energetica nell Illuminazione Pubblica. Audit energetico: Modello Lumière. Ing. Franco Curti Progetto Lumière Efficienza energetica nell Illuminazione Pubblica Audit energetico: Modello Lumière Ing. Franco Curti 1 Obiettivi L Audit energetico consiste nell analisi dello stato di fatto di un impianto

Dettagli

PIANO ILLUMINAZIONE CONTENIMENTO INQUINAMENTO LUMINOSO

PIANO ILLUMINAZIONE CONTENIMENTO INQUINAMENTO LUMINOSO INDICE F - LINEE GUIDA MANUTENZIONE IMPIANTI... 2 F.1 - PIANO DI MANUTENZIONE E ATTIVITÀ MANUTENTIVE... 2 F.1.1 - MANUALE D USO E CONDUZIONE... 3 F.1.2 - MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 F.1.3 - PROGRAMMA

Dettagli

COMUNE DI MONZA. SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia

COMUNE DI MONZA. SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA Approvato con Deliberazione di C.C. n 39 del 09.06.2003 REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE

Dettagli

Comune di Casorezzo. Piano di Governo del Territorio. PUGSS Piano Generale dei Servizi nel Sottosuolo. Allegato Piano dei Servizi. Provincia di Milano

Comune di Casorezzo. Piano di Governo del Territorio. PUGSS Piano Generale dei Servizi nel Sottosuolo. Allegato Piano dei Servizi. Provincia di Milano (MI) - PGT PUGSS Piano urbano generale dei servizi nel sottosuolo Provincia di Milano Piano di Governo del Territorio Allegato Piano dei Servizi PUGSS Piano Generale dei Servizi nel Sottosuolo Art. 9.8

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO L impianto d illuminazione del Porto Industriale di Oristano risulta composto da 22 torrifaro nel molo sottoflutto e nel piazzale, da 2 torri faro nel piazzale del molo sopraflutto

Dettagli

PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO

PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO LEGGE REGIONALE 7 AGOSTO 2009, N. 17 (BUR N. 65/2009) NUOVE NORME PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO, IL RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma

COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma PROGETTO PRELIMINARE E ANALISI ECONOMICA PER LA MESSA A NORMA E LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELL IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE DEL COMUNE DI COLLEFERRO (RM)

Dettagli

7 ANALISI ECONOMICA E RISPARMIO ENERGETICO

7 ANALISI ECONOMICA E RISPARMIO ENERGETICO 7 ANALISI ECONOMICA E RISPARMIO ENERGETICO 7.1 Quota annuale di incremento Dai dati ricavati dallo stato di fatto si può desumere che la potenza installata delle lampade esistenti è pari a Kw 123,34 Per

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

Capitolato prestazionale e Schema di contratto Progetto Preliminare. TAV.n 03. Comune di Sesto Campano Provincia di IS OGGETTO:

Capitolato prestazionale e Schema di contratto Progetto Preliminare. TAV.n 03. Comune di Sesto Campano Provincia di IS OGGETTO: Comune di Sesto Campano Provincia di IS TAV.n 03 Capitolato prestazionale e Schema di contratto Progetto Preliminare OGGETTO: INTERVENTI DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO E ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO

Dettagli

Art. 7 (Progettazione, realizzazione e conduzione degli impianti di illuminazione)

Art. 7 (Progettazione, realizzazione e conduzione degli impianti di illuminazione) Regolamento regionale per la riduzione e prevenzione dell inquinamento luminoso Art. 1 (Oggetto ed ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento, in attuazione di quanto previsto dagli articoli 3

Dettagli

Sorgenia Menowatt s.r.l.

Sorgenia Menowatt s.r.l. Sorgenia Menowatt s.r.l. Relazione finale sul monitoraggio dell intervento di efficientamento energetico dell impianto di pubblica illuminazione, effettuato con il sistema Dibawatt, nel comune di Belforte

Dettagli

SOLUZIONI INNOVATIVE PER L ILLUMINAZIONE L

SOLUZIONI INNOVATIVE PER L ILLUMINAZIONE L SOLUZIONI INNOVATIVE PER L ILLUMINAZIONE L PUBBLICA Relatore: Ing. Paolo Di Lecce Reverberi Enetec srl PROVINCIA DI BERGAMO SPAZIO VITERBI 1 DICEMBRE 2010 Con il patrocinio: REVERBERI ENETEC Il risparmio

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (art. 30 del D.Lgs. 163/2006)

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (art. 30 del D.Lgs. 163/2006) COMUNE DI IMPRUNETA Provincia di Firenze CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (art. 30 del D.Lgs. 163/2006) ALLEGATO Interventi sugli impianti elettrici Il Responsabile

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. VITRIUM Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Intervento di riqualificazione energetica ed illuminotecnica della rete di illuminazione pubblica del Comune di Progetto Definitivo/Esecutivo ELENCO PREZZI

Dettagli

COMUNE DI MENTANA Città Metropolitana di Roma Capitale

COMUNE DI MENTANA Città Metropolitana di Roma Capitale COMUNE DI MENTANA Città Metropolitana di Roma Capitale RELAZIONE PROGETTO PRELIMINARE E ANALISI ECONOMICA PER LA GESTIONE E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E SEMAFORICI

Dettagli

COMUNE DI BEDIZZOLE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI BEDIZZOLE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI BEDIZZOLE PROVINCIA DI BRESCIA Regolamento per la riduzione dell inquinamento luminoso, per il risparmio energetico e per la corretta illuminazione delle aree scoperte nel Comune di BEDIZZOLE

Dettagli

COMUNE DI QUALIANO MANUTENZIONE IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI QUALIANO MANUTENZIONE IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE RELAZIONE TECNICA Su incarico dell Amministrazione Comunale è stato redatto il progetto per l affidamento dei lavori di manutenzione degli impianti di pubblica illuminazione insistenti sul territorio comunale. Propedeutico

Dettagli

Riduzione dell inquinamento luminoso e relativo risparmio energetico: compiti e opportunità

Riduzione dell inquinamento luminoso e relativo risparmio energetico: compiti e opportunità ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Giornata d d informazione Riduzione dell inquinamento luminoso e relativo risparmio energetico: compiti e opportunità Piani della Luce e l energyl saving nell illuminazione

Dettagli

ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA

ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA DA FINE APRILE 2014 Tutto il nostro Comune sarà interessato dalla sostituzione dei corpi illuminanti di tutta la pubblica illuminazione con tecnologia a LED. Lampioni

Dettagli

AREA OMOGENEA DI APPARTENENZA. Zone di interesse pubblico. Zone di valore paesistico-ambientale. Aree di rispetto cimiteriale

AREA OMOGENEA DI APPARTENENZA. Zone di interesse pubblico. Zone di valore paesistico-ambientale. Aree di rispetto cimiteriale RIEPILOGO STATO DI FATTO Legenda PROPRIETA IMPIANTI Proprietà comunale Proprietà Enel So.l.e. AREA OMOGENEA DI APPARTENENZA Aree verdi Zone residenziali Zone di interesse pubblico Zone produttive Zone

Dettagli

La soluzione COFELY nella pubblica illuminazione. Comune di Pastena

La soluzione COFELY nella pubblica illuminazione. Comune di Pastena T.E.L.E.CITY La soluzione COFELY nella pubblica illuminazione Comune di Pastena APPALTO DEL COMUNE PER L II.PP. Il Comune di Pastena, in provincia di Frosinone, attraverso la realizzazione del Piano Regolatore

Dettagli

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI L uso di lampade ad avanzata tecnologia ed elevata efficienza luminosa costituisce un ulteriore criterio tecnico imposto dalla normativa regionale, affinchè

Dettagli

SORGENTI LUMINOSE. ALVISI ING. MATTEO www.acmproject.it

SORGENTI LUMINOSE. ALVISI ING. MATTEO www.acmproject.it SORGENTI LUMINOSE Lo sviluppo di nuove tecnologia ha consentito di realizzare una gamma notevole di lampade, destinate alle più differenti applicazioni: Irradiazione per effetto termico Lampade a Incandescenza

Dettagli

PICIL IN OTTICA SMART

PICIL IN OTTICA SMART PICIL IN OTTICA SMART Ing. Diego Bonata Belluno, 11 Aprile 2014 La prima associazione europea di progettisti dell illuminazione eco-sostenibile www.lightis.eu 01-gen-05 01-ago-05 01-mar-06 01-ott-06 01-mag-07

Dettagli

MODELLO AUDIT ENERGETICO Realizzato nell ambito della Ricerca di Sistema Elettrico e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico

MODELLO AUDIT ENERGETICO Realizzato nell ambito della Ricerca di Sistema Elettrico e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico MODELLO AUDIT ENERGETICO Realizzato nell ambito della Ricerca di Sistema Elettrico e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico La tabella riportata rappresenta il Modello di Audit energetico identificato

Dettagli

Comune di Sovico Concessione per la l affidamento del servizio di pubblica illuminazione - Capitolato speciale

Comune di Sovico Concessione per la l affidamento del servizio di pubblica illuminazione - Capitolato speciale Comune di Sovico (MB) CAPITOLATO SPECIALE ALLEGATO 4 PROVE TECNICHE E ILLUMINOTECNICHE rif. art. 25 L elenco seguente comprende le attività minime di esecuzione delle prove tecniche ed illuminotecniche

Dettagli

1. PREMESSA 2. IL CONCETTO DI RISPARMIO ENERGETICO

1. PREMESSA 2. IL CONCETTO DI RISPARMIO ENERGETICO RELAZIONE TECNICA INDICE 1. PREMESSA... 2 2. IL CONCETTO DI RISPARMIO ENERGETICO... 2 3. EFFICIENZA DELLE SORGENTI LUMINOSE... 3 4. SISTEMI FINALIZZATI AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI ELETTRICI... 5 4.1 Funzionamento

Dettagli

Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico

Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico L impiego dei LED negli impianti di illuminazione permette oggi di contenere in misura significativa i consumi di energia elettrica, ma anche di ridurre

Dettagli

Lampade per strade parchi e parcheggi

Lampade per strade parchi e parcheggi Serie HELIOS-CLASSIC Lampade per strade parchi e parcheggi 2 Nozioni importanti riguardo SAP e LED Nelle lampade SAP (Sodio Alta Pressione) si può affermare che i lux dichiarati dalla casa produttrice

Dettagli

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di Marsciano Provincia di Perugia PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: Sistemazione delle pavimentazioni e delle infrastrutture a rete di

Dettagli

percepto THE GREEN LIGHT

percepto THE GREEN LIGHT THE GREEN LIGHT CARATTERISTICHE APPARECCHIO Ermeticità blocco ottico: IP 66 (*) Ermeticità vano ausiliari: IP 66 (*) Resistenza agli urti: senza rilevatore di movimento IK 08 (**) con rilevatore di movimento

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Una nuova luce per Brescia

Una nuova luce per Brescia Una nuova luce per Brescia Innovazione dell illuminazione pubblica Brescia, 9 Maggio 2014 L illuminazione pubblica di Brescia Nel 1909 il servizio di illuminazione pubblica fu affidato dal Comune di Brescia

Dettagli

Linee di indirizzo del nuovo Regolamento attuativo della legge sull'illuminazione Esterna

Linee di indirizzo del nuovo Regolamento attuativo della legge sull'illuminazione Esterna Linee di indirizzo del nuovo Regolamento attuativo della legge sull'illuminazione Esterna ILLUMINAZIONE PUBBLICA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE 28 ottobre 2015 Salone di Villa Gallia Como NECESSITA DI

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

ARMATURA A 32 LED. per sbraccio tra -5 e + 5. per cima palo tra 0 e + 10

ARMATURA A 32 LED. per sbraccio tra -5 e + 5. per cima palo tra 0 e + 10 ARMATURA A 32 LED Armatura stradale compatta dalla linea innovativa e aerodinamica. Il Corpo portante è in pressofusione di lega di alluminio UNI 5076, verniciato con polveri poliesteri di colore RAL 7035.

Dettagli

Autori: prof. ing. Maurizio Fauri ing. Matteo Manica ing. Manuel Gubert

Autori: prof. ing. Maurizio Fauri ing. Matteo Manica ing. Manuel Gubert Committente: Comune di Colorno via Cavour n. 9 43052 Colorno (Parma) Oggetto: Valutazione dell efficienza energetica e individuazione degli interventi di risparmio per gli impianti di illuminazione pubblica

Dettagli

FOTO 1. Via XXV Aprile frazione Brugarolo. Questa via presenta un illuminazione non a norma perché: Le lampade sono in parte al neon ed in parte al mercurio; Il montaggio non è a norma a causa dell inclinazione

Dettagli

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI Committente: TREVIGLIO FUTURA S.p.a. Societa' Trasformazione Urbana Piazza Manara, 1-24047 Treviglio (BG) Progetto: RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI 00 REVISIONE Emissione disegno

Dettagli

CITTA' DI ALESSANO. Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA.

CITTA' DI ALESSANO. Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA. CITTA' DI ALESSANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA. ------ REGOLAMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELL'ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA

Dettagli

Energia Elettrica: - Impianti Fotovoltaici - Illuminazione Pubblica. San Paolo d Argon 6 maggio 2013

Energia Elettrica: - Impianti Fotovoltaici - Illuminazione Pubblica. San Paolo d Argon 6 maggio 2013 Energia Elettrica: - Impianti Fotovoltaici - Illuminazione Pubblica San Paolo d Argon 6 maggio 2013 AGENDA Impianti Fotovoltaici Modalità funzionamento Situazione italiana V Conto Energia Tariffe incentivanti

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

La presente relazione riassume i risultati del lavoro svolto nell ambito del progetto Illuminazione pubblica, ovvero:

La presente relazione riassume i risultati del lavoro svolto nell ambito del progetto Illuminazione pubblica, ovvero: 1 Sommario La presente relazione riassume i risultati del lavoro svolto nell ambito del progetto Illuminazione pubblica, ovvero: o Sintesi dei dati di consistenza degli impianti siti sul territorio, di

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE

PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE A.S. 2015/2016 Prof. Emanuele Ghironi Prof. Sandro Manca Disciplina Tecnologie e Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici Classe: TERZA Sez. Y INDIRIZZO: ELETTRONICA

Dettagli

STILIS. armatura stradale a LED

STILIS. armatura stradale a LED armatura stradale a LED Informazioni Generali Lo STILIS è un apparecchio brevettato innovativo e d eccezionale potenza caratterizzato da un fascio luminoso generato da led sapientemente orientati (sistema

Dettagli

Econtek. Tecnologie per l'energia e il controllo LAMPIONE STRADALE FOTOVOLTAICO TECNOLOGIA LED SOX

Econtek. Tecnologie per l'energia e il controllo LAMPIONE STRADALE FOTOVOLTAICO TECNOLOGIA LED SOX LAMPIONE STRADALE FOTOVOLTAICO TECNOLOGIA LED SOX Zero spese di energia elettrica massima sicurezza da folgorazione recupero dei vecchi pali e dei cavi interrati riciclandoli zero manutenzione linee elettriche

Dettagli

COMUNE DI TORRE DE BUSI Via Vittorio Veneto 15 23806 Torre de Busi (LC)

COMUNE DI TORRE DE BUSI Via Vittorio Veneto 15 23806 Torre de Busi (LC) COMUNE DI TORRE DE BUSI Via Vittorio Veneto 15 23806 Torre de Busi (LC) Intervento Piano Regolatore dell Illuminazione Comunale Oggetto Pianificazione energetica ed economica Energy Saving Revisione Data

Dettagli

LAMPIONE FOTOVOLTAICO modello ELIOS

LAMPIONE FOTOVOLTAICO modello ELIOS LAMPIONE FOTOVOLTAICO modello ELIOS L PRIMO LAMPIONE FOTOVOLTAICO COMPLETAMENTE TARABILE SFHERA SRL Pagina 1 IL SISTEMA Il lampione fotovoltaico è composto da : Pannello fotovoltaico N 2 batterie ermetiche

Dettagli

COMUNE DI REZZO Provincia di Imperia REGOLAMENTO COMUNALE SULL INQUINAMENTO LUMINOSO

COMUNE DI REZZO Provincia di Imperia REGOLAMENTO COMUNALE SULL INQUINAMENTO LUMINOSO COMUNE DI REZZO Provincia di Imperia REGOLAMENTO COMUNALE SULL INQUINAMENTO LUMINOSO Approvato con DCC n. 44 del 18/12/2012 REGOLAMENTO PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO Articolo 1 (Finalità) Il presente

Dettagli

Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale

Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale INDICE ALLEGATO A: Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale A. - RELAZIONE GENERALE 2 A.1 - PREMESSA 2 A.2 - INTENTI DEL PICIL 3 A.3 CONTENUTI DEL PICIL 5 A.4 - INQUADRAMENTO

Dettagli

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNE DI GUAGNANO Provincia DI LECCE POI ENERGIA 2007 2013 / PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

Dettagli

LA NATURA, LA NOSTRA ENERGIA RELAMPING ILLUMINOTECNICO FOR COST SAVING AND BETTER LIGHTING QUALITY

LA NATURA, LA NOSTRA ENERGIA RELAMPING ILLUMINOTECNICO FOR COST SAVING AND BETTER LIGHTING QUALITY LA NATURA, LA NOSTRA ENERGIA RELAMPING ILLUMINOTECNICO FOR COST SAVING AND BETTER LIGHTING QUALITY 1. TECNOLOGIA A LED L introduzione del LED sta rendendo obsolete le vecchie lampade al Mercurio e le comuni

Dettagli

FIRENZE: RETE, LUCE, IDENTITA

FIRENZE: RETE, LUCE, IDENTITA FIRENZE: RETE, LUCE, IDENTITA Milano, RETE LUCE IDENTITA Claudio Bini RETE Silfispa: Gestione integrata dei servizi di mobilità e illuminazione RETE Sistemi di controllo traffico Gestione illuminazione

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Arcavacata Rende, 8 ottobre 2010 La luce come requisito di legge negli ambienti di lavoro Come riconoscere un apparecchio di illuminazione Direttiva ECOdesign e possibili

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO

INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO 1 INQUINAMENTO LUMINOSO: DEFINIZIONI E CAUSE PERCHÉ VEDIAMO QUANDO SI ILLUMINA? La luce per illuminare deve seguire un percorso analogo a quello indicato dalla

Dettagli

AMPERA SOLUZIONE LED PER UN INVESTIMENTO OTTIMIZZATO. VERSATILità

AMPERA SOLUZIONE LED PER UN INVESTIMENTO OTTIMIZZATO. VERSATILità AMPERA SOLUZIONE LED PER UN INVESTIMENTO OTTIMIZZATO design di qualità EFFICIENza VERSATILità Sostenibilità AMPERA la scelta PIU ovvia per L illuminazione stradale e urbana a led Valutare con precisione

Dettagli

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA PROGETTO/DIMENSIONAMENTO E VERIFICA IMPIANTO ELETTRICO A SERVIZIO DELL EDIFICIO COMUNALE DA DESTINARE AD ASILO NIDO -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E SEMAFORICA

SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E SEMAFORICA CITTA di SAVIGLIANO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E SEMAFORICA Andrea PARLANTI ESIGENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE NEL 2012 RIDURRE COSTI GESTIONE IMPIANTI ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNALE RIDURRE

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia 1. PREMESSA Nella presente relazione sono illustrati i criteri di scelta delle soluzioni progettuali adottate, in relazione alla classificazione dei luoghi ed in ottemperanza alle norme tecniche di riferimento.

Dettagli

Alimentatore switching controllato, per Led di potenza.

Alimentatore switching controllato, per Led di potenza. Alimentatore switching controllato, per Led di. Detto alimentatore è controllato da un circuito, che consente la possibilità a qualsiasi corpo illuminante, ( stradale ovvero di interni ), di erogare la

Dettagli

COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA

COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA COMUNE DI PORTO TOLLE Provincia Di Rovigo AREA TECNICA ALLEGATO A Traccia delle operazioni richieste di manutenzione ordinaria Programmata preventiva e straordinaria AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO INERENTE LA

Dettagli

Quadri elettrici. Quadri per uso Industriale

Quadri elettrici. Quadri per uso Industriale Quadri elettrici Quadri per uso Industriale I quadri elettrici, erano soggetti alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue: AS Apparecchiatura costruita in serie: ovvero apparecchiatura

Dettagli

Norma 17-13. Generalità

Norma 17-13. Generalità QUADRI ELETTRICI Generalità Norma 17-13 I quadri elettrici, sono da considerare componenti dell impianto. Essi devono rispondere alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue:

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 1/12 QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 Autore: Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI FONDAMENTALI PER RIDURRE IL RISCHIO ELETTRICO Premessa Nei cantieri edili i rischi

Dettagli

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1 Impianti Meccanici 1 Gli impianti sono soggetti ad una ampia normativa nazionale. Tali norme sono in continua evoluzione anche al fine di unificare internazionalmente le regole della buona tecnica e dell

Dettagli

Stazione Elettrica. Val d Adige

Stazione Elettrica. Val d Adige Stazione Elettrica Val d Adige Stazione Elettrica Val d Adige La storia Già alla fine degli anni 90 Azienda Energetica prendeva atto della necessità di sostituire l esistente Cabina Primaria di Vilpiano

Dettagli

1) RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE INTERVENTO IN F.T.T.

1) RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE INTERVENTO IN F.T.T. 1) RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE INTERVENTO IN F.T.T. Pagina 1 di 12 INDICE A) OBIETTIVI DEL PROGETTO IN F.T.T pag. 3 B) DOCUMENTAZIONE DEL PROGETTO PRELIMINARE pag. 7 C) CONCLUSIONI pag. 8 Pagina 2

Dettagli

CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO.

CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO. CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO. E luogo comune sostenere che un elettrodotto in cavo sia preferibile ad uno aereo: non è sempre vero. Parametro determinante a tal fine è la tensione nominale

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

Convenzione Servizio Luce. Comune di Selvazzano Dentro

Convenzione Servizio Luce. Comune di Selvazzano Dentro Convenzione Servizio Luce 1 Servizio Luce in Convenzione Consip Ministero dell Economia e delle Finanza Consip Gare di beni e servizi per Pubbliche Amministrazioni Servizio Luce - Gestione e manutenzione

Dettagli

Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ. 29 settembre 2014

Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ. 29 settembre 2014 Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ 29 settembre 2014 Milano a LED Illuminazione Pubblica a Milano 181,76 km 2 area Milano 1.316.000 abitanti 141.963 lampade per l illuminazione pubblica

Dettagli

Guida: alla protezione da fulmini e da sovratensione per impianti a LED Versione 08/2014

Guida: alla protezione da fulmini e da sovratensione per impianti a LED Versione 08/2014 Guida: alla protezione da fulmini e da sovratensione per impianti a LED Versione 08/2014 Indice Capitolo 1. Protezione da fulmini e da sovratensione per illuminazione a LED...3 Capitolo 1.1 Concetti di

Dettagli

1. GENERALITÀ... 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. CLASSIFICAZIONE DELLA STRADA... 4 4. CARATTERISTICHE D ILLUMINAMENTO... 5

1. GENERALITÀ... 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. CLASSIFICAZIONE DELLA STRADA... 4 4. CARATTERISTICHE D ILLUMINAMENTO... 5 Sommario 1. GENERALITÀ... 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. CLASSIFICAZIONE DELLA STRADA... 4 4. CARATTERISTICHE D ILLUMINAMENTO... 5 5. REQUISITI PRESTAZIONALI DELL IMPIANTO... 7 6. STATO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

PLAFONIERA SNP2 Stellare

PLAFONIERA SNP2 Stellare ILLUMINOTECNICA PLAFONIERA SNP2 Stellare APPARECCHIO DI ILLUMINAZIONE CON LED AD ALTA POTENZA DA 50 + 50 Watt INSTALLAZIONI AD INCASSO SU CONTROSOFFITTI A DOGHE E PENSILINE PER STAZIONI DI SERVIZIO Pag.2

Dettagli

Installazione del quadro di distribuzione

Installazione del quadro di distribuzione 10 Installazione del quadro di distribuzione Dopo aver realizzato l intero impianto, si conosce il numero di circuiti e dei punti di utilizzo. Questo permette di determinare il numero dei dispositivi di

Dettagli

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante Dott. Ing. Andrea Muzio Via Dante 72 Sestri Levante (GE) tel. 018541082 - fax. 0185482916 cell. 3357849106 e-mail: andrea@muzioing.it Realizzazione autorimessa Via della pace nel mondo Sestri Levante Opere

Dettagli

E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA

E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA ISTITUTO PROFESSIONALE Settore INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA di TECNOLOGIE E TECNICHE DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE INDIRIZZO: IPE9 - MANUTENZIONE

Dettagli

Sostituzione dei corpi illuminanti esistenti con corpi illuminanti Led

Sostituzione dei corpi illuminanti esistenti con corpi illuminanti Led EX FACOLTA DI INGEGNERIA Sostituzione dei corpi illuminanti esistenti con corpi illuminanti Led L impianto di illuminazione interna del complesso della ex Facoltà di Ingegneria è oggi tecnicamente obsoleto,

Dettagli

PIANO DELL'ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO - PICIL G 0109 S2 PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DELL'ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO - PICIL G 0109 S2 PIANO DI MANUTENZIONE Futuro sostenibile COMUNE DI VEGGIANO PIANO DELL'ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO - PICIL G 0109 S2 Elab. G ETRA S.p.A. Area Ricerca, Innovazione e Sviluppo, Laboratorio, Compliance

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA

REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA BB3 / D E REL / 0 1 7 Committente REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO Commessa OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE Progetto IMPIANTI ELETTRICI Fase PROGETTO DEFINITIVO Documento Originale:

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli