ANNO SCOLASTICO INFORMATICA. AD USO DELLE CLASSI SPC LUGANO Antonella Andina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO SCOLASTICO 2001-2002 INFORMATICA. AD USO DELLE CLASSI SPC LUGANO Antonella Andina"

Transcript

1 ANNO SCOLASTICO INFORMATICA AD USO DELLE CLASSI SPC LUGANO Antonella Andina

2 Argomento INDICE Pag. Teoria 1 Sistema operativo 31 Mezzi di comunicazione 61 Elaborazione testi 81 Foglio elettronico 121 Programma di presentazione 151

3 01AND - Teoria Data: 1 Parte teorica Il termine informatica è l'abbreviazione di informazione automatica e indica la scienza dell'informazione, comprende cioè tutte le attività (studio, progettazione, fabbricazione e impiego) relative agli elaboratori. Un elaboratore è una macchina elettronica automatica digitale per il trattamento delle informazioni: macchina indica che gli elaboratori appartengono alla stessa categoria generale dei rasoi elettrici, dei semafori, delle locomotive a vapore, dei lettori CD ecc. elettronica automatica digitale trattamento di informazioni indica che l'elaboratore è basato su un certo numero di componenti elettronici, i circuiti integrati allo stato solido è una delle caratteristiche principali di un computer cioè la capacità di eseguire automaticamente (senza l'intervento umano) la sequenza di operazioni necessarie per risolvere un problema indica che l'elaboratore è in grado di trattare informazioni rappresentate in forma numerica (dall'inglese digit = cifra): l'unico alfabeto riconosciuto dall'elaboratore è costituito da due cifre, 0 e 1 e tramite questo alfabeto è in grado di rappresentare (con combinazioni diverse di 0 e 1) qualunque carattere numerico e alfanumerico. (Da notare che il termine digitale non significa che il computer può trattare solo numeri, ma anche qualsiasi tipo di informazione, purché rappresentata sotto forma numerica). genere di lavoro che gli elaboratori sono in grado di svolgere. Qualsiasi attività, dallo scrivere una lettera al condurre una navicella spaziale richiede il trattamento di informazioni. Le caratteristiche degli elaboratori Velocità: gli impulsi elettrici viaggiano a velocità incredibili e dato che i calcolatori sono elettronici (e non vincolati a movimenti meccanici, giri di ruote, ingranaggi) raggiungono unità di tempo quali microsecondi (milionesimi di secondo) nanosecondi (miliardesimi di secondo) e picosecondi (millesimi di miliardesimo di secondo). Precisione: raramente un elaboratore commette errori, questi sono di norma infatti dovuti non a un punto debole della macchina bensì a errori umani, quali imprecisioni nei programmi o nei dati o all'utilizzo di sistemi mal progettati. Versatilità: i computer sono in grado di eseguire quasi qualunque compito (semplice o complesso), sempre che questo sia riducibile a una serie di passi logici. Automazione: l'elaboratore non ha costantemente bisogno che un operatore umano schiacci i tasti opportuni per eseguire determinate operazioni: una volta che il programma è nella memoria del computer, le istruzioni sono trasferite, una dopo l'altra, all'unità di controllo per l'esecuzione. Continuità: al contrario degli uomini, il computer non soffre di stanchezza o mancanza di concentrazione. Se deve eseguire tre milioni di operazioni, eseguirà l'ultima esattamente con la stessa precisione e velocità con cui ha eseguito la prima. Memoria: l'elaboratore ha due tipi di memorie interne, una soltanto delle quali è destinata all'uso da parte dell'utente. Questa memoria è limitata in capacità e perde il suo contenuto in assenza di corrente. Al contrario la memoria esterna o ausiliaria è praticamente illimitata (dischi, nastri, ecc.) e permette di conservare in modo permanente una mole infinita di dati.

4 01AND - Teoria Data: 2 Hardware e Software Vengono definite Hardware le parti fisiche di un computer, ossia quelle che si possono osservare e toccare: la tastiera, il monitor, la scatola che contiene l'unità di sistema, i cavi che collegano queste parti fra loro, l'elettronica che consente di utilizzarle e le viti che le tengono fissate. Sono inoltre parte Hardware tutti gli altri dispositivi che si collegano a un computer, chiamati "periferiche" (stampante, mouse, modem, plotter, ecc.). Il termine Software si riferisce ai programmi che si eseguono con un computer, nonché ai dati creati da un utente (parte logica). I programmi sono costituiti da istruzioni codificate che indicano all'hardware come elaborare le informazioni: il software di sistema determina le modalità di funzionamento delle varie componenti hardware, il software applicativo consente di svolgere delle attività specifiche (trattamento testi, tabelle di calcolo, contabilità, ecc.). Accade spesso di sentire il termine compatibile a proposito di software e hardware. Se una parte di un sistema computerizzato è compatibile con un'altra, significa che le due parti possono lavorare insieme senza provocare conflitti. Se non sono compatibili, esistono delle possibilità che non funzionino per niente. Funzioni di un computer Il funzionamento di un computer si articola su tre punti fondamentali: 1. Immissione dei dati I dati vengono inseriti tramite qualsiasi periferica di immissione come tastiera, mouse, scanner o vengono prelevati da documenti memorizzati nei dischi. Alcuni computer riconoscono anche inserimenti vocali. 2. Elaborazione dei dati Il computer traduce i dati in segnali elettrici che può poi elaborare usando la memoria e le circuitazioni. I vari programmi contengono istruzioni differenti: il computer interpreta le istruzioni ed esegue le attività richieste. 3. Emissione di dati I segnali elettrici vengono a questo punto inviati ad una periferica di emissione che li traduce in un formato comprensibile all'utente: i dati, per esempio, possono apparire sullo schermo, venire stampati con una stampante o registrati su disco. Immissione = Input Elaborazione = Processing Emissione = Output Dati Interpretazione Informazioni I dati sono qualsiasi tipo carattere, parole, numeri o immagini. I caratteri vengono distinti in ALFABETICI i caratteri dell'alfabeto dalla A alla Z NUMERICI le cifre numeriche dal 0 al 9 ALFANUMERICI SPECIALI l'insieme dei caratteri numerici e alfabetici tutti gli altri caratteri Ogni carattere che è possibile immettere dalla tastiera ha una rappresentazione interna (sequenza di bit stabilita da un codice: uno dei più diffusi è l American Standard Code for Information Interchange = codice ASCII)

5 01AND - Teoria Data: 3 Configurazione di base Questo capitolo tratta a grandi linee le componenti di un computer: i dettagli verranno trattati nei capitoli seguenti. 1. L'unità di sistema è il cuore del computer, si tratta della scatola che contiene i componenti elettronici, ossia i chip 1, i collegamenti e i circuiti preposti all'elaborazione delle informazioni. All'interno dell'unità di sistema si trova inoltre la componente più importante di un computer, cioè la CPU (Central Processing Unit) e le memorie interne. 2. Le unità disco sono periferiche che il computer utilizza per leggere e memorizzare informazioni. - le unità dischetti sono generalmente incorporate nell'unità di sistema. - i dischi rigidi possono essere incorporati nell'unità di sistema. Dato che spesso non possono essere estratti, a volte vengono definiti dischi fissi. 3. Il video chiamato anche schermo o monitor, mostra le informazioni immesse nel computer tramite tastiera. 4. La tastiera serve ad inserire dei dati nel computer: ha tutti i tasti di una macchina per scrivere oltre ad alcuni tasti specifici. 5. Il mouse è una periferica di puntamento che si sposta con la mano e può essere utilizzato in sostituzione o in combinazione con la tastiera per inserire i comandi. Il mouse non è indispensabile ma agevola e semplifica notevolmente il lavoro con alcuni programmi, per cui il suo impiego è largamente raccomandato. 6. La stampante serve a produrre copie su carta dei dati presenti nel computer. 7. Gli altoparlanti con il diffondersi dei programmi multimediali che fanno largo uso di immagini e filmati, l audio ha assunto sempre più importanza tanto da rendere indispensabili i diffusori, unitamente alla scheda audio, alla configurazione standard di un computer. 1 Chip: piastrine di differenti dimensioni, con tanti piedini, cioè circuiti integrati che controllano le funzioni del computer

6 01AND - Teoria Data: 4 Tipi di computer Il PC (Personal computer) tradizionale si definisce da scrivania (desktop), perché usato in ambienti professionali e appoggiati sulla scrivania. L'unità di sistema viene posta in senso orizzontale sotto il video, e presenta, nella parte frontale, i tasti di accensione e reset 2, nonché uno o più drive (unità dischetti). I modelli tower assomigliano a quelli da scrivania, ma l'unità di sistema viene sistemata in senso verticale sulla scrivania o preferibilmente sul pavimento, così da non occupare spazio di lavoro. Sono più grandi dei modelli desktop (hanno più spazio all'interno per consentire future espansioni) e costano di più. I modelli portatili permettono di usare il computer lontano dalla propria scrivania e dal proprio ufficio. Tutti i componenti fondamentali sono incorporati nell'unità di sistema e non collegati tramite cavi. Molti portatili non hanno spazio per installare espansioni, anche se alcuni consentono di collegare periferiche esterne. I portatili sono classificati in base al peso e variano dai Laptop, i più pesanti, ai Notebook che pesano circa un paio di chili. Per esigenze di spazio, i portatili non usano il mouse tradizionale, ma altri dispositivi di puntamento (trackpoint, touchpad). I Penbook sono privi di tastiera e utilizzabili grazie ad una apposita penna, con la quale l utente scrive. La scrittura viene in seguito convertita in caratteri di testo. Infine i Palmtop sono i computer più piccoli, simili alle calcolatrici, ma che permettono l utilizzo di programmi standard. Categorie di computer Tutte le considerazioni fatte fino ad ora riguardavano il PC, cioè il Personal Computer, il modello professionale destinato a un impiego personale (un solo utente). Esistono altre categorie di computer, occorre sottolineare che la distinzione risulta inevitabilmente approssimativa: gli elaboratori stanno diventando sempre più piccoli e al tempo stesso più potenti, e attualmente vengono prodotti dei micro che hanno la capacità dei minielaboratori di qualche anno fa. Peraltro, i minielaboratori stanno incorporando dei microprocessori in grado di far assumere loro le capacità di un grande elaboratore. La distinzione viene fatta in base: velocità di calcolo; velocità di trasferimento dati; quantità di utenti che possono essere serviti contemporaneamente; quantità di dati che possono essere memorizzati. 1. Elaboratore di grandi dimensioni All'estremità della scala, con costi e prestazioni migliaia di volte superiori a quelle di un PC, vi sono i grandi sistemi (mainframe): questi elaboratori sono caratterizzati da unità di sistema multiple e da numerosi tipi di unità periferiche. Generalmente operano in ambienti appositamente previsti e dotati di aria condizionata, i collegamenti fra le varie unità vengono effettuati medianti cavi che passano sotto il pavimento del locale. Sono molto potenti e possono eseguire contemporaneamente un certo numero di applicazioni. I modelli più potenti di mainframe sono conosciuti come superelaboratori. 2. Elaboratore di medie dimensioni I minielaboratori sono più piccoli e hanno vari dispositivi funzionali montati in un telaio sovrapposto per formare un'unità singola. Questi elaboratori generalmente non richiedono un ambiente condizionato e sono frequentemente impiegati in laboratori, fabbriche e uffici. Anche i minielaboratori generalmente possono eseguire simultaneamente più di una applicazione, ma non nella misura dei grandi elaboratori. 3. Elaboratore di piccole dimensioni All'estremità inferiore, per quanto riguarda dimensione e costo, vi è il microelaboratore, categoria a cui appartiene il PC, computer usato a scuola e argomento del programma scolastico. 2 reset: interruttore per riavviare il computer

7 01AND - Teoria Data: 5 L unità di sistema L'unità di sistema è il cuore del computer. E' il contenitore dei componenti elettronici. La scheda madre è la scheda sulla quale sono fissati i chip (delle piastrine di differenti dimensioni, con tanti piedini) cioè piccoli circuiti integrati che controllano le funzioni del computer (il processore è un chip, come pure il coprocessore matematico, e anche la memoria è contenuta nei chip). La CPU (Central Processing Unit o Unità centrale di elaborazione) comprende: 1. Il processore è composto da l'unità pilota o di controllo che coordina e controlla il flusso dei dati e delle istruzioni l'unità aritmetico logica (ALU) che esegue operazioni aritmetiche (+ - x :) e logiche (< > = ecc.) Dall introduzione del PC a oggi, il processore ha subito costanti evoluzioni: i primi modelli della Intel erano denominati 8088, 8086 XT o AT, i successivi 286, 386, 486 (SX è la versione più economica o DX) e infine i Pentium (I, II, III), un altra casa di produzione è la Amd con i modelli Athlon 2. L orologio di sistema (clock) è una piastrina di quarzo che dà il tempo di lavoro a tutto il sistema. La velocità di un computer viene espressa in Megahertz (l hertz è un unità di misura che corrisponde a un oscillazione o ciclo per secondo, quando si parla di Megahertz si intende milioni di oscillazioni al secondo). Questa unità di misura non tiene conto di tutti i componenti del computer e dipende inoltre dal processore usato: un computer basato sul processore 486 con una velocità di 100 Megahertz non è altrettanto veloce di un computer basato sul processore Pentium anche questo con una velocità di 100 Megahertz. 3. La memoria interna suddivisa in memoria ROM (Read Only Memory), memoria a sola lettura è una memoria a disposizione del computer e contiene le istruzioni per le operazioni di avvio al momento dell'accensione. E' una memoria permanente. memoria RAM 3 (Random Access Memory), memoria di lettura scrittura o ad accesso casuale è la memoria di lavoro a disposizione dell'utente (in essa vengono caricati il sistema operativo, il programma applicativo nonché i dati che l'utente intende utilizzare). E' una memoria volatile, vale a dire che perde il suo contenuto (programmi e dati) quando si spegne o si riavvia il computer, quando si verifica una interruzione dell'alimentazione elettrica e quando si chiude il programma corrente, ma in questo caso il computer avverte l'utente. La memoria volatile è più veloce, meno ingombrante e meno costosa della memoria permanente ed è per questi motivi che viene preferita alla seconda. La Sdram è un nuovo tipo di memoria dalle alte prestazioni più veloce rispetto alle Edo Ram o alle Fpage Ram tradizionalmente usate dai computer attuali. La capacità della memoria viene espressa in caratteri, in inglese Byte 1 Byte = 1 carattere 1 KB (Kilobyte) = 1'024 caratteri (mille) 1 MB (Megabyte) = 1' caratteri (un milione) 1 GB (Gigabyte) = 1' caratteri (un miliardo) 1 TB (Terabyte) = caratteri (mille miliardi) 4. Il bus è un dispositivo per il passaggio dei dati tra la memoria centrale e tutte le altre componenti del computer. Esistono differenti tipi di bus, ognuno con le proprie specifiche La scheda madre include anche degli slot di espansione, delle scanalature che permettono di collegare delle schede supplementari chiamate schede di espansione (p.es.: per il video, di memoria, una scheda modem o fax interna, una scheda sonora o ancora uno slot per il coprocessore matematico). 3 chiamata anche memoria interna o centrale o di lavoro è suddivisa in tre fasce: la memoria convenzionale, la memoria superiore e la memoria estesa o alta

8 01AND - Teoria Data: 6 Le memorie di massa L'unità di sistema contiene pure altre componenti che, pur essendo nello stesso contenitore, vengono considerate esterne (fuori dalla CPU): si tratta del disco rigido (Hard disk) dei lettori per dischetti (floppy), CD e streamer (cassette). Il computer utilizza queste unità per memorizzare in modo permanente le informazioni quando non devono essere elaborate (memoria ausiliaria o esterna o di massa). La funzione della memoria di massa è anche quella di permettere di archiviare o trasferire dati tra sistemi. L Hard disk Le funzioni di un disco rigido sono due: innanzitutto esso rappresenta l archivio dove posizionare i dati e i programmi (compreso il sistema operativo) in modo che essi non vengano cancellati al momento dello spegnimento del computer. In secondo luogo il disco rigido viene utilizzato da Windows come memoria dinamica, dove riporre le informazioni quando risulti insufficiente la quantità di RAM. A questa unità viene assegnato il nome C:\>. E un dispositivo veloce, capace, relativamente costoso. Un disco rigido può essere formato da più piatti rigidi sovrapposti e rivestiti di materiale magnetico ed è normalmente fissato all'interno dell'unità di sistema, per questo viene chiamato disco fisso; disco e unità disco costituiscono un unico insieme. Proprio perché racchiuso, il disco fisso rimane più protetto dei dischetti (meno soggetto a danneggiamenti). Esistono anche modelli rimovibili, però molto sensibili a sollecitazioni durante il trasporto. Nel corso degli anni la capacità del disco rigido è notevolmente aumentata fino ad arrivare ai GB. Il dischetto Il disco rigido e i dischetti funzionano in modo analogo: ogni disco è rivestito di materiale magnetico (differente è la base, rigida nei primi e flessibile nei secondi). All'interno delle unità le testine si spostano sul disco che ruota per leggere e scrivere i dati magnetici. Siccome la testina di lettura raggiunge immediatamente il documento desiderato, si definisce il dispositivo ad accesso diretto 4. Il dischetto o floppy (denominato unità A.\>) è divenuto lo standard 5 per trasferire dati tra i computer: chi vi registra un documento può essere certo che chiunque disponga di un computer potrà rileggerlo. Sono facilmente trasportabili ed economici, relativamente affidabili. Sono però piuttosto lenti e poco capaci (720 KB o 1.44 MB). Il Super Disk Sono dischi di dimensione quasi identica ai dischetti ma con una capacità di 120 MB. Il lettore è un apparecchio a montaggio interno o esterno compatibile 6 con il tradizionale floppy. Inserendo questo lettore al posto del lettore per floppy dunque si potranno leggere sia i Super Disk che i dischetti (attenzione, non è possibile il contrario). Lo Zip Questo lettore può essere acquistato in versione interna o esterna anche per porta parallela (lo stesso tipo di porta che usa una stampante), utilizza dischi rimovibili (di dimensioni simili a quelle dei floppy) ciascuno dei quali può contenere 100 MB. E un sistema molto diffuso (è nato prima del Super Disk) ma non accetta i floppy. E uscito il nuovo Zip 250 con porta USB, la nuova connessione presente ormai in tutti i prodotti dell ultima generazione. La sua compatibilità sia con gli zip disk da 100 MB sia con quelli da 250 MB fa si che i dischi precedentemente acquistati non vengano messi da parte. 4 accesso diretto: opposto ad accesso sequenziale (vedi nastro) 5 Standard :largamente usato da anni per tutti i computer : 6 compatibile:significa che anche il dischetto può essere utilizzato senza conflitti

9 01AND - Teoria Data: 7 Lettori dischi ottici I CD sono Compact Disk da 5 pollici che usano un sistema laser per leggere e scrivere i dati. Sono molto capaci ma più lenti degli Hard disk. SOLA LETTURA CD-ROM I Compact Disk Read Only Memory offrono una capacità di memorizzazione di 650 MB, vengono perciò utilizzati per memorizzare intere riviste, elenchi telefonici o addirittura enciclopedie. Ma la capacità di memorizzazione di un CD-ROM non si limita ai soli documenti: infatti può contenere anche dati audio, animazioni e immagini grafiche (applicazioni multimediali). Contengono dati su una sola facciata. Questi dischi possono essere soltanto letti (come dice il nome Read Only Memory), questo significa che un lettore CD-ROM non può essere utilizzato come unità di memorizzazione o backup. DVD ROM Il Digital Versatile Disk è un disco del tutto simile per dimensioni al tradizionale compact disk, ma la sua memoria è da sette a ventisette volte più grande (da 4,7 a 17 GB) grazie alle particolari tecnologie di incisione e all utilizzo di entrambe le facciate. Questi dischi sono leggibili soltanto dagli apparecchi di nuova generazione 7. cioè non possono essere letti in un tradizionale lettore per CD-ROM mentre è vero il contrario (vale a dire un lettore DVD può leggere i normali CD-ROM). In ambito non professionale, i DVD rimpiazzeranno le meno qualitative e ingombranti videocassette e saranno in grado di contenere un film con 8 doppiaggi differenti (nonché 32 lingue differenti per i sottotitoli). La masterizzazione, vale a dire registrazione di un CD è oggi una possibilità alla portata di tutti ma è un operazione che richiede grande attenzione e competenza. Il CD-Writer è un dispositivo diverso dal normale lettore per CD-ROM, come pure i dischi da utilizzare. SCRIVIBILI CD-R CD-RW DVD-RAM DVD-R DVD-RW Il nastro I Compact Disk Recordable sono normali cd registrabili, scrivibili una sola volta in quanto i dati vengono incisi sullo strato di vernice organica presente sotto lo strato trasparente. I Compact Disk ReWritable sono Cd riscrivibili, che possono essere cancellati e riscritti (almeno 1000 volte). I dati sono registrati su uno strato in lega con coefficiente di riflessione che cambia se scaldato da un laser. Le apparecchiature che permettono di registrare DVD hanno un costo ancora elevato e pertanto non sono molto diffuse. Lo streamer usa piccoli nastri magnetici, simili a quelli delle audiocassette. Sono dispositivi lenti ma con un rapporto prezzo/capacità molto vantaggioso. I nastri su bobine vengono utilizzati per i grossi sistemi, mentre invece i PC fanno uso degli streamer in cassetta. Le unità nastro sono normalmente usate solo per le copie di sicurezza, perché si riesce ad accedere ai dati meno facilmente e meno rapidamente che con il dischetto: infatti il nastro ha un accesso sequenziale 8 alle informazioni (per leggere l'ottavo documento devo prima far passare gli altri sette che lo precedono). Le unità a nastro possono essere collegate internamente o esternamente, e le cassette sono disponibili in diversi formati con capacità differenti che possono variare da poche decine di MB a vari GB (in quest ultimo caso si usano però streamer digitali). Le schede PCMCIA Per aggiungere memoria a un notebook 9, non è necessario installarla all interno, basta inserire un dispositivo (simile a una carta di credito) chiamata scheda PCMCIA (Computer Memory Card International Association). 7 nuova generazione: si intende i nuovi modelli di computer 8 accesso sequenziale: per accedere al decimo documento devono prima essere fatti passare quelli che precedono (opposto a accesso diretto) 9 notebook: computer portatile

10 01AND - Teoria Data: 8 Le periferiche sono quelle unità collegate che compiono differenti funzioni complementari. Si distinguono in periferiche di input output input/output tastiera, mouse, joystick, scanner, tavolette grafiche, penne ottiche, lettori codici a barre, OCR e badge, riconoscimento vocale video, stampante, plotter unità dischi e nastri, modem Le unità di input La tastiera serve a inserire informazioni nel computer. Presenta tutti i tasti della macchina per scrivere (le lettere, i numeri e i segni speciali si trovano nella stessa posizione) nonché alcuni tasti specifici dei computer. Non tutte le tastiere sono uguali né hanno lo stesso numero di tasti. La tastiera avanzata a 101 tasti è la più comune per i PC desktop, ma esistono anche altri modelli. Le tastiere dei portatili sono invece ovviamente più piccole, hanno un numero inferiore di tasti e spesso non presentano un tastierino numerico separato. La nuova tastiera Natural Keyboard è progettata per fornire il massimo comfort (le mani, i polsi e gli avambracci restano posizionati in modo corretto e naturale). I dispositivi di puntamento Servono per puntare 10, selezionare 11, spostare, ingrandire, aprire, chiudere, ecc. ma, cosa importante, è indispensabile che il programma lo supporti (ne preveda cioè l'utilizzo): mouse trackball trackpoint touchpad è munito di una sfera nella parte inferiore: trascinato sulla scrivania, trasmette lo spostamento al computer che farà corrispondere un identico movimento del puntatore a video. E' provvisto di due o tre pulsanti, quello di sinistra serve a impartire i comandi più comuni, quello di destra per funzioni speciali (con la possibilità per i mancini di invertire la funzione dei tasti). la sfera si trova nella parte superiore e il movimento è ottenuto roteandola con le dita. Non necessita dunque di spazio sulla scrivania; viene utilizzata spesso in combinazione con i computer portatili. è un pulsante situato al centro della tastiera e ha le stesse funzioni degli altri dispositivi di puntamento piccolo tappetino rettangolare sensibile alla pressione: basta toccarlo con un dito e tracciare il percorso che il puntatore dovrà percorrere Joystick sono strumenti usati per i giochi: il joystick è una cloche azionabile in ogni direzione provvista di uno o più pulsanti per azionare determinate funzioni (lanciare missili, calciare la palla). Graphic Scanner è uno strumento che permette di trasferire delle immagini su carta nel computer tramite programmi diversi. Si possono copiare anche testi che verranno tradotti in immagine grafica oppure, disponendo del relativo programma di riconoscimento dei caratteri (OCR), in documenti rielaborabili con il programma di trattamento testi. 10 puntare: scegliere attraverso la freccetta (puntatore) 11 selezionare: evidenziare

11 01AND - Teoria Data: 9 La tavoletta grafica 12 si tratta di tavolette su cui tracciare disegni molto precisi con una penna o uno strumento di puntamento provvisto di mirino. I modelli variano nelle caratteristiche tecniche a seconda dell uso a cui sono destinati. Sono ottenibili attualmente anche modelli meno costosi e adatti per un uso non professionale. La penna ottica si tratta di una penna con fotocellula e con un sistema ottico che permette di puntare direttamente sui dati presenti sullo schermo Lettori badge badge è il nome delle schedine di plastica (p.es.: carte di credito) con pista magnetica Lettori di codici a barre i codici a barre o codici EAN sono quelle etichette composte da barre di diverso spessore, accompagnate da numeri, che rappresentano l'articolo su cui sono stampate Il riconoscimento vocale attraverso un microfono è possibile impartire ordini vocali al computer. Si tratta di una tecnologia in fase di sviluppo: più avanzata è la tecnica di riconoscimento della voce dopo un periodo di addestramento del computer, ancora da perfezionare invece l immissione di ordini da parte di qualsiasi utente. 12 Digitizer

12 01AND - Teoria Data: 10 Le unità di output Il video (o monitor, schermo o display) visualizza i dati immessi dall'utente, nonché le informazioni elaborate. La dimensione dello schermo si misura diagonalmente in pollici, come per i televisori. I computer da scrivania sono dotati di schermi più grandi (17 pollici 13 ), mentre invece i modelli portatili fanno uso di un video più piccolo (fino a 13 pollici), leggero e poco ingombrante. Normalmente vengono visualizzate sullo schermo 25 righe di testo composte da 80 caratteri. Caratteri o immagini sono costituiti dai pixel (picture element, elemento dell immagine) cioè tanti punti. Più grande è la quantità di pixel, maggiore è la qualità (risoluzione) dello schermo. La scheda video è una componente fondamentale del PC perché serve a pilotare il monitor. Il minimo teorico è la risoluzione dello standard Vga 14 (640 x 480 pixel), ma in pratica è meglio orientarsi sulla risoluzione Svga 15 (800 x 600 pixel). Se si desidera di più, bisogna passare a un video da 17 (19 per computer multimediali molto potenti, mentre i 21 sono destinati ai professionisti della grafica. Da considerare pure il tasso di rigenerazione (refresh rate), cioè la frequenza con cui un immagine viene rigenerata in un secondo (il massimo numero di fotogrammi che la scheda video è in grado di esporre sul monitor in un secondo). Consigliata è la frequenza di almeno 75 Hz (a tale frequenza un monitor ridisegna ciascun pixel 75 volte), soglia sotto la quale l immagine è meno stabile Classicamente il video è considerato un'unità di emissione, esistono però dei modelli che permettono anche l'inserimento di dati, il cosiddetto Touch Sensitive Screen, schermo sensibile al tocco. Si tratta di modelli speciali o semplici videi opportunamente attrezzati, che permettono di immettere dati toccando la superficie con un dito o con uno strumento di puntamento. Questa tecnica richiede del software apposito. Tipi di monitor modello CRT LCD al plasma provvisto di tubo catodico come i televisori. Il funzionamento è infatti identico ma la qualità del CRT è migliore. Lo svantaggio di questo video è l ingombro. Oggi vengono prodotti tubi catodici corti (il risparmio in termini di profondità del video è di 20 cm) a cristalli liquidi a matrice passiva o matrice attiva. Questi ultimi producono immagini di migliore qualità ma il costo è elevato. contiene una miscela di gas argon e neon (plasma) Si tratta di schermi destinati a entrare in gioco per programmi multimediali con videi da 20 pollici e oltre impiego da scrivania portatile da scrivania 13 i monitor da 15 sono ancora proposti per computer molto economici, mentre sono scomparsi quelli da acronimo di Video Graphic Array 15 acronimo di Super Video Graphic Array

13 01AND - Teoria Data: 11 La stampante permette di ottenere le informazioni in uscita su un supporto di carta: a dipendenza dei modelli, esse fanno uso del modulo continuo (fogli collegati con ai lati due bordi perforati, staccabili) o di fogli singoli normali. La velocità delle stampanti viene espressa in CPS LPM PPM caratteri per secondo linee per minuto pagine per minuto si riferisce alle pagine dalla seconda in poi (la prima è infatti decisamente più lenta) Oltre alla velocità di stampa, è importante valutare la definizione: dpi Dots per Inch ovvero punti per pollice quantità di punti distinti che possono essere stampati nello spazio di un pollice Le stampanti sfruttano due tecniche di stampa: 1. ad impatto ottenuta da un impulso meccanico 2. non ad impatto ottenuta da dispositivi ottici, elettromagnetici, termici ecc.. Stampante a margherita hanno l'unità scrivente utilizzata per le macchine per scrivere, la margherita. Permettono di ottenere una buona qualità di stampa, ma sono piuttosto lente. Stampante a matrice o aghi L'unità scrivente è costituita da una testina ad aghi allineati verticalmente. Quando questa si sposta in orizzontale, la pressione di determinati aghi sul nastro genera il carattere. Un numero maggiore di aghi nella testina permette di ottenere una qualità di stampa migliore. La stampante ad aghi è più veloce della stampante a margherita, ma la qualità è inferiore. Stampante a getto di inchiostro (Ink-Jet) Nella fase di spostamento della testina mobile, piccolissime gocce di inchiostro vengono spruzzate verso il foglio e la loro traiettoria deviata così da raggiungere il punto desiderato. La qualità di stampa è buona, inoltre sono possibili le stampe a colori. Stampante laser (Laser-Jet) sfruttano il principio di stampa delle fotocopiatrici e stampano pagina per pagina. Sono molto qualitative e, a seconda del modello, anche molto veloci. Le copie a colori hanno un costo ancora elevato. Le stampanti a impatto sono meno costose, permettono l'ottenimento di copie in un solo passaggio stampa, sono però rumorose. Le stampanti a non impatto, silenziose, veloci e qualitative stanno prendendo il sopravvento, grazie anche alla diminuzione dei costi. Se si esclude la stampante a margherita che dispone di caratteri già formati, le altre stampanti generano il carattere secondo una matrice costituita da punti. Questa tecnica assicura un'elevata velocità di stampa, ma soprattutto consente di passare da un set di carattere all'altro. AAAAAA A A I plotter sono dispositivi di stampa per disegni. I plotter piani sono molto simili a una tavola di disegno, la penna scrivente è montata su un braccio che si muove in senso verticale ed orizzontale. Nei plotter a rullo o tamburo l'unità scrivente si muove solo in senso orizzontale, mentre il movimento verticale è assicurato dal movimento della carta stessa, poggiata sopra un cilindro.

14 01AND - Teoria Data: 12 Il software Il software è costituito dai programmi, cioè le istruzioni che permettono al computer di eseguire qualsiasi attività. Beta Integrale Upgrade E il nome che viene dato alle versioni preliminari di un qualunque software: prima di rilasciare una versione commerciale, i produttori si affidano alle versioni Beta per distribuirle a personale specializzato che si occuperà della fase finale dei test sul prodotto. Il Beta testing rappresenta l ultimo passo prima dell immissione sul mercato di un software. E la versione completa di un programma Per agevolare gli utenti che possiedono una precedente edizione di un programma, i produttori mettono a disposizione le versioni di aggiornamento a costo più ridotto. Esistono tre tipi di software: 1. i programmi di sistema gestiscono le operazioni del computer stesso (sia l'interazione verso l'utente che quelle che avvengono tra i vari dispositivi), 2. i programmi applicativi risolvono i particolari problemi degli utenti 3. i linguaggi di programmazione semplificano ai programmatori la stesura dei programmi per i computer. Il sistema operativo Il più importante dei programmi di sistema è il sistema operativo, che controlla tutti i dispositivi che fanno parte dell'elaboratore e fornisce la base sulla quale possono operare le applicazioni. Se chi programmi queste ultime dovesse preoccuparsi di prevedere in tutti i dettagli la gestione dei dispositivi, come per esempio la lettura e la scrittura delle informazioni su un dischetto (per ciascuna operazione delle quali occorrono decine o addirittura centinaia di istruzioni in linguaggio macchina), ben pochi sarebbero i programmi a disposizione del pubblico. E' il sistema operativo che si fa carico di sollevare il programmatore da tutti i compiti di routine, facilitandogli il compito di concentrarsi sul programma vero e proprio. Il sistema operativo è quella parte che fa da interfaccia tra l'hardware e il software applicativo: in sostanza deve conciliare le esigenze dei programmi con quello del microprocessore. Esistono diversi sistemi operativi e tutti svolgono sostanzialmente le stesse funzioni, in modo più o meno funzionale e con differenti modalità d'uso: quello che conta è che ogni programma applicativo è strettamente vincolato al sistema operativo per cui è stato scritto.considerata la sua importanza, questo programma viene caricato nella memoria di lavoro pronto per essere eseguito all accensione del computer e vi rimane fino allo spegnimento. Il sistema operativo è composto da un insieme di comandi in grado di svolgere le varie funzioni necessarie per il funzionamento di base del computer. Si occupa della gestione di dischi (copiare, formattare, organizzare dischi fissi e dischetti) file (organizza i dati su disco, la posizione, il nome, la dimensione, la data, l'ora di creazione) periferiche (p. es. tastiera, mouse, modem, ecc.) programmi (permette la comunicazione tra PC e programmi applicativi) interazioni (permette all'utente di comunicare con il computer in un linguaggio comprensibile).

15 01AND - Teoria Data: 13 I programmi applicativi Di norma un utente si trova confrontato direttamente con il sistema operativo per poche funzioni di base perché, per la maggior parte del tempo, lavorerà con i programmi applicativi. Le applicazioni sono programmi progettati per svolgere delle attività specifiche. I più diffusi sono l'elaborazione testi (Word Processor), il foglio elettronico (Spreadsheet), il programma di gestione dati (Database) e i programmi di disegno. Elaborazione testi Un word processor permette di utilizzare il computer per scrivere una lettera, una relazione, un documento. Questi programmi offrono una serie di agevolazioni quali il ritorno a capo automatico, il controllo ortografico, diversi tipi di caratteri e evidenziazioni, nonché la possibilità di inviare lo stesso modello di lettera a più destinatari tratti da un elenco indirizzi (mailing). WIND TRAVEL Agenzia di viaggio 6982 Agno, 5 settembre 19.. AGNO L'Arredamento Via Cattori Lugano Richiesta di catalogo Il prossimo mese di maggio ci trasferiremo nella nuova sede World Trade Center, attualmente in costruzione. Avremo a disposizione un ampio spazio per la ricezione della clientela, nonché tre locali di dimensioni più ridotte. Intendiamo cambiare l'intero arredamento per presentare un ambiente accogliente e moderno, e, per poter procedere a una prima valutazione, vi chiediamo di trasmetterci cataloghi e listino prezzi. Vi ringraziamo e inviamo i migliori saluti. Wind Travel

16 01AND - Teoria Data: 14 Il foglio elettronico Lo spreadsheet è un programma che permette di gestire i numeri (da calcoli semplici a formule complesse). L'importante vantaggio offerto da questi programmi è l'aggiornamento automatico di un'intera tabella, anche estremamente complessa, non appena viene cambiato un numero al suo interno. Normalmente sono provvisti di un programma preposto per i grafici, nonché di una gestione dati. CLUB ALPINO SVIZZERO Sezione Ticino Quote annuali TOTALE Mendrisio Lugano Bellinzona TOTALE Lugano Mendrisio Bellinzona Mendrisio Lugano Bellinzona

17 01AND - Teoria Data: 15 I programmi di archiviazione Le informazioni che vengono catalogate in uno schedario (indirizzi di clienti, articoli del magazzino, una rubrica telefonica, una raccolta di dischi o di libri, ecc.) possono essere raccolte all interno del computer attraverso i programmi di archiviazioni, meglio conosciuti come database. I vantaggi d utilizzo di questi programmi sono molteplici: l utente può consultare i dati attraverso le schede oppure, per avere una visione più ampia di dati, attraverso un elenco CORTESIA NOME COGNOME RECAPITO NAP LOCALITA' SOCIO COSTO MEMBRI TOTALE Signor Aldo Motta Via Pedemonte Bellinzona Signor Pietro Zanetti Via S. Paolo Bellinzona Signora Angela Camozzi Via Vela Mendrisio Signor Guido Quadri Via Cantonale 6982 Agno Signora Teresa Turri Via Simen Locarno Signor Diego Pedroli Via Ospedale 6512 Giubiasco Signora Anna Pisa 6503 Galbisio Signora Ester Grandi Via alle Vigne 6503 Carasso Signor Ersilio Domeniconi Via al lago Cassarate Signor Renzo Giani Via al Tiglio 6512 Giubiasco Signor Dario Di Martino Via Stazione 6830 Chiasso Signor Gabriele Angeli Via Vela Mendrisio Signora Sandra Selva Casa Ronco 6911 Comano I dati possono essere ordinati alfabeticamente, numericamente o in base a una qualsiasi voce (campo), oppure filtrati (in modo da selezionare e mostrare solo certi dati dell elenco e non altri) o ancora utilizzati per scrivere circolari personalizzate. Le schede possono essere modificate in qualsiasi momento, sia nella struttura che nel contenuto. Qualora si desideri avere uno schedario cartaceo parallelo a quello su hard disk, le schede o gli elenchi possono essere stampati. Per schedari di grosse dimensioni, è bene dotarsi di un programma specifico altrimenti anche i programmi di elaborazione testi o i fogli elettronici offrono attualmente buone possibilità di gestire dati.

18 01AND - Teoria Data: 16 Programmi di grafica Permettono di creare disegni o modificare immagini già esistenti che possono poi essere inseriti in altri programmi Programmi di presentazione Si tratta di applicativi che permettono di preparare una lezione, una conferenza, una presentazione attraverso la proiezione di lucidi o diapositive. Programmi di utilità Sono quei programmi che sono d aiuto all utente nella gestione dell elaboratore (per esempio gli antivirus, programmi di compressione, ecc.). I pacchetti integrati Molto spesso i produttori di software, oltre a vendere separatamente i programmi, tendono a costruire i pacchetti integrati comprendenti elaboratori di testi, fogli elettronici, programmi di grafica, archivi elettronici e tutta una serie di applicazioni minori quali agende elettroniche, calcolatrici, ecc. Il primo vantaggio è di tipo economico, in quanto questi pacchetti costano considerevolmente meno, il secondo vantaggio è di tipo pratico: l utente si trova di fronte un unico ambiente di lavoro per tutti i programmi, il passaggio o l importazione da un programma all altro è più semplice. L'elenco dei programmi applicativi non finisce naturalmente qui, esistono programmi per ogni problematica, già pronti (standard) o fatti su misura per l'utilizzatore (individuali).

19 01AND - Teoria Data: 17 Licenze d uso L utilizzo di copie illegali di prodotti software viene spesso considerato con superficialità. Il principio secondo cui il software appartiene al suo autore non è ancora ampiamente riconosciuto dagli utenti. La pirateria software si manifesta in vari modi e coinvolge tanto il giovane che utilizza copie non autorizzate nell ambito studentesco, quanto il falsario vero e proprio che opera su vasta scala. In tutte le circostanze è l utente finale ad essere ingannato. Nel migliore dei casi ottiene non solo un prodotto incompleto, ma talvolta anche infettato da virus o difettoso per il quale non può avere né l assistenza né la garanzia del produttore. La violazione del diritto d autore è perseguibile per legge. E punibile chiunque duplichi, importi, distribuisca, venda e detenga software non originale L uso di software originale offre numerosi vantaggi. Oltre ad evitare l infrazione della legge, il software originale include la garanzia del produttore e dà diritto all assistenza tecnica, consente agevolazioni quali le possibilità di aggiornamento 16 alle nuove versioni a condizioni vantaggiose. Infine, acquistando il software originale l utente dispone di tutta la documentazione edita dal produttore, con la quale è possibile sfruttare al meglio tutte le caratteristiche del programma. Oltre al software che l utente acquista, pagando il prezzo corrispondente e impegnandosi a rispettare le clausole della licenza d uso, si trovano programmi anche attraverso altri canali di distribuzione: Shareware I produttori dei software distribuiti in shareware, mettono a disposizione le loro opere per essere valutate dai possibili acquirenti. L'acquirente ha così a disposizione un certo periodo di tempo (normalmente 30 giorni) per valutare se il programma gli serve effettivamente e se il costo è giustificato. Se si continua ad utilizzare il programma, una volta scaduto il tempo messo a disposizione dall'autore, l'uso senza il pagamento della cifra richiesta, diventa un uso illegale e come tale può essere punito dalle leggi a tutela del diritto d'autore. La cifra richiesta dagli autori dei programmi shareware è normalmente bassa (per la maggior parte dei casi dai 10 ai 99 dollari), ma non per questo il prodotto è automaticamente di scarso valore. Alcuni dei prodotti shareware in circolazione competono ad armi pari con applicativi diffusi e famosi. Il prezzo ridotto è giustificato dalle basse spese di pubblicità (praticamente 0 nella stragrande maggioranza) nonché dalla assenza di costi di distribuzione. Freeware Il software freeware viene distribuito nello stesso modo dello shareware ma si differenzia da esso perché il suo uso è completamente gratuito (non occorre registrazione e non è protetto dai diritti d autore). Dimostrativi Sono prodotti limitati nelle funzioni disponibili (es. non è possibile salvare il proprio lavoro sul disco, i livelli di gioco sono minori, ecc...). concessi in uso gratuito, per un periodo di tempo, al solo scopo di permetterne la valutazione. Similmente allo shareware, scaduto il periodo a disposizione, bisogna cancellare il programma dal proprio computer o acquistare la versione commerciale del prodotto. Open source o pubblico dominio: si tratta di programmi liberamente utilizzabili (non occorre registrazione e non sono protetti dai diritti d autore), possono cioè addirittura essere modificati e utilizzati per fini di lucro, infatti questi prodotti sono accompagnati dal programma sorgente, cioè il codice di programma. 16 upgrade

20 01AND - Teoria Data: 18 I virus Ogni volta che vengono scambiati dati, programmi o dischi da un computer all altro si espone il proprio sistema alla possibilità di contrarre un virus. Cosa sono i virus? sono programmi capaci di autoreplicarsi che hanno effetti negativi sul funzionamento dell elaboratore: dal danno minimo (ad esempio la pallina che continua a rimbalzare da una parte all altra dello schermo) a quello elevato (dati cancellati, dischi rigidi formattati, riempimento della memoria fino al completo esaurimento delle risorse di sistema, ecc.) Un virus riesce a prendere il controllo dell elaboratore grazie ad alcune semplici istruzioni: i virus sono strutturati in modo che la loro azione inizi automaticamente, senza la volontà dell utente i virus riescono ad assumere il controllo delle operazioni di base del computer, o meglio si sostituiscono ad esse la loro attività è spesso invisibile e viene rilevata solo dopo un certo tempo o quando si determinano precise condizioni stabilite dal suo creatore; spegnere e riaccendere il computer non è sufficiente per eliminare alcun tipo di virus. Tipi di virus I virus agiscono in modi diversi: per esempio si attaccano ai file di programma (con estensione.exe e.com), si insediano nella memoria RAM o nel settore di Boot del disco, o ancora combinano due o più tecniche appena descritte. I virus più recenti (mutanti) cambiano aspetto replicandosi in copie sempre diversi dall originale o i macrovirus che attaccano i documenti. Come difendersi? Una prima regola è quella di evitare le situazioni a rischio citate sopra, anche se questa precauzione non è sufficiente poiché si possono riscontrare virus anche all interno delle confezioni originali dei programmi. Gli antivirus sono programmi che individuano i virus e segnalano le operazioni sospette. E dunque opportuno: installare un programma antivirus e verificare periodicamente le condizioni del disco fisso e dei dischetti; non utilizzare nel computer alcun dischetto che non sia stato controllato (inserirlo soltanto se è attiva la protezione antivirus); fare delle copie periodiche dei dati in modo da poter recuperare file persi (vedi capitolo protezione dati); usare i propri dischi su altri sistemi solo se i dischi sono protetti da scrittura. Non bisogna infine dimenticare che i virus vengono prodotti e messi in circolazione a ritmo costante, un programma antivirus deve dunque essere aggiornato per poter garantire efficacia di intervento.

APPUNTI CONCETTI DI BASE

APPUNTI CONCETTI DI BASE www.informarsi.net APPUNTI CONCETTI DI BASE Struttura di un elaboratore Un computer è paragonabile a una grande scatola in cui sono immessi dei dati, i quali, una volta immagazzinati, elaborati e processati,

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C.

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Hardware: parte fisica, cioè l insieme di tutte le componenti fisiche, meccaniche, elettriche e ottiche, necessarie

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 COS È L INFORMATICA? Il termine informatica proviene dalla lingua francese, esattamente da INFORmation electronique ou automatique ; tale termine intende che

Dettagli

CRIAD 1. Corso di Introduzione all Informatica v v v v. Contenuti del Modulo 1. Hardware e Software. Hardware

CRIAD 1. Corso di Introduzione all Informatica v v v v. Contenuti del Modulo 1. Hardware e Software. Hardware Corso di Introduzione all Informatica v v v v Contenuti del Modulo 1 Concetti generali Hardware Software Dispositivi di memoria CRIAD 1 CRIAD 2 Hardware e Software Hardware vil funzionamento di un computer,

Dettagli

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di:

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: Il Computer Cos'è il computer? Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: INFORMATICA = INFORmazione automatica E' la scienza che si occupa del trattamento automatico delle informazioni.

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2)

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Prof. Valerio Vaglio Gallipoli Rielaborazione: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio LA CPU Central Processing Unit Detto anche processore,,

Dettagli

Elementi hardware di un personal computer desktop 2012

Elementi hardware di un personal computer desktop 2012 IIS Bonfantini Novara -Laboratorio di informatica 2012 Pagina 1 PERSONAL COMPUTER I personal computer sono quelli usati per lavoro d'ufficio o in ambito domestico da un solo utente per volta. Un ulteriore

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer Computer Il computer, o elaboratore elettronico, è la macchina per la gestione automatica delle informazioni Componenti: Hardware (la parte fisica del computer) Software (la parte intangibile, insieme

Dettagli

INFORMATICA, IT e ICT

INFORMATICA, IT e ICT INFORMATICA, IT e ICT Informatica Informazione automatica IT Information Technology ICT Information and Communication Technology Computer Mini Computer Mainframe Super Computer Palmare Laptop o Portatile

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 1 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it 1 IT, HARDWARE E SOFTWARE Information Tecnology (o Informazione automatica): tecnologia hadware e software utilizzata per la progettazione

Dettagli

MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE

MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE Tecnologie Informatiche 1 Il computer» È una macchina elettronica con lo scopo di elaborare dati in modo automatico, veloce, sicuro ed efficiente.» E formato dall hardware

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

Il Computer (Sistema per l Elaborazione delle Informazioni o calcolatore elettronico) è un

Il Computer (Sistema per l Elaborazione delle Informazioni o calcolatore elettronico) è un Pagina 18 di 47 2. Analisi delle componenti hardware di un computer 2.1 L hardware 2.1.1 Componenti principali di un computer L Informatica (da Informazione + Automatica) è la disciplina che studia la

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Ricapitolando Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Il funzionamento di un elaboratore dipende da due fattori principali 1) dalla capacità di memorizzare i programmi e i dati 2) dalla

Dettagli

Il sistema di elaborazione Hardware e software

Il sistema di elaborazione Hardware e software Il sistema di elaborazione Hardware e software A. Lorenzi M. Govoni TECNOLOGIE INFORMATICHE. Release 2.0 Atlas Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Hardware e software Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche parti software: componenti logiche i dati da trattare le correlazioni

Dettagli

- Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo. - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org

- Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo. - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org ECDL Open Materiale e riferimenti - Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org ECDL-Modulo-1-Parte-1 Concetti di base della

Dettagli

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima 1 Concetti di base della tecnologia dell Informazione Nel corso degli ultimi anni la diffusione dell Information and Communication Technology

Dettagli

INFORMATICA DI BASE CLASSE PRIMA Prof. Eandi Danilo www.da80ea.altervista.org INFORMATICA DI BASE

INFORMATICA DI BASE CLASSE PRIMA Prof. Eandi Danilo www.da80ea.altervista.org INFORMATICA DI BASE INFORMATICA DI BASE CHE COSA È UN COMPUTER Un computer è un elaboratore elettronico, cioè una macchina elettronica programmabile in grado di eseguire automaticamente operazioni logico-aritmetiche sui dati

Dettagli

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono.

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Lezione 3 Hardware Hardware Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Esistono vari tipi di computer: Notebook: sono i computer portatili. Mainframe:

Dettagli

Linguaggio e Architettura

Linguaggio e Architettura Parte 1 Linguaggio e Architettura IL LINGUAGGIO DELL INFORMATICA 1.1 1 Importante imparare il linguaggio dell informatica L uso Lusodella terminologia giusta è basilare per imparare una nuova disciplina

Dettagli

Concetti base del computer

Concetti base del computer Concetti base del computer Test VERO o FALSO (se FALSO giustifica la risposta) 1) La memoria centrale è costituita dal disco fisso VERO/FALSO 2) Allo spegnimento del PC la RAM perde il suo contenuto VERO/FALSO

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

DISPOSITIVI DI INPUT

DISPOSITIVI DI INPUT LA TASTIERA (o keyboard) DISPOSITIVI DI INPUT Quando viene premuto un tasto si genera un codice corrispondente alla cifra alfanumerica selezionata che viene inviato alla CPU per essere elaborato. La tastiera

Dettagli

Informatica in pillole. conoscere l informatica

Informatica in pillole. conoscere l informatica Informatica in pillole conoscere l informatica Intro La macchina Interazione uomo-macchina brevi cenni: il computer Funzionamento e differenze delle memorie (DVD/USB/HardDisk) Masterizzazione, formattazione

Dettagli

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware 1. Introduzione. I segnali binari. La parola informatica deriva dal termine francese informatique: è la fusione di due parole information e automatique che significa

Dettagli

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input Hardware e Software Hardware: : Tutti i componenti fisici del sistema di elaborazione (tutto ciò che si può toccare) Software: : Tutti i programmi installati nel nostro sistema di elaborazione Fasi di

Dettagli

MDRSystem di Rosario Medaglia Modulo 1

MDRSystem di Rosario Medaglia Modulo 1 IL COMPUTER Esistono principalmente due tipi di computer di uso comune: IL PC, PERSONAL COMPUTER è un computer che viene posato su un tavolo e che per la sua considerevole mole ed accessori a seguito,

Dettagli

Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Memoria secondaria Memoria secondaria La CPU opera su programmi e dati presenti nella RAM, ma questa da sola non basta a contenere tutti i programmi e i dati presenti sull elaboratore. Per questo motivo i dati e i programmi

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

CAPITOLO 1 - INTRODUZIONE ALL INFORMATICA

CAPITOLO 1 - INTRODUZIONE ALL INFORMATICA Da sempre l uomo ha bisogno di rappresentare, trasmettere ed elaborare informazioni di varia natura, ad esempio numeri, frasi, immagini, suoni, concetti o addirittura sensazioni. Tutte le nostre attività

Dettagli

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio COMPUTER ESSENTIAL 1.1 Esperto Emilia Desiderio INFORMATICA Definizione: disciplinain continua evoluzione che cerca di riprodurre le capacità del cervello umano. lostudio sistemico di algoritmi che descrivono

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 3 LE MEMORIE

Tecnologie Informatiche n 3 LE MEMORIE LE MEMORIE La memoria è la parte del computer destinata a conservare informazioni per un certo periodo di tempo. Le memorie si dividono in Memorie principali o centrali Sono anche dette memorie veloci

Dettagli

Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi

Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi Argomenti: Il modello logico funzionale i componenti dell'elaboratore; i bus; Relazione svolta dall'alunno/a : GARUFI CARLA della 3 B progr 2011/2012.

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 03 Conosciamo i tipi di computer e le periferiche In questa lezione impareremo: a conoscere le periferiche di input e di output, cioè gli strumenti

Dettagli

COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT

COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT Il computer è composto essenzialmente da due componenti L' HARDWARE ed il SOFTWARE COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT FACCIAMO UN PARAGONE Se vogliamo fare una paragone, L' HARDWARE è una stanza o un

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Laboratorio di Informatica - CLEF 7 Ci sono due modi per non

Dettagli

Le unità di ingresso/uscita (Input/Output)

Le unità di ingresso/uscita (Input/Output) Le unità di ingresso/uscita (Input/Output) Le unità di ingresso/uscita (anche dette periferiche), permettono di realizzare l'interazione tra il computer e l'ambiente (compreso l'utente umano) La loro funzione

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Il computer e i suoi sottosistemi

Il computer e i suoi sottosistemi pag.1 Il primo approccio al COMPUTER è 'a scatola nera'. Individuiamo quindi: SCOPO Elaborare informazioni. Eseguire istruzioni INGRESSI Dati da elaborare. Istruzioni USCITE Dati elaborati SCHEMA A BLOCCHI:

Dettagli

MODULO 01. MODULO 01 Unità didattica 3. In questa lezione impareremo: Come è fatto un computer. Periferiche e tipi di computer

MODULO 01. MODULO 01 Unità didattica 3. In questa lezione impareremo: Come è fatto un computer. Periferiche e tipi di computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 3 Periferiche e tipi di computer In questa lezione impareremo: a conoscere le periferiche di input e di output, cioè gli strumenti che permettono

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE Orologio di sistema (Clock) UNITÀ UNITÀ DI DI INGRESSO Schema a blocchi di un calcolatore REGISTRI CONTROLLO BUS DEL SISTEMA MEMORIA DI DI MASSA Hard Hard Disk Disk MEMORIA CENTRALE Ram Ram ALU CPU UNITÀ

Dettagli

Centro Iniziative Sociali Municipio III

Centro Iniziative Sociali Municipio III Centro Iniziative Sociali Municipio III C.I.S Municipio III Corso di informatca Roberto Borgheresi C ORSO BASE DI I NFORMATICA Centro Iniziative Sociali Municipio III Coordinatore: Roberto Borgheresi Insegnanti:

Dettagli

Concetti Teorici di Base sull informatica

Concetti Teorici di Base sull informatica Concetti Teorici di Base sull informatica INFORMATICA: È la scienza che studia l informazione e l elaborazione dei dati e il loro trattamento automatico mediante gli elaboratori elettronici. PROGRAMMA:

Dettagli

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano IL COMPUTER LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano LA TRASMISSIONE IN BINARIO I computer hanno un loro modo di rappresentare i

Dettagli

L hardware. del Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer.

L hardware. del Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer L hardware del Personal computer 2004 Roberto Bisceglia http://www.itchiavari.org/ict Il personal computer è una macchina, costituita principalmente da circuiti elettronici, in grado

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Informatica. Modulo 1: Hardware

Informatica. Modulo 1: Hardware Informatica l'insieme dei processi e delle tecnologie che rendono possibile la creazione, raccolta, elaborazione, immagazzinamento e la diffusione delle informazioni 4 Società dell Informazione La società

Dettagli

Quiz ecdl primo modulo. Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta

Quiz ecdl primo modulo. Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta Quiz ecdl primo modulo Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta 1 Che cosa è il Bit? British Information Target Binary Digit La misura dell'informazione DIA 2 DI 67 Che differenza c'è tra

Dettagli

Appunti di Sistemi e Automazione

Appunti di Sistemi e Automazione Appunti di Sistemi e Automazione Il modello o macchina di Von Neumann rappresenta un computer con i suoi componenti principali e la sua organizzazione logico-funzionale. Tale progetto risale al 1945/1946.

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA

Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA Il termine informatica riassume due parole, informazione automatica, e si occupa dei sistemi per l elaborazione

Dettagli

Test di informatica. 1504 QUALE TRA I DISPOSITIVI DI MEMORIA ELENCATI HA LA CAPACITÀ PIÙ ELEVATA? a) Floppy disk b) Cd-Rom c) DVD Risposta corretta:

Test di informatica. 1504 QUALE TRA I DISPOSITIVI DI MEMORIA ELENCATI HA LA CAPACITÀ PIÙ ELEVATA? a) Floppy disk b) Cd-Rom c) DVD Risposta corretta: Test di informatica 1501 QUAL È L'UNITÀ DI MISURA PER MISURARE LA CAPIENZA DELL'HARD DISK? a) Bit b) Kbyte c) Gigabyte 1502 CHE COS'È UN BYTE? a) Un insieme di 256 bit b) Un gruppo di 8 bit c) Un carattere

Dettagli

Conoscere il computer ed il software di base. Concetti base dell ICT TIPI DI COMPUTER. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it.

Conoscere il computer ed il software di base. Concetti base dell ICT TIPI DI COMPUTER. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it. Concetti base dell ICT Conoscere il computer ed il software di base Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Fase 1 Information technology Computer Tecnologia utilizzata per la realizzazione

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica L elaboratore elettronico (ovvero, il computer ) Monitor Unità centrale Casse acustiche Mouse Tastiera PREMESSA Insegnare con l'ausilio dei multimedia è una tecnica che giunge agli

Dettagli

COM'E' COMPOSTO IL PC L'Hardware sono le componenti fisiche del computer, quelle che posso toccare con mano:

COM'E' COMPOSTO IL PC L'Hardware sono le componenti fisiche del computer, quelle che posso toccare con mano: IL COMPUTER Esistono principalmente due tipi di computer di uso comune: IL PC, PERSONAL COMPUTER è un computer che viene posato su un tavolo e che per la sua considerevole mole ed accessori a seguito,

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 5

Esame di INFORMATICA Lezione 5 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 5 LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT Permettono lo scambio dei dati tra l utente ed il calcolatore. Controllati dalla CPU Master

Dettagli

Esame di INFORMATICA LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT. Lezione 5 PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE (2/2) LE PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE

Esame di INFORMATICA LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT. Lezione 5 PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE (2/2) LE PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 Lezione 5 LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT Permettono lo scambio dei dati tra l utente ed il calcolatore. Controllati

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Questo modelio è stato proposto nei tardi anni 40 dall Institute for Advanced Study di Princeton e prende il nome di modello Von Neumann. E` costituito

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II

Università degli studi di Napoli Federico II Università degli studi di Napoli Federico II Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in culture digitali e della comunicazione Corso di Elementi di informatica e web Test ingresso per il bilancio delle competenze

Dettagli

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) Dispositivi periferici

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) Dispositivi periferici 2011-2012 Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) 11 Dispositivi periferici Lez. 11 1 Dispositivi periferici Tutte le apparecchiature che si

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard disk Supporti

Dettagli

INFORMATICA 1 ANNO. Prof. Stefano Rizza

INFORMATICA 1 ANNO. Prof. Stefano Rizza INFORMATICA 1 ANNO Prof. Stefano Rizza PROGRAMMA MINISTERIALE 1 1. Utilizzare strumenti tecnologici ed informatici per consultare archivi, gestire informazioni, analizzare dati (riferimento ECDL Start)

Dettagli

Tecnologia dell Informazione

Tecnologia dell Informazione Tecnologia dell Informazione Concetti di base della tecnologia dell informazione Materiale Didattico a cura di Marco Musolesi Università degli Studi di Bologna Sede di Ravenna Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM Il computer è un apparecchio elettronico che riceve dati di ingresso (input), li memorizza e gli elabora e fornisce in uscita i risultati (output). Il computer è quindi un sistema per elaborare informazioni

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Architettura del calcolatore (seconda parte) Sotto-sistema di memoria! Due necessità contrastanti: 1. Elevata velocità di accesso 2. Elevata capacità (dimensioni)!

Dettagli

Memoria Secondaria o di Massa

Memoria Secondaria o di Massa .. Pacman ha una velocità che dipende dal processore...quindi cambiando computer va più velocemente..sarà poi vero? Memoria Secondaria o di Massa dischi fissi (hard disk), floppy disk, nastri magnetici,

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

CHE COSA FAREMO INSIEME?

CHE COSA FAREMO INSIEME? CHE COSA FAREMO INSIEME? Impareremo a conoscere il computer per poter sfruttare al meglio alcune sue caratteristiche Raccoglieremo informazioni preziose perché non si può amare chi non si conosce IL COMPUTER

Dettagli

05 Le memorie secondarie. Dott.ssa Ramona Congiu

05 Le memorie secondarie. Dott.ssa Ramona Congiu 05 Le memorie secondarie Dott.ssa Ramona Congiu 1 Come vengono memorizzati i dati Nonostante le numerose funzioni che svolge, la memoria RAM dispone di uno spazio limitato, per cui no riesce a contenere

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

Informatica 1 Lezione 1

Informatica 1 Lezione 1 Informatica 1 Lezione 1 Concetti base: Hardware È l insieme delle parti fisiche, elettroniche e meccaniche che compongono il computer, quali il chip, il mouse, il lettore CDROM, il monitor, le schede,

Dettagli

L informatica e il computer

L informatica e il computer Parte 1 L informatica e il computer Informatica Ha rivoluzionato il mondo, ma la sua percezione può essere molto diversa I computer sono inutili, danno solo risposte Pablo Picasso Pensare? Perché pensare!

Dettagli

Modulo 1. Sommario. Dispositivi di memoria. Memoria veloce. Rappresentazione logica di un elaboratore. ROM (Read Only Memory)

Modulo 1. Sommario. Dispositivi di memoria. Memoria veloce. Rappresentazione logica di un elaboratore. ROM (Read Only Memory) Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Dispositivi di memoria Concetti di base Hardware Dispositivi di memoria Software Reti informatiche Il computer nella vita di ogni giorno Information

Dettagli

Le memorie di massa. Il disco floppy 1

Le memorie di massa. Il disco floppy 1 Le memorie di massa Tutti i sistemi di elaborazione dispongono di alcuni supporti per memorizzare permanentemente le informazioni: le memorie di massa Dischetti o floppy disk Dischi fissi o hard disk CD

Dettagli

I componenti di un PC

I componenti di un PC I componenti di un PC Queste componenti sono fondamentali per poter fare un utilizzo desktop di un Personal Computer scheda madre (2) processore (2) RAM (2) ROM (3) (scheda) video (3) (scheda) audio (3)

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo O mentre ci sono più risposte corrette per le domande con il simbolo

Dettagli

I dispositivi di Input e Output

I dispositivi di Input e Output Input - Output I dispositivi di Input e Output La comunicazione tra il calcolatore e l ambiente in cui esso è immerso avviene attraverso dispositivi che traducono i dati digitali in segnali compatibili

Dettagli

Funzionalità di un calcolatore

Funzionalità di un calcolatore Funzionalità di un calcolatore Il calcolatore: modello concettuale 1. Elaborazione 2. Memorizzazione Interconnessione 3. Comunicazione (interfaccia) Architettura di un computer componenti per elaborare

Dettagli

1 Il computer. Il computer è un elaboratore dati. Home

1 Il computer. Il computer è un elaboratore dati. Home 1 Il computer Il computer è un elaboratore dati 2 Il computer Il computer è un apparecchiatura elettronica che riceve dati e che, dopo averli elaborati, restituisce altri dati. I dati possono essere: numeri,

Dettagli

Il computer. Il computer: un insieme di elementi. L'hardware

Il computer. Il computer: un insieme di elementi. L'hardware Il computer Il computer: un insieme di elementi Il computer è una macchina elettronica destinata all'elaborazione dei dati secondo una sequenza di istruzioni. Il computer è formato da due insiemi di elementi:

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA

ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA L INFORMAZIONE L informazione è un concetto (legato, ma indipendente dal codice usato). Non riguarda solo interazioni umane. L informazione analizza il

Dettagli

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione Conoscenze Informatiche 51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione 52) Un provider è: A) un ente che fornisce a terzi l accesso a Internet B) un protocollo di connessione

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it Stefano Brocchi Il sistema di elaborazione 1 / 37 Informatica Il termine informatica deriva dalle parole informazione e automatica Stefano

Dettagli

Memorizzazione delle informazioni

Memorizzazione delle informazioni Memorizzazione delle informazioni Parte 1 Definizioni Linguaggio binario Gli odierni calcolatori digitali (o elaboratori, o computer) operano in linguaggio binario Un linguaggio binario è composto da simboli

Dettagli

Il Personal Computer

Il Personal Computer Il Personal Computer 18 Hardware 1 Hardware: componenti fisiche dell elaboratore; la forma e le prestazioni dell hardware variano in funzione del tipo di elaboratore Principali componenti hardware: unità

Dettagli

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo per le scelte, mentre ci sono più risposte corrette per le domande con

Dettagli