Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro"

Transcript

1 Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Misura Addebito della separazione Inadempimento dell obbligato e potere di assegnazione Soggetti coinvolti Criteri di tassazione In caso di separazione tra coniugi il giudice dispone a favore del coniuge cui non sia addebitabile la separazione e che non possieda redditi propri adeguati al tenore di vita condotto durante il matrimonio, la corresponsione di un assegno di mantenimento (art. 156, c.c.). L importo dell assegno è determinato in relazione alle circostanze e ai redditi del coniuge obbligato al momento della decisione del giudice. Tuttavia, trattandosi di prestazioni economiche che si prolungano nel tempo è possibile che uno dei due coniugi decida di chiedere la revisione dell importo sulla base di fatti sopravvenuti alla separazione. Il coniuge cui sia stata addebitata la separazione ha diritto soltanto agli assegni alimentari nel caso in cui si trovi in una situazione di bisogno intesa come incapacità di provvedere alle fondamentali esigenze di vita. Soggetti della procedura In caso di inadempimento, il giudice può ordinare al datore di lavoro del coniuge obbligato al mantenimento di versare direttamente all avente diritto l assegno mensile stabilito nella sentenza di separazione. Il presupposto per l esercizio del potere di assegnazione è costituito pertanto dall inadempimento dell obbligato (coniuge separato debitore). Le omissioni, le imprecisioni e i ritardi nei pagamenti costituiscono presupposti sufficienti per poter esercitare il potere di assegnazione. È importante sottolineare che la decisione di obbligare il terzo (datore di lavoro del coniuge separato debitore) a pagare direttamente il coniuge che ne ha diritto (coniuge separato creditore) non deve essere presa dal giudice con «prudente apprezzamento» verso il soggetto obbligato, ma avendo riguardo unicamente all idoneità dei comportamenti dell obbligato a rendere vano ed eludere la finalità dell assegno di mantenimento. Nella procedura di pagamento dell assegno di mantenimento per il tramite del datore di lavoro, da un punto di vista tributario, i tre soggetti coinvolti sono: il coniuge separato creditore, al quale la sentenza del giudice riconosce un assegno di mantenimento periodico e determinato nella misura e nei termini di versamento, da erogarsi per il tramite del terzo (datore di lavoro del coniuge debitore); il coniuge separato debitore, il quale è obbligato sulla base della sentenza del giudice a corrispondere all ex coniuge un assegno periodico e determinato nella misura e nei termini di versamento; il datore di lavoro del coniuge debitore, che in conseguenza dell inadempimento del proprio dipendente ha ricevuto l ordine del giudice di versare l assegno mensile di mantenimento direttamente al coniuge separato creditore. Adempimenti del datore di lavoro nei confronti del coniuge creditore Per il coniuge percettore, l assegno di mantenimento costituisce reddito assimilato a quello di lavoro dipendente (art. 50, c. 1, lett. i) del Tuir) nel caso in cui: sia erogato con cadenza periodica e, come tale, assimilabile al pagamento di una retri- 412

2 Riflessi in busta paga Adempimenti Busta paga Detrazioni Esempio Ritenuta d acconto buzione stabilita a tempo e potenzialmente vitalizia. L assegno erogato in un unica soluzione, invece, non costituisce reddito per il percettore (Ag. entrate, circ. n. 50/2012; Corte di Cassazione n /2006); il diritto, la misura e la periodicità di corresponsione dello stesso risultino dal provvedimento dell autorità giudiziaria (ad esempio, la sentenza di separazione giudiziale tra coniugi). Gli assegni periodici indicati alla lettera i) del citato art. 50 si presumono percepiti, salvo prova contraria, nella misura e alle scadenze risultanti dai relativi titoli (art. 52, c. 1, lett. c) del Tuir). Di conseguenza, in deroga al principio di cassa che si applica al reddito di lavoro dipendente, in relazione al quale l imposta è dovuta solo nel momento in cui l emolumento è percepito dal sostituito, in materia di assegno di mantenimento, lo stesso si presume percepito alle scadenze sancite dalla sentenza del giudice (fatta salva la prova contraria). I criteri di tassazione ai quali si è fatto cenno non cambiano qualora, ai sensi dell art. 156 c.c., l assegno di mantenimento sia erogato da un «terzo», nel caso specifico il datore di lavoro, in quanto soggetto tenuto a corrispondere periodicamente somme di denaro al coniuge obbligato. In questo caso il datore di lavoro-sostituto di imposta, nei confronti del coniuge al quale versa direttamente l assegno mensile di mantenimento dovuto dal suo dipendente, deve: 1) predisporre un prospetto paga per poter determinare correttamente la tassazione della somma erogata a favore del beneficiario dell assegno; 2) attribuire al coniuge separato che lo richieda, la detrazione prevista dall art. 13, c. 5-bis del Tuir, pari a quella indicata al comma 3 dello stesso articolo per i pensionati che hanno meno di 75 anni. L ammontare della detrazione, che non è cumulabile con quelle previste dagli altri commi dello stesso art. 13 e compete per intero anche nell eventualità in cui gli assegni siano stati percepiti solo in un periodo dell anno, è pari a: a) E 1.725, se il reddito complessivo non supera E L ammontare della detrazione effettivamente spettante non può essere inferiore a E 690; b) E 1.255, aumentata del prodotto tra E 470 e l importo corrispondente al rapporto tra E , diminuito del reddito complessivo, e E 7.500, se l ammontare del reddito complessivo è superiore a E ma non a E ; c) E 1.255, se il reddito complessivo è superiore a E ma non a E La detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l importo di E , diminuito del reddito complessivo, e l importo di E Il datore di lavoro eroga l assegno di mantenimento al coniuge separato del suo dipendente, previa pronuncia del giudice. Il coniuge separato creditore percepisce un assegno di mantenimento per il tramite del datore di E 700 x 12 mensilità e chiede l applicazione della detrazione di cui all art. 13, c. 5-bis del Tuir. Assegno di mantenimento annuale presunto: E (700 x 12 mensilità); detrazione sull assegno di mantenimento corrisposto a gennaio 2012: [470 x ( / 7.500)] = (470 x 88%) = 1.668,60 / 365 x 31 = 141,71 La misura della detrazione spettante sull assegno di mantenimento è pari a E 141,71. 3) effettuare e versare la ritenuta d acconto ai sensi dell art. 24 del D.P.R. n. 600/1973 sul reddito assimilato a quello di lavoro dipendente. Il codice tributo per il versamento in F24 della predetta ritenuta è il 1004: I sostituti d imposta sono tenuti a effettuare la ritenuta di acconto ogni qual volta corrispondano somme e valori di cui all art. 51 del Tuir (art. 23, D.P.R. n. 600/1973). 413

3 Conguaglio di fine anno/rapporto Mod. Cud Mod. 770 Semplificato L obbligo di effettuare la predetta ritenuta è stato previsto anche per la corresponsione di somme e valori di cui all art. 50 del Tuir, su redditi determinati ai sensi dell art. 52 del Tuir. Ai fini della effettuazione della ritenuta da parte del sostituto è ininfluente che il percipiente assuma la qualifica di dipendente dello stesso sostituto che corrisponde le somme e i valori. In pratica, non è prevista, ai fini dell obbligo di applicazione della ritenuta di acconto, la contemporanea sussistenza dei due presupposti prima richiesti (e cioè che il soggetto erogante rivesta la qualifica di sostituto e che le somme e i valori siano corrisposti in funzione di una prestazione di lavoro dipendente); 4) gestire il conguaglio di fine anno/rapporto sul reddito assimilato a quello di lavoro dipendente; 5) rilasciare al coniuge separato creditore il modello Cud alle ordinarie scadenze (entro il 28 febbraio del periodo d imposta successivo a quello cui si riferiscono i redditi certificati o entro 12 giorni dalla richiesta del dipendente in caso di cessazione del rapporto di lavoro); 6) riportare i redditi erogati al coniuge separato e le ritenute effettuate sul modello 770 semplificato (la trasmissione telematica deve essere effettuata entro il 31 luglio dell anno successivo rispetto all anno a cui si riferiscono i redditi e le ritenute). Dichiarazione dei redditi da parte del coniuge creditore Il coniuge separato con diritto all assegno di mantenimento deve dichiarare il reddito percepito a tale titolo nella Sezione II del quadro RC del modello Unico o nella Sezione II del quadro C del modello 730 tra gli «Altri redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente». Modello 730/2012 Sezione II - Altri redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente Vanno indicati in questa sezione gli altri redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente che non possono essere riportati nella sezione I, compresi gli assegni periodici percepiti dal coniuge (ad esclusione di quelli destinati al mantenimento dei figli) a seguito di separazione legale, divorzio o annullamento del matrimonio. Compilazione dei righi da C6 a C8 Colonna 1: barrare la casella se nella col. 2 vengono dichiarati gli assegni periodici percepiti dal coniuge; Colonna 2: indicare l importo dei redditi percepiti. Tale importo per i soggetti che sono in possesso del Cud è quello indicato nel punto 2. Esempio Il signor R. è obbligato ad erogare, entro la fine di ogni mese, alla coniuge separata signora B. un assegno di mantenimento, disposto dal giudice nella sentenza di separazione, di E 400 al mese (per 12 mensilità). Poiché il signor R., dipendente della ditta Alfa, non adempie spontaneamente all obbligazione, il giudice con sentenza impone al suo datore di lavoro di provvedere direttamente al pagamento della signora B. La signora B. chiede il riconoscimento della detrazione prevista dall art. 13, c. 5-bis del Tuir. Calcolo della detrazione Reddito annuo presunto della signora B.: E 400 (assegno mensile di mantenimento) x 12 (mensilità) =E 4.800; 414

4 Riflessi in busta paga misura della detrazione: fino a E di reddito annuale la detrazione spettante è pari a E (ragguagliata ai giorni) oppure E 690 (detrazione minima non ragguagliata ai giorni). Detrazione ragguagliata al periodo di paga di gennaio 2011: / 365 x 31 = E 146,50. Tassazione Imposta lorda: E 400 x 23% = E 92; detrazione teorica: E 146,50; detrazione effettiva: E 92; imposta netta: E 0; netto: E 400. Busta paga Conguaglio di fine anno Nel 2011 il datore di lavoro del signor R. ha erogato direttamente alla signora B. un importo di E 400 per 12 mensilità, cioè E La signora B. ha chiesto il riconoscimento della detrazione prevista dall art. 13, c. 5-bis del Tuir. Pertanto, nel conguaglio di fine anno: reddito annuo della signora B.: E (reddito assimilato a quello di lavoro dipendente); imposta lorda: E X 23% = E 1.104; detrazione teorica: E 1.725; detrazione effettiva: E Modello Cud Con riferimento all esempio trattato, il Cud 2012 risulta compilato nel modo seguente: Nel Cud sono riportati i seguenti importi: nel punto 2 - totale redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all art. 13, c. 5 e 5-bis del Tuir; nel punto 4 - numero di giorni per i quali il percipiente ha diritto alla detrazione; 415

5 nel punto imposta lorda; nel punto detrazione teorica spettante; nel punto detrazione di cui al punto 107 per la parte effettivamente fruita (fino a concorrenza dell imposta lorda). Dichiarazione dei redditi Se la signora B. nel 2011 ha percepito soltanto l assegno di mantenimento corrisposto per il tramite del datore di lavoro del coniuge separato, la stessa non è tenuta alla presentazione della dichiarazione dei redditi tenuto conto che tali somme sono già state oggetto di tassazione definitiva. Se, invece, la signora B. nel 2011 ha percepito oltre all assegno di mantenimento altri redditi dichiarabili nel Mod. 730 e nel 2012 ha un sostituto d imposta (datore di lavoro, ente erogante la pensione o committente una prestazione di collaborazione coordinata e continuativa) che può effettuare le operazioni di conguaglio nei tempi previsti, la stessa presenta il Mod. 730/2012. Se la beneficiaria, nel 2011, ha solo l assegno di mantenimento pagato direttamente dall obbligato, la stessa è esonerata dalla dichiarazione dei redditi se l importo non eccede E Onere deducibile Adempimenti del datore di lavoro nei confronti del coniuge debitore Qualora il soggetto terzo che eroga l assegno periodico (nella misura e nei termini sanciti nella sentenza di separazione dal giudice) al coniuge separato, sia un sostituto d imposta ai sensi dell art. 23, D.P.R. n. 600/1973 da un lato, dovrà tenere conto già in sede di tassazione (ovvero in sede di conguaglio) dell onere deducibile trattenuto al proprio dipendente (coniuge obbligato al mantenimento), mentre dall altro, dovrà procedere a effettuare la ritenuta nei confronti del coniuge beneficiario delle somme erogate conformemente a quanto previsto dagli artt. 23 e 24, D.P.R. n. 600/1973 e quindi dovrà tenere in considerazione tali obblighi anche in sede di conguaglio di fine anno. Il datore di lavoro chiamato ad erogare l assegno di mantenimento direttamente al coniuge separato del proprio dipendente, elabora la busta paga di quest ultimo trattenendo l importo dovuto dalla retribuzione erogata mensilmente. L importo dell assegno riduce l imponibile da assoggettare a tassazione in quanto onere deducibile per il soggetto che lo eroga. L art. 10, c. 1 lett. c) del Tuir prevede infatti: «Dal reddito complessivo si deducono,..., i seguenti oneri sostenuti dal contribuente: c) gli assegni periodici corrisposti al coniuge, ad esclusione di quelli destinati al mantenimento dei figli, in conseguenza di separazione legale ed effettiva, di scioglimento o annullamento del matrimonio o di cessazione dei suoi effetti civili, nella misura in cui risultano da provvedimenti dell autorità giudiziaria;». Ai fini della deducibilità, pertanto: gli assegni devono essere corrisposti con cadenza periodica. Con circolare n. 50/2002 l Amministrazione finanziaria ha precisato che la deduzione dal reddito complessivo 416

6 Riflessi in busta paga Modello Cud prevista per gli assegni periodici corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale ed effettiva non spetta nell ipotesi in cui il versamento sia effettuato in un unica soluzione; gli assegni non devono essere destinati al mantenimento dei figli. Poiché gli assegni destinati al mantenimento dei figli non costituiscono reddito per il percipiente e simmetricamente onere deducibile per l erogante, se dal provvedimento del giudice non emerge la scissione tra la quota destinata al coniuge e quella destinata al figlio, la stessa si computa nella misura della metà dell ammontare dell assegno stesso; il diritto, la misura e la periodicità di corresponsione degli assegni devono risultare dal provvedimento dell autorità giudiziaria. Le maggiori somme corrisposte al coniuge a titolo di adeguamento Istat potranno essere dedotte solo nel caso in cui la sentenza del giudice preveda un criterio di adeguamento automatico dell assegno dovuto al coniuge medesimo. In sostanza, è esclusa la possibilità di dedurre assegni corrisposti volontariamente dal coniuge al fine di sopperire alla mancata indicazione da parte del tribunale di meccanismi di adeguamento dell assegno di mantenimento. In mancanza del provvedimento del giudice che stabilisce il diritto, la misura e la periodicità dell assegno di mantenimento, al contribuente che mantiene il coniuge separato o divorziato spetta la detrazione d imposta prevista per gli «altri familiari a carico». L ammontare delle erogazioni escluso per legge dalla formazione del reddito imponibile deve, inoltre, essere attestato dal datore di lavoro sul modello Cud. Assegno erogato dal datore di lavoro Assegno erogato dal soggetto obbligato Dichiarazione dei redditi da parte del coniuge debitore Con riguardo al coniuge che eroga l assegno di mantenimento possono verificarsi le seguenti ipotesi: se l assegno è erogato direttamente dal datore di lavoro al coniuge avente diritto, l onere trattenuto in sede di pagamento della retribuzione viene indicato nel modello Cud tra gli oneri deducibili «sostenuti» esclusi dai redditi da assoggettare a tassazione; se l assegno viene versato direttamente dal soggetto obbligato al coniuge beneficiario, tale onere andrà indicato nella Sezione II del quadro RP del modello Unico o nella Sezione II del quadro E del modello 730. La Finanziaria 2007, infatti, ha previsto l obbligo in capo al coniuge che corrisponde gli assegni periodici e intende dedurli dal reddito complessivo, di indicare in dichiarazione dei redditi il codice fiscale del percettore di tali somme. Tale informazione viene utilizzata in sede di controlli incrociati dell Agenzia delle entrate, per verificare se, a fronte dell onere deducibile esposto in dichiarazione dal coniuge erogante, il coniuge beneficiario indichi un reddito imponibile di pari ammontare. Modello 730/

7 Rigo E22 - Assegno periodico corrisposto al coniuge Colonna 1: indicare il codice fiscale del coniuge al quale sono stati corrisposti gli assegni periodici; Colonna 2: indicare gli assegni periodici corrisposti al coniuge, anche se residente all estero in seguito alla separazione legale ed effettiva o allo scioglimento o annullamento o alla cessazione degli effetti civili del matrimonio come indicato nel provvedimento dell autorità giudiziaria. Nell importo non devono essere considerati gli assegni destinati al mantenimento dei figli. Inoltre, non sono deducibili le somme corrisposte in un unica soluzione al coniuge separato. Esempio Busta paga Il signor R. è obbligato ad erogare, entro la fine di ogni mese, alla coniuge separata signora B. un assegno di mantenimento, disposto dal giudice nella sentenza di separazione, di E 400 al mese (per 12 mensilità). Poiché il signor R., dipendente della ditta Alfa, non adempie spontaneamente all obbligazione, il giudice con sentenza impone al suo datore di lavoro di provvedere direttamente al pagamento della sig.ra B. mediante una trattenuta mensile di E 400 dalla busta paga del lavoratore. Il signor R. è inquadrato al IV livello del Ccnl Commercio Confcommercio. L assegno di E 400 abbatte l imponibile fiscale che è pari pertanto a: 1.457,75-133,99-400,00 = E 923,76. Nella determinazione del reddito presunto per il calcolo delle detrazioni occorre considerare che l importo di E 400 dell assegno di mantenimento non è dovuto nei mesi relativi alle mensilità aggiuntive. Indicazione dell onere deducibile sul Mod. Cud/2012 L importo di E (E 400 x 12 mesi) che il datore di lavoro ha trattenuto nel corso del 2011 al signor R.ed erogato direttamente alla signora B. a titolo di assegno di mantenimento deve essere riportato nella Parte B (Dati fiscali) del Cud 2012 al punto 127 «Totale oneri sostenuti esclusi dai redditi indicati nei punti 1 e 2». 418

8 Riflessi in busta paga Annotazione Nel punto 1 «Redditi per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all art. 13, commi 1, 2, 3 e 4 del TUIR» l importo (18.160) viene esposto al netto degli oneri deducibili indicati al punto 127 ( ). Nuovo prospetto SY In caso di assegni di mantenimento periodici a favore del coniuge o dei figli del dipendente occorre distinguere a seconda che il datore di lavoro conosca o meno la natura delle somme. Il datore di lavoro non conosce la natura delle somme Gli assegni per il mantenimento del coniuge costituiscono reddito assimilato a quello di lavoro dipendente per il coniuge separato, mentre gli assegni per il mantenimento dei figli non costituiscono reddito per i figli. Data la differente natura di tali somme, se il datore di lavoro non conosce in che misura gli assegni siano destinati all una o all altra finalità non deve operare la ritenuta d acconto del 20%, ma deve indicare l importo erogato nella sezione I del prospetto SY del Mod Si ricorda che se dal provvedimento del giudice non emerge la scissione tra la quota destinata al coniuge rispetto a quella destinata al figlio, la stessa si computa nella misura della metà dell ammontare dell assegno (di conseguenza diviene deducibile per il soggetto erogante il 50% dell assegno, in quanto lo stesso si presume destinato alla finalità del mantenimento della ex coniuge). 419

9 Esempio Nel 2011 il datore di lavoro ha erogato E come assegno di mantenimento all ex coniuge del proprio dipendente. Questi euro sono in parte destinati al mantenimento dei figli e in parte al mantenimento del coniuge. Il datore di lavoro non conosce (in quanto la sentenza del giudice non la indica) la parte di questi euro destinata ai figli e quella destinata al coniuge. Nel pagare i euro, trattenuti dalla busta paga del dipendente, il datore di lavoro non opera la ritenuta del 20% (codice tributo 1049). Il datore di lavoro in sede di 770 compila la sezione I del prospetto SY. Il datore di lavoro conosce la natura delle somme Al contrario, se il datore di lavoro conosce la natura degli assegni trattenuti al dipendente e corrisposti al coniuge separato deve procedere con i normali assoggettamenti: 1) nel caso di assegni per il mantenimento dei figli: le somme trattenute al dipendente non costituiscono reddito per il percettore; 2) nel caso di assegni per il mantenimento del coniuge: le somme trattenute al dipendente non concorrono a formare il reddito del dipendente e sono reddito assimilato per il coniuge; il datore di lavoro, all atto della corresponsione delle somme al coniuge del dipendente, deve operare le ritenute previste per i redditi assimilati, effettuare il conguaglio a fine anno, rilasciare il Cud al coniuge del dipendente e indicare le somme in una comunicazione dati lavoro dipendente del Mod

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir.

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir. RISOLUZIONE N. 153/E Roma, 11 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1,

Dettagli

Paghe. Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI

Paghe. Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI Voci della busta paga Finanziaria 2007 Limite di reddito Parametrazione a mese Misura Con il pagamento

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

Cessione e pignoramento degli stipendi

Cessione e pignoramento degli stipendi Viale Berlinguer, 8 48124 Ravenna RA - Tel. 0544.516111 Fax 0544.407733 Reg. Imprese/RA, C.F. e P.IVA 00431550391 Albo Società Cooperative Sez. Mutualità prevalente n. A116117 Sito web: www.confartigianato.ra.it

Dettagli

Il risultato della dichiarazione dei redditi

Il risultato della dichiarazione dei redditi Il risultato della dichiarazione dei redditi Capitolo 12 12.1 CONCETTI GENERALI 12.2 IRPEF : CALCOLO IMPOSTA LORDA 12.3 IRPEF : DALL IMPOSTA LORDA ALL IMPOSTA NETTA : LE DETRAZIONI 12.4 IRPEF : DALL IMPOSTA

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*)

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) 18 Luglio 2012 SCADE IL 31 LUGLIO 2012 IL

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C INDICAZIONI GENERALI I redditi di lavoro dipendente e assimilati Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore:

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore: GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015 Relatore: Alessandro Dott. TODESCHELLI Dott. Comm.sta materia «Lavoro» OPEN Dot Com Servizio: Nome servizio Pag. 1 Torino,

Dettagli

CIRCOLARE N. 9/E. Roma, 14 maggio 2014

CIRCOLARE N. 9/E. Roma, 14 maggio 2014 CIRCOLARE N. 9/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 14 maggio 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Bonus IRPEF: chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Indice 1. Premessa 2. Soggetti beneficiari 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati

Dettagli

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE Circolare n. 7 Del 21 maggio 2014 Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE 1 Premessa...3 2 Soggetti beneficiari...3 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati...3 2.1.1 Beneficiari

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE In caso di decesso del lavoratore dipendente sono previste diverse modalità di tassazione a seconda che si tratti delle somme già corrisposte al lavoratore o di somme

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 14 MARZO 2008 Informativa n. 25 QUADRO C: MODALITÀ

Dettagli

Roma, Roma, 2 marzo 2011

Roma, Roma, 2 marzo 2011 CIRCOLARE N. 8/E Roma, Roma, 2 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modalità di effettuazione delle ritenute alla fonte per le somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 2 marzo 2011. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 2 marzo 2011. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 8/E Roma, 2 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modalità di effettuazione delle ritenute alla fonte per le somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi.

Dettagli

Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 1 / 2014

Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 1 / 2014 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 1 / 2014 Mod. CUD 2014: dati rilevanti per la compilazione del mod. 730/2014 Dichiarazione congiunta: i contribuenti

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C INDICAZIONI GENERALI I redditi di lavoro dipendente e assimilati Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

Gli emolumenti del personale della scuola

Gli emolumenti del personale della scuola Gli emolumenti del personale della scuola Di salvatore buonandi La retribuzione complessiva dei dipendenti della scuola è costituita da indennità di varia natura, di cui alcune concorrono con lo stipendio

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF di Pietro Ghigini docente di Economia aziendale Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF Premessa Approvata sul filo di lana, evitando per un soffio che i lavori parlamentari scivolassero

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

ONERI DEDUCIBILI VARI

ONERI DEDUCIBILI VARI ONERI DEDUCIBILI VARI 1. Contributi obbligatori : Contributo al S.S.N. pagato nelle polizze di assicurazione R.C. veicoli D. Il contributo al Servizio sanitario nazionale che si paga nelle polizze di assicurazione

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali (art. d.lgs. n. 9/00) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti riconosciuti

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Coniuge e familiari a carico FRONTESPIZIO

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Coniuge e familiari a carico FRONTESPIZIO ? INQUADRAMENTO NORMATIVO Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009 Dichiarazione 730, a cura di R. Artina. - V. Artina Coniuge e familiari a carico All'interno del frontespizio del Mod. 730/2009 è

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

MODULI DI DETRAZIONI FISCALI

MODULI DI DETRAZIONI FISCALI Le detrazioni sono riconosciute se il percipiente dichiara di avervi diritto, indica le condizioni di spettanza e si impegna a comunicare tempestivamente le eventuali variazioni. La dichiarazione deve

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Risoluzione n. 114/E

Risoluzione n. 114/E Risoluzione n. 114/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 maggio 2003 Oggetto: Istanza d interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fondo integrativo Sanitario Dirigenti delle

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 20 27.05.2014 Oneri deducibili Focus sui contributi per forme pensionistiche complementari e individuali Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali.

In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali. CAPITOLO SETTIMO INTRODUZIONE AGLI oneri e spese In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali. 1 premessa

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede un

Dettagli

ADEMPIMENTI FISCALI MODALITA DI TASSAZIONE DEL REDDITO DI LAVORO DIPENDENTE

ADEMPIMENTI FISCALI MODALITA DI TASSAZIONE DEL REDDITO DI LAVORO DIPENDENTE ADEMPIMENTI FISCALI MODALITA DI TASSAZIONE DEL REDDITO DI LAVORO DIPENDENTE Sono previste due forme di imposizione dei redditi conseguenti alla prestazione di lavoro subordinato: - la c.d. tassazione ordinaria,

Dettagli

NOVITA IRPEF ANNO 2008 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA

NOVITA IRPEF ANNO 2008 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA NOVITA IRPEF ANNO 2008 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA Novità 2008 Le principali novità fiscali per il 2008 che riguardano i lavoratori dipendenti sono: Obbligo della richiesta annuale per le

Dettagli

Anno 2013 N. RF158. La Nuova Redazione Fiscale LAVORO DIPENDENTE ALL ESTERO - TASSAZIONE E CREDITO D IMPOSTA

Anno 2013 N. RF158. La Nuova Redazione Fiscale LAVORO DIPENDENTE ALL ESTERO - TASSAZIONE E CREDITO D IMPOSTA Anno 2013 N. RF158 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 8 OGGETTO LAVORO DIPENDENTE ALL ESTERO - TASSAZIONE E CREDITO D IMPOSTA RIFERIMENTI RM 48/2013; ART. 51 C. 8-BIS

Dettagli

Il bonus fiscale in busta paga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Il bonus fiscale in busta paga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Il bonus fiscale in busta paga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Fonte normativa Incongruenze della norma Disposizione in dettaglio Nell ambito delle misure previste dall Esecutivo

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 00 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede

Dettagli

Somme e valori. applica. Certifi ca i redditi nel Modello CUD LO SCHEMA DEL CUD 2012 - CERTIFICAZIONE UNICA DIPENDENTI

Somme e valori. applica. Certifi ca i redditi nel Modello CUD LO SCHEMA DEL CUD 2012 - CERTIFICAZIONE UNICA DIPENDENTI Sezione prima - Introduzione Introduzione INTRODUZIONE Il datore di lavoro, in qualità di sostituto di imposta, ai sensi dell art. 4, comma -ter del DPR n. 322/1998, è tenuto a rilasciare al contribuente

Dettagli

OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta QUESITO

OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 febbraio 2008 OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente

Dettagli

Deduzioni per familiari a carico

Deduzioni per familiari a carico Deduzioni per familiari a carico Definizione di familiare a carico e condizioni in base alle quali viene riconosciuta la deduzione. Sono considerati familiari a carico dal punto di vista fiscale: il coniuge

Dettagli

AGENZIA DELLE ENTRATE

AGENZIA DELLE ENTRATE L AGENZIA INFORMA no tax area aliquote deduzioni riforma IRPEF clausola di salvaguardia calcolo deduzioni scaglioni detrazioni reddito imponibile tassazione no tax gui area deduzioni aliquote deduzioni

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

Risoluzione n. 78/E. Roma, 28 maggio 2004

Risoluzione n. 78/E. Roma, 28 maggio 2004 Risoluzione n. 78/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 maggio 2004 Oggetto: Richiesta di consulenza generica - deducibilità contributi versati al FASI da parte di contribuenti in pensione

Dettagli

La fiscalità della sanità integrativa

La fiscalità della sanità integrativa La fiscalità della sanità integrativa 1 Il trattamento tributario dei contributi Fonti normative Art. 10, comma 1, lettera e-ter del tuir 917/86(oneri deducibili) Art. 51, comma 2, lettera a) del tuir

Dettagli

Trattenute contributive

Trattenute contributive 14 RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre SEZIONE 2 Trattenute contributive a. Determinazione della retribuzione imponibile art. 2115 c.c.; art. 47 RDL 1827/35; art. 12 L. 153/69

Dettagli

Massimo Importo deducibile Importo che si vuole versare per la previdenza complementare Massimo importo deducibile

Massimo Importo deducibile Importo che si vuole versare per la previdenza complementare Massimo importo deducibile Manuale per l utilizzo della procedura I campi che possono essere compilati dall operatore si presentano di colore G Giallo o ;viceversa, i campi che sono calcolati dal programma e che, conseguentemente,

Dettagli

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le principali novità di quest anno Cedolare secca sulle locazioni Immobili di interesse storico-artistico

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

Il modello 770 semplificato e ordinario

Il modello 770 semplificato e ordinario Il modello 770 semplificato e ordinario Relatrice: Dott.ssa Laura Demaria Modello 770 è il modello principe per il sostituto d imposta Tramite esso il sostituto d imposta trasmette all agenzia delle entrate

Dettagli

Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015

Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015 Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015 Il nuovo modello CU (Provvedimento n. 4790/E del 15.01.2015, circolare ASSONIME n. 4 del 19.02.2015) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ASSONIME,

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ

MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ Circolare informativa per la clientela Luglio Nr. 1 MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ In questa Circolare 1. Modelli 770/2014 Semplificato e Ordinario 2. Quadri che compongono il 770 3.

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA 2015

CERTIFICAZIONE UNICA 2015 CERTIFICAZIONE UNICA 201 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART., COMMI -ter e -quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 199, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 201 DATI ANAGRAFICI AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO

Dettagli

ALIQUOTE IRPEF 2009. Tavola:Detrazione per redditi di lavoro dipendente in vigore per l'anno 2008

ALIQUOTE IRPEF 2009. Tavola:Detrazione per redditi di lavoro dipendente in vigore per l'anno 2008 Scaglioni reddito 2009 Aliquota Irpef lordo da 0 a 15.000 23% 23% del reddito da 15.000,01 a 28.000 da 28.000,01 a 55.000 da 55.000,01 a 75.000 27% 38% 41% oltre 75.000 43% 3.450 + 27% sulla parte eccedente

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 15 GENNAIO 2008 Informativa n. 10 ULTERIORI NOVITÀ

Dettagli

l agenzia in f orma aggiornata con la legge finanziaria AGGIORNATA CON LA LEGGE FINANZIARIA 2008

l agenzia in f orma aggiornata con la legge finanziaria AGGIORNATA CON LA LEGGE FINANZIARIA 2008 l agenzia in f orma aggiornata con la legge finanziaria 2008 GUIDA AL NUOVO SISTEMA DI TASSAZIONE DELL IRPEF AGGIORNATA CON LA LEGGE FINANZIARIA 2008 l agenzia in f orma aggiornata con la legge finanziaria

Dettagli

Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Dichiarazione 730 per i dipendenti senza sostituto Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " FISCO Il Mod. 730/2014 può essere utilizzato anche se non si ha un sostituto d imposta

Dettagli

tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti

tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti Diritti Riservati HALLEY INFORMATICA L editore declina ogni responsabilità

Dettagli

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA Francesca Gerosa Commissione Diritto Tributario Nazionale

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI

FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI PREMESSA: SUCCESSIONE DEI REGIMI 1. DISCIPLINA VIGENTE PER I CONTRATTI STIPULATI ENTRO IL 31/12/20000

Dettagli

Modello CUD 2012: la compilazione dei dati fiscali Michela Magnani Dottore Commercialista in Bologna

Modello CUD 2012: la compilazione dei dati fiscali Michela Magnani Dottore Commercialista in Bologna Modello CUD 2012: la compilazione dei dati fiscali Michela Magnani Dottore Commercialista in Bologna Con il decreto del direttore generale dell Agenzia delle Entrate 16 gennaio 2012, pubblicato sul sito

Dettagli

La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013

La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013 La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013 Modello 730: provvedimento di approvazione del 15 gennaio 2014; provvedimento di modifica del 10 marzo 2014. Modello UNICO Persone

Dettagli

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA REQUISITI DELLA BUSTA PAGA Corrispettività: deve trattarsi di importi che trovano causa diretta ed indiretta nel rapporto di lavoro; Onerosità: la prestazione di lavoro subordinato

Dettagli

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE Circolare 7 del 13 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 3 2 Ambito applicativo della certificazione unica... 3 2.1 Redditi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DICHIARAZIONE SUL DIRITTO ALLE DETRAZIONI DI IMPOSTA PER L ANNO 2011 Il sottoscritto nato a il Codice fiscale,residente a In via Stato civile D I C H I A R A sotto la

Dettagli

RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI

RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE - AUTOCERTIFICAZIONE (art. 2 L. 4.01.1968 n. 15, modificato dall art. 3 L. 15.05.1997, n. 127 e art. 1 D.P.R. 20.10.1998, n.

Dettagli

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 Bonus famiglia (art. 1 del DL 29.11.2008 n. 185 convertito nella L. 28.1.2009 n. 2) - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali a cura di Matteo Pulga

Dettagli

Come richiedere in dichiarazione il bonus famiglia

Come richiedere in dichiarazione il bonus famiglia Focus di pratica professionale di Fabio Garrini Come richiedere in dichiarazione il bonus famiglia Analogamente alla dichiarazione dell anno scorso, in corrispondenza della quale ci eravamo trovati a doverci

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DICHIARAZIONE PER LE DETRAZIONI D IMPOSTA ANNO 2015 AI SENSI DELL ART.7 COMMA 1 LETTERA B) LEGGE N.106 DEL 12/07/2011 (G.U. N.160 DEL 12/07/2011) Il sottoscritto/a

Dettagli

Ritenute alla fonte. Lavoro dipendente e assimilati

Ritenute alla fonte. Lavoro dipendente e assimilati Ritenute alla fonte Lavoro dipendente e assimilati RITENUTE ALLA FONTE LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI Soggetti obbligati Sono obbligati ad effettuare, in qualità di datori di lavoro, le ritenute sui redditi

Dettagli

Periodico informativo n. 10/2011

Periodico informativo n. 10/2011 Periodico informativo n. 10/2011 Detrazione Irpef per figli Gentile cliente, con il presente elaborato - visto che il termine per la presentazione della dichiarazione di spettanza per usufruire delle detrazioni

Dettagli

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82)

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) R.S.U. Siae Microelettronica Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) La materia in questione é regolata da leggi e dal contratto

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE

Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE DECRETO-LEGGE 24 aprile 2014, n. 66 Art. 1, Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Chiarimenti sull applicazione del Bonus di 80 euro Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci

Dettagli

Roma, 29/05/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 67

Roma, 29/05/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 67 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 29/05/2014 Circolare

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE UNICA

LA CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CERTIFICAZIONE UNICA MAURIZIO AGATE 6 febbraio 2015 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Fonti normative art. 4, D.P.R. n. 322/1998 D.Lgs. n.

Dettagli

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE RISOLUZIONE N. 106/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22/04/2009 OGGETTO: Richiesta parere su istanza di rimborso ex articolo 38 del DPR 29 settembre 1973, n. 602 - Danno all immagine Articolo

Dettagli

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI Convegno giorno 12 dicembre 2008 presso Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Treviso FISCALITA INDIRETTA Il trattamento tributario

Dettagli

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E T.U. DIRETTE - REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE - COMPENSI IN NATURA - DETERMINAZIONE - FRINGE BENEFITS L'articolo 3, sesto comma, della Legge

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 2 febbraio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati a FONDENEL dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente

Dettagli

GIORNATE DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO DAL CONGUAGLIO FISCALE BONUS 80 EURO AL JOBS ACT 10/12/2014. Relatore:

GIORNATE DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO DAL CONGUAGLIO FISCALE BONUS 80 EURO AL JOBS ACT 10/12/2014. Relatore: GIORNATE DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO DAL CONGUAGLIO FISCALE BONUS 80 EURO AL JOBS ACT 10/12/2014 Relatore: Alessandro Dott. TODESCHELLI Dott. Comm.sta materia «Lavoro» Servizio: Nome servizio Pag.

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

1. Ritenute alla fonte sui pagamenti effettuati a seguito di pignoramento presso terzi

1. Ritenute alla fonte sui pagamenti effettuati a seguito di pignoramento presso terzi fisconline - banca dati tributaria - Ä Wolters Kluwer Italia Srl - P.I. 10209790152-12/3/2011-17:56 - $12588660-87.23.51.66-9117695 16c40cf6fa786fb86893209869132557-120 - Circ. n. 8/E del 2 marzo 2011

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014

Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014 n 07 del 14 febbraio 2014 circolare n 143 del 13 febbraio 2014 referente BERENZI/mr Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014 Con il Provvedimento

Dettagli

Gli oneri. Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ

Gli oneri. Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ Gli oneri Capitolo 10 10.1 CONCETTI GENERALI 10.2 GLI ONERI DEDUCIBILI 10.3 GLI ONERI DETRAIBILI 10.4 VISTO DI CONFORMITÀ 10.5 LA RATEIZZAZIONE DELLE SPESE 10.6 LE DIVERSE TIPOLOGIE DI ONERI GLI ONERI

Dettagli

Bonus straordinario famiglie: i chiarimenti per l erogazione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Bonus straordinario famiglie: i chiarimenti per l erogazione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna Bonus straordinario famiglie: i chiarimenti per l erogazione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna L Agenzia delle Entrate, con circolare 3 febbraio 2009, n. 2, fornisce gli opportuni chiarimenti

Dettagli

La nuova Certificazione Unica Modello CU 2015. Paolo Meneguzzo, 17-18-19 febbraio 2015

La nuova Certificazione Unica Modello CU 2015. Paolo Meneguzzo, 17-18-19 febbraio 2015 La nuova Certificazione Unica Modello CU 2015 Paolo Meneguzzo, 17-18-19 febbraio 2015 Norma istitutiva Art.4, DPR n.322/1998 ( ) 6-quater. Le certificazioni di cui al comma 6-ter, sottoscritte anche mediante

Dettagli

Roma, 04 marzo 2010 CIRCOLARE N. 4 / 2010

Roma, 04 marzo 2010 CIRCOLARE N. 4 / 2010 Roma, 04 marzo 2010 CIRCOLARE N. 4 / 2010 e p.c. Agli Iscritti Alle Casse Rurali/Banche di Credito Cooperativo Alle Federazioni locali ed Enti Collegati Agli Enti Centrali Ai Membri del Comitato Amministratore

Dettagli

Roma, 27 marzo 2010 INDICE CIRCOLARE N. 16/E

Roma, 27 marzo 2010 INDICE CIRCOLARE N. 16/E CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 27 marzo 2010 OGGETTO: Modello 730/2010 - Redditi 2009 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

10. L'irpef: aliquote e detrazioni

10. L'irpef: aliquote e detrazioni 1 di 7 21/05/2010 16.56 10. L'irpef: aliquote e detrazioni Dal 1 gennaio 2007 è in vigore un nuovo sistema di determinazione dell'irpef che, rispetto al precedente, è caratterizzato da: nuovi scaglioni

Dettagli