Prof. Avv. Enrico Al Mureden. Università di Bologna.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof. Avv. Enrico Al Mureden. Università di Bologna. enrico.almureden@unibo.it"

Transcript

1 Prof. Avv. Enrico Al Mureden Università di Bologna Solidarietà post-coniugale ed equa condivisione delle ricchezze familiari. La compartecipazione al TFR ed i diritti successori

2 Crisi coniugale - Effetti patrimoniali Separazione assegno di Mantenimento Art. 156 c.c. Assenza di adeguati redditi propri Non addebito CESSAZIONE DELLA COMUNIONE Percentuale TFR Art. 12 bis l. div. DIVORZIO Assegno di divorzio Art. 5 l. div. Assenza di mezzi adeguati o Incapacità di procurarseli Invalidità matrimoniale ART BIS C.C. Pensione di reversibilità Art. 9 l. div. Casa familiare Art. 155 quater c.c.; art. 6 l. div.

3 Crisi coniugale - Effetti patrimoniali Separazione assegno di Mantenimento Art. 156 c.c. Assenza di adeguati redditi propri Non addebito Successione del coniuge separato 548 c.c. Coniuge separato TFR Lacuna Percentuale TFR Art. 12 bis l. div. art. 9 bis l. div. Assegno periodico a carico dell eredità DIVORZIO Assegno di divorzio Art. 5 l. div. Assenza di mezzi adeguati o Incapacità di procurarseli Pensione di reversibilità Art. 9 l. div. art. 12 ter l. div. Pensione di reversibilità ai genitori divorziati

4 Art RISERVA A FAVORE DEL CONIUGE SEPARATO Il coniuge cui non è stata addebitata la separazione ( ) ha gli stessi diritti successori del coniuge non separato. Il coniuge cui è stata addebitata la separazione ( ) ha diritto soltanto ad un assegno vitalizio se al momento dell'apertura della successione godeva degli alimenti a carico del coniuge deceduto. L'assegno è commisurato alle sostanze ereditarie e alla qualità e al numero degli eredi legittimi, e non è comunque di entità superiore a quella della prestazione alimentare goduta. La medesima disposizione si applica nel caso in cui la separazione sia stata addebitata ad entrambi i coniugi

5 Pensione di reversibilità Criteri di ripartizione Cass. SU, 159/1998 Durata (esclusivamente) Rigorosa proporzione C, cost, n. 419/1999 Infondata qlc Durata criterio fondamentale Possibilità di correttivi con altri Cass., n / 2008 Durata criterio fondamentale Possibilità di correttivi Ammontare assegno Condizioni soggetti Convivenza prematrimoniale Da ultimo Cass., n / 2010

6 Pensione di reversibilità Cass. n / 2010 pensione di reversibilità presuppone titolare di un assegno di divorzio giudizialmente riconosciuto ai sensi dell'art. 5 l. 898/70. Art. l.n. 263/05 N Non sufficiente c Condizioni per ottenere l'assegno di divorzio e, Esclusione in caso di assegno liquidato una tantum (Cass /02) ma Cass /2010, n Accordo stragiudiziale neppure, la percezione, in concreto, del mantenimento, ma occorre che l'assegno sia stato attribuito con provvedimento giurisdizionale. Nel novero dei provvedimenti giurisdizionali idonei ad attribuire un "assegno di divorzio non rientrano i provvedimenti temporanei e urgenti previsti dall'art. 4 n. 8 l. sul divorzio, Cass. 28 maggio 2010, n Accordo usufrutto sulla casa coniugale a titolo di corresponsione dell assegno divorzile in unica soluzione (art. 5, comma 8, l. div.) L accordo che prevede una prestazione periodica stabilita convenzionalmente integra gli estremi della titolarità dell assegno necessari ai fini della ripartizione della pensione di reversibilità

7 ASSEGNO A CARICO DELL EREDITA Art. 9 bis 1.A colui al quale è stato riconosciuto il diritto alla corresponsione periodica di somme di denaro a norma dell art. 5, qualora versi in stato di bisogno, il Tribunale, dopo il decesso dell obbligato, può attribuire un assegno periodico a carico dell eredità tenendo conto dell importo di quelle somme, della entità del bisogno, dell eventuale pensione di reversibilità, delle sostanze ereditarie, del numero e della qualità degli eredi e delle loro condizioni economiche. L assegno non spetta se gli obblighi patrimoniali previsti dall art. 5 sono stati soddisfatti in unica soluzione. 2. Su accordo delle parti la corresponsione dell assegno può avvenire in unica soluzione. Il diritto all assegno si estingue se il beneficiario passa a nuove nozze o viene meno il suo stato di bisogno. Qualora risorga lo stato di bisogno l assegno può essere nuovamente attribuito

8 ASSEGNO A CARICO DELL EREDITA Titolarità in concreto dell assegno divorzile Stato di bisogno meno rigoroso rispetto a dir. alimenti (Cass. 8687/1992 ) può essere eliminato dalla titolarità di pensione di reversibilità Possibili conflitti tra titolare assegno e Componenti SECONDA FAMIGLIA Altri eredi su cui L EX CONIUGE PESA

9 Art. 12-bis L. DIV. TFR Il coniuge nei cui confronti sia stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio ha diritto, se non passato a nuove nozze e in quanto sia titolare di assegno ai sensi dell'art. 5, ad una percentuale dell'indennità di fine rapporto percepita dall'altro coniuge all'atto della cessazione del rapporto di lavoro anche se l'indennità viene a maturare dopo la sentenza. Tale percentuale è pari al quaranta per cento dell indennità totale riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio (Cass /2007)

10 TFR percepito in data anteriore Tfr al se giudizio di divorzio ovvero in pendenza maturato del precedente giudizio di separazione. prima della sentenza di divorzio dopo la... non è configurabile Il problema il dirittoproposizione alla percentuale della domanda t.f.r. di divorzio (C. cost. dell indennità di fine rapporto ; in capo Cass. al 19427/2003). coniuge titolare dell assegno di mantenimento... Cass. 5553/ 1999; Trib. Catania, 30 ottobre 1999 matrimonio separazione divorzio Cass., n /2005 SE IL tfr tfr tfr VIENE PERCEPITO IN PENDENZA tfr DI GIUDIZIO DI SEPARAZIONE,.. TALE MIGLIORAMENTO DELLA CONDIZIONE PATRIMONIALE PUO incidere solo sulla situazione economica del coniuge tenuto a corrispondere l'assegno ovvero legittimare una modifica delle condizioni di separazione. (INCREMENTO DI REDDITO)

11 L ex coniuge potrebbe giovarsi di Assegno di mantenimento Assegno divorzile Incrementi di reddito TFR Pensione di reversibilità Assegno a carico dell eredità Ex coniuge Vs. Ex coniuge e seconda famiglia Ex coniuge Vs. Ex coniuge e seconda famiglia Ex coniuge Vs. seconda famiglia Ex coniuge Vs. prima famiglia e/o seconda famiglia

12 Incrementi di reddito Gli incrementi di reddito del coniuge obbligato possono riflettersi Sugli assegni dovuti al coniuge o ex coniuge Sull assegno per il mantenimento dei figli art. 155 c.c.

13 Se il reddito del coniuge forte aumenta come si suddivide questo surplus? ? Cass. 367/ ? Ai fini della determinazione del contributo al mantenimento dei È configurabile figli il criterio È configurabile di riferimento è dettato dall'art. 148, primo comma, cod. civ., un secondo diritto del figlio ad un diritto del coniuge debole il quale i coniugi devono adempiere un mantenimento ad un l'obbligazione mantenimento"in proporzione alle rispettive sostanze e secondo la loro capacità direttamente direttamente lavoro professionale o casalingo". 1000Pertanto, nel caso di divorzio, nella determinazione proporzionale proporzionale dell'assegno, agli incrementi non è indifferente il variare delle condizioni agli incrementi reddituali e di reddito del genitore? patrimoniali dei coniugi, poiché a di queste reddito esso dell altro? va direttamente Cass. ragguagliato, 367/2011 così da assicurare ai figli lo stesso tenore di vita che avrebbero goduto se la 500disgregazione del nucleo familiare non si fosse verificata. Limite prevedibilità No limite prevedibilità CRITICA 1500

14 Incremento assegno Incrementi di reddito prevedibili Coniuge che percepisce l assegno Assegno Coniuge che eroga l assegno Fam ricca Ric. Polit. carr. univ. eredità politica 4 anni di matrimonio 3 anni di separazione Divorzio

15 Cass /08 Progressione carriera universitaria Prevedibile Criteri di cui non si coglie una coerenza complessiva Cass. 1487/2004 Carica politica elettiva Non prevedibile Cass /10 Eredità non si può considerate aspettativa non incide su tenore di vita MA ASSUME RILIEVO SOTTO IL PROFILO DELLE CONDIZIONI DEI CONIUGI Associare la rilevanza non alla prevedibilità ma alla durata

16 Un assegno divorzile solo assistenziale lascia effettivamente soddisfatti in tutte le situazioni? Istat, Il matrimonio in Italia. Anno 2008, Matrimoni durati meno di 4 anni 18-24% casi Matrimoni durati oltre 15 anni 34-42% casi Nel 2008 il 70,8 per cento delle separazioni e il 62,4 per cento dei divorzi hanno riguardato coppie con figli avuti durante la loro unione Trasversale rispetto alla durata dal matrimonio

17 ALCUNI DATI STATISTICI ALCUNI DATI STATISTICI INDUCONO A METTERE IN DISCUSSIONE IL RIFERIMENTO AL TENORE DI VITA MATRIMONIALE.. e la persistenza di posizioni di dipendenza tra coniugi Circa il 20% delle separazioni interviene entro il quarto anno di matrimonio Nel 20% dei casi i coniugi che domandano la separazione hanno un età inferiore ai 40 anni L età media alla separazione è di circa 45 anni per i mariti e 41 per le mogli; in caso di divorzio raggiunge rispettivamente 46 e 43 anni.

18 Nel contesto europeo l aumento dei divorzi e la diminuzione della durata dei matrimoni ha fatto emergere il Principio dell autosufficienza Principles of European Family Law Di regola il mantenimento del coniuge debole si protrae per un periodo di tempo determinato Solo in via eccezionale non è soggetto a limiti temporali La regola secondo cui il diritto al mantenimento del coniuge economicamente debole non può protrarsi a tempo indeterminato è stata codificata in. Francia (art Code civil) Legge /439, entrata in vigore il 1ºgennaio 2005 Germania (articolo 1578 BGB) 1º gennaio 2008 Spagna (art. 97, comma. 1º Código civil). La tendenza a limitare il più possibile i pagamenti periodici è ancor più radicata e risalente negli ordinamenti di common law

19 Nella fase della separazione Cass. 4540/2008 Il tenore di vita.avendo riguardo complesso delle risorse economiche dei coniugi, tutte le potenzialità derivanti dalla titolarità del patrimonio in termini di redditività, di capacità di spesa, di garanzie di elevato benessere e di fondate aspettative per il futuro... tener conto degli elementi di ordine economico, o comunque apprezzabili in termini economici, anche diversi dal reddito dell'onerato, suscettibili di incidere sulle condizioni delle parti Cass /2004 separazione personale dei coniugi, alla breve durata del matrimonio non può essere riconosciuta efficacia preclusiva del diritto all'assegno di mantenimento, Al più, alla durata del matrimonio può essere attribuito rilievo ai fini della determinazione della misura dell'assegno di mantenimento

20 Il riferimento al tenore di vita matrimoniale della coppia Rischia di proiettare una situazione che si è protratta per un arco di tempo limitato su di un orizzonte temprale troppo esteso e suscettibile di profondi mutamenti Matrimonio Separazione DIVORZIO Molti fattori possono incidere sulle condizioni di entrambi gli ex coniugi ancora giovani

21 È possibile DIFFERENZIARE il problema del mantenimento del coniuge debole attraverso una lettura interpretativa RIGOROSA degli attuali criteri legali e giurisprudenziali?

22 Cass. S.U., 29 novembre 1990, n Funzione assistenziale Adeguatezza dei mezzi - Tenore di vita matrimoniale Da ultimo Cass / Assenza di mezzi adeguati a mantenere il tenore di vita matrimoniale 1 Tetto massimo Funzione Assistenziale Contributo dato Funzione Compensativa 2 Ragioni della decisione Funzione Risarcitoria Condizioni dei coniugi anche in rapporto alla durata del matrimonio 2 Riduzione tetto massimo 3 Matrim. effimero Cass., 9439/1996 Cass /2006

23 Limitazione in radice con utilizzo rigoroso Criterio della durata del matrimonio Criterio della incapacità oggettiva di procurarsi redditi propri Qualora l assegno divorzile sia comunque riconosciuto Modulazione del diritto alla compartecipazione in funzione della durata legale del rapporto

24 Cass. 432/02 Matrimonio lungo Dedizione alla famiglia età Matrimonio Matrimonio Mantenimento Art. 156 c.c. Separazione Matrimonio di lunga durata Età media o avanzata Incapacità di procurarsi mezzi idonei per ragioni oggettive Divorzio Cass. 593/08 45 anni Matrimonio lungo Dedizione alla famiglia Cass. 3276/10 Matrimonio lungo Dedizione alla famiglia. L incapacità oggettiva di procurarsi mezzi adeguati viene valutata con criteri che opportunamente tutelano i coniugi di mezza età e reduci da matrimoni di lunga durata

25 Il riferimento al tenore di vita matrimoniale della coppia Matrimonio Mantenimento Art. 156 c.c. Matrimonio CON FIGLI DURATA MEDIO-BREVE ETA MEDIA Cass /07 Genitore prevalente Limitata cap lavorativa Matrimonio Separazione Divorzio L incapacità oggettiva di procurarsi mezzi adeguati viene valutata con parametri che tendenzialmente tutelano i coniugi giovani e reduci da matrimoni di breve o media durata

26 Cass /09 Giovane Assegno div. Matrimonio Mantenimento Art. 156 c.c. ASSEGNO EX ART. 156 C.C. Cass /04 Cass. 2721/09 Giovane Matr. 1 settimana Assegno div. Matrimonio Separazione divorzio Presunzione di autosufficienza Matrimonio breve Giovane età L incapacità oggettiva di procurarsi mezzi adeguati viene valutata con un parametro tendenzialmente identico per i coniugi giovani e reduci da matrimoni brevi

27 L incapacità oggettiva di procurarsi mezzi adeguati viene valutata con un parametro tendenzialmente identico per i coniugi giovani e reduci da matrimoni brevi per i coniugi di mezza età e reduci da matrimoni di lunga durata Correttivi per i coniugi giovani e reduci da matrimoni di breve o media durata CON FIGLI

28 IL MANTENIMENTO DEL CONIUGE DI BREVE DURATA POSSIBILI PARADOSSI Matrimonio DI LUNGA DURATA Matrimonio DI BREVISSIMA DURATA MANTRENIMENTO CONIUGE DEBOLE MANTENIMENTO FIGLIO MAGGIORENNE INCAPACITÀ DI PROCURARSI REDDITI PROPRI LIMITI LAVORO PRECARIO TENDENZIALMENTE A TEMPO INDETERMINATO Cass.3276/10; Cass. 432/02 I diritti del figlio maggiorenne appaiono meno intensi di quelli del coniuge giovane reduce da un matrimonio di breve durata LIMITI ETÀ Cass /08 Cass /10 MANTRENIMENTO CONIUGE DEBOLE TENDENZIALMENTE A TEMPO INDETERMINATO Cass /09

29 Gli incrementi di reddito del coniuge obbligato possono determinare un incremento dell assegno divorzile Non in funzione del carattere prevedibile Ma in ragione della lunga durata del matrimonio TFR PENSIONE

30 Modulazione della compartecipazione agli incrementi reddituali e metodi di calcolo

31 Modulazione della compartecipazione agli incrementi reddituali e metodi di calcolo Metodo palermitano messo a punto dal Magistrato referente per l informatica dell Ufficio distrettuale di Palermo.. capace di operare una riduzione dell assegno proporzionale alla durata del matrimonio.

32 si prevede un sistema di riduzione dell assegno divorzile in ragione della durata del matrimonio che potrebbe risultare particolarmente congeniale rispetto ai casi che si caratterizzano per l assenza di figli e la brevissima durata del rapporto coniugale. In particolare, prendendo come punto di riferimento il dato dell ISTAT che indica in 17 anni la durata media dei rapporti matrimoniali conclusi con il divorzio, si stabilisce che il tetto massimo dell assegno divorzile individuato nella prima fase logica del giudizio non vada mai ridotto se la durata del matrimonio è pari o superiore alla soglia dei 17 anni, mentre nel caso di una durata inferiore è previsto un efficace meccanismo di riduzione. In quest'ultima ipotesi, infatti, il sistema di calcolo divide la somma (individuata in ragione delle disparità di reddito nella prima fase logica del giudizio) in diciassettesimi e la moltiplica per il numero effettivo degli anni di matrimonio...

33 Nel caso in cui all esito della prima fase logica del giudizio, la valutazione comparativa della situazione patrimoniale dei coniugi abbia condotto all individuazione del tetto massimo dell assegno divorzile in 1000 euro mensili..nel caso in cui, all esito della. Si manterrà l importo inalterato se il matrimonio è durato più di 17 anni in caso di durata inferiore, si opererà una riduzione proporzionale togliendo 1/17 per ogni anno in meno rispetto alla soglia dei 17 anni Dunque, se il matrimonio fosse durato tre anni, il tetto massimo di 1000 euro verrebbe ridotto di 14/17 (823 euro circa) e l assegno sarebbe liquidato nella misura di 3/17 (circa 176 euro).

34 .nel caso in cui, all esito della 2000? Se il matrimonio è durato più di 17 anni Aumento proporzionale 400 in caso di durata inferiore, si opererà una riduzione proporzionale togliendo 1/17 per ogni anno in meno rispetto alla soglia dei 17 anni Dunque, se il matrimonio fosse durato tre anni, il totale (400) liquidato nella misura di 3/17 (circa 70 euro).

35 Il coniuge di breve durata, giovane e senza figli Potrebbe Assegno di mantenimento Assegno divorzile Incrementi di reddito TFR Pensione di reversibilità Assegno a carico dell eredità Ex coniuge Vs. Ex coniuge e seconda famiglia Ex coniuge Vs. Ex coniuge e seconda famiglia Ex coniuge Vs. seconda famiglia Ex coniuge Vs. prima famiglia e/o seconda famiglia

36 ALLEGATI

37 Cass. sez. un., 12 gennaio 1998, n. 159 A norma dell'art. 9, commi 2 e 3, della l. 1 dicembre 1970 n. 898,.. in caso di morte di un coniuge titolare. la ripartizione tra il coniuge superstite ed ex coniuge divorziato deve essere effettuata esclusivamente sulla base del criterio della durata legale dei rispettivi matrimoni, ed in rigorosa proporzione con i rispettivi periodi sicchè è preclusa l'adozione di qualsiasi altro criterio di valutazione, anche in funzione di mera emenda o correzione del risultato conseguito.

38 Corte costituzionale, 4 novembre 1999, n. 419 Non è fondata - in riferimento agli art. 3 e 38 cost. - la q.l.c. dell'art. 9, comma 3, l. 1 dicembre 1970 n. 898, nel testo sostituito, da ultimo, dall'art. 13 l. 6 marzo 1987 n. 74, sollevata sotto il profilo che la ripartizione del trattamento pensionistico di reversibilità tra coniuge divorziato, titolare dell'assegno, e coniuge superstite che abbia i requisiti per la pensione di reversibilità - dovendo essere disposta dal tribunale tenendo conto della durata del rapporto - non consente l'adozione di altri elementi di valutazione neppure in funzione correttiva del risultato matematico conseguito, essendo possibile interpretare la norma nel senso che l'elemento temporale, pur costituendo momento imprescindibile dell'apprezzamento del giudice, non è elemento esclusivo dello stesso sì che tale valutazione non si riduce ad un mero calcolo aritmetico.

39 Cass., 23 aprile 2008, n La ripartizione del trattamento di reversibilità, deve essere effettuata in primo luogo sulla base del criterio della durata dei rispettivi matrimoni, coincidente con la durata legale dei medesimi e, quindi, quanto al coniuge divorziato, fino alla sentenza di divorzio, non rilevando invece la reale durata del rapporto affettivo e della convivenza, criterio che il giudice di merito può ponderare e correggere, secondo il suo prudente apprezzamento, al fine di assicurare la funzione solidaristica della pensione, con ulteriori elementi, che però non devono necessariamente essere valutati tutti ed in ugual misura, fra i quali possono assumere specifico rilievo l'ammontare dell' assegno goduto dal coniuge divorziato prima del decesso dell'ex coniuge, le condizioni dei soggetti coinvolti nella vicenda, l'eventuale esistenza di un periodo di convivenza prematrimoniale del secondo coniuge, e fermo il divieto di abbandonare totalmente per tale via ogni riferimento al fondamentale criterio temporale sopra richiamato. In senso analogo cass /2007; Cass /2004

40 Pensione di reversibilità Titolarità dell assegno divorzile e diritto alla pensione di reversibilità Esclusione in caso di assegno liquidato una tantum (Cass /02) ma Cass. 28 maggio 2010, n Accordo tra i coniugi che prevedeva usufrutto sulla casa coniugale a titolo di corresponsione dell assegno divorzile in unica soluzione (art. 5, comma 8, l. div.) L accordo che prevede una prestazione periodica stabilita convenzionalmente integra gli estremi della titolarità dell assegno necessari ai fini della ripartizione della pensione di reversibilità

41 Pensione di reversibilità Titolarità dell assegno divorzile e diritto alla pensione di reversibilità Cass. 9 giugno 2010, n Il diritto del divorziato a una quota della pensione di reversibilità presuppone che al momento della morte dell'ex coniuge - convolato a nuove nozze - il richiedente sia titolare di un assegno di divorzio giudizialmente riconosciuto ai sensi dell'art. 5 l. 898/70. Non è, quindi, sufficiente che l'ex coniuge versi nelle condizioni per ottenere l'assegno di divorzio e, neppure, la percezione, in concreto, del mantenimento, ma occorre che l'assegno sia stato attribuito con provvedimento giurisdizionale. Nel novero dei provvedimenti giurisdizionali idonei ad attribuire un "assegno di divorzio" non rientrano i provvedimenti temporanei e urgenti previsti dall'art. 4 n. 8 l. sul divorzio, diretti ad apprestare un regolamento essenziale e immediato al coniuge nella prospettiva del divorzio, con funzione anticipatoria rispetto alle statuizioni della sentenza di scioglimento del matrimonio.

42 Cass., 29 settembre 2005, n L'art. 12 bis l. n. 898 del 1970, nella parte in cui attribuisce al coniuge titolare dell'assegno divorzile che non sia passato a nuove nozze il diritto ad una quota della indennità di fine rapporto dell'altro coniuge anche quando tale indennità sia maturata prima della sentenza di divorzio, va interpretato - senza che siffatta interpretazione dia luogo a dubbi di illegittimità costituzionale per contrasto con gli art. 3, 29 e 38 cost. (v. Corte cost., ord. n. 463 del 2002) - nel senso che il diritto alla quota sorge soltanto se il trattamento spettante all'altro coniuge sia maturato successivamente alla proposizione della domanda introduttiva del giudizio di divorzio, e quindi anche prima della sentenza di divorzio, e non anche se esso sia maturato e sia stato percepito in data anteriore, come in pendenza del giudizio di separazione, potendo in tal caso la riscossione della indennità incidere solo sulla situazione economica del coniuge tenuto a corrispondere l'assegno ovvero legittimare una modifica delle condizioni di separazione. (INCREMENTO DI REDDITO)

43 Cass. 22 febbraio 2008, n Il tenore di vita goduto in costanza della convivenza va identificato avendo riguardo allo standard di vita reso oggettivamente possibile dal complesso delle risorse economiche dei coniugi, tenendo quindi conto di tutte le potenzialità derivanti dalla titolarità del patrimonio in termini di redditività, di capacità di spesa, di garanzie di elevato benessere e di fondate aspettative per il futuro... Al riguardo il giudice del merito deve accertare, quale indispensabile elemento di riferimento ai fini della valutazione di congruità dell'assegno, il tenore di vita di cui i coniugi avevano goduto durante la convivenza, quale situazione condizionante la qualità e la quantità delle esigenze del richiedente, accertando le disponibilità dell'onerato e, a tal fine, deve tener conto degli elementi di ordine economico, o comunque apprezzabili in termini economici, anche diversi dal reddito dell'onerato, suscettibili di incidere sulle condizioni delle parti, incluse le disponibilità monetarie e gli investimenti finanziari.

44 Cass /04 In tema di separazione personale dei coniugi, alla breve durata del matrimonio non può essere riconosciuta efficacia preclusiva del diritto all'assegno di mantenimento, ove di questo sussistano gli elementi costitutivi, rappresentati dalla non addebitabilità della separazione al coniuge richiedente, dalla non titolarità, da parte del medesimo, di adeguati redditi propri, ossia di redditi che consentano di mantenere un tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio, e dalla sussistenza di una disparità economica tra le parti. Al più, alla durata del matrimonio può essere attribuito rilievo ai fini della determinazione della misura dell'assegno di mantenimento.

45 Tribunale Milano 5 febbraio 2008 Il coniuge divorziato ha diritto all'attribuzione di una percentuale del trattamento di fine rapporto percepito dall'altro coniuge, anche ove il trattamento di fine rapporto sia maturato prima della sentenza di divorzio, purché dopo la proposizione della domanda di divorzio (C. cost ; Cass /2003).

46 Se l indennità di fine rapporto sia stata percepita in data anteriore al giudizio di divorzio ovvero in pendenza del precedente giudizio di separazione.... non è configurabile il diritto alla percentuale dell indennità di fine rapporto in capo al coniuge titolare dell assegno di mantenimento... in difetto di espresse disposizioni, colui il quale realizza una entrata patrimoniale può disporne liberamente, nel rispetto dei limiti fissati dall ordinamento, ma non è tenuto in alcun modo ad accantonarla in previsione di un evento futuro ed incerto, quale il sopravvenire di una pronuncia di divorzio, con previo riconoscimento dell obbligo di corrispondere un assegno a favore dell altro coniuge Cass. 5553/ 1999; Trib. Catania, 30 ottobre 1999

47 Disegno di legge, 3 maggio 2006, n Norme in mataria di indennità di fine rapporto nel regime patrimoniale dei coniugi Si prevedeva la abrogazione dell art. 12 l. div. e l introduzione di un nuovo art. 158 bis c.c. ai sensi del quale Il coniuge in regime di separazione dei beni nei cui confronti sia stata proununciata sentenza di separazione personale, ovvero sentenze di scioglimento e cessazione degli effetti civili del matrimonio non precedute da separazione personale, ha diritto, se sia stato riconosciuto dalla sentenza titolare di assegni di mantenimento, o di assegno ai sensi dell art. 5 della legge 1 dicembre 1970, n. 898 e non sia passato a nuove nozze, ad una percentuale dell indennità di fine rapporto, omissis ; la previsione deve essere corredata con quella che dispone la modifica dell art. 177, comma I, lett c) di modo da ricomprendervi anche una il trattamento di fine rapporto relativo agli anni in cui il rapporto di lavoro ha coinciso con il matrimonio e con quella secondo cui il nuovo art. 158 bis c.c. si applica anche si applica anche al coniuge già in regime di comunione qualora l indennità di fine rapporto sia stata percepita dall altro coniuge prima dello scioglimento della comunione.

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1 TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1. Premessa Preliminarmente va sottolineato che la reversibilità ha natura previdenziale e non assistenziale.

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE Gli effetti di una rottura coniugale, come è noto, sono numerosi e coinvolgono questioni psicologiche, affettive, mutamenti di stile, di vita, limitazioni

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità.

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità. Circolare INPS del 27 giugno 2001 n. 132 OGGETTO: Articolo 9, comma 3, della legge n. 898/1970, nel testo sostituito dall articolo 13 della legge 6 marzo 1987, n. 74. Attribuzione al coniuge divorziato,

Dettagli

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento 27 Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento di Anna Liconti Traccia Tizia si rivolge al suo legale di fiducia manifestando l intenzione di volersi separare dal marito Caio per sopravvenute

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. Luccioli; Rel. Mercolino) Famiglia Fecondazione artificiale eterologa Morte del coniuge prima della nascita Disconoscimento

Dettagli

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS CIRCOLARE A.F. N. 95 del 22 giugno 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA )

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) DUE TIPI DI PENSIONE La pensione ai superstiti può essere: 1) DI REVERSIBILITA' : se il defunto è già titolare di pensione diretta (vecchiaia, inabilità, anzianità).

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO CARLO GUGLIELMO IZZO con la collaborazione di ADRIANO IZZO, ANDREA FALZONE, VALERIO CIONI SEPARAZIONE E DIVORZIO Cacucci Editore - Bari 2009 INDICE Capitolo Primo Il procedimento di separazione giudiziale

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012 Direzione Centrale Pensioni Roma, 14/06/2012 Circolare n. 84 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. Introduzione... pag. Introduzione alla seconda edizione... pag. Indice Sommario... pag.

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. Introduzione... pag. Introduzione alla seconda edizione... pag. Indice Sommario... pag. INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. Introduzione... pag. Introduzione alla seconda edizione... pag. V IX XI Indice Sommario... pag. XIII CAPITOLO I LA SOLIDARIETÀ POST CONIUGALE 1. Diritto

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO

REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO 22 REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO Mevio e Mevia, coniugi senza figli, decidono di divorziare in seguito ad una separazione consensuale omologata. In sede di giudizio, viene disposto in favore della

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I I MUTAMENTI DELLA FAMIGLIA E L OBBLIGO DI MANTENIMENTO DEL CONIUGE E DEI FIGLI

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I I MUTAMENTI DELLA FAMIGLIA E L OBBLIGO DI MANTENIMENTO DEL CONIUGE E DEI FIGLI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. VII Introduzione...» XI In memoria del compianto Bruno Schettini...» XIV Prefazione: Primo commento alle modifiche apportate dalla legge n. 219 del 10

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Suprema Corte di Cassazione I^ Sezione civile Sentenza n. 285 Del 27 settembre 2004 10 gennaio 2005 Svolgimento del processo M. M. convenne in giudizio innanzi al Tribunale di Latina G. I., lo Scau e l

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap)

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap) Pensione di reversibilità ENPAM INPS ( ex-inpdap) La pensione di reversibilità, anche conosciuta come pensione ai superstiti, è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei superstiti La

Dettagli

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir.

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir. RISOLUZIONE N. 153/E Roma, 11 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1,

Dettagli

La disposizione in esame opera per i decessi intervenuti a decorrere dal 1 dicembre 2011.

La disposizione in esame opera per i decessi intervenuti a decorrere dal 1 dicembre 2011. Pensione ai superstiti ed art. 18 della L. 111/2011 Staiano Rocchina riduzione sulle pensioni ai superstiti Art. 18, comma 5, della L. 111/2011: premessa Il comma 5 dell art. 18 della L. 111/2011 dispone,

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA : IL CONCORSO TRA CONIUGE SUPERSTITE E CONIUGE DIVORZIATO. a cura di Laura Galli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA : IL CONCORSO TRA CONIUGE SUPERSTITE E CONIUGE DIVORZIATO. a cura di Laura Galli LA PENSIONE DI REVERSIBILITA : IL CONCORSO TRA CONIUGE SUPERSTITE E CONIUGE DIVORZIATO a cura di Laura Galli Brevi cenni sulla pensione di reversibilità Le prestazioni pensionistiche si inseriscono nel

Dettagli

DIVORZIO BREVE DIVORZIO BREVE:

DIVORZIO BREVE DIVORZIO BREVE: : quali effetti? Uno Il 29 maggio 2014, la Camera dei Deputati ha approvato un testo unificato che andrà ad incidere, ove riceva il via libera definitivo del Senato, sulla durata del tempo per proporre

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres. Vitrone; Rel. Didone) Famiglia Matrimonio Cessazione degli effetti civili del matrimonio- Assegno divorzile Quantum

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

Assegno divorzile e tenore di vita goduto in costanza di matrimonio. art. 2 Cost. art. Cost. art. 29 Cost.

Assegno divorzile e tenore di vita goduto in costanza di matrimonio. art. 2 Cost. art. Cost. art. 29 Cost. Assegno divorzile e tenore di vita goduto in costanza di matrimonio. Giudizio di legittimità costituzionale sulla quantificazione del parametro tenore di vita goduto in costanza di matrimonio. (Corte Cost.

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. 795 Salerno, lì 9 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 122/2014. Libera professione. Diritto Civile La Comunione legale dei beni Comunione

Dettagli

e di divorzio 3 Capitolo 1 Fondamento e caratteri essenziali degli assegni di separazione e di divorzio

e di divorzio 3 Capitolo 1 Fondamento e caratteri essenziali degli assegni di separazione e di divorzio Sommario XI Premessa 1 Parte prima: I diritti patrimoniali dei separati e dei divorziati 3 Capitolo 1 Fondamento e caratteri essenziali degli assegni di separazione e di divorzio 3 1.1. Fattispecie normative

Dettagli

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo.

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. A) La prestazioni per invalidità nel regime generale obbligatorio La legge

Dettagli

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica)

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica) Agata Christie Investigation Sas Via Luigi Razza 4 20124 Milano Milano Tel. 02 344223 Fax 02 344189 E-mail: max@agatachristie.it website: http://www.agatachristie.it Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano

Dettagli

Crisi familiare (86.000 separazioni ; 297/1000 matrimoni) (55.000 divorzi; 181/1000 matrimoni) Istat 2012 (dati 2010) Pluralità di modelli di crisi

Crisi familiare (86.000 separazioni ; 297/1000 matrimoni) (55.000 divorzi; 181/1000 matrimoni) Istat 2012 (dati 2010) Pluralità di modelli di crisi Crisi familiare (86.000 separazioni ; 297/1000 matrimoni) (55.000 divorzi; 181/1000 matrimoni) Istat 2012 (dati 2010) Pluralità di modelli di crisi Matrimoni durati meno di 4 anni 18-24% casi Matrimoni

Dettagli

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Organo: CASSAZIONE CIVILE - SEZIONE VI LAVORO Numero atto: SENTENZA N. 18914 DEL 9 SETTEMBRE 2014 Sintesi : Il diritto

Dettagli

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Misura Addebito della separazione Inadempimento dell obbligato e potere di assegnazione Soggetti

Dettagli

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi?

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi? D.- In caso di separazione, in assenza dei figli, può essere disposta dal giudice l assegnazione della casa coniugale? R.- Ove non vi sia prole convivente, questo tipo di tutela non ha più ragione di sussistere

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA LA PENSIONE DI REVERSIBILITA La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl.n. 636) spetta a: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità Superstiti dell assicurato

Dettagli

Conseguenze patrimoniali e personali della crisi del rapporto coniugale

Conseguenze patrimoniali e personali della crisi del rapporto coniugale Conseguenze patrimoniali e personali della crisi del rapporto coniugale Crisi coniugale - Effetti patrimoniali Separazione assegno di Mantenimento Art. 156 c.c. Assenza di adeguati redditi propri Non addebito

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP)

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) INDICE Definizione- Differenti regole in ENPAM ed in INPS Slide 3 ENPAM - Pensione indiretta e pensione di reversibilità ai superstiti-superstiti Slide

Dettagli

Articoli tratti dalla newsletter Studio Cataldi - Quotidiano Giuridico, Studio Cataldi, Ascoli Piceno http://www.studiocataldi.it

Articoli tratti dalla newsletter Studio Cataldi - Quotidiano Giuridico, Studio Cataldi, Ascoli Piceno http://www.studiocataldi.it 13/10/2014 L'assegno di mantenimento piccola guida Il dovere di assistenza morale e materiale e l'obbligo di mantenimento del coniuge separato Prima di affrontare il tema della determinazione e della corresponsione

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto. Liquidazione

TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto. Liquidazione TFS Trattamento Fine Servizio TFR Trattamento Fine Rapporto Liquidazione Indice Definizione TFS e TFR Slide 3 Finanziamento e Calcolo del TFS e del TFR Slide 4-5 Modalità di pagamento del TFS e del TFR

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere:

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere: LA PENSIONE AI SUPERSTITI La Pensione ai superstiti può essere: - di reversibilità: nel caso in cui il defunto fosse già titolare di pensione (di vecchiaia, di anzianità, di inabilità) prima del decesso.

Dettagli

TABELLA COMPARATIVA ASSEGNO VITALIZIO. Percentuale dell'assegno sull'indennità Base

TABELLA COMPARATIVA ASSEGNO VITALIZIO. Percentuale dell'assegno sull'indennità Base per il ABRUZZO 85% 30 33 36 39 42 45 48 51 54 57 60 63 63 63 63 63 65 24% su carica al netto delle trattenute per ind. di fine mandato e fiscali da 65 a 60 anni. La misura dell'assegno è ridotta a seconda

Dettagli

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF Allegato A) alla deliberazione del Comitato Esecutivo n. *** dd. **.11.2015 DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA

Dettagli

A. documentazione indispensabile alla liquidazione della prestazione richiesta

A. documentazione indispensabile alla liquidazione della prestazione richiesta DOMANDA DI PENSIONE DI ANZIANITA' notizie sulla situazione assicurativa non presenti nell estratto contributivo dichiarazione di cessazione di qualsiasi tipo di attività di lavoro alle dipendenze di terzi

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI

SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI ART. 1 (Ambito di applicazione) l. Il presente Regolamento disciplina il sistema previdenziale dei deputati in carica alla data del l gennaio 2012 ovvero

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA. Capitolo I UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA (S. Patti)

INDICE PARTE PRIMA. Capitolo I UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA (S. Patti) INDICE Introduzione... xi PARTE PRIMA UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA 1. Il linguaggio giuridico delle relazioni familiari... 3 2. Le espressioni obsolete.... 4 3. Il linguaggio condiviso...

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GIGLI, DELLAI, BUTTIGLIONE, FAUTTILLI, MARAZZITI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GIGLI, DELLAI, BUTTIGLIONE, FAUTTILLI, MARAZZITI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2666 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GIGLI, DELLAI, BUTTIGLIONE, FAUTTILLI, MARAZZITI Disposizioni e delega al Governo in materia

Dettagli

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO Tomo I La disciplina sostanziale A cura di Michele Angelo Lupoi Indice Introduzione imminente del c.d. divorzio breve, di Rita Lombardi... Pag. I Premessa...» 11 Capitolo

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag.

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag. INDICE-SOMMARIO Indice sommario... pag. V Premessa alla prima edizione... pag. XIX Premessa alla seconda edizione... pag. XXIII CAPITOLO I IL MATRIMONIO 1. Cenni storici... pag. 1 2. Teorie sulla natura

Dettagli

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità Autore: Titolo: Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento lavoro Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici

Dettagli

L IMPATTO SUI REGOLAMENTI DI ACCESSO AI SERVIZI IN AMBITO SOCIALE E LE RICADUTE ORGANIZZATIVE

L IMPATTO SUI REGOLAMENTI DI ACCESSO AI SERVIZI IN AMBITO SOCIALE E LE RICADUTE ORGANIZZATIVE L APPLICAZIONE DEL NUOVO ISEE I risultati della prima fase del programma di accompagnamento L IMPATTO SUI REGOLAMENTI DI ACCESSO AI SERVIZI IN AMBITO SOCIALE E LE RICADUTE ORGANIZZATIVE Firenze, 14 aprile

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

Problematiche connesse alle cause di nullità di matrimonio

Problematiche connesse alle cause di nullità di matrimonio L AVVOCATURA ECCLESIASTICA IN ITALIA Problematiche connesse alle cause di nullità di matrimonio Giornata di studio Roma 23 maggio 2014 ore 10,00 14,00 Palazzo della Cancelleria Sala dei Cento Giorni 1

Dettagli

1. NUOVE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEI PERIODI DI SOGGIORNO IN SEDE DEI FAMILIARI A CARICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO ALL ESTERO

1. NUOVE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEI PERIODI DI SOGGIORNO IN SEDE DEI FAMILIARI A CARICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO ALL ESTERO C/X/63 DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI AMMINISTRATIVI, DI BILANCIO E IL PATRIMONIO UFFICIO IV Roma, 27 dicembre 2004 Circolare n. 8 ================================ OGGETTO Maggiorazione per situazione

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

a) Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo

a) Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo L ARGOMENTO DEL MESE INDENNITA SOSTITUTIVA DEL PREAVVISO: Casi particolari e relative regole in tema di assoggettamento contributivo. Effetti della corresponsione della indennità sostitutiva del preavviso

Dettagli

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE Tribunale di Cuneo, 17 febbraio 2010, n. 100 Alberto Serpico L art. 540, comma II, c.c., dispone che al coniuge,

Dettagli

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali...

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali... INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. Il diritto di famiglia in senso oggettivo e la nozione di famiglia....... 1 2. L evoluzione della famiglia nel contesto sociale........... 3 3. Il ruolo

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO A001031, 1 A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Importante sentenza della Corte di cassazione, con cui la

Dettagli

SENTENZA N. 18367 DEL 23/08/2006

SENTENZA N. 18367 DEL 23/08/2006 SENTENZA N. 18367 DEL 23/08/2006 Famiglia Divorzio- Assegno Soppressione Condizioni MASSIMA: In tema di revisione dell assegno di divorzio, allorchè a fondamento dell istanza dell ex coniuge obbligato,

Dettagli

TRUST E DIRITTO DI FAMIGLIA: APPLICAZIONI PRATICHE

TRUST E DIRITTO DI FAMIGLIA: APPLICAZIONI PRATICHE TRUST E DIRITTO DI FAMIGLIA: APPLICAZIONI PRATICHE MILANO, 19 giugno 2007 Avv. Mariagrazia Monegat Autonomia negoziale dei coniugi Convenzioni matrimoniali Separazione consensuale Divorzio congiunto Garanzia

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1

INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 SOMMARIO CAPITOLO 1 LA FAMIGLIA 1. La famiglia naturale e di fatto... 1 1.1. Le coppie dello stesso sesso... 5 1.2. La poligamia ed il matrimonio fra clandestini: rinvio... 8 2. Oneri che derivano dal

Dettagli

DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 18 Novembre 2013, n 25843 (Pres. C.

DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 18 Novembre 2013, n 25843 (Pres. C. DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 18 Novembre 2013, n 25843 (Pres. C. Carnevale; Rel. M. Dogliotti) Famiglia Matrimonio Cessazione degli effetti civili del matrimonio- Diagnosi di shopping

Dettagli

ASPETTI ECONOMICI DELLA INVALIDITA. L invalidità può essere, genericamente, definita come la riduzione permanente delle capacità o delle

ASPETTI ECONOMICI DELLA INVALIDITA. L invalidità può essere, genericamente, definita come la riduzione permanente delle capacità o delle AVV ANNA PAOLA MONNO VIA MAZZINI 5 21052 BUSTO ARSIZIO TEL /FAX 0331 678428 ASPETTI ECONOMICI DELLA INVALIDITA L invalidità può essere, genericamente, definita come la riduzione permanente delle capacità

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE

4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE 4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE 1. I beneficiari 2. L indennizzo aggiuntivo 3. Ulteriore assegno una tantum 4. La domanda 5. Dichiarazione di assistenza prevalente e continuativa

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE L assegno per il nucleo familiare e' una prestazione a sostegno delle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei titolari di prestazione a carico dell'assicurazione generale obbligatoria,

Dettagli

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME Art. 565 (Categorie dei successibili) 1. Successione legittima e famiglia: dalla Riforma del 75 al progetto di Riforma della filiazione.............................

Dettagli

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali L'attività dell Inps consiste nella liquidazione e nel pagamento delle prestazioni che possono essere di natura previdenziale assistenziale sono liquidate sulla base di rapporti assicurativi e finanziate

Dettagli

TRIBUNALE DI... Memoria di Costituzione. Rg. n.. Dott.ssa. Udienza. Sig.ra XXX, nata a., il e residente a..., Via

TRIBUNALE DI... Memoria di Costituzione. Rg. n.. Dott.ssa. Udienza. Sig.ra XXX, nata a., il e residente a..., Via TRIBUNALE DI... Memoria di Costituzione Rg. n.. Dott.ssa Udienza. Nell'interesse della Sig.ra XXX, nata a., il e residente a..., Via, n.... c.f.:, rappresentata e difesa dall Avv... del Foro di... ed elettivamente

Dettagli

MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA. L Sottoscritt_. (Prov. ) il / / in Via/P.zza n. Tel. / Fax e-mail C H I E D E

MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA. L Sottoscritt_. (Prov. ) il / / in Via/P.zza n. Tel. / Fax e-mail C H I E D E MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA Regione Siciliana FONDO PENSIONI SICILIA Fondo per il pagamento del trattamento di quiescenza e dell indennità di buonuscita del personale regionale Viale Regione

Dettagli

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi,

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi, Oggetto: [Darc] Sentenza OMINA sul 156!! CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Bruna Albertini,

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

La successione legittima: devoluzione, esclusione del coniuge dall'eredità, minori, gradi di parentela

La successione legittima: devoluzione, esclusione del coniuge dall'eredità, minori, gradi di parentela Pubblicata su FiscoOggi.it (http://www.fiscooggi.it) Analisi e commenti LA SUCCESSIONE (4) La successione legittima: devoluzione, esclusione del coniuge dall'eredità, minori, gradi di parentela 4. La succesione

Dettagli

LA SEPARAZIONE DI FATTO DEI CONIUGI

LA SEPARAZIONE DI FATTO DEI CONIUGI IL DIRITTO PRIVATO OGGI Serie a cura di Paolo Cendon LUCIANO OLIVERO LA SEPARAZIONE DI FATTO DEI CONIUGI GIUFFREED1TORE INDICE SOMMARIO P

Dettagli

LIQUIDAZIONE E VICENDE MATRIMONIALI

LIQUIDAZIONE E VICENDE MATRIMONIALI IL DIRITTO PRIVATO OGGI Serie a cura di Paolo Cendon MARIA STEFANIA MERELLO LIQUIDAZIONE E VICENDE MATRIMONIALI GIUFFRE EDITORE Elenco delle principali abbreviazioni Premessa Pagxin xv Parte Prima CESSAZIONE

Dettagli

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE In caso di decesso del lavoratore dipendente sono previste diverse modalità di tassazione a seconda che si tratti delle somme già corrisposte al lavoratore o di somme

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1372 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice TOIA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 MAGGIO 2002 (*) Modifica dell articolo 156 del codice civile, e norme

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO Sent.622/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO in composizione monocratica, in persona del Cons. Dr.ssa Chiara Bersani ha

Dettagli

La Posizione del Convivente more uxorio nella successione: Tutele e Profili Pratici

La Posizione del Convivente more uxorio nella successione: Tutele e Profili Pratici La Posizione del Convivente more uxorio nella successione: Tutele e Profili Pratici avv. Silvia Salvati Fondazione Forense 25 Settembre 2012 Via Del Cane n. 10/a Le situazioni soggettive conseguenti alla

Dettagli

ANF per il lavoro dipendente

ANF per il lavoro dipendente ANF per il lavoro dipendente ISTRUZIONI PER L USO BERGAMO ENZO MOLOGNI LAVORO DIPENDENTE D.P.R. 30 MAGGIO 1955, N 797 (Assegni familiari) LEGGE 13 MAGGIO 1988, N 153 (Assegni al nucleo familiare) RIFERIMENTI

Dettagli

INDICE. Prefazione...p.

INDICE. Prefazione...p. INDICE Prefazione...p. XIII I REGIME PATRIMONIALE DEI CONIUGI Introduzione... 3 1 La scelta del regime patrimoniale... 7 Atto di matrimonio avanti all ufficiale di stato civile con scelta di separazione

Dettagli

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO DELLE PARTI CASS. CIV., SEZ. I, 4 NOVEMBRE 2010, N. 22501. In tema di scioglimento del matrimonio, nella disciplina dettata dall'art. 5 l. n. 898/70,

Dettagli

TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2

TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2 TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2 TIPOLOGIE DI SUCCESSIONI La successione legittima. È la successione disposta dalla legge, qualora il soggetto deceduto, non abbia disposto, in tutto o in parte, dei suoi

Dettagli

Sulle pensioni di vecchiaia liquidate con il sistema contributivo non spetta l'integrazione al trattamento minimo.

Sulle pensioni di vecchiaia liquidate con il sistema contributivo non spetta l'integrazione al trattamento minimo. Qualora l'importo della pensione risultante dal calcolo sia inferiore al trattamento minimo, può essere concessa una integrazione non solo considerando il reddito personale ma anche, in caso di soggetti

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali.

Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali. Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali. Art. 1. 1. Al lavoratore dipendente, pubblico o privato, che sia o sia stato iscritto a forme

Dettagli

TABELLA COMPARATIVA ASSEGNO VITALIZIO. Percentuale dell'assegno sull'indennità Base

TABELLA COMPARATIVA ASSEGNO VITALIZIO. Percentuale dell'assegno sull'indennità Base Anni di Anzianità va per il ABRUZZO 85% 30 33 36 39 42 45 48 51 54 57 60 63 63 63 63 63 65 24% su carica al netto delle trattenute per ind. di fine mandato e fiscali da 65 a 60 anni. La misura dell'assegno

Dettagli

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI. Giurisprudenza

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI. Giurisprudenza Sentenza del 17/02/2001 n. 2347 - Corte di Cassazione Sentenza del 17/02/2001 n. 2347 - Corte di Cassazione Intitolazione: ESENZIONI ED AGEVOLAZIONI (BENEFICI): IN GENERE - Agevolazioni ex art. 19 legge

Dettagli

Inabilità al lavoro, rileva esclusivamente la c.d. "capacità specifica" Lex 24.it

Inabilità al lavoro, rileva esclusivamente la c.d. capacità specifica Lex 24.it Inabilità al lavoro, rileva esclusivamente la c.d. "capacità specifica" Lex 24.it Inabilità Pensione ordinaria o assegno ordinario di inabilità Presupposti per l'erogazione Incapacità del ricorrente a

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Di Palma; Rel. Acierno) Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della separazione Ripresa della convivenza

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione.

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. La società fiduciaria, attraverso l ampio novero di soluzioni applicabili, risulta essere uno strumento molto valido al fine di soddisfare le esigenze

Dettagli