GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA /02/2015. Relatore:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore:"

Transcript

1 GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA /02/2015 Relatore: Alessandro Dott. TODESCHELLI Dott. Comm.sta materia «Lavoro» OPEN Dot Com Servizio: Nome servizio Pag. 1

2 Torino, 12/02/2015 PROGRAMMA Modello di certificazione Tempistiche e tempi di effettuazione Criticità operative Regime sanzionatorio Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

3 NORMATIVA LA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Il D.L. n. 175/2014 pubblicato in G.U. il 29 novembre 2014, recante disposizioni in materia di semplificazioni fiscali, ha previsto che, a partire dall anno 2015, ai fini dell elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata, i Sostituti d Imposta debbano trasmettere all Agenzia delle Entrate, entro il 7 marzo di ogni anno le certificazioni relative: ai redditi di lavoro dipendente ai redditi assimilati ai redditi di lavoro autonomo ai redditi diversi che attestano l ammontare complessivo delle somme erogate, delle ritenute operate, delle detrazioni d imposta effettuate e dei contributi previdenziali e assistenziali trattenuti. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

4 INVIO ALL AGENZIA DELLE ENTRATE Il nuovo adempimento previsto non riveste carattere dichiarativo, ma solo di comunicazione finalizzata alla elaborazione della dichiarazione precompilata. Adempimenti Sostituto d Imposta COMUNICAZIONE UNICA Entro 07 Marzo MODELLO 770 SEMPLIFICATO Entro 31 Luglio Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

5 Unitamente alle Certificazioni Uniche relative ai singoli percipienti, il Sostituto d Imposta comunica all Agenzia delle Entrate: in un apposito frontespizio, i propri dati anagrafici nonché quelli dell intermediario incaricato all invio telematico. Nel quadro CT, le informazioni necessarie per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai modelli 730-4, esclusivamente nell ipotesi in cui gli stessi non siano già stati forniti tramite l apposito modello CSO. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

6 FRONTESPIZIO Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

7 Il frontespizio è una sezione nuova rispetto al modello CUD, necessaria all invio telematico. Si compone dei seguenti riquadri: tipo di comunicazione, costituita dalla casella: annullamento, da barrare nel caso in cui il Sostituto, prima della scadenza del termine di presentazione (9 marzo 2015) intenda annullare una certificazione già presentata sostituzione, da barrare nel caso in cui il Sostituto intenda, prima del termine di presentazione (9 marzo 2015) sostituire una certificazione già presentata dati relativi al Sostituto dati relativi al rappresentante firmatario della comunicazione firma della comunicazione impegno alla trasmissione telematica Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

8 QUADRO CT - COMUNICAZIONE PER LA RICEZIONE IN VIA TELEMATICA DEI DATI RELATIVI AI MOD. 730/4 RESI DISPONIBILI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

9 Il nuovo quadro, ispirandosi alla modalità espositiva del Modello CSO, si articola in 3 sezioni: DATI DEL SOSTITUTO D IMPOSTA RICHIEDENTE SEZIONE A - Richiesta che i dati relativi ai mod siano resi disponibili direttamente all indirizzo telematico del Sostituto SEZIONE B - Richiesta che i dati relativi ai mod siano resi disponibili presso l indirizzo telematico dell intermediario incaricato Di seguito si riporta una tabella con l evidenza dei casi in cui va compilato il quadro CT nonché i casi in cui lo stesso non deve essere compilato. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

10 QUADRO CT Ipotesi di invio: I Sostituti d Imposta che non hanno presentato, a partire dal 2011, l apposito modello CSO e che trasmettono almeno una certificazione di redditi di lavoro dipendente e assimilato Se in ipotesi precedente, la comunicazione deve essere compilata per ogni trasmissione in caso di più invii contenenti almeno una certificazione di redditi di lavoro dipendente e assimilato Ipotesi di non invio: I Sostituti d Imposta che intendono variare i dati già comunicati a partire dal 2011; per le variazioni utilizzare il modello CSO In caso di trasmissione di una fornitura di annullamento o sostituzione Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

11 QUADRO CT DATI DEL SOSTITUTO D IMPOSTA RICHIEDENTE Indicare in questa sezione: il codice fiscale, il numero di cellulare e/o l indirizzo di posta elettronica del Sostituto d Imposta richiedente. Per permettere all Agenzia delle Entrate di comunicare rapidamente al Sostituto i dati utili per rendere agevole e sicura la gestione del flusso telematico dei modelli Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

12 Sezione A Compilando questa sezione il Sostituto richiede che i dati relativi ai modelli dei propri dipendenti (pensionati, titolari dei redditi assimilati a quello di lavoro dipendente per i quali è possibile la presentazione del modello 730) siano resi disponibili presso la propria utenza telematica. Il Sostituto, utente Fisconline, barrerà la relativa casella; se invece è un utente Entratel deve indicare la propria utenza telematica nel riquadro Codice sede Entratel. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

13 Sezione B Compilando questa sezione i Sostituti d Imposta richiedono che i modelli dei propri dipendenti (pensionati, titolari dei redditi assimilati a quello di lavoro dipendente per i quali è possibile la presentazione del modello 730), siano resi disponibili presso l indirizzo telematico Entratel dell intermediario abilitato prescelto. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

14 Sezione B colonna 1 il codice fiscale dell intermediario delegato per la ricezione dei mod resi disponibili dall Agenzia colonna 2 il corrispondente Codice sede Entratel dell intermediario colonna 3 il numero di cellulare dell intermediario colonna 4 l indirizzo di posta elettronica dell intermediario per permettere all Agenzia delle Entrate di raggiungerlo agevolmente in caso di comunicazioni riguardanti la procedura del flusso telematico dei mod Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

15 OPERAZIONI STRAORDINARIE CON ESTINZIONE DEL SOSTITUTO D IMPOSTA Senza prosecuzione da parte di altro soggetto La Comunicazione Unica 2015 deve essere presentata dal liquidatore, curatore fallimentare o commissario liquidatore, in nome e per conto del soggetto estinto. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

16 Operazioni straordinarie Nella Certificazione Unica: nella sezione dati anagrafici della CU i dati relativi al Sostituto subentrante che rilascia la certificazione compilazione dell annotazione cod. GI per informare il contribuente che le operazioni di conguaglio sono state effettuate dal Sostituto estinto Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

17 OPERAZIONI STRAORDINARIE CON ESTINZIONE DEL SOSTITUTO D IMPOSTA comunicazione dati certificazioni lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi Soggetto che rilascia la certificazione: SOGGETTO ESTINTO: nel campo «codice fiscale» il codice fiscale del dichiarante nel campo «codice fiscale» il codice fiscale del soggetto estinto DICHIARANTE: nel campo «codice fiscale» il codice fiscale del dichiarante subentrante nei campi da 40 a 48 le somme corrisposte dal soggetto estinto Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

18 OPERAZIONI STRAORDINARIE SENZA ESTINZIONE DEL SOSTITUTO D IMPOSTA Ci riferiamo ad esempio: trasformazioni, scissioni parziali, cessione o conferimento di ramo d azienda, etc. In questi casi gli obblighi dichiarativi fanno carico a tutti i soggetti che intervengono nelle operazioni. Esempio: passaggio di dipendenti (anche per cessazione del relativo contratto). Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

19 CEDENTE 1. NO rilascio CUD al dipendente o soggetto equiparato 2. SI indicazione dati nella propria comunicazione dei redditi erogati al personale fino al momento della cessione ed indicazione nel punto 207 del codice 8 CESSIONARIO 1. SI rilascio CUD al dipendente o soggetto equiparato 2. EMISSIONE DI UNA COMUNICAZIONE comprensiva di tutti i dati percepiti dal lavoratore dipendente acquisito evidenziando nei punti da 204 a 220 le somme erogate dal sostituto cedente Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

20 Nella Certificazione Unica il precedente Sostituto non deve effettuare alcun invio relativamente ai dati fiscali riguardanti i redditi erogati il precedente Sostituto dovrà procedere all invio nell ipotesi di rilascio della CU per certificare i soli dati previdenziali e assistenziali Nella Certificazione Unica 2015 vengono riportati i dati fiscali e previdenziali relativi alle certificazioni di lavoro dipendente, assimilati e assistenza fiscale e, da quest anno, i dati relativi alle certificazioni di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

21 La Certificazione Unica 2015 è composta dai seguenti prospetti: Dati anagrafici del Sostituto e del percettore Dati fiscali relativi ai redditi di lavoro dipendente, assimilati Dati previdenziali ed assistenziali Dati fiscali relativi ai redditi di lavoro autonomo Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

22 Si tratta dei prospetti che, a seconda del reddito certificato: dovranno essere consegnati al percipiente entro il 28 febbraio, differito al 2 marzo 2015 successivamente inviati telematicamente all Agenzia delle Entrate unitamente al frontespizio ed al quadro CT, qualora dovuto, entro il 7 marzo La parte Dati anagrafici della CU 2015 è suddivisa in quattro sezioni nelle quali devono essere forniti principalmente i dati anagrafici del Sostituto d Imposta che rilascia la certificazione nonché quelli del percettore delle somme in essa indicate. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

23 Con riferimento al datore di lavoro che ha erogato le somme evidenziate nella certificazione, sono richiesti, tra gli altri: codice fiscale (non deve essere indicato il numero di partita IVA) cognome o denominazione nome indirizzo completo (comune, sigla della provincia, C.A.P., via, numero civico e frazione), comprensivo del numero di telefono (preceduto dalla lettera T) o di fax (preceduto dalla lettera F) e l indirizzo di posta elettronica della propria sede al quale devono pervenire le comunicazioni relative ai conguagli sulle retribuzioni il codice attività e il codice sede, quest ultimo nell eventualità che il Sostituto d Imposta opti per una gestione separata dei lavoratori (ad esempio lavoratori con qualifica di dirigenti e lavoratori con qualifica di impiegati) ai fini dell effettuazione delle operazioni di conguaglio da assistenza fiscale Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

24 Con riferimento, invece, al soggetto al quale sono stati erogati gli emolumenti, vengono richieste le informazioni anagrafiche complete: cognome nome codice fiscale sesso data, comune, provincia di nascita Laddove il soggetto appartenga a categorie particolari (ad esempio, dipendente all estero, percettore di borsa di studio, premio o sussidio per fini di studio o addestramento professionale, erede, ex coniuge, ecc.), dovrà essere inserito il relativo codice identificativo desunto dalla Tabella D, presente nell Appendice alle istruzioni della CU Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

25 In relazione alla sezione in esame, occorre segnalare la presenza del nuovo campo 10 Casi di esclusione dalla precompilata da compilare per segnalare casi particolari di presentazione della Certificazione Unica esclusi dall obbligo della dichiarazione precompilata, indicando nello specifico: il codice 1, nell ipotesi in cui nella CU siano stati certificati esclusivamente redditi di cui all art. 50, comma 1, lettere b), e), f), g) relativamente alle indennità percepite dai membri del Parlamento europeo, h) e h-bis) il codice 2, nell ipotesi in cui siano stati certificati soltanto dati previdenziali ed assistenziali Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

26 La novità più rilevante di questa sezione consiste nell adeguamento, a seguito delle modifiche introdotte dal Decreto Semplificazioni Fiscali (D.L. n. 175/2014), della data di riferimento del domicilio fiscale del contribuente ai fini della determinazione delle addizionali regionale e comunale IRPEF. In particolare, l informazione del domicilio fiscale è richiesta con riferimento: al 1 gennaio 2014 (campi 20, 21 e 22) al 1 gennaio 2015 (campi 23, 24 e 25) Il Decreto Semplificazioni Fiscali ha sancito l uniformazione della data di riferimento del domicilio fiscale ai fini dell addizionale regionale e comunale, ora fissata per entrambe le imposte al 1 gennaio dell anno di riferimento con decorrenza dal periodo d imposta Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

27 Nel caso di compensi erogati ai lavoratori autonomi, i campi relativi al domicilio fiscale devono essere compilati nella sola ipotesi di indicazione del codice N nel punto 1 presente nella sezione relativa ai redditi di lavoro autonomo e, dunque, nel caso in cui la CU sia utilizzata per certificare indennità di trasferta, rimborso forfetario di spese, premi e compensi erogati: nell esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche in relazione a rapporti di Co.Co.Co. di carattere amministrativo gestionale di natura non professionale resi a favore di società e associazioni sportive dilettantistiche e di cori, bande e filodrammatiche da parte del direttore e dei collaboratori tecnico Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

28 Nella parte Dati Anagrafici è richiesta: l indicazione del codice fiscale del rappresentante nell eventualità di: contribuenti incapaci (compreso il minore) nell ipotesi in cui il percipiente di redditi di lavoro autonomo, provvigioni o altri redditi, sia un non residente In tale ultimo caso: a campo 40 va inserito il codice di identificazione fiscale rilasciato dall Autorità Fiscale del paese di residenza o, in mancanza, un codice identificativo rilasciato da un Autorità Amministrativa del paese di residenza a campo 41 e 42 va indicato rispettivamente la località di residenza estera e il relativo indirizzo a campo 43 va evidenziato il codice dello Stato estero di residenza rilevabile dalla Tabella G - Elenco dei paesi e territori esteri rilevabile nell Appendice delle istruzioni alla compilazione della Certificazione Unica Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

29 CERTIFICAZIONE UNICA LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE Nel punto 1 va indicato il totale dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all art. 13, comma 1 del TUIR. Il punto 1 è multimodulo per dare distinta indicazione dei redditi nel caso di CU che certificano redditi derivanti da rapporti di lavoro a tempo determinato e indeterminato. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

30 Il punto 2 va compilato solo in presenza del punto 1. In questo caso deve essere indicato il codice 1 se il contratto di lavoro è a tempo indeterminato, il codice 2 se il contratto di lavoro è a tempo determinato. Esempi di compilazione: Modalità di compilazione dei campi 1 e 2 in caso di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo determinato (1/3 30/6) a tempo indeterminato. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

31 Progressivo modulo 1 Punto 1: riportare il reddito erogato dall 1/3 al 30/6 Punto 2: 2 (tempo determinato) Punto 6: 306 (totalità dei giorni lavorati) Progressivo modulo 2 Punto 1: riportare il reddito erogato dall 1/7 al 31/12 Punto 2: 1 (tempo indeterminato) Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

32 Nel punto 3 va indicato il totale dei redditi derivante da pensione per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all art. 13, commi 3 e 4 del TUIR. Nel punto 4 va indicato il totale dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all art. 13, comma 5 del TUIR. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

33 I punti 8 e 9 sono informazioni che indicano la data di inizio e fine del rapporto di lavoro, si precisa che la data inizio deve essere sempre presente. Nel caso in cui il rapporto di lavoro, intercorso con lo stesso Sostituto d Imposta venga interrotto e successivamente riattivato nel corso dell anno, è necessario barrare il punto 10. In tal caso nel punto 8 deve essere riportata la data di inizio relativa al primo rapporto di lavoro conguagliato. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

34 Esempio: 1) Rapporto di lavoro con il sostituto A: 30 gennaio marzo 2014 Rapporto di lavoro con il sostituto A: 15 aprile luglio 2014 Rapporto di lavoro con il sostituto A: 1 agosto novembre 2014 Punto 8 (data inizio) 30 gennaio Punto 9 (data cessazione) 30 novembre Punto 10 (con interruzione) barrato 2) Rapporto di lavoro con il sostituto A: 30 giugno marzo 2014 Rapporto di lavoro con il sostituto B: 15 aprile luglio 2014 Rapporto di lavoro con il sostituto A: 15 settembre 2014 Punto 8 (data inizio) 30 giugno Punto 9 (data cessazione) non compilato in quanto ancora in forza - Punto 10 (con interruzione) barrato Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

35 Esempi di compilazione: Nel caso in cui il Sostituto d Imposta abbia conguagliato redditi di lavoro dipendente ed assimilati per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all art. 13, commi 1 e 1 bis (campo 1) derivanti da entrambe le tipologie di rapporto, nella sezione Dati Fiscali, dovranno essere compilati 2 moduli per dare distinta indicazione dell importo del reddito prodotto in relazione alle due diverse tipologie di rapporto. Per lo stesso percipiente si dovrà compilare un modulo con l indicazione: campo 1 dell importo del reddito derivante, ad esempio, dal rapporto a tempo determinato campo 2 il relativo codice 2 (rapporto di lavoro a tempo determinato) negli altri campi della sezione Dati Fiscali i dati complessivi relativi al conguaglio Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

36 Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

37 Un altro modulo con l indicazione: campo 1 dell importo del reddito derivante, ad esempio, dal rapporto a tempo indeterminato campo 2 il relativo codice 1 (rapporto di lavoro a tempo indeterminato) nessun altro campo compilato Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

38 Acconti e crediti non rimborsati dichiarante e coniuge Qualora il Sostituto si sia avvalso dell assistenza fiscale il Sostituto d Imposta dovrà dare distinta indicazione degli acconti trattenuti e dei crediti non rimborsati evidenziando: nella sezione Acconti dichiarante 2014 nella sezione Acconti coniuge 2014 nella sezione Crediti non rimborsati dichiarante Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

39 Oneri detraibili Nella Certificazione Unica la gestione degli oneri detraibili trova la sua esposizione in una nuova sezione appositamente dedicata, nella quale per ognuno degli oneri andrà indicata la causale nonché il relativo importo. Gli importi degli oneri detraibili riportati nella Certificazione Unica dovranno essere esposti al lordo di eventuali franchigie (sul mod. CUD l esposizione era al netto delle franchigie). Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

40 Detrazioni e crediti In questa Sezione trovano esposizione l imposta netta nonché le detrazioni secondo le modalità espositive già previste dal mod. CUD. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

41 Con riferimento al credito evidenziato nel punto 114, devono essere, rispettivamente, indicati per ciascuno Stato estero nel quale il reddito è stato prodotto: il codice dello Stato estero l anno di percezione del reddito estero il reddito prodotto all estero l imposta pagata all estero resasi definitiva nelle annotazioni (cod. AQ) deve essere data distinta indicazione del reddito complessivo tassato in Italia, dell imposta lorda italiana nonché dell imposta netta italiana In tale sezione trovano inoltre esposizione le informazioni relative al bonus 80,00. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

42 A tal fine, sono stati istituiti 3 campi nei quali andranno indicati: campo 119 il codice 1) se il Sostituto d Imposta ha riconosciuto al dipendente il bonus e lo ha erogato tutto o in parte il codice 2) se il Sostituto d Imposta non ha riconosciuto al dipendente il bonus ovvero lo ha riconosciuto, ma non lo ha erogato neanche in parte campo 120, andrà evidenziato il bonus eventualmente erogato (anche solo parzialmente) campo 121, andrà evidenziato il bonus non erogato Riguardo la compilazione dei predetti campi, l Agenzia delle Entrate precisa che la sezione Credito Bonus Irpef deve essere sempre compilata, se compilato il punto 1 della CU. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

43 Significa che il campo 119 dovrà essere sempre compilato in relazione ai lavoratori titolari di redditi di lavoro dipendente e assimilati (che potenzialmente danno diritto al bonus) indipendentemente dal fatto che, con riferimento all anno 2014, soddisfacessero o meno i requisiti per beneficiare effettivamente del bonus. Relativamente alla compilazione di campo 119 con il codice 2, l Agenzia conferma che qualora si tratti di lavoratori che: non soddisfano i requisiti richiesti per beneficiare del bonus e che pertanto non hanno ricevuto alcun importo a tale titolo campo 121 non va compilato; pur soddisfano i predetti requisiti, non si sono visti attribuire alcun importo a tale titolo o per propria scelta o per cause dipendenti dal datore di lavoro a campo 121 è previsto che le specifiche tecniche consentono in tale ipotesi l indicazione nel campo 121 anche di un valore positivo. Pertanto potrà essere indicato l importo del bonus potenzialmente spettante ma non erogato. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

44 Relativamente alle somme erogate per l incremento della produttività per il 2014 l importo massimo che può scontare una tassazione agevolata (sostitutiva) è fissato a 3.000,00. Nel punto 192 è stato eliminato il codice C che riguardava il finanziamento agevolato di cui alla circolare n. 46/E del 6 dicembre 2012 (sisma che colpì i territori della regione Emilia nel periodo maggio 2012). Quindi nel punto 201 non è possibile indicare un importo superiore a 3.000,00. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

45 Redditi assoggettati a ritenuta a titolo d imposta Relativamente alla sezione Redditi assoggettati a ritenuta a titolo d imposta si segnala l introduzione di una specifica sottosezione riguardante i redditi relativi a lavori socialmente utili dove trovano distinta indicazione i dati relativi a tale tipologia di reddito. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

46 Dati relativi ai conguagli in caso di redditi erogati da altri soggetti Nella sezione relativa ai conguagli sono riportati i principali dati relativi alle certificazioni già conguagliate dal Sostituto d Imposta. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

47 Da quest anno, nella sezione Dati relativi ai conguagli in caso di redditi erogati da altri soggetti trovano indicazione i dati relativi a: Redditi assoggettati a tassazione ordinaria (campi da 301 a 317), Somme erogate per l incremento della produttività del lavoro (campi da 323 a 327), Lavori socialmente utili (campi da 328 a 331), riferiti ad altri soggetti dei quali il Sostituto d Imposta ha tenuto conto nelle operazioni di conguaglio. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

48 Ad esempio la compilazione della sezione è necessaria quando: al Sostituto è fatta richiesta dal contribuente, che ha avuto altri rapporti di lavoro con diversi datori di lavoro nello stesso periodo d imposta 2014, di effettuare le ritenute tenendo conto anche di quanto corrisposto da altri soggetti, ai sensi dell art. 23, comma 4 del D.P.R. n. 600/73 devono essere ricompresi nell operazione di conguaglio anche i compensi erogati da terzi ai sensi dell art. 50, comma 1, lettera b) del TUIR comunicati successivamente al 12 gennaio 2014 e riferiti al periodo d imposta 2013 si verifica un passaggio di dipendenti senza interruzione del rapporto di lavoro, indipendentemente dall estinzione del precedente Sostituto si verifica l interruzione del rapporto di lavoro anteriormente all estinzione del Sostituto d Imposta e la successiva riassunzione da parte di un altro Sostituto si verifichi una successione mortis causa e l erede prosegua l attività del Sostituto deceduto Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

49 Esempi di compilazione Il Sostituto B effettua il conguaglio tenendo conto delle somme erogate dal sostituto A. Il Sostituto A ha erogato anche somme per l incremento della produttività del lavoro (100). Il Sostituto A ha assoggettato i premi a sostitutiva (100). Il Sostituto B assoggetta tutto a tassazione ordinaria X 100 Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

50 CF SOSTITUTO D IMPOSTA A Il Sostituto B effettua il conguaglio tenendo conto delle somme erogate dal Sostituto A. Il Sostituto A ha erogato anche somme per l incremento della produttività del lavoro (100). Il Sostituto A ha assoggettato i premi a ordinaria (100). Il Sostituto B assoggetta tutto a tassazione sostitutiva (100). Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

51 CF SOSTITUTO D IMPOSTA A 100 X Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

52 Trattamento di fine rapporto indennità equipollenti, altre indennità e prestazioni in forma di capitale assoggettate a tassazione separata La sezione Trattamento di fine rapporto, indennità equipollenti, altre indennità e prestazioni in forma di capitale assoggettate a tassazione separata si presenta con le stesse modalità di compilazione previste dal Modello CUD Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

53 Esempio di compilazione: 1 rapporto TD con cessazione il 31/03/2014 non consegnato il CUD 2 rapporto TD 01/06/ /10/2014 non consegnato il CUD 3 rapporto TD 01/12/2014 in forza al 31/12/2014 consegna CUD complessivo Come si compila la nuova Certificazione Unica? Si rilascia una sola CU compilata nel seguente modo: Modulo 1: dati fiscali complessivi del 1 del 2 e del 3 rapporto sezione TFR riporto dei dati relativi all ultimo rapporto di lavoro Modulo 2: sezione TFR riporto dei dati relativi al 1 rapporto di lavoro Modulo 3: sezione TFR riporto dei dati relativi al 2 rapporto di lavoro La medesima modalità di compilazione anche nell ipotesi in cui nei primi due rapporti di lavoro sia stato rilasciato il CUD e quindi siano stati comunicati al contribuente i dati relativi alle quote di TFR erogate. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

54 Dati relativi al coniuge e ai familiari a carico In questa sezione devono essere indicati i dati relativi ai familiari che nel 2014 sono stati fiscalmente a carico del sostituito ai fini della corretta attribuzione delle detrazioni. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

55 Dati previdenziali ed assistenziali INPS Nella parte previdenziale della Certificazione Unica 2015 devono essere esposti i dati previdenziali ed assistenziali relativi alla contribuzione versata e/o dovuta all INPS (comprensiva delle gestioni ex INPDAP), nonché l importo dei contributi previdenziali ed assistenziali a carico del lavoratore versati o dovuti allo stesso ente previdenziale nel corso del Dati assicurativi INAIL La Certificazione Unica 2015, a differenza del mod. CUD, prevede l indicazione, nei nuovi campi da 35 a 40, dei dati assicurativi riferiti a tutti i soggetti per i quali ricorre l obbligo di assicurazione all INAIL. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

56 CERTIFICAZIONE LAVORO AUTONOMO, PROVVIGIONI E REDDITI DIVERSI Il prospetto Certificazione lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi si riferisce alla corresponsione, nel corso del 2014, di: redditi di lavoro autonomo di cui all art. 53, TUIR, soggetti a ritenuta redditi diversi di cui all art. 67, comma 1, TUIR, soggetti a ritenuta provvigioni comunque denominate per prestazioni, anche occasionali, inerenti a rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione, di rappresentanza di commercio e di procacciamento d affari corrispettivi erogati dal condominio, quale Sostituto d Imposta, per prestazioni relative a contratti d appalto. L art. 25 ter, D.P.R. n. 600/1973, dispone l obbligo, per il condominio, di operare una ritenuta del 4% a titolo d acconto sui compensi per prestazioni derivanti da contratto d appalto d opera e servizi effettuate nell esercizio d impresa (anche se occasionale) Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

57 provvigioni derivanti da vendita a domicilio indennità corrisposte per la cessazione: di rapporti di agenzia delle persone fisiche [art. 17, comma 1, lett. d), TUIR]; da funzioni notarili [art. 17, comma 1, lett. e), TUIR] dell attività sportiva quando il rapporto di lavoro è di natura autonoma art. 17, comma 1, lett. f), TUIR I compensi erogati ai contribuenti minimi e nuove iniziative imprenditoriali devono comunque essere indicati nella presente comunicazione anche se non sono assoggettati a ritenuta. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

58 Il Sostituto A ha corrisposto al professionista Bianchi compensi di lavoro autonomo (con causali diverse): 1.000,00 causale L 500,00 causale O Il Sostituto deve compilare due Certificazioni Uniche. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

59 Progressivo certificazione = 0001 Numero modulo = 01 - Causale = L - Campo 4 = 1.000,00 Progressivo certificazione = 0002 Numero modulo = 01 - Causale = O - Campo 4 = 500,00 Il Sostituto A ha corrisposto al professionista Bianchi compensi di lavoro autonomo (con causali diverse): 1.000,00 causale L 2.000,00 causale L 500,00 causale O Il Sostituto può compilare due Certificazioni Uniche. Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

60 Progressivo certificazione = 0001 Numero modulo = 01 - Causale = L - Campo 4 = 3.000,00 Progressivo certificazione = 0002 Numero modulo = 01 - Causale = O - Campo 4 = 500,00 Esempio di compilazione della certificazione unica relativa ai redditi di lavoro autonomo tenendo conto dei seguenti dati: Percipiente Causale Ammontare lordo Codice Altre somme non soggette Imponibile Ritenuta Rossi A Rossi A Rossi A Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

61 A Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

62 Servizio: Paghe on-line venerdì 13 febbraio

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 Redditi 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2014 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. Premessa 1 1. Soggetti obbligati all invio 1 2. Modalità e termini di presentazione del flusso 1 3. Frontespizio

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli