S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279"

Transcript

1 R E P U B B L I C A I T A L I A N A In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE D APPELLO PER LA REGIONE SICILIANA composta dai magistrati: dott. Salvatore CILIA dott. Salvatore CULTRERA dott. Pino ZINGALE dott. Valter DEL ROSARIO dott. Giuseppa CERNIGLIARO Presidente Consigliere Consigliere relatore Consigliere Primo Referendario ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A N. 318/A/2013 nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn del registro di segreteria promossi ad istanza di GIALLOMBARDO Stefano, LA ROCCA Giuseppe e SERIO Francesco Mariano, tutti rappresentati e difesi dall avv. Stefano Polizzotto, per la riforma della sentenza n. 2339/2012 emessa dalla Sezione Giurisdizionale per la Regione Siciliana. Visti gli atti introduttivi dei giudizi tutti depositati il 7 novembre Visti gli atti e documenti tutti del fascicolo processuale. Uditi alla pubblica udienza del 22 ottobre 2013 il relatore Consigliere Pino Zingale, l avv. Stefano Polizzotto per gli appellanti ed il P.M. nella persona del Vice Procuratore Generale Maria Rachele Aronica. F A T T O Con comunicazione ex art. 129 disp. Att. c.p.p., la Procura della 1

2 Repubblica di Termini Imerese informava il Pubblico Ministero presso questa Corte dell esecuzione della misura cautelare interdittiva della sospensione dall esercizio del pubblico ufficio o servizio per un periodo di mesi due, applicata con ordinanza del GIP (1259/03 R.G.N.R.-1922/03 R. GIP del ) per i delitti di truffa aggravata, a carico di CANZONE Giuseppe e LA ROCCA Giuseppe, dirigenti medici in servizio presso il reparto ostetricia e ginecologia dell ospedale S. Cimino di Termini Imerese. In prosieguo lo stesso P.M. penale comunicava di aver esercitato l azione penale nei confronti dei dirigenti medici CANZONE Giuseppe, LA ROCCA Giuseppe, GIALLOMBARDO Stefano, SERIO Francesco Mariano e PETTA Giuseppe, tutti responsabili di fattispecie monosoggettive continuate di truffa aggravata commesse in danno della AUSL n. 6 di Palermo per aver violato quali dirigenti medici in servizio presso il reparto ostetricia e ginecologia dell ospedale S. Cimino di Termini Imprese, ad eccezione del Dott. PETTA in servizio presso il reparto ortopedia e traumatologia, il rapporto di esclusività con la AUSL n. 6, ente che con specifici vincoli e obblighi li aveva autorizzati ad esercitare attività professionale all esterno della struttura pubblica o, solo per il Dott. PETTA, all interno del presidio ospedaliero S. Cimino di Termini Imerese. Le condotte illecite accertate nei confronti dei soggetti sopra indicati venivano compendiate nella richiesta di rinvio a giudizio in due distinte fattispecie di truffa aggravata, l una inerente la omessa fatturazione e la violazione del rapporto di esclusività, l altra inerente il computo del 2

3 monte-ore mensile, nei confronti dei medici coinvolti in entrambe le fattispecie (capi A, B per CANZONE; capi C, D per LA ROCCA; capi E, F per GIALLOMBARDO); ad altri si contestava solo la omessa fatturazione e la violazione del rapporto di esclusività (capo G per SERIO). Inoltre, l omessa fatturazione e la violazione del rapporto di esclusività veniva contestata, al capo E) anche a PETTA Giuseppe, dirigente medico in servizio presso il reparto di ortopedia, sul quale le indagini dei NAS erano state svolte nella fase originaria degli accertamenti, in concomitanza con quelle esperite nei confronti del Dott. Mannino. La richiesta di rinvio a giudizio del PM, veniva accolta con decreto del GUP che, in data , disponeva il giudizio per tutti gli imputati innanzi al competente Tribunale di Termini. In evasione di una specifica richiesta del P.M. contabile, il direttore generale dell AUSL n. 6 trasmetteva una dettagliata relazione con atti allegati (prot /DG datato ), con la quale veniva quantificato, per ciascuno dei soggetti imputati, l importo complessivo del danno arrecato all Azienda e per il quale l ente danneggiato ha adottato costituzione in mora in data , integrata con la successiva del Il P.M. citava in giudizio i presunti responsabili, contestando un danno erariale per violazione dolosa del rapporto sinallagmatico instaurato con l Amministrazione, quantificato nella differenza tra quanto percepito in rapporto di esclusività e quanto avrebbero dovuto percepire in regime di non esclusività, l unico regime compatibile con l esercizio dell attività 3

4 professionale extramuraria, dai medesimi, illecitamente, esercitata. Tale danno veniva calcolato dall amministrazione danneggiata nella citata relazione trasmessa dalla AUSL n. 6 (prot /DG datato ), sommando per ciascun medico e ciascun anno l indennità di esclusività alla retribuzione di risultato ( entrambe voci retributive dovute solo ai medici in rapporto di esclusività) e considerando che termine finale del conteggio è considerato il dicembre di ogni anno nel quale sono stati svolti gli accertamenti (ciò in quanto, in virtù delle disposizioni contrattuali vigenti, non è possibile modificare il rapporto lavorativo nel corso dell anno) come qui di seguito indicato. Conseguentemente: CANZONE LA ROCCA SERIO GIALLOMBARDO PETTA , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,51 768,48 768,48 768,48 768,48 768,48 768,48 768,48 768,48 768,48 768, , , , , , , , , , , , , ,38 Oltre al danno erariale per violazione dolosa del rapporto sinallagmatico, il PM imputava anche il danno erariale per artificiosa alterazione del debito orario, contestato a CANZONE, LA ROCCA, GIALLOMBARDO, rispettivamente ai capi B), D), F) e, dall ente 4

5 danneggiato, quantificato rispettivamente in: * CANZONE Giuseppe: euro 654,27 * LA ROCCA Giuseppe: euro 537,09 * GIALLOMBARDO Stefano: euro 195,79. Alla luce delle superiori considerazioni, e specificando che sono state rielaborate le somme operate dalla AUSL nella citata nota del , il danno complessivo veniva complessivamente determinato, secondo il P.M., in euro ,53 e singolarmente imputato, a titolo di dolo o, in via subordinata, di colpa grave, come segue: CANZONE Giuseppe: euro , , ,27 = euro ,11 LA ROCCA Giuseppe: euro , , ,09 = euro ,29 SERIO Francesco Mariano: euro , ,91 = euro ,23 GIALLOMBARDO Stefano: euro , , ,79 = euro ,02 PETTA Giuseppe: euro , ,08 = euro ,88 oltre, per tutti, rivalutazione monetaria, interessi legali e spese di giudizio, queste ultime in favore dello Stato. Il processo penale, nelle more, veniva definito con sentenza n. 271/2011 del Tribunale di Termini Imerese, divenuta irrevocabile in data Alla luce anche della sentenza predetta, i Giudici di prime cure rinvenivano la responsabilità amministrativa dei convenuti per avere 5

6 violato l obbligo di esclusività imposto dalla legge ed, al contempo, beneficiato del trattamento economico più favorevole previsto per i sanitari legati da rapporto di esclusività con la AUSL, trattamento economico più favorevole dallo stesso legislatore ricondotto al rapporto di esclusività, ed il conseguente danno è stato quantificato dall amministrazione danneggiata nella citata relazione trasmessa dalla AUSL n. 6 (prot /DG datato ), sommando per ciascun medico e ciascun anno l indennità di esclusività alla retribuzione di risultato (entrambe voci retributive dovute solo ai medici in rapporto di esclusività) e considerando che termine finale del conteggio è considerato il dicembre di ogni anno nel quale stono stati svolti gli accertamenti (ciò in quanto, in virtù delle disposizioni contrattuali vigenti, non è possibile modificare il rapporto lavorativo nel corso dell anno) nei termini sopra già specificati. Inoltre, i primi Giudici rilevavano, dall esame dei prospetti allegati all informativa resa dai NAS di Palermo alla Procura della Repubblica di Termini Imerese n. 1/ del , che (per i convenuti CANZONE, GIALLOMBARDO, LA ROCCA e SERIO), sulla base delle dichiarazioni rese a s.i.t. (sommarie informazioni testimoniali) dalle loro pazienti, gli accertamenti della attività intramoenia non fatturata si erano svolti fino al settembre 2003, mentre nessun accertamento ha riguardato il In conseguenza disponevano doversi defalcare, in loro favore, la quota di danno contestato relativa al Inoltre, con riferimento a PETTA, osservavano risultare, dalla citata 6

7 sentenza penale n. 271/2011, che i fatti a lui addebitati sarebbero stati accertati solo relativamente al novembre 2002 (così modificata l'originaria rubrica all'udienza del ); in conseguenza, mancando in atti riscontri relativi al protrarsi dell attività contestata dal PM anche per gli anni successivi al 2002, disponevano doversi defalcare, in suo favore, la quota di danno contestato relativa al 2003 e 2004, mentre la quota di danno relativa al 2002 doveva essergli addebitata per intero tenuto conto che il termine finale del conteggio deve considerarsi il dicembre di ogni anno nel quale stono stati svolti gli accertamenti (ciò in quanto, in virtù delle disposizioni contrattuali vigenti, non è possibile modificare il rapporto lavorativo nel corso dell anno). Infine, i Giudici di prime cure accoglievano l eccezione di prescrizione, in quanto una parte della prestazione medica dalla quale deriverebbe il danno si era verificata dal gennaio 2001 al luglio 2002, mentre il primo atto di messa in mora è del 30 luglio 2007 e, di conseguenza, veniva dichiarata prescritta quella parte del danno che si era concretizzata prima del quinquennio precedente al (data del primo atto di messa in mora). Il danno imputabile ai convenuti veniva, pertanto, rideteminato come segue: per CANZONE Giuseppe: euro , ,70 (ind. escl. Anno 2001) 5.735,74 (7/12 ind. escl. anno 2002) 1.757,17 (retr. risult. Anno 2001) 448,28 (7/12 retr. risult. Anno 2002) ,77 (ind. escl. Anno 2004) ,12 (retr. risult. Anno 2004)= ,06; 7

8 per LA ROCCA Giuseppe: euro , ,74 (ind. escl. Anno 2000) ,83 (ind. escl. Anno 2001) 7.832,90 (7/12 ind. escl. anno 2002) 2.083,01 (retr. risult. Anno 2001) 448,28 (7/12 retr. risult. Anno 2002) = ,45; per SERIO Francesco Mariano: euro , ,83 (ind. escl. Anno 2000) ,83 (ind. escl. Anno 2001) 7.832,90 (7/12 ind. escl. anno 2002) 1.394,44 (retr. risult. Anno 2000) 2.182,51 (retr. risult. Anno 2001) 448,28 (7/12 retr. risult. Anno 2002) = ,45; per GIALLOMBARDO Stefano: euro , ,83 (ind. escl. Anno 2000) ,83 (ind. escl. Anno 2001) 7.832,90 (7/12 ind. escl. anno 2002) 1.394,44 (retr. risult. Anno 2000) 2.182,51 (retr. risult. Anno 2001) 448,28 (7/12 retr. risult. Anno 2002) = ,45; per PETTA Giuseppe: euro , ,70 (ind. escl. Anno 2000) ,70 (ind. escl. Anno 2001) 5.747,40 (7/12 ind. escl. anno 2002) 1.394,44 (retr. risult. Anno 2000) 2.182,51 (retr. risult. Anno 2001) 448,28 (7/12 retr. risult. Anno 2002) ,70 (ind. escl. Anno 2003 ) - 768,48 (retr. risult. Anno 2003) ,17 (retr. risult. Anno 2004)= 4.425,00. Avverso al suddetta sentenza hanno interposto appello solo GIALLOMBARDO, LA ROCCA e SERIO. Non risulta presentato gravame da parte di PETTA e CANZONE, nei cui confronti, pertanto, la sentenza è passata in giudicato. GIALLOMBARDO, LA ROCCA e SERIO hanno interposto appello, 8

9 tutti rappresentati e difesi dall avv. Stefano Polizzotto, deducendo: a) erroneità della sentenza in relazione alla violazione del vincolo di esclusività ed in relazione alla qualificazione del danno; b) erroneità delle sentenza in relazione alla mancanza del dolo e colpa grave; c) erroneità della sentenza in ordine alla quantificazione del danno erariale. Per tutti è stato invocato l esercizio del potere riduttivo. Per il solo LA ROCCA la difesa ha dedotto un errore materiale di calcolo (somma delle singole voci) sulla quantificazione del danno, risultante in ,17 anziché, correttamente, ,45. La Procura Generale ha depositato ritualmente le proprie conclusioni, con le quali ha chiesto il rigetto del gravame, aderendo, però, alla richiesta di correzione di errore materiale per il LA ROCCA. Alla pubblica udienza di discussione del 22 ottobre 2013, l avv. Polizzotto, per gli appellanti, ed il P.M. hanno ulteriormente illustrato e confermato le domande ed eccezioni di cui agli atti scritti. D I R I T T O Preliminarmente, trattandosi di appelli avverso una stessa sentenza, i gravami vanno riuniti ai sensi dell art. 335 c.p.c. Nel merito gli appelli appaiono infondati. Con il primo motivo di appello è stata censurata l erroneità della sentenza per quanto attiene alla violazione del vincolo di esclusività ed alla qualificazione del danno. Come correttamente evidenziato dai Giudici di prime cure, dalle 9

10 acquisizioni documentali e dalle dichiarazioni rese dalle pazienti ai NAS (informativa prot. 1/ del e informativa prot. 1/130-1 del indirizzate alla Procura della Corte dei conti), emerge con chiarezza che i medici LA ROCCA, GIALLOMBARDO e SERIO percepivano il maggior trattamento economico previsto per coloro che avevano optato per il regime di esclusività con l ente, avendo, pure, richiesto ed ottenuto, con delibera del direttore generale della AUSL 6, l autorizzazione ad espletare attività professionale nei luoghi, nei giorni, negli orari e con le tariffe stabilite nel provvedimento autorizzatorio, che, in considerazione della carenza di locali nella struttura pubblica, li autorizzava a svolgere le visite presso studi e ambulatori esterni. E emerso, del pari che, in contrasto con i provvedimenti autorizzatori e con il regolamento dell attività libero professionale intramoenia adottato con delibera del D.G. n. 397 del , i predetti seguivano le pazienti durante la loro gravidanza sottoponendole a visite periodiche presso gli studi privati, omettendo di fatturare con il bollettario aziendale la visita e percependo i compensi, anche maggiori rispetto a quelli autorizzati, senza versare la quota di spettanza alla AUSL 6, eseguendo esami strumentali avvalendosi della struttura pubblica anche per le prestazioni che non venivano fatturate e seguendo le pazienti durante il parto anche se non erano di turno. Per i soggetti legati da rapporto d impiego con la struttura pubblica la legge ha previsto (art. 4, comma 7, l. 30 dicembre 1991 n. 412, c.d. legge finanziaria per l anno 1992; art. 1, comma 5, l. 23 dicembre 1996 n.662, 10

11 c.d. legge finanziaria per l anno 1997), alternativamente, un regime di libera professione extramurario, ove il rapporto di impiego con la struttura pubblica è a tempo parziale e caratterizzato dalla possibilità di svolgere attività professionale come libero professionista al di fuori della struttura pubblica (attività extramoenia), oppure un regime di libera professione intramurario, caratterizzato da un rapporto di esclusività, a tempo pieno, con il servizio sanitario nazionale e dalla possibilità di svolgere, al di fuori del monte ore di lavoro, attività quale libero professionista all interno della struttura sanitaria con delle tariffe prestabilite (attività intramoenia ordinaria ). Successivamente, stante la carenza di spazi nelle strutture pubbliche, è stata ammessa l attività intramoenia straordinaria, autorizzabile dal direttore generale presso spazi sostitutivi esterni (quali gli stessi studi privati dei medici richiedenti). La legge finanziaria per il 1997 ha ribadito la incompatibilità tra rapporto a tempo pieno con il servizio sanitario nazionale ed esercizio dell attività professionale al di fuori della struttura pubblica di appartenenza, prevedendo che.. l'opzione per l'esercizio della libera professione intramuraria da parte del personale dipendente del Servizio sanitario nazionale, da espletare dopo aver assolto il debito orario, è incompatibile con l'esercizio di attività libero professionale. L'attività libero professionale da parte dei soggetti che hanno optato per la libera professione extramuraria non può comunque essere svolta presso le strutture sanitarie pubbliche, diverse da quella di appartenenza ( art. 1, comma 5, l. 23 dicembre 1996 n.662). 11

12 La legge finanziaria per il 1999, inoltre, ha demandato alla contrattazione collettiva la regolamentazione degli aspetti economici del rapporto dei sanitari che optavano per il regime extramurario (art. 72, comma 4, l. 23 dicembre 1998 n. 448), prevedendo, comunque, delle decurtazioni di retribuzione per i soggetti in regime extramurario..in attesa della disciplina contrattuale di cui al comma 4, a decorrere dal 1 luglio 1999, nei confronti dei dirigenti che hanno optato per l'esercizio della libera attività professionale extramuraria la retribuzione variabile di posizione è comunque ridotta del 50 per cento e non si dà luogo alla retribuzione di risultato. ( art. 72, comma 5, l. 23 dicembre 1998 n. 448). La stessa legge ha previsto degli incentivi economici per i dirigenti del ruolo sanitario che optassero per l'esercizio della libera professione intramuraria (art. 72, comma 6, l. 23 dicembre 1998 n. 448), e ribadiva, al contempo, per costoro, il divieto di effettuare..alcuna altra attività sanitaria resa a titolo non gratuito.. ; alla violazione degli obblighi connessi all'esclusività delle prestazioni, erano ricondotte ferree sanzioni quali, la risoluzione del rapporto di lavoro.., e..la restituzione dei benefici economici ricevuti, connessi al rapporto di esclusività (art. 72, comma 7, l. 23 dicembre 1998 n. 448). Con delibera del Direttore generale della AUSL n. 6 n. 397 del , avente ad oggetto adozione regolamento attività libero professionale intramoenia della dirigenza del ruolo sanitario, si prevedeva che tutti i dirigenti del ruolo sanitario, previa esplicita richiesta, potessero svolgere attività professionale intramoenia nelle strutture individuate dalla direzione generale, nei limiti e con le modalità 12

13 previste nel regolamento medesimo. Con il d.lvo 19 giugno 1999, n. 229 il legislatore integrava quindi la Disciplina della dirigenza medica e delle professioni sanitarie contemplata dall art. 15 del d.lvo 30 dicembre 1992, n. 502 ed enunciava, all art.15 quinquies (del d.lvo 502/92, come integrato dal d.lvo 229/99) le Caratteristiche del rapporto di lavoro esclusivo dei dirigenti sanitari. Con circolare n dell 8 settembre 1999 del settore Affari del personale della AUSL n. 6, intervenuta per conformarsi alle novità introdotte dal d.lvo 229/99, si prevedeva un meccanismo di silenzioassenso, secondo il quale tutti i dirigenti in servizio alla data del si sarebbero considerati in regime di esclusività, a meno che non avessero esplicitato l opzione per il regime extramurario di non esclusività. Sulla base di tale articolato percorso normativo, i Giudici di prime cure hanno ritenuto che l autorizzazione all esercizio dell attività intramuraria richiesta e ottenuta, unitamente alla mancata esplicitazione, a seguito del d.lvo 229/99 e della citata circolare n dell 8 settembre 1999, dell opzione per il regime di non esclusività, ed all esercizio di attività professionale presso un luogo non autorizzato e in violazione del regolamento interno sull attività intramoenia, abbiano reso evidente che il rapporto di lavoro degli appellanti doveva qualificarsi come esclusivo (regime intramurario) e come tale è stato retribuito. Non può revocarsi in dubbio, come vorrebbero, invece, gli appellanti, che nel loro comportamento si sia concretizzata una grave e consapevole 13

14 (dolosa) violazione degli obblighi derivanti dal rapporto di lavoro esclusivo che intercorreva con la AUSL n. 6, avendo essi, indebitamente, percepito il trattamento economico previsto per i dirigenti medici in rapporto di esclusività. Il seguire le pazienti sottoponendole a visite periodiche presso gli studi privati ed omettendo di fatturare con il bollettario aziendale la visita pur percependo i compensi, anche maggiori rispetto a quelli autorizzati, senza versare la quota di spettanza alla AUSL 6, non può ridursi ad una mera irregolarità contabile, come vorrebbe la difesa degli appellanti, ma integra la violazione dell obbligo di esclusività imposto dalla legge (cfr. Corte dei conti, Sez. Toscana, n. 279/2013). Si tratta di un comportamento ontologicamente incompatibile con quella dell intramoenia (anche allargata), che denota la volontà del soggetto di svolgere un attività libero professionale piena, in totale autonomia, pur percependo il trattamento economico più favorevole previsto per i sanitari legati da rapporto di esclusività con la AUSL, trattamento economico più favorevole dallo stesso legislatore ricondotto al rapporto di esclusività. La circostanza che i predetti abbiano, in effetti, ottenuto l autorizzazione allo svolgimento dell intramoenia allargata non altera i termini della questione, in quanto quell autorizzazione, per svolgere i propri effetti, presuppone che siano rispettati tutti i vincoli ed obblighi ad essa connessi, la cui violazione, anche di uno solo di essi e per un singolo caso, determina l interruzione della sinallagmaticità della prestazione e la violazione in radice del rapporto. 14

15 Di conseguenza, correttamente i primi giudici hanno qualificato come danno erariale la differenza tra quanto percepito da LA ROCCA, GIALLOMBARDO e SERIO in rapporto di esclusività e quanto costoro avrebbero dovuto percepire in regime di non esclusività, l unico regime compatibile con l esercizio dell attività professionale extramuraria, dai medesimi illecitamente esercitata. Né appare sostenibile che gli appellanti non fossero pienamente coscienti di violare un preciso obbligo loro imposto dallo stato giuridico rivestito e dal rapporto di impiego con la P.A. Le dichiarazioni rese dai testi in sede penale e gli accertamenti ivi svolti depongono chiaramente nel senso di un vero e proprio sistema piegato all interesse personale del singolo medico che nell appartenenza alla struttura pubblica intravedeva solo l opportunità per un più agevole sviluppo delle propria attività privata, piuttosto che il rigoroso adempimento delle obbligazioni connesse a tale status. Tale danno, poi, risulta correttamente calcolato dall amministrazione danneggiata nella citata relazione trasmessa dalla AUSL n. 6 (prot /DG datato ), sommando per ciascun medico e ciascun anno l indennità di esclusività alla retribuzione di risultato (entrambe voci retributive dovute solo ai medici in rapporto di esclusività) e considerando che il termine finale del conteggio va fissato al dicembre di ogni anno nel quale sono stati svolti gli accertamenti (atteso che, in virtù delle disposizioni contrattuali vigenti, non è possibile modificare il rapporto lavorativo nel corso dell anno). I Giudici di prime cure, poi, per gli odierni appellanti, sulla base delle 15

16 dichiarazioni rese a s.i.t. dalle loro pazienti e degli accertamenti della attività intramoenia non fatturata svolta fino al settembre 2003, hanno defalcato, in loro favore, la quota di danno contestato relativa al 2004, come pure dichiarato la prescrizione del danno verificatosi dal gennaio 2001 al luglio In tale contesto, però, appare fondata la domanda dell appellante LA ROCCA Giuseppe, relativamente alla determinazione del danno, che è stato correttamente determinato nella prima parte motiva della sentenza ( ,45), salvo, poi, ad essere erroneamente riportato in seguito e nel dispositivo in ,17. Appare evidente l errore materiale nel quale è incorso il primo Giudice, riconosciuto anche dalla Procura Generale che ha aderito alla richiesta di rimodulazione del condannatorio. Sul punto, pertanto, il gravame merita accoglimento. La presenza, infine, dell elemento doloso esclude, per tutti gli appellanti, per pacifica giurisprudenza di questa Corte, che possa farsi applicazione del potere riduttivo. La condanna alle spese segue la soccombenza. P. Q. M. La Corte dei conti - Sezione Giurisdizionale d appello per la Regione Siciliana, definitivamente pronunciando, previa riunione in rito, in parziale accoglimento dell appello proposto da LA ROCCA Giuseppe, ridetermina il danno a lui addebitabile in ,45, oltre rivalutazione monetaria ed interessi legali, nei termini di legge. Rigetta, per tutti, nel resto l appello e, per l effetto, conferma la 16

17 sentenza impugnata. Condanna gli appellanti, in parti uguali tra loro, al pagamento in favore dello Stato delle spese del presente grado di giudizio che si liquidano in complessivi 1.343,14 (milletrecentoquarantatre/14). Ordina che, ai sensi dell art.24 del R.D. 12 agosto 1933, n.1038, copia della presente sentenza sia trasmessa dalla segreteria in forma esecutiva all ufficio del Pubblico Ministero, affinché quest ultimo ne curi l inoltro alle Amministrazioni interessate per l esecuzione in conformità a quanto disposto dal D.P.R. 24 giugno 1998, n.260. Così deciso in Palermo, nella camera di consiglio del 22 ottobre L ESTENSORE F.TO (Pino Zingale) IL PRESIDENTE F.TO (Salvatore Cilia) Depositata in segreteria nei modi di legge Palermo, 11/11/2013 Il Direttore della Segreteria F.TO (Nicola Daidone) 17

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 52 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Angela PRIA

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG LA CORTE DEI CONTI In Sezione delle Autonomie nell adunanza del 31 marzo 2010 Visto il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. 12 luglio 1934,

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Al riguardo, infatti, non si ravvisa alcun deficit motivazionale a carico della valutazione della Commissione di gara, che ha precisato l impossibilità di tenere conto delle indicazioni fornite

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Pagina 1 di 13 N. 01842/2015REG.PROV.COLL. N. 08855/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 Integrale Sanzioni disciplinari - trasferimento del lavoratore per giustificato motivo tecnico,

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

L INFORMAZIONE GIURIDICA

L INFORMAZIONE GIURIDICA L INFORMAZIONE GIURIDICA note di giurisprudenze sulla responsabilità professionale medica nota II/2009 a cura di Alessandro Riccioni e Nicola Mazzera, avvocati in Roma LA CLINICA (DI REGOLA) RISPONDE DELL

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini.

La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini. La Corte dei Conti. Uno strumento di difesa insostituibile per i cittadini. Corte dei conti Via Antonio Baiamonti, 25 00195 Roma Tel. +39 0638761 Fax +39 0638763477 www.corteconti.it C C Corte dei conti

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli