Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego"

Transcript

1 Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 5 LA PENSIONE DI INVALIDITÀ ED INABILITÀ. LE PENSIONI INDIRETTE. L ASSEGNO SOCIALE. Introduzione I lavoratori con la contribuzione previdenziale tutelano anche il rischio della privazione totale o parziale della capacità lavorativa causata da infortunio o malattie (pensione di inabilità e di invalidità). Questi istituti concludono il quadro sin qui delineato delle prestazioni previdenziali cd dirette, erogate cioè direttamente in

2 favore del lavoratore iscritto all INPDAP ora INPS (pensione di vecchiaia, di anzianità e/o cd anticipata) Va rilevato infatti che delle prestazioni previdenziali indirette di reversibilità e/o ai superstiti ne beneficiano gli eredi del lavoratore iscritto all ente previdenziale: la posizione contributiva e previdenziale costituendo patrimonio del lavoratore - può essere giuridicamente ereditata in caso di decesso. Ma v è un ulteriore ratio assistenziale e sociale a sostegno di tali istituti: le prestazioni indirette compensano la perdita dell apporto economico del lavoratore deceduto in favore dei propri familiari. Infine l assegno o cd pensione sociale invece, è totalmente scollegato dalla contribuzione o posizione previdenziale, e costituisce per ragioni - accennate nell incipit del presente lavoro - la tipica forma di tutela assistenziale - in favore di soggetti svantaggiati che non godono di copertura assicurativa - fondata prioritariamente sullo status di bisogno del cittadino (assegno o pensione sociale) 1 - La pensione di invalidità. L invalidità art.1 lex 222/84 è la ridotta capacità lavorativa in modo permanente in ragione di infermità, patologie o carenze fisiche o mentali, a meno di un terzo (67%) Il riconoscimento dell invalidità dà diritto alla pensione di invalidità. L assegno pensionistico di invalidità ha durata di 3 anni passibile di 2

3 riconferma o rinnovo a domanda - a condizione del permanere della condizione di invalidità. La permanenza della ridotta capacità lavorativa è elemento costitutivo e non deve essere in alcun modo reversibile o aumentabile in ragione di interventi medici o farmacologici pena quindi la revoca del beneficio. Dopo tre riconoscimenti consecutivi il trattamento pensionistico diviene definitivo. L assegno di invalidità si tramuta in pensione di vecchiaia con la maturazione dei requisiti in capo al soggetto beneficiario: il lavoratore che gode della pensione di invalidità deve avere almeno 20 anni di contribuzione utili comprensivi degli anni di godimento della pensione di invalidità utili solo ai fini dell accertamento del diritto e non ai fini della quantificazione della pensione. 2 - Pensione di inabilità L inabilità è l impossibilità totale, assoluta e permanente a svolgere qualsiasi lavoro produttivo di reddito (vd legge 222/84 art. 8) non dipendente da cause di servizio. Il riconoscimento dell inabilità dà diritto alla pensione di inabilità a condizione che cessi il rapporto lavorativo in atto e che non vi siano al contempo ulteriori redditi da lavoro stante l impossibilità ed 3

4 incompatibilità dello status dell inabile a lavoro. produrre reddito da Il trattamento di pensione è calcolato sulla base dell anzianità contributiva maturata. Ma l anzianità contributiva maturata è incrementata di un riconoscimento aggiuntivo (cd bonus), in particolare: a) del periodo occorrente - dalla data di cessazione dal servizio per l inabilità - al compimento del limite di età nel sistema retributivo; oppure b) del periodo occorrente al compimento del sessantesimo anno di età nel sistema misto e contributivo. L importo della pensione non può superare l 80% della base pensionabile se liquidata con il retributivo, né può essere superiore al trattamento pensionistico privilegiato per infermità da causa di servizio. La richiesta deve essere effettuata personalmente dal lavoratore e non può esser richiesta dai superstiti. La pensione di inabilità può diventare un trattamento indiretto o reversibile se la richiesta di accertamento è stata presentata dall iscritto o dal pensionato prima del suo decesso. In questo caso gli organi competenti accertano in maniera postuma lo stato di inabilità del defunto ed all esito ove vi siano i presupposti conferiscono il trattamento di reversibilità ai superstiti. 4

5 Il trattamento pensionistico accertato lo status di inabilità - diviene permanente salvo revisioni. Va evidenziato che all esito dell accertamento il lavoratore pur non riconosciuto inabile in maniera permanente al lavoro può esser dichiarato inabile alle mansioni lavorative specifiche: in tale evenienza il dipendente è posto a riposo a prescindere dai requisiti necessari per ottenere trattamenti pensionistici. 3 - Elementi comuni alla pensione di invalidità e inabilità Il trattamento di invalidità e di inabilità ha come presupposto soggettivo che i richiedenti abbiano maturato almeno cinque anni di anzianità contributiva di cui almeno tre nell ultimo quinquennio. L indennità di accompagnamento lex 18 del è un ulteriore ausilio in favore di chi in stato di incapacità lavorativa - necessità di ausilio per deambulare o per l assistenza continuativa, per impossibilità oggettiva a compiere atti della vita quotidiana. 3 segue le NUOVE MODALITA DI RICONOSCIMENTO L inabilità o l invalidità corrisponde rispettivamente a un assoluta impossibilità a svolgere una qualsiasi attività che produca reddito o ad una ridotta capacità lavorativa in una percentuale variabile. In ragione dell ente datoriale di appartenenza tale status è accertato dalle commissioni mediche delle Aziende Usl, dalle Commissioni mediche di verifica o ospedaliere o dagli Ospedali militari. 5

6 Il procedimento amministrativo si conclude con un provvedimento in cui si dichiara che - per l inabilità - il lavoratore è assolutamente e permanentemente inabile a qualsiasi attività lavorativa o a proficuo lavoro e - per l invalidità che il lavoratore ha una percentuale di riduzione della capacità lavorativa. La legge 111 del 2011 ha inserito l'art. 445-bis nel codice di procedura civile che prevede a condizione di procedibilità nelle controversie in materia di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità, nonché di pensione di inabilità e di assegno di invalidità, disciplinati dalla legge 12 giugno 1984, n. 222, un accertamento tecnico preventivo obbligatorio. L accertamento tecnico preventivo è necessario in caso lo status di invalidità o inabilità non sia stato riconosciuto in via amministrativa o il soggetto non ne accetti l esito (per es. la contestazione della percentuale di invalidità). Il Giudice valuta la ammissibilità e rilevanza della domanda sulla scorta degli atti del procedimento amministrativo e i provvedimenti conclusivi e fissa la comparizione del CTU direttamente alla prima udienza fissata. Il ricorso soggiace a specifici termini di decadenza: - per l'invalidità civile, la cecità civile, il sordomutismo, l'handicap e la disabilità ai fini del collocamento obbligatorio al lavoro, l'art. 42 D.L. 269/03 prevede che la domanda giudiziale sia proposta, a pena di decadenza, avanti alla competente autorità 6

7 giudiziaria entro e non oltre sei mesi dalla data di comunicazione all'interessato del provvedimento emanato in sede amministrativa; - per i trattamenti pensionistici ex L. 222/84 invalidità, inabilità e privilegio - l'art. 47 co.2 D.P.R. 639/1970, prevede che l'azione giudiziaria può essere proposta, a pena di decadenza, entro il termine di tre anni dalla data di comunicazione della decisione del ricorso pronunziata in sede amministrativa o dalla data di scadenza del termine stabilito per la pronunzia della predetta decisione, ovvero dalla data di scadenza dei termini prescritti per l'esaurimento del procedimento amministrativo, computati a decorrere dalla data di presentazione della richiesta di prestazione. Le parti entro un termine perentorio fissato dal giudice - devono dichiarare, con atto scritto depositato in cancelleria, se intendono contestare le conclusioni del consulente tecnico dell'ufficio. In mancanza di contestazione il Giudice omologa l'accertamento sanitario secondo le risultanze della CTU provvedendo sulle spese. L ente competente provvede al pagamento delle prestazioni spettanti nel termine di 120 gg. In caso una parte dichiari il dissenso alla CTU deve depositare, entro il termine perentorio di trenta giorni dalla formulazione del dissenso, il ricorso introduttivo del giudizio, specificando, a pena di inammissibilità, i motivi della contestazione. La sentenza di tale procedimento è inappellabile se riguarda il solo requisito medicosanitario. 7

8 4 - Pensione di privilegio ed equo indennizzo. ABOLIZIONE. La legge 214 del 2011 ha previsto l abrogazione degli istituti dell'accertamento della dipendenza dell'infermità da causa di servizio, del rimborso delle spese di degenza per causa di servizio, dell'equo indennizzo e della pensione privilegiata. Le pensioni privilegiate e di equo indennizzo continuano ad essere in vigore per il personale appartenente al comparto sicurezza, difesa, vigili del fuoco e soccorso pubblico. Sono fatti salvi i procedimenti in corso o per i quali non è scaduto il termine di presentazione della domanda. La pensione diretta di privilegio consisteva in un trattamento di natura economica spettante al dipendente pubblico divenuto inabile al lavoro per patologie danno fisico o malattia - derivanti da causa di servizio e quindi causate dalle condizioni di lavoro. La concessione del privilegio avveniva indipendentemente dagli anni di servizio e si otteneva a seguito di accertamento sanitario effettuato dalle commissioni o comitati medici. Le infermità erano suddivise in otto categorie, dall ottava (infermità meno gravi) alla prima (le più gravi) passibili di aggravamento. Il dipendente pubblico allo stato al pari dei dipendenti privati - in caso di patologia da causa di servizio conserva 8

9 integra la tutela derivante dall'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali. 5 - La pensione ai superstiti Gli eredi superstiti del lavoratore deceduto danneggiati dalla cessazione dell ausilio economico dato dalla pensione del defunto - possono beneficiare di un trattamento indiretto dall ente previdenziale. La pensione ai superstiti è una prestazione economica e previdenziale erogata in favore dei superstiti del pensionato deceduto ed è vitalizia in quanto cessa con la morte del beneficiario o con il venir meno delle condizioni e requisiti richiesti. La domanda per la pensione ai superstiti di reversibilità o indiretta può essere avanzata - in qualsiasi momento successivo alla morte dell iscritto o del pensionato al datore di lavoro e/o all ente previdenziale che istruisce il procedimento di verifica delle condizioni in capo al defunto ed agli eredi richiedenti. La pensione ai superstiti comprende: - la cd pensione di reversibilità: il lavoratore deceduto era titolare di una pensione di: vecchiaia, anzianità, inabilità o invalidità; 9

10 - la cd pensione indiretta: il lavoratore deceduto, non era ancora titolare di pensione ed ancora in attività lavorativa, ma aveva requisiti contributivi per la maturazione (15 anni di contribuzione o, in via alternativa, 5 anni di contribuzione, di cui tre versati negli ultimi cinque anni) Le misure della pensione e le percentuali spettanti. La pensione di reversibilità e indiretta spetta ai superstiti in misura percentuale rispetto all importo del trattamento di pensione percepito o da percepire in caso di riconoscimento postumo - dal lavoratore. La quota percentuale spettante al superstite varia in ragione della tipologia di superstite beneficiario: titologia di Superstiti Coniuge 60% Coniuge con un figlio (60% coniuge, 20% figlio) Coniuge con due o più figli (60% coniuge, 40% figli) Quota percentuale spettante 80% 100% Figlio solo 70% Due figli soli 80% Tre o più figli soli 100% Genitori Fratelli e sorelle (fino a sei) Fratelli e sorelle (da sette in poi) 100% 15% ciascuno 15% ciascuno 10

11 I requisiti La legge richiede per la pensione ai superstiti requisiti specifici sia in capo al lavoratore defunto che in capo ai soggetti beneficiari. Tali requisiti devono sussistere al momento del riconoscimento - pena il diniego - e persistere nel tempo, pena la revoca della pensione I requisiti: del lavoratore Il lavoratore deceduto deve essere titolare di pensione e/o in caso il decesso avvenga quando ancora non aveva percepito la pensione, ma deve essere in possesso in via alternativa: - dei requisiti contributivi previsti dalla precedente normativa sulla vecchiaia (15 anni di contribuzione) - dei requisiti per il riconoscimento della pensione di invalidità (5 anni di cui tre nell ultimo quinquennio) (in tale caso come visto spetta ai superstiti nelle more dell accertamento) I requisiti: dei superstiti. I superstiti del lavoratore cui spetta la pensione di reversibilità o la pensione indiretta sono: - Il coniuge ed i figli (e tutti i soggetti agli stessi equiparati ed i nipoti a carico) ed in loro mancanza: - i genitori, i fratelli celibi e le sorelle nubili. 11

12 Ma in capo a ciascuna categoria di superstiti vi sono dei requisiti da possedere. A - Il coniuge: - il coniuge ha diritto al trattamento pensionistico ai superstiti se il rapporto matrimoniale con il pensionato o avente diritto era esistente al momento del decesso. Il coniuge patisce delle restrizioni anche in ragione della differenza di età anagrafica dei coniugi ove il matrimonio sia stato contratto quando il coniuge aveva più di 70 anni. L articolo 18, comma5, della legge 111/2011 prevede riduzioni all importo della pensione per le pensioni ai superstiti (di reversibilità o indirette) nel caso in cui il coniuge deceduto aveva contratto matrimonio in un età superiore a 70 anni ed il coniuge superstite una differenza di età superiore ai 20 anni. La percentuale di riduzione è del 10% per ogni anno di matrimonio mancante rispetto al decimo anno. Efficacemente la norma è stata definita antibadanti (per i numerosi casi verificatisi) al fine di disincentivare i cd matrimoni di comodo tra un anziano ed una giovane. Coniuge > 70 anni con differenza di età rispetto all altro > di 20 anni Durata del matrimonio percentuale di pensione al coniuge superstite 10 anni 60% 9 anni 54% 8 anni 48% 7 anni 42% 6 anni 36% 5 anni 30% 4 anni 24% 3 anni 18% 2 anni 12% 1 anno 6% 12

13 Non si applica alcuna riduzione se oltre al coniuge vi è la presenza di figli minori studenti e quindi non autonomi economicamente e/o inabili. V è una peculiarità da evidenziare: il coniuge superstite che si risposa perde il diritto a pensione, ma ha diritto a un assegno di liquidazione pari a due annualità del trattamento indiretto percepito. Relativamente al coniuge vanno evidenziate le seguenti variabili in ragione del rapporto coniugale sussistente al momento del decesso: - il coniuge separato consensualmente ha diritto alla pensione ai superstiti - il coniuge separato "con addebito (per colpa)" ha diritto alla pensione solo in caso sia titolare di assegno alimentare a carico del deceduto - il coniuge divorziato ha diritto alla pensione solo se titolare di assegno divorzile, non sia risposato e vi sia contribuzione del lavoratore deceduto per servizi lavorativi precedenti la sentenza di divorzio. B i figli - I figli legittimi, e quelli equiparati sotto il profilo giuridico (legittimati, adottati, affiliati, naturali, legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati, nati da precedente matrimonio del 13

14 deceduto) alla data del decesso hanno diritto alla pensione ai superstiti se: - minorenni ; - inabili ed a carico del lavoratore deceduto - studenti, fino all età di 21 anni, a carico del lavoratore deceduto che non hanno reddito da attività lavorativa; - studenti universitari fino all età di 26 anni a carico del lavoratore che non hanno reddito da attività lavorativa. C I nipoti Rientrano tra gli aventi diritto anche i nipoti minori conviventi non titolari di pensione o non indipendenti economicamente o a carico del lavoratore deceduto che ne curava il mantenimento D altri superstiti aventi diritto. In mancanza delle categorie di soggetti succitati la pensione ai superstiti spetta a: - genitori ultrasessantacinquenni, non pensionati ed a carico del lavoratore deceduto - fratelli celibi o sorelle nubili se inabili, non pensionati ed a carico del lavoratore deceduto. 14

15 5.5 l erede a carico E considerato a carico del defunto l erede: - convivente, con reddito pari o inferiore al minimo Inps maggiorato del 30%; (in tale reddito si calcola anche l indennità di accompagnamento per i figli inabili di cui all articolo 5 della legge 222/84); - non convivente, non autonomo economicamente ed al cui mantenimento concorreva il defunto (ma tale accertamento va compiuto dall Ufficio previdenziale a seguito di domanda) Cumulabilità con altri redditi del beneficiario La pensione di reversibilità subisce anche limitazioni percentuali in caso il soggetto beneficiario abbia propri redditi. Sono esclusi da questa riduzione o limitazione il coniuge con figli minori, studenti o inabili inclusi nello stesso stato di famiglia ed i figli soli. La legge 335/1995 (tabella F allegata) prevede specifiche riduzioni in ragione delle misure di reddito rapportate al trattamento minimo INPS annuo in capo al beneficiario: - nessuna riduzione dell importo della pensione se il reddito del beneficiario non è superiore a tre volte il minimo Inps 15

16 - riduzione del 25% dell importo della pensione, quando il beneficiario sia in possesso di un reddito superiore a 3 volte il trattamento minimo - riduzione del 40% dell importo della pensione, quando il beneficiario sia in possesso di un reddito superiore a 4 volte il trattamento minimo; - riduzione del 50% dell importo di pensione, se il beneficiario sia in possesso di un reddito superiore a 5 volte il trattamento minimo. con i valori Pertanto OGNIPARENTEHALASUAQUOTA Pertanto con i valori aggiornati del trattamento minimo annuo al 2012 gli eredi con reddito sottoindicato avranno le seguenti riduzioni sulla pensione spettante Reddito riduzione Fino a euro ,67 nessuna oltre euro ,67 fino a euro ,56 del 25% oltre euro ,56 fino a euro ,45 del 40% oltre euro ,45 del 50% 6 l assegno sociale L assegno sociale è la prestazione assistenziale - che esula dalla posizione contributiva - riconosciuta ai cittadini italiani residenti in Italia che si trovano in disagiate condizioni economiche. Viene riconosciuto ex legge 335 del 95 - a coloro che abbiano compiuto 65 anni ed hanno condizioni reddituali ed economiche previste ex lege. La legge 214 del 2011 (art.24) prevede un graduale innalzamento del requisito anagrafico previsto per percepire l assegno sociale: è attualmente fissato a 65 anni ed è previsto nel 2018 a 66 anni e 7 16

17 mesi allineandosi così ai requisiti anagrafici ed ai progressivi innalzamenti previsti dalla legge per la pensione di vecchiaia. Presupposto per il riconoscimento è la residenza in Italia del soggetto beneficiario; in mancanza - e per periodi di permanenza all estero superiori ad un mese salvo motivi di salute l erogazione dell assegno viene sospesa. Il beneficio è revocato definitivamente se la sospensione perdura per un anno e persiste la situazione di non residenza. I cittadini comunitari e i familiari a carico, che regolarmente risiedono in Italia per periodi superiori a 3 mesi, possono avanzare richiesta se in possesso degli ulteriori requisiti reddituali ed economici (d. lg.vo 30/2007). La legge 388/2000 (art. 20), ha aggiunto il requisito del soggiorno continuativo e regolare in Italia per almeno 10 anni. L importo intero dell assegno sociale per il 2012 è 429 euro mensili per tredici mensilità, pari a euro annuali. L assegno sociale spetta in misura intera in assenza totale di redditi del beneficiario; in presenza di redditi - personali e/o cumulato con quelli del coniuge viene ridotto proporzionalmente. Infatti: - non si ha diritto all assegno sociale in caso di redditi superiori all importo dell assegno sociale. - in caso di redditi inferiori all importo dell assegno sociale l importo dell assegno viene ridotto: la riduzione sarà variabile ed operata al fine di raggiungere - con il reddito proprio posseduto - l importo dell assegno sociale. 17

18 Il concetto di reddito - ai fini dell esclusione o riduzione dell assegno sociale include tutto ciò che si possiede in via continuativa (assegni alimentari, pensione di guerra, etc ). Vengono esclusi dal calcolo il reddito derivante dalla casa di proprietà abitata dal beneficiario, il TFR, gli assegni per assistenza personale e per invalidità permanente erogati dall INAIL, le indennità di accompagnamento. Per i soggetti più indigenti tra i titolari di assegno sociale sono previsti ulteriori sostegni ed aumenti (per es. per gli ultra settantenni). BIBLIOGRAFIA M.Persiani Diritto e Previdenza Sociale - Padova M.Persiani G.Proia Diritto del Lavoro Padova A.Di Stasi Diritto del lavoro e della previdenza Sociale Milano S. Merz G.Martorana Manuale pratico della Previdenza e Assicurazione Sociale Padova G.S.Passatelli - Diritto del lavoro e della previdenza Sociale Roma T.Bussino - Previdenza - Milano 18

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali L'attività dell Inps consiste nella liquidazione e nel pagamento delle prestazioni che possono essere di natura previdenziale assistenziale sono liquidate sulla base di rapporti assicurativi e finanziate

Dettagli

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Premessa Il sistema previdenziale per gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale, come quello dei pubblici dipendenti, risulta notevolmente

Dettagli

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap)

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap) Pensione di reversibilità ENPAM INPS ( ex-inpdap) La pensione di reversibilità, anche conosciuta come pensione ai superstiti, è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei superstiti La

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE Le PRESTAZIONI PREVIDENZIALI sono un trasferimento di denaro che sostituisce il reddito da lavoro nel momento in cui si verificano determinati eventi, quali:

Dettagli

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP)

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) INDICE Definizione- Differenti regole in ENPAM ed in INPS Slide 3 ENPAM - Pensione indiretta e pensione di reversibilità ai superstiti-superstiti Slide

Dettagli

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo.

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. A) La prestazioni per invalidità nel regime generale obbligatorio La legge

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA )

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) DUE TIPI DI PENSIONE La pensione ai superstiti può essere: 1) DI REVERSIBILITA' : se il defunto è già titolare di pensione diretta (vecchiaia, inabilità, anzianità).

Dettagli

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati.

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati. PENSIONI In virtù del principio della territorialità dell obbligo assicurativo, i lavoratori devono essere assicurati ai fini previdenziali ed assistenziali nel Paese in cui svolgono attività lavorativa.

Dettagli

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati 1 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa LA PENSIONE INPDAP informa LA PENSIONE Pensione ordinaria di vecchiaia Pensione ordinaria di anzianità Cumulo tra prestazione pensionistica diretta e redditi da lavoro Pensione di inabilità Altre tipologie

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere:

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere: LA PENSIONE AI SUPERSTITI La Pensione ai superstiti può essere: - di reversibilità: nel caso in cui il defunto fosse già titolare di pensione (di vecchiaia, di anzianità, di inabilità) prima del decesso.

Dettagli

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1 TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1. Premessa Preliminarmente va sottolineato che la reversibilità ha natura previdenziale e non assistenziale.

Dettagli

ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME

ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME a ipost LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME indice 5 Presentazione 6 Dalla Riforma Amato al Protocollo sul Welfare: evoluzione e cambiamento del sistema

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Emilia Romagna Stefania Trombetti

Dettagli

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP PENSIONI Il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 (articolo 1, comma 8) prevede la possibilità per i lavoratori con invalidità non inferiore all 80%, di anticipare l età pensionabile (pensione di

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI

LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI La pensione di vecchiaia Si accede a tale prestazione al raggiungimento di una determinata età pensionabile e dopo aver maturato il requisito contributivo minimo richiesto

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA LA PENSIONE DI REVERSIBILITA La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl.n. 636) spetta a: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità Superstiti dell assicurato

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO FOCUS SU CASI PARTICOLARI NELLA GESTIONE Gestione pensioni Investimenti Intervengono: Dott.ssa Tiziana Bocus Dott.ssa Giuseppina Castiglione Esperte

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE L assegno per il nucleo familiare e' una prestazione a sostegno delle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei titolari di prestazione a carico dell'assicurazione generale obbligatoria,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012 Direzione Centrale Pensioni Roma, 14/06/2012 Circolare n. 84 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

INDICE. (clicca per andare al documento)

INDICE. (clicca per andare al documento) INDICE (clicca per andare al documento) 1. Proposta di Legge della Fap 2. Relazione 3. Documento tecnico di accompagnamento 4. Presentazione della proposta di legge a cura di Damiano Bettoni Istituzione

Dettagli

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità Autore: Titolo: Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento lavoro Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici

Dettagli

L'assegno per il nucleo familiare

L'assegno per il nucleo familiare L'assegno per il nucleo familiare A CHI SPETTA L'ASSEGNO AL CONIUGE I REQUISITI PER QUALI PERSONE SPETTA LA DOMANDA CHI PAGA L'ASSEGNO IL RICORSO ASSEGNO DI SOSTEGNO LIMITI DI REDDITO ANNUO TABELLE E'

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS CIRCOLARE A.F. N. 95 del 22 giugno 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Prestazioni Previdenziali INPS, ex INPDAP, ex ENPALS, ecc..

Prestazioni Previdenziali INPS, ex INPDAP, ex ENPALS, ecc.. Presentazione L ENAC è il Patronato dell Unione Coltivatori Italiani, che si occupa su tutto il territorio nazionale della tutela sociale di tutti i cittadini, per la richiesta di tutte le prestazioni

Dettagli

SPECCHI RIASSUNTIVI DEI BENEFICI SPETTANTI ALLE VITTIME

SPECCHI RIASSUNTIVI DEI BENEFICI SPETTANTI ALLE VITTIME SPECCHI RIASSUNTIVI DEI BENEFICI SPETTANTI ALLE VITTIME o del terrorismo o del dovere ed equiparati o del servizio IN AGGIUNTA ALLA PENSIONE PRIVILEGIATA ED ALL EQUO INDENNIZZO DESTINATARI ISTITUTI (*)

Dettagli

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare Tra gli elementi aggiuntivi della retribuzione vi può essere l'assegno familiare. Va precisato, anzi tutto,

Dettagli

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA... Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...3 LA DOMANDA...4 CHI PAGA L'ASSEGNO...4 IL RICORSO...5 ASSEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Art. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali: a) Pensione di vecchiaia; b) Pensione di anzianità; c) Pensione di invalidità;

Dettagli

ANF per il lavoro dipendente

ANF per il lavoro dipendente ANF per il lavoro dipendente ISTRUZIONI PER L USO BERGAMO ENZO MOLOGNI LAVORO DIPENDENTE D.P.R. 30 MAGGIO 1955, N 797 (Assegni familiari) LEGGE 13 MAGGIO 1988, N 153 (Assegni al nucleo familiare) RIFERIMENTI

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

1.Introduzione. Roma, 16/02/200. Ai Dirigenti Generali LORO SEDI. Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI

1.Introduzione. Roma, 16/02/200. Ai Dirigenti Generali LORO SEDI. Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI Roma, 16/02/200 Ai Dirigenti Generali istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI UFF. 1 NORMATIVA AA.GG. LORO SEDI Ai Direttori

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali:

Dettagli

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori:

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Gli ammortizzatori sociali in pillole Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Assegno per il nucleo familiare A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze USR Emilia Romagna)

Dettagli

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario TuttoInps Le prestazioni a sostegno del reddito L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA... 2 L'ASSEGNO AL CONIUGE... 2 I REQUISITI... 3 PER QUALI PERSONE SPETTA... 3 LA DOMANDA... 4 CHI

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 12/09/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 12/09/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 12/09/2014 Circolare n. 104 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI GESTIONE SEPARATA ENPAPI RISPOSTE AI DUBBI PIÙ FREQUENTI PRESTAZIONI ASSISTENZIALI SOMMARIO PRESTAZIONI ASSISTENZIALI - ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE... 2 PRESTAZIONI ASSISTENZIALI - INDENNITÀ DI MATERNITÀ

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

Legge 12 giugno 1984, n. 222. Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile

Legge 12 giugno 1984, n. 222. Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile Legge 12 giugno 1984, n. 222 Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile Assegno ordinario di invalidità Art. 1 1. Si considera invalido, ai fini del conseguimento del diritto ad assegno nell'assicurazione

Dettagli

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF Allegato A) alla deliberazione del Comitato Esecutivo n. *** dd. **.11.2015 DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA

Dettagli

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità.

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità. Circolare INPS del 27 giugno 2001 n. 132 OGGETTO: Articolo 9, comma 3, della legge n. 898/1970, nel testo sostituito dall articolo 13 della legge 6 marzo 1987, n. 74. Attribuzione al coniuge divorziato,

Dettagli

SI PREGA DI PRENDERE APPUNTAMENTO PRIMA DEL 15 NOVEMBRE 2013 AL N. 0465/339512

SI PREGA DI PRENDERE APPUNTAMENTO PRIMA DEL 15 NOVEMBRE 2013 AL N. 0465/339512 MODULO RACCOLTA DATI PER LA REDAZIONE DELLA DOMANDA DI ASSEGNO DI STUDIO - ANNO SCOLASTICO 2013/2014 COGNOME E NOME DEL SOGGETTO RICHIEDENTE (il genitore o colui che ha l esercizio della potestà o lo studente

Dettagli

C i r c o l a r i. Siri. E d i z i o n e I I d i G i u g n o 2 0 1 5. BONUS BEBÈ, Assegno a sostegno della natalità

C i r c o l a r i. Siri. E d i z i o n e I I d i G i u g n o 2 0 1 5. BONUS BEBÈ, Assegno a sostegno della natalità C i r c o l a r i E d i z i o n e I I d i G i u g n o 2 0 1 5 BONUS BEBÈ, Assegno a sostegno della natalità Siri Consulenza e Organizzazione Srl Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano MI Tel. 0331-776177

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle Organizzazioni

Dettagli

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE DIRITTI SOCIALI IN CARCERE Guida pratica per l accesso alle misure a sostegno del reddito A cura dei volontari dell associazione l altro diritto Realizzata nell ambito del progetto diritti in azione, rete

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 1 Art. 4 Art. 5 Art. 7 Contributo soggettivo c.2 Contributo facoltativo c.4 Contributo figurativo Contributo integrativo

Dettagli

Pensioni INPS. Prime tabelle

Pensioni INPS. Prime tabelle Pensioni INPS 2012 Prime tabelle Gli importi delle pensioni INPS dal 1 gennaio 2012 e limiti di reddito per alcune prestazioni sociali La perequazione automatica in base all aumento del costo della vita,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO 1 PRINCIPALI FONTI NORMATIVE E REGOLAMENTARI Legge 335/1995, art. 2, comma 25; Dlgs 103/96; Legge 247/07, art 1, comma 80 (norme di attuazione del Protocollo welfare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Prot. n VII 8 n 12643 del 16.05.2012 Circolare n 12 del 16.05.2012 Allegati n A A Tutti i Professori e ricercatori Tutto il personale tecnico amministrativo LORO SEDI OGGETTO: Circolare informativa in

Dettagli

La disposizione in esame opera per i decessi intervenuti a decorrere dal 1 dicembre 2011.

La disposizione in esame opera per i decessi intervenuti a decorrere dal 1 dicembre 2011. Pensione ai superstiti ed art. 18 della L. 111/2011 Staiano Rocchina riduzione sulle pensioni ai superstiti Art. 18, comma 5, della L. 111/2011: premessa Il comma 5 dell art. 18 della L. 111/2011 dispone,

Dettagli

Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali.

Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali. Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali. Art. 1. 1. Al lavoratore dipendente, pubblico o privato, che sia o sia stato iscritto a forme

Dettagli

CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013

CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013 Direzione Generale Servizio Personale U.O. Trattamento Economico PROT.GEN.N.44751 CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013 In esecuzione del

Dettagli

Gli artigiani e i commercianti

Gli artigiani e i commercianti L LE E G GU UI ID DE E Premessa Artigiani Questa guida è interamente dedicata alle gestioni Inps degli artigiani e dei commercianti. Contiene tutte le informazioni che riguardano questi lavoratori, i criteri

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

Legge 12 giugno 1984, n. 222 Revisione della disciplina della invalidità pensionabile.

Legge 12 giugno 1984, n. 222 Revisione della disciplina della invalidità pensionabile. Legge 12 giugno 1984, n. 222 Revisione della disciplina della invalidità pensionabile. Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 giugno 1984, n. 165. Articolo 1 Assegno ordinario di invalidità. 1. Si considera invalido,

Dettagli

13 lezione il sistema della previdenza

13 lezione il sistema della previdenza 13 lezione il sistema della previdenza Legislazione sociale del lavoro Legislazione sociale preventiva PREVIDENZA assistenza Statuto dei lavoratori Privacy Sicurezza 1 La previdenza sociale è una branca

Dettagli

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva)

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo o Totalizzazione retributiva La legge di stabilità 2013 -Legge 24/12/ 2012 n. 228- introduce una nuova istituzione : il cumulo contributivo,

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola Lo Stato assiste i pazienti oncologici attraverso il riconoscimento

Dettagli

Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI

Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI 1 Legge 104/92 e successive integrazioni Legge quadro per l assistenza l integrazione sociale e i diritti delle persone disabili Permessi e congedi

Dettagli

TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2

TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2 TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2 TIPOLOGIE DI SUCCESSIONI La successione legittima. È la successione disposta dalla legge, qualora il soggetto deceduto, non abbia disposto, in tutto o in parte, dei suoi

Dettagli

ANF : nuovi livelli di reddito

ANF : nuovi livelli di reddito FIOM INFORMA ANF : nuovi livelli di reddito luglio 2013-giugno 2014 NPS, con circolare 84/2013 pubblica le nuove tabelle utili per le richieste di ANF (assegno al nucleo familiare) per il periodo Luglio

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI

SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI ART. 1 (Ambito di applicazione) l. Il presente Regolamento disciplina il sistema previdenziale dei deputati in carica alla data del l gennaio 2012 ovvero

Dettagli

Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione situazione nucleo familiare dal

Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione situazione nucleo familiare dal RESIDENTE ALL ESTERO Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria All Area Gestione e Sviluppo Risorse Umane Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

I lavoratori autonomi in agricoltura

I lavoratori autonomi in agricoltura L I Premessa Chi sono Da alcuni anni è stata riconosciuta una più ampia tutela previdenziale a coloro che svolgono l attività autonoma in agricoltura. In questa guida sono contenute tutte le informazioni

Dettagli

GUIDA FISAC. PrevidenzaGenerale CGIL FISAC

GUIDA FISAC. PrevidenzaGenerale CGIL FISAC GUIDA FISAC PrevidenzaGenerale 2015 CGIL FISAC FISAC CGIL - Dipartimento Comunicazione - www.fisac-cgil.it - Guida alla Previdenza 2015 Guida alla Previdenza Generale 2015 A cura di Giampiero Reccagni

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

PUBBLICO IMPIEGO. 1 gennaio anno. successivo se età inferiore a 57 anni. 1 gennaio anno. successivo se età inferiore a 57 anni.

PUBBLICO IMPIEGO. 1 gennaio anno. successivo se età inferiore a 57 anni. 1 gennaio anno. successivo se età inferiore a 57 anni. PUBBLICO IMPIEGO FINESTRE DI ACCESSO ALLA PENSIONE DI ANZIANITA Fino al 31/12/2007 Dal 1/1/2008 al 30/06/2009 e anagrafici 57 + 35 [con età anagrafica gradualmente innalzata da 53 (1998) a 57 (2004)] 58

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA'

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL T.U. DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA - D.P.R. 28.12.2000, N.445 OGGETTO: Dichiarazione reddituale del

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 SETTEMBRE 2012, N. 6

LEGGE REGIONALE 21 SETTEMBRE 2012, N. 6 CONSIGLIO REGIONALE LEGGE REGIONALE 21 SETTEMBRE 2012, N. 6 Trattamento economico e regime previdenziale dei membri del Consiglio della Regione autonoma Trentino-Alto Adige 1 Art. 1 (Trattamento economico

Dettagli

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.)

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) - Dall 01.01.2012 è in vigore nel nostro ordinamento giuridico l Accertamento Tecnico Preventivo obbligatorio

Dettagli

dell assegno per il nucleo familiare. _ l _ stess_ dichiara di essere:

dell assegno per il nucleo familiare. _ l _ stess_ dichiara di essere: Al Dipartimento Provinciale del Ministero Dell Economia e delle finanze - Direzione Provinciale dei servizi vari Di Al Dirigente Scolastico dell Istituzione Scolastica di OGGETTO: RICHIESTA CORRESPONSIONE

Dettagli

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE -

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - Premessa La Previdenza Forense è materia complessa, che riguarda tutti gli Avvocati. Oggi è argomento di dibattito, spesso anche acceso, date le novità

Dettagli

GUIDA FISAC. PrevidenzaGenerale CGIL FISAC

GUIDA FISAC. PrevidenzaGenerale CGIL FISAC GUIDA FISAC PrevidenzaGenerale 2014 CGIL FISAC FISAC CGIL - Dipartimento Comunicazione - www.fisac-cgil.it - Guida alla Previdenza 2014 Guida alla Previdenza Generale 2014 A cura di Giampiero Reccagni

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli