DIREZIONE GENERALE CENTRALE SERVIZIO AMMINISTRAZIONE E GESTIONE ELENA ROVERSI REG. PG / 2014 / tel fax

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIREZIONE GENERALE CENTRALE SERVIZIO AMMINISTRAZIONE E GESTIONE ELENA ROVERSI REG. PG / 2014 / 248459. tel 051.527.7612-7613 fax 051.527."

Transcript

1 DIREZIONE GENERALE CENTRALE ORGANIZZAZIONE, PERSONALE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA SERVIZIO AMMINISTRAZIONE E GESTIONE IL RESPONSABILE ELENA ROVERSI TIPO ANNO NUMERO REG. PG / 2014 / DEL 30/06/ Al Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta - Ai Direttori Generali - Al Direttore dell Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali - IBACN - Al Direttore dell'agenzia Sanitaria e Sociale Regionale - Al Direttore dell Agenzia Regionale di Protezione Civile - Al Direttore dell Agenzia Informazione e Ufficio Stampa della Giunta - Al Direttore dell'agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura - Al Direttore dell'agenzia Regionale per lo Sviluppo dei Mercati Telematici - Intercenter ER - Al Direttore del Museo Ebraico - Al personale regionale comandato presso altri Enti - Ai Responsabili dei Servizi - Alle Segreterie degli Assessori - Ai Responsabili della gestione del personale presso le Direzioni Generali e p.c. - Al Direttore Generale dell'assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna - Al Direttore ER-GO - Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori dell Emilia- Romagna - Al Direttore di LEPIDA S.p.A. - Ai Responsabili delle Autorità di Bacino - Ai Consorzi Provinciali Fitosanitari di Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Modena Viale Aldo Moro, Bologna tel fax Mail Pec INDICE LIV. 1 LIV. 2 LIV. 3 LIV. 4 LIV. 5 ANNO NUM SUB. a uso interno: DP/_2013 / 1658 Classif. _ Fasc. 2012

2 - Alla R.S.U. Aziendale (tramite il Coordinamento) - Alle OO.SS. firmatarie del CCNL di Comparto - All AIPO - CGIL - CISL - UIL - CISAL - USB UGL RISPETTIVI INDIRIZZI Oggetto: Corresponsione assegno nucleo familiare per il periodo 1 luglio giugno L articolo 2 del D.L. 13 marzo 1988, n. 69, convertito, con modificazioni, nella L. 13 maggio 1988, n. 153, concernente la normativa in materia di assegno per il nucleo familiare, ha disposto, al comma 12, la rivalutazione annua dei livelli di reddito familiare e delle relative maggiorazioni in misura pari alla variazione percentuale dell indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati intervenuta tra l anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell assegno e l anno immediatamente precedente. La suddetta variazione percentuale rilevata dall ISTAT, da considerare ai fini della rivalutazione in oggetto dal 1 luglio 2014, è risultata pari al 1,1 per cento. Tutto ciò premesso, si comunica che sono state predisposte, secondo le indicazioni fornite dal Ministero dell'economia e delle Finanze, le nuove tabelle per la concessione dell assegno per il nucleo familiare, per il periodo 1 luglio giugno 2015, in relazione al reddito conseguito nell anno 2013 che si trasmettono in allegato alla presente. A tal fine è stato predisposto e si allega il Modulo ANF/2013 che, qualora sussistano le condizioni che danno diritto all assegno per il nucleo familiare, dovrà essere compilato in ogni parte, firmato dai collaboratori regionali aventi titolo all assegno stesso e trasmesso in un'unica copia al Servizio Scrivente. Si richiama l attenzione dei richiedenti sul fatto che l assegno non spetta se la somma dei redditi da lavoro dipendente, da pensione o da altra prestazione previdenziale derivante da lavoro dipendente è inferiore al 70% (settanta per cento) del reddito complessivo del nucleo familiare. Al fine di facilitare ed accelerare l istruttoria, si raccomanda la massima precisione nella compilazione del Modulo ANF/2013. In particolare si sottolinea che nella sezione 3, relativa ai dati reddituali, occorre indicare anche i redditi soggetti a tassazione separata ed i redditi per prestazioni di lavoro straordinario e per premi di produttività. Si segnala, inoltre, che con l istituzione dell IMU a partire dall anno 2013, i redditi dominicali dei terreni non affittati e quelli dei fabbricati non locati non sono più ricompresi tra i 2

3 redditi soggetti ad IRPEF ma, mantenendo la loro natura reddituale, vanno comunque considerati nel reddito familiare complessivo, desumendo il relativo importo dai righi 147 e 148 del Mod. 730 e dal rigo RN50, colonne 1 e 2, del Mod. Unico. Si informa inoltre che ogni collaboratore che già percepiva l assegno riceverà un messaggio di posta elettronica per accedere al proprio prospetto di "composizione nucleo familiare" riportante i dati già in possesso dello scrivente Servizio. Qualora tali dati risultino esatti, sarà sufficiente firmare per presa visione il prospetto e barrare la casella inserita al punto B-2 del modulo. Resta inteso che anche tali collaboratori sono tenuti a compilare tutte le restanti parti del modulo di richiesta. Per ulteriori informazioni si prega di rivolgersi a Monari Roberta 051/ e Maurizzi Maria 051/ (lunedì e giovedì dalle ore 9 alle ore 12.30). Si raccomanda di dare ampia diffusione fra i collaboratori alla presente nota e restando a disposizione per eventuali chiarimenti, si porgono distinti saluti. La Responsabile del Servizio Elena Roversi Allegati: - Modulo ANF/2013; - Informativa privacy; - Tabelle aggiornate. Ulteriore modulistica SOLO per i nuclei familiari con quattro o più figli di età inferiore ai 26 anni: - Mod. ANF_N.N; - Mod. di dichiarazione sostitutiva di certificazione; - Mod. di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. 3

4 Modulo ANF/2013 Giunta Regionale Direzione Generale Centrale ORGANIZZAZIONE, PERSONALE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA Servizio Amministrazione e Gestione DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE A Il/la sottoscritto/a Matricola Cognome e nome Telefono ufficio Servizio di appartenenza e relativo indirizzo Luogo di nascita Data di nascita Comune di residenza Via numero CHIEDE L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE per il periodo DAL AL ovvero per il periodo DAL AL SEGNALA LA VARIAZIONE DELLA SITUAZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE DAL (Ogni variazione rispetto ai dati comunicati deve essere segnalata entro 30 gg. dal verificarsi della variazione stessa ) B valendosi delle disposizioni di cui a D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, consapevole delle sanzioni previste dall art. 76 della normativa suindicata per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci nonché delle conseguenze di cui all'art. 75, comma 1, del medesimo D.P.R. e presa visione dell'informativa di cui all'art. 13 del DLgs 30 giugno 2003, n. 196, allegata al presente modulo, sotto la propria personale responsabilità quanto segue : 1 Stato civile : DICHIARA Celibe/Nubile Coniugato/a Vedovo/a Separato/a legalmente Divorziato/a Abbandonato/a (Legalm.ed effettivamente) 2 che la composizione del nucleo familiare é la seguente : di confermare i dati in possesso dell'amministrazione come da documentazione allegata (casella valida solo per chi, già percependo gli assegni, riceverà il modulo precompilato Composizione del Nucleo Familiare e non deve segnalare variazioni rispetto ai dati ivi riportati. In tal caso barrare la casella e firmare per presa visione il modulo Composizione del Nucleo Familiare. Chi non riceve detto prospetto deve compilare il campo sottostante) Parentela Cognome e nome Data di nascita Richiedente Comune di nascita Codice fiscale Inabile Residenza all estero Coniuge

5 3 che i redditi del nucleo familiare dell anno 2013 sono : Richied. Coniuge Familiari Totale redditi Redditi da lavoro dipendente e assimilati (a) Redditi assoggettabili all IRPEF Redditi a tassazione separata (b) Altri redditi (c) Reddito complessivo (d) Mod. fiscale Redditi esenti da imposta (e) Redditi da lavoro dipendente e assimilati Altri redditi Reddito complessivo (f) (a) Gli importi vanno desunti dai punti 1, 2, 251 e 301 del CUD/2014 (b) Gli importi vanno desunti dai punti 351 e 352 del CUD/2014 per redditi a tassazione separata (c) Per chi ha presentato Mod. 730 o Mod.Unico: - Modello 730 vedere righi 1, 2, 3, 5, 6, 7, 147 e 148; - Modello Unico vedere i dati riportati nei singoli quadri, compresi gli imponibili da cedolare secca, e quelli del rigo RN50 colonne 1 e 2; Per chi non ha presentato Mod.730 o Mod.Unico: in colonna (c) deve indicare gli altri redditi per i quali non è obbligatorio presentare dichiarazione (Es: redditi abitazione principale e sue pertinenze, altri fabbricati non locati, ecc...) (d) Somma dei redditi di cui ai punti (a), (b) e (c) (e) redditi assoggettati a ritenuta d imposta alla fonte o ad imposta sostitutiva (interessi su depositi, su titoli, ecc.) se superiori, complessivamente, ad euro 1.032,91 annui. (f) Somma dei redditi di cui ai punti (d) e (e). N.B. Poiché le autodichiarazioni rese saranno sottoposte a controllo a campione, potranno essere richieste informazioni in merito al datore di lavoro del Coniuge e dei Familiari. 4 Altro : Data Firma C valendosi delle disposizioni di cui a D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, consapevole delle sanzioni previste dall art. 76 della normativa suindicata per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci nonché delle conseguenze di cui all'art. 75, comma 1, del medesimo D.P.R. e presa visione dell'informativa di cui all'art. 13 del DLgs 30 giugno 2003, n. 196, allegata al presente modulo, DICHIARA ALTRESI' sotto la propria personale responsabilità quanto segue : che NON percepisce, né altre persone (compreso il coniuge, ex coniuge, convivente o altri) percepiscono trattamenti di famiglia comunque denominati italiani o esteri per le persone indicate al punto B n.2; che non è titolare di pensione; che è titolare del trattamento di pensione : Tipo Categoria Ente Erogante che le notizie fornite sono complete e veritiere e si impegna a segnalare, entro 30 giorni dal suo verificarsi, qualsiasi variazione della situazione dichiarata; che la mancata o intempestiva comunicazione di tali variazioni comporterà, oltre responsabilità previste dalla legge, il recupero delle somme che risulteranno indebitamente percepite. altro: Data D Certifico apposta in mia presenza la firma del dichiarante. Firma Il dipendente addetto (timbro e firma) Fotocopia di un documento d identità o di riconoscimento in corso di validità qualora l autodichiarazione venga trasmessa per posta o fax. E Dichiarazione di responsabilità del coniuge del/della richiedente: Il/La sottoscritto/a consapevole di quanto previsto dalla vigente normativa in materia di Assegni per il Nucleo Familiare, si impegna a non richiedere altro trattamento di famiglia comunque denominato, italiano o estero, per le persone indicate al punto B n.2. In caso di richiesta si impegna a darne immediata comunicazione al datore di lavoro del coniuge. Data Firma

6 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ANF/2013 Punto A Il richiedente, dopo aver indicato i propri dati anagrafici, deve compilare il periodo per il quale richiede l assegno per il nucleo familiare, solo se il periodo è diverso da quello prestampato. Qualora il diritto all assegno per il nucleo familiare sia sorto dopo il 01 luglio, va indicata la data di decorrenza del diritto. Se il diritto cessa prima del 30 giugno (ad esempio per rapporto di lavoro a tempo determinato) va indicata la data di scadenza. Punto B Vedere i punti da 1 a 4. Punto 1 Il richiedente deve indicare il proprio stato civile. Punto 2 COMPOSIZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE Per i soggetti dei quali l Amministrazione è già in possesso delle informazioni relative alla composizione del nucleo familiare sono state predisposte schede precompilate riportanti i dati precedentemente comunicati dagli interessati. Le schede sono state inviate ad ogni soggetto unitamente al modulo per presentare domanda. In questi casi, se non ci sono variazioni da segnalare rispetto ai dati contenuti in detta scheda, anziché compilare il quadro relativo alla composizione del nucleo familiare è sufficiente barrare l apposita casella e restituire la scheda, firmata per presa visione, unitamente alla domanda di assegno. In tutti gli altri casi (non ricevimento della scheda precompilata o variazioni rispetto ai dati contenuti nella scheda) occorre compilare il quadro relativo alla composizione del nucleo familiare. Ai fini della corresponsione dell assegno, il nucleo familiare è composto dalle seguenti persone : - richiedente; - coniuge del richiedente, anche se non convivente, purché non legalmente ed effettivamente separato; - figli ed equiparati di età inferiore ai 18 anni compiuti, non coniugati; - figli ed equiparati inabili senza limiti di età, non coniugati. Possono fare parte del nucleo anche i fratelli, le sorelle ed i nipoti del richiedente, minori di età o maggiorenni inabili a condizione che : a) siano orfani di entrambi i genitori; b) non abbiano diritto alla pensione ai superstiti. Sono equiparati ai figli legittimati : i figli adottivi, gli affiliati, i figli naturali legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati, i figli nati da precedente matrimonio dell altro coniuge, gli affidati dai competenti organi a norma di legge. Sono inabili, se maggiorenni, coloro che si trovano, a causa di infermità e difetto fisico o mentale, nell assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi ad un proficuo lavoro; se minorenni, coloro che abbiano difficoltà persistente a svolgere le funzioni ed i compiti propri della loro età. Per i nuclei familiari che comprendono soggetti inabili è previsto un aumento dei livelli di reddito stabiliti per la determinazione del diritto e della misura dell assegno. Lo stato di inabilità deve essere comprovato allegando la seguente documentazione : - attestazione comprovante il riconoscimento dello stato di invalidità 100% per i maggiorenni e dell indennità di accompagnamento per i minorenni, rilasciata dalle competenti Commissioni sanitarie, - oppure copia del certificato della rendita I.N.A.I.L. o della pensione di inabilità a carico dell I.N.P.S; - oppure certificato rilasciato dalle competenti strutture sanitarie (Usl o Commissioni sanitarie) attestante l assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi ad un proficuo lavoro ovvero, se minorenne, la difficoltà persistente a svolgere le funzioni proprie della sua età. Non fanno parte del nucleo familiare : - il coniuge legalmente ed effettivamente separato; - i figli affidati all altro coniuge od ex coniuge; - i figli naturali del richiedente coniugato, non separato legalmente, che non siano stati inseriti nella famiglia legittima; - i figli naturali compresi nel nucleo familiare dell altro genitore non convivente con il richiedente; - il coniuge ed i familiari residenti all estero per i quali spetti un trattamento di famiglia a carico dello Stato estero, ad eccezione di Svizzera, Liechtenstein, Yugoslavia. Punto 3 IL REDDITO DA DICHIARARE Il richiedente deve dichiarare i propri redditi e quelli di tutti gli altri componenti il nucleo familiare nelle caselle riservate, attenendosi alle istruzioni che seguono. REDDITI ASSOGGETTABILI ALL I.R.P.E.F. I redditi devono essere dichiarati al lordo delle detrazioni d imposta, degli oneri deducibili e delle ritenute erariali. Redditi da lavoro dipendente ed assimilati 1) redditi risultanti dai moduli fiscali ricevuti e/o presentati (CUD, 730, UNICO); 2) redditi per i quali non è stata presentata la dichiarazione fiscale (in quanto di ammontare non superiore al limite entro il quale l interessato è esonerato dall obbligo della presentazione);

7 3) redditi per i quali non è previsto il rilascio dei moduli fiscali da parte del datore di lavoro o dell Ente che eroga la prestazione previdenziale (retribuzioni di portieri e domestici, talune prestazioni corrisposte dall I.N.P.S., come trattamenti di disoccupazione, di malattia e maternità, ecc.) 4) redditi conseguiti all estero o preso Enti internazionali non soggetti alle norme tributarie nazionali. Di essi va, altresì, precisato l importo e lo Stato ed Ente erogatore, nel punto G Eventuali comunicazioni. In tale importo devono essere comprese le prestazioni corrisposte per i familiari da parte di Svizzera, Liechtenstein e Yugoslavia. - Tra i redditi da dichiarare vanno compresi anche i redditi da lavoro dipendente soggetti a tassazione separata (ad esempio arretrati di retribuzione o di pensione) e le somme erogate per prestazioni di lavoro straordinario e per premi di produttività; vanno esclusi i trattamenti di fine rapporto, le anticipazioni sugli stessi e gli arretrati di prestazioni di integrazione salariale relativa ad anni precedenti quello di erogazione; - Se il richiedente non ha posseduto nell anno da dichiarare alcuno dei redditi sopra indicati, scrivere zero nelle caselle riservate al richiedente; - Se né il coniuge né gli altri componenti il nucleo familiare hanno posseduto alcuno dei redditi sopra indicati, scrivere zero nelle caselle rispettivamente riservate; Reddito complessivo Indicare l importo complessivo di tutti i redditi assoggettabili all I.R.P.E.F. sommando ai redditi da lavoro dipendente gli altri redditi assoggettabili all I.R.P.E.F., eventualmente posseduti da ciascuno dei componenti il nucleo familiare. In mancanza di altri redditi riportare lo stesso importo indicato nella casella redditi da lavoro dipendente ed assimilati. MODELLO FISCALE Va indicata la sigla dei modelli fiscali su cui è riportato l importo dei vari redditi (CUD, 730, UNICO); REDDITI ESENTI DA IMPOSTA O SOGGETTI A RITENUTA ALLA FONTE A TITOLO D IMPOSTA O AD IMPOSTA SOSTITUTIVA Se superiori a nel complesso, devono essere dichiarati i seguenti redditi : Redditi da lavoro dipendente ed assimilati Indicare i redditi da lavoro dipendente ed assimilati esenti da imposta (pensioni, assegni ed indennità erogati dal Ministero dell Interno a ciechi, sordomuti ed invalidi civili; pensioni sociali; assegni accessori alle pensioni privilegiate di prima categoria; ecc.) - Se il richiedente non ha posseduto nell anno da dichiarare alcuno dei redditi sopra indicati, scrivere zero nelle caselle riservate al richiedente; - Se né il coniuge né gli altri componenti il nucleo familiare hanno posseduto alcuno dei redditi sopra indicati, scrivere zero nelle caselle rispettivamente riservate; Reddito complessivo Sommare ai redditi sopra descritti, gli eventuali altri redditi non derivanti da lavoro dipendente, quali interessi bancari e postali, premi del lotto e dei concorsi a pronostici, rendite derivanti da C.C.T., B.O.T., ecc. (che sono soggetti a ritenta alla fonte a titolo d imposta o ad imposta sostitutiva). La predetta somma va indicata, per ciascun componente il nucleo familiare. In mancanza di altri redditi riportare lo stesso importo indicato nella casella che precede. REDDITI DA NON DICHIARARE - Trattamenti di fine rapporto comunque denominati; - Anticipazioni sui trattamenti di fine rapporto; - Trattamenti di famiglia, comunque denominati, dovuti per legge; - Rendite vitalizie erogate dall I.N.A.I.L.; - Pensioni di guerra; - Pensioni tabellari ai militari di leva vittime di infortunio; - Indennità di accompagnamento agli invalidi civili, ciechi civili assoluti, minori invalidi non deambulanti pensionati di inabilità; - Arretrati di prestazioni di integrazione salariale riferiti ad anni precedenti a quello di erogazione; - Indennità di trasferta per la parte non assoggettabile ad imposizione fiscale. Punto 4 Va utilizzato per qualsiasi comunicazione che il richiedente ritenga utile per l istruttoria della sua pratica. Punto C Ulteriore dichiarazione di responsabilità da sottoscrivere, barrando le apposite caselle. Punto D L autodichiarazione, che sarà sottoposta a controllo a campione, può essere sottoscritta in presenza del dipendente addetto a riceverla, ovvero trasmessa con allegata fotocopia di un documento d identità o di riconoscimento in corso di validità. Punto E La dichiarazione va resa dal coniuge che non sia legalmente ed effettivamente separato o divorziato.

8 INFORMATIVA per il trattamento dei dati personali 1. Premessa Ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196/ Codice in materia di protezione dei dati personali (di seguito denominato Codice ), la Regione Emilia-Romagna, in qualità di Titolare del trattamento, è tenuta a fornirle informazioni in merito all utilizzo dei suoi dati personali. Il trattamento dei suoi dati per lo svolgimento di funzioni istituzionali da parte della Regione Emilia- Romagna, in quanto soggetto pubblico non economico, non necessita del suo consenso. 2. Fonte dei dati personali La raccolta dei suoi dati personali viene effettuata registrando i dati da lei stesso forniti, in qualità di interessato, al momento della presentazione della domanda di concessione dell Assegno per il Nucleo Familiare. 3. Finalità del trattamento I dati personali saranno trattati nell ambito della procedura di concessione dell Assegno per il Nucleo Familiare. 4. Modalità di trattamento dei dati In relazione alle finalità descritte, il trattamento dei dati personali avviene mediante strumenti manuali, informatici e telematici con logiche strettamente correlate alle finalità sopra evidenziate e, comunque, in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi. 5. Facoltatività del conferimento dei dati Il conferimento dei dati è facoltativo, ma in mancanza non sarà possibile adempiere alle finalità descritte al punto 3 ( Finalità del trattamento ). 6. Categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati I suoi dati personali potranno essere conosciuti esclusivamente dagli operatori del Servizio Amministrazione e Gestione della Regione Emilia-Romagna, individuati quali Incaricati del trattamento. 7. Diritti dell'interessato La informiamo, infine, che la normativa in materia di protezione dei dati personali conferisce agli interessati la possibilità di esercitare specifici diritti, in base a quanto indicato all art. 7 del Codice che qui si riporta 1. L interessato ha diritto di ottenere la conferma dell esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L interessato ha diritto di ottenere l indicazione: a) dell origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell art. 5, comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. 3. L interessato ha diritto di ottenere: a) l aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o

9 diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. 8. Titolare e Responsabili del trattamento Il Titolare del trattamento dei dati personali di cui alla presente Informativa è la Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro n. 52, cap La Regione Emilia-Romagna ha designato quale Responsabile del trattamento, il Direttore Generale Organizzazione, Sistemi informativi e Telematica. Lo stesso è responsabile del riscontro, in caso di esercizio dei diritti sopra descritti. Si informa infine che, nel caso in cui il dipendente intenda esercitare il diritto di cui all art. 7 del Codice, i relativi moduli sono reperibili su Internos, sezione Privacy. In questo caso, anche al fine di avere chiarimenti sulla compilazione dei moduli stessi, è possibile rivolgersi all Ufficio per le relazioni con il pubblico (Urp). L Urp è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 in Viale Aldo Moro 52, Bologna (Italia): telefono , fax , Le richieste di cui all art.7 del Codice comma 1 e comma 2 possono essere formulate anche oralmente.

Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione situazione nucleo familiare dal

Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione situazione nucleo familiare dal RESIDENTE ALL ESTERO Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria All Area Gestione e Sviluppo Risorse Umane Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CALTANISSETTA V I A G.CUSM A N O, 1-93100 C A L T A N I S S E T T A C O D. FI S C. E P. IVA : 0 1 8 2 55 7 0 85 4 Modulo: DANFDip_v 1.0 ASSEGNO PER NUCLEO

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (art. 46 D.P.R. 445 del 28.12.2000) (dati anagrafici, di stato civile, fiscali e di stato di famiglia)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (art. 46 D.P.R. 445 del 28.12.2000) (dati anagrafici, di stato civile, fiscali e di stato di famiglia) All. 1 DIPARTIMENTO I SERVIZIO IV TRATTAMENTO ECONOMICO Via Angelo Bargoni, 78-00153 ROMA-FAX : 06/67667732/4417 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (art. 46 D.P.R. 445 del 28.12.2000) (dati anagrafici,

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA'

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL T.U. DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA - D.P.R. 28.12.2000, N.445 OGGETTO: Dichiarazione reddituale del

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (art. 46 D.P.R. 445 del 28.12.2000) (dati anagrafici, di stato civile, fiscali e di stato di famiglia)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (art. 46 D.P.R. 445 del 28.12.2000) (dati anagrafici, di stato civile, fiscali e di stato di famiglia) All. 1 DIPARTIMENTO I SERVIZIO 3 TRATTAMENTO ECONOMICO Via Angelo Bargoni, 78/E -00153 ROMA-FAX : 06/67664417/7732 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (art. 46 D.P.R. 445 del 28.12.2000) (dati

Dettagli

dell assegno per il nucleo familiare. _ l _ stess_ dichiara di essere:

dell assegno per il nucleo familiare. _ l _ stess_ dichiara di essere: Al Dipartimento Provinciale del Ministero Dell Economia e delle finanze - Direzione Provinciale dei servizi vari Di Al Dirigente Scolastico dell Istituzione Scolastica di OGGETTO: RICHIESTA CORRESPONSIONE

Dettagli

RAVENNA RA ITALIA RAVENNA RA ITALIA VIA DI ROMA 123 CAP 48101

RAVENNA RA ITALIA RAVENNA RA ITALIA VIA DI ROMA 123 CAP 48101 Mod ANF/DIP - COD SR16 PROTOCOLLO Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal al 30/06/2012 (gg/mm/aaaa) Realizzato con tecnologia SMART FORMS - wwwsmtformscom ALL AZIENDA PALLINO CSS CENTRO

Dettagli

dell assegno per il nucleo familiare. _ l _ stess_ dichiara di essere:

dell assegno per il nucleo familiare. _ l _ stess_ dichiara di essere: Al Dipartimento Provinciale del Ministero Dell Economia e delle finanze - Direzione Provinciale dei servizi vari Di Al Dirigente Scolastico dell Istituzione Scolastica di OGGETTO: RICHIESTA CORRESPONSIONE

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE

DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE MOD. ANF./ GSE Spett.le ENTE NAZIONALE di PREVIDENZA e ASSISTENZA della PROFESSIONE INFERMIERISTICA GESTIONE SEPARATA Via Alessandro Farnese, 3 00192 ROMA gestioneseparata@pec.enpapi.it DOMANDA DI ASSEGNO

Dettagli

Le condizioni di erogazione degli assegni familiari per l'anno 2004/2005.

Le condizioni di erogazione degli assegni familiari per l'anno 2004/2005. Assegni familiari Le condizioni di erogazione degli assegni familiari per l'anno 2004/2005. A chi spettano - Dipendenti in attività - Dipendenti in aspettativa retribuita per malattia o maternità - Dipendenti

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015)

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Effettuare l accesso all Angolo del Dipendente con le credenziali in possesso (Istruzioni

Dettagli

IL/LA SOTTOSCRITTO/A MATRICOLA NATO/A IL A RESIDENTE A PROV. C.A.P. IN VIA N DIPENDENTE DI QUESTA A.O. IN SERVIZIO

IL/LA SOTTOSCRITTO/A MATRICOLA NATO/A IL A RESIDENTE A PROV. C.A.P. IN VIA N DIPENDENTE DI QUESTA A.O. IN SERVIZIO Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale Santobono-Pausilipon Struttura Complessa Risorse Umane - Ufficio Trattamento Economico tel. 081 220 5207/5223/ 5317 fax 0812205319/5207/5317 o ATTRIBUZIONE DELL

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE L assegno per il nucleo familiare e' una prestazione a sostegno delle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei titolari di prestazione a carico dell'assicurazione generale obbligatoria,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCETTAZIONE E GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE (Art. 2 D.L. 13.3.88 n. 69 convertito in legge 13.5.88 n.

LINEE GUIDA PER L ACCETTAZIONE E GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE (Art. 2 D.L. 13.3.88 n. 69 convertito in legge 13.5.88 n. COMUNE DI PALERMO AREA DEL BILANCIO E RISORSE FINANZIARIE SETTORE BILANCIO E TRIBUTI SERVIZIO PERSONALE LINEE GUIDA PER L ACCETTAZIONE E GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE (Art. 2 D.L.

Dettagli

Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri,

Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri, I trattamenti di famiglia Assegni familiari Assegno al nucleo familiare STAMPA Assegni familiari Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri, caratisti imbarcati)

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal al Variazione situazione nucleo familiare dal (gg/mm/aaaa) (gg/mm/aaaa) LL'ZIEND CITTDNZ RESIDENTE TELEFONO* CELLULRE* E MIL* Stato civile del richiedente

Dettagli

L'assegno per il nucleo familiare

L'assegno per il nucleo familiare L'assegno per il nucleo familiare A CHI SPETTA L'ASSEGNO AL CONIUGE I REQUISITI PER QUALI PERSONE SPETTA LA DOMANDA CHI PAGA L'ASSEGNO IL RICORSO ASSEGNO DI SOSTEGNO LIMITI DI REDDITO ANNUO TABELLE E'

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE Istruzioni e appunti per l uso L ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE : ANF L assegno al nucleo familiare è una prestazione a sostegno del reddito istituita per sostenere le famiglie

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori parasubordinati

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori parasubordinati Mod. NF/GEST SEP COD.SR27 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Domanda per i lavoratori parasubordinati Per ottenere l assegno per il nucleo familiare, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario

Dettagli

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario TuttoInps Le prestazioni a sostegno del reddito L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA... 2 L'ASSEGNO AL CONIUGE... 2 I REQUISITI... 3 PER QUALI PERSONE SPETTA... 3 LA DOMANDA... 4 CHI

Dettagli

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA... Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...3 LA DOMANDA...4 CHI PAGA L'ASSEGNO...4 IL RICORSO...5 ASSEGNO

Dettagli

DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2009/10 AI SENSI DELL ART. 4 L.R. 8.8.2001 N. 26

DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2009/10 AI SENSI DELL ART. 4 L.R. 8.8.2001 N. 26 Assessorato alla Scuola, Formazione Professionale, Università, Lavoro. Istruzione. Formazione. Lavoro. DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2009/10 AI SENSI DELL ART. 4 L.R. 8.8.2001 N. 26 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

Dettagli

mod. convinps 1 Quadro A Domanda d invalidità Dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi del DPR 28/12/2000 n. 445 Il/la sottoscritto/a

mod. convinps 1 Quadro A Domanda d invalidità Dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi del DPR 28/12/2000 n. 445 Il/la sottoscritto/a mod. convinps 1 Per i richiedenti MAGGIORENNI Alla Commissione medica per l accertamento delle invalidità civili presso l'asl Quadro A Domanda d invalidità Dichiarazione sostitutiva di certificazione ai

Dettagli

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori:

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Gli ammortizzatori sociali in pillole Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Assegno per il nucleo familiare A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze USR Emilia Romagna)

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare

Assegno per il nucleo familiare L E G U I D E Assegno per il nucleo familiare Premessa La legge prevede alcuni sostegni al lavoratore, al pensionato e alle loro famiglie. Tra questi c è l assegno per il nucleo familiare. Si tratta di

Dettagli

Alla Commissione medica per l accertamento delle invalidità civili presso l ASL

Alla Commissione medica per l accertamento delle invalidità civili presso l ASL mod. convinps 2 Per i richiedenti minorenni, interdetti o temporaneamente impediti Regione Lazio Alla Commissione medica per l accertamento delle invalidità civili presso l ASL Quadro A Domanda d invalidità

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare 2011/2012

Assegno per il nucleo familiare 2011/2012 GIUGNO 2011 Suppl. al n. 1 febbraio 2011 di Bergamo Cisl - Anno XXXI - Sped. in abb. postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 - comma 2 - CMP Milano Roserio - Editore: Cisl - Direttore:

Dettagli

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare Tra gli elementi aggiuntivi della retribuzione vi può essere l'assegno familiare. Va precisato, anzi tutto,

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA QUADRO A - DATI ANAGRAFICI

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA QUADRO A - DATI ANAGRAFICI Modulistica per minorenni DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA (Artt. 5, 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) QUADRO A - DATI ANAGRAFICI RELATIVI ALL INVALIDO CIVILE,

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare 2014/2015

Assegno per il nucleo familiare 2014/2015 GIUGNO 2014 Suppl. al n. 1 marzo 2014 di Bergamo Cisl - Anno XXXIV - Sped. in abb. postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 - comma 2 - CMP Milano Roserio - Editore: Cisl - Direttore:

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

Circolare N.144 del 2 novembre 2011

Circolare N.144 del 2 novembre 2011 Circolare N.144 del 2 novembre 2011 Partite le verifiche Inps delle denunce aziendali sui conguagli per gli assegni familiari e le lettere di interruzione dei termini prescrizionali e di recupero contributivo

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA QUADRO A - DATI ANAGRAFICI

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA QUADRO A - DATI ANAGRAFICI ZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA (Art. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) QUADRO A - DATI ANAGRAFICI RELATIVI ALL INVALIDO CIVILE, CIECO CIVILE, SORDOMUTO (Obbligatorio

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere:

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere: LA PENSIONE AI SUPERSTITI La Pensione ai superstiti può essere: - di reversibilità: nel caso in cui il defunto fosse già titolare di pensione (di vecchiaia, di anzianità, di inabilità) prima del decesso.

Dettagli

DATI DELL ISCRITTO. (Barrare le caselle che interessano) cognome e nome. N. telefono... Codice fiscale Relazione di parentela con l iscritto..

DATI DELL ISCRITTO. (Barrare le caselle che interessano) cognome e nome. N. telefono... Codice fiscale Relazione di parentela con l iscritto.. Mod. Richiesta Assegno temporaneo integrativo 2010 ALL'INPDAP D.C. Credito e Welfare - Settore ex Enam, Previdenza Largo Josemaria Escriva de Balaguer, 11 00142 Roma (RM) All INPDAP - ex ENAM Settore Viale

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. Cognome... Nome... Nato/a a... il... Cittadinanza... Tipo documento di identità: Carta identità ; Patente di guida

Il/La sottoscritto/a. Cognome... Nome... Nato/a a... il... Cittadinanza... Tipo documento di identità: Carta identità ; Patente di guida AGGIORNAMENTO DELL ANAGRAFE UTENZA del Patrimonio del Comune di Milano (sulla base della situazione economica dell anno 2008) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ai sensi degli artt. 46 e 47 D.P.R. 445 del 28/12/2000

Dettagli

ALLEGATO A sub 1determina n. 85 del 22.07.2014

ALLEGATO A sub 1determina n. 85 del 22.07.2014 ALLEGATO A sub 1determina n. 85 del 22.07.2014 - - - - - - AL CSL DI OLBIA / TEMPIO / PALAU Oggetto: Richiesta di inserimento nella graduatoria per l avviamento numerico riservato ai lavoratori, presso

Dettagli

ASSEGNI per il NUCLEO FAMILIARE

ASSEGNI per il NUCLEO FAMILIARE Guida agli ASSEGNI per il NUCLEO FAMILIARE A cura del Centro Studi Iulius Herodes edizione chiusa in tipografia agosto 2014 ISO-BARE 20007 ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE Pag. 4.REGOLE GENERALI Pag. 5.NUCLEO

Dettagli

Pensioni INPS. Prime tabelle

Pensioni INPS. Prime tabelle Pensioni INPS 2012 Prime tabelle Gli importi delle pensioni INPS dal 1 gennaio 2012 e limiti di reddito per alcune prestazioni sociali La perequazione automatica in base all aumento del costo della vita,

Dettagli

COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA SERVIZI ALLA PERSONA E AL CITTADINO SERVIZIO FAMIGLIA E TUTELA MINORI BANDO PUBBLICO

COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA SERVIZI ALLA PERSONA E AL CITTADINO SERVIZIO FAMIGLIA E TUTELA MINORI BANDO PUBBLICO COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA SERVIZI ALLA PERSONA E AL CITTADINO SERVIZIO FAMIGLIA E TUTELA MINORI BANDO PUBBLICO Per la selezione dei soggetti interessati ad accedere all'intervento di credito

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Fondo Pensioni per il Personale della ex Cassa di Risparmio di Torino Banca CRT Spa Via Nizza,150 TORINO

Fondo Pensioni per il Personale della ex Cassa di Risparmio di Torino Banca CRT Spa Via Nizza,150 TORINO FONDO PENSIONI PER IL PERSONALE DELLA EX CASSA DI RISPARMIO DI TORINO BANCA CRT S.P.A. Sede legale - 10126 - Torino, Via Nizza 150 tel. 011.19424315 fax 011. 0208932 Iscritto all Albo dei Fondi Pensione

Dettagli

Il sottoscritto / Indirizzo: CAP / / / N telefono. Residenza fiscale (se diversa): Via CAP Comune ( ) indirizzo e-mail cellulare

Il sottoscritto / Indirizzo: CAP / / / N telefono. Residenza fiscale (se diversa): Via CAP Comune ( ) indirizzo e-mail cellulare FONDO PENSIONI PER IL PERSONALE DELLA EX CASSA DI RISPARMIO DI TORINO BANCA CRT S.P.A. Sede legale - 10126 - Torino, Via Nizza 150 tel. 011.19424315 fax 011. 0208932 Iscritto all Albo dei Fondi Pensione

Dettagli

n. iscrizione... (desumibile dal prospetto analitico del trattamento pensionistico)

n. iscrizione... (desumibile dal prospetto analitico del trattamento pensionistico) Mod. domanda contributo per iscritti in quiescenza non autosufficienti. ALL INPDAP D.C. Credito e Welfare - Settore ex Enam, Riservato All Ufficio Protocollo n..... del.. Largo Josemaria Escriva de Balaguer,

Dettagli

DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2014/2015 (art. 4 L.R. n. 26/2001)

DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2014/2015 (art. 4 L.R. n. 26/2001) DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2014/2015 (art. 4 L.R. n. 26/2001) SCADENZA PRESENTAZIONE 22 MAGGIO 2015 ORE 12,00 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE A NORMA DEL D.P.R. 445/00 Il/La sottoscritto/a

Dettagli

Modello da utilizzare per Utenze condominiali Alla Regione Toscana Settore Cittadinanza Sociale Assessorato alle Politiche sociali e sport

Modello da utilizzare per Utenze condominiali Alla Regione Toscana Settore Cittadinanza Sociale Assessorato alle Politiche sociali e sport Modello da utilizzare per Utenze condominiali Alla Regione Toscana Settore Cittadinanza Sociale Assessorato alle Politiche sociali e sport Istanza ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 445 del 28 dicembre

Dettagli

Modulo per richiesta di contributi economici in ambito scolastico D I C H I A R A

Modulo per richiesta di contributi economici in ambito scolastico D I C H I A R A Modulo per richiesta di contributi economici in ambito scolastico Al Sindaco del Comune di Bertinoro Il/la sottoscritto/a...fa domanda al fine di ottenere: O Mensa scolastica riduzione O Trasporto scolastico:

Dettagli

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 Si informa che a seguito del Dpr 5 dicembre 2013, n.159 e del DM 7 novembre 2014 a partire dal 1^ gennaio 2015 entra in vigore

Dettagli

C O M U N E D I C A M P O B A S S O AREA N. 6 Settore Servizi Sociali

C O M U N E D I C A M P O B A S S O AREA N. 6 Settore Servizi Sociali C O M U N E D I C A M P O B A S S O AREA N. 6 Settore Servizi Sociali Bando di concorso speciale per la formazione della graduatoria per l assegnazione in locazione semplice di n. 0 alloggi di Edilizia

Dettagli

1 - Contributo regionale alle spese per la frequenza del master

1 - Contributo regionale alle spese per la frequenza del master BANDO PER L ATTRIBUZIONE A GIOVANI LAUREATI RESIDENTI ALL ESTERO DI FINANZIAMENTI REGIONALI A PARZIALE RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE PER LA PARTECIPAZIONE A MASTER UNIVERSITARI INDETTI DALLE UNIVERSITÀ

Dettagli

LUOGO DI NASCITA CODICE FISCALE

LUOGO DI NASCITA CODICE FISCALE 1) - QUADRO A COMPOSIZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE COGNOME NOME RAPPORTO PARENTEL A * DATA DI NASCITA LUOGO DI NASCITA CODICE FISCALE TIPO DI INVALIDITÀ ** % DI INVALIDITÀ INDENNITÀ ACCOMPAGNA MENTO SI/NO

Dettagli

Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di reddito e le rilevanze INPS e INPDAP

Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di reddito e le rilevanze INPS e INPDAP Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di e le rilevanze e INPDAP Codice Reddito del 1 Integrazione al minimo. Pensioni con decorrenza anteriore al 1 febbraio 1994 - del della casa di abitazione

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO/A... RESIDENTE IN COMUNE DI... DOMICILIATO/A IN COMUNE DI...

IL SOTTOSCRITTO/A... RESIDENTE IN COMUNE DI... DOMICILIATO/A IN COMUNE DI... Azienda Lombarda per l Edilizia Residenziale di Brescia-Cremona-Mantova Sede Marca da bollo 16,00 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI N. 1 ALLOGGIO IN LOCAZIONE PER 10 ANNI CON PATTO DI FUTURA VENDITA IN BRESCIA

Dettagli

RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI

RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE - AUTOCERTIFICAZIONE (art. 2 L. 4.01.1968 n. 15, modificato dall art. 3 L. 15.05.1997, n. 127 e art. 1 D.P.R. 20.10.1998, n.

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

MODULI DI DETRAZIONI FISCALI

MODULI DI DETRAZIONI FISCALI Le detrazioni sono riconosciute se il percipiente dichiara di avervi diritto, indica le condizioni di spettanza e si impegna a comunicare tempestivamente le eventuali variazioni. La dichiarazione deve

Dettagli

MODULI STANDARD PER LA RICHIESTA DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI DA PARTE DEL DIPENDENTE

MODULI STANDARD PER LA RICHIESTA DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI DA PARTE DEL DIPENDENTE MODULI STANDARD PER LA RICHIESTA DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI DA PARTE DEL DIPENDENTE INDICE DEI MODULI VARIAZIONE DATI ANAGRAFICI (TITOLO DI STUDIO; RESIDENZA/DOMICILIO; STATO DI FAMIGLIA) MODULO A_01 PG.

Dettagli

- il Piano di Zona 2012-2014 dell Ambito Distrettuale n. 4 Valle Trompia;

- il Piano di Zona 2012-2014 dell Ambito Distrettuale n. 4 Valle Trompia; ALLEGATO A BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER FINALIZZATI A SOSTENERE LE FAMIGLIE NELLA FRUIZIONE DI SERVIZI ESTIVI A FAVORE DI MINORI DI ETA COMPRESA TRA GLI 0 E I 13 ANNI; PERIODO GIUGNO LUGLIO 2014

Dettagli

tg e-mail istituzionale: baicgo7ooe@istruzione.it posta istituzionale certificata: Sito web: comprensivoboscomelodabari.it-

tg e-mail istituzionale: baicgo7ooe@istruzione.it posta istituzionale certificata: Sito web: comprensivoboscomelodabari.it- FSflDl u# &w*x_#f.p,* tq#.ffif @IiNIUF tdlilhkú ddf,iturhnr, ddlurdsssftè hd{gs R ÈBà df#ftsr&lè kfu0bnflfijgìp 0.6. psrgttatéri Inwni&tdi. t fido tv pinsrsnn*isto è gú*tiors fui futd sùx ed di mjnf i

Dettagli

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap)

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap) Pensione di reversibilità ENPAM INPS ( ex-inpdap) La pensione di reversibilità, anche conosciuta come pensione ai superstiti, è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei superstiti La

Dettagli

ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2013. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE

ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2013. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2013. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE L INPS con circolare n 150/12, ha fornito le tabelle aggiornate da applicare, a decorre dal

Dettagli

AREA TECNICA E TECNICO MANUTENTIVA - Settore LL.PP. tel / fax: 0761 873844 e-mail: ufficiollpp@comune.marta.vt.it

AREA TECNICA E TECNICO MANUTENTIVA - Settore LL.PP. tel / fax: 0761 873844 e-mail: ufficiollpp@comune.marta.vt.it COMUNE DI MARTA Provincia di Viterbo Piazza Umberto I, 1 01010 Marta Partita IVA: 00215230566 tel: 0761 87381 fax: 0761 873828 www.comune.marta.vt.it pec: comunemartavt@pec.it AREA TECNICA E TECNICO MANUTENTIVA

Dettagli

Inail casalinghe: la scadenza è al 31 gennaio 2012

Inail casalinghe: la scadenza è al 31 gennaio 2012 CIRCOLARE A.F. N. 11 del 26 gennaio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Inail casalinghe: la scadenza è al 31 gennaio 2012 Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che entro il prossimo 31.01.2012

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario l isee che cos è e come si calcola Che cos è l ISEE e come si calcola L ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2014. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE

ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2014. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2014. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE L INPS con circolare n 182/13, ha fornito le tabelle aggiornate da applicare, a decorre dal

Dettagli

MODELLO A MODELLO B STIPULA NUOVO CONTRATTO ISTRUZIONI COMPILAZIONE DOCUMENTAZIONE PER DETERMINAZIONE CANONE DI LOCAZIONE. Sede

MODELLO A MODELLO B STIPULA NUOVO CONTRATTO ISTRUZIONI COMPILAZIONE DOCUMENTAZIONE PER DETERMINAZIONE CANONE DI LOCAZIONE. Sede Azienda Lombarda per l Edilizia Residenziale di Brescia-Cremona-Mantova STIPULA NUOVO CONTRATTO ISTRUZIONI COMPILAZIONE DOCUMENTAZIONE PER DETERMINAZIONE CANONE DI LOCAZIONE Sede MODELLO A E necessario

Dettagli

DOMANDA DI FINANZIAMENTO AI SENSI DELL ART. 3 LEGGE REGIONALE 6 DICEMBRE 1999 N. 23 PRESTITO SULL ONORE

DOMANDA DI FINANZIAMENTO AI SENSI DELL ART. 3 LEGGE REGIONALE 6 DICEMBRE 1999 N. 23 PRESTITO SULL ONORE Il richiedente deve compilare 3 copie della presente domanda: - la prima da consegnare allo STER per la protocollazione - la seconda da consegnare al Comune di residenza - la terza da tenere quale ricevuta

Dettagli

Roma, 7 febbraio 2012. OGGETTO: Nuove modalità di pagamento delle pensioni superiori a 1.000 euro. Messaggio INPS n.24711/2011. Comunicazione INPDAP.

Roma, 7 febbraio 2012. OGGETTO: Nuove modalità di pagamento delle pensioni superiori a 1.000 euro. Messaggio INPS n.24711/2011. Comunicazione INPDAP. Roma, 7 febbraio 2012 Circ. n. 4/2012 Uff.Prev. ADR OGGETTO: Nuove modalità di pagamento delle pensioni superiori a 1.000 euro. Messaggio INPS n.24711/2011. Comunicazione INPDAP. Uffici Regionali e Provinciali

Dettagli

Soggetti beneficiari

Soggetti beneficiari I trattamenti di famiglia sono prestazioni previdenziali accessorie (agli altri elementi della retribuzione o della pensione) erogate ai lavoratori e ai pensionati (su richiesta degli stessi) che, a causa

Dettagli

L ESENZIONE DAL PAGAMENTO DEL TICKET IN BASE AL REDDITO

L ESENZIONE DAL PAGAMENTO DEL TICKET IN BASE AL REDDITO L ESENZIONE DAL PAGAMENTO DEL TICKET IN BASE AL REDDITO DOMANDE E RISPOSTE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) A A1 A2 L ESENZIONE TICKET IN BASE AL REDDITO Come si ottiene, in sintesi,

Dettagli

Le prestazioni collegate al reddito

Le prestazioni collegate al reddito Sindacato Pensionati Italiani Le prestazioni collegate al reddito 1 Le prestazioni soggette a controllo a. integrazione al minimo b. maggiorazioni sociali c. importo aggiuntivo d. somma aggiuntiva e. pensione

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE DIRITTI SOCIALI IN CARCERE Guida pratica per l accesso alle misure a sostegno del reddito A cura dei volontari dell associazione l altro diritto Realizzata nell ambito del progetto diritti in azione, rete

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento è diretto ad individuare, in via sperimentale, per un anno, i criteri unificati

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA

PROVINCIA DI RAVENNA PROVINCIA DI RAVENNA AVVISO PUBBLICO PER L AUTORIZZAZIONE IN AUTOFINANZIAMENTO DI ATTIVITÀ FORMATIVE AFFERENTI I PROFILI DI FORMAZIONE REGOLAMENTATA E DI ATTIVITÀ FORMATIVE FINALIZZATE AL CONSEGUIMENTO

Dettagli

DICHIARAZIONE DI RESIDENZA

DICHIARAZIONE DI RESIDENZA Allegato 1_UE DICHIARAZIONE DI RESIDENZA ALL UFFICIALE D ANAGRAFE DEL COMUNE DI NANNO DICHIARAZIONE DI RESIDENZA CON PROVENIENZA DA ALTRO COMUNE. Indicare il Comune di provenienza: DICHIARAZIONE DI RESIDENZA

Dettagli

I trattamenti di famiglia. ANF Assegno al nucleo familiare AF - Assegni familiari Assegno erogato dai comuni

I trattamenti di famiglia. ANF Assegno al nucleo familiare AF - Assegni familiari Assegno erogato dai comuni I trattamenti di famiglia ANF Assegno al nucleo familiare AF - Assegni familiari Assegno erogato dai comuni A cura di Paolo Zani Consulente previdenziale Agg.to all aprile2014 Trattamenti di famiglia definizioni

Dettagli

Il/la sottoscritto/a (cognome) (nome) (eventuale cognome acquisito) residente a Grado (GO) indirizzo n. Cod. Fiscale tel.

Il/la sottoscritto/a (cognome) (nome) (eventuale cognome acquisito) residente a Grado (GO) indirizzo n. Cod. Fiscale tel. Domanda esente da bollo ai sensi dell art. 8 D. P. R 642 del 26/10/72 Al Sindaco del Comune di G R A D O OGGETTO: Richiesta integrazione retta di ricovero in struttura protetta. Il/la sottoscritto/a (cognome)

Dettagli

Bonus straordinario famiglie: i chiarimenti per l erogazione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Bonus straordinario famiglie: i chiarimenti per l erogazione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna Bonus straordinario famiglie: i chiarimenti per l erogazione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna L Agenzia delle Entrate, con circolare 3 febbraio 2009, n. 2, fornisce gli opportuni chiarimenti

Dettagli

BANDO AVVIAMENTO PRESSO IL MINISTERO DEL LAVORO E POLITICHE SOCIALI

BANDO AVVIAMENTO PRESSO IL MINISTERO DEL LAVORO E POLITICHE SOCIALI BANDO AVVIAMENTO PRESSO IL MINISTERO DEL LAVORO E POLITICHE SOCIALI Il presente Bando di avviamento di n. 2 lavoratori da destinare alla Direzione Territoriale di Sassari del Ministero del Lavoro e Politiche

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

DOMANDA DI FINANZIAMENTO AI SENSI DELL ART. 3 LEGGE REGIONALE 6 DICEMBRE 1999 N. 23 PRESTITO SULL ONORE

DOMANDA DI FINANZIAMENTO AI SENSI DELL ART. 3 LEGGE REGIONALE 6 DICEMBRE 1999 N. 23 PRESTITO SULL ONORE Alla D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale Il richiedente deve compilare 3 copie della presente domanda: -la prima da consegnare allo STAP per la protocollazione -la seconda da consegnare al Comune di residenza

Dettagli

Bando di concorso per il Premio "Il giusto, più del dovuto"

Bando di concorso per il Premio Il giusto, più del dovuto Provincia di Ravenna Bando di concorso per il Premio "Il giusto, più del dovuto" Riconoscimento alle imprese della provincia di Ravenna che si sono distinte nell'assunzione di persone con disabilità Anno

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

DICHIARAZIONE DI RESIDENZA ALL UFFICIALE D ANAGRAFE DEL COMUNE DI BRINDISI

DICHIARAZIONE DI RESIDENZA ALL UFFICIALE D ANAGRAFE DEL COMUNE DI BRINDISI DICHIARAZIONE DI RESIDENZA ALL UFFICIALE D ANAGRAFE DEL COMUNE DI BRINDISI DICHIARAZIONE DI RESIDENZA CON PROVENIENZA DA ALTRO COMUNE. Indicare il Comune di provenienza : Sigla provincia: DICHIARAZIONE

Dettagli

SI PREGA DI PRENDERE APPUNTAMENTO PRIMA DEL 15 NOVEMBRE 2013 AL N. 0465/339512

SI PREGA DI PRENDERE APPUNTAMENTO PRIMA DEL 15 NOVEMBRE 2013 AL N. 0465/339512 MODULO RACCOLTA DATI PER LA REDAZIONE DELLA DOMANDA DI ASSEGNO DI STUDIO - ANNO SCOLASTICO 2013/2014 COGNOME E NOME DEL SOGGETTO RICHIEDENTE (il genitore o colui che ha l esercizio della potestà o lo studente

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELLO/A STUDENTE (D.P.R. n.445 del 28 Dicembre 2000 art.46 e successive modificazioni).... Cognome e nome

AUTOCERTIFICAZIONE DELLO/A STUDENTE (D.P.R. n.445 del 28 Dicembre 2000 art.46 e successive modificazioni).... Cognome e nome Via della Traspontina 21 00193 Roma (Studente inserito nella famiglia d origine) pag. 3 (Studente coniugato) pag. 3 (Studente diversamente abile) pag. 10 (Studente indipendente famiglia di origine) pag.

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

(si invitano i richiedenti a compilare il modulo in forma chiara e completa di tutti i dati richiesti) DIPARTIMENTO CORSO DI STUDIO ANNO DI CORSO

(si invitano i richiedenti a compilare il modulo in forma chiara e completa di tutti i dati richiesti) DIPARTIMENTO CORSO DI STUDIO ANNO DI CORSO Via della Traspontina 21 00193 Roma MOD. 1 (Studente inserito nella famiglia d origine) pag. 3 MOD. 2 (Studente coniugato) pag. 3 MOD. 3 (Studente disabile) pag. 14 MOD. 4 (Studente indipendente famiglia

Dettagli

Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A. ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n 59

Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A. ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n 59 Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A. ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n 59 Al SUAP territorialmente competente Marca da bollo 1 Solo nel caso in cui l istanza al SUAP riguardi esclusivamente

Dettagli

BREVI AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI MATERNITÀ

BREVI AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI MATERNITÀ BREVI AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI MATERNITÀ Al fine di rendere più agevole la compilazione del modulo per la domanda di maternità e per far si che anche l istruttoria da parte dell

Dettagli

L assegno per il nucleo familiare (A.N.F.).

L assegno per il nucleo familiare (A.N.F.). FISAC-CGIL in UniCredit Group L assegno per il nucleo familiare (A.N.F.). «contiene, alle pagg.15 e 16, l elenco della modulistica per la richiesta nonché quello delle tabelle in vigore.» Indice Premessa......

Dettagli

PROGETTO EMERGENZA CASA 4

PROGETTO EMERGENZA CASA 4 Un progetto promosso da in collaborazione con: PROGETTO EMERGENZA CASA 4 RISERVATO ALL UFFICIO DOMANDA N DEL / / IL FUNZIONARIO -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli