II Capitolo LE RIFORME FISCALI 1. IRPEF E ASSEGNI FAMILIARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II Capitolo LE RIFORME FISCALI 1. IRPEF E ASSEGNI FAMILIARI"

Transcript

1 II Capitolo LE RIFORME FISCALI 1. IRPEF E ASSEGNI FAMILIARI LA STRUTTURA DELLA RIFORMA FISCALE Come sottolineato prima nel DPEF e poi nella Relazione Previsionale e Programmatica per il 2007 il nostro paese dedica una quota relativamente inferiore di risorse per il sostegno dei redditi bassi e precari e delle responsabilità familiari rispetto alla media europea. Infatti l indice di povertà relativa, misurato con la metodologia comunitaria, si colloca in Italia al 19 per cento contro una media europea del 15 per cento. La scelta conseguente è stata una manovra finanziaria improntata a obiettivi di equità. In tale obiettivo è da ricomprendere anche l'articolo 3 della legge finanziaria che determina una profonda riorganizzazione dell IRE con l'obiettivo di migliorare il profilo di progressività dell imposta e, al tempo stesso, sostenere i nuclei familiari con figli, in particolare minori di tre anni. Nello specifico: si ridisegna la curva dell'ire rimodulando gli scaglioni di reddito e le corrispondenti aliquote di tassazione, passando da un sistema a 4 scaglioni ad uno a 5 secondo il seguente schema riforma centrosinistra Scaglioni Aliquote Fino a % Da a % Da a % Da a % Oltre % 2 modulo riforma centrodestra CLASSI DI REDDITO (in euro) Aliquote introdotte fino a % da a da a da a % da a da a da a % oltre % si modifica la modalità di determinazione dell'imposta dovuta con la sostituzione delle deduzioni per oneri di famiglia con un sistema di detrazioni decrescenti al crescere del reddito complessivo del contribuente. La nuova norma stabilisce che dall'ire lorda si detraggono per carichi di famiglia i seguenti importi: 1

2 Importo detrazione (*) Coniuge 800 a scalare fino a euro di reddito annuo Figli Minori di 3 anni^ 900 a scalare fino a Maggiori di 3 anni^ 800 a scalare fino a Altri familiari 750 a scalare fino a (*) le deduzioni prima si azzeravano a euro La detrazione effettivamente spettante è calcolata in base ad una funzione matematica che ne individua l'ammontare. La funzione matematica da applicare è la seguente: importo detrazione*(1-reddito dichiarato/la cifra in cui si azzera la detrazione), ossia, 900*(1- rdt/95.000). In pratica la detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l'importo di euro, diminuito del reddito complessivo e euro. Poiché la riforma introduce l'obbligo di ripartizione della detrazione per figli a carico tra i due genitori, (tranne nei casi di separazione legale ed effettiva o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio e nel caso di coniuge fiscalmente a carico), se si possiede un reddito pari a euro, con coniuge che possiede un reddito pari a euro e si ha un minore di tre anni a carico risulterà che il genitore con reddito a euro avrà diritto ad una detrazione pari a 208,35 euro, mentre il coniuge con euro di reddito si detrarrà 331 euro per un totale di 747 euro totali. 1 Nel caso di contribuente con più di tre figli, l'importo base della detrazione è aumentato di 200 euro per ogni figlio, compresi i primi tre; per ogni figlio successivo al primo il limite dell'imponibile che azzera la detrazione è aumentato di euro; per ogni figlio portatore di handicap l'importo base della detrazione è aumentato di 70 euro. le deduzioni da lavoro dipendente, pensione, lavoro autonomo e altri redditi introdotti nei due moduli della riforma fiscale del centrodestra vengono sostituite dal seguente schema di detrazioni: Lavoro dipendente Importo detrazione Fino a Da a a scalare fino a euro di reddito (le deduzioni prima si azzeravano a ) Oltre Pensione Importo detrazione Fino a Da a a scalare fino a euro di reddito (le deduzioni prima si azzeravano a ) Oltre Lavoro Importo detrazione 1 L'operazione da sviluppare è la seguente: 900*( /95000) = 900* ( ) = 900*(95-51)= 900*(44) = 900*0,463= 416,7 di cui il 50% è = 208, Effettuando i medesimi calcoli per il coniuge con reddito lordo di euro si arriva ad una cifra lorda pari a 662 euro che divisa per due (il 50%) è pari a 331 euro spettanti di detrazione. 2

3 non dipendente Fino a Da a a scalare fino a euro di reddito (le deduzioni prima si azzeravano a ) Oltre Per fare alcuni esempi concreti possiamo dire che un lavoratore dipendente con coniuge a carico e un figlio minore di tre anni con un reddito imponibile annuo di euro, tra le detrazioni per redditi e quelle per carichi di famiglia, si troverà di più in busta paga 290 euro all'anno, che diventano 428 per un medesimo caso ma con reddito imponibile pari a euro. LA REDISTRIBUZIONE L'intervento sull'ire ha l'obiettivo dichiarato di correggere le distorsioni derivanti dal cosiddetto secondo modulo della riforma fiscale del centrodestra rivolto ai possessori di reddito sopra i euro con un impiego di risorse pari a circa 6 miliardi di euro. In particolare la riforma del centrosinistra redistribuisce le risorse impiegate per la realizzazione del secondo modulo per sostenere i redditi medio-bassi attraverso un ampliamento dell'area non tassabile (la cosiddetta no-tax area) che sale rispettivamente per lavoratori dipendenti da a euro, per pensionati da a 7.500, per lavoratori autonomi da a 4.800, per un importo complessivo pari a 4,3 miliardi di euro e attraverso il passaggio dal sistema delle deduzioni a quello delle detrazioni per carichi di famiglia che vengono aumentate in misura consistente: 800 euro per il coniuge e per figli maggiori di tre anni, 900 euro per figli minori di tre anni e 750 euro per gli altri familiari a carico. Inoltre, mentre prima le deduzioni si azzeravano a euro ora si azzerano a o a seconda se si tratti di coniuge o figli a carico e per il secondo e terzo figlio le detrazioni arrivano, sempre a scalare, rispettivamente fino a euro e euro. In seconda battuta nel più complessivo ridisegno dell'ire è stato trovato il modo di effettuare la riduzione del cuneo fiscale destinato ai lavoratori (il 40 per cento dei 9 miliardi del costo complessivo) che dunque premia i nuclei familiari con figli e con redditi medio bassi redistribuendo risorse nei loro confronti per circa 3 miliardi di euro. Per i lavoratori dipendenti nella riduzione del cuneo è compresa anche la restituzione del fiscal drag. Pur essendo non immediato il calcolo dell'effetto redistributivo della riforma, alcune prime simulazioni pubblicate sul sito LaVoce.info indicano che la riforma va a vantaggio dei possessori di redditi tra 10 e 35mila euro, mentre al di sopra di tale soglia si pagheranno più imposte, favorisce di più i lavoratori dipendenti rispetto agli autonomi e favorisce di più i nuclei familiari con figli rispetto a quelli senza. Le simulazioni tuttavia indicano che la manovra nel complesso realizza una redistribuzione non sempre del tutto equa perché non consente di redistribuire ai veri poveri (incapienti) e potenzialmente trasferisce risorse anche a contribuenti relativamente poveri che vivono in nuclei familiari agiati. Calcolando la variazione percentuale media del reddito disponibile per i vari decili dopo la riforma, scomponendo anche l effetto totale nella parte dovuta alla revisione dell imposta personale e in quella dovuta all assegno al nucleo familiare, la simulazione indica che nessun decile aumenta il proprio reddito per più dell 1 per cento. In linea generale si può comunque affermare che il 90 per cento delle famiglie italiane sembra mediamente ottenere un incremento di reddito, a scapito del 10 per cento più ricco. La parte più significativa dell impatto redistributivo è svolta dalla variazione della struttura dell Irpef (in particolare la rimodulazione delle detrazioni per carichi di famiglia), mentre più modesto risulta 3

4 l effetto dell incremento degli assegni al nucleo familiare di cui si dirà più avanti. Tab. 1 - Quota di famiglie che guadagnano e perdono dopo la riforma Reddito aumenta Reddito diminuisce Reddito invariato Famiglie con minori 80% 17% 4% Famiglie senza minori 70% 13% 17% Dipendenti 82% 16% 2% Indipendenti 56% 32% 13% Pensionati 71% 7% 21% Totale 73% 14% 13% Fonte: la voce.info Nota: alcune somme superano il 100% per via degli arrotondamenti. La previsione, contenuta nella riforma, di rendere obbligatoria la ripartizione nella misura del 50 per cento delle detrazioni per i figli tra i genitori - mentre in caso di coniuge fiscalmente a carico dell'altro la detrazione competerebbe per intero a quest'ultimo - ad un primo esame sembra penalizzare quelle famiglie in cui uno dei due coniugi, di solito la donna, abbia un contratto di lavoro part-time o comunque un reddito imponibile rientrante nella no tax area, in quanto la detrazione potrebbe essere fruita solo a metà perché un coniuge risulterebbe, di fatto, incapiente o parzialmente incapiente. Al contrario quei nuclei familiari in cui lavori solo un coniuge, anche con alto reddito, potrebbero fruire della detrazione per intero seppur commisurata al livello di reddito. Dal lato delle risorse bisogna sottolineare che la riforma avviene sostanzialmente con effetti modesti sul complesso delle risorse finanziarie destinate all'irpef mentre per gli assegni al nucleo familiare l'impegno è rilevante anche se, come abbiamo visto dalla simulazione citata in precedenza, l'effetto non è particolarmente incisivo. Dalla relazione tecnica allegata alla legge finanziaria si evidenzia che l'intervento sull'ire determinerà un aumento del gettito di cassa dell Irpef pari a 433 milioni di euro nel 2007, milioni nel 2008 e 972 nel Le risorse per aumentare gli assegni familiari (istituto a favore dei soli lavoratori dipendenti) sono pari a 1,4 miliardi e costituiscono maggiori spese. Ne consegue che le maggiori risorse che il governo impegna (oltre a quelle derivanti dal l ex- secondo modulo Irpef di Tremonti) per ridurre il peso dell'irpef sono pari a 967 milioni nel 2007, 369 nel 2008 e 428 nel Da sottolineare che ci sono alcuni effetti indotti sia dal passaggio dal sistema di deduzioni a quello delle detrazioni con un aumento dell'imponibile e quindi un incremento di gettito delle addizionali Irpef regionali e comunali (tale incremento è già compreso nel maggior gettito Irpef prima indicato ed è stimato rispettivamente in circa 325 milioni di euro e 81 milioni di euro), sia dalle modifiche apportate alla curva dell'irpef che producono effetti sulla tassazione del trattamento di fine rapporto per un maggior gettito pari a 130 milioni di euro per anno (anche tale gettito è stato già compreso nel gettito totale dell'irpef). GLI ASSEGNI AL NUCLEO FAMILIARE Accanto alle detrazioni per carichi di famiglia, la legge finanziaria prevede un finanziamento pari a 1,4 miliardi di euro per ciascun anno 2007, 2008, e 2009, per aumentare gli assegni al nucleo familiare. La misura riguarda solo i dipendenti ed i parasubordinati e intende rendere più 4

5 progressivo l'importo degli assegni che, da ultimo con il centrodestra, erano stati rimodulati creando delle riduzioni molto accentuate al passaggio dei relativi scaglioni di reddito familiare. Gli assegni al nucleo familiare per i primi tre figli diventano i seguenti: NUCLEI CON 1 FIGLIO IMPORTO ANNUALE DELL'ASSEGNO Fino a euro di reddito familiare 1650 euro Da euro in poi L'importo decresce di 9,3 euro per ogni 100 di maggior reddito familiare fino a ; da l'importo decresce di 1,2 euro per ogni 100 di maggior reddito familiare fino ad azzerarsi a euro di reddito l'anno. 2 NUCLEI CON 2 FIGLI IMPORTO ANNUALE DELL ASSEGNO Fino a euro di reddito familiare euro Da euro in avanti L importo decresce di 13 euro per ogni 100 di maggior reddito familiare e fino a un reddito di euro; da in poi l importo decresce di 2,3 euro per ogni 100 di maggior reddito familiare fino ad azzerarsi a euro 3 NUCLEI CON 3 FIGLI IMPORTO ANNUALE DELL'ASSEGNO Fino a euro di reddito familiare Da in avanti L importo decresce di 11,5 euro per ogni 100 di maggior reddito familiare fino a un reddito di ; da in poi l importo decresce di 4,4 euro per ogni 100 di maggior reddito familiare fino ad azzerarsi a euro 4. Per i nuclei con tre figli ed un solo genitore c'è un assegno aggiuntivo pari a 800 euro per redditi familiari fino a A partire dai euro l'importo dell'assegno decresce di 8,6 euro per ogni 100 euro di maggior reddito familiare. 2 Prima si fermavano a euro di reddito annuo. 3 prima si fermavano a euro di reddito annuo. 4 Prima si fermavano a euro. 5

6 6

7 ALCUNI ESEMPI DI COME FUNZIONA LA RIFORMA A) Lavoratore dipendente con coniuge a carico e un figlio minore di tre anni Reddito imponibile Aumento netto in busta paga (euro all'anno) (euro all'anno) Fonte: Governo B) Lavoratore dipendente con coniuge a carico e due figli, uno minore di tre anni ed uno maggiore Reddito imponibile (euro all anno) Aumento netto in busta paga (euro all anno) Fonte: Governo C) Lavoratore autonomo con coniuge a carico e figlio minore di tre anni Reddito imponibile (euro all anno) Aumento netto del reddito dopo l imposta (euro all anno) Fonte: Governo 7

8 D) Pensionato da lavoro Reddito imponibile Aumento netto del reddito (euro all anno) dopo l imposta (euro all anno) Fonte: Governo 8

9 2. SUCCESSIONI E DONAZIONI DL in materia fiscale n. 262 AC 1750 Articolo 6 (Disposizioni in materia di imposte ipotecaria e catastale e di registro) Le disposizioni dell articolo 6 del decreto legge in tema di successioni e donazioni determinano un aggravio di imposte. Anche se la norma non interviene sull Imposta di successione in quanto tale, essa modifica le imposte ipotecaria e catastale e di registro. A. Nel regime precedente in caso di successione di un bene immobile, ciascun erede era tenuto al pagamento delle imposte ipotecaria e catastale, quindi un esborso totale di 336 euro. Il quadro preesistente al decreto può essere così riassunto: Sui trasferimenti di immobili per eredità o donazione si pagavano solo le imposte ipotecarie e catastali in misura diversa in base al rapporto di parentela con il defunto o il donante (336 fisse o il 3% del valore dell immobile). Per le donazioni, l imposta si pagava se il beneficiario non era un parente entro il quarto grado e se riceveva beni per un valore di oltre Ora, si prevedono delle distinzioni piuttosto articolate, a seconda del tipo di immobile e del tipo di parentela che lega il de cuius agli eredi. Inoltre, è stata inserita una sorta di franchigia per la prima casa del de cuius: se questa prima casa ha un valore catastale fino a euro gli eredi diretti, coniuge e figlio, pagheranno 168 euro ciascuno di imposte; se la casa ha un valore maggiore, sull eccedenza gli eredi pagheranno il 3%. I casi concreti sono più agevoli al fine di capire la portata delle nuove disposizioni: Esempio di una successione di una prima casa del de cuius ereditata dal coniuge o dal figlio: valore catastale del bene pari a euro: - prima dell entrata in vigore del decreto legge, ciascun erede avrebbe pagato 336 euro di imposta ipotecaria e catastale; - dall entrata in vigore del decreto legge, dovranno essere pagate: * le due imposte ipotecaria e catastale pari a 336 per ciascun erede euro fino al valore catastale di euro, più il 3% dell eccedente i euro, vale a dire, nel nostro caso, euro: in tutto sono euro. Si segnala che, con le nuove modifiche, gli eredi diretti (coniuge e figli) sono esonerati dall imposta di registro. Nello stesso caso sopra indicato, qualora gli eredi fossero, anziché diretti come il coniuge e i figli, parenti fino al quarto grado, essi dovrebbero pagare anche l imposta di registro, pari al 2% del valore dell immobile; se eredi fossero altri soggetti la percentuale dell imposta di registro salirebbe al 4%. 9

10 Quanto detto vale per la prima casa del de cuius. Per gli altri beni, tra i quali una seconda casa che cade in successione, l imposta da pagare, anche per gli stessi eredi diretti, coniuge e figli, è pari al 3% del valore dell immobile. Cade, dunque, l agevolazione dei primi euro stabilita per la prima casa. La grande novità, infatti, dell insieme delle disposizioni che riguardano le successioni di immobili è questa: la titolarità dei requisiti prima casa degli eredi non è più rilevante per l abbattimento del carico fiscale. La questione non riguarda solo l ambito fiscale. Il nostro ordinamento riconosce ai soggetti in possesso dei requisiti prima casa un regime agevolato riguardo alle imposte all atto dell acquisto, agevolazioni che dovrebbero essere riconosciute anche nel caso di eredità. B. Per quanto riguarda le donazioni di immobili: nel vecchio regime: erano dovute le imposte ipotecaria e catastale pari al 3% del valore del bene, ma nel caso di donazione prima casa le due imposte erano fisse, 168 euro l una. Nel caso di donatari diversi dal coniuge o dai figli veniva applicata un imposta del 3% se il donatario possedeva i requisiti prima casa, altrimenti del 7%, sul valore del bene, dopo aver sottratto, per ciascun beneficiario, la quota dei primi euro; con il nuovo regime: rimane il requisito prima casa per coniuge e figli, che però sulla parte del bene eccedente il valore di pagano ora il 4% (un punto in più); gli altri beneficiari perdono il requisito prima casa e pagano comunque il 4%; C è poi l aspetto dell imposta di registro da pagare sulle donazioni vi è una soglia di esenzione per i trasferimenti di titoli, aziende, obbligazioni, quote di aziende al coniuge o ai figli pari a euro sul valore del bene e poi il pagamento del 4% sul valore eccedente; gli altri parenti entro il quarto grado pagano invece il 6% e altri soggetti l 8%; sono esenti da tutto i trasferimenti di titoli pubblici. 10

11 LE NUOVE IMPOSTE IPOTECARIE CATASTALI E DI REGISTRO SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI Beneficiari Ipotecaria Catastale 168 fino a (se abitazione principale defunto) Successione mortis causa 168 fino a (se abitazione principale defunto) Registro Immobili Altri beni Coniuge o parenti in linea retta 3% su quota eccedente (se abitazione principale defunto) 1% su quota eccedente (se abitazione principale defunto) No 4% con franchigia di % immobili o diritti reali immobiliari abitazione principale defunto 1% immobili o diritti reali immobiliari abitazione principale defunto Parenti fino al 4 grado, affini in linea retta, affini in linea 3% 1% 2% 6% collaterale fino al 3 grado Altri 3% 1% 4% 8% Donazione 168 fino a (se prima casa beneficiario) 168 fino a (se prima casa beneficiario) Coniuge o parenti in linea retta 3% su quota eccedente (se prima casa beneficiario) 1% su quota eccedente (se prima casa beneficiario) No 4% con franchigia di % immobili o diritti reali immobiliari abitazione principale defunto 1% immobili o diritti reali immobiliari abitazione principale defunto Parenti fino al 4 grado, affini in linea retta, affini in linea collaterale fino al 3 grado 3% 1% 2% 6% Altri 3% 1% 4% 8% 11

12 3. LA FISCALITÀ PER LE IMPRESE, IL LAVORO AUTONOMO E LA LOTTA ALL EVASIONE STUDI DI SETTORE (Art. 5 - della legge Finanziaria - Commi da 1 a 15) I commi in esame definiscono la revisione degli studi di settore. Il Governo si è apprestato a ciò, come indicato nella relazione, in funzione della mutata realtà economica e del contesto competitivo. Le modifiche principali rispetto alla normativa vigente: - la cadenza della revisione degli studi di settore sarà triennale, non più quadriennale; - introduzione di un nuovo strumento, l analisi della coerenza rispetto ai comportamenti posti in essere da coloro che rientrano negli studi di settore ; - elevazione del limite massimo di ricavi o compensi dichiarati cui si applicano gli studi di settore, dagli attuali euro a 7,5 milioni di euro; - il ministero dell economia ha la facoltà di differenziare il limite sopradetto per ciascun settore, in funzione di peculiarità economiche, numero dei contribuenti etc.; - lo studio di settore sarà applicato anche ai periodi di imposta interessati dalla cessazione dell attività e dall avvio dell attività, se questa avviene entro sei mesi dalla cessazione (si tratta di fattispecie che prima erano escluse dagli studi di settore); - gli studi di settore verranno applicati anche ove l inizio dell attività è una mera prosecuzione di attività svolte da altri soggetti (anche questo caso nella normativa precedente era escluso dagli studi di settore); - l applicazione delle nuove disposizioni in materia di studi di settore si applicano a partire dal periodo di imposta in corso al 1 gennaio 2007, tranne i casi descritti nei precedenti punti 3) e 4), che si applicheranno a partire dal periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2006; - viene inserita anche la possibilità, per l amministrazione finanziaria, di controllare, nei casi in cui non si applicano gli studi di settore a causa di cessazione o liquidazione dell attività, eventuali ricavi non dichiarati o l impiego di lavoro irregolare; - stretta anche per le società di capitali, quelle in particolare che iniziano l attività e quindi sarebbero escluse dagli studi di settore. Si intende definire dei requisiti minimi per il proseguimento dell attività. L attenzione è puntata soprattutto a quelle società di capitali che poco dopo l inizio di attività risultano fiscalmente inattive (e sul quale si appuntano i sospetti elusivi dell amministrazione finanziaria); - gli studi di settore si applicheranno anche nei confronti dei soggetti che hanno un periodo di imposta diverso da dodici mesi (es. le attività stagionali); - viene ribadita la valenza probatoria degli studi di settore ai fini dell accertamento; - sono elevate le sanzioni previste nei casi di omissioni, errori e informazioni distorte nelle dichiarazioni rese negli studi di settore. Il maggior gettito previsto in termine di cassa è il seguente (milioni di euro): Iva Irpef/Ires Irap Totale IVA AUTO AZIENDALI L articolo 7 del dl n. 262 al comma 25 modifica il regime fiscale degli autoveicoli ai fini delle imposte sui redditi. 12

13 In primo luogo, la lettera a) del comma 25 modifica l articolo 51, comma 4, lettera a), del TUIR, prevedendo che, ai fini della determinazione del reddito imponibile IRPEF, il valore della concessione in uso degli autoveicoli ai dipendenti da parte del datore di lavoro è calcolato assumendo il 50 per cento (e non più il 30 per cento, come previsto nel testo previgente della lettera a del citato comma 4) dell importo corrispondente al costo chilometrico di utilizzo del veicolo (come calcolato dall ACI) per una percorrenza annua di chilometri. La modifica comporta un aumento di tale valore ed un conseguente incremento del reddito imponibile del lavoratore. Inoltre, la lettera b) del comma 25 modifica il comma 1 dell articolo 164 del TUIR, in materia di limiti alla deduzione dal reddito IRES delle spese relative agli autoveicoli. In particolare, la lettera b): 1) sopprime la possibilità di dedurre integralmente le spese relative ai veicoli dati in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte del periodo d imposta, prevedendo che sia deducibile l importo che costituisce reddito da lavoro per i dipendenti; 2) sopprime la possibilità di dedurre, nel limite del 50%, le spese relative ai veicoli diversi da quelli strumentali; 3) riduce dal 50 al 25% la percentuale di deducibilità delle spese relative ai veicoli ammessa nel caso di esercizio di arti e professioni. Tali previsioni, come confermato dal tenore della relazione tecnica, appaiono connesse con la modifica del regime di detraibilità a fini IVA dell imposta assolta sugli acquisti di veicoli nell ambito di attività di impresa, imposta dalla recente sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee, che potrebbe comportare minori entrate valutate nella misura massima di 5,5 miliardi di euro per ciascuno degli anni Il comma 26 specifica che, in deroga allo Statuto dei diritti del contribuente, le disposizioni del comma 25 hanno effetto già nel periodo d imposta in corso alla data di entrata in vigore del decreto legge. Gettito in termini di cassa Effetti di gettito IVA* IRPEF (fringe benefit) IRES/IRPEF IRAP TOTALE Nota: * in seguito alla Sentenza della Corte di Giustizia del 14 settembre 2006 (regime di detraibilità piena). Le maggiori entrate per tributi diretti derivanti dalle disposizioni di cui all articolo 7, co 25-26, sono già state incluse nel bilancio 2007, sono state cioè considerate nella legislazione vigente. ALTRE MISURE FISCALI ANTI EVASIONE ED AGEVOLATIVE DL n AC 1750 Art. 1 (Misure in materia di accertamento, nonché di contrasto all evasione e dall elusione fiscale, nonché di potenziamento dell Amministrazione finanziaria) 13

14 Le disposizioni ivi introdotte hanno lo scopo di accelerare e di rendere più efficace l attività di controllo ed accertamento, oltre che di liquidazione dei tributi, già in parte avviata dal decreto legge Bersani. Di seguito alcune misure di interesse: Comma 6 Viene esteso anche alle prestazioni rese da professionisti domiciliati in paradisi fiscali il regime introdotto per l acquisto di beni e servizi da imprese anch esse ivi domiciliate: praticamente i costi sostenuti dalle aziende per questi servizi non saranno più deducibili. Comma 7 Le società di calcio professionistiche saranno obbligate ad inviare per via telematica all agenzia delle entrate copia dei contratti riguardanti l acquisizione di calciatori con i relativi compensi percepiti da questi. L amministrazione finanziaria potrà acquisire informazioni anche presso federazioni calcistiche estere. Commi 9-11 Per contrastare l evasione dell IVA nei casi di acquisto di veicoli in ambito comunitario, l immatricolazione (se a richiederla è un soggetto diverso dall acquirente) o la voltura saranno subordinate alla dimostrazione del versamento IVA. Art. 2 (Misure in materia di riscossione) Il risultato delle disposizioni in generale è un potenziamento dell attività di riscossione. Si indicano i punti principali: Comma 1 Modifica la composizione di Riscossione spa, il cui consiglio di amministrazione non deve essere necessariamente costituito da dirigenti dell agenzia delle entrate e dell inps (posizioni ritenute di difficile conciliazioen dati i carichi e le responsabilità di lavoro). Comma 2 Nel caso in cui gli enti locali affidino a terzi esclusivamente l attività di riscossione spontanea, i compensi per gli agenti sono maggiorati (l aggio sale al 10%), questo perché lo svolgimento della sola riscossione è considerato attività particolarmente onerosa. Comma 4 Prevede che nelle acquisizioni effettuate da Riscossione spa del ramo d azienda delle società concessionarie, siano mantenuti i privilegi e le garanzie di cui godeva il cessionario. Comma 6 Viene concesso a Riscossione spa di godere sempre del procedimento speciale di espropriazione verso terzi (tranne verso i crediti pensionistici), che rende le espropriazioni più rapide ed efficaci. Comma 7 Viene esteso a Riscossione spa il potere di accertamento riconosciuto all amministrazione finanziaria. Potrà accedere, nel caso di morosità di pagamenti a ruolo superiori a euro, nei locali ove si svolgono attività commerciali, agricole, artistiche o professionali per reperire atti o documenti idonei ad individuare eventuali crediti. 14

15 Comma 8 Contro il fenomeno della cosiddetta evasione da riscossione, è concesso alle Amministrazioni pubbliche di non erogare somme di importo superiore a euro se il beneficiario risulta moroso per un ammontare simile già a ruolo. Art. 3 (Recupero della base imponibile) Comma 1 Estende anche al leasing immobiliare le disposizioni contenute nel decreto legge Bersani di fine luglio. Vale a dire che con riguardo al costo dei fabbricati strumentali (opifici, capannoni) in leasing, dal costo in blancio dovrà essere scorporato il valore delle aree (terreni) dove il fabbricato insiste, che diventano non più ammortizzabili. Per procedere a questo scorporo andranno fatte (e pagate) delle perizie di stima che però non potranno essere inferori ad un certo valore indicato dallo Stato. Commi 3 e 4 Passa al 20% la tassazione delle plusvalenze realizzate nella vendita di fabbricati e terreni edificabili acquistati o costruiti da non più di cinque anni. Si ricorda che la finanziaria 2006 aveva introdotto la tassazione al 12,50% di tali plusvalenze in opzione alla normativa già vigente, che obbligava (ma non lo faceva quasi nessuno) il venditore a dichiarare tra i propri redditi il valore delle plusvalenze realizzate, che dunque finivano per essere tassate secondo l aliquota di riferimento. Comma 7 Viene soppressa una disposizione inserita nel decreto legge Bersani, tornando quindi alla normativa previgente. Anche ai soggetti non residenti in Italia spettano le deduzioni ove previste per la loro aliquota. Commi da 8 a 11 Campione d Italia: viene ripristinata la norma soppressa dal decreto legge Bersani. Torna dunque in vigore, annullando completamente gli effetti del decreto di luglio, il trattamento fiscale di cui godono, per accordo con il nostro Paese, i cittadini che hanno residenza a Campione d Italia o il domicilio fiscale, pur abitando nel Canton Ticino. Si tratta dei redditi fino a euro prodotti in franche svizzeri ma computati a fini IRPEF in euro con una riduzione forfetaria del 20% del tasso di cambio. Comma 12 Modifica ulteriore delle stock option, sulle quali era intervenuto il decreto legge Bersani: i benefici delle stock option rimangono intatti se nell arco di un quinquennio viene mantenuto l investimento nella stessa società Art. 5 (Disposizioni in materia di catasto) Dall entrata in vigore del decreto legge sono rivalutate del 40% le rendite catastali dei fabbricati appartenenti alla categoria B. Si tratta di immobili quali i collegi, ospedali, caserme, case di cura ed altri che vedranno un incremento delle imposte di registro, ICI, catastali e ipotecarie. Si precisa che tra questi immobili, quelli che sono esenti dallici rimangono tali. 15

16 Entro nove mesi dall entrata in vigore del decreto legge i proprietari di unità immobiliari appartenenti al gruppo E (con l esclusione delle chiese (E/7) e dei cimiteri, classificati E/8) devono andare a dichiararlo al catasto. Questo perché tali immobili saranno soggetti ad una riclassificazione se sono destinati ad uso commerciale, industriale o ufficio privato. Si tratta di quelle parti di immobili annesse, anche sottostanti, alle stazioni, ai porti, che negli ultimi anni, nella stragrande maggioranza dei casi hanno avuto forti rivalutazioni e sono stati adibiti ad esercizi commerciali (vi sono ora anche sedi di banche, di bar, di negozi). La riclassificazione catastale cui provvederà l Agenzia del territorio terrà conto delle nuove destinazioni d uso. Finanziaria Art. 5 Comma 16 Per poter usufruire della detrazione d imposta e deduzione dal reddito per le spese di medicinali, lo scontrino dovrà indicare anche il codice fiscale del beneficiario. Commi 18 e 19 Il beneficio dell agevolazione IVA sulle autovetture acquistate per il trasporto di persone handicappate decadrà se l autovettura verrà venduta prima di due anni. Commi da 20 a 24 A fini antievasivi, saranno le cliniche private che ospitano lavoratori autonomi (medici, paramedici, anestesisti etc) e gli consentono di prestare le loro attività, ad occuparsi dell incasso dei compensi per ciascun professionista, registrarlo nelle proprie scritture contabili o in registri e poi riversarlo al professionista stesso. Comma 25 Sempre a fini antievasivi, gli stabili costituiti in condominio saranno obbligati, quali sostituti d imposta, a effettuare la ritenuta d acconto a tutti i fornitori d opera o servizi derivanti da contratti d appalto ed indicarne i dati nel modello 770. Comma 28 Gli intermediari immobili saranno responsabili solidalmente con l acquirente e il venditore della registrazione dei compromessi e degli atti negoziali posti in essere in seguito alla loro attività (e quindi soggetti alle sanzioni previste in caso di scoperta inadempienza). Comma 36 La norma ha l intento di far emergere i redditi derivanti dagli assegni di mantenimento percepiti dal coniuge separato, che attualmente sfuggono ai controlli: dal prossimo anno il coniuge che versa gli assegni dovrà indicare il codice fiscale di chi lo percepisce. Comma 37 Ha lo scopo di far emergere i casi in cui un dipendente porti in detrazione dai suoi redditi le somme per spese sanitarie, già rimborsate da enti o casse assistenziali interne : gli enti dovranno trasmettere annualmente i dati relativi ai rimborsi effettuati (nominativi, ammontare delle spese totali e di quelle rimborsate). 16

17 Articolo 6 (Disposizioni per il recupero della base imponibile) Comma 1 Ai fini IRES, redditi di imprese, prevede una modifica tecnica della valutazione nei bilanci delle cosiddette rimanenze, sia nello stato patrimoniale che nel conto economico, nei casi di opere, forniture e servizi di durata superiore ad un anno. Commi da 12 a 20 Si tratta di norme a fini anti-evasione dell imposta comunale sugli immobili (ICI). A partire dalle dichiarazioni dei redditi da presentare nel 2008 tutti i contribuenti dovranno inserire il pagamento dell'ici nella dichiarazione e versarlo con il modello F24; l ICI a debito potrà essere compensata con altri tributi. Al modello F24 è tenuto anche chi non effettua dichiarazione dei redditi. Art 20 (Disposizioni varie in materia fiscale) I commi da 1 a 5 dell artricolo 20 ineriscono alle disposizioni in materia di agevolazioni per la ricerca, oggetto di commento in una scheda a parte. Commi 6 e 7 Si riconosce un credito d imposta alle imprese di produzione musicali - che non siano di proprietà diretta o indiretta di un editore di servizi radiotelevisivi e il cui fatturato annuo non superi i 15 milioni di euro - per tutte le spese connesse al lancio di opere prime o seconde di artisti emergenti. Il limite massimo del credito è stabilito in euro nel triennio. Commi 8 e 9 E concessa una detrazione d imposta ai docenti delle scuole pubbliche di ogni ordine e grado, compresi i docenti universitari e i precari, per l acquisto di un personal computer nuovo di fabbrica. Il limite massimo della detrazione è fissato in euro. Un decreto ministeriale successivo disporrà in merito. Commi 10 e 11 Turismo congressuale In adeguamento ad una normativa europea, per i possessori di partita IVA (imprenditori, imprese, commercianti, professionisti) sarà possibile, nel caso di partecipazione a convegni e congressi, detrarre l IVA pagata sulle prestazioni alberghiere e sulla somministrazione di bevande ed alimenti, che nel nostro Paese è al 10%. In sede di prima applicazione, per il 2007, la detrazione dell IVA sarà consentita solo al 50%. Comma 12 A partire dal prossimo anno la pubblicità delle insegne di esercizio, se superiore ai cinque metri quadrati, potrà essere sottoposta al pagamento dell imposta comunale (che già grava sulle insegne di esecizio). Sarà il comune a decidere l eventuale esenzione. Comma 13 Viene estesa l esenzione dall IVA alle prestazioni degli operatori socio-sanitari (singoli o associazioni) in favore di categorie di disagiati (detenuti, senza fissa dimora, donne vittime di abusi) per i quali non era prevista. 17

18 Commi 14 e 15 In adeguamento ad una normativa comunitaria e per porre fine al contenzioso con la Corte europea, viene prevista la deducibilità dei contributi versati alle forme pensionistiche complementari istituite in altri Stati membri dell UE e negli stati che partecipano allo Spazio economico europeo, se inclusi nella lista del Ministero delle Finanze (si tratta della white list, che comprende quei Paesi con i quali l Italia scambia informazioni in materia, per gli altri rimane in vigopre la disciplina più restrittiva). I fondi pensione esteri avranno lo stesso trattamento fiscale di cui godono quelli nazionali. Commi 16, 17 e 18 Il trattamento fiscale dei fondi comuni d investimento mobiliare, in vigore per quelli nazionali e quelli europei già armonizzati, viene estesa anche ai fondi degli Stati aderenti allo spazio economico europeo, sempre se facenti parti della white list di cui al comma precedente. Viene equiparato, inoltre, a quelli nazionali il trattamento fiscale degli interessi dei titoli e delle obbligazioni emessi da società quotate nei mercati regolamentati degli Stati UE. Comma 19 E previsto l abbattimento forfetario del reddito fino al 40% delle spese, rispetto all attuale 25%, se i titolari di brevetti hanno meno di 35 anni. Comma 20 E riconosciuta una detrazione dall imposta lorda IRPEF nella misura del 19% delle spese (per un massimo di 210 euro) sostenute per la pratica sportiva di bambini e ragazzi di età tra i cinque e i 18 anni. Si intende l iscrizione e la quota mensile o annuale a palestre, piscine, associazioni sportive etc. La misura massima di 210 euro vale individualmente e sarà incrementata nel caso di più frequentanti, sempre se fiscalmente a carico della persona che effettua il pagamento. Un contenuto più preciso della disposizione in esame sarà affidato ad un successivo dpcm. Lo stesso comma consente una detrazione dall imposta lorda IRPEF nella misura del 19% della spesa (fissata nel tetto massimo di euro) sostenuta dagli studenti universitari per i canoni di locazione fuori sede (la lontananza dalla residenza deve essere di almeno 100 chilometri e in provincia diversa). Anche in questo caso il tetto massimo di spesa vale individualmente. Comma 22 Per alcuni veicoli, la cui proprietà il Governo ritiene indicativa di alte capacità contributive e anche per l impatto ambientale che provocano, viene aumentato l importo del bollo. Il limite di peso oltre il quale scatterà l aumento del bollo, pari a 2 euro per ciascun KW in più, è stato fissato in Kg. A prima vista sembrava che tutti i SUV ne fossero esclusi, perché quasi nessuno arriva a quel peso (tranne quella sorta di carroarmato che è l Hummer), ma poi è stato spiegato dai tecnici che il peso indicato non è a vuoto, ma comprende anche il peso dei passeggeri previsti. A queste condizioni, sono dentro la norma non solo i SUV ma anche diverse berline. Art 28 (Modifiche in tema di riutilizzazione commerciale di dati ipotecari e catastali) Viene posto un limite di accesso ai dati ipotecari e catastali. L uso a fini commerciali di tali dati sarà consentito solo ai soggetti che otterranno l autorizzazione dell Agenzia del Territorio. E anche previsto un corrispettivo in denaro prestabilito dalla stessa Agenzia. Sono stabilite anche delle sanzioni nel caso di violazioni. Sembra che non sia finita qui, perché l articolo dispone, per il futuro, di sottoporre ad autorizzazione e pagamento anche altri servizi e dati disponibili presso l Agenzia. 18

19 Le categorie interessate, tra i quali i non meglio specificati consulenti finanziario immobiliari, hanno già fatto sentire le loro rimostranze, sentendosi penalizzati dall articolo in esame. Art. 30 Agevolazioni fiscali in scadenza al 31 dicembre 2006 Comma 1 Settore agricolo e cooperative della piccola pesca e loro consorzi Godono da diversi anni di un regime IRAP agevolato (secondo la legislazione vigente pari al 3,75% già per il 2006). Secondo la finanziaria dello scorso anno l agevolazione avrebbe dovuto essere soppressa a partire dal 2007, anno in cui l imposta per i due settori avrebbe raggiunto la percentuale ordinaria: il 4,75%. Il Governo ha voluto concedere, invece, un anno in più per la messa a regime: l IRAP 2006 è stata fissata all 1,9%, al 3,75% nel 2007 e a partire dal 2008 a regime normale, vale a dire al 4,75%. Il minor gettito è pari a 188,1 milioni di euro nel 2006 e 51,8 nel 2007 Comma 2 Estesa a tutto il 2007 l agevolazione fiscale per il settore della pesca lagunare e costiera (esonero per armatori e personale dal versamento dei contributi previdenziale e assistenziali; credito di imposta sulle ritenute; abbattimento dell imponibile) Comma 3 Estese a tutto il 2007 le riduzioni sulle imposte di registro ed ipotecarie, considerate in misura fissa, (anziché all 8 e al 2%, rispettivamente) per i terreni destinati all arrotondamento della proprietà contadina (vendita o altro trasferimento della proprietà). Comma 4 Estesa fino al dicembre 2007 l agevolazione tributaria per gli impianti di distribuzione dei carburanti per uso di autotrazione, che prevede una riduzione del reddito d impresa attraverso una deduzione forfetaria dei ricavi. Comma 5 Proroga a tutto il 2007 del trattamento fiscale agevolato, sulle aliquote di accisa: per le emulsioni stabilizzate (oli da gas e oli combustibili usati esclusivamente dalle imprese): questa misura è subordinata all approvazione della Commissione UE (comma 6); per il gas metano per usi industriali; per gasolio e gpl per riscaldamento in zone montane; per teleriscaldamento da biomassa; per gas metano per usi civili in alcune zone (Aosta, Belluno, Bolzano, Trento); per gasolio e gpl per riscaldamento nelle zone non metanizzate; per gasolio per autotrazione (solo residenti provincia di Trieste e alcuni comuni di Udine) per gasolio per riscaldamento delle serre Comma 7 e 8 Le imprese di autotrasporto merci per conto terzi e conto proprio potranno compensare, sui versamenti da effettuare nel 2007, le somme versate nel 2006 per i contributi al SSN dei premi di assicurazione per responsabilità civile. Ciò produrrà un abbattimento del reddito d impresa ai fini IRPEF e IRAP (perché le quote in compensazione non concorrono alla formazione del reddito). Le stesse imprese godranno, limitatamente al periodo di imposta in corso alla data del 31 dicembre 2006, della deduzione forfetaria di spese non documentate anche per i trasporti effettuati all interno del comune in cui ha sede l impresa. 19

20 Comma 9 Estesa fino a tutto il 2007 l esenzione dall IRPEF di euro per i redditi di lavoro dipendente prodotti in zone frontaliere. Comma 10 Viene innalzato per il 2007 (da a euro) il limite di deducibilità dal reddito di lavoro dipendente dei contributi di assistenza sanitaria versati ad enti o casse derivanti da contratto o accordo sindacale. Comma 11 Estesa al 2007 la detrazione del 19% delle spese sostenute dai genitori per le rette degli asili nido. Il tetto massimo su cui applicare la detrazione è di 632 euro per ogni figlio che frequenta l asilo nido. L AGGIORNAMENTO DEL CATASTO AGRICOLO Articolo 4. Disposizioni in materia di agricoltura Classamento dell uso del suolo. Allo scopo di semplificare gli adempimenti e conseguire una maggiore rispondenza del contenuto delle banche dati dell'agenzia del territorio all'attualità territoriale, si sostituisce l obbligo della denuncia delle variazioni colturali con le dichiarazioni relative all'impiego delle particelle catastali fatte all'agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura) per ottenere i contributi agricoli Pac (mentre le variazioni colturali restano obbligatorie per chi non presenta domanda di contributo). La richiesta di contributi agricoli deve pertanto contenere anche gli elementi per consentire l'aggiornamento del catasto. L'Agea rilascerà la ricevuta con la proposta dei nuovi redditi catastali e contestualmente la trasmetterà anche all Agenzia del territorio per l aggiornamento della banca dati catastale. Le nuove rendite hanno effetto fiscale, in deroga alle vigenti normative, dal 1 gennaio dell'anno di presentazione della dichiarazione (quindi le colture dichiarate nella domanda di contributi Pac presentata entro il 15 maggio scorso, se difformi da quelle risultanti in catasto, fanno scattare le nuove rendite da utilizzare nella dichiarazione dei redditi) ma in tal caso non sono dovute le sanzioni. Fabbricati rurali. L Agea deve individuare le costruzioni rurali che hanno perso i requisiti previsti dalla legge e accertare se i fabbricati sono dichiarati in catasto. Le rendite catastali relative alle costruzioni che hanno perso i requisiti della ruralità decorrono dal 1 gennaio dell'anno successivo alla data in cui il fabbricato aveva perso i requisiti o, in assenza, dal 1 gennaio dell'anno di notifica della richiesta di accatastamento da parte dell'agea. Scopo della norma è far emergere il reddito di immobili che per la loro qualificazione catastale possono sfuggire all imposizione ICI e IRPEF, oltre che di contribuire alla completa inventariazione del patrimonio immobiliare con la costituzione del catasto fabbricati. Viene infine precisata la definizione di fabbricato rurale : il fabbricato deve essere posseduto da soggetti che rivestano la qualifica di imprenditore agricolo iscritto nel registro delle imprese. Per consentire la dichiarazione in catasto dei fabbricati per i quali verranno meno tali requisiti si fissa al 30 giugno 2007 il termine entro il quale questi dovranno essere dichiarati al catasto urbano, senza applicazione delle sanzioni previste per la violazione dell obbligo di accatastamento. Riduzione trasferimenti ai comuni. Sono ridotti i trasferimenti erariali ai comuni in misura pari al maggior gettito ICI derivante dall applicazione dell articolo. Complessivamente, l intervento genererà i seguenti effetti di gettito (in migliaia di euro) 20

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

Collegato alla Finanziaria 2007. D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286

Collegato alla Finanziaria 2007. D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286 Collegato alla Finanziaria 2007 D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286 Mancata emissione scontrino/ricevuta fiscale art. 1 commi da 8 a 8-ter In caso di mancata emissione dello

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

L imposta sul reddito delle persone fisiche

L imposta sul reddito delle persone fisiche L imposta sul reddito delle persone fisiche IRPEF 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Irpef 1 Schema di determinazione dell Irpef Reddito complessivo= Somma delle singole categorie

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU)

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU) I TRIBUTI I cittadini sono tenuti a concorrere alla spese pubblica in ragione della loro capacità contributiva, come recita l articolo 53 della Costituzione Italiana. I tributi che gravano sui cittadini

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 1 GENNAIO 2014 I N D I C E LEGGE DI STABILITà n. 147/2013... 3 Canoni di locazione Immobili abitativi... 3 Aumento detrazione Irpef lavoro dipendente...

Dettagli

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF (materiale gentilmente concesso dalla Prof.ssa Alessandra Casarico) Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it Schema dell IRPEF T=t(Y-d)-f Reddito complessivo

Dettagli

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 1) IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) La Legge di Stabilità 2014 n. 147 del 27 dicembre 2013 (articolo 1 commi da 639 a 731) ha istituito, a partire dal 1/01/2014, l Imposta

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Milano, 27 aprile 2012. Informazioni tributarie 4.4/04/2012. A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio DECRETO FISCALE

Milano, 27 aprile 2012. Informazioni tributarie 4.4/04/2012. A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio DECRETO FISCALE Milano, 27 aprile 2012 Informazioni tributarie 4.4/04/2012 A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio DECRETO FISCALE 1. APPALTO E SUBAPPALTO RESPONSABILITA SOLIDALE DI APPALTATORE, SUBAPPALTATORE E COMMITTENTE.

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

FINANZIARIA 2007 DECRETO COLLEGATO legge 286/06

FINANZIARIA 2007 DECRETO COLLEGATO legge 286/06 FINANZIARIA 2007 DECRETO COLLEGATO legge 286/06 NORMATIVA DL 03/10/2006 n 262 convertito in Legge n.286 del 24/11/2006 (G.U. n.277 del 28/11/2006) In vigore dal 29/11/2006 PRASSI AGENZIA DELLE DOGANE nota

Dettagli

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette PIAZZA DELLA VITTORIA, 8/20 16121 GENOVA TEL: 010 553241 FAX: 010 5532460 E-MAIL: studio.genova@stsnet.it C. F. E P. IVA: 03022160109 Ai Signori Clienti Loro Sedi Genova, 2 settembre 2011 CIRCOLARE N.

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 22 del 27 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione

Il punto di pratica professionale. Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione Il punto di pratica professionale Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione a cura di Carlo Cavalleri e Sergio Deangelis Consulenti del Lavoro in Genova Da

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2014 dell Ufficio

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare 18/2006 del 30 novembre 2006 Collegato alla Finanziaria 2007 Il 23 novembre è stato convertito in Legge (n. 286/2006) il Decreto Collegato alla Manovra Finanziaria per l anno 2007 (D.L.262/2006).

Dettagli

L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA

L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA AGENZIA IMMOBILIARE LUNIGIANA 2000 Via Apua 24-26, AULLA (MS) Tel 0187.421400 Fax 0187.424684 Cell 335.5383266 335.1321250 E-mail: lunigiana2000@lunigiana.it Web: www.lunigiana2000.it www.lunigiana2000.com

Dettagli

MODELLO UNICO 2001. a intermediari autorizzati (professionisti, associazioni di categoria, CAF, altri soggetti abilitati);

MODELLO UNICO 2001. a intermediari autorizzati (professionisti, associazioni di categoria, CAF, altri soggetti abilitati); MODELLO UNICO 2001 Sono obbligati a presentare la dichiarazione in forma unificata UNICO 2001 i contribuenti tenuti alla presentazione di almeno due delle seguenti dichiarazioni: Redditi; IVA; IRAP. A

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA UNA NUOVA IMPOSTA SUGLI IMMOBILI FONTI decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504 decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 decreto legge 06 dicembre

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 31/07/2012 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Pag.

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali

N. 269. La circolare di aggiornamento professionale. 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali La circolare di aggiornamento professionale N. 269 19.07.2012 La nuova deducibilità delle auto aziendali Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la modifica dell art. 164, comma 1, TUIR da

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13

Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13 Villadose, 19 aprile 2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13 Da una prima valutazione generale, possiamo affermare che la dichiarazione dei redditi 2013, per quanto concerne

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DL Renzi: le novità in materia fiscale. (DL n. 66 del 24.04.2014)

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DL Renzi: le novità in materia fiscale. (DL n. 66 del 24.04.2014) SEA Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. News per i Clienti dello studio del 6 maggio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DL Renzi: le novità in materia fiscale (DL n. 66 del 24.04.2014) 1 Gentile

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

Per l attribuzione dei tali nuovi, in particolare per le unità immobiliari urbane censite nel catasto dei fabbricati, lo stesso comma 1, indica una

Per l attribuzione dei tali nuovi, in particolare per le unità immobiliari urbane censite nel catasto dei fabbricati, lo stesso comma 1, indica una Nota di lettura dell articolo 2, della legge 23/2014 recante Delega al Governo recante disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita, in materia di catasto La legge

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

AREE FABBRICABILI TERRENI

AREE FABBRICABILI TERRENI l IMU L imposta municipale IMU è il nuovo tributo che, dal 1 gennaio 2012, in sostituzione dell ICI, va pagata al Comune e allo Stato sulla base del patrimonio immobiliare del contribuente. Per patrimonio

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO 2012

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO 2012 IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO 2012 Il Decreto Legislativo 14 marzo 2011, n. 23, recante disposizioni in materia di federalismo fiscale municipale, ha istituito con gli articoli 8 e 9 la nuova Imposta

Dettagli

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF Sezione prima - Imposte dirette Struttura della nuova IRPEF STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF I commi da 6 a 9, Legge finanziaria 2007, intervenendo a modifica del TUIR, riscrivono ancora una volta la struttura

Dettagli

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero 43/2013 Pagina 1 di 10 Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero : 43/2013 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IMPOSTE DIRETTE DEDUCIBILITÀ AUTO AZIENDALI ART. 164, COMMA 1, LETT. B),

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

Legge 21 novembre 2000, n. 342. Misure in materia fiscale

Legge 21 novembre 2000, n. 342. Misure in materia fiscale Legge 21 novembre 2000, n. 342 Misure in materia fiscale Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 276 del 25 novembre 2000 - Supplemento Ordinario Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Art.

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA LE PRINCIPALI NOVITÀ 2013 DELL IMU

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA LE PRINCIPALI NOVITÀ 2013 DELL IMU IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Dal 1 gennaio 2012 è in vigore l Imposta Municipale Propria (IMU), la cui istituzione è stata anticipata in via sperimentale dal decreto legge n. 201/2011 Salva Italia, convertito

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 14 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti...

Dettagli

CITTA DI PINETO Provincia di Teramo Area Ragioneria e Finanza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U.

CITTA DI PINETO Provincia di Teramo Area Ragioneria e Finanza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. CITTA DI PINETO Provincia di Teramo Area Ragioneria e Finanza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. (Approvato con Deliberazione Consiliare n 15 del 14/05/2013 e successive

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

1. L I.R.PE.F. : Imposta sul reddito delle persone fisiche (è stata ripristinata la vecchia denominazione) www.edagricolescolastico.

1. L I.R.PE.F. : Imposta sul reddito delle persone fisiche (è stata ripristinata la vecchia denominazione) www.edagricolescolastico. Modulo 5 La contabilità dello Stato Unità 2 Le imposte dirette : aggiornamenti 2008 Il cambiamento della compagine governativa avvenuto con le elezioni politiche del 2006 ha introdotto sostanziali mutamenti

Dettagli

Aspetti fiscali del trust

Aspetti fiscali del trust Aspetti fiscali del trust CONCETTO GENERALE L ART. 1 CO. 74 DELLA L. N. 296/2006 HA INSERITO IL TRUST TRA GLI ENTI COMMERCIALI E NON COMMERCIALI NELL AMBITO DEI SOGGETTI CHE SCONTANO L IRES DI CUI ALL

Dettagli

CHI DEVE PAGARE L'IMU:

CHI DEVE PAGARE L'IMU: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Il Decreto Legislativo 14 marzo 2011, n. 23, recante disposizioni in materia di federalismo fiscale municipale, ha istituito con gli articoli 8 e 9 la nuova Imposta municipale

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE

LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE Milano, 19 gennaio 2015 CIRCOLARE CLIENTI N. 5/2015 LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE La Legge n. 190/2014 (la cd Legge di Stabilità 2015 ) ha previsto diverse misure fiscali di interesse

Dettagli

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008 Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare " La fiscalità della nuova previdenza complementare" INTRODUZIONE La legge di riforma della previdenza complementare (D.Lgs.252/2005

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Direzione servizi tributari dott.ssa Federica Sottotetti IMPOSTE SUI REDDITI

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l applicazione dell ISEE (Indicatore

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 33/2014 del 15/5/2014 ARGOMENTO: PROROGA VERSAMENTI DI UNICO 2014 Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla che, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Dettagli

Modello730/2014: analisi delle principali novità

Modello730/2014: analisi delle principali novità A cura di Celeste Vivenzi Modello730/2014: analisi delle principali novità Premessa generale E' stato approvato dall'agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio 2014 il nuovo Modello 730

Dettagli

STUDIO SALVATORE TRAMUTO commercialista consulente del lavoro revisore contabile

STUDIO SALVATORE TRAMUTO commercialista consulente del lavoro revisore contabile STUDIO SALVATORE TRAMUTO commercialista consulente del lavoro revisore contabile Gentile cliente, Le richiamo l'attenzione su alcune novità previste in particolare dalla Finanziaria 2007, trattati in forma

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

Decreto sulle semplificazioni fiscali.

Decreto sulle semplificazioni fiscali. Decreto sulle semplificazioni fiscali. Il Governo, il 20 giugno scorso, ha dato il via ad uno schema di decreto legislativo contenente disposizioni in materia di semplificazioni fiscali, in attuazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 15 GENNAIO 2008 Informativa n. 10 ULTERIORI NOVITÀ

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 158 del 12 vembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bozza Legge di Stabilità 2016. Regime forfettario e regimi agevolati: cosa ci aspetta nel 2016? Gentile cliente, con

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità A cura del Dott. Michele Avesani A partire dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il regime

Dettagli

IMU INSERTO STACCABILE

IMU INSERTO STACCABILE IMU SCHEDE INFORMATIVE PER LA GUIDA AL CALCOLO DELL ACCONTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU ANNO 2012 valevole per il contribuente residente e dimorante nel Comune di Piazzola sul Brenta per il solo

Dettagli

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi.

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi. a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 01 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 02.01.2012 Tariffe Aci per il 2012 Categoria Sottocategoria Auto Imposte

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme e circolari potrebbero modificare le informazioni contenute.

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme e circolari potrebbero modificare le informazioni contenute. COMUNE DI BOMARZO Provincia di Viterbo IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme e circolari potrebbero modificare le informazioni contenute.. Dal 1 gennaio 2012

Dettagli

IUC Imposta unica comunale. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU per l anno 2016

IUC Imposta unica comunale. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU per l anno 2016 Città di Tarcento IUC Imposta unica comunale La legge 147 del 27 dicembre 2013 (legge di stabilità 2014) ha istituito la nuova imposta unica comunale (IUC) che si basa su due presupposti impositivi: uno

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

prot. n. 31.23 Spett.le LORO SEDI

prot. n. 31.23 Spett.le LORO SEDI Roma 4 settembre 2007 prot. n. 31.23 Spett.le LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI LEGA PROFESSIONISTI DI SERIE C LEGA NAZIONALE DILETTANTI UFFICIO AMMINISTRAZIONE F.I.G.C. LORO SEDI Si trasmette, in allegato,

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179 Quoziente familiare Nel corso dei dibattiti si sente molto spesso parlare di quoziente familiare, ma di cosa si tratta? Con questo termine ci si riferisce a una particolare modalità di tassazione del reddito

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Come è noto la Legge Finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007 n. 244) ha introdotto un regime

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA IMU SINTESI DI COME SI APPLICA Riferimenti legislativi Art. 13, DL n. 201/2011 Artt. 8 e 9, D.Lgs. n. 23/2011 D.Lgs. n. 504/92 Art. 4, DL n. 16/2012 Circolare MEF 18.5.2012, n. 3/DF PRESUPPOSTO IMPOSITIVO

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

Guida IMU ATTENZIONE. Conseguentemente per determinare il versamento dell'imposta dovuta i contribuenti possono:

Guida IMU ATTENZIONE. Conseguentemente per determinare il versamento dell'imposta dovuta i contribuenti possono: Guida IMU L'IMU è l'imposta municipale propria, la cui istituzione è anticipata in via sperimentale a decorrere dall'anno 2012 e sostituisce l imposta comunale sugli immobili (ICI), l'imposta sul reddito

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti News per i Clienti dello studio del 16 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi.

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi. AGEVOLAZIONI SETTORE AUTOTRASPORTO IMPOSTE SUI REDDITI Deduzione forfettarie (Art. 66 comma 5 TUIR) Alle imprese autorizzate all autotrasporto di merci per conto terzi spetta una deduzione forfettaria

Dettagli

STUDIO SESANA ASSOCIATI. Legge 24 dicembre 2007 n. 244

STUDIO SESANA ASSOCIATI. Legge 24 dicembre 2007 n. 244 LEGGE FINANZIARIA per il 2008 Legge 24 dicembre 2007 n. 244 Con la presente Circolare è nostra intenzione portare a Vostra conoscenza per grandi linee e senza pretesa di completezza, impossibile considerata

Dettagli

IMU IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA GUIDA AGLI ADEMPIMENTI. 1 - Cos è l IMU pag. 2. 56 - Base Esenzioni imponibili, calcolo imposta e aliquote pag. pag.

IMU IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA GUIDA AGLI ADEMPIMENTI. 1 - Cos è l IMU pag. 2. 56 - Base Esenzioni imponibili, calcolo imposta e aliquote pag. pag. COMUNE DI ANCONA IMU IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PER L ACCONTO L ANNO 01 013 1 - Cos è l IMU pag. 1 - Cos è Presupposto l IMU d imposta e soggetti passivi pag. pag. 3 - Novità Abitazione

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli

Riferimenti normativi. Schema

Riferimenti normativi. Schema Tema n. 25 Il candidato esamini la disciplina dell imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e accenni ai dubbi di incompatibilità dell imposta con la normativa comunitaria Riferimenti normativi

Dettagli

COMUNE DI VASTOGIRARDI Provincia Isernia

COMUNE DI VASTOGIRARDI Provincia Isernia COMUNE DI VASTOGIRARDI Provincia Isernia Sistema Gestione Ambientale Certificato a fronte della norma ISO14001:2004 IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA SPERIMENTALE (I.M.U.) INFORMATIVA IMU 2012: IMPOSTA MUNICIPALE

Dettagli