NOTE OPERATIVE DI RELEASE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTE OPERATIVE DI RELEASE"

Transcript

1 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione Applicativo: GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: (Update) Data di rilascio: COMPATIBILITA GECOM PAGHE Versione GECOM EMENS Versione GECOM F24 Versione STUDIO PAGHE Versione Requisiti minimi per il software di base specifici per l applicativo SysInt/W TeamPortal Vedi ultima pagina SysIntGateway Per i dettagli dei requisiti e delle versioni minime inerenti il software di base e sistemi operativi consultare la tabella in coda alle presenti note INSTALLAZIONE AMBIENTE WINDOWS L applicativo potrà essere installato a seconda della modalità di distribuzione. 1. Modulo autoscompattante autoinst : Selezionare il bottone installa 2. CDROM applicativi TeamCD: Inserire il CD-ROM nel drive del server e confermare l avvio dell installazione INSTALLAZIONE AMBIENTE LINUX Dalla console, come super-utente (root), digitare il comando AGGTAR. Le modalità di installazione rese disponibili da questo comando saranno: CD-ROM: Inserire il CD-ROM nel drive del server e confermare l avvio dell installazione EXE: Scaricare i file in arrivo da TeamCast e confermare l avvio dell installazione AVVERTENZE Dopo aver installato la presente versione, è necessario effettuare il comando di conversione CONVERS Si precisa che le funzioni d invio e archiviazione delle Certificazioni Uniche in formato PDF mediante il comando PDPAG, verranno abilitate con un successivo aggiornamento della procedura. Con riferimento alle scelte 1 e 3 ( Elaborazione mensile Invio /archiviazione), effettuate per la mensilità di gennaio, in presenza di dipendenti licenziati il programma produrrà la relativa certificazione sulla base del modello CUD2014. IN EVIDENZA: Gestione Certificazione Unica lavoro dipendente ALLEGATI Certificazione Unica 2015 Prelievo dati PAGHE Integrazione alla guida utente PAGHE

2 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. INDICE Conversione Archivi... 3 CONVERS... 3 Certificazione Unica Gestione Certificazione Unica da procedura PAGHE... 4 AZIE scheda Dati contributivi... 5 TB0013 Tabella Soggetti creditori... 5 DIPE Scheda Altro... 6 Gestione mensilità non pagate... 7 UTYNOPAG... 7 Gestione cedolini non pagati... 7 Archivi di base TB Anagrafiche comuni TB Contributi casa edile Scheda Eccezioni Escludi impiegati TB0311/TB Tabella IVS ENPALS e Tabella indennità e contributi COLF TB Tabella retribuzioni convenzionali TB Aliquote Irpef addizionale regionale Elaborazioni mensili PSQUA Stampa prima nota / quadrature Altri enti STAVER Stampa dettaglio versamento solidarietà Anomalie corrette UTYNOPAG Gestione cedolini non pagati STAFONDI UTY1500 Scelta UTYCOM CEDOL Lavoratori autonomi titolari di partita IVA QUADR RICTFR Tabella riepilogativa Sistemi Operativi supportati Integrazione alla guida utente PAGHE

3 PAGHE IMPLEMENTAZIONI Conversione Archivi CONVERS CONVERS Dopo aver installato la versione è necessario effettuare la conversione degli archivi mediante il comando CONVERS. Richiamando il comando CONVERS viene visualizzata una schermata che elenca le varie fasi della conversione che vengono eseguite in sequenza, ciascuna delle quali svolge singole operazioni sugli archivi. Il loro completamento viene segnalato a fianco di ciascuna. A N N O T A Z I O N I Al fine di prevenire eventuali inconvenienti, è consigliabile effettuare una copia degli archivi prima di effettuare le operazioni di conversione; In caso di interruzione imprevista, la conversione deve essere rilanciata: il processo verrà ripreso dalla fase in cui è stato interrotto; Il comando di conversione non è ripetibile; La conversione può essere eseguita anche in corso di elaborazione della mensilità. Il programma di conversione effettua le seguenti operazioni: Integrazione alla guida utente PAGHE

4 PAGHE IMPLEMENTAZIONI Certificazione Unica 2015 Gestione Certificazione Unica da procedura PAGHE Ai fini dell elaborazione della Certificazione Unica è stata predisposta la nuova procedura TeamSystem UNICA. UNICA è un applicativo che permette la gestione, la stampa, e l invio telematico delle Comunicazioni contenenti le Certificazioni Uniche 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi. UNICA si interfaccia con gli applicativi PAGHE, MULTI, STUDIO-Parcellazione e GEST770, consentendo il prelievo da tali procedure dei dati utili alla compilazione della Comunicazione. UNICA può essere utilizzata anche in assenza degli applicativi sopra elencati. È presente una funzionalità di import/export dei dati su file (elaborato sulla base del tracciato ministeriale) utile per acquisire/trasferire i dati da/verso altri utenti che dispongono dell applicativo UNICA o di applicativi di altre procedure. Un ulteriore funzionalità permette l importazione dei dati del lavoro autonomo da un file a struttura parametrizzabile dall utente. L utilizzo dell applicativo UNICA è condizionato alla presenza di apposita Licenza d uso. Dalla procedura PAGHE, il programma per l elaborazione delle certificazioni uniche relative a lavoratori dipendenti (ed associati in partecipazione) rimane il comando GESCUD che consente di interfacciarsi direttamente con la procedura UNICA (v. allegato CU 2015 Prelievo dati PAGHE ). A tal fine, con l esecuzione del comando di conversione relativo alla versione PAGHE , il programma provvede ad impostare il collegamento alla procedura UNICA all interno dell apposito campo inserito nella tabella Direttori procedure / archivi (TB1210): Inoltre, ai fini della Certificazione Unica, nella procedura PAGHE sono state introdotte le informazioni di seguito descritte. Integrazione alla guida utente PAGHE

5 PAGHE IMPLEMENTAZIONI AZIE scheda Dati contributivi Nella scheda Dati contributivi è stato inserito il campo Codice UNICA nel quale viene memorizzato il corrispondente codice azienda all interno dell anagrafica ditte della procedura UNICA: TB0013 Tabella Soggetti creditori Nella tabella in oggetto sono stati inseriti i campi utili ad identificare i soggetti creditori corrispondenti ai percettori dell assegno periodico al coniuge, gestito mediante l impostazione della scheda Prestiti di DIPE. Tale implementazione è finalizzata all elaborazione della Certificazione Unica relativa ai redditi corrisposti a titolo di assegno al coniuge, che a partire dal 2015 deve essere rilasciata a tali soggetti in luogo della certificazione in forma libera (per gli stessi soggetti, pertanto, non dovrà più essere elaborata la certificazione libera mediante il comando CERTRPI). Per il dettaglio dell elaborazione della suddetta Certificazione Unica si rinvia all apposito paragrafo presente nell allegato CU 2015 Prelievo dati PAGHE. I campi inseriti nella tabella Soggetti creditori sono i seguenti: Integrazione alla guida utente PAGHE

6 PAGHE IMPLEMENTAZIONI Assegno ex-coniuge: Perc. dell assegno riservato ai figli: contrassegnare il campo creata con riferimento al coniuge percettore dell assegno periodico; indicare, se presente, la percentuale dell assegno riservata al mantenimento dei figli; tale quota non costituisce reddito in capo al coniuge e pertanto verrà stornata dall importo totale dell assegno al fine di determinare il reddito da riportare nella relativa Certificazione Unica. DIPE Scheda Altro Ai fini della compilazione del corrispondente campo previsto nella Certificazione Unica, nella scheda Altro di DIPE è stato inserito il campo Categorie particolari : Tale campo è stato inserito tra i campi importabili mediante il comando IMPDIP. Integrazione alla guida utente PAGHE

7 PAGHE IMPLEMENTAZIONI Gestione mensilità non pagate UTYNOPAG Gestione cedolini non pagati Il programma consente di rettificare i progressivi fiscali del dipendente in presenza di mensilità per le quali non è stato effettuato il pagamento, mantenendo solo gli imponibili delle mensilità effettivamente erogate, in modo tale da consentire la compilazione del modello CUD non riportando le somme (sia soggette a tassazione ordinaria che separata o sostitutiva) riferite alle mensilità non corrisposte. A tal fine il comando UTYNOPAG consente di: rimuovere (disaggiornare) i progressivi fiscali relativi alle mensilità per le quali non si è proceduto al pagamento; ricalcolare i dati fiscali (addizionali Irpef e detrazioni spettanti) in funzione delle somme imponibili effettivamente corrisposte, senza effettuare comunque conguagli sulle ritenute operate riferite alle mensilità pagate. Nessuna modifica viene effettuata sui dati contributivi (INPS, INAIL, altri enti e fondi di previdenza) e sui vari istituti contrattuali (ratei e Tfr). Il comando UTYNOPAG presenta le seguenti scelte: Integrazione alla guida utente PAGHE

8 PAGHE IMPLEMENTAZIONI 1. Gestione mensilità non pagate Tale scelta permette di indicare, a livello di azienda, azienda/filiale o singola matricola, le mensilità per le quali non si è proceduto al pagamento: Come anno di riferimento viene proposto, con possibilità di modifica, l anno precedente a quello in elaborazione. Mediante il pulsante F6 Dati presenti è possibile visualizzare le tabelle già inserite. 2. Elaborazione mensilità non pagate Tale scelta consente di procedere, per l anno e le matricole selezionate, alla rettifica dei progressivi fiscali interessati, effettuando l aggiornamento inverso delle mensilità indicate nella precedente sezione Gestione mensilità non pagate, con riferimento ai soli dati aventi rilevanza fiscale: Integrazione alla guida utente PAGHE

9 PAGHE IMPLEMENTAZIONI Con la conferma dell elaborazione, pertanto, relativamente ai suddetti mesi verranno disaggiornati i dati di seguito specificati: Progressivi > Irpef e detrazioni : tutti i campi ad esclusione del campo Giorni detrazione. Con riferimento al campo Imponibile irpef va precisato che, essendo stato precedentemente memorizzato al lordo degli eventuali oneri deducibili del mese (v. contributi a previdenza complementare), a seguito del disaggiornamento in esame verrà mantenuto comunque un importo di imponibile pari all ammontare di tali oneri. Questi ultimi, infatti, verranno mantenuti nella sezione Altri dati > Oneri, compensando il corrispondente importo di imponibile fiscale. Inoltre, gli eventuali compensi in natura vengono comunque considerati come attribuiti al dipendente anche per le mensilità non pagate e pertanto il campo Retribuzione in natura non verrà disaggiornato. Conseguentemente, il corrispondente importo, al netto dei relativi contributi, verrà mantenuto al campo Imponibile irpef ; si precisa che l importo al netto dei contributi viene determinato in base alla seguente proporzione applicata ai valori del cedolino non pagato: compenso in natura (importo lordo) x Imponibile Irpef / Imponibile contributivo. Progressivi > Indennità anzianità : campi delle sezioni Tassazione e Arretrati ; Altri dati > Altri progressivi : tutti i campi ad esclusione dei valori memorizzati da puntatori statistici e totalizzatori; Progressivi > TFR : solo importi erogati nelle mensilità non pagate; Diversamente, si sottolinea che non verranno effettuate variazioni in particolare su: Progressivi > Contributi sociali (ad eccezione del campo Netto in busta ); Progressivi > INAIL ; Progressivi > Ratei ; Progressivi > Fondo previdenza ; Altri dati > Oneri ; Altri dati > Modello O1M ; storico voci di calcolo (GESSTO). Con riferimento ai collaboratori, si sottolinea che i dati contributivi INPS e INAIL memorizzati nella sezione Progressivi > Collaboratori non vengono modificati. Si precisa che: nell elaborazione vengono considerati anche i dipendenti licenziati a condizione che non risultino successivamente riassunti. I dipendenti licenziati e riassunti non vengono elaborati (non vengono disaggiornate le eventuali mensilità non pagate relative al primo rapporto di lavoro), evidenziando un apposita segnalazione. Analogamente non vengono elaborati i dipendenti che risultano trasferiti di filiale o passati direttamente ad altra azienda (mensilità non pagate precedenti al trasferimento/passaggio) in presenza di erogazioni di TFR nelle mensilità non pagate, il programma procederà al disaggiornamento dei dati, compresi i dati relativi al TFR erogato; in tal caso, quindi, viene segnalata la necessità di verificare i dati del TFR riportati da AZZERA nell anno successivo: Integrazione alla guida utente PAGHE

10 PAGHE IMPLEMENTAZIONI L elaborazione può essere effettuata anche con riferimento al mese di dicembre in caso di azienda con chiusura irpef per cassa. Pertanto: - indicando come non pagata la mensilità di dicembre 2013 (UTYNOPAG, scelta 1) verranno disaggiornati i progressivi memorizzati con riferimento dicembre 2014; - inserendo il mese di dicembre 2014 fra le mensilità non pagate, verranno disaggiornati i progressivi di dicembre Dopo l esecuzione della scelta Elaborazione mensilità non pagate, i cedolini delle mensilità interessate risulteranno comunque nello stato aggiornato, non consentendo modifiche ai cedolini stessi. In caso di erronea esecuzione della funzione in esame, al fine di ripristinare la situazione precedente (ossia ripristinare i dati disaggiornati) è sufficiente ripetere il comando AGGI per le mensilità interessate. 3. Ricalcolo conguaglio Mediante tale scelta è possibile effettuare il ricalcolo dei valori di Irpef lorda, detrazioni spettanti e addizionali Irpef dovute, sulla base dell imponibile fiscale risultante dopo l esecuzione della precedente scelta Elaborazione mensilità non pagate. Tale ricalcolo non effettua variazioni sui valori di Irpef netta (Irpef effettivamente trattenuta/versata); conseguentemente, tale valore risulterà invariato per le mensilità pagate mentre risulterà azzerato nelle mensilità non pagate. La funzione in oggetto, inoltre, provvede ad aggiornare il valore memorizzato al campo Imponibile irpef 1 AP (sez. Progressivi > Indennità anzianità di DIPE relativa all anno successivo), sulla base dell imponibile annuo rideterminato in funzione delle mensilità non pagate. In merito all addizionale comunale all Irpef si precisa quanto segue: - l acconto di addizionale comunale versato per l anno in questione viene determinato considerando le rate trattenute nelle sole mensilità pagate; - il saldo di addizionale comunale viene determinato dalla differenza fra l addizionale complessivamente dovuta, ricalcolata in funzione del nuovo imponibile Irpef, e l acconto versato nelle sole mensilità pagate; - l acconto di addizionale comunale dovuto per l anno successivo viene ricalcolato e memorizzato nei relativo campo in funzione del nuovo reddito imponibile dell anno precedente. 4. Stampa importi non erogati Tale scelta consente di generare una stampa di riepilogo delle retribuzioni relative alle mensilità non pagate, che sono state disaggiornate dai progressivi (mediante la scelta 2) e che dovranno essere successivamente riconosciute al dipendente. Per ciascun dipendente vengono evidenziati gli importi distinti in base alla relativa tipologia: Imponibile IRPEF somme soggette a tassazione ordinaria, precedentemente memorizzate al campo Imponibile irpef dei Progressivi > Irpef e detrazioni ; Imponibile T. 10% somme soggette ad imposta sostitutiva 10%, precedentemente memorizzate al campo Imposta sostitutiva dl.93/2008 > Imponibile dei Progressivi > Irpef e detrazioni ; Ind. non soggette indennità giornaliere (tabella TB0408) non soggette ad imposta, precedentemente memorizzate al campo Indennità non soggetta dei Progressivi > Irpef e detrazioni ; Somme non soggette somme non soggette (ad esempio rimborso spese documentate erogate con voci con cod. aggiorn. dipendente 3), precedentemente memorizzate al campo Somme non soggette dei Progressivi > Irpef e detrazioni ; Integrazione alla guida utente PAGHE

11 PAGHE IMPLEMENTAZIONI Arretrati arretrati anni precedenti soggetti a tassazione separata, precedentemente memorizzati nella sezione Arretrati dei Progressivi > Indennità anzianità ; Altre indennità indennità connesse alla cessazione del rapporto soggette a tassazione separata, precedentemente memorizzati nella sezione Tassazione dei Progressivi > Indennità anzianità ; Assegni familiari importi assegni familiari (non imponibili fiscalmente), precedente memorizzati al campo Assegni familiari dei Progressivi > Irpef e detrazioni. Precisazione: In merito alla compilazione del modello CUD in presenza di mensilità non pagate gestite con le modalità sopra descritte, si precisa quanto segue: In presenza di mensilità per le quali è stata pagata solo parte della retribuzione, dopo aver eseguito la scelta 2 Elaborazione mensilità non pagate, al fine di computare nel reddito imponibile le somme corrisposte nell anno a titolo di acconto, tali somme dovranno essere inserite all interno della sezione Altri dati > Lavoro precedente di DIPE prima di eseguire la scelta 3 Ricalcolo conguaglio. Per la compilazione dei dati relativi all assistenza fiscale prestata, il programma di prelievo dei modelli CUD non considererà le voci di calcolo relative al conguaglio per assistenza fiscale eventualmente presenti nelle mensilità non pagate. Nella sezione Dati previdenziali ed assistenziali Inps del CUD, i valori di imponibile contributivo e contributi trattenuti vengono riportati considerando anche gli importi relativi alle mensilità non pagate. Integrazione alla guida utente PAGHE

12 PAGHE IMPLEMENTAZIONI Archivi di base Tabelle procedura > tabelle anagrafiche generali TB0009 Anagrafiche comuni Con l esecuzione del comando di conversione il programma provvede ad aggiornare la tabella Anagrafica comuni e altri enti (TB0009) > Anagrafica comuni con l inserimento dei seguenti comuni di nuova istituzione: Comune Prov. Cod. Predaia TN M344 San Lorenzo Dorsino TN M343 Valdaone TN M345 Valvasone Arzene PN M346 Sillano Giuncugnano LU M347 Tabelle procedura > tabelle trattenute sociali TB0307 Contributi casa edile Scheda Eccezioni Con riferimento alle eccezioni malattia / infortunio è stato modificato il calcolo associato ai codici calcolo particolare VE11 (Edilcassa veneto CEAV) e VE21 (Edilcassa Veneto CEVA), relativamente ai dipendenti apprendisti. In particolare sono stati variati i coefficienti utili alla determinazione delle indennità giornaliere di malattia e infortunio. Per gli eventi di malattia i coefficienti previsti per gli apprendisti sono: - 3,4393 dal 4 al 20 giorno di malattia; - 2,1418 dal 21 al 180 giorno di malattia. Per gli eventi di infortunio i coefficienti previsti sono: - 1,2151 dal 4 al 90 giorno di assenza. Al fine dell applicazione dei suddetti coefficienti il programma verificherà che il dipendente presenti Qualifica INPS 1 pari a 5 o U in DIPE > Dati generali, diversamente le percentuali utilizzate saranno quelle indicate nella tabella della scheda Eccezioni. Integrazione alla guida utente PAGHE

13 PAGHE IMPLEMENTAZIONI Escludi impiegati La tabella in oggetto è stata implementata con l inserimento del nuovo campo Escludi impiegati (scheda Eccezioni > sezione Cedolino ). Valorizzando il suddetto campo, anche in assenza di righi con Indicatore di calcolo pari 10 ( Impiegati ), non verrà calcolata nessuna contribuzione. Tale impostazione è utile laddove in tabella siano presenti contributi calcolati sull imponibile contributi sociali e la stessa venga collegata ad impiegati, per denunciare la contribuzione al Fondo contrattuale. Mediante l esecuzione del comando di conversione (CONVERS) il programma provvederà a valorizzare automaticamente il campo in oggetto in tutti i codici cassa edile presenti. È pertanto cura dell utente verificare ed eventualmente variare la valorizzazione del suddetto campo. Tabelle procedura TB0311/TB1502 Tabella IVS ENPALS e Tabella indennità e contributi COLF Le tabelle TB0311 Enpals Tabella IVS, e TB1502 Tabella contributi COLF sono state aggiornate con validità Gennaio 2015 sulla base dei valori comunicati mediante la Circolare INPS n.11 del 23 gennaio 2015 e Circolare INPS n. 12 del 23 gennaio In particolare con riferimento alla tabella TB0311 è stato variato il primo limite di fascia di retribuzione (da 1462,00 a 1463,00) lasciando invariato il relativo massimale, mentre sono state aggiornate tutte le restanti fasce di retribuzione e i rispettivi massimali. Per quanto riguarda la tabella TB1502, risulterà aggiornato l importo orario della contribuzione no CUAF per la sola fascia Oltre euro 9,59 (da 1,92 a 1,93) e per la stessa fascia anche il valore del campo ASPI no CUAF (da 0,14 a 0,13). Inoltre, è stato variato per la seconda fascia Fino a euro il campo di cui c/dipe (da 0,39 a 0,40). I valori aggiornati verranno automaticamente inseriti mediante l esecuzione del comando CONVERS. Integrazione alla guida utente PAGHE

14 PAGHE IMPLEMENTAZIONI Tabelle procedura / Tabelle trattenute sociali TB0315 Tabella retribuzioni convenzionali La tabella TB0315 Tabella retribuzioni convenzionali è stata aggiornata per l anno 2015 sulla base dei valori stabiliti dal relativo Decreto Ministeriale del 14 gennaio I valori aggiornati verranno automaticamente inseriti mediante l esecuzione del comando CONVERS. Tabelle procedura / Tabelle IRPEF TB0405 Aliquote Irpef addizionale regionale Il calcolo delle detrazioni per figli e per figli portatori di handicap, applicabili all addizionale regionale, è stato modificato, applicando lo stesso coefficiente di spettanza previsto per le detrazioni dall imposta sul reddito delle persone fisiche per figli a carico. Al momento, tali misure agevolative sono state introdotte dalla regione Piemonte e dalla regione Puglia; le rispettive disposizioni regionali rinviano entrambe, al fine della determinazione, all art. 12, comma 1, lettera c) del Tuir, ove la quantificazione di tale coefficiente è disciplinata. Inoltre, è stato inserito il nuovo campo N.figli nella sezione Detrazione figli, utile al fine della riconoscibilità della detrazione per figli portatori di handicap. Il programma verificherà che il numero di figli a carico nella griglia della scheda Detrazioni di DIPE sia uguale o maggiore a quello indicato nel nuovo campo; in tal caso riconoscerà la detrazione per ciascun figlio portatore di handicap, proporzionandola, oltre che alla percentuale e ai mesi di carico, in base al suddetto coefficiente. Per la Regione Piemonte, la compilazione della tabella in oggetto non subisce variazioni rispetto a quella precedentemente fornita, in quanto tale regione non vincola la riconoscibilità della detrazione per figli con disabilità ad un numero minimo di figli. Per la Regione Puglia, con l installazione della presente versione e l esecuzione del relativo comando di conversione (CONVERS - Fase 6 Addizionali regionali ) il programma provvederà a compilare la tabella TB0405 per l anno 2015 come di seguito evidenziato: Integrazione alla guida utente PAGHE

15 PAGHE IMPLEMENTAZIONI Elaborazioni mensili Stampe PSQUA Stampa prima nota / quadrature Il programma, nel caso di erogazione di TFR che utilizza la totalità del TFR c/azienda e parte del c/inps, effettuata con un indice ISTAT provvisorio più alto dell effettivo, mediante il comando RICTFR ha aumentato il valore del TFR maturato nell anno per un importo pari alla differenza tra TFR spettante c/inps e TFR spettante totale (pagina TFR di DIPE) al fine di azzerare il TFR spettante c/azienda, di conseguenza il programma è stato implementato al fine di riportare tale differenza all interno del tabulato di primanota se indicata l opzione Rettifiche rivalutazione. Altri enti Stampa dovuto / versato ENTI STAVER Stampa dettaglio versamento solidarietà La stampa in oggetto è stata incrementata al fine di esporre nei totali del tabulato i nuovi codici causali riferiti al contributo di solidarietà sulle somme versate a carico del datore di lavoro per i dipendenti dello spettacolo e sportivi professionisti: M906, M907, M908 e M909. Integrazione alla guida utente PAGHE

16 PAGHE ANOMALIE CORRETTE Anomalie corrette UTYNOPAG Gestione cedolini non pagati Eseguendo l elaborazione per un collaboratore, con riferimento ad una mensilità non pagata in cui si verificava il raggiungimento del massimale contributivo e l erogazione di un compenso in natura, nei relativi progressivi Irpef veniva memorizzato un importo errato. STAFONDI Il programma, eseguendo la scelta di stampa Altri fondi per il fondo PREVIMODA non evidenziava in maniera separata il contributo aggiuntivo destinato a finanziare l assicurazione per premorienza ed invalidità permanente. UTY1500 Scelta 3 Il programma non permetteva, erroneamente, l indicazione del contratto 0 (zero) all interno dei campi Da / A contratto. UTYCOM Con l esecuzione del comando UTYCOM (utile per la variazione nei relativi campi anagrafici del codice catastale per i comuni accorpati nel corso del 2014; v. vers. PAGHE ), il programma non riportava il nuovo codice comune nella prima casella del campo Vers. addiz.li della scheda Anagrafica di DIPE (comune di residenza al 31/12, non più utilizzato per il calcolo dell addizionale regionale). Conseguentemente, con l esecuzione delle operazioni di passaggio d anno (comando AZZERA), si verifica la seguente situazione: comune di residenza all 1/1/2015 (seconda casella del suddetto campo Vers. addiz.li e corrispondente campo della sezione Progressivi > Irpef e detrazioni > Addizionali ), viene riportato il codice del comune precedente all accorpamento; l importo di acconto di addizionale comunale per l anno 2015 viene calcolato con l aliquota prevista per il suddetto comune non più valido. Con l esecuzione del comando di conversione (CONVERS) il programma provvederà ad aggiornare i campi dell anagrafica dipendente con il corrispondente nuovo codice comune e a ricalcolare l importo dell acconto di addizionale comunale CEDOL Casistica Passaggio di qualifica nel mese; Rateo goduto nella prima parte del mese (cedolino aggiuntivo). Anomalia Il programma non determinava in maniera corretta i ratei residui, in quanto sottraeva due volte il rateo goduto del mese. Integrazione alla guida utente PAGHE

17 PAGHE ANOMALIE CORRETTE Lavoratori autonomi titolari di partita IVA In caso di impostazione del soggetto come dipendente (compilazione del campo Qualifica speciale della scheda Dati generali con l indicazione del codice S o U ) il programma associava erroneamente all interno del campo Contributi INPS > scheda Trattenute di DIPE la tabella contributiva TB0304 dei normali dipendenti e non quella collegata al rigo Collaboratori/Associati ENPALS di TB0302. QUADR In caso di lavoratori dello spettacolo e sportivi professionisti il programma all interno dell aliquota contributiva includeva erroneamente anche la percentuale del contributo IVS di solidarietà. RICTFR Nel caso di erogazione di TFR che utilizza la totalità del TFR c/azienda e parte del c/inps, effettuata con un indice ISTAT provvisorio più alto dell effettivo, il comando RICTFR ha aumentato il valore del TFR maturato nell anno per un importo pari alla differenza tra TFR spettante c/inps e TFR spettante totale (pagina TFR di DIPE) al fine di azzerare il TFR spettante c/azienda. Al verificarsi delle condizione sopra indicata si presentavano le seguenti anomalie: a) in caso di dipendenti licenziati nel 2014 con erogazione del saldo nel corso dell anno veniva ugualmente generata la differenza indicata sopra e la stessa veniva riportata come saldo iniziale del La conversione provvede a ripristinare la situazione corretta modificando il saldo finale del 2014 e quello iniziale del b) in presenza di dipendenti con TFR spettante negativo, a causa di anticipi eccedenti gli importi effettivamente maturati, l importo calcolato da RICTFR era errato. Al fine di ripristinare la situazione corretta occorrerà rieseguire il comando in oggetto per le aziende interessate. Integrazione alla guida utente PAGHE

18 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. Tabella riepilogativa Sistemi Operativi supportati Aggiornata al 12/05/2014 Sistema Operativo Versione Release minime Software di base richieste da linea Gecom e Gamma Plus Release minime Software di base richieste da linea Lynfa Studio e Lynfa Azienda Windows 8.1 Pro 64bit 2012 Server XP Professional SP3 (3) Windows 7 Professional 2003 Server SP2 SBS 2003 Server SP Server SP R2 SP1 SBS 2008 Server SP2 SBS 2011 Server TeamPortal Sysint/W (2) e SysIntGateway (2) e Runtime (2) o Runtime (2)(5) Polyedro TeamLinux Suse Linux Enterprise Server Ubuntu Fedora 2.xx, 3.xx, 4.xx 11-SP1, 11-SP (1), (1), 12.4 (4), bit 15 (4), 16 (4), 20 64bit CentOS 5.5 (1), 5.7 (4), 6.2, 6.4, 6.5 Solaris Sparc 5.9 (7) Linux PowerPC OpenSuse 10.3 TeamPortal Sysint/U 4.4 (2) e SysIntGateway (2)(6) Runtime (2) o Runtime (2)(5) Polyedro (1) Supporto al Sistema Operativo in fase di dismissione (termine previsto: giugno 2014) (2) Moduli di software di base non più necessari per ambienti Nativi Procedure Gestionali (3) Supporto al Sistema Operativo in fase di dismissione (termine previsto: giugno 2015). ATTENZIONE: Sistema già dismesso da Microsoft (4) Supporto al Sistema Operativo in fase di dismissione (termine previsto: dicembre 2014) (5) Supporto al Runtime in fase di dismissione (termine previsto: giugno 2016) ATTENZIONE: Questa Runtime non è certificata per sistemi operativi successivi a Windows Server 2003 (6) Supporto SysintGateway Daemon per ambiente a carattere (deprecato) in fase di dismissione (termine previsto: giugno 2015) (7) Supporto al Sistema Operativo in fase di dismissione (termine previsto: dicembre 2014). ATTENZIONE: questo sistema non supporta Polyedro. Note: - Sono escluse tutte le versioni dei sistemi operativi destinate ad un utenza Home - La release dei moduli Acucobol : o è inclusa a partire da TeamPortal o introduce il supporto ufficiale a Windows 8 Pro e Windows Server 2012 o include il servizio AcuXDBC in ambiente TeamPortal N.B.: Il modulo client AcuXDBC è 32bit. Si ricorda che alcune applicazioni 64bit potrebbero non riuscire ad accedere al DSN driver 32bit (es.: Office bit) o non supporta l ambiente AcuServer (come da Circolare Software Partner TeamSystem Pesaro, 15 Novembre 2010) o non supporta l ambiente a carattere - La release dei moduli Acucobol 8.1.2LF : o è inclusa a partire da Polyedro o o introduce il supporto ufficiale al nuovo Look & Feel prodotti linea Lynfa supporta il servizio TS_Sql ( basato su tecnologia C-tree ACE by Faircom ) compresivo di client odbc 32/64bit. Richiede specifica licenza. - L installazione degli applicativi può essere eseguita anche su sistemi e/o versioni diverse da quelle specificate ma in questo caso non viene data nessuna garanzia di funzionamento e relativo supporto. Integrazione alla guida utente PAGHE

19 Gecom Paghe C.U Prelievo dati PAGHE ( Rif. rilascio vers. PAGHE )

20 C.U / 91 INDICE Certificazione Unica Generalità... 4 Introduzione... 4 Composizione del flusso telematico... 4 Gestione Certificazione Unica da applicativo PAGHE... 6 Sequenza di elaborazione delle certificazioni... 7 Novità dati CU Dati anagrafici... 9 Dati relativi al datore di lavoro... 9 Dati anagrafici percipiente... 9 Certificazione lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale Dati fiscali Redditi Acconti 2014 e Crediti non rimborsati Oneri detraibili Detrazioni e crediti Previdenza complementare Oneri deducibili Dati fiscali Altri dati Redditi assoggettati a ritenuta a titolo di imposta Dati relativi ai conguagli in caso di redditi erogati da altri soggetti Trattamento di fine rapporto e altre indennità Dati relativi al coniuge e ai familiari a carico Dati previdenziali ed assistenziali Dati assicurativi INAIL Annotazioni Annotazioni eliminate Certificazioni lavoro autonomo Associati in partecipazione Gestione operazioni straordinarie Elaborazione CU in caso di più rapporti con lo stesso percipiente Redditi totalmente esenti Destinazione dell 8, del 5 e del 2 per mille dell IRPEF Gestione Certificazione Unica GESCUD Gestione Certificazione lavoro dipendente Tabelle Enti assistenziali Personalizzazioni ed annotazioni Operazioni straordinarie Correlazione modelli in stampa Varia anno Gestione Prelievo certificazioni Gestione certificazioni Stampa Stampa Certificazioni Istruzioni Modello CU Stampe di controllo... 32

21 C.U / 91 Guida alla compilazione Dati anagrafici sostituto / percipiente Certificazioni lavoro dipendente, assimilati e assistenza fiscale Sezione DATI FISCALI Sezione PREVIDENZA COMPLEMENTARE Sezione ONERI DEDUCIBILI Sezione SOMME EROGATE PER L INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO Sezione COMPENSI RELATIVI AGLI ANNI PRECEDENTI Sezione DATI RELATIVI AI CONGUAGLI IN CASO DI REDDITI EROGATI DA ALTRI SOGGETTI Sezione DATI RELATIVI AL CONIUGE E AI FAMILIARI A CARICO Sezione DATI PREVIDENZIALI ASSISTENZIALI Sezione DATI ASSICURATIVI INAIL Associati in partecipazione Casi particolari Dipendente deceduto Dipendente riassunto con assenza della sezione Altri dati Lavoro precedente Operazioni straordinarie Indennità di fine mandato corrisposti ai co.co.co Somme soggette a tassazione separata: incentivo all'esodo agevolato Esposizione redditi esenti Certificazione Unica per assegni al coniuge Dettaglio campi DATI RELATIVI AL DIPENDENTE DATI FISCALI DATI PREVIDENZIALI ED ASSISTENZIALI INPS Annotazioni... 81

22 C.U / 91 Certificazione Unica 2015 Generalità Introduzione L art. 1 del DLgs n. 175/2014, ha previsto l introduzione, a decorrere dal 2015, in via sperimentale, della Dichiarazione dei redditi precompilata in base alla quale l Agenzia delle entrate, utilizzando le informazioni disponibili in Anagrafe tributaria, i dati trasmessi da parte di soggetti terzi e i dati contenuti nelle certificazioni rilasciate dai sostituti d imposta ai sensi dell art. 4, comma 6-ter, del DPR 322/98, rende disponibile telematicamente, entro il 15 aprile di ciascun anno, ai titolari di redditi di lavoro dipendente e assimilati, la dichiarazione precompilata relativa ai redditi prodotti nell anno precedente. Al fine di dare attuazione alle disposizioni contenute nel citato decreto, è stato predisposto un nuovo schema di certificazione, il quale contiene sia la certificazione relativa ai redditi di lavoro dipendente e assimilati, attualmente consegnata utilizzando il modello CUD, sia la certificazione relativa ai redditi di lavoro autonomo e ai redditi diversi, fino ad oggi rilasciata in forma libera. La Certificazione Unica deve essere consegnata, in duplice copia, al contribuente (dipendente, pensionato, percettore di redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente nonché percettore di redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi), dai sostituti d imposta entro il 28 febbraio del periodo d imposta successivo a quello cui si riferiscono i redditi certificati (ovvero entro 12 giorni dalla richiesta del dipendente in caso di cessazione del rapporto di lavoro). Qualora il sostituto d imposta abbia rilasciato al sostituito una certificazione relativa ai suddetti redditi erogati nell anno 2014 prima dell approvazione della Certificazione Unica, lo stesso deve rilasciare una nuova Certificazione Unica 2015 comprensiva dei dati già certificati. Nel caso in cui la certificazione attesti solo redditi di lavoro dipendente equiparati ed assimilati, ovvero solo redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi deve essere rilasciata esclusivamente la parte della certificazione unica relativa alle tipologie reddituali indicate. A partire dal 2015 per il periodo d imposta 2014, i sostituti d imposta dovranno trasmettere in via telematica all Agenzia delle entrate, entro il 7 marzo, le certificazioni relative ai redditi di lavoro dipendente, ai redditi di lavoro autonomo e ai redditi diversi, già rilasciate ai percipienti entro il 28 febbraio. Il termine ultimo per effettuare l invio telematico all Agenzia delle entrate è fissato al 9 marzo 2015 (primo giorno lavorativo successivo al 7 marzo). Tutte le certificazioni uniche rilasciate dai sostituti d imposta devono essere inviate all Agenzia delle entrate, anche qualora attestino tipologie reddituali per le quali il dettato normativo non ne ha previsto la predisposizione per la dichiarazione dei redditi precompilata. Composizione del flusso telematico Il flusso telematico da inviare all Agenzia si compone di: Frontespizio nel quale vengono riportate le informazioni relative al tipo di comunicazione, ai dati del sostituto, ai dati relativi al rappresentante firmatario della comunicazione, alla firma della comunicazione e all impegno alla presentazione telematica; Quadro CT nel quale vengono riportate le informazioni riguardanti la ricezione in via telematica dei dati relativi ai mod resi disponibili dall Agenzia delle entrate; Certificazione Unica nella quale vengono riportati i dati fiscali e previdenziali relativi alle certificazioni lavoro dipendente, assimilati e assistenza fiscale e alle certificazioni lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi. E data facoltà ai sostituti d imposta di suddividere il flusso telematico inviando, oltre il frontespizio ed eventualmente il quadro CT, le certificazioni dati lavoro dipendente ed assimilati separatamente dalle certificazioni dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi.

23 C.U / 91 Il servizio telematico restituisce immediatamente dopo l invio, un messaggio che conferma solo l avvenuta trasmissione del file e soltanto inseguito, fornisce all utente una ricevuta attestante l esito dell elaborazione effettuata sui dati pervenuti, che, in assenza di errori, conferma l avvenuta presentazione della comunicazione. Frontespizio Il frontespizio si compone dei seguenti riquadri: tipo comunicazione, dati relativi al sostituto, dai relativi al rappresentante firmatario della comunicazione, firma della comunicazione e impegno alla presentazione telematica. Tipo comunicazione (Annullamento / Sostituzione) Nell ipotesi in cui il sostituto d imposta intenda, prima della scadenza del termine di presentazione, annullare e/o sostituire una certificazione già presentata (validamente accolta), deve compilare una nuova certificazione barrando la casella Annullamento e/o Sostituzione posta nel frontespizio. In tal caso, dovrà procedere ad inviare un apposito flusso comprensivo delle sole certificazioni da sostituire e/o da annullare. Nel Provvedimento di approvazione della Certificazione Unica 2015, viene precisato che: - Nei casi di errata trasmissione della certificazione, la sanzione di cui all articolo 2 del D.Lgs. n. 175/2014 non si applica se la sostituzione o l annullamento della certificazione è effettuato entro i cinque giorni successivi alla scadenza prevista. - Nel caso di scarto dell intero file contenente le comunicazioni, inviato entro il termine previsto, la medesima sanzione non si applica se il soggetto obbligato effettua un nuovo invio ordinario (non di sostituzione o annullamento) entro i cinque giorni successivi allo stesso termine. - Nel caso di scarto delle singole certificazioni uniche, inviate entro il termine previsto, la medesima sanzione non si applica se il soggetto obbligato effettua un ulteriore invio ordinario, contenente le sole certificazioni rettificate, entro i cinque giorni successivi allo stesso termine. Non devono, invece, essere ritrasmesse le certificazioni già accolte. Quadro CT La Comunicazione per ricezione telematica mod deve essere compilata da: sostituti d imposta che non hanno presentato, a partire dal 2011, l apposito modello per la Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai mod resi disponibili dall Agenzia delle Entrate e che trasmettono almeno una certificazione di redditi di lavoro dipendente; NON deve essere compilata da: sostituti d imposta che intendono variare i dati già comunicati a partire dal Per le variazioni (ad esempio, variazione di sede Entratel, indicazione dell intermediario o variazione dello stesso) deve essere utilizzato il modello Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai mod resi disponibili dall Agenzia delle Entrate disponibile sul sito dell Agenzia delle Entrate; In caso di compilazione il quadro CT deve essere presente per ogni fornitura in caso di più invii contenenti almeno una certificazione di redditi di lavoro dipendente. In ogni caso non deve essere presente in una fornitura di annullamento o sostituzione. Certificazione Unica La Certificazione Unica si compone delle seguenti sezioni: dati anagrafici, certificazione lavoro dipendente, certificazione lavoro autonomo.

24 C.U / 91 Gestione Certificazione Unica da applicativo PAGHE La Certificazione Unica viene elaborata mediante la nuova procedura TeamSystem UNICA. Per gli utenti della procedura PAGHE, il comando per la gestione delle certificazioni lavoro dipendente (e da quest anno quelle di lavoro autonomo per gli associati in partecipazione) rimane il comando GESCUD che consente di interfacciarsi direttamente con la procedura UNICA per: effettuare il prelievo dei dati dalla procedura PAGHE; gestire le certificazioni elaborate; effettuare la stampa delle certificazioni da rilasciare ai percipienti. A tal fine, con l esecuzione del comando di conversione relativo alla versione PAGHE , il programma provvede ad impostare il collegamento alla procedura UNICA all interno dell apposito campo inserito nella tabella Direttori procedure / archivi (TB1210): L accesso alla procedura UNICA sarà necessario al fine di procedere all elaborazione del flusso telematico. All interno del comando GESCUD sono presenti le seguenti scelte, analoghe a quelle presenti nella precedente gestione: Nella sezione Tabelle è possibile impostare alcuni parametri utili ai fini del prelievo di determinate informazioni ( Enti assistenziali, Personalizzazioni ed annotazioni e Operazioni straordinarie ). Le successive scelte consentono di procedere all elaborazione delle Certificazioni, da effettuare in base alla sequenza operativa di seguito descritta.

25 C.U / 91 Sequenza di elaborazione delle certificazioni Le fasi di elaborazione delle certificazioni mediante il comando GESCUD possono essere sintetizzate come di seguito indicato: 1. Funzione Prelievo certificazioni Consente di procedere al prelievo dei dati dalla procedura PAGHE e alla compilazione delle certificazioni relative all azienda selezionata (codice azienda di PAGHE), con riferimento alle certificazioni di lavoro dipendente e di lavoro autonomo relative agli associati in partecipazione. Tale funzione provvede alla creazione, se non già presente, della relativa anagrafica azienda all interno della procedura UNICA; a tal fine, se disponibile, il programma assegna lo stesso codice azienda utilizzato in PAGHE. All interno dell anagrafica azienda in PAGHE, il corrispondente codice assegnato nell anagrafica di UNICA viene memorizzato nel nuovo campo Codice UNICA inserito nella scheda Dati contributivi di AZIE. Contestualmente, con riferimento a ciascun soggetto per il quale viene generata la Certificazione Unica, verrà creata la relativa Anagrafica percipienti (tabella ANAPERC in UNICA). Selezionando la funzione, viene richiesta la modalità di prelievo al campo Tipo prelievo scegliendo fra le seguenti opzioni: 1-Prelievo, 2-Prelievo e Chiusura e 3-Apertura, Prelievo e Chiusura. Con l opzione di chiusura (scelte 2 e 3) il programma imposta la chiusura della sezione Lavoro dipendente della gestione comunicazione di UNICA (compilazione del campo Blocco prelievo lavoro dipendente presente nella sezione Completamento dati ). La chiusura consente di evitare il ricalcolo delle certificazioni effettuato automaticamente dal programma in fase di stampa ( Stampa certificazioni di GESCUD) velocizzando di conseguenza il processo di elaborazione. Con la chiusura, inoltre, le dichiarazioni dei dipendenti non verranno rielaborate in caso di successivo prelievo (salvo il caso di prelievo effettuato con l apposita opzione di Apertura, prelievo e chiusura, codice 3). 2. Funzione Gestione certificazioni Consente di accedere direttamente alla gestione dell intera Comunicazione aziendale all interno della procedura UNICA (sezione QUACER di UNICA), selezionando il codice azienda utilizzato nell anagrafica PAGHE. In tale sede è possibile accedere e gestire le singole certificazioni elaborate nonché le ulteriori informazioni richieste ai fini della comunicazione telematica. Tutte le certificazioni create mediante la funzione di prelievo possono essere modificate dall utente contrassegnando il campo Certificazione manuale presente nella sezione Dati percipiente della specifica certificazione lavoro dipendente. Le certificazioni manuali non vengono ricalcolate eseguendo nuovamente la funzione di prelievo o di stampa. Anche la funzione di stampa eseguita da GESCUD provvede alla creazione dell anagrafica ditta in UNICA se non presente. Inoltre, per le dichiarazioni che non risultano chiuse, provvede ad eseguire il prelievo dei dati. 3. Funzione Stampa certificazioni Consente di procedere alla stampa delle certificazioni di lavoro dipendente e certificazioni di lavoro autonomo degli associati in partecipazione. In tale sede la stampa può essere effettuata con le consuete possibilità di suddivisione e ordinamento (per filiale, qualifica, Cdc, ecc.). Con riferimento alle certificazioni stampate con tale funzione, il programma provvederà a impostare la certificazione come stampata, contrassegnando il campo Certificazione stampata da procedura PAGHE della sezione Dati percipiente in gestione della certificazione. In tal caso, in fase di successiva stampa effettuata indicando N al campo Ristampa, verranno stampate solo le certificazioni che non risultano stampate. Si precisa che il precedente comando di stampa MCUD non consente la stampa delle Certificazioni Uniche 2015.

26 C.U / 91 Le precedenti scelte Stampa elenco certificazioni e Stampa elenco certificazioni per firma verranno successivamente ripristinate. La funzionalità di export dei dati CUD (base dati EXPCUD) non è attualmente utilizzabile per l estrazione dei dati delle Certificazioni Uniche Precisazioni: Tutti i dati relativi alle certificazioni elaborate verranno memorizzate negli archivi di UNICA e non sarà più alimentato il file DATICUD degli archivi PAGHE. In fase di elaborazione del modello 770/2015, tutte le informazioni presenti nella CU verranno prelevate da tali archivi e non più dalla procedura di riferimento (PAGHE o MULTI), dalle quali continueranno ad essere prelevati solo gli ulteriori dati richiesti. Le funzioni di invio e pubblicazione su portale delle Certificazioni Uniche continuano ad essere eseguite dalla procedura PAGHE mediante il comando PDFPAG. Nella procedura UNICA è disponibile la funzione di invio e pubblicazione su portale con riferimento all intera Comunicazione dell azienda. Selezionando la scelta Gestione certificazioni di GESCUD è disponibile il pulsante F7 CUD2014 che consente di accedere alla precedente gestione CUD 2014, al fine di verificare le certificazioni rilasciate sulla base del precedente modello ai dipendenti cessati nel corso del 2014 (per i quali deve essere comunque rilasciata la nuova Certificazione Unica 2015 comprensiva dei dati già certificati). In particolare, sarà necessario verificare le certificazioni che risultano variate manualmente (verificabili all interno della sezione Dichiarazioni presenti accessibile mediante il pulsante Ctrl+F1 in corrispondenza del campo Dipendente ). In tal caso, infatti, sarà necessario effettuare le stesse variazioni manuali all interno del modello di Certificazione Unica Per procedere alla generazione della Comunicazione telematica delle certificazioni è necessario utilizzare le apposite funzioni disponibili all interno della procedura UNICA (v. manuale di gestione UNICA).

27 C.U / 91 Novità dati CU 2015 La certificazione CU 2015, rispetto al modello CUD 2014, presenta le differenze di seguito elencate. Dati anagrafici Dati relativi al datore di lavoro In fase di prelievo, vengono riportati i dati anagrafici della filiale di appartenenza del dipendente (riquadro Dati anagrafici della scheda Anagrafica di AZIE), o della diversa filiale indicata al campo Prendi indirizzo da altra filiale della tabella Personalizzazioni ed annotazioni di GESCUD. Tali dati vengono riportati nella sezione Dati sostituto della gestione delle certificazione lavoro dipendente. Con riferimento all indirizzo del datore di lavoro, le istruzioni forniscono le medesime indicazioni presenti nel CUD In particolare viene indicato di riportare anche l indirizzo completo (comune, sigle dalle provincia, C.A.P., via, numero civico, frazione, telefono, fax e indirizzo di posta elettronica) della propria sede (e non quella di altri soggetti, quali ad esempio, quello incaricato della tenuta della contabilità) al quale devono pervenire le comunicazioni relative ai conguagli sulle retribuzioni. Nonostante queste indicazioni, nelle specifiche tecniche per la trasmissione telematica i dati riferiti all indirizzo vengono indicati come obbligatori (in particolare comune e sigla provincia). Pertanto, contrariamente allo scorso anno, i dati dell indirizzo verranno prelevati anche per i dipendenti cessati; inoltre verranno riportati i dati dell indirizzo anche per eredi, titolari di assegni periodici dal coniuge, associati in partecipazione, soci (per questi ultimi sarà presente la sola sezione riferita all INAIL). Per tali soggetti non viene comunque riportato il codice sede (punto 11). L unica differenza riguarda il numero di telefono e fax con riferimento ai quali, nelle istruzioni di quest anno, non è più presente l indicazione di riportare la lettera T o F prima dei rispettivi numeri. Dati anagrafici percipiente Punto 8 Categorie particolari In tale campo, già previsto nella comunicazione dei dati lavoro dipendente del mod. 770, deve essere riportato il codice della categoria particolare di cui alla tabella D posta nell Appendice delle istruzioni per la compilazione della Certificazione Unica. Il programma compila tale campo con le seguenti modalità: - codice Z in caso di erede; - codice Z2 in caso di percettore di assegni periodici corrisposti dal coniuge (compilazione del punto 5 dei dati fiscali); - in assenza delle situazioni sopra indicate, viene riportato il codice indicato nel nuovo campo Categorie particolari inserito nella scheda Altro di DIPE. Punto 9 Eventi eccezionali I codici ammessi in tale campo sono stati modificati come di seguito descritto: a) il codici 2 (residenti nei comuni della Sardegna colpiti dagli eventi metereologici del novembre 2013) è stato eliminato; b) il nuovo codice 8 sostituisce il precedente codice 4 (eliminato) per l identificazione di altri eventi eccezionali ; Per la modalità di compilazione del presente punto si rimanda alla sezione Guida alla compilazione delle presenti note operative (v. pag. 33).

28 C.U / 91 Punto 10 casi di esclusione dalla precompilata Il punto 10 deve essere compilato riportando uno dei seguenti codici: - 1, nel caso siano stati certificati esclusivamente redditi di cui all art. 50, comma 1, lettere b), e), f), g) relativamente alle indennità percepite dai membri del Parlamento europeo, h) e h-bis); - 2, nel caso siano stati certificati soltanto dati previdenziali ed assistenziali. Il programma inserisce automaticamente il codice 2 in presenza di soci per i quali, nella Certificazione lavoro dipendente, viene compilata esclusivamente la sezione Dati assicurativi INAIL (v. pag. 52). Punto Domicilio fiscale ai fini dell addizionale comunale e regionale Non è più richiesta l indicazione del domicilio fiscale al 31/12 del periodo d imposta oggetto di certificazione in quanto, a partire dall anno 2014, anche l addizionale regionale deve essere determinata con riferimento al domicilio fiscale all 1/1 dell anno d imposta. In relazione a tale variazione normativa, qualora in caso di cessazione del rapporto di lavoro durante l anno, le operazioni di conguaglio siano state operate con riferimento a un domicilio fiscale diverso da quello previsto dalle disposizioni vigenti al momento del rilascio della Certificazione Unica, il sostituto deve informare il sostituito nelle annotazioni (cod. GH) della necessità di presentare la dichiarazione dei redditi per la corretta liquidazione delle imposte. Il programma riporta automaticamente l annotazione GH in presenza di dipendente licenziato se il cedolino di conguaglio risulti diverso dal comune di residenza all 1/1/2014 memorizzato nella sezione Progressivi > Irpef e detrazioni > Addizionali di DIPE e sia relativo ad una diversa regione. La stessa verifica per l inserimento dell annotazione GH, oltre che per i dipendenti licenziati viene effettuata anche per i collaboratori con compenso annuale. Inoltre, l indicazione del domicilio fiscale all 1/1/2015 è sempre richiesta (anche se uguale al domicilio fiscale all 1/1/2014). Per i lavoratori autonomi, il domicilio deve essere compilato nella sola ipotesi di indicazione del codice N nel punto 1 della sezione relativa ai redditi di lavoro autonomo. Di conseguenza, in fase di prelievo dati per un associato in partecipazione (compilazione della certificazione lavoro autonomo; v. pag. 54) il programma non compila i dati riferiti al domicilio. Il domicilio non verrà riportato neanche per i seguenti soggetti: eredi, titolari di assegni periodici dal coniuge, soci. Punto 30 Codice fiscale del rappresentante In caso di contribuenti incapaci (compreso il minore), in tale campo, già previsto nella comunicazione dei dati lavoro dipendente del mod. 770, deve essere indicato il codice fiscale del rappresentante. Tale dato è a compilazione manuale nel corrispondente campo presente nella sezione Dati percipiente della gestione delle dichiarazioni lavoro dipendente. Punto Percipienti esteri Come già previsto nel mod. 770, relativamente ai redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi, se il percipiente è non residente devono essere indicati il codice identificativo fiscale estero, l indirizzo e il codice dello stato estero di residenza. Tale sezione non riguarda pertanto i percipienti di reddito di lavoro dipendente.

29 C.U / 91 Certificazione lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale Dati fiscali Redditi Punto 1, 2 Redditi di lavoro dipendente e assimilati Nel punto 1 va indicato il totale dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all art. 13, commi 1 e 1-bis del TUIR. Nel punto 2 deve essere indicato il codice 1 o 2 rispettivamente in caso di contratto di lavoro a tempo indeterminato o determinato; il campo deve essere sempre compilato in caso di valorizzazione del precedente punto 1. Il programma rileva i redditi da indicare nel punto 1 dalla sezione Progressivi > Irpef e detrazioni e Altri dati > Lavoro precedente di DIPE; la tipologia di rapporto viene rilevata dalla qualifica INPS 3 del dipendente e dal campo Tempo indeterm. della sezione Altri dati > Lavoro precedente (v. Dettaglio campi, p. 63). In presenza sia di redditi da rapporto a tempo determinato che di redditi da rapporto a tempo indeterminato, vengono compilati due moduli (rigo aggiuntivo per la sezione in oggetto) indicando nei rispettivi punti 1 e 2 il totale per tipologia, con il corrispondente codice al punto 2. Tale suddivisione deve essere effettuata anche in caso di trasformazione del contratto da tempo determinato a tempo indeterminato. A tal fine, in presenza della Data trasformazione rapporto (scheda Dati generali di DIPE), il programma provvederà a: - rilevare i redditi da rapporto a tempo determinato dai cedolini precedenti la data di trasformazione (per il mese di trasformazione viene verificato il relativo cedolino aggiuntivo); - determinare i redditi da rapporto a tempo indeterminato per differenza fra importo totale memorizzato nei progressivi fiscali e redditi da lavoro a termine (punto precedente). In caso di dipendente riassunto dopo un precedente rapporto, il programma verifica la presenza della Data trasformazione nella matricola di provenienza; in tal caso, la suddivisione sopra descritta verrà effettuata verificando i cedolini della matricola di provenienza. Punto 3 Redditi di pensione Devono essere evidenziati distintamente i redditi derivanti da pensione (redditi per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all art. 13, commi 3 e 4 del TUIR). Il programma riporta in tale punto gli eventuali redditi inseriti nella sezione Altri dati > Lavoro precedente di DIPE con codice 1 (pensionati) al campo Tipo qualifica. Punto 4 Altri redditi assimilati Va indicato il totale dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all art. 13, comma 5 del TUIR. In tale punto il programma riporta gli eventuali redditi inseriti nella sezione Altri dati > Lavoro precedente di DIPE con il codice 2 al campo Tipo reddito, ad esclusione di quelli identificati dal codice 1 o 31 al campo Codice qualifica. Punto 5 Assegni periodici corrisposti dal coniuge Va indicato il totale dei redditi derivanti dagli assegni periodici, indicati tra gli oneri deducibili nell articolo 10, comma 1 lett. c), per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all art. 13, comma 5-bis del TUIR (assegni periodici corrisposti dal coniuge). Con riferimento alla compilazione di tale campo, nell applicativo PAGHE possono presentarsi due diverse casistiche: 1. Procedura di pignoramento presso terzi In caso di dipendente per il quale viene gestita la trattenuta ed il conseguente versamento dell importo di assegno al coniuge mediante la scheda Prestiti di DIPE, il programma provvede alla

30 C.U / 91 generazione di una specifica CU in capo al coniuge beneficiario dell assegno, creando uno specifico percipiente. A tal fine, i dati del percipiente dell assegno verranno rilevati dalla relativa tabella Soggetti creditori (TB0013) e il reddito complessivamente corrisposto a titolo di assegno al coniuge, da riportare nel punto 5 della CU, verrà rilevato dall apposita sezione dei Progressivi > Contributi sociali di DIPE. Per il dettaglio della modalità di generazione della Certificazione Unica per i redditi erogati al coniuge beneficiario, si rinvia all apposito paragrafo (v. pag. 62). Si precisa che, in funzione del rilascio al coniuge beneficiario dell assegno della relativa Certificazione Unica, per lo stesso soggetto non deve essere elaborata la certificazione mediante il comando CERTRPI. 2. Sezione Altri dati > Lavoro precedente In caso di dipendente che ai fini delle operazioni di conguaglio comunica al datore di lavoro tale tipologia di somme, le stesse devono essere inserite nella sezione Altri dati > Lavoro precedente di DIPE, indicando al campo Codice qualifica il nuovo codice 31. Il programma provvederà a compilare, nella certificazione elaborata in capo al dipendente, anche il punto 5 riportando l importo del reddito identificato dal codice 31. Annotazione AI Con riferimento ai redditi esposti ai punti 1, 3, 4 e 5 nelle annotazioni (cod. AI) dovrà essere data indicazione di ciascuna tipologia di reddito certificato ed il relativo importo. Inoltre, con riferimento ai giorni indicati ai punti 6 e 7 ( Numero di giorni per i quali spettano le detrazioni ), nella stessa annotazione dovrà essere data indicazione del periodo di lavoro o pensione qualora questo sia di durata inferiore all anno. In presenza di una pluralità di rapporti di lavoro nel corso dell anno, l informazione dovrà essere fornita per ogni rapporto. Si sottolinea che rispetto al CUD 2014, è stata eliminata dall annotazione l informazione tempo determinato/indeterminato. In funzione di quanto sopra, il programma riporta sempre l annotazione AI con l indicazione della tipologia di reddito e del relativo importo; la data inizio e fine del rapporto verrà riportata solo in caso di durata del rapporto inferiore all anno o comunque in presenza di una pluralità di rapporti di lavoro nel corso dell anno. Con riferimento alla tipologia di redditi che confluiscono nel punto 4 (altri redditi assimilati) e 5 (assegni periodici corrisposti dal coniuge) non devono essere riportate le date (nelle istruzioni vengono associate alla compilazione dei punti 6 e 7). Con riferimento alla compilazione del punto 4, la descrizione della tipologia di reddito viene indicata mediante la compilazione del campo Codice altri redditi della sezione lavoro precedente. Punti 8, 9 e 10 Rapporto di lavoro Nei punti 8 e 9 deve essere indicata rispettivamente la data di inizio e di cessazione del rapporto di lavoro; in caso di passaggio senza interruzione del rapporto di lavoro da un sostituto ad un altro deve essere indicata la data di inizio del rapporto con il primo sostituto. Il punto 10 deve essere barrato nella ipotesi in cui il rapporto di lavoro, intercorso con lo stesso sostituto d imposta, venga interrotto e successivamente ripreso nel corso dell anno. In tal caso, nel punto 8 deve essere riportata la data di inizio relativa al primo rapporto di lavoro conguagliato. Il programma provvede alla compilazione dei campi riportando le date presenti nell anagrafica dipendente; se il dipendente risulta in essere alla fine del periodo d imposta il campo Data fine non viene compilato. In caso di più rapporti con lo stesso sostituto viene riportata la data inizio rapporto verificando l anagrafica delle matricole precedenti in forza nell anno e viene eventualmente compilato il punto 10. Nel caso di dipendente con rapporto di lavoro cessato in anni precedenti ed erogazione nell anno di certificazione di ulteriori somme, il programma compila entrambe le date.

31 C.U / 91 Acconti 2014 e Crediti non rimborsati Punti / Acconti 2014 dichiarante / coniuge I dati relativi agli acconti Irpef, addizionale comunale e cedolare secca trattenuti in funzione dell assistenza fiscale prestata (ed eventualmente sospesi) devono essere riportati in maniera distinta fra importi relativi al dichiarante (punti da 31 a 38) ed importi relativi al coniuge (punti da 51 a 58). Conseguentemente, è stata eliminata l annotazione BA precedentemente prevista per l indicazione del dettaglio dei rispettivi acconti del sostituito e del coniuge. Tali campi sono compilati automaticamente (v. pag. 37). Punti / Crediti non rimborsati dichiarante / coniuge I dati relativi ai crediti Irpef, addizionale regionale, addizionale comunale e cedolare secca da assistenza fiscale, relativi all anno precedente non rimborsati per qualsiasi motivo dal sostituto, devono essere riportati in maniera distinta fra importi relativi al dichiarante (punti da 61 a 64) ed importi relativi al coniuge (punti da 65 a 68). Analogamente, anche gli importi dei crediti rimborsati, da evidenziare nelle annotazioni (cod. AM) dovranno essere distinti fra importi relativi al dichiarante ed al coniuge. Tali campi sono compilati automaticamente (v. pag. 37). Oneri detraibili Inserita la sezione in oggetto al fine di indicare in dettaglio gli importi degli oneri detraibili per i quali spetta la detrazione del 19% o 26%. Tali oneri devono essere evidenziati distintamente per tipologia, indicando lo specifico codice identificativo rilevabile dalle tabelle A e B delle istruzioni CU 2015 (punti 71, 73, 75, 77, 79 e 81) ed il rispettivo importo (punti 72, 74, 76, 78, 80 e 82); se necessario, per l evidenziazione di tutti i diversi oneri detraibili spettanti la sezione in oggetto dovrà essere ripetuta. Gli importi devono essere esposti tenendo conto degli eventuali limiti e al lordo delle franchigie previste dalle norme che li regolano (come già previsto lo scorso anno ai fini della compilazione dell annotazione AT del mod. CUD 2014). In funzione dell introduzione dei nuovi campi, il corrispondente campo presente nel modello CUD 2014 (ex punto 131) e le annotazioni ad esso riferite (ex annotazioni AT e AZ) sono stati eliminati. Il programma compila la sezione in oggetto sulla base degli oneri detraibili inseriti nella sezione Altri dati > Oneri di DIPE, riportando per ciascuno il relativo codice ed importo.

32 C.U / 91 Detrazioni e crediti Detrazione per canoni di locazione Fra i canoni di locazione ammessi in detrazione sono stati inseriti quelli relativi a contratti di locazione di alloggi sociali (ex art. 7, D.L. n.47/2014); tale tipologia di canone di locazione dovrà essere identificata dal nuovo codice 5 all interno dell annotazione BG. La gestione della detrazione per tale tipologia di canone di locazione è manuale. Punti 114 / 118 Credito d imposta per le imposte pagate all estero Nel punto 114 deve essere indicato il credito d imposta eventualmente riconosciuto in fase di conguaglio per le imposte pagate all estero a titolo definitivo. Relativamente a tale credito, con riferimento a ciascuno Stato estero nel quale il reddito è stato prodotto, devono essere indicate le seguenti informazioni: - punto 115: il codice dello Stato estero; - punto 116: l anno di percezione del reddito estero; - punto 117: il reddito prodotto all estero; - punto 118: l imposta pagata all estero resasi definitiva Ai fini della compilazione del punto 114, il programma preleva l importo del credito in oggetto dall apposita voce di calcolo generata nel cedolino di conguaglio (voce collegata al campo Credito d imposta per imposte pagate all estero di TB1201; v. vers. PAGHE ). Il dettaglio delle informazioni richieste nei punti da 115 a 118 viene prelevato dai corrispondenti campi presenti nella sezione Altri dati > Distacco in paese estero > Crediti d imposta di DIPE. In funzione dell introduzione degli specifici campi, le suddette informazioni non dovranno più essere riportate nelle annotazioni con codice AQ. L annotazione AQ dovrà comunque essere inserita al fine di indicare, con riferimento all importo evidenziato nel punto 114, il reddito complessivo tassato in Italia, l imposta lorda italiana nonché l imposta netta italiana (relativi all anno di percezione del reddito estero). Come in precedenza, nel caso in cui il reddito prodotto all estero abbia concorso solo parzialmente alla formazione del reddito di lavoro dipendente (ad esempio nel caso in cui, ai sensi dell art. 51, co. 8, del TUIR, il reddito estero abbia concorso alla formazione del reddito in misura convenzionale), nella stessa annotazione AQ il sostituto dovrà informare il contribuente che, ai fini della determinazione del credito spettante, l imposta estera definitiva è stata ridotta proporzionalmente al rapporto tra il reddito estero, determinato in misura convenzionale, ed il reddito che risulterebbe tassabile, in via ordinaria, se la medesima attività lavorativa fosse prestata in Italia. Anche le informazioni richieste nell annotazione AQ vengono prelevate dai corrispondenti campi presenti nella sezione Altri dati > Distacco in paese estero > Crediti d imposta di DIPE. Il programma riporta nell annotazione AQ anche l anno di riferimento; in caso di credito d imposta derivante da imposte pagate all estero in più anni, l annotazione AQ viene inserita più volte (una per ciascun anno interessato). L indicazione di imposta estera proporzionalmente ridotta (v. sopra) verrà riportata nel caso in cui nella suddetta sezione risulti contrassegnato l apposito campo Retribuzione convenzionale.

33 C.U / 91 Punti 119 / 121 Credito bonus Irpef In tali campi devono essere indicate le informazioni relative al bonus Irpef ex art. 13, co. 1-bis del TUIR (introdotto dal DL 66/2014, convertito con modificazioni con L. 89/2014). Nel punto 119, che in funzione delle indicazioni delle specifiche tecniche deve essere sempre compilato in presenza di un importo al campo 1 Redditi di lavoro dipendente e assimilati, deve essere indicato uno dei seguenti codici: 1 bonus riconosciuto ed erogato (in tutto o in parte); 2 bonus non riconosciuto ovvero riconosciuto ma non erogato neanche parzialmente. Nel punto 120 deve essere indicato l importo del bonus erogato. Nel punto 121 deve essere indicato l importo del bonus riconosciuto ma non erogato. Per la compilazione di tali campi il programma verifica la compilazione del campo Credito DL 66/2014 art. 1 erogato nella sezione Progressivi > Irpef e detrazioni di DIPE (scheda Crediti ): se il valore complessivo annuo memorizzato in tale campo risulta maggiore di zero, verrà riportato il codice 1 nel punto 119 ed il suddetto importo verrà indicato nel punto 120; in caso contrario, verrà riportato il codice 2 nel punto 119 ed il valore 0 (zero) nei punti 120 e 121. Previdenza complementare In tale sezione sono state raggruppate le informazioni richieste con riferimento ai dipendenti iscritti a fondi di previdenza complementare. Le novità sono le seguenti: Punto 141 Previdenza complementare In tale campo deve essere indicato il codice identificativo della tipologia di dipendente iscritto a previdenza complementare. Dai codici ammessi in tale campo è stato eliminato il codice A. Da quest anno, infatti, qualora nel corso dell anno si siano verificate in capo al percipiente più situazioni riconducibili a diversi codici, il sostituto deve dare distinta indicazione di ciascuna situazione compilando più volte i campi interessati (non è più prevista l indicazione di tale dettaglio nell annotazione BD). Punto 144 TFR destinato al fondo Con riferimento ai dipendenti pubblici iscritti a forme pensionistiche loro destinate (identificati dal codice 4 al punto 141) in tale campo deve essere indicato l importo di TFR destinato al fondo (non è più prevista l indicazione di tale importo nell annotazione BD). Il programma, in caso di inserimento automatico del codice 4 al punto 141 (v. pag.41), provvede a compilare il punto 144 con l importo del TFR destinato al fondo di previdenza. Punto 151 / 153 Contributi previdenza complementare per familiari a carico Con riferimento ai premi e contributi versati a previdenza complementare per i familiari a carico, indicati al punto 151, sono stati inseriti i punti 152 e 153 nei quali andrà rispettivamente indicato l importo dedotto dai redditi (già compreso nel punto 142) e quello non dedotto (già compreso nel punto 143). In funzione dell introduzione di tali campi, è stata eliminata la precedente annotazione AS. La compilazione di tali campi è a gestione manuale.

34 C.U / 91 Oneri deducibili Contributi ad enti e casse aventi esclusivamente fini assistenziali Con riferimento alla contribuzione per assistenza sanitaria versata ad enti o casse aventi esclusivamente fine assistenziale, sono stati introdotti i seguenti campi utili all indicazione distinta dell importo di contributi dedotti e non dedotti dall imponibile: - punto 163 (contributi dedotti) importo dei contributi per assistenza sanitaria dedotti dall imponibile (nel rispetto del limite annuo deducibile di 3.615,20 euro, normativamente previsto). Con riferimento a tali contributi non è più prevista alcuna indicazione all interno delle annotazioni. - punto 164 (contributi non dedotti) importo dei contributi per assistenza sanitaria non dedotti dall imponibile. In tale campo andrà indicato: a) l importo non dedotto in quanto eccedente il limite massimo deducibile di 3.615,20 euro. b) l importo che il sostituto non ha potuto escludere dal reddito (pur rientrando nei limiti prestabiliti); tale ipotesi ricorre nel caso di versamento ad un ente assistenziale che non ha ottenuto l iscrizione all anagrafe dei fondi sanitari del Ministero della Salute. Nelle annotazioni (cod. AU) andrà indicato che le spese sanitarie rimborsate per effetto di tali contributi sono deducibili o detraibili in sede di dichiarazione dei redditi indicando l ammontare dei contributi non dedotti. Per le modalità di inserimento automatico delle informazioni sopra descritte, si rinvia all apposito paragrafo della sezione Guida alla compilazione (v. pag. 43). Dati fiscali Altri dati Contributo trattamenti pensionistici Con riferimento ai trattamenti pensionistici erogati sono stati inseriti i seguenti campi: - Punto 173 Reddito netto ammontare dei trattamenti pensionistici erogati al netto del contributo di solidarietà applicato in base all art. 1, comma 486 della L. n. 147/2013 (contributo di solidarietà del 6% e 12%). - Punto 174 Trattenuto ammontare del contributo di solidarietà dovuto sui trattamenti pensionistici riportati nel punto precedente. I suddetti campi sono a gestione manuale. Punto 175 Reddito frontalieri In tale punto va indicato l ammontare dei redditi di lavoro dipendente corrisposti al dipendente residente nel territorio dello Stato che presta in via continuativa la propria attività nelle zone di frontiera e in altri paesi limitrofi. Tale importo deve essere considerato al lordo della quota esente (euro 6.700,00). Il programma compila automaticamente tale campo con riferimento ai dipendenti che al campo Somme esenti della sezione Altri dati > Oneri di DIPE presentano un importo identificato dallo specifico codice 5 (v. pag. 60). In tal caso, nel campo in oggetto viene riporta la somma del reddito imponibile (campo Imponibile irpef della sezione Progressivi > Irpef e detrazioni di DIPE) e dell importo esente indicato con codice 5 nel suddetto campo Somme esenti. L importo esente, inoltre, verrà evidenziato distintamente nell apposita annotazione AE.

35 C.U / 91 Redditi assoggettati a ritenuta a titolo di imposta Lavori socialmente utili Inserita la sezione in oggetto (punti da 241 a 246) al fine di esporre separatamente i compensi per lavori socialmente utili in regime agevolato (soggetti che hanno raggiunto l età prevista dalla vigente legislazione per la pensione di vecchiaia e che possiedono un reddito complessivo di importo non superiore ad euro 9.296,22). Tali dati, precedentemente compresi fra gli altri redditi assoggettati a ritenuta a titolo di imposta, non dovranno essere più evidenziati nelle annotazioni (cod. AX). La sezione in oggetto è a gestione manuale. Dati relativi ai conguagli in caso di redditi erogati da altri soggetti Qualora redditi corrisposti da più soggetti siano conguagliati nella Certificazione Unica, dovrà essere compilata la presente sezione esponendo i dati relativi alle diverse tipologie reddituali erogate da ciascun sostituto. Nei punti da 301 a 304 vanno indicati gli importi complessivi dei redditi corrisposti da altri soggetti e conguagliati dal sostituto, rispettivamente compresi nei punti 1, 3, 4 e/o 5. Nei successivi punti, per ciascun soggetto interessato, identificato dal relativo codice fiscale (punto 305), devono essere dettagliati i rispettivi redditi erogati e le eventuali ritenute operate. Pertanto, in presenza di più soggetti sarà necessario compilare più moduli della stessa certificazione. Tali dati vengono rilevati dalla sezione Altri dati > Lavoro precedente di DIPE. In particolare: - le somme erogate da altri soggetti per l incremento della produttività devono essere riportate nella presente sezione; per il dettaglio della modalità di prelievo di tali dati si rinvia all apposito paragrafo della sezione Guida alla compilazione (v. pag. 46); - nei punti da 328 a 331 vanno specificati i dati relativi ai compensi percepiti dai soggetti impegnati in lavori socialmente utile in regime agevolato erogati da altri soggetti (campi a gestione manuale). Nella sezione Conguaglia altri soggetti della gestione certificazioni lavoro dipendente, sono stati inseriti i campi Causa, non presenti nel modello CU, che corrispondono ai punti 306 e 307 del mod. 770/2015. Tali campi verranno automaticamente compilati in fase di prelievo e al fine del successivo trasferimento nella gestione del mod. 770/2015 Si precisa che nel campo 306, oltre ai valori previsti nel corrispondente campo 770 (codici da 1 a 8), potranno essere riportati ulteriori codici utilizzati dalla procedura per specifici controlli (v. operazioni straordinarie e redditi totalmente esenti). Trattamento di fine rapporto e altre indennità Considerato che i dati relativi a ciascun dipendente devono essere contenuti in un unica Certificazione Unica, in caso di più rapporti di lavoro con lo stesso sostituto, il programma elaborerà un unica certificazione compilando più moduli con l indicazione distinta dei dati relativi a ciascuna erogazione di TFR (non viene più verificata la relativa impostazione presente nell apposito campo di TB1203). Tale modalità operativa è stata confermata dall Agenzia delle entrate che, a seguito di chiarimenti forniti, ha comunicato la volontà di adottare la stessa struttura del 770 Semplificato che il sostituto dovrà poi compilare, precisando che anche nel caso in cui nel corso del 2014 siano state rilasciate più certificazioni si dovrà compilare una comunicazione unica per l esposizione dei dati relativi alle somme assoggettate a tassazione sulla base degli scaglioni di reddito, mentre sarà necessario fornire distinta indicazione dei dati relativi alle indennità di fine rapporto, utilizzando più volte i punti necessari.

36 C.U / 91 Pertanto, in caso di più rapporti di lavoro con lo stesso sostituto, il programma compilerà più moduli con l indicazione distinta dei dati relativi a ciascuna erogazione di TFR (non viene più verificata la relativa impostazione presente nell apposito campo di TB1203). Pertanto, nel primo modulo (principale) vengono riportati i dati relativi al TFR erogato con riferimento all ultimo rapporto di lavoro; in assenza di erogazione, nella sezione in oggetto vengono compilati solamente i punti da 409 a 413 (dati situazione TFR maturato); nei moduli aggiuntivi vengono riportati i dati relativi al TFR erogato con riferimento a ciascun precedente rapporto di lavoro con lo stesso datore.

37 C.U / 91 Dati relativi al coniuge e ai familiari a carico Inserito il riquadro in oggetto per l indicazione dei dati relativi ai familiari che nell anno sono stati fiscalmente a carico del sostituito ai fini della corretta verifica dell attribuzione delle detrazioni. Se i righi presenti non risultino sufficienti per indicare tutti i familiari a carico deve essere compilato un modulo aggiuntivo. La sezione deve essere compilata esclusivamente nell ipotesi di erogazione di redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati. In funzione dell introduzione della presente sezione, l annotazione BO richiesta nel modello CUD 2014 è stata eliminata. Tale sezione viene automaticamente compilata con le medesime modalità previste per l analoga sezione già presente nel modello 770 (v. pag. 48). Dati previdenziali ed assistenziali Sez. 3 Gestione dipendenti pubblici (ex INPDAP) Inserita anche per la gestione dipendenti pubblici (ex INPDAP) l informazione relativa ai mesi per i quali è stata presentata la denuncia UNIEMENS; tale dato viene rilevato dall archivio delle spedizioni telematiche della procedura EMENS. Dati assicurativi INAIL Inserita la sezione in oggetto, analoga a quella già prevista nel modello 770; per soci ed associati in partecipazione, nella certificazione lavoro dipendente risulterà compilata solo tale sezione (v. pag. 52).

38 C.U / 91 Annotazioni Nella Certificazione Unica 2015 sono previste, inoltre, le seguenti nuove annotazioni: Annotazione CF Certificazione rilasciata dopo il 7 marzo Nel caso in cui il sostituto rilasci una nuova certificazione unica dopo il 7 marzo deve comunicare al percipiente, mediante l annotazione CF, che, se intende avvalersi della dichiarazione precompilata fornita dall Agenzia delle Entrate, dovrà procedere a modificarne il contenuto sulla base dei dati forniti dall ultima certificazione unica rilasciata dal sostituto. L inserimento di tale annotazione è manuale. Annotazione GH Conguaglio operato con riferimento a domicilio diverso da quello previsto Qualora in caso di cessazione del rapporto di lavoro durante l anno, le operazioni di conguaglio siano state operate con riferimento ad un domicilio fiscale diverso da quello previsto dalle disposizioni vigenti al momento del rilascio della Certificazione Unica, il sostituto deve informare il sostituito nelle annotazioni (cod. GH) della necessità di presentare la dichiarazione dei redditi per la corretta liquidazione delle imposte. Il programma riporta automaticamente l annotazione GH in presenza di dipendente licenziato se il cedolino di conguaglio risulti diverso dal comune di residenza all 1/1/2014 memorizzato nella sezione Progressivi > Irpef e detrazioni > Addizionali di DIPE e sia relativo ad una diversa regione. La stessa verifica per l inserimento dell annotazione GH, oltre che per i dipendenti licenziati viene effettuata anche per i collaboratori con compenso annuale. Annotazione GI Conguaglio effettuato dal sostituto estinto Nella ipotesi di operazioni straordinarie comportanti l estinzione del precedente sostituto d imposta, qualora le operazioni di conguaglio siano state effettuate dal sostituto estinto, il sostituto subentrante, nella sezione relativa ai dati anagrafici del sostituto, dovrà riportare i propri dati nonché compilare l annotazione (cod. GI) per informare il contribuente che le operazioni di conguaglio sono state effettuate dal sostituto estinto. Annotazioni eliminate Nella Certificazione Unica 2015 sono state eliminate le seguenti annotazioni: - Cod. AT / AZ (Oneri detraibili); - Cod. AS (Contribuzione previdenza complementare per familiari a carico); - Cod. BA (Acconti da assistenza fiscale, dettaglio dichiarante/coniuge); - Cod. BD (Presenza di più situazioni rilevanti ai fini della previdenza complementare); - Cod. BO (Familiari a carico); - Cod. CD / CE (decreto legge n.174 del 2012 e circ. Ag. entrate 46/E 2012). Certificazioni lavoro autonomo Associati in partecipazione Con l esecuzione della funzione di prelievo dati dalla procedura PAGHE il programma provvede a prelevare anche i dati relativi agli associati in partecipazione per i quali viene compilata la certificazione lavoro autonomo con i relativi dati fiscali e viene compilata la sezione Dati assicurativi INAIL della certificazione lavoro dipendente (v. pag. 54).

39 C.U / 91 Gestione operazioni straordinarie Con riferimento alle operazioni straordinarie, le istruzioni di compilazione della Certificazione Unica fanno espresso rinvio, laddove applicabili, alle istruzioni del modello 770/2015 Semplificato. Nello specifico sono previste particolari modalità di compilazione e di invio della CU che comportano una specifica modalità operativa all interno della procedura. Per il dettaglio della gestione delle operazioni straordinarie si rinvia all apposito paragrafo (v. pag. 56). Elaborazione CU in caso di più rapporti con lo stesso percipiente I dati relativi a ciascun dipendente devono essere contenuti in un unica Certificazione Unica. Tale modalità di indicazione dei dati deve essere seguita anche in presenza di più rapporti di lavoro rilasciate dal sostituto per il medesimo periodo d imposta con lo stesso percipiente. Pertanto si richiama l attenzione alle seguenti casistiche: Stesso soggetto che risulta contemporaneamente dipendente e collaboratore Come nella gestione del CUD dello scorso anno, in presenza di due matricole in forza con medesimo codice fiscale la certificazione unica viene elaborata esclusivamente con riferimento all anagrafica per la quale non risulta attivato il blocco del conguaglio ( Blocco conguaglio Irpef presente nella scheda Altro di DIPE). Nel caso in cui non risulti attivata la funzione di blocco del conguaglio su nessuna matricola, la certificazione viene elaborata per l anagrafica relativa al rapporto di lavoro subordinato e non per quella relativa al rapporto di collaborazione. Dipendente con più rapporti di lavoro Come nella gestione del CUD dello scorso anno, in presenza di dipendenti con più rapporti di lavoro succeduti nell anno con lo stesso datore di lavoro, la certificazione viene elaborata riepilogando i dati complessivi fiscali (sez. Progressivi > Irpef e detr. e sez. Altri dati > Lavoro precedente ) con riferimento all anagrafica dell ultima matricola assunta nell anno. Redditi totalmente esenti Nella ipotesi di redditi totalmente esentati da imposizione in Italia, in quanto il percipiente risiede in uno Stato estero con cui è in vigore una convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte dirette, il sostituto d imposta deve rilasciare la Certificazione Unica 2015 per indicare l importo di tali redditi esclusivamente nelle annotazioni (cod. AJ). Nel Provvedimento di approvazione della Certificazione Unica è previsto che, nella suddetta ipotesi, le relative Certificazioni non devono essere inviate all Agenzia delle entrate. A tal fine, in caso di dipendente esente Irpef ( Trattamento IRPEF 5), senza valori al campo Somme esenti ( Altri dati > Oneri di DIPE), contestualmente alla compilazione dell annotazione AJ verrà inserito il codice 10 nel campo Causa (punto 306) della sezione Conguagli altri soggetti della gestione certificazioni. Il programma verifica la presenza del codice 10 al fine di generare la stampa della CU ma non la relativa certificazione telematica.

40 C.U / 91 Destinazione dell 8, del 5 e del 2 per mille dell IRPEF Il contribuente può destinare: l otto per mille del gettito IRPEF allo Stato oppure ad una Istituzione religiosa; il cinque per mille della propria IRPEF a determinate finalità; il due per mille della propria IRPEF in favore di un partito politico. Il sostituto d imposta è tenuto a rilasciare l apposita scheda debitamente compilata nella parte relativa al periodo d imposta nonché ai dati del sostituto e del contribuente, che i contribuenti esonerati dalla presentazione della dichiarazione devono utilizzare per esprimere la scelta. La scheda va consegnata a cura del contribuente entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi (Modello UNICO 2015 Persone Fisiche): in busta chiusa allo sportello di un ufficio postale che provvederà a trasmetterlo all Amministrazione finanziaria; in alternativa ad un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (professionisti, CAF, ecc.). La scheda per la scelta della destinazione dell 8, del 5 e del 2 per mille può essere stampata contrassegnando l apposita colonna Scelta 8/5 x mille della tabella Correlazione modelli Cud in stampa di GESCUD, in corrispondenza del Tipo Cud prescelto.

41 C.U / 91 Gestione Certificazione Unica GESCUD Gestione Certificazione lavoro dipendente GESCUD è il programma che consente di interfacciarsi con la procedura UNICA al fine di gestire le informazioni prelevate dagli archivi PAGHE per la compilazione della Certificazione Unica. Per procedere alla compilazione automatica delle certificazioni mediante prelievo dei dati dagli archivi del dipendente è necessario selezionare l'apposita funzione di prelievo dati; tale funzione può essere effettuata: - per tutte le aziende/dipendenti gestiti (GESCUD > Gestione > Prelievo dichiarazioni ); - per tutti i dipendenti dell'azienda selezionata ( Gestione > Gestione dichiarazioni > Prelievo dati > Lavoro dipendente ) - per il singolo dipendente selezionato ( Gestione > Gestione dichiarazioni > sez. Lavoro dipendente > pulsante Prelievo sul percipiente selezionato). La gestione ha lo scopo di semplificare il controllo dei dati acquisiti e di consentire l apporto di modifiche o integrazioni. I dati riportati nelle certificazioni sono utilizzati per la compilazione del modello 770 semplificato e sono memorizzati nei rispettivi archivi della procedura UNICA (cartella UNIARC). Il comando va eseguito selezionando l anno di riferimento dei redditi certificati; il programma propone automaticamente l anno precedente a quello indicato nella tabella Anno e mese di elaborazione (TB0002). Per la gestione del modello CUD relativo ad altri anni è necessario selezionare la funzione Varia anno (GESCUD > Tabelle ) e indicare l anno interessato. Si precisa che per visualizzare i CUD 2014 eventualmente elaborati per i dipendenti licenziati nel corso di tale anno è disponibile il pulsante F7 CUD2014 (visibile accedendo alla Gestione dichiarazioni ) che consente di visualizzare la precedente gestione del comando GESCUD. L anno selezionato viene evidenziato nel campo Anno posto nella parte superiore destra della maschera di avvio del comando GESCUD:

42 C.U / 91 Il programma GESCUD è suddiviso nelle seguenti sezioni: - Tabelle: contiene alcune tabelle e funzioni per l impostazione generale dell elaborazione delle certificazioni; - Gestione: contiene le funzioni per la gestione delle singole certificazioni; - Stampa: contiene le stampe relative alle certificazioni. Tabelle Enti assistenziali Tale tabella consente di selezionare ed impostare gli enti assistenziali la cui contribuzione sanitaria versata, deve essere riportata nei campi 163 e 164 della sezione oneri deducibili. Per il dettaglio della gestione si rinvia all apposito paragrafo della sezione Guida alla compilazione (vedi pag. 43). Personalizzazioni ed annotazioni Tale tabella consente di inserire delle annotazioni fisse da riportare su tutte le certificazioni elaborate. Inoltre, mediante il campo Codice eventi eccezionali è possibile impostare, a livello generale, la compilazione del campo Eventi eccezionali del modello (punto 9,vedi parag. Guida alla compilazione, pag. 33). La tabella può essere creata per singola azienda/filiale, oppure per tutte le aziende/filiali, selezionando il codice 0 nel campo Azienda. La valorizzazione del campo Prendi indirizzo da altra filiale e l indicazione della filiale interessata, consente la compilazione della sezione Dati anagrafici relativi al datore di lavoro con il corrispondente indirizzo, in luogo di quello presente nei dati anagrafici della filiale di appartenenza del dipendente (riquadro Dati anagrafici della scheda Anagrafica di AZIE).

43 C.U / 91 Operazioni straordinarie Tale tabella è utile per la corretta compilazione delle certificazioni in presenza di operazioni straordinarie. Per istruzioni dettagliate si rinvia all apposito paragrafo Operazioni straordinarie della Guida alla compilazione (v. pag. 56). Correlazione modelli in stampa Tale tabella consente di definire in fase di stampa laser quali copie stampare (originale dipendente, copia dipendente, istruzioni, copia azienda e modulo per la scelta dell 8/5/2 per mille). Ciascun codice Tipo CU corrisponde alla rispettiva riga di correlazione, nella quale vanno contrassegnate le caselle corrispondenti alle copie che si intendendo inserire nella stampa. E possibile definire 9 diverse tipologie di stampa (righe da 1 a 9): Nella tabella, inoltre, sono presenti le scelte relative alla generazione del file PDF (comando PDFPAG) per l invio o l archiviazione delle certificazioni. Mese rilascio CU: indicare il mese nel quale deve essere generata la certificazione in formato PDF. In tal caso, eseguendo il comando PDFPAG, scelta 1 o 3, per il mese indicato nel presente campo, il programma provvederà ad inserire le certificazioni relative all anno precedente a quello in elaborazione. Rilascio CU licenziati nel mese: indicare se generare mensilmente le certificazioni dei dipendenti licenziati tra i modelli da inviare in formato PDF. In tal caso, eseguendo il comando PDFPAG, scelta 1 o 3, il programma, con riferimento ai soli dipendenti licenziati nel mese, provvederà ad inserire le certificazioni relative all anno in elaborazione. Si precisa che con le scelte 2 e 4 del comando PDFPAG ( Elaborazione CUD Invio / Archiviazione ), il programma genera automaticamente, in formato pdf, le certificazioni relative all anno precedente a quello in elaborazione (solo per tali scelte al campo Anno elaborazione di PDFPAG viene impostato l anno precedente a quello in elaborazione, indicato in tabella TB0002 Anno e mese di elaborazione ).

44 C.U / 91 Varia anno Selezionando tale scelta è possibile variare, a livello generale, l anno di riferimento per la gestione delle certificazioni. Analoga funzione è disponibile anche a livello di singola azienda nella sezione Gestione dichiarazioni. Si precisa che richiamando un anno precedente al 2014 verrà visualizzata la precedente gestione del comando GESCUD. Gestione Tale sezione contiene le funzioni di prelievo e gestione dei dati per l elaborazione delle certificazioni. Prelievo certificazioni Tale funzione consente di procedere alla compilazione automatica delle certificazioni lavoro dipendente per tutti i dipendenti delle aziende selezionate, sulla base dei dati prelevati dai rispettivi archivi. Mediante tale funzione, con riferimento agli associati in partecipazione, il programma provvede anche alla compilazione delle certificazioni lavoro autonomo e, per la sola sezione Dati assicurativi INAIL, del quadro lavoro dipendente. Al campo Tipo prelievo è possibile selezionare la modalità di prelievo delle certificazioni, scegliendo tra le seguenti opzioni: 1 Prelievo Viene effettuato il prelievo delle certificazioni per le aziende per le quali tale elaborazione non risulti già chiusa (sono comunque esclusi i dipendenti la cui certificazione viene elaborata manualmente). 2 Prelievo e chiusura Viene effettuato il prelievo come indicato al punto precedente e viene chiusa l elaborazione. 3 Apertura, prelievo e chiusura Viene effettuata e chiusa l elaborazione delle certificazioni per tutte le aziende selezionate, anche se già chiuse.

45 C.U / 91 Selezionando l opzione di chiusura (scelta 2 e 3), il programma imposta il blocco del prelievo per la sezione Lavoro dipendente (valorizzazione del campo Blocco prelievo del lavoro dipendente nella sezione Completamento dati della gestione della comunicazione ed evidenziato dall apposita icona in gestione dichiarazioni, sezione lavoro dipendente). L impostazione del suddetto blocco prelievo consente di evitare la riesecuzione del prelievo in fase di stampa delle certificazioni lavoro dipendente mediante l apposita scelta del comando GESCUD. Gestione certificazioni Tale scelta consente di accedere direttamente alla gestione dell intera Comunicazione aziendale all interno della procedura UNICA (sezione QUACER di UNICA), selezionando il codice azienda utilizzato nell anagrafica PAGHE. In tale sede è possibile accedere e gestire le singole certificazioni elaborate nonché le ulteriori informazioni richieste ai fini della comunicazione telematica. Per il dettaglio della compilazione dei campi presenti nei vari quadri che costituiscono la Comunicazione si rinvia agli appositi paragrafi del presente documento. Per specifiche in merito alla gestione delle singole scelte si rimanda al Manuale UNICA allegato alla versione UNICA

46 C.U / 91 Stampa Stampa Certificazioni Nella sezione Stampa certificazioni sono presenti le seguenti opzioni di stampa delle certificazioni: 1. Stampa certificazioni 2. Stampa certificazione riepilogativa 1. Stampa certificazioni Correlazione modelli (copie): Ristampa (Si o No): Stampa solo licenziati: indicare le copie che si desidera includere nella stampa, facendo riferimento ai codici Tipo CUD impostati nella tabella Correlazione modelli CUD in stampa (v. pag. 25). indicare Si se si desidera stampare anche i modelli che risultano già stampati (valorizzazione del campo Certificazione stampata da procedura PAGHE presente in Gestione dichiarazioni > Lavoro dipendente sezione Dati percipiente ). indicare Si per procedere alla stampa delle sole certificazioni relative a dipendenti licenziati; in tal caso verrà richiesta la selezione dei dipendenti licenziati che si intendono includere nella stampa (licenziati nell anno oppure licenziati nel mese/anno indicato dall utente). Nei campi Da/A Azienda/Filiale/Matricola vanno selezionati i limiti di ricerca e stampa delle certificazioni. Tale selezione può essere effettuata anche mediante le schede Aziende e Filtri della maschera di impostazione della stampa, nelle quali è possibile anche selezionare elenchi di aziende interessate o impostare criteri di ricerca e selezione dei dipendenti da includere nella stampa. La valorizzazione dei campi Ordina per consente di impostare la modalità di raggruppamento e ordinamento dei modelli inclusi nella stampa. L ordinamento può essere effettuato per codice filiale, qualifica Inps, centro di costo (1, 2 o 3), reparto (1, 2 o 3) e per ordine alfabetico.

47 C.U / 91 In caso di selezione dell ordinamento alfabetico, il programma propone un ulteriore filtro che consente di effettuare la stampa per gruppi di dipendenti: In tale sede l utente può definire diversi gruppi di dipendenti, indicando (con carattere maiuscolo) la prima lettera o parte del cognome dei dipendenti interessati. Nella scheda ALTRO della tabella Personalizzazione procedura (TB1203), il campo Stampa laser in modalità fronte-retro (int. 84) permette di stampare le certificazioni fronte retro nelle stampanti abilitate a tale modalità di stampa. E possibile procedere alla stampa delle certificazioni direttamente in formato.pdf, senza effettuare la conversione PDF della stampa laser. A tal fine, nella maschera di impostazione del formato di stampa è presente l opzione Stampa grafica (generata direttamente in.pdf), in aggiunta alla Stampa PCL (laser).

48 C.U / 91 La stampa in modalità PCL è preferibile in termini di velocità nell esecuzione della stampa. La modalità Stampa grafica, però, consente di ovviare a problemi di conversione in.pdf in caso di stampe di grandi dimensioni. In ogni caso, al fine di velocizzare il processo di stampa è consigliabile eseguire la stampa dopo la chiusura delle certificazioni dell azienda; in caso contrario, infatti, prima di procedere alla stampa il programma riesegue automaticamente il prelievo dei dati per le certificazioni non manuali. Si precisa che in tutte le opzioni di invio/archiviazione delle certificazioni mediante il comando PDFPAG viene utilizzata la modalità di stampa grafica. Va sottolineato che, utilizzando la modalità Stampa PCL (laser) (modalità proposta di default), qualora la stampante non abbia un driver associato e non si sia contrassegnato il campo Invio diretto, il programma evidenzierà la seguente segnalazione: In tal caso, quindi, per procedere con la stampa sarà necessario associare il relativo driver o contrassegnare il campo Invio diretto. 2. Stampa certificazione riepilogativa Consente di stampare una certificazione riepilogativa, con la sommatoria degli importi presenti nelle singole certificazioni elaborate per le aziende selezionate nei limiti di stampa.

49 C.U / 91 Firma elettronica legale rappresentante Nel caso di stampa in modalità grafica è presente la possibilità di stampare la firma elettronica del legale rappresentante o il timbro azienda tramite la predisposizione di un immagine in formato in formato.jpg,.jpeg o.bmp. Il file dell immagine dovrà essere associato nella sezione Legale rappresentante dell anagrafica azienda, nell apposito campo Immagine pcl firma CUD, con o senza indicazione dell estensione (.jpg,.jpeg o.bmp). L immagine deve essere memorizzata nella directory epaghe\image. In caso di stampa in formato PDF (opzione Stampa grafica o invio/archiviazione mediante comando PDFPAG), il programma provvederà a ricercare (nella cartella epaghe\image ) il file il formato.jpg,.jpeg o.bmp avente la denominazione indicata al campo Immagine pcl firma CUD. In assenza del file con formato adeguato non verrà inserita alcuna immagine. Inserimento codice azienda / filiale / matricola E possibile riportare l indicazione del codice dell azienda, della filiale e della matricola nella parte superiore della prima pagina delle certificazioni. A tal fine è necessario compilare il campo Indicazione codice azienda/filiale/matricola (scheda CUD della tabella Personalizzazione procedura TB1203, int. 115) indicando il codice A per inserire tali informazioni solo in caso di archiviazione delle certificazioni (comando PDFPAG), il codice S per inserirlo solo in caso di stampa oppure il codice X per riportarle sempre.

50 C.U / 91 Istruzioni Modello CU All interno del comando GESCUD sono visualizzabili, in formato PDF, il modello e le istruzioni operative dell Agenzia delle Entrate. A tal fine è possibile selezionare l apposito pulsante nella barra degli strumenti posta o i tasti funzione Shift+F1. Stampe di controllo Per la verifica e il controllo delle informazioni acquisite in GESCUD sono disponibili alcuni programmi di stampa quali: STADIP (scelta Stampa storia assunzioni ) che consente la verifica della presenza di diversi rapporti di lavoro, elencando le pagine interessate alla compilazione della certificazione; STADIP (scelta Stampa dipendenti con altri rapporti ) che permette di avere un elenco di tutti i dipendenti per i quali risulta compilata la sezione Altri dati Lavoro precedente ; I dati vanno controllati e/o modificati negli archivi dipendente (DIPE), con riferimento all anno 2014.

51 C.U / 91 Guida alla compilazione Dati anagrafici sostituto / percipiente Casella Codice sede Tutti i sostituti d imposta hanno l obbligo di ricevere in via telematica i dati contenuti nei modelli dei propri dipendenti tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate. Il sostituto d imposta che, per proprie esigenze organizzative, intende gestire separatamente gruppi di dipendenti, può far indirizzare i relativi modelli presso diverse sedi operative; a tal fine è necessario attribuire a ciascuna sede/gestione un codice identificativo di tre cifre (da 001 a 999, a scelta del sostituto) da riportare nella casella Codice sede della Certificazione. A tal fine, nella scheda Anagrafica di AZIE è presente il campo Codice sede nel quale l utente può indicare il codice identificativo della sede relativa ai dipendenti dell azienda/filiale selezionata; tale codice verrà automaticamente riportato nell apposita casella delle rispettive Certificazioni. Si precisa che la casella Codice sede non deve essere compilata nel caso in cui il sostituto d imposta non intenda gestire separatamente gruppi di dipendenti ossia non abbia più sedi operative presso le quali far pervenire i modelli Punto 9 Eventi eccezionali La casella Eventi eccezionali deve essere compilata nei casi in cui il contribuente benefici della sospensione dei termini relativi ai versamenti delle ritenute alla fonte. Per la compilazione della casella in oggetto è necessario utilizzare uno dei seguenti codici: 1 per i contribuenti vittime di richieste estorsive per i quali l articolo 20, comma 2, della legge 23 febbraio 1999, n. 44, ha disposto la proroga di tre anni dei termini di scadenza degli adempimenti fiscali ricadenti entro un anno dalla data dell evento lesivo; 3 per i contribuenti, residenti alla data del 12 febbraio 2011 nel comune di Lampedusa e Linosa, interessati dall emergenza umanitaria legata all afflusso di migranti dal Nord Africa, per i quali l OPCM n del 16 giugno 2011, ha previsto la sospensione dal 16 giugno 2011 al 30 giugno 2012 dei termini relativi agli adempimenti e ai versamenti tributari scadenti nel medesimo periodo; la sospensione è stata da ultimo prorogata fino al 31 dicembre 2014 dall art.3, comma 8, del decreto legge 31 dicembre 2014, n.192; 8 per i contribuenti colpiti da altri eventi eccezionali. In caso di contemporanea presenza di più situazioni riguardanti diversi eventi eccezionali, andrà indicato il codice dell evento che prevede, per gli adempimenti fiscali, un periodo di sospensione più ampio. Per la compilazione di tale campo, all interno della sezione Tabelle > Personalizzazioni ed annotazioni del comando GESCUD (procedura PAGHE), è presente il campo Codice eventi eccezionali, mediante il quale è possibile indicare (a livello di azienda o azienda/filiale) lo specifico codice richiesto. Il codice indicato verrà riportato nelle CU dei soli dipendenti che presentano dell Irpef sospesa nel relativo campo della sezione Altri dati > Altri progressivi di DIPE. Contestualmente alla compilazione della casella Eventi eccezionali, il programma riporterà nelle annotazioni il codice AA, evidenziando che, alla ripresa della riscossione, il contribuente è tenuto autonomamente al versamento dei tributi oggetto di sospensione con le modalità previste dal provvedimento di ripresa.

52 C.U / 91 Certificazioni lavoro dipendente, assimilati e assistenza fiscale Sezione DATI FISCALI Punto 1, 2 Redditi di lavoro dipendente e assimilati Nel punto 1 va indicato il totale dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all art. 13, commi 1 e 1-bis del TUIR. Nel punto 2 deve essere indicato il codice 1 o 2 rispettivamente in caso di contratto di lavoro a tempo indeterminato o determinato; il campo deve essere sempre compilato in caso di valorizzazione del precedente punto 1. Il programma rileva i redditi da indicare nel punto 1 dalla sezione Progressivi > Irpef e detrazioni e Altri dati > Lavoro precedente di DIPE; la tipologia di rapporto viene rilevata dalla qualifica INPS del dipendente e dal campo Tempo indeterm. della sezione Altri dati > Lavoro precedente (v. Dettaglio campi, p. 63). In presenza sia di redditi da rapporto a tempo determinato che di redditi da rapporto a tempo indeterminato, vengono compilati due moduli (rigo aggiuntivo per la sezione in oggetto) indicando nei rispettivi punti 1 e 2 il totale dei redditi da rapporto a tempo indeterminato e quelli da rapporto a tempo determinato, con il corrispondente codice 1 e 2 al punto 2. Tale suddivisione deve essere effettuata anche in caso di trasformazione del contratto da tempo determinato a tempo indeterminato. A tal fine, sulla base della data indicata al campo Data trasformazione rapporto (scheda Dati generali di DIPE), il programma provvederà a suddividere l importo complessivamente memorizzato nei progressivi Irpef, rilevando l imponibile fiscale dai singoli cedolini elaborati e suddividendo in proporzione l imponibile relativo al mese di trasformazione. Punto 3 Redditi di pensione Devono essere evidenziati distintamente i redditi derivanti da pensione (redditi per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all art. 13, commi 3 e 4 del TUIR). Il programma riporta in tale punto gli eventuali redditi inseriti nella sezione Altri dati > Lavoro precedente con codice 1 (pensionati) al campo Tipo qualifica. Punto 4 Altri redditi assimilati Va indicato il totale dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all art. 13, comma 5 del TUIR. In tale punto il programma riporta la somma dei redditi inseriti nella sezione Altri dati > Lavoro precedente di DIPE con il codice 2 al campo Tipo reddito, ad esclusione di quelli identificati dal codice 1 o 31 al campo Codice qualifica che vengono riportati separatamente nel punto 5. Per la corretta compilazione delle annotazioni, è necessario che nella sezione Altri dati > Lavoro precedente siano inserite anche le date di inizio/fine del periodo di riferimento e la specifica tipologia di reddito; a tal fine, nel campo Codice altri redditi, possono essere selezionati i seguenti codici: 1. Indennità per l esercizio di pubbliche funzioni; 2. Indennità per l esercizio di cariche pubbliche elettive; 3. Compensi per l attività libero professionale intramuraria svolta dal personale del S.S.N.; 4. Rendite vitalizie a tempo determinato; 6. Altri assegni periodici

53 C.U / 91 Punto 5 Assegni periodici corrisposti dal coniuge Va indicato il totale dei redditi derivanti dagli assegni periodici, indicati tra gli oneri deducibili nell articolo 10, comma 1 lett. c), per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all art. 13, comma 5-bis del TUIR (assegni periodici corrisposti dal coniuge). Con riferimento alla compilazione di tale campo, nell applicativo PAGHE possono presentarsi due diverse casistiche: 1. Procedura di pignoramento presso terzi In caso di dipendente per il quale viene gestita la trattenuta ed il conseguente versamento dell importo di assegno al coniuge mediante la scheda Prestiti di DIPE, il programma provvede alla generazione di una specifica CU in capo al coniuge beneficiario dell assegno, creando uno specifico percipiente. Per il dettaglio della modalità di generazione della Certificazione Unica per i redditi erogati al coniuge beneficiario, si rinvia all apposito paragrafo (v. pag. 62). 2. Sezione Altri dati > Lavoro precedente In caso di dipendente che ai fini delle operazioni di conguaglio comunica al datore di lavoro tale tipologia di somme, le stesse devono essere inserite nella sezione Altri dati > Lavoro precedente di DIPE, indicando al campo Codice qualifica il nuovo codice 31. Il programma provvederà a compilare, nella certificazione elaborata in capo al dipendente, anche il punto 5 riportando l importo del reddito identificato dal codice 31. Redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Annotazione AI Per i redditi esposti nei punti 1, 3, 4 e 5 della sezione DATI FISCALI della CU, dovrà essere fornita, con l annotazione AI, distinta indicazione di ciascuna tipologia di reddito certificato e del relativo importo. Inoltre, nell annotazione AI deve essere indicato anche il periodo di lavoro o pensione (data inizio e data fine) qualora questo sia di durata inferiore all anno; in presenza di una pluralità di rapporti di lavoro nel corso dell anno, tale informazione deve essere fornita per ogni rapporto. Per i redditi inseriti nella sez. Altri dati Lavoro precedente di DIPE, l annotazione AI viene generata con le seguenti modalità: 1. Se il campo Tipo reddito ( Lavoro precedente di DIPE) è uguale a 2, nelle annotazioni viene indicata la specifica tipologia di reddito indicata al campo Codice altri redditi, l importo del reddito e le date di inizio/fine del periodo di riferimento (campo Date ). 2. Se il campo Tipo reddito è uguale a 1, il programma controlla il valore presente al campo Codice qualifica. - Se la qualifica è uguale a 1 (pensionati), nelle annotazioni, oltre alla tipologia pensione e al relativo importo, deve essere sempre data indicazione del periodo di pensione. Il programma come data inizio e data fine riporta rispettivamente 01/01/14 e 31/12/14, salvo diversa indicazione al campo Date della sez. Altri dati Lavoro precedente di DIPE. - Se la qualifica è diversa da 1, il programma indica la tipologia Co.co.co. nel caso in cui risulti compilata anche la sezione Collaboratori coordinati continuativi (pulsante co.co.co. ) presente nella stessa sezione Lavoro precedente ; diversamente il programma indica la tipologia lavoro dipendente. 3. Indipendentemente dal campo Tipo reddito, se il campo Tipo qualifica ( Lavoro precedente di DIPE) è uguale a 31 ( ex coniuge ), nell annotazione AI viene indicata la tipologia ex coniuge, l importo del reddito ed il periodo di riferimento (1/1 31/12 salvo diversa indicazione nel campo Date ). Sono in ogni caso esclusi dall annotazione AI i redditi dei collaboratori non residenti, identificati dal codice 5 al campo Codice altri redditi ; tali redditi vengono evidenziati con l annotazione AX. Per ogni singolo reddito certificato, inoltre, nell annotazione AI viene evidenziato l importo eventualmente erogato per lavoro straordinario o per premi di produttività (assoggettabili ad imposta sostitutiva 10%), con l indicazione della relativa ritenuta operata.

54 C.U / 91 Tale indicazione viene inserita solo se: risultino presenti degli importi assoggettabili ad imposta sostitutiva erogati da altro sostituto (progressivo in pagina Lavoro precedente di DIPE, intestato ad un codice fiscale diverso da quello dell azienda); i suddetti importi siano stati conguagliati dal sostituto che rilascia il CUD; a tal fine il programma verifica che il precedente datore di lavoro sia estinto ( Si al campo Soggetto estinto della pagina Lavoro precedente ) oppure che l utente abbia scelto di conguagliare le somme corrisposte dal precedente sostituto ( Si al campo Imposta sostitutiva 10%: conguaglio somme erogate da altri sostituti, int. 102, della sezione CEDOL della tabella Personalizzazione procedura TB1203). Addizionale comunale all Irpef Punto 16: Acconto 2014 In tale campo va indicato l importo dell addizionale comunale all IRPEF effettivamente trattenuta a titolo d acconto per il periodo d imposta 2014, comprensivo della parte eventualmente sospesa (indicata al punto 23). Punto 17: Saldo 2014 Va indicato l importo dell addizionale comunale all IRPEF dovuto a saldo per il periodo d imposta 2014, relativamente al totale dei redditi di lavoro dipendente e assimilati certificati, con esclusione dei redditi soggetti a tassazione separata o a ritenuta a titolo d imposta o ad imposta sostitutiva; anche tale importo deve essere evidenziato al lordo della parte eventualmente sospesa (indicata al punto 24). L importo da indicare come Saldo 2014 è determinato dalla differenza fra l importo complessivamente dovuto per l anno e l importo già trattenuto a titolo di acconto (punto precedente). Nel caso in cui l importo del saldo 2014 sia stato determinato tenendo conto di un eventuale soglia di esenzione prevista dal relativo comune di riferimento, verrà inserita l annotazione BB. N O T A B E N E Compilazione Acconto e Saldo Addizionale Comunale all IRPEF A. In caso di saldo positivo ovvero add. com. complessiva dell anno maggiore dell acconto effettivamente versato - Nel punto 16 viene riportato il valore presente al campo Acconto addizionale irpef comuni versata della sez. Progressivi Irpef e detrazioni Addizionali di DIPE; - Nel punto 17 viene riportato l importo presente al campo Addizionale irpef comuni dovuta della sez. Progressivi Irpef e detrazioni Addizionali di DIPE. B. In caso di saldo negativo o uguale a zero ovvero add. com. complessiva dell anno inferiore o uguale all acconto effettivamente versato - Nel punto 16 viene riportata l add. com. complessiva dell anno, determinata dalla somma algebrica fra il valore presente al campo Acconto addizionale irpef comuni versata ed il campo Addizionale irpef comuni dovuta della sez. Progressivi Irpef e detrazioni Addizionali di DIPE; - Nel punto 17 viene riportato il valore 0 (zero). Punto 19: Acconto 2015 Va indicato l importo dell addizionale comunale all Irpef dovuta, a titolo di acconto per il periodo 2015, al Comune nel quale il contribuente ha il domicilio fiscale alla data del 1 gennaio dell anno stesso. Tale importo, calcolato mediante il comando ACCADD (eseguito automaticamente con l esecuzione del comando AZZERA), viene memorizzato al campo Acconto addizionale Irpef comuni della sezione Progressivi Irpef e detrazioni Addizionali di DIPE (anno 2015) e da qui prelevato per la compilazione del punto 19 della Certificazione Unica. Nel caso in cui l importo dell acconto 2015 sia stato determinato tenendo conto di un eventuale soglia di esenzione prevista dal relativo comune di riferimento, verrà evidenziata l annotazione BN

55 C.U / 91 Punti / 51-58: Acconti dichiarante / coniuge In tali campi devono essere evidenziati gli importi di acconto Irpef, acconto di addizionale comunale e acconto cedolare secca trattenuti dal sostituto al sostituito che si è avvalso dell assistenza fiscale, distinguendo gli importi relativi al dichiarante (punti da 31 a 38) e quelli relativi al coniuge (punti da 51 a 58). Gli importi in oggetto devono essere indicati al netto degli eventuali interessi per rateazione o ritardato pagamento e devono essere comprensivi degli eventuali importi sospesi indicati rispettivamente nei punti 36, 37 e 38 (dichiarante) e nei punti 56, 57 e 58 (coniuge). Tali importi vengono rilevati dai rispettivi righi della sez. Altri dati Assistenza fiscale di DIPE, riportando la differenza fra il valore complessivo delle colonne conguagliato e compensato e l eventuale valore della colonna interessi. Ai fini della distinzione fra importi relativi al dichiarante ed al coniuge si precisa che: con riferimento all acconto di addizionale comunale, l importo conguagliato/compensato risulta già suddiviso nella sezione Assistenza fiscale di DIPE fra dichiarante (dipendente) e coniuge e conseguentemente rilevato per la compilazione dei rispettivi campi della certificazione; con riferimento al primo e secondo (o unico) acconto Irpef e cedolare secca, l importo effettivamente conguagliato risulta, nella suddetta sezione, cumulato fra dichiarante e coniuge. Nel caso in cui l importo totale dovuto (colonna debito o rettifiche ) non sia stato interamente trattenuto, il programma provvederà a suddividere fra dichiarante e coniuge l importo complessivamente trattenuto (colonna conguagliato ), in proporzione al rispettivo debito originario: (Imp. conguagliato Imp. interessi) Totale debito x debito dichiarante = Imp. dichiarante (Imp. conguagliato Imp. interessi) x debito coniuge = Imp. coniuge Totale debito Gli importi così ottenuti verranno distintamente evidenziati nei rispettivi campi. Gli eventuali importi relativi ad acconti sospesi sono a gestione manuale dell utente. Punti / 65-68: Crediti non rimborsati dichiarante / coniuge Per i soggetti che si sono avvalsi dell assistenza fiscale, in tali punti vanno indicati rispettivamente gli eventuali crediti di IRPEF, addizionale regionale, addizionale comunale e cedolare secca relativi all anno precedente non rimborsati per qualsiasi motivo dal sostituto. Vanno evidenziati distintamente gli importi relativi al dichiarante (punti da 61 a 64) e quelli relativi al coniuge (punti da 65 a 68). Con riferimento agli stessi crediti derivanti da assistenza fiscale, inoltre, nelle annotazioni (cod. AM) devono essere indicati i relativi importi rimborsati, sempre distinti fra importi relativi al dichiarante e al coniuge. Tali importi vengono rilevati, per ciascun tributo interessato, dalla sezione Altri dati > Assistenza fiscale di DIPE, con le modalità di descritte nella sezione Dettaglio campi e Annotazioni (v. pag. 63 e 81). Relativamente ai crediti di Irpef e cedolare secca non interamente rimborsati, il programma suddivide gli importi relativi al dichiarante ed al coniuge con modalità analoghe a quelle indicate con riferimento ai dati relativi agli acconti da assistenza fiscale trattenuti (v. sopra).

56 C.U / 91 Detrazioni per carichi di famiglia Punto 102 Detrazioni per carichi di famiglia In tale campo devono essere riportate esclusivamente le detrazioni spettanti per coniuge e familiari a carico ai sensi dell art. 12 comma 1 del TUIR; le detrazioni di cui al comma 1-bis dello stesso articolo (detrazioni per famiglie numerose) non vanno comprese nel presente punto ma esposte solo nel successivo punto 103. In caso di rapporto di lavoro inferiore all anno solare, la detrazione per carichi di famiglia deve essere calcolata in relazione al periodo di lavoro, salvo espressa richiesta del dipendente di poterne fruire per l intero periodo di imposta. A tal proposito, per i dipendenti con rapporto di lavoro inferiore all anno solare, deve essere inserita l annotazione AC nel caso in cui le suddette detrazioni siano state determinate in relazione alla durata del rapporto di lavoro (quindi non riconosciute per l intero anno) Il programma, sulla base delle impostazioni della scheda Detrazioni di DIPE, riporta l annotazione AC in caso di dipendente non in forza per l intero anno per il quale non risulti contrassegnato il campo Detrazioni familiari: conguaglio automatico oppure, benché contrassegnato il suddetto campo, sia presente una delle seguenti situazioni: - al campo Detrazioni familiari: mese inizio risulti indicato un mese successivo a gennaio (valore maggiore ad 1); - in caso di dipendente licenziato prima del mese di dicembre, non sia indicato il valore A al campo Detrazioni familiari cessazione durante anno. Detrazioni per famiglie numerose Punto 103: Detrazioni per famiglie numerose In tale casella va indicata la parte dell ulteriore detrazione per famiglie numerose che ha trovato capienza nell imposta lorda diminuita delle altre detrazioni. Tale informazione viene ricalcolata dal programma in fase di generazione della Certificazione Unica. Il valore del campo 103 viene calcolato con la seguente procedura: Imposta lorda ( Progr. > Irpef e detraz. + Altri dati > Lav. prec. di DIPE) Tot. detrazioni spettanti (somma dei punti 102, 107, 108 e 109 e del campo Ulteriore detrazione figli di Progr. > Irpef e detraz. e Altri dati > Lav. prec. di DIPE) = Imposta netta - Se Imposta netta > 0 l ulteriore detrazione per famiglie numerose è stata interamente fruita, pertanto nel punto 103 viene riportata la somma dei valori presenti ai campi Ulteriore detrazione figli delle sezioni Progr. > Irpef e detraz. e Altri dati > Lav. prec. di DIPE. - Se Imposta netta < 0 a) se Ulteriore detrazione figli ( Progr. > Irpef e detraz. + Altri dati > Lav. prec. ) Imposta netta (in valore assoluto) >0 nel punto 103 viene riportato il risultato di tale differenza; b) se Ulteriore detrazione figli Imposta netta (in valore assoluto) < 0 nel punto 103 viene riportato il valore 0 (zero). Punto 104: Credito riconosciuto per famiglie numerose In tale casella va indicata la parte dell ulteriore detrazione per famiglie numerose che non è stata fruita ma è stata erogata come credito al dipendente. Viene riportata la somma dei valori presenti nei campi Credito ulteriore detraz. anno restituito ( Progr. > Irpef e detraz. > Crediti di DIPE) e Credito ulteriore detrazione figli ( Altri dati Lav. prec. di DIPE).

57 C.U / 91 Punto 105: Credito non riconosciuto per famiglie numerose In tale casella va indicata la parte dell ulteriore detrazione che non è stata ne fruita come detrazione ne erogata come credito al dipendente. Tale valore viene determinato dalla seguente differenza: Ulteriore detrazione figli ( Progr. > Irpef e detraz. + Altri dati > Lav. prec. ) detraz. fruita (punto 103) cred. riconosciuto (punto 104). Contestualmente alla valorizzazione del punto 105, il programma provvede a generare l annotazione BH con la quale viene evidenziata la possibilità per il contribuente di recuperare in fase di dichiarazione dei redditi il credito non riconosciuto dal sostituto d imposta. Punto 106: Credito per famiglie numerose recuperato In tale casella va indicata la parte del credito per famiglie numerose che è stata precedentemente riconosciuta e successivamente recuperata in sede di conguaglio. Tale valore viene rilevato dall archivio storico delle voci di calcolo utilizzate, prelevando l importo delle voci di recupero appositamente collegate al campo Trattenuta credito non più spettante della tabella TB1201 (generata in fase di conguaglio di fine anno) ed al campo Codice voce trattenuta credito ulteriore detrazione della tabella TB0407 (generata in fase di conguaglio tardivo). Detrazioni per canoni di locazione Punto 109: Detrazioni per canoni di locazione In tale casella va indicata la parte di detrazione per canoni di locazione che ha trovato capienza nell imposta lorda diminuita delle detrazioni per carichi di famiglia e per lavoro dipendente. Tale informazione viene ricavata come differenza fra l importo della detrazione complessivamente spettante (campo Detrazione canoni locazione della sez. Progressivi Irpef e detraz. di DIPE) e la relativa quota non fruita come detrazione ma attribuita come credito (campo Credito detrazione art. 16 della sez. Progressivi Irpef e detraz. Crediti di DIPE). Punto 110: Credito riconosciuto per canoni di locazione In tale casella va indicata la parte della detrazione per canoni di locazione che è stata erogata come credito al dipendente. Viene riportato il valore presente al campo Credito detrazione art. 16 restituito (sez. Progressivi Irpef e detraz. Crediti di DIPE). Punto 111: Credito non riconosciuto per canoni di locazione In tale casella va indicata la parte della detrazione per canoni di locazione che non è stata ne fruita come detrazione ne erogata come credito al dipendente. Viene riportata la differenza fra l importo complessivamente spettante (campo Detrazione canoni locazione della sez. Progressivi Irpef e detraz. di DIPE) e l importo riconosciuto come detrazione e come credito (punto 109 e 110). Contestualmente alla valorizzazione del punto 111, il programma provvede a generare l annotazione BI con la quale viene evidenziata la possibilità per il contribuente di recuperare in fase di dichiarazione dei redditi il credito non riconosciuto dal sostituto d imposta. Punto 112: Credito per canoni di locazione recuperato In tale casella va indicata la parte del credito per canoni di locazione che è stata precedentemente riconosciuta e successivamente recuperata in sede di conguaglio. Nell applicativo PAGHE il recupero del credito erogato per canoni di locazione può verificarsi solo a seguito dell effettuazione di un conguaglio tardivo (comando CONGRIT).

58 C.U / 91 Tale valore viene rilevato dall archivio storico delle voci di calcolo utilizzate, prelevando l importo della voce di recupero appositamente collegata al campo Codice voce trattenuta credito canoni locazione della tabella Codici voce trattenute Irpef (TB0407). Annotazione BG: Tipologia canoni di locazione In presenza di detrazioni per canoni di locazione, il programma genera l annotazione BG con la quale viene indicata la tipologia di canone detraibile con i relativi giorni e percentuale di spettanza. Tali informazioni vengono prelevate dall apposita sezione canoni Locaz. della scheda Detrazioni di DIPE; si precisa che i codici Tipo canone indicati nella scheda Detrazioni vengono riportati nell annotazione BG in base alla seguente correlazione: Cod. scheda Detrazioni Cod. annotazione BG Si precisa che la detrazione per i canoni di locazione relativi a contratti di locazione di alloggi sociali (ex art. 7, D.L. n.47/2014), da identificare nell annotazione BG mediante il codice 5, è a gestione manuale. Punto 113: Totale detrazioni In tale casella va indicato il totale complessivo delle detrazioni già indicate ai punti 102, 103, 107, 108 e 109 della Certificazione Unica, nel limite dell importo effettivamente attribuito in relazione all imposta lorda del percipiente. In particolare, in caso di incapienza dell imposta lorda, nei punti 102, 107 e 108 va indicato l importo teoricamente spettante, mentre nel punto 113 va riportato il totale effettivamente utilizzato in detrazione dell imposta lorda. Il programma riporta in tale casella il minore tra il valore dell Irpef lorda (sez. Progressivi > Irpef e detrazioni + Altri dati > Lavoro precedente di DIPE) ed il totale delle detrazioni inserite nei punti 102, 103, 107, 108 e 109 della Certificazione.

59 C.U / 91 Sezione PREVIDENZA COMPLEMENTARE Punto 141 Previdenza complementare Tale casella deve essere compilata qualora il sostituto ha versato contributi e/o TFR presso una forma di previdenza complementare o individuale oppure ha tenuto conto dei contributi versati direttamente dal contribuente. In tal caso dovrà essere indicato uno dei seguenti codici: 1 per i soggetti per i quali, in base a quanto previsto dall art. 8, comma 4 del D.Lgs. n. 252/2005, è prevista la deducibilità dei contributi versati per un importo non superiore a euro 5.164,57; 2 per i soggetti iscritti alle forme pensionistiche per le quali è stato accertato lo squilibrio finanziario ed approvato il piano di riequilibrio da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; 3 per i lavoratori di prima occupazione successiva alla data di entrata in vigore del D.Lgs. n. 252/2005; 4 per i dipendenti pubblici iscritti a forme pensionistiche loro destinate; in tal caso, nel successivo punto 144 va indicato l importo di TFR destinato al fondo. Qualora nel corso dell anno si siano verificate in capo al percipiente più situazioni riconducibili a diversi codici, sarà necessario dare distinta indicazione di ciascuna situazione compilando più volte i campi interessati. I codici previsti in tale campo vengono inseriti automaticamente dal programma secondo le modalità di seguito indicate: 2 Viene inserito per i dipendenti ai quali, nel campo Codice fondo (DIPE > scheda Fondi > riquadro Codici fondo previdenza ), risulta collegato un fondo di previdenza non sottoposto al limite massimo deducibile di 5.164,57 (flag al campo No controllo limite deducibilità della relativa tabella Anagrafica fondi, TB0801). 3 Viene inserito per i dipendenti per i quali risulta valorizzato il campo Data prima adesione a fondo presente nella scheda Fondi di DIPE, sempreché tale data sia successiva al Viene inserito per i dipendenti che presentano entrambe le seguenti condizioni: a) risultano iscritti all ex-inpdap ovvero dipendenti per i quali al campo Ente IVS (DIPE > scheda Trattenute ) risulta collegato un ente di tabella Descrizione altri enti (TB0305) caratterizzato dal codice ente interno 40; b) aderiscono ad un fondo di previdenza complementare (codice fondo di tabella TB0801 collegato al campo Codice fondo della scheda Fondi di DIPE). In tal caso, oltre al codice 4 al campo Previdenza complementare, il programma provvede a compilare il successivo punto 144 con l importo del TFR destinato al fondo di previdenza. 1 Tale codice viene inserito per tutti i soggetti che non rientrano in nessuna delle situazioni sopra individuate e che presentano un codice fondo collegato al campo Codice fondo della scheda Fondi di DIPE. In caso di dipendente non iscritto ad un fondo di previdenza complementare, il punto 141 non verrà compilato. In caso di dipendente per il quale, nella sezione Altri dati > Lavoro precedente di DIPE, è presente un progressivo nel quale risulta valorizzato il campo TFR destinato a fondo prev. ed al campo Previdenza complementare risulta indicato un codice diverso da quello determinato automaticamente dal programma in base ai criteri sopra descritti, il punto 141 ed i successivi punti relativi alla previdenza complementare verranno compilati più volte con riferimento a ciascun codice interessato.

60 C.U / 91 Punto 145 Data iscrizione al fondo Con riferimento ai dipendenti di prima occupazione successiva al ed iscritti ad un fondo di previdenza complementare, in tale punto deve essere indicata la data di iscrizione a previdenza complementare. Nel punto 145 viene riportata la data indicata nel campo Data prima adesione a fondo della scheda Fondi di DIPE. Contributi previdenza complementare lavoratori di prima occupazione I campi della sezione in oggetto (da 146 a 150) devono essere compilati con riferimento ai lavoratori di prima occupazione successiva all entrata in vigore del D.lgs 252/2005 (1 gennaio 2007) per i quali risulta valorizzato il precedente punto 145. Pertanto, per i dipendenti per i quali risulta valorizzato il campo Data prima adesione a fondo della scheda Fondi di DIPE, verranno riportati i seguenti valori: - Punto 146: Versati nell anno In tale punto vanno riportati i contributi (c/dipe e c/azie) versati nell anno a previdenza complementare. Il programma provvede a riportare la somma dei contributi indicati nei punti 142, 143 e 147 (campi Contributi previdenza complementare dedotti/non dedotti dai redditi di cui ai punti 1, 3, 4 e 5 e Importi eccedenti esclusi dai redditi di cui ai punti 1, 3, 4 e 5 ). - Punto 147: Importi eccedenti L importo dei contributi dedotti nell anno, eccedenti il limite 5.164,57 euro escluso dai punti 1, 3, 4 e 5, che i lavoratori di prima occupazione possono dedurre nei venti anni successivi al quinto anno di partecipazione alle forme pensionistiche complementari. Tale importo è già compreso nel punto 146. Viene riportato l importo dei contributi dedotti nell anno per la parte eccedente il massimale annuo deducibile (5164,57 euro). - Punto 148: Importo totale Importo complessivo dei contributi dedotti nell anno e negli anni precedenti, limitatamente ai primi cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari, a fronte dei contributi complessivamente versati nel quinquennio. Tale punto deve essere compilato relativamente ai soli primi cinque anni di partecipazione alle forme di previdenza complementare. Viene riportato l importo presente al campo Contributi previdenza complem. anno precedente della scheda Fondi di DIPE (riferito all anno 2014), sommato all importo dei contributi dedotti nell anno (punto 142). A partire dal sesto anno dalla data prima adesione al fondo, tale campo non viene più compilato. - Punto 149: Differenziale L importo che il dipendente può portare in deduzione nei venti anni successivi al quinto d iscrizione al fondo. Tale valore corrisponde alla differenza fra l importo di ,85 euro e l importo effettivamente dedotto nei primi cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche. Tale ammontare deve essere indicato al netto dell importo dei contributi già dedotti a partire dal sesto anno. Il programma riporta il valore presente al campo Differenziale deducibile della scheda Fondi di DIPE (riferito all anno 2014), al netto dell importo dei contributi dedotti nell anno per la parte eccedente il massimale (punto 147). - Punto 150: Anni residui Numero degli anni residui nei quali è possibile usufruire della deduzione prevista dal comma 6 dell art. 8 del D.Lgs. 252/2005. Tale valore viene determinato automaticamente a partire dal sesto anno dalla data indicata al campo Data prima adesione a fondo.

61 C.U / 91 Sezione ONERI DEDUCIBILI Contributi versati ad enti e casse aventi esclusivamente fini assistenziali Nei punti 163 e 164 vanno indicati i contributi per assistenza sanitaria versati dal sostituto e/o dal sostituito ad enti o casse aventi esclusivamente fine assistenziale, in conformità a disposizioni di contratto o di accordo o di regolamento aziendale, distinguendo rispettivamente l importo dedotto e non dedotto: - Punto 163 (contributi dedotti) Importo dei contributi per assistenza sanitaria dedotti dall imponibile (nel rispetto del limite annuo deducibile di 3.615,20 euro, normativamente previsto). - Punto 164 (contributi non dedotti) Importo dei contributi per assistenza sanitaria non dedotti dall imponibile, ossia: a) l importo non dedotto in quanto eccedente il limite massimo deducibile di 3.615,20 euro. b) l importo che il sostituto non ha potuto escludere dal reddito (pur rientrando nei limiti prestabiliti); tale ipotesi ricorre nel caso di versamento ad un ente assistenziale che non hanno ottenuto l iscrizione all anagrafe dei fondi sanitari del Ministero della Salute. Nelle annotazioni (cod. AU) andrà indicato che le spese sanitarie rimborsate per effetto di tali contributi sono deducibili o detraibili in sede di dichiarazione dei redditi. Ai fini del prelievo automatico dei contributi da riportare nei punti in oggetto è necessaria la compilazione dell apposita tabella Enti assistenziali presente nel comando GESCUD della procedura PAGHE: In tale tabella è necessario: a) selezionare al campo Ente, il codice della tabella Descrizione altri enti (TB0305) corrispondente agli enti aventi natura assistenziale (mediante il tasto F2 è possibile visualizzare e selezionare gli enti presenti in archivio); b) indicare nel campo Perc. la percentuale contributiva versata all ente a titolo di contributi per assistenza sanitaria, nel caso in cui tale percentuale non corrisponda al totale della contribuzione versata; c) contrassegnare la casella Ctr.no ded. con riferimento agli enti assistenziali per i quali non è stato riconosciuto il beneficio della deducibilità fiscale della relativa contribuzione versata (enti assistenziali non iscritti all Anagrafe dei fondi sanitari). Sulla base degli importi memorizzati nella sezione Progressivi > Contributi sociali di DIPE con riferimento agli enti selezionati in tale tabella, il programma provvederà all inserimento delle informazioni richieste con le modalità di seguito descritte:

62 C.U / 91 nel punto 163 viene inserito, nel limite di 3.615,20 euro, l importo totale (o la quota indicata nel suddetto campo Perc. ) dei contributi c/azienda e c/dipendente versati agli enti indicati in tabella Enti assistenziali senza valorizzazione del campo Ctr.no ded. ; nel punto 164 viene inserito l eventuale importo eccedente il suddetto limite nonché l intera contribuzione (o rispettiva quota) versata agli enti indicati in tabella Enti assistenziali con valorizzazione del campo Ctr.no ded. ; in caso di compilazione del punto 164, verrà inserita l annotazione AU con la dicitura prevista. Sezione SOMME EROGATE PER L INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO In tale sezione vanno evidenziate le informazioni relative alle componenti accessorie della retribuzione corrisposte per l incremento della produttività del lavoro, assoggettabili ad imposta sostitutiva 10% in base a quanto previsto dall art. 2 del decreto legge n.93 del 27 maggio 2008, convertito con modificazioni dalla legge n.126 del 24 luglio 2008 e prorogato per il periodo d imposta 2014 dal D.P.C.M. del 19 febbraio Punto 201: Totale redditi 2014 In tale casella va indicata la somma erogata in attuazione di accordi o contratti collettivi territoriali o aziendali per l incremento della produttività del lavoro, nel limite complessivo di euro al netto delle trattenute previdenziali obbligatorie. Il programma riporta in tale casella la somma dei valori presenti ai campi Retribuzione al netto dei contributi (riquadro Imposta sostitutiva dl. 93/2008 della sez. Progressivi Irpef e detrazioni di DIPE) e Retribuzione netta (analogo riquadro della sez. Altri dati Lavoro precedente di DIPE), nel limite dell importo indicato al campo Importo massimo detassabile della tabella Altre informazioni IRPEF (TB0403). Si precisa che, l importo relativo al precedente rapporto di lavoro (sez. Altri dati Lavoro precedente ) viene preso in considerazione solamente se risulta conguagliato dal sostituto che rilascia la Certificazione Unica; a tal fine il programma verifica la presenza di almeno una delle seguenti condizioni: - si tratta dello stesso datore di lavoro (codice fiscale nella sez. Altri dati Lav. prec. uguale a quello dell azienda); - il precedente sostituto risulta estinto ( Si al campo Soggetto estinto della sez. Altri dati Lav. prec. ); - l utente ha scelto comunque di conguagliare gli importi assoggettati ad imposta sostitutiva 10% da altri sostituti ( Si al campo Imposta sostitutiva 10%: conguaglio somme erogate da altri sostituti, int. 102, della sezione CEDOL>CEDOL 2 della tabella Personalizzazione procedura TB1203). Punto 202: Totale ritenute operate In tale casella va indicato l importo dell imposta sostitutiva 10% applicata sulle somme di cui al precedente punto 201. Tale importo viene ricavato dalla somma dei campi Imposta presenti nel riquadro Imposta sostitutiva dl. 93/2008 delle sezioni Progressivi Irpef e detrazioni e Altri dati Lavoro precedente di DIPE. Si precisa che, l importo relativo al precedente rapporto di lavoro viene preso in considerazione solo se risulta conguagliato dal sostituto che rilascia la Certificazione Unica (vedi sopra). Punto 203: Ritenute sospese In tale casella va indicata l imposta sostitutiva già compresa nel precedente punto 202 non trattenuta per effetto delle disposizioni emanate a seguito di eventi eccezionali. Il programma riporta il valore presente al campo Imposta sostitutiva dl. 93/08 sospesa della sezione Altri dati Altri progressivi di DIPE. Punto 204: Opzione ordinaria Tale casella deve essere contrassegnata nel caso in cui, sulle somme assoggettabili ad imposta sostitutiva 10%, il sostituto abbia applicato la tassazione Irpef ordinaria. In tal caso, l importo in questione sarà ricompreso nel reddito imponibile indicato nel punto 1 della Certificazione, ma dovrà essere riportato anche nel punto 201, senza indicare alcun importo di imposta nel punto 202. Il programma provvede a contrassegnare la casella nel caso in cui risulti valorizzato il punto 201 e non il punto 202.

63 C.U / 91 In tal caso, nelle annotazioni (codice AF) deve essere indicata la motivazione per la quale il sostituto ha proceduto ad applicare la tassazione ordinaria in luogo di quella sostitutiva. Nell annotazione viene riportata la dicitura Richiesta da parte del sostituito se risulta selezionata l opzione No (richiesta dipendente) al campo Imposta sostitutiva dl 93/08 della scheda Altro di DIPE (relativamente all anno d imposta interessato; negli altri casi di non applicazione dell imposta sostitutiva, viene riportata la dicitura Applicazione della tassazione ordinaria da parte del sostituto in quanto più favorevole o per altre cause. A N N O T A Z I O N E Dipendente deceduto e Certificazione Unica eredi In caso di dipendente deceduto nel corso del 2014, le somme relative a premi di produttività eventualmente corrisposte nella mensilità di conguaglio (mese del decesso) soggette all imposta sostitutiva 10%, devono essere riportate, con la relativa ritenuta operata, nella Certificazione dell erede/i e non in quello del dipendente; a tale scopo, nella sezione Altri dati Eredi di DIPE sono presenti i campi Retribuzioni DL. 93/2008 e Imposta. In presenza di tale casistica, l utente, prima dell elaborazione della relativa Certificazione, dovrà intervenire nell anagrafica dipendente relativa al 2014 come di seguito descritto: - inserire nel record 0 della sezione Altri dati Eredi di DIPE le suddette somme erogate nella mensilità del decesso nonché l importo dell imposta sostitutiva applicata; - stornare i medesimi importi dai corrispondenti campi del riquadro Imposta sostitutiva DL. 93/2008 della sezione Progressivi Irpef e detrazioni di DIPE. Sezione COMPENSI RELATIVI AGLI ANNI PRECEDENTI Tale sezione va compilata se il soggetto nell anno di dichiarazione, ha percepito compensi per effetto di leggi, contratti, sentenze sopravvenute o per altre cause non dipendenti dalla volontà delle parti, che avrebbe dovuto percepire in periodi di imposta differenti. Per la compilazione dei punti 261, 262, 263 e 264 il programma provvede a prelevare i dati presenti nel riquadro Arretrati anni precedenti della sezione Progressivi > Indennità anzianità di DIPE; al campo arretrati AP è presente il totale degli arretrati complessivamente percepiti dal dipendente, mentre all interno del pulsante Arretrati, gli importi erogati vengono memorizzati dal programma AGGI suddivisi per tipologia ed anno di riferimento. Il programma di prelievo della Certificazione Unica riporta il totale dei dati presenti nella sezione Progressivi Indennità anzianità ; nella Certificazione, infatti, i dati non devono essere suddivisi così come previsto nel modello 770 in base all anno di riferimento ed in base al sostituto di imposta che ha effettuato l erogazione.

64 C.U / 91 Sezione DATI RELATIVI AI CONGUAGLI IN CASO DI REDDITI EROGATI DA ALTRI SOGGETTI Qualora redditi corrisposti da più soggetti siano conguagliati nella Certificazione Unica, dovrà essere compilata la presente sezione esponendo i dati relativi alle diverse tipologie reddituali erogate da ciascun sostituto. Nei punti da 301 a 304 vanno indicati gli importi complessivi dei redditi corrisposti da altri soggetti e conguagliati dal sostituto, rispettivamente compresi nei punti 1, 3, 4 e/o 5. Nei successivi punti, per ciascun soggetto interessato, identificato dal relativo codice fiscale (punto 305), devono essere dettagliati i rispettivi redditi erogati e le eventuali ritenute operate. Pertanto, in presenza di più soggetti sarà necessario compilare più moduli della stessa certificazione. Tali dati vengono rilevati dalla sezione Altri dati > Lavoro precedente di DIPE. Somme erogate per l incremento della produttività da altri soggetti Nei punti 312 e 314 vanno indicati rispettivamente l importo delle somme per l incremento della produttività del lavoro erogate da altro soggetto e l imposta sostitutiva operata da tale soggetto. Questa modalità di compilazione è prevista nel caso in cui le predette somme siano state assoggettate precedentemente, ad imposta sostitutiva e in sede di conguaglio vengano, per l intero ammontare, assoggettate a tassazione ordinaria. Le medesime modalità di compilazione dei predetti punti devono essere seguite anche nelle ipotesi di operazioni straordinarie comportanti il passaggio di dipendenti. Diversamente, qualora le suddette somme in sede di conguaglio vengano assoggettate, per l intero ammontare, ad imposta sostitutiva, i dati relativi agli importi erogati da altri soggetti andranno specificati nei punti da 323 a 327. In particolare, nel caso in cui le somme in oggetto siano state assoggettate, dal precedente sostituto, a tassazione ordinaria e, in sede di conguaglio vengano assoggettate ad imposta sostitutiva si dovranno compilare i punti 323 (somme erogate dal precedente sostituto) e 326 (indicazione della precedente tassazione ordinaria). Le medesime modalità di compilazione dei predetti punti dovranno essere osservate anche in caso i operazioni straordinarie comportanti il passaggio di dipendenti. Per la compilazione di tali campi, il programma verifica se le somme per l incremento della produttività erogate da altro soggetto, sono state conguagliate da parte del sostituto e, in tal caso, viene verificato il tipo di tassazione applicata (imposta sostitutiva o tassazione ordinaria). Se il sostituto NON ha effettuato il conguaglio delle somme corrisposte da altri soggetti (TB1203 > sez. CEDOL > CEDOL 2 > campo 102 = N), NON vengono compilati né i punti 312 e 314 né i punti da 323 a 327. Se il sostituto HA effettuato il conguaglio delle somme corrisposte da altri soggetti (TB1203 > sez. CEDOL > CEDOL 2 > campo 102 = S), viene verificata il tipo di tassazione applicata. A. Applicazione imposta ordinaria (Imposta sost. DL 93/2008, sezione Progressivi > Irpef e detrazioni + sezione Altri dati >Lavoro precedente di DIPE, uguale o inferiore a 0) - Se Imp. sost. dl 93/2008 (in Altri dati > Lav. prec. ) > 0: la presenza di tali condizioni evidenzia l applicazione della tassazione sostitutiva da parte del precedente sostituto e l applicazione della tassazione ordinaria da parte del sostituto che ha effettuato il conguaglio. In tal caso, oltre a riportare il codice fiscale dell altro soggetto (punto 305), vengono compilati i punti 312 Straordinario conguagliato e 314 Imposta sostitutiva. In funzione dell applicazione, in fase di conguaglio, della tassazione ordinaria e quindi dell esposizione delle somme in questione fra i redditi di cui al punto 1 della Certificazione, l importo evidenziato nel punto 312 viene sommato all importo dei redditi imponibili indicati nella sezione Lavoro precedente, ai fini della compilazione del punto 308 Totale redditi conguagliati già compresi nel punto 1 (e quindi del punto 301). Non vengono compilati i punti da 323 a 327.

65 C.U / 91 - Se Imp. sost. dl 93/2008 (in Altri dati > Lav. prec. ) = 0: la presenza di tali condizioni evidenzia l applicazione della tassazione ordinaria da parte del precedente sostituto e la conferma di tale tassazione da parte del sostituto che ha effettuato il conguaglio. In tal caso, come specificato da chiarimenti forniti dall Agenzia delle Entrate, tali somme vanno indicate nella sezione in oggetto come redditi da lavoro dipendente assoggettati a tassazione ordinaria e pertanto riportate nel punto 308 ( Reddito conguagliato già compreso nel punto 1, relativo al soggetto indicato al punto 305) e sommate nel punto 301 (totale redditi erogati da altri soggetti compresi nel punto 1). B. Applicazione tassazione sostitutiva (Imposta sost. DL 93/2008, sezione Progressivi > Irpef e detrazioni + sezione Altri dati > Lavoro precedente di DIPE, maggiore di 0) - Se Imp. sost. dl 93/2008 (in Altri dati > Lav. prec. ) > 0: la presenza di tali condizioni evidenzia l applicazione della tassazione sostitutiva da parte del precedente sostituto e la conferma di tale tassazione da parte del sostituto che ha effettuato il conguaglio. In tal caso, oltre a riportare il codice fiscale dell altro soggetto (punto 305), vengono compilati i punti 323 Redditi e 324 Ritenute operate. - Se Imp. sost. dl 93/2008 (in Altri dati > Lav. prec. ) = 0: la presenza di tali condizioni evidenzia l applicazione della tassazione ordinaria da parte del precedente sostituto e l applicazione dell imposta sostitutiva da parte del sostituto che ha effettuato il conguaglio. In tal caso, oltre a riportare il codice fiscale dell altro soggetto (punto 305), vengono compilati i punti 323 Redditi e 326 Opzione ordinaria. In funzione dell applicazione, in fase di conguaglio, della tassazione sostitutiva e quindi dell esposizione delle somme in questione fra i redditi di cui al punto 201 della Certificazione, l importo evidenziato nel punto 323 risulterà stornato dai redditi ordinari indicati nella sezione Lavoro precedente, ai fini della compilazione del punto 308 Totale redditi conguagliati già compresi nel punto 1 (e quindi del punto 301). Nei casi di compilazione del punto 323 Redditi, l importo viene prelevato dal campo Imponibile della sezione Altri dati > Lavoro precedente di DIPE (riquadro Imposta sostitutiva dl 93/2008 ); se l imponibile risulta pari a zero, viene prelevato l importo presente al campo Retribuzione netta. In entrambi i casi l importo viene trasferito al punto 323 fino ad un massimo di euro. Se la somma degli Imponibili dl 93/2008 dei vari progressivi presenti nella sezione Altri dati > Lavoro precedente supera i euro, la parte eccedente tale limite viene evidenziata al punto 312 e la relativa imposta sostitutiva al punto 314 (ad esempio, è il caso di coloro che, per la presenza di due distinti sostituti hanno percepito somme assoggettate ad imposta sostitutiva per un importo superiore alla soglia di euro; in fase di conguaglio l importo eccedente il limite massimo di euro è stato assoggettato a tassazione ordinaria e conseguentemente vengono compilati i punti 312 e 314).

66 C.U / 91 Sezione DATI RELATIVI AL CONIUGE E AI FAMILIARI A CARICO In tale sezione devono essere indicati i dati relativi ai familiari che nell anno d imposta di riferimento sono stati fiscalmente a carico del dipendente, ai fini della verifica della corretta attribuzione delle detrazioni. Se i righi della presente sezione non sono sufficienti per indicare tutti i familiari a carico deve essere compilato un modulo aggiuntivo. Tale sezione deve essere compilata esclusivamente nell ipotesi di erogazione di redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati. Sono richieste le seguenti informazioni: - Relazione di parentela: barrare la casella relativa al familiare a carico: punto 1, 1 rigo (C) Coniuge; punto 1, 2 rigo (F1) Primo figlio; punto 1, 3-9 rigo (F) Figlio successivo al primo; punto 2, 3-9 rigo (A) Altro familiare a carico; punto 3, 2-9 rigo (D) Figlio con disabilità. - Codice fiscale: per ciascun familiare a carico, nel corrispondente punto 4 indicare il relativo codice fiscale. - N. mesi a carico: nel punto 5 indicare il numero di mesi in cui il rispettivo familiare è risultato a carico. - Minore di tre anni: nel punto 6 indicare il numero di mesi in cui il figlio a carico risultava essere minore di tre anni. Il campo è un di cui del campo N. mesi a carico. - Percentuale di detrazione spettante: - Detrazione 100% affidamento figli: - Percentuale detrazione spettante per famiglie numerose con riferimento ai figli o altri familiari a carico, nel punto 7 indicare la relativa percentuale di detrazione applicata. Nel caso in cui al primo figlio spetti la detrazione per coniuge a carico per l intero anno, indicare come percentuale di detrazione spettante la lettera C ; se tale detrazione non spetta per l intero anno, occorre compilare per lo stesso figlio due distinti righi, esponendo sia la detrazione spettante come figlio che quella come coniuge. il punto 8 deve essere contrassegnato in caso di separazione legale ed effettiva o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, qualora il percipiente abbia fruito della detrazione per figli a carico nella misura del 100%. in tale casella va indicata l eventuale percentuale di detrazione spettante ai sensi del comma 1-bis dell art. 12 del TUIR (detrazione per famiglie numerose, spettante ai contribuenti con almeno 4 figli a carico) Ai fini della compilazione della sezione in oggetto, il programma preleva le informazioni richieste dalla scheda Detrazioni di DIPE relativa all anno di riferimento della certificazione. Per la determinazione del numero dei mesi a carico il programma controlla l impostazione di applicazione delle detrazione in corrispondenza dei singoli mesi dell anno; per la compilazione del campo Minore di tre anni viene verificato il codice fiscale del figlio a carico. Nel caso in cui nel corso dell anno siano variate le percentuali di spettanza delle detrazioni per familiari a carico si dovrà procedere alla compilazione di distinti righi. Pertanto, il familiare che, in relazione alle diverse percentuali a carico, risulta più volte inserito nella scheda Detrazioni di DIPE, verrà allo stesso modo riportato su più righi della sezione in oggetto, ognuno con la relativa percentuale di detrazione spettante. Nella sezione Familiari a carico della gestione certificazioni lavoro dipendente, il primo figlio viene identificato dal codice P. In caso di applicazione per il primo figlio delle detrazioni previste per il coniuge, in tale sezione viene barrata la casella Spetta detrazione coniuge (con. mancante), posta a lato del campo Percentuale di detraz.

67 C.U / 91 spettante. Il programma valorizza il campo in oggetto se nella scheda Detrazioni di DIPE è presente il codice C nell impostazione mensile di applicazione delle detrazioni (anche se le detrazioni per il coniuge sono risultate inferiori a quelle per figlio). La casella Detrazione 100% affidamento figli viene automaticamente contrassegnata se lo stato civile del dipendente risulta separato o divorziato e la percentuale a carico risulta pari al 100%. La casella Percentuale di detrazione spettante per famiglie numerose viene automaticamente compilata per i soli dipendenti che presentano il valore M o C al campo Ulteriore detrazione 4 figli della scheda Detrazioni di DIPE. In tal caso viene riportata la percentuale determinata come di seguito descritto: a) se non risulta compilata la sezione Gestione percentuali (pulsante Gestione percentuali nel campo Ulteriore detr. 4 figli ) il programma inserisce la percentuale del 50% in caso di dipendente coniugato (cod. 2 al campo Stato civile della scheda Anagrafica di DIPE) senza coniuge a carico; diversamente (dipendente non coniugato o con coniuge a carico) viene inserita la percentuale del 100%; b) in caso di compilazione della suddetta sezione Gestione percentuali, il programma inserirà in tale punto la percentuale ottenuta come media aritmetica dei valori inseriti nella sezione stessa.

68 C.U / 91 Sezione DATI PREVIDENZIALI ASSISTENZIALI Nella sezione relativa ai dati previdenziali e assistenziali sono presenti le seguenti informazioni: - la matricola aziendale; - l ente pensionistico di appartenenza; - l imponibile previdenziale del dipendente; - l imponibile ai fini IVS (lavoratori iscritti alla gestione ex-ipost) - l importo dei contributi trattenuti a carico del lavoratore; - i mesi per i quali è stata presentata la denuncia Uniemens. Per istruzioni in merito al contenuto dei punti richiesti si rinvia alla sezione Dettaglio campi. Nell ambito della stessa certificazione è richiesta la compilazione di più sezioni: - in caso di variazione della matricola aziendale; - in caso di variazione nel corso dell anno dell Ente pensionistico (situazione non gestita automaticamente); Per i dipendenti assunti successivamente al senza anzianità contributiva cioè soggetti al sistema previdenziale contributivo (codice E al campo Gestione IVS della scheda Trattenute di DIPE), in caso di superamento del massimale annuo, il programma riporterà come imponibile previdenziale nella Certificazione Unica l importo di tale massimale, rettificato in aumento o diminuzione con gli eventuali importi delle variabili retributive del 2014, imputate nel mese di gennaio 2015.

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2014.0.9 (Update) Data di rilascio: 30.05.2014

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2014.0.9 (Update) Data di rilascio: 30.05.2014 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2014.0.9 Applicativo: GECOM

Dettagli

GECOM EMENS Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2015.2.0 (Versione completa) Data di rilascio: 21.05.2015

GECOM EMENS Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2015.2.0 (Versione completa) Data di rilascio: 21.05.2015 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2015.2.0 Applicativo: GECOM

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE Rev.00 del 03/09/2002

NOTE OPERATIVE DI RELEASE Rev.00 del 03/09/2002 M.TC.02 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Rev.00 del 03/09/2002 1 di 13 Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2015.0.6 (Update) Data di rilascio: 18.03.2015

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2015.0.6 (Update) Data di rilascio: 18.03.2015 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2015.0.6 Applicativo: GECOM

Dettagli

M73015 Modello 730/2015

M73015 Modello 730/2015 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE - Versione 2015.0.2 Applicativo:

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE RELEASE Versione 2016.0.1 CONTENUTO DEL RILASCIO Applicativo: Oggetto: Versione: GECOM PAGENTRY Aggiornamento procedura 2016.0.1 (Update) Data di rilascio: 26.05.2016 Riferimento: Classificazione: Contenuto

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2014.02.02 Applicativo:

Dettagli

Con.Te Gestione Console Telematici Aggiornamento procedura

Con.Te Gestione Console Telematici Aggiornamento procedura NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2016.00.02 CONTENUTO DEL

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2014.0.4 (Update) Data di rilascio: 19.02.2014

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2014.0.4 (Update) Data di rilascio: 19.02.2014 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2014.0.4 Applicativo: GECOM

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2011.1.6 (Update) Data di rilascio: 21.11.2011

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2011.1.6 (Update) Data di rilascio: 21.11.2011 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2011.1.6 Applicativo: GECOM

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. REDDITI - RELEASE Versione 2015.2.9 Applicativo:

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2015.1.1 Applicativo: UNICA

Dettagli

M73014 Modello 730/2014

M73014 Modello 730/2014 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2014.0.3 Applicativo: M73014

Dettagli

Lynfa Azienda/Gamma Evolution Modulo amministrativo

Lynfa Azienda/Gamma Evolution Modulo amministrativo NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. CONTENUTO DEL RILASCIO RELEASE Versione 2015_25.04.03

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE M.TC.02 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Rev.00 del 03/09/2002 1 di 12 Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE Rev.00 del 03/09/2002

NOTE OPERATIVE DI RELEASE Rev.00 del 03/09/2002 M.TC.02 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Rev.00 del 03/09/2002 1 di 10 Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE

Dettagli

GECOM COST Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2014.0.0 (Versione completa) Data di rilascio: 21.03.2014

GECOM COST Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2014.0.0 (Versione completa) Data di rilascio: 21.03.2014 RELEASE Versione 2014.0.0 Applicativo: GECOM COST Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2014.0.0 (Versione completa) Data di rilascio: 21.03.2014 COMPATIBILITA GECOM PAGHE Versione 2014.0.5 GECOM

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2014.0.2 (Update) Data di rilascio: 30.01.2014

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2014.0.2 (Update) Data di rilascio: 30.01.2014 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2014.0.2 Applicativo: GECOM

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2008.1.2 (Update) Data di rilascio: 04.07.2008

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2008.1.2 (Update) Data di rilascio: 04.07.2008 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. SPEDIZIONE Applicativo: GECOM PAGHE Oggetto:

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2014.10.2 Applicativo: GECOM CONTRATTI

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2014.10.2 Applicativo: GECOM CONTRATTI RELEASE Versione 2014.10.2 Applicativo: GECOM CONTRATTI Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2014.10.2 (Update) Data di rilascio: 06.11.2014 COMPATIBILITA GECOM PAGHE Versione 2014.1.0 GECOM F24

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2015.3.1 CONTENUTO DEL RILASCIO

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. REDDITI - RELEASE Versione 2013.1.7 Applicativo:

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2014.4.0 Applicativo: GECOM F24

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2014.4.0 Applicativo: GECOM F24 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2014.4.0 Applicativo: GECOM

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.1.0 Applicativo: M73011 Modello 730/2011

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.1.0 Applicativo: M73011 Modello 730/2011 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2011.1.0 Applicativo: Modello

Dettagli

M73014 Modello 730/2014

M73014 Modello 730/2014 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2014.0.1 Applicativo: M73014

Dettagli

Gecom Paghe C.U. 2016 Prelievo dati PAGHE

Gecom Paghe C.U. 2016 Prelievo dati PAGHE Gecom Paghe C.U. 2016 Prelievo dati PAGHE ( Rif. rilascio vers. PAGHE 2016.0.1 del 02.02.2016) C.U. 2016 2 / 116 INDICE Certificazione Unica 2016... 4 Generalità... 4 Introduzione... 4 Composizione del

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE M.TC.02 Rev.00 del 03/09/2002 1 di 5 RELEASE Versione 2015.2.3 Applicativo: GECOM Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2015.2.3 (Update) Data di rilascio: 20/10/2015 COMPATIBILITA GECOM Versione

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE F24 Versione 2015.0.0 Applicativo: GECOM F24

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE F24 Versione 2015.0.0 Applicativo: GECOM F24 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE F24 Versione 2015.0.0 Applicativo:

Dettagli

GECOM COST Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2013.1.0 (Versione completa) Data di rilascio: 01.07.2013

GECOM COST Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2013.1.0 (Versione completa) Data di rilascio: 01.07.2013 RELEASE Versione 2013.1.0 Applicativo: GECOM COST Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2013.1.0 (Versione completa) Data di rilascio: 01.07.2013 COMPATIBILITA GECOM PAGHE 2013.1.0 GECOM F24 2013.2.0

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2015.3.3 CONTENUTO DEL RILASCIO

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2013.03.00 Applicativo:

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE M.TC.02 Rev.00 del 03/09/2002 1 di 14 Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE M.TC.02 Rev.00 del 03/09/2002 1 di 15 Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2015.1.1 Applicativo: GECOM CONTRATTI

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2015.1.1 Applicativo: GECOM CONTRATTI NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2015.1.1 Applicativo: GECOM

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE Rev.00 del 03/09/2002

NOTE OPERATIVE DI RELEASE Rev.00 del 03/09/2002 M.TC.02 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Rev.00 del 03/09/2002 1 di 20 Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE M.TC.02 Rev.00 del 03/09/2002 1 di 5 RELEASE Versione 2015.03.00 GCONTENUTO DEL RILASCIO Applicativo: Oggetto: Versione: Data di rilascio: 28.01.2016 Riferimento: Classificazione: STUDIO GECOM EVOLUTION

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2013.04.01 Applicativo:

Dettagli

Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730. ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 )

Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730. ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 ) Gecom Paghe Conguaglio risultanze 730 ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 ) CONG730 2015 2/47 INDICE Conguagli del sostituto d imposta per risultanze modello 730... 3 Modalità e termini... 3 Conguagli

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE RELEASE Versione 2013.0.0 Applicativo: GECOM 770 Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2013.0.0 (Versione completa) Data di rilascio: 10.05.2013 COMPATIBILITA GECOM PAGHE 2013.0.6 GECOM MULTI 2013.0.4

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2012.02.00 Applicativo:

Dettagli

Gecom Paghe PASSAGGIO D ANNO 2013 / 2014. ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2014.00.00 )

Gecom Paghe PASSAGGIO D ANNO 2013 / 2014. ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2014.00.00 ) Gecom Paghe PASSAGGIO D ANNO ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2014.00.00 ) 2 / 18 INDICE Operazioni di passaggio d anno... 3 AZZERA eseguito solo per alcune aziende... 4 Dettaglio operazioni di chiusura / apertura

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. M73013 - RELEASE Versione 2013.1.4 Applicativo: M73013 Modello 730/2013

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. M73013 - RELEASE Versione 2013.1.4 Applicativo: M73013 Modello 730/2013 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. M73013 - RELEASE Versione 2013.1.4 Applicativo:

Dettagli

Gecom 770 Gestione 770/2015

Gecom 770 Gestione 770/2015 Gecom 770 Gestione 770/2015 Istruzioni operative 770/2015 2/100 INDICE Premessa... 4 Novità del modello 770/2015 Semplificato... 5 Comunicazione dati lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale...

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 24.03.01 GAMMA EVOLUTION

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 25.04.00 GAMMA EVOLUTION

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2011.0.6 Applicativo: Con.Te

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE RELEASE Versione 2013.00.00 Applicativo: Con.Te Gestione Console Telematici Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2013.00.00 (Versione completa) Data di rilascio: 18.01.2013 COMPATIBILITA GECOM Con.Te

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. REDDITI - RELEASE Versione 2013.2.3 Applicativo:

Dettagli

Questa versione viene rilasciata in forma di Update incrementale. Richiede che sia installata la versione completa 20140300.

Questa versione viene rilasciata in forma di Update incrementale. Richiede che sia installata la versione completa 20140300. RELEASE Versione di Update 20140400 Applicativo: POLYEDRO / TeamPortal Oggetto: Rilascio versione di Update Versione: 20140400 (Versione di Update) Data di rilascio: 12.11.2014 Requisiti ambiente Windows

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE M.TC.02 Rev.00 del 03/09/2002 1 di 10 Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2016.1.3 CONTENUTO DEL RILASCIO

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali (art. d.lgs. n. 9/00) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti riconosciuti

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2011.1.2 (Update) Data di rilascio: 20.09.2011

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2011.1.2 (Update) Data di rilascio: 20.09.2011 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2011.1.2 Applicativo: GECOM

Dettagli

M73015 Modello 730/2015

M73015 Modello 730/2015 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE - Versione 2015.1.0 Applicativo:

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2008.0.9 (Update) Data di rilascio: 30.04.2008

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2008.0.9 (Update) Data di rilascio: 30.04.2008 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. SPEDIZIONE Applicativo: GECOM PAGHE Oggetto:

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. REDDITI - RELEASE Versione 2014.3.7 Applicativo:

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2011.0.5 (Update) Data di rilascio: 21.03.2011

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2011.0.5 (Update) Data di rilascio: 21.03.2011 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2011.0.5 Applicativo: GECOM

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2009.2.5 Applicativo: GECOM REDDITI

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2009.2.5 Applicativo: GECOM REDDITI NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2009.2.5 Applicativo: GECOM

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE CD...2 CERTIFICAZIONE UNICA REVISIONE 01.00.00...4 Premessa...4 Lavorare con il modulo...5 Importazione dati da moduli attivi...5 Certificazione unica 2015...8 Stampe...14

Dettagli

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE Circolare 7 del 13 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 3 2 Ambito applicativo della certificazione unica... 3 2.1 Redditi

Dettagli

Conguaglio risultanze 730

Conguaglio risultanze 730 Gecom Paghe Conguaglio risultanze 730 ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2012.00.10 ) INDICE Circolare Agenzia delle Entrate n. 15/2012: conguagli del sostituto d imposta... 3 Modalità e termini... 3 Conguagli

Dettagli

CONG730 2010. Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730

CONG730 2010. Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730 Gecom Paghe Conguaglio risultanze 730 INDICE Circolare Agenzia delle Entrate n. 16/2010: conguagli del sostituto d imposta... 3 Modalità e termini... 3 Conguagli a credito... 3 Conguagli a debito... 3

Dettagli

CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate

CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate 1 PREMESSA Il DLgs. 21.11.2014 n. 175 ha previsto la precompilazione dei modelli 730 da parte

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE RELEASE Versione 2011.0.2 Applicativo: Con.Te Gestione Console Telematici Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2011.0.2 (Versione parziale) Data di rilascio: 17.06.2011 COMPATIBILITA GECOM Con.Te

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede un

Dettagli

Certificazione Unica (c.d. CU2015)

Certificazione Unica (c.d. CU2015) (c.d. CU2015) Indice degli argomenti Introduzione 1. Disposizioni normative 2. Prerequisiti tecnici 3. Impostazioni necessarie per operare in Gestionale 1 4. Stampa Certificazioni Unica Assis tenza tecni

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2010.0.3 Applicativo: M73010 Modello 730/2010

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2010.0.3 Applicativo: M73010 Modello 730/2010 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2010.0.3 Applicativo: M73010

Dettagli

FAQ CUD 2006 1 \ 6. la gestione PDF. Gecom Paghe

FAQ CUD 2006 1 \ 6. la gestione PDF. Gecom Paghe 1 \ 6 Cos è TeamSystem la gestione PDF Gecom Paghe FAQ CUD 2006 2 \ 6 Per un dipendente licenziato e riassunto viene stampato un solo CUD con i dati dell ultima matricola Non sono stati inseriti i dati

Dettagli

SEMPLIFICATO. BOZZA INTERNET del 9/12/2013. Anno 2013. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n.

SEMPLIFICATO. BOZZA INTERNET del 9/12/2013. Anno 2013. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. BOZZA INTERNET del 9//0 SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.2.3 Applicativo: GECOM MULTI

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.2.3 Applicativo: GECOM MULTI NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2011.2.3 Applicativo: GECOM

Dettagli

VideoLavoro 19 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica 2015

VideoLavoro 19 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica 2015 VideoLavoro 19 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica 2015 rubrica: novità e piccoli focus di periodo A cura di Alberto Bortoletto e Laurenzia Binda 1 Certificazione Unica 2015 2 DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

Dettagli

Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo

Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo ADEMPIMENTO " NOVITÀ " LAVORO I sostituti d imposta, a seguito delle

Dettagli

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 MEMORIE NUMERICHE 1 Redditi lavoro dipendente e assimilati (Cas. 1) 2 Assegni periodici corrisposti dal coniuge (Cas. 5) 3-18 Caselle da 11 a 26 19 Altri datori - Imponibile

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2010.1.3 (Update) Data di rilascio: 17.09.2010

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2010.1.3 (Update) Data di rilascio: 17.09.2010 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2010.1.3 Applicativo: GECOM

Dettagli

31 Gennaio 2015. Indice. 1- La nuova CU 2015 1. Notiziario del Lavoro N.1 31 Gennaio 2015. Tutti i diritti sono riservati alla Zucchetti S.p.a.

31 Gennaio 2015. Indice. 1- La nuova CU 2015 1. Notiziario del Lavoro N.1 31 Gennaio 2015. Tutti i diritti sono riservati alla Zucchetti S.p.a. Tutti i diritti sono riservati alla Zucchetti S.p.a. Indice 1- La nuova CU 2015 1 Redazione: Pedrazzini Raffaella, Calzari Alessandra, Fedele Barbara, Balestrieri Gloria, Preda Elisa 1 La nuova CU 2015

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM F24

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM F24 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE M.TC.02 Rev.00 del 03/09/2002 1 di 42 Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI LA (Comunicazione CU) Il Decreto Legislativo Semplificazioni fiscali (art. 2, comma 1 del D.Lgs. n. 175/2014), introduce una novità assoluta in ambito fiscale: il Modello 730 pre-compilato a valere già

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 L Agenzia delle entrate, con provvedimento del 15 gennaio 2016, ha reso disponibile la versione definitiva della Certificazione Unica 2016, meglio nota come CU, da utilizzare

Dettagli

MODELLO CUD 2011. Il programma per gestire il modello CUD 2011 è contenuto nella cartella Elaborazioni annuali, Gestione modello CUD :

MODELLO CUD 2011. Il programma per gestire il modello CUD 2011 è contenuto nella cartella Elaborazioni annuali, Gestione modello CUD : Modello CUD 2011 1 Il programma per gestire il modello CUD 2011 è contenuto nella cartella Elaborazioni annuali, Gestione modello CUD : Il programma per stampare il modello CUD 2011 è contenuto nella cartella

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 00 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA 2015

CERTIFICAZIONE UNICA 2015 CERTIFICAZIONE UNICA 201 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART., COMMI -ter e -quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 199, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 201 DATI ANAGRAFICI AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. IMPLEMENTAZIONI RELEASE Versione 2016.0.5

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2014.1.2 (Update) Data di rilascio: 11.12.2014

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2014.1.2 (Update) Data di rilascio: 11.12.2014 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2014.1.2 Applicativo: GECOM

Dettagli

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore:

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore: GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015 Relatore: Alessandro Dott. TODESCHELLI Dott. Comm.sta materia «Lavoro» OPEN Dot Com Servizio: Nome servizio Pag. 1 Torino,

Dettagli

PERSPRO Personalizzazione procedura...3. GESIND Gestione indirizzari...4. PRATICA - Gestione Pratiche CCIAA...5. Gestione pratiche S.c.i.a...

PERSPRO Personalizzazione procedura...3. GESIND Gestione indirizzari...4. PRATICA - Gestione Pratiche CCIAA...5. Gestione pratiche S.c.i.a... NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2012.01.00 Applicativo:

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2009.0.1 (Update) Data di rilascio: 16.01.2009

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2009.0.1 (Update) Data di rilascio: 16.01.2009 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. SPEDIZIONE Applicativo: GECOM PAGHE Oggetto:

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2011.1.8 (Update) Data di rilascio: 14.12.2011

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2011.1.8 (Update) Data di rilascio: 14.12.2011 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2011.1.8 Applicativo: GECOM

Dettagli

Passaggi di fine anno

Passaggi di fine anno Passaggi di fine anno Installazione versione 2013.0.0 ed eseguire la CONVERS Aggiornamento indice ISTAT Dicembre 2012 definitivo Controllare opzioni in TB1203 (annullamento licenziati, numerazione inail

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

GECOM EMENS Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2010.0.1 (Update) Data di rilascio: 01.02.2010

GECOM EMENS Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2010.0.1 (Update) Data di rilascio: 01.02.2010 RELEASE Versione 2010.0.1 Applicativo: GECOM EMENS Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2010.0.1 (Update) Data di rilascio: 01.02.2010 COMPATIBILITA GECOM PAGHE 2010.0.3 GECOM F24 2010.0.0 STUDIO

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2014.1.0 Applicativo: GECOM

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2012.1.1 (Update) Data di rilascio: 22.11.2012

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2012.1.1 (Update) Data di rilascio: 22.11.2012 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2012.1.1 Applicativo: GECOM

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA2016

CERTIFICAZIONE UNICA2016 CERTIFICAZIONE UNICA2016 TIPO I COMUNICAZIONE ATI RELATIVI AL SOSTITUTO Annullamento Sostituzione Cognome o enominazione Nome Telefono o fax prefisso numero Indirizzo di posta elettronica ATI RELATIVI

Dettagli

SIPAG SRL Via Lemignano 2, Lemignano di Collecchio 43044 (PR) Call Center: 0521 543838 - Fax 0521 543822 Piattaforma ASP

SIPAG SRL Via Lemignano 2, Lemignano di Collecchio 43044 (PR) Call Center: 0521 543838 - Fax 0521 543822 Piattaforma ASP Descrizione aggiornamento temporaneo del 11.02.2013 Sommario Esecuzione comando preliminare... 2 Modello CUD 2013... 2 Novità CUD 2013... 2 Sezioni previste sul modello CUD 2013 ed eventuali particolarità...

Dettagli