L ARCOBALENO SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE - ONLUS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ARCOBALENO SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE - ONLUS"

Transcript

1 L ARCOBALENO SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE - ONLUS

2 Aderente a: promossa da:

3 Indice 1. Premessa Metodologia Modalità di comunicazione Riferimenti normativi 7 2. Identità della cooperativa Informazioni generali Attività svolte Composizione base sociale Territorio di riferimento Missione Storia Governo e strategie Tipologia di governo Organi di controllo Struttura di governo Processi decisionali e di controllo Struttura organizzativa Strategie e obiettivi Portatori di interessi Relazione sociale Lavoratori Fruitori Rete sistema cooperativo Reti territoriali Clienti/committenti Donatori e contributi a fondo perduto Dimensione economica Valore della produzione Distribuzione valore aggiunto Produzione e distribuzione ricchezza patrimoniale Ristorno ai soci Il patrimonio Prospettive future della cooperativa 69 3

4 Le immagini presenti in questa pubblicazione sono state realizzate nel laboratorio di fotografia organizzato dall area salute mentale della cooperativa nel corso dell anno 2009.

5 1. PREMESSA Il bilancio sociale della COOPERATIVA L ARCOBALENO è uno strumento di rendicontazione che fornisce una valutazione pluridimensionale, non solo economica, ma anche sociale del valore creato dalla cooperativa. Il bilancio sociale, infatti, tiene conto della complessità dello scenario all interno del quale si muove la cooperativa e rappresenta l esito di un percorso attraverso il quale l organizzazione rende conto, ai diversi stakeholders, interni ed esterni, della propria missione, degli obiettivi, delle strategie e delle attività. Il bilancio sociale si propone di rispondere alle esigenze informative e conoscitive dei diversi stakeholders che non possono essere ricondotte alla sola dimensione economica. La fotografia della cooperativa che questo documento offre permette di conoscere meglio le attività che la caratterizzano, le persone che la animano, soci e lavoratori, coloro che usufruiscono dei suoi servizi e i significati che stanno alla base del lavoro quotidiano. Da questo documento emergono importanti indicazioni per il futuro, di cui la cooperativa farà tesoro per essere sempre di più legittimata e riconosciuta dagli interlocutori interni ed esterni, soprattutto attraverso gli esiti e i risultati delle attività svolte che saranno presentati e rendicontati in modo serio e rigoroso di anno in anno. Auspicando infine che lo sforzo compiuto per la realizzazione di questo bilancio sociale possa essere compreso ed apprezzato vi auguro buona lettura. Il Presidente RENATO ANGELO FERRARIO 5

6

7 1.1 Metodologia Per questa edizione l Assemblea dei soci ha promosso la formazione di un apposito gruppo di lavoro che potesse costruire il nuovo bilancio sociale in modo più approfondito e partecipato. Il gruppo è composto da sette soci lavoratori che operano nelle diverse aree della cooperativa con ruoli e mansioni anche molto differenti: Ferrario Renato, Crimella Fabio, Farina Rossella, Colombo Erica, Nucibella Sonia, Zarbano Daniela e Castagna Roberto. L avvio dei lavori ha visto un approfondita riflessione sull identità e sul senso della cooperativa sociale oggi, sullo studio delle linee guida regionali e quindi sul piano operativo da adottare per coinvolgere i diversi portatori di interesse. Ogni membro del gruppo ha curato l approfondimento di alcuni argomenti e contenuti che sono poi stati condivisi e rielaborati nelle riunioni periodiche del gruppo. 1.2 Modalità di comunicazione Il presente bilancio sociale è stato diffuso attraverso i seguenti canali: Assemblea dei soci Pubblicazione sul sito internet: 1.3 Riferimenti normativi Il presente bilancio sociale è stato redatto ispirandosi liberamente sia ai Principi di Redazione del Bilancio Sociale elaborati dal Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale (GBS) del 2001 sia agli Standard Internazionali del GRI (Global Reporting Initiative). Dal punto di vista normativo i riferimenti sono: Decreto attuativo del Ministero della Solidarietà Sociale del 24/01/08 contenente le Linee Guida per la redazione del bilancio sociale da parte delle organizzazioni che esercitano l impresa sociale; Delibera della giunta regionale della Lombardia n 5536/2007 La cooperativa ha aderito, nel corso dell anno 2009, ad un percorso formativo sul bilancio sociale promosso dalla Camera di Commercio di Lecco e da Confcooperative Lecco. Il presente bilancio sociale è stato presentato e condiviso nell assemblea dei soci del che ne ha deliberato l approvazione. 7

8

9 2.1 Informazioni generali Di seguito viene presentata la carta d identità dell organizzazione al 31/12/2009 L ARCOBALENO Denominazione SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE - ONLUS Indirizzo sede legale Via Mascari LECCO Forma giuridica e modello di riferimento S.p.a. Tipologia: Coop. A Data di costituzione: 02/04/1984 CF P.Iva N iscrizione Albo Nazionale società cooperative: A N iscrizione Albo Regionale cooperative sociali: 238/A Tel: Fax Sito internet: Anno di adesione Appartenenza a reti associative Caritas Ambrosiana: 1999 Confcooperative Lecco: 2000 Consorzio Consolida di Lecco Adesione a consorzi di cooperative Consorzio Eurocoop di Lecco Consorzio Farsi Prossimo di Milano Valore nominale Consorzio Farsi Prossimo: ,00 Consorzio Consolida di Lecco: ,00 Consorzio Eurocoop di Lecco:. 250,00 Altre partecipazioni e quote Banca Etica:. 555,00 Nisida Cooperativa Sociale: ,00 Confcooperfidi Società Cooperativa Sociale:. 110,00 Coordinamento Regionale Case Alloggio:. 50, Altre attività di assistenza sociale non residenziale Servizi di asili nido e assistenza diurna per minori disabili Altre strutture di assistenza sociale residenziale Ospedali e case di cura specialistici Codice ateco Strutture di assistenza residenziale per persone affette da ritardi mentali, disturbi mentali o che abusano di sostanze stupefacenti Assistenza sociale non residenziale per anziani e disabili Struttura assistenza residenziale per anziani e disabili 9

10 2.2 Attività svolte Per l anno 2009 la cooperativa ha operato nei seguenti ambiti di intervento: Malati di AIDS Anziani Persone con disagio psichico Calolziocorte e Cesana Brianza Adulti in difficoltà Minori Disabili Centro Don Isidoro Meschi di Nibionno Centro Diurno Integrato Il Castello di Cesana Brianza Centro Diurno Integrato Le Querce di Mamre di Galbiate Centro Polifunzionale Laser di Lecco (Centro Diurno Integrato e Mini alloggi protetti) Casa del Clero di Lecco Residenza socio-assistenziale di Valmadrera Comunità protetta a media intensità assistenziale Casa del Lago di Garlate Comunità riabilitativa ad alta intensità Le Orme di Casatenovo Comunità protetta a bassa intensità assistenziale Casa Sara di Lecco Centro Diurno Psichiatrico di Lecco Programmi di Residenzialità Leggera a Lecco, Casatenovo, Olginate, Casa alloggio per uomini Casa Abramo di Lecco Alloggio per l autonomia per donne La Locanda di Galbiate Alloggio per l autonomia per donne Casa Madre Laura di Merate Alloggio per donne Casa Serafino di Lecco Centro di accoglienza per uomini di Lecco Servizio Adulti del Comune di Lecco Appartamenti di housing sociale a Lecco, Ballabio, Calolziocorte e NIbionno Progetto Tata di Valmadrera per il sostegno domiciliare a famiglie fragili Progetto Artemide per il sostegno alla maternità Progetto Lecco, una provincia accogliente per richiedenti asilo e rifugiati Nido Casa Vincenza di Lecco Associazione Via di Mandello del Lario DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ L anno 2009 ha visto, come gli anni precedenti, una serie innumerevole di novità sia sotto il profilo organizzativo, strategico e anche con l apertura di nuovi servizi. Il 27 febbraio 2009 è avvenuto il cambio della Presidenza della Cooperativa in quanto Fulvio Sanvito, a seguito di impegni sempre maggiori richiesti come Presidente di Confcooperative Unione Provinciale di Lecco ha ritenuto opportuno rinunciare alla carica di Presidente della cooperativa, evitando così possibili incompatibilità. Il Consiglio di Amministrazione, all unanimità ha nominato nuovo Presidente Ferrario Renato Angelo e Fulvio Sanvito è rimasto Consigliere. Con questo cambiamento l organigramma della Cooperativa è stato modificato concentrando maggiori responsabilità nei Responsabili di settore (sociale, psichiatria e anziani) che si sono incontrati ogni quindici giorni con il Presidente. Il 2009 ha visto lo sviluppo di due percorsi formativi interni che hanno dato risultati molto positivi: - Il corso di formazione rivolto alle cosiddette seconde linee per operatori che nei diversi 10

11 centri assumono ruoli di responsabilità pur non essendo formalmente coordinatori. - Il corso di formazione sul ruolo del coordinatore di servizi nella gestione delle risorse umane, rivolto a tutti i coordinatori che ha registrato l intenzione di voler sperimentare una nuova riorganizzazione della cooperativa. La 2 giorni di Boario per i coordinatori (insieme alla Cooperativa filo d Arianna) e la visita ispettiva dei certificatori, per il rinnovo della Certificazione di qualità, avvenuta ad ottobre hanno messo in moto tale riflessione che andrà a definirsi nel corso del Anche quest anno il numero di adesione di nuovi soci è aumentata, rispetto al Con l impegno di tutto il CDA si è elaborato il primo Bilancio Sociale della Cooperativa, approvato dall Assemblea soci a luglio. Tale impegno verrà esteso ai soci desiderosi di mettere il proprio contributo nella stesura del nuovo bilancio sociale del 2010 per renderlo sempre più vicino e attento a tutta la compagine sociale. A dicembre è stato elaborato dal CDA e approvato poi dall Assemblea dei soci il Regolamento interno prestito sociale fruttifero che da la possibilità ad ogni socio di contribuire alle attività della cooperativa attraverso il versamento di un vero e proprio prestito. La cooperativa corrisponderà ai soci aderenti unj tasso d interesse pari al 1,5% per prestiti fino a 4.999,00 e all 1,9% per importi superiori. Se il socio accetta un vincolo di 24 mesi sul prestito, i tassi raggiungono rispettivamente l 1,6% e il 2%. Le grosse novità dell anno 2009 sono state: L avvio subito agli inizi dell anno del Centro polifunzionale LASER: composto da un Centro Diurno Integrato per anziani e 8 mini alloggi protetti arrivando ad ottenere l accreditamento nel mese di novembre Tale sforzo ha impegnato, a livello economico, la Cooperativa specie per la fase di partenza. Le preoccupazioni, per il rischio di non avere richieste di accoglienze negli appartamenti, si sono stemperate nel corso dell anno. Ad aprile si è tenuta l inaugurazione alla presenza delle istituzioni coinvolte e degli enti finanziatori. Sarà il 2010 l anno nel quale si potrà verificare la sostenibilità di tale Centro. La partenza delle nuove strutture sulla Residenzialità leggera tre appartamenti a Olginate e uno a Casatenovo, più un nuovo posto a Cesana attraverso l accreditamento regionale avvenuto nei primi mesi dell anno. L avvio del Servizio Assistenza Domiciliare Integrata nei comuni di Costamasnaga, Nibionno, Bosisio Parini e Galbiate in quanto sedi di altre attività della cooperativa. Tale attività è partita piano piano, ma ha avuto un impatto molto forte e un impegno importante nell organizzazione e gestione di tale servizio. La scelta di accreditarsi nasce dalla volontà di promuovere servizi di prossimità alle famiglie all interno di un percorso di cooperative volto a sviluppare una maggiore attenzione al territorio. L inaugurazione, tanto attesa, del Centro di Prima Accoglienza di via dell Isola a Lecco, avvenuto ad ottobre per l accoglienza di 31 uomini in situazione di precarietà e di multiproblematicità. E l unica struttura sul territorio della provincia di Lecco ad accogliere tale problematiche. La partecipazione al bando e l aggiudicazione per la gestione del CDI a Lomagna (Lc) per 5 anni; tale attività partirà presumibilmente nei primi mesi del L avvio dell area housing sociale per la gestione degli appartamenti. Il Consiglio di amministrazione, nell anno 2009, si è riunito 13 volte, e ci sono state 4 Assemblee dei soci. 11

12 Nel corso dell anno i nuovi assunti sono stati 62 e i dimessi sono stati 38. Alla data del risultano in carico alla cooperativa 149 dipendenti di cui n.61 soci prestatori. Di seguito si descrivono le attività svolte nel 2009 dai principali Centri di Servizio della cooperativa. IL SETTORE SOCIALE (A) L anno 2009 ha visto la strutturazione del settore con l avvio di due nuovi servizi, coronamento di diversi anni di lavoro su progetti: l housing sociale e il centro di accoglienza di via dell Isola. L avvio di queste nuove équipe ha permesso di dare ulteriormente una forma più definita alle attività del settore. Anche per quest anno è stato quindi riconfermato il percorso formativo interno che ha coinvolto gli operatori di 5 unità di servizio: l area donne, Casa Abramo, il Servizio Adulti del Comune di Lecco, l housing sociale e il centro di accoglienza di via dell Isola. La formazione 2009, che proseguirà anche nel 2010, è stata finalizzata alla costruzione di uno strumento comune per l autovalutazione d efficacia dei servizi. In parallelo alla formazione con gli operatori è stato mantenuto il tavolo periodico di confronto tra i responsabili dei diversi centri di servizio, che ha permesso la condivisione di operatività e progetti e lo scambio tra i coordinatori. AREA GENERAL CONTRACTOR CONSOLIDA Via dell Isola Nel marzo 2009 sono terminati i lavori di ristrutturazione, è stata costituita l equipe lavorativa formata da 3 custodi/mediatori, 1 educatore coordinatore, 1 educatore con mansioni di accompagnamento e sostegno dei progetti individuali, 1 assistente sociale con funzioni di filtro per le segnalazioni di accoglienza. In data 23 ottobre 2009 alla presenza del Sindaco di Lecco Antonella Faggi, dell Assessore alla Famiglia della Regione Lombardia Giulio Boscagli, dell Assessore alle Politiche sociali e di sostegno alla famiglia del Comune di Lecco Cinzia Bettega, dell Assessore ai Servizi alla Persona della Provincia di Lecco Antonio Conrater, del Prefetto di Lecco Nicola Prete, del rappresentante della Fondazione Cariplo Mario Romano Negri e del Presidente del Consorzio Consolida Gabriele Marinoni, si è tenuta l inaugurazione istituzionale del Centro di Accoglienza di Via dell Isola. In data 24 ottobre 2009 si è svolto l Open Day, al fine di far conoscere il Centro di Accoglienza ai cittadini di Lecco ed in particolare del quartiere di Pescarenico, in cui la struttura è situata. Entrambi i momenti sono stati significativi per l intera cittadinanza e l affluenza è stata numerosa. A partire dal 26 ottobre 2009 la struttura di Via dell Isola ha ricominciato ad accogliere uomini adulti in situazioni di precarietà e multi problematicità. Si è partiti con l inserimento degli ospiti già in carico inseriti temporaneamente nella struttura provvisoria di Via Parini, per poi cominciare ad accogliere le numerose segnalazioni che i vari Comuni del territorio avevano 12

13 da tempo presentato. Nel giro di brevissimo tempo i posti dedicati all accoglienza sono stati occupati: da ottobre a dicembre 2009 sono state accolte presso il centro un totale di 31 persone raggiungendo così il numero massimo di ospitalità previsto. La struttura di Via dell Isola è dedicata all accoglienza di uomini adulti in difficoltà con la finalità di costruire percorsi individualizzati di re-inserimento sociale. L accoglienza è temporanea perché volta al superamento dell emergenza e alla costruzione di un progetto d autonomia. L inserimento nella struttura di Via dell Isola di una persona è l avvio di un progetto condiviso in cui sono coinvolti la persona accolta, il servizio inviante ove presente, l ente gestore del servizio e l eventuale servizio specialistico. Attraverso l accoglienza non si intende solamente intervenire sul problema abitativo, ma si intende offrire spazi di relazione e di socialità. L équipe di via dell Isola ha proseguito anche nel 2009 la gestione del progetto Lecco, una provincia accogliente, che prevede l accoglienza e la presa in carico di richiedenti asilo politico e rifugiati nell ambito del Sistema di protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR). Servizio Adulti Comune di Lecco Ormai dall anno 2006 la cooperativa gestisce il Servizio Adulti del Comune di Lecco, nell ambito del rapporto di co-progettazione tra il Consorzio Consolida e il comune capoluogo. Il Servizio offre ai cittadini attività di servizio sociale di base, interventi socio-educativi, interventi di assistenza domiciliare e attività per favorire la socializzazione. Oltre al personale impiegato sul servizio la cooperativa esprime la figura del Direttore di servizio, che negli altri servizi fa parte dell organico comunale. Nell anno 2009 è stata anche introdotta la figura del coordinatore del servizio che si occupa della gestione operativa dell équipe, affiancando il Direttore. La cooperativa ha supportato il servizio attraverso un sostegno al coordinatore e al gruppo di lavoro che ha permesso di accrescere competenze e capacità degli operatori. Questi percorsi, uniti alla supervisione e ai percorsi di area, permettono all équipe di avere spazi di confronto anche con le altre realtà della cooperativa. Destinatari del Servizio sono persone italiane e straniere in età compresa tra i 18 ai 65 anni, residenti nella città di Lecco, che vivono in situazioni di difficoltà dovute a patologie sanitarie, disagio psichico, situazioni di dipendenza e di fragilità sociale, povertà estrema ed emarginazione. Destinatari sono anche nuclei famigliari multiproblematici e non con ridotta capacità di risoluzione dei problemi quotidiani e di gestione della vita di relazione. Le richieste poste dall utenza riguardano principalmente bisogni connessi alla gestione di sé e della vita quotidiana a seguito di reti famigliari tendenzialmente più precarie e fragili (es. stranieri, grave marginalità, persone senza appartenenze ) che non assicurano supporti alla persona. Questo problema riguarda anche persone in età giovane ed è connesso a situazioni di isolamento relazionale e di emarginazione. La dimensione e la complessità dei problemi che il Servizio tratta sono spesso difficilmente risolvibili e insieme alla disponibilità di risorse umane ed economiche limitate, rendono necessario un lavoro di sensibilizzazione e di coinvolgimento della città nella costruzione di risposte. 13

14 Il problema occupazionale mantiene importanza centrale nel lavoro sociale con l adulto perché costituisce la chiave di volta per dare avvio a percorsi di acquisizione di autonomie. Data la ridotta disponibilità di spazi di inserimento nel mercato del lavoro per persone adulte con problemi e l aumento di persone in età attiva che non riescono a reggere un occupazione o che non riescono a riaccedervi, è sempre più frequente il ricorso a proposte alternative, di tipo socio-occupazionale. Per quanto riguarda il problema abitativo la domanda dell utenza non è solo riferita all aiuto nella ricerca di un alloggio, difficilmente accessibile nel mercato privato, ma anche alla richiesta di supporto all autonomia abitativa. Molte persone infatti non sono in grado da sole di assumere la responsabilità di gestire una casa, per motivi diversi: motivi economici (disoccupazione, lavoro precario, reddito insufficiente ), motivi personali (condizioni di salute, vicende famigliari problematiche ) e motivi sociali (incapacità relazionali, solitudine, isolamento ). Nell anno 2009 il Servizio ha avuto in carico 580 persone, di cui 25 hanno usufruito dell accompagnamento degli educatori del servizio e 17 sono stati utenti del servizio di assistenza domiciliare. Al servizio è collegata anche l attività di inserimento lavorativo e socio-occupazionale che ha preso in carico 28 persone. Agente di rete Attraverso un progetto presentato dal Consorzio Consolida al Comune di Lecco e finanziato dalla Regione Lombardia, è proseguito nell anno 2009 il lavoro dell Agente di rete presso la casa circondariale di Lecco. La nostra cooperativa garantisce fin dal 2007 questa funzione che è di sostegno e aiuto all area pedagogica del carcere. In particolare l agente di rete è impegnato: nell elaborazione di progetti di accoglienza del detenuto all ingresso nella struttura detentiva; nell organizzazione di attività culturali e formative in raccordo con enti e associazioni del territorio; nella partecipazione agli incontri di équipe sui casi avviati con l esperienza del Progetto Porte Aperte del Consorzio Consolida nella cura/accompagnamento del detenuto alla dimissione in collaborazione con i servizi territoriali e dell Ufficio esecuzione penale esterna (UEPE) di Como. La novità del 2009 è stata quella di aver sperimentato percorsi di Legalità con alcune classi di 5 superiore nell Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco e nell Istituto Bachelet di Oggiono. Questi percorsi hanno avuto una parte teorica in aula con la partecipazione di tutte le figure professionali presenti nella casa circondariale di Lecco e la parte più importante con l ingresso degli studenti e dei docenti nel carcere di Lecco per un momento di incontro con i detenuti. Tale sperimentazione verrà ripresa con una certa organicità nel 2010 in quanto la verifica svolta nelle classi è stata estremamente importante; anche i detenuti hanno beneficiato positivamente di tali incontri. Per un problema organizzativo e personale dal mese di dicembre un operatore di Casa Abramo, opportunamente formato, si inserirà in sostituzione dell agente di rete attualmente presente. Tale passaggio potrà creare maggiori legami tra la comunità Casa Abramo e il carcere di Lecco. Area Housing Sociale Nel corso del 2009 si è costituita l èquipe, composta dal coordinatore, assistente sociale e due educatori ( assunti da aprile e da luglio) che, su più livelli, tengono i contatti con i servizi invianti (dove presenti) e si occupano dell attivazione dei progetti educativi individualizzati. 14

15 L èquipe prende parte alla supervisione mensile, insieme al gruppo di lavoro del CPA di via dell Isola, e partecipa ai momenti formativi organizzati dalla cooperativa o provenienti da altri canali esterni. Le accoglienze sono rivolte a uomini, donne sole o con figli, nuclei familiari, italiani e stranieri, in possesso di regolare permesso di soggiorno, in situazione di disagio sociale ma capaci di gestire in autonomia la propria permanenza in appartamento. Due sono le tipologie di offerta previste: l accompagnamento educativo, che presuppone un progetto di intervento più corposo, fino a sei ore settimanali, ed è rivolto a soggetti in condizioni di disagio sociale, seguiti da servizi specialistici del territorio, e i percorsi per il raggiungimento dell autonomia che invece presuppongono un accompagnamento più ridotto. Gli ospiti sono firmatari di un contratto di accoglienza che definisce tempi e modalità di permanenza presso l appartamento e gli obiettivi del progetto educativo individualizzato che vengono periodicamente rivisti con il singolo e con il servizio di riferimento, dove presente. Il progetto educativo individualizzato è monitorato e valutato dall équipe socio-educativa, in accordo con la persona e in collaborazione con i servizi invianti, coi quali si definiscono azioni mirate (monitoraggio sulla gestione della casa e sulla tenuta lavorativa, programmazione della gestione economica e di ricerca casa, orientamento all utilizzo delle risorse del territorio) finalizzate al raggiungimento dell autonomia personale e al reinserimento sul territorio di provenienza. Attraverso le attività previste dalla presa in carico in housing si intendono avviare diversificati percorsi di integrazione socio - lavorativa per adulti in difficoltà fornendo un progetto di accoglienza che, oltre alla permanenza in un alloggio con una quota mensile calmierata, presupponga un progetto educativo individualizzato sul singolo e sul nucleo familiare. Lo scopo è di offrire alle persone accolte possibilità e occasioni di promozione sociale, culturale ed economica, favorendo percorsi d integrazione, mettendoli nelle condizioni di ricercare, al termine del percorso, un abitazione sul libero mercato. Complessivamente, nel 2009, sono state accolte 32 persone: 2 donne sole e 18 uomini (6 italiani e 12 stranieri) e 5 nuclei familiari. Contrariamente al trend degli anni passati, il 2009 ha visto l aumento delle richieste per uomini e coppie italiane, con una diminuzione delle richieste per uomini stranieri in situazione di disagio sociale (mentre rimane costante il dato per i rifugiati politici o legati al progetto SPRAR). Interessanti sono inoltre le collaborazioni con il territorio: rispetto al 2008 sono infatti aumentati i contatti con i servizi sociali comunali o con le realtà specialistiche (NOA, CPS, Carcere EUPE, Progetti territoriali) con una richiesta maggiore di percorsi di accompagnamento educativo. Nel corso del 2009 sono inoltre state incrementate le unità di offerta, da 10 a 11 appartamenti, tutti utilizzati come alloggi collettivi, da 2 a 5 persone, distribuiti nella città di Lecco e nei comuni limitrofi per una capacità di accoglienza totale di 31 posti. Il rafforzamento della rete di appartamenti è stato reso possibile dalla partecipazione a progetti territoriali che, oltre a consentire di portare avanti riflessioni su più livelli, sul duplice piano 15

16 lavorativo e abitativo, hanno garantito la sostenibilità economica dell area. In particolare, l adesione ai progetti Luoghi Ospitali Milano una diocesi che accoglie (finanziato dal Ministero per le Politiche Sociali ad un gruppo di soggetti comprendenti la Fondazione San Carlo e la cooperativa Le Querce di Mamre di Varese) e Casa con.. (finanziato dalla Fondazione Cariplo ad un gruppo di soggetti comprendenti il Comune di Lecco e il consorzio Consolida) ha permesso di portare a termine i lavori di ristrutturazione di quattro alloggi siti in Lecco quartiere Laorca (5 posti per donne sole e mamme con bambini attivo dal mese di giugno 2009 ed inaugurato ad ottobre 2009), e Calolziocorte (Foppenico) in via F.lli Calvi, 73 e 75 ( 9 posti per uomini, italiani e stranieri, nuclei, anche monogenitoriali) in previsione delle accoglienze a partire da inizio L appartamento di via CÀ Bagaglio, di proprietà dell ALER, utilizzato per il reinserimento di uomini provenienti dalla realtà del carcere, è stato ridestinato, entrando a far parte della rete di appartamenti messi a disposizione per l accoglienza di donne con bambini nell ambito del progetto Casa con.... Durante l anno si è inoltre rafforzata la collaborazione con differenti realtà territoriali: - con il l Consorzio Consolida Agenzia Mestieri per l attivazione di percorsi di orientamento e ricerca lavorativa e la collaborazione, in qualità di ente capofila, al progetto Casa con; - con l ASPPI Associazioni piccoli proprietari per la riflessione su nuove modalità e forme contrattuali che vorrebbero essere sperimentate nel corso del 2010 per regolamentare la permanenza presso gli appartamenti, anche per periodi di tempo più lunghi. La riflessione sul tema dell abitare sociale ha coinvolto attivamente l èquipe housing che sta ricercando nuove modalità per regolamentare la questione dell abitare nella realtà sociale attuale. L ipotesi futura e di avviare riflessioni anche per la costituzione di un Agenzia per la casa che, grazie alla collaborazione degli enti locali e dei piccoli proprietari, possa rispondere in modo appropriato le esigenze dei singoli; - con i partner legati ai progetti in corso ( Consorzio Consolida, Fondazione San Carlo) con i quali, oltre all attivazione delle attività previste dal progetto, sono stati realizzati tavoli di lavoro trasversali sul tema casa. Tre sono le prospettive per la prossima annualità: - l aumento del tasso di occupazione all 80% (che, anche a causa dei lavori di ristrutturazione in diversi appartamenti, nel 2009 si è assestato intorno al 70%) - la revisione definitiva della Carta dei Servizi con la presentazione dell attività dell èquipe e la nuova rete di appartamenti - la realizzazione di un convegno con la sintesi dei dati emersi e con le prospettive di intervento future. AREA ALTRI PROGETTI/SERVIZI Associazione VIA Anche nel 2009 la cooperativa ha garantito il servizio di assistenza domiciliare all Associazione VIA di Mandello del Lario. L Associazione Vita Insieme Autogestita (VIA) è una sperimentazione di vita autonoma di due persone disabili, che dopo anni di accoglienza presso strutture comunitarie, hanno avviato una convivenza in un appartamento autonomo. L esperienza è sostenuta da un gruppo di volontari che si occupano dell assistenza alle persone e della 16

17 gestione della casa. La cooperativa dal dicembre 2006 garantisce l assistenza ogni mattina dal lunedì al sabato, dall alzata al momento del pasto. Si tratta di un esperienza innovativa che intende promuovere la piena autonomia dei disabili, permettendogli di vivere in soluzioni abitative pensate su misura, ma non connotate come servizi. Nido casa Vincenza Il nido ha una capienza di 25 posti complessivi e nel corso del 2009, mediamente, sono stati tutti coperti, con punte minime di 23 bambini e punte massime di 28. Pur permanendo una prevalenza di famiglie residenti a Lecco, è stato ampliato il numero di altri Comuni con i quali il servizio collabora. Anche l implementazione di una frequentazione del servizio da parte di famiglie italiane, per favorire l integrazione, ha dato nel 2009 buoni risultati (almeno la metà di bambini italiani frequentanti). E proseguito in maniera proficua il rapporto con la Cooperativa La Linea dell Arco per quanto riguarda la gestione del servizio e il progetto di rilancio dello stesso. Nonostante i cambiamenti messi in atto la gestione presenta ancora un saldo negativo, pur avendo modificato il cambio del metodo di calcolo delle rette. AREA RESIDENZIALITÀ Casa Abramo Nel 2009 l equipe educativa di Casa Abramo si caratterizza, a differenza dell anno precedente, per stabilità. I due gruppi di lavoro, quello diurno costituito da 4 operatori a tempo pieno e quello notturno, non hanno visto alcun ricambio di personale. Ciò ha permesso di dare continuità alla formazione individuale e di gruppo: nell ambito dell area sociale si è lavorato attorno alla costruzione di uno strumento di monitoraggio e di valutazione del percorso educativo che verrà sperimentato nell arco del 2010; attraverso le supervisioni si sono creati i presupposti per imparare a fare emergere ed a mettere in discussione le dinamiche interne all equipe. Sono stati avviati percorsi di approfondimento circa temi di interesse specifico ed individuale, non solo su un piano teorico, ma anche pratico. Infatti nel periodo estivo, una operatrice ha collaborato al Progetto Tata con grande sua soddisfazione ed esiti positivi; durante il mese di dicembre un altra operatrice ha accettato l incarico in qualità di agente di rete, ruolo che oltre a rispondere ad un interesse personale permette un ponte diretto tra Casa Abramo e la Casa Circondariale di Lecco. A differenza di ciò che accadrà nel 2010 un volontario del Servizio Civile ha svolto il suo servizio presso la nostra Comunità; il gruppo dei 19 volontari operativi è stato curato dalla responsabile e da un operatrice di riferimento. Altri operatori hanno partecipato all elaborazione e stesura della ricerca circa i processi e gli esiti di Casa Abramo la cui analisi ha permesso di riflettere e di programmare attività rivolte specificatamente ad un target di giovani adulti e giovanissimi (minori di 21 anni) provenienti da percorsi di accoglienza in Comunità per minori, famiglie affidatarie o adottive. 17

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

bilancio sociale 2013

bilancio sociale 2013 bilancio sociale 2013 Cooperativa Sociale La linea dell arco Via Balicco, 11-23900 Lecco - Tel. 0341/362281 Fax 0341/285012 - e mail: info@cooplda.it Partita IVA 01626700130 COMUNITA C I T T A D I N A

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Il CON-DOMINIO SOCIALE

Il CON-DOMINIO SOCIALE dal 1984 lavoriamo a sostegno delle persone disabili e delle loro famiglie. Innovativo Residenziale Il CON-DOMINIO SOCIALE Via Cassano,35 Cassano d Adda MI CARTA DEL SERVIZIO innovativo residenziale IL

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011) Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n. 8 37126 Verona, Tel. 0458300677 Fax 045.8302787 www.caritas.vr.it Presentazione L idea di predisporre

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli