Comunità Montana Valle Seriana Piano di emergenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunità Montana Valle Seriana Piano di emergenza"

Transcript

1 Comunità Montana Valle eriana MANUALE OPEATVO PE LA GETONE DELLE EMEGENZE D POTEZONE CVLE NE COMUN DELLA COMUNTA' MONTANA DELLA VALLE EANA Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Comuni

2

3 Comunità Montana Valle eriana Manuale operativo di intervento 1 ntroduzione l presente manuale fornisce lo schema essenziale di gestione di eventuali emergenze di carattere idrogeologico che dovessero intervenire all interno di uno dei Comuni appartenenti al territorio della Comunità Montana della Valle eriana; in esso sono indicate le fondamentali attività che dovranno essere messe in atto dai gestori dell emergenza. l modello di intervento adottato è quello riportato nel piano intercomunale di emergenza della Comunità Montana della Valle eriana al quale si rimanda per maggiori informazioni; in questa sede appare opportuno sottolineare come si sia considerato che, sebbene sia probabile che gli eventuali fenomeni critici possano interessare contemporaneamente anche ambiti territoriali più estesi, la gestione delle emergenze avvenga singolarmente da parte dei singoli Comuni. i è inoltre assunto che le singole Amministrazioni abbiano identificato univocamente i ruoli ed abbiamo provveduto alla nomina formale dei titolari e dei sostituti che ricopriranno tali ruoli durante le diverse fasi dell emergenza. 1.1 Limiti della pianificazione La Direttiva egionale Lombardia suggerisce di strutturare le procedure su due livelli: per Enti e per componenti dell UCL, come di seguito spiegato: Le procedure per Enti riporteranno, per ciascun Ente coinvolto, le competenze in ciascuna fase dell emergenza e dovranno riportare il numero telefonico e di fax per le comunicazioni in emergenza. Le procedure per componenti dell UCL riporteranno le attività in capo a ciascun membro dell UCL, a seconda del rischio considerato; è fondamentale che questa attività venga svolta internamente dalla struttura comunale, anche in caso di redazione del piano da parte di un professionista esterno, poiché l attivazione dei diversi uffici può essere definita e decisa solo dai componenti degli stessi. Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 3

4 Comunità Montana Valle eriana n questo manuale operativo, visto il livello di pianificazione raggiunto dal piano di emergenza della Comunità Montana della Valle eriana, non è stato possibile sviluppare le procedure per componenti dell UCL in quanto tali strutture risultano essere strettamente legate alla configurazione amministrativa di ciascun Comune. i sottolinea in ogni caso come questo livello di pianificazione debba essere considerato come un obiettivo da perseguire. 2 truttura comunale di protezione civile L'omogeneità con le direttive regionali in materia 1 impone la costituzione, presso ogni Comune di due principali strutture specifiche per la gestione delle problematiche di Protezione Civile: i eferenti Operativi Comunali (.O.C.) e le Unità di Crisi Locali (U.C.L.). 2.1 eferenti Operativi Comunali (.O.C.). n ogni comune deve essere individuato un eferente Operativo Comunale (.O.C.), che costituisca un riferimento fisso e permanente, in costante reperibilità. Per maggiore chiarezza si riporta un estratto della Direttiva egionale per la pianificazione di emergenza per enti locali: l indaco potrà inoltre individuare all interno dell Amministrazione Comunale (tra i funzionari o tra gli amministratori) un eferente Operativo Comunale OC, a cui affidare compiti operativi in fase di normalità (es. sovrintendere alla stesura del piano di emergenza comunale, organizzare il Gruppo Comunale di protezione civile,...) ed in fase di emergenza (es. sovrintendere alla sorveglianza del territorio, coordinare eventuali evacuazioni, o l assistenza pratica alla popolazione,...). Questa figura facoltativa, nominata dal indaco ed integrata nell UCL, deve essere vista come un supporto allo stesso, con autonomia decisionale limitata ad aspetti logistici ed operativi e, in caso di istituzione, non potrà essere identificata con il indaco stesso. 1 D.G.. n 7/12200 del 21/02/2003 "Direttiva egionale per la pianificazione di emergenza per enti locali" Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 4

5 Comunità Montana Valle eriana n normalità al eferente Operativo Comunale avrà il compito di: - coordinare l attività di previsione e prevenzione dei rischi in ambito comunale; - organizzare i rapporti con il Volontariato locale (comunale e/o intercomunale); - sovrintendere al Piano di Emergenza Comunale (stesura e aggiornamento); - tenere contatti con le stituzioni coinvolte in attività di protezione civile (VVF, CC, Polizia, GdF, Genio Civile, Prefettura, Provincia, egione, etc.), - coordinare l attività esercitativa di verifica della pianificazione. Nel quadro organizzativo previsto dal piano di emergenza della Comunità Montana della Valle eriana, il eferente Operativo Comunale ha, tra gli altri, il compito di interfacciarsi regolarmente con gli altri eferenti Comunali rappresentando anche il proprio Comune in seno al Comitato Operativo di Protezione Civile; inoltre i referenti operativi. di quei Comuni della Comunità Montana nei quali non si sono manifestati eventi significativi possono, su esplicita richiesta dei indaci interessati da eventi critici, essere comandati in servizio presso un Comune diverso da quello in cui svolgono la propria attività ordinaria al fine di sostituire od affiancare i.o.c. direttamente coinvolti. 2.2 Unità di Crisi Locale (U.C.L.) Le U.C.L. costituiscono le strutture di supporto alle decisioni dei indaci, esse sono formate da personale che abitualmente svolge la propria attività in stretta connessione con l'amministrazione comunale e la cui reperibilità dovrebbe essere garantita con continuità. Le U.C.L. dovrebbero essere composte almeno dalle seguenti figure alle quali di volta in volta potranno aggiungersi altri componenti: indaco.o.c. Tecnico comunale (se diverso dal.o.c.) Ufficiale di anagrafe Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 5

6 Comunità Montana Valle eriana Unità operativa (Comandante Polizia Municipale, Carabinieri, VV.F.) esponsabile del volontariato locale (gruppo comunale o organizzazione di volontariato) Le funzioni di supporto dovrebbero essere organizzate in Aree Operative, possibilmente dislocate in ambienti distinti secondo il seguente schema: Area Monitoraggio, Cartografia, ilevamento danni. Area Mobilità, Trasporto, Viabilità Area ervizi essenziali, Materiali e Mezzi. Area TLC Area Volontariato, a, Ordine Pubblico Area Mass-media ed informazione Appare importante sottolineare che la molteplicità delle problematiche di gestione di una emergenza impone una suddivisione funzionale delle competenze che, per funzionare correttamente, deve essere predeterminata e non improvvisata durante l'emergenza. La successiva tabella rappresenta lo strumento di gestione ed attivazione della UCL e dovrebbe essere compilato a cura di ogni singolo Comune. A disposizione dell'intera U.C.L in emergenza dovrà essere attivato un servizio di segreteria; i componenti di tale segreteria saranno appartenenti all'area amministrativa del Comune. Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 6

7 Comunità Montana Valle eriana Unità di Crisi Locale del Comune di Titolare ostituto Nome Cognome ndirizzo Numero Telefonico Numero Telefonico H24 Nome Cognome ndirizzo Numero Telefonico Numero Telefonico H24 NDACO.O.C. EPONABLE UFFCO TECNCO COMONDANTE DELLA P.M. EPONABLE UFFCO ANAGAFE Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 7

8 Comunità Montana Valle eriana Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 8 3 esponsabilità degli enti Di seguito si riporta la matrice di responsabilità degli enti coinvolti dalle emergenze 2. DTTE D MANUTENZONE ENT GETO ET TECNOLOGCHE VOLONTA MEMB U.C.L. OC NDACO ED TETOAL.L. (EX GENO CVLE)..U.Em. 118 VGL DEL FUOCO POLZA TADALE CAABNE - POLZA PEFETTUA POVNCA APA -M EGONE LOMBADA DG POTEZONE CVLE DPATMENTO DELLA POTEZONE CVLE ENT \ AZON COMUNCATO PEALLAME AVVEE CONDZON METEO NVO PEALLAME AVVEE CONDZON METEO NVO A EE.LL. E TUTTUE OPEATVE AGGONAMENTO TUAZONE METEO NVO AGGONAMENTO A EE.LL. E TUTTUE OPEATVE EVOCA AVVEE CONDZON METEO PEALLAME COMUNCATO ALLAME AVVEE CONDZON METEO NVO ALLAME AVVEE CONDZON METEO ATTVAZONE UNTA' D C LOCALE ATTVAZONE OVEGLANZA AEE A CHO AGGONAMENTO METEO PEDPOZONE EVACUAZON CHUUA TADE COMUNAL ALLAME ATTVAZONE POCEDUE Di EMEGENZA EVACUAZONE POPOLAZONE DELMTAZONE AEE A CHO TTUZONE CANCELL E CONTOLLO FLU ACCOLTA POPOLAZONE NELLE AEE D ATTEA PMO COVEO DELLA POPOLAZONE ATENZA E VETTOVAGLAMENTO VEFCA DE EVZ EENZAL (ACQUA, GA, LUCE.) MEA N CUEZZA DELLE TUTTUE VEFCA AGBLTA' DELLE TUTTUE APETUA AEE AMMAAMENTO OCCO ALLETMENTO AEE Di ACCOGLENZA GETONE AEE Di EMEGENZA PMO CENMENTO DANN EMEGENZA 2 = informato = supporto = responsabile

9 Comunità Montana Valle eriana 4 Attività di previsione e prevenzione Nel quadro dei compiti definito dalle linee operative generali del piano di emergenza della Comunità Montana della Valle eriana, ai comuni vengono attribuite, nei periodi intercorrenti tra due emergenze, le seguenti funzioni Previsione Operare nel campo della previsione dei fenomeni critici relativamente al proprio territorio di competenza; Fornire alla Comunità Montana tutti gli elementi utili per svolgere la propria attività di previsione (studi, rilievi, segnalazioni, aggiornamenti, ecc.); Prevenzione Pianificazione di emergenza Operare nel campo della prevenzione e della difesa del suolo per quanto di sua competenza; Proporre alla Comunità Montana interventi nell'ambito della prevenzione sul proprio territorio comunale; Organizzare il proprio sistema di protezione civile comunale mantenendo la titolarità delle iniziative; Attribuire i ruoli al personale dipendente e volontario individuando il.o.c 3. ed i componenti dell'u.c.l.; Pianificare a livello locale le attività di gestione delle emergenze; Mantenere aggiornato il database per quanto attiene i dati a livello comunale fornendo regolarmente le copie di aggiornamento alla Comunità Montana; Organizzazion e sistemica Partecipare alle riunioni del Comitato Operativo ntercomunale di Protezione Civile 2 Allocare a bilancio le risorse necessarie per la gestione integrata delle attività di sviluppo del sistema di soccorso dentificare il proprio personale provvedendo ad assicurare la partecipazione dello stesso ai corsi di formazione organizzati dalla Comunità Montana 3 vedi il successivo paragrafo + Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 9

10 Comunità Montana Valle eriana 5 Livelli di gestione dell emergenza La gestione delle emergenze prevede un coinvolgimento progressivo e consequenziale delle strutture di soccorso, secondo una articolazione che prevede le seguenti fasi, Preallarme è possibile che l evento in atto risulti critico per il territorio di interesse Allarme è molto probabile che l evento in atto risulti critico per il territorio di interesse Emergenza l evento in atto è manifestatamente critico per il territorio di interesse A ciascuna delle suddette fasi è associabile un incremento dell intensità del fenomeno, in termini di pericolosità e di potenzialità di danno e, conseguentemente, un incremento delle misure operative da mettere in atto Per meglio applicare le attività da mettere in atto durante le diversi fasi, appare necessario discriminare gli eventi in termini sia di prevedibilità (distinguendo eventi prevedibili da eventi non prevedibili) sia rispetto all estensione territoriale degli stessi (discriminando eventi territorialmente localizzati da eventi diffusi). Eventi prevedibili Gli eventi ad essi associati, ad esempio quelli di origine idrogeologica, possono verosimilmente svilupparsi attraverso tutte le livelli di allerta suddette. La scelta contestuale del livello di allerta da attivare da parte dell Autorità Competente risulta, in linea di massima, effettuabile in ragione del superamento di definiti valori di soglia definiti dalla egione Lombardia la cui validità è estesa all intero territorio regionale. Eventi non prevedibili ono connessi ad eventi non quantificabili o di rapido impatto quali ad esempio terremoti e incidenti industriali, i quali, nel momento in cui avvengono, comportano direttamente uno stato di emergenza. Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 10

11 Comunità Montana Valle eriana Eventi territorialmente localizzati quali ad esempio incendi, incidenti industriali, frane la cui rilevazione è solitamente ad opera di singoli cittadini e degli organi tecnici e di vigilanza delle Autorità Locali, Eventi diffusi la cui rilevazione è generale sul territorio. Componendo le tipologie di eventi individuate si può ottenere lo schema riportato nella seguente tabella Eventi prevedibili Eventi non prevedibili Eventi territorialmente localizzati Valanghe Dighe ed invasi Frane Esondazioni ncidenti industriali Eventi associati al rischio trasporti ncendi Eventi territorialmente diffusi Frane Fenomeni di conoide nondazioni Terremoti ncidenti industriali (in impianti o durante i trasporti Per quanto concerne l attivazione delle procedure di intervento a seguito della segnalazione di un evento critico in divenire od in atto, è possibile individuare due possibili situazioni: l Autorità di Protezione Civile è a conoscenza della situazione in essere, e della evoluzione dei fenomeni (prevedibili); essa procede direttamente all attivazione delle procedure di intervento (es. egione Lombardia per il rischio idraulico, con la diramazione dei messaggi di condizioni meteorologiche avverse ) coinvolgendo gli enti interessati secondo uno schema predeterminato di compiti e ruoli (Vedi Par. 3 esponsabilità degli enti) la segnalazione della situazione in essere (tipicamente eventi localizzati riconducibili a rischi non prevedibili) perviene all Autorità di Protezione Civile da canali differenti da quelli relativi al monitoraggio di parametri critici (cittadini, titolari di attività, altri enti pubblici, dipendenti comunali, ecc.); in questi casi all attivazione delle procedure deve avvenire solo previo accertamento da parte dell Autorità di Protezione Civile della situazione reale. Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 11

12 Comunità Montana Valle eriana n questo secondo caso il flusso informativo risulta essere meno prevedibile in quanto i canali di riferimento utilizzati possono essere i più vari; appare quindi fondamentale prevedere una fase di verifica informativa immediata con gli organi di coordinamento a carattere provinciale, e più nello specifico con la Prefettura di Bergamo - UTG. 6 Procedure operative generali Lo schema generale di funzionamento del sistema dei soccorsi a livello Comunale è rappresentato dal seguente diagramma di flusso (tratto dalla D.G.. n 7/12200 del 21/02/2003 "Direttiva egionale per la pianificazione di emergenza per enti locali. Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 12

13 Comunità Montana Valle eriana 6.1 l sistema di allertamento per il rischio idrogeologico ed idraulico La Direttiva del PCM del 27 febbraio 2004 introduce il istema Nazionale di Allerta Distribuito il quale si basa sulle relazioni costituite tra il Centro Funzionale Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 13

14 Comunità Montana Valle eriana Centrale, istituito presso il Dipartimento della Protezione Civile, ed i Centri Funzionali Decentrati, istituiti presso le regioni. Tali Centri Funzionali svolgono la propria attività, supportati da Centri di Competenza, sia durante i periodi di crisi (cosiddetto tempo reale ) che durante i periodi intercorrenti due emergenze ( tempo differito ) con diverse attività che si esplicano nelle diverse fasi nelle quali tali periodi sono stati suddivisi. TEMPO FAE ATTVTA EALE DF FE TO Previsione Monitoraggio e sorveglianza Tabella 1 Attività dei Centri Funzionali Assimilazione dei dati osservati e/o elaborazione della previsione circa la natura e l'intensità degli eventi meteorologici attesi Previsione degli effetti che il manifestarsi di eventi critici dovrebbe determinare sul dominio territoriale attribuito a ciascun Centro Funzionale Valutazione del livello di criticità complessivamente atteso nelle zone d'allerta, ottenuto anche confrontando le previsioni elaborate con i valori delle soglie adottate Emissione dell avviso meteo regionale Composizione e rappresentazione di dati meteo-climatici rilevati sia da piattaforme satellitari, radiosonde e sonde aerostatiche, che da stazioni strumentali e reti a terra Composizione e rappresentazione di dati idropluviometrici Previsione a brevissimo termine sia dell'evoluzione dell'evento che dei relativi effetti attraverso il now casting meteorologico, cioè l'uso di modelli meteorologici ad area limitata inizializzati sulla base delle informazioni radar meteorologiche e pluvioidrometriche raccolte in tempo reale, e quindi di modelli idrologici-idraulici-idrogeologici, oppure attraverso il solo uso dei modelli idrologici- idraulici-idrogeologici inizializzati dalle misure pluvioidrometriche raccolte in tempo reale Verifica del livello di criticità in essere e previsto, attraverso il confronto delle misure rilevate con le soglie adottate e/o con eventuali notizie fornite da osservatori locali debitamente istruiti Gestione della rete dei Centri Funzionali e del sistema di monitoraggio e continuo controllo della sua corretta operatività Progettazione e realizzazione degli adeguamenti e degli ampliamenti necessari Permanente attività di studio, definizione ed aggiornamento delle zone, delle soglie di allerta e dei relativi scenari Ciascun Centro Funzionale decentrato è un sistema generalmente organizzato in tre grandi aree (schematizzate nella successiva figura), a cui possono concorrere per lo svolgimento delle diverse funzioni altre strutture regionali e/o Centri di Competenza. Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 14

15 Comunità Montana Valle eriana Figura 1 Organizzazione sistemica dei Centri Funzionali Decentrati Nella successiva figura si riporta invece uno schema esemplificativo del sistema di relazione tra i Centri di Competenza egionali e Nazionali, i Centri Funzionali Decentrati ed il Centro Funzionale Centrale. Figura 2 chema del sistema di allerta meteo-idrologica distribuito Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 15

16 Comunità Montana Valle eriana 6.2 La procedura di allertamento della egione Lombardia Con la DG 7/21205 del 25 marzo 2005, la egione Lombardia ha istituito il proprio Centro Funzionale in seno alla Centrale Operativa egionale; ad esso partecipa, con il proprio ervizio Meteorologico egionale, l APA Lombardia e, con le proprie strutture tecniche, l Unità Operativa Protezione Civile della egione Lombardia. Con la medesima DG V/21025 viene anche normata la procedura di allertamento descritta per il rischio idrogeologico ed idraulico che si riporta nella seguente tabella. TEMP OGANO ATTVTA' OENTATV Gruppo Tecnico Predispone, utilizzando prioritariamente il modello dei Centro Entro le ore europeo e concertando con l ervizio dell'aeronautica Militare e Dipartimento con le egioni indicate direttamente dal Dipartimento, una Protezione Previsione a scala sinottica per le successive 24, 48 e 72 Civile nazionale (Presidenza Consiglio dei Ministri) Diffonde un Bollettino di vigilanza meteorologica nazionale Entro le ore giornaliera che pone in evidenza il possibile manifestami di eventi meteorologici valutati ntensi e rilevanti Centro Funzionale/ Dipartimento Protezione Civile CF / APA- M Diffonde un Avviso di avverse condizioni Meteorologiche nazionale Con immediatezza costituito dall'integrazione degli Avvisi meteo regionali contenente appena si renda ndicazioni circa il suo periodo di validità, le egioni e le Province necessario. autonome interessate, la situazione meteorologica ed il tipo di evento attesi, il suo tempo di avvento e la durata della sua evoluzione spazio - temporale Diffonde un Bollettino di criticità idrogeologica ed draulica Entro le ore nazionale contenente valutazioni in merito agli scenari d'evento attesi e/o in atto e si esprime sui livelli di criticità relativamente ai diversi tipi di rischio 1. Predispone quotidianamente la TABELLA METEO- Entro le PLUVOMETCA (Mod. A-TAB) con finalità di protezione civile, per il rischio idraulico ed idrogeologico in forma testuale e analogia a quanto emesso dal DPC a livello nazionale con l "Bollettino di criticità nazionale"; 2. Cura che esse siano trasmesse in file a UOPC per la Entro le pubblicazione sulla parte riservata dei sito Web di L-UOPC, e inviate in upload sul sito Web (parte riservata dei Centro Funzionale Nazionale presso il DPC-oma; 3. Predispone quotidianamente il BOLLETTMO Entro le METEOOLOGCO PE LA LOMBADA, valido sul territorio regionale, in analogia al 'Bollettino di Vigilanza Meteorologica' redatto a livello nazionale dal DPC; Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 16

17 Comunità Montana Valle eriana CF / APA- M CF / APA- M 4. Cura che esso sia pubblicato sul sito pubblico dei Web APA- M (e quindi a mezzo link su quello di L-UOPC), e inviato in upload sul sito Web (parte riservata) dei Centro Funzionale Nazionale presso l DPC-oma, e inviato via fax alla ala situazioni/ce.. del DPC-oma. Nel caso di eventi stimati di riconosciuta rilevanza a scala regionale, sulla basa delle Previsioni meteorologiche a scala sinottica e delle Previsioni meteorologiche a scala regionale disponibili: 1. predispone un Avviso egionale di condizioni meteo avverse Entro le (AVVO CMA), contenente indicazioni circa il suo periodo di validità, le Province interessate, la situazione meteorologica ed il tipo di evento attesi, il suo tempo di avvento e la durata della sua evoluzione spazio - temporale, nonché la valutazione, qualitativa e quantitativa, delle grandezze meteo-idrologiche attese; 2. cura la trasmissione dell'avviso CMA così predisposto a L- A seguire, con UOPC via fax, e quindi via upload sul alto web (parte riservata) dei mmediatezza e Centro Funzionale Nazionale presso l DPC-oma, nonché via fax comunque non alla sola situazioni (CE) dei DPC-oma. oltre le ore 12:00 locali. CF / L-UOPC l gruppo tecnico che opera nella sala operativa regionale (UOPC) Con parte del Centro Funzionale egionale, ricevuto l'avvo CMA, mmediatezza valuta gli effetti ai suolo derivanti dai fenomeni meteorologici appena si renda indicati, e propone al dirigente UOPC (delegato dal Presidente necessario. della Giunta egionale) di emettere un AVVO D CTCTA DOGEOLOGCA ED DAULCA EGONALE. l dirigente UOPC (delegato dal Presidente della Giunta egionale) A seguire, con emette un AVVO D CTCTA' DOGEOLOGCA CA E immediatezza e DAULCA EGONALE n funzione dell'avviso CMA, per la comunque non conseguente attivazione oltre le ora 13:00 locali. CF / L-UOPC a) se si tratta di MODEATA CTCTA'-> dello TATO D PEALLAME PE CHO DOGEOLOGCO (Codice 1 ); b) se si tratta di ELEVATA CTCTA' -> dello TATO D ALLAME PE CHO DOGEOLOGCO Codice 2). CF / L-UOPC L'Avviso di Criticità (moderata o elevata) con l connesso stato di A seguire, con attivazione per le strutture operative locali, é emesso da L-UOPC, immediatezza e a cura del dirigente UOPC. comunque non oltre le ora 14: 00 locali Detto Avviso di Criticità-tato di Allertamento viene inviato via fax a cura dei personale della sala operativa regionale UOPC)a: Prefetture-UTG Province lombarde DPC-oma 1 ala situazioni-ce.. DPC-om. 1 CFN (Centro Funzionale nazionale- ischio drogeologico) APA Lombardia-M Centri Funzionali delle egioni del Bacino dei Po (Piemonte, Valle d'aosta, Emilia-omagna, Liguria, Veneto)..D. (egistro taliano Dighe) sede Milano Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 17

18 Comunità Montana Valle eriana Prefetture Comuni Province APO (Agenzia nterregionale per il Po) sede Pama altri destinatari individuati dal Manuale Alfa (procedure nterne di sala operativa). noltre detto Avviso di Criticità-tato di Allertamento viene pubblicato sulla parte pubblica dei sito Web L-UOPC, con conseguente inserimento nel banner scorrevole e nella cartina in home page per il cambio colore (giallo ->preallarme, arancione -> allarme), e viene inviato in upload sul sito Web (parte riservata) del Centro Funzionale Nazionale presso il DPC- Curano l'invio dell'avviso di Criticità-tato di allertamento ai A seguire, con Comuni interessati e a tutte le altre strutture operative e presidi immediatezza territoriali locali, secondo le procedure di diramazione stabilite dal Piano di Emergenza Provinciale (PEP). Valutano, in relazione al livello di allertamento attivato, l'eventuale attuazione delle misure di protezione della popolazione previste dal vigente PEP. icevono l'avviso di criticità regionale - tato di aliertamento dalla Prefettura. Valutano, n relazione al livello di Allertamento attivato, l'attuazione delle misure previste nei Piani di Emergenza Comunali (PEC); Predispongono in ogni caso servizi di vigilanza rinforzati sul territorio, attraverso le forze istituzionali e dei volontariato, secondo quanto previsto dal PEC, relativamente alla situazione di rischio ipotizzata dall'avviso di Criticità-tato di Allertamento A seguire, con immediatezza icevono l'avviso di criticità regionale - tato di Allertamento dalla Nel contempo egione; Valutano, in relazione al livello di Allertamento attivato, l'attuazione delle misura previste nel Plani di Emergenza Provinciali (PEP). Comunicano la situazione in atto, se dei caso, al livello regionale, restando in ascolto delle eventuali richieste o necessità degli Enti locali Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 18

19 Comunità Montana Valle eriana Altri Enti e Presìdi territoriali interessati Vigili del Fuoco Polizia Locale UEm 118 Forze dell'ordine Poltrada Enti gestori strade: Enti gestori trasporto ferroviario: Enti gestori servizi essenziali e altri enti secondo necessità locali icevono l'avviso di criticità regionale - tato di allertamento dalla Prefettura; Valutano, in relazione al livello di allertamento attivato (ciascun Ente secondo le proprie competenze e il ruolo stabilito all'interno dei PEP) la necessità di un proprio intervento preventivo o di soccorso Predispongono n ogni caso servizi di vigilanza rinforzati sul territorio, secondo quanto previsto dal PEP, relativamente alla situazione di rischio ipotizzata dall'avviso di Criticità-tato di allertamento 6.3 Aree di allertamento A seguire, con immediatezza A seguire, con immediatezza Ai sensi della Direttiva PCM 24 febbraio 2004, la egione Lombardia ha provveduto, con la DG 7/21205, a suddividere il proprio territorio in 8 aree di allertamento secondo lo schema più sotto riportato. Figura 3 Aree di allertamento della egione Lombardia (DG 7/21205) l territorio della Provincia di Bergamo è a sua volta suddiviso in 4 aree di allertamento: Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 19

20 Comunità Montana Valle eriana Lomb D: Pianura Occidentale Lomb F: Pianura Orientale Lomb G: Garda e Valcamonica Lomb H: Prealpi centrali Alta Pianura Centrale 6.4 Livelli di allertamento - attivazione Ai sensi e per gli effetti dell'art.4 della Direttiva Pres.Cons.Ministri dei 27 febbraio 2004 così come fatti propri dalla D.G.. V/21205 del 4 marzo 2005, sono stabiliti i seguenti livelli di allertamento: Condizioni di criticità Normalità ordinaria criticità Codice Livelli di allertamento 0 Normalità Livelli di criticità possono presentarsi fenomeni che non sono sufficientemente prevedibili, come ad esempio i fulmini, che possono dare luogo a danni localizzati, ovvero situazioni di disagio a scala locale, considerate normalmente tollerabili dalla popolazione (es. piccoli allagamenti di scantinati, caduta di alberi per vento, e simili) Moderata criticità 1 Preallarme condizioni in grado di determinare danni di media gravità in ambiti territoriali ristretti, a scala comunale o parzialmente Provinciale Elevata criticità 2 Allarme condizioni in grado di determinare danni di gravità rilevante su ambiti territoriali estesi a scala provinciale o parzialmente regionale Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 20

21 Comunità Montana Valle eriana Emergenza in atto o imminente 3 Emergenza entità dei danni in atto é tale che prevale l'attività di aiuto e soccorso alla popolazione Tabella 2 Livelli di allertamento-attivazione ai sensi della DG 7/2125 A questi livelli di allertamento corrispondono, di massima, salva ogni altra misura che localmente le Autorità di Protezione Civile ritengano di assumere a carattere precauzionale, i seguenti stati di attivazione: PEALLAME (Codice 1) Comuni sono allertati dalla Prefettura-UTG e provvedono a loro volta ad allertare le organizzazioni di volontariato convenzionate ovvero dei gruppi comunali, se costituiti oltre che delle strutture operative comunali (es. Polizia locale), al fine di disporre al bisogno di tutte le forza disponibili per contrastare l'mpatto negativo degli eventi sul proprio territorio effettuano l monitoraggio anche visivo dei siti a maggior rischio ALLAME (Codice 2) Comuni sono anche in questo caso allertati dalla Prefettura-UTG ovvero lo dichiarano autonomamente secondo necessità dandone comunicazione agli enti provinciali e regionali, e provvedono ad attuare le disposizioni precauzionali previste dal vigente Piano di Emergenza Comunale (PEC), con gradualità, monitorando attentamente tutte le situazioni di rischio, e procedendo alla costituzione dell'ucl. L'evacuazione delle popolazioni in aree a rischio come da PEC, può essere disposta in questa fase se il monitoraggio anche visivo e le previsioni meteorologiche (verificate con la egione Lombardia, sala operativa dell'u.o. Protezione Civile confermano l evoluzione negativa dei fenomeni e il concreto rischio di entrare in une situazione di emergenza. EMEGENZA (Codice 3) Le situazioni di disagio indotte dai fenomeni naturali evolvono verso una vera e propria emergenza, con inondazioni o allagamenti estesi, fiumi e torrenti non riconducibili in alveo franamenti non controllabili e simili; di qui la necessità di evacuare abitazioni e insediamenti produttivi, chiudere al traffico strade e parti dei territorio comunale elativamente alle dinamiche esondative dei bacini montani, appare indispensabile riferire le soglie di attivazione agli andamenti pluviometrici che si dovessero registrare sul territorio. Tali soglie pluviometriche sono rappresentate in prima istanza da quanto stabilito a livello regionale che si riporta per semplicità nella successiva tabella nella quale si sono suddivise le aree di allertamento così come definite nel precedente paragrafo. Comunità Montana Valle eriana ng. Mario tevanin M.O. Com. 21

NORME PER LA REALIZZAZIONE DI TENDOPOLI E CAMPI CONTAINERS

NORME PER LA REALIZZAZIONE DI TENDOPOLI E CAMPI CONTAINERS NORME PER LA REALIZZAZIONE DI TENDOPOLI E CAMPI CONTAINERS Si riportano i criteri guida per la realizzazione di una tendopoli, trasmessi, tramite circolare, dal Ministero dell Interno Direzione Generale

Dettagli

LA LOGISTICA DA CAMPO

LA LOGISTICA DA CAMPO LA LOGISTICA DA CAMPO LA LOGISTICA DA CAMPO Aree di accoglienza/ tendopoli Struttura di una tendopoli Posizionamento e montaggio tende I servizi di una Tendopoli I centri Assistenziali Pronto Intervento

Dettagli

LA LOGISTICA DA CAMPO. Corso Base Cologno M. C.C.V Milano Settore Formazione

LA LOGISTICA DA CAMPO. Corso Base Cologno M. C.C.V Milano Settore Formazione LA LOGISTICA DA CAMPO Corso Base Cologno M. C.C.V Milano Settore Formazione LA LOGISTICA DA CAMPO Obbiettivi del corso Aree di accoglienza/ tendopoli cosa sono Struttura di una tendopoli Posizionamento

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE Trino, lì Il Commissario Straordinario -------------------------------------------------------------

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014 PRESIDENZA Direzione Generale della Protezione Civile Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta Ing. Salvatore Cinus scinus@regione.sardegna.it Terralba 31 gennaio 2014 Inquadramento

Dettagli

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Paolo Covelli www.regione.toscana.it/protezionecivile paolo.covelli@regione.toscana.it 055 4385511 Inquadramento generale PREVISIONE Valutazione

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE 1 LEGENDA ABBREVIAZIONI Le dizioni per esteso saranno sintetizzate secondo le seguenti sigle: - Servizio Comunale

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

DELIBERA GIUNTA REGIONALE

DELIBERA GIUNTA REGIONALE Disposizioni in attuazione dell art. 3 bis della Legge 225/1992 e della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27.02.2004 Sistema di Allertamento Regionale e Centro Funzionale Regionale

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 85 in data 29 novembre 2007) INDICE

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il Piano

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE - Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO - Art. 2 COMPITI DEL SERVIZIO - Art. 3 ORGANI COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE

Dettagli

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO Descrizione I rischi sono noti e quantificabili quando ci sono dei sistemi di monitoraggio presenti nel territorio che consentano di attivare la risposta locale

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE INDICE Scopo...2 Generalità...2 Mansionario Reperibile...3 Principi generali...3 Mansioni...3 Procedura Attivazione...3 Procedura reperibile... 12 Schede Segnalazione Criticità... 17 Schede Danni Ente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.4. FLUSSO INFORMATIVO E MESSAGGISTICA Il flusso informativo tra le diverse componenti del sistema di protezione civile e da/verso l esterno è un aspetto cruciale del piano regionale di gestione del rischio

Dettagli

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Le azioni previsionali e di monitoraggio della Protezione Civile

Dettagli

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Il dato fondamentale per la redazione di un piano di Emergenza, è la definizione dello scenario di riferimento. Per tale capitolo si fa riferimento ai risultati emersi dallo

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C)

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile Commissario delegato per l emergenza sismica nella provincia de L Aquila e in altri comuni della regione Abruzzo

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Stefano Vergante Dipartimento Ambiente Settore Protezione Civile ed Emergenza IL QUADRO NORMATIVO Direttiva

Dettagli

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004 Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale, statale e regionale per il rischio

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.3. LE FASI OPERATIVE A giugno 2015 è stato approvato dal tavolo tecnico della Commissione speciale di pc il documento sulla omogeneizzazione del Sistema di allertamento nazionale. Il documento sull omogeneizzazione

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it Regione Campania Assessorato alle Politiche Ambientali Area Ecologia, Tutela dell Ambiente, Disinquinamento, Protezione Civile Settore Ecologia Servizio Programmi per la Promozione della Natura e delle

Dettagli

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A () (, CC, Polizia Municipale,..) FASE DI ATTENZIONE Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione Fax, telefono, cellulare ()

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO SEZIONE II SCENARI DI RISCHIO DOC 2.1 LIVELLI DI ALLERTA MODELLO DI INTERVENTO, SCENARI DI RISCHIO E INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Sommario Scenari di rischio...2 Metodologia utilizzata...2 Gli scenari

Dettagli

R e l a z i o n e. Ing. A. Castellini. Dott. R. Chiesa. Dott. V. Piro

R e l a z i o n e. Ing. A. Castellini. Dott. R. Chiesa. Dott. V. Piro PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Rischio Idrogeologico AZIONI PER L INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE R e l a z i o n e Ing. A. Castellini Dott. R. Chiesa Dott. V. Piro Sommario: 1. Premessa 2. Il Piano

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese ALLEGATO 7 Procedura interna del COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese PIANO DI GESTIONE DELLA VIABILITA PER IL PIANO DI EMERGENZA ESTERNA DEL SITO INDUSTRIALE AUTOSPED S.r.l. Santa Giustina

Dettagli

10. FUNZIONI DI SUPPORTO

10. FUNZIONI DI SUPPORTO 10. FUNZIONI DI SUPPORTO La pianificazione dell emergenza basata sulla direttiva del Dipartimento di Protezione Civile Metoto Augustus prevede che, al verificarsi di un evento calamitoso si organizzino

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI

ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI ORGANIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA AZIENDALE PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI SERVIZI IDRICI IL PIANO DI EMERGENZA Per emergenza si intende ogni evento che porta a conseguenze negative sia in termini di

Dettagli

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di SPINEA Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. RISCHIO IDRAULICO... 3 1.1 Premessa... 3 1.2 Scenari di rischio idraulico... 4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale... 4 1.2.2. Rischio

Dettagli

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CATTOLICA PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Relazione Stralcio Rischio Idrogeologico FILE RELAZIONE STRALCIO RISCHIO IDROGEOLOGICO.doc DATA

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO VIABILITA E TRASPORTI Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA 2.4 - Incidenti

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

R1.1 Incidente stradale

R1.1 Incidente stradale R1 RISCHIO VIABILISTICO R1.1 Incidente stradale Descrizione: SCHEDA SCENARIO Oltre al tessuto stradale comunale, il comune di Flero è attraversato dalla SP IX (che ne costituisce il confine nord occidentale)

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Località Territorio comunale Evento sismico di media entità (magnitudo Richter Descrizione compresa tra 4,0 e 5,5) Grado di rischio Alto SCENARIO 3.29

Dettagli

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile Il Servizio Sanitario Nazionale nelle emergenze non epidemiche ROVIGO 29.09.2011 Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile La Protezione Civile Non è una attività affidata ad una sola

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE

MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE MANUALE OPERATIVO PRATICO PER GLI OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE CONTATTI E NUMERI UTILI DI PROTEZIONE CIVILE NUMERI UTILI DENOMINAZIONE INDIRIZZO DELLA SEDE TEL. REPERIBILE PREFETTURA Piazza del Papa

Dettagli

Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile. 6 dicembre 2011

Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile. 6 dicembre 2011 Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile Prefettura di Taranto 6 dicembre 2011 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO 27 febbraio 2004 (G.U. 11-3-2004

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

PREMESSA 1.1 ATTIVITÀ IN TEMPO DI PACE. 1.1.1 Attività quotidiane

PREMESSA 1.1 ATTIVITÀ IN TEMPO DI PACE. 1.1.1 Attività quotidiane PIIA OPERATIIVO IINTER PREMESSA Le funzioni di seguito descritte potranno essere svolte dal Personale comunale o, qualora dovesse essere formalizzato e costituito, dal Personale in forza al Servizio intercomunale

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE EX VALLI CHISONE E GERMANASCA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNAMENTO 2011 Allegato 5 IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO METEO

Dettagli

I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici

I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici Relatore: Ing. MARIANO CARRARO Segretario Regionale per l Ambiente del Veneto Intervento

Dettagli

4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L.

4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L. 4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L. 4.1 - CRITERI GENERALI Una volta definiti gli scenari di rischio e aver valutato in modo quantitativo o qualitativo il rischio (R) presente, si ritiene possibile passare

Dettagli

MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico. Gestione dell emergenza. Responsabile della Protezione Civile e Coordinatore del COC

MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico. Gestione dell emergenza. Responsabile della Protezione Civile e Coordinatore del COC MODELLO D INTERVENTO B/1 Rischio sismico Gestione dell emergenza Al manifestarsi dell evento, qualora l intensità della scossa fosse tale da superare il quinto grado della scala MCS ed il conseguente effetto

Dettagli

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Pianificazione dell emergenza di protezione civile comunale, intercomunale e provinciale e modello d intervento regionale Piani nazionali di

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti

Incidente chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti chimico-industriale stabilimento/nucleare/trasporti 203 Consulta i capitoli, la cartografia e le tavole degli Scenari predefiniti e dei Piani di emergenza per rischio specifico e attua le procedure degli

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna

Dettagli

MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA

MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA ALLEGATO A decreto dirigenziale n. del MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA 0. Premessa La valutazione di un evento di protezione

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO

IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO 5 maggio 2010 WWW.PROVINCIA.TORINO.IT 1 PREMESSA...3 IL DISCIPLINARE REGIONALE...4 LE PROCEDURE OPERATIVE DEL SISTEMA

Dettagli

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013 Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni Gorizia, 12 marzo 2013 La gestione del rischio di alluvioni nell ambito di protezione civile prevede tre diverse fasi consequenziali

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Piano

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

COMUNE DI VALLERANO PROVINCIA DI VITERBO

COMUNE DI VALLERANO PROVINCIA DI VITERBO COMUNE DI VALLERANO PROVINCIA DI VITERBO Ufficio di Protezione Civile PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE MODELLO D INTERVENTO Attività e Procedure Redazione: Arch. jr. Mario Severini IL COMMISSARIO PREFETTIZIO

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 3 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO IDRAULICO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA In condizioni particolari

Dettagli

o.o nella sede dewente,

o.o nella sede dewente, DELIBERAZIONE N )) S1 SEDUTA DEL 2 6 SET. 2014 PRESIDENZAzyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJIHGFEDCBA...,. DIPARTIMENTdzyxwvutsrqponmlkjihgfedcbaZYXWVUTSRQPONMLKJ OGGETTO D.P.C.M. 27 febbraio 2004:

Dettagli

Vademecum Allertamento

Vademecum Allertamento Vademecum Allertamento INDICE: 1. Cos è l Allertamento pag. 1 2. Ruolo e responsabilità del Sindaco secondo la normativa vigente pag. 2 3. Emergenza e sussidiarietà pag. 7 4. Il servizio di allertamento

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015

ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015 117 11 0 - CORPO POLIZIA MUNICIPALE - SETTORE PROTEZIONE CIVILE E COMUNICAZIONE OPERATIVA ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2015-376 DATA 27/10/2015 OGGETTO: MISURE DI SICUREZZA A TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA

Dettagli

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino distrettuali

Dettagli

I NUMERI PER L EMERGENZA

I NUMERI PER L EMERGENZA I NUMERI PER L EMERGENZA Il Comune di Gerenzano ha attivato, presso la sede in piazza XXV Aprile n.1 il servizio di Protezione Civile Comunale dedicato alle comunicazioni di emergenza. I numeri da comporre,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

REGIONE TOSCANA Settore Sistema Regionale di Protezione Civile PIANO OPERATIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE TOSCANA

REGIONE TOSCANA Settore Sistema Regionale di Protezione Civile PIANO OPERATIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE TOSCANA REGIONE TOSCANA Settore Sistema Regionale di Protezione Civile PIANO OPERATIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE TOSCANA 1 Premessa...3 Parte Prima MODELLO ORGANIZZATIVO E PIANIFICAZIONE...4 1 MODELLO ORGANIZZATIVO...4

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA GRUPPO FERROVIE DELLO STATO E PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROTOCOLLO D INTESA L anno 2011, il giorno del mese di, il Servizio per la Protezione Civile della Provincia Autonoma

Dettagli

4. Procedure d Intervento... 2. 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2

4. Procedure d Intervento... 2. 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2 Indice 4. Procedure d Intervento... 2 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2 4.2 Procedure di carattere generale per l attivazione del Sistema comunale di protezione civile..

Dettagli

ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO

ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO ALLEGATO I RISCHIO IDRAULICO Ing. Stefano Allegri Tec.Comunale Sindaco Responsabile Firma Funzione Responsabile Firma Funzione Responsabile Firma Redazione Verifica Approvazione Pag. 1 di 1 1. CONSIDERAZIONI

Dettagli

Bollettino Giuridico Ambientale 2004

Bollettino Giuridico Ambientale 2004 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 febbraio 2004 Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale e regionale per il rischio idrogeologico

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI OSSONA - PARTE QUINTA - PIANO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO

REGIONE LOMBARDIA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI OSSONA - PARTE QUINTA - PIANO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI OSSONA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE - PARTE QUINTA - PIANO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto

Dettagli

La pianificazione di emergenza

La pianificazione di emergenza La pianificazione di emergenza Antonio Gioia Dipartimento della Protezione civile antonio.gioia@protezionecivile.it Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia

Dettagli