4.1. Organizzazione della sicurezza in ambito scolastico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4.1. Organizzazione della sicurezza in ambito scolastico"

Transcript

1 SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Organizzazione della sicurezza in ambito scolastico 4.1 CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI

2 MODELLO DINAMICO DI DVR

3 MODELLO DINAMICO DVR DINAMICO DVR Il DVR è uno strumento dinamico perché: è collegato ad una serie di azioni che si sviluppano nel tempo (gestione) ciò che rappresenta è in continua evoluzione la norma richiede il suo aggiornamento

4 LE AREE DELLA SICUREZZA SGS DVR PI PE

5 SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Definizione operativa di SGS: L insieme delle azioni (proceduralizzate o non) e delle persone in esse coinvolte, che hanno rispettivamente attinenza e ruolo con la realizzazione delle attività quotidiane sulla sicurezza, in conseguenza e coerenza con i contenuti e il dettato del DVR e del PE

6 SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Un esempio Scala esterna con gradini scivolosi DVR valutazione del rischio individuazione delle misure atte a ridurlo (antisdrucciolo, asciugatura costante, informazione) individuazione dei tempi d attuazione delle misure (subito) SGS chi applica gli antisdrucciolo chi verifica (e quando) che gli antisdrucciolo siano in ordine chi (e quando) istruisce i collaboratori a tenere asciutti i gradini quando piove o nevica chi tiene asciutti i gradini quando piove o nevica chi (e quando) informa il personale e gli studenti del rischio chi verifica che ogni anno (almeno) venga riproposta l informazione

7 AGGIORNAMENTO DEL DVR Gli elementi da considerare sono: cosa dice la norma come interpretare la norma come calare tale interpretazione nel concreto

8 CHE COSA DICE LA NORMA La valutazione e il documento di cui al comma 1 devono essere rielaborati in occasione di modifiche del processo produttivo o dell organizzazione del lavoro significative ai fini della sicurezza e della salute dei lavoratori o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione e della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità (D.Lgs. 81/08, art. 29, comma 3)

9 COME INTERPRETARE LA NORMA Rielaborazione = revisione (modifica di scelte precedenti) integrazione (aggiunta di nuovi elementi) aggiornamento (rinnovo per star dietro all attualità) Modifiche del processo produttivo o dell organizzazione del lavoro = modifiche delle condizioni di lavoro o dello svolgimento delle attività, a qualunque titolo intervenute, oppure introduzione di nuove fonti di pericolo

10 COME INTERPRETARE LA NORMA Significative ai fini della sicurezza e della salute dei lavoratori = significative ai fini della sicurezza e della salute del personale scolastico, degli studenti o degli ospiti La rielaborazione del DVR può rendersi necessaria anche per motivi non direttamente connessi alla sicurezza (cambio destinazione d uso di locali, acquisizione nuovi locali, ecc.)

11 SUGGERIMENTO concreto Dividere il DVR in più parti (ed eventualmente ogni parte in più sezioni) Numerare ogni parte con un numero di versione e uno di revisione (vers. X.x)

12 DVR POSSIBILI PARTI Parte generale: Rischi oggettivi: descrizione istituto, relazione generale sui rischi, criteri di valutazione strutture, ambienti, impianti, sostanze, macchine, attrezzature Rischi comportamentali: attività, lavorazioni e comportamenti

13 DVR POSSIBILI PARTI Ambiente esterno: circolazione, rischi oggettivi, attività, lavorazioni Altre situazioni e rischi particolari: stage, visite d istruzione, attività sportive fuori istituto, lavoratrici madri, persone diversamente abili, mezzi a motore, amianto Rischio incendio e collegamenti con il PE

14 DVR POSSIBILI SEZIONI Cantieri e lavori in appalto Rifiuti: stoccaggio e smaltimento Ente proprietario: comunicazioni, segnalazioni, richieste

15 DVR POSSIBILI SEZIONI Programmazione degli interventi Glossario, acronimi e segni crittografici Allegati: elenco e breve descrizione

16 DVR POSSIBILI ALLEGATI Documenti scritti vari (procedure, istruzioni, modelli, griglie, schede, verbali, circolari, check-list, estratti ) Documenti grafici (planimetrie tematiche) Documentazioni fotografiche o multimediali

17 A LIVELLO GESTIONALE Dotarsi di procedure che coprano tutti gli ambiti trattati dal DVR e individuare le persone che devono occuparsene (D.Lgs. 81/08, art comma 2d) Curare le comunicazioni interne (circolari, verbali, documenti descrittivi, ecc ) per mantenere informate le persone interessate ai cambiamenti introdotti nel DVR

18 DVR POSSIBILI PROCEDURE Aggiornamento DVR Valutazione nuovi pericoli Interventi in-formativi rivolti a personale e studenti Gestione studenti in stage Su fondo colorato quelle proposte dal SiRVeSS nei percorsi assistiti Lavorazioni a rischio Gestione malattie infettive

19 DVR POSSIBILI PROCEDURE Gestione sorveglianza sanitaria Raccolta informazioni su infortuni, malori e incidenti Gestione sorveglianza studenti Gestione lavori di ditte esterne Gestione dei DPI

20 DVR POSSIBILI PROCEDURE Gestione lavoratrici madri Gestione della sostanze pericolose Smaltimento rifiuti Gestione riunione periodica Gestione somministrazione farmaci

21 STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE DEL SPP

22 Organigramma della sicurezza Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza - RLS CONSULENTI MEDICO COMPETENTE DIRIGENTE SCOLASTICO SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Responsabile del Servizio Addetti al Servizio LAVORATORI incaricati della PREVENZIONE INCENDI LAVORATORI incaricati del PRONTO SOCCORSO LAVORATORI incaricati per altre EMERGENZE

23 Organigramma della sicurezza Dirigente Scolastico R-ASPP Consulenti MC Collaboratore del preside Resp. plesso/sede Resp. di laboratorio DSGA Dirigente (ex D.Lgs. 81/08) Personale docente nei laboratori Coordinatori figure sensibili DSGA Preposto (ex D.Lgs. 81/08) Personale docente e ATA, studenti (quando equiparati), RLS, addetti emergenze Lavoratori (ex D.Lgs. 81/08)

24 STRUTTURA del SPP Il D.Lgs. 81/08, art. 32, commi 8-10 consente queste soluzioni strutturali: Solo il RSPP DS (< 200 dip.) interno esterno, ma dell Amministrazione esterno (ente o libero professionista)

25 STRUTTURA del SPP Negli ultimi due casi, resta a carico del DS l'organizzazione di un Servizio di Prevenzione e Protezione interno (con un adeguato numero di addetti ASPP)

26 STRUTTURA del SPP Se il DS opta per un SPP articolato su più persone: RSPP + uno o più ASPP per competenze: - tecniche - organizzativo-procedurali - metodologico-didattiche - informatiche per ruoli: - direttivi - di coordinamento - amministrativi - tecnici

27 ESEMPIO DI SPP PER COMPETENZE Conoscenza dei rischi relativi ai principali laboratori (chimico, elettrico, meccanico ) Uso corrente di AutoCad o equivalenti Rapporti con il personale e con gli studenti (in-formazione, didattica, regolamenti) Organizzazione e coordinamento di persone e gruppi, rapporti con l esterno (ditte, Provincia), ecc.

28 ESEMPIO DI SPP PER RUOLI Docente di discipline tecniche / Responsabile di laboratorio / di reparto / di dipartimento Responsabile di plesso / di sede / di area / di zona Vicario del DS / Coordinatore Commissione POF Ufficio Tecnico / Responsabile acquisti DSGA / Applicato segreteria contabilità Coordinatore incaricati PS / squadra antincendio

29 ORGANIZZAZIONE DEL SPP L organizzazione del SPP riguarda essenzialmente il chi fa cosa quando Il SPP può dotarsi di collaboratori (esperti, referenti, consulenti, ) esterni al Servizio (no formazione) ma interni all istituto o esterni

30 ORGANIZZAZIONE DEL SPP Gli ambiti da curare (il cosa) sono (D.Lgs. 81/08, art. 33): Valutazione di tutti i fattori di rischio (sia oggettivi, che nelle attività, che dovuti ai comportamenti scorretti) Aggiornamento del DVR Gestione del sistema sicurezza Definizione dei programmi dell in-formazione Definizione e aggiornamento dei piani d emergenza

31 ORGANIZZAZIONE DEL SPP Per stabilire i tempi del proprio lavoro (il quando) è bene: definire la frequenza degli incontri - riunioni di lavoro (operative) - riunioni periodiche (D.Lgs. 81/08, art. 35) dotarsi di un cronogramma delle cose da fare, dove sarà esplicitato anche la persona o il gruppo di persone che deve farle (il chi)

32 ORGANIZZAZIONE DEL SPP individuazione di una sede fisica, dove conservare tutta la documentazione e poter esporre: Parti del DVR Andamento fenomeno infortunistico Cronogrammi attività SPP Calendario scadenze Materiali in-formativi Ecc.

33 ASPETTO ECONOMICO definire ogni anno in modo chiaro i fondi a disposizione gestire in modo trasparente il loro utilizzo

34 PROVENIENZA DEI FONDI I fondi a disposizione del SPP possono essere: interni - fondo d istituto - fondo incentivante - funzioni strumentali/aggiuntive esterni - contributi regionali/provinciali - contributi delle famiglie

35 PROVENIENZA DEI FONDI I fondi USRV riferiti all a.f sono: Belluno ,09 Padova ,82 Rovigo ,02 Treviso ,85 Venezia ,85 Verona ,90 Vicenza , per ogni USP «per azioni di sostegno alle reti di scuole e per le azioni di formazione a carattere provinciale»

36 PROVENIENZA DEI FONDI I criteri di suddivisione dei fondi tra le varie istituzioni scolastiche sono decisi direttamente dall USRV: 50% sulla base dei posti in organico di fatto (a.s. 2007/08) 30% sulla base del n. plessi (a.s. 2007/08) 20% sulla base del n. di istituti con laboratori/officine (incarico di dirigenza con punteggio particolare)

37 ESEMPIO DI GESTIONE CONVENZIONALE DEL PROGETTO SICUREZZA

38 ESEMPIO DI GESTIONE MIRATA DEL PROGETTO SICUREZZA

39 SICUREZZA E QUALITÀ Cosa può fare una scuola non certificata per lavorare nel campo della sicurezza con criteri di qualità?

40 DEFINIZIONE DI RUOLI Tutti i soggetti (interni ed esterni al SPP) vanno descritti in termini di ruolo ed attribuzioni R-ASPP FIGURE STRUMENTALI ALTRI COLLABORATORI INCARICATI PS ADDETTI LOTTA ANTINCENDIO RLS MC CONSULENTI ESTERNI FISSI

41 OBIETTIVI E INDICATORI Bisogna darsi degli obiettivi, che devono essere attinenti e perseguibili nonché realistici e praticabili Ad esempio: - migliorare il livello di sicurezza dei laboratori - definire procedure per le attività più a rischio - effettuare 2 prove d evacuazione ogni anno

42 OBIETTIVI E INDICATORI Ogni obiettivo è collegato ad uno o più indicatori, che devono essere numerici e facilmente misurabili Ad esempio: - N. infortuni in lab. all anno/ N. totale ore annue di lab. - N. procedure attivate/ N. totale attività a rischio indiv. - N. evacuazioni effettuate/ 2 Ogni anno si possono calcolare i valori ottenuti per ogni indicatore (risultato) e si possono definite le previsioni per l anno successivo (obiettivo)

43 Analisi annuale

Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e

Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e 1 Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori finalizzata ad individuare le adeguate

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa)

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA

Dettagli

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili)

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili) SiRVeSS LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA a cura del gruppo di lavoro Gestione della sicurezza del SiRVeSS (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) Il Dirigente

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 Obblighi in capo al DS/DL (art. 18 del D.Lgs. 81/08) Si possono così riassumere:

Dettagli

Liceo Majorana Corner Mirano. SICUREZZA A SCUOLA riflessioni

Liceo Majorana Corner Mirano. SICUREZZA A SCUOLA riflessioni Liceo Majorana Corner Mirano SICUREZZA A SCUOLA riflessioni ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Molte situazioni di pericolo possono essere evitati con una azione di prevenzione. PERICOLO: la presenza di fattori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Il dirigente scolastico, nel suo ruolo di Datore di lavoro ai sensi dell art. 17, comma 1, lettera b del D.Lgs. 81/2008, è obbligato (si tratta di

Dettagli

Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle figure preposte alla sicurezza

Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle figure preposte alla sicurezza SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle

Dettagli

FORMAZIONE. Datori di Lavoro (DdL) Lavoratori Preposti e Dirigenti. in ambito scolastico. SiRVeSS. Liceo G.B. Quadri - Vicenza 23 Gennaio 2014

FORMAZIONE. Datori di Lavoro (DdL) Lavoratori Preposti e Dirigenti. in ambito scolastico. SiRVeSS. Liceo G.B. Quadri - Vicenza 23 Gennaio 2014 FORMAZIONE SiRVeSS Datori di Lavoro (DdL) Lavoratori Preposti e Dirigenti in ambito scolastico A cura di Prof. MARZARI Damiano Coordinatore di SicuRete Vicenza Rete di scuole per la sicurezza della Provincia

Dettagli

INCARICATI DI PRIMO SOCCORSO

INCARICATI DI PRIMO SOCCORSO Pag.1 www.ictramonti.org Autonomia Scolastica n. 24 Istituto Comprensivo Statale G. Pascoli Via Orsini - 84010 Polvica - Tramonti (SA)Tel e Fax. 089876220 - C.M. SAIC81100T - C.F. 80025250657 Email :saic81100t@istruzione.it-

Dettagli

FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Pag. 1 di 7 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI,

Dettagli

FILE CD SICUREZZA MILANO 1 DICEMBRE 2014 CARTELLA - 2014 09 01 CARLINI

FILE CD SICUREZZA MILANO 1 DICEMBRE 2014 CARTELLA - 2014 09 01 CARLINI Indice FILE CD SICUREZZA MILANO 1 DICEMBRE 2014 CARTELLA - 2014 09 01 CARLINI sicurezza CD ACC STR COMP DS FLC CARTELLA - SICUREZZA SCUOLA - DATI MIUR EDIFICI SCUOLE 2012 CARTELLA - SICUREZZA SCUOLA -

Dettagli

TECNICHE DI COMUNICAZIONE E METODOLOGIE DI EROGAZIONE DELLA INFORMAZIONE/FORMAZIONE

TECNICHE DI COMUNICAZIONE E METODOLOGIE DI EROGAZIONE DELLA INFORMAZIONE/FORMAZIONE FORMAZIONE TECNICHE DI personale scolastico (RISCHIO MEDIO) COMUNICAZIONE E METODOLOGIE DI EROGAZIONE DELLA INFORMAZIONE/FORMAZIONE Ex Accordo Stato Regioni del 21.12.2011 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA

ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA PRINCIPALI ADEMPIMENTI del Dirigente scolastico 1.Organizzativi 2.Tecnici 3.Procedurali 2008 2/45 Adempimenti organizzativi

Dettagli

ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info

ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info DATORE DI LAVORO LAVORATORI SORVEGLIANZA SANITARIA FORMAZIONE E INFORMAZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE VALUTAZIONE DEI RISCHI MEDICO COMPETENTE DIRIGENTI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI

ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI Organigramma P.O.F. 2011-2012 ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI - Staff direttivo. - Figure strumentali. - Servizio prevenzione e protezione dei rischi.

Dettagli

Testo commentato dell accordo Stato-Regioni sulla formazione ex art. 37 del D.Lgs. 81/08

Testo commentato dell accordo Stato-Regioni sulla formazione ex art. 37 del D.Lgs. 81/08 INDICE Presentazione Cap. I Introduzione e quadro normativo Cap. II Il progetto di monitoraggio Cap. III Presentazione e analisi dei risultati Cap. IV Note tecniche Cap. V Monitoraggio, panorama attuale

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M.

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M. Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Piano antincendio scolastico 6.1a CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Quadro

Dettagli

Accordo Stato-Regioni

Accordo Stato-Regioni Accordo Stato-Regioni Accordo su art. 34 DS-RSPP FORMAZIONE MODULO 1 Normativo MODULO 2 Gestionale MODULO 3 Tecnico MODULO 4 Relazionale possibile FAD 32 ore AGGIORNAMENTO possibile FAD 10 ore (quinquennale)

Dettagli

Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti

Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti Modulistica per deleghe e nomine e promemoria Adempimenti Da utilizzare per : la nomina del Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione, la delega per Dirigenti e preposti : la designazione degli

Dettagli

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 13 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data Nota: Lo sviluppo e l implementazione dell organizzazione e gestione della

Dettagli

D.Lgs. 81/08: DEFINIZIONI (art. 2)

D.Lgs. 81/08: DEFINIZIONI (art. 2) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Informazione e formazione in ambito scolastico CORSO DI FORMAZIONE PER 8.1a DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI

Dettagli

BOZZA a cura della Cisl Scuola

BOZZA a cura della Cisl Scuola BOZZA a cura della Cisl Scuola IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO D'ISTITUTO Attuazione normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro (CCNL art. 6 comma 2 lettera k) Istituto/Circolo - a.s./.. L'anno

Dettagli

Corso di formazione 15 marzo 2013

Corso di formazione 15 marzo 2013 Istituto Comprensivo di Ronco Scrivia a.s. 2012/13 Corso di formazione 15 marzo 2013 La sicurezza nei luoghi di lavoro Dirigente Scolastico: dott.silvio Peri RSPP: prof.ssa Perla Ferrari Argomenti del

Dettagli

SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07

SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07 SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07 L attività si è sviluppata attraverso tre linee di lavoro: 1. costituzione di reti provinciali e di un

Dettagli

Informazione dei lavoratori in materia di sicurezza e salute sul lavoro (art. 36 D.Lgs 81/2008)

Informazione dei lavoratori in materia di sicurezza e salute sul lavoro (art. 36 D.Lgs 81/2008) ISISS ANTONIO SANT ELIA Informazione dei lavoratori in materia di sicurezza e salute sul lavoro (art. 36 D.Lgs 81/2008) A cura di: M. Lucini - RSPP 1 INDICE Informazione e formazione dei lavoratori Organigramma

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Azienda Presenti al sopralluogo per l azienda: 1 CHECK LIST GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA 1. GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2011-2012

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2011-2012 INIZIATIVE ED ATTIVITA PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE, NEGLI AMBIENTI DI LAVORO E TRA I GIOVANI LAVORATORI - E-mail rspp@itisrossi.vi.it - Sito Web www.sicurscuolaveneto.it

Dettagli

Prot. n. 4360/C14 A23 Milano, 8 ottobre 2013 AVVISO PUBBLICO

Prot. n. 4360/C14 A23 Milano, 8 ottobre 2013 AVVISO PUBBLICO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo ILARIA ALPI Via Salerno 1-20142 Milano Tel. 02 88444696 Fax 02 88444704 e-mail uffici: MIIC8DZ008@istruzione.it posta certificata:

Dettagli

Informazione dei lavoratori in materia di sicurezza e salute sul lavoro

Informazione dei lavoratori in materia di sicurezza e salute sul lavoro ISISS ANTONIO SANT ELIA Informazione dei lavoratori in materia di sicurezza e salute sul lavoro (art. 36 D.Lgs 81/2008) A cura di: M. Lucini - RSPP 1 INDICE Informazione e formazione dei lavoratori Organigramma

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell articolo 1 della Legge 123/2007, in materia

Dettagli

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO QUALIFICA RUOLO FUNZIONI E MANSIONI DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Definisce gli interventi, le priorità, le necessità finanziarie, riguardo

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

Il manuale vers. INAIL 2013

Il manuale vers. INAIL 2013 Conferenza di servizio sui temi della sicurezza Il Manuale vers. INAIL 2013 La formazione obbligatoria del personale scolastico e degli studenti equiparati A cura del PROF. MARZARI Damiano coordinatore

Dettagli

CHECK-LIST PER LA VALUTAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (SGSSL) A SCUOLA

CHECK-LIST PER LA VALUTAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (SGSSL) A SCUOLA CHECK-LIT PE LA VALUTAZIONE DEL ITEMA DI GETIONE DELLA ALUTE E ICUEZZA UL LAVOO (GL) A CUOLA Ambito e voce da valutare i No Parz. //O Nomine e aspetti formali 1. E stato nominato il esponsabile del ervizio

Dettagli

CHECK-LIST PER LA VALUTAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (SGSSL) A SCUOLA

CHECK-LIST PER LA VALUTAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (SGSSL) A SCUOLA ive CHECK-LIT PE LA VALUTAZINE DEL ITEMA DI GETINE DELLA ALUTE E ICUEZZA UL LAV (GL) A CULA Ufficio colastico egionale per il Veneto Check list GL a scuola (vers. 1.3 1/2013) ive NTE Questa check list

Dettagli

STRUTTURA E DIMENSIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE.

STRUTTURA E DIMENSIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE. PROVINCIA DI POTENZA Settore Patrimonio Costituzione del Servizio di Prevenzione e Protezione nella Provincia di Potenza - SVOLGIMENTO DEI COMPITI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA MAN - Pag. 1 di 12 MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA AI SEN SI DELL AR T. 30 D.Lg Lgs. 81/20 08 MAN - Pag. 2 di 12 Attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di

Dettagli

1 Dicembre 2014. IS E. MOLINARI Via Crescenzago, 110 - Milano Il dirigente scolastico e la gestione della sicurezza RELAZIONE GIANNI CARLINI

1 Dicembre 2014. IS E. MOLINARI Via Crescenzago, 110 - Milano Il dirigente scolastico e la gestione della sicurezza RELAZIONE GIANNI CARLINI CONVEGNO regionale RIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: RUOLI E RESPONSABILITÀ 1 Dicembre 2014 IS E. MOLINARI Via Crescenzago, 110 - Milano Il dirigente scolastico

Dettagli

Formazione e informazione in ambito scolastico CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 3.2

Formazione e informazione in ambito scolastico CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 3.2 Formazione e informazione in ambito scolastico Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 3.2 D.Lgs. 81/08: DEFINIZIONI (art. 2) INFORMAZIONE complesso delle attività dirette

Dettagli

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008 Attività F. e S. D.Lg.81/2008 FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008 e D. Lgs. 106/2009 8(orrettivo del D.Lgs. 81/08) IIS Da Vinci Ripamonti Formazione docenti di nuova nomina

Dettagli

Azione Pegaso 2015. La normativa. di sicurezza Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. La normativa. di sicurezza Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza La normativa scolastica in materia di sicurezza Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza PRINCIPALE NORMATIVA La normativa scolastica sulla sicurezza fa riferimento principalmente

Dettagli

PIANO D IN-FORMAZIONE SCOLASTICA

PIANO D IN-FORMAZIONE SCOLASTICA gestione - prevenzione - sicurezza PIANO D IN-FORMAZIONE SCOLASTICA IN OSSERVANZA DELL ART 37 D.LGS 81/2008 IN APPLICAZIONE DELL ACCORDO STATO-REGIONI DEL 21/12/2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : dott.ssa Maria

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

SiRVeSS. Il Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole. Silvia Rosin Direzione Regionale per la Prevenzione

SiRVeSS. Il Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole. Silvia Rosin Direzione Regionale per la Prevenzione SiRVeSS Il Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Silvia Rosin Direzione Regionale per la Prevenzione 14 febbraio 2007 SiRVeSS: gli attori Direzione Prevenzione Regione Veneto Ufficio

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Novità introdotte dal D.Lgs. 81/08 rispetto al precedente D.Lgs. 626/94 Novità introdotta dal D.Lgs. 106/09 Indicazioni e suggerimenti 6 81 D.Lgs. 81/2008 Attuazione

Dettagli

VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015

VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015 VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015 Di seguito vengono riportati i principali adempimenti da assolvere, in base alla tipologia di istituto scolastico, mansioni

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

Campo di applicazione, decorrenza, durata

Campo di applicazione, decorrenza, durata Campo di applicazione, decorrenza, durata Art. 1 1. Il presente contratto è redatto in base all art. 6 lettera k) del CCNL 2007-2010 del comparto Scuola. 2. Gli effetti del presente accordo decorrono dalla

Dettagli

Istituto Comprensivo " E. Mattei"

Istituto Comprensivo  E. Mattei PIANO TRIENNALE DELLA PERFORMANCE 2015/2017 Art. 10 comma 1 lettera a del D.L.vo 150/2009 ADOTTATO DAL Visti gli articoli da 4 a 10 del D.l.vo 150/2009 con le limitazioni di cui all art. 74 comma 4 dello

Dettagli

Rete di scuole e agenzie per la sicurezza della Provincia di Firenze Coordinamento A/RSPP Gruppo supporto scuole

Rete di scuole e agenzie per la sicurezza della Provincia di Firenze Coordinamento A/RSPP Gruppo supporto scuole Richiedente: Coordinatore Rete Autori risposta: Alessio Bruscagli (RSPP ISIS L. da Vinci - Firenze), Mario Romagnoli (RSPP IIS Elsa Morante - Firenze) Data validazione Coordinamento: 09/07/2012 Versione:

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

Sistema di Gestione SSL - Schema ATTORI-PROCESSO

Sistema di Gestione SSL - Schema ATTORI-PROCESSO Sistema di Gestione SSL - Schema ATTORI-PROCESSO 1 DATORE DI LAVORO (DDL) 1.1 508 554 580 637 621 645 680 1.2 465 1.3 708 709 1.4 518 542 1.5 524 1.7 681 706 1 Firma per responsabilità ed emette il DVR

Dettagli

Orientarsi verso la sicurezza

Orientarsi verso la sicurezza Il contributo del mondo della scuola Le scuole? Luoghi di Pensiero Emozioni Relazioni Le scuole Luoghi dove prendersi cura Di sé Degli altri In contesti regolati Obbiettivi Informazione Formazione Responsabilità

Dettagli

Comitato di Valutazione

Comitato di Valutazione pag.1 di6 3.1- STRUTTURA ORGANIZZATIVA L' organizzazione dell Istituto, è illustrata nell organigramma riportato nella Fig. 3-1. I compiti e le responsabilità dei vari Enti-Funzioni sono definite nel paragrafo

Dettagli

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE L organizzazione della sicurezza secondo D.Lgs. 81/08 Al datore di lavoro vengono attribuiti compiti di regia e di programmazione della sicurezza in azienda,

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE, CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001. Aree sensibili. CdA; CdA; CDA. DdL; RSPP: MC.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE, CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001. Aree sensibili. CdA; CdA; CDA. DdL; RSPP: MC. Reati Rischio Attività sensibili organizzativa derivante da mancato stanziamento di risorse finanziarie per la gestione dei rischi in ambito SPP, con conseguente riscontro di infortuni gravi e/o gravissimi

Dettagli

Manuale delle procedure per la sicurezza a scuola

Manuale delle procedure per la sicurezza a scuola Manuale delle procedure per la sicurezza a scuola MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi dell art.30 del d.lgs. 81/08 come modificato dal d.lgs. 106/09 Nti Questo

Dettagli

GRUPPI DI LAVORO FORMAZIONE GESTIONE DIDATTICA

GRUPPI DI LAVORO FORMAZIONE GESTIONE DIDATTICA RETE DI SCUOLE PER LA SICUREZZA DELLA PROVINCIA DI VICENZA Percorso assistito di didattica della sicurezza sede di Vicenza Primi interventi di formazione sulla didattica della sicurezza D1-1 a.s. 2010-2011

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO L'anno 2013, il mese di Marzo, il giorno 08 nei locali del Liceo Scientifico Statale G.Galilei di Pescara,

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA LOGO AZIENDA D444 ELENCO DOCUMENTI SGSL OHSAS 18001 Argomento Linee Guida UNI INAIL Numerazione manuale xxxxxxxxxx Procedure Moduli Documenti Istruzioni Operative

Dettagli

Fare il DS: un introduzione. di Dario Cillo

Fare il DS: un introduzione. di Dario Cillo Fare il DS: un introduzione di Dario Cillo Autonomia e Sussidiarietà Sussidiarietà: responsabilità pubbliche all autorità territorialmente e funzionalmente più vicina ai cittadini interessati Legge 15

Dettagli

SOGGETTI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE

SOGGETTI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE In questa unità didattica approfondiremo la conoscenza di alcune figure, già viste in precedenza e che sono presenti anche nel nostro Istituto In particolare parleremo di: datore di lavoro: Dirigente Scolastico;

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

SICUREZZA DEL PERSONALE SCOLASTICO

SICUREZZA DEL PERSONALE SCOLASTICO LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEL PERSONALE SCOLASTICO Il D.lvo 81/2008 e le novità introdotte dagli Accordi Stato-Regione del 21 dicembre 2011 Accordo Stato- Regioni Attuazione delle disposizioni del

Dettagli

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Legislativo Attuazione dell art. 1 della L. 123/2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 9 aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 81/2008 ABROGA: D.P.R. 27 aprile 1955,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

PROGRAMMA CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.)

PROGRAMMA CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.) PROGRAMMA CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.) (Decreto Legislativo coordinato 81/2008 e 106/2009 art. 37, commi 10,11 e art. 47) Durata del corso Corso di 32 ore da svolgersi

Dettagli

Secondo modulo. Obiettivi

Secondo modulo. Obiettivi Secondo modulo Obiettivi Acquisire le conoscenze di base sull organizzazione della prevenzione aziendale per la tutela e la sicurezza sui luoghi di lavoro. Temi Misure di tutela e sicurezza Soggetti della

Dettagli

Organizzazione della sicurezza nell Università degli Studi di Pavia

Organizzazione della sicurezza nell Università degli Studi di Pavia Organizzazione della sicurezza nell Università degli Studi di Pavia MAGNIFICO RETTORE Servizio di Prevenzione e Protezione MC EQ TSL RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE e PROTEZIONE ASPP ASPP ASPP ASPP RESPONSABILE

Dettagli

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.)

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) Indice: 1. Quali sono le principali leggi di riferimento per gli adempimenti sicurezza sui luoghi di lavoro? 2. Quali sono le aziende che hanno l obbligo di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08?

Dettagli

Il DIRIGENTE SCOLASTICO

Il DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO OLBIA Via Vignola, 54 07026 Olbia - SS - Tel. 0789 51.602 - Fax 0789 57.205 Sito web: http://www.dd4olbia.it e-mail: ssee05200q@istruzione.it Codice Fiscale: 91003170908

Dettagli

Avviso pubblico. Oggetto: Conferimento di incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione come previsto dal D.Lgs 81/2008.

Avviso pubblico. Oggetto: Conferimento di incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione come previsto dal D.Lgs 81/2008. Prot. N. 6180 Bari 1 ottobre 2010 Avviso pubblico Oggetto: Conferimento di incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione come previsto dal D.Lgs 81/2008. Il Dirigente Scolastico Premesso

Dettagli

Programma di formazione, informazione e. addestramento del personale addetto

Programma di formazione, informazione e. addestramento del personale addetto Programma di formazione, informazione e addestramento del personale addetto Approvato dal Dirigente Scolastico: ing. Michele Nicastri Verificato dal RSPP: ing. Di Pietro Angelo Presa visione del RLS aziendale:

Dettagli

VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO. Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV

VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO. Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV D.Lgs 81/08 e s.m. e integrazioni Il decreto ha lo scopo di riorganizzare la

Dettagli

Il DUVRI : Comunicazione, informazione e formazione tra le figure coinvolte

Il DUVRI : Comunicazione, informazione e formazione tra le figure coinvolte SEMINARIO TECNICO La gestione degli appalti pubblici: sicurezza e regolarità del lavoro Il DUVRI : Comunicazione, informazione e formazione tra le figure coinvolte G.Acquafresca RSPP Arpa Piemonte Uno

Dettagli

Assetto organizzativo vigente presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza

Assetto organizzativo vigente presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro Assetto organizzativo vigente presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza Torino, 13 settembre 2012 Arch. Simonetta Petrone Responsabile dell Ufficio

Dettagli

!! "" # $! "# " $ %$&

!!  # $! #  $ %$& !!"" #$! "#"$$& $'" $'" ($$&$ ")&& (#$)&*$'"$)"#&'# (+"*" $$& ")&& '&*&,-'#, )&$ #".&$"#" &#".&$'#"$ ")&""$)&$* )/$&+)&," ")/)#"'#0&&$+"#/)+/##" && Riferimenti di legge Reati inclusi nella L. 123/2007

Dettagli

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno PERICOLO: proprietà intrinseca di un fattore (attrezzature, sostanze, pratiche di lavoro ecc.) di poter causare danni RISCHIO: è la probabilità che si verifichino

Dettagli

CORSO PER RSPP/ASPP MODULO A (D. Lgs. 81/08 e s.m.i. ex. Commi 2, 4 art. 8 bis D. Lgs. D. Lgs 624/94 introdotto dal D. Lgs.

CORSO PER RSPP/ASPP MODULO A (D. Lgs. 81/08 e s.m.i. ex. Commi 2, 4 art. 8 bis D. Lgs. D. Lgs 624/94 introdotto dal D. Lgs. SVILUPPO RISORSE UMANE Comunicazione SRU/27 del 25/07/2013 a cura di Carlo Vespignani CORSO PER RSPP/ASPP MODULO A (D. Lgs. 81/08 e s.m.i. ex. Commi 2, art. 8 bis D. Lgs. D. Lgs 62/9 introdotto dal D.

Dettagli

LA SICUREZZA A SCUOLA

LA SICUREZZA A SCUOLA ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO BASILIO FOCACCIA SALERNO Anno Scolastico 2014/2015 LA SICUREZZA A SCUOLA I.T.T. B. FOCACCIA servizio prevenzione e protezione 1 PREMESSA Questo breve opuscolo informativo vuole

Dettagli

AGGIORNAMENTO AL DOCUMENTO PER LA SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI NELLA SCUOLA

AGGIORNAMENTO AL DOCUMENTO PER LA SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI NELLA SCUOLA Documento Unico Pagina 1 di 18 N Prot. /A23 del 24.09.2013 Data : 24.09.2013 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE TOMMASO D ORIA Istituto Tecnico settore Elettronica ed Elettrotecnica Istituto Tecnico

Dettagli

IL MODELLO SICUREZZA IN CATTEDRA

IL MODELLO SICUREZZA IN CATTEDRA INIZIATIVE ED ATTIVITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO, NELLE SCUOLE E TRA I GIOVANI LAVORATORI cellulare: 349-5724637 e-mail: cescofrare@reteagenziesicurezza.it

Dettagli

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Ascom Vittorio Veneto Servizio Corsi e Formazione Corso Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione - a cura di Giovanni Benincà La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (L.123/07 - art. 26 del D.Lgs. 81/08) STAZIONE APPALTANTE:

Dettagli

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie Meccanica, meccatronica ed energia Biotecnologie Ambientali

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie Meccanica, meccatronica ed energia Biotecnologie Ambientali Napoli, li 23 settembre 2015 Prot. n 5386 Tit. A/11 All Albo scolastico dell Istituto Tecnico Settore Tecnologico Url: http://www.itimariecurie.gov.it/ Avviso pubblico di selezione per conferimento incarico

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO LUOGHI DI LAVORO RISCHI SPECIFICI AREE ESTERNE. ASPP Università degli Studi di Catania

LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO LUOGHI DI LAVORO RISCHI SPECIFICI AREE ESTERNE. ASPP Università degli Studi di Catania Università degli Studi di Catania Area della Prevenzione e della Sicurezza - Servizio Prevenzione e Protezione dai Rischi (SPPR) - LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Perché è importante sensibilizzare i

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

D. Lgs. 81 del 9.4.2008 TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO SCUOLA

D. Lgs. 81 del 9.4.2008 TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO SCUOLA SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Assessorato Scuola Formazione e Politiche per la Salute Aziende USL Dipartimenti di Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO D. Lgs.

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

ATTORI DELLA SICUREZZA

ATTORI DELLA SICUREZZA Il titolo I del D. Lgs. 81/08 altri materiali 1 ATTORI DELLA SICUREZZA DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI RSPP e ASPP MEDICO COMPETENTE RLS ADDETTI ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO 2 1 IL NOSTRO

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 3037 Prot. n. 36210 Data 13 novembre 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168, e successive modificazioni; VISTO l art. 2087 Tutela delle

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO -0-01/08/2014 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Ex art. 30 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 e successive integrazioni e modificazioni redatto secondo le Linee Guida UNI INAIL

Dettagli