Project Management Office per centrare tempi e costi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Project Management Office per centrare tempi e costi"

Transcript

1 Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità dei risultati relativi a progetti complessi ed interfunzionali I Busacca & Associati l management aziendale è chiamato a dover rispondere, con le sue decisioni, al bisogno di individuare, conseguire e mantenere una posizione di vantaggio sui concorrenti, al fine di accrescere il valore del business in cui opera. Ad ogni decisione presa dal vertice aziendale corrisponde l avvio di uno o più progetti. Naturalmente, più è complessa l organizzazione dell azienda e il settore cui appartiene maggiori saranno le difficoltà per monitorare efficacemente e concludere positivamente i progetti che concretizzano le scelte strategi- che fatte. Il Project Management Office si prefigge di raggiungere gli obiettivi di tempi, costi e qualità dei risultati relativi ai progetti che hanno nella Direzione il loro maggior sponsor e garante. 54

2 Project Management Office per centrare tempi e costi Caratteristiche ed obiettivi del PMO - Il progetto è un processo finalizzato alla produzione di un risultato unico ed identificabile, che richiede uno sforzo concentrato nel tempo delle risorse ad esso dedicate. Tutti i progetti comportano aspettative di successo, ma anche incertezze riguardo i tempi, i costi e la qualità dei risultati. Infatti, ogni progetto risulta esposto a numerosi imprevisti non sempre preventivabili. Per il mantenimento degli obiettivi proposti, occorre monitorare tutte le attività evidenziando per tempo le criticità, in modo da poter adeguatamente intervenire per la loro soluzione. Il Project Management è una disciplina che nasce nelle società di ingegneria, impegnate tipicamente in progetti complessi. Queste, operando in un contesto organizzativo semplice ed essendo vincolate da un contratto con il cliente, si occupano autonomamente del controllo operativo dei tempi, dei costi e della qualità dei risultati dei progetti in cui sono impegnate. Inizialmente questi aspetti erano gestiti con il buon senso e l esperienza dei responsabili. Successivamente, nell affrontare la gestione di grandi progetti, come ad esempio quelli relativi alla conquista dello spazio o alle grandi opere pubbliche, le dimensioni e la complessità delle attività furono tali da rendere necessaria la definizione di un Project Management strutturato ed organizzato con uno staff dedicato. Nacque così una serie di strumenti per consentire il monitoraggio di tempi e costi (diagrammi di Gantt, diagrammi reticolari e percorso critico, curve di controllo di tempi e costi). Ma il reale sviluppoin azienda del Project Management si ebbe quando i progetti relativi all innovazione organizzativa o di processo aumentarono in numero e in rilevanza e interessarono tutti i tipi di organizzazioni complesse come lo sono le aziende operanti nei settori del Credito, delle Telecomunicazioni e delle Utilities. In questi settori, caratterizzati da mercati in continua e rapida evoluzione, le aziende sono chiamate continuamente a confrontarsi sulla capacità di rispondere adeguatamente ai cambiamenti in atto e anticipare quelli futuri. Il management, quindi, si trova spesso a dover prendere decisioni strategiche che impattano profondamente sui processi di gestione della relazione con la clientela, sui sistemi informativi e sull organizzazione interna. Nasce così il Project Management Office, una struttura con risorse dedicate ed operante all interno del progetto con il compito di supportare i 55

3 CARTESIO processi di innovazione aziendale, garantendo il raggiungimento degli obiettivi di tempi, costi e qualità dei risultati mediante la pianificazione e il monitoraggio di tutte le attività. Nei progetti di rilevante impatto strategico per l azienda e che hanno quindi nella Direzione il più attento sostenitore, il PMO assume la funzione importante di occhio del management, consentendo allo stesso di avere in qualsiasi momento l esatto quadro della situazione. La matrice di gestione del progetto + SUPERVISIONE TEMPI E COSTI PROJECT MANAGEMENT OFFICE Complessità del progetto SUPERVISIONE PIANO DI LAVORO SUPERVISIONE TEMPI E COSTI - - Complessità dell azienda + Gli obiettivi fondamentali, quindi, del Project Management Office sono: controllo e contenimento dei tempi e dei costi di progetto; garanzia di elevati standard qualitativi dell output prodotto; presidio e supervisione di tutte le attività svolte per conto del management. Metodologia del Project Management Office Il raggiungimento degli obiettivi citati presuppone la capacità di organizzare correttamente tutte le attività di progetto, controllarne lo svolgimento e garantire 56

4 Project Management Office per centrare tempi e costi la visibilità dell andamento a tutti i soggetti interessati. Operativamente ciò è fattibile: programmando nel dettaglio le singole micro-attività, identificandone i responsabili, definendo i risultati attesi ed individuando le risorse necessarie per raggiungerli; evidenziando eventuali criticità e proponendo la soluzione più opportuna; favorendo la circolazione delle informazioni tra i responsabili e suscitando l interesse del management sullo stato del progetto. Per poterne adeguatamente gestire l avanzamento e studiarne le relative problematiche, il Project Management Office focalizza la propria opera su quattro attività: 1. pianificazione delle attività previste 2. monitoraggio delle attività 3. archivio dei documenti di progetto 4. incontri di Stato Avanzamento Lavori (SAL) La pianificazione e il monitoraggio delle attività di progetto consentono sia di definire la cronologia e i costi delle azioni da svolgere, sia di evidenziare eventuali criticità e disallineamenti con quanto programmato, permettendo interventi mirati alla risoluzione dei problemi. Quest ultimo aspetto consente di supportare il raggiungimento di elevati standard qualitativi dell output di progetto. La gestione di un archivio dei documenti di progetto rende possibile l accesso alle informazioni utili alla prosecuzione delle attività, al fine di garantire il rispetto delle specifiche stabilite. Gli incontri di SAL costituiscono il momento di presentazione dei risultati raggiunti e degli eventuali aspetti critici aperti alla direzione e ai vari responsabili di cantiere. Il PMO non si occupa, quindi, solamente di monitorare lo stato di avanzamento delle attività in termini di tempi e costi, ma anche di assicurare a tutti gli appartenenti al gruppo di lavoro il supporto necessario al corretto svolgimento dei lavori. Si occupa, inoltre, di evidenziare eventuali criticità, le possibili soluzioni e di riferire al top management aziendale lo stato del progetto. 57

5 CARTESIO Attività e Strumenti La pianificazione consiste nella definizione del piano di lavoro generale attraverso la raccolta e il mantenimento dei programmi per singoli cantieri. Il progetto, organizzato tipicamente in diagrammi di Gantt 1, evidenzia tutte le attività che hanno come fine il rilascio di un prodotto finito 2. Questo tipo di strutturazione permette di monitorare oggettivamente la definizione dei prodotti finiti e di identificarne il responsabile, a cui andrà l onere del suo corretto svolgimento Il monitoraggio delle attività coincide, quindi, con quello dei prodotti finiti. In particolare, viene controllato il rispetto dei tempi e dei costi di realizzazione rispetto a quanto preventivato. Esistono numerosi strumenti per il controllo dell avanzamento delle attività di un progetto, che tipicamente fanno riferimento alle curve di controllo integrato tempi/costi (Cost/Schedule Control System Criteria). In questa fase è essenziale che il responsabile del prodotto finito evidenzi per tempo le eventuali criticità che possono inficiare il completamento delle attività. Il ruolo del PMO è quello di supportate il responsabile del prodotto finito nell individuazione e nella concretizzazione del correttivo al problema emerso. Tutti i documenti emessi relativi ai prodotti finiti sono catalogati e gestiti in un archivio informatico. Spesso le attività sono interconnesse e alcune seguono i rilasci di prodotti realizzati in altri cantieri da altri gruppi di lavoro. L obiettivo è quello di rendere disponibile ai componenti dei diversi gruppi di lavoro, attraverso un opportuna gestione delle autorizzazioni di accesso sulla Intranet, tutte le informazioni utili alla prosecuzione delle proprie attività. I documenti sono catalogati, indicizzati e identificati da una scheda che riporta: il titolo del documento; il prodotto finito a cui è riferito; il responsabile; il cantiere di appartenenza; una breve sintesi; le eventuali limitazioni all accesso e l importanza del documento stesso per il proseguo delle attività. 1 Il diagramma di Gantt consiste in una tabella nella quale le righe indicano le attività del progetto e le colonne i tempi necessari per realizzarle 2 Per prodotto finito si intende tutto ciò che è documentabile e frutto di più micro-attività 58

6 Project Management Office per centrare tempi e costi Periodicamente il PMO aggiorna la Direzione e il Comitato Guida sul progetto con presentazioni di Stato Avanzamento Lavori (SAL). Le presentazioni di SAL si compongono di una sintesi dell andamento del progetto, del dettaglio delle attività dei vari cantieri e dei piani di lavoro aggiornati. La parte più importante è rappresentata dal sinottico, che sintetizza in un unica vista l aggiornamento sull intero progetto, evidenziando per singolo cantiere la situazione, le variazioni di tempi e costi rispetto a quanto pianificato, le eventuali criticità e il loro grado di soluzione, i correttivi proposti. La situazione dell andamento delle attività è visibile grazie all utilizzo dei colori (dal verde al rosso) che fanno risaltare la fattibilità realizzativa dei correttivi proposti ai problemi emersi. Al sinottico segue il dettaglio, evidenziato con l utilizzo dei colori, dello stato di avanzamento dei vari cantieri mostrando per ogni attività l avanzamento, la data di emissione prevista dei prodotti finiti, i correttivi proposti e il grado di soluzione dei problemi emersi. Alla presentazione sono allegati i piani di lavoro dei vari cantieri aggiornati secondo le attività svolte e quelle pianificate. Il sinottico del progetto Stato di Avanzamento del Progetto - Sintesi Cantiere SAL odierno Situazione/Criticità Azioni/Correttivi Sistema Analitico di Marketing 30% 33% In fase di conclusione i requisiti di dettaglio dei dati e delle analisi da rendere disponibili sul data warehouse In linea con i tempi la definizione degli indici comportamentali e di propensione all acquisto Prevista la realizzazione di solo una parte degli indici nel primo rilascio a causa della limitata disponibilità di risorse di sviluppo Avviare la definizione del piano di formazione per gli utenti Marketing Rafforzare lo staff per lo sviluppo degli indici Campaign Management 25% 31% Conclusi i requisiti di dettaglio del processo di Campaign Management In ritardo l analisi delle funzionalità di monitoraggio degli esiti sui sistemi attuali Completare, con il supporto del Marketing, l analisi sul monitoraggio degli esiti per valorizzare le funzionalità già presenti sui sistemi Sistema di supporto alla Rete 22% 25% In fase di avvio l analisi e la raccolta dei requisiti di dettaglio per la realizzazione dello strumento di supporto al front-end Legenda: Prodotti finiti completati Avanzamento ad oggi Avanzamento previsto da piano 25% 30% SAL precedente Prodotti finiti totali previsti I colori sintetizzano il grado di difficoltà realizzativa dei correttivi proposti alle criticità riscontrate nei singoli cantieri Non appaiono criticità rilevanti I correttivi proposti non presentano difficoltà realizzative I correttivi proposti presentano qualche difficoltà realizzativa I correttivi proposti presentano rilevanti difficoltà realizzative 59

7 CARTESIO Per svolgere efficacemente il proprio mandato, il PMO gestisce quindi operativamente i piani di lavoro, i documenti di prodotto finito e le presenta zioni di SAL. Il PMO rappresenta il vertice aziendale e per esso opera affinché il progetto si concluda positivamente. Solitamente, è svolto da professionisti esterni coadiuvati da risorse interne scelte dal management, affinché possano, attraverso una visione oggettiva, esaltare le sinergie ed attenuare le sovrapposizioni e i disallineamenti tra i diversi gruppi di lavoro. La sintesi dei cantieri CANTIERE EMISSION E PREVISTA PRODOTTO Piano SAL SAL FINITO lavoro precedente odierno Requisiti utente indici e allarmi prioritari 26/5 26/5 26/5 Stato di Avanzamento dei Cantieri - Sintesi AVANZAM ENTO SAL SAL precedente odierno SITUAZIONE/CRITICITÀ Rilascio come da piano requisiti indici e allarmi prioritari rilasciati continua la fase di condivisione con Rete e Marketing AZIONI/ CORRETTIVI Sistema Analitico di Marketing Requisiti utente analisi comportamentali prioritarie Requisiti funzionali, sviluppo e test funzionali 16/6 16/6 26/5 14/7 14/7 Rilascio come da piano Requisiti analisi rilasciati integrando il documento di requisiti indici e allarmi prioritari Avviate le attività Il gruppo di lavoro di sviluppo sta lavorando sui requisiti funzionali È emersa la possibilità di sviluppare il 30% degli indici proposti per il primo rilascio a causa della limitata disponibilità delle risorse Rafforzare lo staff per lo sviluppo degli indici Legenda: Non appaiono criticità rilevanti Avanzamento delle attività relative al singolo prodotto finito Prodotto finito completato Prodotto finito non completato I correttivi proposti non presentano difficoltà realizzative I correttivi proposti presentano qualche difficoltà realizzativa I correttivi proposti presentano rilevanti difficoltà realizzative Applicazioni e casi di successo Dall analisi dei progetti condotti da alcune grandi aziende negli ultimi anni, emerge un costante disallineamento tra i costi e i tempi misurati a conclusione dei progetti rispetto a quanto pianificato in fase di avvio. Il PMO trova quindi numerose applicazioni in tutti i settori e si rileva particolarmente adatto nella gestione di progetti multidisciplinari ed interfunzionali. 60

8 Project Management Office per centrare tempi e costi Qualche anno fa, una banca retail con oltre un milione di clienti ha avviato un progetto relativo alla definizione e all implementazione del sistema di supporto alla vendita. Il progetto, particolarmente ambizioso, nasceva dall esigenza di strutturare il rapporto banca-cliente in ottica di relazionale. L obiettivo era fornire al front-end un unico strumento di gestione della relazione che integrasse l operatività del cliente, la gestione dei contatti e il supporto all offerta commerciale. Il progetto aveva un forte impatto sui sistemi informativi, sull organizzazione della rete commerciale e sulla formazione. Al progetto era stato dato grande risalto all interno dell azienda e solo dopo diversi mesi, alle prime scadenze, ci si rese conto dei ritardi accumulati. Il PMO arrivò quindi a progetto avviato e al primo SAL furono evidenti le criticità. Per lo più erano imputabili alla mancanza di strutturazione delle specifiche che rendevano il lavoro sui sistemi informativi aziendali impossibile da avviare. La presentazione della situazione del progetto ai vari responsabili di cantiere fece emergere gli obiettivi di ciascuno nel breve termine e la proposta di soluzione ai problemi sopravvenuti; ciò permise in poco tempo di rientrare dai ritardi accumulati e di concludere il progetto, con piena soddisfazione della direzione, con i costi previsti. Sono nate nel frattempo una serie di esigenze che si sono trasformate in cantieri paralleli al progetto iniziale che ne sfruttano le sinergie create. Progetto CRM in una banca retail Situazione a tre mesi dall avvio del progetto Intervento del PMO alla fine del terzo mese Situazione a quattro mesi dall avvio del progetto con il supporto del PMO 20% 46% Presenti 12 criticità che appaiono difficilmente risolvibili 54% 62% Risolte le criticità, rimane un ritardo sui tempi che appare appianabile nel proseguo del progetto Una realtà aziendale di grandi dimensioni operante nella distribuzione di luce e gas con oltre clienti si è impegnata nella riorganizzazione del proprio Contact Center. In particolare il progetto ha impattato sia sui sistemi sia sull organizzazione del Contact Center con l obiettivo di: 61

9 CARTESIO attivare un processo di differenziazione dei livelli di servizio alla cliente la tramite il riconoscimento del chiamante; utilizzare canali a basso costo ( , sms); attivare un gruppo di operatori dedicato alla retention; strutturare un gruppo di operatori dedicato alla vendita di servizi outbound; migliorare i livelli medi di servizio forniti al cliente. L utilizzo del PMO ha in questo caso dimezzato i tempi di ritardo consueti in azienda per progetti di questa portata ma, soprattutto, è stato apprezzato il supporto in fase di analisi delle criticità e delle soluzioni proposte. Anche in questo caso l opera del PMO ha permesso di esaltare le sinergie tra le diverse funzioni aziendali e di sfruttarle sui nuovi progetti in avvio. Conclusioni Il PMO risponde alla necessità di pianificare, monitorare e gestire le criticità di progetti complessi ed interfunzionali per il rispetto di tempi, costi e qualità dei risultati. Per essere efficace il PMO deve: gestire i piani di lavoro e monitorare tutte le attività direttamente correlate a ciascun prodotto finito; rapportarsi quotidianamente con i responsabili di prodotto finito, la cui chiara ed univoca identificazione è essenziale per un efficiente prosecuzione del progetto; archiviare e gestire tutti i documenti ufficiali di progetto affinché i diversi gruppi di lavoro possano, attraverso la loro fruibilità, supportare adeguatamente le proprie attività; preparare e presentare periodicamente lo stato di avanzamento dei lavori ai vari responsabili di cantiere e al management evidenziando le criticità, i correttivi proposti e le azioni che possono anticipare possibili criticità future. 62

10 Project Management Office per centrare tempi e costi Il PMO è designato dal management ed è composto solitamente da un gruppo di figure esterne all azienda. Tale organizzazione permette alla direzione di avere in ogni momento una visione oggettiva e completa dell andamento del progetto e di essere in questo modo in grado di prendere le opportune decisioni. 63

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Manuale a dispense sulla sicurezza urbana / dispensa n 4 / ottobre 2012 1 23 4 56 7 8910 Gestire un progetto Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Collana a cura di: Stefano

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L Agenzia delle Entrate La sua funzione strategica, a servizio dei cittadini e

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Ecco come farsi ascoltare dai clienti

Ecco come farsi ascoltare dai clienti Ecco come farsi ascoltare dai clienti L 80% dei clienti non guarda la pubblicità, il 70% rifiuta le chiamate di vendita, il 44% non apre le email: il cliente ha chiuso la porta. La soluzione al problema

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA Requisiti Altri servizi alla persona Note per la compilazione delle schede dei requisiti Il legale rappresentante o l'operatore individuale compila una scheda dei requisiti

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 NetConsulting 2014 1 INDICE 1 Gli obiettivi della Survey...

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli