San Giorgio delle Pertiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "San Giorgio delle Pertiche"

Transcript

1 ALLE FAMIGLIE E AGLI OPERATORI ECONOMICI - n. 50 del Guida del Cittadino - Aut. Trib. RE n. 939 del 23/01/ Prop. Gruppo GuidaPiù Srl - Euro 0,13 - Copia omaggio San Giorgio delle Pertiche Edizione 2007 Stampato con tanto di foto in copertina che volete che vi dica, se non: guardate che la Guida del Cittadino merita per qualità la vostra attenzione? Il fatto è che io credo veramente a quanto appena scritto e sono convinto che lo troverete uno strumento interessante ed utile. Fatemi sapere, scrivetemi, esprimete un giudizio. Sarò lieto di dialogare con voi. GRUPPO GUIDEITALIA

2 La Guida del Cittadino intende offrire ai Cittadini un articolato strumento di informazione, utile a favorire un più consapevole orientamento in molti settori della vita civile e ad agevolare il rapporto con le Istituzioni, in primo luogo quelle locali. Attraverso la diffusione nella più ampia platea di Comuni italiani, questa pubblicazione potrà così contribuire allo sviluppo di un modello di Cittadinanza attiva ed informata, e ad una migliore fruizione dei servizi, pubblici e privati, disponibili sul territorio di riferimento. Con sentimenti di apprezzamento, il Capo dello Stato invia a quanti hanno collaborato alla realizzazione di questo meritevole progetto un augurio e un saluto cordiale, cui unisco il mio personale. Donato Marra Segretario Generale Presidenza della Repubblica

3 Torre millenaria (Foto: Antonietta Sapuppo)

4 Un giorno, del tutto casualmente, ho conosciuto Tiziano Motti e sua moglie Stefania. Mi hanno parlato della loro attività editoriale che, a dire il vero, ho capito fino ad un certo punto in quanto esulava dai normali percorsi editoriali. Con grande tranquillità Tiziano Motti e sua moglie mi spiegarono come era nata l idea e come, paese dopo paese, città dopo città, conquistavano costantemente credibilità ed attenzione da parte di un pubblico che riceveva e riceve gratuitamente la guida. In quella stessa occasione incontrai la cosiddetta forza vendite: un commando di giovani venditori che di continuo si spostano per preparare l arrivo di una nuova guida, distribuita gratuitamente alle famiglie grazie alle adesioni delle attività locali. Migliaia e migliaia di titoli ogni anno. Mi complimentai e ancora una volta mi ripetei che l Italia alla fine ce la fa per l intraprendenza e l intelligenza di alcuni. Dopo qualche mese mi è stata offerta la direzione editoriale di una nuova guida: Guida del cittadino e quindi anche delle altre collane. Mi sono entusiasmato come sempre mi entusiasmo quando mi devo occupare di qualcosa che conosco poco. Ed eccomi perciò ad augurarmi di avervi fra i lettori di Guida del Cittadino dedicata al Comune di San Giorgio delle Pertiche. Direttore Editoriale

5 Monumento al Donatore (Foto: Antonietta Sapuppo) PACCAGNELLA FRANCESCO PITTORE DECORATORE Restauri in genere Cartongesso Via Rossignolo, 4 Bis S. Giorgio delle Pertiche (PD) Tel

6 Oggi l espressione il cittadino, questo sconosciuto è stata sostituita da il cittadino, questo conosciuto, perché non è più anonimo ma finalmente un protagonista. Una persona consapevole della sua forza nella società, che scrive ai giornali, che è interlocutore in televisione, che telefona per protestare o per fare valere le sue ragioni. In altre parole fa sentire la sua voce, fa pesare la sua presenza. Si va diffondendo una cultura della cittadinanza fino a qualche anno fa impensabile. La Guida del Cittadino è la conseguenza logica di questa nuova cultura, che vede dialogare correttamente l italiano medio e il produttore di un servizio pubblico o di un bene di consumo. Consulente Editoriale ai Testi Giuridici Rispetto al passato, i cittadini hanno oggi molti mezzi che permettono loro di essere informati. Primo tra tutti Internet, che solo dieci anni fa rappresentava una novità tecnologica per pochi, poi la televisione, seguita dagli altri media. Tuttavia l efficacia dell informazione rischia paradossalmente di essere annullata dalla mancanza di organizzazione delle notizie stesse. Così, come accade per i motori di ricerca, la Guida del Cittadino si pone l obiettivo di facilitare l accesso alle informazioni di pubblica utilità, al fine di diventare un pratico manuale di uso quotidiano. Per aumentare l utilità della guida, a cui hanno aderito le massime Istituzioni, abbiamo organizzato gli argomenti trattati suddividendoli in capitoli di facile individuazione e abbiamo inserito, ad integrazione, l elenco telefonico degli operatori economici locali. Coloro che hanno già abbandonato la carta stampata a favore delle nuove tecnologie non temano: la Guida del Cittadino è presente anche in internet: Editore della collana Guida del Cittadino

7 Miniferro S.p.A. si impone come qualificato centro servizi per lo stampaggio a freddo della lamiera con spessori da 0,3 a 12 MM. Dotata di avanzate tecnologie, di risorse umane ad alto livello e di oltre trenta anni di esperienza nel settore, Miniferro S.p.A. è conosciuta ed apprezzata sui più importanti mercati internazionali. MINIFERRO SPA S. GIORGIO DELLE PERTICHE PADOVA - ITALY - Via Roma, 22/X Tel Fax indirizzo - Internet:

8 Con il Patrocinio di Città della Speranza Comune di San Giorgio delle Pertiche Gemellato con la Città di San Giorgio delle Pertiche A nome dell Amministrazione Comunale Vi proponiamo una nuova guida ai servizi del nostro territorio. Ben consapevoli che ogni giorno ricevete pubblicazioni varie, siamo convinti anche che questa nuova impostazione delle guida possa affermarsi quale valido strumento di informazione e di lavoro. Al suo interno infatti non solo troverete numeri utili, di emergenza e degli uffici pubblici ma un pratico e completo vademecum sui servizi offerti al cittadino allietate da immagini del nostro territorio. Con l auspicio che l iniziativa riscuota il Vostro apprezzamento e venga utilizzata proficuamente, ringrazio le aziende inserzioniste che ne hanno resa possibile la realizzazione e colgo l occasione per inviarvi cordiali saluti. Il Sindaco D.ssa Catia Zorzi Interno del Municipio (Foto: Archivio Comunale, Prof. Bruno Caon)

9 Arsego (Foto: Archivio Comunale, Prof. Bruno Caon)

10 Polizia di Stato La Polizia di Stato è l organo preposto a garantire la sicurezza e l ordine pubblico. Dipende dal Ministero dell'interno attraverso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza. L istituzione della prima autorità addetta alla pubblica sicurezza risale al Regno di Sardegna (1848), quando il re Carlo Alberto decretò la nascita del Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza, già allora alle dipendenze del Ministero dell Interno. Potenziata prima dell avvento del Fascismo, sciolta Arma dei Carabinieri Guardia di Finanza Il corpo che diede origine alla Guardia di Finanza fu istituito per la prima volta nel 1774, anche se l attuale denominazione è datata Si trattò del primo esempio in Italia di un corpo speciale costituito con lo scopo di effettuare servizio di vigilanza finanziaria sui confini dello Stato, oltre che difesa miliare degli stessi. Dopo l'unificazione d Italia il corpo prese il nome di Corpo delle Guardie Doganali, nome che mantenne fino al Oggi, la Guardia di Finanza è alle dirette dipendenze del Ministero da Mussolini e poi ricostituita nel 1925, l Autorità di Pubblica Sicurezza ha sempre rappresentato un punto saldo per i cittadini in termini di aiuto nel momento di necessità. Nel 1964 nacque l Accademia per la formazione degli Ufficiali. Nel 1981 la legge n. 121 portò alla formazione della Polizia di Stato come oggi noi la conosciamo, definendola un corpo civile militarmente organizzato a tutela dello Stato e dei cittadini contro reati e azioni di turbativa dell ordine Il primo gruppo dei Carabinieri fu creato da Vittorio Emanuele I di Savoia in modo da avere un corpo di polizia il più simile possibile alla Gendarmerie francese. I Carabinieri sono il corpo a cui i cittadini sono più affezionati ed hanno un ruolo importante nella cultura italiana. L organizzazione dell Arma dei Carabinieri sul territorio italiano è tale da coprire capillarmente ogni zona: dai comandi di Regione a quelli Provinciali (entrambi con funzioni prevalenti di amministrazione e coordinamento) per finire alle stazioni (più di sull intero territorio nazionale), rette solitamente da un maresciallo, che hanno la responsabilità diretta del controllo del territorio. Una figura entrata da alcuni anni nella vita dei cittadini è quella del Carabinieri di Quartiere che, insieme alla corrispondente figura appartenente al corpo della Polizia di Stato, è in grado entrare in contatto più facilmente con i singoli cittadini e presidia in particolar modo le aree urbane ad alta densità commerciale. dell Economia e delle Finanze. É uno speciale corpo di Polizia, organizzato con un assetto militare che comprende le seguenti figure: Ufficiali ed agenti di polizia giudiziaria, Ufficiali ed agenti di polizia tributaria, agenti di pubblica sicurezza. Il Corpo appartiene sia alla Forza Pubblica sia alle Forze Armate dello Stato, anche se non inquadrata nel Ministero della Difesa. I compiti della Guardia di Finanza sono stati sanciti dalla legge n. 189 del 1959, e consistono nella prevenzione, ricerca e denuncia delle violazioni e delle pubblico. La Polizia di Stato, per poter operare efficacemente in tutti i settori dove la sicurezza del cittadino può essere messa in pericolo, ha oggi una struttura molto articolata, divisa in numerosi settori: dalla Polizia Stradale a quella Cinofila, dalla Polizia delle Comunicazioni (molto attiva negli ultimi anni nel settore truffe su internet) a quella Scientifica, dai NOCS (Nuclei Operativi Centrali di Sicurezza - utilizzati in missioni particolarmente pericolose) ai Reparti Mobili. L Arma dei Carabinieri è stata elevata al rango di Forza Armata dello Stato nel 2000 (affiancandosi ad Esercito Italiano, Marina Militare Italiana, Aeronautica Militare Italiana). Dipende dal Ministero della Difesa, agli ordini diretti del Capo di Stato Maggiore. I componenti dell Arma sono utilizzati nelle missioni di pace all estero, con funzioni di polizia militare, a garantire il mantenimento dell ordine pubblico e la sicurezza delle Rappresentanze Diplomatiche italiane all estero. evasioni in tutti gli ambiti economici e finanziari (dal contrabbando alle frodi comunitarie, ad esempio), nonché nell osservazione del rispetto delle leggi e disposizioni di interesse politico-economico dello Stato. Il Corpo ha anche giurisdizione marittima per quanto riguarda fini di polizia finanziaria e di difesa politicomilitare delle frontiere. All interno del Corpo è anche presente il Servizio Alpino, attivo fin dal La Guardia di Finanza si occupa anche del mantenimento dell ordine e della pubblica sicurezza.

11 Villa Pugnalin. Balcone (Foto: Archivio Comunale, Prof. Bruno Caon)

12 Comune di San Giorgio delle Pertiche Edizione 2007 Sommario Raggiungere il Comune...pag. 12 Cartina capoluogo...pag. 13 Numeri utili - Emergenze...pag. 15 Al servizio del Cittadino...pag. 17. AMBIENTE...pag. 21. ANIMALI...pag. 25. ASSICURAZIONI...pag. 28. CASA...pag. 31. FAMIGLIA...pag. 35. IMPOSTE E TASSE...pag. 39. LAVORO...pag. 42. SANITÀ...pag. 45. VIAGGIARE...pag. 50 Elenco Telefonico Attività del Comune...pag. 53 Consigli per gli Acquisti...pag. 61 Direttore Editoriale: MAURIZIO COSTANZO Consulente Editoriale ai testi giuridici: ANTONIO LUBRANO Direttore responsabile: TIZIANO MOTTI Licenziatario del marchio/format: Gruppo Guide Italia Srl Editore: Gruppo Guide Italia Srl Società Unipersonale Castelfranco Veneto (TV) P.zza Serenissima, 60 - Fax Testata: Guida del Cittadino Autorizzazione del Tribunale di Reggio Emilia n. 939 del 23/01/1997 Testata iscritta al Registro Operatori della Comunicazione n Servizi fotografici: Archivio Comunale, Prof. Bruno Caon; Antonietta Sapuppo In copertina: Il Municipio (Foto: Archivio Comunale, Prof. Bruno Caon) Foto di Maurizio Costanzo: Luca Rebecchini Testi relativi alla Polizia di Stato approvati dal Ministero dell'interno, Dipartimento di Pubblica Sicurezza. Testi relativi all'arma dei Carabinieri e alla Guardia di Finanza elaborati dalla redazione sulla base delle informazioni disponibili nei siti ufficiali: Testi delle Forze dell'ordine sottoposti all'attenzione dei competenti uffici. Testi relativi ai servizi del Comune, approvati dall'amministrazione Comunale di San Giorgio delle Pertiche Altri testi a cura della redazione interna. Supervisione dei testi giuridici: Avvocato J.C. Cataliotti Guida del Cittadino: Copyright 2007 Casa Editrice: GRUPPO GUIDEITALIA Questo Periodico è iscritto all Unione Stampa Periodica Italiana Diffusione: Gratuita ai nuclei famigliari e alle attività economiche del Territorio Comunale di San Giorgio delle Pertiche. Distribuzione a cura di: Poste Italiane Spa Stampa: Luglio 2007 Tipografia: Litocolor - Guastalla (RE) Testo di Adesione Presidenziale: telegramma del 03 Luglio 2007, mittente: Segretariato generale del Presidente della Repubblica. Immagini, Stemma Presidenziale e grafica tratti dal sito ufficiale della Presidenza della Repubblica: Ai sensi e per gli effetti del D.Lgs n. 196 l Editore dichiara che gli indirizzi utilizzati per l invio in abbonamento postale provengono da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili a chiunque e che il trattamento di tali dati non necessita del consenso dell interessato. Ciò nonostante, in base all art. 13 dell informativa, il titolare del trattamento ha diritto di opporsi all utilizzo dei dati facendone espresso divieto tramite comunicazione scritta da inviarsi alla sede di Gruppo Guide Italia Srl. Chiesetta Maria Maddalena. Torre di Burri (foto: Archivio Comunale) Tiratura: copie

13 12 RAGGIUNGERE IL COMUNE Come arrivare In automobile: San Giorgio delle Pertiche è raggiungibile attraverso l Autostrada A4 Torino - Trieste: - uscendo al casello di Padova Ovest si può imboccare direttamente la SS 47 verso Bassano del Grappa; all altezza di Campo S. Martino si imbocca la SP 10 in direzione Borgoricco fino a S. Giorgio delle Pertiche; - uscendo a Padova Est si deve percorrere Corso Argentina e proseguire poi per la SS 307 del Santo verso Camposampiero. PER INFORMAZIONI - Autostrade SpA Numero verde Infotraffico: Tel ANAS SpA URP - Tel /352 In treno: È possibile raggiungere San Giorgio delle Pertiche tramite le linee ferroviarie Padova - Camposampiero e Padova - Castelfranco Veneto. PER INFORMAZIONI Trenitalia - Ferrovie dello Stato Call center: Tel In aereo: Gli aeroporti più vicini sono: - Treviso - Padova Gino Allegri PER INFORMAZIONI ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile Call Center: Tel Il Comune di S. Giorgio delle Pertiche Superficie: Kmq 18,80 Altitudine: mt 22 slm C.A.P.: Popolazione: (aggiornato al 30/04/2007) Confini: Nord: Camposampiero e Santa Giustina in Colle; Est: Borgoricco; Nord-Ovest: Villa del Conte; Sud: Campodarsego; Ovest: Campo San Martino e Curtarolo. Cartina del territorio A31 SS53 VICENZA A4 E70 SS307 S. GIORGIO DELLE PERTICHE SR308 PADOVA Elenco Vie Anconetta (Via)...3/4 Batan (Via)...2 Bellini (Via)...4 Biscotto (Via)...5 Bosco S. Giorgio (Via)...3 Bozo (Via)...5/6 Brenta (Via)...3/5 Buson (Via)...1 Canonica (Via)...1 Cav. di Vittorio Veneto (Via)...3 Cavini (Via)...3 Cimitero S. Giorgio (Via)...2 Cinganame (Via)...6 Contri (Via)...2 Dante (Via)...3 Del Santo (Via)...2/4/6 Desman (Via)...4 Fasolati (Via)...1/2 Fermi (Via)...2 Ferrata (Via)...2/4 Fontana (P.zza)...1 Fratte (Via)...3 Ghesso (Via)...3 Giotto (Via)...1 Maragno (Via)...1 Marconi (Via)...3/4 La Provincia di Padova Regione: Veneto Targa automobilistica: PD Superficie: Kmq Prefissi telefonici: 049 Numero comuni: 104 Popolazione: (aggiornato al 30/11/2006, fonte: Istat) Codice ISTAT: 028 Province confinanti: Venezia, Treviso, Vicenza, Verona, Rovigo E70 TREVISO A27 VENEZIA Marin (Via)...4/6 Marinei (Via)...3/5 Mascagni (Via)...4 Menele (Via)...3/5 Milan (Via)...3 Monte Grappa (Via)...1 Nievo (Via)...1 Pinaffo (Via)...3/4 Pontecanale (Via)...4/6 Puccini (Via)...4 Punara (Via)...1/3 Risorgimento (Via)...3 Roma (Via)...1/2/3 Rossini (Via)...2 Santo (Via del)...2/4/6 Strada Provinciale Strada Provinciale Strada Statale /4/6 Tergola (Via)...1 Tondello (Via)...3 Toti (Via)...5 Ungheria (Via)...1 Vecellio Tiziano (Via)...1/3 Verdi (Via)...1/3 Vivaldi (Via)...2/4 Zuanon (Via)...1

14 RAGGIUNGERE IL COMUNE 13 S. GIORGIO DELLE PERTICHE - Centro VIA PUNARA VICENZA 4 VIA ROMA VIA BUSON VIA ZUANON VERONA Aeroporto di VR VIA MILAN VIA ANCONETTA Trentino Alto-Adige VIA PUNARA VIA PUNARA V. MARAGNO VIA CANONICA VIA T. VECELLIO VIA ROMA VIA FRATTE V. NIEVO V. GIOTTO FIUME TERGOLA V. DANTE V. RISORGIMENTO V. CAV. DI VITTORIO VENETO VIA BOSCO S. GIORGIO VIA ANCONETTA VIA UNGHERIA 1 VIA MONTE GRAPPA VIA TERGOLA P.ZZA FONTANA VIA ROMA VIA TONDELLO 1 VIA FASOLATI S. P VIA VERDI V. MARCONI VIA PINAFFO VIA BATAN V. PUCCINI V. MASCAGNI VIA FASOLATI V.ROSSINI V.BELLINI VIA ANCONETTA V. FERMI VIA ROMA V.VIVALDI V. CONTRI ZONA INDUSTRIALE VIA FERRATA 2 VIA ROMA VIA CIMITERO S.GIORGIO FIUME VANDURA FIUME TERGOLINO S. S. 307 VIA DEL SANTO S. S. 307 VIA DEL SANTO 2 CARABINIERI (CAMPOSAMPIERO) OSPEDALE (CAMPOSAMPIERO) Friuli Venezia Giulia S. P. 10 VIA DESMAN VENEZIA Aeroporto di VE 4 FIUME MUSON VIA MARINEI VIA CAVINI VIA BISCOTTO LOMBARDIA VIA TOTI VIA BRENTA VIA BRENTA NORD VIA MENELE VIA MENELE VIA BOZO V. GHESSO LEGENDA PADOVA VIA MARIN VIA MARIN 5 6 Municipio Stazione Ferroviaria Scuole Campo Sportivo FERROVIA PADOVA - BASSANO VIA BOZO Emilia Romagna S. S. 307 VIA DEL SANTO VIA PONTECANALE VIA CINGANAME POLIZIA (PADOVA) VIA PONTECANALE

15 Lavorazioni meccaniche di precisione Gruppi meccanici assemblati ISO 9001: CERT. N. IT O.M.T. S.n.c. di Bonetto Marco & Federico Via Piovego 1 a Strada, ARSEGO di S. Giorgio delle Pertiche (PD) Tel Fax N.I338R1/4575D UNI EN ISO 9001:2000

16 NUMERI UTILI 15 Emergenze Soccorso Pubblico di Emergenza Polizia di Stato...Tel. 113 Carabinieri Pronto Intervento...Tel. 112 Guardia di Finanza Pronto Intervento...Tel. 117 Emergenza Sanitaria Pronto Intervento...Tel. 118 Vigili del Fuoco Pronto Intervento...Tel. 115 Corpo Forestale dello Stato Emergenza Incendi...Tel Soccorso ACI Pronto Intervento...Tel Viaggiare Informati A cura del CCISS...Tel PRESIDI LOCALI Carabinieri di Camposampiero Via Piave, 11 - Camposampiero...Tel Polizia di Stato: Questura di Padova P.tta Palatucci, 5 - Padova...Tel Polizia Stradale di Padova Via F. G. Acquapendente, 23 - Padova...Tel Polizia Municipale di Camposampiero Piazza Castello, 35 - Camposampiero..Tel Vigili del Fuoco di Cittadella Via Riva del Grappa, 11 - Cittadella...Tel VIOLENZE ALLA PERSONA Telefono Azzurro Minori...Tel Adulti...Tel Maltrattamento Minori...Tel. 114 Antiviolenza donne...tel Antibullismo...Tel SALUTE E SANITÀ Ospedale di Camposampiero Via P. Cosma, 1...Tel Municipio Comune di S. Giorgio delle Pertiche Via Canonica, 4...Fax UFFICI COMUNALI Centralino - Protocollo - URP...Tel Demografici...Tel Affari Generali...Tel Servizi alla Persona...Tel Ufficio Lavori pubblici e Manutenzione..Tel Urbanistica...Tel Ufficio Ragioneria e Personale...Tel Ufficio Tributi...Tel Biblioteca Comunale Via Roma, 89...Tel Fax UNIONE COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE Villa Campello - Via Tiso, 12 - Camposampiero Centralino...Tel Fax Comando Polizia Locale...Tel Ufficio amministrativi e Difensore Civico..Tel Protezione Civile..Tel Sportello Unico per le Imprese...Tel Farmacie Alla salute di Rigoni Via Roma, 285..Tel Carmignoto Paolo Via Verdi, 2...Tel Polizia di Stato NUMERO DI PRONTO INTERVENTO 113 Per informazioni consultare il sito internet: Da cellulare UMTS/GPRS: Emergenza Sanitaria NUMERO DI PRONTO INTERVENTO 118 Vigili del Fuoco NUMERO DI PRONTO INTERVENTO 115 Per informazioni consultare il sito internet: Da cellulare UMTS/GPRS: Arma dei Carabinieri NUMERO DI PRONTO INTERVENTO 112 UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Tel Fax Videotelefono e SMS Tel Sito: Guardia di Finanza NUMERO DI PRONTO INTERVENTO 117 UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Tel Fax Sito:

17 Oasi Parco Guizze (Foto: Archivio Comunale, Prof. Bruno Caon)

18 AL SERVIZIO DEL CITTADINO 17 Polizia di Stato La Polizia di Stato garantisce la sicurezza dei cittadini in ogni luogo (mare, montagna, città), sulle strade, sulla rete Internet. Dal 2002 è nata la figura del Poliziotto di Quartiere che, insieme alla corrispondente figura Polizia Stradale: si occupa di preservare l ordine pubblico sulle strade, di accertare le violazioni al codice della strada, di coordinare le operazioni di soccorso in caso di incidente. Ha inoltre un ruolo attivo nelle prevenzione delle cosiddette stragi del sabato sera, sensibilizzando la popolazione, i giovani in particolare, sui rischi legati alla guida in stato di ebrezza ed alle alte velocità. Polizia del mare: a diretta dipendenza della Questura territorialmente competente, la Polizia del mare garantisce la sicurezza in tutti gli ambienti lacustri, dai laghi al mare, e sulle coste. Il presidio delle acque è affidato alle volanti nautiche, mezzi in costante collegamento radio con la sala operativa della Questura. Il centro di addestramento del personale si trova a La Spezia. Polizia Scientifica: dotata dei più moderni sistemi e di tecnologie all avanguardia, la Polizia Scientifica si occupa dell analisi di ogni reperto (da un capello ad una fibra di tessuto), impronta digitale o prova rinvenuti sulla scena di un crimine. Comando c/o Questura di Padova: P.tta Palatucci, 5 - Padova - Tel Polizia Stradale di Padova: Via F. G. Acquapendente, 23 - Padova - Tel Polizia dell Immigrazione e delle Frontiere: dal 2002, a seguito della legge n. 189 (più conosciuta come legge Bossi- Fini) è stata creata la Direzione Centrale della Polizia dell Immigrazione e delle Frontiere. Spetta a questo settore della Polizia di Stato il controllo e l intervento in ogni questione riguardante l immigrazione clandestina. Tiratori scelti: perfettamente addestrati nell uso delle armi, vengono impiegati in situazioni di protezione (a distanza) di personalità od obiettivi sensibili. Sono dotati di sofisticati armamenti e dei sistemi tecnologici più moderni. É necessario essere in possesso di specifici requisiti psico-fisici per poter entrare a farne parte. appartenente all Arma dei Carabinieri, costituisce la cosiddetta Polizia di Prossimità. In ogni provincia la Questura è la proiezione territoriale del Dipartimento di Pubblica Sicurezza, e dirige e organizza l attività della Gli artificieri: si occupano dell attività antisabotaggio e della bonifica di ambienti provvedendo al disinnesco di ordigni esplosivi. Il personale è sottoposto a continuo addestramento ed aggiornamento, in collaborazione con i corrispondenti organi internazionali. Cinofili: il reparto è utilizzato soprattutto nei presidi di frontiera (terrestri e marittimi) in ausilio all attività di repressione dell immigrazione clandestina e alla lotta al contrabbando di sostanze stupefacenti e illecite. Polizia di Stato nella Provincia. Il Questore, nell'ordinamento amministrativo italiano, è Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza. È coordinatore delle forze di polizia impiegate in servizi atti a garantire l'ordine e la sicurezza pubblica. Ecco di cosa si occupano alcuni dei settori della Polizia di Stato: Polizia delle Comunicazioni: si occupa di contrastare gli illeciti provenienti da Internet, sia che si tratti di frodi informatiche (diffusione di virus, duplicazione di programmi, violazione dei diritti d autore) sia finanziarie (truffe con le carte di credito). Importantissima è la funzione della Polizia contro il fenomeno della pedopornografia. NOCS: sono il reparto addetto ed addestrato alle operazioni ad alto rischio. I NOCS sono saliti alla ribalta delle cronache più volte in caso di liberazioni di ostaggi o irruzioni per la cattura di criminali e terroristi. Sono definiti anche unità di assalto ; agiscono preferibilmente di notte, fedeli al motto silenziosi come la notte. Per poter entrare nei NOCS è necessario superare durissime prove fisiche. Il personale che ne fa parte è addestrato all uso di ogni tipo di arma e di esplosivo, è in grado di arrampicarsi sulla roccia e di gettarsi con il paracadute. Il cittadino ha a disposizione il numero gratuito 113 per richiedere aiuto al più vicino presidio di Polizia di Stato

19 18 AL SERVIZIO DEL CITTADINO Arma dei Carabinieri L Arma dei Carabinieri è chiamata a presidio del territorio ed alla sicurezza dei cittadini. Ci si può rivolgere ai Carabinieri in caso di furto di beni o Comando Carabinieri Antifalsificazione Monetaria Il personale di questo reparto è altamente specializzato e continuamente aggiornato, teoricamente e praticamente, al riconoscimento del falso nummario ed alla conoscenza delle tecniche utilizzate dai falsari. Il Nucleo Operativo venne istituito nel 1992, elevato a rango di Comando nel Quando si parla di falsificazione monetaria non si intendono le solo banconote e monete (EURO e altre valute), ma anche i titoli di Stato o di credito di varia natura, assegni, carte di credito, valori bollati, ecc. Comando Carabinieri per la Tutela della Salute I Nuclei Antisofisticazioni e Sanità dell Arma dei Carabinieri sono una delle divisioni più conosciute dai cittadini e tra quelle che possono vantare il maggior numero di riconoscimenti ed attestati di benemerenza. I NAS furono istituiti nel 1962, quando il fenomeno delle sofisticazioni alimentari cominciò a destare preoccupazione nell opinione pubblica. Da allora la presenza dei NAS sull intero territorio italiano è andata via via incrementandosi, ed oggi dispone di circa unità specializzate. Comando di Camposampiero: Via Piave, 11 - Camposampiero - Tel documenti, per chiedere di riportare l ordine pubblico (ad esempio nel caso di liti tra vicini di casa o schiamazzi notturni); intervengono in caso di incidente stradale, forniscono informazioni su come ottenere il porto d armi, assistono il cittadino vittima di reati, ecc. Gli ambiti di intervento dell Arma CC sono molteplici. Al fine di garantire un aiuto immediato e competente in ogni questione sono stati istituiti diversi Comandi (alcuni elencati qui di seguito), ognuno con un ruolo specifico. Comando Carabinieri per la Tutela dell Ambiente É il reparto specializzato per il controllo del rispetto delle norme di tutela ambientale. Il primo nucleo operativo è attivo già dal 1986: l Italia è stata la prima nazione in Europa ad intuire che le problematiche legate all ambiente, le violazioni alle disposizioni ambientali, i reati contro l ambiente necessitavano di un attenzione specifica. Il reparto è organizzato su base interprovinciale e garantisce una presenza qualificata sull interno territorio nazionale. I RIS I RIS sono i Reparti Investigazioni Scientifiche, uno dei reparti del servizio investigazioni scientifiche dell Arma dei Carabinieri. I RIS sono alle dipendenze del Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche (Ra.C.I.S.) ed operano in collaborazione le 29 Sezioni Investigative Scientifiche presenti sul territorio nazionale, e che costituiscono l organo tecnico-scientifico specializzato nei sopralluoghi sulle scene del crimine e nelle tecniche antidroga. I reparti dei RIS sono 4, ognuno con specifiche competenze: quello di Roma si occupa dei casi dell Italia centrale e di quelli più complessi a livello nazionale, mentre quelli di Parma, Cagliari e Messina sono competenti, rispettivamente, per indagini tecniche in nord Italia, in Sardegna ed in Calabria e Sicilia. Per contattare l Arma dei Carabinieri e chiederne l intervento il cittadino ha a disposizione il numero gratuito 112

20 AL SERVIZIO DEL CITTADINO 19 Guardia di Finanza La Guardia di Finanza opera in campo economico e finanziario in tutti quei settori ed in tutte quelle occasioni in cui è pregiudicato il rispetto della legge e in cui sono violate le disposizioni finanziarie e tributarie dello Stato. Si occupa anche di frodi a livello di Comunità Europea, spesso in collaborazione con i corrispondenti organi esteri. Quando si parla di Guardia di Finanza generalmente si pensa alla lotta all'evasione fiscale. In applicazione ai criteri fissati dal Ministro dell'economia e delle Finanze, la GdF effettua molteplici attività di controllo e verifica fiscale. I controlli sono di diverso tipo, a seconda che riguardino l intera attività di gestione di un azienda oppure una singola operazione finanziaria. Negli ultimi anni è stata particolarmente attiva l attività investigativa al fine di scoprire gli evasori cosiddetti totali o paratotali, ossia quei soggetti economici completamente sconosciuti dal fisco o che hanno occultato sistematicamente ed in maniera rilevante i propri redditi. I controlli hanno riguardato anche l emissione degli scontrini fiscali e delle ricevute fiscali di negozi, attività commerciali in genere, liberi professionisti. Importante, sia sul piano economico che su quello sociale, sono gli interventi della Guardia di Finanza in materia di lotta all usura ed al racket, piaga sociale che colpisce direttamente al cuore l economia dello Stato, attuata da organizzazioni criminali che sfruttano lo stato di bisogno di cittadini ed operatori economici, e che purtroppo si accompagna spesso a manifestazioni ed atti di violenza. Negli ultimi anni sono state realizzate campagne di informazione per i cittadini, per sensibilizzarli alla denuncia di questi fenomeni, che ne siano le vittime o che ne siano semplicemente a conoscenza. In collaborazione con l AAMS - Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato - la Guardia di Finanza si occupa di vigilare sul gioco d azzardo, sulle scommesse e su tutto quello che riguarda concorsi, lotterie, lotto e gioco illecito in generale, compreso il mondo di Internet. Particolarmente capillare è il controllo dei videogiochi (negli anni scorsi è stata l opera della GdF che ha portato allo smantellamento di numerosi videopoker abusivi). Comando di Padova: Via S. Francesco, Tel Altra materia molto conosciuta dai cittadini di competenza della Guardia di Finanza è la lotta alla contraffazione. Con questo termine si intende l attività di chi riproduce un bene in modo tale che possa essere scambiato per uno originale, quindi, in particolare, rientrano in questa categoria la pirateria audio/video e la violazione di marchi e brevetti. La contraffazione ha molteplici effetti: dal danno economico all azienda regolarmente detentrice di quel marchio/brevetto, all alterazione del mercato di libera concorrenza; dallo sfruttamento di soggetti deboli (cittadini extracomunitari o disoccupati, ad esempio, solitamente utilizzati dalle organizzazioni illegali che svolgono queste attività), ad un danno od un pericolo per il consumatore finale, in quanto il prodotto da lui acquistato non rispetta le normative di sicurezza che invece un prodotto originale garantisce. La GdF è chiamata anche alla vigilanza sul cosiddetto fenomeno del carovita, ossia si occupa della vigilanza dei prezzi al consumo, al fine di tutelare e mantenere un mercato di libera concorrenza. La GdF agisce in virtù dei poteri, analoghi a quelli che ha in materia di legislazione fiscale, che diversi provvedimenti normativi le hanno specificatamente attribuito. Il Corpo agisce in collaborazione con altre autorità (l AGCM - Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, l'autorità sulla Vigilanza sui Lavori Pubblici e l'autorità per l'energia Elettrica e il Gas) al fine di garantire il regolare svolgimento delle gare di appalto pubblico e della trasparenza e del rispetto delle norme concernenti l erogazioni dei servizi di pubblica utilità. Per qualunque tipo di segnalazione ed informazione il cittadino ha a disposizione il numero gratuito 117

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate Approvato definitivamente dal Parlamento l

Dettagli

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (GU n. 178

Dettagli

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI L. 20 luglio 2004, n. 189 (1). Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (1) Pubblicata

Dettagli

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze.

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. È quindi fondamentale portare le persone che posseggono animali, o vorrebbero

Dettagli

** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export

** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Vigente al: 2-3-2014 La Camera dei deputati

Dettagli

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Con la legge n. 189/2004 è stato introdotto nel Codice Penale il TITOLO IX-BIS DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI il quale modifica

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO TABELLA A PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO NORMA VIOLATA SANZIONE COMPETENZE REGOLAMENTO COMUNALE TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Tenere animali all esterno

Dettagli

QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili

QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili L Organico della Squadra Cinofili della questura di Torino è composto da: 4 UNITA CINOFILE DA ORDINE PUBBLICO/POLIZIA GIUDIZIARIA 4 UNITA

Dettagli

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali Art. 544-bis Uccisione di animali Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415

Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415 Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415 CONSUNTIVO DELL ATTIVITA OPERATIVA DEI REPARTI DEL TRIVENETO (periodo 1 gennaio

Dettagli

Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003.

Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003. COMUNE DI VILLANOVA MONDOVI Provincia di Cuneo Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003. 1 ART. 1 BENESSERE DEGLI ANIMALI 1. Chiunque detiene un animale da affezione o accetta, a qualunque

Dettagli

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo.

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo. Direzione Ordine di servizio n 131/C Firenze, 31/07/2004 Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo Loro sedi Oggetto: Legge 20/07/2004 n. 189. Disposizioni concernenti il divieto

Dettagli

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013 Ministero della Salute Dipartimento della sanitàpubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione Generale della Sanitàanimale e dei Farmaci

Dettagli

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni ITALIA: suddivisione amministrativa 20 regioni di cui 5 a statuto speciale oltre 100 province oltre 8000 comuni informazioni turistiche musei, geografia, hotel ristoranti su tutte le province italiane

Dettagli

CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi e Formazione

CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi e Formazione SETTORE COMANDO e Formazione CIRCOLARE N. 181 OGGETTO: Polizia amministrativa. Tutela e controllo degli animali da affezione "Cani e Gatti". Ordinanza 3 ottobre 2005 del Ministro della Salute (1). Integrazione

Dettagli

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ;

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO l art. 32 della Costituzione; VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 320 del 8 Febbraio

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA la seguente legge: Promulga Art. 1 (Modifiche al codice penale). 1. Dopo il titolo IX del libro II del

Dettagli

Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011

Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011 Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011 PREMESSE GENERALI Reparto Ambiente Polizia Municipale Viale Brigate Partigiane 19 16129 GENOVA Comune di Genova

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO -TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Principi ed oggetto del regolamento... 3 Art. 2 Definizioni e Normativa

Dettagli

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito Prevenzione incendi: il Ministero dell Interno ha emanato chiarimenti in merito all applicazione del regolamento di semplificazione antincendio (lettera circolare del 18 aprile 2012 prot. n. 0005555) Canale:

Dettagli

Art. 1 Sostituzione dell articolo 2 della legge regionale n. 5 del 2005

Art. 1 Sostituzione dell articolo 2 della legge regionale n. 5 del 2005 Deliberazione legislativa n. 58/2013 2 Art. 1 Sostituzione dell articolo 2 della legge regionale n. 5 del 2005 1. L articolo 2 della legge regionale 17 febbraio 2005, n. 5 (Norme a tutela del benessere

Dettagli

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Dott.ssa Annalisa Lombardini AUSL Modena L EGGE 14 agosto 1991 n. 281 Legge quadro in materia di affezione e prevenzione del randagismo 1

Dettagli

Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti

Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti Legge 189 del 20 luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti roberto mattioli massimo romeo Bologna 8 giugno

Dettagli

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano COMUNE DI GHILARZA Provincia di Oristano Regolamento Comunale per la tutela del benessere della popolazione canina domestica e la disciplina della convivenza tra l uomo e l animale Approvato con deliberazione

Dettagli

Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07

Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07 Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 308 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BRAMBILLA Modifiche al codice penale e altre disposizioni in materia di delitti contro gli

Dettagli

Task Force. Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager

Task Force. Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager Task Force Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager Convivenza con gli animali Cambiamento della società: approccio più etico nella relazione con gli animali d affezione

Dettagli

POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE

POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE PROGRAMMA: «LA SCUOLA ADOTTA UN CANILE» 2011 ATTIVITA DI CONTROLLO E INTERVENTO NORME Legge Regionale n 10

Dettagli

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA.

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA. CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze 31 Corso di Cooperazione Civile Militare (COCIM) DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA

Dettagli

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ******

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE E CONTROLLO, DEPOSITO,

Dettagli

COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE

COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE Allegato alla deliberazione consigliare n.29 del 10.05.2001 PARTE PRIMA - NORME GENERALI

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE Art. 1 Finalità Fatta salva la legislazione vigente in materia, il presente regolamento ha come scopo di disciplinare,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PAOLO NICOLÒ ROMANO, BECHIS, BRESCIA. Istituzione del Garante dei diritti degli animali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PAOLO NICOLÒ ROMANO, BECHIS, BRESCIA. Istituzione del Garante dei diritti degli animali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1237 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PAOLO NICOLÒ ROMANO, BECHIS, BRESCIA Istituzione del Garante dei diritti degli animali Presentata

Dettagli

Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale

Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale Regionale delle Serre 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE. di iniziativa del Consigliere:

PROPOSTA DI LEGGE. di iniziativa del Consigliere: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA PROPOSTA DI LEGGE STEFANO QUAINI di iniziativa del Consigliere: Avente a oggetto: MODIFICAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 22 MARZO 2000, N. 23 (TUTELA

Dettagli

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO COMPETENZE E RESPONSABILITÀ NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO PREMESSA IL PRESENTE

Dettagli

A.N.P.A.N.A. O.N.L.U.S. Associazione Nazionale Protezione Animali, Natura e Ambiente PROTEZIONE CIVILE E AMBIENTALE GUARDIE ECOZOOFILE

A.N.P.A.N.A. O.N.L.U.S. Associazione Nazionale Protezione Animali, Natura e Ambiente PROTEZIONE CIVILE E AMBIENTALE GUARDIE ECOZOOFILE A.N.P.A.N.A. O.N.L.U.S. Associazione Nazionale Protezione Animali, Natura e Ambiente PROTEZIONE CIVILE E AMBIENTALE GUARDIE ECOZOOFILE Sezione Territoriale Provinciale di Padova L A.N.P.A.N.A., Associazione

Dettagli

BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA

BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA INFORMAZIONI SOCIETARIE Denominazione Dacci una Zampa Onlus Forma giuridica - Organizzazione non lucrativa di utilità sociale Presidente Candida Naccarato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012 Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE RAVENNA - Ufficio Comando - Sezione Operazioni e Programmazione - - Via Alberoni n. 33-48121 Ravenna tel. e Fax (0544) 37122 - COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE.

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. COMUNICATO STAMPA Crotone, 14 aprile 2015 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. 1. Contrasto alle frodi fiscali e all economia sommersa. Il contrasto alle

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Calabria Legge della Regione Calabria 7 marzo 2011, n. 4, recante Misure per garantire la legalità

Dettagli

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia:

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: Nota Informativa sull attuazione delle politiche regionali N. 10/2008 Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: una prima analisi dell attuazione della legge regionale 20 luglio

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO GUARDIE PER IL SERVIZIO DI POLIZIA ECOZOOFILA

PROGRAMMA DEL CORSO GUARDIE PER IL SERVIZIO DI POLIZIA ECOZOOFILA PROGRAMMA DEL CORSO GUARDIE PER IL SERVIZIO DI POLIZIA ECOZOOFILA VOLONTARIA ED OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE FINALITÀ Il Corso organizzato dall A.N.P.A.N.A. OEPA Sezione Provinciale di Cosenza sita in

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI (Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 12.11.2013) Art. 1 OGGETTO DEL

Dettagli

PARTE TEORICA ILLUSTRATIVA

PARTE TEORICA ILLUSTRATIVA PROGRAMMA DEL CORSO GUARDIE PER IL SERVIZIO DI POLIZIA ECOZOOFILA VOLONTARIA ED OPERATORI DI PROTEZIONE CIVILE FINALITÀ Il Corso organizzato dall A.N.P.A.N.A. OEPA Sezione Provinciale di Salerno sita in

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE Titolo I. - Adozione...2 Art. 1 Finalità...2 Art. 2 Requisiti per l affidamento dell animale...2 Art. 3 Modalità

Dettagli

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell incolumità pubblica dall

Dettagli

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente Città di Benevento Ufficio Ambiente REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente INDICE ARTICOLO 1 Campo di applicazione ARTICOLO 2 Finalità ARTICOLO 3 informazioni e comunicazioni all utente ARTICOLO

Dettagli

La Sicurezza nel Territorio Nazionale. Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato

La Sicurezza nel Territorio Nazionale. Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato La Sicurezza nel Territorio Nazionale Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato 1 2 PREVENZIONE : Attività informativa Enti preposti Attività controllo territorio PCCT; Poliziotto/

Dettagli

Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF. LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO

Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF. LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria Ufficio III Coordinamento USMAF LA POLIZIA SANITARIA Dott. Virgilio COSTANZO UFFICIALI DI POLIZIA GIUDIZIARIA I Medici e il personale Tecnico addetto ai servizi

Dettagli

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 14 APRILE 2015, N. 193 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N.

Dettagli

La detenzione di animali esotici

La detenzione di animali esotici La detenzione di animali esotici La Legge regionale n. 89/1990, all articolo 1, definisce gli animali esotici: tutte le specie di mammiferi, uccelli, rettili e anfibi facenti parte della fauna selvatica

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità NORME NAZIONALI

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MUZZUPAPA DOMENICO VIA SANTA MARIA SUPERIORE N. 39 89016 RIZZICONI (RC) Telefono 0966/949317 Fax

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 Premessa Le attività nelle quali risulta impegnato il Servizio Veterinario dell

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO''

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO'' PER IL CONTENUTO DI QUESTA SEZIONE SI RINGRAZIA LA RIVISTA ARMI MAGAZINE CHE HA MESSO A DISPOSIZIONE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELL'ARTICOLO ''COMPRARE UN'ARMA'' AGGIORNATO A OTTOBRE 2004 L'ACQUISTO DELLE

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO D. ARFELLI CESENATICO. Progetto Patentino

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO D. ARFELLI CESENATICO. Progetto Patentino Progetto Patentino Nel 2000, nell Unione Europea, gli incidenti stradali hanno provocato la morte di oltre 40000 persone, per non parlare di feriti. La fascia di eta piu colpita è quella dei giovani tra

Dettagli

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO COMUNE DI SCICLI (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO PER IL FUNZIONAMENTO E PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

Regolamento di condominio, niente più divieti agli animali! Martedì 19 Novembre 2013 10:14

Regolamento di condominio, niente più divieti agli animali! Martedì 19 Novembre 2013 10:14 Caro Popolo dei Consumatori con amici pelosi al seguito, continuate a chiedervi come sia regolata dalla legge la presenza del vostro cane o gatto nel condominio in cui abitate? Leggete qua, i vostri vicini

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

La valutazione dei danno ambientale

La valutazione dei danno ambientale La valutazione dei danno ambientale Valmontone - Convegno: La Nuova Normativa Ambientale Ecoreati Ing. Leonardo Arru IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DANNO AMBIENTALE La riparazione del danno ambientale

Dettagli

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE Parchi e Giardini pubblici Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 49 del 9/07/2014 1 INDICE GENERALE REGOLAMENTO COMUNALE PARCHI E GIARDINI

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI PROTEZIONE CIVILE La normativa nazionale sulla protezione civile Legge n. 225 del 24 febbraio 1992 (Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. Direzione Sanità Pubblica Settore Sanità Animale ed Igiene degli Allevamenti LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1. PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE" (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE

REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1. PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO 9 gennaio 2014, n. 1 PROCEDURE PER LA NOMINA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE" (legge regionale n. 16 del 2001) LA GIUNTA REGIONALE ha deliberato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE visto

Dettagli

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Polizia Provinciale Il presidio e controllo del

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007. COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007. COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C.N. 09 DEL 26.03.2007 COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL CANE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il regolamento è finalizzato

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

INDICE - SOMMARIO LA GENESI DELLA TUTELA GIURIDICA DEGLI ANIMALI

INDICE - SOMMARIO LA GENESI DELLA TUTELA GIURIDICA DEGLI ANIMALI - SOMMARIO Prefazione pag. 9 PARTE PRIMA LA GENESI DELLA TUTELA GIURIDICA DEGLI ANIMALI 1. Cenni storici 12 2. La sensibilità verso gli animali 15 3. Animali e Costituzione 16 4. Animali ed Europa 20 PARTE

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Traccia 1. 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza a norma della Legge 65/1986?

Traccia 1. 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza a norma della Legge 65/1986? Traccia 1 1. Il Sindaco ha competenza in materia di ordine e sicurezza pubblica? A) No; B) Si, ma solo nei Comuni con meno di 1.000 abitanti; C) Si: 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza

Dettagli

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Grazie al contributo della micro chip anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Hanno realizzato questo opuscolo: micro chip Annalisa Lombardini Azienda USL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio

Dettagli

COMUNE DI SCANDOLARA RAVARA Provincia di Cremona

COMUNE DI SCANDOLARA RAVARA Provincia di Cremona Prot. 952 Scandolara Ravara, 12/04/2016 Ordinanza Sindacale n. 5/2016 del 12/04/2016 OGGETTO: Disposizioni per il conferimento dei rifiuti presso il Centro di Raccolta Comunale. IL SINDACO VISTO il Regolamento

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 7644 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 38 del 14-03-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 Procedimenti amministrativi in materia di commercio: Attuazione della direttiva 2006/123/CE

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE. Roma 5 e 6 dicembre 2002. Progetti di legge. regionali e nazionali

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE. Roma 5 e 6 dicembre 2002. Progetti di legge. regionali e nazionali OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma 5 e 6 dicembre 2002 Progetti di legge regionali e nazionali A cura Dr. G. Fantozzi Osservatorio Legislativo Interregionale Roma 5/6 dicembre 2002 Progetti di

Dettagli

Settore Segreteria Generale. Settore Servizi Amministrativi. Settore Polizia Provinciale. Settore Risorse Umane e Finanziarie. Settore Servizi Tecnici

Settore Segreteria Generale. Settore Servizi Amministrativi. Settore Polizia Provinciale. Settore Risorse Umane e Finanziarie. Settore Servizi Tecnici Settore Segreteria Generale Segretario Generale: Giulio Nardi e-mail: giulio.nardi@provincia.siena.it Telefono: 0577 241360 Fax: 0577 241321 Orario di ricevimento: su appuntamento Settore Servizi Amministrativi

Dettagli

Comune di Coreglia Antelminelli. Presentazione proposta di Regolamento di Polizia Urbana Incontro con i cittadini 25 settembre 2015

Comune di Coreglia Antelminelli. Presentazione proposta di Regolamento di Polizia Urbana Incontro con i cittadini 25 settembre 2015 Comune di Coreglia Antelminelli Presentazione proposta di Regolamento di Polizia Urbana Incontro con i cittadini 25 settembre 2015 La condivisione delle idee Il Comune di Coreglia Antelminelli ha ritenuto

Dettagli

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI GIUNTA

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROPOSTA DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE E CONTROLLO, DEPOSITO, GESTIONE, RACCOLTA

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Direzione Generale delle Risorse Forestali, Montane e Idriche Corpo Forestale dello Stato

Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Direzione Generale delle Risorse Forestali, Montane e Idriche Corpo Forestale dello Stato Roma, 22 luglio 2002 Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Direzione Generale delle Risorse Forestali, Montane e Idriche Corpo Forestale dello Stato DIRAMAZIONE GENERALE Divisione XIII Protocollo

Dettagli

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 AGGIORNAMENTO Delibera n.9 C.C. del 12 marzo 2012 RACCOLTA STATUTI E

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE

COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE COMUNE DI ALCAMO Provincia di Trapani QUARTA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE AMBIENTE SICUREZZA MOBILITÀ URBANA POLITICHE AGRICOLE POLITICHE ENERGETICHE

Dettagli

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 55 DEL 30.12.2005 MODIFICATO CON DELIBERA C.C. N. 31 DEL 03.06.2008 REGOLAMENTO CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Titolarità... 3 Art. 2

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2)

Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2) O.M. 3 marzo 2009 (1). Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (2) (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 23 marzo 2009, n. 68. (2) Emanata

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 GUARDIA DI FINANZA DI PIACENZA BILANCIO OPERATIVO ANNUALE ANNO 2015 Nel 2015 è proseguita l attività delle Fiamme Gialle piacentine indirizzata al raggiungimento

Dettagli

2.1.8 Legalità e sicurezza

2.1.8 Legalità e sicurezza 2.1.8 Legalità e sicurezza Legalità e sicurezza Le attività finalizzate a garantire la sicurezza urbana e la civile convivenza tra i cittadini sono svolte da: Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale al

Dettagli

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Città di Giugliano incampania Provincia di Napoli Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Approvato con Delibera del Commissario Straordinario

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. PREMESSA Il randagismo rappresenta una fonte di rischio per la popolazione umana ed animale. La diffusione di malattie infettive,

Dettagli