D.V.R. VALUTAZIONE DEI RISCHI NELL AMBIENTE DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D.V.R. VALUTAZIONE DEI RISCHI NELL AMBIENTE DI LAVORO"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. da Vinci ITI IPSIA- IPAA-IPSSAR (CSIS03900L) ITI (CSTF039015) IPSIA (CSRI039018) IPAA/IPSSAR (CSRA03901L) Via delle Gistre SAN GIOVANNI IN FIORE (CS) Tel.: Istituto: Centralino 0984/ Presidenza 0984/ Segreteria 0984/ Fax 0984/ D.V.R. VALUTAZIONE DEI RISCHI NELL AMBIENTE DI LAVORO (Ai sensi del D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 e s.m.i.) 1

2 INDICE Capitolo Argomento INTRODUZIONE 4 1. PREMESSA (descrizio della scuola) Datore di lavoro Preposto 6 2. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Responsabile del Servizio Altri componti addetti al Servizio Medico competente Incaricati del pronto soccorso Incaricati prevenzio incendi Incaricati del servizio di evacuazio in caso di emergenza LUOGHI DI LAVORO - ASPETTI GENERALI DELLA 10 STRUTTURA SCOLASTICA 3.1. Ciclo lavorativo Luoghi di lavoro Rilevazio e lotta antincendio Locali adibiti al pronto soccorso Luoghi di lavoro ed handicap Requisiti di sicurezza degli ampliamenti Vie ed uscite di emergenza Porte e portoni Vie di circolazio, zo di pericolo, pavimenti e passaggi Altezza cubatura e superficie Aerazio e temperatura Illuminazio Spogliatoi e armadi per il vestiario Gabitti e lavabi

3 Adempimenti di carattere gerale Aspetti gerali della struttura Locali e ambienti della suola INFORMAZIONE Informazio gerale e informazio particolare L informazio attuata lla scuola Informazio per le lavoratrici gestanti Manuali della sicurezza FORMAZIONE Piano annuale della formazio CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE Rappresentante dei lavoratori Riunio periodica di sicurezza Programma degli interventi e di miglioramento RICOGNIZIONE DEI RISCHI Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Rischi per la sicurezza e la salute Sede centrale Sede IPAA-IPSSAR DOCUMENTO ANTINCENDIO ED EMERGENZA Designazio addetti antincendio Piano di emergenza Registro della sicurezza antincendio LA GESTIONE DEGLI APPALTI PRESIDI SANITARI E DI PRONTO SOCCORSO Designazio degli addetti al primo soccorso Statistiche degli infortuni MACCHINARI ED ATTREZZATURE Schede delle attrezzature Prescrizioni minime di sicurezza per le macchi DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Individuazio dei dispositivi di protezio individuale Modalità di acquisto e consegna MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI VIDEOTERMINALI AGENTI CANCEROGENI Rischio Chimico AGENTI BIOLOGICI PERSONALE E MANSIONI La sicurezza delle perso Rischi legati alla mansio Rischi i luoghi di lavoro Rischi specifici lla scuola SOTTOSCRIZIONE DEL DOCUMENTO

4 INTRODUZIONE Il presente Documento, sulla valutazio dei rischi, redatto ai sensi dell art. 17 sez I del D. Lgs. 81/08, e successive modifiche, obbliga il datore dì lavoro a valutare, lla scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché lla sistemazio dei luoghi di lavoro, i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti i gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, ivi compresi anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8/10/2004 e quello riguardante le lavoratici in stato di gravidanza secondo quanto previsto dal D.Lgs. 26/03/01 n. 151, nonché quelli conssi alle differenze di gere, all età e alla provenienza da altri Paesi. Negli istituti di istruzio e di educazio di ogni ordi e grado le disposizioni sono applicate tendo conto delle effettive particolari esigenze consse al servizio espletato. Numerose sono le specificità della scuola: è l contempo luogo di lavoro per il personale docente e non docente e luogo di formazio dei futuri cittadini-lavoratori ad una cultura della prevenzio dei rischi; una peculiarità organizzativa, è certamente quella di essere luogo di lavoro con due datori di lavoro: il proprietario dei locali, tenuto a fornire strutture ed impianti a norma, soggetti alle cessarie manutenzioni ordinarie e straordinarie (antincendio, per l accoglienza dei diversamente abili ecc.) e il Dirigente Scolastico gestore ed organizzatore di un ambiente idoo all apprendimento. Il Documento vie redatto in quanto sia la scuola che i lavoratori, intesi come personale docente e amministrativo, nonché gli allievi equiparati ai lavoratori rientrano l campo di applicazio delle norme riguardanti la sicurezza sul luogo di lavoro. Dalla valutazio il datore di lavoro ha elaborato: 1. Relazio sulla valutazio dei rischi per la sicurezza e la salute durante il lavoro, lla quale sono specificati i criteri adottati per la valutazio stessa; 2. l'individuazio delle misure di prevenzio e di protezio e dei dispositivi di protezio individuale, conseguente alla valutazio di cui al punto 1; 3. il programma delle misure ritenute opportu per garantire il miglioramento l tempo dei livelli di sicurezza. Nel presente documento i tre aspetti non sono separati ma vengono individuati specifici capitoli che costituiscono la base del sistema della sicurezza. 4

5 Le diverse azioni attuative, essendo ricorrenti l tempo, verranno successivamente documentate attraverso una apposita sezio di ALLEGATI che, di fatto, costituiscono il processo di aggiornamento delle misure di prevenzio e di protezio. Per l effettuazio della valutazio dei rischi e l elaborazio del Documento Il Datore di Lavoro si è avvalso della collaborazio del Responsabile del servizio di prevenzio e protezio, previa consultazio con il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza. La valutazio e il documento saranno rielaborati o integrati ogni qualvolta verranno effettuate nuove attività lavorative, utilizzati nuovi macchinari o modificati i livelli di esposizio; sarà inoltre aggiornato in funzio delle variazioni del personale. In questo caso il Documento vie aggiornato attraverso gli ALLEGATI. Il documento vie custodito presso la Presidenza della Scuola. Un altra copia verrà custodita lla sede dell IPAA-IPSSAR. 1. PREMESSA DESCRIZIONE DELLA SCUOLA Denominazio della Scuola ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE L. DA VINCI Sede principale via Delle Gistre - loc. Olivaro Cap Tel Prov. CS Sede staccata via Croto c.da Palla Palla Cap Tel Prov. CS Comu di San Giovanni in Fiore Partita IVA Codice Fiscale n posizio INAIL n posizio INPS Addetti totali relativi all anno scolastico 2012/13 n 116 Allievi n 517 di cui 139 presso la sede dell IPAA- IPSSAR Direzio Docenti Personale ATA Altro L Istituto d Istruzio Superiore L. da Vinci si articola in quattro indirizzi: L Istituto Tecnico Industriale - ITI; L Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato IPSIA; 5

6 L Istituto Professionale per l Agricoltura e l Ambiente IPAA; L istituto Professionale di Stato per i Servizi di Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera IPSSAR I primi due indirizzi hanno sede presso la sede centrale ubicata in via Delle Gistre alla località Olivaro mentre l IPAA e l IPSSAR sono ubicati lla sede staccata in località Palla Palla del comu di San Giovanni in Fiore. In entrambe le sedi, oltre alle attività didattiche svolte in aula, gli allievi svolgono attività di laboratorio. In particolare gli allievi dell IPSIA-ITI svolgono le attività i laboratori di Chimica, di Microbiologia, di Informatica e di Elettronica. Gli allievi dell IPAA- IPSSAR svolgono le attività di laboratorio ll azienda agricola e in cucina. Numerose attività extrascolastiche, inoltre caratterizzano e completano le attività scolastiche vere e proprie come ad esempio stage aziendali svolti anche fuori dal comu e/o dalla regio, visite guidate, gite scolastiche, partecipazio a progetti, attività teatrali, partecipazio alle Olimpiadi della Matematica e della Chimica ecc. 1.1 DATORE DI LAVORO Dati identificativi del Dirigente Scolastico Nome e Cognome Maria Angela Gentile Nella sua qualità di Dirigente Scolastico Nata il 11/12/1951 a Savelli Prov. KR Residente a Savelli in via Roma c.a.p Tel.0984/ Data insediamento llo Istituto : 01/09/ PREPOSTI I Preposti così come definiti all art. 2 par. 1 lettera e del D.Lgs. 81/08 sono individuabili l D.S.G.A.e in altre figure designate dal Dirigente Scolastico quali il Vicario, i responsabili della sede staccata, i docenti coordinatori di aree, i docenti, specialmente quelli coinvolti in attività motorie e di laboratorio. Il Datore di lavoro ha formalizzato ai Preposti, le rispettive responsabilità in ordi all osservanza delle disposizioni contenute ll art. 19 del D. Lgs. 81/08 informandoli che in attuazio degli adempimenti previsti dall applicazio del D. Lgs. 81/08 riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro, in ordi allo svolgimento delle funzioni e del ruolo attribuito all interno dell organizzazio aziendale svolge, di fatto, le funzioni di preposto 2. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE L articolo 18, lettera b) testualmente recita: designare preventivamente i lavoratori incaricati dell attuazio delle misure di prevenzio incendi e lotta antincendio, di evacuare dai luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e comunque di gestire l emergenza. Attuazio dell art. 18 lettera c) ll affidare i compiti ai lavoratori tendo conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza. 6

7 Ogni soggetto è stato nominato con apposita lettera da parte del Datore di Lavoro che lo informa che fa parte del Servizio. Definizio dell Organigramma: Datore di Lavoro Prof.ssa GENTILE MARIA ANGELA Responsabile del Servizio di Prevenzio e Protezio: Prof ASTORINO FRANCESCO Medico Competente Dott. Consulente Dott. Addetti al servizio di evacuazio in caso di emergenza: MERANDI ANTONIO MARAZITA FORTUNATO PATRIZIO PATRIZIA DURANTE FILOMENA MAZZA FRANCESCO S. LORIA MARIA LORIA SALVATORE TALERICO DOMENICO Addetti prevenzio incendi e lotta antincendio MARAZITA FORTUNATO MARANO SILVANA GENTILE ROSARIO SCARCELLI CARLO TALERICO DOMENICO LORIA SALVATORE SECRETI A.M. VELTRI ROSANGELA Addetti al Salvataggio di Primo soccorso LOPETRONE TERESA AIELLO GRAZIELLA AUDIA ANTONIA AUDIA ROSA PUPO MARIO FRIIO PASQUALE AUDIA ANGELA Rappresentante dei Lavoratori Sig.ra IDA DANTI Lavoratori dipendenti 2.1. RESPONSABILE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE In attuazio a quanto previsto dagli artt. 31 e 32 del D.Lgs 81/08 il Dirigente Scolastico ha designato il Responsabile del Servizio di Prevenzio e Protezio scelto tra il personale interno alla Scuola.Il RSPP designato è in possesso delle attitudini e delle capacità adeguate come risulta dalla relativa documentazio. Nome e Cognome Francesco Astorino Nella sua qualità di Docente Nato il a San Giovanni in Fiore Prov. CS Residente ivi Via San Cristoforo,28 Cap Tel Fax 0984/

8 Note: nomina in data 01/10/2012 con lettera di incarico prot. n Tutta la documentazio relativa al RSPP, (curriculum vitae, copia attestati di frequenza e copia della nomina) si trovano ll allegato ALTRI COMPONENTI ADDETTI AL SERVIZIO Nome e Cognome Nella sua qualità di Note Francesco Mazzotta Docente lla sede IPAA-IPSSAR 2.3. MEDICO COMPETENTE Non si rientra lle categorie di lavoratori in cui è cessario il medico competente INCARICATI DEL PRIMO SOCCORSO In attuazio di quanto previsto dall art. 18, lettera b) il Datore di Lavoro ha designato i lavoratori incaricati delle misure di pronto soccorso che hanno frequentato l apposito corso di formazio sulle tematiche del primo soccorso. In apposito allegato è conservata la relativa documentazio comprovante che i lavoratori designati hanno frequentato un apposito corso di formazio. N Nominativi Ambienti di lavoro 1 LOPETRONE TERESA Sede centrale 2 AUDIA ANTONIA Sede centrale 3 AIELLO GRAZIELLA Sede centrale 4 AUDIA ROSA Sede centrale 5 FRIIO PASQUALE Sede IPAA- IPSSAR 6 PUPO MARIO Sede IPAA- IPSSAR 7 AUDIA ANGELA Sede IPAA- IPSSAR 2.5. INCARICATI PREVENZIONE INCENDI Inoltre sempre ai sensi dell art. 18 lett. b il Datore di Lavoro ha designato i lavoratori incaricati dell attuazio delle misure di prevenzio incendi anche in relazio a quanto specificamente prevede il Documento dell Evacuazio. I lavoratori che hanno seguito il corso e conseguito il regolare attestato di partecipazio sono: N Nominativi Ambienti di lavoro (piano) 1 MARAZITA FORTUNATO Sede Centrale 2 VELTRI ROSANGELA Sede Centrale 3 GENTILE ROSARIO Sede Centrale 4 SCARCELLI CARLO Sede Centrale 5 SECRETI A.M. Sede Centrale 6 MARANO SILVANA Sede Centrale 7 TALERICO DOMENICO Sede IPAA - IPSSAR 8 LORIA SALVATORE Sede IPAA - IPSSAR 8

9 In apposito allegato è conservata la relativa documentazio comprovante che i lavoratori designati abbiano frequentato un apposito corso di formazio. In merito alle designazioni dei lavoratori addetti alla lotta antincendio vedi il successivo capitolo INCARICATI DEL SERVIZIO DI EVACUAZIONE IN CASO DI EMERGENZA I lavoratori designati per questo servizio sono i seguenti: N Nominativi Ambienti di lavoro (piano) 1 MERANDI ANTONIO Sede Centrale 2 MARAZITA FORTUNATO Sede Centrale 3 PATRIZIO PATRIZIA Sede Centrale 4 DURANTE FILOMENA Sede Centrale 5 MAZZA FRANCESCO S. Sede Centrale 6 LORIA MARIA Sede IPAA - IPSSAR 7 LORIA SALVATORE Sede IPAA - IPSSAR 8 TALERICO DOMENICO Sede IPAA - IPSSAR Le nomi delle figure sensibili sono consultabili ll allegato n. 2; gli attestati dei corsi di formazio si trovano ll allegato 2 bis. 9

10 3. LUOGHI DI LAVORO ASPETTI GENERALI DELLA STRUTTURA SCOLASTICA Geralità La scuola è costituita da due edifici il primo, sede centrale, ubicato in periferia in località Olivaro del Comu di San Giovanni in Fiore. L edificio, è sorto come scuola, di recentissima costruzio. Ha ospitato la Scuola d Arte e quindi adeguato alle esigenze di quella scuola. E stato adattato, solo qualche laboratorio alle esigenze dell IPSIA- ITIS. Il secondo edificio ( sede dell IPAA-IPSSAR), è anch esso ubicato in zona periferica del comu di San Giovanni in Fiore, in località Palla-Palla. E stato di recente rimodernato. Ogni Istituto ha un area di propria pertinza delimitata da una recinzio. L edificio scolastico della sede centrale si sviluppa su 4 livelli: piano terra rialzato, piano seminterrato, primo e secondo piano. Al piano seminterrato sono ubicati: l aula magna; la biblioteca; l archivio; l aula Speciale; altra aula (ex punto ristoro); n. 4 bagni; il locale caldaia; il locale autoclave; llocale di deposito. Inoltre vi sono anche altri due locali adibiti rispettivamente a locale cister e locale autopompe. Al piano terra rialzato vi sono: n. 2 laboratori di Microbiologia; il punto ristoro; n. 2 laboratori di Chimica; n. 3 aule ( Aula 1, aula 6 e Aula 7); la sala professori; il locale per i servizi di bidelleria,; la segreteria (costituita da 5 stanze e corridoio); la presidenza con anssa sala di attesa; il laboratorio di Informatica (aula 9); 10

11 la sala dei collaboratori del dirigente; l ufficio tecnico; magazzino; corridoio; servizi igienici per studenti docenti e personale ATA. Il primo piano è costituito da: n. 13 aule; corridoio; n. 2 laboratori di Elettronica; laboratorio di Elettrotecnica; servizi igienici per studenti; l aula di Informatica; l aula-laboratorio di Automazio. Il secondo piano è costituito da: n. 8 aule; un aula adibita a laboratorio esercitazioni; servizi igienici; corridoio; magazzino adibito a deposito. L edificio scolastico, in cui hanno sede l IPAA e l IPSSAR, si sviluppa su due livelli; al primo livello, piano terra vi sono: ufficio vicepresidenza la sala insegnanti comprensiva di biblioteca; n. 8 aule; andro entrata principale (pedonale); bidelleria; sala esercitazioni; cucina; dispensa; disimpegno; spogliatoio e bagno per i lavoratori della cucina servizi igienici docenti; 11

12 servizi igienici alunni. Al primo piano vi sono: corridoio; n. 6 aule; bidelleria; guardaroba; locale lavanderia; servizi igienici alunni; stanzetta utilizzata dai bidelli per deposito materiale. Completano l Istituto un terreno agricolo, un campetto di calcio e altri fabbricati oltre l edificio principale sopra detto e che sono: magazzino-garage; Struttura multifunzio ( sala vendita prodotti aziendali (frutta e uova), ufficio, magazzino derrate, laboratorio di chimica); pollaio; serra; locale pompe; piccolo locale adibito a ripostiglio. L allegato n. 3 contie le planimetrie della sede centrale ITIS IPSIA; Le planimetrie della sede IPAA IPSSAR sono contenute ll allegato 3 bis CICLO LAVORATIVO La scuola svolge attività educativa e scolastica LUOGHI DI LAVORO Per luogo di lavoro si intende quanto precisato ll art. 62 del DLgs. 81/08. Attraverso il presente Documento il Datore di Lavoro, dichiara che i luoghi di lavoro rispondono ai requisiti previsti dal Titolo II, articolo 63 e meglio precisati ll allegato IV del suddetto decreto Rilevazio e lotta antincendio. I luoghi di lavoro, (sede centrale), sono stati dotati di dispositivi adeguati per combattere l'incendio con rilevatori di incendio e di sistemi di allarme conformemente alle attrezzature presenti, alle dimensioni dell edificio e del numero massimo di perso che possono essere presenti. Sempre lla sede centrale esistono anche i dispositivi non automatici di lotta antincendio.nella sede IPAA-IPSSAR sono collocati dispositivi non automatici di lotta antincendio in zo facilmente accessibili e utilizzabili dal personale addetto. La segnaletica, conforme alla normativa vigente,è collocata i luoghi appropriati ed è realizzata in materiale duraturo. LE SPECIFICHE SONO CONTENUTE NEL PIANO DI EMERGENZA. 12

13 Locali adibiti al pronto soccorso. Non esistono appositi locali adibiti al pronto soccorso, ma esistono, per quanto riguarda la sede centrale, alcuni armadietti, (cassette di pronto soccorso), i laboratori contenti i dispositivi medici e i farmaci cessari; lla sede dell IPAA-IPSSAR le cassette di pronto soccorso sono ubicate in cucina e in bidelleria Luoghi di lavoro ed handicap Tutti i luoghi di lavoro sono stati, come si evince dal progetto tecnico, strutturati tendo conto di eventuali lavoratori interni o allievi portatori di handicap Requisiti di sicurezza degli ampliamenti Per gli adeguamenti e gli ampliamenti della Scuola le competenze sono in ordi all Amministrazio Provinciale che cura con l assistenza del progetti la richiesta dei relativi provvedimento autorizzativi. Le procedure vengono anche attivate i confronti dei Vigili del Fuoco ai fini del CPI Vie ed uscite di emergenza Le vie di emergenza sono senza ostacoli al fi di favorire un deflusso che consente alle perso che occupano luoghi all interno della Scuola di raggiungere un luogo sicuro attraverso una uscita di emergenza che immette in un luogo sicuro. Il Piano di evacuazio e le relative prove di simulazio che verranno effettuate a cura del Servizio di Prevenzio e Protezio informano e formano i lavoratori e gli allievi sulle modalità, che in caso di pericolo, di come poter essere evacuati i luoghi di lavoro rapidamente e in piena sicurezza. Il numero, la distribuzio e le dimensioni delle vie e delle uscite di emergenza, come previsto l progetto e l piano di emergenza, sono adeguate alle dimensioni dei luoghi di lavoro, alla loro ubicazio, alla loro destinazio d'uso, alle attrezzature in essi installate, nonchè al numero massimo di perso che possono essere presenti in detti luoghi. Le vie e le uscite di emergenza hanno, come previsto l progetto e l piano di emergenza, altezza minima di m 2,0 e larghezza minima conforme alla normativa vigente in materia antincendio. Le uscite di emergenza sono dotate di porte, munite di maniglia antipanico, apribili l verso dell'esodo e, qualora siano chiuse, si aprono facilmente ed immediatamente da parte di qualsiasi persona che abbia bisogno di utilizzarle in caso di emergenza. Le porte delle uscite di emergenza non sono mai chiuse a chiave, se non in casi specificamente autorizzati dall'autorità competente. Le vie e le uscite di emergenza sono evidenziate da apposita segnaletica, conforme alle disposizioni vigenti, durevole e collocata in luoghi appropriati. Le vie e le uscite di emergenza sono dotate di un'illuminazio di sicurezza di intensità sufficiente, che entri in funzio in caso di guasto dell'impianto elettrico. La Scuola non presenta pericoli di esplosioni o specifici rischi di incendio in base ai prodotti utilizzati, l piano antincendio sono tuttavia indicati i locali a rischio di incendio e le procedure dell attuazio dell emergenza e dell uso dei DPI appropriati Porte e portoni Le porte dei locali di lavoro sono, per numero, dimensioni, posizio, e materiali di realizzazio, state realizzate al fi di consentire una rapida uscita delle perso ed essere agevolmente apribili dall'interno durante il lavoro. In base alle tipologie lavorative della Scuola in uno stesso locale i lavoratori normalmente ivi occupati, ovvero gli studenti, non sono di media superiori a 25 e pertanto le porte ed i portoni hanno le dimensioni standard. Naturalmente in base alle esigenze dei Locali dove può esserci una presenza maggiore, aula magna, palestra o simili le porte hanno apertura maggiori al fi di poter consentire il passaggio di tutto il personale e gli allievi. Nei locali di lavoro ed in quelli adibiti a magazzino non sono presenti porte scorrevoli, saracische a rullo o porte girevoli su asse centrale.. Le porte ed i portoni ad azionamento meccanico, sia in base alla loro progettazio sia in base al programma di manutenzio, funzionano senza rischi di infortuni per i lavoratori. Sono muniti di dispositivi di arresto di emergenza facilmente identificabili ed accessibili e poter essere aperti anche manualmente, salvo che la loro apertura possa avvenire automaticamente in caso di mancanza di ergia elettrica. Le porte situate sul percorso delle vie di emergenza sono contrassegnate in maniera appropriata con segnaletica durevole conformemente alla normativa vigente. Esse devono poter essere aperte, in ogni momento, dall'interno senza aiuto speciale. 13

14 Vie di circolazio, zo di pericolo, pavimenti e passaggi Le vie di circolazio, comprese scale e rampe di carico, sono state progettate e calcolate, dal progettista, in modo tale che i pedoni o i veicoli possano utilizzarle facilmente in piena sicurezza e conformemente alla loro destinazio e che i lavoratori operanti lle vicinanze di queste vie di circolazio non corrano alcun rischio. Il calcolo delle dimensioni delle vie di circolazio per perso ovvero merci si è basato sul numero potenziale degli utenti e sul tipo di impresa. Alcu vie di circolazio utilizzate da mezzi di trasporto prevedono per i pedoni una distanza di sicurezza sufficiente. Le vie di circolazio destinate ai veicoli passano ad una distanza sufficiente da porte, portoni, passaggi per pedoni, corridoi e scale. Le zo di pericolo sono state segnalate in modo chiaramente visibile. I pavimenti degli ambienti di lavoro e dei luoghi destinati al passaggio non presentano buche o sporgenze pericolose e sono in condizioni tali da rendere sicuro il movimento ed il transito delle perso e dei mezzi di trasporto. Sono state date opportu disposizioni affinché, qualora per evidenti ragioni tecniche non sia possibile eliminare completamente dalle zo di transito ostacoli fissi o mobili che costituiscono un pericolo per i lavoratori o i veicoli che tali zo devono percorrere, gli ostacoli devono essere adeguatamente segnalati Altezza, cubatura e superficie I limiti minimi per altezza, cubatura e superficie dei locali chiusi destinati al lavoro lla Scuola sono comprensivi l progetto e regolarmente autorizzati dalle amministrazioni competenti. Questa resta peraltro una competenza esclusiva del Comu/Provincia che detie la proprietà dell immobile nonché la destinazio d uso e deve garantir la costante manutenzio ed eventuali opere di adeguamento Aerazio e temperatura Nei luoghi di lavoro chiusi, tendo conto dei metodi di lavoro e degli sforzi fisici ai quali sono sottoposti i lavoratori, sono state previste idoe misure affinché essi dispongano di aria salubre in quantità sufficiente anche ottenuta con impianti di aerazio. La temperatura i locali di lavoro è adeguata all'organismo umano durante il tempo di lavoro, tenuto conto dei metodi di lavoro applicati e degli sforzi fisici imposti ai lavoratori Illuminazio I luoghi di lavoro dispongono di sufficiente luce naturale. In ogni caso, tutti i predetti locali e luoghi di lavoro devono essere dotati di dispositivi che consentono un'illuminazio artificiale adeguata per salvaguardare la sicurezza, la salute e il bessere di lavoratori Spogliatoi e armadi per il vestiario Lo spogliatoio esistente lla sede IPAQA-IPSSAR, convenientemente arredato ha una capacità sufficiente, e trovasi vicino ai locali di lavoro aerato, illuminato, ben difeso dalle intemperie, riscaldato durante la stagio fredda e munito di sedile. Lo spogliatoio è dotato di attrezzature, armadietti, che consentono a ciascun lavoratore di chiudere a chiave i propri indumenti durante il periodo di lavoro Gabitti e lavabi. I lavoratori dispongono, in prossimità dei loro posti di lavoro, di gabitti e di lavabi con acqua corrente calda, se cessario, e dotati di mezzi detergenti e per asciugarsi. Per uomini e don sono stati previsti gabitti separati Adempimenti di carattere gerale In base alle misure previste l presente Documento e l Piano di Emergenza si è provveduto affinché: a) le vie di circolazio inter o all'aperto che conducono a uscite o ad uscite di emergenza e le uscite di emergenza siano sgombre allo scopo di consentir l'utilizzazio in ogni evenienza; b) i luoghi di lavoro, gli impianti e i dispositivi vengano sottoposti a regolare manutenzio tecnica e vengano eliminati, quanto più rapidamente possibile, i difetti rilevati che possano pregiudicare la sicurezza e la salute dei lavoratori; 14

15 c) i luoghi di lavoro, gli impianti e i dispositivi vengano sottoposti a regolare pulitura, onde assicurare condizioni igieniche adeguate; d) gli impianti e i dispositivi di sicurezza, destinati alla prevenzio o all'eliminazio dei pericoli, vengano sottoposti a regolare manutenzio e al controllo del loro funzionamento ASPETTI GENERALI DELLA STRUTTURA Sede centrale Aree ester Superficie Destinazio delle aree Parcheggi, area da destinare a campetto di pallavolo/basket Recinzio L area è completamente recintata Cancelli ed ingressi Cancello automatico per ingresso automobili e cancello per ingresso pedoni Illuminazio artificiale Secondo le norme vigenti Fonti di rumore e inquinamento Assenti Afflusso perso/giorno 50 Accesso consentito a tutti Sede IPAA IPSSAR Aree ester Superficie Destinazio delle aree Parcheggi, area da destinare a campetto di pallavolo/basket Recinzio L area è completamente recintata Cancelli ed ingressi Cancello manuale per ingresso automobili e pedoni Illuminazio artificiale Secondo le norme vigenti Fonti di rumore e inquinamento Assenti Afflusso perso/giorno 15 Accesso consentito a tutti 15

16 3.4. LOCALI E AMBIENTI DELLA SCUOLA In questo capitolo sono identificati tutti gli ambienti del plesso scolastico inteso come luogo di lavoro. I relativi rischi, in relazio alle specifiche attività lavorative, sono evidenziati l Capitolo 7 con singole schede contrassegnate da un numero. Il numero relativo è riportato lla colonna A. Tutte le attrezzature ed i macchinari, sono evidenziate l Capitolo 11 con singole schede contrassegnate da un numero. Le schede delle attrezzature si trovano in un apposito allegato. Il numero relativo di ogni attrezzatura è riportato: lla colonna B per quanto attie alle attrezzature fisse del luogo di lavoro; Le emergenze, evacuazio ed antincendio sono evidenziati ll apposito Documento dell Emergenza di cui al Capitolo 8. Nella colonna C è indicato il capitolo dell emergenza relativo allo specifico ambiente di lavoro. 16

17 (esempio) CODICE DESTINAZIONE LOCALI A RISCHIO SI NO A B C Attrezz Fisse n Rischi vedi cap Emerg vedi cap. SCHEDA n. Codice DESCRIZIONE DELL AMBIENTE (comu o singolo) AULE TIPO A (Palestra, Aula magna, Laboratorio, ecc) Altezza locali m. Media alunni presenti n. Docenti Esterni NO ILLUMINAZIONE DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE X Naturale X artificiale schermatura di emergenza AERAZIONE DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE X naturale forzata Aspirazioni locali RISCALDAMENTO DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE Impianto autonomo X Impianto centralizz altro SICUREZZA DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE X uscite X segnaletica X estintori X rilevatore fumi impianto allarme TIPOLOGIA LOCALE DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE X Porte inter X Porte ester X Porte antincendio X Porte tagliafuoco X Pavimenti X Pareti X fistre X corridoi e transito X scale inter IMPIANTI DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE X elettrico X Gas X termico antincendio 17

18 X aspirazio RUMORE DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE fonte livello VIDEOTERMINALI DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE numero PC numero stampanti X ergonomia X orientamento luce ESPOSIZIONI AGENTI DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE chimici fisici biologici fumi polveri MONTACARICHI DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE ascensore perso X di servizio trasporto carichi PRONTO SOCCORSO DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE X armadietto X pacchetto medicaz infermeria PULIZIA DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE X Giornaliera X Settimanale MOVIMENTAZIONE DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE CARICHI X Manuale Uso dei DPI VARIE DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE 18

19 4.0 INFORMAZIONE Premessa e finalità Il tema dell'informazio ai lavoratori è stato sviluppato, dal D.Lgs 81/08, sia a livello gerale sia in relazio alle singole tipologie di rischio previste dallo stesso decreto (uso delle attrezzature di lavoro, dispositivi di protezio individuale, ecc.). L informazio è uno degli obblighi gerali dei datori di lavoro, dei dirigenti e dei preposti. Ciò che contraddistingue l'informazio ai lavoratori disciplinata dal D.Lgs 81/08, rispetto a quanto previsto dalla legislazio precedente, non è, quindi, la novità in sé del concetto, ma la sua chiave di lettura: l'informazio è non solo e non tanto un obbligo del datore di lavoro, ma soprattutto uno strumento di partecipazio, l contesto di una cultura prevenzionistica, ispirata dalla direttiva 89/391/CEE, che considera i lavoratori come veri e propri "attori" in materia e non più come semplici destinatari di obblighi posti a carico di altri soggetti 4.1. INFORMAZIONE GENERALE E INFORMAZIONE PARTICOLARE Il Servizio di Prevenzio e Protezio, al fi di unificare ed uniformare l informazio, in attuazio dell art. 36del D.Lgs. 81/08, ha stabilito un piano capillare di informazio che riguarda tutto il personale dipendente in servizio e, annualmente, tutti gli allievi frequentanti l istituzio scolastica. Il piano di informazio per tutto il personale dipendente, attuato dal Datore di Lavoro, per il tramite del Servizio di Prevenzio e Protezio, prevede l attuazio completa dell art L INFORMAZIONE ATTUATA NELLA SCUOLA Per quanto riguarda l informazio, lla riunio periodica svoltasi in data 05/11/2012 si è deciso che il programma di informazio dei lavoratori sarà sviluppato in concomitanza dello svolgimento dei collegi dei docenti in modo da avere una costante e continua informazio l tempo. Al responsabile del Servizio vengono affidati i compiti organizzativi ed operativi anche in relazio alle decisioni stabilite lla Riunio Periodica. Ciascun lavoratore ha diritto di ricevere una informazio adeguata in materia di prevenzio e protezio. Il Responsabile del servizio si assicura che, ai sensi dell art. 36 del D.lgs. 81/08, l informazio vie resa in forma agevolmente comprensibile, e riferita: a) ai rischi per la sicurezza e la salute conssi all'attività dell'impresa in gerale; b) alle misure ed alle attività di protezio e prevenzio adottate; c) ai rischi specifici, cui è esposto il lavoratore in relazio all'attività svolta ed alle normative di sicurezza ed alle disposizioni aziendali in materia; d) ai pericoli conssi all'uso delle sostanze e dei preparati pericolosi; e) alle procedure ed ai nominativi dei lavoratori incaricati di applicare le misure che riguardano il pronto soccorso, la lotta antincendio e l'evacuazio dei lavoratori; f) al nominativo del responsabile del Servizio di prevenzio e protezio e del medico competente (ove nominato). 19

20 4.3 INFORMAZIONE PER LE LAVORATRICI GESTANTI Deve essere assicurata una specifica informazio a tutte le lavoratrici gestanti o puerpere ai sensi del D. Lgs. 25 novembre 1996, n In questo caso si è dato incarico esterno ai fini di predisporre di uno specifico programma di informazio sia attraverso l uso di manuali appositi sia con progetto per un breve corso di formazio. Tutte le perso interessate devono far apposita richiesta alla Direzio MANUALI DELLA SICUREZZA Possono essere predisposti, in allegato al Documento di, a cura del Datore di Lavoro, specifici MANUALI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO. Ogni specifico Manuale integra e completa le misure di prevenzio previste l Documento e vie consegnato ed illustrato ad ogni lavoratore quale informazio di base per la sicurezza e quale primo adempimento agli obblighi di cui all art

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA MAN - Pag. 1 di 12 MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA AI SEN SI DELL AR T. 30 D.Lg Lgs. 81/20 08 MAN - Pag. 2 di 12 Attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Piano di esodo INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Il piano di emergenza deve essere predisposto per ogni luogo di lavoro. Per luoghi di lavoro di

Dettagli

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno PERICOLO: proprietà intrinseca di un fattore (attrezzature, sostanze, pratiche di lavoro ecc.) di poter causare danni RISCHIO: è la probabilità che si verifichino

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze Adempimento degli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008.

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI D.Lgs. 626/94 DM 689/59 D.Lgs. 277/91 Legge 46/90 DPR 547/55 DPR 412/93 DPR 303/56 DPR 915/82 NORME CEI DM 392/96 Legge 186/68 MAGAZZINO RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI

Dettagli

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it euservice

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Comune di Prato Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis

IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis Cosa si intende per rischio nei luoghi di lavoro? (Art.2 DLgs 81/08): probabilità di raggiungimento del livello potenziale

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. L'edificio scolastico l plesso SCUOLA PRIMARIA si sviluppa su due livelli

SCUOLA PRIMARIA. L'edificio scolastico l plesso SCUOLA PRIMARIA si sviluppa su due livelli SCULA PRIMARIA L'edificio scolastico l plesso SCULA PRIMARIA si sviluppa su due livelli Al primo livello (piano terra) vi sono: androne entrata principale ufficio presidenza n. 8 aule per gli alunni; n.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Il Liceo Scientifico Giovanni da Procida è ubicato in via De Falco, traversa di via Manganario, con succursale nell ex Seminario Regionale,

Dettagli

ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice

ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice DICHIARAZIONE DEL DATORE DI LAVORO DELL IMPRESA APPALTATRICE IN MERITO AL POSSESSO DEI REQUISITI TECNICO PROFESSIONALI OBBLIGATORI

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa:

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa: Premessa: La scuola sicura In che modo salvaguardare la sicurezza nelle scuole? Quali sono i principali rischi per docenti e studenti? Cosa fare in caso di situazioni di emergenza? Come proteggersi da

Dettagli

81@euservice.it oppure al fax: 0623325743

81@euservice.it oppure al fax: 0623325743 Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it oppure al

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Oggetto dell appalto: Contratto per la gestione dell impianto sportivo calcistico Aldo Nelli in località Oste Dirigente/

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO Art. 1 Campo di applicazione Il regolamento si applica a tutte le attività istituzionali dell Università

Dettagli

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA 01. E stata effettuata una specifica Valutazione dei rischi associati alle porte dei locali, e alle porte e vie di uscita in caso di emergenza 02. Le porte dei locali di lavoro consentono una comoda e

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

PAIS. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico: controlli, adempimenti, aggiornamenti. Andrea Bighi - Dirigente Scolastico

PAIS. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico: controlli, adempimenti, aggiornamenti. Andrea Bighi - Dirigente Scolastico L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico: controlli, adempimenti, aggiornamenti Andrea Bighi - Dirigente Scolastico All inizio di ogni anno scolastico il Dirigente dell Istituto è chiamato

Dettagli

La SSL nella Polizia di Stato DOMANI

La SSL nella Polizia di Stato DOMANI Via Alessandria 220/E - 00198 Roma LA CLASSIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI IN RELAZIONE ALLA NORMATIVA Ambienti di lavoro CRISTIANO DE LUCA 1 La SSL nella Polizia di Stato DOMANI BOZZA REGOLAMENTO

Dettagli

La Sicurezza in tasca

La Sicurezza in tasca La Sicurezza in tasca Un accenno alla normativa che disciplina la sicurezza nei luoghi di lavoro Gli attori della sicurezza: ruoli e responsabilità Categorie particolari: tutela lavoratrici madri Tipo

Dettagli

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Introduzione Poiché, anche a seguito della valutazione effettuata in conformità all art. 4, comma 1, del D.Lvo 626/94, risultano rischi che non possono

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA

LAVORARE IN SICUREZZA STUDIO STUDIO TECNICO TECNICO SICUREZZA SICUREZZA ING ING LEO LEO DE DE SANTIS SANTIS via Matteotti 8/B Giulianova (TE) via Matteotti 8/B Giulianova (TE) tel/fax: 085 8007276 tel/fax: 085 8007276 LAVORARE

Dettagli

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs.

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. CLI:1608 Committente: COMUNITA MONTANA DELL ESINO-FRASASSI via DANTE, FABRIANO - (AN) 0732-6951 Ditta Appaltatrice: ragione sociale indirizzo recapito telefonico e fax OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione IL D.LGS. 81/08 (come già previsto dal D.Lgs.. 626/94) INDICA IL PERCORSO DA COMPIERE PER INNALZARE IL LIVELLO DI SICUREZZA E QUALITA

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per gli studenti Strumento d informazione ai sensi del D. Lgs. 81/2008. L utente è tenuto a conoscerne

Dettagli

Capitolo 5 Gestione nel tempo della sicurezza

Capitolo 5 Gestione nel tempo della sicurezza pag. 1/6 Capitolo 5 Gestione nel tempo della sicurezza 5.1 GESTIONE NEL TEMPO DELLA... 2 5.2 SORVEGLIANZA SANITARIA... 4 5.3 PRONTO SOCCORSO... 5 REV DATA REDATO DA DESCRIZIONE FIRMA DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica Anno Scolastico 2013/2014 e 2014/2015 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I.

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PERIODO: ANNI 2013 E 2014

Dettagli

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita Alcuni dati: andamento storico (Fonte INAIL) Alcuni dati

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro LEGGE DI MURPHY Niente è facile come sembra Tutto richiede

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA

DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA Prot. n. 840/A20i DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA VIA CORSI, 1- R.S.P.P. prof. Federico

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI OCCUPAZIONALI A SUPPORTO DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE DI UNO SCI CLUB - Pag. 1 di 15 - RACCOLTA INFORMAZIONI INIZIALI Realtà operativa Dati dello Sci Club, tipologia di

Dettagli

RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori

RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori OBIETTIVO DEL CORSO: Acquisire nozioni utili in tema di salute e sicurezza, conoscere compiti e responsabilità dei soggetti

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli

VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015

VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015 VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015 Di seguito vengono riportati i principali adempimenti da assolvere, in base alla tipologia di istituto scolastico, mansioni

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza In collaborazione con: Con il coordinamento scientifico di: Tabella 1. Prospetto delle Classi di Laurea Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Normativa Con l'introduzione

Dettagli

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI)

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) Ente committente: La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Art. 26 D.Lgs. 81/2008 Fornitura di generi alimentari per

Dettagli

Convegni. La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato

Convegni. La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato Convegni La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato Dott. Emanuele Garavello Avvocatura Curia Arcivescovile della Arcidiocesi di Milano Ottobre 2013 1 INDICE Protagonisti della sicurezza. Adempimenti.

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

(D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni)

(D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni) Catalogo Corsi di Formazione in materia di Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni) Per ulteriori informazioni e per conoscere le date dei corsi pianificati scrivere

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche ALLEGATO A CARATTERISTICHE TECNICHE DEI LOCALI DA ADIBIRE AD ARCHIVIO DI DEPOSITO Sommario 1. Caratteristiche generali... 2 2. Ubicazione... 2 3. Strutture esterne e dimensioni... 2 4. Diapositivi di sicurezza...

Dettagli

SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA. 21/05/2012 SCARINZI Roberto. 1 di 63

SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA. 21/05/2012 SCARINZI Roberto. 1 di 63 ADEMPIMENTI A CARICO DELLA PROVINCIA PER LA MESSA A NORMA ED IN SICUREZZA DELLA SEDE CENTRALE DELL ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE SERVIZI COMMERCIALI E TURISMO SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA 21/05/2012 SCARINZI

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. BERTHER Piazza Marconi, 2 25010 SAN ZENO (BS) 27/05/2013 SCARINZI Alessandra

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

IL NUOVO QUADRO DELLE SANZIONI ANTINCENDIO. Art. 20 co. 1 D.Lgs. 139 del 08.03.2006

IL NUOVO QUADRO DELLE SANZIONI ANTINCENDIO. Art. 20 co. 1 D.Lgs. 139 del 08.03.2006 IL NUOVO QUADRO DELLE SANZIONI ANTINCENDIO OMISSIONE NORMA VIOLATA NORMA PENALE SANZIONE Omessa richiesta di rilascio o rinnovo di certificato di prevenzione incendi Art. 20 co. 1 D.Lgs. 139 del 08.03.2006

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALL ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIER FORTUNATO CALVI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALL ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIER FORTUNATO CALVI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALL ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIER FORTUNATO CALVI VIA C. MARCHESI, 73 32100 BELLUNO 24/04/2014 SCARINZI Roberto

Dettagli

COMUNE DI VERONA C.d.R. Spettacolo

COMUNE DI VERONA C.d.R. Spettacolo COMUNE DI VERONA Servizi Consulenza Tecnica Organizzativa Michele Gallo Direzione Area Cultura COMUNE DI VERONA C.d.R. Spettacolo T E ATRO C AM PLOY DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI O ttobr e 2003 D.

Dettagli

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.)

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Sezione o Faldone Argomento Documentazione Rif. Legislativo Documento: Emittente / Oggetto

Dettagli

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro Chi svolge l attività in forma individuale, e senza avere dipendenti subordinati, non ha obblighi in materia di formazione sulla

Dettagli

Manuale delle procedure per la sicurezza a scuola

Manuale delle procedure per la sicurezza a scuola Manuale delle procedure per la sicurezza a scuola MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi dell art.30 del d.lgs. 81/08 come modificato dal d.lgs. 106/09 Nti Questo

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto) Il presente documento unico di valutazione dei rischi da interferenze è redatto ai fini dell adempimento

Dettagli

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche D.Lgs.81/2008 e seguenti D.M. 26 agosto 1992 D.M. 1 0 Marzo 1998 D.P.R. 151/2011 Anno 2012 Il luogo di lavoro LA SCUOLA Il Dirigente

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE (Preliminare) (Art. 26 Decreto Legislativo 81/08) GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA MANUTENZIONE

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto di Istruzione Superiore Guglielmo Oberdan Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica viale Merisio n. 14-24047 TREVIGLIO (BG)

Dettagli

INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18)

INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18) INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18) SEZIONE A RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DEL PROCESSO INFORMATIVO RELATIVO ALLA SICUREZZA

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE CorsoCairoli, 10 70018 Rutigliano(BA) 080 4761018 - fax 080 4778168 Scuole dell Infanzia: Giovanni PaoloII 080 4761590; Gianni Rodari 080 4767426 http://www.scuolasettanni.it E- Mail: baee15500v @ istruzione.it

Dettagli

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA Relazione prevenzione incendio Pag. 1 di 16 NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli PROPRIETA : OGGETTO: ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA ELABORATO: RELAZIONE TECNICA Relazione prevenzione incendio

Dettagli

Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE

Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE Allegato 3 Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA CUREZZA E LA SALUTE Legale Rappresentante Datore di lavoro Preposti Responsabile del Servizio

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

QUESTIONARIO QUESTIONARIO UNICO PREPOSTO.

QUESTIONARIO QUESTIONARIO UNICO PREPOSTO. 1/6 01.DEFINIZIONE DI PERICOLO O FATTORE DI RISCHIO: PROPRIETA O QUALITA INTRINSECA DI UN FATTORE AVENTE IL POTENZIALE DI CAUSARE DANNI. PROPRIETA CHIMICO FISICHE DI UNA SOSTANZA ESPLOSIVA. PROPRIETA CINETICHE

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI PREMESSA Se nello studio medico/ambulatorio sono presenti lavoratori (dipendenti) ad esempio addetti alla segreteria, addetti alle pulizie ovvero

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro (Artt. 17, 28, 29 D.lgs 81/08 ) Azienda: Sede legale: Unità locale: Azienda agricola

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it VERBALE DI INFORMAZIONE

Dettagli

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 rev. 15/10/08 Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute,

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I.

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I. COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. A.S. 2013/2014 A.S. 2014/2015

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE 1

CORSI DI FORMAZIONE 1 CORSI DI FORMAZIONE 1 2 CORSI PER ADDETTI ANTINCENDIO Questa lezione costituisce il Corso obbligatorio per tutti i lavoratori che svolgono incarichi relativi alla prevenzione incendi, lotta antincendio

Dettagli