D.V.R. VALUTAZIONE DEI RISCHI NELL AMBIENTE DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D.V.R. VALUTAZIONE DEI RISCHI NELL AMBIENTE DI LAVORO"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. da Vinci ITI IPSIA- IPAA-IPSSAR (CSIS03900L) ITI (CSTF039015) IPSIA (CSRI039018) IPAA/IPSSAR (CSRA03901L) Via delle Gistre SAN GIOVANNI IN FIORE (CS) Tel.: Istituto: Centralino 0984/ Presidenza 0984/ Segreteria 0984/ Fax 0984/ D.V.R. VALUTAZIONE DEI RISCHI NELL AMBIENTE DI LAVORO (Ai sensi del D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 e s.m.i.) 1

2 INDICE Capitolo Argomento INTRODUZIONE 4 1. PREMESSA (descrizio della scuola) Datore di lavoro Preposto 6 2. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Responsabile del Servizio Altri componti addetti al Servizio Medico competente Incaricati del pronto soccorso Incaricati prevenzio incendi Incaricati del servizio di evacuazio in caso di emergenza LUOGHI DI LAVORO - ASPETTI GENERALI DELLA 10 STRUTTURA SCOLASTICA 3.1. Ciclo lavorativo Luoghi di lavoro Rilevazio e lotta antincendio Locali adibiti al pronto soccorso Luoghi di lavoro ed handicap Requisiti di sicurezza degli ampliamenti Vie ed uscite di emergenza Porte e portoni Vie di circolazio, zo di pericolo, pavimenti e passaggi Altezza cubatura e superficie Aerazio e temperatura Illuminazio Spogliatoi e armadi per il vestiario Gabitti e lavabi

3 Adempimenti di carattere gerale Aspetti gerali della struttura Locali e ambienti della suola INFORMAZIONE Informazio gerale e informazio particolare L informazio attuata lla scuola Informazio per le lavoratrici gestanti Manuali della sicurezza FORMAZIONE Piano annuale della formazio CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE Rappresentante dei lavoratori Riunio periodica di sicurezza Programma degli interventi e di miglioramento RICOGNIZIONE DEI RISCHI Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Rischi per la sicurezza e la salute Sede centrale Sede IPAA-IPSSAR DOCUMENTO ANTINCENDIO ED EMERGENZA Designazio addetti antincendio Piano di emergenza Registro della sicurezza antincendio LA GESTIONE DEGLI APPALTI PRESIDI SANITARI E DI PRONTO SOCCORSO Designazio degli addetti al primo soccorso Statistiche degli infortuni MACCHINARI ED ATTREZZATURE Schede delle attrezzature Prescrizioni minime di sicurezza per le macchi DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Individuazio dei dispositivi di protezio individuale Modalità di acquisto e consegna MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI VIDEOTERMINALI AGENTI CANCEROGENI Rischio Chimico AGENTI BIOLOGICI PERSONALE E MANSIONI La sicurezza delle perso Rischi legati alla mansio Rischi i luoghi di lavoro Rischi specifici lla scuola SOTTOSCRIZIONE DEL DOCUMENTO

4 INTRODUZIONE Il presente Documento, sulla valutazio dei rischi, redatto ai sensi dell art. 17 sez I del D. Lgs. 81/08, e successive modifiche, obbliga il datore dì lavoro a valutare, lla scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché lla sistemazio dei luoghi di lavoro, i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti i gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, ivi compresi anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8/10/2004 e quello riguardante le lavoratici in stato di gravidanza secondo quanto previsto dal D.Lgs. 26/03/01 n. 151, nonché quelli conssi alle differenze di gere, all età e alla provenienza da altri Paesi. Negli istituti di istruzio e di educazio di ogni ordi e grado le disposizioni sono applicate tendo conto delle effettive particolari esigenze consse al servizio espletato. Numerose sono le specificità della scuola: è l contempo luogo di lavoro per il personale docente e non docente e luogo di formazio dei futuri cittadini-lavoratori ad una cultura della prevenzio dei rischi; una peculiarità organizzativa, è certamente quella di essere luogo di lavoro con due datori di lavoro: il proprietario dei locali, tenuto a fornire strutture ed impianti a norma, soggetti alle cessarie manutenzioni ordinarie e straordinarie (antincendio, per l accoglienza dei diversamente abili ecc.) e il Dirigente Scolastico gestore ed organizzatore di un ambiente idoo all apprendimento. Il Documento vie redatto in quanto sia la scuola che i lavoratori, intesi come personale docente e amministrativo, nonché gli allievi equiparati ai lavoratori rientrano l campo di applicazio delle norme riguardanti la sicurezza sul luogo di lavoro. Dalla valutazio il datore di lavoro ha elaborato: 1. Relazio sulla valutazio dei rischi per la sicurezza e la salute durante il lavoro, lla quale sono specificati i criteri adottati per la valutazio stessa; 2. l'individuazio delle misure di prevenzio e di protezio e dei dispositivi di protezio individuale, conseguente alla valutazio di cui al punto 1; 3. il programma delle misure ritenute opportu per garantire il miglioramento l tempo dei livelli di sicurezza. Nel presente documento i tre aspetti non sono separati ma vengono individuati specifici capitoli che costituiscono la base del sistema della sicurezza. 4

5 Le diverse azioni attuative, essendo ricorrenti l tempo, verranno successivamente documentate attraverso una apposita sezio di ALLEGATI che, di fatto, costituiscono il processo di aggiornamento delle misure di prevenzio e di protezio. Per l effettuazio della valutazio dei rischi e l elaborazio del Documento Il Datore di Lavoro si è avvalso della collaborazio del Responsabile del servizio di prevenzio e protezio, previa consultazio con il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza. La valutazio e il documento saranno rielaborati o integrati ogni qualvolta verranno effettuate nuove attività lavorative, utilizzati nuovi macchinari o modificati i livelli di esposizio; sarà inoltre aggiornato in funzio delle variazioni del personale. In questo caso il Documento vie aggiornato attraverso gli ALLEGATI. Il documento vie custodito presso la Presidenza della Scuola. Un altra copia verrà custodita lla sede dell IPAA-IPSSAR. 1. PREMESSA DESCRIZIONE DELLA SCUOLA Denominazio della Scuola ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE L. DA VINCI Sede principale via Delle Gistre - loc. Olivaro Cap Tel Prov. CS Sede staccata via Croto c.da Palla Palla Cap Tel Prov. CS Comu di San Giovanni in Fiore Partita IVA Codice Fiscale n posizio INAIL n posizio INPS Addetti totali relativi all anno scolastico 2012/13 n 116 Allievi n 517 di cui 139 presso la sede dell IPAA- IPSSAR Direzio Docenti Personale ATA Altro L Istituto d Istruzio Superiore L. da Vinci si articola in quattro indirizzi: L Istituto Tecnico Industriale - ITI; L Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato IPSIA; 5

6 L Istituto Professionale per l Agricoltura e l Ambiente IPAA; L istituto Professionale di Stato per i Servizi di Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera IPSSAR I primi due indirizzi hanno sede presso la sede centrale ubicata in via Delle Gistre alla località Olivaro mentre l IPAA e l IPSSAR sono ubicati lla sede staccata in località Palla Palla del comu di San Giovanni in Fiore. In entrambe le sedi, oltre alle attività didattiche svolte in aula, gli allievi svolgono attività di laboratorio. In particolare gli allievi dell IPSIA-ITI svolgono le attività i laboratori di Chimica, di Microbiologia, di Informatica e di Elettronica. Gli allievi dell IPAA- IPSSAR svolgono le attività di laboratorio ll azienda agricola e in cucina. Numerose attività extrascolastiche, inoltre caratterizzano e completano le attività scolastiche vere e proprie come ad esempio stage aziendali svolti anche fuori dal comu e/o dalla regio, visite guidate, gite scolastiche, partecipazio a progetti, attività teatrali, partecipazio alle Olimpiadi della Matematica e della Chimica ecc. 1.1 DATORE DI LAVORO Dati identificativi del Dirigente Scolastico Nome e Cognome Maria Angela Gentile Nella sua qualità di Dirigente Scolastico Nata il 11/12/1951 a Savelli Prov. KR Residente a Savelli in via Roma c.a.p Tel.0984/ Data insediamento llo Istituto : 01/09/ PREPOSTI I Preposti così come definiti all art. 2 par. 1 lettera e del D.Lgs. 81/08 sono individuabili l D.S.G.A.e in altre figure designate dal Dirigente Scolastico quali il Vicario, i responsabili della sede staccata, i docenti coordinatori di aree, i docenti, specialmente quelli coinvolti in attività motorie e di laboratorio. Il Datore di lavoro ha formalizzato ai Preposti, le rispettive responsabilità in ordi all osservanza delle disposizioni contenute ll art. 19 del D. Lgs. 81/08 informandoli che in attuazio degli adempimenti previsti dall applicazio del D. Lgs. 81/08 riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro, in ordi allo svolgimento delle funzioni e del ruolo attribuito all interno dell organizzazio aziendale svolge, di fatto, le funzioni di preposto 2. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE L articolo 18, lettera b) testualmente recita: designare preventivamente i lavoratori incaricati dell attuazio delle misure di prevenzio incendi e lotta antincendio, di evacuare dai luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e comunque di gestire l emergenza. Attuazio dell art. 18 lettera c) ll affidare i compiti ai lavoratori tendo conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza. 6

7 Ogni soggetto è stato nominato con apposita lettera da parte del Datore di Lavoro che lo informa che fa parte del Servizio. Definizio dell Organigramma: Datore di Lavoro Prof.ssa GENTILE MARIA ANGELA Responsabile del Servizio di Prevenzio e Protezio: Prof ASTORINO FRANCESCO Medico Competente Dott. Consulente Dott. Addetti al servizio di evacuazio in caso di emergenza: MERANDI ANTONIO MARAZITA FORTUNATO PATRIZIO PATRIZIA DURANTE FILOMENA MAZZA FRANCESCO S. LORIA MARIA LORIA SALVATORE TALERICO DOMENICO Addetti prevenzio incendi e lotta antincendio MARAZITA FORTUNATO MARANO SILVANA GENTILE ROSARIO SCARCELLI CARLO TALERICO DOMENICO LORIA SALVATORE SECRETI A.M. VELTRI ROSANGELA Addetti al Salvataggio di Primo soccorso LOPETRONE TERESA AIELLO GRAZIELLA AUDIA ANTONIA AUDIA ROSA PUPO MARIO FRIIO PASQUALE AUDIA ANGELA Rappresentante dei Lavoratori Sig.ra IDA DANTI Lavoratori dipendenti 2.1. RESPONSABILE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE In attuazio a quanto previsto dagli artt. 31 e 32 del D.Lgs 81/08 il Dirigente Scolastico ha designato il Responsabile del Servizio di Prevenzio e Protezio scelto tra il personale interno alla Scuola.Il RSPP designato è in possesso delle attitudini e delle capacità adeguate come risulta dalla relativa documentazio. Nome e Cognome Francesco Astorino Nella sua qualità di Docente Nato il a San Giovanni in Fiore Prov. CS Residente ivi Via San Cristoforo,28 Cap Tel Fax 0984/

8 Note: nomina in data 01/10/2012 con lettera di incarico prot. n Tutta la documentazio relativa al RSPP, (curriculum vitae, copia attestati di frequenza e copia della nomina) si trovano ll allegato ALTRI COMPONENTI ADDETTI AL SERVIZIO Nome e Cognome Nella sua qualità di Note Francesco Mazzotta Docente lla sede IPAA-IPSSAR 2.3. MEDICO COMPETENTE Non si rientra lle categorie di lavoratori in cui è cessario il medico competente INCARICATI DEL PRIMO SOCCORSO In attuazio di quanto previsto dall art. 18, lettera b) il Datore di Lavoro ha designato i lavoratori incaricati delle misure di pronto soccorso che hanno frequentato l apposito corso di formazio sulle tematiche del primo soccorso. In apposito allegato è conservata la relativa documentazio comprovante che i lavoratori designati hanno frequentato un apposito corso di formazio. N Nominativi Ambienti di lavoro 1 LOPETRONE TERESA Sede centrale 2 AUDIA ANTONIA Sede centrale 3 AIELLO GRAZIELLA Sede centrale 4 AUDIA ROSA Sede centrale 5 FRIIO PASQUALE Sede IPAA- IPSSAR 6 PUPO MARIO Sede IPAA- IPSSAR 7 AUDIA ANGELA Sede IPAA- IPSSAR 2.5. INCARICATI PREVENZIONE INCENDI Inoltre sempre ai sensi dell art. 18 lett. b il Datore di Lavoro ha designato i lavoratori incaricati dell attuazio delle misure di prevenzio incendi anche in relazio a quanto specificamente prevede il Documento dell Evacuazio. I lavoratori che hanno seguito il corso e conseguito il regolare attestato di partecipazio sono: N Nominativi Ambienti di lavoro (piano) 1 MARAZITA FORTUNATO Sede Centrale 2 VELTRI ROSANGELA Sede Centrale 3 GENTILE ROSARIO Sede Centrale 4 SCARCELLI CARLO Sede Centrale 5 SECRETI A.M. Sede Centrale 6 MARANO SILVANA Sede Centrale 7 TALERICO DOMENICO Sede IPAA - IPSSAR 8 LORIA SALVATORE Sede IPAA - IPSSAR 8

9 In apposito allegato è conservata la relativa documentazio comprovante che i lavoratori designati abbiano frequentato un apposito corso di formazio. In merito alle designazioni dei lavoratori addetti alla lotta antincendio vedi il successivo capitolo INCARICATI DEL SERVIZIO DI EVACUAZIONE IN CASO DI EMERGENZA I lavoratori designati per questo servizio sono i seguenti: N Nominativi Ambienti di lavoro (piano) 1 MERANDI ANTONIO Sede Centrale 2 MARAZITA FORTUNATO Sede Centrale 3 PATRIZIO PATRIZIA Sede Centrale 4 DURANTE FILOMENA Sede Centrale 5 MAZZA FRANCESCO S. Sede Centrale 6 LORIA MARIA Sede IPAA - IPSSAR 7 LORIA SALVATORE Sede IPAA - IPSSAR 8 TALERICO DOMENICO Sede IPAA - IPSSAR Le nomi delle figure sensibili sono consultabili ll allegato n. 2; gli attestati dei corsi di formazio si trovano ll allegato 2 bis. 9

10 3. LUOGHI DI LAVORO ASPETTI GENERALI DELLA STRUTTURA SCOLASTICA Geralità La scuola è costituita da due edifici il primo, sede centrale, ubicato in periferia in località Olivaro del Comu di San Giovanni in Fiore. L edificio, è sorto come scuola, di recentissima costruzio. Ha ospitato la Scuola d Arte e quindi adeguato alle esigenze di quella scuola. E stato adattato, solo qualche laboratorio alle esigenze dell IPSIA- ITIS. Il secondo edificio ( sede dell IPAA-IPSSAR), è anch esso ubicato in zona periferica del comu di San Giovanni in Fiore, in località Palla-Palla. E stato di recente rimodernato. Ogni Istituto ha un area di propria pertinza delimitata da una recinzio. L edificio scolastico della sede centrale si sviluppa su 4 livelli: piano terra rialzato, piano seminterrato, primo e secondo piano. Al piano seminterrato sono ubicati: l aula magna; la biblioteca; l archivio; l aula Speciale; altra aula (ex punto ristoro); n. 4 bagni; il locale caldaia; il locale autoclave; llocale di deposito. Inoltre vi sono anche altri due locali adibiti rispettivamente a locale cister e locale autopompe. Al piano terra rialzato vi sono: n. 2 laboratori di Microbiologia; il punto ristoro; n. 2 laboratori di Chimica; n. 3 aule ( Aula 1, aula 6 e Aula 7); la sala professori; il locale per i servizi di bidelleria,; la segreteria (costituita da 5 stanze e corridoio); la presidenza con anssa sala di attesa; il laboratorio di Informatica (aula 9); 10

11 la sala dei collaboratori del dirigente; l ufficio tecnico; magazzino; corridoio; servizi igienici per studenti docenti e personale ATA. Il primo piano è costituito da: n. 13 aule; corridoio; n. 2 laboratori di Elettronica; laboratorio di Elettrotecnica; servizi igienici per studenti; l aula di Informatica; l aula-laboratorio di Automazio. Il secondo piano è costituito da: n. 8 aule; un aula adibita a laboratorio esercitazioni; servizi igienici; corridoio; magazzino adibito a deposito. L edificio scolastico, in cui hanno sede l IPAA e l IPSSAR, si sviluppa su due livelli; al primo livello, piano terra vi sono: ufficio vicepresidenza la sala insegnanti comprensiva di biblioteca; n. 8 aule; andro entrata principale (pedonale); bidelleria; sala esercitazioni; cucina; dispensa; disimpegno; spogliatoio e bagno per i lavoratori della cucina servizi igienici docenti; 11

12 servizi igienici alunni. Al primo piano vi sono: corridoio; n. 6 aule; bidelleria; guardaroba; locale lavanderia; servizi igienici alunni; stanzetta utilizzata dai bidelli per deposito materiale. Completano l Istituto un terreno agricolo, un campetto di calcio e altri fabbricati oltre l edificio principale sopra detto e che sono: magazzino-garage; Struttura multifunzio ( sala vendita prodotti aziendali (frutta e uova), ufficio, magazzino derrate, laboratorio di chimica); pollaio; serra; locale pompe; piccolo locale adibito a ripostiglio. L allegato n. 3 contie le planimetrie della sede centrale ITIS IPSIA; Le planimetrie della sede IPAA IPSSAR sono contenute ll allegato 3 bis CICLO LAVORATIVO La scuola svolge attività educativa e scolastica LUOGHI DI LAVORO Per luogo di lavoro si intende quanto precisato ll art. 62 del DLgs. 81/08. Attraverso il presente Documento il Datore di Lavoro, dichiara che i luoghi di lavoro rispondono ai requisiti previsti dal Titolo II, articolo 63 e meglio precisati ll allegato IV del suddetto decreto Rilevazio e lotta antincendio. I luoghi di lavoro, (sede centrale), sono stati dotati di dispositivi adeguati per combattere l'incendio con rilevatori di incendio e di sistemi di allarme conformemente alle attrezzature presenti, alle dimensioni dell edificio e del numero massimo di perso che possono essere presenti. Sempre lla sede centrale esistono anche i dispositivi non automatici di lotta antincendio.nella sede IPAA-IPSSAR sono collocati dispositivi non automatici di lotta antincendio in zo facilmente accessibili e utilizzabili dal personale addetto. La segnaletica, conforme alla normativa vigente,è collocata i luoghi appropriati ed è realizzata in materiale duraturo. LE SPECIFICHE SONO CONTENUTE NEL PIANO DI EMERGENZA. 12

13 Locali adibiti al pronto soccorso. Non esistono appositi locali adibiti al pronto soccorso, ma esistono, per quanto riguarda la sede centrale, alcuni armadietti, (cassette di pronto soccorso), i laboratori contenti i dispositivi medici e i farmaci cessari; lla sede dell IPAA-IPSSAR le cassette di pronto soccorso sono ubicate in cucina e in bidelleria Luoghi di lavoro ed handicap Tutti i luoghi di lavoro sono stati, come si evince dal progetto tecnico, strutturati tendo conto di eventuali lavoratori interni o allievi portatori di handicap Requisiti di sicurezza degli ampliamenti Per gli adeguamenti e gli ampliamenti della Scuola le competenze sono in ordi all Amministrazio Provinciale che cura con l assistenza del progetti la richiesta dei relativi provvedimento autorizzativi. Le procedure vengono anche attivate i confronti dei Vigili del Fuoco ai fini del CPI Vie ed uscite di emergenza Le vie di emergenza sono senza ostacoli al fi di favorire un deflusso che consente alle perso che occupano luoghi all interno della Scuola di raggiungere un luogo sicuro attraverso una uscita di emergenza che immette in un luogo sicuro. Il Piano di evacuazio e le relative prove di simulazio che verranno effettuate a cura del Servizio di Prevenzio e Protezio informano e formano i lavoratori e gli allievi sulle modalità, che in caso di pericolo, di come poter essere evacuati i luoghi di lavoro rapidamente e in piena sicurezza. Il numero, la distribuzio e le dimensioni delle vie e delle uscite di emergenza, come previsto l progetto e l piano di emergenza, sono adeguate alle dimensioni dei luoghi di lavoro, alla loro ubicazio, alla loro destinazio d'uso, alle attrezzature in essi installate, nonchè al numero massimo di perso che possono essere presenti in detti luoghi. Le vie e le uscite di emergenza hanno, come previsto l progetto e l piano di emergenza, altezza minima di m 2,0 e larghezza minima conforme alla normativa vigente in materia antincendio. Le uscite di emergenza sono dotate di porte, munite di maniglia antipanico, apribili l verso dell'esodo e, qualora siano chiuse, si aprono facilmente ed immediatamente da parte di qualsiasi persona che abbia bisogno di utilizzarle in caso di emergenza. Le porte delle uscite di emergenza non sono mai chiuse a chiave, se non in casi specificamente autorizzati dall'autorità competente. Le vie e le uscite di emergenza sono evidenziate da apposita segnaletica, conforme alle disposizioni vigenti, durevole e collocata in luoghi appropriati. Le vie e le uscite di emergenza sono dotate di un'illuminazio di sicurezza di intensità sufficiente, che entri in funzio in caso di guasto dell'impianto elettrico. La Scuola non presenta pericoli di esplosioni o specifici rischi di incendio in base ai prodotti utilizzati, l piano antincendio sono tuttavia indicati i locali a rischio di incendio e le procedure dell attuazio dell emergenza e dell uso dei DPI appropriati Porte e portoni Le porte dei locali di lavoro sono, per numero, dimensioni, posizio, e materiali di realizzazio, state realizzate al fi di consentire una rapida uscita delle perso ed essere agevolmente apribili dall'interno durante il lavoro. In base alle tipologie lavorative della Scuola in uno stesso locale i lavoratori normalmente ivi occupati, ovvero gli studenti, non sono di media superiori a 25 e pertanto le porte ed i portoni hanno le dimensioni standard. Naturalmente in base alle esigenze dei Locali dove può esserci una presenza maggiore, aula magna, palestra o simili le porte hanno apertura maggiori al fi di poter consentire il passaggio di tutto il personale e gli allievi. Nei locali di lavoro ed in quelli adibiti a magazzino non sono presenti porte scorrevoli, saracische a rullo o porte girevoli su asse centrale.. Le porte ed i portoni ad azionamento meccanico, sia in base alla loro progettazio sia in base al programma di manutenzio, funzionano senza rischi di infortuni per i lavoratori. Sono muniti di dispositivi di arresto di emergenza facilmente identificabili ed accessibili e poter essere aperti anche manualmente, salvo che la loro apertura possa avvenire automaticamente in caso di mancanza di ergia elettrica. Le porte situate sul percorso delle vie di emergenza sono contrassegnate in maniera appropriata con segnaletica durevole conformemente alla normativa vigente. Esse devono poter essere aperte, in ogni momento, dall'interno senza aiuto speciale. 13

14 Vie di circolazio, zo di pericolo, pavimenti e passaggi Le vie di circolazio, comprese scale e rampe di carico, sono state progettate e calcolate, dal progettista, in modo tale che i pedoni o i veicoli possano utilizzarle facilmente in piena sicurezza e conformemente alla loro destinazio e che i lavoratori operanti lle vicinanze di queste vie di circolazio non corrano alcun rischio. Il calcolo delle dimensioni delle vie di circolazio per perso ovvero merci si è basato sul numero potenziale degli utenti e sul tipo di impresa. Alcu vie di circolazio utilizzate da mezzi di trasporto prevedono per i pedoni una distanza di sicurezza sufficiente. Le vie di circolazio destinate ai veicoli passano ad una distanza sufficiente da porte, portoni, passaggi per pedoni, corridoi e scale. Le zo di pericolo sono state segnalate in modo chiaramente visibile. I pavimenti degli ambienti di lavoro e dei luoghi destinati al passaggio non presentano buche o sporgenze pericolose e sono in condizioni tali da rendere sicuro il movimento ed il transito delle perso e dei mezzi di trasporto. Sono state date opportu disposizioni affinché, qualora per evidenti ragioni tecniche non sia possibile eliminare completamente dalle zo di transito ostacoli fissi o mobili che costituiscono un pericolo per i lavoratori o i veicoli che tali zo devono percorrere, gli ostacoli devono essere adeguatamente segnalati Altezza, cubatura e superficie I limiti minimi per altezza, cubatura e superficie dei locali chiusi destinati al lavoro lla Scuola sono comprensivi l progetto e regolarmente autorizzati dalle amministrazioni competenti. Questa resta peraltro una competenza esclusiva del Comu/Provincia che detie la proprietà dell immobile nonché la destinazio d uso e deve garantir la costante manutenzio ed eventuali opere di adeguamento Aerazio e temperatura Nei luoghi di lavoro chiusi, tendo conto dei metodi di lavoro e degli sforzi fisici ai quali sono sottoposti i lavoratori, sono state previste idoe misure affinché essi dispongano di aria salubre in quantità sufficiente anche ottenuta con impianti di aerazio. La temperatura i locali di lavoro è adeguata all'organismo umano durante il tempo di lavoro, tenuto conto dei metodi di lavoro applicati e degli sforzi fisici imposti ai lavoratori Illuminazio I luoghi di lavoro dispongono di sufficiente luce naturale. In ogni caso, tutti i predetti locali e luoghi di lavoro devono essere dotati di dispositivi che consentono un'illuminazio artificiale adeguata per salvaguardare la sicurezza, la salute e il bessere di lavoratori Spogliatoi e armadi per il vestiario Lo spogliatoio esistente lla sede IPAQA-IPSSAR, convenientemente arredato ha una capacità sufficiente, e trovasi vicino ai locali di lavoro aerato, illuminato, ben difeso dalle intemperie, riscaldato durante la stagio fredda e munito di sedile. Lo spogliatoio è dotato di attrezzature, armadietti, che consentono a ciascun lavoratore di chiudere a chiave i propri indumenti durante il periodo di lavoro Gabitti e lavabi. I lavoratori dispongono, in prossimità dei loro posti di lavoro, di gabitti e di lavabi con acqua corrente calda, se cessario, e dotati di mezzi detergenti e per asciugarsi. Per uomini e don sono stati previsti gabitti separati Adempimenti di carattere gerale In base alle misure previste l presente Documento e l Piano di Emergenza si è provveduto affinché: a) le vie di circolazio inter o all'aperto che conducono a uscite o ad uscite di emergenza e le uscite di emergenza siano sgombre allo scopo di consentir l'utilizzazio in ogni evenienza; b) i luoghi di lavoro, gli impianti e i dispositivi vengano sottoposti a regolare manutenzio tecnica e vengano eliminati, quanto più rapidamente possibile, i difetti rilevati che possano pregiudicare la sicurezza e la salute dei lavoratori; 14

15 c) i luoghi di lavoro, gli impianti e i dispositivi vengano sottoposti a regolare pulitura, onde assicurare condizioni igieniche adeguate; d) gli impianti e i dispositivi di sicurezza, destinati alla prevenzio o all'eliminazio dei pericoli, vengano sottoposti a regolare manutenzio e al controllo del loro funzionamento ASPETTI GENERALI DELLA STRUTTURA Sede centrale Aree ester Superficie Destinazio delle aree Parcheggi, area da destinare a campetto di pallavolo/basket Recinzio L area è completamente recintata Cancelli ed ingressi Cancello automatico per ingresso automobili e cancello per ingresso pedoni Illuminazio artificiale Secondo le norme vigenti Fonti di rumore e inquinamento Assenti Afflusso perso/giorno 50 Accesso consentito a tutti Sede IPAA IPSSAR Aree ester Superficie Destinazio delle aree Parcheggi, area da destinare a campetto di pallavolo/basket Recinzio L area è completamente recintata Cancelli ed ingressi Cancello manuale per ingresso automobili e pedoni Illuminazio artificiale Secondo le norme vigenti Fonti di rumore e inquinamento Assenti Afflusso perso/giorno 15 Accesso consentito a tutti 15

16 3.4. LOCALI E AMBIENTI DELLA SCUOLA In questo capitolo sono identificati tutti gli ambienti del plesso scolastico inteso come luogo di lavoro. I relativi rischi, in relazio alle specifiche attività lavorative, sono evidenziati l Capitolo 7 con singole schede contrassegnate da un numero. Il numero relativo è riportato lla colonna A. Tutte le attrezzature ed i macchinari, sono evidenziate l Capitolo 11 con singole schede contrassegnate da un numero. Le schede delle attrezzature si trovano in un apposito allegato. Il numero relativo di ogni attrezzatura è riportato: lla colonna B per quanto attie alle attrezzature fisse del luogo di lavoro; Le emergenze, evacuazio ed antincendio sono evidenziati ll apposito Documento dell Emergenza di cui al Capitolo 8. Nella colonna C è indicato il capitolo dell emergenza relativo allo specifico ambiente di lavoro. 16

17 (esempio) CODICE DESTINAZIONE LOCALI A RISCHIO SI NO A B C Attrezz Fisse n Rischi vedi cap Emerg vedi cap. SCHEDA n. Codice DESCRIZIONE DELL AMBIENTE (comu o singolo) AULE TIPO A (Palestra, Aula magna, Laboratorio, ecc) Altezza locali m. Media alunni presenti n. Docenti Esterni NO ILLUMINAZIONE DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE X Naturale X artificiale schermatura di emergenza AERAZIONE DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE X naturale forzata Aspirazioni locali RISCALDAMENTO DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE Impianto autonomo X Impianto centralizz altro SICUREZZA DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE X uscite X segnaletica X estintori X rilevatore fumi impianto allarme TIPOLOGIA LOCALE DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE X Porte inter X Porte ester X Porte antincendio X Porte tagliafuoco X Pavimenti X Pareti X fistre X corridoi e transito X scale inter IMPIANTI DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE X elettrico X Gas X termico antincendio 17

18 X aspirazio RUMORE DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE fonte livello VIDEOTERMINALI DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE numero PC numero stampanti X ergonomia X orientamento luce ESPOSIZIONI AGENTI DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE chimici fisici biologici fumi polveri MONTACARICHI DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE ascensore perso X di servizio trasporto carichi PRONTO SOCCORSO DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE X armadietto X pacchetto medicaz infermeria PULIZIA DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE X Giornaliera X Settimanale MOVIMENTAZIONE DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE CARICHI X Manuale Uso dei DPI VARIE DESCRIZIONE EVENTUALI MISURE 18

19 4.0 INFORMAZIONE Premessa e finalità Il tema dell'informazio ai lavoratori è stato sviluppato, dal D.Lgs 81/08, sia a livello gerale sia in relazio alle singole tipologie di rischio previste dallo stesso decreto (uso delle attrezzature di lavoro, dispositivi di protezio individuale, ecc.). L informazio è uno degli obblighi gerali dei datori di lavoro, dei dirigenti e dei preposti. Ciò che contraddistingue l'informazio ai lavoratori disciplinata dal D.Lgs 81/08, rispetto a quanto previsto dalla legislazio precedente, non è, quindi, la novità in sé del concetto, ma la sua chiave di lettura: l'informazio è non solo e non tanto un obbligo del datore di lavoro, ma soprattutto uno strumento di partecipazio, l contesto di una cultura prevenzionistica, ispirata dalla direttiva 89/391/CEE, che considera i lavoratori come veri e propri "attori" in materia e non più come semplici destinatari di obblighi posti a carico di altri soggetti 4.1. INFORMAZIONE GENERALE E INFORMAZIONE PARTICOLARE Il Servizio di Prevenzio e Protezio, al fi di unificare ed uniformare l informazio, in attuazio dell art. 36del D.Lgs. 81/08, ha stabilito un piano capillare di informazio che riguarda tutto il personale dipendente in servizio e, annualmente, tutti gli allievi frequentanti l istituzio scolastica. Il piano di informazio per tutto il personale dipendente, attuato dal Datore di Lavoro, per il tramite del Servizio di Prevenzio e Protezio, prevede l attuazio completa dell art L INFORMAZIONE ATTUATA NELLA SCUOLA Per quanto riguarda l informazio, lla riunio periodica svoltasi in data 05/11/2012 si è deciso che il programma di informazio dei lavoratori sarà sviluppato in concomitanza dello svolgimento dei collegi dei docenti in modo da avere una costante e continua informazio l tempo. Al responsabile del Servizio vengono affidati i compiti organizzativi ed operativi anche in relazio alle decisioni stabilite lla Riunio Periodica. Ciascun lavoratore ha diritto di ricevere una informazio adeguata in materia di prevenzio e protezio. Il Responsabile del servizio si assicura che, ai sensi dell art. 36 del D.lgs. 81/08, l informazio vie resa in forma agevolmente comprensibile, e riferita: a) ai rischi per la sicurezza e la salute conssi all'attività dell'impresa in gerale; b) alle misure ed alle attività di protezio e prevenzio adottate; c) ai rischi specifici, cui è esposto il lavoratore in relazio all'attività svolta ed alle normative di sicurezza ed alle disposizioni aziendali in materia; d) ai pericoli conssi all'uso delle sostanze e dei preparati pericolosi; e) alle procedure ed ai nominativi dei lavoratori incaricati di applicare le misure che riguardano il pronto soccorso, la lotta antincendio e l'evacuazio dei lavoratori; f) al nominativo del responsabile del Servizio di prevenzio e protezio e del medico competente (ove nominato). 19

20 4.3 INFORMAZIONE PER LE LAVORATRICI GESTANTI Deve essere assicurata una specifica informazio a tutte le lavoratrici gestanti o puerpere ai sensi del D. Lgs. 25 novembre 1996, n In questo caso si è dato incarico esterno ai fini di predisporre di uno specifico programma di informazio sia attraverso l uso di manuali appositi sia con progetto per un breve corso di formazio. Tutte le perso interessate devono far apposita richiesta alla Direzio MANUALI DELLA SICUREZZA Possono essere predisposti, in allegato al Documento di, a cura del Datore di Lavoro, specifici MANUALI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO. Ogni specifico Manuale integra e completa le misure di prevenzio previste l Documento e vie consegnato ed illustrato ad ogni lavoratore quale informazio di base per la sicurezza e quale primo adempimento agli obblighi di cui all art

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

ALLEGATI. Allegato I Gravi violazioni ai fini dell'adozione del provvedimento di sospensione dell'attività imprenditoriale

ALLEGATI. Allegato I Gravi violazioni ai fini dell'adozione del provvedimento di sospensione dell'attività imprenditoriale ALLEGATI D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Integrato con: D.Lgs. 3 agosto

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08 Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08 COMMITTENTE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Istituto di Scienze dell Alimentazione

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

Dpr 547/1955 (infortuni sul lavoro - Testo vigente)

Dpr 547/1955 (infortuni sul lavoro - Testo vigente) Dpr 547/1955 (infortuni sul lavoro - Testo vigente) N.d.R.: il testo è aggiornato con tutte le modifiche intervenute sino ad oggi. Tali modifiche sono state apportate da: - Dpr 19 marzo 1956, n. 302; -

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli