Comune di Oliveto Citra

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Oliveto Citra"

Transcript

1

2 Il presente documento nasce come elemento di supporto al lavoro di redazione del Piano Comunale ed è destinato sia a chi si appresta ad affrontare per la prima volta le tematiche di protezione civile, sia a chi, già inserito nel contesto, trovi opportuno aggiornare e approfondire le conoscenze di tutti quei fattori che incidono con la sicurezza del proprio territorio. A tal riguardo la strutturazione delle informazioni è stata pensata in modo da facilitare la lettura sia a livello stilistico che contenutistico. Lo scopo è quello di aiutare l estensore del piano non solo ad ordinare fatti ed eventi quanto a consentire che le notizie, contenute all interno del piano, risultino coerenti fra loro. La struttura del presente schema è, comunque, organizzata in modo tale da consentire ogni più utile integrazione e/o indicazione finalizzata a migliorare il lavoro fin qui svolto. Per quanto innanzi il presente lavoro si compone di sei capitoli e di più paragrafi, all interno dei quali sono richiamati gli specifici argomenti che si intendono trattare. Esso è strutturato, come di seguito: 1. PREMESSA In questa sezione vengono definite, in modo semplice e chiaro, le strutture e le competenze istituzionali in relazione al servizio di protezione civile. In particolare viene descritta brevemente la situazione comunale in relazione alla Protezione Civile (tipo di pianificazione e anno di redazione, costituzione COC, ufficio competente per la Protezione Civile, presenza di volontariato di Protezione Civile, delibere di riferimento, ecc...). 2. PARTE GENERALE Questo capitolo racchiude una serie di informazioni, dati e notizie di rapida consultazione utili per un inquadramento generale del territorio comunale. La sezione è divisa in due sotto-sezioni: inquadramento generale e strumenti di pianificazione. 3. ANALISI DEI RISCHI E SISTEMA DI ALLERTAMENTO Il terzo capitolo fornisce una serie di informazioni in ordine ad aspetti generali relativi ai rischi presenti sul territorio comunale e sul sistema di allertamento, sui quali ogni comune dovrà soffermarsi per redigere il proprio piano. 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA Il quarto capitolo è dedicato agli obiettivi indispensabili che il Sindaco, in qualità di Autorità comunale di protezione civile, deve conseguire per fronteggiare una situazione di emergenza, nell'ambito della direzione unitaria dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione. 5. MODELLO DI INTERVENTO - PROCEDURE OPERATIVE In questo capitolo vengono descritte e/o riportate le responsabilità e i compiti ai vari livelli di comando e controllo per la gestione dell emergenza a livello comunale. Nel modello vengono riportate le procedure suddivise in diverse fasi operative per l attuazione più o meno progressiva delle attività previste nel Piano, in base alle caratteristiche ed all evoluzione dell evento, in modo da consentire l'utilizzazione razionale delle risorse, ed il coordinamento degli operatori di protezione civile presenti sul territorio. 2

3 Tali fasi sono generalmente riconducibili a quattro livelli temporali: preallerta, attenzione, preallarme, allarme. 6. RISORSE, STRUTTURE ED INFRASTRUTTURE In questa sezione sono descritte le risorse reperibili all interno del comune o nelle immediate vicinanze ed utilizzabili in caso di emergenza, le strutture presenti sul territorio comunale (edifici pubblici, scuole, alberghi, ospedali, musei, ecc.), le infrastrutture presenti sul territorio comunale o di riferimento in caso di emergenza divise in due sezioni: reti tecnologiche (trasporti, luce, gas, ecc.) e nodi (svincolo autostradale, ponte, cabina elettrica, ecc.). ALLEGATI CARTOGRAFICI In allegato al piano si riportano le cartografie prodotte per l inquadramento territoriale, l individuazione delle aree utili per la protezione civile, l individuazione della pericolosità per i vari rischi, la definizione degli scenari di rischio. In definitiva con l approccio metodologico che qui si tenta di tracciare si vuole rimarcare e quindi far emergere, il ruolo fondamentale del Comune quale struttura primaria dell autonomia locale, capace attraverso i propri servizi e le proprie risorse di autodeterminarsi in decisioni pianificate in caso di emergenza. 3

4 Sommario 1. PREMESSA PARTE GENERALE Dati di base relativi al territorio comunale Inquadramento generale Strumenti di pianificazione ANALISI DEI RISCHI E SISTEMA DI ALLERTAMENTO Analisi dei rischi Definizioni Rischio idraulico Rischio idrogeologico (frane) Rischio sismico Rischio vulcanico Rischio chimico industriale Rischio Incendi di Interfaccia Altri rischi Scenario di rischio di riferimento Misure di mitigazione Sistema di Allertamento e Centri Funzionali Multirischio Sistema di allertamento per il rischio incendi boschivi e di interfaccia Sistema di allertamento per il rischio idraulico e il rischio idrogeologico (frane) Sistema di allertamento per il rischio vulcanico LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA Funzionalità del sistema di allertamento locale Coordinamento operativo locale Presidio Operativo Comunale Centro Operativo Comunale Attivazione del Presidio territoriale Funzionalità delle telecomunicazioni Ripristino della viabilità e dei trasporti controllo del traffico Misure di salvaguardia della popolazione Informazione alla popolazione Sistemi di allarme per la popolazione

5 4.6.3 Censimento della popolazione Aree di emergenza Soccorso ed evacuazione della popolazione Assistenza alla popolazione Ripristino servizi essenziali Salvaguardia delle strutture ed infrastrutture a rischio MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE Il sistema di comando e controllo Eventi idrogeologici e/o idraulici Eventi sismici Eventi vulcanici Incidente in impianti industriali di cui ai Decreti Legislativi 334/99 e 238/2005 (leggi Seveso) Incendi di interfaccia Altri eventi Le fasi operative Rischio idraulico e idrogeologico (frane) Rischio incidente rilevante per impianti chimico-industriali Rischio incendio di interfaccia Procedura operativa RISORSE, STRUTTURE ED INFRASTRUTTURE Risorse Strutture Infrastrutture: reti tecnologiche e nodi Reti tecnologiche Nodi ALLEGATI CARTOGRAFICI

6 1. PREMESSA 6

7 Il seguente Piano di protezione civile è stato redatto nel 2009 con il contributo della Provincia di Salerno- delibera n. 87 del 03/03/08. Il piano non è altro che il progetto di tutte le attività coordinate e di tutte le procedure che dovranno essere adottate per fronteggiare un evento calamitoso atteso in un determinato territorio, in modo da garantire l effettivo ed immediato impiego delle risorse necessarie al superamento dell emergenza ed il ritorno alle normali condizioni di vita. Detto piano è il supporto operativo al quale il Sindaco si riferisce per gestire l emergenza col massimo livello di efficacia. Posto che solo attraverso una precisa distribuzione di sforzi volti: - a conoscere le vulnerabilità territoriali ed antropiche; - ad organizzare una catena operativa finalizzata al superamento dell evento, il Sindaco disporrà quindi di un valido riferimento che determinerà un percorso organizzativo in grado di sopperire alla confusione conseguente ad ogni evento calamitoso. Il Piano deve rispondere alle domande: quale eventi calamitosi possono ragionevolmente interessare il territorio comunale? quali persone, strutture e servizi ne saranno coinvolti o danneggiati? quale organizzazione operativa è necessaria per ridurre al minimo gli effetti dell evento con particolare attenzione alla salvaguardia della vita umana? A chi vengono assegnate le diverse responsabilità nei vari livelli di comando e controllo per la gestione delle emergenze? Per soddisfare queste necessità è stato redatto il seguente Piano di protezione civile definendo gli scenari di rischio sulla base della vulnerabilità della porzione di territorio interessata( aree, popolazione coinvolta, strutture danneggiabili, etc.) al fine di poter disporre di un quadro globale ed attendibile relativo all evento atteso e quindi poter dimensionare preventivamente la risposta operativa necessaria al superamento della calamità con particolare attenzione alla salvaguardia della vita umana. Il Piano è dunque uno strumento di lavoro tarato su una situazione verosimile sulla base delle conoscenze scientifiche dello stato di rischio del territorio, aggiornabile e integrabile non solo in riferimento all elenco di uomini e mezzi, ma soprattutto quando si acquisiscano nuove conoscenze sulle condizioni di rischio che comportino diverse valutazioni degli scenari, o ancora quando si disponga di nuovi o ulteriori sistemi di monitoraggio e allerta della popolazione. Il Sindaco è l elemento determinante della catena operativa della protezione civile a livello comunale nell assunzione di tutte le responsabilità connesse alle incombenze di protezione civile dalla organizzazione preventiva delle attività di controllo e monitoraggio fino all adozione dei provvedimenti di emergenza indirizzati soprattutto alla salvaguardia della vita umana. La composizione del C.O.C. è la seguente: 7

8 COMUNE DI OLIVETO CITRA Ord. Sind. n. 31 IL SINDACO CONSIDERATO che il Sindaco è Autorità di Protezione Civile; TENUTO CONTO che, in virtù delle norme vigenti in materia, spettano al Sindaco i compiti di Protezione Civile limitatamente al territorio comunale, come l informazione alla popolazione prima, durante e dopo l intervento e la gestione dell emergenza, coordinata con l attività del Prefetto qualora l evento non sia fronteggiabile per via ordinaria (art. 14 Legge 225/1992); VISTO il Decreto Sindacale n. 29 del con il quale veniva istituito il Centro Operativo Comunale; VISTO il Decreto Sindacale n. 55 del con il quale veniva individuato un nuovo responsabile del Centro Operativo Comunale; VISTO il D.P.R. 175/1988; VISTA la Legge 142/1990; VISTA la Legge 225/1992; VISTO il D.L. 112/1998; VISTO il D. Lgs. 265/1999; VISTO il D. Lgs. 267/2000; DECRETA Art. 1 8

9 I Decreti Sindacali n. 29 del e n. 55 del sono revocati e pertanto sostituiti dal presente. Art. 2 E istituito il Centro Operativo Comunale (C.O.C.) e par tale struttura vengono nominati: RESPONSABILE: Tenente IANNECE Giuseppe SOSTITUTO: Agente GUIDETTI Attilio Paolo Art. 3 Le strutture del Centro Operativo Comunale (C.O.C.) si configurano secondo le seguenti nove funzioni di supporto: 1. Tecnico Scientifica e Pianificazione; 2. Sanità, Assistenza Sociale e Veterinaria; 3. Volontariato; 4. Materiali e Mezzi; 5. Servizi Essenziali e Attività Scolastica; 6. Censimento danni a persone e cose; 7. Strutture Operative Locali; 8. Telecomunicazioni; 9. Assistenza alla popolazione. Art. 4 Nomina, per ogni funzione di supporto, i sottoelencati referenti: Funzione 1 Tecnico Scientifica e Pianificazione Referente: Geom. GRIECO Giulio Il referente mantiene e coordina tutti tra le varie componenti scientifiche e tecniche. 9

10 Circa i servizi essenziali, saranno presenti i rappresentanti dei servizi erogati sul territorio comunale. Mediante i responsabili di detti servizi, il referente mantiene costantemente aggiornata la situazione circa l efficienza e gli interventi sulle rispettive reti (acqua, energia elettrica, ecc.). Eventuali concorsi di personale e mezzi sono coordinati dal Responsabile del Centro Operativo Comunale (C.O.C.). Funzione 2 Sanità, Assistenza Sociale e Veterinaria Referente: Dr. RUFOLO Sinibaldi Il referente coordina i responsabili presenti della sanità locale e delle organizzazioni di volontariato che operano nel settore sanitario. Funzione 3 Volontariato Referente: Sig. LULLO Raffaele Il referente, in emergenza, coordina le Associazioni di Volontariato individuate nel Piano di Protezione Civile in relazione alla tipologia del rischio da affrontare, alla natura ed al tipo di attività esplicata da ogni Associazione ed ai mezzi di cui dispone. Attiva, nella fase di attenzione, le unità tecniche mobili (U.T.M.) per il monitoraggio del territorio. Provvede, in tempo di pace, ad organizzare esercitazioni congiunte con le altre forze preposte all emergenza al fine di verificare le capacità organizzative ed operative della Associazioni di Volontariato interessate alla pianificazione. Funzione 4 Materiali e Mezzi Referente: Sig. FALCONE Lorenzo La funzione di supporto in questione è essenziale e primaria per fronteggiare un emergenza di qualsiasi tipo. Il referente, attraverso il censimento dei materiali e mezzi in ogni modo disponibili ed appartenenti al Comune ed alle Associazioni di volontariato 10

11 ecc., deve avere mediante un sistematico aggiornamento (di regola semestrale), un quadro delle risorse disponibili. Per ogni risorsa si deve prevedere il tipo di trasporto ed il tempo d arrivo nell area d intervento. nel caso in cui la richiesta di materiali e/o mezzi non possa essere fronteggiata a livello locale, si rivolgerà richiesta al Prefetto. Funzione 5 Servizi essenziali e Attività Scolastica Referente: Dr. SENESE Domenico A questa funzione prenderanno parte i rappresentanti di tutti i servizi essenziali erogati sul territorio coinvolto. mediante i Compartimenti Territoriali deve essere mantenuta costantemente aggiornata la situazione circa l efficienza e gli interventi sulla rete. L utilizzazione del personale addetto al ripristino delle linee e/o delle utenze è comunque diretta dal rappresentante dell Ente di gestione nel Centro Operativo. Il referente dovrà coordinare tutte queste attività. Funzione 6 Censimento danni a persone e cose Referente: Geom. IANNECE Ulderico Il censimento danni a persone e cose riveste particolare importanza al fine di fotografare la situazione a seguito dell evento calamitoso e per stabilire gli interventi di emergenza. Il referente, al verificarsi dell evento calamitoso, dovrà effettuare un censimento dei danni riferito a: 1. Persone 2. Edifici pubblici 3. Edifici privati 4. Impianti industriali 5. Servizi essenziali 6. Attività produttive 7. Opere d interesse culturale 8. Infrastrutture pubbliche 11

12 del le 9. Agricoltura e zootecnia Per il censimento di quanto descritto il referente si avvarrà di funzionari dell Ufficio Tecnico Comunale o del Genio Civile regionale e di esperti settore sanitario, industriale e commerciale. E altresì ipotizzabile l impiego di squadre miste di tecnici dei vari enti per verifiche speditive di stabilità che dovranno essere effettuate in tempi necessariamente stretti. Funzione 7 Strutture Operative Locali Referente: Mar. Ord. VECE Raffaele Il referente dovrà coordinare le varie componenti locali istituzionalmente preposte alla viabilità. In particolare si dovranno disciplinare localmente i trasporti, la circolazione, inibendo il traffico nelle aree a rischio, indirizzando e regolando gli afflussi dei soccorsi. Funzione 8 Telecomunicazioni Referente: Rag. GRIECO Annibale Il referente dovrà, di concerto con il responsabile Telecom, con il responsabile provinciale Poste Italiane, con il rappresentante dell organizzazione dei radioamatori presenti sul territorio, predisporre una rete di telecomunicazioni non vulnerabile. Funzione 9 Assistenza alla Popolazione Referente: Geom. RAIA Raffaele Per fronteggiare le esigenze della popolazione il referente deve essere in possesso della conoscenza e competenza in merito al patrimonio abitativo, alla ricettività delle strutture turistiche ed alla ricerca e utilizzo di aree pubbliche e private da utilizzare come aree di attesa e/o ospitanti. 12

13 Il referente dovrà fornire un quadro delle disponibilità di alloggiamento e dialogare con le autorità preposte all emanazione degli atti necessari per la messa a disposizione degli immobili e delle aree. Art. 5 In tempo di pace (cioè nella normalità, il Responsabile di ogni singola funzione aggiornerà i dati relativi alla propria funzione, quindi la pianificazione comunale e, nel periodo di intervento, sarà l esperto che affiancherà il coordinatore delle funzioni del Centro Operativo Comunale (C.O.C.). Art. 6 Attraverso l attivazione delle funzioni di supporto della sala operativa comunale (C.O.C.), si conseguono quattro distinti obiettivi: 1 Obiettivo: Sono stati individuati i responsabili per ogni funzione ed il loro coordinatore; 2 Obiettivo: I singoli responsabili mantengono vivo, e quindi efficace, il Piano di Emergenza attraverso il periodico aggiornamento, in tempo di pace, dei dati e delle procedure relative alla propria funzione di supporto; 3 Obiettivo: In caso di emergenza i singoli responsabili di funzioni assumono la veste di operatori specializzati nell ambito della propria funzione di supporto all interno della sala operativa; 4 Obiettivo: La sala operativa comunale (C.O.C.) si compone in modo armonico rispetto alle nove funzioni di supporto attivate. Art. 7 La sala operativa comunale (C.O.C.) sarà ubicata nella sala degli Assessori presso la casa comunale in Via Vittorio Emanuele II. 13

14 Art. 8 Il Settore Ragioneria e Finanze dell Ente è autorizzato a corrispondere al personale comunale di cui al presente provvedimento per l espletamento delle attività direttamente connesse con l emergenza, compensi per lavoro straordinario effettivamente necessario e prestato, oltre i limiti previsti dalle vigenti normative. Dalla Residenza Municipale, lì 19 ottobre 2009 IL SINDACO Geom. Italo LULLO 14

15 2. PARTE GENERALE 15

16 2.1 Dati di base relativi al territorio comunale In questa sezione viene riportato l insieme dei dati di inquadramento generale del territorio comunale che costituiscono la base della pianificazione in oggetto. La sezione è divisa in due sotto-sezioni: inquadramento generale e strumenti di pianificazione. Nella prima si riportano informazioni necessarie a contestualizzare il tipo di territorio nel quale si va ad intervenire. Nella seconda sotto-sezione sono elencati tutti gli strumenti di pianificazione ai diversi livelli territoriali (regionale, provinciale e comunale) a cui si è fatto riferimento nella stesura del piano di protezione civile. Inquadramento generale 16

17 Strumenti di pianificazione LIVELLO REGIONALE PROGRAMMA REGIONALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI PIANO REGIONALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE E LOTTA ATTIVA CONTRO GLI INCENDI BOSCHIVI LINEE GUIDA REGIONALI PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGRAMMI PROVINCIALI DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PIANI DI EMERGENZA LINEE GUIDA REGIONALI PER L ORGANIZZAZIONE DEI PRESIDI TERRITORIALI Non presente Si, aggiornato al 2008 Non presenti Non presenti LIVELLO PROVINCIALE PROGRAMMA PROVINCIALE di PREVISIONE e PREVENZIONE dei RISCHI PIANO di EMERGENZA PROVINCIALE PIANO TERRITORIALE di COORDINAMENTO PROVINCIALE PIANO di EMERGENZA DIGHE Non presente Si, redatto un piano di primo livello approvato con D.C.P. n 24 del 26/05/2008 Si, redatta una proposta definitiva approvata con D.G.P. n 16 del 26/01/2009 Si, redatto a dicembre 2006 e aggiornato a marzo 2008 LIVELLO COMUNALE PIANO REGOLATORE GENERALE / PIANO URBANISTICO COMUNALE (PUC) 1984 PIANO DI EMERGENZA COMUNALE 17

18 3. ANALISI DEI RISCHI E SISTEMA DI ALLERTAMENTO 18

19 3.1 Analisi dei rischi L obiettivo finale dell analisi dei rischi contenuta in questo paragrafo è l elaborazione di scenari per i diversi rischi presenti sul territorio comunale. I principali rischi presi in considerazione, relativi a situazioni di pericolo legate sia a fenomeni naturali che provocati dall uomo, sono i seguenti: Rischio idraulico; Rischio idrogeologico (frane); Rischio sismico; Rischio incendi di interfaccia Definizioni Per elaborare gli scenari occorre innanzitutto individuare le aree a rischio. A tal fine si premette che per rischio si intende il danno atteso a persone e beni in conseguenza di un fenomeno di una determinata intensità. Gli scenari vengono elaborati considerando la pericolosità di una zona (determinata dai dati scientifici forniti da enti istituzionali e di ricerca, integrati da eventuali precedenti storici in essi non riportati) e la presenza di beni esposti. La pericolosità indica la probabilità che un fenomeno di una determinata intensità si verifichi in un dato periodo di tempo ed in una data area. I dati scientifici sono contenuti negli studi elaborati da Enti ed Istituzioni scientifiche (Autorità di Bacino, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, CNR, Università.). Per precedenti storici si intendono gli eventi calamitosi, relativi ad ogni tipo di rischio considerato, che hanno interessato il territorio comunale negli ultimi anni. Per beni esposti si intende il complesso delle infrastrutture, degli edifici e delle aree strategiche, delle aree residenziali, e di ogni altro elemento presente sul territorio comunale, possibile bersaglio in caso di eventi calamitosi. I beni esposti ricadono, in genere, in una delle seguenti categorie: edifici residenziali, ospedali e strutture sanitarie, istituti scolastici, università, case di riposo, luoghi di culto e strutture annesse (es. oratori), 19

20 luoghi di aggregazione di massa (stadi cinema teatri - centri commerciali e sportivi - ristoranti ), strutture turistiche (hotel alberghi villaggi residence campeggi ), beni di interesse artistico e culturale (musei, pinacoteche, palazzi monumentali ) aree di particolare interesse ambientale sedi periferiche di Enti Pubblici, istituzioni o altro (Regione, Provincia, Comunità Montana, uffici postali, banche, agenzie del territorio, INPS ) sedi di: VVF, Forze Armate, Polizia, Corpo Forestale dello Stato, Croce Rossa, Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico attività produttive, industrie a rischio di incidente rilevante, discariche, impianti di smaltimento rifiuti pericolosi, impianti depositi siti di stoccaggio contenente materiale radiologico. 20

21 3.1.1 Rischio idraulico Precedenti storici In questa sezione del piano si elencano e si descrivono brevemente gli eventi alluvionali storicamente verificatisi sul territorio indicandone le caratteristiche e gli effetti su ambiente e popolazione. I principali eventi verificatisi sul territorio comunale sono dati dall esondazione del fiume Sele che ha interessato la località Ponte Oliveto provocando danni alle abitazioni che insistono in quella zona. Le fonti consultate sono: - dati storici Pericolosità Per il rischio idraulico la pericolosità considerata scaturisce dall analisi dei precedenti storici e dai Piani di Assetto Idrogeologico (PAI) elaborati dalle Autorità di Bacino, ed in particolare, per la perimetrazione delle aree, alle Carte di pericolosità idraulica, o carta delle fasce fluviali. Individuazione degli esposti Sulla base della perimetrazione delle aree ad elevata pericolosità di cui al punto precedente, il Comune ha individuato gli elementi esposti, ovvero le persone e i beni che si ritiene possano essere interessati dall evento atteso, quelli, cioè, che ricadono all interno delle suddette aree ad elevata pericolosità. 21

22 3.1.2 Rischio idrogeologico (frane) Precedenti storici In questa sezione del piano si elencano e si descrivono brevemente gli eventi franosi storicamente verificatisi sul territorio indicandone le caratteristiche e gli effetti su ambiente e popolazione. I principali eventi verificatisi sul territorio comunale sono dati dalle frane che nel corso degli anni hanno interessato le zone: Pistelle Murzio, Cerze Gasparre- Vallone Grande, Lauri, Ausiana, Bosco, Perillo, Serra del Salice, Acqua Bianca, Valle di Crosca, Croce, Chiaviche, Serra delle Canne. I danni sono stati sempre di lieve entità, interessando a volte anche sedi stradali come in località Acqua Bianca. Le fonti consultate sono: - Dati storici, archivio comunale e carta dell Autorità di Bacino. Pericolosità Per il rischio frane la pericolosità considerata scaturisce dall analisi dei precedenti storici e dai Piani di Assetto Idrogeologico (PAI) elaborati dalle Autorità di Bacino, ed in particolare, per quanto attiene alla perimetrazione delle aree in frana o suscettibili al dissesto, ove presente questa ulteriore caratterizzazione, alle Carte di Pericolosità Geomorfologica o da Frana o alle Carte Inventario delle frane. L unica zona classificata con il grado di pericolosità P4 è la località Serroni. Individuazione degli esposti Sulla base della perimetrazione delle aree ad elevata pericolosità di cui al punto precedente, il Comune ha individuato gli elementi esposti, ovvero le persone e i beni che si ritiene possano essere interessati dall evento atteso, quelli, cioè, che ricadono all interno delle suddette aree ad elevata pericolosità. 22

23 3.1.3 Rischio sismico Precedenti storici In questa sezione del piano si elencano e si descrivono brevemente gli eventi sismici storicamente verificatisi sul territorio indicandone le caratteristiche e gli effetti su ambiente e popolazione. L evento sismico che ha colpito gravemente il comune di Oliveto Citra è stato quello verificatisi nel 1980 che ha portato ingenti danni a tutto il territorio. Le fonti consultate sono: - dati storici Pericolosità Con riferimento alla deliberazione di Giunta Regionale n 5447 del 7/11/ Aggiornamento della Classificazione Sismica dei Comuni della Regione Campania, il comune è classificato a: Media sismicità categoria 2 (S9) Individuazione degli esposti La classificazione sismica del comune riguarda l intero territorio, pertanto si sono individuati tutti gli elementi esposti, ovvero le persone e i beni che si ritiene possano essere interessati dall evento atteso. 23

24 3.1.4 Rischio vulcanico Precedenti storici In questa sezione del piano si elencano e si descrivono brevemente i fenomeni vulcanici storicamente verificatisi sul territorio in seguito alle eruzioni del Vesuvio, indicandone le caratteristiche e gli effetti su ambiente e popolazione. Pericolosità Il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile ha elaborato il Piano Emergenza Vesuvio, un piano di emergenza dell area vesuviana e dei comuni limitrofi da attivare nel caso di ripresa dell attività eruttiva del vulcano. Sostanzialmente il Piano individua due aree di intervento: una ad alto rischio comprendente 18 comuni della provincia di Napoli, e una caratterizzata da fenomenologie minori (zona gialla) comprendente anche 21 comuni della provincia di Salerno: ANGRI BARONISSI BRACIGLIANO CALVANICO CASTEL SAN GIORGIO CAVA DE' TIRRENI CORBARA FISCIANO MERCATO SAN SEVERINO NOCERA INFERIORE NOCERA SUPERIORE PAGANI PELLEZZANO ROCCAPIEMONTE SAN MARZANO SUL SARNO SAN VALENTINO TORIO SANT'EGIDIO DEL MONTE ALBINO SARNO SCAFATI SIANO TRAMONTI Tabella A: comuni compresi nell area gialla del Piano Vesuvio 24

25 Pertanto il Comune di OLIVETO CITRA RIENTRA NON RIENTRA nella zona gialla. X Individuazione degli esposti La pericolosità riguarda l intero territorio comunale, pertanto si sono individuati tutti gli elementi esposti, ovvero le persone e i beni che si ritiene possano essere interessati dall evento atteso. 25

26 3.1.5 Rischio chimico industriale Precedenti storici In questa sezione del piano si elencano e si descrivono brevemente gli incidenti industriali eventualmente verificatisi sul territorio indicandone le caratteristiche e gli effetti su ambiente e popolazione. Pericolosità Per l elaborazione dello scenario relativo al rischio chimico industriale si fa riferimento ai Piani di Emergenza Esterni redatti dalla Prefettura di Salerno per ogni azienda a rischio di incidente rilevante di cui ai Decreti Legislativi 334/99 e 238/2005 e s.m.i. (cosiddette Leggi Seveso). A tal fine si riporta di seguito l elenco delle aziende con rischio di incidente rilevante presenti sul territorio provinciale. COMUNE AZIENDA Albanella DIPOGAS Angri POMPEAN GAS Buccino CHIMECO Cava De' Tirreni ROBURGAS Eboli ELLEPIGAS SUD Giffoni Sei Casali MEDAGAS Padula ULTRAGAS Padula DEPORGAS Pagani DINAGAS Roccadaspide FONTEGAS S. Giovanni a Piro SEI (BASM) Esplosivi Scarpitta S.Cipriano Picentino PETROLCHIMICA SUD Sala Consilina - Sassano DIANGAS Salerno SOL Siano-Castel S. Giorgio FA.CO.M. Tabella B: aziende a rischio di incidente rilevante in Provincia di Salerno 26

27 Pertanto il Comune di OLIVETO CITRA E INTERESSATO NON E INTERESSATO X da emergenze per rischio chimico-industriale. Individuazione degli esposti 27

28 3.1.6 Rischio Incendi di Interfaccia Il comune di Oliveto Citra avendo redatto il PEC incendi di interfaccia di cui all OPCM 3606 del 28 agosto 2007 farà riferimento ai contenuti dello stesso. In questa sezione sono state riportate le informazioni richieste avendo avuto cura di aggiungere altre zone per il rischio di incendio che andranno ad integrare quelle del Piano di interfaccia. Definizione Per interfaccia urbano-rurale si definiscono quelle zone, aree o fasce, nelle quali l interconnessione tra strutture antropiche e aree naturali è molto stretta; cioè sono quei luoghi geografici dove il sistema urbano e quello rurale si incontrano ed interagiscono, così da considerarsi a rischio d incendio di interfaccia, potendo venire rapidamente in contatto con la possibile propagazione di un incendio originato da vegetazione combustibile. Tale incendio, infatti, può avere origine sia in prossimità dell insediamento (ad es. dovuto all abbruciamento di residui vegetali o all accensione di fuochi durante attività ricreative in parchi urbani e/o periurbani, ecc.), sia come incendio propriamente boschivo per poi interessare le zone di interfaccia. Precedenti storici In questa sezione del piano si elencano e si descrivono brevemente gli incendi di interfaccia verificatisi sul territorio indicandone le caratteristiche e gli effetti su ambiente e popolazione. Gli incendi che, a memoria d uomo, hanno colpito il territorio sono avvenuti in località Chiaviche, Remolente e Vallipote. Si tratta sempre di incendi di modesta entità. Le fonti consultate sono: -dati storici. Pericolosità Per gli incendi di interfaccia la pericolosità è valutata nella porzione di territorio, interna alla cosiddetta fascia perimetrale, ritenuta potenzialmente interessata da possibili incendi. La pericolosità è calcolata considerando i seguenti sei fattori: Tipo di vegetazione Densità della vegetazione Pendenza Tipo di contatto Incendi pregressi 28

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

Comune di San Marzano sul Sarno

Comune di San Marzano sul Sarno Il presente documento nasce come elemento di supporto al lavoro di redazione del Piano Comunale ed è destinato sia a chi si appresta ad affrontare per la prima volta le tematiche di protezione civile,

Dettagli

3. ANALISI DEI RISCHI E SISTEMA DI ALLERTAMENTO

3. ANALISI DEI RISCHI E SISTEMA DI ALLERTAMENTO Il presente documento nasce come elemento di supporto al lavoro di redazione del Piano Comunale ed è destinato sia a chi si appresta ad affrontare per la prima volta le tematiche di protezione civile,

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

Comune di Bracigliano

Comune di Bracigliano Il presente documento nasce come elemento di supporto al lavoro di redazione del Piano Comunale ed è destinato sia a chi si appresta ad affrontare per la prima volta le tematiche di protezione civile,

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile

Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Sistema di allertamento regionale ai fini di protezione civile Paolo Covelli www.regione.toscana.it/protezionecivile paolo.covelli@regione.toscana.it 055 4385511 Inquadramento generale PREVISIONE Valutazione

Dettagli

AGGIORNAMENTO OTTOBRE 2012

AGGIORNAMENTO OTTOBRE 2012 1 1. PREMESSA In questa sezione vengono definite, in modo semplice e chiaro, le strutture e le competenze istituzionali in relazione al servizio di protezione civile. In particolare viene descritta brevemente

Dettagli

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C 1 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_c1_-_procedura operativa incendi.docm \\save.12 PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CIVILE R EGIONE R EGIONE AUTONOMA DELLA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

Risorse telematiche di pianificazione Sito internet di Protezione civile per il monitoraggio

Risorse telematiche di pianificazione Sito internet di Protezione civile per il monitoraggio Corso di formazione per professionisti e tecnici per la redazione dei piani di emergenza Risorse telematiche di pianificazione Sito internet di Protezione civile per il monitoraggio Ing. Maurizio Molari

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C)

DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) DIREZIONE DI COMANDO E CONTROLLO (DI.COMA.C) Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile Commissario delegato per l emergenza sismica nella provincia de L Aquila e in altri comuni della regione Abruzzo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO SEZIONE II SCENARI DI RISCHIO DOC 2.1 LIVELLI DI ALLERTA MODELLO DI INTERVENTO, SCENARI DI RISCHIO E INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Sommario Scenari di rischio...2 Metodologia utilizzata...2 Gli scenari

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici

I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici Relatore: Ing. MARIANO CARRARO Segretario Regionale per l Ambiente del Veneto Intervento

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 57528/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di venerdì quattro del mese di

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

Il rischio vulcanico

Il rischio vulcanico Il rischio vulcanico Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Sesta parte Prof. Rolando Neri 2 Alcuni eventi pericolosi nell attività di un vulcano. (Rielaborato da Press e Siever). Il loro verificarsi può provocare

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO

B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO B. INDIVIDUAZIONE DEGLI SCENARI DI RISCHIO Descrizione I rischi sono noti e quantificabili quando ci sono dei sistemi di monitoraggio presenti nel territorio che consentano di attivare la risposta locale

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI ACIREALE SETTORE PROTEZIONE CIVILE PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Oggetto : PARTE I - GENERALITÀ GIUGNO 2013 REVISIONE ELABORATO ADEGUATO AL PARERE DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DEL 12/09/2012

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CATTOLICA PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Relazione Stralcio Rischio Idrogeologico FILE RELAZIONE STRALCIO RISCHIO IDROGEOLOGICO.doc DATA

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

INFORMATIVA SUI TEMPORALI

INFORMATIVA SUI TEMPORALI INFORMATIVA SUI TEMPORALI Il Responsabile del Centro Funzionale Decentrato Dott. Ing. Roberto Tonellato Hanno partecipato all elaborazione dell informativa l ARPAV, la Sezione Difesa del Suolo e la Sezione

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE Trino, lì Il Commissario Straordinario -------------------------------------------------------------

Dettagli

R e l a z i o n e. Ing. A. Castellini. Dott. R. Chiesa. Dott. V. Piro

R e l a z i o n e. Ing. A. Castellini. Dott. R. Chiesa. Dott. V. Piro PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Rischio Idrogeologico AZIONI PER L INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE R e l a z i o n e Ing. A. Castellini Dott. R. Chiesa Dott. V. Piro Sommario: 1. Premessa 2. Il Piano

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

PIANO LOCALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE APPLICAZIONE PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO

PIANO LOCALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE APPLICAZIONE PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO PIANO LOCALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE APPLICAZIONE PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO INDICE Premessa Parte A - Generale A1 - Pericolosità idrologica A2 - Elementi esposti al rischio A3 - Monitoraggio

Dettagli

! " # $ " '###( , $ - $& & $ ) $. $/ 0)1 +-234563 7 ) 8 7 $

!  # $  '###( , $ - $& & $ ) $. $/ 0)1 +-234563 7 ) 8 7 $ ! " # " %% & " '###( ) & *+%, - & & ). / 0)1 +-234563 )+ 7 ) 8 7 111& 287 ) / 9) #.:; " < &=44>.:; < - / # '###( ' ( ;?&0 -.:;/ @! A, # *%? '(, ' 1(@ :B 1!? # 288 +.:;/ +; # ;,&1;1C - # ' ( @ " " @ " *%

Dettagli

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Con deliberazione G.R. n. 45/57 del 30/10/1990, il Bacino Unico Regionale è stato suddiviso in sette Sub Bacini, ciascuno dei quali è caratterizzato da

Dettagli

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE

CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE CITTA' DI BRA SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 85 in data 29 novembre 2007) INDICE

Dettagli

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta

preallerta N COSA CHI DOCUMENTI NOTE Avvisa il Sindaco e il Responsabile del Centro Operativo responsabile dichiarazione stato preallerta RISCIO FRANA preallerta Ricezione avviso Funzionario Avvisa il Sindaco e il del Centro Operativo responsabile Comunale 1 Dichiarazione stato preallerta Lo stato di preallerta può essere dichiarato dichiarazione

Dettagli

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico

Provincia di Savona Settore Difesa del Suolo e Tutela Ambientale Servizio Protezione Civile. Piano di Emergenza Speditivo per il Rischio Idrogeologico DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Il dato fondamentale per la redazione di un piano di Emergenza, è la definizione dello scenario di riferimento. Per tale capitolo si fa riferimento ai risultati emersi dallo

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2. SISTEMA DI GESTIONE DEL RISCHIO METEOIDROGEOLOGICO Nel presente capitolo è dapprima descritta (paragrafo 2.1) la procedura regionale che, partendo dalle previsioni meteoidrologiche effettuate dal Centro

Dettagli

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Pianificazione dell emergenza di protezione civile comunale, intercomunale e provinciale e modello d intervento regionale Piani nazionali di

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE 1. PREMESSA 1.1. La struttura del Piano 1.2. Riferimenti normativi 1.3. Il piano comunale di protezione civile 2.

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO

LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO 9 maggio 2015 - Teatro Martinetti Castellamonte (TO) LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DEL TERRITORIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO E GEOLOGICO Le misure di PROTEZIONE CIVILE: La Protezione Civile

Dettagli

Documento scaricato da www.poweb.it pag. 1

Documento scaricato da www.poweb.it pag. 1 Documento scaricato da www.poweb.it pag. 1 IL METODO AUGUSTUS INDICE Premessa Piano di Emergenza Coordinamento ed Indirizzo secondo la L.N. 225/92 Pianificazione e Programmazione Definizione di Piano Successo

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 3 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO IDRAULICO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA In condizioni particolari

Dettagli

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it Regione Campania Assessorato alle Politiche Ambientali Area Ecologia, Tutela dell Ambiente, Disinquinamento, Protezione Civile Settore Ecologia Servizio Programmi per la Promozione della Natura e delle

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE E PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

PROTEZIONE CIVILE E PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA PROTEZIONE CIVILE E PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA 1.1. La Protezione Civile Con il termine Protezione Civile non si intende, come è opinione diffusa, solo l insieme di mezzi e risorse umane che intervengono

Dettagli

PIANO SPEDITIVO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURE OPERATIVE PER IL RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO

PIANO SPEDITIVO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURE OPERATIVE PER IL RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO PIANO SPEDITIVO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURE OPERATIVE PER IL RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO Approvato con Deliberazione della Giunta Regionale n. INDICE PROCEDURE OPERATIVE PER IL RISCHIO

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

PIANIFICAZIONE E SICUREZZA TERRITORIALE

PIANIFICAZIONE E SICUREZZA TERRITORIALE REGIONE ABRUZZO DIREZIONE LL.PP. E PROTEZIONE CIVILE PIANIFICAZIONE E SICUREZZA TERRITORIALE (nell ambito della Direttiva Seveso III) (Domenico Macrini Servizio Previsione e Prevenzione Rischi) Legislazione

Dettagli

Risk definition, planning and prevention activities, emergency and civil protection organization in Province of Trento Provincial legislation

Risk definition, planning and prevention activities, emergency and civil protection organization in Province of Trento Provincial legislation convenzione delle alpi Methodologies and best practices for the participation of the stakeholders involved in flood risk prevention Metodologie e buone prassi per il coinvolgimento degli stakeholder er

Dettagli

IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI

IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI IL PIANO DI EMERGENZA DEL COMUNE DI TODI La Legge 225/1992 Istituzione del servizio nazionale della protezione civile (modificata ed integrata dalla Legge 100/2012 Disposizioni urgenti per il riordino

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE PER IL RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE PER IL RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO Regione Molise Servizio per la Protezione Civile Centro Funzionale del Molise SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE PER IL RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO Approvato con D.G.R. n. 152 del 23.02.2009 Stato:

Dettagli

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese ALLEGATO 7 Procedura interna del COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese PIANO DI GESTIONE DELLA VIABILITA PER IL PIANO DI EMERGENZA ESTERNA DEL SITO INDUSTRIALE AUTOSPED S.r.l. Santa Giustina

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Stefano Vergante Dipartimento Ambiente Settore Protezione Civile ed Emergenza IL QUADRO NORMATIVO Direttiva

Dettagli

CITTÀ DI AGROPOLI Provincia di Salerno

CITTÀ DI AGROPOLI Provincia di Salerno CITTÀ DI AGROPOLI Provincia di Salerno INDIVIDUAZIONE DELLE AREE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE A LIVELLO COMUNALE RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA DEFINIZIONE DELLE ATTIVITÀ DI AGGIORNAMENTO ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAMERINO Scuola di Scienze e Tecnologie Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT Docente: Dott. Maurizio Tesorini

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI URAS PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE CAPITOLO SECONDO MODELLO DI INTERVENTO DI PROTEZIONE CIVILE Luglio 2010 Redazione: Dott. Alberto

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO TRASPORTO SOSTANZE PERICOLOSE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il Piano

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO

PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DEL COMUNE DI ORCO FEGLINO TOMO 2 RISCHIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ORCO FEGLINO REDAZIONE DI PIANO COMUNALE DI EMERGENZA TOMO 2 RISCHIO

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

4. Procedure d Intervento... 2. 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2

4. Procedure d Intervento... 2. 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2 Indice 4. Procedure d Intervento... 2 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2 4.2 Procedure di carattere generale per l attivazione del Sistema comunale di protezione civile..

Dettagli

Vademecum Allertamento

Vademecum Allertamento Vademecum Allertamento INDICE: 1. Cos è l Allertamento pag. 1 2. Ruolo e responsabilità del Sindaco secondo la normativa vigente pag. 2 3. Emergenza e sussidiarietà pag. 7 4. Il servizio di allertamento

Dettagli

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Le azioni previsionali e di monitoraggio della Protezione Civile

Dettagli

ALLEGATO ID-BB INDICE 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO SPECIFICO (IDROGEOLOGICO) 1.1 STATO PRE-ALLERTA 1.2 ATTENZIONE 1.3 PREALLARME 1.

ALLEGATO ID-BB INDICE 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO SPECIFICO (IDROGEOLOGICO) 1.1 STATO PRE-ALLERTA 1.2 ATTENZIONE 1.3 PREALLARME 1. ALLEGATO ID-BB INDICE 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO SPECIFICO (IDROGEOLOGICO) 1.1 STATO PRE-ALLERTA 1.2 ATTENZIONE 1.3 PREALLARME 1.4 ALLARME ALLEGATO ID-BB 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.3. LE FASI OPERATIVE A giugno 2015 è stato approvato dal tavolo tecnico della Commissione speciale di pc il documento sulla omogeneizzazione del Sistema di allertamento nazionale. Il documento sull omogeneizzazione

Dettagli

CAPITOLO 2.2 Scenari di evento

CAPITOLO 2.2 Scenari di evento CAPITOLO 2.2 Scenari di evento Introduzione 2 1. Scenario di evento nel caso di rischio idrogeologico 5 2. Scenario di evento nel caso di rischio sismico 7 3. Scenario di evento nel caso di rischio industriale

Dettagli

n. 74 del 3 Dicembre 2012

n. 74 del 3 Dicembre 2012 Commissario Delegato ex OO.P.C.M. 3908/2010 e 3922/2011 Ordinanza Commissariale n. 2323/3908-2010/3922-2011 del 29 Novembre 2012 - Approvazione del settimo ed urgente piano stralcio di interventi. Rimodulazione

Dettagli

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011 Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali elvezio.galanti@protezionecivile.it prima del terremoto del 1980 DPR n 66 1981

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio 1 RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO 1.1 Caratteristiche del territorio Sono state identificate come aree a rischio di incendio boschivo e di interfaccia sui centri abitati e sulle case sparse la zona di Morghe

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

PIANIFICAZIONE PROVINCIALE DI EMERGENZA

PIANIFICAZIONE PROVINCIALE DI EMERGENZA Provincia di Salerno Prefettura UTG di Salerno PIANIFICAZIONE PROVINCIALE DI EMERGENZA PIANO SPEDITIVO DI PROTEZIONE CIVILE LUGLIO 2010 INDICE 1. PREMESSA...3 Contenuti generali del Piano Speditivo Provinciale...4

Dettagli

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione

RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A FASE DI ATTENZIONE. Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione RISCHIO IDROGEOLOGICO scenario 3 - Bollettino Meteo A () (, CC, Polizia Municipale,..) FASE DI ATTENZIONE Riceve il bollettino meteo e l'avviso di inizio fase di attenzione Fax, telefono, cellulare ()

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA

CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA V1 1990 1 i n d i c e 1. premessa pag. 1.1 quadro di riferimento generale 2 1.2 scopi del servizio di piena 2 2.

Dettagli

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO INDICE GENERALE INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: A. ANALISI TERRITORIALE A1. ANALISI DELLE PERICOLOSITA A2. ANALISI DEL TESSUTO URBANIZZATO B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

Dettagli

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione COMUNE DI NOCERA INFERIORE Sala Polifunzionale della Galleria Maiorino Nocera Inferiore 14 aprile 2011 Incontro informativo sul rischio da frana a Nocera Inferiore Valutazione del rischio, sistemi di allertamento

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO VIABILITA E TRASPORTI Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA 2.4 - Incidenti

Dettagli