LUOGO e DATA: Forte dei Marmi, 27/12/2012 REVISIONE: 01 MOTIVAZIONE: IL DATORE DI LAVORO. (Dott.ssa Silvia Barbara Gori) in collaborazione con

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LUOGO e DATA: Forte dei Marmi, 27/12/2012 REVISIONE: 01 MOTIVAZIONE: IL DATORE DI LAVORO. (Dott.ssa Silvia Barbara Gori) in collaborazione con"

Transcript

1 Istituto Comprensivo Forte dei Marmi Via Padre Ignazio da Carrara n Forte dei Marmi (LU) Tel.: 0584/ Fax: 0584/ Internet: - DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (Artt. 17 e 28 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) LUOGO e DATA: Forte dei Marmi, 27/12/2012 REVISIONE: 01 MOTIVAZIONE: IL DATORE DI LAVORO (Dott.ssa Silvia Barbara Gori) in collaborazione con IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (Dott. Giuliano Angeli) per consultazione IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (Paolo Claudio Bottari) Pag. 1

2 PREMESSA Il presente documento è stato elaborato secondo quanto previsto dalla normativa nazionale: - D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, "Attuazione dell'art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro". Testo coordinato con: - D.L. 3 giugno 2008, n. 97, convertito, con modificazioni, dalla L. 2 agosto 2008, n. 129; - D.L. 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla L. 6 agosto 2008, n. 133; - D.L. 30 dicembre 2008, n. 207, convertito, con modificazioni, dalla L. 27 febbraio 2009, n. 14; - L. 18 giugno 2009, n. 69; - L. 7 luglio 2009, n. 88; - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106; - D.L. 30 dicembre 2009, n. 194, convertito, con modificazioni, dalla L. 26 febbraio 2010, n. 25; - D.L. 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla L. 30 luglio 2010, n. 122; - L. 4 giugno 2010, n. 96; - L. 13 agosto 2010, n. 136; - D.L. 29 dicembre 2010, n. 225, convertito, con modificazioni dalla L. 26 febbraio 2011, n. 10. Nei capitoli successivi sono riportati gli esiti della valutazione di tutti i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori presenti nell'ambito dell'organizzazione in cui essi prestano la propria attività. Modalità di elaborazione Le attività di valutazione del rischio e di elaborazione del presente documento sono state effettuate dal datore di lavoro in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione. Le attività di valutazione e di elaborazione del presente documento sono state effettuate previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. La valutazione e il relativo documento saranno rielaborati, nel rispetto delle modalità previste dalla normativa, in occasione di modifiche del processo produttivo o dell'organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e della sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione e della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. Contenuti del documento Il documento contiene, ai sensi dell'art. 28, comma 2, del D.Lgs. 81/2008: - una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l attività lavorativa, nella quale sono specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; - l indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione; - il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; - l individuazione delle procedure per l attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell'organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; - l indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio; - l individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento. Pag. 2

3 DATI IDENTIFICATIVI AZIENDALI dati aziendali e nominativi di quanti hanno funzioni inerenti la sicurezza (Art. 28, comma 2, lettera e), D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) Nel presente capitolo sono riportati i dati identificativi aziendali, ovvero la ragione sociale, le generalità del datore di lavoro, dei collaboratori e delle figure designate o nominate ai fini della sicurezza aziendale. AZIENDA Ragione sociale Istituto Comprensivo Forte dei Marmi Indirizzo Via Padre Ignazio da Carrara n 79 CAP Città Forte dei Marmi (LU) Telefono 0584/ FAX 0584/ Internet Codice Fiscale Datore di Lavoro Nominativo Qualifica Silvia Barbara Gori Dott.ssa ALTRE FIGURE AZIENDALI Di seguito sono indicati i nominativi delle figure di cui all'art. 28, comma 2, lettera e) del D.Lgs. 81/2008, ovvero i nominativi "del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio". Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione [RSPP]: Giuliano Angeli Qualifica: Dott. Posizione Esterno Data nomina: 03/10/2012 Studio Angeli Ambiente & Sicurezza Indirizzo: Via Federigi, N 35 Città: Querceta (LU) CAP: Telefono / Fax: 0584/ / Internet: Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza [RLS]: Qualifica: Paolo Claudio Bottari Professor Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Pag. 3

4 ADDETTI al Servizio P.P. Di seguito sono indicati i nominativi delle figure di cui all'art. 18, comma 1, lettera b), del D.Lgs. 81/2008, ovvero i nominativi "dei lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell'emergenza". Addetti al Servizio di ANTINCENDIO: Dotti Cinzia Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Maria Grazia Lorenzoni Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Roberta Neri Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Pulacci Federica Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Maria Luisa Rebechi Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Gabriella Binelli Scuola Primaria "Carducci" Sandra Del Carlo Scuola Primaria "Don Milani" Alfreda Giuntoli Scuola Primaria "Don Milani" Elena Manfredi Scuola Primaria "Don Milani" Maria Lisa Catelani Scuola Primaria "Don Milani" Rosalba Federigi Scuola dell'infanzia "Caranna" Luciana Mattei Scuola dell'infanzia "Caranna" Rosella Pucciarelli Scuola dell'infanzia "Caranna" Simonetta Simoni Scuola dell'infanzia "Caranna" Morena Girolami Scuola dell'infanzia "Giorgini" Rita Lia Gabrielli Scuola dell'infanzia "Giorgini" Pag. 4

5 Addetti al Servizio di EVACUAZIONE: Tutto il personale ATA - Collaboratori Scolastici Plesso di riferimento Franca Bertola Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Daniela Buonamici Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Cristina Buselli Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Maria Grazia Lorenzoni Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Giovanna Mariani Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Carla Salvadori Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Maria Giulia Tarabella Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Donatella Verdini Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Nemo Neri Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Luisella Alibani Scuola Primaria "Don Milani" Daniela Da Prato Scuola Primaria "Don Milani" Silvia Bazzichi Scuola dell'infanzia "Caranna" Cinzia Bertellotti Scuola dell'infanzia "Caranna" Maria Emma Pellegrini Scuola dell'infanzia "Caranna" Stefania Zanchetta Scuola dell'infanzia "Caranna" Giusy Gallini Scuola dell'infanzia "Giorgini" Manuela Manetti Scuola dell'infanzia "Giorgini" Silvia Picchi Scuola dell'infanzia "Giorgini" Pag. 5

6 Addetti al Servizio di PRIMO SOCCORSO: Daniela Bonamici Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Cristina Buselli Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Maria Grazia Lorenzoni Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Roberta Neri Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Patrizia Silvestri Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Alessandra Ulivi Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Alessandra Ulivi Scuola Primaria "Carducci" Maria Tommasi Scuola Primaria "Carducci" Sabrina Angelini Scuola Primaria "Carducci" Maria Carusone Scuola Primaria "Don Milani" Daniela Giannelli Scuola dell'infanzia "Caranna" Loredana Iacopi Scuola dell'infanzia "Caranna" Simonetta Simoni Scuola dell'infanzia "Caranna" Marzia Franceschi Scuola dell'infanzia "Giorgini" Chiara Giannattasio Scuola dell'infanzia "Giorgini" Maria Tommasi Scuola dell'infanzia "Giorgini" Addetti al Servizio di SALVATAGGIO: Daniela Bonamici Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Cristina Buselli Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Pag. 6

7 Cinzia Dotti Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Maria Grazia Lorenzoni Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Roberta Neri Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Federica Pulacci Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Maria Luisa Rebechi Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Patrizia Silvestri Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Alessandra Ulivi Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Donatella Verdini Scuola Primaria "Pascoli" - Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Gabriella Binelli Scuola Primaria "Carducci" Cristina Menchini Scuola Primaria "Carducci" Alessandra Ulivi Scuola Primaria "Carducci" Maria Carusone Scuola Primaria "Don Milani" Daniela Da Prato Scuola Primaria "Don Milani" Sandra Del Carlo Scuola Primaria "Don Milani" Alfreda Giuntoli Scuola Primaria "Don Milani" Elena Manfredi Scuola Primaria "Don Milani" Rosalba Federigi Scuola dell'infanzia "Caranna" Daniela Giannelli Scuola dell'infanzia "Caranna" Loredana Iacopi Scuola dell'infanzia "Caranna" Luciana Mattei Scuola dell'infanzia "Caranna" Rossella Pucciarelli Scuola dell'infanzia "Caranna" Pag. 7

8 Simonetta Simoni Scuola dell'infanzia "Caranna" Marzia Franceschini Scuola dell'infanzia "Giorgini" Chiara Giannattasio Scuola dell'infanzia "Giorgini" Morena Girolami Scuola dell'infanzia "Giorgini" Margherita Guerra Scuola dell'infanzia "Giorgini" Maria Tommasi Scuola dell'infanzia "Giorgini" COORDINATORI DI PLESSO: Roberta Neri Scuola Primaria "Pascoli" Giovanna Menicocci Scuola Primaria "Carducci" Alfreda Giuntoli Scuola Primaria "Don Milani" Gisella Nardini Scuola Primaria "Don Milani" Loredana Iacopi Scuola dell'infanzia Caranna Rita Lia Gabrielli Scuola dell'infanzia "Giorgini" Simonetta Pardini Scuola Secondaria "Ugo Guidi" Elenco MANSIONI Le attività lavorative sono svolte dai lavoratori aventi le seguenti mansioni. 1) Addetto all'attività di "Didattica teorica"; 2) Addetto all'attività di "Laboratorio tecnico"; 3) Addetto all'attività di "Laboratorio grafico-artistico"; 4) Addetto all'attività di "Preparazione saggio fine anno"; 5) Addetto all'attività di "Preparazione gruppi sportivi"; 6) Addetto all'attività di "Recupero e sostegno"; 7) Addetto all'attività di "Direzione e amministrazione"; 8) Addetto all'attività di "Vigilanza e piccola manutenzione"; Pag. 8

9 DESCRIZIONE dei LUOGHI di LAVORO individuazione e descrizione dei luoghi di lavoro Presupposto necessario e fondamentale per la valutazione e la conseguente elaborazione del Documento di Valutazione dei Rischi è la rappresentazione dettagliata dei luoghi di lavoro, così come definiti dall'art. 62 del D.Lgs. 81/2008.Di seguito, pertanto, sono descritti tutti i luoghi di lavoro destinati ad ospitare posti di lavoro, ubicati all'interno dell'azienda in oggetto, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda accessibile al lavoratore nell'ambito del proprio lavoro. Ogni luogo di lavoro è individuato con i dati anagrafici, con una breve descrizione delle caratteristiche generali e strutturali e, supportato da tavole grafiche, con un dettaglio dei vari ambienti, siano essi "locali chiusi", destinati ad ospitare posti di lavoro o servizi e accessori, "zone interne" (cioè suddivisioni) dei locali chiusi, destinate ad attività lavorative di maggiore interesse o approfondimento, o "zone esterne" accessibili al lavoratore per esigenze di lavorazione. Tali luoghi di lavoro (locali chiusi, zone interne o zone esterne) sono dettagliatamente ed esaurientemente descritti con tutti gli elementi necessari per una corretta valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Scuola dell'infanzia "P. Nenni" La Scuola dell'infanzia "Caranna" si sviluppa in un edificio avente un solo piano fuori terra che ospita le aule/sezioni, ciascuna con i propri servizi igienici dedicati, e la mensa, con cucina e relativi servizi, spogliatoi, dispensa, nonchè una segreteria prospiciente l'ingresso. All'esterno la Scuola è dotata di ampio giardino per le attività ricreative. Indirizzo: Via Pietro Nenni Città: Loc. Vaiana - Forte dei Marmi (LU) CAP: Internet: ELENCO DELLE TAVOLE GRAFICHE: 1) Pianta Piano Terra; Pag. 9

10 Pianta Piano Terra La presente tavola grafica risulta così definita: - 28 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m 2. m² 5.59 m² ATTIVITA' COLLETTIVE m² 1.33 RIP. m² m² CUCINA 0.85 m² MENSA/REFETTORIO 1.32 m² m² 2.61 m² m² 5.93 ANTI 0.75 m² 7.63 DIS m² 1.17 RIP m² m² 9.49 INGR. CUCINA 0.66 m² 3.04 DIS. m² m² 8.15 DISPENSA m² 8.07 STIRERIA m² UFFICIO m² 7.56 INGRESSO m² SALONE / ATTIVITA' COLLETTIVE m² 6.39 m² m² 1.38 RIP m² RIP m² m² m² ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) INGRESSO (7.56 m 2 ); 2) UFFICIO (10.76 m 2 ); 3) (1.64 m 2 ); 4) STIRERIA (8.07 m 2 ); 5) DISPENSA (8.15 m 2 ); 6) ANTI (5.93 m 2 ); 7) (1.66 m 2 ); 8) (2.61 m 2 ); 9) DIS. (7.63 m 2 ); 10) DIS. (3.04 m 2 ); 11) INGR. CUCINA (9.49 m 2 ); 12) CUCINA (45.78 m 2 ); 13) MENSA/REFETTORIO (87.28 m 2 ); Pag. 10

11 14) ATTIVITA' COLLETTIVE (34.27 m 2 ); 15) (57.32 m 2 ); 16) RIP. (1.33 m 2 ); 17) (5.59 m 2 ); 18) (6.66 m 2 ); 19) RIP (1.17 m 2 ); 20) (50.34 m 2 ); 21) SALONE / ATTIVITA' COLLETTIVE ( m 2 ); 22) (57.63 m 2 ); 23) (54.72 m 2 ); 24) RIP. (1.38 m 2 ); 25) RIP. (1.14 m 2 ); 26) (3.12 m 2 ); 27) (6.66 m 2 ); 28) (6.39 m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. INGRESSO (7.56 m 2 ) 7.56 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. UFFICIO (10.76 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (1.64 m 2 ) 1.64 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 4.92 m 3. STIRERIA (8.07 m 2 ) 8.07 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DISPENSA (8.15 m 2 ) 8.15 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. ANTI (5.93 m 2 ) 5.93 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (1.66 m 2 ) 1.66 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 4.98 m 3. (2.61 m 2 ) 2.61 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 7.83 m 3. DIS. (7.63 m 2 ) 7.63 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DIS. (3.04 m 2 ) 3.04 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 9.12 m 3. INGR. CUCINA (9.49 m 2 ) Pag. 11

12 9.49 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. CUCINA (45.78 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. MENSA/REFETTORIO (87.28 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. ATTIVITA' COLLETTIVE (34.27 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (57.32 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. RIP. (1.33 m 2 ) 1.33 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.99 m 3. (5.59 m 2 ) 5.59 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (6.66 m 2 ) 6.66 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. RIP (1.17 m 2 ) 1.17 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.51 m 3. (50.34 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SALONE / ATTIVITA' COLLETTIVE ( m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (57.63 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (54.72 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. RIP. (1.38 m 2 ) 1.38 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 4.14 m 3. RIP. (1.14 m 2 ) 1.14 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.42 m 3. Pag. 12

13 (3.12 m 2 ) 3.12 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 9.36 m 3. (6.66 m 2 ) 6.66 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (6.39 m 2 ) 6.39 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Scuola dell'infanzia "Giorgini" La Scuola dell'infanzia "Giorgini" si trova in posizione centrale rispetto agli altri plessi, e si svilyuppa all'interno di un edificio su due piani fuori terra. A piano terra si trovano la mensa con cucina, la segreteria, un'aula audiovsivi ed i servizi igienici. A piano primo sono presenti le aule/sezioni con relativi servizi igienici. All'esterno la Scuola ha un piccolo giardino per le attività ricreative. Indirizzo: Via Pietro Mascagni Città: Forte dei Marmi (LU) CAP: Internet: ELENCO DELLE TAVOLE GRAFICHE: 1) Pianta Piano Terra; 2) Pianta Piano Primo; Pianta Piano Terra La presente tavola grafica risulta così definita: - 15 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m m² m² 7.04 DISABILI m² 9.90 DISPENSA 1.14 m² CUCINA 1.14 m² 9.51 SPOGLIATOIO 1.09 m² 5.30 DIS. m² 6.57 SEGRETERIA 1.14 m² 5.01 DIS m² 5.31 C.T. m² 3.50 RIP m² CORRIDOIO m² 3.90 INGR m² REFETTORIO m² 7.98 LOC. TEC m² BIBLIOTECA / AUDIOVISIVI 1.14 Pag. 13

14 ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) BIBLIOTECA / AUDIOVISIVI (24.22 m 2 ); 2) C.T. (5.31 m 2 ); 3) LOC. TEC. (7.98 m 2 ); 4) RIP. (3.50 m 2 ); 5) (15.83 m 2 ); 6) DISABILI (7.04 m 2 ); 7) DIS. (5.30 m 2 ); 8) SEGRETERIA (6.57 m 2 ); 9) CUCINA (33.02 m 2 ); 10) REFETTORIO (80.67 m 2 ); 11) SPOGLIATOIO (9.51 m 2 ); 12) DISPENSA (9.90 m 2 ); 13) DIS. (5.01 m 2 ); 14) CORRIDOIO (61.23 m 2 ); 15) INGR. (3.90 m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. BIBLIOTECA / AUDIOVISIVI (24.22 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. C.T. (5.31 m 2 ) 5.31 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. LOC. TEC. (7.98 m 2 ) 7.98 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. RIP. (3.50 m 2 ) 3.50 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (15.83 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DISABILI (7.04 m 2 ) 7.04 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DIS. (5.30 m 2 ) 5.30 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SEGRETERIA (6.57 m 2 ) 6.57 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. CUCINA (33.02 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. REFETTORIO (80.67 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 14

15 SPOGLIATOIO (9.51 m 2 ) 9.51 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DISPENSA (9.90 m 2 ) 9.90 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DIS. (5.01 m 2 ) 5.01 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. CORRIDOIO (61.23 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. INGR. (3.90 m 2 ) 3.90 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 1 m 3. Pianta Piano Primo La presente tavola grafica risulta così definita: - 9 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m m² m² 9.51 SPOGLIATOIO 1.09 m² 5.31 DIS. m² m² DIS. m² m² CORRIDOIO m² m² ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) (33.14 m 2 ); 2) (48.86 m 2 ); 3) (46.83 m 2 ); 4) (24.22 m 2 ); 5) CORRIDOIO (52.37 m 2 ); 6) DIS. (14.38 m 2 ); Pag. 15

16 7) (15.82 m 2 ); 8) DIS. (5.31 m 2 ); 9) SPOGLIATOIO (9.51 m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. (33.14 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (48.86 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (46.83 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (24.22 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. CORRIDOIO (52.37 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DIS. (14.38 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (15.82 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DIS. (5.31 m 2 ) 5.31 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SPOGLIATOIO (9.51 m 2 ) 9.51 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 16

17 m² m² m² 9.29 m² m² m² m² m² 6.84 m² m² 1.67 m² m² m² m² m² m² m² Scuola Primaria "G. Carducci" La Scuola Primaria "G. Carducci" si trova all'interno di un edificio di avente tre piani fuori terra. A piano terra le aule presenti attualmente ospitano la sezione B della Scuola dell'infanzia, inoltre troviamo un'aula comune, due refettori con annessa cucina, servizi, spogliatoi e dispensa e, collegata tramite corridoio, la palestra con relativi spogliatoi, servizi e depositi/magazzini. A piano primo sono presenti le aule per la didattica con relativi servizi e i laboratori, mentre a secondo piano sono presenti le restanti aule didattiche. All'interno del complesso scolastico sono presenti anche degli appartamenti di proprietà comunale. All'esterno la Scuola presenta un'ampio giardino per le attività ricreative. Indirizzo: Via Melato Città: Forte dei Marmi (LU) CAP: Internet: ELENCO DELLE TAVOLE GRAFICHE: 1) Pianta Piano Terra; 2) Pianta Piano Primo; 3) Pianta Piano Secondo; Pianta Piano Terra La presente tavola grafica risulta così definita: - 38 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m 2. m² 1.88 INGRESSO m² DISPENSA m² 8.56 LOC. TEC. m² CUCINA m² RIP. m² 3.10 DISPENSA m² REFETTORIO RIPOSTIGLIO m² SPOGLIATOIO m² LUDOTECA REFETTORIO m² 2.94 SPOGLIATOIO PALESTRA m² SPOGLIATOIO m² m² 3.79 m² 3.79 CUSTODE m² 9.82 LOC. Q.E LOC. TEC. m² INGRESSO m² DEPOSITO ATTREZZI m² DEPOSITO ATTREZZI m² 3 m² 8.91 m² ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) (6.84 m 2 ); 2) REFETTORIO ( m 2 ); 3) REFETTORIO (97.09 m 2 ); 4) CUCINA (33.91 m 2 ); 5) INGRESSO (11.96 m 2 ); 6) DISPENSA (8.56 m 2 ); 7) LOC. TEC. (13.86 m 2 ); 8) (1.88 m 2 ); Pag. 17

18 9) RIP. (3.10 m 2 ); 10) DISPENSA (15.34 m 2 ); 11) RIPOSTIGLIO (15.58 m 2 ); 12) (1.67 m 2 ); 13) LUDOTECA (40.16 m 2 ); 14) (11.95 m 2 ); 15) (14.24 m 2 ); 16) (7.13 m 2 ); 17) (33.36 m 2 ); 18) (33.97 m 2 ); 19) (33.97 m 2 ); 20) (33.36 m 2 ); 21) LOC. Q.E. (9.82 m 2 ); 22) (11.66 m 2 ); 23) (8.91 m 2 ); 24) DEPOSITO ATTREZZI (3 m 2 ); 25) SPOGLIATOIO (16.59 m 2 ); 26) (3.79 m 2 ); 27) (3.79 m 2 ); 28) CUSTODE (17.15 m 2 ); 29) INGRESSO (16.48 m 2 ); 30) PALESTRA ( m 2 ); 31) SPOGLIATOIO (16.47 m 2 ); 32) SPOGLIATOIO (16.38 m 2 ); 33) (9.29 m 2 ); 34) (9.29 m 2 ); 35) (2.94 m 2 ); 36) (2.94 m 2 ); 37) DEPOSITO ATTREZZI (24.20 m 2 ); 38) LOC. TEC. (11.21 m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. (6.84 m 2 ) 6.84 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. REFETTORIO ( m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. REFETTORIO (97.09 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. CUCINA (33.91 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. INGRESSO (11.96 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DISPENSA (8.56 m 2 ) 8.56 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. LOC. TEC. (13.86 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 18

19 (1.88 m 2 ) 1.88 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 5.64 m 3. RIP. (3.10 m 2 ) 3.10 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 9.30 m 3. DISPENSA (15.34 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. RIPOSTIGLIO (15.58 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (1.67 m 2 ) 1.67 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 5.01 m 3. LUDOTECA (40.16 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (11.95 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (14.24 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (7.13 m 2 ) 7.13 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (33.36 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (33.97 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (33.97 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (33.36 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. LOC. Q.E. (9.82 m 2 ) 9.82 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (11.66 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 19

20 (8.91 m 2 ) 8.91 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DEPOSITO ATTREZZI (3 m 2 ) 3 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SPOGLIATOIO (16.59 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (3.79 m 2 ) 3.79 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (3.79 m 2 ) 3.79 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. CUSTODE (17.15 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. INGRESSO (16.48 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. PALESTRA ( m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SPOGLIATOIO (16.47 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SPOGLIATOIO (16.38 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (9.29 m 2 ) 9.29 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (9.29 m 2 ) 9.29 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (2.94 m 2 ) 2.94 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 8.82 m 3. (2.94 m 2 ) 2.94 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 8.82 m 3. DEPOSITO ATTREZZI (24.20 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 20

21 LOC. TEC. (11.21 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pianta Piano Primo La presente tavola grafica risulta così definita: - 14 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m 2. m² 6.49 m² 5.29 m² PC m² CUSTODI m² ARCHIVIO m² m² m² m² m² m² m² m² m² RIP. ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) (18.72 m 2 ); 2) (22.11 m 2 ); 3) RIP. (11.14 m 2 ); 4) (52.12 m 2 ); 5) (53.08 m 2 ); 6) (53.08 m 2 ); 7) (52.13 m 2 ); 8) (62.30 m 2 ); 9) (73.01 m 2 ); 10) PC (40.67 m 2 ); 11) (6.49 m 2 ); 12) (5.29 m 2 ); 13) CUSTODI (21.08 m 2 ); 14) ARCHIVIO (20.47 m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. Pag. 21

22 (18.72 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (22.11 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. RIP. (11.14 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (52.12 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (53.08 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (53.08 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (52.13 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (62.30 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (73.01 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. PC (40.67 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (6.49 m 2 ) 6.49 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (5.29 m 2 ) 5.29 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. CUSTODI (21.08 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. ARCHIVIO (20.47 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 22

23 Pianta Piano Secondo La presente tavola grafica risulta così definita: - 12 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m 2. m² m² m² m² m² m² m² m² m² m² m² m² RIP. ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) (18.55 m 2 ); 2) (18.09 m 2 ); 3) RIP. (13.68 m 2 ); 4) (52.11 m 2 ); 5) (53.05 m 2 ); 6) (53.05 m 2 ); 7) (52.11 m 2 ); 8) (62.30 m 2 ); 9) (73.01 m 2 ); 10) (61.90 m 2 ); 11) (62.34 m 2 ); 12) (34.84 m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. (18.55 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (18.09 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 23

24 RIP. (13.68 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (52.11 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (53.05 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (53.05 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (52.11 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (62.30 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (73.01 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (61.90 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (62.34 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (34.84 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Scuola Primaria "G. Pascoli" La Scuola Primaria "G. Pascoli" è collocata all'interno di un fabbricato avente due piani fuori terra nel quale è ubicata anche la Scuola Secondaria di 1 grado "Ugo Guidi" Sia a piano terra che a piano primo sono presenti le Aule Didattiche con relativi servizi igienici e un'aula per le attività speciali e/o di sostegno. La mensa e la palestra sono utilizzate in concomitanza con la Scuola Secondaria. All'esterno il complesso è dotato di un ampio giardino per le attività ricreative. Indirizzo: Via Padre Ignazio da Carrara Città: Forte di Marmi (LU) CAP: Internet: ELENCO DELLE TAVOLE GRAFICHE: 1) Pianta Piano Terra; 2) Pianta Piano Primo; Pag. 24

25 Pianta Piano Terra La presente tavola grafica risulta così definita: - 12 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m 2. m² 3.65 H m² 3.66 m² 3.65 m² SOSTEGNO m² 3.76 ANTI m² m² ATRIO 1.20 m² DIS. SCUOLA SECONDARIA 1.20 m² CORRIDOIO 1.85 m² m² 8.25 m² 8.24 ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) (42.64 m 2 ); 2) (42.64 m 2 ); 3) (8.25 m 2 ); 4) (8.24 m 2 ); 5) DIS. (10.66 m 2 ); 6) H (3.65 m 2 ); 7) ANTI (3.76 m 2 ); 8) (3.66 m 2 ); 9) (3.65 m 2 ); 10) ATRIO (42.58 m 2 ); 11) CORRIDOIO (65.19 m 2 ); 12) SOSTEGNO (21.86 m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. (42.64 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (42.64 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (8.25 m 2 ) 8.25 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 25

26 (8.24 m 2 ) 8.24 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DIS. (10.66 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. H (3.65 m 2 ) 3.65 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. ANTI (3.76 m 2 ) 3.76 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (3.66 m 2 ) 3.66 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 1 m 3. Sono presenti i seguenti infissi: (3.65 m 2 ) 3.65 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. ATRIO (42.58 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. CORRIDOIO (65.19 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SOSTEGNO (21.86 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 26

27 Pianta Piano Primo La presente tavola grafica risulta così definita: - 12 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m 2. m² 7.35 H m² 3.60 m² 3.60 m² SALA INSEGNANTI m² m² m² DIS m² CORRIDOIO m² m² 8.26 m² m² ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) (31.11 m 2 ); 2) SALA INSEGNANTI (21.86 m 2 ); 3) H (7.35 m 2 ); 4) (3.60 m 2 ); 5) (3.60 m 2 ); 6) (42.64 m 2 ); 7) (42.64 m 2 ); 8) (43.52 m 2 ); 9) (8.26 m 2 ); 10) (8.21 m 2 ); 11) CORRIDOIO (70.50 m 2 ); 12) DIS. (10.39 m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. (31.11 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SALA INSEGNANTI (21.86 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. H (7.35 m 2 ) 7.35 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 27

28 (3.60 m 2 ) 3.60 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (3.60 m 2 ) 3.60 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (42.64 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (42.64 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (43.52 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (8.26 m 2 ) 8.26 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (8.21 m 2 ) 8.21 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. CORRIDOIO (70.50 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DIS. (10.39 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 28

29 m² 3 m² m² m² m² 2.94 m² 7.65 m² m² 2.73 m² 9.45 m² 7.04 m² m² m² m² m² m² m² m² m² m² m² 4.97 m² 6.26 ERRORE! m² m² m² m² m² m² m² Scuola Primaria "Don Milani" La Scuola Primaria "Don Milani" è posta in un edificio avente due piani fuori terra (uno soppalcato - doppio volume) ed un piano seminterrato. A piano terra sono presenti le aule didattiche, l'aula insegnanti (soppalcata), un'aula per attività speciali/sostegno e la palestra con relativi servizi igienici, gli spogliatoio e alcuni locali di sgombero/magazzini. A piano seminterrato invece si trova la mensa con cucina, la dispensa, i servizi igienici ed alcuni piccoli locali ad uso magazzino. Indirizzo: Via degli Olmi Città: Forte dei Marmi (LU) CAP: Internet: ELENCO DELLE TAVOLE GRAFICHE: 1) Pianta Piano Terra; 2) Piano Seminterrato; Pianta Piano Terra La presente tavola grafica risulta così definita: - 32 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m 2. SPOGLIATOIO INGRESSO DOCCE PALESTRA DEPOSITO SPOGLIATOIO RIPOSTIGLIO STANZA BLINDATA m² SPECIALE CUSTODE INSEGNANTI ANTI m² 6.56 LOC. POMPE ANTINCEDIO ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) (0.00 m 2 ); 2) SPOGLIATOIO (21.27 m 2 ); 3) INGRESSO (26.71 m 2 ); 4) (4.97 m 2 ); 5) DOCCE (6.26 m 2 ); 6) SPOGLIATOIO (14.93 m 2 ); 7) DEPOSITO (13.76 m 2 ); Pag. 29

30 8) (11.53 m 2 ); 9) (7.93 m 2 ); 10) (14.28 m 2 ); 11) (49.26 m 2 ); 12) (49.47 m 2 ); 13) (52.58 m 2 ); 14) (49.46 m 2 ); 15) (46.48 m 2 ); 16) CUSTODE (7.04 m 2 ); 17) INSEGNANTI (3 m 2 ); 18) (2.94 m 2 ); 19) (2.73 m 2 ); 20) ANTI (7.65 m 2 ); 21) STANZA BLINDATA (15.47 m 2 ); 22) RIPOSTIGLIO (9.45 m 2 ); 23) SPECIALE (26.05 m 2 ); 24) (16.01 m 2 ); 25) (12.06 m 2 ); 26) PALESTRA ( m 2 ); 27) (50.27 m 2 ); 28) (58.51 m 2 ); 29) (52.00 m 2 ); 30) (11.42 m 2 ); 31) (10.99 m 2 ); 32) LOC. POMPE (6.56 m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. SPOGLIATOIO (21.27 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. INGRESSO (26.71 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (4.97 m 2 ) 4.97 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DOCCE (6.26 m 2 ) 6.26 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SPOGLIATOIO (14.93 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DEPOSITO (13.76 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (11.53 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (7.93 m 2 ) 7.93 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 30

31 (14.28 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (49.26 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (49.47 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (52.58 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (49.46 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (46.48 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. CUSTODE (7.04 m 2 ) 7.04 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. INSEGNANTI (3 m 2 ) 3 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (2.94 m 2 ) 2.94 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 8.82 m 3. (2.73 m 2 ) 2.73 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 8.19 m 3. ANTI (7.65 m 2 ) 7.65 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. STANZA BLINDATA (15.47 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. RIPOSTIGLIO (9.45 m 2 ) 9.45 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SPECIALE (26.05 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 31

32 (16.01 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (12.06 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. PALESTRA ( m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (50.27 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (58.51 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (52.00 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (11.42 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (10.99 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. LOC. POMPE (6.56 m 2 ) 6.56 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 32

33 Piano Seminterrato La presente tavola grafica risulta così definita: - 9 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m 2. SOPPALCO INSEGNANTI m² MAGAZZINO m² DIS. m² LOCALE TECNICO m² CUCINA m² 7.92 SPOGLIATOIO m² 8.40 m² 6.56 LOC. POMPE ANTINCEDIO m² MENSA m² DIS. ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) LOCALE TECNICO (23.87 m 2 ); 2) LOC. POMPE (6.56 m 2 ); 3) MENSA ( m 2 ); 4) CUCINA (38.00 m 2 ); 5) DIS. (31.93 m 2 ); 6) MAGAZZINO (17.24 m 2 ); 7) (7.92 m 2 ); 8) SPOGLIATOIO (8.40 m 2 ); 9) DIS. (20.29 m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. LOCALE TECNICO (23.87 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. LOC. POMPE (6.56 m 2 ) 6.56 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. MENSA ( m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 33

34 CUCINA (38.00 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DIS. (31.93 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. MAGAZZINO (17.24 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (7.92 m 2 ) 7.92 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SPOGLIATOIO (8.40 m 2 ) 8.40 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DIS. (20.29 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Scuola Secondaria "Ugo Guidi" La Scuola Secondaria di 1 grado "Ugo Guidi" è collocata all'interno di un fabbricato avente due piani fuori terra nel quale è ubicata anche la Scuola Primaria "G. Pascoli" A piano terra si trovano la Presidenza, gli uffici della segreteria e dell'amministrazione, le aule didattiche, l'aula insegnanti, la mensa con annessa cucina, la biblioteca, quattro laboratori (Laboratorio Scientifico, Laboratorio di Applicazioni Tecniche; Laboratorio di Artistica e Laboratorio di Musica), i servizi igienici ed al centro si trova l'aula Magna prospiciente un cortile interno. Sempre a piano terra, ma distaccata tramite corridoio, è presente la palestra. A piano primo invece si trovano le restanti aule per la didattica e due ulteriori Laboratori/Aule Speciali (Laboratorio di Artistica e Aula Audiovisivi). All'esterno il complesso è dotato di un ampio giardino per le attività ricreative. Indirizzo: Via Padre Ignazio da Carrara Città: Forte dei Marmi (LU) CAP: Internet: ELENCO DELLE TAVOLE GRAFICHE: 1) Pianta Piano Terra; 2) Pianta Piano Primo; 3) Palestra a comune tra Secondaria "Guidi" e Primaria "Pascoli"; Pianta Piano Terra La presente tavola grafica risulta così definita: - 34 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m 2. Pag. 34

35 m² 3.36 m² 3.15 m² m² 5.56 m² m² m² 3.35 m² m² m² m² m² m² m² m² m² m² m² CORTILE (SPAZIO A CIELO APERTO) m² m² m² m² m² m² m² m² m² m² PRIMARIA "PASCOLI" di MUSICA APPLICAZIONI TECNICHE DIS. UFFICIO EDUCAZIONE ARTISTICA m² SEGRETERIA m² SEGRETERIA m² SEGRETERIA AUDITORIUM PRESIDENZA SALA INSEGNANTI m² 2.84 CUSTODI m² 3.62 DISPENSA LOC. QUADRI m² 7.45 MENSA CUSTODI INGRESSO BIBLIOTECA CUCINA SALA COMPUTER ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) CORTILE (SPAZIO A CIELO APERTO) ( m 2 ); 2) AUDITORIUM ( m 2 ); 3) INGRESSO (39.95 m 2 ); 4) CUSTODI (16.02 m 2 ); 5) CUSTODI (3.62 m 2 ); 6) BIBLIOTECA (79.96 m 2 ); 7) SALA COMPUTER (46.46 m 2 ); 8) (18.54 m 2 ); 9) APPLICAZIONI TECNICHE (49.26 m 2 ); 10) (39.42 m 2 ); 11) (39.93 m 2 ); 12) (39.77 m 2 ); 13) (40.48 m 2 ); 14) (18.15 m 2 ); 15) di MUSICA (49.91 m 2 ); 16) DIS. (15.04 m 2 ); 17) UFFICIO (52.30 m 2 ); 18) SEGRETERIA (18.90 m 2 ); 19) (5.56 m 2 ); 20) SEGRETERIA (22.63 m 2 ); 21) SEGRETERIA (18.61 m 2 ); 22) PRESIDENZA (20.89 m 2 ); 23) (3.36 m 2 ); 24) (3.15 m 2 ); 25) (3.35 m 2 ); 26) DISPENSA (11.31 m 2 ); 27) CUCINA (40.27 m 2 ); 28) MENSA ( m 2 ); 29) LOC. QUADRI (7.45 m 2 ); 30) SALA INSEGNANTI (33.95 m 2 ); 31) (2.84 m 2 ); 32) EDUCAZIONE ARTISTICA (51.81 m 2 ); Pag. 35

36 33) (40.60 m 2 ); 34) (40.49 m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. CORTILE (SPAZIO A CIELO APERTO) ( m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. AUDITORIUM ( m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. INGRESSO (39.95 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. CUSTODI (16.02 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. CUSTODI (3.62 m 2 ) 3.62 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. BIBLIOTECA (79.96 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SALA COMPUTER (46.46 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (18.54 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. APPLICAZIONI TECNICHE (49.26 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (39.42 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (39.93 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (39.77 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (40.48 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 36

37 (18.15 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. di MUSICA (49.91 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DIS. (15.04 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. UFFICIO (52.30 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SEGRETERIA (18.90 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (5.56 m 2 ) 5.56 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SEGRETERIA (22.63 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SEGRETERIA (18.61 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. PRESIDENZA (20.89 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (3.36 m 2 ) 3.36 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (3.15 m 2 ) 3.15 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 9.45 m 3. (3.35 m 2 ) 3.35 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. DISPENSA (11.31 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. CUCINA (40.27 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. MENSA ( m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 37

38 m² m² m² LOC. QUADRI (7.45 m 2 ) 7.45 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SALA INSEGNANTI (33.95 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (2.84 m 2 ) 2.84 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 8.52 m 3. EDUCAZIONE ARTISTICA (51.81 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (40.60 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (40.49 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pianta Piano Primo La presente tavola grafica risulta così definita: - 17 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m 2. m² EDUCAZIONE ARTISTICA m² m² m² m² AUDIOVISIVI m² RIP. m² SCUOLA PRIMARIA PASCOLI m² m² m² m² m² m² m² Pag. 38

39 ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) (18.84 m 2 ); 2) (50.44 m 2 ); 3) ( m 2 ); 4) (43.53 m 2 ); 5) (39.42 m 2 ); 6) (39.93 m 2 ); 7) (39.77 m 2 ); 8) (40.48 m 2 ); 9) (42.29 m 2 ); 10) (42.29 m 2 ); 11) (42.29 m 2 ); 12) (46.62 m 2 ); 13) EDUCAZIONE ARTISTICA (49.91 m 2 ); 14) (18.28 m 2 ); 15) (18.76 m 2 ); 16) AUDIOVISIVI (66.02 m 2 ); 17) RIP. (7.77 m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. (18.84 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (50.44 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. ( m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (43.53 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (39.42 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (39.93 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (39.77 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (40.48 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (42.29 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (42.29 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 39

40 (42.29 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (46.62 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. EDUCAZIONE ARTISTICA (49.91 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (18.28 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. (18.76 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. AUDIOVISIVI (66.02 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. RIP. (7.77 m 2 ) 7.77 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 40

41 Palestra a comune tra Secondaria "Guidi" e Primaria "Pascoli" La presente tavola grafica risulta così definita: - 4 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m 2. m² SPOGLIATOIO UOMINI m² CENTRALE TERMICA m² PALESTRA m² SPOGLIATOIO DONNE ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) CENTRALE TERMICA (40.15 m 2 ); 2) SPOGLIATOIO DONNE (73.38 m 2 ); 3) SPOGLIATOIO UOMINI (73.41 m 2 ); 4) PALESTRA ( m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. CENTRALE TERMICA (40.15 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SPOGLIATOIO DONNE (73.38 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. SPOGLIATOIO UOMINI (73.41 m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. PALESTRA ( m 2 ) m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Pag. 41

42 DESCRIZIONE dei PROCESSI PRODUTTIVI individuazione e descrizione dei processi produttivi e delle attività aziendali Al fine di una corretta rappresentazione delle reali condizioni di lavoro, la valutazione dei rischi è stata preceduta da un'attenta ricognizione circa le caratteristiche dei singoli processi produttivi con il dettaglio delle attività lavorative connesse. Ogni processo produttivo è individuato con una breve descrizione e con un diagramma di flusso delle attività lavorative correlate. Le singole attività lavorative sono dettagliatamente descritte, nelle rispettive parti fondamentali, con un'analisi attenta delle specifiche mansioni affidate ai lavoratori impiegati e con l'indicazione delle eventuali attrezzature di lavoro (macchine, impianti, attrezzature, utensili e apparecchiature) e delle sostanze o preparati chimici utilizzati. Per ogni attività, inoltre, è indicato il luogo di svolgimento, con il riferimento della relativa tavola grafica. Attività didattiche L'attività principale dell'istituto scolastico è l'attività didattica teorica svolta nelle aule. Sono analizzate, inoltre, le ulteriori attività di ausilio o di completamento dell'insegnamento svolte in locali specifici (laboratori, palestre, ecc.). L' Attività didattica, anche se rientra all'interno dello stesso processo produttivo di "Istituto scolastico", è qui analizzata come singolo processo al fine di dettagliare e approfondire l'analisi e valutazione dei rischi. Didattica teorica Recupero e sostegno Laboratori Tecnici Laboratorio grafico-artistico Preparazione gruppi sportivi Preparazione saggio fine anno ELENCO DELLE ATTIVITA': 1) Didattica teorica; 2) Laboratori tecnici; 3) Laboratorio grafico-artistico; 4) Preparazione saggio fine anno; 5) Preparazione gruppi sportivi; 6) Recupero e sostegno. Pag. 42

43 Didattica teorica La figura professionale addetta a svolgere tale mansione è il docente. La sua attività è caratterizzata dallo svolgimento di lezioni in materie specifiche, avvalendosi di strumenti cartacei, tra cui testi, fotocopie e dispense e, talvolta, di strumenti informatici o di attrezzature quali, ad esempio, la lavagna luminosa. Egli ha inoltre la responsabilità degli alunni durante lo svolgimento della propria attività. MANSIONI: 1) Addetto all'attività di "Didattica teorica". PER ESIGENZE DI ATTIVITA' SONO UTILIZZATI: Attrezzature, utensili e apparecchi: 1) Computer 2) Lavagna luminosa 3) Lavagna (in ardesia, plastificata, ecc.) Laboratori tecnici Per quanto riguarda le attività del laboratorio tecnico è prevista una attività tecnico-manuale di non eccessiva pericolosità né impegno ma sicuramente non trascurabile. Tale attività consta soprattutto di piccoli lavori di manuali o di bricolage mentre in alcune Scuole dell'istituto sono previste attività legate alla tradizione del territorio come la lavorazione dell'uva. MANSIONI: 1) Addetto all'attività di "Laboratorio tecnico". PER ESIGENZE DI ATTIVITA' SONO UTILIZZATI: Attrezzature, utensili e apparecchi: 1) Trapano manuale 2) Seghetto manuale, chiodi, martello, compensato, ecc. 3) Pile, lampadine, filo elettrico, nastro isolante, interruttori, ecc. Laboratorio grafico-artistico Per quanto riguarda le attività del laboratorio grafico-artistico è prevista una attività da svolgersi in locali dedicati. Tale attività è rappresentata dal disegno, dall'attività di modellazione e affini. MANSIONI: 1) Addetto all'attività di "Laboratorio grafico-artistico". PER ESIGENZE DI ATTIVITA' SONO UTILIZZATI: Macchine e impianti: 1) Forno Attrezzature, utensili e apparecchi: 1) Colori ad acqua, cera e olio 2) Matite, righe, squadre 3) Fogli da disegno, compensato, tele 4) Foglio vinilico, Bulini da intaglio, inchiostro, rullo, vaschetta per inchiostro Preparazione saggio fine anno Nella scuola è previsto un saggio di fine anno sotto forma di rappresentazione teatrale e/o saggio di danza e/o saggio ginnico. Tutte queste attività presentano di per se rischi molto bassi. Il rischio è dovuto piuttosto alla presenza di palco e attrezzature varie all'interno dell'edificio scolastico. MANSIONI: 1) Addetto all'attività di "Preparazione saggio fine anno". Preparazione gruppi sportivi Questa attività si svolge per lo più in palestre, ma anche, quando possibile, nei cortili o nei campi sportivi annessi all'edificio scolastico. Pag. 43

44 MANSIONI: 1) Addetto all'attività di "Preparazione gruppi sportivi". PER ESIGENZE DI ATTIVITA' SONO UTILIZZATI: Attrezzature, utensili e apparecchi: 1) Spalliere, cavalletti, pedane, funi 2) Palloni Recupero e sostegno In presenza di alunni portatori di handicap o con problemi specifici di apprendimento viene affiancato ai docenti un insegnante di "sostegno" che segue in maniera specifica questi ragazzi. La sua attività è caratterizzata dallo svolgimento di lezioni in materie specifiche, avvalendosi di strumenti cartacei, tra cui testi, fotocopie e dispense e, talvolta, di strumenti informatici o di attrezzature quali, ad esempio, la lavagna luminosa. MANSIONI: 1) Addetto all'attività di "Recupero e sostegno". PER ESIGENZE DI ATTIVITA' SONO UTILIZZATI: Attrezzature, utensili e apparecchi: 1) Computer 2) Lavagna luminosa 3) Lavagna (in ardesia, plastificata, ecc.) Attività extradidattiche - Direzione e Amministrazione Le attività extradidattiche sono quelle di complemento alla normale attività scolastica e sono quelle di direzione e amministrazione (direzione e amministrazione). Direzione e Amministrazione ELENCO DELLE ATTIVITA': 1) Direzione e amministrazione. Direzione e amministrazione L'attività d'ufficio svolta da diverse figure professionali (il capo d'istituto, il direttore o responsabile amministrativo e l'assistente amministrativo) si espleta, generalmente, nel disbrigo di pratiche di tipo amministrativo (stipula e mantenimento di contratti con il personale impiegato nella struttura scolastica e con le ditte esterne alle quali vengono appaltate alcune attività), nella richiesta, predisposizione e revisione di tutta la documentazione relativa all'edificio scolastico (certificazioni e/o autorizzazioni), alle strutture ad esso annesse (impianti ed unità tecnologiche, palestre, mense, laboratori tecnico-scientifici) ed all'attività svolta nonché nell'organizzazione e gestione del personale e delle risorse presenti. MANSIONI: 1) Addetto all'attività di "Direzione e amministrazione". Pag. 44

45 PER ESIGENZE DI ATTIVITA' SONO UTILIZZATI: Attrezzature, utensili e apparecchi: 1) Personal computer 2) Stampante 3) Fax 4) Fotocopiatrice Attività extradidattiche - Vigilanza e piccola manutenzione Le attività extradidattiche sono quelle di complemento alla normale attività scolastica e sono quelle di governo dell'istituto scolastico (vigilanza e piccole manutenzioni). Vigilanza e piccola manutenzione. ELENCO DELLE ATTIVITA': 1) Vigilanza e piccola manutenzione. Vigilanza e piccola manutenzione Il collaboratore scolastico (già bidello) si occupa dei servizi generali della scuola ed in particolare ha compiti di accoglienza e sorveglianza nei confronti degli alunni e del pubblico. Inoltre, svolge piccoli lavori di manutenzione. MANSIONI: 1) Addetto all'attività di "Vigilanza e piccola manutenzione". PER ESIGENZE DI ATTIVITA' SONO UTILIZZATI: Attrezzature, utensili e apparecchi: 1) Scale portatili 2) Utensili manuali 3) Utensili elettrici (piccoli) Pag. 45

46 CRITERI di VALUTAZIONE dei RISCHI criteri adottati per la valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute (Art. 28, comma 2, lettera a), D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) La valutazione dei rischi consente al datore di lavoro di adottare le misure necessarie per la tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori e di garantire che le misure preventive e i metodi di lavoro e di produzione, ritenuti necessari e attuati in funzione della valutazione dei rischi, migliorino il livello di protezione dei lavoratori. Pertanto le misure preventive sono ritenute necessarie e attuate in funzione della valutazione dei rischi. Per la stesura del presente documento sono stati adottati i criteri, di seguito descritti, previsti dalle "Disposizioni normative nazionali", dalle "Norme tecniche" approvate e pubblicate da organismi internazionali o europei o nazionali di normalizzazione, dalle "Buone prassi" e "Linee guida" elaborate e raccolte dalle Regioni, dall'inail o da organismi paritetici. Rischi GENERICI La valutazione del rischio [R], necessaria per definire le priorità degli interventi di miglioramento della sicurezza aziendale, è stata effettuata tenendo conto dell'entità del danno [E] (funzione delle conseguenze sulle persone in base ad eventuali conoscenze statistiche o in base al registro degli infortuni o a previsioni ipotizzabili) e della probabilità di accadimento dello stesso [P] (funzione di valutazioni di carattere tecnico e organizzativo, quali le misure di prevenzione e protezione adottate -collettive e individuali-, e funzione dell'esperienza lavorativa degli addetti e del grado di formazione, informazione e addestramento ricevuto). La metodologia per la valutazione "semi-quantitativa" dei rischi occupazionali generalmente utilizzata è basata sul metodo "a matrice" di seguito esposto. La Probabilità di accadimento [P] è la quantificazione (stima) della probabilità che il danno, derivante da un fattore di rischio dato, effettivamente si verifichi. Essa può assumere un valore sintetico tra 1 e 4, secondo la seguente gamma di soglie di probabilità di accadimento: Soglia Descrizione della probabilità di accadimento Valore Molto probabile Probabile Poco probabile Improbabile 1) Sono noti episodi in cui il pericolo ha causato danno, 2) Il pericolo può trasformarsi in danno con una correlazione, 3) Il verificarsi del danno non susciterebbe sorpresa. 1) E' noto qualche episodio in cui il pericolo ha causato danno, 2) Il pericolo può trasformarsi in danno anche se non in modo automatico, 3) Il verificarsi del danno susciterebbe scarsa sorpresa. 1) Sono noti rari episodi già verificati, 2) Il danno può verificarsi solo in circostanze particolari, 3) Il verificarsi del danno susciterebbe sorpresa. 1) Non sono noti episodi già verificati, 2) Il danno si può verificare solo per una concatenazione di eventi improbabili e tra loro indipendenti, 3) Il verificarsi del danno susciterebbe incredulità. L'Entità del danno [E] è la quantificazione (stima) del potenziale danno derivante da un fattore di rischio dato. Essa può assumere un valore sintetico tra 1 e 4, secondo la seguente gamma di soglie di danno: [P4] [P3] [P2] [P1] Soglia Descrizione dell'entità del danno Valore Gravissimo 1) Infortunio con lesioni molto gravi irreversibili e invalidità totale o conseguenze letali, 2) Esposizione cronica con effetti letali o totalmente invalidanti. Esempio: - un evento traumatico o una malattia certamente inguaribile; - la perdita di un senso; - la mutilazione di un arto; - la perdita dell'uso di un organo; [E4] - la perdita della capacità di procreare; - una grave difficoltà della parola; - la deformazione o lo sfregio permanente del viso; - l'aborto nella persona offesa; - la morte. Grave 1) Infortunio o inabilità temporanea con lesioni significative irreversibili o invalidità parziale. 2) Esposizione cronica con effetti irreversibili o parzialmente invalidanti. Esempio: [E3] Pag. 46

47 Significativo Lieve - un evento traumatico o una malattia che mette in pericolo di vita; - un evento traumatico o una malattia che rende inabile per oltre 40 giorni; - un indebolimento permanente di un senso o di un organo; - l'acceleramento del parto. 1) Infortunio o inabilità temporanea con disturbi o lesioni significative reversibili a medio termine. 2) Esposizione cronica con effetti reversibili. Esempio: - un evento traumatico o una malattia con prognosi superiore a un giorno, ma inferiore a quaranta. 1) Infortunio o inabilità temporanea con effetti rapidamente reversibili. 2) Esposizione cronica con effetti rapidamente reversibili. Esempio: - un evento traumatico o una malattia che non comporta lesioni rilevabili a vista o strumentale, con esiti nulli nell'arco della giornata. [E2] [E1] Individuato uno specifico pericolo o fattore di rischio, il valore numerico del rischio [R] è stimato quale prodotto dell'entità del danno [E] per la Probabilità di accadimento [P] dello stesso. [R] = [P] x [E] Il Rischio [R], quindi, è la quantificazione (stima) del rischio. Esso può assumere un valore sintetico compreso tra 1 e 16, come si può evincere dalla matrice del rischio di seguito riportata. Rischio [R] Improbabile [P1] Poco probabile [P2] Probabile [P3] Molto probabile [P4] Danno lieve [E1] Rischio basso [P1]X[E1]=1 Rischio basso [P2]X[E1]=2 Rischio moderato [P3]X[E1]=3 Rischio moderato [P4]X[E1]=4 Danno significativo [E2] Rischio basso [P1]X[E2]=2 Rischio moderato [P2]X[E2]=4 Rischio medio [P3]X[E2]=6 Rischio rilevante [P4]X[E2]=8 Danno grave [E3] Rischio moderato [P1]X[E3]=3 Rischio medio [P2]X[E3]=6 Rischio rilevante [P3]X[E3]=9 Rischio alto [P4]X[E3]=12 Danno gravissimo [E4] Rischio moderato [P1]X[E4]=4 Rischio rilevante [P2]X[E4]=8 Rischio alto [P3]X[E4]=12 Rischio alto [P4]X[E4]=16 I valori sintetici (numerici) del rischio [R], che vanno appunto da 1 a 16, sono ricompresi negli intervalli riportati nella seguente gamma di soglie del rischio da valutare: Soglia Descrizione del rischio Valore Alto Rilevante Medio Moderato Basso Rischio alto per la salute e/o la la sicurezza dei lavoratori per cui si prevede l'immediata adozione e/o rielaborazione di tutte le necessarie misure preventive e protettive. Rischio rilevante per la salute e/o la la sicurezza dei lavoratori per cui si prevedono ulteriori misure correttive e/o migliorative da programmare nel breve periodo. Rischio medio per la salute e/o la la sicurezza dei lavoratori per cui si prevedono ulteriori misure correttive e/o migliorative da programmare nel medio periodo. Rischio moderato per la salute e/o la la sicurezza dei lavoratori per cui si prevedono ulteriori misure correttive e/o migliorative da programmare nel lungo periodo. Rischio basso per la salute e/o la la sicurezza dei lavoratori per cui non si prevedono ulteriori misure correttive e/o migliorative. 12, 16 8, 9 6 3, 4 1, 2 RISCHI PARTICOLARI Per taluni rischi (stress lavoro-correlato, lavoratrici madre e differenze tra lavoratori) sono disponibili indicazioni metodologie per la corretta valutazione degli stessi derivanti da "disposizioni normative nazionali", "norme tecniche" approvate e pubblicate da organismi internazionali o europei o nazionali di normalizzazione, "buone prassi" e "linee guida" elaborate e raccolte dalle Regioni, dall'inail o da organismi paritetici. Nei paragrafi che seguono sono indicati nel dettaglio i criteri adottati per la valutazione dei rischi particolari indicati dalla normativa. Pag. 47

48 Stress lavoro correlato Il criterio adottato per la valutazione dei rischi derivanti dallo stress lavoro-correlato è quello definito nell'ambito dell'art. 28, comma 1 del D.Lgs. 81/2008 secondo i contenuti dell'accordo Europeo dell'otto ottobre Lo "stress lavoro-correlato", come definito dal succitato accordo, "non è una malattia, ma un'esposizione prolungata ad esso può ridurre l'efficienza nel lavoro e può causare malattie" e necessita di un'analisi attenta e non superficiale della problematica, infatti, "lo stress può colpire qualsiasi posto di lavoro e qualunque lavoratore, indipendentemente dalla grandezza dell'impresa, del settore di attività o dal tipo di relazione contrattuale o di lavoro. In pratica, tuttavia, non tutti i posti di lavoro e non tutti i lavoratori ne possono essere necessariamente colpiti". Si specifica, inoltre, che l'oggetto della valutazione non è il rischio stress nell'accezione comune, ma il ben diverso fenomeno dello stress lavoro correlato, come ben definisce lo stesso accordo europeo: "Tutte le manifestazioni da stress nel lavoro non possono essere ritenute correlate al lavoro stesso. Lo stress da lavoro può essere causato da fattori diversi, come ad esempio il contenuto del lavoro, la sua organizzazione, l'ambiente, la scarsa comunicazione, eccetera". Per la valutazione del rischio si è fatto valido riferimento a quando riportato nel manuale INAIL "Valutazione e gestione del rischio da Stress lavoro-correlato" (Edizione 2011) frutto dell'attività di ricerca iniziata nel Dipartimento di Medicina del Lavoro dell'ispesl e conclusa in INAIL dopo l'entrata in vigore del D.L. 78/2010 e sua conversione in L. 122/2010. In particolare, a seguito dell'emanazione delle indicazioni della Commissione Consultiva, anche al fine di fornire ai datori di lavoro di una procedura unica, il metodo di seguito proposto è stato contestualizzato anche attraverso l'integrazione dei punti di forza di autorevoli proposte metodologiche sviluppate nei mesi precedenti all'emanazione delle suddette indicazioni, in particolare quelle del "Coordinamento Tecnico Interregionale della Prevenzione nei Luoghi di Lavoro" e del "Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro". La metodologia, conformemente alle indicazioni della Commissione Consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro di cui all'art. 6 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i., suggerisce che per l intero processo di valutazione del rischio stress lavoro-correlato, il Datore di Lavoro, che ha l'obbligo non delegabile della valutazione dei rischi (art. 17 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.), si avvalga della collaborazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, del Medico competente, del RLS (rappresentante dei lavoratori per la sicurezza), e che coinvolga altre figure interne all'impresa (direttore del personale, qualche lavoratore anziano/esperto, ecc.) ed esterne, ove se ne ravvisi la necessità (es. psicologo, sociologo del lavoro). La proposta metodologica prevede una valutazione oggettiva aziendale, avvalendosi dell'utilizzo di una lista di controllo di indicatori verificabili. Gli eventuali processi e/o le eventuali attività in cui è possibile un'esposizione dei lavoratori al rischio considerato sono state individuate contestualmente alla verifica dei processi produttivi, ossia nel capitolo specifico "VERIFICA dei PROCESSI PRODUTTIVI". Nello stesso capitolo sono riportate le specifiche misure preventive e protettive necessarie per eliminare o ridurre il fattore di rischio. Lavoratrici madri Il criterio adottato per la valutazione dei rischi particolari riguardanti le lavoratrici durante la gravidanza e fino a sette mesi d'età del figlio è quello definito nell'ambito dell'art. 28, comma 1 del D.Lgs. 81/2008 secondo quanto previsto dal capo II del D.Lgs. 26 marzo 2001, n Nell'elaborazione di tale criterio, si è tenuto conto anche della Comunicazione della Commissione delle Comunità Europee del 5/10/2000: La gravidanza non è una malattia ma un aspetto della vita quotidiana, tuttavia condizioni suscettibili di essere considerate accettabili in situazioni normali possono non esserlo più durante la gravidanza, lo stesso dicasi per il periodo dell'allattamento che la normativa italiana tutela fino al settimo mese dopo il parto. L'approccio adottato per la valutazione dei rischi per le lavoratrici madri è quello definito dagli artt. 7 e 11 del D.Lgs. 26 marzo 2001, n Nel flow-chart di seguito riportato si è sintetizzato il percorso seguito per la valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza delle lavoratrici madri e per l'adozione delle relative misure di prevenzione e protezione da parte dell'azienda. Pag. 48

49 In una prima fase, si sono identificati i rischi presenti nei luoghi di lavoro (agenti fisici, chimici e biologici; processi industriali; movimenti e posture; fatica psicofisica) nel rispetto delle linee direttrici elaborate dalla Commissione delle Comunità Europee sopra citate. In una seconda fase, si è stabilito se i rischi identificati rientrassero tra quelli che la normativa italiana considera come pregiudizievoli per la salute della donna e del bambino, si è stabilito cioè se tali rischi fossero compresi nell'allegato A e B del D.Lgs. 151/2001, e quindi vietati, o se fossero compresi nell'allegato C del succitato decreto, e quindi soggetti ad adeguate misure preventive e protettive. Le eventuali attività che possono esporre le lavoratrici madri a lavori vietati di cui all'allegato A e B del D.Lgs. 151/2001 sono state individuate contestualmente alla verifica dei processi produttivi, ossia nel capitolo specifico "VERIFICA dei PROCESSI PRODUTTIVI". Nello stesso capitolo sono state individuate le misure preventive e protettive necessarie per i lavori di cui all'allegato C del decreto legislativo innanzi citato. Differenze tra lavoratori Il criterio adottato per la valutazione dei rischi derivanti dalle differenze di genere, d'età, di provenienza da altri Paesi e di quelli connessi alla specifica tipologia contrattuale attraverso cui viene resa la prestazione di lavoro è quello definito nell'ambito dell'art. 28, comma 1 del D.Lgs. 81/2008. Le eventuali attività in cui possono emergere le succitate differenze tra lavoratori sono state individuate, nel rispetto della normativa vigente di carattere generale o specifico, contestualmente alla verifica dei processi produttivi, ossia nel capitolo specifico "VERIFICA dei PROCESSI PRODUTTIVI". Nello stesso capitolo sono riportate le specifiche misure preventive e protettive necessarie per eliminare o ridurre eventuali fattori di rischio. Pag. 49

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Scuola Elementare Guido Dotto Via Santa Scolastica, 113-40123 Bologna (Bologna) (051) 55 66 77 - (051) 66 77 88 Internet: www.guidodotto.it - E-mail: info@guidodotto.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO Manutenzione Straordinaria e Riqualificazione della Scuola Secondaria di 1 Grado G. De Nittis di Via Libertà

PROGETTO ESECUTIVO Manutenzione Straordinaria e Riqualificazione della Scuola Secondaria di 1 Grado G. De Nittis di Via Libertà Scuola Secondaria di 1 Grado Giuseppe De Nittis Via Libertà, 20/A - 76121 BARLETTA CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al valor militare e al merito civile Città della Disfida PROGETTO ESECUTIVO Manutenzione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI SCUOLA " CARRIERO" _ PRIMARIA e SECONDARIA di I via Cuoco - 86042 Campomarino (CB) 0875-0875-539404 Internet: www.icscampomarino.it - E-mail: cbee02005n@istruzione.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Lo scopo di questa procedura è di descrivere i criteri, le modalità operative e le responsabilità per: effettuare la valutazione

Dettagli

DATA DEL SOPRALLUOGO 20/06/2013 ESEGUITO PER RTI SINTESI. Dott. Claudio Bettin NCON939-UP1-P3 CODICE COMMESSA. Ing.

DATA DEL SOPRALLUOGO 20/06/2013 ESEGUITO PER RTI SINTESI. Dott. Claudio Bettin NCON939-UP1-P3 CODICE COMMESSA. Ing. DATA DEL SOPRALLUOGO 20/06/2013 ESEGUITO PER RTI SINTESI RSPP Dott. Claudio Bettin CODICE COMMESSA GESTORE DEL SERVIZIO NCON939-UP1-P3 Ing. Alessandro Italia SEZIONE 1 Introduzione In attuazione del D.

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO (Articoli 18, 28, 29 D. Lgs. 9 aprile 2008) Data: 02/07/2009 Azienda: Azienda SPA Indirizzo: Via Roma, 1 Città: Milano EDIZIONE DATA DESCRIZIONE FIRMA (datore lavoro) Principale

Dettagli

come Documento di valutazione dei rischi

come Documento di valutazione dei rischi ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info come Documento di valutazione dei rischi Metodologia. Per una corretta valutazione dei rischi occorre che il servizio di prevenzione e protezione adotti una metodologia

Dettagli

COMUNE di RONCADELLE (Provincia di Brescia)

COMUNE di RONCADELLE (Provincia di Brescia) COMUNE di RONCADELLE (Provincia di Brescia) Ufficio Servizi Sociali e Pubblica Istruzione Allegato al Capitolato d Appalto per la gestione del servizio di Assistenza Ad Personam per gli alunni disabili

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

Cosa è la valutazione dei rischi

Cosa è la valutazione dei rischi 1 Principali obiettivi formativi Cos è la la valutazione dei rischi Chi deve fare la la valutazione Documento della valutazione Criteri per la la valutazione Cosa è la valutazione dei rischi Secondo il

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE)

COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE) COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE) D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26

Dettagli

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO QUALIFICA RUOLO FUNZIONI E MANSIONI DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Definisce gli interventi, le priorità, le necessità finanziarie, riguardo

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI OCCUPAZIONALI A SUPPORTO DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE DI UNO SCI CLUB - Pag. 1 di 15 - RACCOLTA INFORMAZIONI INIZIALI Realtà operativa Dati dello Sci Club, tipologia di

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI SCUOLA " JACOVITTI" _ PRIMARIA c.da Nuova Cliternia - 86042 Campomarino (CB) 0875-539404 - 0875-539404 Internet: http://www.comprensivocampomarino.it/ DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute

Dettagli

LA SCUOLA E UN LUOGO DI LAVORO

LA SCUOLA E UN LUOGO DI LAVORO IL D.Lgs. 81/08 Si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici, e a tutte le tipologie di rischio. Nei riguardi degli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado. LA SCUOLA

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Capitolo 2 Informazioni Generali

Capitolo 2 Informazioni Generali CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 1/14 Capitolo 2 Informazioni Generali 2.1 DATI GENERALI... 2 2.2 ORGANIGRAMMA DELLA SICUREZZA... 3 2.3 DOCUMENTAZIONE D OBBLIGO PER GLI EDIFICI... 4 2.4 INFORMAZIONI

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza

Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza COMMITTENTE Comune di Borgomanero Provincia di Novara IMPRESA APPALTATRICE FORNITURA E POSA IN OPERA DI ARREDI PER UFFICIO DIRIGENZIALE Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza Documento

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI LICEO SCIENTIFICO - LINGUISTICO STATALE "ARCHIMEDE" VIA LUDOVICO ARIOSTO 37-95024 ACIREALE (CT Tel.: 095 7633723 - Fax: 095 601378 Internet: http://www.liceoarchimede.it - E-Mail: ctps01000d@istruzione.it

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08)

AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08) AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08) Il sottoscritto/a nato a il residente a indirizzo in qualità di Datore di Lavoro dei

Dettagli

LUOGO e DATA: Roma, 04/12/2014 REVISIONE: 02 IL DATORE DI LAVORO. (Clara Rech) in collaborazione con

LUOGO e DATA: Roma, 04/12/2014 REVISIONE: 02 IL DATORE DI LAVORO. (Clara Rech) in collaborazione con Liceo Classico Statale 'Ennio Quirino Visconti' Piazza del Collegio Romano 4-00186 Roma (RM Tel.: +3906121124325 - Fax: +390667663882 Internet: http://www.liceoeqvisconti.it/ - E-Mail: rmpc080007@istruzione.it

Dettagli

-SCHEDE SCUOLE -STRUTTURE EDILIZIE

-SCHEDE SCUOLE -STRUTTURE EDILIZIE Allegato 1 al POF Istituto Comprensivo N.Tommaseo di Conselve a.scol. 2012-13 -SCHEDE SCUOLE -STRUTTURE EDILIZIE CONSELVE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE GIRASOLE Via L.Traverso, 3 e 2 (sez.staccata -ala

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CONCETTI DI RISCHIO PERICOLO - DANNO PERICOLO Definizione di pericolo art. 2, lettera r, D.Lgs. 81/08 Proprietà o qualità intrinseca di

Dettagli

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 1 UCTSP MILANO 27 GIUGNO 2008 STEFANIA CASOTTO RESPONSABILE DEI SERVIZI AMBIENTE - SICUREZZA - POLITICHE ENERGETICHE Agenda 2 La definizione di

Dettagli

Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81

Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 Corso di Gestione del Cantiere e della sicurezza sui luoghi di lavoro. Classe IIIª B as 2012/2013 Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 20/02/2013 1 Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 Documento

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di ROCCABRUNA Provincia di CN ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

La valutazione dei rischi e la prevenzione

La valutazione dei rischi e la prevenzione Università di Ferrara Insegnamento di Sicurezza nei luoghi di lavoro CdL Area Sanitaria A.A. 2011-2012 La valutazione dei rischi e la prevenzione Dr. Salvatore Mìnisci 1 RAPPORTO LAVORO / SALUTE CONDIZIONI

Dettagli

SCHEMA DELLA PROCEDURA STANDARDIZZATA. Descrizione generale dell'azienda MODULO N. 1.1 Paragrafo 4.1

SCHEMA DELLA PROCEDURA STANDARDIZZATA. Descrizione generale dell'azienda MODULO N. 1.1 Paragrafo 4.1 SCHEMA DELLA PROCEDURA STANDARDIZZATA PASSO N. 1 PASSO N. 2 PASSO N. 3 Descrizione dell'azienda, del ciclo lavorativo/attivit à e delle mansioni Individuazione dei pericoli presenti in azienda Valutazione

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di Firenze Provincia di FI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Lavori di restauro

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli

Corso Dirigenti la Valutazione dei Rischi. M.Cappai - Gennaio 2013

Corso Dirigenti la Valutazione dei Rischi. M.Cappai - Gennaio 2013 Corso Dirigenti la Valutazione dei Rischi M.Cappai - Gennaio 2013 ANALISI dei RISCHI e DOCUMENTO di VALUTAZIONE Con l approvazione del nuovo decreto legislativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro (Artt. 17 e 28, D.Lgs 9 aprile 2008 n.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro (Artt. 17 e 28, D.Lgs 9 aprile 2008 n. ASP CASA VALLONI VIA DI MEZZO N 1-47900 RIMINI (RIMINI ) 0541-367811 - 0541-367854 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro (Artt. 17 e 28, D.Lgs 9 aprile

Dettagli

SEDE di Via Massaua. Scuola Primaria.

SEDE di Via Massaua. Scuola Primaria. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2013/800 del 05/03/2013 Firmatari: MANFREDI GAETANO IL RETTORE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2013/800 del 05/03/2013 Firmatari: MANFREDI GAETANO IL RETTORE DR/2013/800 del 05/03/2013 Firmatari: MANFREDI GAETANO U.S.R. IL RETTORE VISTO il vigente Statuto dell Ateneo, emanato con D.R. n. 1660 del 15.5.2012; VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA il Regolamento di Ateneo

Dettagli

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono:

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono: Principali obblighi per i Datori di Lavoro di piccole/medie imprese (settore commercio) in seguito all entrata in vigore del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro D.Lgs 81/2008 Le principali attività

Dettagli

DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO

DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO Dal 1 giugno 2013 sono entrate in vigore le disposizioni contenute nell articolo 29, comma 5, del D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

INDIVIDUARE E VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL AZIENDA, OVVERO NELL UNITÁ PRODUTTIVA

INDIVIDUARE E VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL AZIENDA, OVVERO NELL UNITÁ PRODUTTIVA CORSO DI FORMAZIONE Docente Ing. Livio Della Seta Titolo modulo LA VALUTAZIONE DEI RISCHI 1 I TEMI TRATTATI Riepilogo normativo I concetti di pericolo e di rischio La valutazione dei rischi 2 DIRIGENTI

Dettagli

VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. 106/09)

VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. 106/09) Prot.n. VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. 106/09) Il giorno al lavoratore Prof./Prof.ssa : Insegnante Tecnico Pratico (ITP): Ass. amministrativo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E UFFICI FASCETTI PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E UFFICI FASCETTI PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E UFFICI FASCETTI

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

Comune di Ugento Provincia di Lecce D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA

Comune di Ugento Provincia di Lecce D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA Comune di Ugento Provincia di Lecce D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA Appalto: Gara per l affidamento del servizio di mensa scolastica per l istituto comprensivo Ugento

Dettagli

IL RETTORE. Visto il parere favorevole reso in data 9/3/2016 dal Senato Accademico;

IL RETTORE. Visto il parere favorevole reso in data 9/3/2016 dal Senato Accademico; AREA SERVZI PATRIMONIALI E LOGISTICI SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Repertorio n. 307/2016 Prot n. 50887 del 07/04/2016 IL RETTORE Visto il Decreto rettorale, 30 agosto 2012, n. 719 prot. n. 102538,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari Corso formazione LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari CORSO DI FORMAZIONE - Ing. Stefano Pancari DEFINIZIONI probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA Pagina 1 di 54 Sede direzionale / amministrativa Tel. Fax. E-mail Sito Web NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA C.F. 8 RIFERIMENTI DELL UNITA PRODUTTIVA OGGETTO DELLA VALUTAZIONE NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "TORRI DI QUARTESOLO SCUOLA PRIMARIA STATALE "CAP. P. LORENZI" DI MAROLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO

ISTITUTO COMPRENSIVO TORRI DI QUARTESOLO SCUOLA PRIMARIA STATALE CAP. P. LORENZI DI MAROLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO ISTITUTO COMPRENSIVO "TORRI DI QUARTESOLO SCUOLA PRIMARIA STATALE "CAP. P. LORENZI" DI MAROLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO Anno Scolastico 2013-2014 ISTITUTO COMPRENSIVO "TORRI DI QUARTESOLO" SCUOLA

Dettagli

BOZZA a cura della Cisl Scuola

BOZZA a cura della Cisl Scuola BOZZA a cura della Cisl Scuola IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO D'ISTITUTO Attuazione normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro (CCNL art. 6 comma 2 lettera k) Istituto/Circolo - a.s./.. L'anno

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Datore di lavoro (Rettore) Servizio di Prevenzione e Protezione Sorveglianza sanitaria Servizio di Radioprotezione Dirigenti RLS Preposti Lavoratori DEFINIZIONI: 1. DATORE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

Corso di formazione per RSPP

Corso di formazione per RSPP Corso di formazione per RSPP Corso Normative di riferimento Argomenti/Programma n.ore Corso per Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione a) Il quadro normativo in materia di sicurezza dei

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Vita. Concetti di rischio, danno, prevenzione e protezione. Polo Scientifico Universitario San Miniato - Siena

Dipartimento di Scienze della Vita. Concetti di rischio, danno, prevenzione e protezione. Polo Scientifico Universitario San Miniato - Siena Dipartimento di Scienze della Vita Concetti di rischio, danno, prevenzione e protezione Polo Scientifico Universitario San Miniato - Siena PERICOLO Art.2, lettera r, D.Lgs. 81/08 proprietà o qualità intrinseca

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI ai sensi del D.M. 5 agosto 1998, n. 363 in attuazione del D.Lgs. 19 settembre 1994, n. 626 e successive modificazioni emanato con D.D. n. 407 del

Dettagli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87 Biagianti Marialivia e Cruciano Francesco tel. 0321 398464 Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA)

Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA) Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA) CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO ART. 1 Campo di

Dettagli

Documento di Valutazione del Rischio Incendio ai sensi dell art. 2 del D.M. 10/03/98 DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO - FORLI

Documento di Valutazione del Rischio Incendio ai sensi dell art. 2 del D.M. 10/03/98 DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO - FORLI Documento di Valutazione del Rischio Incendio ai sensi dell art. 2 del D.M. 10/03/98 DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO - FORLI SCUOLA PRIMARIA A. MELLINI e SCUOLA DELL INFANZIA IL PAPAVERO Redatto dal Datore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA

ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA 1 CONTRATTO INTEGRATIVO PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA Roccastrada Via S. d Acquisto s.n. Protocollo d intesa tra il Dirigente

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE RSPP, direzione, datore di lavoro

1. DISTRIBUZIONE RSPP, direzione, datore di lavoro Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Valutazione dei rischi P01 Rev. 00 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica Anno Scolastico 2013/2014 e 2014/2015 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

A tutto il personale dell I.C. Al Sito Web Area Sicurezza

A tutto il personale dell I.C. Al Sito Web Area Sicurezza email: rmic8cr006@istruzione.it sito web: www.icnuovopontedinona.it Circ. n. 73 Roma, 5 Novembre 2015 Oggetto: 1) Trasmissione Organigramma per la Sicurezza e deleghe 2) Comunicazione inizio corsi di formazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Ha accolto negli anni ottanta le classi della scuola media che erano ospitate, dal loro nascere, presso l'oratorio "San Giovanni Bosco".

Ha accolto negli anni ottanta le classi della scuola media che erano ospitate, dal loro nascere, presso l'oratorio San Giovanni Bosco. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - CREMENO La sede centrale, dell Istituto Comprensivo Statale San Giovanni Bosco, che ospita la Scuola Secondaria di Primo grado, si trova vicino a una pineta in una zona

Dettagli

Programma di formazione, informazione e. addestramento del personale addetto

Programma di formazione, informazione e. addestramento del personale addetto Programma di formazione, informazione e addestramento del personale addetto Approvato dal Dirigente Scolastico: ing. Michele Nicastri Verificato dal RSPP: ing. Di Pietro Angelo Presa visione del RLS aziendale:

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106)

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) ALLEGATO "B" Comune di Ortona Provincia di Chieti ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Completamento

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA GENERALE

FUNZIONIGRAMMA GENERALE DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO San Giuseppe SASSARI FUNZIONIGRAMMA GENERALE 2015-2016 Lo scopo del presente funzionigramma aziendale è quello di delineare gli ambiti di competenza di ciascuna responsabilità

Dettagli

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Unione Europea Repubblica Italiana ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Di PRAIA A MARE Via Verdi 40 Tel./Fax 0985/72106 E mail: csic8au004@istruzione.it Posta PEC: csic8au004@pec.istruzione.it Sito web: www.icpraiaamare.gov.it

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE NELLE SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE NELLE SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO ALLEGATO 7 AL CAPITOLATO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE NELLE SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO COMMITTENTE Comune di Meina

Dettagli

N O M I N A INCARICATI DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE

N O M I N A INCARICATI DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE DESIGNAZIONE DEI LAVORATORI INCARICATI DELL'ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI E LOTTA ANTINCENDIO, DI EVACUAZIONE DEI LUOGHI DI LAVORO IN CASO DI PERICOLO GRAVE E IMMEDIATO, DI SALVATAGGIO

Dettagli

LE FIGURE PER LA SICUREZZA

LE FIGURE PER LA SICUREZZA La Sicurezza in azienda LE FIGURE PER LA SICUREZZA 1 La Sicurezza in azienda Sommario 1. Organigramma per la sicurezza 2. Definizioni 3. Obblighi e compiti delle figure per la sicurezza 2 La Sicurezza

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S)

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) In questa unità didattica descriveremo le caratteristiche del Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S.). Nello

Dettagli

Grotte Santo Stefano Celleno Vitorchiano Graffignano Sipicciano. Sezioni n 3 Sezioni n 2 Sezioni n 6 Sezioni n 1 Sezioni n 2

Grotte Santo Stefano Celleno Vitorchiano Graffignano Sipicciano. Sezioni n 3 Sezioni n 2 Sezioni n 6 Sezioni n 1 Sezioni n 2 INFANZIA Grotte Santo Stefano Celleno Vitorchiano Graffignano Sipicciano Sezioni n 3 Sezioni n 2 Sezioni n 6 Sezioni n 1 Sezioni n 2 Alunni n 80 Alunni n 50 Alunni n 155 Alunni n 24 Alunni n 34 di cui

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi a pag. 3-11 II. Modulistica per la redazione del documento di valutazione

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO L'anno 2013, il mese di Marzo, il giorno 08 nei locali del Liceo Scientifico Statale G.Galilei di Pescara,

Dettagli

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 2 Informazione

Dettagli

Destinatari Il corso è rivolto a tutti i lavoratori. Requisiti: Nessun requisito minimo.

Destinatari Il corso è rivolto a tutti i lavoratori. Requisiti: Nessun requisito minimo. Il Corso di Formazione ed Informazione per Lavoratori (tutti i livelli di rischio) assolve gli obblighi indicati nel D.lgs 81/08, T.U. Sicurezza e s.m.i. del D.Lgs. 106/09 e gli aggiornamenti dell'ultimo

Dettagli

CONCETTI E DEFINIZIONI

CONCETTI E DEFINIZIONI Contenuti del DVR CONCETTI E DEFINIZIONI Valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II Via F. Lussana, 2 24121 Bergamo 035 23 71 71 035 21 52 27 segreteria@vittorioemanuele.org

Dettagli

SOCIETÀ DI SERVIZI AMBIENTE SICUREZZA MEDICINA DEL LAVORO

SOCIETÀ DI SERVIZI AMBIENTE SICUREZZA MEDICINA DEL LAVORO SOCIETÀ DI SERVIZI AMBIENTE SICUREZZA MEDICINA DEL LAVORO Artambiente s.c.r.l. è una società di servizi in grado di fornire consulenza specializzata alle aziende in materia di sicurezza e prevenzione negli

Dettagli

CORSO RSPP ASPP MODULO A di base - MODULO DAT. LAV.

CORSO RSPP ASPP MODULO A di base - MODULO DAT. LAV. Corso di Formazione per Responsabili ed Addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP ASPP Modulo A) (RSPP Dat. Lavoro) edizione 2010 Titolo I Capo III Sez. III D.Lgs. 81/2008 ex art. 4 comma

Dettagli

PER LE INTERFERENZE LEGATE ALLE ATTIVITA IN APPALTO Art. 26 D.Lgs. 81/08

PER LE INTERFERENZE LEGATE ALLE ATTIVITA IN APPALTO Art. 26 D.Lgs. 81/08 ALLEGATO 6) AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ISTITUZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI DEL COMUNE DI CASALGRANDE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LE INTERFERENZE LEGATE ALLE ATTIVITA IN APPALTO

Dettagli

DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE 2015

DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE 2015 DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE Formazione sulla sicurezza negli ambienti di lavoro (D.Lgs 81/2008) e s.m.i PRESENTAZIONE Con il presente catalogo intendiamo sintetizzare le principali opportunità

Dettagli

Egr. Via. Mod Delega Delega delle funzioni. Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

Egr. Via. Mod Delega Delega delle funzioni. Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) Egr. Via Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) Il sottoscritto C.F. in qualità di Datore di Lavoro della Ditta con sede in al fine di provvedere agli incombenti posti dalla

Dettagli

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 LE SCUOLE PRIMARIE SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 La scuola primaria B. Ferrari è ospitata in un edificio storico di pregio la cui costruzione risale all anno 1927

Dettagli

La convenzione SALONE SICURO è stato studiato per porre rimedio ad alcune lacune in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavori.

La convenzione SALONE SICURO è stato studiato per porre rimedio ad alcune lacune in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavori. PRESENTAZIONE La convenzione SALONE SICURO è stato studiato per porre rimedio ad alcune lacune in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavori. Il D.Lgs. 81/08 stabilisce precisi obblighi in capo

Dettagli

Piano per la gestione delle emergenze UFFICI E RESIDENZA FASCETTI -

Piano per la gestione delle emergenze UFFICI E RESIDENZA FASCETTI - Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE UFFICI E RESIDENZA FASCETTI 1 STRUTTURA SEDE UFFICI E RESIDENZA FASCETTI Piazza dei Cavalieri,

Dettagli

DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA

DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA Prot. n. 840/A20i DOCUMENTO di VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (D. L.gvo n. 81/2008 e D.Lgs.106/2009) ISIS Carducci -Dante SEDE DI VIA VIA CORSI, 1- R.S.P.P. prof. Federico

Dettagli

La valutazione dei rischi: cardine della sicurezza aziendale e strumento di difesa in sede processuale

La valutazione dei rischi: cardine della sicurezza aziendale e strumento di difesa in sede processuale La valutazione dei rischi: cardine della sicurezza aziendale e strumento di difesa in sede processuale L'obbligo di valutazione dei rischi secondo il d.lgs. n.81/2008 Ing. Davide Casaro Area Ambiente e

Dettagli

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Il dirigente scolastico, nel suo ruolo di Datore di lavoro ai sensi dell art. 17, comma 1, lettera b del D.Lgs. 81/2008, è obbligato (si tratta di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO ANNO 2014 PROGRAMMA INTERVENTI PER LA SICUREZZA IN AZIENDA OGGETTO: D. LGS. 81/08 E S.M.I. SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. L impostazione del programma aziendale per

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP)

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) Premessa Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), come definito nel D.Lgs.

Dettagli

TECNICHE DI COMUNICAZIONE E METODOLOGIE DI EROGAZIONE DELLA INFORMAZIONE/FORMAZIONE

TECNICHE DI COMUNICAZIONE E METODOLOGIE DI EROGAZIONE DELLA INFORMAZIONE/FORMAZIONE FORMAZIONE TECNICHE DI personale scolastico (RISCHIO MEDIO) COMUNICAZIONE E METODOLOGIE DI EROGAZIONE DELLA INFORMAZIONE/FORMAZIONE Ex Accordo Stato Regioni del 21.12.2011 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli