DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI"

Transcript

1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e del Decreto Interministeriale 30 Novembre 2012 Azienda ACCONCIATORE PER SIGNORA IL BELLO DELLE DONNE Data 29/01/2013 Datore di lavoro Ciciriello Riccardo FIRMA RSPP De Santis Francesca Medico Competente Botta Giulio RLS/RLST Bellini Giuseppe

2 Blumatica Documento di Valutazione dei Rischi Procedura standardizzata MODULO N. 1.1 DATI AZIENDALI DESCRIZIONE GENERALE DELL'AZIENDA Dati anagrafici Ragione Sociale Attività economica Codice ATECO Il Bello Delle Donne Acconciatore per signora Titolare/Rappresentante Legale Nominativo Ciciriello Riccardo Sede Legale Comune BATTIPAGLIA Provincia SA CAP Indirizzo Via Rosa Jemma 2 SISTEMA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE Datore di lavoro Nominativo Ciciriello Riccardo Responsabile del servizio di e protezione Nominativo De Santis Francesca Data nomina 08/01/2013 Medico Competente Nominativo Botta Giulio Data nomina 04/12/2012 Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Nominativo Bellini Giuseppe Data nomina 15/11/2012 Pagina 2 di 59

3 Blumatica Documento di Valutazione dei Rischi Procedura standardizzata MODULO N. 1.1 ORGANIGRAMMA AZIENDALE Pagina 3 di 59

4 Blumatica Documento di Valutazione dei Rischi Procedura standardizzata MODULO N. 1.2 LAVORAZIONI AZIENDALI E MANSIONI Ciclo lavorativo Acconciatore Fasi del ciclo Descrizione fasi Area/reparto/ luogo di lavoro Attrezzature di lavoro macchine, apparecchi, utensili ed impianti (di produzione e servizio) Materie prime, semilavorati e sostanze impiegati e prodotti. Scarti di lavorazione Mansioni/ Postazioni BLUFLAV Accoglienza cliente Salone - - M001 Addetto Accoglienza cliente M009 Parrucchiere BLUFLAV Lavaggio Salone Lavatesta per parrucchieri Pettine Forcine, molette e becchi per acconciature - M009 Parrucchiere BLUFLAV Colorazione capelli Salone Saletta trattamenti Ciotole per preparazione dei prodotti Pettine Pennello NEMESI tintura colorante M009 Parrucchiere BLUFLAV Taglio dei capelli Salone Saletta trattamenti Forbici Pettine Rasoio elettrico - M009 Parrucchiere BLUFLAV Messa in piega Salone Piastra stirante Retine per capelli, monouso e non Spazzola Spazzola arricciacapelli Forcine, molette e becchi per - M009 Parrucchiere Pagina 4 di 59

5 Blumatica Documento di Valutazione dei Rischi Procedura standardizzata MODULO N. 1.2 acconciature Bigodini da permanente Asciugacapelli o Phon BLUFLAV Congedo cliente Salone Registratore di cassa - M009 Parrucchiere Pagina 5 di 59

6 Blumatica Documento di Valutazione dei Rischi Procedura standardizzata MODULO N. 1.2 LAY-OUT VALUTAZIONE DEI RISCHI CICLO LAVORATIVO: ACCONCIATORE Pagina 6 di 59

7 Documento di Valutazione dei Rischi Procedura standardizzata MODULO N. 2 INDIVIDUAZIONE PERICOLI PRESENTI IN AZIENDA Famiglia di pericoli Pericoli Pericoli presenti Pericoli non presenti Riferimenti legislativi Esempi di incidenti e di criticità Luoghi di lavoro Stabilità e solidità delle strutture Altezza, cubatura, superficie Pavimenti, muri, soffitti, finestre e lucernari, banchine e rampe di carico Vie di circolazione interne ed esterne Vie ed uscite di emergenza Porte e portoni Scale Posti di lavoro e di passaggio e luoghi di lavoro esterni Microclima e - normativa locale vigente - DM 10/03/98 - Regole tecniche di incendi applicabili - D. Lgs. 8/3/2006 n. 139, art DM 10/03/98 - Regole tecniche di incendi applicabili - D. Lgs. 8/3/2006 n. 139, art Crollo di pareti o solai per cedimenti strutturali - Crollo di strutture causate da urti da parte di mezzi aziendali - Mancata salubrità o ergonomicità legate ad insufficienti dimensioni degli ambienti - Cadute dall alto - Cadute in piano - Cadute in profondità - Urti - Cadute dall alto - Cadute in piano - Cadute in profondità - Contatto con mezzi in movimento - Caduta di materiali - Vie di esodo non facilmente fruibili - Urti, schiacciamento - Uscite non facilmente fruibili s.m.i. (Allegato IV punto 1.7;Titolo IV capo II ; art.113) - DM 10/03/98 - Cadute; - Regole tecniche di - Difficoltà nell esodo incendi applicabili - D. Lgs. 8/3/2006 n. 139, art Caduta, investimento da materiali e mezzi in movimento; - Esposizione ad agenti atmosferici - Esposizione a condizioni microclimatiche non confortevoli - Assenza di impianto di riscaldamento - Carenza di areazione Pagina 7 di 59

8 Documento di Valutazione dei Rischi Procedura standardizzata MODULO N. 2 Attrezzature di lavoro - Utensili manuali Illuminazione naturale ed artificiale Locali di riposo e refezione Spogliatoi e armadi per il vestiario Servizi igienico assistenziali Dormitori Aziende agricole Martello, pinza, taglierino, seghetti, cesoie, trapano manuale, piccone, ecc. %a1 - DM 10/03/98 - Regole tecniche di incendi applicabili - D. Lgs. 8/3/2006 n. 139, art Normativa locale vigente - Normativa locale vigente - Normativa locale vigente - Normativa locale vigente - DM 10/03/98 - D. Lgs. 8/3/2006 n. 139, art DPR 151/2011 All. I punto 66 s.m.i. (Allegato IV, punto 6) s.m.i. (Titolo III capo I) naturale e/o forzata - Carenza di illuminazione naturale - Abbagliamento - Affaticamento visivo - Urti - Cadute - Difficoltà nell esodo - Scarse condizioni di igiene - Inadeguata conservazione di cibi e bevande - Scarse condizioni di igiene - Numero e capacità inadeguati - Possibile contaminazione degli indumenti privati con quelli di lavoro - Scarse condizioni di igiene; - Numero e dimensioni inadeguati - Scarsa difesa da agenti atmosferici - Incendio - Scarse condizioni di igiene; - Servizi idrici o igienici inadeguati - Incidenti di natura meccanica OMISSIS VERSIONE DEMO Pagina 8 di 59

9 Blumatica Documento di Valutazione dei Rischi Procedura standardizzata MODULO N. 3 N. Area/Reparto/ Luogo di lavoro 1 Salone TUTTE 103 Piano TERRA 104 Piano TERRA 105 Piano TERRA 106 Piano TERRA 107 Piano TERRA 108 Piano TERRA 109 Piano TERRA VALUTAZIONE RISCHI, MISURE DI PREVENZIONE e PROTEZIONE ATTUATE Mansioni/Postazioni Pericoli che determinano rischi Eventuali strumenti per la salute e sicurezza di supporto/rischi Misure attuate Luoghi di lavoro- Posti di lavoro e di passaggio e Scivolamenti luoghi di lavoro esterni R= PxD = 3x2 = 6 (Salone/Piano terra) 6 - Medio Addetto Accoglienza cliente, Parrucchiere Addetto Accoglienza cliente, Parrucchiere Addetto Accoglienza cliente, Parrucchiere Addetto Accoglienza cliente, Parrucchiere Addetto Accoglienza cliente, Parrucchiere Addetto Accoglienza cliente, Parrucchiere Addetto Accoglienza cliente, Parrucchiere 127 Salone Parrucchiere 128 Salone Parrucchiere Impianti di servizio- Impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione (Impianto di riscaldamento) Impianti di servizio- Impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione (Impianto di riscaldamento) Impianti di servizio- Impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione (Impianto di riscaldamento) Impianti di servizio- Impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione (Impianto di riscaldamento) Impianti di servizio- Impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione (Impianto di riscaldamento) Impianti di servizio- Impianti elettrici (Impianto elettrico bassa tensione) Impianti di servizio- Impianti elettrici (Impianto elettrico bassa tensione) Agenti chimici pericolosi- Agenti chimici (NEMESI tintura colorante (Colorazione capelli)) Agenti chimici pericolosi- Agenti chimici (NEMESI tintura colorante (Colorazione capelli)) Pagina 9 di 59 Fiamme ed esplosioni R= PxD = 2x4 = Medio Fiamme ed esplosioni R= PxD = 2x4 = Medio Fiamme ed esplosioni R= PxD = 2x4 = Medio Fiamme ed esplosioni R= PxD = 2x4 = Medio Fiamme ed esplosioni R= PxD = 2x4 = Medio Fiamme ed esplosioni R= PxD = 2x4 = Medio Fiamme ed esplosioni R= PxD = 2x4 = Medio Corrosione R= PxD = 2x3 = Medio Corrosione R= PxD = 2x3 = 6 Si provvede ad una pulizia costante dell'ambiente di lavoro. Gli impianti termici sono controllati e mantenuti secondo le vigenti prescrizioni di legge Negli ambienti in cui vi sono rischi di incendio, ha posto i seguenti divieti:- fumare;- usare apparecchi a fiamma libera e manipolare materiali incandescenti, a meno che non siano adottate idonee misure di sicurezza. Gli impianti termici installati in fabbricati destinati anche ad altro uso rispettano le specifiche prescrizioni di legge A servizio degli impianti termici è apposta adeguata segnaletica di sicurezza. A servizio degli impianti termici sono disponibili adeguati mezzi di estinzione incendi. La cabina elettrica possiede lo schema elettrico La cabina elettrica possiede la vasca di contenimento di fuoriuscite di olio per trasformatori con quantitativo di olio superiore a kg 500 Guanti monouso in lattice I contenitori possiedono idonee caratteristiche di robustezza e resistenza alla corrosione, chiusura e presa.

10 Blumatica Documento di Valutazione dei Rischi Procedura standardizzata MODULO N Salone Parrucchiere 130 Salone Parrucchiere 131 Salone Parrucchiere 132 Salone Parrucchiere 133 Salone Parrucchiere 134 Salone Parrucchiere 135 Salone Parrucchiere 136 Salone Parrucchiere 137 Salone Parrucchiere 139 Salone Parrucchiere 142 Salone Parrucchiere Movimentazione manuale dei carichi- Posture (Colorazione capelli) Movimentazione manuale dei carichi- Posture (Colorazione capelli) Movimentazione manuale dei carichi- Posture (Lavaggio) Movimentazione manuale dei carichi- Posture (Lavaggio) Movimentazione manuale dei carichi- Posture (Messa in piega) Movimentazione manuale dei carichi- Posture (Messa in piega) Movimentazione manuale dei carichi- Posture (Taglio dei capelli) Movimentazione manuale dei carichi- Posture (Taglio dei capelli) Agenti chimici pericolosi- Agenti chimici (NEMESI tintura colorante (Colorazione capelli)) Attrezzature di lavoro - Apparecchi termici trasportabili- Apparecchi termici trasportabili, Agenti fisici- (Asciugacapelli o Phon (Messa in piega)) Attrezzature di lavoro - Apparecchi termici trasportabili- Apparecchi termici trasportabili, Agenti fisici- (Asciugacapelli o Phon (Messa in piega)) 6 - Medio R= PxD = 3x3 = 9 R= PxD = 3x3 = 9 R= PxD = 3x3 = 9 R= PxD = 3x3 = 9 R= PxD = 3x3 = 9 R= PxD = 3x3 = 9 R= PxD = 3x3 = 9 R= PxD = 3x3 = 9 Rischio chimico Basso per la sicurezza e irrilevante per la salute Classe di rischio 1 BASSO Classe di rischio 1 BASSO La mansione di lavoro permette di intervallare periodi di lavoro in piedi e periodi di lavoro seduti La mansione consente di mantenere la colonna vertebrale in posizione eretta La mansione consente di mantenere la colonna vertebrale in posizione eretta La mansione di lavoro permette di intervallare periodi di lavoro in piedi e periodi di lavoro seduti La mansione di lavoro permette di intervallare periodi di lavoro in piedi e periodi di lavoro seduti La mansione consente di mantenere la colonna vertebrale in posizione eretta La mansione di lavoro permette di intervallare periodi di lavoro in piedi e periodi di lavoro seduti La mansione consente di mantenere la colonna vertebrale in posizione eretta Il datore di lavoro ha disposto che tutto il personale coinvolto nell'utilizzo anche occasionale di agenti chimici sia sottoposto ad una corretta azione di formazione ed informazione. Il Datore di lavoro ha organizzato il lavoro in modo tale da limitare al massimo i tempi da trascorrere in aree rumorose. Pericolo rumore Pagina 10 di 59

11 Blumatica Documento di Valutazione dei Rischi Procedura standardizzata MODULO N Salone Parrucchiere 145 Salone Parrucchiere 146 Salone Parrucchiere 147 Salone Parrucchiere Attrezzature di lavoro - Apparecchi termici trasportabili- Apparecchi termici trasportabili, Agenti fisici- (Asciugacapelli o Phon (Messa in piega)) Attrezzature di lavoro - Apparecchi termici trasportabili- Apparecchi termici trasportabili, Agenti fisici- (Asciugacapelli o Phon (Messa in piega)) Attrezzature di lavoro - Apparecchi termici trasportabili- Apparecchi termici trasportabili, Agenti fisici- (Asciugacapelli o Phon (Messa in piega)) Attrezzature di lavoro - Apparecchi termici trasportabili- Apparecchi termici trasportabili, Agenti fisici- (Asciugacapelli o Phon (Messa in piega)) Classe di rischio 1 BASSO Classe di rischio 1 BASSO Classe di rischio 1 BASSO Classe di rischio 1 BASSO Il datore di lavoro ha elaborato ed applicato un programma di misure tecniche e organizzative volte a ridurre l esposizione al rumore, considerando in particolare le misure di cui al comma 1 dell articolo 192 del D. Lgs 81/08 Il datore di lavoro estende il controllo sanitario a chi ne faccia richiesta o qualora il medico competente ne confermi l'opportunità. Il datore di lavoro mette a disposizione dei lavoratori idonei dispositivi di protezione individuale dell'udito. Il datore di lavoro prevede un'adeguata formazione ed informazione in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione a rumore nei luoghi di lavoro OMISSIS VERSIONE DEMO Pagina 11 di 59

12 Blumatica Documento di Valutazione dei Rischi Procedura standardizzata MODULO N. 3 N. Area/Reparto/ Luogo di lavoro PROGRAMMA DI MIGLIORAMENTO Eventuali Mansioni/ Pericoli che determinano rischi Incaricati della strumenti di Misure di miglioramento da adottare Postazioni per la salute e sicurezza realizzazione supporto/rischi 1 Salone Tutte Attrezzature di lavoro - Utensili manuali- Martello, pinza, taglierino, seghetti, cesoie, trapano manuale, piccone, ecc. (Forbici (Taglio dei capelli)) (Analisi e checklist) Tagli R= PxD = 2x3 = Medio Ripristinare un corretto stato di conservazione degli attrezzi o sostituirli. Data di attuazione Verdi Antonio 03/04/ Salone Tutte Luoghi di lavoro/ Vie uscite di emergenza (Analisi e checklist) Sistemazione segnaletica cassetta di primo soccorso. Verdi Antonio 03/04/ Salone Tutte Luoghi di lavoro/ Vie uscite di emergenza (Analisi e checklist) Sostituire segnaletica luminosa vie di esodo. Verdi Antonio 12/05/ OMISSIS VERSIONE DEMO Pagina 12 di 59

13 APPENDICE - Dettaglio valutazione rischi Di seguito, è riportato il dettaglio della valutazione dei rischi per le fasi di lavoro appartenenti al ciclo lavorativo analizzato. Al fine di individuare le più idonee misure di sicurezza, la valutazione dei rischi è stata eseguita per ogni pericolo individuato. La valutazione dei rischi è stata effettuata utilizzando le metodiche ed i criteri ritenuti più adeguati alle situazioni lavorative aziendali, tenendo conto dei principi generali di tutela previsti dall art. 15 del D.Lgs. 81/08. Laddove la legislazione fornisce indicazioni specifiche sulle modalità di valutazione, i descrittori di rischio sono stati individuati sulla base di norme tecniche e/o linee guida di riferimento, avvalendosi anche delle informazioni contenute in banche dati istituzionali, nazionali ed internazionali (Es.:, Vibrazioni. Movimentazione manuale dei carichi, ecc.). In assenza di indicazioni legislative specifiche sulle modalità di valutazione, sono stati adottati criteri basati sull esperienza e conoscenza delle effettive condizioni lavorative dell azienda e, ove disponibili, su strumenti di supporto, dati desumibili dal registro infortuni, profili di rischio, indici infortunistici, dinamiche infortunistiche, liste di controllo, norme tecniche, istruzioni di uso e manutenzione, ecc. In tal caso, l entità dei rischi viene ricavata assegnando un opportuno valora alla probabilità di accadimento (P) ed alla gravità del danno (D). Dalla combinazione di tali grandezze si ricava la matrice di rischio la cui entità è data dalla relazione: R = P D Alla probabilità di accadimento dell'evento P è associato un indice numerico rappresentato nella seguente tabella: 1 Improbabile 2 Poco probabile 3 Probabile 4 M. Probabile PROBABILITA' DELL'EVENTO Non si ha notizia di infortuni verificatisi in analoghe condizioni di lavoro, per cui il verificarsi dell'evento susciterebbe stupore e incredulità. La deficienza riscontrata potrebbe provocare un danno agli addetti soltanto in concomitanza con altre situazioni sfavorevoli; si ha notizia che, in rarissime occasioni di lavoro, si sono verificati infortuni per condizioni di lavoro similari. La deficienza riscontrata potrebbe determinare un danno agli addetti, anche se non in maniera automatica, dalle statistiche si rileva che, in qualche caso, si sono verificati infortuni per analoghe condizioni di lavoro. Esiste una correlazione diretta tra l'anomalia rilevata e la possibilità che si verifichi un danno agli addetti; in analoghe condizioni di lavoro si sono verificati infortuni nella stessa azienda, per cui il verificarsi dell'infortunio non susciterebbe alcuno stupore nei vertici aziendali. La gravità del danno viene stimata analizzando la tipologia di danno, le parti del corpo che possono essere coinvolte e il numero di esposti presenti. Alla gravità del danno (D) è associato un indice numerico rappresentato nella seguente tabella: 1 Lieve GRAVITA' DEL DANNO L'evento potrebbe avere conseguenze di invalidità parziale, rapidamente reversibile, per non più di un addetto. 2 Modesto L evento potrebbe avere conseguenze di inabilità temporanea, per uno o più addetti. 3 Grave L'evento potrebbe avere conseguenze di invalidità, con postumi permanenti per uno o più addetti. 4 Gravissimo L evento potrebbe avere conseguenze di morte o di inabilità permanente, per uno o più addetti.

14 MATRICE DEI RISCHI La matrice che scaturisce dalla combinazione di probabilità e danno è rappresentata in figura seguente: Entità Rischio Valori di riferimento Molto basso (1 R 1) Basso (2 R 4) Medio (6 R 9) Alto (12 R 16) Sulla base dei risultati della valutazione dei rischi sono state definite le misure di e protezione adeguate (tecniche, organizzative, procedurali, DPI, informazione, formazione e addestramento, sorveglianza sanitaria).

15 FASE DI LAVORO: Lavaggio (Acconciatore) Salone Luoghi di lavoro Parrucchiere Mansioni/Postazioni PERICOLI E RISCHI DELLA LAVORAZIONE La tabella che segue contiene l elenco di tutti i rischi residui risultanti dall'analisi e dalla valutazione della fase di lavoro e degli elementi ad essa collegati. PERICOLO: Condizioni di lavoro RISCHIO: VALUTAZIONE Probabilità: Danno: Entità: MISURE GENERALI DI SICUREZZA 3 - Probabile 3 - Grave Di seguito, sono riportate le misure generali di sicurezza attuate per la fase di lavoro: Tipo Descrizione misura Il datore di lavoro ha messo a disposizione dei lavoratori luoghi ed arredi tali da rispettare opportunamente le dimensioni corporee e tesi a salvaguardare il benessere posturale. MISURE SPECIFICHE DI SICUREZZA Di seguito, sono riportate le misure specifiche di sicurezza attuate in funzione dei rischi relativi alla fase di lavoro: Tipo Descrizione misura Rischio La mansione consente di mantenere la colonna vertebrale in posizione eretta. La mansione di lavoro permette di intervallare periodi di lavoro in piedi e periodi di lavoro seduti. ATTREZZATURE UTILIZZATE nella fase Lavaggio Di seguito, l analisi delle attrezzature utilizzate per la fase di lavoro in esame: Pettine Nessun rischio rilevato. Forcine, molette e becchi per acconciature Nessun rischio rilevato.

16 FASE DI LAVORO: Colorazione capelli (Acconciatore) Salone Luoghi di lavoro Parrucchiere Mansioni/Postazioni PERICOLI E RISCHI DELLA LAVORAZIONE La tabella che segue contiene l elenco di tutti i rischi residui risultanti dall'analisi e dalla valutazione della fase di lavoro e degli elementi ad essa collegati. PERICOLO: Condizioni di lavoro RISCHIO: VALUTAZIONE Probabilità: Danno: Entità: MISURE GENERALI DI SICUREZZA 3 - Probabile 3 - Grave Di seguito, sono riportate le misure generali di sicurezza attuate per la fase di lavoro: Tipo DPI Tecnica organizzativa Tecnica organizzativa Descrizione misura E' effettuata una costante pulizia degli ambienti di lavoro. Guanti monouso in lattice Il datore di lavoro ha garantito un'adeguata ventilazione naturale o forzata dell'ambiente di lavoro. L'applicazione di tinture, coloranti, fissatori, lozioni e lo spruzzo di lacche avviene in ambiti dove è assicurato un efficiente ricambio dell'aria; gli operatori comunque operano con il viso alla maggior distanza possibile dal punto di applicazione. La preparazione delle tinture avviene in un locale apposito, sotto cappa aspirante. MISURE SPECIFICHE DI SICUREZZA Di seguito, sono riportate le misure specifiche di sicurezza attuate in funzione dei rischi relativi alla fase di lavoro: Tipo Descrizione misura Rischio Posture La mansione consente di mantenere la colonna vertebrale in posizione eretta La mansione di lavoro permette di intervallare periodi di lavoro in piedi e periodi di lavoro seduti Posture ATTREZZATURE UTILIZZATE nella fase Colorazione capelli Di seguito, l analisi delle attrezzature utilizzate per la fase di lavoro in esame: Ciotole per preparazione dei prodotti Nessun rischio rilevato. Pettine Nessun rischio rilevato. Pennello Nessun rischio rilevato.

17 AGENTI CHIMICI PERICOLOSI nella fase Colorazione capelli Di seguito, l analisi degli agenti chimici pericolosi presenti nella fase di lavoro in esame: NEMESI tintura colorante PERICOLO: Agenti chimici RISCHIO: Ustioni Probabilità: VALUTAZIONE Danno: Entità: PERICOLO: Agenti chimici RISCHIO: Rischio chimico VALUTAZIONE 2 - Poco probabile 3 - Grave 6 - Medio Entità: Basso per la sicurezza e irrilevante per la salute MISURE SPECIFICHE DI SICUREZZA Di seguito, sono riportate le misure specifiche di sicurezza attuate in funzione dei rischi relativi all attrezzatura: Tipo Descrizione misura Rischio Il datore di lavoro ha disposto che tutto il personale coinvolto nell'utilizzo anche occasionale di agenti chimici sia sottoposto ad una corretta azione di formazione ed informazione. Rischio chimico DPI Guanti monouso in lattice Rischio chimico Tecnica I contenitori possiedono idonee caratteristiche di robustezza e Corrosione organizzativa resistenza alla corrosione, chiusura e presa. FASE DI LAVORO: Messa in piega (Acconciatore) Salone Luoghi di lavoro Parrucchiere Mansioni/Postazioni PERICOLI E RISCHI DELLA LAVORAZIONE La tabella che segue contiene l elenco di tutti i rischi residui risultanti dall'analisi e dalla valutazione della fase di lavoro e degli elementi ad essa collegati. PERICOLO: Condizioni di lavoro RISCHIO: Probabilità: Danno: Entità: VALUTAZIONE 3 - Probabile 3 - Grave MISURE GENERALI DI SICUREZZA

18 Di seguito, sono riportate le misure generali di sicurezza attuate per la fase di lavoro: Tipo Tecnica organizzativa Descrizione misura L'applicazione di tinture, coloranti, fissatori, lozioni e lo spruzzo di lacche avviene in ambiti dove è assicurato un efficiente ricambio dell'aria; gli operatori comunque operano con il viso alla maggior distanza possibile dal punto di applicazione. Il datore di lavoro verifica costantemente il mantenimento di condizioni microclimatiche ed illuminotecniche idonee all attività svolta. MISURE SPECIFICHE DI SICUREZZA Di seguito, sono riportate le misure specifiche di sicurezza attuate in funzione dei rischi relativi alla fase di lavoro: Tipo Descrizione misura Rischio La mansione consente di mantenere la colonna vertebrale in posizione eretta. La mansione di lavoro permette di intervallare periodi di lavoro in piedi e periodi di lavoro seduti. ATTREZZATURE UTILIZZATE nella fase Messa in piega Di seguito, l analisi delle attrezzature utilizzate per la fase di lavoro in esame: Piastra stirante PERICOLO: Apparecchi termici trasportabili RISCHIO: Ustioni Probabilità: VALUTAZIONE Danno: Entità: 2 - Poco probabile 3 - Grave 6 - Medio MISURE SPECIFICHE DI SICUREZZA Di seguito, sono riportate le misure specifiche di sicurezza attuate in funzione dei rischi relativi all attrezzatura: Tipo Descrizione misura Rischio Sono state identificate tutte le possibili sorgenti d'innesco di incendio (fiamme, scintille, calore da attrito, autocombustione, ecc.) Ustioni I lavoratori sono stati formati circa i rischi e le procedure di sicurezza da eseguire per l'utilizzo delle attrezzature. Ustioni Asciugacapelli o Phon PERICOLO: Apparecchi termici trasportabili RISCHIO: Ustioni Probabilità: VALUTAZIONE Danno: Entità: PERICOLO: Agenti fisici RISCHIO: VALUTAZIONE 2 - Poco probabile 3 - Grave 6 - Medio Classe di Rischio: Classe di rischio 1 Entità: BASSO

19 LE(8h) [db(a)] 81,7 Lpicco [db(c)] 110,00 MISURE SPECIFICHE DI SICUREZZA Di seguito, sono riportate le misure specifiche di sicurezza attuate in funzione dei rischi relativi all attrezzatura: Tipo Descrizione misura Rischio Ai lavoratori è fatto divieto l'utilizzo di acqua e altre sostanze conduttrici in prossimità di conduttori, macchine e apparecchi elettrici sotto tensione. Ustioni Segnaletica Pericolo rumore Formazione Rischio Tecnica Il Datore di lavoro ha organizzato il lavoro in modo tale da limitare al organizzativa massimo i tempi da trascorrere in aree rumorose. Il datore di lavoro prevede un'adeguata formazione ed informazione in relazione ai rischi provenienti dall'esposizione a rumore nei luoghi di lavoro. Il datore di lavoro estende il controllo sanitario a chi ne faccia richiesta o qualora il medico competente ne confermi l'opportunità. Il datore di lavoro mette a disposizione dei lavoratori idonei dispositivi di protezione individuale dell'udito OMISSIS VERSIONE DEMO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Viene presentato un Esempio di Realizzazione di Documento di Valutazione dei Rischi secondo le Procedure Standardizzate. Per maggiori informazioni sul nostro servizio a basso costo vi invitiamo a contattarci:

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo la procedura standardizzata ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e del Decreto interministeriale del 30 Novembre 2012 Azienda

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Procedure standardizzate per la valutazione dei rischi Pubblicato il Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012 Con il Decreto Interministeriale dei 30 novembre 2012 sono state recepite le procedure

Dettagli

Falegnameria Italiana

Falegnameria Italiana Azienda DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli articoli 17, 28 e 29 del D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Datore di Lavoro Riccardo Ciciriello RSPP Giulio

Dettagli

Falegnameria Italiana

Falegnameria Italiana Azienda Falegnameria Italiana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli articoli 17, 28 e 29 del D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Datore di Lavoro Riccardo

Dettagli

Esempio di redazione di un DVR in uno studio professionale medico

Esempio di redazione di un DVR in uno studio professionale medico Esempio di redazione di un DVR in uno studio professionale medico Contesto di riferimento ipotizzato: studio professionale medico con un titolare (datore di lavoro), Dott. X, un lavoratore addetto alla

Dettagli

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Contesto di riferimento ipotizzato: studio professionale legale del Dott. X con due lavoratori dipendenti (Sig. A e Sig.ra B) e due praticanti

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento di Valutazione dei Rischi nei luoghi di lavoro D.Lgs.8/08 Suite 8 - Studio di Consulenza Data 0/0/ Azienda Azienda di Esempio DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure

Dettagli

Corso Dirigenti la Valutazione dei Rischi. M.Cappai - Gennaio 2013

Corso Dirigenti la Valutazione dei Rischi. M.Cappai - Gennaio 2013 Corso Dirigenti la Valutazione dei Rischi M.Cappai - Gennaio 2013 ANALISI dei RISCHI e DOCUMENTO di VALUTAZIONE Con l approvazione del nuovo decreto legislativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Vita. Concetti di rischio, danno, prevenzione e protezione. Polo Scientifico Universitario San Miniato - Siena

Dipartimento di Scienze della Vita. Concetti di rischio, danno, prevenzione e protezione. Polo Scientifico Universitario San Miniato - Siena Dipartimento di Scienze della Vita Concetti di rischio, danno, prevenzione e protezione Polo Scientifico Universitario San Miniato - Siena PERICOLO Art.2, lettera r, D.Lgs. 81/08 proprietà o qualità intrinseca

Dettagli

Cosa è la valutazione dei rischi

Cosa è la valutazione dei rischi 1 Principali obiettivi formativi Cos è la la valutazione dei rischi Chi deve fare la la valutazione Documento della valutazione Criteri per la la valutazione Cosa è la valutazione dei rischi Secondo il

Dettagli

Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE

Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE Allegato 3 Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA CUREZZA E LA SALUTE Legale Rappresentante Datore di lavoro Preposti Responsabile del Servizio

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi a pag. 3-11 II. Modulistica per la redazione del documento di valutazione

Dettagli

SCHEMA DELLA PROCEDURA STANDARDIZZATA. Descrizione generale dell'azienda MODULO N. 1.1 Paragrafo 4.1

SCHEMA DELLA PROCEDURA STANDARDIZZATA. Descrizione generale dell'azienda MODULO N. 1.1 Paragrafo 4.1 SCHEMA DELLA PROCEDURA STANDARDIZZATA PASSO N. 1 PASSO N. 2 PASSO N. 3 Descrizione dell'azienda, del ciclo lavorativo/attivit à e delle mansioni Individuazione dei pericoli presenti in azienda Valutazione

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

CRITERI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) CRITERI DI VALUTAZIOE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI Anno Scolastico 04/05 Il Datore di Lavoro Ing. Andrea Tommaselli firma autografa

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Organizzato da: CARRARA, Febbraio 2007 Documento di Valutazione dei Rischi (D.V.R.) Il documento nel quale il Datore di Lavoro (D.d.L.), prende in esame

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro LEGGE DI MURPHY Niente è facile come sembra Tutto richiede

Dettagli

La valutazione dei rischi. La valutazione dei rischi -- Programma LEONARDO

La valutazione dei rischi. La valutazione dei rischi -- Programma LEONARDO La valutazione dei rischi La valutazione del rischio è lo strumento fondamentale che permette di individuare le misure di prevenzione e pianificarne l attuazione, il miglioramento ed il controllo al fine

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI PREMESSA Se nello studio medico/ambulatorio sono presenti lavoratori (dipendenti) ad esempio addetti alla segreteria, addetti alle pulizie ovvero

Dettagli

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI PREPOSTI SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI 21.12.2011 FORMAZIONE GENERALE Lavoratori definiti secondo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO AMIANTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO AMIANTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO AMIANTO Azienda ESEMPIO Sede COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via IRNO Datore di lavoro Ciciriello Riccardo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Bellini Giuseppe

Dettagli

Corso di formazione per lavoratori

Corso di formazione per lavoratori Corso di formazione per lavoratori rischio alto16 ore Servizio di Prevenzione e Protezione Pericolo Definizione di Pericolo art. 2, lettera r, D.Lgs. 81/08 Proprietà o qualità intrinseca di un determinato

Dettagli

PER LE INTERFERENZE LEGATE ALLE ATTIVITA IN APPALTO Art. 26 D.Lgs. 81/08

PER LE INTERFERENZE LEGATE ALLE ATTIVITA IN APPALTO Art. 26 D.Lgs. 81/08 ALLEGATO 6) AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ISTITUZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI DEL COMUNE DI CASALGRANDE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LE INTERFERENZE LEGATE ALLE ATTIVITA IN APPALTO

Dettagli

INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18)

INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18) INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18) SEZIONE A RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DEL PROCESSO INFORMATIVO RELATIVO ALLA SICUREZZA

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO.

INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO. area 1 criteri adottati per le valutazioni pag 1/8 INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO. 2. DESCRIZIONE ESTESA METODO ADOTTATO. 2.1. scomposizione dell attività 2.1.1. fabbricati 2.1.2. mansioni

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26, comma 3 del D.Lgs. n.81/2008

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26, comma 3 del D.Lgs. n.81/2008 COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO AUSILIARIO PRESSO IL NIDO COMUNALE POLLICINO Anni Scolastici 2011/2012-2012/2013 2013/2014

Dettagli

Metodologie, strumenti ed azioni per la valutazione dei rischi collegati allo stress da lavoro correlato

Metodologie, strumenti ed azioni per la valutazione dei rischi collegati allo stress da lavoro correlato Via Manna 18 34100 TRIESTE Tel. 04043833 www.synergica.net info@synergica.net Consulente - Via Gaspara Stampa 6 34124 Trieste Tel. 040306427 info@paolofusari.it Metodologie, strumenti ed azioni per la

Dettagli

AGGIORNAMENTO PER ADDETTO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE - ART. 32 - D.LGS. 81/2008

AGGIORNAMENTO PER ADDETTO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE - ART. 32 - D.LGS. 81/2008 AGGIORNAMENTO PER ADDETTO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE - ART. 32 - D.LGS. 81/2008 Modulo di aggiornamento per ASPP per tutti i macrosettori per un totale di 28 ore di formazione. DURATA LEZIONI

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

1.1 LAVORI IN APPALTO... 4 1.2 INTEGRAZIONI... 4

1.1 LAVORI IN APPALTO... 4 1.2 INTEGRAZIONI... 4 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 LAVORI IN APPALTO... 4 1.2 INTEGRAZIONI... 4 2. INFORMAZIONI PRELIMINARI... 5 2.1 ANAGRAFICA AZIENDALE... 5 2.2 DESCRIZIONE DELL ATTIVITA... 6 2.3 DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DEGLI

Dettagli

Formazione ed informazione Lavoratori

Formazione ed informazione Lavoratori Formazione ed informazione Lavoratori La formazione dei lavoratori sulla sicurezza è uno dei principali obblighi a carico del datore di lavoro secondo i contenuti e la durata previsti dall Accordo Stato

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA Per i dipendenti della scuola, identificati in base al profilo omogeneo di attività, sono riassunti ed identificati i rischi specifici tipici e quanto previsto

Dettagli

II MODULISTICA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI. Azienda... DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

II MODULISTICA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI. Azienda... DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI II MODULISTICA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Azienda... DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Lo scopo di questa procedura è di descrivere i criteri, le modalità operative e le responsabilità per: effettuare la valutazione

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO GLOBALE NEGLI STUDI MEDICI E ODONTOIATRICI. Torino - 25-26 Novembre 2005

LA GESTIONE DEL RISCHIO GLOBALE NEGLI STUDI MEDICI E ODONTOIATRICI. Torino - 25-26 Novembre 2005 LA GESTIONE DEL RISCHIO GLOBALE NEGLI STUDI MEDICI E ODONTOIATRICI Torino - 25-26 Novembre 2005 Ordine Ordine dei dei Medici Medici Via Via Caboto Caboto 35 35 Torino Torino Presentazione di un modello

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81

Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 Corso di Gestione del Cantiere e della sicurezza sui luoghi di lavoro. Classe IIIª B as 2012/2013 Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 20/02/2013 1 Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 Documento

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI OCCUPAZIONALI A SUPPORTO DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE DI UNO SCI CLUB - Pag. 1 di 15 - RACCOLTA INFORMAZIONI INIZIALI Realtà operativa Dati dello Sci Club, tipologia di

Dettagli

Corso per Responsabili ed Addetti al servizio di prevenzione e protezione. MODULO B8 per Agenzia delle Dogane

Corso per Responsabili ed Addetti al servizio di prevenzione e protezione. MODULO B8 per Agenzia delle Dogane Corso per Responsabili ed Addetti al servizio di prevenzione e protezione MODULO B8 per Agenzia delle Dogane Presentazione del Corso Riferimenti normativi e sviluppo del progetto 2 I riferimenti normativi

Dettagli

Rischi per la salute 2. Agenti Chimici Agenti Fisici Agenti Biologici Materiali Radioattivi

Rischi per la salute 2. Agenti Chimici Agenti Fisici Agenti Biologici Materiali Radioattivi IL RISCHIO E LA SUA CONSIDERAZIONE Nella valutazione del rischio sono coinvolte varie fasi che richiedono il contributo di discipline differenti. È un documento redatto dal RSPP e che deve vivere all'interno

Dettagli

UDA CLASSI PRIME UNITA DI APPRENDIMENTO

UDA CLASSI PRIME UNITA DI APPRENDIMENTO UDA CLASSI PRIME UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione I MIEI PRIMI PASSI IN SICUREZZA Cultura della sicurezza e formazione obbligatoria (generale e specifica) Accordo Stato-Regione Compito Prodotto Il

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO VIA GRIGIONI 19

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO VIA GRIGIONI 19 PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO VIA GRIGIONI 19 APPENDICE A.7 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DEL WTE DEPOSITO TEMPORANEO DI RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo la procedura standardizzata ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e del Decreto interministeriale del 30 Novembre 2012 Azienda

Dettagli

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26, co.3-ter

Dettagli

Convegni. La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato

Convegni. La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato Convegni La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato Dott. Emanuele Garavello Avvocatura Curia Arcivescovile della Arcidiocesi di Milano Ottobre 2013 1 INDICE Protagonisti della sicurezza. Adempimenti.

Dettagli

TITOLO II D.Lgs.. 81/08

TITOLO II D.Lgs.. 81/08 TITOLO II D.Lgs.. 81/08 LUOGHI DI LAVORO 21 ottobre 2010 ing. Mauro Giannelli 1 Articolo 62 - Definizioni 1. Ferme restando le disposizioni di cui al titolo I, si intendono per luoghi di lavoro, unicamente

Dettagli

Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11

Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11 Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11 Programma del corso: Modulo 1: Trattazione di: 1. Salute 2. Sicurezza 3. Incidente, infortunio, malattia e danno 4. Pericolo e rischio 5. Prevenzione

Dettagli

LA PREPARAZIONE DELL AZIENDA ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA PREPARAZIONE DELL AZIENDA ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI 9 maggio Belluno LA PREPARAZIONE DELL AZIENDA ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 d.lgs. N 81 Decreto Interministeriale del 30 novembre

Dettagli

TITOLO II LUOGHI DI LAVORO

TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Regione Lazio Coordinamento Direttori SPRESAL PRIME INDICAZIONI OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DEL D.LGS. 81/08 TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Documento di consenso approvato il 30 settembre 2008 ASL Capofila

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CONCETTI DI RISCHIO PERICOLO - DANNO PERICOLO Definizione di pericolo art. 2, lettera r, D.Lgs. 81/08 Proprietà o qualità intrinseca di

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda BLUCAR Data 07/03/2013 Datore di lavoro Rossi Paolo FIRMA.. RSPP Francesca De Santis Medico Competente

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari Corso formazione LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ing. Stefano Pancari CORSO DI FORMAZIONE - Ing. Stefano Pancari DEFINIZIONI probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione IL D.LGS. 81/08 (come già previsto dal D.Lgs.. 626/94) INDICA IL PERCORSO DA COMPIERE PER INNALZARE IL LIVELLO DI SICUREZZA E QUALITA

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO (Articoli 18, 28, 29 D. Lgs. 9 aprile 2008) Data: 02/07/2009 Azienda: Azienda SPA Indirizzo: Via Roma, 1 Città: Milano EDIZIONE DATA DESCRIZIONE FIRMA (datore lavoro) Principale

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO ANNO 2014 PROGRAMMA INTERVENTI PER LA SICUREZZA IN AZIENDA OGGETTO: D. LGS. 81/08 E S.M.I. SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. L impostazione del programma aziendale per

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A. A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO LUOGHI DI LAVORO RISCHI SPECIFICI AREE ESTERNE. ASPP Università degli Studi di Catania

LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO LUOGHI DI LAVORO RISCHI SPECIFICI AREE ESTERNE. ASPP Università degli Studi di Catania Università degli Studi di Catania Area della Prevenzione e della Sicurezza - Servizio Prevenzione e Protezione dai Rischi (SPPR) - LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Perché è importante sensibilizzare i

Dettagli

IL DL D.Lgs. 9 aprile 2008 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (G.U. n. 101 del 30 aprile 2008)

Dettagli

. Aggiornamento per i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza =La valutazione dei rischi= Parma, 12 febbraio 2015

. Aggiornamento per i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza =La valutazione dei rischi= Parma, 12 febbraio 2015 . Aggiornamento per i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza =La valutazione dei rischi= Parma, 12 febbraio 2015 1 Cos è il documento di valutazione dei rischi? Il documento di Valutazione dei

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. A

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. A PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. A DATA ARGOMENTI ORARIO L approccio alla attraverso il D. Lgs. 626/94 per un percorso di miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori La filosofia del D. Lgs.

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE RSPP, direzione, datore di lavoro

1. DISTRIBUZIONE RSPP, direzione, datore di lavoro Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Valutazione dei rischi P01 Rev. 00 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

DVR Procedure Standardizzate: il 99% sono sbagliati. Scopri perchè!

DVR Procedure Standardizzate: il 99% sono sbagliati. Scopri perchè! DVR Procedure Standardizzate: il 99% sono sbagliati. Scopri perchè! Leggendo una conversazione su un forum online http://ingegneriaforum.it/index.php?topic=3746.0 in cui un utente, tra l'altro cliente

Dettagli

Corso di base della sicurezza sul lavoro. Ing. Andrea Govoni

Corso di base della sicurezza sul lavoro. Ing. Andrea Govoni Corso di base della sicurezza sul lavoro Ing. Andrea Govoni La sicurezza sul lavoro in Italia Decreto legislativo 81 del 2008 = D.Lgs. 81/08 Ha sostituito la 626 È stato integrato e corretto nel 2009 con

Dettagli

Ministero... PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/08 e D.M...

Ministero... PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/08 e D.M... Ministero... PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/08 e D.M.... 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo

Dettagli

PROGRAMMA. TITOLO ARGOMENTI TEMPI Modulo A 1. 4 ore. Presentazione del corso

PROGRAMMA. TITOLO ARGOMENTI TEMPI Modulo A 1. 4 ore. Presentazione del corso PROGRAMMA Modulo A 1 Presentazione del corso L approccio alla prevenzione attraverso il D.Lgs. 626/94 per un percorso di miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori. Il sistema legislativo:

Dettagli

Formazione generale 4 ore Può essere svolta in modalità e-learning. Formazione generale Rischio Medio 8 ore

Formazione generale 4 ore Può essere svolta in modalità e-learning. Formazione generale Rischio Medio 8 ore LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN BASE ALL ACCORDO STATO-REGIONI L Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 disciplina la durata, i contenuti minimi, le modalità della formazione ed aggiornamento dei lavoratori

Dettagli

AFP Linee guida SGSL. Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione.

AFP Linee guida SGSL. Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione. AFP Linee guida SGSL Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione. Argomenti I rischi legati al luogo di lavoro DRONERO Emergenza

Dettagli

Documento Unico di Valutazione Interferenze Art. 26 D.Lgs 81/08

Documento Unico di Valutazione Interferenze Art. 26 D.Lgs 81/08 Pag. 1/22 INDICE 1 OGGETTO DELL APPALTO - VALIDAZIONE DOCUMENTO...2 2 PREMESSA...3 3 DIAGRAMMA DI FLUSSO PER LA REDAZIONE DEL DUVRI...5 4 DATI DI IDENTIFICAZIONE DELLE AZIENDE COINVOLTE...6 5 ORGANIGRAMMA

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671

COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671 Ente Committente COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671 Ditta Appaltatrice DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art.

Dettagli

Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano

Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano LUOGHI DI LAVORO Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano LUOGHI DI LAVORO (TITOLO II D.LGS 626/94) Si intendono per luogo di lavoro: i luoghi destinati a contenere posti di lavoro ubicati all interno

Dettagli

10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA

10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 1 FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 1. RISCHI CONNESSI ALL ATTIVITA SCOLASTICA: RISCHI SPECIFICI (V.

Dettagli

DATA DEL SOPRALLUOGO 20/06/2013 ESEGUITO PER RTI SINTESI. Dott. Claudio Bettin NCON939-UP1-P3 CODICE COMMESSA. Ing.

DATA DEL SOPRALLUOGO 20/06/2013 ESEGUITO PER RTI SINTESI. Dott. Claudio Bettin NCON939-UP1-P3 CODICE COMMESSA. Ing. DATA DEL SOPRALLUOGO 20/06/2013 ESEGUITO PER RTI SINTESI RSPP Dott. Claudio Bettin CODICE COMMESSA GESTORE DEL SERVIZIO NCON939-UP1-P3 Ing. Alessandro Italia SEZIONE 1 Introduzione In attuazione del D.

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

STUDIOFARINA di Farina Geom. Stefano & SEIDUESEI.org S.r.l.

STUDIOFARINA di Farina Geom. Stefano & SEIDUESEI.org S.r.l. PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA

RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA RISCHI NELLA PRODUZIONE DI PASTICCERIA Speciale Inserti: Rischi in Pasticceria Pagina 1 Attività svolta L attività del pasticcere prevede la produzione dei prodotti dolciari, dalla preparazione della materia

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.)

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Sezione o Faldone Argomento Documentazione Rif. Legislativo Documento: Emittente / Oggetto

Dettagli

come Documento di valutazione dei rischi

come Documento di valutazione dei rischi ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info come Documento di valutazione dei rischi Metodologia. Per una corretta valutazione dei rischi occorre che il servizio di prevenzione e protezione adotti una metodologia

Dettagli

PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE D.Lgs. 81/08, Artt. 36, 37

PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE D.Lgs. 81/08, Artt. 36, 37 PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE D.Lgs. 81/08, Artt. 36, 37 ALLEGATO REV DATA 19..26 IV INDICE PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE 1 INTRODUZIONE... 3 2 CLASSIFICAZIONE AZIENDA... 3 3 LUOGO DI SVOLGIMENTO

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

PROGRAMMA AZIENDALE DI RIDUZIONE DELL'ESPOSIZIONE AL RUMORE

PROGRAMMA AZIENDALE DI RIDUZIONE DELL'ESPOSIZIONE AL RUMORE PARE PROGRAMMA AZIENDALE DI RIDUZIONE DELL'ESPOSIZIONE AL RUMORE Azienda TEST FRANCESCA Data 13/03/2015 Datore di lavoro FIRMA.. RSPP Verdi Antonio Medico Competente Ferri Armando RLS/RLST REVISIONE N

Dettagli

LA SICUREZZA CORSO DI COSTRUZIONI EDILI. Prof. Maurizio Nicolella

LA SICUREZZA CORSO DI COSTRUZIONI EDILI. Prof. Maurizio Nicolella LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI CORSO DI COSTRUZIONI EDILI Storia della sicurezza nel lavoro D.P.R. 547/55 (norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro) D.P.R. 303/56 (norme per l igiene del lavoro)

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI COMUNICATO Recepimento delle procedure standardizzate di effettuazione della valutazione dei rischi di cui all'articolo 29, comma 5, del decreto legislativo

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

Comune di San Benedetto del Tronto DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DA INTERFERENZE PER LA COOPERAZIONE E IL COORDINAMENTO

Comune di San Benedetto del Tronto DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DA INTERFERENZE PER LA COOPERAZIONE E IL COORDINAMENTO Comune di San Benedetto del Tronto DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DA INTERFERENZE PER LA COOPERAZIONE E IL COORDINAMENTO Redatto in relazione alle attività di Servizi di apertura, chiusura, sorveglianza,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: IL D.LGS. 81/08 E S.M.I. NELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: IL D.LGS. 81/08 E S.M.I. NELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: IL D.LGS. 81/08 E S.M.I. NELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE Pag. 1 di 28 Argomenti - Sicurezza sul lavoro e normativa vigente - Il campo di applicazione del D.Lgs. 81/08 esteso

Dettagli

RSPP DATORE DI LAVORO

RSPP DATORE DI LAVORO RSPP DATORE DI LAVORO RSPP RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il corso si propone la finalità di fornire ai Datori di Lavoro le conoscenze necessarie per poter svolgere direttamente

Dettagli

BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE

BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI Bologna, 28 marzo 2015 LA GESTIONE DELLA SICUREZZA ALL INTERNO DI UN IMPIANTO SPORTIVO Gestione della

Dettagli

Riunione periodica di prevenzione e protezione dai rischi art. 35 del D.Lgs. Nr. 81/2008

Riunione periodica di prevenzione e protezione dai rischi art. 35 del D.Lgs. Nr. 81/2008 AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 4 Personal Dienststelle für Arbeitsschutz PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 4 Personale Servizio di prevenzione e protezione Riunione periodica

Dettagli