1 - Provincia di Lodi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 - Provincia di Lodi"

Transcript

1 1 - Provincia di Lodi Riqualificazione percorso della Via Francigena La Via Francigena Il Lodigiano è interessato da spunti di notevole interesse in ambito religioso, potenzialmente in grado di fare da traino per uno sviluppo complessivo del territorio, che si riverberi in campo culturale, economico, ambientale e turistico. In particolare però, è la Via Francigena, un cammino spirituale riconosciuto a livello europeo, a costituire l fulcro di maggior interesse, in grado di attirare visitatori non solo locali o da territori limitrofi, ma provenienti da tutta Italia e dall estero. La Via Francigena è uno dei più importanti percorsi di cammino spirituale che, a partire dal Medioevo, sorsero sulle rovine delle antiche Vie Romane. Tali percorsi conducevano alle tre principali mete religiose cristiane dell epoca: Santiago de Compostela, Roma e Gerusalemme. La Via Francigena ripercorre il pellegrinaggio che il vescovo Sigerico, nel X secolo d.c., fece da Canterbury sino a Roma, per un totale di 1600 chilometri circa, compiuti in 79 tappe, che il Presule descrisse minuziosamente nel suo diario. Il percorso interessa solo per un breve tratto il Lodigiano, tratto breve ma dal grande valore simbolico, dal momento che vi è compreso l attraversamento del fiume Po. Tale attraversamento costituiva l inizio dell ultimo tratto di cammino da Canterbury a Roma. Il progetto prevede la riqualificazione del percorso storico della Via Francigena a partire dalla sponda pavese, ove il cammino, che ora si sviluppa in commistione con un arteria carrabile, sarà realizzato in sede propria. Il percorso storico della Via Francigena interessa la provincia di Lodi nei territori dei comuni di Orio Litta e Senna Lodigiana in località Corte Sant Andrea. La riqualificazione del tracciato viario prevede, al bisogno, il rifacimento delle pavimentazioni con la stesa di calcestre lungo il sistema arginale e di conglomerati bituminosi sui nuovi tratti in costruzione, convenientemente e localmente colorati per evidenziare i percorsi, e su cui collocare piastrelle o simboli decorativi con il segno distintivo della Via Francigena, la posa di cippi ettometrici in pietra per l indicazione della distanza ed elementi ornamentali in pietra per l identificazione del cammino, soprattutto all inizio, al termine e lungo le intersezioni del tracciato di competenza lodigiana. IMPORTO DELL OPERA AMMESSO A CONTRIBUTO euro ,00 FINANZIAMENTO REGIONE euro ,80 FINANZIAMENTO FONDAZIONE CARIPLO euro ,63 COFINANZIAMENTO SOGGETTO PROPONENTE euro 7.196,57

2 2 - Consorzio Navigare l Adda Acquisto piccola imbarcazione per Transitum Padi L importanza simbolica del Transitum Padi, che si trova in territorio lodigiano in località Corte Sant Andrea in Comune di Senna Lodigiana, rende oltremodo necessario garantire al pellegrino la possibilità di recarsi sulla sponda piacentina per poter proseguire il tragitto. Attualmente, il servizio non è garantito con continuità e con professionalità: ciò rende impossibile una forte promozione di tutto il tratto lodigiano della Via Francigena poiché, senza la possibilità di attraversamento del fiume, il pellegrino dovrebbe seguire una rotta completamente differente, al di fuori del tracciato storico riconosciuto, raggiungendo la città di Piacenza via terra, attraverso il nuovo ponte sul fiume Po. Una scelta di questo tipo rischierebbe di rendere insignificante il transito dei pellegrini nel territorio lodigiano poichè l itinerario si ridurrebbe ad un mero trasferimento dall ambito pavese a quello piacentino. Il Consorzio Navigare l Adda, soggetto senza scopo di lucro a partecipazione pubblica (tra i consorziati ci sono le Province di Lodi e Cremona, il Comune di Lodi ed i comuni rivieraschi dell Adda, si della sponda cremonese che di quella lodigiana), opera in modo professionale nel campo della navigazione e costituisce, stanti le sue caratteristiche, il soggetto ideale con il quale la Provincia di Lodi sta interfacciandosi per sviluppare il sistema di navigazione sul fiume Po. A breve, nella compagine consortile convergeranno anche i comuni lodigiani dell Asta del Po, in forma singola o aggregata, conferendo ulteriore forza ad un soggetto che già attualmente gestisce la navigazione sui Navigli milanesi, nell Alto e nel Basso Adda, sul Po tra Parma e Cremona e sul Ticino. Il Consorzio Navigare l Adda si farà carico dell acquisto di un imbarcazione dedicata al servizio di attraversamento del Po e alla sua successiva gestione, garantendo la sostenibilità economica del progetto. L imbarcazione, con una capienza di 12 posti, potrà ospitare anche biciclette, soddisfacendo così l esigenza di molti pellegrini che si muovono con le due ruote. IMPORTO DELL OPERA AMMESSO A CONTRIBUTO euro ,00 FINANZIAMENTO REGIONE euro ,61 COFINANZIAMENTO SOGGETTO PROPONENTE euro 1.702,39

3 3 - Comune di Senna Lodigiana Riqualificazione dell attracco sul Po - comune di Senna Lodigiana, frazione Corte Sant Andrea L operazione consiste nella riqualificazione funzionale dell attracco sul fiume Po. L intervento si inserisce nel programma di realizzazione degli attracchi sul Po per la navigazione fluviale. L attracco di Senna Lodigiana è realizzato in località Corte Sant Andrea, e permetterà sia la navigazione fluviale che l attraversamento del fiume da parte dei pellegrini della Via Francigena (Transitum Padi). L intervento si integra con il progetto riguardante la fornitura e posa di un pontile descritto alla scheda n. 9 di questa sezione. IMPORTO DELL OPERA AMMESSO A CONTRIBUTO euro ,01 FINANZIAMENTO REGIONE E UNIONE EUROPEA euro 7.117,60 COFINANZIAMENTO SOGGETTO PROPONENTE euro ,41

4 4 - Consorzio navigare l Adda Realizzazione attracco località Gargatano, comune di Senna Lodigiana L operazione si sostanzierà nella collocazione nell alveo del Po, presso la località Gargatano in comune di Senna Lodigiana, di una chiatta galleggiane da adibire ad approdo. La piattaforma, a conformazione rettangolare, sarà di dimensioni pari a 4 X 8 metri e si raccorderà alla riva del fiume attraverso una passerella pedonabile di lunghezza pari a circa 23 metri, dotata di un dispositivo idraulico per mutarne sensibilmente il livello - in caso di piena - e dalle necessarie opere a terra (attracco auto-equilibrante) per facilitarne l uso. Così congeniata, la struttura consentirà anche l attracco di imbarcazioni di grande stazza (oltre 50 posti) e la sua utilizzazione in tutte le stagioni e nelle diverse condizioni meteorologiche. L intervento si integra con il progetto di riqualificazione dell area circostante l attracco descritto alla scheda n. 5 di questa sezione. IMPORTO DELL OPERA AMMESSO A CONTRIBUTO euro ,00 FINANZIAMENTO REGIONE euro ,68 FINANZIAMENTO FONDAZIONE CARIPLO euro ,20 COFINANZIAMENTO SOGGETTO PROPONENTE euro 3.038,12

5 5 - Comune di Somaglia Riqualificazione dell area dell attracco sul fiume Po in località Gargatano Il progetto è inteso a migliorare la struttura della sponda sinistra del fiume oltre alle discese carraie che portano all imbarcadero e alla postazione che consente il carico e lo scarico delle barche. L intervento, che sostituisce una precedente proposta relativa all acquisto di una gru di alaggio, prevede lavori più strutturali, volti alla riqualificazione dell area ed a migliorare la fruibilità dell attracco, considerati prioritari rispetto ad altri interventi. In sostanza l intervento è suddiviso in due operazioni: la prima consiste nella sistemazione della scogliera spondale su tutto il fronte dell imbarcadero per circa metri di lunghezza, mentre la seconda è relativa alla discesa carraia e del solarium, parti più utilizzate per l attracco delle barche e per la sosta sul fiume. La funzionalità dell operazione è garantita, peraltro, da un accordo tra il Comune ed il locale Centro nautico, che assicurerà la messa a disposizione della gru di alaggio, di cui attualmente i tre attracchi sul Po sono sprovvisti, sia per l impiego diportistico che per necessità di pronto soccorso e protezione civile. Questa operazione, unitamente agli altri interventi strutturali sugli attracchi fluviali, favorirà un potenziamento della fruibilità del Po da parte dei natanti pubblici e privati. L intervento si integra con il progetto di realizzazione di un attracco idoneo anche per imbarcazioni di grande stazza descritto alla scheda n. 4 di questa sezione. IMPORTO DELL OPERA AMMESSO A CONTRIBUTO euro ,00 FINANZIAMENTO REGIONE euro ,12 COFINANZIAMENTO SOGGETTO PROPONENTE euro 1.800,88

6 6 - Provincia di Lodi Progetto bike sharing Il bike sharing è uno degli strumenti di mobilità sostenibile a disposizione delle amministrazioni pubbliche che intendono aumentare ed incentivare l utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici, integrandoli tra loro. Un sistema di bike sharing della Provincia di Lodi a favore di cittadini, lavoratori, pendolari e turisti che, per diversi motivi e necessità, effettuano brevi spostamenti nei comuni aderenti al progetto. In funzione di tale esigenza il servizio mette a disposizione biciclette pubbliche, un mezzo alternativo all auto, meno inquinante e senza problemi di parcheggio. Lo scopo è quello di fornire ai cittadini un sistema che consenta di prelevare e depositare biciclette pubbliche (sistema misto atto ad accogliere velocipedi sia tradizionali che, eventualmente, a pedalata assistita), ancorate a relativi cicloposteggi, attraverso un tessera elettronica (smart card - fornita all utente dall erogatore del servizio - CRS e carta di credito). Nello specifico, l utilizzo della carta di credito per la prenotazione del servizio potrà avvenire sia tramite sistema elettronico-informatico di gestione e di trasmissione dati posizionato su totem, sia attraverso applicazione ios e Android. L utente potrà prelevare la bicicletta da una stazione di distribuzione e potrà riconsegnarla in un altra stazione, anche diversa da quella di prelievo e situata in un altro comune aderente, per generare operazioni con origine e destinazione diverse, in analogia con il trasporto pubblico tradizionale. La realizzazione di un progetto di bike sharing a livello provinciale è motivato, in primo luogo, dalla sperimentazione del progetto stesso, poiché, ad oggi, in Italia, sono pochissimi i bike sharing provinciali, e, in secondo luogo, dalla convinzione che l utilizzo della bicicletta può comportare un miglioramento della vita alle persone. IMPORTO DELL OPERA AMMESSO A CONTRIBUTO euro ,00 FINANZIAMENTO REGIONE euro ,67 FINANZIAMENTO FONDAZIONE CARIPLO euro ,79 COFINANZIAMENTO SOGGETTO PROPONENTE euro 4.164,54

7 7 - Provincia di Lodi Ecocontatori L Amministrazione provinciale di Lodi collocherà sulla rete ciclopedonale sei ecocontatori, perfettamente integrati nell ambiente, che avranno lo scopo di contare le biciclette che transitano sui percorsi ciclabili e, di conseguenza, fornire un monitoraggio sul grado di frequentazione dei luoghi serviti dalla rete, al fine di programmare correttamente le azioni e di verificare a posteriori l efficacia degli interventi realizzati. Il monitoraggio della frequentazione delle piste ciclabili, tra l altro, fa parte dell insieme delle azioni di verifica dell efficace utilizzo dei finanziamenti assegnati dai bandi comunitari ed emblematici: è quindi doveroso, da parte della Provincia, assicurare una raccolta oggettiva e costante di queste informazioni a supporto del progetto comunitario che cofinanzia il PIA. E stato inoltre previsto un ecocontatore portatile per la verifica puntuale di partecipazione agli avvenimenti ciclistici. IMPORTO AMMISSIBILE A CONTRIBUTO euro ,00 FINANZIAMENTO REGIONE euro 9.774,89 FINANZIAMENTO FONDAZIONE CARIPLO euro ,56 COFINANZIAMENTO SOGGETTO PROPONENTE euro 494,55

8 8 - Provincia di Lodi Riqualificazione percorso della Via Francigena Installazione della cartellonistica di preavviso e indicazione lungo i nodi della rete stradale provinciale Il percorso storico della Via Francigena interessa la provincia di Lodi nei territori dei comuni di Orio Litta e Senna Lodigiana in località Corte Sant Andrea. Al fine di favorire l individuazione del percorso, nelle immediate vicinanze dello stesso e nel raggio di alcuni chilometri, lungo i nodi d intersezioni delle strade provinciali e statali, saranno posizionati cartelli di indicazione turistica riportanti la distanza mancante per giungere al percorso. L intervento prevede, nei punti strategici e nel rispetto delle norme paesaggistiche, idrauliche e stradali, l installazione di specifica segnaletica d indicazione e preavviso. I cartelli che informeranno sulle attrazioni turistiche presenti lungo il cammino dei pellegrini saranno integrati con pannelli descrittivi che, tra le diverse informazioni, riporteranno anche brevi cenni della storia della Via Francigena. Nella planimetria stradale provinciale sono stati individuati i nodi e le intersezioni di rete ove predisporre specifica cartellonista al fine di orientare esattamente il turista sin dal suo ingresso nel territorio lodigiano ed anche in corrispondenza dei caselli autostradali. Una particolare colorazione sulla mappa dei collegamenti infrastrutturali stradali e ciclopedonali consentirà di indirizzare i turisti verso il percorso storico della Via Francigena, facendo risaltare a grandi linee i percorsi automobilistici e ciclo pedonali più veloci da seguire. Complessivamente verranno posizionati 16 cartelli, in prossimità di località ed edifici d interesse storico, religioso e culturale presenti sul territorio IMPORTO DELL OPERA AMMESSO A CONTRIBUTO euro ,00 FINANZIAMENTO REGIONE euro ,23 FINANZIAMENTO FONDAZIONE CARIPLO euro ,84 COFINANZIAMENTO SOGGETTO PROPONENTE euro 1.979,93

9 9 - Comune di Senna Lodigiana Fornitura e posa di pontile a Corte Sant Andrea L operazione consiste nella riqualificazione dell attracco sul fiume Po. L intervento si inserisce nel programma di realizzazione degli attracchi sul Po per la navigazione fluviale. Il pontile acquistato, verrà posato a Senna Lodigiana in località Corte Sant Andrea, e permetterà sia la navigazione fluviale che l attraversamento del fiume da parte dei pellegrini della Via Francigena (Transitum Padi). Il pontile sarà completato con dotazioni tecnologiche: un impianto fotovoltaico garantirà l alimentazione elettrica e consentirà la posa di totem informativi e di ulteriori servizi alle imbarcazioni da diporto. L intervento si integra con il progetto di riqualificazione dell attracco fluviale descruitto alla scheda n. 3 di questa sezione. IMPORTO DELL OPERA AMMESSO A CONTRIBUTO euro ,00 FINANZIAMENTO REGIONE euro ,12 FINANZIAMENTO FONDAZIONE CARIPLO euro ,82 COFINANZIAMENTO SOGGETTO PROPONENTE euro 2.013,06

10 10 - Comune di Senna Lodigiana Costruzione della casa dell acqua - Fontana del Pellegrino L operazione consiste nella realizzazione di un punto di erogazione di acqua potabile, che funga anche da area di sosta e presidio informativo per i cicloturisti e per i pellegrini che percorrono lo Via Francigena. La Fontana del Pellegrino sarà ubicata in prossimità di alcuni monumenti significativi del territorio, come la chiesa di Santa Maria in Galilea, la Madonna del Fontanone, il complesso dei Gerolomini di Ospedaletto Lodigiano e Villa Litta a Orio Litta. La fontana troverà sede lungo il percorso della Via Francigena, che a Senna Lodigiana - Corte S. Andrea - ha la sua 39^ tappa con il transito del fiume Po. L intervento prevede la realizzazione di uno spazio coperto per l alloggiamento dell impianto di distribuzione dell acqua potabile, di sedute per la sosta dei fruitori dell impianto, di vialetti pedonali per l accesso al fabbricato, aiuole, arredo urbano e aree sosta per biciclette. Inoltre la Fontana del Pellegrino, sarà collegata alla pista ciclabile comunale che a sua volta è connessa alla rete provinciale ciclabile, quindi di facile fruizione cicloturistica. IMPORTO DELL OPERA AMMESSO A CONTRIBUTO euro ,86 FINANZIAMENTO REGIONE E UNIONE EUROPEA euro ,93 COFINANZIAMENTO SOGGETTO PROPONENTE euro ,93

11 11 - Comune di Boffalora d Adda Realizzazione rete comunale di itinerari ciclabili e casa dell acqua L operazione consiste nella realizzazione, in partenariato con il Parco Adda Sud, di una pista ciclabile nel territorio comunale di Boffalora d Adda, in prossimità del terminale della green way dell Adda. L importanza di questo tronco viario risiede nella funzione di collegamento tra il sistema ciclabile lodigiano e quello cremonese. La pista ciclopedonale si inserisce, infatti, in un più vasto progetto sovracomunale che persegue l obiettivo di dare coerenza e continuità ai percorsi in fase di realizzazione lungo il fiume Adda (trattasi di percorsi naturalistici che si sviluppano tra il Parco Adda Nord e Parco Adda Sud denominati green way). L operazione prevede anche la realizzazione di una casa dell acqua da utilizzare come punto informativo e come erogatore di acqua potabile per i fruitori del percorso ciclopedonale. IMPORTO DELL OPERA AMMESSO A CONTRIBUTO euro ,72 FINANZIAMENTO REGIONE E UNIONE EUROPEA euro ,86 COFINANZIAMENTO SOGGETTO PROPONENTE euro ,86

12 12 - Comune di Lodi Realizzazione di un centro servizi per il turista al Parco Isolabella L operazione consiste nel completamento del Parco Isolabella, trasformandolo in un centro turistico attrattivo per l intero territorio provinciale. L intervento prevede di attrezzare un area verde prospiciente il centro urbano di Lodi, affacciata sul fiume Adda, in cui sarà inserita una struttura adibita a punto informativo per il turista, capace di soddisfare l utenza fornendo servizi quali: noleggio bici, noleggio canoe, fornitura gratuita di cartine e materiale turistico sul territorio, visite guidate. Si tratta di un progetto che dà attuazione a quanto previsto dalla convenzione tra Comune di Lodi e Amministrazione provinciale finalizzata alla creazione del Parco Isolabella, che costituisce parte del progetto della Foresta di pianura di Lodi, realizzato dalla Provincia nell ambito del programma regionale delle dieci grandi foreste di pianura. Come da convenzione, la Provincia ha già effettato la forestazione e la realizzazione delle opere a verde. Al Comune spetta la realizzazione delle aree attrezzate, che vengono completate con il presente intervento. Questa operazione completa la creazione di un parco forestale urbano di grandi dimensioni, che si estende per circa 38 ettari a ridosso del fiume e si connette al sistema della viabilità ciclabile provinciale in continuità con altre aree naturali all interno del Parco Adda Sud. IMPORTO DELL OPERA AMMESSO A CONTRIBUTO euro ,62 FINANZIAMENTO REGIONE E UNIONE EUROPEA euro ,81 COFINANZIAMENTO SOGGETTO PROPONENTE euro ,81

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala SOMMARIO PREMESSA 1 OBIETTIVI DEL CONCORSO 2 INQUADRAMENTO URBANO 2.1 DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL AMBITO

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

RENDICONTO DI FINE MANDATO

RENDICONTO DI FINE MANDATO MAGGIO 2014 RENDICONTO DI FINE MANDATO ASSESSORATO LL.PP. E VIABILITA ANNO 2009 Sistemazione aiuola via Zanchi per messa in sicurezza fermata ATB Manutenzione straordinaria spalcatura barriera verde Impianti

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CAMP2ACA. trettari. paesaggisp

CAMP2ACA. trettari. paesaggisp A trettari concorso di d idee per la riqualificazione paesaggisp stica ed urbanisticaa del d sistema dei parchi urbani RELAZIONE ILLUSTRATIVAA PREMESSA L Area centrale del comune di Ciriè ed in particolare

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO Relatore Prof.ssa Maspoli Rossella Candidate Campagnolo Romina Panella Marta LA PERIFERIA E I SUOI SPAZI

Dettagli

Mantova Le botteghe del Centro

Mantova Le botteghe del Centro Comune di Mantova Mantova Le botteghe del Centro PROGRAMMA DI INTERVENTO PER LO SVILUPPO DEL DISTRETTO URBANO DEL COMMERCIO DEL COMUNE DI MANTOVA Sede Municipale Via Roma, 39 46100 Mantova - telef. 0376

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO I BIGLIETTI SCUOLA I biglietti scuola, nella modalità biglietto singolo, hanno un costo di 10 per ogni studente e sono riservati ai gruppi scolastici

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CIPPS MASTERPLAN. Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo. www.pianscairolo.ch. Collina d Oro Grancia Lugano

CIPPS MASTERPLAN. Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo. www.pianscairolo.ch. Collina d Oro Grancia Lugano CIPPS Collina d Oro Grancia Lugano Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo www.pianscairolo.ch MASTERPLAN MASTE Pian Scairolo Polo di sviluppo strategico dell agglomerato del Luganese CIPPS Commissione

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO SCHEDA : PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 0/05 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI ARCO TEMPORALE DI VALIDITÀ DEL PROGRAMMA TIPOLOGIE RISORSE Disponibilità finanziaria

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

magazine mobility press Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani

magazine mobility press Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani mobility press magazine Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani Art, le misure regolatorie per bandi di gara e convenzioni TPL Toscana: si pronuncia

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso

Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso INQUADRAMENTO GENERALE Intersezione Corridoio I (Berlino- Palermo)

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli