500 anni dopo Leonardo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "500 anni dopo Leonardo"

Transcript

1 3 A cura di 500 anni dopo Leonardo La messa in sicurezza del bacino idrografico di Cervia e Cesenatico

2

3 Il 6 settembre 1502 a ore 15 Leonardo fu appunto su queste rive con Valentino ed ora è come se fossimo tutti suoi figli. (Marino Moretti) 5

4 1 Dagli schizzi del Genio, l ispirazione per un grande progetto a beneficio di un intera comunità Tiziano Binini Presidente Binini Partners Quando nel luglio 1996 ho avuto l occasione di vincere il concorso per l arredo e la sistemazione del Porto Canale e del centro storico di Cesenatico, insieme agli amici architetti Maicher Biagini e Stefano Rossi, fu subito chiaro che l analisi delle condizioni idrauliche e meteomarine era di fondamentale importanza per l impostazione di un progetto, apparentemente di natura strettamente architettonica, che si presentava critico per il futuro del porto e dell intero centro turistico. Infatti, ai problemi storici di alluvioni ricorrenti nel bacino interno da Cesena al litorale, con difficoltà del Porto Canale a convogliare al mare le portate sempre maggiori, dovute all imponente urbanizzazione verificatasi dal dopoguerra ad oggi, si sommavano i problemi più recenti dovuti alla subsidenza di tutto il territorio costiero, oggi fortemente contrastati e ridotti, che però proprio a Cesenatico si sono presentati con maggiore intensità. Il progressivo innalzamento relativo del mare di oltre 1 m, rispetto alla linea di costa, avvenuto in particolare a partire dagli anni 70, sommato agli effetti dell eustatismo, delle maree e delle mareggiate, metteva a forte rischio di esondazione tutto il litorale, non più certo protetto dalle dune, rendendo particolarmente vulnerabile il centro urbano di Cesenatico ed in particolare il Porto Canale con il suo nucleo storico. Questo, oltre a ridurre in condizioni sempre più precarie lo scarico a mare delle portate interne, 1. Porta Vinciana: particolare dell impianto di sollevamento 2. La tura e il by-pass per la navigazione, sul Porto Canale di Cesenatico, durante la realizzazione della Porta Vinciana

5 11 con la conseguenza di allagamenti ancora più estesi, metteva a rischio di esondazione l abitato anche semplicemente per il superamento dei livelli esistenti delle banchine portuali, con difficoltà e danni per le attività economiche e turistiche, per l esercizio della navigazione e della pesca. 2 Il primo problema che si presentava, pertanto, riguardava le quote di progetto da assegnare alle banchine del Porto Canale, dato che la risposta classica, normalmente adottata in tali situazioni, era costituita dal semplice innalzamento delle difese, muri o argini, come ad esempio avvenuto sul Canale di Cervia, almeno per tutto il tratto dal mare fino al nuovo ponte apribile. A Cesenatico, però, il Porto Canale Leonardesco costituisce l elemento attorno al quale, fin dal 300, è nato e si è sviluppato il borgo marinaro e commerciale, ancora oggi ben riconoscibile, caratteristico e vitale, che si voleva anzi valorizzare completando gli interventi importanti di riqualificazione già avviati in passato con la piazzetta delle Conserve, la Pescheria, il Museo della Marineria e molti altri. Ovviamente l innalzamento di barriere di oltre 1,50-2,00 m, tra le banchine e l abitato, avrebbe irrimediabilmente compromesso le caratteristiche intrinseche di un contesto di così grande interesse, spezzando la continuità e l armonia presente tra le attività marinare in acqua e la vita sociale, commerciale e turistica del borgo, presenti ormai ininterrottamente per tutta la durata dell anno. Si è quindi immaginato un nuovo modello integrato di difesa, che prevedeva la chiusura del mare sulla linea di costa e il riordino del bacino interno con una nuova uscita, o foce, che potesse scaricare altrove le portate non più transitabili nella sezione del Porto Canale. Sulla base di tale proposta, già nel settembre 1996 venne presentato il progetto di arredo e riqualificazione dell intero centro storico, realizzato poi per stralci, da Piazza Ciceruacchio fino al Museo della Marineria, sia a levante che a ponente, lungo le nuove banchine del Porto Canale, divenuto il salotto pedonalizzato della vita e delle attività del centro storico. Purtroppo già l 8 ed il 9 ottobre dello stesso anno si verificò la prima delle grandi alluvioni recenti, replicata poi a breve con l esondazione del 1999, prevalentemente per l innalzamento del mare, che interessarono entrambe tutto il centro urbano ed in particolare il Porto Canale. Quello che era un modello teorico di riferimento, proposto per l impostazione di un progetto urbano, cominciò allora ad essere ripreso in seria considerazione, fino a venir adottato nel 2002 quale sistema integrato di difesa cui hanno concorso, negli anni successivi, tutti gli enti e le istituzioni competenti, dai Comuni alla Regione. È andato così definitivamente in crisi l assetto territoriale che si era consolidato nel corso degli ultimi secoli, tra il Savio ed il Pisciatello, che

6 3 vedeva le saline concentrate a Cervia, il cui centro abitato fu spostato sul mare, per debellare la malaria, mentre la rete di drenaggio convogliava l espulsione delle piogge dell intero bacino tutta sul Porto Canale di Cesenatico, per contrastare lo storico problema dell interrimento, al fine di potenziare qui la pesca e la navigazione. Oggi è necessaria quindi una nuova trasformazione che tenga conto dell evoluzione degli equilibri economici e sociali, delle mutate condizioni climatiche e meteomarine, dell uso del territorio, del grado di urbanizzazione e infrastrutturazione, attuali e futuri. È richiesta pertanto al progettista l ideazione di nuovi scenari ed equilibri, sostenibili e compatibili con il paesaggio ed il contesto, fattibili con programmi e progetti realistici, attuabili anche per successive fasi di completamento e con le risorse via via disponibili, in ordine di priorità d intervento. Anche per questo è interessante capire come il territorio si è modificato nei secoli precedenti, con i suoi pregi e le sue eccellenze da preservare, come ci raccontano gli scavi romani di Ca Bufalini, dell epoca di Ravenna imperiale, o il celebre passaggio di Leonardo a Cesenatico nel 1502, o le mappe dei Circondari idraulici napoleonici e poi papalini, tanto per citare qualche esempio che testimonia l importanza e la rilevanza del sito. Un nuovo progetto, o un sistema di progetti, come in questo caso, è poi anche e soprattutto un esperienza umana, di relazione, integrazione e confronto con le persone che in quei luoghi vivono e lavorano, con le varie esigenze economico-sociali presenti, le idee, le sensibilità, la cultura, le competenze e le professionalità, che una comunità e le sue istituzioni sanno esprimere. È partito così un programma di studi e lavori che hanno interessato tutto il bacino, la costa ed i centri urbani del litorale, oggi, pur con la cronica carenza dei finanziamenti necessari, ormai quasi completato con determinazione e parsimonia, almeno per la prima fase prioritaria relativa alla messa in sicurezza degli abitati. Il sistema per la messa in sicurezza del bacino idrografico di Cervia e Cesenatico rappresenta quindi per noi un affascinante esperienza di quasi quindici anni di lavoro corale, compiuto oggi in una sua parte considerevole e del quale 3. Canale Tagliata: la nuova foce a mare 4. Porto Canale di Cesenatico: la Porta Vinciana e la Piazza Spose dei Marinai

7 13 4 questo volume intende rendere testimonianza, grazie anche agli autorevoli contributi di chi, a vario titolo, ha partecipato all opera, dai committenti istituzionali a chi ha realizzato i lavori. È doveroso pertanto ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile la programmazione e realizzazione di questo complesso programma di interventi, a partire dalla Regione Emilia-Romagna, presente con l Assessorato Difesa del Suolo e della Costa e in particolare con l Agenzia di Protezione Civile, che hanno condotto la regia dell intero sistema, il Dipartimento Nazionale di Protezione Civile che ha contribuito al reperimento dei fondi, l Autorità dei Bacini Romagnoli, le provincie di Forlì-Cesena e Ravenna, i Comuni di Cesena, Cervia e Cesenatico, il Consorzio di Bonifica ex Savio-Rubicone, oggi Consorzio di Bonifica della Romagna, questi ultimi anche enti attuatori dei vari interventi. Per Binini Partners, che si occupa da molti anni di architettura e ingegneria del territorio, è stato un particolare piacere poter mettere a frutto le proprie esperienze e le specializzazioni multidisciplinari conquistate negli anni, in Italia e all estero, per un sistema così complesso e innovativo, a servizio della propria Regione. Come pure sempre straordinario è il rapporto che si viene a creare con la Protezione Civile, con i suoi volontari, con i corpi, gli enti, i tecnici e le persone che si prodigano per la salvaguardia di tutti, sia in condizioni ordinarie, quando si studia, si lavora e ci si prepara a gestire situazioni complesse, sia durante l emergenza, quando le conoscenze debbono trasformarsi immediatamente in capacità di prendere decisioni, coordinamento e azione, come abbiamo sperimentato insieme anche durante la massima piena storica sul Po, nell ottobre del Per un organizzazione professionale come la nostra, orientata alla qualità e alla competenza del progetto, alla continua ricerca, sperimentazione e aggiornamento dei modelli e delle soluzioni di intervento, è stata un importante occasione per armonizzare le opere di difesa con gli spazi centrali della vita di un territorio, per coniugare le strutture e le tecnologie con il paesaggio e l ambiente. Come la Porta Vinciana che da sbarramento mobile di protezione dal mare è divenuta anche Piazza Spose dei Marinai, forse l unica piazza direttamente sul mare di tutta la costa romagnola, al centro dei sentimenti più preziosi di una comunità, sia per il ricordo del passato che per le migliori speranze per il futuro. Progetti che peraltro trovano ispirazione proprio dall insegnamento di Leonardo da Vinci, al quale anche nel titolo si rende debito omaggio, nel voler cioè coniugare arte e tecnica, nel mettere la ricerca, l innovazione tecnologica e le applicazioni ingegneristiche e architettoniche al servizio delle esigenze e delle sensibilità sociali, economiche, culturali e paesaggistiche proprie di questi luoghi tanto pregevoli, carichi di fascino e di storia, ma anche di grande vitalità e dinamismo.

8 5 5. By-pass idraulico di Tagliata: testata di valle e nuovo canale di scarico a mare 6. Porta Vinciana: particolare dell anta di sinistra 7. Porta Vinciana: sistemazione finale della banchina di levante

9 6 7 15

10 Un programma esemplare per il suo carattere integrato e sistemico Vasco Errani Presidente della Regione Emilia-Romagna 1 Saluto con soddisfazione questa pubblicazione tecnica che illustra e testimonia con dovizia di particolari l eccezionalità di un intervento decisivo per la sicurezza idraulica dell abitato di Cesenatico, ripetutamente colpita da gravi esondazioni. L intervento di Cesenatico si inquadra in uno sforzo sistematico che questa Regione sta conducendo per la messa in sicurezza del litorale regionale soggetto a gravi rischi aggravati dal fenomeno della subsidenza. Sforzo che ha prodotto il piano per la gestione integrata della zona costiera - due mega-ripascimenti con sabbia sottomarina oltre a puntuali interventi di difesa effettuati in seguito a eventi meteo-marini - sovente di carattere estremo. L orizzonte della Regione è quello di una gestione strutturale e integrata della Costa onde garantire al meglio i molteplici usi economicosociali che sulla medesima insistono. Alla luce di questa visione l intervento su Cesenatico riveste un ruolo paradigmatico per il suo carattere integrato e sistemico. 1. Il Presidente Vasco Errani e le altre autorità all inaugurazione della Porta Vinciana nel 2005

11 19

12 Una sperimentazione coraggiosa e ben riuscita, una storia di successo da raccontare Guido Bertolaso Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e Capo del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile 1 modi d uso del territorio nei passaggi dall econo mia agricola a quella industriale a quella postindustriale, ha assistito ad imponenti migrazioni interne, all espandersi dei centri abitati nelle pianure e sulle coste a scapito della densità abitativa delle zone di alta collina e di montagna. La manutenzione del territorio, la pianificazione degli insediamenti e delle infrastrutture, la gestione dei tanti rischi presenti in ogni parte d Italia sono parsi, nei diversi momenti della nostra storia recente, attività con basso indice di priorità, rispetto alle dinamiche avvertite come obbligate, o desiderabili, che inducevano ad un uso disinvolto dell ambiente e della natura, in una dinamica culturale e politica che ha sistematicamente relegato la prevenzione strutturale dei rischi tra le possibili opzioni da attivare solo in caso di disastro. Almeno a parole, nei proclami di buone intenzioni che sempre seguono lutti e catastrofi. Da anni, ormai, mi trovo a ripetere con crescente frequenza un segnale d allarme, rivolto al Governo, al Parlamento, alle Regioni, alle Amministrazioni locali, ai cittadini: non basta disporre di una Protezione Civile efficace ed efficiente, per assicurare un livello accettabile di sicurezza in materia di rischi naturali, serve una inversione di rotta sia nel campo degli interventi di manutenzione e mitigazione, finalizzati ad una prevenzione strutturale dei rischi, che nell ambito del governo urbanistico del territorio. L Italia ha attraversato decenni di profonde trasformazioni, sociali, culturali, economiche, ha metabolizzato periodi di crisi ed altri di intenso cambiamento, ha visto modificarsi profondamente i Il risultato di questa scelta è sotto gli occhi di tutti, gli interventi richiesti alla Protezione Civile ai diversi livelli si moltiplicano, i rischi presenti si manifestano con maggiore frequenza, sotto la duplice spinta dei mutamenti delle manifestazioni critiche naturali e l accresciuta debolezza dei nostri insediamenti e della nostra dipendenza sia dal territorio che dalle reti che vi abbiamo costruito sopra - reti di trasporto di persone, merci, energia elettrica, gas, acque potabili e reflue, comunicazioni, informazioni - alle quali abbiamo appeso la vivibilità dalle nostre giornate. 1. La visita di Guido Bertolaso agli impianti della Porta Vinciana nel settembre 2008

13 21

14 Gli interventi che ricordano la necessità di un diverso cammino in questa direzione, per promuovere la sua messa in sicurezza, per sostenere l integrazione delle conoscenze sui rischi presenti con tutte le attività che intervengono sul territorio, sono di solito vissuti dalla politica e dai rappresentanti delle diverse Istituzioni, centrali, regionali e locali, con reazioni ambigue, del tutto favorevoli a parole ma diversamente orientate quando si tratta di decidere stanziamenti ed investimenti a questi fini. Di solito, la solennità dell impegno è contraddetta dalla modestia delle risorse che si investono e dalla gradualità della spesa su archi temporali del tutto inidonei ad assicurare la fruibilità di concreti risultati in tempi ragionevoli. Poco graditi risultano, in particolare, gli appelli che vengono dalla Protezione Civile, come se, affrontando le problematiche della gestione strutturale dei rischi e l imperativo di una loro costante e seria mitigazione da parte delle Amministrazioni competenti, chi si occupa di Protezione Civile sconfinasse in un terreno non suo, toccasse temi oltre il confine del proprio mandato, rendendosi colpevole di una sorta di invasione di campo minacciosa per le logiche, diverse, della politica, degli equilibri socio economici, della pretesa esclusiva titolarità sulle scelte riguardanti la convivenza pacifica tra uomo e natura. Eppure, la situazione di fragilità ed esposizione ai rischi che abbiamo raggiunto mette all ordine del giorno proprio questo tema, rendendo necessario pensare un diverso e più efficace rapporto tra Protezione Civile e Amministrazioni di governo del territorio, a tutti i livelli. Non è più possibile, infatti, immaginare che al crescere dei livelli di rischio si risponda soltanto potenziando ulteriormente la capacità di previsione e governo delle emergenze senza intervenire contemporaneamente sulla efficace mitigazione degli stessi. È una strada, quella delle scelte disgiunte tra i due campi di responsabilità e di intervento, che avrebbe effetti disastrosi, come se si volesse affrontare una epidemia soltanto potenziando le strutture di pronto soccorso, senza dedicarsi contemporaneamente alle vaccinazioni e alle scelte idonee a ridurre le possibilità di contagio. È per queste considerazioni che reputo di straordinaria utilità il volume che avete tra le mani, che contiene il resoconto di una storia di successo attuata in Emilia-Romagna proprio nel settore della mitigazione strutturale del rischio idraulico e idrogeologico. I luoghi dove la storia si svolge, tra Cesenatico e Cervia, rappresentano un area fortemente urbanizzata, strategica per l economia turistica romagnola, sottoposta come tante altre alla simultanea crescita di forze che la stringono come una tenaglia, la pressione antropica crescente ed i suoi effetti e i fenomeni naturali, come la subsidenza e la maggiore esposizione a episodi meteorologici critici, che rendono evidenti i livelli di rischio presenti e la potenzialità distruttiva dei danni che si possono avere come conseguenza delle crisi. In quest area si è sperimentato un modello di gestione corresponsabile del rischio idrogeologico tra la Regione Emilia-Romagna, la Protezione Civile regionale, le Amministrazioni provinciali e comunali, le Autorità di bacino e il Dipartimento della Protezione Civile, che ha seguito un percorso di collaborazione in ogni fase dell intervento realizzato, da quella degli studi ed analisi preliminari alla definizione di un piano-programma di azioni da intraprendere, al suo cofinanziamento fino alla gestione del piano e alla realizzazione delle opere prevista per la sua prima parte. Un ruolo importante, in questa sperimentazione virtuosa, ha avuto la struttura emilianoromagnola di Protezione Civile, dimostrando la possibilità e l efficacia di un ruolo specifico per la Protezione Civile nel contesto degli interventi strutturali di mitigazione del rischio, imperniato sulla messa a disposizione degli altri partner istituzionali, in ogni fase, delle competenze, delle conoscenze, delle capacità di gestione degli interventi che ne costituiscono il bagaglio tipico. Questo volume e ciò che esso racconta al lettore costituiscono contemporaneamente sia la documentazione di un intervento di successo e di un metodo di lavoro pensato e gestito con razionale coerenza e realismo, sia la demistificazione dei tanti tabù ideologici che accompagnano, per un destino che sembra inevitabile, ogni dibattito sulla messa in sicurezza del territorio e soprattutto ogni cantiere che si apra a questo fine.

15 23 A Cervia e Cesenatico si è rinunciato ad ogni utopica idea di rinaturalizzazione dell ambiente, che comporterebbe la fine assai poco desiderabile di un intero sistema socio-economico, come anche al vicolo cieco dei piani globali da realizzare subito, che rappresentano una vera minaccia ad ogni azione concreta perché la fanno sprofondare immediatamente al livello della non compatibilità con i vincoli esistenti, in particolare quelli della finitezza delle risorse disponibili. La mitigazione dei rischi è un obiettivo che non può essere a sé stante, pensato e vissuto come alternativa radicale alle dinamiche sociali, culturali ed economiche di un territorio, richiede costanza, coraggio, coerenza, razionalità di scelte, senso di un lavoro in itinere che deve dare risultati riscontrabili ad ogni successivo passaggio. Siamo ben lontani dal poterci accontentare di un generico e vago orientamento al rispetto della natura, molto efficace solo per tranquillizzare coscienze poco esposte a qualsiasi reale responsabilità decisionale. Siamo invece in un campo di azione che richiede la combinazione delle migliori conoscenze di cui disponiamo, sul piano scientifico come su quello progettuale e di governo. Confrontarsi col rischio, rendendo più sicura la vita di chi con esso convive, deve essere e può essere, come questo volume dimostra, una dimensione culturale essenziale della nostra capacità di gestire il territorio e le attività degli uomini che ci vivono, superando la fase pur inevitabile del rimpianto degli errori accumulati nel passato per arrivare ad un approccio di estremo realismo, quello dove si tiene conto di quanto accaduto e, usando al meglio le conoscenze scientifiche di cui disponiamo e le capacità che la tecnologia ci offre, si interviene per evitare che la combinazione di errori passati e dinamiche naturali provochi effetti disastrosi in termini di minaccia alla vita delle persone e alla tenuta degli equilibri del territorio e delle sue complesse dinamiche. I prossimi anni, inevitabilmente, obbligheranno tutti, sia sul versante della Protezione Civile, responsabile della gestione del ciclo dell emergenza, sia su quello delle Amministrazioni responsabili del governo del territorio a confrontarsi per capire come collaborare al fine di spostare la mitigazione dei rischi dal piano dei desideri, dei sospiri o dei rimpianti a quello delle azioni concretamente intraprese. Ci saranno, è assai probabile, proposte diverse, sperimentazioni di metodologie che spostano dall una all altra Autorità pesi decisionali e responsabilità gestionali, finché non si arriverà a scegliere metodiche e forme di collaborazione che ottimizzino il risultato complessivo, facendo ricorso a tutte le risorse disponibili con l obiettivo duplice di garantire interventi efficaci e ridurne il costo a dimensioni sostenibili. Sono convinto che debba esservi, nell affrontare questo percorso, la massima disponibilità di tutti a provare tutte le possibili soluzioni, alla sola condizione di iniziare seriamente a muoversi in questo campo, troppo ai margini dei nostri interessi collettivi nei decenni passati, e a non interrompere il percorso. Strada facendo, avremo modo di poter valutare i pregi e i difetti delle diverse strategie che si sperimenteranno, per arrivare in tempi ragionevoli a individuare il mix più efficace tra responsabilità, effettiva capacità gestionale ed operativa, procedure di cooperazione interistituzionale di tutti i soggetti che necessariamente devono prendere parte attiva nella mitigazione strutturale dei rischi. La Protezione Civile in tutte le sue articolazioni di rete e di sistema, nazionale ed insieme regionale e locale, in tutti i casi sarà parte in causa, partner indispensabile ad ogni concreta progettazione per il bagaglio straordinario di informazioni, conoscenze, competenze che ha accumulato per compiere la propria missione. È utile, in questa prospettiva, che la coraggiosa sperimentazione effettuata in Emilia-Romagna sia nota a tutti e studiata con l attenzione che è opportuno riservare alle storie di successo, alle imprese ben riuscite e abbondanti di risultati. Il miglior ringraziamento all Emilia-Romagna e ai suoi partner nazionali e locali, ed in particolare alla Protezione Civile in Regione e nella capitale, è imparare e far tesoro di ciò che la volontà di collaborazione e il desiderio comune di risultati concreti hanno permesso di realizzare, fornendo una prova convincente per chiunque abbia a cuore la convivenza pacifica dell uomo e della natura, sottratta alla schizofrenia del tutto evitabile dell altalena tra disinteresse e paura.

16 Un grande intervento nel segno della sicurezza 1 Marioluigi Bruschini Assessore Sicurezza Territoriale, Difesa del Suolo e della Costa, Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna dal 2000 al 2010 Da oltre trent anni - con una intensificazione significativa a partire dal 2001, anno in cui lo Stato ha passato la piena giurisdizione alla Regione - l Emilia-Romagna ha prodotto uno sforzo gigantesco (avviato con la legge regionale n. 7/79) per la difesa della costa, culminato nei due megaripascimenti del 2002 e Uno dei punti di maggiore sofferenza dell intero litorale è risultato essere la zona di Cesenatico, caratterizzata negli anni 80 dalla subsidenza più elevata dell intera fascia costiera (circa 4-5 centimetri l anno e oltre un metro in circa cinquanta anni) e da ripetuti fenomeni d allagamento dell abitato dovuti sia a ingressione diretta attraverso la spiaggia durante mareggiate accoppiate ad acqua alta, sia ad esondazioni del Porto Canale. Il grande progetto Leonardo, che vede nella Porta Vinciana a difesa dell abitato il punto strategico, costituisce uno degli esempi più significativi di difesa costiera, unitamente al risezionamento del Canale di Tagliata e ad interventi idraulici imponenti nel forese di Cesenatico e Cervia. Un progetto integrato e complesso che - una volta realizzato nella sua compiutezza - sarà in grado di garantire la sicurezza idraulica nel tratto costiero fra i torrenti Savio e Pisciatello. È quindi con legittimo orgoglio che presentiamo questo studio che ripercorre le tappe progettuali di uno degli interventi più brillanti effettuati sulla nostra costa. 1. Vista aerea della nuova foce a mare del Canale di Tagliata

17 25

18 1 Un impegno corale, per le nostre acque, per il nostro territorio Nivardo Panzavolta Sindaco del Comune di Cesenatico Tra i molti cambiamenti importanti avvenuti in questo primo decennio di secolo, vi è una nuova percezione del problema del rapporto con l ambiente. Oggi la questione ambientale è entrata direttamente nella vita quotidiana dei cittadini e dunque anche nelle scelte che le Amministrazioni sono chiamate a compiere. È il caso del rapporto con l acqua, che per Cesenatico ha una valenza originaria e creatrice: è dal mare che questo insediamento ha avuto origine, è nel mare che ha mantenuto la sua continuità con il trasporto e poi la pesca, ed è infine nel mare che ha trovato la chiave di un nuovo sviluppo e prosperità dopo l invenzione della villeggiatura e poi del turismo come opportunità estesa a tutte le classi sociali. L acqua del mare e dei fiumi non è pero sempre un amichevole alleata: a volte, al contrario, invade con forza distruttiva. Ciò che era ben noto alle generazioni precedenti, per l esperienza di pescatori e naviganti, è stato invece un po dimenticato nel nostro presente tutto terrestre e tecnologico. Oggi ci troviamo sempre più spesso a fare i conti con fenomeni atmosferici estremi, e con cambiamenti progressivi che non è più possibile liquidare solo come eventi eccezionali. Per Cesenatico, il momento della verità è arrivato molto probabilmente allo scorcio del secolo appena trascorso, quando alcune esondazioni e allagamenti hanno costretto tutti a rendersi conto che il mare, oltre che risorsa

19 27 2 economica, poteva diventare un potente nemico, e che le acque dell entroterra non sempre accettavano di essere imbrigliate nei loro canali. I cittadini di Cesenatico e i loro amministratori, non diversamente da come accadde in alcuni momenti passati, sono stati costretti a tornare attori consapevoli e diretti in questo rapporto con l elemento ambientale, e ad accettare questa vicinanza con tutte le scelte che questa comporta, anche se difficili. Da quella esperienza è nato un protocollo d intesa che ha coinvolto la Regione Emilia-Romagna, le Province di Forlì-Cesena e di Ravenna e i Comuni di Cesena, Cervia e Cesenatico dalla quale sono scaturiti alcuni progetti in avanzata fase di realizzazione. La storia di questo progetto e i suoi caratteri tecnici vengono bene illustrati in questo volume. È importante evidenziare come questa realizzazione si sia fondata su un approfondimento culturale del rapporto tra Cesenatico e le sue acque, richiamandosi non a caso alla figura di Leonardo. Anche gli aspetti più propriamente tecnici sono stati affrontati insieme ad un intervento urbanistico e direi anche sociale e culturale, che ha portato alla rinascita di una zona di grande valore paesaggistico e simbolico, come la radice del molo di Ponente, con l apertura della nuova Piazza dedicata alle Spose dei Marinai dove trova posto anche la statua che ricorda le mogli dei pescatori in attesa di scorgere l arrivo della barca del marito. Nella stessa direzione va anche questa pubblicazione, che riprende il lavoro svolto per mantenerne vive le ragioni e la memoria, legandolo alla ricerca in ambito archeologico e storico. Non posso che ringraziare dunque il curatore, insieme a tutti gli autori dei diversi saggi, che con il loro lavoro hanno composto un altro importante tassello che documenta il valore e la ricchezza dell esperienza civile e umana di questa comunità. 1 e 2. Suggestivi scorci del Porto Canale Leonardesco di Cesenatico

20

21 Nel cuore dei progetti e delle opere 111

22 1 Gli interventi di messa in sicurezza idrogeologica a difesa dei territori di Cervia e Cesenatico Demetrio Egidi Direttore Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna La Regione Emilia-Romagna ha fatto negli ultimi anni una scelta innovativa: far seguire agli interventi in emergenza azioni di mitigazione, di riduzione dei rischi, di miglioramento delle condizioni di sicurezza del territorio. L anno di svolta è stato il Le pesanti conseguenze dell alluvione che colpì le province costiere di Forlì-Cesena, Rimini, Ravenna e Ferrara con 48 comuni gravemente colpiti, persone e edifici direttamente coinvolti, fecero comprendere con chiarezza agli amministratori regionali che bisognava rifondare le politiche di sicurezza per il territorio dell Emilia-Romagna. D intesa con il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, è stato adottato lo strumento innovativo dei Piani di interventi urgenti di Protezione Civile di messa in sicurezza, previsti dalle Ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri che seguono le dichiarazioni di emergenza nazionale e che pongono in capo al Presidente della Regione la responsabilità di effettuare tutti gli interventi necessari a superare l emergenza. I piani, progettati, coordinati e monitorati dall Agenzia Regionale di Protezione Civile, sono realizzati con il concorso di tutte le strutture tecniche interessate, sia regionali sia locali e sono quasi sempre approvati all unanimità da amministrazioni ed enti interessati, finalizzati a rimuovere le situazioni di criticità presenti sul territorio, ovvero realizzare lavori su sponde, argini e versanti franosi, ripristinare le infrastrutture pubbliche e private danneggiate, salvaguardare la costa dall erosione marina. Questa impostazione, tuttora mantenuta con il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, è risultata nel tempo efficace perché dove sono stati realizzati interventi di messa in sicurezza del territorio è stato possibile intervenire tempestivamente e ridurre la vulnerabilità e

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera

SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera Camera dei Deputati - Palazzo Marini Sala delle Colonne ASPETTI PROGETTUALI E CARATTERISTICHE TECNICHE

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 ORDINANZA N. 3 DEL 22.01.08 Oggetto: O.P.C.M. n. 3621 del 18.10.2007. Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno

Dettagli

Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini:

Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini: Il Piano di Salvaguardia della Balneazione di Rimini: un esempio virtuoso di collaborazione fra Istituzioni e Gestore per il miglioramento degli standard ambientali Luca Migliori Responsabile Ingegneria

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera 1. GENERALITA La morfologia del territorio

Dettagli

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Legambiente Rischio Idrogeologico: Un problema nazionale

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 207 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 8.1 Criteri generali di individuazione e valutazione degli interventi Gli

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

III Le esperienze nei piani provinciali e comunali

III Le esperienze nei piani provinciali e comunali III Le esperienze nei piani provinciali e comunali 2 PARTE III L invarianza idraulica delle trasformazioni urbanistiche nel contesto della VAS di Davide Broccoli, Leonardo Giorgi, Paolo Mazzoli e Alberto

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Audizione

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Audizione Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Commissione Camera VIII, 12.11.2015, ore 8.30 Audizione (Eventi alluvionali che hanno colpito il territorio Calabrese ed emergenza idrica

Dettagli

"Città Visibili" - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012

Città Visibili - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012 "Città Visibili" - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012 Titolo: Restyling paesaggistico : esperienze di recupero di siti produttivi

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO

PROVINCIA DI SAVONA ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO PROVINCIA DI SAVONA ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO PIANO DI BACINO STRALCIO SUL RISCHIO IDROGEOLOGICO (ai sensi dell art.1, comma 1, del D.L. 180/1998 convertito in L. 267/1998) Caratteristiche idrauliche

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

Dissesto idrogeologico è un termine

Dissesto idrogeologico è un termine Il Dissesto idrogeologico un disastro italiano di Giovanni Maria Di Buduo* Dissesto idrogeologico è un termine infelice perché molto fuorviante: frane e alluvioni non sono dissesti, ma sono la concretizzazione

Dettagli

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Convegno SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof. Ing. Alessandro Paoletti Presidente emerito CSDU 24 Ottobre 2014, Bologna Fiere H2O 2014 Indice 1. Evoluzione

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di SPINEA Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. RISCHIO IDRAULICO... 3 1.1 Premessa... 3 1.2 Scenari di rischio idraulico... 4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale... 4 1.2.2. Rischio

Dettagli

GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA

GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA ELIO CIRALLI, dr. eng. Obiettivi del Piano Regolatore del Porto, definiti nei documenti

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 3 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO IDRAULICO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA In condizioni particolari

Dettagli

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26

PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA TUTELA IDRAULICA DEL TERRITORIO AMBITO VARIANTI N. 23 N. 26 PARERE ESPRESSO DAL GENIO CIVILE DI VENEZIA CON NOTA PROT. N. 279721/46.10 DEL 23 APRILE 2004. VARIANTE n. 23 Il Comune

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE PARCO REGIONALE DELLA VALLE DEL LAMBRO DIPARTIMENTO DI RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE Monza, 12 aprile 2013 Caso Studio LAMBRO DESCRIZIONE CASO STUDIO Inquadramento

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DELLA VERSILIA V I A R E G G I O * * *

CONSORZIO DI BONIFICA DELLA VERSILIA V I A R E G G I O * * * 1 CONSORZIO DI BONIFICA DELLA VERSILIA V I A R E G G I O * * * REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA 2 INDICE 1. Premessa 1.1 quadro di riferimento generale pag. 3 1.2 scopi del servizio di piena pag. 3 2.

Dettagli

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Alessio Argentieri Dirigente Servizio 1 Difesa del suolo - Dipartimento IV Servizi di tutela e valorizzazione dell

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO

SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO 1. GENERALITA La morfologia del territorio della provincia di Bologna, pianeggiante e a volte depressa, solcato da diversi corsi d acqua naturali o artificiali anche di

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale Marco Amanti, Domenico Berti, Mauro Lucarini & Alessandro Troccoli ISPRA Lo studio affronta le possibili relazioni tra dissesto geologico-idraulico e variazioni climatiche, attraverso un approfondimento

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CATTOLICA PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Relazione Stralcio Rischio Idrogeologico FILE RELAZIONE STRALCIO RISCHIO IDROGEOLOGICO.doc DATA

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA PIANO DELLE ATTIVITA 2015 (L.R. 79/2012 ART. 26 comma 2) VERSIONE 2 APPROVATA DEL 13/03/2015 RELAZIONE COMPRENSORIO Il Direttore Tecnico di Comprensorio Pianura Pisana (Dott. Ing. Sandro Borsacchi) 1 /

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino Comitato alluvione 11 Giugno 2011 onlus Il dissesto nell Appennino di Parma programmiamo la prevenzione Fornovo, Biblioteca Comunale, 20 Maggio 2014 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA

CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA V1 1990 1 i n d i c e 1. premessa pag. 1.1 quadro di riferimento generale 2 1.2 scopi del servizio di piena 2 2.

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... 7 6. COMPETENZE TECNICHE PROFESSIONALI... 7 1 1. PREMESSA

Dettagli

Difesa del suolo e dell'assetto idrogeologico: è il modello targato Edoardo Cosenza

Difesa del suolo e dell'assetto idrogeologico: è il modello targato Edoardo Cosenza REGIONE CAMPANIA Difesa del suolo e dell'assetto idrogeologico: è il modello targato Edoardo Cosenza In un'era di ristrettezze finanziarie l'assessore Cosenza è riuscito a reperire i fondi necessari a

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA Ns. Rif. 202/14 Palermo, 21/01/2014 Egr. Presidente della Regione Siciliana dott. Rosario Crocetta Egr. Assessore al Territorio ed all Ambiente dott.ssa Maria Lo Bello Egr. Presidente IV Commissione Ambiente

Dettagli

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013 OBIETTIVO APPENNINO Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali Alghero 8-10 maggio 2013 L.R. 5/2009 Riordino regionale dei consorzi - da 16 a 8 L.R. 06 luglio 2012, n. 7 ha fornito

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Sala conferenze ELLEPI libere professioni Monza (MB),

Dettagli

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8 Idrogeologico 1/8 3.2.1 INTRODUZIONE E CONCETTI GENERALI Il rischio idrogeologico è conseguenza di una modificazione geomorfologica e climatica in un tempo più o meno breve e si può definire come dissesto

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA DI BONIFICA 2015

PIANO DELLE ATTIVITA DI BONIFICA 2015 SEDE LEGALE: Via degli Speziali 17 Loc. Venturina Terme 57021 CAMPIGLIA MARITTIMA (LI) Telefono: +39 0565 85761 Fax: +39 0565 857690 Posta Certificata: cbaltamaremma@pcert.it - consorzio@pec.collinelivornesi.it

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE

CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE ESTRATTO DELLA RASSEGNA STAMPA DELL UNIONE VENETA BONIFICHE 12 FEBBRAIO 2014 Ufficio Segreteria E-mail: consorzio@acquerisorgive.it Sede legale: VIA ROVERETO, 12-30174

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO Ora e sempre resilienza Interventi, pianificazione e cultura del rischio per la difesa e l autodifesa dalle alluvioni nelle aree urbane Roma 3 luglio 2015 BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06)

Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) II INCONTRO PUBBLICO Criticità e alternative di intervento per la Macroarea 1 Piana costiera

Dettagli

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) I INCONTRO PUBBLICO PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore

Dettagli

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO REGIONE LOMBARDIA Scheda Reg Lomb A2 n. prot. 15545/06 Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO - Comune: Milano - Provincia: Milano - Committente: Comune

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

Il Mose (e non solo) a New York

Il Mose (e non solo) a New York 107 Il Mose (e non solo) a New York Venezia / New York. Elementi di crisi e soluzioni il modello Venezia Nell ottobre del 2012 l uragano Sandy (il più grande uragano Atlantico mai registrato) ha colpito

Dettagli

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini L integrazione degli strumenti per la sostenibilità Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini Sviluppo Sostenibile sviluppo che offre servizi ambientali, sociali ed economici di

Dettagli

STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO

STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO COMUNE DI CAPOLIVERI Provincia di Livorno STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO a cura del dott. Ing. Filippo Ginanni Il Sindaco: Ruggero Barbetti I Progettisti: arch. Gianni Vivoli e arch. Sergio Seritti Collaborazione:

Dettagli

Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione

Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione Intervista a Paola Pagliara, dirigente del Centro Funzionale Centrale del Dipartimento Nazionale nonché responsabile del Servizio rischio idrogeologico

Dettagli

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE DI GRUARO Assessorato alla Protezione Civile Data aggiornamento 31.07.2014 INDICE 1.1 Premessa...3 1.2 Scenari di rischio idraulico...4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale...4 1.2.2. Rischio

Dettagli

L intervento all Insula del Ghetto è

L intervento all Insula del Ghetto è Te c n o l o g i e tradizionali e nuove a cura della Ing. E. Mantovani S.p.A. L intervento all Insula del Ghetto è stato eseguito dall Impresa di Costruzioni Ing. E. Mantovani S.p.A.; parte dei lavori

Dettagli

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni.

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. Piano di Gestione del Rischio Alluvioni dicembre 2013 A cura di: Direzione

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

Autorità di Bacino del Fiume Arno

Autorità di Bacino del Fiume Arno BUONE NORME PER GESTIRE LE PIENE La redazione dei regolamenti di piena nel quadro normativo attuale Firenze 16 aprile 2014 Gli strumenti di pianificazione dell AdB Arno per la gestione del rischio idraulico:

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE

VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE Aula Consiliare Contursi Terme (SA), 30 luglio 2014 Geologo Rocco Lafratta referente CIRF Campania www.cirf.org r.lafratta@cirf.org - 3386996022 Cos

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

"I contratti di Fiume. Esperienze ed opportunità per la valorizzazione e la gestione integrata dei nostri fiumi

I contratti di Fiume. Esperienze ed opportunità per la valorizzazione e la gestione integrata dei nostri fiumi "I contratti di Fiume. Esperienze ed opportunità per la valorizzazione e la gestione integrata dei nostri fiumi La gestione dei corsi d acqua nell ottica dell interregionalità: il caso del sistema del

Dettagli

Problematica Idraulica e piani urbanistici

Problematica Idraulica e piani urbanistici Associazione Nazionale Urbanisti e Pianificatori Territoriali e Ambientali con il patrocinio di Comune di Este Consorzio di Bonifica Adige Euganeo PREVENZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO: UN COMPITO PER LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

1. Finalità. 2. Definizioni

1. Finalità. 2. Definizioni Norme di attuazione - Direttive di Piano 1 DIRETTIVA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE E DELLE OPERAZIONI DI SMALTIMENTO E RECUPERO DEI RIFIUTI UBICATI

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO REGIONE LAZIO Dipartimento Territorio Direzione Regionale Ambiente e Cooperazione tra i Popoli Ufficio Idrografico e Mareografico - Area 2S/09 CENTRO FUNZIONALE REGIONALE LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

PORTO TURISTICO DI MARINA DI PISA. Studio Idraulico

PORTO TURISTICO DI MARINA DI PISA. Studio Idraulico PORTO TURISTICO DI MARINA DI PISA Studio Idraulico IMP_04_R_001_0_relaziodraulica Pagina 1 di 15 INDICE 1 Premessa... 3 2 Il Piano di Assetto Idrogeologico in relazione all area del porto di Marina di

Dettagli

RELAZIONE PRELIMINARE

RELAZIONE PRELIMINARE IL RIPRISTINO DEL PONTE SEICENTESCO DELLA MADONNA DEL CANALE VILLA DI TRESANA RELAZIONE PRELIMINARE Comune di Tresana Il corso d acqua denominato fosso della Madonna del canale, nel corso del disastroso

Dettagli

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero PREMESSA Il presente progetto prende le mosse da un finanziamento per complessivi 367.021,00 necessario la manutenzione straordinaria del Rio Salsero e cofinanziato dalla Regione Toscana, Provincia di

Dettagli

Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo

Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo Settore Decentrato Opere Pubbliche e Difesa Assetto Idrogeologico di Cuneo Convegno formativo sulla protezione civile per gli Enti Locali 2 Luglio 2010 Centro Incontri Provincia di Cuneo IL RISCHIO IDROGEOLOGICO

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

IL CONSOLIDAMENTO SPONDALE IN VAPRIO TRA MARTESANA E ADDA. Ing. Mario Fossati Vicedirettore Consorzio ETV

IL CONSOLIDAMENTO SPONDALE IN VAPRIO TRA MARTESANA E ADDA. Ing. Mario Fossati Vicedirettore Consorzio ETV IL CONSOLIDAMENTO SPONDALE IN VAPRIO TRA MARTESANA E ADDA Ing. Mario Fossati Vicedirettore Consorzio ETV OGGETTO DI INTERVENTO: PREMESSA Tratto di strada alzaia del naviglio Martesana che collega la statale

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07.

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07. PROGRAMMI DI PREVENZIONE, DIFESA E GESTIONE INTEGRATA DELLA FASCIA COSTIERA DAI FENOMENI DI EROSIONE E DISSESTO IDROGEOLOGICO (DGR 35/9 DEL 30.08.2011). PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ

Dettagli

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume.

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume. LA CITTA COME LUOGO DI VITA. Anticamente le città sorgevano dove la natura permetteva la vita: presenza di acqua; terreni fertili; zone riparate. Poi divennero città dei luoghi scelti come snodi commerciali;

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo Patrocinio Confindustria Foggia Foggia 21/11/2006 Relatore: Ing. Dario Tricoli PROGRAMMA

Dettagli

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO STITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE Pianificazione di Emergenza Coordinamento - Formazione di Protezione Civile Relazione Cosimo Golizia Vice Presidente I.N.S.F.O. P.C.

Dettagli