Università degli Studi di Genova DICAT. Via Montallegro, 1. Documento di cui all art. 17 comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/2008.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Genova DICAT. Via Montallegro, 1. Documento di cui all art. 17 comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/2008."

Transcript

1 Università degli Studi di Genova DICAT Via Montallegro, 1 Documento di cui all art. 17 comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/008 Versione Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione Umberto Benatti Il Datore di Lavoro Giacomo Deferrari Il medico competente Alfredo Dino Bonsignore Il direttore Il sottoscritto RLS/RLST della Università degli Studi di Genova dichiara di aver ricevuto la copia del presente documento e di aver partecipato alle attività in conformità alle indicazioni dell art. 50 del D.Lgs 81/08. Il documento si compone di 47 pagine ed è stato licenziato in data 0/07/009 Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag

2 SCHEMA DEL DOCUMENTO E PREMESSA La presente relazione rappresenta il Documento di Valutazione dei Rischi così come definito dall art. 17 comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/008. In considerazione delle necessità di aggiornamento di tale documento, questo è stato concepito in forma modulare, per permettere la sostituzione nel tempo di singole sezioni a seguito di modifiche nei contenuti delle stesse. Lo schema del documento è il seguente: SCHEMA DEL DOCUMENTO E PREMESSA... SEZIONE 1. IDENTIFICAZIONE DELL AZIENDA... 3 SEZIONE. CARATTERIZZAZIONE DEL SITO E DELLE LAVORAZIONI... 6 SEZIONE 3. ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE... 9 SEZIONE 4. VALUTAZIONE DEI RISCHI SEZIONE 5. PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI DI TUTELA SEZIONE 6. INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI SEZIONE 7. PROCEDURE DI SICUREZZA E DPI... 3 SEZIONE 8. GESTIONE APPALTI E FORNITORI SEZIONE 9. SORVEGLIANZA SANITARIA ELENCO DEGLI ALLEGATI 1. Elenco delle misure soggette ad attuazione immediata. Profili di rischio dei diversi gruppi omogenei 3. Frasi di rischio, consigli di prudenza ed etichettatura delle sostanze pericolose 4. Uso del VDT 5. Prototipi ( D. Lgs 363 art. 9 ) Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag SCHEMA DEL DOCUMENTO E PREMESSA

3 Nella lettura del documento potranno essere utilizzati i seguenti acronimi: ACGIH ARPA ASL ATEX CDA CEN CPI D.Lgs DM DPC DPCM DPI DUVRI FR HSI IARC IBE INAIL ISO ISPESL ISS L L ex MMC MOGM NIS PEI PMV PPD RI RLS RLST RNI ROA SSL TU UNI VDR VLB VVF American Conference of Governmemental Industrial Hygienists Agenzia Regionale Protezione Ambiente Azienda Sanitaria Locale Atmosfere esplosive Consiglio di Amministrazione Comitato Europeo di Normazione (norme con sigla EN) Certificato di Prevenzione Incendi Decreto Legislativo Decreto Ministeriale Dispositivi di Protezione Collettivi Decreto delle Presidenza del Consiglio del Ministri Dispositivi di Protezione Individuali Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze Fattore di rischio Heat Stress Index International Agency for Research on Cancer (www.iarc.fr) Indici biologici di esposizione Istituto Nazionale per l assicurazione contro gli Infortuni e le malattie professionali International Organization for Standardization Istituto Superiore Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro Istituto Superiore di Sanità Legge dello Stato Livello di esposizione (utilizzato per il rischio rumore) Movimentazione Manuale dei Carichi Micro Organismi Geneticamente Modificati Network Italiano per la Silice Piano di Emergenza Interno Voto medio previsto (Predicted Mean Vote, microclima) Percentuale Prevista degli Insoddisfatti (microclima) Radiazioni Ionizzanti Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale Radiazioni non ionizzanti Radiazioni Ottiche Artificiali Salute e Sicurezza sul Lavoro D.Lgs. 81/008 (Testo Unico) Ente Nazionale Italiano di Unificazione Valutazione dei rischi Valore Limite Biologico Vigili del fuoco Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag SCHEMA DEL DOCUMENTO E PREMESSA

4 SEZIONE 1. IDENTIFICAZIONE DELL AZIENDA Ragione sociale:... Università degli Studi di Genova Sede legale e amministrativa:... Via Balbi 5 Sede insediamento produttivo:... Via Montallegro, 1 Datore di lavoro:... Giacomo Deferrari Iscrizione presso la C.C.I.A.A. n :... Codice Fiscale / P. I.V.A.: Posizione INPS: Posizione INAIL: /11 Settore produttivo:... Pubblica amministarzione Attività svolta:... Ricerca, didattica, amminitrazione Codice ISTAT:... Certificazioni:... Superficie dell'insediamento m :... Lavoratori complessivi... Lavoratori complessivamente validi ai fini del computo... Insediamento soggetto a C.P.I.:... SI Insediamento NON a rischio di incidenti rilevanti Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE

5 Il datore di lavoro è il Prof. Giacomo Deferrari, il Direttore del dipartimento è il Prof. Paolo Blondeaux, seguono altri docenti responsabili dell'attività di ricerca e didattica, tecnici e amministrativi. Altre figure nel Dipartimento sono: Collaboratori, Assegnisti, Dottorandi e tesisti. Nello schema che segue è riassunto lo schema organizzativo dell azienda. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE

6 SEZIONE. CARATTERIZZAZIONE DEL SITO E DELLE LAVORAZIONI.1 Descrizione dell insediamento Il DICAT è organizzato in diversi edifici: Via Montallegro 1 sede e uffici, Viale Cambiaso 6 laboratori, Via dell'opera Pia 15 studi e uffici, Fiera del Mare, Uffici e Laboratori. La tabella che segue descrive le caratteristiche e la suddivisione dei luoghi di lavoro. Reparto: Uffici Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti a uffici amministrativi Reparto: Studi Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti a studi docenti, personale TA, assegnisti e dottorandi Reparto: Biblioteche Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti a raccolta libraria siti in Via Montallegro 1, Viale Cambiaso 1, Via dell'opera Pia 15. Reparto: Aule Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti ad aule studio Reparto: Officine Superficie mq: 0,00 Note: Le officine sono distribuite in vari edifici: Viale Cambiaso 6, Fiera del Mare Reparto: Laboratorio Ingegneria strutturale Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti a laboratorio di ingegneria strutturale e ingegneria geotecnica Reparto: Laboratorio Galleria del Vento Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti a laboratorio con attrezzature per studi in Galleria del vento Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE

7 Reparto: Laboratorio Ingengeria Ambientale Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti a Laboratorio dove si effettuano analisi immagine con laser Reparto: Laboratorio ingengeria dei Materiali Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti a laboratori con rischi generali commpresi rischi chimici (fiera del Mare).. Descrizione delle lavorazioni Come citato nella sezione introduttiva, la Università degli Studi di Genova svolge la seguente attività: Ricerca, didattica, amministrazione..3 Macchinari e attrezzature A seguito della profonda ristrutturazione avvenuta a seguito della nascita del DICAT, che ha accorpato più dipartimenti, i laboratori sono confluiti nel Sistema dei Laboratori DICAT che prevede una nuova sistemazione delle attrezzature, messa a norma e dismissioni. Pertanto alleghiamo le Schede Attrezzatura di Lavoro in carico ai dipartimenti di provenienza (Istituto di Idraulica, Ingegneria Strutturale e Geotecnica) che sarà nostra cura provvedere ad aggiornare e completare appena il Sistema dei Laboratori DICAT sarà operativo..4 Sostanze pericolose L attività svolta, nei laboratori del dipartimento (ricerca e didattica), prevede l uso di sostanze chimiche pericolose (si intendono materie prime, sostanze e preparati). E' stato calcolato il rischio chimico mediante il software ARCHIMEDE (Epc Libri); ne risulta che il rischio sicurezza nei locali del DICAT è Basso, mentre il rischio chimico per la salute è stato riconosciuto come irrilevante, in quanto: la quantità di materiale utilizzata è minima, la durata dell'esposizione è molto breve, l'utilizzo dei DPI e l'ambiente di lavoro sono adeguati. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE

8 Composizione: Varie sostanze chimiche Etichetta: Varie sostanze chimiche Frasi R e S: - Descrizione e Principali Utilizzi: Ricerca scientifica Reparto di Utilizzo: Laboratorio ingengeria dei Materiali Note: - Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE

9 SEZIONE 3. ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE La Università degli Studi di Genova ha costituito il SPP (Servizio di Prevenzione e Protezione) e individuato le altre figure necessarie alla gestione della prevenzione e protezione in azienda. Le lettere di nomina e la relativa documentazione (curricula, incarichi ecc.) sono custodite in sede legale. Le figure coinvolte in questa attività sono: Datore di lavoro : Persona: Giacomo Deferrari Requisiti/Qualifica: Rettore Recapito: Via Balbi, 5 RSPP (Responsabile del servizio prevenzione e protezione) : Persona: Umberto Benatti Requisiti/Qualifica: RSPP Recapito: Medico competente coordinatore : Persona: Alfredo Dino Bonsignore Requisiti/Qualifica: Medico competente Recapito: Dirigenti: Persona: Paolo Blondeaux Requisiti/Qualifica: Direttore del dipartimento Recapito: Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE

10 Lavoratori addetti alla gestione di emergenze e misure di lotta antincendio: Persona: Antonio Brencich Requisiti/Qualifica: LELA Recapito: Persona: Giancarlo Cassini Requisiti/Qualifica: LELA Recapito: Persona: Silvia Penco Requisiti/Qualifica: LELA Recapito: Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE

11 SEZIONE 4. VALUTAZIONE DEI RISCHI La VDR (valutazione dei rischi) è stata effettuata con la partecipazione, secondo le rispettive competenze e attribuzioni, delle figure richiamate nella sezione 3 del presente documento. I principali strumenti utilizzati nella valutazione sono stati: 1. Esame del rischio incendio a cura del SPP. Esame di Libretti d'uso e Manutenzione di Macchine e Attrezzature 3. Esame di schede Tecniche e di Sicurezza di Sostanze Impiegate 4. Esame ed Analisi Statistica del registri infortuni 5. sopralluogo con personale qualificato Gli elementi raccolti con le attività di cui sopra sono esaminati nel seguito con le modalità dettagliate con la metodica di cui al paragrafo successivo Metodologia di valutazione dei rischi I rischi sono stati valutati con metodi qualitativi e quantitativi. I vari risultati sono stati ricondotti in una caratterizzazione numerica univoca per renderli confrontabili tra loro. Questo perché il momento di valutazione dei rischi deve essere connesso alla messa in atto delle misure di tutela la cui pianificazione deve essere legata ai livelli di rischio rilevati. La presente valutazione è stata pertanto effettuata riconducendo tutti i rischi a una scala semiquantitativa che prevede 16 livelli di peso crescente. I fattori di rischio sono stati individuati utilizzando i riferimenti stabiliti da - leggi (italiane e comunitarie con circolari e giurisprudenza di merito); - normative e standard di buona tecnica (norme UNI, ISO, EN, CEI, Unichim, ecc.); - linee guida nazionali e internazionali (ISPESL, regioni ecc.); - letteratura del settore e pubblicazioni scientifiche. La VDR ha preso in considerazione tutti i rischi e ha previsto: 1. Esame dell azienda in termini di luoghi, lavorazioni e mansioni;. Identificazione dei fattori di rischio e loro classificazione; 3. Verifica della conformità normativa; 4. Stima dei rischi per gruppo di lavoratori. I singoli rischi sono valutati con la relazione R = P x G dove il Rischio R risulta definito dal prodotto di G, gravità delle conseguenze di un evento indesiderato, e P, la probabilità che tale Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

12 evento accada in un certo tempo. Sono definiti 4 livelli di gravità crescenti e altrettanti livelli di probabilità che portano questo tipo di valutazione a classificare i diversi rischi in 9 categorie (1,, 3, 4, 6, 8, 9, 1, 16) di peso crescente originate con gli schemi delle tabelle seguenti. Le tavole di caratterizzazione per l assegnazione dei parametri P e G sono riportate nelle tabelle che seguono. Probabilità 1 = BASSISSIMA = MEDIO-BASSA 3 = MEDIO-ALTA 4 = ELEVATA Caratterizzazione del giudizio L evento dannoso è improbabile. La sua manifestazione è legata al contemporaneo verificarsi di più eventi indipendenti e poco probabili. L'evento non si è mai presentato durante l'attività produttiva Dalle informazioni acquisite risulta che anche in attività produttive analoghe l evento non si presenta L evento dannoso è poco probabile ma possibile. L evento è legato al contemporaneo verificarsi di più eventi non necessariamente indipendenti e di probabilità non trascurabile. L'evento si è presentato raramente durante l'attività produttiva. L'evento non si è mai presentato durante l'attività produttiva ma dalle informazioni acquisite risulta questo di manifesti a volte in attività produttive analoghe. L evento dannoso è probabile. Tipicamente legato a funzionamenti anomali delle macchine e degli impianti, non rispetto delle procedure di lavoro, non utilizzo dei mezzi di prevenzione e protezione. L'evento si è presentato con una certa frequenza durante l'attività produttiva. Dalle informazioni acquisite risulta questo evento si manifesti con regolarità in attività produttive analoghe. L evento dannoso è altamente probabile e tende a verificarsi diverse volte. L'evento si presenta molto frequentemente nell'attività produttiva. Dalle informazioni acquisite risulta questo di manifesti a volte in attività produttive analoghe. Gravità 1 = TRASCURABILE = MODESTA 3 = NOTEVOLE 4 = INGENTE Caratterizzazione del giudizio Il danno è rapidamente reversibile e di scarsa entità. Non comporta l abbandono del posto di lavoro e inabilità temporanea. Il danno comporta una parziale limitazione funzionale reversibile in pochi giorni con completo ripristino della capacità lavorativa Il danno comporta una limitazione funzionale reversibile solo dopo un certo tempo con eventuale modesta riduzione della capacità lavorativa. Il danno è irreversibile e comporta una notevole e permanente riduzione della capacità lavorativa, o l inabilità, o la morte. Questo tipo di classificazione comporta il fatto che i risultati delle valutazioni strumentali di rischi particolari (radiazioni ionizzanti, agenti fisici ecc.) siano ricondotti alla stessa scala di valutazione di cui sopra in modo da rendere tutti i rischi valutati confrontabili tra loro. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

13 4. Classificazione in gruppi omogenei Il gruppo omogeneo di lavoratori, equivale a un insieme di lavoratori che, per le lavorazioni svolte, e/o per i luoghi frequentati, possono essere considerati omogenei dal punto di vista dell esposizione ai rischi. Nella tabella che segue sono descritti i gruppi omogenei individuati per l attività in esame. Gruppo Omogeneo: Amministrativi Descrizione Attività: Personale con mansioni amministrative Reparto/i: Uffici Macchina/e : - Sostanza/e: - Note: - Gruppo Omogeneo: Tecnici Descrizione Attività: Personale con mansioni tecniche sia di officina, misure esterne e rischio chimico Reparto/i: Studi Officine Laboratorio Ingegneria strutturale Laboratorio Galleria del Vento Laboratorio Ingengeria Ambientale Laboratorio ingengeria dei Materiali Macchina/e: Varie macchine del dipartimento Sostanza/e: Varie sostanze chimiche Note: - Gruppo Omogeneo: Docenti Descrizione Attività: Personale con mansioni di docenza e di ricerca, presenza santuaria in laboratori per eventuale ricerca e tesi sperimentali Reparto/i: Studi Aule Macchina/e : - Sostanza/e: - Note: - Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

14 Gruppo Omogeneo: Collaboratori esterni in officina Descrizione Attività: Personale esterno che utilizza macchine in officina Reparto/i: Officine Macchina/e: varie macchine del dipartimento Sostanza/e: - Note: - Gruppo Omogeneo: Discenti Descrizione Attività: Altro personale : assegnisti, collaboratori, dottorandi, tesisti Reparto/i: Uffici Studi Biblioteche Macchina/e : - Sostanza/e: - Note: Identificazione e valutazione dei rischi L esame delle lavorazioni ha permesso di individuare i fattori di rischio applicabili ai diversi reparti e gruppi omogenei. Si riportano nel seguito le evidenza emerse nella valutazione dei singoli fattori. Luoghi di lavoro Pavimenti e corridoi interni Tutti i reparti 1 È esposto il divieto di ingresso ai non addetti nei locali o zone di transito interne pericolose Esistono gli spazi ed i mezzi per il posizionamento ottimale di materiali ed attrezzature I pavimenti degli ambienti di lavoro e dei luoghi di passaggio sono idonei alla natura delle lavorazioni svolte ed omogenei Il pavimento degli ambienti di lavoro e dei luoghi destinati al passaggio viene mantenuto pulito Le aree di transito interne hanno illuminamento adeguato Le zone di passaggio sono chiaramente delimitate con segnaletica orizzontale e verticale Le zone di passaggio sono mantenute libere da ostacoli Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

15 Luoghi di lavoro Strutture, spazi e arredi Tutti i reparti Gli scarti di lavorazione e i rifiuti dei materiali pericolosi sono asportati con adeguata frequenza e con modalità corrette. Gli spazi di lavoro sono protetti da umidità, infiltrazioni e agenti atmosferici Gli spazi lavorativi sono adeguati a garantire la sicurezza dei movimenti nelle lavorazioni svolte I luoghi di lavoro hanno illuminamento adeguato. Il piano di calpestio degli spazi di lavoro è adeguato alle condizioni d'uso e lavorazioni svolte Il piano di calpestio degli spazi di lavoro è pulito, libero da sostanze sdrucciolevoli e drenante Il piano di calpestio degli spazi di lavoro è regolare ed uniforme La distanza tra i macchinari è adeguata al passaggio La superficie di lavoro è libera da ostacoli e ci sono spazi per il corretto posizionamento di materiali e attrezzature Le aperture nelle pareti sono protette con parapetto di almeno 1 m (90 cm per le finestre) Le aree di lavoro sono adeguate agli standard minimi di cubatura e superficie per lavoratore Le finestre, i lucernai, gli infissi e i serramenti sono sicuri e mantenuti in buono stato di conservazione Le strutture non presentano crepe, distacchi e altri segni di dissesto. Pareti e soffitti sono tinteggiati con colori chiari Luoghi di lavoro Igiene e servizi Tutti i reparti 1 I lavoratori dispongono, in prossimità dei posti di lavoro, di locali dotati di un numero sufficiente di gabinetti e di lavabi con acqua calda, se necessario e dotati di adeguati detergenti e mezzi per asciugarsi. Le attrezzature, gli arredi, gli ambienti di lavoro e i servizi accessori sono mantenuti in condizioni di accurata pulizia. Nei casi previsti dall'all. IV al TU, è vietato consumare i pasti nei locali di lavoro (materie insudicianti ecc.). Nei luoghi di lavoro o nelle loro immediate vicinanze è messa a disposizione dei lavoratori acqua in quantità sufficiente, tanto per uso potabile quanto per lavarsi. Sono disponibili gabinetti separati per uomini e donne (vedere le limitazioni del punto 1.13 dell'all. IV al TU). Luoghi di lavoro Porte e vie di esodo Tutti i reparti Gli ambienti di lavoro dispongono di vie di uscita alternative dì direzioni diverse. I locali dispongono di uscite di emergenza in numero e dimensioni adeguati. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

16 I luoghi di lavoro a rischio d'incendio alto e medio, soggetti a controllo da parte dei V.V.F., hanno uscite di piano rispondenti ai requisiti previsti dalla normativa di prevenzione incendi. Il percorso di esodo dai locali ad alto rischio di incendio non supera i 30 m e l'eventuale tratto monodirezionale non supera i 15 m. L'altezza minima delle uscite di piano è pari a m. Le porte dei locali di lavoro consentono una rapida uscita dei lavoratori Le porte dei locali di lavoro sono in numero e dimensioni adeguate con riferimento all'all. IV DLgs 81/08 punto 1.6. Le uscite che danno su aree esterne sono protette e segnalate in modo da evitare che vengano ostruite. Le uscite di piano e le porte installate lungo le vie di esodo sono chiaramente segnalate e dotate di illuminazione di emergenza. Le uscite di piano sono di tipo a battente e si aprono nel verso dell'esodo in modo facile e immediato. Le uscite di piano, le porte e i percorsi di esodo sono indipendenti tra loro e sgombri da ostacoli e permettono l'uscita rapida e sicura. Il percorso viene sistematicamente controllato applicando una specifica procedura. Le uscite e le vie di transito che che immettono direttamente in una via di transito di mezzi meccanici sono adeguatamente protette. Le vie di esodo sono adeguatamente illuminate, anche in assenza di alimentazione elettrica, per consentire la visibilità sufficiente fino al luogo sicuro (compreso il tratto esterno). Le vie di esodo sono adeguatamente segnalate. Nei luoghi di lavoro a rischio d'incendio alto e medio, soggetti a controllo da parte dei V.V.F.., la lunghezza massima dei percorsi di esodo in caso di emergenza risponde alla specifica normativa di prevenzione incendi e al progetto. Accesso in quota Ponteggi movibili (trabattelli) Tecnici I trabattelli non hanno altezza superiore a m e non vengono montati sugli impalcati dei ponteggi. I trabattelli non sono movimentati quando sono presenti lavoratori o carichi sugli stessi. I trabattelli sono stabili e costruiti secondo le prescrizioni di norma. I trabattelli sono stabili in relazione alle condizioni d'uso normali e prevedibili (vento, oscillazioni ecc.). Le verifiche preventive e le azioni da mettere in atto nell'uso di trabattelli non sono regolamentate. Macchine Generale Tecnici 0 Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

17 Macchine Generale Collaboratori esterni in officina 3 E' fatto divieto di intervenire sugli organi della macchina durante il moto. E' prevista l'utilizzazione di mezzi di DPI per il lavoro con macchine qualora i rischi non siano stati evitati o sufficientemente ridotti. Gli elementi accessibili delle macchine non hanno parti in gradi di causare lesioni. Gli impianti elettrici delle macchine sono protetti contro contatti diretti e indiretti e contro sovraccarichi e cortocircuiti. Gli organi di azionamento delle macchine sono robusti e posizionati in zone sicure, facilmente riconoscibili e manovrabili. I lavoratori incaricati dell'uso di attrezzature di lavoro pericolose sono adeguatamente e specificamente addestrati. I lavoratori sono stati informati sui rischi a cui sono esposti durante l'uso delle macchine in condizioni normali e anormali prevedibili, anche in relazione ai rischi che queste possono causare a terzi. I lavoratori sono stati informati sulla necessità di astenersi dal lavoro e/o avvisare i diretti superiori in caso di semplice o tale da produrre un pericolo grave e immediato. I motori che, per loro caratteristiche di costruzione, costituiscono pericolo per chi li avvicina sono installati in appositi locali o recintati o comunque protetti. I requisiti per l'uso della macchina e la segnalazione delle anomalie non sono disciplinate da apposita procedura. I ripari mobili (schermi, cuffie, barriere ecc.) degli elementi in movimento delle macchine, quando aperti, restano solidali alla macchina. I ripari non mobili sono fissati saldamente alla macchina con sistemi che richiedono l'uso di utensili per la loro apertura. I ripari regolabili manualmente si possono regolare facilmente e senza necessità di attrezzi. L'accesso alle macchine per i normali lavori di manutenzione e riparazione è agevole e sicuro. L'apertura o il mancato funzionamento delle protezioni delle parti mobili causa l'arresto di queste parti (presse, cesoie, pulegge ecc.). Le macchine che possono produrre proiezione di pezzi o schegge sono dotate di schermi di protezione. Le macchine immesse sul mercato o modificate dopo il 1/9/1996 sono dotate di marcatura di conformità alla normativa CE. Le macchine sono assoggettate alle misure di aggiornamento dei requisiti minimi di sicurezza. Le macchine sono utilizzate in condizioni di illuminazione tali da evitare l'insorgere di rischi. Le macchine sono utilizzate, in tutte le loro fasi, in maniera conforme alle indicazioni del fabbricante. L'interruzione e il successivo ripristino della fornitura dell'energia elettrica non comportano il riavviamento automatico della macchina (dispositivo contro il riavvio accidentale). L'utilizzo delle macchine è demandato a lavoratori in possesso delle competenze necessarie. Nella scelta, installazione e uso delle macchine sono considerate le caratteristiche specifiche del lavoro da svolgere in relazione alle implicazioni di sicurezza e ai principi di ergonomia. Nelle macchine che li richiedono (quelle in cui questi non comportano rischi aggiuntivi) sono presenti uno o più dispositivi di arresto di emergenza, individuabili, ben visibili e rapidamente accessibili. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

18 Sono adottate misure affinché gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria vengano effettuati in sicurezza. Sono messe in atto e programmate le misure per la riduzione dei rischi associati all'uso delle macchine. Macchine Macchine mobili Collaboratori esterni in officina, Tecnici E' garantita una adeguata visibilità al conduttore di macchine semoventi. I requisiti per l'uso della macchina e la segnalazione delle anomalie non sono disciplinate da apposita procedura. Le macchine semoventi sono condotte da lavoratori incaricati e in possesso delle capacità adeguate. Macchine Altre per metalli senza specifiche Collaboratori esterni in officina, Tecnici I pezzi da forare al trapano sono adeguatamente trattenuti in modo da evitare proiezioni e trascinamenti. I requisiti per l'uso della macchina e la segnalazione delle anomalie non sono disciplinate da apposita procedura. Nei torni, le viti o la briglia di fissaggio del pezzo al mandrino sono incassate o protette. Macchine Per legno senza specifiche Collaboratori esterni in officina, tecnici 3 I requisiti per l'uso della macchina e la segnalazione delle anomalie non sono disciplinate da apposita procedura. Attrezzature e lavorazioni manuali Generale Collaboratori esterni in officina, tecnici Gli attrezzi manuali che possono provocare proiezione di parti, schegge e materiali sono adeguatamente protetti. Gli attrezzi manuali si trovano in un buono stato di pulizia e conservazione. Questi sono riposti ordinatamente in luoghi appositi e sicuri, quando non utilizzati. Gli attrezzi manuali sono di tipologia, quantità e caratteristiche idonee al lavoro da svolgere, nella scelta sono presi in considerazione criteri di sicurezza ed ergonomia. I controlli periodici da mettere in atto per la verifica delle lavorazioni manuali non sono regolamentati. I lavoratori sono formati all'utilizzo corretto e sicuro degli attrezzi manuali. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

19 Le condizioni di illuminazione consentono l'uso sicuro degli attrezzi manuali. L'uso di eventuali utensili di lavoro pericolosi è demandato a lavoratori appositamente incaricati. Attrezzature e lavorazioni manuali Saldatura manuale Collaboratori esterni in officina, Tecnici Fra gli apparecchi a fiamma libera e/o i corpi incandescenti e i generatori di gas viene mantenuta una adeguata distanza di sicurezza. Gli apparecchi mobili di saldatura al cannello sono trasportati all'interno dei locali di lavoro in condizioni di sicurezza. Gli apparecchi per saldatura elettrica o per operazioni simili non hanno la derivazione diretta dalla corrente di alimentazione in assenza di trasformatore con avvolgimento secondario isolato dal primario. Gli apparecchi per saldatura elettrica o per operazioni simili sono provvisti di interruttore omnipolare sul circuito primario di derivazione della corrente elettrica. I recipienti di gas compressi o liquefatti sono efficacemente ancorati al fine di evitarne la caduta. La segnalazione di quasi incidenti nella saldatura manuale non è prevista. Le derivazioni di gas acetilene o di altri gas combustibili di alimentazione del cannello di saldatura sono protette da valvola idraulica o altro dispositivo di sicurezza di funzione equivalente. Attrezzature e lavorazioni manuali Manipolazione di oggetti Collaboratori esterni in officina, Tecnici Gli oggetti da manipolare sono mantenuti puliti e non scivolosi. Gli oggetti sono usati, trasportati e posizionati in modo da minimizzare il rischio di caduta. il livello di illuminazione è adeguato alle attività di manipolazione da effettuare. La forma e le dimensioni degli oggetti da manipolare garantiscono le migliori condizioni di uso. La manipolazione di oggetti o materiali pericolosi (per forma, temperatura ecc.) viene effettuata in condizioni di sicurezza. La manipolazione di oggetti o prodotti taglienti o pungenti si effettua con mezzi o sistemi che prevengono i contatti diretti. Le modalità ottimali per la manipolazione di oggetti non sono disciplinate da apposita procedura. Rischi elettrici Generale Tutti i reparti 3 A seguito della valutazione del rischio elettrico sono state adottate specifiche misure di tutela. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

20 E' stata effettuata una specifica valutazione dei rischi elettrici. Gli impianti elettrici sono mantenuti soggetto abilitato. Gli impianti elettrici sono periodicamente controllati per verificarne lo stato di conservazione ed efficienza ai fini della sicurezza. Gli impianti elettrici sono stati realizzati secondo la regola d'arte, come definita dalle norme di buona tecnica. Gli organi di interruzione, manovra e sezionamento elettrico sono alloggiati in idonei quadri elettrici chiusi. L'impianto dispone di protezioni contro le sovratensioni e i sovraccarichi. L'impianto elettrico è dotato di idoneo interruttore differenziale. Rischi elettrici Attrezzature elettriche Officine Le attrezzature elettriche recano l'indicazione delle caratteristiche costruttive, tensione, intensità e tipo di corrente e altre eventuali caratteristiche importanti per l'uso in sicurezza. Le verifiche e i controlli sulle attrezzature elettriche non sono disciplinate da apposita procedura. Rischi elettrici Attrezzature elettriche Laboratorio Ingegneria strutturale Le attrezzature elettriche recano l'indicazione delle caratteristiche costruttive, tensione, intensità e tipo di corrente e altre eventuali caratteristiche importanti per l'uso in sicurezza. Le verifiche e i controlli sulle attrezzature elettriche non sono disciplinate da apposita procedura. Rischi elettrici Attrezzature elettriche Laboratorio Galleria del Vento Le attrezzature elettriche recano l'indicazione delle caratteristiche costruttive, tensione, intensità e tipo di corrente e altre eventuali caratteristiche importanti per l'uso in sicurezza. Le verifiche e i controlli sulle attrezzature elettriche non sono disciplinate da apposita procedura. Rischi elettrici Attrezzature elettriche Laboratorio Ingengeria Ambientale Le attrezzature elettriche recano l'indicazione delle caratteristiche costruttive, tensione, intensità e tipo di corrente e altre eventuali caratteristiche importanti per l'uso in sicurezza. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

GENERALITA Le misure di sicurezza e le cautele da adottarsi per la prevenzione contro il rischio elettrico sono prescritte dal D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547 titolo VII. Di seguito si riportano le principali

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 Cadute dall alto Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 ATTUA la direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti??

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? CEI 64-8 -CAP. 563. CIRCUITI DI ALIMENTAZIONE DEI SERVIZI DI SICUREZZA Parte 563.3: La protezione

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli