Università degli Studi di Genova DICAT. Via Montallegro, 1. Documento di cui all art. 17 comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/2008.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Genova DICAT. Via Montallegro, 1. Documento di cui all art. 17 comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/2008."

Transcript

1 Università degli Studi di Genova DICAT Via Montallegro, 1 Documento di cui all art. 17 comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/008 Versione Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione Umberto Benatti Il Datore di Lavoro Giacomo Deferrari Il medico competente Alfredo Dino Bonsignore Il direttore Il sottoscritto RLS/RLST della Università degli Studi di Genova dichiara di aver ricevuto la copia del presente documento e di aver partecipato alle attività in conformità alle indicazioni dell art. 50 del D.Lgs 81/08. Il documento si compone di 47 pagine ed è stato licenziato in data 0/07/009 Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag

2 SCHEMA DEL DOCUMENTO E PREMESSA La presente relazione rappresenta il Documento di Valutazione dei Rischi così come definito dall art. 17 comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/008. In considerazione delle necessità di aggiornamento di tale documento, questo è stato concepito in forma modulare, per permettere la sostituzione nel tempo di singole sezioni a seguito di modifiche nei contenuti delle stesse. Lo schema del documento è il seguente: SCHEMA DEL DOCUMENTO E PREMESSA... SEZIONE 1. IDENTIFICAZIONE DELL AZIENDA... 3 SEZIONE. CARATTERIZZAZIONE DEL SITO E DELLE LAVORAZIONI... 6 SEZIONE 3. ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE... 9 SEZIONE 4. VALUTAZIONE DEI RISCHI SEZIONE 5. PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI DI TUTELA SEZIONE 6. INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI SEZIONE 7. PROCEDURE DI SICUREZZA E DPI... 3 SEZIONE 8. GESTIONE APPALTI E FORNITORI SEZIONE 9. SORVEGLIANZA SANITARIA ELENCO DEGLI ALLEGATI 1. Elenco delle misure soggette ad attuazione immediata. Profili di rischio dei diversi gruppi omogenei 3. Frasi di rischio, consigli di prudenza ed etichettatura delle sostanze pericolose 4. Uso del VDT 5. Prototipi ( D. Lgs 363 art. 9 ) Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag SCHEMA DEL DOCUMENTO E PREMESSA

3 Nella lettura del documento potranno essere utilizzati i seguenti acronimi: ACGIH ARPA ASL ATEX CDA CEN CPI D.Lgs DM DPC DPCM DPI DUVRI FR HSI IARC IBE INAIL ISO ISPESL ISS L L ex MMC MOGM NIS PEI PMV PPD RI RLS RLST RNI ROA SSL TU UNI VDR VLB VVF American Conference of Governmemental Industrial Hygienists Agenzia Regionale Protezione Ambiente Azienda Sanitaria Locale Atmosfere esplosive Consiglio di Amministrazione Comitato Europeo di Normazione (norme con sigla EN) Certificato di Prevenzione Incendi Decreto Legislativo Decreto Ministeriale Dispositivi di Protezione Collettivi Decreto delle Presidenza del Consiglio del Ministri Dispositivi di Protezione Individuali Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze Fattore di rischio Heat Stress Index International Agency for Research on Cancer (www.iarc.fr) Indici biologici di esposizione Istituto Nazionale per l assicurazione contro gli Infortuni e le malattie professionali International Organization for Standardization Istituto Superiore Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro Istituto Superiore di Sanità Legge dello Stato Livello di esposizione (utilizzato per il rischio rumore) Movimentazione Manuale dei Carichi Micro Organismi Geneticamente Modificati Network Italiano per la Silice Piano di Emergenza Interno Voto medio previsto (Predicted Mean Vote, microclima) Percentuale Prevista degli Insoddisfatti (microclima) Radiazioni Ionizzanti Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale Radiazioni non ionizzanti Radiazioni Ottiche Artificiali Salute e Sicurezza sul Lavoro D.Lgs. 81/008 (Testo Unico) Ente Nazionale Italiano di Unificazione Valutazione dei rischi Valore Limite Biologico Vigili del fuoco Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag SCHEMA DEL DOCUMENTO E PREMESSA

4 SEZIONE 1. IDENTIFICAZIONE DELL AZIENDA Ragione sociale:... Università degli Studi di Genova Sede legale e amministrativa:... Via Balbi 5 Sede insediamento produttivo:... Via Montallegro, 1 Datore di lavoro:... Giacomo Deferrari Iscrizione presso la C.C.I.A.A. n :... Codice Fiscale / P. I.V.A.: Posizione INPS: Posizione INAIL: /11 Settore produttivo:... Pubblica amministarzione Attività svolta:... Ricerca, didattica, amminitrazione Codice ISTAT:... Certificazioni:... Superficie dell'insediamento m :... Lavoratori complessivi... Lavoratori complessivamente validi ai fini del computo... Insediamento soggetto a C.P.I.:... SI Insediamento NON a rischio di incidenti rilevanti Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE

5 Il datore di lavoro è il Prof. Giacomo Deferrari, il Direttore del dipartimento è il Prof. Paolo Blondeaux, seguono altri docenti responsabili dell'attività di ricerca e didattica, tecnici e amministrativi. Altre figure nel Dipartimento sono: Collaboratori, Assegnisti, Dottorandi e tesisti. Nello schema che segue è riassunto lo schema organizzativo dell azienda. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE

6 SEZIONE. CARATTERIZZAZIONE DEL SITO E DELLE LAVORAZIONI.1 Descrizione dell insediamento Il DICAT è organizzato in diversi edifici: Via Montallegro 1 sede e uffici, Viale Cambiaso 6 laboratori, Via dell'opera Pia 15 studi e uffici, Fiera del Mare, Uffici e Laboratori. La tabella che segue descrive le caratteristiche e la suddivisione dei luoghi di lavoro. Reparto: Uffici Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti a uffici amministrativi Reparto: Studi Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti a studi docenti, personale TA, assegnisti e dottorandi Reparto: Biblioteche Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti a raccolta libraria siti in Via Montallegro 1, Viale Cambiaso 1, Via dell'opera Pia 15. Reparto: Aule Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti ad aule studio Reparto: Officine Superficie mq: 0,00 Note: Le officine sono distribuite in vari edifici: Viale Cambiaso 6, Fiera del Mare Reparto: Laboratorio Ingegneria strutturale Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti a laboratorio di ingegneria strutturale e ingegneria geotecnica Reparto: Laboratorio Galleria del Vento Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti a laboratorio con attrezzature per studi in Galleria del vento Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE

7 Reparto: Laboratorio Ingengeria Ambientale Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti a Laboratorio dove si effettuano analisi immagine con laser Reparto: Laboratorio ingengeria dei Materiali Superficie mq: 0,00 Note: Locali adibiti a laboratori con rischi generali commpresi rischi chimici (fiera del Mare).. Descrizione delle lavorazioni Come citato nella sezione introduttiva, la Università degli Studi di Genova svolge la seguente attività: Ricerca, didattica, amministrazione..3 Macchinari e attrezzature A seguito della profonda ristrutturazione avvenuta a seguito della nascita del DICAT, che ha accorpato più dipartimenti, i laboratori sono confluiti nel Sistema dei Laboratori DICAT che prevede una nuova sistemazione delle attrezzature, messa a norma e dismissioni. Pertanto alleghiamo le Schede Attrezzatura di Lavoro in carico ai dipartimenti di provenienza (Istituto di Idraulica, Ingegneria Strutturale e Geotecnica) che sarà nostra cura provvedere ad aggiornare e completare appena il Sistema dei Laboratori DICAT sarà operativo..4 Sostanze pericolose L attività svolta, nei laboratori del dipartimento (ricerca e didattica), prevede l uso di sostanze chimiche pericolose (si intendono materie prime, sostanze e preparati). E' stato calcolato il rischio chimico mediante il software ARCHIMEDE (Epc Libri); ne risulta che il rischio sicurezza nei locali del DICAT è Basso, mentre il rischio chimico per la salute è stato riconosciuto come irrilevante, in quanto: la quantità di materiale utilizzata è minima, la durata dell'esposizione è molto breve, l'utilizzo dei DPI e l'ambiente di lavoro sono adeguati. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE

8 Composizione: Varie sostanze chimiche Etichetta: Varie sostanze chimiche Frasi R e S: - Descrizione e Principali Utilizzi: Ricerca scientifica Reparto di Utilizzo: Laboratorio ingengeria dei Materiali Note: - Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE

9 SEZIONE 3. ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE La Università degli Studi di Genova ha costituito il SPP (Servizio di Prevenzione e Protezione) e individuato le altre figure necessarie alla gestione della prevenzione e protezione in azienda. Le lettere di nomina e la relativa documentazione (curricula, incarichi ecc.) sono custodite in sede legale. Le figure coinvolte in questa attività sono: Datore di lavoro : Persona: Giacomo Deferrari Requisiti/Qualifica: Rettore Recapito: Via Balbi, 5 RSPP (Responsabile del servizio prevenzione e protezione) : Persona: Umberto Benatti Requisiti/Qualifica: RSPP Recapito: Medico competente coordinatore : Persona: Alfredo Dino Bonsignore Requisiti/Qualifica: Medico competente Recapito: Dirigenti: Persona: Paolo Blondeaux Requisiti/Qualifica: Direttore del dipartimento Recapito: Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE

10 Lavoratori addetti alla gestione di emergenze e misure di lotta antincendio: Persona: Antonio Brencich Requisiti/Qualifica: LELA Recapito: Persona: Giancarlo Cassini Requisiti/Qualifica: LELA Recapito: Persona: Silvia Penco Requisiti/Qualifica: LELA Recapito: Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE

11 SEZIONE 4. VALUTAZIONE DEI RISCHI La VDR (valutazione dei rischi) è stata effettuata con la partecipazione, secondo le rispettive competenze e attribuzioni, delle figure richiamate nella sezione 3 del presente documento. I principali strumenti utilizzati nella valutazione sono stati: 1. Esame del rischio incendio a cura del SPP. Esame di Libretti d'uso e Manutenzione di Macchine e Attrezzature 3. Esame di schede Tecniche e di Sicurezza di Sostanze Impiegate 4. Esame ed Analisi Statistica del registri infortuni 5. sopralluogo con personale qualificato Gli elementi raccolti con le attività di cui sopra sono esaminati nel seguito con le modalità dettagliate con la metodica di cui al paragrafo successivo Metodologia di valutazione dei rischi I rischi sono stati valutati con metodi qualitativi e quantitativi. I vari risultati sono stati ricondotti in una caratterizzazione numerica univoca per renderli confrontabili tra loro. Questo perché il momento di valutazione dei rischi deve essere connesso alla messa in atto delle misure di tutela la cui pianificazione deve essere legata ai livelli di rischio rilevati. La presente valutazione è stata pertanto effettuata riconducendo tutti i rischi a una scala semiquantitativa che prevede 16 livelli di peso crescente. I fattori di rischio sono stati individuati utilizzando i riferimenti stabiliti da - leggi (italiane e comunitarie con circolari e giurisprudenza di merito); - normative e standard di buona tecnica (norme UNI, ISO, EN, CEI, Unichim, ecc.); - linee guida nazionali e internazionali (ISPESL, regioni ecc.); - letteratura del settore e pubblicazioni scientifiche. La VDR ha preso in considerazione tutti i rischi e ha previsto: 1. Esame dell azienda in termini di luoghi, lavorazioni e mansioni;. Identificazione dei fattori di rischio e loro classificazione; 3. Verifica della conformità normativa; 4. Stima dei rischi per gruppo di lavoratori. I singoli rischi sono valutati con la relazione R = P x G dove il Rischio R risulta definito dal prodotto di G, gravità delle conseguenze di un evento indesiderato, e P, la probabilità che tale Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

12 evento accada in un certo tempo. Sono definiti 4 livelli di gravità crescenti e altrettanti livelli di probabilità che portano questo tipo di valutazione a classificare i diversi rischi in 9 categorie (1,, 3, 4, 6, 8, 9, 1, 16) di peso crescente originate con gli schemi delle tabelle seguenti. Le tavole di caratterizzazione per l assegnazione dei parametri P e G sono riportate nelle tabelle che seguono. Probabilità 1 = BASSISSIMA = MEDIO-BASSA 3 = MEDIO-ALTA 4 = ELEVATA Caratterizzazione del giudizio L evento dannoso è improbabile. La sua manifestazione è legata al contemporaneo verificarsi di più eventi indipendenti e poco probabili. L'evento non si è mai presentato durante l'attività produttiva Dalle informazioni acquisite risulta che anche in attività produttive analoghe l evento non si presenta L evento dannoso è poco probabile ma possibile. L evento è legato al contemporaneo verificarsi di più eventi non necessariamente indipendenti e di probabilità non trascurabile. L'evento si è presentato raramente durante l'attività produttiva. L'evento non si è mai presentato durante l'attività produttiva ma dalle informazioni acquisite risulta questo di manifesti a volte in attività produttive analoghe. L evento dannoso è probabile. Tipicamente legato a funzionamenti anomali delle macchine e degli impianti, non rispetto delle procedure di lavoro, non utilizzo dei mezzi di prevenzione e protezione. L'evento si è presentato con una certa frequenza durante l'attività produttiva. Dalle informazioni acquisite risulta questo evento si manifesti con regolarità in attività produttive analoghe. L evento dannoso è altamente probabile e tende a verificarsi diverse volte. L'evento si presenta molto frequentemente nell'attività produttiva. Dalle informazioni acquisite risulta questo di manifesti a volte in attività produttive analoghe. Gravità 1 = TRASCURABILE = MODESTA 3 = NOTEVOLE 4 = INGENTE Caratterizzazione del giudizio Il danno è rapidamente reversibile e di scarsa entità. Non comporta l abbandono del posto di lavoro e inabilità temporanea. Il danno comporta una parziale limitazione funzionale reversibile in pochi giorni con completo ripristino della capacità lavorativa Il danno comporta una limitazione funzionale reversibile solo dopo un certo tempo con eventuale modesta riduzione della capacità lavorativa. Il danno è irreversibile e comporta una notevole e permanente riduzione della capacità lavorativa, o l inabilità, o la morte. Questo tipo di classificazione comporta il fatto che i risultati delle valutazioni strumentali di rischi particolari (radiazioni ionizzanti, agenti fisici ecc.) siano ricondotti alla stessa scala di valutazione di cui sopra in modo da rendere tutti i rischi valutati confrontabili tra loro. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

13 4. Classificazione in gruppi omogenei Il gruppo omogeneo di lavoratori, equivale a un insieme di lavoratori che, per le lavorazioni svolte, e/o per i luoghi frequentati, possono essere considerati omogenei dal punto di vista dell esposizione ai rischi. Nella tabella che segue sono descritti i gruppi omogenei individuati per l attività in esame. Gruppo Omogeneo: Amministrativi Descrizione Attività: Personale con mansioni amministrative Reparto/i: Uffici Macchina/e : - Sostanza/e: - Note: - Gruppo Omogeneo: Tecnici Descrizione Attività: Personale con mansioni tecniche sia di officina, misure esterne e rischio chimico Reparto/i: Studi Officine Laboratorio Ingegneria strutturale Laboratorio Galleria del Vento Laboratorio Ingengeria Ambientale Laboratorio ingengeria dei Materiali Macchina/e: Varie macchine del dipartimento Sostanza/e: Varie sostanze chimiche Note: - Gruppo Omogeneo: Docenti Descrizione Attività: Personale con mansioni di docenza e di ricerca, presenza santuaria in laboratori per eventuale ricerca e tesi sperimentali Reparto/i: Studi Aule Macchina/e : - Sostanza/e: - Note: - Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

14 Gruppo Omogeneo: Collaboratori esterni in officina Descrizione Attività: Personale esterno che utilizza macchine in officina Reparto/i: Officine Macchina/e: varie macchine del dipartimento Sostanza/e: - Note: - Gruppo Omogeneo: Discenti Descrizione Attività: Altro personale : assegnisti, collaboratori, dottorandi, tesisti Reparto/i: Uffici Studi Biblioteche Macchina/e : - Sostanza/e: - Note: Identificazione e valutazione dei rischi L esame delle lavorazioni ha permesso di individuare i fattori di rischio applicabili ai diversi reparti e gruppi omogenei. Si riportano nel seguito le evidenza emerse nella valutazione dei singoli fattori. Luoghi di lavoro Pavimenti e corridoi interni Tutti i reparti 1 È esposto il divieto di ingresso ai non addetti nei locali o zone di transito interne pericolose Esistono gli spazi ed i mezzi per il posizionamento ottimale di materiali ed attrezzature I pavimenti degli ambienti di lavoro e dei luoghi di passaggio sono idonei alla natura delle lavorazioni svolte ed omogenei Il pavimento degli ambienti di lavoro e dei luoghi destinati al passaggio viene mantenuto pulito Le aree di transito interne hanno illuminamento adeguato Le zone di passaggio sono chiaramente delimitate con segnaletica orizzontale e verticale Le zone di passaggio sono mantenute libere da ostacoli Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

15 Luoghi di lavoro Strutture, spazi e arredi Tutti i reparti Gli scarti di lavorazione e i rifiuti dei materiali pericolosi sono asportati con adeguata frequenza e con modalità corrette. Gli spazi di lavoro sono protetti da umidità, infiltrazioni e agenti atmosferici Gli spazi lavorativi sono adeguati a garantire la sicurezza dei movimenti nelle lavorazioni svolte I luoghi di lavoro hanno illuminamento adeguato. Il piano di calpestio degli spazi di lavoro è adeguato alle condizioni d'uso e lavorazioni svolte Il piano di calpestio degli spazi di lavoro è pulito, libero da sostanze sdrucciolevoli e drenante Il piano di calpestio degli spazi di lavoro è regolare ed uniforme La distanza tra i macchinari è adeguata al passaggio La superficie di lavoro è libera da ostacoli e ci sono spazi per il corretto posizionamento di materiali e attrezzature Le aperture nelle pareti sono protette con parapetto di almeno 1 m (90 cm per le finestre) Le aree di lavoro sono adeguate agli standard minimi di cubatura e superficie per lavoratore Le finestre, i lucernai, gli infissi e i serramenti sono sicuri e mantenuti in buono stato di conservazione Le strutture non presentano crepe, distacchi e altri segni di dissesto. Pareti e soffitti sono tinteggiati con colori chiari Luoghi di lavoro Igiene e servizi Tutti i reparti 1 I lavoratori dispongono, in prossimità dei posti di lavoro, di locali dotati di un numero sufficiente di gabinetti e di lavabi con acqua calda, se necessario e dotati di adeguati detergenti e mezzi per asciugarsi. Le attrezzature, gli arredi, gli ambienti di lavoro e i servizi accessori sono mantenuti in condizioni di accurata pulizia. Nei casi previsti dall'all. IV al TU, è vietato consumare i pasti nei locali di lavoro (materie insudicianti ecc.). Nei luoghi di lavoro o nelle loro immediate vicinanze è messa a disposizione dei lavoratori acqua in quantità sufficiente, tanto per uso potabile quanto per lavarsi. Sono disponibili gabinetti separati per uomini e donne (vedere le limitazioni del punto 1.13 dell'all. IV al TU). Luoghi di lavoro Porte e vie di esodo Tutti i reparti Gli ambienti di lavoro dispongono di vie di uscita alternative dì direzioni diverse. I locali dispongono di uscite di emergenza in numero e dimensioni adeguati. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

16 I luoghi di lavoro a rischio d'incendio alto e medio, soggetti a controllo da parte dei V.V.F., hanno uscite di piano rispondenti ai requisiti previsti dalla normativa di prevenzione incendi. Il percorso di esodo dai locali ad alto rischio di incendio non supera i 30 m e l'eventuale tratto monodirezionale non supera i 15 m. L'altezza minima delle uscite di piano è pari a m. Le porte dei locali di lavoro consentono una rapida uscita dei lavoratori Le porte dei locali di lavoro sono in numero e dimensioni adeguate con riferimento all'all. IV DLgs 81/08 punto 1.6. Le uscite che danno su aree esterne sono protette e segnalate in modo da evitare che vengano ostruite. Le uscite di piano e le porte installate lungo le vie di esodo sono chiaramente segnalate e dotate di illuminazione di emergenza. Le uscite di piano sono di tipo a battente e si aprono nel verso dell'esodo in modo facile e immediato. Le uscite di piano, le porte e i percorsi di esodo sono indipendenti tra loro e sgombri da ostacoli e permettono l'uscita rapida e sicura. Il percorso viene sistematicamente controllato applicando una specifica procedura. Le uscite e le vie di transito che che immettono direttamente in una via di transito di mezzi meccanici sono adeguatamente protette. Le vie di esodo sono adeguatamente illuminate, anche in assenza di alimentazione elettrica, per consentire la visibilità sufficiente fino al luogo sicuro (compreso il tratto esterno). Le vie di esodo sono adeguatamente segnalate. Nei luoghi di lavoro a rischio d'incendio alto e medio, soggetti a controllo da parte dei V.V.F.., la lunghezza massima dei percorsi di esodo in caso di emergenza risponde alla specifica normativa di prevenzione incendi e al progetto. Accesso in quota Ponteggi movibili (trabattelli) Tecnici I trabattelli non hanno altezza superiore a m e non vengono montati sugli impalcati dei ponteggi. I trabattelli non sono movimentati quando sono presenti lavoratori o carichi sugli stessi. I trabattelli sono stabili e costruiti secondo le prescrizioni di norma. I trabattelli sono stabili in relazione alle condizioni d'uso normali e prevedibili (vento, oscillazioni ecc.). Le verifiche preventive e le azioni da mettere in atto nell'uso di trabattelli non sono regolamentate. Macchine Generale Tecnici 0 Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

17 Macchine Generale Collaboratori esterni in officina 3 E' fatto divieto di intervenire sugli organi della macchina durante il moto. E' prevista l'utilizzazione di mezzi di DPI per il lavoro con macchine qualora i rischi non siano stati evitati o sufficientemente ridotti. Gli elementi accessibili delle macchine non hanno parti in gradi di causare lesioni. Gli impianti elettrici delle macchine sono protetti contro contatti diretti e indiretti e contro sovraccarichi e cortocircuiti. Gli organi di azionamento delle macchine sono robusti e posizionati in zone sicure, facilmente riconoscibili e manovrabili. I lavoratori incaricati dell'uso di attrezzature di lavoro pericolose sono adeguatamente e specificamente addestrati. I lavoratori sono stati informati sui rischi a cui sono esposti durante l'uso delle macchine in condizioni normali e anormali prevedibili, anche in relazione ai rischi che queste possono causare a terzi. I lavoratori sono stati informati sulla necessità di astenersi dal lavoro e/o avvisare i diretti superiori in caso di semplice o tale da produrre un pericolo grave e immediato. I motori che, per loro caratteristiche di costruzione, costituiscono pericolo per chi li avvicina sono installati in appositi locali o recintati o comunque protetti. I requisiti per l'uso della macchina e la segnalazione delle anomalie non sono disciplinate da apposita procedura. I ripari mobili (schermi, cuffie, barriere ecc.) degli elementi in movimento delle macchine, quando aperti, restano solidali alla macchina. I ripari non mobili sono fissati saldamente alla macchina con sistemi che richiedono l'uso di utensili per la loro apertura. I ripari regolabili manualmente si possono regolare facilmente e senza necessità di attrezzi. L'accesso alle macchine per i normali lavori di manutenzione e riparazione è agevole e sicuro. L'apertura o il mancato funzionamento delle protezioni delle parti mobili causa l'arresto di queste parti (presse, cesoie, pulegge ecc.). Le macchine che possono produrre proiezione di pezzi o schegge sono dotate di schermi di protezione. Le macchine immesse sul mercato o modificate dopo il 1/9/1996 sono dotate di marcatura di conformità alla normativa CE. Le macchine sono assoggettate alle misure di aggiornamento dei requisiti minimi di sicurezza. Le macchine sono utilizzate in condizioni di illuminazione tali da evitare l'insorgere di rischi. Le macchine sono utilizzate, in tutte le loro fasi, in maniera conforme alle indicazioni del fabbricante. L'interruzione e il successivo ripristino della fornitura dell'energia elettrica non comportano il riavviamento automatico della macchina (dispositivo contro il riavvio accidentale). L'utilizzo delle macchine è demandato a lavoratori in possesso delle competenze necessarie. Nella scelta, installazione e uso delle macchine sono considerate le caratteristiche specifiche del lavoro da svolgere in relazione alle implicazioni di sicurezza e ai principi di ergonomia. Nelle macchine che li richiedono (quelle in cui questi non comportano rischi aggiuntivi) sono presenti uno o più dispositivi di arresto di emergenza, individuabili, ben visibili e rapidamente accessibili. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

18 Sono adottate misure affinché gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria vengano effettuati in sicurezza. Sono messe in atto e programmate le misure per la riduzione dei rischi associati all'uso delle macchine. Macchine Macchine mobili Collaboratori esterni in officina, Tecnici E' garantita una adeguata visibilità al conduttore di macchine semoventi. I requisiti per l'uso della macchina e la segnalazione delle anomalie non sono disciplinate da apposita procedura. Le macchine semoventi sono condotte da lavoratori incaricati e in possesso delle capacità adeguate. Macchine Altre per metalli senza specifiche Collaboratori esterni in officina, Tecnici I pezzi da forare al trapano sono adeguatamente trattenuti in modo da evitare proiezioni e trascinamenti. I requisiti per l'uso della macchina e la segnalazione delle anomalie non sono disciplinate da apposita procedura. Nei torni, le viti o la briglia di fissaggio del pezzo al mandrino sono incassate o protette. Macchine Per legno senza specifiche Collaboratori esterni in officina, tecnici 3 I requisiti per l'uso della macchina e la segnalazione delle anomalie non sono disciplinate da apposita procedura. Attrezzature e lavorazioni manuali Generale Collaboratori esterni in officina, tecnici Gli attrezzi manuali che possono provocare proiezione di parti, schegge e materiali sono adeguatamente protetti. Gli attrezzi manuali si trovano in un buono stato di pulizia e conservazione. Questi sono riposti ordinatamente in luoghi appositi e sicuri, quando non utilizzati. Gli attrezzi manuali sono di tipologia, quantità e caratteristiche idonee al lavoro da svolgere, nella scelta sono presi in considerazione criteri di sicurezza ed ergonomia. I controlli periodici da mettere in atto per la verifica delle lavorazioni manuali non sono regolamentati. I lavoratori sono formati all'utilizzo corretto e sicuro degli attrezzi manuali. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

19 Le condizioni di illuminazione consentono l'uso sicuro degli attrezzi manuali. L'uso di eventuali utensili di lavoro pericolosi è demandato a lavoratori appositamente incaricati. Attrezzature e lavorazioni manuali Saldatura manuale Collaboratori esterni in officina, Tecnici Fra gli apparecchi a fiamma libera e/o i corpi incandescenti e i generatori di gas viene mantenuta una adeguata distanza di sicurezza. Gli apparecchi mobili di saldatura al cannello sono trasportati all'interno dei locali di lavoro in condizioni di sicurezza. Gli apparecchi per saldatura elettrica o per operazioni simili non hanno la derivazione diretta dalla corrente di alimentazione in assenza di trasformatore con avvolgimento secondario isolato dal primario. Gli apparecchi per saldatura elettrica o per operazioni simili sono provvisti di interruttore omnipolare sul circuito primario di derivazione della corrente elettrica. I recipienti di gas compressi o liquefatti sono efficacemente ancorati al fine di evitarne la caduta. La segnalazione di quasi incidenti nella saldatura manuale non è prevista. Le derivazioni di gas acetilene o di altri gas combustibili di alimentazione del cannello di saldatura sono protette da valvola idraulica o altro dispositivo di sicurezza di funzione equivalente. Attrezzature e lavorazioni manuali Manipolazione di oggetti Collaboratori esterni in officina, Tecnici Gli oggetti da manipolare sono mantenuti puliti e non scivolosi. Gli oggetti sono usati, trasportati e posizionati in modo da minimizzare il rischio di caduta. il livello di illuminazione è adeguato alle attività di manipolazione da effettuare. La forma e le dimensioni degli oggetti da manipolare garantiscono le migliori condizioni di uso. La manipolazione di oggetti o materiali pericolosi (per forma, temperatura ecc.) viene effettuata in condizioni di sicurezza. La manipolazione di oggetti o prodotti taglienti o pungenti si effettua con mezzi o sistemi che prevengono i contatti diretti. Le modalità ottimali per la manipolazione di oggetti non sono disciplinate da apposita procedura. Rischi elettrici Generale Tutti i reparti 3 A seguito della valutazione del rischio elettrico sono state adottate specifiche misure di tutela. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

20 E' stata effettuata una specifica valutazione dei rischi elettrici. Gli impianti elettrici sono mantenuti soggetto abilitato. Gli impianti elettrici sono periodicamente controllati per verificarne lo stato di conservazione ed efficienza ai fini della sicurezza. Gli impianti elettrici sono stati realizzati secondo la regola d'arte, come definita dalle norme di buona tecnica. Gli organi di interruzione, manovra e sezionamento elettrico sono alloggiati in idonei quadri elettrici chiusi. L'impianto dispone di protezioni contro le sovratensioni e i sovraccarichi. L'impianto elettrico è dotato di idoneo interruttore differenziale. Rischi elettrici Attrezzature elettriche Officine Le attrezzature elettriche recano l'indicazione delle caratteristiche costruttive, tensione, intensità e tipo di corrente e altre eventuali caratteristiche importanti per l'uso in sicurezza. Le verifiche e i controlli sulle attrezzature elettriche non sono disciplinate da apposita procedura. Rischi elettrici Attrezzature elettriche Laboratorio Ingegneria strutturale Le attrezzature elettriche recano l'indicazione delle caratteristiche costruttive, tensione, intensità e tipo di corrente e altre eventuali caratteristiche importanti per l'uso in sicurezza. Le verifiche e i controlli sulle attrezzature elettriche non sono disciplinate da apposita procedura. Rischi elettrici Attrezzature elettriche Laboratorio Galleria del Vento Le attrezzature elettriche recano l'indicazione delle caratteristiche costruttive, tensione, intensità e tipo di corrente e altre eventuali caratteristiche importanti per l'uso in sicurezza. Le verifiche e i controlli sulle attrezzature elettriche non sono disciplinate da apposita procedura. Rischi elettrici Attrezzature elettriche Laboratorio Ingengeria Ambientale Le attrezzature elettriche recano l'indicazione delle caratteristiche costruttive, tensione, intensità e tipo di corrente e altre eventuali caratteristiche importanti per l'uso in sicurezza. Sezione Versione 1 Data 0/07/009 Pag VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Via Augusto Albini, 16 r. 16149 - GENOVA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento di cui all art. 17 comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/008 (DVR) Versione 1 Il Responsabile del Servizio Prevenzione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze Adempimento degli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008.

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA COMUNE DI SIENA Allegato B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA (ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.lgs 81/2008)

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

Corso per RSPP ATECO 3-4-5-6-7-8-9

Corso per RSPP ATECO 3-4-5-6-7-8-9 Corso per RSPP ATECO 3-4-5-6-7-8-9 LEZIONE ARGOMENTO Durata Docente RC1 Data: 2 Rischi chimici e Cancerogeni Mutageni Introduzione a. Inquadramento normativo b. Termini e definizioni RC2 Data: 2 Rischi

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

Cosa è la valutazione dei rischi

Cosa è la valutazione dei rischi 1 Principali obiettivi formativi Cos è la la valutazione dei rischi Chi deve fare la la valutazione Documento della valutazione Criteri per la la valutazione Cosa è la valutazione dei rischi Secondo il

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE

Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE Allegato 3 Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA CUREZZA E LA SALUTE Legale Rappresentante Datore di lavoro Preposti Responsabile del Servizio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto:

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto: ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA Oggetto: DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO D. LEG. 9/04/2008 SCUOLA MEDIA RANNA VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA ANNO

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26, co.3-ter

Dettagli

Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti)

Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti) Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti) Ai sensi all Accordo Stato-Regioni del 26.01.2006 n 2407 (G.U. 14.02.2006 n 37) su direttive dell ex DLgs 195/03 e del vigente DLgs 81/08

Dettagli

Michele Lepore PRONTUARIO. delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA

Michele Lepore PRONTUARIO. delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA Michele Lepore PRONTUARIO delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA Guida agli adempimenti tecnico-amministrativi di prevenzione infortuni, igiene del lavoro e prevenzione

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore. Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore

Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore. Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Normativa di riferimento Requisiti di ammissione Durata e modalità Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Il modulo B5 è il corso

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

Corso di formazione per lavoratori

Corso di formazione per lavoratori Corso di formazione per lavoratori rischio alto16 ore Servizio di Prevenzione e Protezione Pericolo Definizione di Pericolo art. 2, lettera r, D.Lgs. 81/08 Proprietà o qualità intrinseca di un determinato

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

CRITERI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) CRITERI DI VALUTAZIOE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI Anno Scolastico 04/05 Il Datore di Lavoro Ing. Andrea Tommaselli firma autografa

Dettagli

Rischi per la Sicurezza

Rischi per la Sicurezza Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 4 Rischi

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro LEGGE DI MURPHY Niente è facile come sembra Tutto richiede

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA COMUNE DI COSSIGNANO Gara per l affidamento del servizio di mensa scolastica per la scuola dell infanzia e la scuola primaria anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO (Articoli 18, 28, 29 D. Lgs. 9 aprile 2008) Data: 02/07/2009 Azienda: Azienda SPA Indirizzo: Via Roma, 1 Città: Milano EDIZIONE DATA DESCRIZIONE FIRMA (datore lavoro) Principale

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza In collaborazione con: Con il coordinamento scientifico di: Tabella 1. Prospetto delle Classi di Laurea Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Normativa Con l'introduzione

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

(D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni)

(D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni) Catalogo Corsi di Formazione in materia di Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni) Per ulteriori informazioni e per conoscere le date dei corsi pianificati scrivere

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO VIA GRIGIONI 19

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO VIA GRIGIONI 19 PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO VIA GRIGIONI 19 APPENDICE A.7 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DEL WTE DEPOSITO TEMPORANEO DI RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

PIANO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

PIANO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 PIANO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (art. 28/29 D. Lgs. 81/2008 e s.m.i.) LUOGHI DI LAVORO DIREZIONE COMUNALE ALESSANDRIA

Dettagli

RSPP DATORE DI LAVORO

RSPP DATORE DI LAVORO RSPP DATORE DI LAVORO RSPP RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il corso si propone la finalità di fornire ai Datori di Lavoro le conoscenze necessarie per poter svolgere direttamente

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto) Il presente documento unico di valutazione dei rischi da interferenze è redatto ai fini dell adempimento

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI Premessa Il presente documento contiene l elenco esemplificativo della documentazione aziendale, eventualmente

Dettagli

Date delle lezioni del corso: Sede del corso: Segreteria organizzativa: Programma del corso: Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00

Date delle lezioni del corso: Sede del corso: Segreteria organizzativa: Programma del corso: Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Date delle lezioni del corso: Data Ora Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Martedì 10 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Giovedì 12 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Martedì

Dettagli

COMUNE di RONCADELLE (Provincia di Brescia)

COMUNE di RONCADELLE (Provincia di Brescia) COMUNE di RONCADELLE (Provincia di Brescia) Ufficio Servizi Sociali e Pubblica Istruzione Allegato al Capitolato d Appalto per la gestione del servizio di Assistenza Ad Personam per gli alunni disabili

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO RLS RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA. Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81

PROGRAMMA DEL CORSO RLS RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA. Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81 PROGRAMMA DEL CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81 Durata del corso Sede del corso 32 ore Ambiente e Lavoro srl Strada Gragnana 17/A 29121 Piacenza

Dettagli

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica Anno Scolastico 2013/2014 e 2014/2015 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

ALLEGATO B AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AZIONI NEL TERRITORIO A SOSTEGNO DI UNA RETE EDUCATIVA E SOCIALE PERIODO SETTEMBRE 2015/LUGLIO 2018

ALLEGATO B AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AZIONI NEL TERRITORIO A SOSTEGNO DI UNA RETE EDUCATIVA E SOCIALE PERIODO SETTEMBRE 2015/LUGLIO 2018 ALLEGATO B AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AZIONI NEL TERRITORIO A SOSTEGNO DI UNA RETE EDUCATIVA E SOCIALE PERIODO SETTEMBRE 2015/LUGLIO 2018 1 Rischi da carenze strutturali dell ambiente di lavoro

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE

OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE MINIMIZZARE I DANNI ALLE PERSONE AGEVOLARE L ESODO DALLE STRUTTURE PREVENIRE O LIMITARE I DANNI AL PATRIMONIO, ALL ATTIVITA LAVORATIVA ED AGLI AMBIENTI

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

Comune di Roccafranca

Comune di Roccafranca Comune di Roccafranca PROVINCIA DI BRESCIA 25030 Roccafranca (BS) C.F. 00729210179 P.IVA 00576090989 Tel.: 030 7092005-53 Fax: 030 7090235 Sito internet: www.comune.roccafranca.bs.it e-mail: protocollo@pec.comune.roccafranca.bs.it

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (art. 26, D.Lgs. 81/08)

D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (art. 26, D.Lgs. 81/08) D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (art. 26, D.Lgs. 81/08) Appalto: AFFIDAMENTO DELL APPALTO DI LAVORI DI MANUTENZIONE, NONCHÉ DI PULIZIA E GIARDINAGGIO DELLA SEDE DELL ENPAPI,

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 Servizio Prevenzione e Protezione FORMAZIONE GENERALE AI LAVORATORI SUI RISCHI AZIENDALI art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO DEI LAVORATORI

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro Art. 2. - Valutazione dei rischi di incendio 1. Obbligo del datore

Dettagli

IL DL D.Lgs. 9 aprile 2008 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (G.U. n. 101 del 30 aprile 2008)

Dettagli

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo Centro di Ateneo per la Ricerca, Trasferimento e Alta Formazione nell'ambito dello studio delle condizioni di rischio e di sicurezza e per lo sviluppo delle attività di protezione civile ed ambientale

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Castegnato. ISTITUZIONE SCOLASTICA / DATORE DI LAVORO (denominazione da inserire prima dell avvio del servizio)

COMMITTENTE Comune di Castegnato. ISTITUZIONE SCOLASTICA / DATORE DI LAVORO (denominazione da inserire prima dell avvio del servizio) ALLEGATO 2 - DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO (art. 26, commi 3 e 3-ter del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, come modificato e integrato dal D. Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) allegato al Bando

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

Servizi offerti. Sicurezza e Ambiente di lavoro - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i

Servizi offerti. Sicurezza e Ambiente di lavoro - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i Obiettivo della Riccardi è di fornire supporto a tutte le realtà professionali nell assolvimento delle problematiche tecnico/legislative in ambito di igiene del lavoro, sicurezza dei lavoratori e sicurezza

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

CORSI RSPP/ASPP Mod. B sett. 3-4-5-6

CORSI RSPP/ASPP Mod. B sett. 3-4-5-6 Programma Generale corso RSPP mod. B Macrosettori: RSPP B (at. 3, edilizia, escavazione - 60 ore) RSPP B (at. 4, manifatturiero - 49 ore) RSPP B (at. 5, chimico - 69 ore) RSPP B (at. 6, trasporti - 26

Dettagli

RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori

RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori OBIETTIVO DEL CORSO: Acquisire nozioni utili in tema di salute e sicurezza, conoscere compiti e responsabilità dei soggetti

Dettagli

Comune di Nonantola. Via Marconi 11 Nonantola (MO) xxxxx. xxxxx

Comune di Nonantola. Via Marconi 11 Nonantola (MO) xxxxx. xxxxx Documento Unico di Valutazione dei Rischi redatto ai sensi del D.Lgs. 9/4/8 n 81 art.26, comma 3 AFFIDAMENTO PARZIALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO PER IL PERIODO 1 SETTEMBRE 214 31 AGOSTO 216.

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI PREPOSTI SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI 21.12.2011 FORMAZIONE GENERALE Lavoratori definiti secondo

Dettagli

Piano Operativo di Sicurezza

Piano Operativo di Sicurezza MODELLO DI Piano Operativo di Sicurezza POS Modello PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA IMPRESA: INDIRIZZO CANTIERE: OPERA DA REALIZZARE: COMMITTENTE: Il presente piano costituisce la prima edizione. Il presente

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO SS 309 ROMEA KM 2,6 - RAVENNA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO SS 309 ROMEA KM 2,6 - RAVENNA PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO SS 309 ROMEA KM 2,6 - RAVENNA APPENDICE B5 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DI PRODUZIONE CDR E DELL IMPIANTO

Dettagli

P.IVA 0242905 069 9 n. R.E.A. CH - 178338 Via A. Barrella,63,61 66034 LANCIANO (CH) Tel. 0872/470057 info@humanfactorysrl.com www.humanfactorysrl.

P.IVA 0242905 069 9 n. R.E.A. CH - 178338 Via A. Barrella,63,61 66034 LANCIANO (CH) Tel. 0872/470057 info@humanfactorysrl.com www.humanfactorysrl. 1 2 ELENCO CORSI Abilità Personali Sviluppo delle competenze trasversali Leggere la Busta Paga Gestione e Amministrazione del personale base Gestione e Amministrazione del personale avanzato Formazione

Dettagli

La Normativa di Sicurezza nelle Università- PREVENZIONE DAGLI AGENTI CHIMICI

La Normativa di Sicurezza nelle Università- PREVENZIONE DAGLI AGENTI CHIMICI La Normativa di Sicurezza nelle Università- PREVENZIONE DAGLI AGENTI CHIMICI A cura Dell ing. Sabina Spagnolo E dell Ufficio Sicurezza e Qualità del Dipartimento di Ingegneria dell Innovazione Coordinatore

Dettagli

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 81 La prevenzione incendi Disposizioni generali Restano inalterate, rispetto al D.Lgs. 626/94, le disposizioni sulla prevenzioni incendi La prevenzione incendi è la funzione

Dettagli

Prospetto informativo corso

Prospetto informativo corso Prospetto informativo corso Descrizione del corso RLS "In tutte le aziende, o unità produttive, è eletto o designato il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza" (RLS). Così recita il D.Lgs. 81/08

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. Capo I Uso delle attrezzature di lavoro

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. Capo I Uso delle attrezzature di lavoro TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Capo I Uso delle attrezzature di lavoro Articolo 69 Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98)

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) RISC_INC Rev. 1 Pagina 1 di 12 Sede direzionale / amministrativa NOMINATIVO AZIENDA

Dettagli

La SSL nella Polizia di Stato DOMANI

La SSL nella Polizia di Stato DOMANI Via Alessandria 220/E - 00198 Roma LA CLASSIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI IN RELAZIONE ALLA NORMATIVA Ambienti di lavoro CRISTIANO DE LUCA 1 La SSL nella Polizia di Stato DOMANI BOZZA REGOLAMENTO

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE

CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE Corso di Abilitazione per ASPP/RSPP (Ambito Sanitario) MODULI A-B7-C (corso residenziale) in collaborazione con OMCEO - dei medici-chirurghi e degli odontoiatri CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

PROGRAMMA. TITOLO ARGOMENTI TEMPI Modulo A 1. 4 ore. Presentazione del corso

PROGRAMMA. TITOLO ARGOMENTI TEMPI Modulo A 1. 4 ore. Presentazione del corso PROGRAMMA Modulo A 1 Presentazione del corso L approccio alla prevenzione attraverso il D.Lgs. 626/94 per un percorso di miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori. Il sistema legislativo:

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. A

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. A PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. A DATA ARGOMENTI ORARIO L approccio alla attraverso il D. Lgs. 626/94 per un percorso di miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori La filosofia del D. Lgs.

Dettagli

Area Servizi ai Cittadini Ufficio Pubblica Istruzione Via A. da Brescia, 2 25034 Orzinuovi

Area Servizi ai Cittadini Ufficio Pubblica Istruzione Via A. da Brescia, 2 25034 Orzinuovi Allegato n. 1A Area Servizi ai Cittadini Ufficio Pubblica Istruzione Via A. da Brescia, 2 25034 Orzinuovi INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Artt. 26 comma 3, 5 D.

Dettagli

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA 01. E stata effettuata una specifica Valutazione dei rischi associati alle porte dei locali, e alle porte e vie di uscita in caso di emergenza 02. Le porte dei locali di lavoro consentono una comoda e

Dettagli

PROGRAMMA. UNITÀ DIDATTICA 1 Il sistema normativo: esame delle normative di riferimento. MODULO I: Normative di riferimento

PROGRAMMA. UNITÀ DIDATTICA 1 Il sistema normativo: esame delle normative di riferimento. MODULO I: Normative di riferimento Formazione obbligatoria per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) negli ambienti di lavoro di ufficio Art. 37 D.Lgs n 81/08 e successive modifiche di cui al D.Lgs. 106/09 della durata

Dettagli

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Comune di Prato Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (Art26, comma 3 del DLgs n81/2008) OGGETTO DELL'APPALTO Servizio di Assistenza Educativa Specialistica agli alunni diversamente abili in età evolutiva

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione IL D.LGS. 81/08 (come già previsto dal D.Lgs.. 626/94) INDICA IL PERCORSO DA COMPIERE PER INNALZARE IL LIVELLO DI SICUREZZA E QUALITA

Dettagli

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.)

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Sezione o Faldone Argomento Documentazione Rif. Legislativo Documento: Emittente / Oggetto

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita Alcuni dati: andamento storico (Fonte INAIL) Alcuni dati

Dettagli

AFFIDAMENTO SERVIZO DI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

AFFIDAMENTO SERVIZO DI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ANTHEA S.R.L. VIA DELLA LONTRA 30, 47923 RIMINI (RN) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (EX ART. 26 DEL D.LGS. 81/2008) AFFIDAMENTO SERVIZO DI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

Dettagli

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno PERICOLO: proprietà intrinseca di un fattore (attrezzature, sostanze, pratiche di lavoro ecc.) di poter causare danni RISCHIO: è la probabilità che si verifichino

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP)

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) Premessa Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), come definito nel D.Lgs.

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

Formazione generale 4 ore Può essere svolta in modalità e-learning. Formazione generale Rischio Medio 8 ore

Formazione generale 4 ore Può essere svolta in modalità e-learning. Formazione generale Rischio Medio 8 ore LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN BASE ALL ACCORDO STATO-REGIONI L Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 disciplina la durata, i contenuti minimi, le modalità della formazione ed aggiornamento dei lavoratori

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli