DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (parte 5: rischi stress lavoro- correlati) Art. 17 comma 1, lett.a) D.Lgs 81/2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (parte 5: rischi stress lavoro- correlati) Art. 17 comma 1, lett.a) D.Lgs 81/2008"

Transcript

1 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8

2 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 INDICE DEGLI ARGOMENTI Rev. 0 Parte Pag di 8 Parte : Valutazione Rischi Stress Lavoro-Correlati. Premessa generale pag. Quadro normativo di riferimento pag Criteri di valutazione Attività di valutazione ASL. Premessa metodologia e criteri di valutazione pag Valutazione preliminare pag Indicazioni valutazione preliminare pag Valutazione approfondita..... pag Indicazioni valutazione approfondita.pag Sviluppi ed azioni di miglioramento per riduzione rischio SLC pag Azioni di miglioramento già in atto per riduzione rischio SLC.. pag Informazione.pag. Formazione... pag 6. Sorveglianza sanitaria pag 6 Allegato I Allegato II.. Allegato III.. Allegato IV -.. Allegato V - pag pag pag pag pag 7 6 8

3 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8. PREMESSA GENERALE Il presente documento, denominato 8 parte, rev.0 sostituisce il precedente documento specifico denominato SLC, Rev.0 datato giugno 0, e concerne la prevenzione e protezione dai rischi da stress lavoro-correlato nei luoghi di lavoro, secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8 ottobre 00, previsti nel Titolo I PRINCIPI COMUNI del D.Lgs. 8/08, ed in particolare nel Capo III, sezione II Valutazione dei rischi, art.8, commi e -bis; la presente valutazione tiene conto delle indicazioni al riguardo emesse dalla Commissione Consultiva permanente (ex art.6 c.8, lett. m-quater DLgs. 8/08 citato) e trasmesse dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali con propria lettera circolare prot. /SEGR/0069 del 8..00, nonché delle Linee Guida emesse sull argomento dall INAIL nel 0 La valutazione prende in esame le attività svolte in tutti i luoghi di lavoro pertinenza dell ASL di Viareggio di Gruppo di valutazione: la Valutazione SLC, ai sensi della citata Lettera Circolare del 8..00, è stata effettuata dal Datore di Lavoro avvalendosi del Responsabile U.O.C. Servizio Prevenzione e Protezione, dei Medici Competenti e del Responsabile U.O.C. Psicologia, mediante consulenza scientifica di uno Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni Specializzando presso l U.O.C. Psicologia, in qualità di Esperto in materia. Le tre suddette Strutture Operative afferiscono allo Staff Direzionale AUSL. La Valutazione è avvenuta previa consultazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS). Il presente documento viene formalizzato mediante apposizione della firma autografa e della data da parte del Direttore Generale dell azienda USL Viareggio sul frontespizio della parte generale e conservato in originale presso il SPP. In caso di aggioramenti parziali le successive revisioni di questa parte specifica saranno singolarmente firmate. (sostituisce le precedenti versioni SLC 0, Rev.0 datata dicembre 00 e SLC, Rev.0 datata giugno 0, che vengono conservate presso SPP insieme alle firme e a tutto il materiale documentale ad esse allegato, in formato cartaceo e/o elettronico )

4 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Riportiamo in breve le definizioni e disposizioni più significative tratte dal D.Lgs 8/08 e dalla Circolare citata. SEZIONE II - VALUTAZIONE DEI Articolo 8 - Oggetto della valutazione dei rischi. La valutazione di cui all articolo 7, comma, lettera a), anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro, deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell Accordo Europeo dell 8 ottobre 00,.omissis -bis. La valutazione dello stress lavoro-correlato di cui al comma è effettuata nel rispetto delle indicazioni di cui all articolo 6, comma 8, lettera m-quater, omissis.. Indicazioni della Commissione consultiva per la valutazione dello stress lavorocorrelato (articoli 6, comma 8, lettera m-quater, e 8, comma bis, d.lgs. n. 8/008 e successive modificazioni e integrazioni) Definizioni e indicazioni generali Lo stress lavoro-correlato viene descritto all articolo dell Accordo Europeo dell 8 ottobre 00 così come recepito dall Accordo Interconfederale del 9 giugno quale condizione che può essere accompagnata da disturbi o disfunzioni di natura fisica, psicologica o sociale ed è conseguenza del fatto che taluni individui non si sentono in grado di corrispondere alle richieste o aspettative riposte in loro (art., co. ). Nell ambito del lavoro tale squilibrio si può verificare quando il lavoratore non si sente in grado di corrispondere alle richieste lavorative. Tuttavia non tutte le manifestazioni di stress sul lavoro possono essere considerate come stress lavoro-correlato. Lo stress lavoro-correlato è quello causato da vari fattori propri del contesto e del contenuto del lavoro. A tale scopo, va chiarito che le necessarie attività devono essere compiute con riferimento a tutti i lavoratori, compresi dirigenti e preposti. La valutazione prende in esame non singoli ma gruppi omogenei di lavoratori (per esempio per mansioni o partizioni organizzative) che risultino esposti a rischi dello stesso tipo secondo una individuazione che ogni datore di lavoro può autonomamente effettuare in ragione della effettiva organizzazione aziendale (potrebbero essere, ad esempio, i turnisti, i dipendenti di un determinato settore oppure chi svolge la medesima mansione, etc).

5 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8 Metodologia La valutazione si articola in due fasi: una necessaria (la valutazione preliminare); l altra eventuale, da attivare nel caso in cui la valutazione preliminare riveli elementi di rischio da stress lavorocorrelato e le misure di correzione adottate a seguito della stessa, dal datore di lavoro, si rivelino inefficaci. La valutazione preliminare consiste nella rilevazione di indicatori oggettivi e verificabili, ove possibile numericamente apprezzabili, appartenenti quanto meno a tre distinte famiglie: I Eventi sentinella quali ad esempio: indici infortunistici; assenze per malattia; turnover; procedimenti e sanzioni e segnalazioni del medico competente; specifiche e frequenti lamentele formalizzate da parte dei lavoratori. I predetti eventi sono da valutarsi sulla base di parametri omogenei individuati internamente alla azienda (es. andamento nel tempo degli indici infortunistici rilevati in azienda). II Fattori di contenuto del lavoro quali ad esempio: ambiente di lavoro e attrezzature; carichi e ritmi di lavoro; orario di lavoro e turni; corrispondenza tra le competenze dei lavoratori e i requisiti professionali richiesti. III Fattori di contesto del lavoro quali ad esempio: ruolo nell ambito dell organizzazione, autonomia decisionale e controllo; conflitti interpersonali al lavoro; evoluzione e sviluppo di carriera; comunicazione (es. incertezza in ordine alle prestazioni richieste). In questa prima fase possono essere utilizzate liste di controllo applicabili anche dai soggetti aziendali della prevenzione che consentano una valutazione oggettiva, complessiva e, quando possibile, parametrica dei fattori di cui ai punti I, II e III che precedono. Diversamente, nel caso in cui si rilevino elementi di rischio da stress lavoro-correlato tali da richiedere il ricorso ad azioni correttive, si procede alla pianificazione ed alla adozione degli opportuni interventi correttivi (ad esempio, interventi organizzativi, tecnici, procedurali, comunicativi, formativi, etc). Ove gli interventi correttivi risultino inefficaci, si procede, nei tempi che la stessa impresa definisce nella pianificazione degli interventi, alla fase di valutazione successiva (c.d. valutazione approfondita). La valutazione approfondita prevede la valutazione della percezione soggettiva dei lavoratori, ad esempio attraverso differenti strumenti quali questionari, focus group, interviste semistrutturate, sulle famiglie di fattori/indicatori di cui all'elenco sopra riportato. Tale fase fa riferimento ovviamente ai gruppi omogenei di lavoratori rispetto ai quali sono state rilevate le problematiche. Nelle aziende di maggiori dimensioni è possibile che tale fase di indagine venga realizzata tramite un campione rappresentativo di lavoratori. CRITERI DI VALUTAZIONE - ATTIVITA DI VALUTAZIONE NELL ASL

6 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag 6 di 8. Premessa - Metodologia e criteri di valutazione La metodologia ha seguito un percorso valutativo in due fasi, indicato dalla Lettera Circolare del citata e delle Linee Guida INAIL 0: una obbligatoria preliminare, con la valutazione di dati oggettivi, ed una seconda approfondita, con la valutazione della percezione soggettiva dei lavoratori. L iter metodologico ipotizzato dalla normative e dalla Commissione (rilevazione dati oggettivi valutazione preliminare rischi eventuale presenza rischio medio o alto pianificazione ed esecuzione interventi correttivi valutazione eliminazione o meno del rischio valutazione approfondita solo sulle strutture con rischio) stabiliva che l esecuzione della valutazione approfondita, non obbligatoria, fosse da effettuarsi solo in caso di riscontro di Rischi SLC rilevati dalla valutazione preliminare. Nell esecuzione della Valutazione di Rischio SLC AUSL per l anno 00 e seguenti si è invece scelto di eseguire entrambe le valutazioni in parallelo e per l intera azienda, così da poter utilizzare anche i risultati di natura soggettiva a completamento ed integrazione di quelli di natura oggettiva della preliminare, con l obiettivo di rendere molto più realistica ed efficace l individuazione degli interventi correttivi. Tale scelta è stata possibile perché nel triennio l Azienda USL ha partecipato come soggetto capofila, con il proprio Direttore Generale come Coordinatore Nazionale, ad una iniziativa della F.I.A.S.O. (Federazione Italiana delle Aziende Sanitarie e Ospedaliere) denominata Progetto Laboratorio F.I.A.S.O. - Sviluppo e tutela del Benessere e della Salute Organizzativa nelle Aziende Sanitarie, (agli atti), per la sperimentazione di un piano condiviso fra diverse Aziende Sanitarie sul territorio nazionale finalizzato a promuovere la salute organizzativa dell azienda, porgendo particolare attenzione al benessere fisico, psicologico e sociale di ciascun lavoratore, per cui uno dei principali obiettivi risulta la prevenzione del burn-out, dello stress lavoro-correlato e dei disagi/malesseri che possono derivare dalla vita professionale. A questo Laboratorio hanno preso parte 6 Aziende Sanitarie ed Ospedaliere di varie regioni italiane e le Università di Bologna e Palermo, con l ASL di Viareggio come detto nel ruolo di Azienda capofila, nonché l azienda farmaceutica Boehringer Ingelheim, per un totale di oltre dipendenti; l organizzazione ha previsto una serie di incontri ed attività interaziendali, nonché la costituzione in ogni realtà di un apposito Gruppo di Lavoro e Coordinamento Aziendale, di ambito interdisciplinare, che seguisse il lavoro all interno. Il Gruppo di lavoro deliberato nell ASL (del. n.68/00) è composto dalle seguenti figure: - dott. Enrico Salvi, responsabile Area Staff Direzionale e direttore Unità Operativa Complessa Psicologia, Referente tecnico aziendale F.I.A.S.O. ; - dott. Giuliano Angotzi, direttore Dipartimento della Prevenzione e responsabile Unità Funzionale Complessa Prevenzione Igiene Sicurezza Luoghi di Lavoro; - dott.ssa Rita Ansuini, dirigente Unità Operativa Complessa Igiene e Medicina del Lavoro, Referente Progetto Area Vasta Nord Ovest Toscana la gestione del rischio da Stress Lavoro Correlato; - ing. Marco Cirilli, direttore Unità Operativa Complessa Servizio Prevenzione e Protezione; - rag. Giulio Cesare Guidi, direttore Unità Operativa Complessa Risorse Umane; - dott. Roberto Iacometti, coordinatore Tecnico Sanitario; - dott. Lamberto Lastrucci, direttore Unità Operativa Semplice Medico Competente; - dott.ssa Grazia Luchini, direttore sanitario Presidio Ospedaliero; - dott. Fabio Michelotti, responsabile Dipartimento Cure Primarie; - dott.ssa Anna Reale, dirigente Infermieristico; - dott.ssa Patrizia Viviani, referente Rappresentanti Lavoratori per la Sicurezza Tra le principali attività degli esperti del Progetto Laboratorio FIASO ci sono state la predisposizione (e successivamente anche l analisi dei risultati) di due nuovi strumenti di rilevazione e valutazione, che sono stati utilizzati anche dalla ASL per:

7 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag 7 di 8 indicatori oggettivi e verificabili (utilizzabili quindi per la valutazione preliminare di carattere oggettivo) attraverso una check-list di indicatori di manifestazione, rischio e contrasto, rispondenti agli indicatori di eventi sentinella, contenuto del lavoro e contesto di lavoro previsti dalla Lettera circolare citata; detta lista è descritta nel successivo paragrafo. ed in Allegato I, mentre i risultati sono riportati in Allegato II indicatori soggettivi della percezione del Benessere Organizzativo da parte dei dipendenti, (utilizzabili quindi per la valutazione approfondita di carattere soggettivo) mediante un questionario scientifico standardizzato di valutazione denominato B.O.P. Benessere Organizzativo Percepito, creato dall Università di Bologna, e scelto come strumento di rilevazione ad hoc per la valutazione approfondita della percezione del Rischio Stress Lavoro-Correlato da parte dei lavoratori. Detto questionario è descritto nel successivo paragrafo. ed in Allegato III, mentre i risultati sono riportati in Allegato IV.. Valutazione Preliminare : (dati oggettivi) La valutazione preliminare è avvenuta mediante la raccolta, la compilazione e l analisi statistica dei dati contenuti in una check list di indicatori di manifestazione, rischio e contrasto, rispondenti agli indicatori di eventi sentinella, contenuto del lavoro, contesto di lavoro previsti dalla Lettera Circolare. Come già anticipato, a questo scopo esperti nell ambito del Progetto Laboratorio FIASO hanno messo a punto uno specifico strumento di rilevazione e valutazione di indicatori oggettivi e verificabili. Il lavoro è partito dall esame della letteratura e delle linee guida emanate dai più importanti enti: - Accordo quadro europeo sullo stress nei luoghi di lavoro, 8 ottobre 00; - Linee guida per la valutazione rischio Stress Lavoro-Correlato, redatte da: C.T.I.P.L.L., Coordinamento Tecnico Interregionale della Prevenzione nei Luoghi di Lavoro 00; I.S.P.E.S.L. (Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro) 00: approccio integrato secondo il modello Management Standard HSE (Health Safety Executive, Great Britain); Regione Lombardia 009; Regione Toscana 009; Ordine degli Psicologi Regione Emilia Romagna 008: buone pratiche di intervento sullo Stress Lavoro-Correlato, orientamenti per gli psicologi in merito alle valutazioni e agli interventi ; I.N.R.S. (Institut National de Recherche et de Sècuritè, France) 007; I.N.A.I.L. (Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) 0: Manuale per la Valutazione e Gestione del rischio da stress lavoro-correlato - Testo Unico per la Sicurezza, D.lgs 8/08 e succ.mod. ; Sulla base di quanto sopra i membri del Gruppo di Coordinamento Nazionale del Progetto Laboratorio Fiaso hanno quindi messo a punto come strumento per la raccolta dei dati oggettivi aziendali una check-list in 9 punti (vedi Allegato I ).. Tempo di lavoro (0 items). Movimenti di personale ( item)

8 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag 8 di 8 Relazioni sociali nell azienda ( items) Formazione professionale ( items) Gestione del Lavoro (6 items) Infortuni sul lavoro ( items) Condizioni ambientali ed ergonomiche (9 items) Situazioni critiche ( item) Attività del Medico Competente ( items) I indicatori sono stati suddivisi nelle seguenti tre categorie Manifestazione: Evidenze di alterazione dello stato di salute e dei comportamenti individuali e delle prestazioni organizzative dei lavoratori, legate alla presenza di condizioni di Stress Lavoro Correlato. Rischio: caratteristiche del lavoro e dell organizzazione del lavoro associati a elevati livelli di Stress Lavoro Correlato, sulla base della letteratura vigente. Contrasto: procedimenti organizzativi e manageriali di prevenzione orientati a rafforzare le risorse individuali e sociali di coping del lavoratore. Tale griglia è stata inviata per la compilazione a tutte le strutture aziendali deputate (U.O.C. Risorse Umane, U.O.C. Controlli di Gestione, U.O.C. Assistenza Infermieristica Ospedaliera, U.O.S. Formazione, U.O.S. Medico Competente, U.O.C. Servizio Prevenzione e Protezione, U.O.S. Relazioni Pubbliche per la raccolta dei dati più tipicamente generali ed oggettivi e relativi alla famiglia degli eventi sentinella così come li evidenzia la Commissione Consultiva nelle sue già citate linee guida (riferimento alle voci,,, 6, 7, 8, 9 della griglia stessa), ed è stata inviata anche a tutti i Responsabili di Dipartimento Area - Unità Funzionale Complessa/ Semplice - Unità Operativa Complessa/Semplice per la raccolta dei dati invece relativi alle famiglie evidenziate come Fattori di contenuto del lavoro e Fattori di contesto del lavoro dalla Commissione (riferimento alle voci, della griglia). E stato deciso di prendere in esame i seguenti periodi temporali: - inizialmente il periodo , ed i risultati sono stati riportati nella precedente Rev.0, - successivamente il periodo , ed i risultati sono riportati nella presente Rev.0, Allegato II - è attualmente in corso la raccolta dei dati per il periodo ; appena pronti ed elaborati saranno pubblicati in una prossima Rev. ; è previsto in quella fase anche un confronto comparato dei risultati nell arco del triennio esaminato I dati raccolti sono stati analizzati mediante calcolo dei valori medi e delle deviazioni standard di ogni singola struttura, per personale dirigente e di comparto, con l utilizzo di analisi statistica descrittiva, attraverso l uso di specifici softwares di analisi dati. Questa tipologia di analisi è stata messa a punto dagli esperti della UOC Psicologia della nostra ASL, e successivamente validata, accettata ed infine adottata anche dalle altre aziende partecipanti al Progetto laboratorio FIASO. Tale procedura ha quindi permesso l esecuzione della valutazione preliminare SLC con una metodologia oggettiva, scientifica ed attendibile che rende possibile l attribuzione di valori ed il confronto tra strutture, per quanto concerne la valutazione SLC, ai sensi delle normative vigenti e delle Linee Guida Inail 0. E stato quindi possibile ottenere dati riferiti ad ogni singola UO/UF, Area, Dipartimenti, Macroaree Aziendali oltre che all Azienda U.S.L. nel suo complesso.

9 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag 9 di 8 Come Cut Off dei valori indicatori rischio SLC (% di presenza SLC nel contesto lavorativo) sono quindi stati adottati quelli delle Linee Guida INAIL ed. 0 Valutazione e gestione del rischio da Stress Lavoro-Correlato, manuale ad uso delle aziende in attuazione del D.Lgs 8/08 e s.m.i, in modo da poter avere un confronto dei risultati aziendali sia su scala interna che anche su una scala nazionale: indice rosso (alto rischio) > 0% Indice giallo (medio rischio) 0% > % Indice verde (basso rischio) % (Note: Per l indicatore di contrasto i valori vanno letti inversamente rispetto ai precedenti cut-off: Alto contrasto (rischio basso) > 0% indice verde, medio contrasto (rischio medio) 0% > % indice giallo, contrasto basso (rischio alto) % indice rosso.). Indicazioni valutazione preliminare Il risultato di tutta la raccolta con tutte le schede compilate dai vari soggetti è stato poi riunito in unico fascicolo e conservato in originale presso il SPP e l UOC Psicologia; come detto sono stati poi elaborati report e tabelle riassuntive con analisi e statistiche sui dati raccolti, relativi all anno 00, (vedi Allegato II ), anch essi conservati in formato elettronico e/o cartaceo presso il SPP e l UOC Psicologia. Per quanto concerne le informazioni che derivano dalla suddetta valutazione, sulla base delle indicazioni delle linee guida ed.0 Valutazione e gestione del rischio da Stress Lavoro-Correlato, manuale ad uso delle aziende in attuazione del D.Lgs 8/08 e s.m.i i dati riportati, laddove per alcune strutture aziendali siano contrassegnati con l indicatore rosso o giallo, evidenziano condizioni organizzative che possono segnalare la presenza di Stress Lavoro-Correlato. Si rende in tal caso necessario approfondire il fenomeno nel contesto delle Strutture specificate mediante un incontro mirato ove ipotizzare azioni correttive, ed in caso di realizzazione ne verrà successivamente verificata l efficacia. In sintesi, riportiamo qui di seguito una tabella riassuntiva dei risultati della valutazione media riguardante l intera Azienda, riferita alle sopracitate Linee Guida INAIL ed. 0 Valutazione e gestione del rischio da Stress Lavoro-Correlato, manuale ad uso delle aziende in attuazione del D.Lgs 8/08 e s.m.i, rimandando all Allegato II per un esame completo. RISULTATI O STRESS LAVORO CORRELATO 00 Azienda USL (UUOO/UUFF/comparto) Indicatori manifestazione Indicatori rischio Indicatori contrasto (verde) (basso rischio) 8 (giallo) (medio rischio) 6 (verde) (basso rischio)

10 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag 0 di 8 Anche per quanto riguarda le analoghe valutazioni medie riferite alla singole macroaree/dipartimenti che compongono l azienda non emergono valori corrispondenti ad alto rischio, cioè colore rosso, ma solo alcuni valori di rischio medio cioè colore giallo, e i restanti sono di colore verde. Nell ulteriore studio più dettagliato, cioè riferito alle singole strutture, emergono allora valori contraddistinti da colore giallo o rosso per alcuni indicatori, che quindi saranno oggetto di particolare attenzione, nell ottica di eliminazione o riduzione del rischio ad essi relativo.. Valutazione approfondita (percezione soggettiva dei lavoratori) Questa seconda valutazione riguarda la percezione soggettiva dei lavoratori, va rivolta ai gruppi omogenei di lavoratori rispetto ai quali sono state riscontrate le problematiche, e può essere effettuata mediante diversi strumenti, per esempio questionari, focus group, interviste ecc sulle famiglie di indicatori sopra ricordati (eventi sentinella, fattori di contenuto e di contesto del lavoro). Per effettuare questa valutazione del rischio SLC, all interno delle azioni previste dal Laboratorio FIASO, di cui l AUSL è azienda capofila, si è ritenuto opportuno dotarsi di un apposito strumento di rilevazione, finalizzato a rilevare la percezione soggettiva dei lavoratori rispetto al proprio stare al lavoro, il Questionario Benessere Organizzativo Percepito (BOP), curato da Bruna Zani dell Università Alma Mater Studiorum Università di Bologna, in collaborazione con il Gruppo Tecnico di Lavoro Nazionale del Laboratorio FIASO (riportato in Allegato III ). Il questionario è stato usato con due obiettivi diversi: lo svolgimento della fase di Analisi approfondita prevista all interno della Valutazione del Rischio Stress Lavoro-Correlato (D. Lgs. 8/08), che richiede la raccolta del dato soggettivo; l analisi dello stato di salute organizzativa dell Azienda o parti dell Azienda, al fine di averne una fotografia ed, eventualmente, programmare azioni di promozione del benessere organizzativo. L analisi svolta attraverso questo strumento è stata rivolta a tutto il personale e ha assunto tre finalità principali: - diventare un ulteriore strumento per un analisi approfondita sui punti di debolezza e di forza riscontrati, al fine di migliorare i primi e rafforzare i secondi, per implementare interventi razionali e adeguati al contesto e ai gruppi di lavoro; - elaborare una fotografia della salute organizzativa al momento presente, come strumento di conoscenza e di consapevolezza; - permettere il coinvolgimento del personale tutto, tecnico amministrativo sanitario. Inoltre, l adozione del medesimo questionario su 6 aziende sanitarie ha permesso di creare uno strumento di benchmarking utile per un confronto attendibile della variabile Benessere Organizzativo in realtà differenti tra loro. La somministrazione in AUSL è stata rivolta a tutto il personale, mediante compilazione on-line sia in Azienda che da casa. Sia la somministrazione che la raccolta dati sono avvenute nel pieno rispetto della privacy mediante il coinvolgimento di un Ente Terzo, il Gruppo TESI s.p.a., Azienda specializzata nel trattamento dati. I dati in forma aggregata sono stati inviati per l elaborazione all Università di Bologna, incaricata dell analisi dati e poi dell invio dell analisi stessa alle specifiche Aziende Sanitarie. Il tasso di risposta aziendale AUSL al questionario è stato del 8,8%, fra i più alti delle aziende partecipanti al progetto.

11 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8 Struttura dello strumento : il questionario, composto da domande, è suddiviso in cinque sezioni. Nella prima sezione sono inclusi quattro strumenti per misurare l Identificazione organizzativa, il Senso di comunità organizzativo, la Condivisione degli obiettivi e l Empowerment psicologico nel contesto lavorativo. L intera sezione è preceduta dalla frase: Le seguenti affermazioni riguardano il rapporto con il suo ambiente di lavoro (Azienda, Struttura, ex Unità Operativa, UO, suo gruppo di lavoro). Le chiediamo di valutare il Suo grado di accordo, utilizzando la seguente scala: da (fortemente in disaccordo) a (fortemente d accordo). La seconda sezione del questionario è dedicata all intenzione di turnover (item 8 e 9), ossia l intenzione di cambiare sede o lavoro, e alla soddisfazione lavorativa (item 0). In questa sezione, per ciascuno degli item è stato richiesto di indicare il proprio grado di accordo in una scala da (no, assolutamente) a (sì, decisamente). La terza sezione ha come oggetto d indagine il benessere psicosociale, per misurare il quale si sono utilizzati i sei item della sottoscala del benessere psicologico del Mental Health ContinuumShort Form (MHC-SF). Ai partecipanti è stata posta la seguente domanda: Nell ultimo mese, quanto spesso Lei si è sentito a cui seguivano frasi del tipo: contento/a di molti aspetti della sua personalità. Il formato di risposta va da (mai) a 6 (ogni giorno). La quarta sezione riguarda le strategie di coping ed è composta da nove item tratti dallo strumento Coping Strategy Indicator di Amirkhan (990, validati da Toderi, 000). Nello specifico vengono misurate tre strategie di coping (tre item ciascuna): coping attivo, ricerca di sostegno ed evitamento. Queste tre modalità di far fronte a situazioni avvertite come fonte di stress non esauriscono naturalmente la gamma delle azioni possibili, ma sono un buon indicatore degli stili adottati da ognuno. Per misurare le strategie di coping la scala è preceduta dalla seguente domanda: Le chiediamo ora di pensare a un problema che le è accaduto negli ultimi 6 mesi (sul lavoro, a casa, nello svago): come ha reagito?. Il formato di risposta va da (per niente) a (moltissimo). Infine, l ultima sezione è dedicata alla misura del carico di lavoro, dei problemi di conciliazione lavoro famiglia, delle condizioni lavorative. Il formato di risposta va da (falso) a (vero). Il carico di lavoro, ovvero quanto una persona percepisce come adeguati alle proprie capacità e possibilità i compiti attribuiti, è stato misurato tramite quattro affermazioni (item -- -9, es.: Il lavoro mi richiede di fare le cose velocemente ). I problemi di conciliazione lavoro-famiglia sono stati misurati tramite tre item (item - -, es.: Il mio lavoro riduce il tempo che posso passare con la mia famiglia ). È interessante notare che la questione conciliazione è posta, in questo caso, come equilibrio fra le due dimensioni, quindi sia come esigenza di non invadere con il lavoro i propri interessi extralavorativi, sia come interferenze vissute sul lavoro a causa delle condizioni extralavorative. Le condizioni lavorative comprendono due dimensioni: Chiarezza di ruolo ovvero quanto si percepisce che il proprio ruolo, cioè l insieme delle aspettative reciproche e della definizione dei compiti e dei confini operativi fra colleghi, siano chiare (item -6, es.: So esattamente quello che gli altri si aspettano da me ), e riconoscimento professionale (item , es.: Nel mio lavoro ricevo il riconoscimento che merito ).. Indicazioni Valutazione Approfondita SLC AUSL Il risultato della raccolta di tutte le schede compilate informaticamente dai lavoratori dell ASL e di tutte le altre Aziende del progetto è stato poi elaborato dall Università di Bologna; sono stati quindi prodotti report e tabelle riassuntive con analisi e statistiche sui dati raccolti relativi all anno 0, relativi a ciascuna azienda in rapporto al complesso del campione esaminato (vedi Allegato IV ) ; questo materiale è conservato in formato elettronico o cartaceo presso SPP e UOC Psicologia.

12 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8 Alla luce dei risultati emersi dall analisi dei dati delle risposte date dal questionario BOP, si osserva, in generale, un andamento dei punteggi in linea con il campione globale composto dal personale delle 6 aziende. - Nel dettaglio, per quanto concerne il Benessere Organizzativo, i punteggi AUSL sono superiori per quanto riguarda le variabili abilità, significatività, identificazione organizzativa, soddisfazione lavorativa, chiarezza di ruolo, coping attivo, coping di ricerca di sostegno sociale e coping di evitamento. Invece risultati inferiori i punteggi per le variabili influenza, autodeterminazione, senso di comunità organizzativo, condivisione degli obiettivi, riconoscimento professionale. - Per quanto riguarda il Benessere Psicologico, il punteggio AUSL è superiore al punteggio del campione globale. - Infine per quanto riguarda il Disagio Lavorativo, il punteggio AUSL è superiore per le variabili problemi di conciliazione lavoro-famiglia e carico di lavoro, ed è inferiore per la variabile intenzione di turnover. Anche per questa seconda valutazione approfondita, basata come detto sui questionari BOP, esistono poi anche elaborazioni più approfondite relative alle diverse Aree/Dipartimenti dell ASL, da utilizzare eventualmente per successive attività di analisi. Successivamente gli esperti della UOC Psicologia hanno effettuato un ulteriore approfondimento della valutazione, utile per meglio individuare gli eventuali interventi correttivi necessari, calcolando sull intera popolazione dei dati aziendali l analisi statistica di correlazione lineare fra i dati della valutazione preliminare oggettiva e quelli della valutazione approfondita soggettiva; la metodologia ha fatto riferimento all indice di correlazione r di Bravais-Pearson. Anche questo materiale è conservato in formato elettronico o cartaceo presso SPP e UOC Psicologia..6 Sviluppi e azioni di miglioramento per la riduzione rischio SLC Qualora dalla sintesi della valutazione preliminare e di quella approfondita emergano per una o più strutture aziendali elementi di rischio da stress lavoro-correlato tali da richiedere il ricorso ad azioni correttive, allora si deve procedere alla pianificazione degli opportuni interventi correttivi, che potranno ovviamente essere di vario tipo in relazione alle eventuali criticità rilevate (interventi organizzativi, tecnici, formativi, comunicativi eccetera), su tre livelli: organizzativo, gruppo, individuale Alla luce dei risultati emersi dai due momenti di valutazione, si è provveduto in un primo momento (a partire dal dicembre 0) a diffondere i dati generali dell azienda, informando dei rilievi emersi la Direzione Aziendale, i responsabili delle Strutture, il Personale Aziendale, i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza e le Parti Sindacali mediante appositi momenti di condivisione allargata. Come secondo passo del processo di restituzione dei dati, e quindi di informazione ma anche di coinvolgimento delle varie strutture, è stato stabilito come protocollo di intervento un calendario di 0 incontri suddivisi per macroarea, dove vengono informati dei risultati inerenti la propria Area i rispettivi Responsabili dell Area stessa e delle strutture ad essa afferenti, con i coordinatori delle specifiche filiere professionali e con le ulteriori figure che i Responsabili di area hanno ritenuto di coinvolgere.

13 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8 Questo percorso è stato formalizzato tramite convocazione del Direttore Generale prot. 90 del completa di calendario ( Allegato V ). Le riunioni sono state effettuate fra il 9 maggio e il luglio 0. Tutti gli incontri sono stati condotti: dal Responsabile Area Staff Direzionale e U.O.C. Psicologia, dal Responsabile U.O.C. Servizio Prevenzione e Protezione, dal Responsabile U.O.S. Medico Competente e si sono svolti con la collaborazione di uno Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni (specializzando presso l U.O.C. Psicologia), e la partecipazione di un Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza; viene registrata la firma di presenza dei partecipanti. Nel corso di questi incontri è stato illustrato al Responsabile dell Area e ai suoi collaboratori, con proiezioni a schermo e consegna del materiale cartaceo, il risultato sintetico della valutazione relativa alla propria Area, e cioè: Report risultati valutazione preliminare, dati oggettivi 00 per l azienda e per l Area in esame Aspetti critici emersi da quanto sopra, dettagliati per le singole UUOO che compongono l Area in esame Report risultati valutazione approfondita, dati soggettivi BOP 0, relativi all Area in relazione alla media aziendale Analisi correlazioni lineari fra i dati oggettivi e soggettivi Risultati dell Indagine Clima Interno 00 M&S Scuola Sup. S.Anna di Pisa Questi incontri informativi sono stati momento di divulgazione e nel contempo di discussione; i responsabili dell Area e i loro collaboratori sono stati così messi in grado di approfondire in tempi brevi (insieme al gruppo di valutazione sopra citato) le specificità critiche eventualmente emerse per le loro strutture, ipotizzando le strategie ottimali di intervento per la riduzione del rischio SLC a vari livelli (organizzativo, gestionale, formativo, relazionale) da sottoporre alla Direzione Generale, durante un secondo giro di incontri. Per l esame delle criticità in alcuni casi potranno anche essere utilizzati, appositi Focus group guidati in specifici gruppi di lavoro, allo scopo di esaminare meglio con i lavoratori e i dirigenti le problematiche evidenziatesi e contemporaneamente per presentare e valorizzare buone prassi da adottare, magari mutuate da altre strutture che già le usano; saranno condotti da personale esperto dell UOC Psicologia..7 Azioni di miglioramento già in atto per la riduzione rischio SLC Di seguito si riportano alcune azioni aziendali già in atto e mirate al contrasto ed alla riduzione del rischio SLC.

14 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8 A livello aziendale: Progetto Accoglienza Neoassunti, volto all inserimento del dipendente neoassunto mediante specifico momenti di formazione sulle competenze professionali trasversali necessarie per l adattamento in azienda, con numerosi incontri nell arco del 0 A livello di gruppi di lavoro: Corso di formazione Noi strumenti di Lavoro, volto all informazione, condivisione e trasmissione di competenze tecnico relazionali per il miglior adattamento nel contesto lavorativo; A livello Individuale: Protocollo Operativo U.O.S. Medico Competente-U.O.C. Psicologia (P.O. 8, Manuale di Accreditamento e Qualità U.O.C. Psicologia. Rev.0), volto a fornire supporto psicologico al singolo dipendente per il rischio SLC ed i rischi psicosociali, in termini di diagnosi e consulenza psicologica. Qualora l U.O.S. Medico Competente ravvisi un caso individuale di sospetto rischio SLC può inviare il dipendente, gratuitamente e direttamente, all U.O.C. Psicologia per approfondimento Specialistico. Il Protocollo Operativo suddetto si è occupato di dipendenti nel 0, e di dipendenti nel primo semestre 0.

15 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8. INFORMAZIONE Sono stati organizzati periodici eventi comunicativi di informazione e sensibilizzazione ai dipendenti, presso l Auditorium dell Ospedale Versilia, dove sono stati presentate le finalità, le attività e le fasi del Progetto Laboratorio FIASO e della Valutazione del rischio da Stress LavoroCorrelato. Viene diffuso periodicamente materiale informativo nell ottica del D.Lgs. 8/08 mediante i media aziendali, , Newsletter, Intranet : alla voce Documenti, nella Home Page del Sito, vi sono gli allegati dei materiali informativi relativi al Progetto Laboratorio FIASO, in consultazione e download libero per il personale AUSL Viareggio; Esiste una Procedura Aziendale PA 0 Accoglienza e inserimento del personale di nuova acquisizione. In sede di visite preventive il Medico Competente provvede a fornire informazione verbale e scritta relativamente alla tutela della gravidanza e alla prevenzione di altri rischi. Nell iniziativa formativa destinata ai dipendenti neoassunti viene consegnato materiale informativo, fra cui la Guida al personale neo-assunto che al capitolo.9 offre indicazioni generali per la prevenzione e sicurezza, ivi compresi recapiti di SPP, MC ed RR.LL.SS. Sul sito Intranet, inoltre, è consultabile il Regolamento aziendale per la sicurezza. Nel corso della annuale Conferenza dei Servizi ASL, svoltasi il 9 gennaio 0 presso il Teatro Comunale di Pietrasanta, è stata riservata una specifica relazione a cura del Responsabile SPP per illustrare il Rischio da SLC e gli adempimenti già adottati o programmati dall ASL per fronteggiarlo.. FORMAZIONE La situazione formativa del personale, per quanto riguarda i Corsi specifici per la Prevenzione e sicurezza di ambito aziendale, è la seguente: Corsi Antincendio Sicurezza MMC/P Testo unico sicurezza D.Lgs. 8/08 Rischio Biologico, Rischio VDT Personale formato Per tutto il personale Per il personale addetto mov. pazienti Per tutto il personale Durata 8 ore VVF+ SPP 0 ore Per il personale addetto FAD ore Nell ambito del Corso Noi strumenti di lavoro. Orientare il contesto organizzativo: facilitare le relazioni, destinato a Referenti Assicurazione Qualità, Animatori di Formazione, Facilitatori delegati alla sicurezza del paziente, vengono fornite informazioni sulla Valutazione dello Stress lavoro correlato, mediante lezione e slides specifiche. Per altri corsi di tipo specialistico si fa riferimento ai Piani annuali di Formazione, all interno dei quali vengono inserite anche le proposte del SPP su argomenti di prevenzione e sicurezza.

16 Azienda USL di Viareggio 6. (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag 6 di 8 SORVEGLIANZA SANITARIA Attualmente è da tempo attivata una sorveglianza sanitaria individuale specifica per il rischio Stress Lavoro Correlato in collaborazione con psicologi, medici psichiatri ed altri medici specialisti interni dell Az. USL Viareggio e con l Ambulatorio per lo Studio dei Disturbi da Disadattamento Lavorativo dell Az. Ospedaliera Universitaria Pisana (Centro di riferimento per l Area Vasta Nord Ovest della Regione Toscana). Come già ricordato, è attivo un Protocollo Operativo tra l U.O.S. Medico Competente e l U.O.C. Psicologia per la gestione dei casi di dipendenti affetti da sospetta patologia da Stress Lavoro Correlato, per accertamento, diagnosi ed eventuale presa in carico. La sospetta patologia da Stress Lavoro Correlato può emergere nel corso della visita periodica prevista dai protocolli sanitari individuali di sorveglianza sanitaria effettuata nei casi previsti dall art. del D.Lgs. 8/08 o qualora il lavoratore ne faccia richiesta alla luce dell art. citato, comma lettera c). La valutazione del rischio SLC anche sul piano individuale si identifica come uno strumento per ottimizzare ulteriormente le azioni di prevenzione, diagnosi e cura dello SLC. ALLEGATO I

17 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag 7 di 8 Progetto Laboratorio FIASO Sviluppo e tutela del benessere e della salute organizzativa nelle Aziende Sanitarie VALUTAZIONE DEL O STRESS LAVORO-CORRELATO (a seguito del D.Lgs. 8/08) Strumento per la raccolta dei dati oggettivi aziendali I dati oggettivi ricavati dai seguenti indicatori saranno raccordati, nell analisi, con i dati soggettivi raccolti tramite strumento quantitativo (questionario somministrato ai dipendenti). A seguito della raccolta dei dati oggettivi e soggettivi, divisi per Struttura Operativa e mansione professionale, essi verranno utilizzati per l elaborazione della Tabella dei Livelli di Rischio, nella quale le diverse Strutture verranno classificate per: Rischio basso (verde) Rischio medio (giallo) Rischio alto (rosso). PERIODO CONSIDERATO: CHECK LIST INDICATORI DI ANALISI LEGATI AL FUNZIONAMENTO DELL AZIENDA FONTI. Tempo di lavoro. Assenze nell anno (Riferito solo ai dipendenti. Assenze per ragioni di salute e anche altre ragioni, espresso come numero medio di giorni di assenza all anno per Unità Operativa(U.O.) nel periodo considerato.. Numero medio di giorni di assenza per malattia nell anno per U.O.... Numero medio di giorni di assenza per aspettativa nell anno per U.O.. Durata del lavoro.. Numero medio di ore lavorate dai dipendenti al giorno nell anno per U.O. U.O.C. Risorse Umane U.O.C. Risorse Umane U.O.C. Risorse Umane U.O.C. Risorse Umane Annotazioni sugli INDICATORI* Manifestazione Rischio Contrasto

18 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008.. Numero medio di ore di straordinario per dipendente nell anno per U.O. *.. Numero medio di ore residue (ore lavorate - ore dovute) per dipendente nell anno per U.O. U.O.C. Risorse Umane.. Numero medio di giorni di ferie non godute per dipendente nell anno per U.O.. Dipendenti con orario atipico.. Percentuale dipendenti a cui è richiesto lavoro (anche) nel turno notturno nella U.O.?.. Percentuale dipendenti a cui è richiesto lavoro (anche) durante le festività nella U.O.?.. Percentuale dipendenti a cui è richiesta la reperibilità nella U.O.?.. Numero di chiamate in reperibilità/anno. Movimenti di personale. Domande di Mobilità interna all azienda per U.O. U.O.C. Risorse Umane. Relazioni sociali nell azienda. Esiste un sistema a livello organizzativo di comunicazione/informazione condiviso a livello di Dipartimento per U.O.?. Sono previste procedure di accoglienza, addestramento o affiancamento dei nuovi assunti (aspettative di ruolo e sicurezza sul lavoro)? (senza considerare la formazione organizzata dal SPP). Formazione professionale. Percentuale di dipendenti che hanno partecipato a corsi di formazione per u.o.. Media ore (o ECM) di formazione procapite per U.O.. Gestione del lavoro.. Ci sono gruppi di lavoratori con scarsa pianificabilità del lavoro nella U.O.?.. Vengono effettuate riunioni per organizzare il lavoro nella U.O.? * Lavoro a turni, reperibilità. Rev. 0 Parte Pag 8 di 8 U.O.C. Risorse Umane U.O.C. Risorse Umane percentuale U.O.C. Risorse Umane percentuale U.O.C. Risorse Umane percentuale U.O.C. Risorse Umane U.O.C. Assistenza Infermieristica Ospedaliera Direttori di Dipartimento/Area/ Unità Direttori di Dipartimento/Area/ Unità U.O.S.Formazione U.O.S.Formazione Direttori di Dipartimento/Area/ Unità Direttori di Dipartimento/Area/ Unità

19 Azienda USL di Viareggio.. Viene effettuata periodica valutazione del lavoro svolto nella U.O.? *.. Ci sono gruppi di lavoratori esposti a frequenti interruzioni di attività per compiti interferenti nella U.O.? *.. Ci sono gruppi di lavoratori che lavorano a contatto di utenti in stato di sofferenza nella U.O.?..6 Ci sono gruppi di lavoratori che lavorano a contatto della morte nella U.O.? (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Direttori di Dipartimento/Area/ Unità Direttori di Dipartimento/Area/ Unità Rev. 0 Parte Pag 9 di 8 Direttori di Dipartimento/Area/ Unità Direttori di Dipartimento/Area/ Unità INDICATORI DI ANALISI LEGATI A SALUTE E SICUREZZA FONTI 6. Infortuni sul lavoro 6.. Numero infortuni non biologici all anno per U.O. 6.. Numero di giornate perdute per U.O. 6.. Durata media degli infortuni nella U.O. 6. Numero di infortuni a rischio biologico senza conseguenze per U.O. 6. Numero di Infortuni biologici con prognosi all anno per U.O. 7. Condizioni ambientali ed ergonomiche Ci sono postazioni di lavoro che comportano disagio per i seguenti fattori nella S.O. (dati raccolti da sopralluog effettuati)? 7. Illuminazione (scarsa, eccessiva, sempre artificiale) 7. Temperatura Annotazioni sugli INDICATORI* Manifestazione Rischio Contrasto U.O.C. Risorse Umane U.O.C. Risorse Umane U.O.C. Risorse Umane U.O.S. Medico Competente U.O.S. Medico Competente U.O.S. Prevenzione e Protezione U.O.S. Prevenzione e Protezione

20 Azienda USL di Viareggio 7. Agenti fisici 7. Agenti biologici 7. Agenti chimici (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 U.O.S. Prevenzione e Protezione U.O.S. Prevenzione e Protezione U.O.S. Prevenzione e Protezione 7.6 Movimentazione manuale carichi U.O.S. Prevenzione e Protezione 7.7 Posture scomode o obbligate prolungate nel tempo 7.8 Postazioni con attrezzature ad elevata complessità di controllo 7.9 Postazioni con movimenti ripetitivi 8. Situazioni critiche 8. Numero dei Reclami da parte dell utenza per U.O. 9. Attività del Medico Competente 9. Numero di visite a richiesta del lavoratore nell ambito della sorveglianza sanitaria per U.O. 9. Numero di valutazioni di idoneità al lavoro con limitazione (anche rimansionamento) per U.O. U.O.S. Prevenzione e Protezione 9. Numero di primi U.O.S. Medico Competente certificati di sospetta malattia professionale per U.O. U.O.S. Prevenzione e Protezione U.O.S. Prevenzione e Protezione Rev. 0 Parte Pag 0 di 8 U.O.S. Ufficio Relazioni Pubbliche U.O.S. Medico Competente U.O.S. Medico Competente * Per ciascun indicatore si farà riferimento alla seguente distinzione: a) Indicatori di rischio. Gli indicatori di rischio riguardano le caratteristiche del lavoro e dell organizzazione del lavoro che dagli studi riportati in letteratura sono più frequentemente associate alla presenza di elevati livelli di stress, essi comprendono principalmente i fattori legati all organizzazione del lavoro, alla gestione del personale, ecc

STRESS LAVORO CORRELATO

STRESS LAVORO CORRELATO ENTE PARCO ANTOLA SERVIZIO PERSONALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28, comma 1-bis, e art. 29, D.Lgs.vo 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 23692 del

Dettagli

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015 Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CASI DI MALATTIA DA STRESS LAVORO CORRELATO 4000 denunce all INAIL negli ultimi

Dettagli

Le indicazioni e le iniziative del coordinamento delle Regioni

Le indicazioni e le iniziative del coordinamento delle Regioni La valutazione dello stress lavoro-correlato: potenzialità e limiti di un obbligo legislativo Bologna 23 ottobre 2014 Le indicazioni e le iniziative del coordinamento delle Regioni Fulvio d Orsi Coordinatore

Dettagli

STRESS LAVORO-CORRELATO

STRESS LAVORO-CORRELATO CORSO DI FORMAZIONE 9 maggio 2013 Maria Teresa Riccio medico SPISAL STRESS LAVORO-CORRELATO PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 d.lgs. N 81 Decreto Interministeriale

Dettagli

La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina

La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina ANALISI DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO E IMPLEMENTAZIONE DEGLI STANDARD HPH 1 e 4 Maria Peresson Medico del lavoro Marco Rizzo Tecnico

Dettagli

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORATIVO IN ASS N 1 TRIESTINA 1 La valutazione del rischio stress lavoro-correlato PREMESSA Una delle rilevanti novità del Dlgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni,

Dettagli

Incontri informativi. Verona 27 novembre 2012 4 dicembre 2012

Incontri informativi. Verona 27 novembre 2012 4 dicembre 2012 CAMPAGNA EUROPEA 2012 SULLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PSICOSOCIALI NELL'AMBIENTE DI LAVORO Incontri informativi Verona 27 novembre 2012 4 dicembre 2012 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO «DVR _ STRESS LAVORO CORRELATO» Pagina 1 di 9 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO (Art. 28 comma 1 D. Lgs. 9 aprile 2008 n.81 così come modificato dal D.Lgs. 106/09) conforme

Dettagli

La valutazione dello stress lavoro correlato

La valutazione dello stress lavoro correlato La valutazione dello stress lavoro correlato Beinasco 18 maggio 2011 S.L.C. La normativa La L articolo Legge 28 del 1 marzo Decreto2002, Legislativo n. 39 9 aprile "Disposizioni 2008 n. 81 per stabilisce

Dettagli

Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo

Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo 1. PREMESSA L Azienda, dopo aver realizzato iniziative di rilevazione del clima organizzativo nel 2006 su un campione

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro SCHEDA 1 Valutazione e gestione del rischio stress correlato V2-22/07/2013 A cura di Emanuela Guarise

Dettagli

VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO Ing. Roberto Scarparo SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 28 DEL D.Lgs. 8/2008 VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato

Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato Benedetta Persechino INAIL Dipartimento Medicina del Lavoro ex ISPESL Bologna, 5 maggio 2011 DIBATTITO/RICERCA/ PROPOSTE METODOLOGICHE

Dettagli

Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine

Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine Chiara Vicario Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine Mansioni note in letteratura Documento di consenso sullo stress SIMLII (2005)

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Circolare n.11 /2010 del 23 dicembre 2010* RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: ENTRO IL 31.12.2010 E SUFFICIENTE AVVIARE LE ATTIVITA DI VALUTAZIONE

Circolare n.11 /2010 del 23 dicembre 2010* RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: ENTRO IL 31.12.2010 E SUFFICIENTE AVVIARE LE ATTIVITA DI VALUTAZIONE Circolare n.11 /2010 del 23 dicembre 2010* RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: ENTRO IL 31.12.2010 E SUFFICIENTE AVVIARE LE ATTIVITA DI VALUTAZIONE L art. 28 del D.Lgs. n. 81/2008 sulla sicurezza e salute

Dettagli

PAIS Rivista mensile di cultura professionale e di formazione in servizio

PAIS Rivista mensile di cultura professionale e di formazione in servizio Periodico Amministrativo delle Istituzioni PAIS Scolastiche Rivista mensile di cultura professionale e di formazione in servizio METODO PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO (secondo le

Dettagli

Roberto BEDINI. La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Simone RICCIONI

Roberto BEDINI. La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Simone RICCIONI Roberto BEDINI La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Simone RICCIONI Prologo Correva l anno 2011, 1 gennaio, quando... 2 Prologo Prime impressioni...

Dettagli

GLI OBBLIGHI IN MATERIA DI RISCHIO STRESS

GLI OBBLIGHI IN MATERIA DI RISCHIO STRESS GLI OBBLIGHI IN MATERIA DI RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Annalisa Lantermo S.Pre.S.A.L. ASL TO1 Torino, 13 dicembre 2010 Seminario i Unione Industriale ditorino D. Lgs. 626/94 D. Lgs. 81/2008 Tutela

Dettagli

VALUTAZIONE del RISCHIO di ORIGINE PSICOSOCIALE o STRESS-LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE del RISCHIO di ORIGINE PSICOSOCIALE o STRESS-LAVORO CORRELATO ISTITUTO REGIONALE per la PROGRAMMAZIONE ECOMICA della TOSCANA - IRPET VALUTAZIONE del di ORIGINE PCOSOCIALE o STRESS-LAVORO CORRELATO La presente relazione costituisce aggiornamento del Documento di Valutazione

Dettagli

Corso di aggiornamento per il Medico Competente. Stress lavoro correlato: 4 anni di esperienza di valutazione e gestione del rischio

Corso di aggiornamento per il Medico Competente. Stress lavoro correlato: 4 anni di esperienza di valutazione e gestione del rischio Corso di aggiornamento per il Medico Competente Sezione regionale Veneto Stress lavoro correlato: 4 anni di esperienza di valutazione e gestione del rischio Padova, 14 marzo 2014 Antonia Ballottin Ulss

Dettagli

Stress - Panorama legislativo

Stress - Panorama legislativo Lo Stress lavoro-correlato La valutazione del rischio stress lavoro correlato Stress - Panorama legislativo Accordo- quadro Europeo 8 ottobre 2004 Art. 28 del D.Lgs. n.81/2008 Valutazione del rischio stress

Dettagli

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Secondo le indicazioni della Commissione consultiva 17/11/2010 Associata ECO-CONSULT S.r.l., fondata nel 1991, opera nel campo dell

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI INDAGINE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

RELAZIONE DI SINTESI INDAGINE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO RELAZIONE DI SINTESI INDAGINE RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO L art. 28 comma 1 del Dlgs 81/08 indica la necessità per il Datore di lavoro, che ne assume la responsabilità (art 29 DLgs. 81/08 e s.m.i.)

Dettagli

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP Ing Antonio Giorgi Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

Dettagli

Lo sportello d ascolto per i dipendenti

Lo sportello d ascolto per i dipendenti ULSS 13 Dolo-Mirano-Noale U.O. SORVEGLIANZA SANITARIA DEI LAVORATORI E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Responsabile dr. Fabrizio Fiorini Lo sportello d ascolto per i dipendenti Dott.ssa Stefania Menin

Dettagli

RISCHI DA STRESS LAVORO CORRELATO

RISCHI DA STRESS LAVORO CORRELATO RISCHI DA STRESS LAVORO CORRELATO Principali strumenti di rilevazione della percezione soggettiva Patrizia Cichella U.O. PSAL Area Pianura Azienda USL di Bologna INDICAZIONI COMMISSIONE CONSULTIVA (CIRC.

Dettagli

SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO FASE -VALUTAZIONE INDICATORI OGGETTIVI STRESS LAVORO CORRELATO La valutazione dello stress lavoro correlato prevede la compilazione di una Check

Dettagli

Stress lavoro correlato

Stress lavoro correlato Stress lavoro correlato a cura di arch. Paolo Garattoni Via dott. Luigi Comi 78 21040 Uboldo (VA) www.studio-garattoni.com +39.335.6945854 Definizione di stress Hans Seley, 1975 Sindrome generale di adattamento

Dettagli

Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia

Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia Indirizzi generali per la valutazione e la gestione del rischio stress lavorativo alla luce dell Accordo Europeo 8.10.2004 Valutazione del rischio da stress

Dettagli

Il rischio stress lavoro-correlato nel settore metalmeccanico: l opinione dei rappresentanti sindacali

Il rischio stress lavoro-correlato nel settore metalmeccanico: l opinione dei rappresentanti sindacali Il rischio stress lavoro-correlato nel settore metalmeccanico: l opinione dei rappresentanti sindacali Gruppo di ricerca: Daniele Di Nunzio Laura Barnaba Eliana Como Giuliano Ferrucci Roma, 31 Marzo 2015

Dettagli

LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE

LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE Sergio Iavicoli INAIL Dipartimento Medicina del Lavoro Roma 12 ottobre 2011 IMPLEMENTAZIONE DELL ACCORDO

Dettagli

Il Medico Competente e il rischio stress lavoro correlato

Il Medico Competente e il rischio stress lavoro correlato Il Medico Competente e il rischio stress lavoro correlato Definizione dei criteri e metodi di valutazione del rischio stress lavoro correlato Maria Teresa Cella Corso di aggiornamento - Venerdì, 10 Giugno

Dettagli

CHECK LIST DI INDICATORI VERIFICABILI PER AZIENDE FINO A 30 LAVORATORI

CHECK LIST DI INDICATORI VERIFICABILI PER AZIENDE FINO A 30 LAVORATORI CHECK LIST DI INDICATORI VERIFICABILI PER AZIENDE FINO A LAVORATORI La valutazione dello stress correlato al lavoro, come per tutti gli altri rischi, deve essere effettuata dal datore di lavoro che ne

Dettagli

CHECKLIST OPERATIVA: VERIFICA DELLA CORRETTA APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLO STRESS LAVORO-CORRELATO

CHECKLIST OPERATIVA: VERIFICA DELLA CORRETTA APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLO STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Via Padova, 11-25125 BRESCIA SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Corso Matteotti, 21 25122 BRESCIA CHECKLIST OPERATIVA: VERIFICA DELLA CORRETTA

Dettagli

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative Obblighi normativi Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Stress lavoro correlato Tema di attualità Incidenza elevata Cambiamento

Dettagli

STRESS LAVORO-CORRELATO

STRESS LAVORO-CORRELATO STRESS LAVORO-CORRELATO Indicazioni metodologiche per la VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO-CORRELATO (articolo 28, comma 1, del D.Lgs. n. 81/2008) PREMESSA Lo stress lavoro-correlato

Dettagli

Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato

Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato Indice Pagina Il rischio stress lavoro correlato Fase

Dettagli

Relazione di sintesi su La valutazione del rischio da stress lavoro-correlato all interno dell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti : analisi dei risultati Metodologia, strumenti e procedura La rilevazione

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza PREMESSA L aver previsto la fi gura del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) nella

Dettagli

Data del sopralluogo: ASL Rilevazione: Operatore: Telefono: E-mail: Nome azienda: Codice Fiscale: Partita IVA: Codice ATECO:..

Data del sopralluogo: ASL Rilevazione: Operatore: Telefono: E-mail: Nome azienda: Codice Fiscale: Partita IVA: Codice ATECO:.. SCHEDA # In caso di impossibilità di procedere alla compilazione della scheda, specificare il motivo: Cessata attività Attività trasferita Attività inesistente Altro: Data del sopralluogo: ASL Rilevazione:

Dettagli

La valutazione del rischio con metodi soggettivi

La valutazione del rischio con metodi soggettivi Cos è la valutazione dello stress lavoro-correlato La professionalità dello psicologo per la valutazione del rischio Milano, 4 novembre 2010 La valutazione del rischio con metodi soggettivi Psicologo della

Dettagli

Valutazione dello Stress Lavoro Correlato: cosa fare se

Valutazione dello Stress Lavoro Correlato: cosa fare se Valutazione dello Stress Lavoro Correlato: cosa fare se I suggerimenti che seguono fanno riferimento al documento regionale Decreto Direzione Generale Sanità Regione Lombardia n 10611 del.15/11/2011 -

Dettagli

STRUMENTI OPERATIVI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO STRESS

STRUMENTI OPERATIVI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO STRESS I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Strumenti operativi per la gestione del rischio stress (cod. 300.48) DIMOSTRATIVO STRUMENTI OPERATIVI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO

Dettagli

L obbligo di valutazione del rischio da stress lavoro correlato

L obbligo di valutazione del rischio da stress lavoro correlato RSPP-DDL aggiornamento 2013 L obbligo di valutazione del rischio da stress lavoro correlato Federico Vegetti La tutela della salute dei lavoratori, obbligo generale del datore di lavoro, passa anche attraverso

Dettagli

FAQ Valutazione del rischio stress lavoro correlato

FAQ Valutazione del rischio stress lavoro correlato FAQ Valutazione del rischio stress lavoro correlato Cosa si intende per rischio stress lavoro correlato?... 2 Cosa si intende per rischio?... 3 Cosa si intende per dati / indicatori "oggettivi" / eventi

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA Sistema di Gestione per la Qualità della Formazione del Personale

MANUALE DELLA QUALITA Sistema di Gestione per la Qualità della Formazione del Personale Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 Nuova Emissione Direttore UOS. Formazione del Personale Dr. Fabio Michelotti RAQ Laila Vinci Direttore UOS. Formazione del Personale Dr. Fabio Michelotti

Dettagli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli Tutela della salute e sicurezza sul lavoro Ufficio prevenzione e protezione Giunta regionale d Abruzzo 1 I Continenti che si incontrano e non vanno alla deriva Lo sviluppo del capitale umano in tutte le

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO Manuale ad uso delle aziende in attuazione del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ricerca Edizione 2011 VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso PROGRAMMA DEL CORSO LA FORMAZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 37 Accordo Stato Regioni del 21/12/2011) Durata del corso 32 ore Segreteria organizzativa

Dettagli

REQUISITI MINIMI PREVISTI DALLA NORMATIVA

REQUISITI MINIMI PREVISTI DALLA NORMATIVA Marina di Carrara 06/09/2013 Seminario Valutazione e gestione dei rischi collegati allo stress lavoro-correlato nelle scuole VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO NELLA SCUOLA REQUISITI

Dettagli

IL PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE DEL VENETO

IL PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE DEL VENETO IL PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE DEL VENETO Dott.ssa Vittoria Cervi RSPP ULSS 22 - Bussolengo Referente Progetto Prevenzione della Salute e Sicurezza

Dettagli

Liceo DES AMBROIS. - Oulx - Servizio di Prevenzione e Protezione. della Salute e. Sicurezza sul Lavoro

Liceo DES AMBROIS. - Oulx - Servizio di Prevenzione e Protezione. della Salute e. Sicurezza sul Lavoro Scuola Media Liceo Istituto Professionale ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE DES AMBROIS - Oulx - SPP Servizio di Prevenzione e Protezione S Sistema di Gestione G della Salute e S Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

PERFORMANCE - BENESSERE ORGANIZZATIVO,

PERFORMANCE - BENESSERE ORGANIZZATIVO, D. Lgs. N.33/2013 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni PERFORMANCE - BENESSERE ORGANIZZATIVO,

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO Manuale ad uso delle aziende in attuazione del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ricerca Edizione 2011 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento Medicina

Dettagli

Emotional Intelligence Stress Audit

Emotional Intelligence Stress Audit Emotional Intelligence Stress Audit Valutazione del rischio stress lavoro correlato per il benessere delle persone e dell organizzazione Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO

RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Dott. Giuseppe Sergi Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL Piacenza PIACENZA,10/06/2011 RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Definizione Stress significa letteralmente: sforzo,

Dettagli

Hotel Villa Quiete- Montecassiano MC- 22 Settembre 2014 Dott.ssa Maria Pia Cancellieri-SPSAL Urbino

Hotel Villa Quiete- Montecassiano MC- 22 Settembre 2014 Dott.ssa Maria Pia Cancellieri-SPSAL Urbino La Valutazione del Rischio secondo le linee di indirizzo della Commissione ex art. 6 e il Manuale Inail Hotel Villa Quiete- Montecassiano MC- 22 Settembre 2014 Dott.ssa Maria Pia Cancellieri-SPSAL Urbino

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ART. 17 e 28 D. LGS. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ART. 17 e 28 D. LGS. 81/08 DOCUMENTO DI ART. 17 e 28 D. LGS. 81/08 MCDONALD S AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO RIFERIMENTI: D. Lgs. 9 Aprile

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e

Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e 1 Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori finalizzata ad individuare le adeguate

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato

Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato Cinzia Frascheri Giuslavorista Responsabile nazionale CISL salute e sicurezza sul lavoro Tutti i

Dettagli

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO Il presente opuscolo vuole essere un utile guida per lavoratori, lavoratrici, datori di lavoro e i soggetti collegati al mondo del lavoro. Le informazioni contenute

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (METODO INDICATORI OGGETTIVI) ex D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. (D.Lgs.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (METODO INDICATORI OGGETTIVI) ex D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. (D.Lgs. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (METODO INDICATORI OGGETTIVI) ex D.Lgs. 8/8 e s.m.i. (D.Lgs. 6/9) Azienda Sede Legale Sede Operativa Rev. Motivazione Emissione 4 5 Stress Lavoro

Dettagli

La partecipazione del RLS al processo di valutazione dei rischi

La partecipazione del RLS al processo di valutazione dei rischi La partecipazione del RLS al processo di valutazione dei rischi Oriana Rossi 30 settembre 2009 Sala Congressi - Ente Livornese Scuola Edile - Livorno Definizione normativa di valutazione dei rischi valutazione

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

Il Medico Competente, consulente aziendale globale in tema di tutela della Salute e della Sicurezza dei lavoratori

Il Medico Competente, consulente aziendale globale in tema di tutela della Salute e della Sicurezza dei lavoratori Il Medico Competente, consulente aziendale globale in tema di tutela della Salute e della Sicurezza dei lavoratori Genova, 30 Maggio 2012 Dr. Ernesto Ramistella Medico del Lavoro Competente Coordinatore

Dettagli

INDICE. Sommario esecutivo p. 3. Introduzione p. 5. Parte 1 Modelli teorici e quadri di riferimento p. 10

INDICE. Sommario esecutivo p. 3. Introduzione p. 5. Parte 1 Modelli teorici e quadri di riferimento p. 10 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia avente l obiettivo di realizzare un sistema a rete della ricerca

Dettagli

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento Premessa Ad Meliora è anche Sicurezza. Ci rivolgiamo principalmente ad aziende operanti nel settore del terziario erogando: corsi di adempimento normativo: in funzione della tipologia di azienda e dei

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO: PROFILI PSICO-SOCIALI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE

STRESS LAVORO CORRELATO: PROFILI PSICO-SOCIALI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE STRESS LAVORO CORRELATO: PROFILI PSICO-SOCIALI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE 1 Prof. Isabella Corradini Psicologia sociale e del Lavoro Responsabile Area Psicologica Osservatorio Rischi Psico-sociali Università

Dettagli

CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE

CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE Corso di Abilitazione per ASPP/RSPP (Ambito Sanitario) MODULI A-B7-C (corso residenziale) in collaborazione con OMCEO - dei medici-chirurghi e degli odontoiatri CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO E VALUTAZIONE DELLO STRESS

SICUREZZA SUL LAVORO E VALUTAZIONE DELLO STRESS SICUREZZA SUL LAVORO E VALUTAZIONE DELLO STRESS 187 SICUREZZA SUL LAVORO E VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO. Brevi considerazioni a margine dell attuazione dell art. 28 Del decreto legislativo

Dettagli

Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia Serranti RSSP Ergonomo CNR Bologna

Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia Serranti RSSP Ergonomo CNR Bologna Lo stress si misura? Come valutare lo stress lavoro correlato D.lgs 81/08 Ambiente Lavoro Change s.r.l. 8 ottobre 2008 Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia

Dettagli

Piattaforma per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato. Guida all utilizzo della piattaforma

Piattaforma per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato. Guida all utilizzo della piattaforma Piattaforma per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato Guida all utilizzo della piattaforma Percorso di accesso alla sezione Focus Stress Lavoro correlato dal sito www.inail.it

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI

COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI GRUPPO DI RIFERIMENTO PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI REV. DATA 0 8.03.2011 1 24.06.2013 2 3 IL REFERENTE DEL GRUPPO Ing. Alessandro Selbmann

Dettagli

Corso di formazione per RSPP

Corso di formazione per RSPP Corso di formazione per RSPP Corso Normative di riferimento Argomenti/Programma n.ore Corso per Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione a) Il quadro normativo in materia di sicurezza dei

Dettagli

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Rev 1 del 27 gennaio 2011 della presentazione effettuata

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro: significati e problemi della valutazione dei rischi da stress lavoro correlato

Salute e sicurezza sul lavoro: significati e problemi della valutazione dei rischi da stress lavoro correlato Salute e sicurezza sul lavoro: significati e problemi della valutazione dei rischi da stress lavoro correlato Stefano Grandi Centro Internazionale di documentazione e studi sociologici sui problemi del

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

Rischio Psicosociale. Prima parte:

Rischio Psicosociale. Prima parte: Rischio Psicosociale Prima parte: 1. La salute in ambito lavorativo: un bene individuale e collettivo irrinunciabile 2. Il rischio da stress e la nuova normativa Accordo Europeo del 8-10- 2004; D.Lgs 9-4-2008

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO LINEE OPERATIVE PER LE PICCOLE IMPRESE

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO LINEE OPERATIVE PER LE PICCOLE IMPRESE LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO LINEE OPERATIVE PER LE PICCOLE IMPRESE Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs n.81/2008 Verona, Gennaio 2011 Gruppo Coordinato

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Corso di 28 ore Mega Italia Media - via Cavallera, 10 Torbole Casaglia - Brescia

Corso di 28 ore Mega Italia Media - via Cavallera, 10 Torbole Casaglia - Brescia Soggetto Formatore Nazionale riconosciuto ope legis art. 8bis, comma 3 del D.Lgs. 626/94 Via Cavallera, 10 25030 Torbole C. (Bs) www.aifos.it - segreteria@aifos.it Centro Formazione AIFOS - organizzazione

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE 1

CORSI DI FORMAZIONE 1 CORSI DI FORMAZIONE 1 2 CORSI PER ADDETTI ANTINCENDIO Questa lezione costituisce il Corso obbligatorio per tutti i lavoratori che svolgono incarichi relativi alla prevenzione incendi, lotta antincendio

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DEDICATO ALLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

PROGETTO FORMATIVO DEDICATO ALLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PROGETTO FORMATIVO DEDICATO ALLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Direzione Centrale Prevenzione Pagina 2 di 196 PREMESSA Il progetto formativo proposto è stato redatto secondo le indicazioni riportate

Dettagli

Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012

Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012 Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) http://www.unifi.it/rls/mdswitch.html rls@unifi.it UNO 1. Introduzione Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012 Un saluto a tutti

Dettagli

Scheda di sintesi Accordo Stato Regioni in materia di Formazione per Lavoratori Preposti Dirigenti

Scheda di sintesi Accordo Stato Regioni in materia di Formazione per Lavoratori Preposti Dirigenti 1 Scheda di sintesi Accordo Stato Regioni in materia di Formazione per Lavoratori Preposti Dirigenti Accordo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome per la

Dettagli

MODULO 1. Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie

MODULO 1. Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie Normativa, organizzazione della prevenzione, diritti e doveri dei soggetti aziendali, organi di vigilanza Modulo 1 La vigente normativa

Dettagli

Responsabilità e compiti del Medico Competente in materia di Igiene e Sicurezza sul Lavoro

Responsabilità e compiti del Medico Competente in materia di Igiene e Sicurezza sul Lavoro Responsabilità e compiti del Medico Competente in materia di Igiene e Sicurezza sul Lavoro (D.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008) INDICE Premessa... 3 1 - La figura del Medico Competente : titoli e requisiti...

Dettagli

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO)

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO) LAVORO IN SICUREZZA S.R.L. - Società Unipersonale 30174 MESTRE (VE) - VIA EMILIA, 13/A int. 1 e 2 tel. 041.5442959 - fax 041.5442821 e-mail: lavoroinsicurezza@lavoroinsicurezza.it sito web: www.lavoroinsicurezza.it

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

Linee Guida Commissione Consultiva Permanente: un documento più politico che concreto

Linee Guida Commissione Consultiva Permanente: un documento più politico che concreto Linee Guida Commissione Consultiva Permanente: un documento più politico che concreto Dopo più di 15 mesi di attesa e 3 diverse proroghe, il 17 novembre 2010 sono uscite le indicazioni necessarie alla

Dettagli

Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti)

Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti) Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti) Ai sensi all Accordo Stato-Regioni del 26.01.2006 n 2407 (G.U. 14.02.2006 n 37) su direttive dell ex DLgs 195/03 e del vigente DLgs 81/08

Dettagli