DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (parte 5: rischi stress lavoro- correlati) Art. 17 comma 1, lett.a) D.Lgs 81/2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (parte 5: rischi stress lavoro- correlati) Art. 17 comma 1, lett.a) D.Lgs 81/2008"

Transcript

1 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8

2 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 INDICE DEGLI ARGOMENTI Rev. 0 Parte Pag di 8 Parte : Valutazione Rischi Stress Lavoro-Correlati. Premessa generale pag. Quadro normativo di riferimento pag Criteri di valutazione Attività di valutazione ASL. Premessa metodologia e criteri di valutazione pag Valutazione preliminare pag Indicazioni valutazione preliminare pag Valutazione approfondita..... pag Indicazioni valutazione approfondita.pag Sviluppi ed azioni di miglioramento per riduzione rischio SLC pag Azioni di miglioramento già in atto per riduzione rischio SLC.. pag Informazione.pag. Formazione... pag 6. Sorveglianza sanitaria pag 6 Allegato I Allegato II.. Allegato III.. Allegato IV -.. Allegato V - pag pag pag pag pag 7 6 8

3 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8. PREMESSA GENERALE Il presente documento, denominato 8 parte, rev.0 sostituisce il precedente documento specifico denominato SLC, Rev.0 datato giugno 0, e concerne la prevenzione e protezione dai rischi da stress lavoro-correlato nei luoghi di lavoro, secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8 ottobre 00, previsti nel Titolo I PRINCIPI COMUNI del D.Lgs. 8/08, ed in particolare nel Capo III, sezione II Valutazione dei rischi, art.8, commi e -bis; la presente valutazione tiene conto delle indicazioni al riguardo emesse dalla Commissione Consultiva permanente (ex art.6 c.8, lett. m-quater DLgs. 8/08 citato) e trasmesse dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali con propria lettera circolare prot. /SEGR/0069 del 8..00, nonché delle Linee Guida emesse sull argomento dall INAIL nel 0 La valutazione prende in esame le attività svolte in tutti i luoghi di lavoro pertinenza dell ASL di Viareggio di Gruppo di valutazione: la Valutazione SLC, ai sensi della citata Lettera Circolare del 8..00, è stata effettuata dal Datore di Lavoro avvalendosi del Responsabile U.O.C. Servizio Prevenzione e Protezione, dei Medici Competenti e del Responsabile U.O.C. Psicologia, mediante consulenza scientifica di uno Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni Specializzando presso l U.O.C. Psicologia, in qualità di Esperto in materia. Le tre suddette Strutture Operative afferiscono allo Staff Direzionale AUSL. La Valutazione è avvenuta previa consultazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS). Il presente documento viene formalizzato mediante apposizione della firma autografa e della data da parte del Direttore Generale dell azienda USL Viareggio sul frontespizio della parte generale e conservato in originale presso il SPP. In caso di aggioramenti parziali le successive revisioni di questa parte specifica saranno singolarmente firmate. (sostituisce le precedenti versioni SLC 0, Rev.0 datata dicembre 00 e SLC, Rev.0 datata giugno 0, che vengono conservate presso SPP insieme alle firme e a tutto il materiale documentale ad esse allegato, in formato cartaceo e/o elettronico )

4 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Riportiamo in breve le definizioni e disposizioni più significative tratte dal D.Lgs 8/08 e dalla Circolare citata. SEZIONE II - VALUTAZIONE DEI Articolo 8 - Oggetto della valutazione dei rischi. La valutazione di cui all articolo 7, comma, lettera a), anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro, deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell Accordo Europeo dell 8 ottobre 00,.omissis -bis. La valutazione dello stress lavoro-correlato di cui al comma è effettuata nel rispetto delle indicazioni di cui all articolo 6, comma 8, lettera m-quater, omissis.. Indicazioni della Commissione consultiva per la valutazione dello stress lavorocorrelato (articoli 6, comma 8, lettera m-quater, e 8, comma bis, d.lgs. n. 8/008 e successive modificazioni e integrazioni) Definizioni e indicazioni generali Lo stress lavoro-correlato viene descritto all articolo dell Accordo Europeo dell 8 ottobre 00 così come recepito dall Accordo Interconfederale del 9 giugno quale condizione che può essere accompagnata da disturbi o disfunzioni di natura fisica, psicologica o sociale ed è conseguenza del fatto che taluni individui non si sentono in grado di corrispondere alle richieste o aspettative riposte in loro (art., co. ). Nell ambito del lavoro tale squilibrio si può verificare quando il lavoratore non si sente in grado di corrispondere alle richieste lavorative. Tuttavia non tutte le manifestazioni di stress sul lavoro possono essere considerate come stress lavoro-correlato. Lo stress lavoro-correlato è quello causato da vari fattori propri del contesto e del contenuto del lavoro. A tale scopo, va chiarito che le necessarie attività devono essere compiute con riferimento a tutti i lavoratori, compresi dirigenti e preposti. La valutazione prende in esame non singoli ma gruppi omogenei di lavoratori (per esempio per mansioni o partizioni organizzative) che risultino esposti a rischi dello stesso tipo secondo una individuazione che ogni datore di lavoro può autonomamente effettuare in ragione della effettiva organizzazione aziendale (potrebbero essere, ad esempio, i turnisti, i dipendenti di un determinato settore oppure chi svolge la medesima mansione, etc).

5 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8 Metodologia La valutazione si articola in due fasi: una necessaria (la valutazione preliminare); l altra eventuale, da attivare nel caso in cui la valutazione preliminare riveli elementi di rischio da stress lavorocorrelato e le misure di correzione adottate a seguito della stessa, dal datore di lavoro, si rivelino inefficaci. La valutazione preliminare consiste nella rilevazione di indicatori oggettivi e verificabili, ove possibile numericamente apprezzabili, appartenenti quanto meno a tre distinte famiglie: I Eventi sentinella quali ad esempio: indici infortunistici; assenze per malattia; turnover; procedimenti e sanzioni e segnalazioni del medico competente; specifiche e frequenti lamentele formalizzate da parte dei lavoratori. I predetti eventi sono da valutarsi sulla base di parametri omogenei individuati internamente alla azienda (es. andamento nel tempo degli indici infortunistici rilevati in azienda). II Fattori di contenuto del lavoro quali ad esempio: ambiente di lavoro e attrezzature; carichi e ritmi di lavoro; orario di lavoro e turni; corrispondenza tra le competenze dei lavoratori e i requisiti professionali richiesti. III Fattori di contesto del lavoro quali ad esempio: ruolo nell ambito dell organizzazione, autonomia decisionale e controllo; conflitti interpersonali al lavoro; evoluzione e sviluppo di carriera; comunicazione (es. incertezza in ordine alle prestazioni richieste). In questa prima fase possono essere utilizzate liste di controllo applicabili anche dai soggetti aziendali della prevenzione che consentano una valutazione oggettiva, complessiva e, quando possibile, parametrica dei fattori di cui ai punti I, II e III che precedono. Diversamente, nel caso in cui si rilevino elementi di rischio da stress lavoro-correlato tali da richiedere il ricorso ad azioni correttive, si procede alla pianificazione ed alla adozione degli opportuni interventi correttivi (ad esempio, interventi organizzativi, tecnici, procedurali, comunicativi, formativi, etc). Ove gli interventi correttivi risultino inefficaci, si procede, nei tempi che la stessa impresa definisce nella pianificazione degli interventi, alla fase di valutazione successiva (c.d. valutazione approfondita). La valutazione approfondita prevede la valutazione della percezione soggettiva dei lavoratori, ad esempio attraverso differenti strumenti quali questionari, focus group, interviste semistrutturate, sulle famiglie di fattori/indicatori di cui all'elenco sopra riportato. Tale fase fa riferimento ovviamente ai gruppi omogenei di lavoratori rispetto ai quali sono state rilevate le problematiche. Nelle aziende di maggiori dimensioni è possibile che tale fase di indagine venga realizzata tramite un campione rappresentativo di lavoratori. CRITERI DI VALUTAZIONE - ATTIVITA DI VALUTAZIONE NELL ASL

6 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag 6 di 8. Premessa - Metodologia e criteri di valutazione La metodologia ha seguito un percorso valutativo in due fasi, indicato dalla Lettera Circolare del citata e delle Linee Guida INAIL 0: una obbligatoria preliminare, con la valutazione di dati oggettivi, ed una seconda approfondita, con la valutazione della percezione soggettiva dei lavoratori. L iter metodologico ipotizzato dalla normative e dalla Commissione (rilevazione dati oggettivi valutazione preliminare rischi eventuale presenza rischio medio o alto pianificazione ed esecuzione interventi correttivi valutazione eliminazione o meno del rischio valutazione approfondita solo sulle strutture con rischio) stabiliva che l esecuzione della valutazione approfondita, non obbligatoria, fosse da effettuarsi solo in caso di riscontro di Rischi SLC rilevati dalla valutazione preliminare. Nell esecuzione della Valutazione di Rischio SLC AUSL per l anno 00 e seguenti si è invece scelto di eseguire entrambe le valutazioni in parallelo e per l intera azienda, così da poter utilizzare anche i risultati di natura soggettiva a completamento ed integrazione di quelli di natura oggettiva della preliminare, con l obiettivo di rendere molto più realistica ed efficace l individuazione degli interventi correttivi. Tale scelta è stata possibile perché nel triennio l Azienda USL ha partecipato come soggetto capofila, con il proprio Direttore Generale come Coordinatore Nazionale, ad una iniziativa della F.I.A.S.O. (Federazione Italiana delle Aziende Sanitarie e Ospedaliere) denominata Progetto Laboratorio F.I.A.S.O. - Sviluppo e tutela del Benessere e della Salute Organizzativa nelle Aziende Sanitarie, (agli atti), per la sperimentazione di un piano condiviso fra diverse Aziende Sanitarie sul territorio nazionale finalizzato a promuovere la salute organizzativa dell azienda, porgendo particolare attenzione al benessere fisico, psicologico e sociale di ciascun lavoratore, per cui uno dei principali obiettivi risulta la prevenzione del burn-out, dello stress lavoro-correlato e dei disagi/malesseri che possono derivare dalla vita professionale. A questo Laboratorio hanno preso parte 6 Aziende Sanitarie ed Ospedaliere di varie regioni italiane e le Università di Bologna e Palermo, con l ASL di Viareggio come detto nel ruolo di Azienda capofila, nonché l azienda farmaceutica Boehringer Ingelheim, per un totale di oltre dipendenti; l organizzazione ha previsto una serie di incontri ed attività interaziendali, nonché la costituzione in ogni realtà di un apposito Gruppo di Lavoro e Coordinamento Aziendale, di ambito interdisciplinare, che seguisse il lavoro all interno. Il Gruppo di lavoro deliberato nell ASL (del. n.68/00) è composto dalle seguenti figure: - dott. Enrico Salvi, responsabile Area Staff Direzionale e direttore Unità Operativa Complessa Psicologia, Referente tecnico aziendale F.I.A.S.O. ; - dott. Giuliano Angotzi, direttore Dipartimento della Prevenzione e responsabile Unità Funzionale Complessa Prevenzione Igiene Sicurezza Luoghi di Lavoro; - dott.ssa Rita Ansuini, dirigente Unità Operativa Complessa Igiene e Medicina del Lavoro, Referente Progetto Area Vasta Nord Ovest Toscana la gestione del rischio da Stress Lavoro Correlato; - ing. Marco Cirilli, direttore Unità Operativa Complessa Servizio Prevenzione e Protezione; - rag. Giulio Cesare Guidi, direttore Unità Operativa Complessa Risorse Umane; - dott. Roberto Iacometti, coordinatore Tecnico Sanitario; - dott. Lamberto Lastrucci, direttore Unità Operativa Semplice Medico Competente; - dott.ssa Grazia Luchini, direttore sanitario Presidio Ospedaliero; - dott. Fabio Michelotti, responsabile Dipartimento Cure Primarie; - dott.ssa Anna Reale, dirigente Infermieristico; - dott.ssa Patrizia Viviani, referente Rappresentanti Lavoratori per la Sicurezza Tra le principali attività degli esperti del Progetto Laboratorio FIASO ci sono state la predisposizione (e successivamente anche l analisi dei risultati) di due nuovi strumenti di rilevazione e valutazione, che sono stati utilizzati anche dalla ASL per:

7 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag 7 di 8 indicatori oggettivi e verificabili (utilizzabili quindi per la valutazione preliminare di carattere oggettivo) attraverso una check-list di indicatori di manifestazione, rischio e contrasto, rispondenti agli indicatori di eventi sentinella, contenuto del lavoro e contesto di lavoro previsti dalla Lettera circolare citata; detta lista è descritta nel successivo paragrafo. ed in Allegato I, mentre i risultati sono riportati in Allegato II indicatori soggettivi della percezione del Benessere Organizzativo da parte dei dipendenti, (utilizzabili quindi per la valutazione approfondita di carattere soggettivo) mediante un questionario scientifico standardizzato di valutazione denominato B.O.P. Benessere Organizzativo Percepito, creato dall Università di Bologna, e scelto come strumento di rilevazione ad hoc per la valutazione approfondita della percezione del Rischio Stress Lavoro-Correlato da parte dei lavoratori. Detto questionario è descritto nel successivo paragrafo. ed in Allegato III, mentre i risultati sono riportati in Allegato IV.. Valutazione Preliminare : (dati oggettivi) La valutazione preliminare è avvenuta mediante la raccolta, la compilazione e l analisi statistica dei dati contenuti in una check list di indicatori di manifestazione, rischio e contrasto, rispondenti agli indicatori di eventi sentinella, contenuto del lavoro, contesto di lavoro previsti dalla Lettera Circolare. Come già anticipato, a questo scopo esperti nell ambito del Progetto Laboratorio FIASO hanno messo a punto uno specifico strumento di rilevazione e valutazione di indicatori oggettivi e verificabili. Il lavoro è partito dall esame della letteratura e delle linee guida emanate dai più importanti enti: - Accordo quadro europeo sullo stress nei luoghi di lavoro, 8 ottobre 00; - Linee guida per la valutazione rischio Stress Lavoro-Correlato, redatte da: C.T.I.P.L.L., Coordinamento Tecnico Interregionale della Prevenzione nei Luoghi di Lavoro 00; I.S.P.E.S.L. (Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro) 00: approccio integrato secondo il modello Management Standard HSE (Health Safety Executive, Great Britain); Regione Lombardia 009; Regione Toscana 009; Ordine degli Psicologi Regione Emilia Romagna 008: buone pratiche di intervento sullo Stress Lavoro-Correlato, orientamenti per gli psicologi in merito alle valutazioni e agli interventi ; I.N.R.S. (Institut National de Recherche et de Sècuritè, France) 007; I.N.A.I.L. (Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) 0: Manuale per la Valutazione e Gestione del rischio da stress lavoro-correlato - Testo Unico per la Sicurezza, D.lgs 8/08 e succ.mod. ; Sulla base di quanto sopra i membri del Gruppo di Coordinamento Nazionale del Progetto Laboratorio Fiaso hanno quindi messo a punto come strumento per la raccolta dei dati oggettivi aziendali una check-list in 9 punti (vedi Allegato I ).. Tempo di lavoro (0 items). Movimenti di personale ( item)

8 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag 8 di 8 Relazioni sociali nell azienda ( items) Formazione professionale ( items) Gestione del Lavoro (6 items) Infortuni sul lavoro ( items) Condizioni ambientali ed ergonomiche (9 items) Situazioni critiche ( item) Attività del Medico Competente ( items) I indicatori sono stati suddivisi nelle seguenti tre categorie Manifestazione: Evidenze di alterazione dello stato di salute e dei comportamenti individuali e delle prestazioni organizzative dei lavoratori, legate alla presenza di condizioni di Stress Lavoro Correlato. Rischio: caratteristiche del lavoro e dell organizzazione del lavoro associati a elevati livelli di Stress Lavoro Correlato, sulla base della letteratura vigente. Contrasto: procedimenti organizzativi e manageriali di prevenzione orientati a rafforzare le risorse individuali e sociali di coping del lavoratore. Tale griglia è stata inviata per la compilazione a tutte le strutture aziendali deputate (U.O.C. Risorse Umane, U.O.C. Controlli di Gestione, U.O.C. Assistenza Infermieristica Ospedaliera, U.O.S. Formazione, U.O.S. Medico Competente, U.O.C. Servizio Prevenzione e Protezione, U.O.S. Relazioni Pubbliche per la raccolta dei dati più tipicamente generali ed oggettivi e relativi alla famiglia degli eventi sentinella così come li evidenzia la Commissione Consultiva nelle sue già citate linee guida (riferimento alle voci,,, 6, 7, 8, 9 della griglia stessa), ed è stata inviata anche a tutti i Responsabili di Dipartimento Area - Unità Funzionale Complessa/ Semplice - Unità Operativa Complessa/Semplice per la raccolta dei dati invece relativi alle famiglie evidenziate come Fattori di contenuto del lavoro e Fattori di contesto del lavoro dalla Commissione (riferimento alle voci, della griglia). E stato deciso di prendere in esame i seguenti periodi temporali: - inizialmente il periodo , ed i risultati sono stati riportati nella precedente Rev.0, - successivamente il periodo , ed i risultati sono riportati nella presente Rev.0, Allegato II - è attualmente in corso la raccolta dei dati per il periodo ; appena pronti ed elaborati saranno pubblicati in una prossima Rev. ; è previsto in quella fase anche un confronto comparato dei risultati nell arco del triennio esaminato I dati raccolti sono stati analizzati mediante calcolo dei valori medi e delle deviazioni standard di ogni singola struttura, per personale dirigente e di comparto, con l utilizzo di analisi statistica descrittiva, attraverso l uso di specifici softwares di analisi dati. Questa tipologia di analisi è stata messa a punto dagli esperti della UOC Psicologia della nostra ASL, e successivamente validata, accettata ed infine adottata anche dalle altre aziende partecipanti al Progetto laboratorio FIASO. Tale procedura ha quindi permesso l esecuzione della valutazione preliminare SLC con una metodologia oggettiva, scientifica ed attendibile che rende possibile l attribuzione di valori ed il confronto tra strutture, per quanto concerne la valutazione SLC, ai sensi delle normative vigenti e delle Linee Guida Inail 0. E stato quindi possibile ottenere dati riferiti ad ogni singola UO/UF, Area, Dipartimenti, Macroaree Aziendali oltre che all Azienda U.S.L. nel suo complesso.

9 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag 9 di 8 Come Cut Off dei valori indicatori rischio SLC (% di presenza SLC nel contesto lavorativo) sono quindi stati adottati quelli delle Linee Guida INAIL ed. 0 Valutazione e gestione del rischio da Stress Lavoro-Correlato, manuale ad uso delle aziende in attuazione del D.Lgs 8/08 e s.m.i, in modo da poter avere un confronto dei risultati aziendali sia su scala interna che anche su una scala nazionale: indice rosso (alto rischio) > 0% Indice giallo (medio rischio) 0% > % Indice verde (basso rischio) % (Note: Per l indicatore di contrasto i valori vanno letti inversamente rispetto ai precedenti cut-off: Alto contrasto (rischio basso) > 0% indice verde, medio contrasto (rischio medio) 0% > % indice giallo, contrasto basso (rischio alto) % indice rosso.). Indicazioni valutazione preliminare Il risultato di tutta la raccolta con tutte le schede compilate dai vari soggetti è stato poi riunito in unico fascicolo e conservato in originale presso il SPP e l UOC Psicologia; come detto sono stati poi elaborati report e tabelle riassuntive con analisi e statistiche sui dati raccolti, relativi all anno 00, (vedi Allegato II ), anch essi conservati in formato elettronico e/o cartaceo presso il SPP e l UOC Psicologia. Per quanto concerne le informazioni che derivano dalla suddetta valutazione, sulla base delle indicazioni delle linee guida ed.0 Valutazione e gestione del rischio da Stress Lavoro-Correlato, manuale ad uso delle aziende in attuazione del D.Lgs 8/08 e s.m.i i dati riportati, laddove per alcune strutture aziendali siano contrassegnati con l indicatore rosso o giallo, evidenziano condizioni organizzative che possono segnalare la presenza di Stress Lavoro-Correlato. Si rende in tal caso necessario approfondire il fenomeno nel contesto delle Strutture specificate mediante un incontro mirato ove ipotizzare azioni correttive, ed in caso di realizzazione ne verrà successivamente verificata l efficacia. In sintesi, riportiamo qui di seguito una tabella riassuntiva dei risultati della valutazione media riguardante l intera Azienda, riferita alle sopracitate Linee Guida INAIL ed. 0 Valutazione e gestione del rischio da Stress Lavoro-Correlato, manuale ad uso delle aziende in attuazione del D.Lgs 8/08 e s.m.i, rimandando all Allegato II per un esame completo. RISULTATI O STRESS LAVORO CORRELATO 00 Azienda USL (UUOO/UUFF/comparto) Indicatori manifestazione Indicatori rischio Indicatori contrasto (verde) (basso rischio) 8 (giallo) (medio rischio) 6 (verde) (basso rischio)

10 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag 0 di 8 Anche per quanto riguarda le analoghe valutazioni medie riferite alla singole macroaree/dipartimenti che compongono l azienda non emergono valori corrispondenti ad alto rischio, cioè colore rosso, ma solo alcuni valori di rischio medio cioè colore giallo, e i restanti sono di colore verde. Nell ulteriore studio più dettagliato, cioè riferito alle singole strutture, emergono allora valori contraddistinti da colore giallo o rosso per alcuni indicatori, che quindi saranno oggetto di particolare attenzione, nell ottica di eliminazione o riduzione del rischio ad essi relativo.. Valutazione approfondita (percezione soggettiva dei lavoratori) Questa seconda valutazione riguarda la percezione soggettiva dei lavoratori, va rivolta ai gruppi omogenei di lavoratori rispetto ai quali sono state riscontrate le problematiche, e può essere effettuata mediante diversi strumenti, per esempio questionari, focus group, interviste ecc sulle famiglie di indicatori sopra ricordati (eventi sentinella, fattori di contenuto e di contesto del lavoro). Per effettuare questa valutazione del rischio SLC, all interno delle azioni previste dal Laboratorio FIASO, di cui l AUSL è azienda capofila, si è ritenuto opportuno dotarsi di un apposito strumento di rilevazione, finalizzato a rilevare la percezione soggettiva dei lavoratori rispetto al proprio stare al lavoro, il Questionario Benessere Organizzativo Percepito (BOP), curato da Bruna Zani dell Università Alma Mater Studiorum Università di Bologna, in collaborazione con il Gruppo Tecnico di Lavoro Nazionale del Laboratorio FIASO (riportato in Allegato III ). Il questionario è stato usato con due obiettivi diversi: lo svolgimento della fase di Analisi approfondita prevista all interno della Valutazione del Rischio Stress Lavoro-Correlato (D. Lgs. 8/08), che richiede la raccolta del dato soggettivo; l analisi dello stato di salute organizzativa dell Azienda o parti dell Azienda, al fine di averne una fotografia ed, eventualmente, programmare azioni di promozione del benessere organizzativo. L analisi svolta attraverso questo strumento è stata rivolta a tutto il personale e ha assunto tre finalità principali: - diventare un ulteriore strumento per un analisi approfondita sui punti di debolezza e di forza riscontrati, al fine di migliorare i primi e rafforzare i secondi, per implementare interventi razionali e adeguati al contesto e ai gruppi di lavoro; - elaborare una fotografia della salute organizzativa al momento presente, come strumento di conoscenza e di consapevolezza; - permettere il coinvolgimento del personale tutto, tecnico amministrativo sanitario. Inoltre, l adozione del medesimo questionario su 6 aziende sanitarie ha permesso di creare uno strumento di benchmarking utile per un confronto attendibile della variabile Benessere Organizzativo in realtà differenti tra loro. La somministrazione in AUSL è stata rivolta a tutto il personale, mediante compilazione on-line sia in Azienda che da casa. Sia la somministrazione che la raccolta dati sono avvenute nel pieno rispetto della privacy mediante il coinvolgimento di un Ente Terzo, il Gruppo TESI s.p.a., Azienda specializzata nel trattamento dati. I dati in forma aggregata sono stati inviati per l elaborazione all Università di Bologna, incaricata dell analisi dati e poi dell invio dell analisi stessa alle specifiche Aziende Sanitarie. Il tasso di risposta aziendale AUSL al questionario è stato del 8,8%, fra i più alti delle aziende partecipanti al progetto.

11 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8 Struttura dello strumento : il questionario, composto da domande, è suddiviso in cinque sezioni. Nella prima sezione sono inclusi quattro strumenti per misurare l Identificazione organizzativa, il Senso di comunità organizzativo, la Condivisione degli obiettivi e l Empowerment psicologico nel contesto lavorativo. L intera sezione è preceduta dalla frase: Le seguenti affermazioni riguardano il rapporto con il suo ambiente di lavoro (Azienda, Struttura, ex Unità Operativa, UO, suo gruppo di lavoro). Le chiediamo di valutare il Suo grado di accordo, utilizzando la seguente scala: da (fortemente in disaccordo) a (fortemente d accordo). La seconda sezione del questionario è dedicata all intenzione di turnover (item 8 e 9), ossia l intenzione di cambiare sede o lavoro, e alla soddisfazione lavorativa (item 0). In questa sezione, per ciascuno degli item è stato richiesto di indicare il proprio grado di accordo in una scala da (no, assolutamente) a (sì, decisamente). La terza sezione ha come oggetto d indagine il benessere psicosociale, per misurare il quale si sono utilizzati i sei item della sottoscala del benessere psicologico del Mental Health ContinuumShort Form (MHC-SF). Ai partecipanti è stata posta la seguente domanda: Nell ultimo mese, quanto spesso Lei si è sentito a cui seguivano frasi del tipo: contento/a di molti aspetti della sua personalità. Il formato di risposta va da (mai) a 6 (ogni giorno). La quarta sezione riguarda le strategie di coping ed è composta da nove item tratti dallo strumento Coping Strategy Indicator di Amirkhan (990, validati da Toderi, 000). Nello specifico vengono misurate tre strategie di coping (tre item ciascuna): coping attivo, ricerca di sostegno ed evitamento. Queste tre modalità di far fronte a situazioni avvertite come fonte di stress non esauriscono naturalmente la gamma delle azioni possibili, ma sono un buon indicatore degli stili adottati da ognuno. Per misurare le strategie di coping la scala è preceduta dalla seguente domanda: Le chiediamo ora di pensare a un problema che le è accaduto negli ultimi 6 mesi (sul lavoro, a casa, nello svago): come ha reagito?. Il formato di risposta va da (per niente) a (moltissimo). Infine, l ultima sezione è dedicata alla misura del carico di lavoro, dei problemi di conciliazione lavoro famiglia, delle condizioni lavorative. Il formato di risposta va da (falso) a (vero). Il carico di lavoro, ovvero quanto una persona percepisce come adeguati alle proprie capacità e possibilità i compiti attribuiti, è stato misurato tramite quattro affermazioni (item -- -9, es.: Il lavoro mi richiede di fare le cose velocemente ). I problemi di conciliazione lavoro-famiglia sono stati misurati tramite tre item (item - -, es.: Il mio lavoro riduce il tempo che posso passare con la mia famiglia ). È interessante notare che la questione conciliazione è posta, in questo caso, come equilibrio fra le due dimensioni, quindi sia come esigenza di non invadere con il lavoro i propri interessi extralavorativi, sia come interferenze vissute sul lavoro a causa delle condizioni extralavorative. Le condizioni lavorative comprendono due dimensioni: Chiarezza di ruolo ovvero quanto si percepisce che il proprio ruolo, cioè l insieme delle aspettative reciproche e della definizione dei compiti e dei confini operativi fra colleghi, siano chiare (item -6, es.: So esattamente quello che gli altri si aspettano da me ), e riconoscimento professionale (item , es.: Nel mio lavoro ricevo il riconoscimento che merito ).. Indicazioni Valutazione Approfondita SLC AUSL Il risultato della raccolta di tutte le schede compilate informaticamente dai lavoratori dell ASL e di tutte le altre Aziende del progetto è stato poi elaborato dall Università di Bologna; sono stati quindi prodotti report e tabelle riassuntive con analisi e statistiche sui dati raccolti relativi all anno 0, relativi a ciascuna azienda in rapporto al complesso del campione esaminato (vedi Allegato IV ) ; questo materiale è conservato in formato elettronico o cartaceo presso SPP e UOC Psicologia.

12 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8 Alla luce dei risultati emersi dall analisi dei dati delle risposte date dal questionario BOP, si osserva, in generale, un andamento dei punteggi in linea con il campione globale composto dal personale delle 6 aziende. - Nel dettaglio, per quanto concerne il Benessere Organizzativo, i punteggi AUSL sono superiori per quanto riguarda le variabili abilità, significatività, identificazione organizzativa, soddisfazione lavorativa, chiarezza di ruolo, coping attivo, coping di ricerca di sostegno sociale e coping di evitamento. Invece risultati inferiori i punteggi per le variabili influenza, autodeterminazione, senso di comunità organizzativo, condivisione degli obiettivi, riconoscimento professionale. - Per quanto riguarda il Benessere Psicologico, il punteggio AUSL è superiore al punteggio del campione globale. - Infine per quanto riguarda il Disagio Lavorativo, il punteggio AUSL è superiore per le variabili problemi di conciliazione lavoro-famiglia e carico di lavoro, ed è inferiore per la variabile intenzione di turnover. Anche per questa seconda valutazione approfondita, basata come detto sui questionari BOP, esistono poi anche elaborazioni più approfondite relative alle diverse Aree/Dipartimenti dell ASL, da utilizzare eventualmente per successive attività di analisi. Successivamente gli esperti della UOC Psicologia hanno effettuato un ulteriore approfondimento della valutazione, utile per meglio individuare gli eventuali interventi correttivi necessari, calcolando sull intera popolazione dei dati aziendali l analisi statistica di correlazione lineare fra i dati della valutazione preliminare oggettiva e quelli della valutazione approfondita soggettiva; la metodologia ha fatto riferimento all indice di correlazione r di Bravais-Pearson. Anche questo materiale è conservato in formato elettronico o cartaceo presso SPP e UOC Psicologia..6 Sviluppi e azioni di miglioramento per la riduzione rischio SLC Qualora dalla sintesi della valutazione preliminare e di quella approfondita emergano per una o più strutture aziendali elementi di rischio da stress lavoro-correlato tali da richiedere il ricorso ad azioni correttive, allora si deve procedere alla pianificazione degli opportuni interventi correttivi, che potranno ovviamente essere di vario tipo in relazione alle eventuali criticità rilevate (interventi organizzativi, tecnici, formativi, comunicativi eccetera), su tre livelli: organizzativo, gruppo, individuale Alla luce dei risultati emersi dai due momenti di valutazione, si è provveduto in un primo momento (a partire dal dicembre 0) a diffondere i dati generali dell azienda, informando dei rilievi emersi la Direzione Aziendale, i responsabili delle Strutture, il Personale Aziendale, i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza e le Parti Sindacali mediante appositi momenti di condivisione allargata. Come secondo passo del processo di restituzione dei dati, e quindi di informazione ma anche di coinvolgimento delle varie strutture, è stato stabilito come protocollo di intervento un calendario di 0 incontri suddivisi per macroarea, dove vengono informati dei risultati inerenti la propria Area i rispettivi Responsabili dell Area stessa e delle strutture ad essa afferenti, con i coordinatori delle specifiche filiere professionali e con le ulteriori figure che i Responsabili di area hanno ritenuto di coinvolgere.

13 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8 Questo percorso è stato formalizzato tramite convocazione del Direttore Generale prot. 90 del completa di calendario ( Allegato V ). Le riunioni sono state effettuate fra il 9 maggio e il luglio 0. Tutti gli incontri sono stati condotti: dal Responsabile Area Staff Direzionale e U.O.C. Psicologia, dal Responsabile U.O.C. Servizio Prevenzione e Protezione, dal Responsabile U.O.S. Medico Competente e si sono svolti con la collaborazione di uno Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni (specializzando presso l U.O.C. Psicologia), e la partecipazione di un Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza; viene registrata la firma di presenza dei partecipanti. Nel corso di questi incontri è stato illustrato al Responsabile dell Area e ai suoi collaboratori, con proiezioni a schermo e consegna del materiale cartaceo, il risultato sintetico della valutazione relativa alla propria Area, e cioè: Report risultati valutazione preliminare, dati oggettivi 00 per l azienda e per l Area in esame Aspetti critici emersi da quanto sopra, dettagliati per le singole UUOO che compongono l Area in esame Report risultati valutazione approfondita, dati soggettivi BOP 0, relativi all Area in relazione alla media aziendale Analisi correlazioni lineari fra i dati oggettivi e soggettivi Risultati dell Indagine Clima Interno 00 M&S Scuola Sup. S.Anna di Pisa Questi incontri informativi sono stati momento di divulgazione e nel contempo di discussione; i responsabili dell Area e i loro collaboratori sono stati così messi in grado di approfondire in tempi brevi (insieme al gruppo di valutazione sopra citato) le specificità critiche eventualmente emerse per le loro strutture, ipotizzando le strategie ottimali di intervento per la riduzione del rischio SLC a vari livelli (organizzativo, gestionale, formativo, relazionale) da sottoporre alla Direzione Generale, durante un secondo giro di incontri. Per l esame delle criticità in alcuni casi potranno anche essere utilizzati, appositi Focus group guidati in specifici gruppi di lavoro, allo scopo di esaminare meglio con i lavoratori e i dirigenti le problematiche evidenziatesi e contemporaneamente per presentare e valorizzare buone prassi da adottare, magari mutuate da altre strutture che già le usano; saranno condotti da personale esperto dell UOC Psicologia..7 Azioni di miglioramento già in atto per la riduzione rischio SLC Di seguito si riportano alcune azioni aziendali già in atto e mirate al contrasto ed alla riduzione del rischio SLC.

14 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8 A livello aziendale: Progetto Accoglienza Neoassunti, volto all inserimento del dipendente neoassunto mediante specifico momenti di formazione sulle competenze professionali trasversali necessarie per l adattamento in azienda, con numerosi incontri nell arco del 0 A livello di gruppi di lavoro: Corso di formazione Noi strumenti di Lavoro, volto all informazione, condivisione e trasmissione di competenze tecnico relazionali per il miglior adattamento nel contesto lavorativo; A livello Individuale: Protocollo Operativo U.O.S. Medico Competente-U.O.C. Psicologia (P.O. 8, Manuale di Accreditamento e Qualità U.O.C. Psicologia. Rev.0), volto a fornire supporto psicologico al singolo dipendente per il rischio SLC ed i rischi psicosociali, in termini di diagnosi e consulenza psicologica. Qualora l U.O.S. Medico Competente ravvisi un caso individuale di sospetto rischio SLC può inviare il dipendente, gratuitamente e direttamente, all U.O.C. Psicologia per approfondimento Specialistico. Il Protocollo Operativo suddetto si è occupato di dipendenti nel 0, e di dipendenti nel primo semestre 0.

15 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag di 8. INFORMAZIONE Sono stati organizzati periodici eventi comunicativi di informazione e sensibilizzazione ai dipendenti, presso l Auditorium dell Ospedale Versilia, dove sono stati presentate le finalità, le attività e le fasi del Progetto Laboratorio FIASO e della Valutazione del rischio da Stress LavoroCorrelato. Viene diffuso periodicamente materiale informativo nell ottica del D.Lgs. 8/08 mediante i media aziendali, , Newsletter, Intranet : alla voce Documenti, nella Home Page del Sito, vi sono gli allegati dei materiali informativi relativi al Progetto Laboratorio FIASO, in consultazione e download libero per il personale AUSL Viareggio; Esiste una Procedura Aziendale PA 0 Accoglienza e inserimento del personale di nuova acquisizione. In sede di visite preventive il Medico Competente provvede a fornire informazione verbale e scritta relativamente alla tutela della gravidanza e alla prevenzione di altri rischi. Nell iniziativa formativa destinata ai dipendenti neoassunti viene consegnato materiale informativo, fra cui la Guida al personale neo-assunto che al capitolo.9 offre indicazioni generali per la prevenzione e sicurezza, ivi compresi recapiti di SPP, MC ed RR.LL.SS. Sul sito Intranet, inoltre, è consultabile il Regolamento aziendale per la sicurezza. Nel corso della annuale Conferenza dei Servizi ASL, svoltasi il 9 gennaio 0 presso il Teatro Comunale di Pietrasanta, è stata riservata una specifica relazione a cura del Responsabile SPP per illustrare il Rischio da SLC e gli adempimenti già adottati o programmati dall ASL per fronteggiarlo.. FORMAZIONE La situazione formativa del personale, per quanto riguarda i Corsi specifici per la Prevenzione e sicurezza di ambito aziendale, è la seguente: Corsi Antincendio Sicurezza MMC/P Testo unico sicurezza D.Lgs. 8/08 Rischio Biologico, Rischio VDT Personale formato Per tutto il personale Per il personale addetto mov. pazienti Per tutto il personale Durata 8 ore VVF+ SPP 0 ore Per il personale addetto FAD ore Nell ambito del Corso Noi strumenti di lavoro. Orientare il contesto organizzativo: facilitare le relazioni, destinato a Referenti Assicurazione Qualità, Animatori di Formazione, Facilitatori delegati alla sicurezza del paziente, vengono fornite informazioni sulla Valutazione dello Stress lavoro correlato, mediante lezione e slides specifiche. Per altri corsi di tipo specialistico si fa riferimento ai Piani annuali di Formazione, all interno dei quali vengono inserite anche le proposte del SPP su argomenti di prevenzione e sicurezza.

16 Azienda USL di Viareggio 6. (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag 6 di 8 SORVEGLIANZA SANITARIA Attualmente è da tempo attivata una sorveglianza sanitaria individuale specifica per il rischio Stress Lavoro Correlato in collaborazione con psicologi, medici psichiatri ed altri medici specialisti interni dell Az. USL Viareggio e con l Ambulatorio per lo Studio dei Disturbi da Disadattamento Lavorativo dell Az. Ospedaliera Universitaria Pisana (Centro di riferimento per l Area Vasta Nord Ovest della Regione Toscana). Come già ricordato, è attivo un Protocollo Operativo tra l U.O.S. Medico Competente e l U.O.C. Psicologia per la gestione dei casi di dipendenti affetti da sospetta patologia da Stress Lavoro Correlato, per accertamento, diagnosi ed eventuale presa in carico. La sospetta patologia da Stress Lavoro Correlato può emergere nel corso della visita periodica prevista dai protocolli sanitari individuali di sorveglianza sanitaria effettuata nei casi previsti dall art. del D.Lgs. 8/08 o qualora il lavoratore ne faccia richiesta alla luce dell art. citato, comma lettera c). La valutazione del rischio SLC anche sul piano individuale si identifica come uno strumento per ottimizzare ulteriormente le azioni di prevenzione, diagnosi e cura dello SLC. ALLEGATO I

17 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Rev. 0 Parte Pag 7 di 8 Progetto Laboratorio FIASO Sviluppo e tutela del benessere e della salute organizzativa nelle Aziende Sanitarie VALUTAZIONE DEL O STRESS LAVORO-CORRELATO (a seguito del D.Lgs. 8/08) Strumento per la raccolta dei dati oggettivi aziendali I dati oggettivi ricavati dai seguenti indicatori saranno raccordati, nell analisi, con i dati soggettivi raccolti tramite strumento quantitativo (questionario somministrato ai dipendenti). A seguito della raccolta dei dati oggettivi e soggettivi, divisi per Struttura Operativa e mansione professionale, essi verranno utilizzati per l elaborazione della Tabella dei Livelli di Rischio, nella quale le diverse Strutture verranno classificate per: Rischio basso (verde) Rischio medio (giallo) Rischio alto (rosso). PERIODO CONSIDERATO: CHECK LIST INDICATORI DI ANALISI LEGATI AL FUNZIONAMENTO DELL AZIENDA FONTI. Tempo di lavoro. Assenze nell anno (Riferito solo ai dipendenti. Assenze per ragioni di salute e anche altre ragioni, espresso come numero medio di giorni di assenza all anno per Unità Operativa(U.O.) nel periodo considerato.. Numero medio di giorni di assenza per malattia nell anno per U.O.... Numero medio di giorni di assenza per aspettativa nell anno per U.O.. Durata del lavoro.. Numero medio di ore lavorate dai dipendenti al giorno nell anno per U.O. U.O.C. Risorse Umane U.O.C. Risorse Umane U.O.C. Risorse Umane U.O.C. Risorse Umane Annotazioni sugli INDICATORI* Manifestazione Rischio Contrasto

18 Azienda USL di Viareggio (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008.. Numero medio di ore di straordinario per dipendente nell anno per U.O. *.. Numero medio di ore residue (ore lavorate - ore dovute) per dipendente nell anno per U.O. U.O.C. Risorse Umane.. Numero medio di giorni di ferie non godute per dipendente nell anno per U.O.. Dipendenti con orario atipico.. Percentuale dipendenti a cui è richiesto lavoro (anche) nel turno notturno nella U.O.?.. Percentuale dipendenti a cui è richiesto lavoro (anche) durante le festività nella U.O.?.. Percentuale dipendenti a cui è richiesta la reperibilità nella U.O.?.. Numero di chiamate in reperibilità/anno. Movimenti di personale. Domande di Mobilità interna all azienda per U.O. U.O.C. Risorse Umane. Relazioni sociali nell azienda. Esiste un sistema a livello organizzativo di comunicazione/informazione condiviso a livello di Dipartimento per U.O.?. Sono previste procedure di accoglienza, addestramento o affiancamento dei nuovi assunti (aspettative di ruolo e sicurezza sul lavoro)? (senza considerare la formazione organizzata dal SPP). Formazione professionale. Percentuale di dipendenti che hanno partecipato a corsi di formazione per u.o.. Media ore (o ECM) di formazione procapite per U.O.. Gestione del lavoro.. Ci sono gruppi di lavoratori con scarsa pianificabilità del lavoro nella U.O.?.. Vengono effettuate riunioni per organizzare il lavoro nella U.O.? * Lavoro a turni, reperibilità. Rev. 0 Parte Pag 8 di 8 U.O.C. Risorse Umane U.O.C. Risorse Umane percentuale U.O.C. Risorse Umane percentuale U.O.C. Risorse Umane percentuale U.O.C. Risorse Umane U.O.C. Assistenza Infermieristica Ospedaliera Direttori di Dipartimento/Area/ Unità Direttori di Dipartimento/Area/ Unità U.O.S.Formazione U.O.S.Formazione Direttori di Dipartimento/Area/ Unità Direttori di Dipartimento/Area/ Unità

19 Azienda USL di Viareggio.. Viene effettuata periodica valutazione del lavoro svolto nella U.O.? *.. Ci sono gruppi di lavoratori esposti a frequenti interruzioni di attività per compiti interferenti nella U.O.? *.. Ci sono gruppi di lavoratori che lavorano a contatto di utenti in stato di sofferenza nella U.O.?..6 Ci sono gruppi di lavoratori che lavorano a contatto della morte nella U.O.? (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 Direttori di Dipartimento/Area/ Unità Direttori di Dipartimento/Area/ Unità Rev. 0 Parte Pag 9 di 8 Direttori di Dipartimento/Area/ Unità Direttori di Dipartimento/Area/ Unità INDICATORI DI ANALISI LEGATI A SALUTE E SICUREZZA FONTI 6. Infortuni sul lavoro 6.. Numero infortuni non biologici all anno per U.O. 6.. Numero di giornate perdute per U.O. 6.. Durata media degli infortuni nella U.O. 6. Numero di infortuni a rischio biologico senza conseguenze per U.O. 6. Numero di Infortuni biologici con prognosi all anno per U.O. 7. Condizioni ambientali ed ergonomiche Ci sono postazioni di lavoro che comportano disagio per i seguenti fattori nella S.O. (dati raccolti da sopralluog effettuati)? 7. Illuminazione (scarsa, eccessiva, sempre artificiale) 7. Temperatura Annotazioni sugli INDICATORI* Manifestazione Rischio Contrasto U.O.C. Risorse Umane U.O.C. Risorse Umane U.O.C. Risorse Umane U.O.S. Medico Competente U.O.S. Medico Competente U.O.S. Prevenzione e Protezione U.O.S. Prevenzione e Protezione

20 Azienda USL di Viareggio 7. Agenti fisici 7. Agenti biologici 7. Agenti chimici (parte : rischi stress lavoro- correlati) Art. 7 comma, lett.a) D.Lgs 8/008 U.O.S. Prevenzione e Protezione U.O.S. Prevenzione e Protezione U.O.S. Prevenzione e Protezione 7.6 Movimentazione manuale carichi U.O.S. Prevenzione e Protezione 7.7 Posture scomode o obbligate prolungate nel tempo 7.8 Postazioni con attrezzature ad elevata complessità di controllo 7.9 Postazioni con movimenti ripetitivi 8. Situazioni critiche 8. Numero dei Reclami da parte dell utenza per U.O. 9. Attività del Medico Competente 9. Numero di visite a richiesta del lavoratore nell ambito della sorveglianza sanitaria per U.O. 9. Numero di valutazioni di idoneità al lavoro con limitazione (anche rimansionamento) per U.O. U.O.S. Prevenzione e Protezione 9. Numero di primi U.O.S. Medico Competente certificati di sospetta malattia professionale per U.O. U.O.S. Prevenzione e Protezione U.O.S. Prevenzione e Protezione Rev. 0 Parte Pag 0 di 8 U.O.S. Ufficio Relazioni Pubbliche U.O.S. Medico Competente U.O.S. Medico Competente * Per ciascun indicatore si farà riferimento alla seguente distinzione: a) Indicatori di rischio. Gli indicatori di rischio riguardano le caratteristiche del lavoro e dell organizzazione del lavoro che dagli studi riportati in letteratura sono più frequentemente associate alla presenza di elevati livelli di stress, essi comprendono principalmente i fattori legati all organizzazione del lavoro, alla gestione del personale, ecc

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Risultati della valutazione e azioni correttive in Ulss 13 Ottobre Novembre 2013 Ulss 13 Dolo-Mirano-Noale 2013 Irma Seminara Rischi psicosociali: stress da lavoro correlato-

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazionee e valutazione del superiore gerarchico g Sintesii dei risultati dell indagine 2013 svolta sul s personale ASI ai sensi

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/030/CR7c/C7 Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro Anno 2011 Attività delle regioni e delle province

Dettagli

Gruppo di Lavoro del Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro

Gruppo di Lavoro del Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro Gruppo di Lavoro del Network Nazionale per la Prevenzione Disagio Psicosociale nei Luoghi di Lavoro Coordinatore: Emanuela Fattorini - Dipartimento Medicina del Lavoro Antonia Ballottin, Adriano Barassi,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Servizio Gestione e Sviluppo Risorse Umane Interaziendale

Servizio Gestione e Sviluppo Risorse Umane Interaziendale Servizio Gestione e Sviluppo Risorse Umane Interaziendale OGGETTO: Borsa di studio per laureato in Biotecnologie Mediche e Farmaceutiche. Approvazione della graduatoria ed assegnazione della borsa di studio.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli