DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DEL D.Lgs. 81/08

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DEL D.Lgs. 81/08"

Transcript

1 Auditorium del conservatorio Statale di Musica F. DVR Auditorium Conservatorio.doc Pagina 1 di 95 AUDITORIUM Succursale del Conservatorio Rovigo DEI RISCHI AI SENSI DEL D.Lgs. 81/08 Il presente documento è costituito da 69 pagine oltre gli allegati Il presente documento è stato redatto con la collaborazione di Studio B.S.A. s.r.l.

2 Pagina 2 di 95 Denominazione dell Istituto Succursale del Conservatorio Statale di Musica F. Presidente C.D.A. Dirigente Scolastico Ilario Bellinazzi Luca Paccagnella Indirizzo dell Istituto Via Casalini n. 25 Comune Rovigo Numero telefonico /22229 Numero fax Numero addetti Anno 2010 Personale non docente 1 Pubblico presente < 100 Orario di lavoro: variabile dalle 8:00 alle 18:00 Responsabile S.P.P. Addetto del Servizio di Prevenzione e Protezione Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Medico Competente Ugo Baldo Linda Broggio Cibin Emanuela Bertoldi Antonella

3 Pagina 3 di 95 COADIUTORI Identificazione BELLETTATI MARIELLA BELTRAME CLAUDIA BRUSCHI ROBERTO CALLEGARO ARMANDO DI MANZO LOREDANA FORMAGGIO MARIA Identificazione GARAVELLO CESARE GIANNESE PATRIZIA MONTONCELLO FRANCESCA PIACENTINI ROBERTA SAGREDIN ELENA TOSINI LOREDANA FURLANI SONIA Addetti alla prevenzione incendi Addetti designati Qualifica BELLETTATI MARIELLA BELTRAME CLAUDIA BRUSCHI ROBERTO CALLEGARO ARMANDO FORMAGGIO MARIA COADIUTORI GARAVELLO CESARE MONTONCELLO FRANCESCA SAGREDIN ELENA

4 Pagina 4 di 95 Addetti al primo soccorso Addetti designati Qualifica BELLETTATI MARIELLA BELTRAME CLAUDIA BRUSCHI ROBERTO CALLEGARO ARMANDO FORMAGGIO MARIA COADIUTORI GARAVELLO CESARE MONTONCELLO FRANCESCA SAGREDIN ELENA

5 Pagina 5 di 95 0 CONSIDERAZIONi GENERALI PREMESSA Normativa di riferimento Figure che hanno collaborato alla stesura del documento Impostazione del DVR Modalità di revisione ed aggiornamento del DVR 15 1 Dati Generali Descrizione della struttura dell'edificio 16 2 DESCRIZIONE GENERALE DELL ATTIVITA Descrizione dell attività dell Auditorium Identificazione delle mansioni Insegnanti Coadiutori (collaboratori scolastici) Studenti Organizzazione del lavoro Compiti e responsabilità Materie prime, prodotti e sostanze impiegate nell attività Attrezzature di lavoro e macchine utilizzate nelle attività Apparecchiature ed impianti soggetti a verifiche periodiche Aree di stoccaggio e deposito Servizi generali e mezzi per il trasporto interno 20

6 Pagina 6 di 95 3 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E SICUREZZA DELL AUDITORIUM Destinatari della normativa Identificazione del Datore di Lavoro Costituzione del servizio di prevenzione e protezione Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Nomina del medico competente Costituzione del Servizio di Primo Soccorso Costituzione del Servizio di Prevenzione Incendi e Gestione Emergenze Presidi di sicurezza presenti nell auditorium Gestione dei lavori in appalto Gestione dei D.P.I CRITERI ADOTTATI PER LA VALUTAZIONE Modalità adottate per la valutazione Valutazione dei rischi derivanti dai luoghi di lavoro Altezza, cubatura e superficie Vie di circolazione Rischio di inciampo e scivolamenti Servizi igienici e spogliatoi Microclima Aerazione nei luoghi di lavoro chiusi Temperatura dei locali Umidità Illuminazione Vie di uscita e di emergenza Scale a pioli e a gradini Zone di pericolo 31

7 Pagina 7 di Aperture nel suolo e nelle pareti Valutazione dei rischi derivanti dalle mansioni Movimentazione manuale dei carichi Movimenti ripetitivi Utilizzo di videoterminali Valutazione dell esposizione ad agenti fisici Esposizione al rumore Ultrasuoni e infrasuoni Esposizione alle vibrazioni Campi elettromagnetici Radiazioni ottiche artificiali Atmosfere iperbariche Sostanze pericolose Valutazione dell esposizione ad agenti chimici Esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni Esposizione ad amianto Esposizione ad agenti biologici Rischi legati all organizzazione del lavoro Rischi ulteriori derivanti dalla mansione Rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione ed addestramento Valutazione dei rischi derivanti dalle attrezzature e dagli impianti Attrezzature ed impianti utilizzati per lo svolgimento delle mansioni Impianti elettrici Impianti di riscaldamento Valutazione del rischio di incendio Valutazione del rischio Definizione di valore di probabilità (P) Definizione di valore di gravità del danno (D) Definizione di valore di rischio ( R ) 46

8 Pagina 8 di 95 5 VALUTAZIONE DERIVANTI DAI LUOGHI DI LAVORO Vie di circolazione - viabilità interna ed esterna Zone e situazioni di pericolo Armadi Palco Pavimenti Servizi igienici e spogliatoi Climatizzazione Ventilazione Illuminazione Scale a gradini Scale fisse a pioli Aperture nel suolo e nelle pareti 55 6 VALUTAZIONE DERIVANTI DALLE MANSIONI Insegnanti Movimentazione manuale dei carichi Rischi da movimenti ripetitivi Utilizzo di videoterminali Agenti fisici Rumore Vibrazioni Ultrasuoni/infrasuoni, campi elettromagnetici, radiazioni ottiche artificiali, camere iperbariche Sostanze pericolose Agenti chimici 61

9 Pagina 9 di Agenti cancerogeni e mutageni Amianto Agenti biologici Rischi legati all organizzazione del lavoro Rischi ulteriori derivanti dalla mansione svolta (differenze di genere, all età, provenienza da altri paesi) Rischi ulteriori derivanti dalla mansione svolta (sforzo vocale e postura) Personale non docente (coadiutori) Movimentazione manuale dei carichi Rischi da movimenti ripetitivi Utilizzo di videoterminali Agenti fisici Rumore Vibrazioni Ultrasuoni/infrasuoni, campi elettrom., rad. ottiche artificiali, camere iperbariche Sostanze pericolose Agenti chimici Agenti cancerogeni e mutageni Amianto Agenti biologici Rischi legati all organizzazione del lavoro Rischi ulteriori derivanti dalla mansione svolta (differenze di genere, all età, provenienza da alti paesi) 72 7 VALUTAZIONE DERIVANTI DALLE ATTREZZATURE Rischi dovuti all utilizzo di attrezzature 73

10 Pagina 10 di Computer, stampanti, ecc Utensili manuali 75 8 VALUTAZIONE DERIVANTI DAGLI IMPIANTI Attrezzature di sollevamento Recipienti a pressione Impianti ed apparecchiature elettriche Requisiti di sicurezza Lavori sotto tensione Lavori in prossimità di parti attive Protezione da fulmini Protezioni di edifici, impianti, strutture ed attrezzature Verifiche e manutenzioni Impianto termico di riscaldamento 80 9 VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO Situazione documentale Identificazione dei pericoli d incendio Materiali combustibili e/o infiammabili Identificazioni delle sorgenti d innesco Prodotti di combustione Organizzazione della sicurezza antincendio Identificazione dei lavoratori e delle altre persone esposte ai rischi d incendio Misure antincendio Misure di tipo tecnico Attrezzature ed impianti di estinzione degli incendi Percorsi di esodo verso il luogo sicuro Misure organizzative e gestionali Misure per l allarme in caso di incendio 85

11 Pagina 11 di PROTEZIONE CONTRO IL RISCHIO DI ESPLOSIONI RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHIO LAVORO SVOLTO IN SOLITARIO RISCHIO LAVORO NOTTURNO RISCHIO LAVORO IN AMBIENTI CONFINATI RISCHIO LAVORO IN QUOTA analisi del FENOMENO INFORTUNISTICO Premessa Analisi degli infortuni ( ) SORVEGLIANZA SANITARIA PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE PROTEZIONE SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA INFORMAZIONE E FORMAZIONE LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA PROTEZIONE DEI GIOVANI SUL LAVORO MANUTENZIONE PROGRAMMATA DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI CONCLUSIONI 94

12 Pagina 12 di 95 0 CONSIDERAZIONI GENERALI 0.1 PREMESSA Il D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008, in attuazione dell art. 1 della Legge n. 123 del 3 Agosto 2007, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, prevede all art. 28 la necessità di procedere alla valutazione dei rischi, elaborando, secondo quanto previsto dal comma 2 del medesimo articolo, un documento che deve avere data certa e contenere: una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l'attività lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; l'indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione di cui all'articolo 17, comma 1, lettera a); il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; l'individuazione delle procedure per l'attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell'organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; l'indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio;

13 Pagina 13 di 95 l'individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento. La valutazione dei rischi è un attività non delegabile dal Datore di Lavoro. 0.2 Normativa di riferimento Nell'elaborazione del documento previsto dall'art. 28, comma 2 del D. Lgs. 81/2008, le norme cui è necessario fare riferimento, oltre ovviamente al D.Lgs. stesso relativo alla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, sono tra l altro: D.P.R. n. 462 del 22 ottobre 2001, relativo al regolamento di semplificazione per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi; D.M. n. 37 del 22 gennaio 2008, relativo al Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici; D.M. 2 ottobre Linea guida d'uso dei videoterminali; D.Lgs. 14 marzo 2003, n. 65: Attuazione delle direttive 1999/45/CE e 2001/60/CE relative alla classificazione, all'imballaggio e all'etichettatura dei preparati pericolosi - testo vigente; D.P.R. 24 luglio 1996 n. 459: Regolamento per l'attuazione delle Direttive 89/392/CEE, 91/368/CEE, 93/44/CEE e 93/68/CEE concernenti il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine;

14 Pagina 14 di 95 D.Lgs n. 285 del 16 luglio 1998, sull'attuazione delle direttive comunitarie in materia di classificazione, imballaggio ed etichettatura dei preparati pericolosi; D.Lgs. 17 marzo 1995 n. 230 sull attuazione delle direttive Euratom 80/836, 84/467, 84/466, 89/618, 90/6441 e 92/3 in materia di radiazioni ionizzanti; D.M.S. 6 settembre 1994, sulle normative e metodologie tecniche di applicazione della legge 27 marzo 1992, n. 257 relativa alla cessazione dell'impiego dell'amianto; D.M. 16 febbraio 1982, relativo all identificazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi; Provvedimento del 30/10/2007, relativo all accertamento dell assenza di tossicodipendenza; D.M.I. 10 marzo 1998, concernente "Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro"; D.Lgs. 151 del 26 marzo 2001, pubblicato sulla G.U. S.O. n. 93/L del 26 aprile 2001, relativo alle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità; D.Lgs. n. 66 dell 8/4/2003, relativo ad aspetti dell organizzazione dell orario di lavoro (lavoro notturno); Legge n. 977 del 14/10/1967 relativa alla tutela del lavoro dei bambini e degli adolescenti (coordinata con modifiche di cui al D.Lgs n. 345 e D.Lgs n. 262); D.M. 16/01/1997, relativo ai contenuti minimi della formazione dei lavoratori, dei rappresentanti per la sicurezza e dei datori di lavoro; D. I. n. 388 del 15/07/2003, relativo al Regolamento per il pronto soccorso aziendale. Oltre alle norme citate, sono state utilizzate a seconda della necessità od opportunità, Norme Tecniche e di buona prassi, specificatamente richiamate.

15 Pagina 15 di Figure che hanno collaborato alla stesura del documento Secondo quanto previsto dall art. 29 del D.Lgs. 81/08, la valutazione dei rischi è stata effettuata in collaborazione con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (R.S.P.P.). Il Rappresentante per i lavoratori per la Sicurezza è stato preventivamente consultato in ordine alla stesura del D.V.R. 0.4 Impostazione del DVR La presente relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l attività lavorativa è suddivisa in alcune parti fondamentali: criteri adottati per la valutazione; valutazione dei rischi derivanti dai luoghi di lavoro; valutazione dei rischi derivanti dalle mansioni; valutazione dei rischi derivanti dalle attrezzature e dagli impianti. 0.5 Modalità di revisione ed aggiornamento del DVR Il Documento di Valutazione dei Rischi (d ora in poi D.V.R.) viene rielaborato in occasione di modifiche dell organizzazione del lavoro significative, aggiornando di conseguenza, se necessario, le misure di prevenzione e adottate. Ogni revisione del documento viene registrata con la modifica dell indicazione Rev. xx, partendo dal numero 00 e la data di aggiornamento.

16 Pagina 16 di 95 1 DATI GENERALI L Auditorium del Conservatorio è posto in adiacenza agli ambienti utilizzati dalla Scuola Media Statale Annessa al Conservatorio di Musica in via Casalini n. 25 (ex Vescovado), nel centro storico della città di Rovigo. Gli spazi interni dell edificio sono raggiungibili da via Casalini e da via Pighin. 1.1 Descrizione della struttura dell'edificio Dall interno dell area di pertinenza dell auditorium, utilizzando la scala interna e/o l ascensore è possibile accedere al primo piano dell edificio posto in adiacenza, utilizzato dalla Scuola Media Statale Annessa al Conservatorio di Musica ed al secondo piano del medesimo edificio, utilizzato dal Conservatorio di Musica F. ed in parte dalla Scuola Media Statale Annessa al Conservatorio di Musica. I locali interni di pertinenza esclusiva dell auditorium sono: Seminterrato Piano terra Primo Piano Secondo Piano Vano tecnico (impianto di riscaldamento/climatizzazione) Ingresso principale Platea Vano tecnico (quadri elettrici) Guardaroba Centrale emergenze Palco teatrale Aula prove Camerini W.C. Locali della Scuola Media annessa al Conservatorio di Musica Locali del Conservatorio di Musica

17 Pagina 17 di 95 2 DESCRIZIONE GENERALE DELL ATTIVITA 2.1 Descrizione dell attività dell Auditorium Il Conservatorio è una Scuola destinata allo studio professionale della Musica; mira, cioè, alla preparazione organica ed approfondita di coloro che della musica vogliono fare l'oggetto della loro attività nel mondo del lavoro. L auditorium viene utilizzato per le esibizioni musicali degli allievi e degli insegnanti, in modo da far conoscere al pubblico gli obbiettivi raggiunti dalla struttura. L auditorium viene utilizzato essenzialmente per l attività concertistica, ad eccezione di un locale posto al piano terra, il quale può essere utilizzato per attività di insegnamento da parte degli insegnanti del conservatorio di musica. I coadiutori (collaboratori scolastici) sono responsabili dell'igiene e della cura degli ambienti e della struttura; collaborano con gli insegnanti per la vigilanza degli alunni eventualmente presenti. 2.2 Identificazione delle mansioni Insegnanti Per svolgere la propria mansione, gli insegnanti oltre ad utilizzare i normali strumenti di insegnamento, utilizzano a seconda della materia gli strumenti musicali appropriati. All interno dell auditorium le attività vengono svolte in un locale posto al piano terra o sul palco stesso dell auditorium.

18 Pagina 18 di Coadiutori (collaboratori scolastici) Gli addetti per svolgere le mansioni di pulizia dei diversi ambienti utilizzano attrezzature manuali e prodotti normalmente impiegati anche nella sede del Conservatorio di Musica Studenti Gli studenti a seconda del percorso di formazione intrapreso, utilizzano strumenti musicali specifici, inerenti al corso svolto. 2.3 Organizzazione del lavoro Compiti e responsabilità Dall organigramma si identificano le seguenti figure responsabili/preposti: Mansione Vicedirettore Direttore Amministrativa Identificazione Vincenzo Soravia Graziella Groppo Per i preposti, secondo quanto previsto dall art. 37 comma 7 del D.Lgs. 81/08, è stata programmata la necessaria formazione riguardo ai compiti e alle responsabilità in materia di sicurezza e salute.

19 Pagina 19 di Materie prime, prodotti e sostanze impiegate nell attività I prodotti e le sostanze impiegate nell effettuazione delle varie attività di pulizia sono i seguenti: Identificazione prodotti Utilizzo Simboli di pericolosità Nuncas Winto Parquet detergente -- WC Net Candeggina Gel detergente Xi Glade Neutrafresh spray deodorante Xi, F+, N Lysoform Casa detergente -- Alcool etilico 90 % disinfettante -- Candeggina detergente -- Ammoniaca profumata detergente Xi Sanitec - Crystal vetri detergente -- Sanitec - Detergente Mani sapone Attrezzature di lavoro e macchine utilizzate nelle attività Nel corso delle esibizioni musicali vengono utilizzati diversi strumenti musicali. Per le attività di pulizia, vengono utilizzate attrezzature manuali. 2.6 Apparecchiature ed impianti soggetti a verifiche periodiche Le apparecchiature che richiedono verifiche periodiche sono costituite da: Centrale Termica presidi antincendio (estintori portatili, manichette, luci emergenza, rilevatori di fumo, ecc); impianti elettrici; ascensori. Per le situazioni, si veda il paragrafo specifico.

20 Pagina 20 di Aree di stoccaggio e deposito Lo stoccaggio dei prodotti utilizzati per la pulizia degli ambienti è posto in un locale situato in prossimità dell ingresso principale (locale seminterrato). 2.8 Servizi generali e mezzi per il trasporto interno L attività svolta all interno dell auditorium non prevede l utilizzo di mezzi di trasporto.

21 Pagina 21 di 95 3 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E SICUREZZA DELL AUDITORIUM 3.1 Destinatari della normativa I destinatari delle norme relative alla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro sono identificati dai lavoratori nell accezione più ampia prevista dall art. 2 del D.Lgs. 81/ Identificazione del Datore di Lavoro Ai sensi dell art. 2 comma 1 lett. b del D.Lgs. 81/08 il Datore di Lavoro è identificato con il Presidente del Consiglio di amministrazione Prof.. Ilario Bellinazzi. 3.3 Costituzione del servizio di prevenzione e protezione Il datore di lavoro ha provveduto all organizzazione della sicurezza nei luoghi di lavoro, mediante la costituzione del servizio di prevenzione e protezione. Esso è costituito da: Dr. Ugo Baldo, Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (consulente esterno), Dr.ssa Linda Broggio, Addetta del Servizio di Prevenzione e Protezione. I componenti del Servizio di Prevenzione e Protezione sono in possesso dei titoli necessari all adempimento delle specifiche funzioni, sono stati formati ai sensi dell art. 32 commi 2 e 4 del D.Lgs. 81/08 come dagli attestati e dalle lettere di nomina allegati al presente documento di Valutazione dei rischi (Allegato 5).

22 Pagina 22 di Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Secondo quanto previsto dall art. 47 del D.Lgs. 81/08, i lavoratori hanno proceduto all elezione del Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (allegato 4). E risultata eletta la Sig.ra Cibin Emanuela la quale ha partecipato al corso di formazione per il rappresentante per la sicurezza dei lavoratori ultimato in data 12 gennaio 2010 (allegato 6) 3.5 Nomina del medico competente Secondo quanto stabilito dall art. 18 comma 1 lettera a), il datore di lavoro ha nominato il Dott.ssa Bertoldi Antonella come Medico Competente per l effettuazione della sorveglianza sanitaria prevista dal decreto 81/08. Il Medico Competente è in possesso dei requisiti previsti dall art. 38 comma 1 del decreto 81/08. La lettera di nomina del Medico Competente è riportata in allegato (allegato 3). 3.6 Costituzione del Servizio di Primo Soccorso Il datore di lavoro secondo quanto previsto dall art. 45 del D.Lgs. 81/08 ha preso i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza. Ai sensi dell Art. 1 del D.M. 15 luglio 2003, n. 388 Il Conservatorio di Musica F. è classificato nel gruppo B.

23 Pagina 23 di 95 Sono stati designati i seguenti addetti; Addetti al primo soccorso Addetti designati Qualifica BELLETTATI MARIELLA BELTRAME CLAUDIA BRUSCHI ROBERTO CALLEGARO ARMANDO FORMAGGIO MARIA COADIUTORI GARAVELLO CESARE MONTONCELLO FRANCESCA SAGREDIN ELENA E stata effettuata la formazione prevista dal D.M La formazione viene ripetuta, almeno per la parte pratica, con cadenza triennale.

24 Pagina 24 di Costituzione del Servizio di Prevenzione Incendi e Gestione Emergenze Il datore di lavoro, secondo quanto previsto dall art. 46 comma 2 del D.Lgs. 81/08, ha preso i provvedimenti necessari in materia di prevenzione incendi e per la tutela dell incolumità dei lavoratori. In particolare sono stati designati i seguenti addetti alla prevenzione incendi: Addetti alla Prevenzione Incedi Addetti designati Qualifica BELLETTATI MARIELLA BELTRAME CLAUDIA BRUSCHI ROBERTO CALLEGARO ARMANDO FORMAGGIO MARIA COADIUTORI GARAVELLO CESARE MONTONCELLO FRANCESCA SAGREDIN ELENA E stata effettuata la formazione prevista dal D.M. 10/3/98 per addetti a rischio medio. La formazione viene ripetuta periodicamente.

25 Pagina 25 di Presidi di sicurezza presenti nell auditorium Per il numero e l identificazione dei presidi antincendio attualmente disponibili, si rimanda al piano di evacuazione redatto ai sensi del D.M. 10/3/98 ed alla pratica di ottenimento del Certificato di Prevenzione Incendi. Per la verifica dei controlli avvenuti sui presidi antincendio si rimanda al registri controlli delle attrezzature antincendio. Ai sensi del D.M. 388/03, è prevista la presenza di una cassetta di pronto soccorso, il cui contenuto risponde a quanto previsto dall Allegato 1 del citato D.M. 388/ Gestione dei lavori in appalto Secondo quanto previsto dall art. 26 del D.Lgs. 81/08, per i lavori affidati a ditte appaltatrici e a lavoratori autonomi viene elaborato un unico documento di valutazione sui rischi da interferenze (d ora in poi DUVRI), nel quale, sulla base delle attività prevista dall oggetto dell appalto, vengono evidenziati i rischi interferenziali. Il DUVRI, che viene allegato al contratto di appalto (o all incarico formale di intervento) sarà oggetto di revisione a seguito dell aggiornamento del D.V.R. Il contratto di appalto riporterà, secondo quanto previsto dal comma 5 dell art. 26 del D.Lgs. 81/08, i costi per la sicurezza Gestione dei D.P.I. Le attività connesse allo svolgimento della mansione richiedono l utilizzo di dispositivi di protezione individuale, secondo le risultanze della presente relazione. Essi sono indicati nella tabella allegata (Allegato 8).

26 Pagina 26 di 95 4 CRITERI ADOTTATI PER LA VALUTAZIONE 4.1 Modalità adottate per la valutazione L analisi dei pericoli e la valutazione dei rischi sono state effettuate dal Datore di lavoro con la collaborazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e del Medico Competente, tenendo conto delle attività effettivamente svolte, dei compiti assegnati ai lavoratori e dell ambiente di lavoro. La valutazione è suddivisa nelle seguenti parti: valutazione dei rischi derivanti dai luoghi di lavoro; valutazione dei rischi derivanti dalle mansioni; valutazione dei rischi derivanti dalle attrezzature; valutazione dei rischi derivanti dagli impianti; valutazione del rischio incendio; valutazione del rischio esplosione. valutazione del rischio chimico. Il rischio da esplosione e dall uso di agenti chimici viene valutato in documenti separati ai quali si fa riferimento. Il documento comprende, inoltre, una valutazione specifica dei seguenti aspetti: rischio da stress di lavoro correlato; rischio da lavoro svolto in solitario; rischio da lavoro effettuato nel periodo notturno; rischio da lavoro svolto in ambienti confinati; rischio da lavoro in quota.

27 Pagina 27 di Valutazione dei rischi derivanti dai luoghi di lavoro I luoghi di lavoro sono stati valutati sulla base di quanto previsto dall Allegato IV del D.Lgs. 81/08. Vengono sommariamente descritti gli aspetti valutati e i criteri adottati Altezza, cubatura e superficie Per questi aspetti si è fatto riferimento ai certificati di agibilità Vie di circolazione Con tale definizione si intendono scale, banchine e rampe di carico, per le quali si deve considerare l aspetto stabilità. Le dimensioni delle vie di circolazione sono state verificate in relazione al potenziale numero degli utenti e al tipo di attività svolta nell ambiente in cui si trovano. E stata considerata la possibilità di contemporaneo passaggio di mezzi e persone, prevedendo per i pedoni una distanza di sicurezza sufficiente, la segnaletica orizzontale ed il percorso utilizzabile al fine di garantire la tutela degli operatori. Si è tenuto conto inoltre della presenza di sporgenze o spigoli vivi su pareti, infissi, arredamenti o altro, che, in caso di normale passaggio o caduta possano arrecare danno alle persone.

28 Pagina 28 di Rischio di inciampo e scivolamenti Per la valutazione dei pavimenti si è fatto riferimento a quanto previsto dall Allegato IV del D.Lgs. 81/08, in particolare per quanto riguarda la presenza di buche, irregolarità o sporgenze pericolose. E stato inoltre valutato il rischio di inciampo causato dalla presenza sui pavimenti, di fili di alimentazione delle apparecchiature elettriche, tubazioni, materiale versato per incidenti o anomalie e di caduta per pavimenti scivolosi o bagnati Servizi igienici e spogliatoi Per la valutazione di questo aspetto si è fatto riferimento a quanto previsto dall Allegato IV del D.Lgs. 81/08, in particolare per quanto riguarda la presenza di idonei locali di volumi adeguati al numero dei lavoratori presenti tenendo conto del sesso degli stessi e della necessità particolari derivanti dalle attività svolte (acqua calda e fredda, asciugamani e sapone, tipo di ventilazione presente, separazione per sesso, numero di servizi) Microclima Aerazione nei luoghi di lavoro chiusi Per questo aspetto si è valutato la disponibilità di aria salubre da aperture naturali ed eventualmente, quando necessario, mediante l uso di impianti di aerazione, adeguati alle tipologia di lavorazioni esistenti nell area.

29 Pagina 29 di Temperatura dei locali Per la valutazione si è tenuto conto, oltre della presenza di sistemi di riscaldamento e in generale di climatizzazione, anche dai metodi di lavoro applicati e dagli sforzi fisici richiesti ai lavoratori Umidità La valutazione di questo aspetto ha tenuto conto dell umidità derivanti dalle specifiche attività svolte e dei possibili interventi di mitigazione Illuminazione La valutazione della luminosità in ambiente di lavoro è stato effettuata utilizzando quando necessario la sonda luxmetrica BSR001 abbinata alla centralina Babuc M, con condizioni di visibilità determinate da luce naturale in combinazione con luce artificiale; nei casi in cui la luminosità è apparsa assolutamente sufficiente non sono state effettuate misurazioni. Le misure rilevate sono state confrontate con i valori minimi di illuminamento consigliati dalle norme di buona tecnica, in particolare dalla norma DIN 5035, in funzione dell utilizzazione dei locali e del tipo di lavoro.

30 Pagina 30 di 95 Risultano raccomandabili i seguenti valori di illuminamento in lux: Area considerata Valori di illuminamento (lux) Deposito di materiali grossi 30 Orientamento, passaggio saltuario 30 Servizi Illuminazione generale Lavori grossolani 100 Uffici, lavori fini Uffici per videoterminali < 300 Sale riunioni Qualora nel corso delle verifiche siano stati rilevati nella stessa area livelli di luminosità diversi, sono stati riportati il valore minimo e massimo rilevati Vie di uscita e di emergenza Relativamente alle vie ed uscite di emergenza, si è verificato: numero e dimensioni delle stesse, in funzione delle specifiche situazioni; presenza di porte sempre sgombre al fine di consentire di raggiungere, in caso di fuga, il più rapidamente possibile un luogo sicuro; apertura delle porte nel senso dell esodo presenza di segnaletica adeguata e collocata in posizione tale da renderla sempre visibile Tali aspetti sono stati considerati all interno del capitolo valutazione del rischio incendio.

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005 LINEE DIRETTRICI PRATICHE DI CARATTERE NON OBBLIGATORIO SULLA PROTEZIONE DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI CONTRO I RISCHI CONNESSI CON GLI AGENTI CHIMICI SUL LAVORO (Articoli 3, 4, 5, 6 e

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli