4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI"

Transcript

1 Pag. 1 di ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Nell ambito della struttura scolastica operano, oltre alle varie mansioni già individuate nella Sezione 2 del presente documento, ulteriori figure specifiche con le mansioni di seguito riportate e la valutazione dei rischi specifica relativa anche all ambiente di lavoro dove queste operano: AREA MANSIONE CODICE MANSIONE AUSILIARIA ADDETTI PICCOLA MANUTENZIONE MA NOTE ADDETTI PICCOLA MANTENZIONE MANSIONI: interventi di manutenzione di vario tipo ATTREZZATURA UTILIZZATA: Attrezzi manuali Trapani, avvitatori Scala portatile MA DESCRIZIONE P D R MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE - DPI RES. Inciampi, cadute, urti, tagli, punture, Formazione e informazione degli addetti in particolare abrasioni, bruciature sull'uso delle attrezzature Attrezzature Conformità e manutenzione delle attrezzature utilizzate DDL Elettrocuzione Addestramento sul corretto utilizzo delle attrezzature eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

2 Pag. 2 di STRESS LAVORO CORRELATO ESITO SPECIFICO DELLA VALUTAZIONE E INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI I risultati ottenuti utilizzando le modalità di valutazione esposte nella Sezione 3 del presente documento, sono: Valutazione del Griglia C.List A C.List B C.List C1 C.List C2 C.List C3 C.List C4 TOTALE MAGGIO MEDIO Il risultato finale della rilevazione indica un livello di stress medio, per cui è necessario individuare e realizzare interventi correttivi mirati e ripetere la valutazione dopo un anno. La specifica rilevazione indica inoltre indica un livello di stress medio per le tipologie di attività lavorativa personale amministrativo e collaboratori scolastici mentre risulta basso per i docenti. Elenco dei possibili interventi correttivi sulla base delle problematiche rilevate con punteggio medio-alto in Situazione mediocre : CHECK LIST A AREA AMBIENTE DI LAVORO Indicatore n 1: Il microclima (temperatura e umidità dell aria) delle aule e degli altri ambienti è adeguato? Climatizzare i locali Schermare le finestre Isolare termicamente le pareti Piantare piante all esterno Montare pellicole riflettenti sulle superfici vetrate Stress lavoro correlato EP Gestire oculatamente l aerazione Stress lavoro correlato DDL A AREA AMBIENTE DI LAVORO Indicatore n 6: Gli spazi esterni (cortile, parco giochi, ecc.) sono sufficienti ed adeguati allo scopo? Ristrutturare gli spazi esterni (panchine, recinzioni, creazione di aree di aggregazione, aree di gioco, ecc.) Circoscrivere le eventuali zone a rischio o poco visibili, migliorando e semplificando il sistema di sorveglianza da parte degli insegnanti eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

3 Pag. 3 di 15 Definire un sistema di monitoraggio degli spazi esterni, al fine del loro mantenimento nel tempo e di azioni di progressivo miglioramento, coinvolgendo i lavoratori in tali scelte Stress lavoro correlato EP C2-C3 AREA CONTENUTO DEL LAVORO PERSONALE AMMINISTRATIVO Indicatore n 3: Lo svolgimento del proprio lavoro quotidiano permette di eseguire un compito alla volta? Introdurre (o potenziare) i momenti di ascolto rispetto alle modalità operative di lavoro del personale, per cercare di ridurre l accavallarsi di consegne diverse, coinvolgendo i lavoratori (per gruppo omogenei) nella scelta delle migliori soluzioni PA Stress lavoro correlato DDL C2 AREA CONTENUTO DEL LAVORO PERSONALE AMMINISTRATIVO Indicatore n 4: La quantità quotidiana di lavoro da svolgere è prevedibile? Predisporre un cronogramma delle attività standard, evidenziando momenti o periodi dell anno in cui più probabilmente vi possono essere dei sovraccarichi di lavoro Studiare la gestione delle situazioni d emergenza per sovraccarico di lavoro, istituendo dei veri e propri sistemi di pronto intervento (spostamento colleghi, ridistribuzione dei compiti, ecc.) PA Stress lavoro correlato DDL C2 AREA CONTENUTO DEL LAVORO PERSONALE AMMINISTRATIVO Indicatore n 6: Il software a disposizione è di facile impiego? Utilizzare sempre software adeguato alle caratteristiche dell hardware del computer (soprattutto la memoria RAM) Richiedere al gestore telefonico un collegamento internet veloce Dedicare tempo all addestramento (o autoaddestramento) del personale di segreteria all uso di software nuovo o di una versione aggiornata Procurare e mettere a disposizione del personale di segreteria eventuali manuali d uso dei programmi più usati PA Stress lavoro correlato DDL eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

4 Pag. 4 di UNITA OPERATIVA 1 Scuola secondaria di 1 grado Via Pacchiotti - SEDE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Torino DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA DESTINAZIONE D USO: Scuola secondaria di primo grado CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 3 (da 501 a 1000 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio MEDIO ANNO DI COSTRUZIONE: precedente al 1975 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico del 1968 Certificato Prevenzione Incendi del 2012 Autorizzazione igienico-sanitaria del 1984 Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) Copia denuncia impianto di messa a terra Copia verifica impianto di messa a terra Certificazione in merito alla bonifica da amianto Capienza aule del 1988 PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

5 Pag. 5 di 15 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule Uffici altezza: altezza: ubicazione: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: corretto salubrità e ricambio d aria: corretto arredi: sufficienti illuminazione: sufficiente illuminazione: sufficiente abbagliamento: controllato abbagliamento: controllato pavimentazione: pavimentazione: superficie minima per lavoratore: rispettata superficie minima per alunno: volume minimo per lavoratore: rispettato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Integrazione dell'impianto elettrico dell'aula video Elettrocuzione EP Conclusione della procedura necessaria per il rilascio del CPI Smaltire il materiale non più utilizzato depositato nei locali adiacenti al refettorio e nel sottoscala Revisione e integrazione della cartellonistica antincendio e di sicurezza nella zona uffici Manutenzione e riparazione delle porte REI malfunzionanti Installare le elettrocalamite per la chiusura automatica delle porte REI. Verifica ed eventuale sostituzione dei maniglioni antipanico che risultano privi di marchio CE. Incendio, adeguamento alle norme Manutenzione, messa a norma EP Barriere architettoniche Ritinteggiare aule e spazi comuni Revisione e ripristino delle veneziane danneggiate eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

6 Pag. 6 di 15 Generale manutenzione dei serramenti esterni in molti casi non funzionanti (essendo non apribili creano particolare disagio durante la stagione calda) Riparazione della finestra della palestra 2 Individuare e risolvere le cause di infiltrazione di acqua: dall esterno di fronte all ingresso della palestra, nell aula 73 del piano terzo, lungo l intera colonna (dal piano terzo al seminterrato) dei bagni femminili dell ala sinistra, nel pavimento della palestra adiacente il bagno docenti, nelle due aule del seminterrato ad uso deposito arredi accanto al refettorio, nel locale archivio e nei servizi per il personale al piano primo. Individuare opportuno sistema di ripristino della continuità di coibentazione della palestra che a causa di una crepa passante subisce l infiltrazione di aria fredda dall esterno, rendendo difficoltoso il mantenimento di una ottimale temperatura di esercizio. Individuare opportuno sistema per l eliminazione dei problemi di umidità da risalita all esterno a piano terra: ciò causa il distacco dello zoccolo in pietra su Via Pacchiotti. Comfort insufficiente Manutenzione EP Verifica della stabilità dei controsoffitti. Corretto fissaggio dei radiatori Manutenzione dei davanzali in scatolare metallico o eventuale sostituzione Verifica del fissaggio dei pannelli di controsoffitto al piano terzo dove alcuni pannelli sembrano instabili. Discontinuità dei pavimenti a piano seminterrato, primo e secondo. Individuare opportuno sistemazione di protezione contro gli urti accidentali su radiatori e spigoli vivi in particolare nelle parti comuni. Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, Manutenzione EP bruciature Verifica e monitoraggio della crepa verticale lungo lo spigolo del muro perimetrale della palestra. Cedimento strutturale Manutenzione, verifica strutturale EP Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie. Intossicazione Procedure interne DDL eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

7 Pag. 7 di 15 Verificare l eventuale presenza di materiale isolante all interno dei controsoffitti e provvedere ai necessari controlli al fine di escluderne la pericolosità Amianto e altre fibre vetrose EP PRIORITA INDIVIDUATE Conclusione della procedura necessaria per il rilascio del CPI Manutenzione e riparazione delle porte REI malfunzionanti Generale manutenzione dei serramenti esterni in molti casi non funzionanti (essendo non apribili creano particolare disagio durante la stagione calda) Verifica del fissaggio dei pannelli di controsoffitto al piano terzo dove alcuni pannelli sembrano instabili. Individuare opportuno sistemazione di protezione contro gli urti accidentali su radiatori e spigoli vivi in particolare nelle parti comuni. Verifica e monitoraggio della crepa verticale lungo lo spigolo del muro perimetrale della palestra. eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

8 Pag. 8 di UNITA OPERATIVA 2 Scuola secondaria di 1 grado Via Capelli - SUCCURSALE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Torino DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA DESTINAZIONE D USO: Scuola secondaria di primo grado CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 2 (da 301 a 500 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio MEDIO ANNO DI COSTRUZIONE: precedente al 1975 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE Certificato Prevenzione Incendi del 2005 Autorizzazione igienico-sanitaria del 1984 Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) Copia denuncia impianto di messa a terra del 1991 Copia verifica impianto di messa a terra Certificazione in merito alla presenza/assenza di amianto eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

9 Pag. 9 di 15 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule altezza: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: arredi: illuminazione: abbagliamento: pavimentazione: superficie minima per alunno: corretto sufficienti sufficiente controllato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Conclusione della procedura per l ottenimento del CPI Dotare di opportuna aerazione i locali archivio Rifunzionalizzazione della porta REI al piano secondo parzialmente bloccata e manutenzione e riparazione generale delle porte REI malfunzionanti Installare elettrocalamite alla porta REI a piano terra a chiusura dell area con la sala insegnanti e la sala colloqui con i genitori Individuare opportuno sistema di aerazione per gli antibagno al piano terra del wc professori. Verifica ed eventuale sostituzione dei maniglioni antipanico che risultano privi di marchio CE. Dotare la cabina elettrica di porta con maniglione antipanico. Incendio, adeguamento alle norme Manutenzione, messa a norma EP Barriere architettoniche Dotare la manica con i laboratori e le aule di sostegno di adeguati servizi igienici Riparazione delle porte e delle maniglie danneggiate Revisione generale delle veneziane e sistemazione di quelle danneggiate Tinteggiatura generale eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

10 Pag. 10 di 15 Revisione generale dei serramenti esterni e sistemazione di quelli malfunzionanti (si vedano per esempio le 2 finestre bloccate presenti nell aula a destra al terzo piano) Ripristinare i pannelli di controsoffitto mancanti nel bagno donne del primo piano Individuare e risolvere la causa di infiltrazioni dai serramenti e dal tetto nell aula di sostegno Individuare e risolvere le cause di malfunzionamento di grondaie e pluviali in particolare lungo l alloggio del custode Riparazione e ripristino dell impianto di riscaldamento in alcune aree non funzionante appieno per guasti durante la ristrutturazione del 2005 Comfort insufficiente Manutenzione EP Verifica della stabilità dei controsoffitti. Fissaggio del parapetto di protezione delle scale sugli spazi interpiano Installare sistemi di protezione sui corpi illuminanti a soffitto della palestra che ne sono privi. Individuare idonei sistemi di protezione contro gli urti accidentali sugli spigoli vivi in particolare delle parti comuni. Sostituzione /riparazione dei davanzali rotti in alcune delle aule Verificare che i vetri presenti nel parapetto del secondo piano siano conformi alla norma UNI 7697/2007. Rimozione del meccanismo e della struttura di separazione della palestra sospeso a soffitto. Ripristino dell ancoraggio a suolo di un ringhiera di protezione a confine tra marciapiede e carreggiata stradale all uscita su Via Capelli. Verifica del meccanismo per issare la bandiera e del relativo cavo metallico pendente posto sull asta presente in cortile Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, Manutenzione EP bruciature Sostituzione degli armadi con parti vetrate frangibili ad altezza inferiore al metro o messa in sicurezza mediante l applicazione di apposite pellicole adesive Rimozione del materiale non più utilizzato negli spazi interpiano Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, Manutenzione DDL bruciature eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

11 Pag. 11 di 15 Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie. Intossicazione Procedure interne DDL Continuare la verifica e monitorare nei termini di legge l amianto presente nella struttura (ormai limitato a tubazioni non a vista e forno per ceramica non utilizzato) Verificare l eventuale presenza di materiale isolante all interno dei controsoffitti e provvedere ai necessari controlli al fine di escluderne la pericolosità Amianto e altre fibre vetrose EP PRIORITA INDIVIDUATE Conclusione della procedura per l ottenimento del CPI Dotare di opportuna aerazione i locali archivio Rifunzionalizzazione della porta REI al piano secondo parzialmente bloccata e manutenzione e riparazione generale delle porte REI malfunzionanti Revisione generale dei serramenti esterni e sistemazione di quelli malfunzionanti (si vedano per esempio le 2 finestre bloccate presenti nell aula a destra al terzo piano) Individuare e risolvere la causa di infiltrazioni dai serramenti e dal tetto nell aula di sostegno Individuare e risolvere le cause di malfunzionamento di grondaie e pluviali in particolare lungo l alloggio del custode Riparazione e ripristino dell impianto di riscaldamento in alcune aree non funzionante appieno per guasti durante la ristrutturazione del 2005 Fissaggio del parapetto di protezione delle scale sugli spazi interpiano eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

12 Pag. 12 di UNITA OPERATIVA 3 Scuola secondaria di 1 grado Via Passoni - SUCCURSALE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Torino DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA DESTINAZIONE D USO: Scuola secondaria di primo grado CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 2 (da 301 a 500 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio MEDIO ANNO DI COSTRUZIONE: successiva al 1975 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico del 1980 PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE Certificato Prevenzione Incendi del 2005 Autorizzazione igienico-sanitaria del 1984 Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) Copia denuncia impianto di messa a terra del 1991 Copia verifica impianto di messa a terra Certificazione in merito alla rimozione di amianto Certificazione in merito al monitoraggio di amianto eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

13 Pag. 13 di 15 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule altezza: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: arredi: illuminazione: abbagliamento: pavimentazione: superficie minima per alunno: corretto sufficienti sufficiente controllato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Conclusione della procedura per l ottenimento del CPI Installare le maniglie di sicurezza e gli altri presidi utili nel bagno per disabili Manutenzione e riparazione delle porte REI malfunzionanti. Verifica ed eventuale sostituzione dei maniglioni antipanico che risultano privi di marchio CE. Richiesta di parere tecnico sui grandi attrezzi presenti in palestra al fine di ottenere il rilascio delle certificazioni necessarie per l utilizzo o di una dichiarazione di non messa a norma di tali attrezzature. Incendio, adeguamento alle norme Manutenzione, messa a norma EP Barriere architettoniche Revisione complessiva degli avvolgibili danneggiati Completamento degli interventi di manutenzione e di risanamento delle batterie di servizi igienici Revisione dei serramenti e delle veneziane danneggiate Tinteggiare gli ambienti interni dell edificio Eliminare i problemi di umidità e muffa nella palestra Eliminare i problemi di infiltrazioni diffusi in più parti dell edificio: per esempio in sala insegnanti, open space e corridoio antistante. Comfort insufficiente Manutenzione EP eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

14 Pag. 14 di 15 Verifica della stabilità dei controsoffitti. Individuare e risolvere i problemi di infiltrazione che causano accidentali ristagni d acqua sui pavimenti, esponendo al rischio di scivolamento in particolare nelle aree di passaggio delle parti comuni: si veda per esempio la sala insegnanti, l open space e il corridoio antistante Manutenzione della scala di sicurezza esterna in cemento in tutte le sue parti (scalini mancorrente e struttura con ferri a vista) e risistemazione del punto di arrivo a piano terra, attualmente costituito da una griglia metallica a maglie larghe e per di più incavata. Protezione dei radiatori nei corridoi Ripristino del tombino rotto nel cortile accanto al campo da calcio. Messa in sicurezza della rete metallica di recinzione in alcuni tratti distaccata dai paletti di sostegno e con parti sporgenti ad altezza pericolosa per i bambini (in particolare nell area dove i bambini trascorrono l intervallo mensa). Verifica e messa in sicurezza della struttura di sostegno della rete da pallavolo nella palestra e dei relativi ancoraggi a pavimento per il supporto della stessa: dopo i lavori estivi per l installazione della suddetta struttura il pavimento risulta sollevato per un raggio di 1 m circa e discontinuo nelle immediate vicinanze. Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, Manutenzione EP bruciature Sostituzione degli armadi con parti vetrate frangibili ad altezza inferiore al metro o messa in sicurezza mediante l applicazione di apposite pellicole trasparenti Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, Manutenzione DDL bruciature Operazioni di pulizia straordinaria per la bonifica da guano di piccioni in più punti dell edificio. Intossicazione Procedure interne EP Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie. Intossicazione Procedure interne DDL Verifica della stabilità dei controsoffitti e della natura degli eventuali materiali isolanti collocati al di sopra dei medesimi onde accertarne la non pericolosità. eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

15 Pag. 15 di 15 Verifica della natura del rivestimento insonorizzante dei solai prefabbricati in cemento armato onde accertarne la non pericolosità. Verificare l eventuale presenza di materiale isolante all interno dei controsoffitti e provvedere ai necessari controlli al fine di escluderne la pericolosità Amianto e altre fibre vetrose EP Ripristino della recinzione intorno al campo da calcio: si veda in particolare lungo Via Passoni. Accesso / uscita scarsamente controllati Procedure di controllo e di intervento attuate dai collaboratori scolatici EP PRIORITA INDIVIDUATE Conclusione della procedura per l ottenimento del CPI Manutenzione e riparazione delle porte REI malfunzionanti. Manutenzione della scala di sicurezza esterna in cemento in tutte le sue parti (scalini mancorrente e struttura con ferri a vista) e risistemazione del punto di arrivo a piano terra, attualmente costituito da una griglia metallica a maglie larghe e per di più incavata. Ripristino del tombino rotto nel cortile accanto al campo da calcio. Messa in sicurezza della rete metallica di recinzione in alcuni tratti distaccata dai paletti di sostegno e con parti sporgenti ad altezza pericolosa per i bambini (in particolare nell area dove i bambini trascorrono l intervallo mensa). Operazioni di pulizia straordinaria per la bonifica da guano di piccioni in più punti dell edificio. Ripristino della recinzione intorno al campo da calcio: si veda in particolare lungo Via Passoni. eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA Pag. 2 di 15 4.1 UNITA OPERATIVA 1 - PRIMARIA, XXV APRILE - SEDE DESCRIZIONE DELL UNITA

Dettagli

DVR SEZIONE 4 Aggiornato al: 24.04.2013 Pag. 1 di 32

DVR SEZIONE 4 Aggiornato al: 24.04.2013 Pag. 1 di 32 24.04.2013 Pag. 1 di 32 4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Nell ambito della struttura scolastica operano, oltre alle varie mansioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI Committente: ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI Ubicazione/riferimento: Scuola dell Infanzia di Lesignano Dè Bagni Scuola Primaria di Lesignano Dè Bagni Scuola Secondaria di

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI

ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI Via Appia 212, 04028 Scauri (LT) ( 0771614545 - fax 0771614808 - * LTIC855001@istruzione.it ---------------------------------------------------------

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per gli studenti Strumento d informazione ai sensi del D. Lgs. 81/2008. L utente è tenuto a conoscerne

Dettagli

Relazione tecnica descrittiva

Relazione tecnica descrittiva Relazione tecnica descrittiva La presente relazione è stata redatta al fine di descrivere le verifiche affrontate e gli interventi che dovranno essere realizzati per la messa in sicurezza della Scuola

Dettagli

RELAZIONE RELATIVA AI SOPRALLUOGHI ESEGUITI SULLE SCUOLE PER LA VERIFICA DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA

RELAZIONE RELATIVA AI SOPRALLUOGHI ESEGUITI SULLE SCUOLE PER LA VERIFICA DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI PREGANZIOL SCUOLA DELL INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO VIA A. MANZONI, 1 PREGANZIOL (TV) RELAZIONE RELATIVA AI SOPRALLUOGHI ESEGUITI SULLE SCUOLE PER LA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I. I. S. A. GENTILESCHI Di CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il sottoscritto è stato incaricato dall Amministrazione Comunale di

Dettagli

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE La scelta della tipologia impiantistica varia a seconda della destinazione d uso: EDILIZIA CIVILE: Classe Esempi 1 Locali per la residenza Alloggi ad uso privato 2 Locali per il

Dettagli

STIMA PER LE OPERE DI ADEGUAMENTO 45.000,00

STIMA PER LE OPERE DI ADEGUAMENTO 45.000,00 SP1-2/1 Abb. barriere architettoniche installazione montascale 5.000,00 realizzazione bagni disabili al p. terra e p. primo 10.000,00 Altro trasformazione e attrezzatura di palestra per le attività 20.000,00

Dettagli

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO FASCICOLO INFORMATIVO DELL'OPERA Responsabile del Procedimento: Arch.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALITA

RELAZIONE TECNICA GENERALITA RELAZIONE TECNICA GENERALITA L'Amministrazione del Comune di Gonnoscodina ha conferito all Ing. Elio Musa l'incarico della progettazione, direzione lavori, contabilità, per i lavori riguardanti MANUTENZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 UFFICIO TECNICO SETTORE DELL EDILIZIA Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 4061 - fax n 0372/406474 e-mail: edilizia@provincia.cremona.it ITIS G. GALILEI CREMA.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO 3.1.1.IMPIANTO TERMICO CENTRALE -E presente all interno dell edificio nel piano seminterrato il locale caldaie. Ciascuna delle due caldaie

Dettagli

N.B. Si prega di citare, nella risposta, il nostro numero di protocollo. c.f. 80002130195

N.B. Si prega di citare, nella risposta, il nostro numero di protocollo. c.f. 80002130195 AREA INFRASTRUTTURE E PATRIMONIO SETTORE PATRIMONIO Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 0372/4061 - fax n 0372/406499 e-mail: patrimonio@provincia.cremona.it c.f. 80002130195 Oggetto: ISTITUTO PROFESSIONALE

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze Progetto Definitivo Esecutivo Sistemazione degli uffici ex IRRE Campania in

Dettagli

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12 Provincia Regionale di Ragusa Lavori di "Adeguamento alle norme di sicurezza e prevenzione incendi immobili scolastici nella zona di Ragusa, Comiso e Vittoria. Completamento 2.000.000" - Progetto Esecutivo

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SOMMARIVA PERNO

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SOMMARIVA PERNO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROGETTO DEFINITIVO / ESECUTIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL COMPLESSO SCOLASTICO DI VIA SAN GIOVANNI COMMITTENTE: COMUNE DI SOMMARIVA PERNO P.za

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA COMUNE DI MONTIGLIO MONFERRATO Provincia di ASTI- OGGETTO : Progetto per la manutenzione straordinaria di edificio scolastico con interventi di adeguamento a normative vigenti PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Il Liceo Scientifico Giovanni da Procida è ubicato in via De Falco, traversa di via Manganario, con succursale nell ex Seminario Regionale,

Dettagli

1) Premessa. 2) Obbiettivi prefissati

1) Premessa. 2) Obbiettivi prefissati 1) Premessa L edificio oggetto del presente progetto e la Scuola Elementare di proprieta Comunale denominata Martiri della Liberta, ubicata in via G. del Carretto a Casale M.to. Per l anno scolastico in

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA Per i dipendenti della scuola, identificati in base al profilo omogeneo di attività, sono riassunti ed identificati i rischi specifici tipici e quanto previsto

Dettagli

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico )

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) Requisiti generali - dotati del Certificato di Conformità Edilizia rilasciato dal Comune sulla base della verifica di conformità alla vigente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs)

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART.28 DLgs 81/2008) S C H E D A N. 2 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs) EDIFICIO SCOLASTICO Dante Alighieri ( SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA

Dettagli

Il pericolo corre tra i banchi: aule degradate e sovraffollate, edifici senza certificazioni e manutenzione.

Il pericolo corre tra i banchi: aule degradate e sovraffollate, edifici senza certificazioni e manutenzione. Il pericolo corre tra i banchi: aule degradate e sovraffollate, edifici senza certificazioni e manutenzione. Presentato il IX Rapporto di Cittadinanzattiva su Sicurezza, qualità e comfort degli edifici

Dettagli

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche ALLEGATO A CARATTERISTICHE TECNICHE DEI LOCALI DA ADIBIRE AD ARCHIVIO DI DEPOSITO Sommario 1. Caratteristiche generali... 2 2. Ubicazione... 2 3. Strutture esterne e dimensioni... 2 4. Diapositivi di sicurezza...

Dettagli

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Lezione di Enzo Lo Cascio Amianto: quando è pericoloso? Se l amianto è COMPATTO non esistono particolari rischi per la salute. Se l amianto è

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO, EDILIZIA SCOLASTICA, TURISTICO-SPORTIVA E PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI LUIGI

Dettagli

La bonifica dei materiali con amianto Incontro rivolto ai Tecnici dei Comuni

La bonifica dei materiali con amianto Incontro rivolto ai Tecnici dei Comuni La bonifica dei materiali con amianto Incontro rivolto ai Tecnici dei Comuni Piacenza, 13 novembre 2014 A cura di Marco De Marzo Dipartimento Sanità Pubblica AUSL di Piacenza La bonifica RIMOZIONE il manufatto

Dettagli

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa:

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa: Premessa: La scuola sicura In che modo salvaguardare la sicurezza nelle scuole? Quali sono i principali rischi per docenti e studenti? Cosa fare in caso di situazioni di emergenza? Come proteggersi da

Dettagli

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere 3.2.8 Parapetti Le finestre, i balconi e le terrazze devono avere parapetti di altezza non inferiore a cm. 100. In ogni caso i parapetti, fermo restando che devono garantire sufficiente resistenza agli

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO ASSEMINI

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO ASSEMINI DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO ASSEMINI Cod. mecc.: CAEE037009 - Cod. Fisc. 80009480924 Via Di Vittorio, 5 09032 Assemini (CA) Tel. 070940692 fax 070942713 e-mail: CAEE037009@istruzione.it DOCUMENTO

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

LINEEVITASYSTEM SRL. Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI

LINEEVITASYSTEM SRL. Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI lineavita IMP rifo_layout 1 18/11/13 11:48 Pagina 1 LINEE VITA E SISTEMI ANTICADUTA COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano LINEEVITASYSTEM

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 316 Registro Deliberazioni. OGGETTO: PRESA ATTO INTERVENTI EFFETTUATI DA PARTE DEL COMUNE DI TRADATE PER LA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI

Dettagli

Istituto Statale d Istruzione Superiore P. Artusi

Istituto Statale d Istruzione Superiore P. Artusi Istituto Statale d Istruzione Superiore P. Artusi Viale Matteotti, 54 47034 Forlimpopoli (FC) Valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori e relative misure di prevenzione e protezione

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PULIZIE Pag. 1/7 Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado INDICE 1. SCOPO... 2 2.

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

Al Sig. Sindaco di Torre Del Greco- Dott. Malinconico Alla Provincia di Napoli ; c.a. ing. Piscitelli

Al Sig. Sindaco di Torre Del Greco- Dott. Malinconico Alla Provincia di Napoli ; c.a. ing. Piscitelli Al Sig. Sindaco di Torre Del Greco- Dott. Malinconico Alla Provincia di Napoli ; c.a. ing. Piscitelli OGGETTO MURO: RICHIESTA DI SOPRALLUOGO c/o l ITN C. Colombo Via Vitt. Emanuele (Villa Comunale) - Torre

Dettagli

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO CAPITOLATO D APPALTO E DESCRIZIONE LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE PARTI COMUNI I render grafici hanno scopo puramente indicativo

Dettagli

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO progetto committente LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO COMUNE DI CELLE LIGURE Via Boagno 11-17015 Celle Ligure (SV) TEL. +39 019 826985 FAX +39 SAVONA

Dettagli

ALCUNE CONSIDERAZIONE PRATICHE ED OPERATIVE PER LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NELLE PALESTRE E NELLE PISCINE

ALCUNE CONSIDERAZIONE PRATICHE ED OPERATIVE PER LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NELLE PALESTRE E NELLE PISCINE ALCUNE CONSIDERAZIONE PRATICHE ED OPERATIVE PER LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NELLE PALESTRE E NELLE PISCINE Pag. 1 di 15 D.Lgs. 81/08 aggiornato con il D.Lgs. 106/09 TIT II LUOGHI DI LAVORO PALESTRE

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ALLESTIMENTO DI UN CENTRO PER LA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA PRESSO I LOCALI DELL EDIFICIO 10 DI POLARIS PULA.

PROGETTO PRELIMINARE PER L ALLESTIMENTO DI UN CENTRO PER LA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA PRESSO I LOCALI DELL EDIFICIO 10 DI POLARIS PULA. PROGETTO PRELIMINARE PER L ALLESTIMENTO DI UN CENTRO PER LA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA PRESSO I LOCALI DELL EDIFICIO 10 DI POLARIS PULA. RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA STUDIO ASSOCIATO degli Ingg. Salvatore

Dettagli

VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015

VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015 VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015 Di seguito vengono riportati i principali adempimenti da assolvere, in base alla tipologia di istituto scolastico, mansioni

Dettagli

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Se l amianto è COMPATTO non esistono particolari rischi per la salute. Se l amianto è FRIABILE c è il pericolo di inalarne fibre. COMPATTO, materiale

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA MAN - Pag. 1 di 12 MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA AI SEN SI DELL AR T. 30 D.Lg Lgs. 81/20 08 MAN - Pag. 2 di 12 Attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 8 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

AMIANTO. L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati

AMIANTO. L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati AMIANTO L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati L'amianto resiste al fuoco e al calore, all'azione di agenti biologici, agenti chimici, all abrasione e usura fonoassorbente

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA SPAZIO GIOCO

COMUNE DI PERUGIA SPAZIO GIOCO COMUNE DI PERUGIA SPAZIO GIOCO Caratteristiche: E un servizio con caratteristiche ludiche che prevede modalità di frequenza secondo criteri di massima flessibilità e per una fruizione saltuaria di massimo

Dettagli

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO ALLEATO 2 lotto 1 Modugno (BA) DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OETTO DELL APPALTO Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio PIANO TERRA Tipologia di aree Descrizione

Dettagli

Rilevazioni consumi. L Agenda. SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto SCUOLE

Rilevazioni consumi. L Agenda. SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto SCUOLE L Agenda SCUOLE Rilevazioni SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto Ing. Antonio Smaldore ACLI Anni Verdi Regionale schede rilevazioni P.I. Gino

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA Allegato 02 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

CORSO INGHILTERRA 7/9-10138 TORINO - TEL. 011 8616042 - FAX 011 8616459 relazione_variante.doc Pagina 1

CORSO INGHILTERRA 7/9-10138 TORINO - TEL. 011 8616042 - FAX 011 8616459 relazione_variante.doc Pagina 1 Nel corso dei lavori si è ravvisata l'opportunità di apportare alcune varianti in parte motivate da cause impreviste e imprevedibili all atto della progettazione ed in parte migliorative di tipo quantitativo-qualitativo

Dettagli

Ministero della Difesa Direzione Generale dei Lavori e del Demanio Ufficio Generale Dismissione Immobili Piazza della Marina, 4-00196 Roma

Ministero della Difesa Direzione Generale dei Lavori e del Demanio Ufficio Generale Dismissione Immobili Piazza della Marina, 4-00196 Roma Allegato A Ministero della Difesa Direzione Generale dei Lavori e del Demanio Ufficio Generale Dismissione Immobili Piazza della Marina, 4-00196 Roma RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ERM3234

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

Comune di Fauglia Provincia di Pisa

Comune di Fauglia Provincia di Pisa Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= Oggetto: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.11.2005, n. 62/R (misure preventive e protettive per

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO

SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO (DUVRI) E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.)

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007)

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Per problemi con il programma di calcolo si deve considerare principalmente la guida all uso della scheda operativa per il calcolo

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna)

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI ONERI TRA L ENTE GESTORE E GLI ASSEGNATARI DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA AI SENSI DELL ART.25, COMMA

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 343 OGGETTO

PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 343 OGGETTO Proposta di deliberazione prot. N 112659 del 07/12/2010 IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 343 OGGETTO ISTITUTO STATALE D ARTE B. ALFIERI DI

Dettagli

6 - scuola in Piazza Ruggero di Sicilia, 2

6 - scuola in Piazza Ruggero di Sicilia, 2 6 - scuola in Piazza Ruggero di Sicilia, 2 MATRICOLA EDIFICIO 3003 MUNICIPIO III ARCHIVIO CONSERVATORIA posizione 1035 CATASTO foglio 589, part. 53 TIPO DI SCUOLA Materna comunale Istituto Comprensivo

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI BRESCIA VIA CUCCA, 16 PALAZINA DEMANIALE ALLOGGIO EBS0034 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) Allegato 03 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO SULLA SICUREZZA D. Lgs. 81/08 e s.m.i. PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) PROCEDURE

Dettagli

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante Pali trivellati Fondazioni profonde Pali battuti Micropali Verifica strutture Platea Fondazioni superficiali Plinti Manutenzione fondazioni Travi rovesce Verifica statica Pilastri Travi STRUTTURE IN C.A.

Dettagli

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE Elenco dei Corpi d'opera 03 OPERE IMPIANTISTICHE Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE Unità tecnologiche 01 Impianto riscaldamento 02 Impianto smaltimento acque usate e meteoriche 03 Impianto antincendio

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS) 27/05/2013 SCARINZI Alessandra Data sopralluogo Elaboratore File:Primaria_Montirone_giugno_2013

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Ristori 52/2, GORIZIA 1 Indice 1. OGGETTO E

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

10a - Chiusure e partizioni interne

10a - Chiusure e partizioni interne 10a - Chiusure e partizioni interne, infissi esterni verticali. Requisiti ed elementi. Modelli funzionali ed alternative tecniche. La chiusura di un edificio è quella parte dell organismo edilizio che

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. BERTHER Piazza Marconi, 2 25010 SAN ZENO (BS) 27/05/2013 SCARINZI Alessandra

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 9 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Viene presentato un Esempio di Realizzazione di Documento di Valutazione dei Rischi secondo le Procedure Standardizzate. Per maggiori informazioni sul nostro servizio a basso costo vi invitiamo a contattarci:

Dettagli

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Il Sistema H.A.C.C.P. Il Sistema H.A.C.C.P., applicabile ad

Dettagli

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA D.C. N.76 DEL 27.10.2004 Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna COMUNE DI CASTEL MAGGIORE REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI ONERI TRA L ENTE GESTORE E GLI ASSEGNATARI DI ALLOGGI

Dettagli

La 1^ A (coordinata dai docenti Pezzotta e Dumassi) Vi invita a un tour (virtuale) nella Scuola Secondaria di 1 Grado Giovanni XXIII di Castelveccana

La 1^ A (coordinata dai docenti Pezzotta e Dumassi) Vi invita a un tour (virtuale) nella Scuola Secondaria di 1 Grado Giovanni XXIII di Castelveccana La 1^ A (coordinata dai docenti Pezzotta e Dumassi) Vi invita a un tour (virtuale) nella Scuola Secondaria di 1 Grado Giovanni XXIII di Castelveccana Anno scolastico 2013/2014 La vecchia targa all ingresso

Dettagli

Appalto delle opere interne di manutenzione

Appalto delle opere interne di manutenzione ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali Coordinamento Generale Tecnico Edilizio 00142 Roma via Aldo Ballarin 42 telefono 06/59053962 Edificio D. G. INPS piano

Dettagli

SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA. 21/05/2012 SCARINZI Roberto. 1 di 63

SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA. 21/05/2012 SCARINZI Roberto. 1 di 63 ADEMPIMENTI A CARICO DELLA PROVINCIA PER LA MESSA A NORMA ED IN SICUREZZA DELLA SEDE CENTRALE DELL ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE SERVIZI COMMERCIALI E TURISMO SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA 21/05/2012 SCARINZI

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 13 Sezione 2.1 Scheda di reparto Locali interni Descrizione RISCHI PER LA SICUREZZA RISCHI PER LA SALUTE INSERIRE FOTO DESCRIZIONE SEDE PRINCIPALE (viale E. Maraini 54 - Rieti - ) L edificio

Dettagli

ADEGUAMENTO DEL COMPLESSO SCOLASTICO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE GENERALE

ADEGUAMENTO DEL COMPLESSO SCOLASTICO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE GENERALE REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI TURRIACO ADEGUAMENTO DEL COMPLESSO SCOLASTICO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE GENERALE Indice

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO, EDILIZIA SCOLASTICA, TURISTICO-SPORTIVA E PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI Completamento interventi di rifacimento

Dettagli

REGGIO EMILIA ALLOGGIO ERE0019

REGGIO EMILIA ALLOGGIO ERE0019 ISPETTORATO DELLE INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 6 REPARTO INFRASTRUTTURE RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA REGGIO EMILIA Via Antonio Allegri n 10 ALLOGGIO ERE0019 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

Indagini termografiche Esempi di applicazione Studio Mantovani IR

Indagini termografiche Esempi di applicazione Studio Mantovani IR Collaudo di una casa prefabbricata a basso consumo energetico. L immagine termica dimostra l ottimo isolamento delle pareti e dell intero involucro (temp. amb. interna 21 C temp. sup. esterna 0,6 C). Viene

Dettagli

VIA LEONCAVALLO 17 CIRCOSCRIZIONE VI SERVIZI SOCIALI - ANAGRAFE. MODALITA E FREQUENZA DEGLI INTERVENTI (da Lunedì a venerdì)

VIA LEONCAVALLO 17 CIRCOSCRIZIONE VI SERVIZI SOCIALI - ANAGRAFE. MODALITA E FREQUENZA DEGLI INTERVENTI (da Lunedì a venerdì) LOTTO VI ALLEGATO A VIA LEONCAVALLO 17 CIRCOSCRIZIONE VI SERVIZI SOCIALI - ANAGRAFE MODALITA E FREQUENZA DEGLI INTERVENTI (da Lunedì a venerdì) LOCALI SEDE DEI SERVIZI SOCIALI - TERZO PIANO 2 PASSAGGI

Dettagli

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI)

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) (ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio Tipologia

Dettagli

Comitato locale di Monza

Comitato locale di Monza Una CASA per la CROCE ROSSA Comitato locale di Monza Progetto di Massima e stima per la manutenzione straordinaria di parte dell immobile sito in Via Pacinotti, 2 a MONZA (MB) Una CASA per la CROCE ROSSA

Dettagli

Istituto Comprensivo Via F.S. Nitti Roma Plesso Scuola Primaria Mengotti

Istituto Comprensivo Via F.S. Nitti Roma Plesso Scuola Primaria Mengotti Istituto Comprensivo Via F.S. Nitti Roma Plesso Scuola Primaria Mengotti 1a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE) Aggiornamento: febbraio 2015 Euservice s.r.l.

Dettagli

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia Il programma SPQR prevede la razionalizzazione del patrimonio immobiliare BNL a Roma

Dettagli

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA PREMESSA La Stazione Marittima del Porto di Pescara è un edificio a pianta centrale di forma decagonale, dell altezza totale di m 6,00, ad un piano dell altezza interna di m 5,00, della superficie complessiva

Dettagli