4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI"

Transcript

1 Pag. 1 di ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Nell ambito della struttura scolastica operano, oltre alle varie mansioni già individuate nella Sezione 2 del presente documento, ulteriori figure specifiche con le mansioni di seguito riportate e la valutazione dei rischi specifica relativa anche all ambiente di lavoro dove queste operano: AREA MANSIONE CODICE MANSIONE AUSILIARIA ADDETTI PICCOLA MANUTENZIONE MA NOTE ADDETTI PICCOLA MANTENZIONE MANSIONI: interventi di manutenzione di vario tipo ATTREZZATURA UTILIZZATA: Attrezzi manuali Trapani, avvitatori Scala portatile MA DESCRIZIONE P D R MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE - DPI RES. Inciampi, cadute, urti, tagli, punture, Formazione e informazione degli addetti in particolare abrasioni, bruciature sull'uso delle attrezzature Attrezzature Conformità e manutenzione delle attrezzature utilizzate DDL Elettrocuzione Addestramento sul corretto utilizzo delle attrezzature eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

2 Pag. 2 di STRESS LAVORO CORRELATO ESITO SPECIFICO DELLA VALUTAZIONE E INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI I risultati ottenuti utilizzando le modalità di valutazione esposte nella Sezione 3 del presente documento, sono: Valutazione del Griglia C.List A C.List B C.List C1 C.List C2 C.List C3 C.List C4 TOTALE MAGGIO MEDIO Il risultato finale della rilevazione indica un livello di stress medio, per cui è necessario individuare e realizzare interventi correttivi mirati e ripetere la valutazione dopo un anno. La specifica rilevazione indica inoltre indica un livello di stress medio per le tipologie di attività lavorativa personale amministrativo e collaboratori scolastici mentre risulta basso per i docenti. Elenco dei possibili interventi correttivi sulla base delle problematiche rilevate con punteggio medio-alto in Situazione mediocre : CHECK LIST A AREA AMBIENTE DI LAVORO Indicatore n 1: Il microclima (temperatura e umidità dell aria) delle aule e degli altri ambienti è adeguato? Climatizzare i locali Schermare le finestre Isolare termicamente le pareti Piantare piante all esterno Montare pellicole riflettenti sulle superfici vetrate Stress lavoro correlato EP Gestire oculatamente l aerazione Stress lavoro correlato DDL A AREA AMBIENTE DI LAVORO Indicatore n 6: Gli spazi esterni (cortile, parco giochi, ecc.) sono sufficienti ed adeguati allo scopo? Ristrutturare gli spazi esterni (panchine, recinzioni, creazione di aree di aggregazione, aree di gioco, ecc.) Circoscrivere le eventuali zone a rischio o poco visibili, migliorando e semplificando il sistema di sorveglianza da parte degli insegnanti eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

3 Pag. 3 di 15 Definire un sistema di monitoraggio degli spazi esterni, al fine del loro mantenimento nel tempo e di azioni di progressivo miglioramento, coinvolgendo i lavoratori in tali scelte Stress lavoro correlato EP C2-C3 AREA CONTENUTO DEL LAVORO PERSONALE AMMINISTRATIVO Indicatore n 3: Lo svolgimento del proprio lavoro quotidiano permette di eseguire un compito alla volta? Introdurre (o potenziare) i momenti di ascolto rispetto alle modalità operative di lavoro del personale, per cercare di ridurre l accavallarsi di consegne diverse, coinvolgendo i lavoratori (per gruppo omogenei) nella scelta delle migliori soluzioni PA Stress lavoro correlato DDL C2 AREA CONTENUTO DEL LAVORO PERSONALE AMMINISTRATIVO Indicatore n 4: La quantità quotidiana di lavoro da svolgere è prevedibile? Predisporre un cronogramma delle attività standard, evidenziando momenti o periodi dell anno in cui più probabilmente vi possono essere dei sovraccarichi di lavoro Studiare la gestione delle situazioni d emergenza per sovraccarico di lavoro, istituendo dei veri e propri sistemi di pronto intervento (spostamento colleghi, ridistribuzione dei compiti, ecc.) PA Stress lavoro correlato DDL C2 AREA CONTENUTO DEL LAVORO PERSONALE AMMINISTRATIVO Indicatore n 6: Il software a disposizione è di facile impiego? Utilizzare sempre software adeguato alle caratteristiche dell hardware del computer (soprattutto la memoria RAM) Richiedere al gestore telefonico un collegamento internet veloce Dedicare tempo all addestramento (o autoaddestramento) del personale di segreteria all uso di software nuovo o di una versione aggiornata Procurare e mettere a disposizione del personale di segreteria eventuali manuali d uso dei programmi più usati PA Stress lavoro correlato DDL eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

4 Pag. 4 di UNITA OPERATIVA 1 Scuola secondaria di 1 grado Via Pacchiotti - SEDE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Torino DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA DESTINAZIONE D USO: Scuola secondaria di primo grado CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 3 (da 501 a 1000 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio MEDIO ANNO DI COSTRUZIONE: precedente al 1975 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico del 1968 Certificato Prevenzione Incendi del 2012 Autorizzazione igienico-sanitaria del 1984 Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) Copia denuncia impianto di messa a terra Copia verifica impianto di messa a terra Certificazione in merito alla bonifica da amianto Capienza aule del 1988 PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

5 Pag. 5 di 15 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule Uffici altezza: altezza: ubicazione: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: corretto salubrità e ricambio d aria: corretto arredi: sufficienti illuminazione: sufficiente illuminazione: sufficiente abbagliamento: controllato abbagliamento: controllato pavimentazione: pavimentazione: superficie minima per lavoratore: rispettata superficie minima per alunno: volume minimo per lavoratore: rispettato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Integrazione dell'impianto elettrico dell'aula video Elettrocuzione EP Conclusione della procedura necessaria per il rilascio del CPI Smaltire il materiale non più utilizzato depositato nei locali adiacenti al refettorio e nel sottoscala Revisione e integrazione della cartellonistica antincendio e di sicurezza nella zona uffici Manutenzione e riparazione delle porte REI malfunzionanti Installare le elettrocalamite per la chiusura automatica delle porte REI. Verifica ed eventuale sostituzione dei maniglioni antipanico che risultano privi di marchio CE. Incendio, adeguamento alle norme Manutenzione, messa a norma EP Barriere architettoniche Ritinteggiare aule e spazi comuni Revisione e ripristino delle veneziane danneggiate eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

6 Pag. 6 di 15 Generale manutenzione dei serramenti esterni in molti casi non funzionanti (essendo non apribili creano particolare disagio durante la stagione calda) Riparazione della finestra della palestra 2 Individuare e risolvere le cause di infiltrazione di acqua: dall esterno di fronte all ingresso della palestra, nell aula 73 del piano terzo, lungo l intera colonna (dal piano terzo al seminterrato) dei bagni femminili dell ala sinistra, nel pavimento della palestra adiacente il bagno docenti, nelle due aule del seminterrato ad uso deposito arredi accanto al refettorio, nel locale archivio e nei servizi per il personale al piano primo. Individuare opportuno sistema di ripristino della continuità di coibentazione della palestra che a causa di una crepa passante subisce l infiltrazione di aria fredda dall esterno, rendendo difficoltoso il mantenimento di una ottimale temperatura di esercizio. Individuare opportuno sistema per l eliminazione dei problemi di umidità da risalita all esterno a piano terra: ciò causa il distacco dello zoccolo in pietra su Via Pacchiotti. Comfort insufficiente Manutenzione EP Verifica della stabilità dei controsoffitti. Corretto fissaggio dei radiatori Manutenzione dei davanzali in scatolare metallico o eventuale sostituzione Verifica del fissaggio dei pannelli di controsoffitto al piano terzo dove alcuni pannelli sembrano instabili. Discontinuità dei pavimenti a piano seminterrato, primo e secondo. Individuare opportuno sistemazione di protezione contro gli urti accidentali su radiatori e spigoli vivi in particolare nelle parti comuni. Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, Manutenzione EP bruciature Verifica e monitoraggio della crepa verticale lungo lo spigolo del muro perimetrale della palestra. Cedimento strutturale Manutenzione, verifica strutturale EP Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie. Intossicazione Procedure interne DDL eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

7 Pag. 7 di 15 Verificare l eventuale presenza di materiale isolante all interno dei controsoffitti e provvedere ai necessari controlli al fine di escluderne la pericolosità Amianto e altre fibre vetrose EP PRIORITA INDIVIDUATE Conclusione della procedura necessaria per il rilascio del CPI Manutenzione e riparazione delle porte REI malfunzionanti Generale manutenzione dei serramenti esterni in molti casi non funzionanti (essendo non apribili creano particolare disagio durante la stagione calda) Verifica del fissaggio dei pannelli di controsoffitto al piano terzo dove alcuni pannelli sembrano instabili. Individuare opportuno sistemazione di protezione contro gli urti accidentali su radiatori e spigoli vivi in particolare nelle parti comuni. Verifica e monitoraggio della crepa verticale lungo lo spigolo del muro perimetrale della palestra. eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

8 Pag. 8 di UNITA OPERATIVA 2 Scuola secondaria di 1 grado Via Capelli - SUCCURSALE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Torino DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA DESTINAZIONE D USO: Scuola secondaria di primo grado CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 2 (da 301 a 500 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio MEDIO ANNO DI COSTRUZIONE: precedente al 1975 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE Certificato Prevenzione Incendi del 2005 Autorizzazione igienico-sanitaria del 1984 Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) Copia denuncia impianto di messa a terra del 1991 Copia verifica impianto di messa a terra Certificazione in merito alla presenza/assenza di amianto eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

9 Pag. 9 di 15 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule altezza: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: arredi: illuminazione: abbagliamento: pavimentazione: superficie minima per alunno: corretto sufficienti sufficiente controllato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Conclusione della procedura per l ottenimento del CPI Dotare di opportuna aerazione i locali archivio Rifunzionalizzazione della porta REI al piano secondo parzialmente bloccata e manutenzione e riparazione generale delle porte REI malfunzionanti Installare elettrocalamite alla porta REI a piano terra a chiusura dell area con la sala insegnanti e la sala colloqui con i genitori Individuare opportuno sistema di aerazione per gli antibagno al piano terra del wc professori. Verifica ed eventuale sostituzione dei maniglioni antipanico che risultano privi di marchio CE. Dotare la cabina elettrica di porta con maniglione antipanico. Incendio, adeguamento alle norme Manutenzione, messa a norma EP Barriere architettoniche Dotare la manica con i laboratori e le aule di sostegno di adeguati servizi igienici Riparazione delle porte e delle maniglie danneggiate Revisione generale delle veneziane e sistemazione di quelle danneggiate Tinteggiatura generale eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

10 Pag. 10 di 15 Revisione generale dei serramenti esterni e sistemazione di quelli malfunzionanti (si vedano per esempio le 2 finestre bloccate presenti nell aula a destra al terzo piano) Ripristinare i pannelli di controsoffitto mancanti nel bagno donne del primo piano Individuare e risolvere la causa di infiltrazioni dai serramenti e dal tetto nell aula di sostegno Individuare e risolvere le cause di malfunzionamento di grondaie e pluviali in particolare lungo l alloggio del custode Riparazione e ripristino dell impianto di riscaldamento in alcune aree non funzionante appieno per guasti durante la ristrutturazione del 2005 Comfort insufficiente Manutenzione EP Verifica della stabilità dei controsoffitti. Fissaggio del parapetto di protezione delle scale sugli spazi interpiano Installare sistemi di protezione sui corpi illuminanti a soffitto della palestra che ne sono privi. Individuare idonei sistemi di protezione contro gli urti accidentali sugli spigoli vivi in particolare delle parti comuni. Sostituzione /riparazione dei davanzali rotti in alcune delle aule Verificare che i vetri presenti nel parapetto del secondo piano siano conformi alla norma UNI 7697/2007. Rimozione del meccanismo e della struttura di separazione della palestra sospeso a soffitto. Ripristino dell ancoraggio a suolo di un ringhiera di protezione a confine tra marciapiede e carreggiata stradale all uscita su Via Capelli. Verifica del meccanismo per issare la bandiera e del relativo cavo metallico pendente posto sull asta presente in cortile Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, Manutenzione EP bruciature Sostituzione degli armadi con parti vetrate frangibili ad altezza inferiore al metro o messa in sicurezza mediante l applicazione di apposite pellicole adesive Rimozione del materiale non più utilizzato negli spazi interpiano Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, Manutenzione DDL bruciature eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

11 Pag. 11 di 15 Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie. Intossicazione Procedure interne DDL Continuare la verifica e monitorare nei termini di legge l amianto presente nella struttura (ormai limitato a tubazioni non a vista e forno per ceramica non utilizzato) Verificare l eventuale presenza di materiale isolante all interno dei controsoffitti e provvedere ai necessari controlli al fine di escluderne la pericolosità Amianto e altre fibre vetrose EP PRIORITA INDIVIDUATE Conclusione della procedura per l ottenimento del CPI Dotare di opportuna aerazione i locali archivio Rifunzionalizzazione della porta REI al piano secondo parzialmente bloccata e manutenzione e riparazione generale delle porte REI malfunzionanti Revisione generale dei serramenti esterni e sistemazione di quelli malfunzionanti (si vedano per esempio le 2 finestre bloccate presenti nell aula a destra al terzo piano) Individuare e risolvere la causa di infiltrazioni dai serramenti e dal tetto nell aula di sostegno Individuare e risolvere le cause di malfunzionamento di grondaie e pluviali in particolare lungo l alloggio del custode Riparazione e ripristino dell impianto di riscaldamento in alcune aree non funzionante appieno per guasti durante la ristrutturazione del 2005 Fissaggio del parapetto di protezione delle scale sugli spazi interpiano eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

12 Pag. 12 di UNITA OPERATIVA 3 Scuola secondaria di 1 grado Via Passoni - SUCCURSALE ENTE PROPRIETARIO: Comune di Torino DESCRIZIONE DELL UNITA OPERATIVA DESTINAZIONE D USO: Scuola secondaria di primo grado CLASSIFICAZIONE DI ANTINCENDIO (D.M ): TIPO 2 (da 301 a 500 persone) VALUTAZIONE DEL INCENDIO (D.M All. IX): Rischio d Incendio MEDIO ANNO DI COSTRUZIONE: successiva al 1975 DOCUMENTAZIONE: Certificato collaudo statico del 1980 PRESENTE NON PRESENTE DA RINNOVARE Certificato Prevenzione Incendi del 2005 Autorizzazione igienico-sanitaria del 1984 Dichiarazione conformità impianti elettrici (L. 37/08 o L. 46/90) Copia denuncia impianto di messa a terra del 1991 Copia verifica impianto di messa a terra Certificazione in merito alla rimozione di amianto Certificazione in merito al monitoraggio di amianto eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

13 Pag. 13 di 15 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Il piano di emergenza e evacuazione viene redatto dalla scuola, aggiornato e verificato con puntualità. Accanto alle tavole sono sistemate le indicazioni sulle norme di comportamento da seguire in caso di emergenza e l indicazione dei nominativi degli addetti per la classe interessata. Ogni anno viene verificato e aggiornato l organigramma degli addetti oltre all organizzazione interna delle singole classi (aprifila, chiudifila etc.). SPAZI COLLETTIVI AD USO LAVORATIVO - DIMENSIONE E COMFORT Aule altezza: ubicazione: salubrità e ricambio d aria: arredi: illuminazione: abbagliamento: pavimentazione: superficie minima per alunno: corretto sufficienti sufficiente controllato VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DELL UNITA OPERATIVA Conclusione della procedura per l ottenimento del CPI Installare le maniglie di sicurezza e gli altri presidi utili nel bagno per disabili Manutenzione e riparazione delle porte REI malfunzionanti. Verifica ed eventuale sostituzione dei maniglioni antipanico che risultano privi di marchio CE. Richiesta di parere tecnico sui grandi attrezzi presenti in palestra al fine di ottenere il rilascio delle certificazioni necessarie per l utilizzo o di una dichiarazione di non messa a norma di tali attrezzature. Incendio, adeguamento alle norme Manutenzione, messa a norma EP Barriere architettoniche Revisione complessiva degli avvolgibili danneggiati Completamento degli interventi di manutenzione e di risanamento delle batterie di servizi igienici Revisione dei serramenti e delle veneziane danneggiate Tinteggiare gli ambienti interni dell edificio Eliminare i problemi di umidità e muffa nella palestra Eliminare i problemi di infiltrazioni diffusi in più parti dell edificio: per esempio in sala insegnanti, open space e corridoio antistante. Comfort insufficiente Manutenzione EP eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

14 Pag. 14 di 15 Verifica della stabilità dei controsoffitti. Individuare e risolvere i problemi di infiltrazione che causano accidentali ristagni d acqua sui pavimenti, esponendo al rischio di scivolamento in particolare nelle aree di passaggio delle parti comuni: si veda per esempio la sala insegnanti, l open space e il corridoio antistante Manutenzione della scala di sicurezza esterna in cemento in tutte le sue parti (scalini mancorrente e struttura con ferri a vista) e risistemazione del punto di arrivo a piano terra, attualmente costituito da una griglia metallica a maglie larghe e per di più incavata. Protezione dei radiatori nei corridoi Ripristino del tombino rotto nel cortile accanto al campo da calcio. Messa in sicurezza della rete metallica di recinzione in alcuni tratti distaccata dai paletti di sostegno e con parti sporgenti ad altezza pericolosa per i bambini (in particolare nell area dove i bambini trascorrono l intervallo mensa). Verifica e messa in sicurezza della struttura di sostegno della rete da pallavolo nella palestra e dei relativi ancoraggi a pavimento per il supporto della stessa: dopo i lavori estivi per l installazione della suddetta struttura il pavimento risulta sollevato per un raggio di 1 m circa e discontinuo nelle immediate vicinanze. Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, Manutenzione EP bruciature Sostituzione degli armadi con parti vetrate frangibili ad altezza inferiore al metro o messa in sicurezza mediante l applicazione di apposite pellicole trasparenti Inciampi, urti cadute, tagli, abrasioni, Manutenzione DDL bruciature Operazioni di pulizia straordinaria per la bonifica da guano di piccioni in più punti dell edificio. Intossicazione Procedure interne EP Chiusura permanente dei depositi di materiale per le pulizie. Intossicazione Procedure interne DDL Verifica della stabilità dei controsoffitti e della natura degli eventuali materiali isolanti collocati al di sopra dei medesimi onde accertarne la non pericolosità. eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

15 Pag. 15 di 15 Verifica della natura del rivestimento insonorizzante dei solai prefabbricati in cemento armato onde accertarne la non pericolosità. Verificare l eventuale presenza di materiale isolante all interno dei controsoffitti e provvedere ai necessari controlli al fine di escluderne la pericolosità Amianto e altre fibre vetrose EP Ripristino della recinzione intorno al campo da calcio: si veda in particolare lungo Via Passoni. Accesso / uscita scarsamente controllati Procedure di controllo e di intervento attuate dai collaboratori scolatici EP PRIORITA INDIVIDUATE Conclusione della procedura per l ottenimento del CPI Manutenzione e riparazione delle porte REI malfunzionanti. Manutenzione della scala di sicurezza esterna in cemento in tutte le sue parti (scalini mancorrente e struttura con ferri a vista) e risistemazione del punto di arrivo a piano terra, attualmente costituito da una griglia metallica a maglie larghe e per di più incavata. Ripristino del tombino rotto nel cortile accanto al campo da calcio. Messa in sicurezza della rete metallica di recinzione in alcuni tratti distaccata dai paletti di sostegno e con parti sporgenti ad altezza pericolosa per i bambini (in particolare nell area dove i bambini trascorrono l intervallo mensa). Operazioni di pulizia straordinaria per la bonifica da guano di piccioni in più punti dell edificio. Ripristino della recinzione intorno al campo da calcio: si veda in particolare lungo Via Passoni. eurotre s.r.l Via Sacchi 22, Torino Tel./Fa

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Nuova dimensione : pannello 600 x 600 mm Assorbimento Acustico Elevato Una scelta di 7 colori Resistenza al Ball Test www.eurocoustic.com Un offerta dedicata

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non 2 Soluzioni Antigelo Ensto, niente ghiaccio anche in caso di temperature molto basse. I sistemi elettrici Ensto per la protezione dal

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli