e, p.c. ON.LE PRESIDENTE DELLA REGIONE PRESIDENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "e, p.c. ON.LE PRESIDENTE DELLA REGIONE PRESIDENZA"

Transcript

1 PRESIDENZA CIRCOLARE 20 novembre Raccomandazioni ed indicazioni operative di protezione civile per la prevenzione, la mitigazione ed il contrasto del rischio idrogeologico ed idraulico. SINDACI DEI COMUNI - RESP. COM.LI DI P.C. RESP. AZ. MUNICIP. ENERGIA, GAS, ACQUA PRESIDENTI DELLE PROVINCE REGIONALI - RESP. PROVINCIALI DI P.C. ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA E DELLE FO- RESTE - DIPARTIMENTO FORESTE - ISPETTORATI FORESTALI - AZIENDA DEMANIALE FORESTE - SERVIZI PROVINCIALI - UFFICIO SPECIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO ASSESSORATO REGIONALE DELLA SANITA' - ISPETTORATO SANITARIO DI PALERMO - SUES CENTRALI DI PALERMO, CALTANISSETTA, CATANIA, MESSINA ASSESSORATO REGIONALE DEI LAVORI PUBBLICI - DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI - UFFICI DEL GENIO CIVILE ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - SOPRINTENDENZE BENI CULTURALI ED AMBIENTALI ASSESSORATO REGIONALE DEL TERRITORIO E DELL'AMBIENTE - DIPARTIMENTO TERRITORIO E AMBIENTE ARRA - AGENZIA REGIONALE DEI RIFIUTI E DELLE ACQUE ARPA - AGENZIA REGIONALE PROTEZIONE AMBIENTE CAS - CONSORZIO AUTOSTRADE SICILIANE - MESSINA CONSORZI DI BONIFICA CONSORZI AREE DI SVILUPPO INDUSTRIALE DIREZIONI MARITTIME DELLE CAPITANERIE DI PORTO DI PALERMO, MESSINA RID - REGISTRO ITALIANO DIGHE DI PALERMO, ROMA A.N.A.S. - DIREZIONE REGIONALE PER LA SICILIA - PALERMO ANAS - UFFICIO SPEC. GRANDE VIABILITA' PER LA SICILIA - MISTERBIANCO ANAS - SEZIONE COMPARTIMENTALE DI CATANIA - MISTERBIANCO R.F.I. ENEL DISTRIBUZIONE - T.E.R.NA. GESTORI TELEFONIA: TELECOM, VODAFONE, WIND, H3G E.A.S. - SNAM ALLE ASSOCIAZIONI REGIONALI DI VOLONTARIATO DI P.C. AL COMITATO REGIONALE C.R.I. e, p.c. ON.LE PRESIDENTE DELLA REGIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE PREFETTURE - UFFICI TERRITORIALI DI GOVERNO DIREZIONE REGIONALE VV.F. - COMANDI PROVINCIALI VV.F. Con la presente nota si intendono fornire, anche a seguito degli indirizzi operativi emanati dal Presidente del Consiglio dei Ministri in data 27 ottobre 2008, prot. n. Cd 255/2008, raccomandazioni ed indicazioni operative di protezione civile per la prevenzione, la mitigazione ed il contrasto delle situazioni di rischio idrogeologico ed idraulico che caratterizzano il territorio regionale. 1. SITUAZIONI DI RISCHIO SUL TERRITORIO REGIONALE Le diffuse condizioni di dissesto idrogeologico nel territorio dell'isola sono note, sia per memoria storica, sia grazie ai Piani per l'assetto idrogeologico (PAI) che individuano le aree a pericolosità elevata (P3) e molto elevata (P4) e quelle a rischio elevato (R3) e molto elevato (R4) nonché i siti di

2 "attenzione". Sussistono inoltre situazioni localizzate di criticità che, per motivi vari, non sono indicate nei suddetti PAI. In proposito si richiama il comunicato del P.C.M. del 27 ottobre 2006: atto di indirizzo recante: "Indirizzi operativi per fronteggiare eventuali situazioni di emergenza connesse a fenomeni idrogeologici e idraulici" (Gazzetta Ufficiale n. 259 del 7 novembre 2006): "... i fenomeni meteorologici sopra richiamati hanno recentemente interessato soprattutto aree fortemente urbanizzate, mettendone in luce l'elevata vulnerabilità in relazione non soltanto alla possibilità di "regimazione" dell'evento naturale, anche attraverso una diligente manutenzione del reticolo idrografico minore, ma soprattutto in relazione alla tipologia e all'articolazione urbanistica il cui sviluppo, talvolta, non è stato né pianificato, né controllato adeguatamente. In tal senso gli strumenti di pianificazione quali i piani stralci di bacino per l'assetto idrogeologico (PAI) danno indicazioni che, per quanto necessarie, non risultano tuttavia sufficienti all'azione di protezione civile, sia in quanto non possono includere situazioni localizzate di criticità, sia perché si riferiscono a scenari di pericolosità severi con frequenza di accadimento più che decennale.". Altre situazioni di particolare rischio si possono riscontrare, nella situazione attuale, laddove, a seguito degli incendi boschivi, di colture e di interfaccia della stagione estiva 2008 e 2007 (in particolare), è plausibile ritenere che molte delle aree già definite critiche per quanto concerne il rischio idrogeologico possano subire ulteriori aggravamenti, così come è possibile che aree a bassa pericolosità diventino instabili. Alle prime piogge intense e localizzate, infatti, non può escludersi che il materiale terrigeno, non più trattenuto dalla vegetazione, venga trascinato a valle dalle acque di ruscellamento provocando l'accumulo di detriti lungo le strade e l'intasamento degli attraversamenti dei corsi d'acqua, tra l'altro già gravati dalla presenza di vegetazione infestante e accumuli antropici. Oltre a ciò, come rilevato nel corso dei sopralluoghi effettuati da questo dipartimento, numerosi sono i casi di massi instabili che giacciono sulle pendici e sulle scarpate e che possono rotolare a valle, con comprensibili rischi per la popolazione. In materia, occorre richiamare doverosamente la direttiva P.C.M. del 5 ottobre 2007 (Indirizzi operativi per prevedere, prevenire e fronteggiare eventuali situazioni di emergenza connesse a fenomeni idrogeologici e idraulici), nella quale si legge: "In numerose occasioni, anche a seguito delle dichiarazioni di stati di emergenza per eventi calamitosi che continuano ad interessare gran parte del territorio nazionale, è stata richiamata l'attenzione ed indirizzata l'azione di tutte le istituzioni interessate affinché operassero in sinergia e promuovessero il raccordo coordinato tra le diverse componenti e strutture operative del servizio nazionale della protezione civile. In tale spirito di collaborazione, le regioni, le province e le prefetture, uffici territoriali del Governo, ciascuno per le proprie competenze, vorranno ora favorire la realizzazione di una pianificazione di emergenza a livello comunale, seppur di natura speditiva. Ciò potrà essere perseguito nei modi ritenuti più opportuni, secondo le linee guida già adottate in ambito regionale, oppure predisponendone di nuove, dedicando in ogni caso particolare cura a favorire e sostenere i comuni nell'aggregazione sovracomunale, e nel reperimento delle conoscenze e delle risorse necessarie a tal fine. L'attenzione sarà prioritariamente rivolta ai territori esposti a situazioni di rischio elevato e molto elevato, con particolare riguardo alle aree recentemente percorse dal fuoco, nella consapevolezza che non si potrà tener conto esclusivamente delle sole indicazioni contenute nei Piani stralcio di bacino per l'assetto idrogeologico (PAI), in quanto non sufficienti alla pianificazione di protezione civile, anche per l'assenza di riferimento agli scenari di pericolosità, e quindi di criticità, più frequenti e localizzati. E' bene infatti ricordare che ancora recentemente la pericolosità e i danni maggiori si sono manifestati a seguito di eventi anche non particolarmente intensi ma localizzati in aree fortemente urbanizzate e vulnerabili, ancorché limitate, le cui cause sono senza dubbio da imputare anche all'inadeguatezza e alla mancata manutenzione del reticolo idrografico urbano e secondario, nonché ad uno sviluppo urbanistico spesso non adeguato, né controllato.". Si richiama, altresì, la recente nota del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 255 del 27 ottobre 2008 (Indirizzi operativi per prevedere, prevenire e fronteggiare eventuali situazioni di emergenza connesse a fenomeni idrogeologici e idraulici) nella quale si legge:

3 "(...) L'attività di pianificazione di protezione civile sarà prioritariamente rivolta ai territori esposti a situazioni di rischio elevato e molto elevato indicate dai Piani stralcio di bacino per l'assetto idrogeologico (PAI) messi a punto dalle autorità di bacino. Si tratta, però, di un patrimonio di informazione che deve essere comunque sostenuto da un'attività di aggiornamento senza la quale perderebbe in breve tempo la propria efficacia, soprattutto per quanto attiene alle finalità di protezione civile. Occorre inoltre ricordare che gli stessi Piani, orientati alla gestione del rischio a scala di bacino e su orizzonti temporali di lungo periodo, non consentono il livello di dettaglio necessario alla pianificazione di protezione civile che, come è noto, si esplica spesso su scenari fortemente concentrati nel tempo e nello spazio. La gestione del rischio idrogeologico (...) richiede uno spettro composito e sinergico di interventi strutturali e non strutturali. Il ruolo dell'azione di protezione civile, in questo contesto, è pilastro strategico e ineludibile (...). (...) Resta comunque strategica la piena attivazione dei presidi territoriali, ineludibile strumento di vigilanza sul territorio e di intervento tecnico, indispensabile per fronteggiare le situazioni di criticità ordinaria conseguenti a fasi temporalesche intense, ancor oggi di difficile prevedibilità. (...) In tale contesto ritengo quanto mai urgente che ciascuna Regione, disponendo dei necessari elementi di conoscenza relativi ai rischi (...), svolga un'azione di indirizzo e di sostegno per i sindaci, aiutandoli ad individuare le azioni prioritarie da porre in essere soprattutto in situazioni di criticità e di emergenza non previste, con l'obiettivo primario di salvaguardare l'incolumità dei propri cittadini (...)". 2. INTERVENTI STRUTTURALI DI PREVENZIONE E MITIGAZIONE DEL RISCHIO Alla luce di quanto sopra esposto si ritiene necessario che tutte le amministrazioni competenti, sia a livello centrale sia locale concorrano a favorire l'attuazione dei succitati Piani per l'assetto idrogeologico - PAI - e promuovano l'identificazione e la mitigazione delle criticità apparentemente minori, eppure così frequentemente ricorrenti su tutto il territorio. A tal fine, è particolarmente urgente adeguare l'attuale assetto territoriale, nonché lo sviluppo urbanistico futuro, sia alle prescrizioni dei PAI sia a tali scenari di più frequente pericolosità. Si raccomanda pertanto ai comuni, alle province, ai rami dell'amministrazione regionale e a tutti gli enti competenti nella gestione urbanistica ed edilizia del territorio nonché nella pianificazione e nella vigilanza di porre particolare attenzione alle costruzioni e ai manufatti che ricadono nelle aree a rischio, proibendone la realizzazione in armonia con le indicazioni dei PAI ovvero favorendone la delocalizzazione. "Tali obiettivi, nel quadro dell'attuale scarsa disponibilità di risorse economiche, potranno essere perseguiti solo se le amministrazioni locali stabiliranno quali siano gli interventi prioritari da porre all'attenzione della programmazione regionale, sia in materia di difesa del suolo che di ricostruzione post-emergenziale per il ritorno alle ordinarie condizioni di vita, mirando primariamente a ridurre il rischio più persistente su aree il più possibile estese.". Per quanto concerne l'attività del dipartimento regionale della protezione civile, pur nei limiti delle risorse economiche di cui dispone e in assenza di una competenza specifica sui corsi d'acqua, lo stesso ha realizzato, laddove previsto da provvedimenti specifici di protezione civile, interventi urgenti per sanare alcune delle più evidenti situazioni a rischio (vedi piani di intervento ex OPCM n e n. 3360/2003, ex OPCM n. 3515/2005, direttiva P.C.M. 29 settembre 2005, OPCM n. 3668/2008). Inoltre, con alcune associazioni di volontariato ambientale è stato avviato e realizzato un articolato programma, con finalità esemplificative e dimostrative, per la mitigazione del rischio dei corsi d'acqua e comprendente varie azioni sia strutturali, di pulizia dei corsi d'acqua e rimozione delle ostruzioni, sia non strutturali, quali azioni di sensibilizzazione dei cittadini, informazione ai sindaci ed ai tecnici comunali, etc. E' da sottolineare comunque che gli interventi strutturali, nel caso di eventi più severi, non potranno comunque escludere il necessario ricorso ad azioni non strutturali di protezione civile tra le quali rientra la pianificazione di emergenza comunale o intercomunale e provinciale. "E' quindi altrettanto utile che le amministrazioni competenti ai diversi livelli accertino e, se del caso,

4 promuovano, nei modi ritenuti più opportuni, la disponibilità di una pianificazione di emergenza, ancorché speditiva, a salvaguardia della popolazione e ne verifichino l'effettiva operatività in caso di allertamento.". Infine, in relazione ai casi riscontrati di costruzioni e manufatti realizzati in aree a rischio in contrasto con le vigenti norme, si ricorda ai funzionari di procedere tempestivamente nelle segnalazioni alle autorità competenti per l'avvio dei procedimenti sanzionatori e di rimozione delle opere al fine di ridurre i rischi connessi. Tali sono i casi di strade o di costruzioni e manufatti realizzati irregolarmente in aree in dissesto ovvero negli alvei dei corsi d'acqua, ovvero situazioni di restringimento delle sezioni di deflusso ed ostruzioni prodotte dall'uomo. 3. PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE - PREPARAZIONE ALL'EMERGENZA Si premette che, come noto, a seguito dei gravi e numerosi incendi che hanno interessato il centro e sud Italia, è stato dichiarato lo stato di emergenza ed emanata l'ordinanza P.C.M. n. 3606/ "Disposizioni urgenti di protezione civile dirette a fronteggiare lo stato di emergenza in atto nei territori delle regioni Lazio, Campania, Puglia, Calabria e della Regione siciliana in relazione ad eventi calamitosi dovuti alla diffusione di incendi e fenomeni di combustione". Il comma 9 dell'art. 1 della citata OPCM prevede che i sindaci dei comuni predispongano i piani comunali di emergenza tenendo conto prioritariamente delle strutture maggiormente esposte al rischio di incendi di interfaccia anche sulla base del catasto dei soprassuoli già percorsi dal fuoco e degli indirizzi regionali. Il comma 10 dell'art. 1 della medesima OPCM prevede che il commissario delegato (nella fattispecie, il capo del dipartimento della protezione civile nazionale) pone in essere ogni azione di impulso utile a favorire la predisposizione da parte dei comuni esposti al rischio idrogeologico ed idraulico elevato e molto elevato, ai sensi della legge n. 267/98, entro la cessazione dello stato di emergenza (31 marzo 2008), della relativa pianificazione di emergenza tenendo conto, ove possibile, degli effetti indotti sui soprassuoli percorsi dai fuochi. Per agevolare le attività previste dall'ordinanza in parola è stato redatto dal commissario delegato, acquisito il parere dei direttori delle strutture regionali di protezione civile, il "Manuale operativo per la predisposizione di un piano comunale o intercomunale di protezione civile - DPC-2007", relativo in particolare al rischio incendi d'interfaccia ed al rischio idrogeologico ed idraulico. Inoltre il dipartimento regionale della protezione civile ha recentemente emanato le "Linee guida per la predisposizione del piano comunale di emergenza idrogeologica - DRPC-2008". Indicazioni precise per il potenziamento delle attività comunali e provinciali di protezione civile sono state inoltre dettate dalla direttiva del Presidente della Regione del 14 gennaio 2008 "Attività comunali e intercomunali di protezione civile - Impiego del volontariato - Indirizzi regionali". Premesso quanto sopra, appare indispensabile potenziare la pianificazione di protezione civile, ed in particolare quella comunale e provinciale, anche in forma semplificata ove vi siano i presupposti dell'urgenza, con particolare ma non esclusivo riferimento alle dighe di ritenuta, alle aree individuate nei PAI a rischio elevato e molto elevato, alle aree di attenzione e alle situazioni di particolare criticità che dovessero risultare tali a seguito di censimenti, ricognizioni e studi di settore. A tal riguardo, in vista del costituendo Centro funzionale decentrato multirischio integrato di cui alla delibera di Giunta regionale n. 530 del 19 dicembre 2006 e nell'ottica del rafforzamento del sistema di protezione civile, propugnato nel comunicato del 7 novembre 2006 del Presidente del Consiglio dei Ministri, il dipartimento regionale della protezione civile curerà il raccordo delle strutture statali, regionali, provinciali e comunali che, a vario titolo, concorrono all'individuazione del dissesto idrogeologico e alla predisposizione degli strumenti atti alla mitigazione del rischio connesso. Il medesimo dipartimento, oltre a promuovere e incentivare le attività pianificatorie, assicurerà la propria collaborazione ed assistenza alle amministrazioni competenti nella redazione dei piani di protezione civile. Vengono nel seguito sviluppati alcuni indirizzi operativi di massima ribadendo che si fa riferimento a: direttiva P.C.M. 27 febbraio 2004 "Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del

5 sistema di allertamento nazionale, statale e regionale per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile", - "Manuale operativo per la predisposizione di un piano comunale o intercomunale di protezione civile" - DPC, anno 2007; "Linee guida per la predisposizione del piano comunale di emergenza idrogeologica" DRPC, anno 2008; - direttiva presidenziale del 14 gennaio 2008 "Attività comunali e intercomunali di protezione civile - Impiego del volontariato - Indirizzi regionali". Pianificazione comunale e provinciale. La conoscenza della vulnerabilità dei territori comunali e provinciali al rischio idrogeologico discende dai PAI e da approfondimenti derivanti dai censimenti e individuazione delle situazioni puntuali di rischio; a tal riguardo, le osservazioni e i censimenti potranno utilmente essere effettuati utilizzando le specifiche schede messe a punto dal dipartimento regionale della protezione civile che sono state concepite per le necessità operative di protezione civile e per implementare il sistema informativo territoriale per il rischio idrogeologico quale strumento di supporto alle decisioni. A seguito di avviso di criticità, e/o di avviso di allerta di protezione civile, nella pianificazione di protezione civile dovranno essere individuati i corrispondenti scenari di evento prevedendo opportune azioni volte alla mitigazione del rischio che possono contemplare, a seconda dei fenomeni previsti: 1) la costituzione di presidi operativi comunali h. 24 o centri operativi e di presidi territoriali; 2) l'allertamento preventivo alla popolazione, la preparazione ad una eventuale evacuazione, etc.; 3) l'effettuazione di sopralluoghi ispettivi; 4) la materializzazione di presidi ("cancelli") con forze dell'ordine e/o volontari per controllare o impedire il transito veicolare e pedonale sui ponti, sugli attraversamenti a raso e in corrispondenza di qualsivoglia condizione che possa arrecare esondazioni diffuse o localizzate; 5) l'eventuale divieto di manifestazioni e/o altri eventi in aree ritenute a rischio. Linguaggi e comunicazione. Al fine di uniformare le strategie di allertamento e intervento del sistema regionale di protezione civile, la pianificazione dovrà fare riferimento alle seguenti dizioni: - quiete, in caso di assenza sia di fenomeni in atto sia di fenomeni severi attesi; - pre allerta, in caso si preannuncino fenomeni che possano determinare situazioni di criticità ordinaria; - attenzione, in caso si preannuncino fenomeni che possano determinare situazioni di criticità moderata o siano in corso fenomeni con criticità ordinaria; - preallarme, in caso si preannuncino fenomeni che possano determinare situazioni di criticità elevata o siano in corso fenomeni con criticità moderata; - allarme, in caso siano in corso fenomeni con criticità elevata; - emergenza, in caso siano in atto situazioni che comportino l'intervento di soccorso alla popolazione. Le segnalazioni degli eventi e dei danni dovranno essere comunicati alla Sala operativa regionale SORIS - alle prefetture, alle sale operative provinciali dei vigili del fuoco e del corpo forestale e delle province regionali nonché ai servizi provinciali del dipartimento regionale della protezione civile. Pianificazione delle dighe. Gli enti gestori, informati dal Centro funzionale decentrato in merito alle previsioni meteorologiche e ai possibili deflussi fluviali e sentito il registro italiano dighe, valuteranno se e in che misura dovranno effettuare manovre agli organi di scarico dandone comunicazione al Centro funzionale decentrato - CFD - il quale, valutati i possibili effetti a valle, anche in relazione al regime pluviometrico previsto o in atto, emetterà i conseguenziali avvisi. Tali avvisi saranno trasmessi alle prefetture competenti ed alla SORIS ed alle altre strutture che, sulla base di quanto contenuto nei documenti di pianificazione, allerteranno le province regionali e i comuni interessati dall'onda di piena. La pianificazione di protezione civile in parola, prendendo a riferimento quanto già svolto in modo condiviso e sinergico dalle prefetture e dal dipartimento regionale della protezione civile per alcune delle dighe del territorio regionale (Ancipa), dovrà prendere in considerazione, per fasi successive, differenti scenari di rischio sulla base dei quali saranno previsti: a) sopralluoghi ispettivi; b) materializzazione di presidi ("cancelli") con forze dell'ordine e/o volontari per controllare o impedire il transito veicolare e pedonale sui ponti e sugli attraversamenti a raso;

6 c) avviso alla popolazione ivi insediata; d) soccorso nel caso di coinvolgimento diretto o indiretto di persone. In funzione delle necessità, i sindaci costituiranno i centri operativi comunali (C.O.C.) e le prefetture istituiranno le unità di crisi, i COM e i centri di coordinamento e soccorso (C.C.S.) con il supporto dei tecnici del dipartimento regionale della protezione civile. L'obiettivo di tale strategia è quello di condividere le scelte e di avere consapevolezza reciproca di chi interviene e con quali uomini e mezzi, così da assicurare la tempestiva attivazione delle misure di mitigazione e l'eventuale supplenza in caso di impossibilità ad operare. Ogni ulteriore e più specifica indicazione tecnica per i livelli regionali e locali potrà essere emanata dal dipartimento regionale della protezione civile che curerà il necessario raccordo con le strutture statali. 4. SISTEMA REGIONALE DI GESTIONE DELLE ALLERTE E DELLE EMERGENZE Conformemente all'organizzazione, all'architettura e alle procedure contenute nella nota direttiva P.C.M. 27 febbraio 2004 e nel Manuale operativo DPC 2007 prima citato, il sistema nazionale, regionale e locale prevede che, al ricevimento dei bollettini e degli avvisi di criticità, a cui corrispondono le fasi di preallerta (verde), attenzione (giallo), preallarme (arancio), allarme (rosso), le componenti del sistema di protezione civile, a tutti i livelli, debbano avviare le attività di competenza. Tali attività sono descritte nel citato Manuale operativo DPC 2007 e, per il livello regionale, nelle Procedure regionali di gestione allerte ed emergenze, già predisposte nel dal dipartimento regionale della protezione civile competente, ed in corso di approvazione. Nelle more, le citate procedure regionali si vanno gradualmente implementando anche in via sperimentale e di prova. Infatti dal giugno 2008, per il rischio incendi, e dal novembre 2008, per il rischio idrogeologico ed idraulico, il dipartimento regionale della protezione civile ha avviato un sistema di messaggistica per comunicare gli stati di criticità dichiarati dal centro funzionale centrale e le corrispondenti fasi operative dichiarate dalla Regione con apposito avviso. Tale sistema raggiunge con sms tutte le componenti del sistema regionale di protezione civile (sindaci, responsabili comunali e provinciali di protezione civile, associazioni di volontariato, etc.). Sempre in fase di avvio sperimentale, viene emanato l'avviso regionale di protezione civile che contiene, sulla base delle comunicazioni del dipartimento della protezione civile, una sintesi della situazione meteorologica attesa e il livello di criticità dichiarato dal Centro funzionale centrale, e quindi i corrispondenti stati di allerta (preallerta, attenzione, preallarme) così come indicati nel precedente punto 3. insieme ad eventuali raccomandazioni per situazioni specifiche per condizioni meteorologiche avverse, laddove individuabili. 5. RACCOMANDAZIONI E INDICAZIONI OPERATIVE Premesso quanto sopra, si invitano tutte le amministrazioni e gli enti cui la presente è rivolta a volersi attivare, con la massima sollecitudine e ciascuna per le proprie competenze, per realizzare tutte quelle azioni di prevenzione, contrasto e mitigazione dei rischi connessi a fenomeni di natura meteoclimatica, idraulica e idrogeologica Compiti dei sindaci e dei comuni In particolare i sindaci, quali responsabili locali di protezione civile ai sensi dell'art. 15, comma 3, della legge n. 225/92, e dell'art. 108 c.c., del decreto legislativo n. 112/98, in sinergia con i servizi provinciali di questo dipartimento, gli uffici del Genio civile, le amministrazioni provinciali, l'agenzia delle acque, gli ispettorati forestali, ANAS e RFI, i consorzi di bonifica e con le altre amministrazioni e gli altri enti cui compete la manutenzione delle opere idrauliche e delle strade, si attiveranno, con la massima sollecitudine, per: In fase di quiete 1) l'individuazione delle aree e dei punti a pericolosità o rischio, di tipo idraulico e idrogeologico, elevato o molto elevato, comprendendo oltre quelle indicate dai PAI anche quelle a minore criticità ed in particolare i punti di intersezione fra il reticolo idrografico e la viabilità e le aree urbanizzate e

7 distinguendo quelle che necessitano interventi di manutenzione e/o di urgenza e/o somma urgenza. Nell'ambito di tali ricognizioni qualora sia accertata l'esistenza di manufatti irregolari dovranno essere informate le autorità amministrative competenti e quelle giudiziarie; 2) l'esecuzione degli interventi di competenza di manutenzione ordinaria e straordinaria delle opere idrauliche e corsi d'acqua finalizzati alla facilitazione del deflusso delle acque superficiali, specie quelle di prima pioggia e quelle relative a fenomeni di piogge intense e prolungate (pulizia di caditoie, canali e condotte di acque bianche, rimozione dei rifiuti e della vegetazione infestante che limitano la funzionalità dei corsi d'acqua in particolar modo in corrispondenza di strutture di attraversamento, ecc.), nonché la realizzazione degli ulteriori interventi da porre in essere per la salvaguardia della pubblica e privata incolumità. In caso di particolare complessità e/o di impossibilità per carenze economiche, la necessità degli interventi dovrà essere comunicata alle strutture sovracomunali della provincia, del Genio civile, dei servizi provinciali del dipartimento della protezione civile, dei consorzi di bonifica, etc.; 3) la designazione, ovvero la verifica e conferma, del responsabile comunale di protezione civile, nonché ovviamente la costituzione dell'ufficio comunale di protezione civile ai sensi dell'art. 4 della legge regionale n. 14/98; 4) la costituzione dei C.O.C. (centri operativi comunali) con la designazione dei responsabili delle funzioni di supporto da attivare nei casi previsti, la costituzione ed organizzazione del presidio operativo comunale e dei presidi territoriali comunicandone i dati ed i recapiti telefonici alla SORIS; 5) l'individuazione di una o più associazioni di volontariato che possano supportare il comune nelle fasi di allerta e di emergenza; 6) l'organizzazione di periodiche riunioni operative con i responsabili del comune e delle altre strutture di protezione civile (dipartimento regionale p.c., amministrazione provinciale vigili del fuoco, ispettorati forestali, Genio civile, forze dell'ordine, associazioni di volontariato, dipartimento foreste, etc.), al fine di verificare l'effettiva operatività della pianificazione speditiva ed i modelli d'intervento e rendere più consapevoli ed efficaci le azioni di contrasto e di mitigazione dei rischi; 7) l'aggiornamento e la verifica del piano comunale di protezione civile ovvero, in mancanza di questo, la tempestiva redazione di un sintetico piano speditivo di emergenza che riguardi particolarmente il modello d'intervento. Ciò da fare prioritariamente laddove le situazioni di rischio coinvolgano aree estese e/o vie di comunicazione con i centri abitati e/o edifici destinati a residenza e nei casi di aree censite dal PAI a rischio elevato e molto elevato e in tutti gli altri casi in cui vengano individuati, anche alla luce dell'esperienza e della storia dei siti, situazioni di criticità potenziale e/o reale; 8) la tempestiva ed efficace informazione alla popolazione relativamente alle situazioni di rischio ed ai comportamenti da seguire in situazioni di allerta e di emergenza; In fase di preallerta/allarme: (vedi anche Manuale operativo DPC 2007) 9) l'attivazione della reperibilità dei propri servizi di protezione civile e pronto intervento, verificando la disponibilità per il pronto impiego di mezzi ed attrezzature; l'eventuale attivazione dei presidi operativi e territoriali e del COC; 10) il monitoraggio e la sorveglianza diretta dei punti e delle situazioni ritenute particolarmente a rischio, anche con l'ausilio delle associazioni di volontariato di protezione civile e con le altre componenti del sistema di protezione civile; 11) l'adozione dei provvedimenti più idonei e tempestivi per la salvaguardia della pubblica e privata incolumità, quali limitazioni al traffico ed alla circolazione sulla viabilità di competenza, evacuazione della popolazione, etc.; 12) il contatto permanente, h. 24, con le sale operative provinciali e regionali e le prefetture per fornire costanti informazioni sull'evolversi della situazione e sulle azioni intraprese. In tal modo sarà infatti possibile garantire l'attivazione, tempestiva ed efficace, dell'eventuale concorso dei servizi di protezione civile sovracomunali. 5.2 Raccomandazioni per le province regionali e per gli enti proprietari e/o gestori di infrastrutture viarie, ferroviarie e di trasporto di materie e di energia (comuni compresi)

8 Le province regionali, l'anas, il CAS - Consorzio autostrade siciliane, la RFI, i consorzi di bonifica e i consorzi di sviluppo industriale, i comuni, Terna, Enel, Snam, EAS, i proprietari e/o gestori di infrastrutture stradali, ferroviarie e di trasporto in genere di fluidi ed energia (condotte, tubazioni, cavidotti, lifelines, etc.) cureranno le attività di competenza anche preparatorie ad un'eventuale emergenza ed in particolare: In fase di quiete: a) l'individuazione dei punti in cui le infrastrutture di competenza (ivi comprese le aree di proprietà) ricadono o sono prossime ad aree a pericolosità o rischio idrogeologico e idraulico elevato o molto elevato, comprese le zone localizzate a criticità minore ed in particolare i punti di intersezione o di contatto o di prossimità fra le suddette infrastrutture ed il reticolo idrografico anche minore e/o artificiale. Nell'ambito di tali ricognizioni qualora sia accertata l'esistenza di manufatti irregolari dovranno essere informate le autorità amministrative competenti e quelle giudiziarie; b) la verifica degli attraversamenti di corsi d'acqua o incisioni (ponti, ponticelli, tombini) e della funzionalità della rete scolante e di tutte le opere di regimentazione e di allontanamento delle acque; nonché la verifica dei restanti punti a rischio di cui al sub a); c) gli interventi di competenza di manutenzione ordinaria e straordinaria delle opere idrauliche e del tratto di pertinenza del corso d'acqua per la facilitazione del deflusso delle acque superficiali, specie quelle relative a fenomeni di piogge intense e prolungate (pulizia di caditoie, canali e condotte di acque bianche, tombini e ponticelli e rimozione dei rifiuti e della vegetazione infestante che limitano la funzionalità dei corsi d'acqua in corrispondenza delle strutture di attraversamento, etc); In fase di preallerta/allarme: 1) l'attivazione della reperibilità dei propri servizi di protezione civile e di pronto intervento, verificando la disponibilità ed il pronto impiego di mezzi ed attrezzature; l'attivazione delle procedure interne di allerta ed emergenza; 2) il monitoraggio costante e la sorveglianza diretta delle situazioni ritenute particolarmente a rischio; 3) l'adozione dei provvedimenti tesi alla salvaguardia della pubblica e privata incolumità, quali limitazioni al traffico e/o alla velocità della circolazione o chiusura temporanea ed interdizione, interruzione dei flussi, etc.; 4) il contatto permanente con le sale operative provinciali e regionali e le prefetture per fornire costanti informazioni sull'evolversi della situazione e sulle azioni intraprese. In fase di allerta ed emergenza tutti gli enti e gli uffici manterranno costante collegamento con i COC, i COM e i CCS, e le unità di crisi se attivate, con la sala operativa della Regione - SORIS, con le prefetture, con le sale operative provinciali dei VV.F. e del corpo forestale e segnaleranno l'evoluzione degli eventi e tutte le necessità. Soltanto in questo modo sarà possibile garantire l'attivazione tempestiva ed efficace di un eventuale concorso della struttura di protezione civile di livello sovracomunale. Considerata la complessità e la rilevanza della problematica, tutte le strutture istituzionalmente interessate sono invitate ad assumere ogni iniziativa volta alla sollecita realizzazione dei piani di emergenza di competenza e/o delle procedure interne di allerta ed emergenza, al fine di assicurare la salvaguardia e l'assistenza alla popolazione in caso di evento calamitoso. Il dipartimento regionale della protezione civile continuerà ad assicurare, con le proprie strutture centrali e periferiche, il supporto tecnico ai comuni in sinergia con le province, il coordinamento delle attività di competenza delle strutture regionali, degli enti locali e del volontariato regionale e l'organico raccordo con le prefetture e le strutture statali. A tal fine continuerà a curare le attività per la condivisione e graduale implementazione delle citate "Procedure operative di gestione allerte ed emergenze" e quelle di indirizzo per la pianificazione di protezione civile. Le prefetture dell'isola, nell'ambito delle rilevanti competenze loro attribuite, vorranno non far mancare ai comuni ed alle altre componenti del sistema di protezione civile la preziosa attività di impulso nonché quella di coordinamento delle strutture e delle forze dello Stato nel contesto della leale collaborazione fra Stato e Regione. Nel confidare nella massima collaborazione e partecipazione alle attività di protezione civile finalizzate

9 a garantire la mitigazione dei rischi del territorio isolano e la salvaguardia della salute e dei beni dei cittadini della nostra Regione, si resta in attesa di urgente riscontro. L'Assessore: ILARDA

Regione Siciliana L Assessore alla Presidenza e alla Protezione Civile

Regione Siciliana L Assessore alla Presidenza e alla Protezione Civile REPUBBLICA ITALIANA Numero codice fiscale 80012000826 Partita IVA 02711070827 Regione Siciliana L Assessore alla Presidenza e alla Protezione Civile Palermo, lì 20.11.08, prot. N. 55760 Agli indirizzi

Dettagli

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO STITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE Pianificazione di Emergenza Coordinamento - Formazione di Protezione Civile Relazione Cosimo Golizia Vice Presidente I.N.S.F.O. P.C.

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

DELIBERA GIUNTA REGIONALE

DELIBERA GIUNTA REGIONALE Disposizioni in attuazione dell art. 3 bis della Legge 225/1992 e della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27.02.2004 Sistema di Allertamento Regionale e Centro Funzionale Regionale

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

Comune di Ragusa. Settore X - Ambiente, Energia, Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE O.P.C.M. 28 AGOSTO 2007 N 3606

Comune di Ragusa. Settore X - Ambiente, Energia, Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE O.P.C.M. 28 AGOSTO 2007 N 3606 Comune di Ragusa Settore X - Ambiente, Energia, Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE O.P.C.M. 28 AGOSTO 2007 N 3606 Disposizioni urgenti di protezione civile dirette a fronteggiare lo

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CATTOLICA PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Relazione Stralcio Rischio Idrogeologico FILE RELAZIONE STRALCIO RISCHIO IDROGEOLOGICO.doc DATA

Dettagli

MODELLO DI INTERVENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO

MODELLO DI INTERVENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Provincia di Forlì-Cesena PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO 11.07.08 Numeri Utili e di Reperibilità (aggiornato a giugno 2008) S.O.U.P. Sala

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013

Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il ruolo del Servizio nazionale della protezione civile nell attuazione della Direttiva Alluvioni Bolzano, 21 Novembre 2013 Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino distrettuali

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.3. LE FASI OPERATIVE A giugno 2015 è stato approvato dal tavolo tecnico della Commissione speciale di pc il documento sulla omogeneizzazione del Sistema di allertamento nazionale. Il documento sull omogeneizzazione

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 3 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO IDRAULICO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA In condizioni particolari

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014 PRESIDENZA Direzione Generale della Protezione Civile Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta Ing. Salvatore Cinus scinus@regione.sardegna.it Terralba 31 gennaio 2014 Inquadramento

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 57528/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di venerdì quattro del mese di

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Stefano Vergante Dipartimento Ambiente Settore Protezione Civile ed Emergenza IL QUADRO NORMATIVO Direttiva

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

ALLEGATO ID-BB INDICE 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO SPECIFICO (IDROGEOLOGICO) 1.1 STATO PRE-ALLERTA 1.2 ATTENZIONE 1.3 PREALLARME 1.

ALLEGATO ID-BB INDICE 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO SPECIFICO (IDROGEOLOGICO) 1.1 STATO PRE-ALLERTA 1.2 ATTENZIONE 1.3 PREALLARME 1. ALLEGATO ID-BB INDICE 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO SPECIFICO (IDROGEOLOGICO) 1.1 STATO PRE-ALLERTA 1.2 ATTENZIONE 1.3 PREALLARME 1.4 ALLARME ALLEGATO ID-BB 1. MODELLO DI INTERVENTO PER RISCHIO

Dettagli

PIANO SPEDITIVO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURE OPERATIVE PER IL RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO

PIANO SPEDITIVO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURE OPERATIVE PER IL RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO PIANO SPEDITIVO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURE OPERATIVE PER IL RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO Approvato con Deliberazione della Giunta Regionale n. INDICE PROCEDURE OPERATIVE PER IL RISCHIO

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.4. FLUSSO INFORMATIVO E MESSAGGISTICA Il flusso informativo tra le diverse componenti del sistema di protezione civile e da/verso l esterno è un aspetto cruciale del piano regionale di gestione del rischio

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Audizione

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Audizione Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Commissione Camera VIII, 12.11.2015, ore 8.30 Audizione (Eventi alluvionali che hanno colpito il territorio Calabrese ed emergenza idrica

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO IDRAULICO Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Alluvione o esondazione

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

Allegato Procedure Operative Standard BLACK-OUT ELETTRICO INDOTTO DA GUASTI TECNICI BLACK-OUT ELETTRICO QUALE CONSEGUENZA DI EVENTI IN CORSO

Allegato Procedure Operative Standard BLACK-OUT ELETTRICO INDOTTO DA GUASTI TECNICI BLACK-OUT ELETTRICO QUALE CONSEGUENZA DI EVENTI IN CORSO PRECURSORI BLACK-OUT ELETTRICO INDOTTO DA GUASTI TECNICI BLACK-OUT ELETTRICO QUALE CONSEGUENZA DI EVENTI IN CORSO Periodo di siccità prolungata, con carenza di apporto idrico da precipitazioni tale da

Dettagli

4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L.

4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L. 4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L. 4.1 - CRITERI GENERALI Una volta definiti gli scenari di rischio e aver valutato in modo quantitativo o qualitativo il rischio (R) presente, si ritiene possibile passare

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Le azioni previsionali e di monitoraggio della Protezione Civile

Dettagli

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004 Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale, statale e regionale per il rischio

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 luglio 2012, n. 5/R Regolamento regionale del volontariato di protezione civile. Abrogazione del regolamento regionale

Dettagli

Piano Comunale di Emergenza

Piano Comunale di Emergenza Città di Lavagna Piano Comunale di Emergenza Schema Operativo per la Gestione delle Emergenze Meteo - Idrologiche Versione 1.1. giugno 2005 1 Indice Gestione delle Emergenze Meteo Idrologiche Pagina 4

Dettagli

COMUNE di MARTELLAGO. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di MARTELLAGO. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di MARTELLAGO Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. Rischio Idraulico...3 1.1 Premessa...3 1.2 Scenari di rischio idraulico...3 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale....4 1.2.2 Rischio

Dettagli

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di SPINEA Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. RISCHIO IDRAULICO... 3 1.1 Premessa... 3 1.2 Scenari di rischio idraulico... 4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale... 4 1.2.2. Rischio

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

--------------------------------------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------------------------- D.P.R. 14 aprile 1993 "Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni recante criteri e modalità per la redazione dei programmi di manutenzione idraulica e forestale." Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE Piano di Protezione Civile della Provincia di Siena. Allegato facente parte integrante e sostanziale della DCP n del / /

PROTEZIONE CIVILE Piano di Protezione Civile della Provincia di Siena. Allegato facente parte integrante e sostanziale della DCP n del / / Piano di Allegato facente parte integrante e sostanziale della DCP n del / / PIANO DI - primo stralcio - PIANO DI EMERGENZA - PROCEDURE OPERATIVE - Pagina 1 di 35 Piano di INDICE PREMESSA...4 GLOSSARIO...4

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI ACIREALE SETTORE PROTEZIONE CIVILE PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Oggetto : PARTE I - GENERALITÀ GIUGNO 2013 REVISIONE ELABORATO ADEGUATO AL PARERE DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DEL 12/09/2012

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale Il servizio nazionale di protezione civile è regolato dalla legge 225/92 (modificata in seguito dal D. Lgs. 112/98 e dalla L. 152/2005), la quale - assegna al Sindaco il compito della prima emergenza sul

Dettagli

SOMMARIO 3. IL RISCHIO IDROGEOLOGICO NEL COMUNE DI SAN GREGORIO DI CATANIA... 3

SOMMARIO 3. IL RISCHIO IDROGEOLOGICO NEL COMUNE DI SAN GREGORIO DI CATANIA... 3 SOMMARIO 1. GENERALITA... 2 2. RISCHIO IDRAULICO E RISCHIO GEOMORFOLOGICO... 2 3. IL RISCHIO IDROGEOLOGICO NEL... 3 4. SCENARI DI INTERVENTO... 10 5. MODELLI DI INTERVENTO (RISCHIO GEOMORFOLOGICO)... 11

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 febbraio 2004

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 febbraio 2004 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 febbraio 2004 Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale e regionale per il rischio idrogeologico

Dettagli

C O M U N E D I G I O V E P R O V I N C I A D I T E R N I

C O M U N E D I G I O V E P R O V I N C I A D I T E R N I PIANO EMERGENZA NEVE COMUNALE INVERNO 2012-2013 PREMESSA Il presente piano costituisce strumento di attivazione degli interventi e di coordinamento delle componenti della Protezione Civile affinché, in

Dettagli

1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2

1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2 1 SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 2 1.1 MODELLO D INTERVENTO 2 1.1.1 LIVELLI DI ALLERTA E FASI OPERATIVE 2 1.2 MODELLO DI INTERVENTO PROCEDURE OPERATIVE 3 1.2.1 PROCEDURE OPERATIVE (DA ESEGUIRE QUALUNQUE

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 ORDINANZA N. 3 DEL 22.01.08 Oggetto: O.P.C.M. n. 3621 del 18.10.2007. Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno

Dettagli

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it Regione Campania Assessorato alle Politiche Ambientali Area Ecologia, Tutela dell Ambiente, Disinquinamento, Protezione Civile Settore Ecologia Servizio Programmi per la Promozione della Natura e delle

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI dano le competenze e le conoscenze professionali richieste. S impegnano ad assicurare l equilibrio fra i sessi e una rappresentanza adeguata dei gruppi etnici e minoritari del Paese. 3. Gli Stati Parte

Dettagli

Scheda azione emergente - 10

Scheda azione emergente - 10 Scheda azione emergente - 10 Azione emergente Politica cui l azione concorre Obiettivo Strategico Obiettivi operativi Attività DEFINIZIONE E ADOZIONE DI PIANI DI EMERGENZA COMUNALI ED INTERCOMUNALI Riduzione

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

PROCEDURE SISTEMA DI ALLERTA METEO SALA OPERATIVA COMUNALE CENTRO SITUAZIONI

PROCEDURE SISTEMA DI ALLERTA METEO SALA OPERATIVA COMUNALE CENTRO SITUAZIONI Procedura B04 ALLERTA 1-2 Pag. 1 di 8 OVE VENGA ADOTTATO UN AVVISO DI CRITICITÀ MODERATA O ELEVATA CON PREAVVISO INFERIORE ALLE 12 ORE DALL INIZIO DELLA CRITICITÀ (INIZIO DELLA CRITICITÀ PREVISTO PER IL

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA Ns. Rif. 202/14 Palermo, 21/01/2014 Egr. Presidente della Regione Siciliana dott. Rosario Crocetta Egr. Assessore al Territorio ed all Ambiente dott.ssa Maria Lo Bello Egr. Presidente IV Commissione Ambiente

Dettagli

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile Il Servizio Sanitario Nazionale nelle emergenze non epidemiche ROVIGO 29.09.2011 Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile La Protezione Civile Non è una attività affidata ad una sola

Dettagli

27/02/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 17. Regione Lazio. Leggi Regionali

27/02/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 17. Regione Lazio. Leggi Regionali Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 26 febbraio 2014, n. 2 Sistema integrato regionale di protezione civile. Istituzione dell'agenzia regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI VALDERA

UNIONE DEI COMUNI VALDERA UNIONE DEI COMUNI VALDERA VERBALE DELLA II COMMISSIONE PONTEDERA 04 GIUGNO 2015 All ordine del giorno ci sono 1. Regolamento per la disciplina del servizio pubblico non di linea NCC noleggio con conducente

Dettagli

Attuazione della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri concernente:

Attuazione della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri concernente: Dipartimento per le politiche integrate di sicurezza e per la protezione civile Sistema regionale di protezione civile Modello organizzativo di gestione delle emergenze Attuazione della direttiva del Presidente

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa La presente proposta di legge,

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Regione Calabria DIPARTIMENTO n.2 PRESIDENZA SETTORE PROTEZIONE CIVILE ARTICOLAZIONE PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI

Regione Calabria DIPARTIMENTO n.2 PRESIDENZA SETTORE PROTEZIONE CIVILE ARTICOLAZIONE PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO SINTETICO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri recante indirizzi operativi la predisposizione della parte dei piani di gestione relativa al sistema di allertamento nazionale, statale

Dettagli

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE DI GRUARO. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE DI GRUARO Assessorato alla Protezione Civile Data aggiornamento 31.07.2014 INDICE 1.1 Premessa...3 1.2 Scenari di rischio idraulico...4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale...4 1.2.2. Rischio

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA Località Territorio comunale Evento sismico di modesta entità, percepito dalla Descrizione popolazione (magnitudo Richter inferiore a 4,0) Grado di rischio

Dettagli

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Piano

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA STRALCIO RISCHIO IDRAULICO

PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA STRALCIO RISCHIO IDRAULICO Provincia di Modena U.O. PROTEZIONE CIVILE e DIFESA DEL SUOLO PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA STRALCIO RISCHIO IDRAULICO PROTOCOLLO D INTESA E MODELLO DI INTERVENTO Aprile 2006 INDICE PREMESSA....1 1) IL

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana

BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Anno XLVI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Seconda n. 15 del 15.4.2015 Supplemento n. 58 mercoledì, 15 aprile 2015 Firenze Bollettino Ufficiale: piazza dell'unità Italiana,

Dettagli

4. Procedure d Intervento... 2. 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2

4. Procedure d Intervento... 2. 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2 Indice 4. Procedure d Intervento... 2 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2 4.2 Procedure di carattere generale per l attivazione del Sistema comunale di protezione civile..

Dettagli

PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare

PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare SERVIZIO TRASPORTI,PROTEZIONE CIVILE E SICUREZZA UFFICIO PROTEZIONE CIVILE N. meccanografico DT008-162-2010 del 10/12/2010 N. determina 6536 del 27/12/2010

Dettagli

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio 1 RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO 1.1 Caratteristiche del territorio Sono state identificate come aree a rischio di incendio boschivo e di interfaccia sui centri abitati e sulle case sparse la zona di Morghe

Dettagli

5 PROTOCOLLO D'INTESA - MODELLO D'INTERVENTO...3

5 PROTOCOLLO D'INTESA - MODELLO D'INTERVENTO...3 Indice: 5 PROTOCOLLO D'INTESA - MODELLO D'INTERVENTO...3 5.1 FUNZIONI DI SUPPORTO...5 1 FUNZIONE TECNICA E DI PIANIFICAZIONE ENTI LOCALI:...6 2 FUNZIONE SANITARIA, DI ASSISTENZA SOCIALE E VETERINARIA:..6

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

COMUNE DI VALLERANO PROVINCIA DI VITERBO

COMUNE DI VALLERANO PROVINCIA DI VITERBO COMUNE DI VALLERANO PROVINCIA DI VITERBO Ufficio di Protezione Civile PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE MODELLO D INTERVENTO Attività e Procedure Redazione: Arch. jr. Mario Severini IL COMMISSARIO PREFETTIZIO

Dettagli

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAMERINO Scuola di Scienze e Tecnologie Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT Docente: Dott. Maurizio Tesorini

Dettagli

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO INDICE GENERALE INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: A. ANALISI TERRITORIALE A1. ANALISI DELLE PERICOLOSITA A2. ANALISI DEL TESSUTO URBANIZZATO B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

Dettagli