PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE"

Transcript

1 C o m u n e d i S p a d a f o r a P r o v i n c i a d i M e s s i n a PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IDRAULICO E DA FRANA ANNO 2012 Redattore: Paolo Pino (Geologo incaricato) Il presente Piano è stato redatto in collaborazione col Responsabile dell Ufficio di Protezione Civile Arch. Salvatore Cuffaro. Adottato con Atto Amministrativo n. del

2 INDICE PREMESSA ED OBIETTIVI DEL LAVORO pag. 6 NORMATIVA DI RIFERIMENTO pag. 12 SEZIONE I CONOSCITIVA DEI CARATTERI TERRITORIALI pag PARTE GENERALE pag DATI DI BASE RELATIVI AL TERRITORIO COMUNALE pag Inquadramento geografico generale pag INQUADRAMENTO DELL AMBIENTE FISICO-NATURALE pag Inquadramento orografico generale pag INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO pag Dominio di piana costiera pag Dominio dei fondovalle alluvionale pag Dominio delle spianate terrazzate di culminazione topografica pag Dominio delle dorsali con culminazioni strette e allungate pag Dominio dei versanti denudazionali pag INQUADRAMENTO IDROGRAFICO pag QUADRO GEOLOGICO DI RIFERIMENTO pag Depositi litorali sub-attuali e attuali pag Alluvioni recenti ed attuali di fondovalle e depositi fluvio-marini di piana costiera pag Depositi fluvio-marini terrazzati pag Argille marnose grigio-azzurre pag Calcareniti e marne sabbiose pag Marne e calcari marnosi della formazione Trubi pag Calcare evaporitico pag Marne tripolacee e marne argillose pag complesso terrigeno basale pag Metamorfiti (Unità dell Aspromonte) pag USO DEL SUOLO pag CONDIZIONI METEO-CLIMATICHE pag Precipitazioni pag Temperature pag Andamento dei venti pag INQUADRAMENTO DELL AMBIENTE URBANIZZATO E INFRASTRUTTURALE pag RETI TECNOLOGICHE pag ATTIVITÀ PRODUTTIVE ESISTENTI pag SERVIZI ED ATTREZZATURE ESISTENTI DI INTERESSE GENERALE pag DATI POPOLAZIONE pag DATI POPOLAZIONE SCOLASTICA pag PROBLEMATICHE LEGATI ALLA VIABILITÀ ESISTENTE pag RETI DI MONITORAGGIO pag RISCHIO IDROGEOLOGICO DA FRANA E IDRAULICO pag IDENTIFICAZIONE DEI PERICOLI NATURALI NEL TERRITORIO DI SPADAFORA pag Frane pag Analisi storica degli eventi da frana pag SCENERA DI EVENTO ATTESO E DI RISCHIO DA FRANA pag Scenari di evento atteso e relativi scenari di riferimento per il rischio idrogeologico da frana pag ALLUVIONI pag Analisi storica eventi alluvionali pag SCENARI DI EVENTO ATTESO E DI RISCHIO IDRAULICO pag Sistema di allertamento per il rischio idrogeologico idraulico e da frana pag. 98 2

3 2.5 SCENARI DI EVENTO ATTESO E RELATIVI SCENARI DI RIFERIMENTO DEL RISCHIO IDRAULICO NEL TERRITORIO DI SPADAFORA pag Scenari di rischio idraulico pag Azione di prevenzione da adottare nei siti a criticità idraulica pag AREE DI PROTEZIONE CIVILE pag AREE DI ATTESA pag AREE DI PRIMO RICOVERO pag AREE D ACCOGLIENZA COPERTE pag AREE D ACCOGLIENZA SCOPERTE pag AREE DI AMMASSAMENTO MEZZI E SOCCORRITORI pag VIABILITÀ DI EMERGENZA pag. 120 SEZIONE II INDIRIZZI DI GESTIONE DELL EMERGENZA pag LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE, STRUTTURA E STRATEGIA OPERATIVA COMUNALE pag FUNZIONALITÀ DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE pag COORDINAMENTO OPERATIVO LOCALE pag PRESIDIO OPERATIVO COMUNALE pag CENTRO OPERATIVO COMUNALE pag FINALITÀ DELLA SALA OPERATIVA COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE pag DESCRIZIONE E STRUTTURA DFELLA SALA OPERATIVA COMUNALE pag LE TECNOLOGIE PRESENTI NELLA SALA OPERATIVA DI PROTEZIONE CIVILE pag IL CENTRO OPERATIVO COMUNALE E LE FUNZIONI DI SUPPORTO pag STRUTTURA COMUNALE DI PROTEZIONE, CIVILE RISORSE E MEZZI pag STRUTTURA COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE: GLI UOMINI pag SERVIZI ESSENZIALI pag VOLONTARIATO E PROFESSIONALITÀ pag MATERIALI E MEZZI DI PROPRIETÀ COMUNALE pag MEZZI DI PROPRIETÀ PRIVATA pag AREE DI STOCCAGGIO E DISTRIBUZIONE: MATERIALI INFIAMMABILI pag STRUTTURE SANITARIE pag CANCELLI pag PRESIDI TERRITORIALI: ATTIVAZIONE E COMPITI pag Il presidio territoriale idrogeologico da frana pag Il presidio territoriale idraulico pag MISURE DI SALVAGUARDIA DELLA POPOLAZIONE pag INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE pag SISTEMI DI ALLARME PER LA POPOLAZIONE pag CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE pag INDIVIDUAZIONE E VERIFICA DELLA FUNZIONALITÀ DELLE AREE DI EMERGENZA pag RAPPORTI TRA LE ISTITUZIONI E CONTINUITÀ AMMINISTRATIVA pag RIPRISTINO DELLA VIABILITÀ E DEI TRASPORTI E CONTROLLO DEL TRAFFICO pag FUNZIONALITÀ DELLE TELECOMUNICAZIONI pag FUNZIONALITÀ DEI SERVIZI ESSENZIALI pag STRUTTURA DINAMICA DEL PIANO pag. 172 SEZIONE III MODELLO D INTERVENTO pag MODELLO D INTERVENTO pag SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO pag AVVISI METEO NAZIONALI E REGIONALI pag

4 8.3 AVVISI DI CRITICITÀ REGIONALE pag LIVELLI DI ALLERTA NELLA REGIONE SICILIANA pag ORGANISMI DI COORDINAMENTO pag ATTIVAZIONE DEL C.O.C. E DEL C.O.M. pag EVENTO CON PREANNUNCIO pag EVENTO SENZA PREANNUNCIO pag PIANO EMERGENZIALE DI INTERVENTO pag PROCEDURE OPERATIVE NELLE DIVERSE FASI DI ALLERTA pag Fase di preallerta pag Fase di attenzione pag Fase di preallarme pag Fase di allarme-emergenza pag POPOLAZIONE ESPOSTA A RISCHIO E PIANO DI EVACUAZIONE pag BENI ESPOSTI pag CARTA DEL MODELLO DI INTERVENTO PER LA PROTEZIONE CIVILE pag. 224 SEZIONE IV EFFICIENZA DEL PIANO pag INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE SUL GRADO DI RISCHIO DEL TERRITORIO pag INFORMAZIONE PREVENTIVA ALLA POPOLAZIONE pag INFORMAZIONE IN EMERGENZA pag INFORMAZIONE E MEDIA pag TUTELA DELL INDIVIDUO pag NORME COMPORTAMENTALI PER LA POPOLAZIONE pag COSA SI PUÒ FARE PRIMA, DURANTE E DOPO UN TEMPORALE INTENSO PER PROTEGGERSI DALLE FRANE? pag SEGNALI DI PREAVVISO DI UN MOVIMENTO FRANOSO pag COSA SI PUÒ FARE (AZIONI DI AUTOPROTEZIONE) pag Prima di violenti temporali e/o prolungate piogge pag Durante violenti temporali e prolungate piogge (se ci si trova a casa) pag Se ci si trova fuori casa pag Dopo una frana e a fine pioggia pag COMPORTAMENTO IN CASO DI ALLUVIONE pag Prima dell evento pag Durante l evento: se ci si trova in casa pag Durante l evento: se ci si trova fuori casa pag Durante l evento: se ci si trova in macchina pag Dopo l evento pag ESERCITAZIONI pag CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE pag. 245 ELABORATI ALLEGATI: TAVOLA I: carta dell inquadramento geografico generale del territorio comunale di Spadafora (scala 1:50.000); TAVOLA II: carta della rete idrografica nel territorio comunale di Spadafora (scala 1:10.000); TAVOLA III: carta geologica del territorio comunale di Spadafora (scala 1:25.000); TAVOLA IV: stralcio carta dell Uso del Suolo (scala 1:50.000) fonte PAI 2007; TAVOLA V: stralcio carta dei dissesti nel territorio comunale di Spadafora (scala 1:10.000) fonte PAI 2011; TAVOLA VI: stralcio carta della pericolosità e del rischio geomorfologico dell areale di San Martino (scala 1:10.000) fonte PAI 2007; 4

5 TAVOLA VII: stralcio carta della pericolosità e del rischio geomorfologico dell areale a sud di San Martino (scala 1:10.000) fonte PAI 2007; TAVOLA VIII: stralcio carta della pericolosità e del rischio geomorfologico del territorio comunale di Spadafora (scala 1:10.000) fonte PAI 2011; TAVOLA IX: carta delle aree dissestate e/o suscettibili di frana interferenti con il patrimonio urbano di Spadafora (scala 1:10.000); TAVOLA X: stralcio carta della pericolosità idraulica per fenomeni di esondazione nel territorio comunale di Spadafora (scala 1:10.000) fonte PAI 2011; TAVOLA XI: stralcio carta del rischio idraulico per fenomeni di esondazione nel territorio comunale di Spadafora (scala 1:10.000) fonte PAI 2011; TAVOLA XII: carta degli scenari di evento atteso e del rischio idrogeologico idraulico e da frana (scala 1:10.000); TAVOLA XIII: carta del Modello di Intervento nel Centro urbano costiero di Spadafora (scala 1:2000); TAVOLA XIV: carta del Modello di Intervento nelle Frazioni di Grangiara e San Martino (1:5000); TAVOLA XV: carta della viabilità strategica e delle aree di emergenza e salvaguardia della popolazione (1:10.000); TAVOLA XVI: carta della zonazione del rischio idraulico e da frana nel territorio comunale di Spadafora riferimento per il censimento e informazione della popolazione residente o beneficiante (scala 1:10.000); Inoltre, a corredo del presente Piano si allega: APPENDICE A Schede scenari di evento atteso e di rischio da frana; APPENDICE B - Schede scenari di evento atteso e di rischio idraulico; APPENDICE C Schede di censimento popolazione a rischio elevato e molto elevato e a rischio isolamento; APPENDICE D Scheda dati riepilogativi essenziali; APPENDICE E Scheda numeri utili. 5

6 PREMESSA ED OBIETTIVI DEL LAVORO L incarico assegnatomi dal Comune di Spadafora (Determina Sindacale n. 26 del 29/04/11) per la redazione del Piano di Protezione Civile per il rischio idrogeologico, si basa sull individuazione delle criticità geomorfologiche ed idrauliche e dei conseguenti scenari di rischio idrogeologico da frana ed idraulico. Si sottolinea che il presente Piano, inoltre, è conformato, così come da incarico ricevuto, alla sola tipologia di rischio idrogeologico idraulico e da frana ed alla disponibilita di risorse, uomini, materiali e mezzi presenti sul territorio e indicati dall Ufficio Comunale di Protezione Civile e dell attuale Amministrazione comunale. Tale incarico segue un iter di atti amministrativi che il Comune di Spadafora ha emanato ed adottato relativamente alla propria organizzazione comunale di protezione civile: 1. Determina Sindacale n 14 del di nuova nomina del Responsabile dell Ufficio Protezione Civile; 2. Determina sindacale n. 15 del di nomina e costituzione delle Funzioni di Supporto per l organizzazione di base del sistema di Protezione Civile comunale; 3. Determina sindacale n. 29 del di adozione pianificazione di emergenza incendi di interfaccia; 4. Determina sindacale n. 32 del 08/10/2012 inerente l aggiornamento Responsabili delle Funzioni di Supporto nell ambito del sistema comunale di Protezione Civile. L amministrazione comunale di Spadafora, nel rispetto della legislazione nazionale e regionale sulla Protezione Civile, col presente documento si dota, di un Piano Comunale di Protezione Civile per il Rischio Idrogeologico Idraulico e da Frana. Dal punto di vista dei contenuti tecnici e procedurali, il presente Piano è stato redatto facendo riferimento alle Linee Guida del Metodo Augustus, alle Linee Guida per la redazione dei piani di protezione civile comunali e intercomunali in tema di rischio idrogeologico emanate con Decreto del Presidente della Regione Sicilia del 27/01/2011 nella GURS n. 8 del 18/02/2011, ed in particolare al Manuale operativo per la predisposizione di un Piano Comunale o Intercomunale di Protezione Civile redatto dal Dipartimento di protezione civile successivamente all Ordinanza del Presidente del 6

7 Consiglio dei Ministri n del 28 Agosto 2007 in materia di incendi boschivi con particolare riguardo al rischio incendi di interfaccia e il rischio idrogeologico e idraulico. Gli obiettivi di un Piano di Protezione Civile per il rischio idrogeologico sono 1) l individuazione delle zone a rischio e, in funzione del tipo di problematica, riconoscere le possibili soluzioni per la mitigazione del rischio (interventi non strutturali e interventi strutturali) e 2) la definizione del modello di intervento in caso di emergenza in funzione dello scenario di evento prefigurato. Il fulcro principale del lavoro, pertanto, riguarda la definizione degli scenari di pericolosità geologica idraulica e da frana, i conseguenti scenari di rischio per il tessuto antropico, con particolare riguardo a edifici e popolazione, con l obiettivo principale di salvaguardare le persone e i beni presenti nelle aree ritenute potenzialmente a rischio, mediante l utilizzo di strategie non strutturali preventive e operative volte alla minimizzazione e prevenzione del danno producibile. Il motivo che giustifica la realizzazione del Piano di Protezione Civile è costituito dall esistenza sul territorio di interesse, di uno stato di rischio al quale è esposto il contesto sociale, economico e territoriale. Il presente documento, pertanto, assume carattere previsionale e di prevenzione, fondato su informazioni, elaborati tecnici vari, segnalazioni, dati storici reperibili e acquisiti sul campo ed un sistema di procedure, con il quale il problema può essere doverosamente affrontato (ossia il Piano di Emergenza). Tale strumento, oltre alla individuazione degli scenari di evento e di rischio, consiste nell individuazione delle risorse/forze in campo e delle loro funzioni di competenza, nella definizione delle azioni da compiere da parte di attori idonei. Si vuole dare uno strumento capace di prevedere gli scenari di rischio plausibili al fine di organizzare la risposta operativa ritenuta necessaria per ridurre al minimo gli effetti dell evento, designare in anticipo le persone cui dovranno essere assegnate le diverse responsabilità per una pronta e coordinata risposta. Pertanto, è risultato fondamentale la strutturazione e l aggiornamento del sistema di Protezione Civile, con l individuazione delle varie risorse comunali e dei compiti che ognuna di esse deve ricoprire in fase di attivazione, ossia sapere Chi fa che cosa. Altri aspetti importanti del Piano riguardano l individuazione della popolazione a rischio, l informazione 7

8 che a essa si deve fornire, le norme comportamentali da adottare in caso pre-evento, sineevento e post-evento. Risulta necessario, sulla base dello scenario individuato, predisporre un sistema articolato di attivazione di uomini e mezzi, organizzati secondo un quadro logico e temporalmente coordinato, pilastro del modello di intervento, alla base della risposta di protezione civile per ogni livello di allerta. Tale modello di pianificazione di emergenza, quale applicazione di quello Nazionale denominato Metodo Augustus, definisce le attivazioni degli interventi di protezione civile; individua le strutture operative (art. 11 L.225/92), gli Uffici comunali, le Società eroganti pubblici servizi che devono essere attivate; fissa le procedure organizzative da attuarsi nel caso dell evacuazione delle zone ad elevato o molto elevato rischio idrogeologico del territorio. Inoltre, Si è tenuto conto dell esperienza personale scaturita dai rapporti di collaborazione intercorsi con il Servizio RIA (Rischio Idrogeologico ed Ambientale) del Dipartimento di Protezione Civile della Regione Sicilia, dall ottobre 2009 in occasione dell evento disastroso di Giampilieri-Scaletta Zanclea, San Fratello (2010) e fino all evento Saponara del 22/11/2011. Il presente documento stabilisce, pertanto, le linee generali dell'organizzazione del sistema locale di protezione civile. Il Sindaco, quale autorità di protezione civile a livello comunale (art. 15 della Legge 225 del 24 febbraio 1992 e l art. 108 del D. Lgs. n. 112 del 31 marzo 1998), avvalendosi del Centro Operativo Comunale (C.O.C.), fissa le linee operative ed individua nelle funzioni di supporto lo strumento per il coordinamento degli interventi. Nella convinzione che un Piano di Protezione Civile deve essere facilmente e rapidamente consultabile da chiunque abbia necessità di utilizzarlo (in particolare, dai tecnici esterni che possono sostituire, in caso di calamità straordinarie, i tecnici dell ente locale), e senza subordinare il carattere di dettaglio, ci si è attenuto a un impianto standard basato sulla semplicità e sulla immediatezza dell informazione, con evidenziature del testo, schemi e diagrammi, tabelle, documentazioni fotografiche, schedature del dato (a tal proposito, talvolta, è stato mantenuto lo schema di catalogazione e rilevazione delle risorse comunicali in uso dallo stesso Comune di Spadafora). 8

9 Inoltre, in ragione di quanto detto, si è ritenuto opportuno dare risalto alla cartografia tematica con l obiettivo di fornire rappresentazioni sintetiche sia di quanto riportato in forma testuale nella presente relazione illustrativa al Piano, sia della situazione del territorio in termini di rischio idrogeologico. Ciononostante, si è cercato, coi limiti di una indagine geomorfologica di tipo osservazionale, prettamente qualitativa e non quantitativa, e di quella storica (spesso frammentata e lacunosa, non supportata da elementi fattuali), di non andare a scapito del dettaglio, nella consapevolezza, tuttavia, che i fenomeni che attengono al rischio idrogeologico (frane e alluvioni torrentizie) sono tra i meno standardizzabili e che gli sforzi messi in campo per raggiungere una precisione quanto più grande possibile potrebbero essere vanificati quando l evento si verifica in modo diverso da come lo si attendeva. Il Piano è articolato in quattro macro Sezioni ciascuna suddivise in varie parti/capitoli: la Sezione I Conoscitiva delle caratteristiche territoriali raccoglie le informazioni relative all inquadramento geografico generale e alle caratteristiche fisiche del territorio comunale di Spadafora, finalizzate all elaborazione degli scenari di pericolosità e rischio che possono interessare il territorio urbanizzato di Spadafora e di conseguenza all individuazione delle aree di emergenza ai fini di protezione civile; una Sezione II Indirizzi di gestione dell emergenza che individua i Lineamenti della pianificazione e strategia operativa ossia gli obiettivi da conseguire per organizzare, al verificarsi dell evento calamitoso, una risposta coordinata di protezione civile, in tempi compatibilmente ristretti, indicando le procedure per l attivazione delle Componenti e Strutture Operative presenti nel territorio comunale; una Sezione III Modello di Intervento in cui vengono tracciate le procedure operative di gestione, soccorso, evacuazione popolazione e contrasto dell emergenza nell ambito del coordinamento da parte del centro operativo locale di tutti gli attori dislocati sul territorio, ed infine, una Sezione IV Efficienza del Piano in cui si sottolinea l importanza dell informazione e sensibilizzazione della popolazione sui rischi presenti nel territorio unita alle esercitazioni periodiche fondamentali per testare e tarare il Piano e permettere una migliore risposta secondo quanto previsto e pianificato nel Piano stesso. Il Piano, in una logica dinamica, dovrà essere continuamente aggiornato e caratterizzato da periodiche esercitazioni, a cura dell Ufficio di Protezione Civile e in collaborazione con 9

10 tutti i Responsabili delle varie Funzioni di Supporto ciascuno per le proprie competenze, atte ad affinare e migliorare la preparazione dei vari attori in causa per una pronta e coordinata risposta dell intero sistema di protezione civile locale. Infine, la presente relazione illustrativa del Piano è accompagnata da una serie di elaborati cartografici da aggiornare ad ogni modificazione fisica e dell uso del territorio e/o del personale inizialmente coinvolto e strutturato nel sistema locale di protezione civile, attività questa indispensabile per la vitalità del Piano stesso. Di seguito si elencano i seguenti elaborati grafici parte integrante del Piano: TAVOLA I: carta dell inquadramento geografico generale del territorio comunale di Spadafora (scala 1:50.000); TAVOLA II: carta della rete idrografica nel territorio comunale di Spadafora (scala 1:10.000); TAVOLA III: carta geologica del territorio comunale di Spadafora (scala 1:25.000); TAVOLA IV: stralcio carta dell Uso del Suolo (scala 1:50.000) fonte PAI 2007; TAVOLA V: stralcio carta dei dissesti nel territorio comunale di Spadafora (scala 1:10.000) fonte PAI 2011; TAVOLA VI: stralcio carta della pericolosità e del rischio geomorfologico dell areale di San Martino (scala 1:10.000) fonte PAI 2007; TAVOLA VII: stralcio carta della pericolosità e del rischio geomorfologico dell areale a sud di San Martino (scala 1:10.000) fonte PAI 2007; TAVOLA VIII: stralcio carta della pericolosità e del rischio geomorfologico del territorio comunale di Spadafora (scala 1:10.000) fonte PAI 2011; TAVOLA IX: carta delle aree dissestate e/o suscettibili di frana interferenti con il patrimonio urbano di Spadafora (scala 1:10.000); TAVOLA X: stralcio carta della pericolosità idraulica per fenomeni di esondazione nel territorio comunale di Spadafora (scala 1:10.000) fonte PAI 2011; TAVOLA XI: stralcio carta del rischio idraulico per fenomeni di esondazione nel territorio comunale di Spadafora (scala 1:10.000) fonte PAI 2011; TAVOLA XII: carta degli scenari di evento atteso e del rischio idrogeologico idraulico e da frana (scala 1:10.000); TAVOLA XIII: carta del Modello di Intervento nel Centro urbano costiero di Spadafora (scala 1:2000); TAVOLA XIV: carta del Modello di Intervento nelle Frazioni di Grangiara e San Martino (1:5000); TAVOLA XV: carta della viabilità strategica e delle aree di emergenza e salvaguardia della popolazione (1:10.000); 10

11 TAVOLA XVI: carta della zonazione del rischio idraulico e da frana nel territorio comunale di Spadafora riferimento per il censimento e informazione della popolazione residente o beneficiante (scala 1:10.000); Inoltre, a corredo del presente Piano si allega: APPENDICE A Schede scenari di evento atteso e di rischio da frana; APPENDICE B - Schede scenari di evento atteso e di rischio idraulico; APPENDICE C Schede di censimento popolazione a rischio elevato e molto elevato e a rischio isolamento; APPENDICE D Scheda dati riepilogativi essenziali; APPENDICE E Scheda numeri utili. 11

12 NORMATIVA DI RIFERIMENTO La prestazione professionale per l adempimento dell incarico, è stata effettuata nel rispetto della normativa generale nazionale e regionale in materia di gestione e contrasto del rischio idrogeologico ai fini di protezione civile. Sono stati altresì recepiti i principi e gli indirizzi contenuti nella Circolare del 20 novembre 2008 (G.U.R.S. 23 gennaio 2009, n. 4) recante Raccomandazioni ed indicazioni operative di protezione civile per la prevenzione, la mitigazione ed il contrasto del rischio idrogeologico ed idraulico, nell OPCM n del 28/08/2007 recante Disposizioni urgenti di protezione civile dirette a fronteggiare lo stato di emergenza in atto nei territori delle regioni Lazio, Campania, Puglia, Calabria e della regione Siciliana in relazione ad eventi calamitosi dovuti alla diffusione di incendi e fenomeni di combustione e relativo Manuale Operativo, nella Dir.P.C.M. del 27 febbraio 2004 (G.U. 11 marzo 2004, n. 59 S.O.) recante Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale, statale e regionale per il rischio idrogeologico ed idraulico ai fini di protezione civile, nel Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112 art. 108 recante "Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della L. 15 marzo 1997, n. 59.", nella L. 3 agosto 1998, n. 267 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 11 giugno 1998, n. 180, recante misure urgenti per la prevenzione del rischio idrogeologico ed a favore delle zone colpite da disastri franosi nella regione Campania", nella L.R. 31 agosto 1998 n. 14 recante Norme in materia di protezione civile, e nella L. 24 febbraio 1992, n. 225 Istituzione del Servizio nazionale della Protezione Civile. Il contenuto del presente Piano, inoltre, si ispira alle Linee Guida per la redazione dei piani di protezione civile comunali e intercomunali in tema di rischio idrogeologico (versione 2007 e 2010) realizzate dalla Regione Siciliana, Presidenza - Dipartimento della Protezione Civile - Servizio Regionale Rischi Idrogeologici e Ambientali ai sensi del D.Lvo n. 112/98, art. 108 e del Decreto n. 2 del Commissario delegato OPCM 3606/07 ed emanate con Decreto del Presidente della Regione Sicilia del 27/01/2011 nella GURS n. 8 del 18/02/2011. Ci si è attenuto anche all applicazione del Metodo Augustus ed al Manuale operativo per la predisposizione di un Piano Comunale o Intercomunale di Protezione 12

13 Civile (ottobre 2007), in materia di incendi boschivi con particolare riguardo al rischio incendi di interfaccia ed al rischio idrogeologico e idraulico, redatto dal Dipartimento di Protezione Civile a seguito dell Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n del 28 Agosto. L art. 15 della Legge 225 del 24 febbraio 1992 e l art. 108 del D. Lgs. n. 112 del 31 marzo 1998 danno pieno potere al Sindaco per la definizione di una struttura comunale di protezione civile che possa fronteggiare situazioni di emergenza nell ambito del territorio comunale. Le normative citate stabiliscono l'ambito di competenza dei principali organi tenuti a compiere attività di protezione civile nelle tre categorie in cui vengono distinti gli eventi calamitosi ed in particolare per gli eventi calamitosi di tipo a, ossia eventi locali, naturali o connessi con l'attività dell'uomo, che possono essere fronteggiati direttamente con interventi attuati dai singoli Enti ed Amministrazioni competenti in via ordinaria. 13

14 SEZIONE I CONOSCITIVA DEI CARATTERI TERRITORIALI 14

15 1 PARTE GENERALE 1.1 DATI DI BASE RELATIVI AL TERRITORIO COMUNALE E la parte più propriamente tecnica che raccogliere e sistematizza tutte le informazioni disponibili sul territorio che abbiano attinenza con la conoscenza/definizione del rischio idrogeologico e da frana. Per una corretta pianificazione è necessario disporre di notizie generali sull intero territorio urbanizzato e di approfondimenti puntuali sull area interessata dalla pianificazione. In questo capitolo sono riportati l insieme dei dati di base utili per la pianificazione delle emergenze. Vengono forniti, pertanto, le informazioni per un completo inquadramento geografico generale del territorio comunale, la cartografia di base e gli strumenti di pianificazione Inquadramento geografico generale L intero territorio comunale di Spadafora ricade amministrativamente nella Provincia di Messina, sul versante tirrenico dei Peloritani nord-orientali (Tav. 1). Il territorio ricopre un area a contorno grosso modo rettangolare di 10,40 kmq, allungata secondo la direttrice maggiore NNO-SSE (Tav. 1). Il territorio comunale, identificato nella Tavoletta I.G.M. di Rometta a scala 1: Foglio n 253 I S.E, confina a Nord con il mare Tirreno, ad Est e Sud-Est con il territorio di Rometta, a Sud-Ovest con il territorio di Roccavaldina, infine a Nord-Ovest con il Territorio di Venetico (Tav. 1). I confini amministrativi più significativi sono quelli con Rometta e Venetico, coincidenti con i letti dei due torrenti, rispettivamente il Boncordo e il Cocuzzaro. Il Comune di Spadafora comprende un centro urbano concentrato nella fascia costiera e peri-costiero per una una lunghezza di circa 2 Km, e le frazioni nell entroterra collinare di Grangiara e ancora più all interno di San Martino (Tav. 1). Il Comune di Spadafora benché situato in posizione baricentrica tra Milazzo e Messina, inquadrabile nel comprensorio del golfo di Milazzo, può considerarsi tuttavia gravitante nell area metropolitana di Messina, distante circa 25 km. 15

16 COMUNE PROVINCIA REGIONE AUTORITA DI BACINO PIANO STRALCIO DI BACINO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO (P.A.I.) SPADAFORA MESSINA SICILIA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE AREA TERRITORIALE TRA I BACINI T.te SAPONARA E F.ra NICETO (003) Estensione territoriale (Kmq.) 10,40 Foglio I.G.M. (1:50.000) 587 MILAZZO VILLA S. GIOVANNI Tavoletta I.G.M. (1:25.000) 253 I S.E. ROMETTA Sezione C.T.R. (1:10.000) Spadafora Roccavaldina Comuni confinanti ROMETTA, VENETICO, ROCCAVALDINA Indirizzo sede municipale PIAZZA VITTORIO EMANUELE III, 44 N. telefono 090/ Indirizzo sito internet Tab. 1 Dati geografici territoriali generali di Spadafora Altimetricamente il territorio si estende dalla costa (quote tra 0.0 m e 30.0 m s.l.m.) in cui si sviluppa l urbanizzato di Spadafora Centro con il quartiere Verdesca a quote comprese tra 20 e 30 metri, e 475 metri s.l.m., coincidenti con l estremità sud. Nel settore centrale del territorio, tra le quote 190 m e 320 m s.l.m si concentra la frazione più popolosa di San Martino, mentre in posizione intermedia con l abitato di Spadafora, al confine col territorio di Venetico, tra le quote 80,0 m e 110,0 m s.l.m., si ha la frazione di Grangiara. 1.2 INQUADRAMENTO DELL AMBIENTE FISICO-NATURALE Nei paragrafi seguenti vengono esaminati i lineamenti salienti del territorio dal punto di vista geomorfologico, geologico, idrografico, climatico e antropico. La conoscenza di tali dati risulta di fondamentale importanza per le successive valutazioni di tipo previsionale e preventivo sui pericoli geologici verificabili Inquadramento orografico generale L intero territorio comunale di Spadafora ricade nel settore nord-orientale dei Monti Peloritani, identificato nella Tavoletta I.G.M. di Rometta a scala 1: Foglio n 253 I S.E e nei Fogli in scala 1: n 587 MILAZZO e n 588 VILLA S. GIOVANNI (vedi Tav. I). Il territorio ricopre un area a contorno grosso modo rettangolare con i lati maggiori 16

17 disposti lungo la direttrice N-S marcati ad ovest dal Torrente Cocuzzaro e ad est dal Torrente Boncordo o Boncoddo. Gli altri confini comunali sono dettati a sud dalle zone sorgentizie di origine dei due torrenti suddetti, mentre a nord dalla costa tirrenica. Il paesaggio rispecchia l andamento morfologico dei bassi versanti della Catena Peloritana. In esso, infatti, in relazione all assetto orografico spiccano in particolare due unità morfologiche: la prima data dalla spianata costiera tirrenica pressoché pianeggiante dove le pianure alluvionali coincidenti con i tratti terminali dei rispettivi torrenti si fondono con le aree litorali a formare una spianata di ampiezza media intorno ai 300 m, limitata verso l entroterra dal piede dei primi rilievi collinari che si ergono sul mare; la seconda, che costituisce la gran parte del territorio comunale, registra un paesaggio basso-collinare con quote medie s.l.m. intorno a 200 m e massime fino ai 476 metri, caratterizzato dall alternanza di valli strette e profonde a dorsali, tra loro parallele e allineate in senso grosso modo NNO-SSE. L andamento composito, talvolta complicato, dei profili di versante, riflette la situazione geologica (estrema variabilità litologica) e i forti tassi di sollevamento riconducibili a tutto il settore peloritano. I rilievi, infatti, sono modellati in funzione del grado di erodibilità che i terreni di cui sono costituiti offrono agli agenti disgregatori legati in particolare all azione delle acque correnti superficiali. Così è facile comprendere come la differenza di energia di rilievo che si osserva tra le prime propaggini collinari che si affacciano sulla fascia costiera e quelle dell entroterra, è proprio legata alla diffusione di terreni a comportamento diametralmente opposto, da facilmente erodibili (prevalenti terreni a componente argillosa) nelle zone più settentrionali a ridosso della fascia costiera con pendenze medie dell ordine del 15%, a difficilmente erodibili (metamorfiti, conglomerati e calcari) nelle zone centrali e meridionali dell entroterra, dove si raggiungono forti acclività (pendenze tra il 75 ed il 100%), talora anche subverticali. Nonostante la situazione orografica complessa la maggior parte del territorio presenta pendenze tra il 20% ed il 30%. 1.3 INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO L'evoluzione geomorfologica dell'area risulta condizionata da numerosi fattori, tra cui l'ampiezza dei sollevamenti, l'importanza delle dislocazioni tettoniche, le variazioni eustatiche del livello marino, la successione delle diverse fasi climatiche nonché, più 17

18 recentemente, le attività antropiche. A tali fattori si deve l'attivazione nel tempo di processi morfodinamici che, condizionati a loro volta dall'assetto lito-strutturale dei terreni affioranti, delineano le diverse forme del rilievo. Pertanto, in base alle caratteristiche morfologiche ed ai processi morfodinamici, i morfotipi, ricorrenti nell ambito del territorio comunale, possono essere raggruppati nelle seguenti cinque categorie principali: 1. Dominio di piana costiera; 2. Dominio dei fondovalle alluvionali; 3. Dominio delle spianate terrazzate di culminazione topografica; 4. Dominio delle dorsali con culminazioni strette e allungate; 5. Dominio dei versanti denudazionali Dominio di Piana Costiera La piana costiera si sviluppa ininterrottamente su un unica fascia di ampiezza media intorno ai metri con superficie pressoché pianeggiante, compresa tra le quote 0,0 m e 10,0 m s.l.m., ed andamento SO-NE. Tale morfologia riflette la litologia dei terreni affioranti e i meccanismi della loro messa in posto. Infatti, tutta la zona è caratterizzata da una coltre di depositi sedimentari di tipo fluvio-marino, la quale, altro non fa che mascherare l antico rilievo (substrato) di tipo collinare affiorante immediatamente più a sud. La piana costiera comprende due elementi geologico-morfologici. Verso l esterno, ossia verso mare, si ha la fascia litorale con depositi tipicamente di spiaggia prevalentemente ghiaioso-sabbiosi, talora ciottolosi. Procedendo verso l interno, ossia verso l entroterra collinare, al passaggio con la via denominata Lungomare, prendono posto ai primi i depositi fluvio-marini della retrostante spianata costiera. Si tratta di depositi tipicamente sedimentari fluvio-marini derivanti dall interdigitazione tra quelli spiccatamente fluviali delle aree interessate da fenomeni di esondazione al margine degli impluvi e quelli tipicamente marini presenti lungo la costa. Tale intreccio di depositi ed avvicendamenti dei processi morfodinamici marino e fluviale ha portato come risultato la formazione della piana costiera odierna immediatamente a ridosso dei litorali. Nella zona non si evidenzia nessun fenomeno di dissesto in atto o potenziale, neppure legato all azione dinamica del mare, almeno a breve e medio termine. L attuale tendenza 18

19 evolutiva della linea di spiaggia, infatti, è quella di progressivo ripascimento con apporti solidi provenienti dai torrenti che contribuiscono all ampliamento della spiaggia. Dal momento della posa delle barriere frangiflutti (almeno un trentennio fa), il trend accrescitivo del litorale non subisce inversioni. Di fatto le opere, oltre a smorzare l energia d impatto dei flutti, ha consentito il bloccaggio a tergo del trasporto solido torrentizio operato in mare dalle correnti di deriva. Così, il tratto di costa in studio avanza per progressiva e lenta sedimentazione marina, con fasi di rimaneggiamento eolico e da non trascurare l azione di continuo calpestìo ad opera dei bagnanti o dei pescatori, compreso il passaggio di mezzi con ruote. Per quanto suddetto, la situazione odierna evidenzia una condizione ampiamente favorevole con continuo sviluppo in ampiezza e volume del tratto di spianata costiera in esame. Tale evoluzione della linea di costa allontana la possibilità nel breve e nel medio termine di una inversione di tendenza dell azione marina sul litorale, escludendo di fatto fenomenologie con effetto erosivo. L intera costa di Spadafora è compresa nell Unità Fisiografica 1 Capo Milazzo Capo Peloro (PAI Coste). Dal punto di vista idraulico, la piana costiera per effetto di punti sensibili e lacunosi nel sistema di attraversamento e arginatura del reticolo idrografico, può essere localmente interessata da esondazioni e invasa pertanto, da convogli idrici e solidi almeno nelle sue parti meno elevate ed in occasione di eventi di piena. Tale spianata costiera viene ascritta all Olocene e all Attuale Dominio dei fondovalle alluvionali I fondovalle attuali assumono dimensioni relativamente significative in due dei cinque torrenti che solcano il territorio di Spadafora. Si tratta del T. Cocuzzaro e Boncoddo, peraltro i più estesi in termini di estensione areale dei bacini ad essi sottesi, i quali sono caratterizzati, principalmente nel tratto medio e terminale, da fondovalli piatti in cui oltre ai fenomeni di erosione di sponda laterale, sono attivi i fenomeni di deposizione e aggradazione. Lo stato di aggradazione generale viene accresciuto sensibilmente dopo eventi alluvionali particolarmente significativi. Fattori come la pendenza dell alveo, la quantità e le classi granumoletriche del materiale mobilizzato, l entità dei deflussi idrici, determinano il percorso dei materiali, che di solito termina in corrispondenza d improvvise variazioni di 19

20 pendenza o d incrementi della sezione dell alveo. Laddove, invece, intervengono strozzature e diminuzioni improvvise della sezione di deflusso si determinano effetti diga, i quali evolvono rapidamente verso valle con effetto energetico dirompente e distruttivo. Fenomeni di sovralluvionamento con effetto di letto pensile, correlati agli ultimi due più recenti eventi meteo avversi (02/11/2010 e 22/11/2011), sono evidenti nei tratti terminali antropizzati del T. Cocuzzaro e Boncoddo. Il materiale solido trasportato abbandonato dalle piene, non ha fatto altro che innalzare le quote dell alveo di magra e di morbida, seppellendo diverse briglie, fino a livelli preoccupanti, prossimi al top dei muri d argine maestri esistenti. I fondovalle posti nei settori più montani dei suddetti torrenti e sostanzialmente tutto lo sviluppo dei restanti tre torrenti minori (ad esclusione dei tratti terminali a fondo piatto e sezione svasata), il Tonnarazza, l Acquavena e il Riolo, sono interessati da approfondimento per erosione lineare e da strette e incise valli, talora profondamente incassate tra i rilievi. Attivi sono i depositi di fondovalle mobili presenti sul fondo degli alvei; lo stato d attività di tali depositi e la ricorrenza di tali fenomenologie, tuttavia, è sempre connesso ai deflussi idrici superficiali e quindi è legato in maniera diretta ai fattori meteorici. I depositi alluvionali (fissati sia artificialmente che naturalmente), talora terrazzati all intorno degli alvei ordinari, sono da considerarsi del tutto inattivi ed abbastanza stabili sotto il profilo morfodinamico. La loro riattivazione totale o parziale è legata ad eventi del tutto eccezionali Dominio delle spianate terrazzate di culminazione topografica La sommità dei rilievi collinari compresi tra l abitato di Grangiara e le prime propaggini collinari che si ergono sulla spianata costiera, sono caratterizzate da più o meno ampie superfici pianeggianti fino a debolmente degradanti verso mare. Si tratta di spianate relitte di abrasione marina, testimoniate spesso da depositi rossastri fluvio-marini, terrazzati e sospesi al di sopra dell attuale livello del mare per cause di sollevamento tettonico. Tali spianate presentano una certa continuità altimetrica secondo una fascia di ampiezza intorno a 1,5 km a sviluppo parallelo all attuale linea di costa, interrotta dai vari fondovalle confinanti, con cui si raccordano spesso tramite versanti piuttosto acclivi. I margini delle 20

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

Risultati e considerazioni

Risultati e considerazioni 6. RISULTATI E CONSIDERAZIONI L elaborazione e la validazione del modello di suscettibilità consentono di ottenere due risultati principali. In primo luogo, sono state identificate con precisione le aree

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

COMUNE DI SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento

COMUNE DI SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento COMUNE DI SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento INDICE PREMESSA...pag. 1 INTRODUZIONE pag. 2 PREVISIONE E PREVENZIONE... pag. 3 STRUTTURA DEL PIANO pag. 4 A. PARTE GENERALE pag. 5 A.1 DATI

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Direzione Regionale Protezione Civile Area Centro Funzionale Regionale DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo Provincia di Torino Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Servizio Pianificazione Risorse Idriche Regione Piemonte Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA

DOTTORATO DI RICERCA Università degli Studi di Cagliari DOTTORATO DI RICERCA Difesa e Conservazione del suolo, Vulnerabilità ambientale e Protezione Idrogeologica Ciclo XXII Settore/i scientifico disciplinari di afferenza

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

DIVISIONE STUDI E PROGETTI

DIVISIONE STUDI E PROGETTI PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI MAZZANO DIVISIONE STUDI E PROGETTI COMUNE DI MAZZANO PROVINCIA DI BRESCIA Risorse e Ambiente s.r.l. Divisione Studi e Progetti Via del Sebino, 12 25126 BRESCIA Tel: 0302906550

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli