1.Rischi individuati per la mansione: Personale Docente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.Rischi individuati per la mansione: Personale Docente"

Transcript

1 1.Rischi individuati per la mansione: Personale Docente Fattori di rischio per la Sicurezza dei lavoratori: Aree di transito, Spazi di lavoro e Scale: Nelle aree coperte non si rilevano anormali condizioni di rischio, i pavimenti e i passaggi presentano caratteristiche tecniche adeguate e non si rileva la presenza di asperità o di ostacoli non immediatamente identificabili ad eccezione delle finestre che, quando sono aperte presentano spigoli vivi che possono produrre tagli e urti, ( La parte della scuola media è inadeguata, i vetri sono frangibili, i serramenti obsoleti), inoltre mancano i carter di protezione agli avvolgibili delle persiane. Mancano i secondi mancorrenti sia alle scale esterne che quelle interne. Presso alcuni ambienti e laboratori gli spazi possono subire limitazioni dimensionali per la presenza di arredi o possono essere rilevati degli inciampi per la presenza di canalizzazioni e derivazioni elettriche a pavimento. Sono eventualmente possibili scivolamenti per la presenza occasionale durante le pulizie o nei giorni di pioggia di liquidi a pavimento, di norma prontamente eliminati dai collaboratori scolastici e possibili inciampi per la presenza, presso le postazioni di lavoro (laboratori compresi), di materiali ed oggetti, normalmente di proprietà degli allievi, in deposito temporaneo. Tutte le finestre hanno davanzale con altezza < 90 cm e sprovviste di barra orizzontale anticaduta. Si rileva inoltre la presenza di alcune superfici vetrate, talvolta anche abbastanza estese, prive di adeguata protezione in caso di urto e pertanto un eventuale loro rottura potrebbe coinvolgere aree di passaggio e postazioni di lavoro ( i vetri sono stati tutti sostituiti con quelli temprati ). Urti Inciampi. Limitazioni per la presenza di arredi, presenza di canalizzazioni elettriche a pavimento. Presenza di materiali in deposito in prossimità delle postazioni di lavoro. 4 Informazione ai lavoratori, procedure di controllo attuate anche dai collaboratori scolastici Scivolamenti. Presenza di liquidi a pavimento (c/o servizi igienici e in corrispondenza di accesso o passaggi). 4 Procedure di controllo e di intervento attuate dai collaboratori scolastici e dal personale ausiliario

2 Tagli,ferite Rottura di superfici vetrate. 4 Informazione dei lavoratori, progressiva protezione delle superfici vetrate. Attrezzi manuali, Immagazzinamento di oggetti: L impiego di attrezzi manuali per il sottogruppo 1) non è di norma previsto quindi si escludono casi di possibili infortuni che se si dovessero avverare sarebbero imputabili principalmente a mancata attenzione da parte del docente. Nel corso dello svolgimento di attività didattiche di laboratorio (sottogruppo ) gli addetti possono manipolare oggetti in temperatura (es. bunsen), materiali che in caso di rottura possono costituire rischi per la sicurezza personale (es. vetreria) o utilizzare apparecchiature elettromeccaniche che presentano elementi mobili o elettrici. Sebbene la formazione e la conoscenza delle attrezzature, da parte del personale, risulti sufficiente e se del caso esso possa richiedere il supporto degli addetti al laboratorio, non sono esclusi infortuni quali ustioni, tagli, urti, punture ecc. Ogni inizio anno scolastico i docenti informano gli studenti, mediante materiale informatico e cartaceo, sui rischi e tutela della salute e uso dei DPI I lavoratori del sottogruppo 3) fanno uso di alcune attrezzature sportive che presentano rischi meccanici (urti, intrappolamenti) non facilmente eliminabili o comunque possono subire urti derivanti da palloni vaganti o altri attrezzi. Il personale docente ha in genere a disposizione sufficienti spazi ove depositare i propri materiali, in generale costituiti da materiale cartaceo, le scaffalature e gli armadi sono solitamente ancorati alle pareti al fine di evitare rischi di ribaltamento e di investimento delle postazioni. In particolare per i lavoratori del sottogruppo ) l immagazzinamento riguarda anche limitati quantitativi di prodotti normali (attrezzature per rilievi e similari) e pericolosi: corrosivi, infiammabili, combustibili ecc. Le attività di conservazione prodotti comunque, visti i quantitativi limitati, non determinano particolari situazioni di rischio a meno di eventuali comportamenti scorretti che possono portare a cadute di oggetti, perdite di sostanze o eccessi nei quantitativi in deposito. Tagli punture, ustioni. Presenza di organi taglienti o caldi. Rotture di oggetti in vetro nel corso di attività didattiche. Attività didattiche che comportano l impiego di attrezzature che presentano elementi mobili 4 Alienazione delle attrezzature manuali non sufficientemente sicure. Informazione al docente e supporto da parte dei personale tecnico

3 Problemi dorso lombari e disturbi muscolo scheletrici Movimenti scorretti e posture mantenute per tempi lunghi 4 Informazione al personale Urti,Investimento (sottogruppo 3) Attività ginniche, con attrezzature sportive. Sorveglianza degli allievi nel corso di attività sportive. Deposito attrezzi 4 Informazione e disposizioni comportamentali Mezzi di trasporto. L impiego del mezzo privato è consentito per i soli spostamenti dei docenti presso altri siti scolastici. I rischi per la sicurezza sono di tipo generico e derivano principalmente da possibili imprudenze commesse dagli operatori o da terzi. Urti, Incidenti stradali generici Imprudenza del guidatore o di terzi Rischi per la Sicurezza e Salute dei lavoratori: Esposizione ad agenti chimici L impiego di sostanze pericolose da parte del personale docente, anche al fine della tutela della salute degli allievi, risulta totalmente interdetto,con la sola eccezione (sottogruppo ) delle attività condotte presso i laboratori scientifici (chimica). La dotazione scolastica ha reso disponibile un laboratorio opportunamente attrezzato, le sostanze sono depositate in appositi armadi safety a tenuta di fuoco e le esperienze significative vengono effettuate sotto cappa. Non sono tuttavia da escludere infortuni derivanti da contatto accidentale con sostanze corrosive o irritanti eventualmente anche ad alta temperatura (cfr. Dispositivi di protezione individuali). Per un più approfondito esame vedere all analoga voce degli Assistenti tecnici Non si ritiene necessario dato il limitato numero di esperimenti, i tempi brevi dell esecuzione, la bassa frequenza nel corso dell anno scolastico e delle sostanze usate, effettuare una valutazione del rischio utilizzando abachi o rilievi di laboratorio. Il rischio rientra nella fascia bassa.. E stato effettuato lo smaltimento dei prodotti scaduti e non più utilizzabili, tramite ditta autorizzata, e ciò sarà previsto periodicamente, previa elencazione specifica.

4 Elenco prodotti in uso ed esperienze più significative si trovano negli allegati Un ulteriore esposizione ad agenti chimici risulta comunque possibile, ed interessa trasversalmente i tre sottogruppi individuati, in relazione alla presenza di polveri che, nonostante gli accurati interventi di pulizia, possono derivare sia dall impiego dei gessi sia dalla presenza di numerosi soggetti, che dalla presenza di sostanze liberate dai materiali di consumo e dagli arredi (es. Formaldeide). Irritazione delle vie respiratorie, della pelle e degli occhi, allergie, ustioni Presenza di polveri; Presenza di inquinanti ceduti da materiali, arredi e fertilizzanti. Impiego di reagenti chimici 4 Informazione ai lavoratori, controllo dei prodotti usati ed acquistati. Definizione ambienti. Pulizia Esposizione ad agenti Fisici (radiazioni non ionizzanti) Le esperienze di fisica ottica possono comportare l impiego di apparecchiature laser; tali laser sebbene a bassa frequenza, in condizioni di errato impiego possono determinare pericoli per la sicurezza del personale e di terzi. Danni agli occhi Impiego di sorgenti Laser 3 6 Informazione dei lavoratori, Procedure di allestimento della prova di laboratorio. Esposizione ad agenti biologici Nella scuola non si svolgono attività che possano comportare l uso di agenti biologici. Ma la presenza di numerosi soggetti determina immancabilmente la sussistenza di rischi biologici di carattere generale; tali rischi sono in qualche modo acuiti dalla stretta convivenza per diverse ore al giorno o dalla necessità di intervenire, a supporto degli addetti al pronto soccorso, su possibili infortuni occorsi al personale ed agli allievi (si veda a tal proposito anche il paragrafo relativo alle attività di emergenza e pronto soccorso); tutto il personale docente ha ricevuto una generale informazione circa i rischi cui risulta potenzialmente esposto.

5 Malattie infettive per presenza di agenti biologici patogeni; presenza di parassiti veicolati da terzi Contatto con terzi, potenzialmente infetti o portatori di parassiti; Polveri 4 Informazione alle/dalle famiglie sulla presenza di parassiti o malattie infettive. Piano di pulizia Inquinamento indoor L aerazione dei luoghi di lavoro è esclusivamente naturale e dal punto di vista tecnico è adeguata. Purtroppo presso alcuni locali (es. laboratori di informatica, spogliatoi delle palestre etc.) in certi periodi dell anno ( i più rigidi ) può darsi che i ricambi d aria possano essere meno frequenti generando una situazione piuttosto pesante per quanto riguarda la temperatura, l umidità e la velocità stessa dell aria. Problemi alle vie respiratorie, irritazioni, difficoltà di concentrazione. Mal di testa, affaticamento, percezioni di odori sgradevoli. Allergie Inquinamento dell aria (metabolismo umano) dovuto alla presenza dei ragazzi ed alla presenza di prodotti chimici, sintetici, componenti organici volatili liberati da componenti e materiali di consumo. Tessuti ricettacolo di acari da polvere Ricambi d aria. Pulizie dei locali. Stress da lavoro correlato L attività di docenza e coordinamento richiede al personale addetto il mantenimento di un elevato grado di attenzione per l intero tempo lavorativo; tali condizioni, proprie della mansione ed anche legate alla tipologia degli allievi (es. età, condizioni fisiche e psicosociali), possono, occasionalmente e soggettivamente, portare a condizioni di stress, in modo specifico burn-out, e più in generale di affaticamento mentale. Il rischio è stato valutato dal punto di vista della possibilità che insorgano fenomeni di stress che possano creare disagio psico-fisico al lavoratore. I lavoratori sono stati informati per migliorare la conoscenza del fenomeno, per imparare a riconoscere i segnali che indicano una forte presenza di rischi di stress sui posti di lavoro. ( non c è stata ancora l informazione). Nel caso in cui si rilevino situazioni di stress, o si verifichino fenomeni quali elevati livelli di assenze, continui ricambi di personale o frequenza eccessiva di conflitti interpersonali tra i dipendenti, R.S.P.P. le comunicherà al datore di lavoro ed al medico competente che,

6 verificata la sussistenza dei presupposti, richiederà eventualmente il supporto di una figura professionale specializzata quale uno psicologo. In particolare, a seguito delle disposizioni del D.Lgs. 81/008, art. 8, comma 1, si è provveduto, secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8 ottobre 004, ad effettuare una prima valutazione dei rischi collegati allo stress lavoro-correlato. Si è ritenuto di basare tale valutazione soprattutto sulla misura di dati oggettivi. A tale scopo sono stati adottati i seguenti criteri di valutazione: Possibili fonti di stress considerate: sovraccarico lavorativo tensioni competitive sicurezza del posto di lavoro e della mansione aspetti remunerativi criticità ergonomiche (illuminazione, microclima, fatica fisica, fatica mentale, rumore) responsabilità inadeguate (per eccesso o per difetto) interrelazioni di lavoro con colleghi non correttamente definite Indici di probabilità di insorgenza di stress considerati: ore di lavoro dilatate (ex. straordinari) tasso di turnover indici di assenteismo insorgenza di disturbi non immediatamente correlabili alle condizioni fisiche di lavoro palesi conflittualità infortuni A seguito quindi delle verifiche effettuate e dei risultati ottenuti, si ritiene pertanto che non sussistano disfunzioni nell organizzazione del lavoro tali da poter generare stress lavoro-correlato. Le procedure interne di lavoro non verranno quindi modificate e verrà effettuato un questionario fra i dipendenti per un approfondimento entro la fine del corrente anno solare La scuola ha comunque segnalato ai propri dipendenti che la dirigenza è in ogni caso a disposizione per constatare, ovviare o comunque ridurre qualsiasi malfunzionamento organizzativo che emergesse anche e soprattutto grazie alle segnalazioni dei dipendenti. In sintonia con l accordo europeo sullo stress programmerà un corso per docenti con oggetto l approccio alle problematiche adolescenziali e la gestione degli allievi Una seconda fase in studio riguarderà il riscontro dei valori soggettivi tramite questionario appositamente predisposto

7 Affaticamento mentale burnout Condizioni di stress per attività didattica, coordinamento 3 6 Formazione (corso) ed informazione Lavoro ai videoterminali L attività di docenza frontale non richiede l impiego di attrezzature munite di videoterminali se non come attrezzatura di supporto didattico Presso alcuni laboratori i docenti possono avere disponibili alcune postazioni dimensionalmente realizzate nel rispetto dei criteri ergonomici È possibile da parte dell intero corpo docente un impiego estremamente limitato di tali attrezzature al fine di redigere verbali di riunione o in generale per la corrispondenza. Il tempo d uso per queste attività è comunque inferiore alle 0 ore settimanali compreso il caso del docente di informatica e pertanto non sono attività assimilabili a quanto previsto dal D.lgs 81/08 Affaticamento visivo e muscolo scheletrico. Presenza di riflessi fastidiosi, abbagliamenti da luce naturale, postura scorretta. 1 Postazioni a norma Formazione ed informazione. Rischi individuati per la mansione: Amministrazione Fattori di rischio per la Sicurezza dei lavoratori: Aree di transito, Spazi di lavoro e Scale: Non si rilevano in generale anormali condizioni di rischio. Alcune delle situazioni di rischio, relative a pavimenti e passaggi, individuate per il personale docente valgono anche per gli addetti all amministrazione. Anche in questo caso si riscontrano possibili scivolamenti, urti, rotture di superfici vetrate, inciampi. Gli spazi dedicati all amministrazione sono generalmente consoni al numero di persone e l arredo risponde alla normativa. Alcune postazioni di lavoro possono risultare, allo stato attuale, dimensionalmente limitate; sono pertanto possibili, in particolare in corrispondenza delle postazioni munite di videoterminale, urti e inciampi anche per la presenza di attraversamenti (anche se canalizzati) di sezioni degli impianti elettrici e posture non corrette

8 La presenza di derivazioni e canalizzazioni elettriche a pavimento può generare inciampi con conseguenti urti o cadute ( presenza di ciabatte che possono creare cadute in segreteria). Tipologia di rischio Descrizione D P R Misure tecniche preventive Inciampi. Urti,tagli Presenza di derivazioni elettriche in prossimità delle postazioni di lavoro.arredi con spigoli 4 Limitazione degli ostacoli attraverso la copertura delle derivazioni o loro fascettatura Scivolamenti. Presenza di liquidi a pavimento; gradini delle scale non protetti;aree esterne scivolose per avverse condizioni meteo. 4 Disposizioni di controllo e di intervento attuate dai collaboratori scolastici e dal personale ausiliario Posture scorrette Arredi a norma, informazione, ricerca di lay-out ottimale Problemi dorso lombari 4 Attrezzi manuali, Immagazzinamento di oggetti: L impiego di attrezzi manuali risulta limitato ed in genere tale da non determinare rischi significativi per il personale; non si escludono tuttavia casi di possibili infortuni, quali tagli punture ecc., imputabili principalmente a mancata attenzione da parte dell operatore. Le scaffalature e gli armadi sono normalmente ancorati alle pareti al fine di evitare rischi di ribaltamento e di investimento delle postazioni. Tipologia di rischio Descrizione D P R Misure tecniche preventive Tagli punture. Presenza di organi taglienti. 4 Alienazione delle attrezzature manuali non sufficientemente sicure. Investimento Attività di archiviazione 4 Informazione del personale

9 Rischi per la Sicurezza e la Salute dei lavoratori: Esposizione ad agenti chimici I rischi per i lavoratori amministrativi sono trascurabili non essendoci presenza o uso di prodotti chimici. L esposizione potrebbe avvenire solo per l attività di fotocopiatura che, se protratta per tempi significativi, può determinare l esposizione a polveri di toner ed all ozono prodotto dalle reazioni fotochimiche. I locali dove sono collocate le fotocopiatrici a disposizione risultano dotati di idonee superfici apribili che consentono un adeguato ricambio dell aria. Esposizione a polveri e a sostanze irritanti. Allergie Attività di copiatura 4 Informazione dei lavoratori, Ventilazione naturale dei locali. Inquinamento indoor L aerazione dei luoghi di lavoro è esclusivamente naturale e dal punto di vista tecnico è in genere adeguata. Purtroppo in certi periodi dell anno (in particolare nei più rigidi dell anno) può darsi che i ricambi d aria possano essere meno frequenti generando una situazione di ristagno piuttosto pesante per quanto riguarda la temperatura, l umidità e la velocità stessa dell aria. Problemi alle vie respiratorie, irritazioni, difficoltà di concentrazione. Mal di testa, affaticamento, percezioni di odori sgradevoli. Allergie Inquinamento dell aria dovuto al metabolismo umano ed alla eventuale presenza di prodotti chimici, sintetici, componenti organici volatili liberati da componenti e materiali di consumo. Tessuti ricettacolo di acari da polvere Ricambi d aria. Pulizie dei locali. Stress da lavoro correlato L attività amministrativa, richiede il mantenimento di un elevato grado di concentrazione e può subire condizionamenti nei ritmi esecutivi in relazione ai periodi dell anno ed alla possibile presenza di persone estranee all attività (genitori). Tali condizioni, Tali condizioni, che possono determinare un certo affaticamento mentale, non sono in generale causa affiancamenti, rotazioni o sovrapposizioni Non esistono

10 al momento situazioni di contrasto di particolari condizioni di stress. Infatti, pur essendo definiti i compiti di ogni dipendente, sono possibili secondo necessità o conflitto operativo fra il personale e la dirigenza Per la valutazione si è proceduto e ci procederà in sintonia con quanto fatto per gli insegnanti Stress, affaticamento mentale Necessità del mantenimento di un certo grado di attenzione. Contatto con il pubblico 1 Definizione dei compiti e delle mansioni Lavoro ai videoterminali L attività comporta per l operatore l impiego quotidiano di attrezzature munite di Videoterminale Il datore di lavoro ha provveduto ad informare gli addetti della necessità di prevedere delle interruzioni di quindici minuti ogni due ore di lavoro continuativamente prestate ed alla valutazione dei tempi di utilizzo onde stabilire se esistono situazioni da essere tenute sotto controllo medico Affaticamento visivo problemi osteoarticolari Presenza di riflessi fastidiosi, abbagliamenti da luce naturale. Disturbi muscolo scheletrici da postura scorretta. 1 1 Postazioni video conformi ai requisiti indicati nel D.Lgs 81/08. Fornito informazioni agli addetti sul rispetto delle pause di lavoro. Manutenzione. Previsto protocollo sanitario 3. Rischi individuati per la mansione: Collaboratori scolastici Fattori di rischio per la Sicurezza dei lavoratori: Aree di transito, Spazi di lavoro e Scale: Alcune delle situazioni di rischio, relative a pavimenti e passaggi, riconosciute per i collaboratori scolastici sono analoghe a quelle individuate per i lavoratori ascritti alle altre mansioni; anche in questo caso si riscontrano possibili scivolamenti, urti, inciampi, cadute ecc. e, forse in maniera accentuata dovendone garantire la pulizia, i rischi derivanti dalla presenza di superfici vetrate.

11 Permangono i normali rischi d inciampo e di scivolamento all esterno (principalmente per il custode) in particolare in occasione di pulizie da effettuarsi in condizioni meteo avverse (es. ghiaccio, neve), e quelli derivanti dall impiego di scale fisse e portatili. Inciampi. Urti Presenza di asperità e di piani debolmente inclinati lungo i passaggi. Limitazioni per la presenza di arredi, presenza di canalizzazioni elettriche a pavimento. Presenza di materiali in deposito in prossimità delle postazioni di laboratorio. 4 Informazione dei lavoratori, disposizioni di controllo attuate anche dai collaboratori scolastici Scivolamenti.Cadute Presenza di liquidi a pavimento. Presenza di ghiaccio o neve in aree esterne 4 Disposizioni di controllo e di intervento Tagli, ferite Rottura di superfici vetrate 3 6 Informazione dei lavoratori, progressiva sostituzione delle superfici vetrate Attrezzi manuali, Manipolazione manuale di oggetti, Immagazzinamento di oggetti: L impiego di attrezzi manuali (attrezzature per la pulizia quali lava pavimenti, aspirapolvere,,scale etc.) risulta limitato ad alcune ore giornaliere ed in genere è tale da non determinare rischi significativi per il personale in quanto tutte le attrezzature sono a norma; non si escludono tuttavia casi di possibili infortuni, imputabili principalmente a mancata attenzione da parte dell operatore. La movimentazione manuale di carichi, pur non risultando particolarmente gravosa in relazione ai pesi trasportati, risulta tuttavia frequente. I rischi derivanti per l operatore sono riconducibili principalmente alle caratteristiche intrinseche degli oggetti da movimentare (es. arredi scolastici, materiali taglienti, prodotti impiegati per la pulizia ecc.); Una particolare attività di movimentazione riguarda le attività di pulizia e spalatura neve dei piazzali esterni.

12 I materiali di consumo vengono riposti in locali appositamente resi disponibili dalla scuola Eventuali cadute di materiale dalle postazioni sono imputabili a comportamenti scorretti degli operatori nel riporre stabilmente tali materiali. Tagli, punture, urti, ustioni organi taglienti in corrispondenza delle attrezzature e postazioni di lavoro dei laboratori 4 Informazione del personale, fornitura di D.P.I Scivolamenti, Urti Problemi dorso lombari e disturbi muscolo scheletrici Presenza di arredi Pavimenti bagnati Movimenti scorretti durante le attività di trasporto materiali, pulizie interne ed esterne 4 Informazione del personale, fornitura di guanti protettivi e scarpe antiscivolo 4 Informazione del personale. Dermatiti ed allergie di contatto Contatto durante l uso di prodotti irritanti ed allergizzanti 4 Fornitura di D.P.I. Schede con caratteristiche dei prodotti e modalità d uso Problemi alle vie respiratorie Uso di detergenti, disinfettanti prodotti spray Contatti con prodotti per la derattizzazione e disinfestazione 4 Idem Investimento, schiacciamento arti Attività di immagazzina- mento 4 Informazione del personale Ancoraggio delle scaffalature Mezzi di trasporto. Per alcuni dei collaboratori scolastici il mansionario può prevedere l esecuzione di attività esterna per l espletamento di alcune commissioni; tale attività introduce rischi generici per la sicurezza derivanti principalmente da possibili imprudenze commesse dagli operatori o da terzi.

13 Urti, Incidenti stradali generici Imprudenza del guidatore o di terzi Rischi per la Salute dei lavoratori: Esposizione ad agenti chimici L impiego diretto di sostanze pericolose da parte dei collaboratori scolastici risulta limitato ad alcuni prodotti impiegati per le attività di pulizia; nell impiego di tali prodotti i lavoratori sono informati tramite le schede di sicurezza o le etichette sulla confezione circa le caratteristiche degli stessi e le loro possibilità di miscelazione. In allegato viene riportato l elenco di tutti i prodotti per pulizia usati. Sono forniti i D.P.I. idonei ( vedere elenco e destinatari). Altre sostanze chimiche pericolose su cui può imbattersi il collaboratore scolastico sono quelle in uso presso il laboratorio scientifici a causa di una non corretta eliminazione degli stessi al termine delle esperienze da parte degli assistenti tecnici. Esistono disposizioni per lo stoccaggio e lo smaltimento. Data la natura dei prodotti (ad uso domestico) e le quantità ed i tempi di impiego ridotti non si ritiene necessario calcolare tecnicamente il rischio chimico. Si demanda al medico la necessità di definire eventuali protocolli sanitari Ulteriore condizione di rischio per la salute dei lavoratori, riguarda l attività di copiatura fotostatica effettuata con fotocopiatrici ed altra strumentazione idonea allo scopo. Problemi alle vie respiratorie ed agli occhi, sensibilizzazione ai prodotti Presenza di prodotti chimici impiegati per l attività di pulizia o derivanti da attività didattiche 4 4 Piano di pulizia e aerazione Informazione dei lavoratori, fornitura di DPI ed abbigliamento idoneo Ambienti polverosi ed attività di rimozione polveri Attività di fotocopiatura 4 Esposizione ad agenti biologici La presenza ed il contatto con numerosi soggetti determina immancabilmente la sussistenza di rischi biologici di carattere generale. Il personale ha ricevuto una generale informazione circa i rischi cui risulta potenzialmente esposto Ulteriori rischi di natura biologica derivano dalle attività di pulizia,in particolare condotte presso i servizi igienici, dove informazioni di letteratura riferiscono la presenza di numerosi agenti biologici, anche patogeni,

14 tra i quali: Escherichia coli, Enterococcus spp, Enterobacter spp. I lavoratori sono informati circa i rischi cui sono esposti e circa i corretti criteri di igiene da osservare; sono altresì forniti di idoneo abbigliamento.. Malattie infettive Contatto con portatori di malattie infettive Contatto con superfici o materiali potenzialmente infetti Informazione dei lavoratori, Dotazione di D.P.I. Esposizione a vibrazioni Le verifiche richieste dal D.Lgs 18/07/05 per valutare la nocività o meno delle vibrazioni prodotte vengono effettuate in funzione delle attrezzature usate utilizzando le Linee Guida predisposte dall ISPESL per la valutazione teorica del rischio e la redazione dei rapporti di valutazione. Al momento non è presente questo rischio per assenza di macchinari. Carico di lavoro fisico L attività condotta dai collaboratori scolastici può risultare occasionalmente significativa ai fini dell affaticamento fisico, infatti nel corso della propria giornata lavorativa l operatore può svolgere compiti manuali (dalle pulizie alla movimentazione degli oggetti) secondo orari prestabiliti o più frequentemente può prestare la propria attività di sorveglianza in posizione eretta o deambulante. Non è previsto il trasporto di pesi rilevanti ma come già segnalato, le movimentazioni di arredi, seppure non pesanti (<30Kg) sono quotidiane anche a seguito dei compiti di pulizia generando affaticamento. Affaticamento fisico Disturbi muscolari scheletrici agli arti Mantenimento prolungato della postura eretta,attività fisica di pulizia e movimentazione Informazione sui pericoli e sui modi comportamentali ed operativi 4. Rischi individuati per la mansione: Assistenti tecnici valida anche per gli allievi In funzione dell attività svolta i rischi a cui è sottoposto questo personale sono equiparabili a quelli degli insegnanti. Poiché l attività viene svolta in laboratori attrezzati anziché nelle normali aule scolastiche gli interessati sono sottoposti anche ai rischi derivanti dalla natura del laboratorio stesso che dipendono dalle

15 sostanze, dagli strumenti e attrezzature presenti nonché dagli esperimenti fatti. In questa sezione verranno riportati i rischi specifici di laboratorio ove presenti e differenti da quelli trattati alla sezione docenti a cui si rimanda per tutti gli altri rischi. Laboratorio di chimica La dotazione scolastica ha reso disponibile un laboratorio attrezzato. E presente la raccolta di tutte le schede di sicurezza dei componenti usati in laboratorio nonché il manuale di uso e comportamento in laboratorio Esposizione ad agenti chimici Stante le sopra descritte condizioni non sono da escludere infortuni derivanti dal contatto accidentale con sostanze corrosive o irritanti eventualmente anche ad alta temperatura..in allegato si trova l elenco dei prodotti giacenti nei laboratori. In considerazione dei bassi quantitativi utilizzati e della brevità dei tempi non si ritiene significativo fare un calcolo del rischio chimico secondo le formule previste dalla Regione Piemonte o da Federchimica in quanto darebbero risultati insignificanti. Risulta tuttavia opportuno prevedere in tempi brevi uno smaltimento dei prodotti (scaduti o non più utilizzabili), tramite ditta autorizzata, previo elencazione specifica. Laboratorio di fisica 8. Esposizione ad agenti Fisici (radiazioni non ionizzanti) Le esperienze di fisica ottica possono comportare l impiego di apparecchiature laser; tali laser sebbene a bassa frequenza, in condizioni di errato impiego possono determinare pericoli per la sicurezza del personale e di terzi. Danni agli occhi Impiego di sorgenti Laser (Non vengono utilizzati ) 1 Informazione dei lavoratori, Procedure di allestimento della prova di laboratorio. Laboratori informatica, linguistica, audiovisivi Impianti Elettrici La presenza di apparecchiature elettriche può rappresentare una fonte di pericolo sebbene gli impianti di alimentazione siano costruiti a regola d arte. Seppur minimo si considera un rischio elettrico specifico per il laboratorio

16 Elettrocuzione, incendio Sovraccarico nella connessione di attrezzature, contatti diretti ed indiretti 4 Realizzazione degli impianti elettrici conformi alle regole di buone tecnica ed ai dettami della Legge 5. Rischi individuati e validi per tutte le mansioni Aree di transito, Spazi di lavoro e Scale: Il rischio è già stato considerato specificatamente per alcuni lavoratori. E comunque un rischio generale per tutti coloro che operano all interno della struttura scolastica. Nelle aree coperte non si rilevano anormali condizioni di rischio, i pavimenti e i passaggi presentano caratteristiche tecniche adeguate e non si rileva la presenza di asperità o di ostacoli non immediatamente identificabili ad eccezione delle finestre che, quando sono aperte presentano spigoli vivi che possono produrre tagli e urti Presso alcuni ambienti e laboratori gli spazi possono subire limitazioni dimensionali per la presenza di arredi o possono essere rilevati degli inciampi per la presenza di canalizzazioni e derivazioni elettriche a pavimento. Sono eventualmente possibili scivolamenti per la presenza occasionale durate le pulizie o nei giorni di pioggia di liquidi a pavimento, di norma prontamente eliminati dai collaboratori scolastici e possibili inciampi per la presenza, presso le postazioni di lavoro (laboratori compresi), di materiali ed oggetti, normalmente di proprietà degli allievi, in deposito temporaneo. Si rileva inoltre la presenza di alcune superfici vetrate, talvolta anche abbastanza estese, prive di adeguata protezione in caso di urto e pertanto un eventuale loro rottura potrebbe coinvolgere aree di passaggio e postazioni di lavoro. Urti Inciampi. Limitazioni per la presenza di arredi, presenza di canalizzazioni elettriche a pavimento. Presenza di materiali in deposito in prossimità delle postazioni di lavoro. 4 Informazione ai lavoratori, procedure di controllo attuate anche dai collaboratori scolastici

17 Scivolamenti. Presenza di liquidi a pavimento (c/o servizi igienici e in corrispondenza di accesso o passaggi). 4 Procedure di controllo e di intervento attuate dai collaboratori scolastici e dal personale ausiliario Tagli,ferite Rottura di superfici vetrate. 4 Informazione dei lavoratori, progressiva protezione delle superfici vetrate. Impianti Elettrici La rete elettrica presenta una adeguatezza con i disposti di legge in vigore. Possono essere presenti dei deterioramenti dovuti all uso. Continue richieste sono fatte alla proprietà per una corretta manutenzione. I rischi elettrici sono primariamente riconducibili a comportamenti scorretti da parte degli operatori (contatti diretti) o a contatti indiretti per eventuale carenza dell impianto di terra Elettrocuzione, incendio Sovraccarico nella connessione di attrezzature, contatti diretti ed indiretti 4 Realizzazione degli impianti elettrici conformi alle regole di buone tecnica ed ai dettami della Legge Illuminazione e Microclima L illuminazione dei luoghi di lavoro, sia naturale sia artificiale, può essere in generale considerata adeguata. Sono possibili riflessi o abbagliamenti, risultanti ancora più fastidiosi per gli operatori che impiegano attrezzature munite di videoterminale. Si consiglia il miglioramento delle protezioni per ridurre il riverbero solare E presente un impianto di illuminazione di emergenza lungo i passaggi e le vie di uscita la cui buona funzionalità viene verificata periodicamente, manca l impianto d illuminazione al P lato scuola media e tutte le luci d emergenza lato scuola media. Le condizioni generali di microclima sono in genere da considerarsi confortevoli, tuttavia presso l ingresso della scuola, ove è posta la guardiola, possono determinarsi condizioni di temperatura disagevoli. Le superfici apribili garantiscono un sufficiente numero di ricambi dell aria; non si esclude tuttavia che, in particolare in alcuni periodi stagionali, le condizioni di temperatura, umidità e velocità dell aria possano arrecare dei disagi soprattutto per i collaboratori scolastici nel corso dello svolgimento di attività di pulizia quando possono operare in presenza di correnti d aria o prestare la loro attività all esterno.

18 L esposizione a rumore del personale, sulla base dei dati di letteratura, e confermato dagli addetti,non risulta tale da arrecare danni alla salute dei lavoratori. Sono comunque individuabili situazioni della giornata lavorativa ed ambienti in cui i livelli sonori presenti e giudicabili puramente fastidiosi pur essendo sotto i valori massimi di riferimento riportati nel Dlgs195 (brusio degli allievi e/o rumori di sottofondo) possono obbligare il docente a tenere elevato il volume della propria voce, con possibili affaticamenti, che in condizioni occasionali (anche legate allo stato fisico generale del soggetto), possono portare ad afonia. Situazione particolare viene riconosciuta per i lavoratori del sottogruppo 3): nel corso di attività sportive condotte all interno delle palestre, fenomeni di riverbero, urla e schiamazzi degli allievi, fischietti ecc. possono determinare livelli sonori degni di attenzione. Problemi visivi Abbagliamenti da luce naturale e fastidiosi riflessi Ripari al sole ed uso ove possibile di superfici non riflettenti Sindromi da raffreddamento, condizioni di benessere insoddisfacente Livelli di temperatura e umidità inadeguati, presenza di correnti d aria Abbigliamento idoneo Esposizione a Rumore L esposizione a rumore del personale amministrativo e dei collaboratori scolastici, sulla base dei dati di letteratura, risulta inferiore ai limiti di sicurezza previsti dal legislatore e non risulta tale da arrecare danni alla salute dei lavoratori. Il datore di lavoro in base a queste considerazioni ha ritenuto di non effettuare rilievi sperimentali ma di autocertificarsi. Ipoacusia, stress, Occasionali esposizioni a rumore in ambienti riverberanti(es. palestra, laboratori ) Informazione dei lavoratori, affaticamento vocale Mantenimento livello di voce per lungo tempo con respirazione non controllata 1 3 Informazioni sullo stato dell arte

19 Amianto Non sussiste il rischio essendo la scuola priva di amianto Radiazioni ionizzanti Non esistono attività svolte dal personale e che possano ricadere nell ambito del rischio. Si è preso in esame il rischio radon. La scuola presenta ma non utilizza locali seminterrati. Ha quindi ritenuto non opportuno effettuare dei rilievi sulla presenza del gas. Le indicazioni di letteratura riguardanti indagini a livello di abitazione fatte nella Provincia di Torino riportano valori abbondantemente sotto la soglia di pericolo e al di sotto della media nazionale (69 Bq/mc contro 77 Bq/mc di media nazionale). Nelle strutture scolastiche monitorate il livello di radon è risultato molto al di sotto della soglia di sicurezza. Non esiste pertanto rischio o è trascurabile. Esposizione a vibrazioni Le verifiche richieste dal D.Lgs 18/07/05 per valutare l eventuale presenza di attività comportanti la trasmissione di vibrazioni ha dato esito negativo non essendo presenti in alcuna delle mansioni riportate le condizioni ipotizzate dalla legge. Campi elettromagnetici Rischio inesistente stante l assenza di macchinari e linee elettriche aeree Agenti cancerogeni Le attività che si svolgono nell Istituto non prevedono l utilizzo di prodotti cancerogeni R 45 - R54 e/o R49. R Rischi di incendio e di esplosione. Il rischio di incendio e di esplosione interessa trasversalmente tutte le mansioni presenti all interno del plesso scolastico La trattazione generale è pertanto riportata nel capitolo 9 del presente elaborato Compiti, funzioni e responsabilità Compiti,funzioni e responsabilità sono chiaramente assegnati e distribuiti rispettando le competenze professionali. Per tutte le mansioni risulta di notevole importanza il fattore responsabilità. Nell attività didattica il docente ha la responsabilità della salute e della sicurezza dei propri allievi (si veda anche il paragrafo Carico di lavoro mentale). Condizioni particolari di svolgimento dell attività possono accentuare tale responsabilità creando con il protrarsi nel tempo dell attività, delle situazioni che possono influire sulla salute del docente prima da un punto psicofisico e poi sotto forma di malattia. L attività prestata in esterno nel corso di gite scolastiche o di uscite didattiche ed i tempi ricreativi degli allievi richiedono comunque che da parte del docente si mantenga la vigilanza sugli allievi.

20 Nella mansione amministrativa il dipendente ha la responsabilità dell operato svolto. Certe condizioni di svolgimento dell attività (ritmi intensi in alcuni periodi dell anno) potrebbero accentuare tale responsabilità creando nel tempo delle situazioni che potrebbero influire sulla salute del dipendente prima da un punto psicofisico e poi sotto forma di malattia. Nella mansione di collaboratore i compiti,le funzioni e le responsabilità sono chiaramente assegnati e distribuiti secondo mansionario rispettando le competenze professionali. Non sono al momento evidenziate situazioni di criticità di rapporti interpersonali tali da poter sfociare in situazione di mobbing. Su questo punto come sulle situazioni critiche da stress esiste un attenzione particolare da parte del RSPP,del RLS, del Medico e della Direzione stessa. Stress, irritabilità affaticamento mentale Condizioni di intensa attività didattica, coordinamento,presenza di numerose persone a volte in ambiente a rischio 3 6 Informazione sulle problematiche, colloqui con direzione Informazione, formazione Relativamente ai rischi per la salute e la sicurezza il datore di lavoro, attraverso circolari interne o nel corso di riunioni periodiche, procede all informazione dei lavoratori.(docenti e personale).per gli allievi dovranno essere formulati progetti educativi/formativi da parte del Collegio Docenti. Dato l alto numero di allievi diventa difficile formare ed informarli tutti. Si ravvisa la necessità di delegare questa funzione ai docenti previa loro preparazione utilizzando inizialmente opuscoli o ipertesti. Alcuni interventi formativi specifici o per attività troppo spesso considerate marginali alla mansione (es. laboratorio ), ma che comunque, in condizioni particolari, possono risultare rilevanti, sono ancora da affinare attraverso periodici interventi (si veda anche emergenza e pronto soccorso). Rischi generici Mancata Informazione e Formazione. Scarsa importanza ed attenzione ai problemi della sicurezza Formazione e informazione.

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

LA SICUREZZA IN UFFICIO

LA SICUREZZA IN UFFICIO Collana Cultura della sicurezza LA SICUREZZA IN UFFICIO Quaderno informativo N. 16 Ufficio Speciale prevenzione e protezione Ufficio Speciale prevenzione e protezione Collana Cultura della sicurezza LA

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 9ª Versione, data revisione: Dicembre 2013, sostituisce la versione del por luglio 2010. Aggiornato con A.St.A. Europe (Agglomerated Stones Association of Europe) SILESTONE Scheda di Dati di Sicurezza

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 Cadute dall alto Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 ATTUA la direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH

RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH RILEVAZIONE DEL RISCHIO DA SOLLEVAMENTO CARICHI METODO NIOSH SPIEGAZIONI PER LA RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI COSTITUTIVI I FATTORI DI RISCHIO E PER IL CALCOLO DEGLI INDICI ESPOSITIVI NIOSH E MAPO La rilevazione

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli