DVR Documento Valutazione dei Rischi - Sezione 1. Introduzione. 1 Istituto Comprensivo di Oppeano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DVR Documento Valutazione dei Rischi - Sezione 1. Introduzione. 1 Istituto Comprensivo di Oppeano"

Transcript

1 Sezione 1. Introduzione 1 Istituto Comprensivo di Oppeano

2 La valutazione dei rischi costituisce il punto di partenza essenziale di ogni azione di prevenzione e rappresenta il nucleo centrale del Dlgs 626/94 e successivo Dlgs 81/08. Essa va intesa come l insieme di tutte le azioni volte ad indagare le condizioni, le situazioni e le attività lavorative e didattiche, descrivendole e rappresentandole analiticamente, al fine di giungere ad una stima ragionevole, il più possibile condivisa, e (quando ne ricorra la fattibilità tecnica), quantificata dall esposizione a rischi per la sicurezza e la salute del personale scolastico, degli studenti e degli ospiti. La valutazione si deve attenere alla normativa vigente nonché a quella scolastica, laddove questa introduce elementi di specificità rispetto al quadro generale. Il processo di valutazione è poi condizione necessaria e propedeutica all individuazione degli elementi di prevenzione e protezione, al fine di eliminare o ridurre i rischi rilevati, e si conclude in via naturale con la programmazione e la realizzazione effettiva degli stessi. La programmazione non può tener conto, comunque, delle urgenze, delle priorità e di tutti i vincoli, interni ed esterni all amministrazione scolastica, opportunamente esplicitati. Le finalità di questo documento sono inoltre: Contribuire a identificare le inefficienze riscontrate negli ambienti e nelle attività dell Istituto, nonché alla loro progressiva eliminazione Contribuire ad una maggiore razionalizzazione delle attività che si svolgono all interno del Istituto Contribuire al miglioramento generale del servizio offerto dall Istituto a tutti i soggetti, interni od esterni Fungere da riferimento e da supporto all attuazione di ogni altro obbligo previsto dalla normativa vigente a carico dell Istituto, con particolare riguardo all organizzazione dell Istituto rispetto alla gestione delle situazioni di emergenza Diffondere la Cultura della Sicurezza tra il personale scolastico e gli studenti. Il Sistema di Gestione della Sicurezza dell IC di Oppeano si articola in in tre AREE: AREA 1 DVR (DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI) AREA 2 PE (PIANI DI EMERGENZA) 2 Istituto Comprensivo di Oppeano

3 AREA 3 SGS (SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA) L area 1 (DVR) è suddivisa in sezioni : - Sezione 1 INTRODUZIONE - Sezione 2 PARTE GENERALE Presentazione della scuola Descrizione degli edifici che la compongono Descrizione delle attività Elenco della Documentazione Tecnica Relazione Generale sulla Valutazione dei Rischi Composizione del Servizio di Prevenzione e Protezione Organigramma della Sicurezza Modalità e criteri di Valutazione dei Rischi - Sezione 3 RISCHI AMBIENTALI - Sezione 4 RISCHI COMPORTAMENTALI 4 a) La valutazione dello stress lavoro-correlato - Sezione 5 PARTE INTEGRATIVA 5 a)la valutazione dei rischi per le Lavoratrici Madri 5 b) Le differenze di genere, età e provenienza da altri Paesi - Sezione 6 RISCHIO INCENDIO - Sezione 7 GESTIONE CANTIERI: il D.U.V.R.I. - Sezione 8 GESTIONE RIFIUTI - Sezione 9 NOTIFICHE AGLI ENTI PROPRIETARI 3 Istituto Comprensivo di Oppeano

4 - Sezione 10 DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE - Sezione 11 APPENDICI 11 a)il Glossario della Sicurezza 11 b)sigle e Abbreviazioni utilizzate nel Documento 11 c) Analisi Documentale - Sezione 12 ALLEGATI Nella sezione 4 è stata inserita la Valutazione dello Stress Lavoro Correlato, relativamente al quale è stata effettuate l indagine completa presso nell a.s. 2010/11. Questa versione per il Sito Istituzionale è stata ridotta in alcune sue parti. Su richiesta motivata dei Portatori di Interesse della Comunità Scolastica, è possibile visionare la documentazione integrale depositata presso la Sede Centrale, previo accordo con il Dirigente Scolastico ed il RSPP. 4 Istituto Comprensivo di Oppeano

5 Parte Generale 5 Istituto Comprensivo di Oppeano

6 A) Presentazione della Scuola DENOMINAZIONE ISTITUTO: ISTITUTO COMPRENSIVO DI OPPEANO NOMINATIVO DIRIGENTE SCOLASTICO: DOTT. BRUNO BORTOLASO L I.C. di Oppeano si articola in sei sedi, quattro di Scuola Primaria e due di Scuola Secondaria. SEDE CENTRALE: Scuola Secondaria di I Grado Giovanni XXIII Via Aldo Moro, Oppeano, Verona VRIC SEDE PERIFERICA 1 (PLESSO): Scuola Primaria di Oppeano Via Roma, Oppeano, Verona VREE84301B SEDE PERIFERICA 2 (PLESSO): Scuola Primaria di Ca Degli Oppi Via Dante Bertini, Cadeglioppi, Verona VREE84302C 6 Istituto Comprensivo di Oppeano

7 SEDE PERIFERICA 3 (PLESSO): Scuola Primaria di Vallese Via Spinetti Vallese, Verona VREE84303D SEDE PERIFERICA 4 (PLESSO): Scuola Primaria di Isola Rizza Rizzi Caterino Via L. Ferrari Isola Rizza, Verona VREE84304E SEDE PERIFERICA 5 (PLESSO): Scuola Secondaria di Primo Grado Via G. Marconi Isola Rizza, Verona VRMM84301A DIPENDENTI PRESENTI NELL ISTITUTO A.S. 2010/11 Dipendenti Scuola Secondaria di I Grado Oppeano Scuola Secondaria di I Grado Isola Rizza Scuola Primaria di Oppeano Scuola Primaria di Vallese Scuola Primaria di CadegliOpp i Scuola Primari a di Isola Rizza Docenti 21 9 (di cui 2 a 12 (di cui 1 a 14 (di cui 8 (di cui 1 a 10 7 Istituto Comprensivo di Oppeano

8 (di cui 2 a scavalco con Isola Rizza,1 a scavalco Ronco, 1 scavalco Monteforte) scavalco con Minerbe, 1 Ronco, 1 Zevio, 1 Monteforte, 1 Sanguinetto) scavalco con Buttapietra, 1 Isola Rizza) 1 a scavalco con Oppeano /1 I. Rizza, / 1 Cadegl.) scavalco con Isola Rizza ) ATA 6 Collaboratori Scolastici ALUNNI PRESENTI NELL ISTITUTO A.S. 2010/11 SCUOLA MEDIA OPPEANO N complessivo classi Al 22-nov-10 Classe Maschi Femmine Totale Stranieri HC Ripetenti 1^ A ^ B ^ C Totale Classe Maschi Femmine Totale Stranieri HC Ripetenti 2^ A ^ B ^ C Totale Classe Maschi Femmine Totale Stranieri HC Ripetenti 3^A ^B ^C Totale SCUOLA MEDIA ISOLA RIZZA Classe Maschi Femmine Totale Stranieri HC Ripetenti 1^ A tempo normale Totale Classe Maschi Femmine Totale Stranieri HC Ripetenti 8 Istituto Comprensivo di Oppeano

9 2^ A tempo normale Totale Classe Maschi Femmine Totale Stranieri HC Ripetenti 3^ A tempo normale Totale tempo normale CLASSI TOT. ALUNNI TOTALE GENERALE 1^ n OPPEANO 191 2^ n ^ n ISOLA RIZZA 63 Tot. 254 MASCHI FEMMINE TOTALE 254 PROSPETTO ALUNNI FREQUENTANTI LA SCUOLA ELEM. A.S. 2010/11 N complessivo classi 24 OPPEANO Inizio lezioni 14/09/09 - Termine 09/06/10 Classe Maschi Femmine Totale Stranieri H Ripetenti 1 A B A B A A B Totale CADEGLIOPPI Classe Maschi Femmine Totale Stranieri H Ripetenti gruppo Totale VALLESE Classe Maschi Femmine Totale Stranieri H Ripetenti 1 A B A B A Istituto Comprensivo di Oppeano

10 3 B A A Totale ISOLA RIZZA Classe Maschi Femmine Totale Stranieri H Ripetenti 1 A B A B A A A B Totale TOTALE GENERALE TOTALI DI PLESSO Classi Tot.Alunni OPPEANO n CADEGLIOPPI 80 2 n.6 97 VALLESE n.5 96 ISOLA RIZZA n n.5 79 MASCHI FEMMINE TOTALE 474 TOTALE Istituto Comprensivo di Oppeano

11 PESRSONALE NON DIPENDENTE A.S. 2010/11 Personale non Dipendente* Scuola Secondaria di I Grado Oppeano Scuola Secondaria di I Grado Isola Rizza Scuola Primaria di Oppeano Scuola Primaria di Vallese Scuola Primaria di CadegliOppi Scuola Primaria di Isola Rizza Docenti Corsi C + D Interventi vari E C +D C + D C + D C + D C+D Assistenti personali F F2 Addetti ristorazione G G *Personale che ha stipulato Convenzione con l Istituto (Documentazione depositata presso la Segreteria)/ Addetti alla Ristorazione /Assistenti Personali provenienti da Cooperativa convenzionata con l ULSS 21: A : / B: / C: n.1 psicologa d Istituto (orario scolastico ed extrascolastico) E: n.1 personale qualificato di un Associazione che fa corsi di ginnastica per signore (orario scolastico) F: n. 2 plesso di Vallese (orario scolastico) + 1 Ripetitore (F2) G: n. 2 Scuola Primaria Vallese (orario scolastico) Dott.ssa Gisella Di Pasquale R.S.P.P. 11 Istituto Comprensivo di Oppeano

12 R.L.S. / MEDICO COMPETENTE / S.P.P. SPP (sua articolazione): sono stati individuati 6 Referenti per la Sicurezza (v. Documentazione Area PE), che presiedono gli Addetti alle Emergenze (Antincendio e Antiterremoto) di ogni plesso, organizzano e coordinano le Prove di Evacuazione Periodiche, si coordinano con il RSPP nell ambito della Commissione Sicurezza 12 Istituto Comprensivo di Oppeano

13 B) Descrizione dei Plessi SEDE CENTRALE: Scuola Secondaria di I Grado Giovanni XXIII Via Aldo Moro, Oppeano, Verona VRIC STRUTTURA DELL EDIFICIO SCOLASTICO ED UTILIZZO DEGLI SPAZI La Scuola Secondaria di Oppeano, Sede Centrale, è costituita da due piani, i cui spazi vengono utilizzati come qui di seguito indicato. PIANO TERRA 1: archivio. 2: 3B 3: 2 B 4: Ufficio Dirigente Scolastico 5 : Aula insegnanti 6: Segreteria Generale 7: ufficio DSGA 8: ufficio personale 9 : palestra 10-11: spogliatoi 12: locale di servizio. 13: servizi igienici personale 14: ambulatorio. 13 Istituto Comprensivo di Oppeano

14 15: locali mensa 16: 3 A 17: 3 C 18: Ufficio uso speciale 19: servizi disabili 20: servizi maschili 21-22: servizi igienici femminili PRIMO PIANO 23: archivio 24: 1C 25: 1 B 26: 1A 27: 2C. 28: aula magna 29: aula artistica 30: aula informatica 31: 2^ A 32: aula musica 33: aula sostegno 34: servizi disabili 35: servizi maschili 36-37: servizi igienici femminili Si vedano le planimetrie di seguito riportate 14 Istituto Comprensivo di Oppeano

15 SPECCHIO NUMERICO DELLA POPOLAZIONE ESISTENTE SCUOLA SECONDARIA DI OPPEANO Anno scolastico 2010 / 2011 POPOLAZIONE PRESENTE h (*) PIANI Alunni Docenti ATA + addetti assistenza Totale PIANO TERRA Max 80 Max 5 Max Max Min 18 Min 1 Min 1+ 4 Min PRIMO PIANO Max 155 Max 8 Max 1 Max Min 20 Min 2 Min 1 Min 22+1 PALESTRA (**) Max 25 Max 1 Max Max 25+1 Min 18 Min 1 Min Min 18+1 AULA MAGNA (**) Max 192 Max 23+1 (Dirigente) Max 3 Max 219 Min 0 Min 0 Min 0 Min 0 (*) Specificare la fascia di massima presenza. Se l attività si svolge anche il pomeriggio, va compilato lo stesso prospetto per le ore pomeridiane. 15 Istituto Comprensivo di Oppeano

16 (**) Specificare anche la presenza in luoghi particolari (palestra, mensa, Aula Magna, ) 16 Istituto Comprensivo di Oppeano

17 SPECCHIO NUMERICO DELLA POPOLAZIONE ESISTENTE SCUOLA SECONDARIA DI OPPEANO Anno scolastico 2010 / 2011 POPOLAZIONE PRESENTE h (*) PIANI Alunni Docenti Operatori Totale PIANO TERRA Max 0 Max 0 Max 3+ 1 Max 4 Min 0 Min 0 Min 3+1 Min 4 PRIMO PIANO Max 131 Max 6 Max 1 Max 138 Min 20 Min 1 Min 1 Min 22 PALESTRA (**) Max 0 Max 0 Max 0 Max 0 Min 0 Min 0 Min 0 Min 0 MENSA (**) Max 131 Max 6 Max 1 Max 138 Min 20 Min 1 Min 1 Min 22 AULA MAGNA (**) Max 131 Max 6 Max 1 Max Istituto Comprensivo di Oppeano

18 Min 0 Min 0 Min 0 Min 0 TOTALE Max 131 Max 6 Max 3+2 Max 142 Min 20 Min 1 Min 1+2 Min 24 (*) Specificare la fascia di massima presenza. Se l attività si svolge anche il pomeriggio, va compilato lo stesso prospetto per le ore pomeridiane. (**) Specificare anche la presenza in luoghi particolari (palestra, mensa, Aula Magna, ) POPOLAZIONE PRESENTE h Per il personale esterno v. quanto indicato nella Sezione Personale non Dipendente. 18 Istituto Comprensivo di Oppeano

19 SEDE PERIFERICA 1 (PLESSO): Scuola Primaria di Oppeano Via Roma, Oppeano, Verona VREE84301B STRUTTURA DELL EDIFICIO SCOLASTICO ED UTILIZZO DEGLI SPAZI La Scuola primaria di Oppeano è costituita da due piani, i cui spazi vengono utilizzati come qui di seguito indicato. PIANO RIALZATO 1: aula della classe seconda A. 1a: bagni. 2: aula della classe prima A. 3: aula della classe prima B. 4: aula della classe seconda B. 5: laboratorio di informatica per tutte le classi del plesso e aula insegnanti. 6: palestra per tutte le classi del plesso. PRIMO PIANO 7: aula della classe quarta A. 7a: ripostiglio e bagni. 8: aula della classe quarta B. 9: aula della classe terza A. 19 Istituto Comprensivo di Oppeano

20 10: aula della classe quinta A. 11: laboratorio d inglese per tutte le classi del plesso. 12: aulette per la custodia dei sussidi, ripostiglio e bagno. Si vedano le planimetrie archiviate. 20 Istituto Comprensivo di Oppeano

21 SPECCHIO NUMERICO DELLA POPOLAZIONE ESISTENTE SCUOLA PRIMARIA DI OPPEANO Anno scolastico 2010 / 2011 POPOLAZIONE PRESENTE h (*) PIANI Alunni Docenti Operatori Totale PIANO TERRA Max 16 Max 1 Max 1 Max 18 Min 14 Min 1 Min 1 Min 16 PRIMO PIANO Max 21 Max 1 Max 1 Max 23 Min 16 Min 1 Min 1 Min 18 PALESTRA (**) Max 21 Max 1 Max 1 Max 23 Min 14 Min 1 Min 1 Min 16 LABORATORIO INFORMATICA(**) Max 11 Max 1 Max 1 Max 13 Min 7 Min 1 Min 1 Min 9 (**) Max Max Max Max Min Min Min Min 21 Istituto Comprensivo di Oppeano

22 TOTALE Max Max Max Max Min Min Min Min (*) Specificare la fascia di massima presenza. Se l attività si svolge anche il pomeriggio, va compilato lo stesso prospetto per le ore pomeridiane. (**) Specificare anche la presenza in luoghi particolari (palestra, mensa, Aula Magna, ) 22 Istituto Comprensivo di Oppeano

23 SEDE PERIFERICA 2 (PLESSO): Scuola Primaria di Ca Degli Oppi Via Dante Bertini, Cadeglioppi, Verona VREE84302C La Scuola primaria di Ca degli Oppi è costituita da due piani, i cui spazi vengono utilizzati come qui di seguito indicato. PIANO RIALZATO 1: aula della classe quinta. 2: aula della classe seconda. 3: aula della classe prima. 4: aula per le attività di sostegno e per le riunioni degli insegnanti. 5: palestra. 6: locale caldaia. PRIMO PIANO 7: aula della classe terza. 8: aula per i gruppi delle classi seconda, quarta e quinta. 9: aula della classe quarta. 10: laboratorio di informatica. 11: salone per l insegnamento della lingua inglese, la religione e per gli audiovisivi. Si vedano le planimetrie di seguito riportate. SPECCHIO NUMERICO DELLA POPOLAZIONE ESISTENTE 23 Istituto Comprensivo di Oppeano

24 SCUOLA PRIMARIA DI CA DEGLI OPPI Anno scolastico 2010 / 2011 POPOLAZIONE PRESENTE h (*) PIANI Alunni Docenti Operatori Totale PIANO TERRA Max 45 Max 4 Max 1 Max 50 Min 27 Min 2 Min 1 Min 30 PRIMO PIANO Max 35 Max 3 Max 1 Max 39 Min 16 Min 1 Min 0 Min 17 PALESTRA (**) (da aggiungere al N persone piano terra) Max 19 Max 2 Max 0 Max 20 Min 10 Min 1 Min 0 Min 11 AULA INGLESE E RELIGIONE (**) Max 19 Max 1 Max 0 Max 20 PRIMO PIANO (da aggiungere al N persone primo Min 10 Min 1 Min 0 Min Istituto Comprensivo di Oppeano

25 piano) TOTALE Max 80 Max 10 Max 2 Max 92 Min 80 Min 5 Min 1 Min 86 (*) Specificare la fascia di massima presenza. Se l attività si svolge anche il pomeriggio, va compilato lo stesso prospetto per le ore pomeridiane. (**) Specificare anche la presenza in luoghi particolari (palestra, mensa, Aula Magna, ) Per il personale esterno v. quanto indicato nella Sezione Personale non Dipendente. 25 Istituto Comprensivo di Oppeano

26 SEDE PERIFERICA 3 (PLESSO): Scuola Primaria di Vallese Via Spinetti Vallese, Verona VREE84303D La Scuola Primaria di Vallese è costituita da un piano rialzato, dove si svolge prevalentemente l attività didattica, e da un piano seminterrato, con la mensa ed una piccola palestra. Gli spazi vengono utilizzati come qui di seguito indicato. PIANO RIALZATO : rispettivamente aule delle classi 1^ A, 1^ B, 3^ A, 3^ B, 5^, 4^, 2^ A, 2^ B. 6 A 6 B: bagno dei maschi e delle femmine 7: laboratorio di informatica e delle attività per piccoli gruppi. 10: attività per piccoli gruppi e attività di sostegno. 10 A: bagno maschi 11: spazio per le riunioni degli insegnanti, per la custodia dei sussidi e per il fotocopiatore. 11 A 11 B: bagno adulti e bagno femmine 12: corridoio PIANO SEMINTERRATO 13: palestra. 14: mensa e un piccolo spazio per attività per piccoli gruppi. Si vedano le planimetrie archiviate. SPECCHIO NUMERICO DELLA POPOLAZIONE ESISTENTE SCUOLA ELEMENTARE DI VALLESE 26 Istituto Comprensivo di Oppeano

27 Anno scolastico 2010 / 2011 POPOLAZIONE PRESENTE h (*) PIANI Alunni Docenti Operatori Totale PIANO RIALZATO Max 138 Max 17 Max 4 Max 159 Min 12 Min 1 Min 1 Min 14 PRIMO PIANO Max Max Max Max Min Min Min Min PALESTRA (**) Max 23 Max 3 Max 1 Max 27 Min 12 Min 1 Min 1 Min 14 MENSA (**) Max Max Max Max Min Min Min Min Max Max Max Max 27 Istituto Comprensivo di Oppeano

28 (**) Min Min Min Min TOTALE Max Max Max Max Min Min Min Min (*) Specificare la fascia di massima presenza. Se l attività si svolge anche il pomeriggio, va compilato lo stesso prospetto per le ore pomeridiane. (**) Specificare anche la presenza in luoghi particolari (palestra, mensa, Aula Magna, ) SPECCHIO NUMERICO DELLA POPOLAZIONE ESISTENTE SCUOLA ELEMENTARE DI VALLESE Anno scolastico 2010 / 2011 POPOLAZIONE PRESENTE h (*) 28 Istituto Comprensivo di Oppeano

29 PIANI Alunni Docenti Operatori Totale PIANO RIALZATO Max 138 Max 8 Max 4 Max 150 Min 12 Min 1 Min 1 Min 14 PRIMO PIANO Max Max Max Max Min Min Min Min PALESTRA (**) Max 23 Max 1 Max 1 Max 25 Min 12 Min 1 Min 1 Min 14 MENSA (**) Max 123 Max 4 Max 4 Max 131 Min 12 Min 1 Min 1 Min 14 (**) Max Max Max Max Min Min Min Min TOTALE Max Max Max Max 29 Istituto Comprensivo di Oppeano

30 Min Min Min Min (*) Specificare la fascia di massima presenza. Se l attività si svolge anche il pomeriggio, va compilato lo stesso prospetto per le ore pomeridiane. (**) Specificare anche la presenza in luoghi particolari (palestra, mensa, Aula Magna, ) 30 Istituto Comprensivo di Oppeano

31 SEDE PERIFERICA 4 (PLESSO): Scuola Primaria di Isola Rizza Rizzi Caterino Via L. Ferrari Isola Rizza, Verona VREE84304E STRUTTURA DELL EDIFICIO SCOLASTICO ED UTILIZZO DEGLI SPAZI La Scuola Primaria di Isola Rizza è costituita da due piani, i cui spazi vengono utilizzati come qui di seguito indicato. PIANO RIALZATO 1: spazio per il solo passaggio. 2: aula della classe prima A 3: aula della classe seconda A 4: aula della classe seconda B 5: aula jolly per le attività in piccoli gruppi 6: aula della classe 1 B 7: spazio per le riunioni degli insegnanti. PRIMO PIANO 8: laboratorio di informatica. 9 : aula della classe quinta B 10: aula della classe terza A 11: aula della classe quarta A 12: aula biblioteca alunni 31 Istituto Comprensivo di Oppeano

32 13:aula della classe quinta A 14: aula jolly per le attività di recupero. Si vedano le planimetrie di seguito riportate. SPECCHIO NUMERICO DELLA POPOLAZIONE ESISTENTE SCUOLA PRIMARIA DI ISOLA RIZZA Anno scolastico 2010 / 2011 POPOLAZIONE PRESENTE h (*) PIANI Alunni Docenti Operatori Totale PIANO TERRA Max 57 Max 4 Max 1 Max 62 Min 13 Min 1 Min 1 Min 15 PRIMO PIANO Max 71 Max 4 Max 1 Max 76 Min 11 Min 1 Min 1 Min 13 PALESTRA (**) Vedi Max Max Max orari allegati Min Min Min 32 Istituto Comprensivo di Oppeano

33 MENSA (**) Max Max Max Max Min Min Min Min (**) Max Max Max Max Min Min Min Min TOTALE Max 128 Max 8 Max 2 Max 138 Min 28 Min 2 Min 1 Min 31 (*) Specificare la fascia di massima presenza. Se l attività si svolge anche il pomeriggio, va compilato lo stesso prospetto per le ore pomeridiane. (**) Specificare anche la presenza in luoghi particolari (palestra, mensa, Aula Magna, ) ** La palestra consta di un edificio distaccato dalla sede. V Sezione Planimetrie e parte f) (Relazione Generale sulla Valutazione dei Rischi). 33 Istituto Comprensivo di Oppeano

34 SEDE PERIFERICA 5 (PLESSO): Scuola Secondaria di Primo Grado Via G. Marconi Isola Rizza, Verona VRMM84301A STRUTTURA DELL EDIFICIO SCOLASTICO ED UTILIZZO DEGLI SPAZI La Scuola Secondaria di Isola Rizza è costituita da due piani(edificio nuovo) e da una porzione del vecchio edificio, i cui spazi vengono utilizzati come di seguito indicato PIANO TERRA o aule delle classi prime, delle seconde e delle terze; o aule speciali o Guardiola personale ausiliario o Servizi igienici maschili e femminili (nuovo plesso) o Servizi igienici maschili e femminili (vecchio plesso) PRIMO PIANO o Aula insegnanti o Ufficio o Biblioteca (utilizzata anche per attività di recupero per piccoli gruppi) 34 Istituto Comprensivo di Oppeano

35 o Aula C. C. R o Archivio o Servizi igienici Si vedano le planimetrie archiviate 35 Istituto Comprensivo di Oppeano

36 SPECCHIO NUMERICO DELLA POPOLAZIONE ESISTENTE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI ISOLA RIZZA Anno scolastico 2010/2011 POPOLAZIONE PRESENTE h (*) PIANI Alunni Docenti Operatori Totale PIANO TERRA Max 63 Max 4 Max 2 Max 69 Min 18 Min 1 Min 1 Min 20 PRIMO PIANO Max 5 Max 3 Max 2 Max 10 Min 0 Min 0 Min 0 Min 0 PALESTRA (**) Max 23 Max 1 Max 1 Max 26 Min 18 Min 1 Min 1 Min 20 MENSA (**) DA h a h Max 21 Max 1 Max 1 Max 24 Min 12 Min 1 Min 1 Min Istituto Comprensivo di Oppeano

37 (**) Max Max Max Max Min Min Min Min TOTALE Max 63 Max 4 Max 2 Max 69 Min 18 Min 1 Min 1 Min 20 (*) Specificare la fascia di massima presenza. Se l attività si svolge anche il pomeriggio, va compilato lo stesso prospetto per le ore pomeridiane. (**) Specificare anche la presenza in luoghi particolari (palestra, mensa, Aula Magna, ) SPECCHIO NUMERICO DELLA POPOLAZIONE ESISTENTE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI ISOLA RIZZA Anno scolastico 2010/ Istituto Comprensivo di Oppeano

38 POPOLAZIONE PRESENTE h (*) PIANI Alunni Docenti Operatori Totale PIANO TERRA Max 45 Max 2 Max 1 Max 48 Min 22 Min 1 Min 1 Min 24 PRIMO PIANO Max Max Max Max Min Min Min Min PALESTRA (**) Max Max Max Max Min Min Min Min MENSA (**) DA h a Max 22 Max 1 Max 1 Max 24 Min 12 Min 1 Min 1 Min 14 Max Max Max Max 38 Istituto Comprensivo di Oppeano

39 (**) Min Min Min Min TOTALE Max 45 Max 2 Max 1 Max 48 Min 22 Min 1 Min 1 Min 24 (*) Specificare la fascia di massima presenza. Se l attività si svolge anche il pomeriggio, va compilato lo stesso prospetto per le ore pomeridiane. (**) Specificare anche la presenza in luoghi particolari (palestra, mensa, Aula Magna, ) ** La palestra consta di un edificio distaccato dalla sede. V Sezione Planimetrie e parte f) (Relazione Generale sulla Valutazione dei Rischi). 39 Istituto Comprensivo di Oppeano

40 C) Descrizione di impianti, macchine, attrezzature ecc. presenti nei vari edifici/plessi. In questa sezione viene indicata la presenza dei principali impianti tecnologici nei singoli plessi e, solo se consistente e rilevante in termini di sicurezza, di sostanze, materiali, macchine e attrezzature. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO OPPEANO - IMPIANTISTICA Impianto elettrico Impianto termico Impianto idrosanitario Impianto telefonico Impianto informatico Impianto antincendio MACCHINARI USO SISTEMATICO PC (Segreteria aule Aula Informatica) 3 fotocopiatrici (Aula Insegnanti Aula infermeria Area Segreteria) Videoproiettore 1 Lavagna luminosa 3 L.I.M. Macchina idropulitrice (ripostiglio sottoscala) Macchina aspiratrice (ripostiglio sottoscala) Scaldavivande (Aula Mensa Piano Terra) Due Macchine distributrici cibo e bevande (Atrio) 40 Istituto Comprensivo di Oppeano

41 STOCCAGGIO MATERIALE VARIO in uso Prodotti di pulizia (sottoscala) STOCCAGGIO MATERIALE VARIO in attesa di essere smaltito PC dismessi piccola quantità (sottoscala) ARCHIVIO DOCUMENTAZIONE Documentazione cartacea varia (Segreteria Archivi Piano Terra e Piano Primo- Aula Dirigenza -Aula insegnanti - ) SCUOLA PRIMARIA OPPEANO - IMPIANTISTICA Impianto elettrico Impianto termico Impianto idrosanitario Impianto telefonico Impianto informatico Impianto antincendio MACCHINARI USO SISTEMATICO PC (Aula informatica) Videoproiettore Lavagna luminosa 3 L.I.M. 41 Istituto Comprensivo di Oppeano 1 fotocopiatrice (aula insegnanti) Macchina erogatrice bevande calde (corridoio Piano Terra) STOCCAGGIO MATERIALE VARIO in uso Prodotti di pulizia (sgabuzzino piano terra / bagno ad uso interdetto alunni Piano Primo) STOCCAGGIO MATERIALE VARIO in attesa di essere smaltito

42 ARCHIVIO DOCUMENTAZIONE Documentazione cartacea varia (Aula insegnanti armadi corridoio principale Piano Terra) SCUOLA PRIMARIA CA DEGLI OPPI - IMPIANTISTICA Impianto elettrico Impianto termico Impianto idrosanitario Impianto telefonico Impianto informatico Impianto antincendio MACCHINARI USO SISTEMATICO PC (Aula informatica Piano Rialzato) Videoproiettore Lavagna luminosa 2 L.I.M. 1 fotocopiatrice (ingresso insegnanti Piano Rialzato) Macchina erogatrice bevande calde (corridoio Piano Rialzato) STOCCAGGIO MATERIALE VARIO in uso Prodotti di pulizia (sgabuzzino piano seminterrato armadio Piano Primo) STOCCAGGIO MATERIALE VARIO in attesa di essere smaltito ARCHIVIO DOCUMENTAZIONE Documentazione cartacea varia (Aula insegnanti armadi corridoio principale Piano Terra) 42 Istituto Comprensivo di Oppeano

43 SCUOLA PRIMARIA VALLESE IMPIANTISTICA Impianto elettrico Impianto termico Impianto idrosanitario Impianto telefonico Impianto informatico Impianto antincendio MACCHINARI USO SISTEMATICO PC (Aula informatica e aula denominata Jolly) 1 fotocopiatrice (Aula Insegnanti) 1 videopropiettore (Aula denominata Jolly) 1 lavagna luminosa (Aula Informatica) 3 L.I.M. Scaldavivande (Aula Mensa Piano Interrato) Macchina erogatrice caffè e macchina erogatrice bevande calde (Aula Insegnanti) STOCCAGGIO MATERIALE VARIO in uso Prodotti di pulizia (armadio bagno alunni piano primo) STOCCAGGIO MATERIALE VARIO in attesa di essere smaltito ARCHIVIO DOCUMENTAZIONE Vecchi arredi e PC (cantina) Documentazione cartacea varia (Aula insegnanti armadi corridoio principale Piano Terra) 43 Istituto Comprensivo di Oppeano

44 SCUOLA PRIMARIA ISOLA RIZZA IMPIANTISTICA Impianto elettrico Impianto termico Impianto idrosanitario Impianto telefonico Impianto informatico Impianto antincendio MACCHINARI USO SISTEMATICO PC (Aula informatica Piano Primo) 2 fotocopiatrici (Aula Insegnanti Piano Rialzato Aula Biblioteca Piano Primo) Videoproiettore Lavagna luminosa 3 L.I.M. Macchina erogatrice bevande calde (Aula Insegnanti) STOCCAGGIO MATERIALE VARIO in uso Prodotti di pulizia (armadio bagno alunni Piano Rialzato) STOCCAGGIO MATERIALE VARIO in attesa di essere smaltito ARCHIVIO DOCUMENTAZIONE Documentazione cartacea varia (Aula insegnanti armadi corridoio principale Piano Terra) SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ISOLA RIZZA 44 Istituto Comprensivo di Oppeano

45 IMPIANTISTICA Impianto elettrico Impianto termico Impianto idrosanitario Impianto telefonico Impianto informatico Impianto antincendio MACCHINARI USO SISTEMATICO PC (Aula informatica Piano Terra Edificio Vecchio) 1 fotocopiatrice Videoproiettore Lavagna luminosa 2 L.I.M. Macchina erogatrice bevande calde (Aula Insegnanti) STOCCAGGIO MATERIALE VARIO in uso Prodotti di pulizia (seminterrato Edificio Nuovo) STOCCAGGIO MATERIALE VARIO in attesa di essere smaltito ARCHIVIO DOCUMENTAZIONE Documentazione cartacea varia (Aula insegnanti aula Archivio Piano Primo Vecchio Edificio) 45 Istituto Comprensivo di Oppeano

46 Rischi ambientali 46 Istituto Comprensivo di Oppeano

47 In questa sezione confluisce la valutazione di tutti i fattori di rischio di tipo oggettivo, dovuti a situazioni strutturali, ambientali o impiantistiche. Come già accennato, in questa sezione il processo di valutazione interessa ogni singolo plesso scolastico, per singoli spazi o raggruppamento degli stessi. Tale valutazione è effettuata periodicamente dal RSPP e dal DS secondo un indice di gravità. Ogni comunicazione all Ente Proprietario (Comuni) viene effettuata tempestivamente. 47 Istituto Comprensivo di Oppeano

48 Rischi comportamentali 48 Istituto Comprensivo di Oppeano

49 In questa sezione confluisce la valutazione di tutti i fattori di rischio che hanno in qualche modo attinenza con i comportamenti del personale scolastico e degli studenti. Nella Scuola molti incidenti e infortuni hanno origine da comportamenti scorretti. Tenuto conto dell ampio ventaglio di situazioni possibili, la classificazione parte dall analisi si Situazioni suddivise per Attività: Attività Strutturate, caratterizzate da una sistematicità e da un certo gradi di ripetitività delle modalità di lavoro Attività non strutturate, caratterizzate da un elevato margine di imprevedibilità nella modalità di realizzazione Attività ibride, caratterizzate soprattutto dalla presenza di rischi di tipo ergonomico e da problemi di carattere ambientale. In questa Sezione rientra anche l indagine sullo Stress-Lavoro Correlato, che è stata effettuata nell a.s. 2010/11 49 Istituto Comprensivo di Oppeano

50 Parte integrativa 50 Istituto Comprensivo di Oppeano

51 In questa sezione sono valutate quelle situazioni, in genere piuttosto complesse ed articolate, che per le loro peculiarità non hanno trovato posto nelle Sezioni 3 e 4 (Rischi Ambientali e Rischi Comportamentali). Rientrano nella valutazione effettuata: 1. Le visite d istruzione giornaliere 2. Uscite brevi a carattere ecologico-ambientale (parchi, riserve, giardini zoologici o botanici) 3. Uscite brevi a carattere culturale (teatro, cinema, musei ecc.) 4. Viaggi di più giorni in Italia o all estero 5. Attività sportive svolte da classi o gruppi di studenti fuori dalla scuola 6. Gestione dei ragazzi e del personale diversamente abile 7. La gestione del rischio biologico Relativamente ai punti 1., 2. e 3., l Istituto Comprensivo di Oppeano si è dotato a partire dall anno scolastico 2007/08 di un Regolamento d Istituto che organizza in modo puntuale e dettagliato l organizzazione e la gestione delle Uscite, di cui si allega uno stralcio significativo qui di seguito. Capo 5. Passeggiate Scolastiche, Visite Guidate e Viaggi d Istruzione 1. Premessa: All inizio dell anno scolastico sarà richiesta alle famiglie la compilazione di specifica Modulistica Obbligatoria. Sono definite passeggiate scolastiche tutte le uscite nell ambito del territorio prossimo alla scuola che non richiedono l uso del mezzo di trasporto e non abbiano soste di lunga durata in siti, teatri, chiese, musei, Sono definite passeggiate con mèta tutte le uscite nell ambito del territorio prossimo alla scuola che non richiedono l uso del mezzo di trasporto ma abbiano soste di lunga durata in siti archeologici, teatri, chiese, musei, Sono definite visite guidate, o gite, tutte le uscite finalizzate ad arricchire o migliorare l offerta formativa che richiedono l uso del mezzo di trasporto e che si svolgono in una singola giornata, in orario mattutino e/o tutta la giornata. 51 Istituto Comprensivo di Oppeano

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08 Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08 COMMITTENTE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Istituto di Scienze dell Alimentazione

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ARGOMENTI TRATTATI DALL ING. GIULIANO DEGL INNOCENTI NEL SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER I COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli