GLI INCOTERMS CONDIZIONI DI CONSEGNA NEI CONTRATTI DI COMPRAVENDITA. Silvia Ceraolo IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA ART. 1470

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI INCOTERMS CONDIZIONI DI CONSEGNA NEI CONTRATTI DI COMPRAVENDITA. Silvia Ceraolo IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA ART. 1470"

Transcript

1 GLI INCOTERMS CONDIZIONI DI CONSEGNA NEI CONTRATTI DI COMPRAVENDITA Silvia Ceraolo IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA ART La vendita è il contratto che ha per oggetto il trasferimento della proprietà di una cosa o il trasferimento di un altro diritto verso il corrispettivo di un prezzo 1

2 OBBLIGHI NEL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA ART COMMA 1 N.1) Obbligazioni principali del venditore Le obbligazioni principali del venditore sono: 1) consegnare la cosa al compratore 2) fargli acquistare la proprietà della cosa 3) garantire il compratore dall evizione e dai vizi della cosa OBBLIGHI NEL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA ART COMMA 2 Luogo della consegna Salvo patto o uso contrario, se la cosa venduta deve essere trasportata da un luogo all altro, il venditore si libera dall obbligo della consegna rimettendo la cosa al vettore o allo spedizioniere. 2

3 SPEDIZIONIERE / VETTORE VETTORE: ART Col contratto di trasporto il vettore si obbliga, verso corrispettivo, a trasferire persone o cose da un luogo all altro SPEDIZIONIERE: ART Il contratto di spedizione è un mandato col quale lo spedizioniere assume l obbligo di concludere, in nome proprio e per conto del mandante, un contratto di trasporto e di compiere le operazioni accessorie SPEDIZIONIERE / VETTORE SPEDIZIONIERE è l intermediario che organizza l'intera spedizione agisce come mandatario dell azienda, stipulando in nome proprio ma per conto dell azienda un contratto di trasporto con un vettore esegue le operazioni accessorie alla spedizione (ad es. spedizioniere doganale) è tenuto unicamente ad un obbligazione di mezzi VETTORE è colui che esegue il trasferimento fisico delle merci, con mezzi propri o altrui (ad es. noleggiati) risponde dell'integrità del carico e della consegna delle merci a destino. poiché è contrattualmente obbligato a trasferire le merci, è tenuto ad una obbligazione di risultato è il vettore, quindi, che risponde del risultato finale del trasporto (= consegna delle merci a destino) 3

4 IL VENDITORE NELLA CONVENZIONE DI VIENNA CONVENZIONE DI VIENNA SULLA VENDITA INTERNAZIONALE DI MERCE (1980) ratificata dall'italia con legge 11 dicembre 1985, n. 765 in vigore dal 1º gennaio 1988 ART. 30 il venditore si impegna, alle condizioni previste dal contratto e dalla convenzione, a consegnare le merci, a trasferirne la proprietà e a consegnare tutti i relativi documenti IL VENDITORE NELLA CONVENZIONE DI VIENNA L obbligo di consegna deve essere adempiuto: nel luogo concordato e secondo i termini di consegna definiti alla data di pattuita nel contratto o determinabile in base al contratto o comunque entro un periodo ragionevole secondo le modalità di trasporto (via mare, via aerea, via terra o con una combinazione di queste = trasporto intermodale o multimodale) definite contrattualmente; stipulando, se obbligato da una norma pattizia o di legge, un'assicurazione sul carico la merce trasportata per coprire i rischi di perdita o danneggiamento del carico; consegnando merce conforme (per quantità, qualità e tipo) alle caratteristiche pattuite, senza difetti, idonea all'uso e adeguatamente confezionata ed imballata; 4

5 IL VENDITORE NELLA CONVENZIONE DI VIENNA consegnando merce libera da diritti o pretese di terzi (salvo, in caso contrario, consenso del compratore) ed in regola coi diritti di proprietà industriale e intellettuale (= brevetti, marchi, licenze); fornendo al cliente tutte le informazioni necessarie per il ritiro della merce; consegnando i documenti relativi alla merce alle condizioni (forma, momento e luogo) pattuiti; trasferendo la proprietà della merce secondo quanto previsto dalla legge nazionale applicabile al contratto NB: il trasferimento della proprietà non è disciplinato dalla Convenzione di Vienna Deve: IL COMPRATORE NELLA CONVENZIONE DI VIENNA pagare il prezzo fissato nel contratto, nella valuta contrattualmente pattuita, con le modalità concordate (bonifico bancario, credito documentario, ecc.) nel luogo e nei tempi previsti (in via posticipata e/o anticipata) prendere in consegna la merce e adempiere alle eventuali procedure necessarie al suo ritiro (liberando in tal modo il venditore dal suo obbligo principale) 5

6 OBBLIGHI NEL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA Diventa allora fondamentale definire esattamente il momento della CONSEGNA DELLA MERCE adempimento del principale obbligo del venditore (e del correlato obbligo del compratore) danni del trasporto decorrenza della garanzia risoluzione delle controversie DANNI DEL TRASPORTO possono riguardare quantità (cali, perdite), qualità, confezione e imballaggio della merce può risultare compromessa la conformità del bene alle specifiche contrattuali I vizi e i difetti conseguenti al trasporto del bene dal luogo di consegna al luogo di destinazione sono a carico del compratore 6

7 DECORRENZA DELLA GARANZIA Convenzione di Vienna Art. 39 In tutti i casi l'acquirente decade dal diritto di far valere un difetto di conformità se non lo denuncia al più tardi entro un termine di due anni, a partire dalla data alla quale le merci gli sono state effettivamente consegnate a meno che tale scadenza non sia incompatibile con la durata di una garanzia contrattuale RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE Regolamento (CE) 44/2001 art. 5, lett. b), punto 1 il luogo di esecuzione dell'obbligazione dedotta in giudizio è il luogo, situato in uno Stato membro, in cui i beni sono stati o avrebbero dovuto essere consegnati in base al contratto 7

8 LA CONSEGNA Fondamentale definire con la controparte: 1. come e dove avviene la consegna? 2. chi paga il trasporto e gli altri oneri accessori? 3. chi si fa carico dei rischi? 4. chi effettua le operazioni doganali in export/import e sostiene i relativi costi? LA CONSEGNA Compratore e venditore sono liberi di concordare contrattualmente tali aspetti come meglio credono. Tuttavia data la varietà di norme, usi e consuetudini in vigore nei diversi Paesi e considerate anche le differenze culturali, linguistiche e operative è preferibile affidarsi a modelli unificati a contenuto predeterminato esigenza di codificare in un set di norme standardizzate le più diffuse prassi commerciali internazionali. Obiettivo: minimizzare il rischio di incomprensioni, imprecisioni ed ambiguità evitare controversie 8

9 GLI INCOTERMS INTERNATIONAL COMMERCIAL TERMS (termini di resa) GENESI STORICA la Camera di Commercio Internazionale (ICC) organizzazione privata fondata nel 1919 per la rappresentanza a livello mondiale di tutti i settori economici si fece interprete di questa esigenza di certezza degli operatori e da subito si propose di definire sigle standard a contenuto pre-definito da richiamare (facoltativamente) nei contratti 1923: pubblicazione dell opuscolo "Trade Terms" contenente la codificazione di 6 termini aggiornamento e revisione nel 1953, 1967, 1980, 1990, 2000 e infine 2010, per seguire l'evoluzione delle pratiche commerciali e le innovazioni dei trasporti 9

10 GLI INCOTERMS Insieme di regole convenzionali che sintetizzano in una sigla di 3 lettere le pattuizioni commerciali comunemente usate nei contratti di compravendita, al fine di individuare le responsabilità, la ripartizione delle spese e dei rischi connessi alla consegna della merce GLI INCONTERMS si applicano alle compravendite di beni mobili non sono norme di legge non si applicano automaticamente ai contratti hanno carattere pattizio sono efficaci e vincolanti per le parti solo se e nei limiti in cui sono espressamente richiamati dal contratto 10

11 GLI INCONTERMS permettono di definire il momento della consegna, cioè il tempo ed il luogo in cui avviene il trasferimento dal venditore al compratore dei rischi del trasporto, nonché degli obblighi (e relativi costi) delle operazioni accessorie determinano, cioè, con precisione: il luogo della consegna il momento del passaggio dei rischi di danneggiamento e/o perdita della merce su chi gravi l obbligo di stipulare il contratto di trasporto su chi gravi l eventuale obbligo di stipulare il contratto di assicurazione a chi compete il pagamento dei dazi la ripartizione delle altre spese che derivano dal trasporto GLI INCONTERMS se correttamente utilizzati, definiscono le responsabilità di acquirente e venditore in modo semplice, eliminando le ambiguità e riducendo il rischio di controversie aiutano a definire il prezzo del bene venduto poichè permettono di stabilire senza ambiguità la ripartizione tra venditore e compratore dei costi accessori e di trasporto (chi sostiene questi costi?) sono largamente utilizzati nel commercio internazionale, ma possono essere utilizzati anche nelle compravendite interne 11

12 GLI INCONTERMS sono pubblicati in inglese e in edizione bilingue in inglese e altre 31 lingue la scelta del termine di resa deve essere congrua con il mezzo di trasporto prescelto es.fob (franco a bordo) non si può applicare ad un trasporto ferroviario nell indicazione del termine bisogna sempre specificare il luogo (ove avverrà l attuazione del contenuto del termine) poiché il contenuto varia leggermente tra le diverse revisioni, è opportuno accompagnare il termine prescelto con l edizione di riferimento es.cifgenova asper Incoterms2010 GLI INCONTERMS non servono a stabilire il momento del passaggio di proprietà delle merci non regolano i rapporti che si instaurano con le altre parti coinvolte nella spedizione internazionale (ad es. contratto di trasporto, di spedizione, di assicurazione), che sono regolati, invece, dai principi dell ordinamento interno e/o da specifiche convenzioni internazionali non regolano le obbligazioni delle parti per l imballaggio, lo stoccaggio e lo stivaggio all interno del container 12

13 GLI INCONTERMS non regolano tutti gli aspetti dell operazione di compravendita Bisogna infatti considerare ad es.: norme e responsabilità dei documenti di esportazione e importazione (licenze, autorizzazioni,ecc) spese di imballaggio, di testing, di marcatura delle merci obblighi reciproci di consegne documentali assunzione delle spese supplementari per ritardo nella consegna delle merci o nella loro ricezione prove dell esecuzione del contratto norme sulla responsabilità del produttore ecc. GLI INCONTERMS non sostituiscono il contratto. Gli Incoterms, infatti, non disciplinano: obbligazioni di pagamento del compratore (luogo, tempo, modalità) trasferimento della proprietà violazioni del contratto e loro conseguenze garanzie contrattualmente offerte dal venditore ritardi o consegne parziali esoneri da responsabilità legge applicabile e foro competente 13

14 GLI INCONTERMS necessità di aggiornamento periodico. INCOTERMS 2010 evoluzioni del commercio internazionale (controlli anti contraffazione, trasporti materiali pericolose, ) accresciute esigenze di sicurezza dei traffici (norme antiterrorismo, notifiche di arrivo, comunicazioni elettroniche tra dogane, ) adozione anche degli USA, che hanno cancellato le loro R.A.F.T.D (Revised American Foreign Trade Definitions) GLI INCOTERMS 2010 La ICC di Parigi ha approvato la revisione 2010 degli Incoterms, in vigore dal 1 gennaio 2011 (possono essere usate le versioni precedenti?) ICC ITALIA Comitato Nazionale italiano della Camera di Commercio Internazionale con sede a Roma - ha predisposto l'edizione ufficiale bilingue italiano-inglese dei nuovi Incoterms 2010 acquistabile on line o consultabile gratuitamente c/o la Camera di Commercio di Bergamo 14

15 GLI INCOTERMS 2010 espressa possibilitàdi utilizzare gli Incoterms anche nei contratti di compravendita conclusi fra operatori stabiliti all'interno di Stati appartenenti a blocchi commerciali nei quali non esistono barriere doganali (UE, Stati Uniti, ecc) attribuzionealle comunicazioni in forma elettronica dello stesso valore di quelle prodotte in forma cartacea (ove convenuto) indicazionepiù precisa delle informazioni che devono essere fornite in materia di assicurazione della merce obbligo di inserire informazioni sui requisiti di sicurezza del carico GLI INCOTERMS termini codificati, di cui 2 radicalmente nuovi cancellati 4 termini dei 13 codificati nell ed DAF (Delivered At Frontier) - DES (Delivered Ex Ship) - DEQ (Delivered Ex Quay) - DDU (Delivered Duty Unpaid) ogni regola è preceduta da una sintetica nota esplicativa 15

16 GLI INCOTERMS 2010 per ogni resa, sono dettagliatamente esposte in 10 punti le obbligazioni del venditore (contrassegnate dalla lettera A) e del compratore (lettera B) dette obbligazioni sono presentate in modo corrispondente e speculare GLI INCOTERMS 2010 OBBLIGAZIONI DELLE PARTI A1-B1 Obblighi generali del venditore/compratore A2-B2 Licenze, autorizzazioni, adempimenti di sicurezza A3-B3 Contratto di trasporto ed assicurazione A4-B4 Consegna A5-B5 Trasferimento dei rischi A6-B6 Ripartizione delle spese A7-B7 Comunicazioni al compratore/venditore A8-B8 Documento di consegna/prova della consegna A9-B9 Controllo, imballaggio, marcatura/ispezione merce A10-B10 Assistenza per informazioni e relative spese 16

17 GLI INCOTERMS 2010 I termini di resa sono suddivisi in 2 gruppi: i termini del 1 gruppo si applicano a qualsiasi modalità di trasporto (compreso quello intermodale) i termini del 2 gruppo sono applicabili unicamente al trasporto per via d acqua (marittimo o fluviale) GLI INCOTERMS gruppo EXW Franco fabbrica FCA CPT CIP DAT DAP DDP Franco vettore Trasporto pagato fino a Trasporto e assicurazione pagati fino a Reso al terminal convenuto Reso al luogo di destinazione convenuto Reso sdoganato al luogo di destinazione convenuto 17

18 GLI INCOTERMS gruppo FAS Franco lungo bordo FOB Franco a bordo CFR Costo e nolo CIF Costo, assicurazione e nolo NOTA: per queste 3 rese la consegna si perfeziona con l avvenuto carico a bordo della nave. E il punto di consegna è sempre un porto GLI INCOTERMS 2010 RESE DI PARTENZA RESE DI ARRIVO 1. EXW (place of delivery) 2. FCA (place of delivery) 3. CPT (place of destination) 4. CIP (place of destination) 5. FAS (port of shipment) 6. FOB (port of shipment) 7. CFR (port of destination) 8. CIF (port of destination) 1. DAT (terminal at port or place of destination) 2. DAP (place of destination) 3. DDP (place of destination) 18

19 IL LUOGO CONVENUTO va indicato con la massima precisione in ogni termine di resa, al fine di evitare incomprensioni e contestazioni nei termini che iniziano con C il luogo convenuto non corrisponde al luogo di consegna ma solo al luogo fino al quale il trasporto è pagato; in questi casi il venditore adempie all obbligazione effettuando la consegna al vettore in tutte le altre rese indica il luogo di consegna, a partire dal quale il rischio si trasferisce dal venditore al compratore GLI INCOTERMS 2010 LE RESE DI PARTENZA 19

20 EXW Ex Works (place of delivery) è il termine FRANCO FABBRICA, molto amato dalle imprese italiane il venditore si libera dall obbligo di consegna della merce mettendola a disposizione del compratore nei propri locali o altro proprio luogo convenuto (magazzino, stabilimento, ecc), senza neppure l obbligo di carico il venditore non ha nessun altra obbligazione né deve sostenere alcun costo EXW Ex Works (place of delivery) è il livello minimo di obbligazioni e di costi a carico del venditore è appropriato per il commercio nazionale ma siamo sicuri che sia la soluzione migliore in un contesto complesso come quello di una spedizione internazionale??? 20

21 EXW Ex Works (place of delivery) il venditore non può controllare attività e rischi che si riflettono direttamente sulla propria operatività e posizione Rischi pratici: operazioni di carico sul mezzo di trasporto; impossibilità di verificare rispetto corrispondenza tra massa e peso del carico e caratteristiche dell automezzo vettore magari sconosciuto norme di legge sui trasporti merci pericolose (documentazioni e istruzioni) responsabilità amministrativa e penale (es. reato contrabbando) legate agli adempimenti doganali; difficoltà o impossibilità di ottenere documenti export necessari a fini fiscali o nelle procedure di pagamento (ad es. lettera di carico) EXW Ex Works (place of delivery) Rischi commerciali: minore percezione di costi di trasporto e accessori alla vendita maggiori difficoltà di gestire politiche di prezzo e trattative commerciali (trasporto sovrastimato rispetto all effettiva incidenza) minor potere contrattuale possibilità di negoziare contratti di trasporto e di assicurazione alle condizioni più adatte al proprio caso, magari fruendo delle minori tariffe che le società di trasporto e le compagnie di assicurazione normalmente riservano agli acquirenti abituali 21

22 EXW Ex Works (place of delivery) Adatto solo ad esportatori piccoli od occasionali: impresa non strutturata per gestire un efficace gestione dei trasporti internazionali assenza di personale dotato in grado di intrattenere rapporti continuativi con gli spedizionieri-vettori, con l assicuratore, nonché con gli uffici doganali e fiscali competenti volume di scambi commerciali con l estero tale da non conferire all impresa potere contrattuale con spedizionieri, vettori e assicuratori FCA Free Carrier (place of delivery) resa FRANCO VETTORE il venditore effettua la consegna rimettendo la merce al vettore (o altra persona designata dal compratore) presso i propri locali o, se altrove, in altro luogo convenuto specificato con precisione è però tenuto ad effettuare lo sdoganamento in esportazione (non in entrata a destino) la pluralità dei soggetti operanti nel trasporto rendono difficoltoso identificare esattamente il luogo in cui il vettore contrattuale prende in carico la merce 22

23 CPT Carriage Paid To (named place of destination) resa TRASPORTO PAGATO FINO A.. Il venditore deve: stipulare il contratto di trasporto sdoganare la merce in uscita consegnare la merce al vettore nel luogo di destinazione concordato sostiene i costi di trasporto fino a tale punto luogo di consegna luogo di destinazione passaggio del rischio trasferimento delle spese CIP Carriage and Insurance Paid To (named place of destination) resa TRASPORTO E ASSICURAZIONE PAGATI FINO A.. il venditore deve: stipulare il contratto di trasporto provvedere alla copertura assicurativa minima (valore di fattura + 10%) per perdita o danni al carico nel trasporto sdoganare la merce in uscita consegnare la merce al vettore nel luogo di destinazione concordato sostenere i costi di trasporto fino a tale punto luogo di consegna luogo di destinazione passaggio del rischio trasferimento delle spese 23

24 FAS Free Alongside Ship (named port of shipment) resa FRANCO LUNGO BORDO il venditore effettua la consegna rimettendo la merce sottobordo alla nave (ad es. sulla banchina o su una chiatta) designata dal compratore; in tale luogo si trasferiscono rischi e oneri successivi è tenuto ad effettuare lo sdoganamento in esportazione (non in entrata a destino) specificare esattamente il luogo (oneri di movimentazione) NOTA: solitamente i container si consegnano al terminal di carico del vettore marittimo la resa appropriata è FCA FOB Free On Board (named port of shipment) resa FRANCO A BORDO il venditore effettua la consegna rimettendo la merce a bordo della nave designata dal compratore; in tale luogo si trasferiscono rischi e oneri successivi è tenuto ad effettuare lo sdoganamento in esportazione (non in entrata a destino) NOTA: solitamente i container si consegnano al terminal di carico del vettore marittimo la resa appropriata è FCA 24

25 CFR Cost and Freight (named port of destination) resa COSTO E NOLO il venditore effettua la consegna rimettendo la merce a bordo della nave designata dal compratore ( trasferimento del rischio) ma sostiene le spese fino al porto di destinazione definire contrattualmente, oltre al luogo di destino, il porto di imbarco, nonché il punto del porto di destinazione convenuto (oneri di movimentazione stipulare contratto corrispondente con il vettore) è tenuto ad effettuare lo sdoganamento in esportazione (non in entrata a destino) NOTA: solitamente i container si consegnano al terminal di carico del vettore marittimo la resa appropriata è FCA CIF Cost Insurance and Freight (named port of destination) resa COSTO ASSICURAZIONE E NOLO come CFR, ma il venditore, in aggiunta, deve stipulare una copertura assicurativa minima (valore di fattura + 10%) per perdita o danni derivanti dal trasporto è tenuto ad effettuare lo sdoganamento in esportazione (non in entrata a destino) NOTA: solitamente i container si consegnano al terminal di carico del vettore marittimo la resa appropriata è FCA 25

26 GLI INCOTERMS 2010 LE RESE DI ARRIVO DAT Delivered At Terminal (named terminal at port or place of destination) RESO AL TERMINAL (novità 2010) il venditore effettua la consegna mettendo la merce a disposizione del compratore dopo averla scaricata al terminal convenuto (es magazzino, piazzale per container, ecc) nel porto o luogo di destinazione; sostiene rischi e spese fino a questo punto specificare chiaramente il terminal e, se possibile, un punto specifico dello stesso stipulare contratto corrispondente con il vettore è tenuto ad effettuare lo sdoganamento in esportazione (non in entrata a destino) 26

27 DAP Delivered At Place (named place of destination) RESO AL LUOGO DI DESTINAZIONE (novità 2010) il venditore effettua la consegna mettendo la merce a disposizione del compratore sul mezzo di trasporto di arrivo nel luogo di destinazione, pronta da scaricare; sostiene rischi e spese fino a questo punto specificare chiaramente il punto del luogo convenuto stipulare contratto corrispondente con il vettore DDP Delivered Duty Paid (named place of destination) RESO SDOGANATO il venditore effettua la consegna mettendo la merce a disposizione del compratore sul mezzo di trasporto di arrivo nel luogo di destinazione, pronta da scaricare e ha l obbligo di sdoganare (direttamente o indirettamente) in esportazione e in importazione, pagando i relativi diritti doganali, nonché (salvo patto contrario) l IVA e tasse simili specificare chiaramente il punto del luogo convenuto stipulare contratto corrispondente con il vettore 27

28 INCOTERMS 2010 UN TRUCCHETTO PER MEMORIZZARE.. Semplificando, se il termine inizia con E il compratore prende in carico la merce e sostiene i costi di trasporto fino a destinazione C il venditore sostiene i costi di trasporto fino al luogo convenuto F il venditore sostiene le spese di carico, mentre il trasporto e gli altri oneri accessori sono a carico del compratore D il venditore sostiene tutti i costi (che possono includere anche il pagamento dei dazi) fino al luogo convenuto INCOTERMS 2010 QUAL È IL TERMINE DI RESA MIGLIORE? 28

29 INCOTERMS 2010 dipende! dimensioni e struttura aziendale fatturato export politiche commerciali tipologia di merce caratteristiche dell operazione caratteristiche del cliente grazie per l attenzione 29

Cfr (1) Termine internazionale: Cost and freight. Termine italiano: Costo e nolo.

Cfr (1) Termine internazionale: Cost and freight. Termine italiano: Costo e nolo. Cfr (1) Termine internazionale: Cost and freight. Termine italiano: Costo e nolo. il venditore deve sopportare tutte le spese necessarie per trasportare la merce fino al porto di destinazione convenuto.

Dettagli

I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS)

I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS) I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS) Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente per uso personale e non per una distribuzione commerciale. Eventuali copie dovranno

Dettagli

Area di specializzazione in tecnico del commercio estero. A cura di: Gloria Feltrin

Area di specializzazione in tecnico del commercio estero. A cura di: Gloria Feltrin Area di specializzazione in tecnico del commercio estero A cura di: Gloria Feltrin Il trasporto internazionale Trasporti Prima funzione aziendale marginale Oggi ruolo sempre più importante e decisivo anello

Dettagli

DC COOLING Alternative cooling solutions

DC COOLING Alternative cooling solutions Norma interna di riferimento, per le condizioni di trasporto di materiali DC COOLING SRL da elencare in offerta, conferma d ordine e fattura Per evitare e chiarire malintesi in merito alle responsabilità

Dettagli

I TERMINI DI RESA NELLA VENDITA INTERNAZIONALE

I TERMINI DI RESA NELLA VENDITA INTERNAZIONALE menti (diversi dal documento comprovante la consegna vendita), o dei messaggi elettronici equivalenti, transito della merce, emessi o trasmessi nel paese d imbarco e/o di origine. RISCHI: esportazione

Dettagli

Logistica integrata. Logistica Internazionale Tariffe doganali, prezzo e incoterms

Logistica integrata. Logistica Internazionale Tariffe doganali, prezzo e incoterms Logistica integrata Logistica Internazionale Tariffe doganali, prezzo e incoterms Tra le fonti: Chopra & Meindl, Supply chain management strategy, planning, and operation Il prezzo di vendita Costi Generali

Dettagli

1. LA LOGISTICA AZIENDALE

1. LA LOGISTICA AZIENDALE 1. LA LOGISTICA AZIENDALE 1.1. Definizione pag. 3 1.2. L evoluzione: da disciplina militare ad attività aziendale pag. 4 1.3. Il valore strategico della logistica nei piani dell azienda e la sua trasversalità

Dettagli

Alessandro Fichera 2001 http://web.tiscalinet.it/fichera

Alessandro Fichera 2001 http://web.tiscalinet.it/fichera Il trasporto è il mezzo di collegamento più importante tra gli operatori economici. In ottica di globalizzazione questo assume un aspetto fondamentale per la movimentazione delle merci. Il trasporto deve

Dettagli

Il passaggio del rischio nella vendita, le clausole INCOTERMS

Il passaggio del rischio nella vendita, le clausole INCOTERMS Milano, 18 giugno 2007 Il passaggio del rischio nella vendita, le clausole INCOTERMS In un contratto di compravendita, una delle principali obbligazioni del venditore è quella di consegnare la cosa al

Dettagli

Leoncini & Associati Srl BROKER DI ASSICURAZIONI

Leoncini & Associati Srl BROKER DI ASSICURAZIONI TRASPORTI - Incoterms In ogni azienda di produzione vi è la necessità di trasferire i beni prodotti nei luoghi in cui avverrà la distribuzione per il consumo, oppure presso altra sede per una successiva

Dettagli

SOMMARIO. 1. Le assicurazioni trasporti

SOMMARIO. 1. Le assicurazioni trasporti SOMMARIO 1. Le assicurazioni trasporti 1.1. Introduzione... 4 1.2. I principi fondamentali delle Assicurazioni... 5 1.2.1 Il rischio: definizione, esistenza, cessazione... 5 1.2.2 Il rischio putativo...

Dettagli

A destinazione in piena sicurezza/

A destinazione in piena sicurezza/ Assicurazioni trasporti A destinazione in piena sicurezza/ I flussi di merci a livello globale sono in continua crescita, mentre i tempi di trasporto e di consegna si riducono sempre di più. Per la vostra

Dettagli

INCOTERMS 2010 TAVOLA SINOTTICO-COMPARATIVA PREDISPOSTA DA ICC ITALIA

INCOTERMS 2010 TAVOLA SINOTTICO-COMPARATIVA PREDISPOSTA DA ICC ITALIA INCOERMS 2010 AVOLA SINOICO-COMPARAIVA PREDISPOSA DA ICC IALIA AVVERENZE I. Nella presente avola, in cui sono rappresentate schematicamente le condizioni di resa delle merci secondo le 11 Regole degli

Dettagli

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE

GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE GLOSSARIO UTILE PER L ATTIVITA COMMERCIALE Norme e regolamenti Contratti Diritto e Giurisdizione Termini di consegna Termini di pagamento, finanziamenti, assicurazioni Documentazione Confezionamento NORME

Dettagli

Condizioni di resa della merce e regolamento del prezzo nei contratti mercantili

Condizioni di resa della merce e regolamento del prezzo nei contratti mercantili PAGAMENTI INTERNAZIONALI Condizioni di resa della merce e regolamento del prezzo nei contratti mercantili Dott. Sergio Omobono Urbino, 17 novembre 2010 La fattura pro forma La fattura proforma e' un documento

Dettagli

INDICE - SOMMARIO PRESENTAZIONE... V

INDICE - SOMMARIO PRESENTAZIONE... V INDICE - SOMMARIO PRESENTAZIONE... V CAPITOLO I I CONTRATTI INTERNAZIONALI IN GENERALE 1.1 Premessa... 1 1.2 La redazione dei contratti internazionali ed i problemi che essa comporta... 2 1.3 La determinazione

Dettagli

Corso Intensivo su: Incoterms e CONTRATTI di TRASPORTO MERCI Milano 27 marzo 2013

Corso Intensivo su: Incoterms e CONTRATTI di TRASPORTO MERCI Milano 27 marzo 2013 Corso Intensivo su: Incoterms e CONTRATTI di TRASPORTO MERCI Milano 27 marzo 2013 Tutto sulle Terminologie e le Specifiche Contrattuali vigenti per il Trasporto Nazionale ed Internazionale per Chi Vende

Dettagli

COMAR Scarl. Sommario. COstruzioni Mose ARsenale Scarl IMBALLAGGIO E SPEDIZIONE DELLE FORNITURE. pag. 2 di 14

COMAR Scarl. Sommario. COstruzioni Mose ARsenale Scarl IMBALLAGGIO E SPEDIZIONE DELLE FORNITURE. pag. 2 di 14 pag. 2 di 14 Sommario 1. TERMINI DI CONSEGNA INCOTERMS 2000... 3 1.1. Free Carrier, (FCA)... 3 1.2. Delivered Duty Unpaid (D.D.U.)... 3 1.3. Delivered Duty Paid (D.D.P.)... 3 1.4. Costi che sono a carico

Dettagli

TECNICA DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE. A.A. 2012-2013 Dott.ssa Tiziana Russo Spena. Dispensa n.1

TECNICA DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE. A.A. 2012-2013 Dott.ssa Tiziana Russo Spena. Dispensa n.1 TECNICA DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE A.A. 2012-2013 Dott.ssa Tiziana Russo Spena Dispensa n.1 I Pagamenti Internazionali I Termini di Consegna della Merce Il trasporto internazionale e di documenti di

Dettagli

LA RESA FRANCO FABBRICA

LA RESA FRANCO FABBRICA LA RESA FRANCO FABBRICA L illusione di poter vendere le proprie merci in ambito internazionale riducendo al minimo gli adempimenti a proprio carico si materializza con la stipulazione di contratti di fornitura

Dettagli

1. La trattativa internazionale e alcune sue varianti

1. La trattativa internazionale e alcune sue varianti SOMMARIO Profilo autore... Presentazione... V VI 1. La trattativa internazionale e alcune sue varianti 1.1. Introduzione... 3 1.2. Proprietà e possesso delle merci... 3 1.3. Alcuni rischi dell esportatore...

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Criteri di scelta, rischi e termini di resa I TRASPORTI DA COSTO A OPPORTUNITA Gestire le attività

Dettagli

Tavola IV DEFINIZIONE DEI TERMINI COMMERCIALI ITALIANI SECONDO LA CAMERA DI COMMERCIO INTERNAZIONALE (INCOTERMS) INTRODUZIONE

Tavola IV DEFINIZIONE DEI TERMINI COMMERCIALI ITALIANI SECONDO LA CAMERA DI COMMERCIO INTERNAZIONALE (INCOTERMS) INTRODUZIONE Tavola IV DEFINIZIONE DEI TERMINI COMMERCIALI ITALIANI SECONDO LA CAMERA DI COMMERCIO INTERNAZIONALE (INCOTERMS) INTRODUZIONE 1. Scopo ed oggetto degli Incoterms Scopo degli Incoterms è fornire una serie

Dettagli

Il presente lavoro è stato realizzato dal Dott. Domenico Del Sorbo Export Credit Risk Manager

Il presente lavoro è stato realizzato dal Dott. Domenico Del Sorbo Export Credit Risk Manager Il presente lavoro è stato realizzato dal Dott. Domenico Del Sorbo Export Credit Risk Manager Copyright 2006 ASPIN Azienda Speciale Internazionalizzazione della Camera di Commercio di Frosinone Viale Roma,

Dettagli

FCA. FRANCOVETTORE (...luogo convenuto)

FCA. FRANCOVETTORE (...luogo convenuto) 2raccolta provinciale degli usi 21-07-2005 10:15 Pagina 349 FCA FRANCOVETTORE (...luogo convenuto) Nel Franco Vettore il venditore effettua la consegna col rimettere la merce, sdoganata all esportazione,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ROSATO, VELO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ROSATO, VELO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ROSATO, VELO Agevolazioni in materia di tariffe doganali in favore delle esportazioni operate

Dettagli

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Trasporto Internazionale delle Merci 1

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Trasporto Internazionale delle Merci 1 UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini Trasporto Internazionale delle Merci 1 Caratteristiche del trasporto internazionale Il trasporto è divenuto parte integrante del commercio internazionale perchè:

Dettagli

CORSO DI DIRITTO DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE

CORSO DI DIRITTO DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE CORSO DI DIRITTO DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE VII LEZIONE I Trasporti Internazionali Via Mare e Gli Incoterms Docente: Dr. Gianni ANGELUCCI 1 IFORMAZIONE INTRODUTTIVA Le presenti Lezioni, per il loro contenuto,

Dettagli

Proposta formativa. I Moduli. Argomento. 1) L organizzazione dell ufficio estero 4 ore. 2) Incoterms 2010 4 ore. 3) Il trasporto internazionale 4 ore

Proposta formativa. I Moduli. Argomento. 1) L organizzazione dell ufficio estero 4 ore. 2) Incoterms 2010 4 ore. 3) Il trasporto internazionale 4 ore Proposta formativa I Moduli Argomento Ore 1) L organizzazione dell ufficio estero 4 ore 2) Incoterms 2010 4 ore 3) Il trasporto internazionale 4 ore 4) I pagamenti internazionali 4 ore 5) La bolletta doganale

Dettagli

IMPRESE E SERVIZIO ESTERO: PROBLEMI E SOLUZIONI

IMPRESE E SERVIZIO ESTERO: PROBLEMI E SOLUZIONI IMPRESE E SERVIZIO ESTERO: PROBLEMI E SOLUZIONI A cura della Cassa di Risparmio di Volterra S p A, Direzione Generale (versione 2015) Materiale formativo aziendale vietata la riproduzione e la diffusione

Dettagli

IL TRASPORTO INTERNAZIONALE

IL TRASPORTO INTERNAZIONALE IL TRASPORTO INTERNAZIONALE Nei confronti del trasporto esiste da parte di molti operatori un diffuso pregiudizio ossia quello di considerarlo come una trafila di adempimenti burocratici da delegare al

Dettagli

IL TRASPORTO INTERNAZIONALE

IL TRASPORTO INTERNAZIONALE IL TRASPORTO INTERNAZIONALE Nei confronti del trasporto esiste da parte di molti operatori un diffuso pregiudizio ossia quello di considerarlo come una trafila di adempimenti burocratici da delegare al

Dettagli

Il trasporto delle merci e gli Incoterms 2010 quali funzioni strategiche dell internazionalizzazione A cura di Maurizio Favaro*

Il trasporto delle merci e gli Incoterms 2010 quali funzioni strategiche dell internazionalizzazione A cura di Maurizio Favaro* Il trasporto delle merci e gli Incoterms 2010 quali funzioni strategiche dell internazionalizzazione A cura di * * Componente del Gruppo di lavoro Incoterms della Commissione Diritto e Pratica del Commercio

Dettagli

IL TRASPORTO INTERNAZIONALE

IL TRASPORTO INTERNAZIONALE IL TRASPORTO INTERNAZIONALE Nei confronti del trasporto esiste da parte di molti operatori un diffuso pregiudizio ossia quello di considerarlo come una trafila di adempimenti burocratici da delegare al

Dettagli

GEFCO LOGISTICA D AUTORE LE STRADE DEL SUCCESSO PER IL FASHION IN RUSSIA

GEFCO LOGISTICA D AUTORE LE STRADE DEL SUCCESSO PER IL FASHION IN RUSSIA GEFCO LOGISTICA D AUTORE LE STRADE DEL SUCCESSO PER IL FASHION IN RUSSIA 18/11/ 2015 > GRUPPO GEFCO 2 GEFCO, UNO DEI PRINCIPALI PROTAGONISTI DELLA LOGISTICA E DEL TRASPORTO 1949 anno di fondazione 4.1

Dettagli

INCOTERMS 2010 TAVOLA SINOTTICO-COMPARATIVA PREDISPOSTA DA ICC ITALIA

INCOTERMS 2010 TAVOLA SINOTTICO-COMPARATIVA PREDISPOSTA DA ICC ITALIA INCOERMS 2010 AVOLA SINOICO-COMPARAIVA PREDISPOSA DA ICC IALIA AVVERENZE I. Nella presente avola, in cui sono rappresentate schematicamente le condizioni di resa delle merci secondo le 11 Regole degli

Dettagli

LE REGOLE INCOTERMS : TUTTE LE NOVITA DELLA VERSIONE 2010 Parma 10 febbraio 2011

LE REGOLE INCOTERMS : TUTTE LE NOVITA DELLA VERSIONE 2010 Parma 10 febbraio 2011 LE REGOLE INCOTERMS : TUTTE LE NOVITA DELLA VERSIONE 2010 Parma 10 febbraio 2011 1 I CONTRATTI IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA CODICE CIVILE ART. 1476 LA PRINCIPALE OBBLIGAZIONE DEL VENDITORE E QUELLA DI

Dettagli

INCOTERMS PAGAMENTI INTERNAZIONALI EMIRATI ARABI UNITI. dott. Enrico Scalco. Al Najjari. negli scambi commerciali con gli.

INCOTERMS PAGAMENTI INTERNAZIONALI EMIRATI ARABI UNITI. dott. Enrico Scalco. Al Najjari. negli scambi commerciali con gli. INCOTERMS e PAGAMENTI INTERNAZIONALI negli scambi commerciali con gli EMIRATI ARABI UNITI A cura di: dott. Enrico Scalco Al Najjari & Partners L a w F i r m NATURA DEGLI INCOTERMS Non hanno forza di legge,

Dettagli

Cap. 2) USI MARITTIMI

Cap. 2) USI MARITTIMI Allegato alla delibera n. 95 del 29/09/2011 TESTO DEFINITIVO DELLA REVISIONE DEL TITOLO VII ALTRI USI REDATTO DALLA COMMISSIONE REVISIONE USI NOMINATA CON DELIBERA DELLA GIUNTA CAMERALE N.36 DEL 01 APRILE

Dettagli

ASSICURAZIONE DELLE MERCI

ASSICURAZIONE DELLE MERCI Università degli Studi di Bergamo lezione 9 ASSICURAZIONE DELLE MERCI i n t r o d u z i o n e definizione polizze a viaggio singolo in abbonamento calcolo del valore assicurabile accertamento del danno

Dettagli

GRUPPO SMAIC Macchinari Industriali S.r.L.

GRUPPO SMAIC Macchinari Industriali S.r.L. GRUPPO SMAIC Macchinari Industriali S.r.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1 - Efficacia delle condizioni generali La fornitura del GRUPPO SMAIC - Macchinari Industriali S.r.l. è regolata alle seguenti

Dettagli

INCOTERMS Regole internazionali per la interpretazione dei termini commerciali

INCOTERMS Regole internazionali per la interpretazione dei termini commerciali Appendice 5 INCOTERMS Regole internazionali per la interpretazione dei termini commerciali PREFAZIONE La chiarezza e la precisione delle clausole contrattuali costituiscono una premessa fondamentale per

Dettagli

Vendita e distribuzione: aspetti legali. TIS Techno. Ripartizione innovazione, ricerca, sviluppo e cooperative. Innovation South Tyrol

Vendita e distribuzione: aspetti legali. TIS Techno. Ripartizione innovazione, ricerca, sviluppo e cooperative. Innovation South Tyrol Vendita e distribuzione: aspetti legali K TIS Techno Innovation South Tyrol Ripartizione innovazione, ricerca, sviluppo e cooperative LA VOSTRA AZIENDA EICONTRATTI Vendita e distribuzione: aspetti legali

Dettagli

SCAMBI INTRACOMUNITARI IL SISTEMA INTRASTAT

SCAMBI INTRACOMUNITARI IL SISTEMA INTRASTAT SCAMBI INTRACOMUNITARI IL SISTEMA INTRASTAT Dal 1 gennaio 1993, con l apertura del Mercato Unico Europeo sono state eliminate le barriere fisiche tra i 12 Stati membri della CEE: Belgio, Danimarca, Francia,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Campo di applicazione Qualsiasi contratto stipulato tra Nossa Elettronica s.a.s (d ora in poi Nossa) per la fornitura dei propri Prodotti/Servizi (d ora in poi Prodotto)

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. 1. OGGETTO Le presenti condizioni generali di vendita regolano e disciplinano in via esclusiva i rapporti commerciali di compravendita tra SATI S.r.l. e i propri

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Questo documento include le condizioni generali di vendita (qui chiamate: Condizioni Generali ) della STAR PROGETTI

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Questo documento include le condizioni generali di vendita (qui chiamate: Condizioni Generali ) della STAR PROGETTI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Questo documento include le condizioni generali di vendita (qui chiamate: Condizioni Generali ) della STAR PROGETTI TECNOLOGIE APPLICATE S.p.A.,con sede in Via Pasubio, 4/d

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1 - Generalità - Applicabilità 2 - Richieste e offerte 3 - Ordini e conferme d ordine 4 - Prezzi ed imposte 5 - Condizioni di pagamento 6 - Termini e condizioni di consegna

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ON LINE. si intende come Venditrice la Berner S.p.A., con sede in Verona, via dell Elettronica 15, Partita

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ON LINE. si intende come Venditrice la Berner S.p.A., con sede in Verona, via dell Elettronica 15, Partita CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ON LINE Nelle presenti condizioni generali di vendita on line: si intende come Venditrice la Berner S.p.A., con sede in Verona, via dell Elettronica 15, Partita IVA 02093400238,

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'USO E LA COMPILAZIONE DEGLI ELENCHI RIEPILOGATIVI, IN EURO, DELLE CESSIONI E DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI.

ISTRUZIONI PER L'USO E LA COMPILAZIONE DEGLI ELENCHI RIEPILOGATIVI, IN EURO, DELLE CESSIONI E DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI. Allegato VII ISTRUZIONI PER L'USO E LA COMPILAZIONE DEGLI ELENCHI RIEPILOGATIVI, IN EURO, DELLE CESSIONI E DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI. Titolo I AVVERTENZE GENERALI 1. Gli elenchi riepilogativi

Dettagli

Descrizione processo : GESTIONE DELL OFFERTA E DELL ORDINE ALLEGATO PR01-2

Descrizione processo : GESTIONE DELL OFFERTA E DELL ORDINE ALLEGATO PR01-2 ALLEGATO -2 Paragrafo 7.2 della norma UNI EN ISO 900:2000 Pagina 8 di 2 5.2 CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 5.2. Applicazione delle condizioni Le Condizioni descritte nel presente documento regolano tutti

Dettagli

PROFILI OPERATIVI DELLE OPERAZIONI CON L'ESTERO LA COMPRAVENDITA INTERNAZIONALE

PROFILI OPERATIVI DELLE OPERAZIONI CON L'ESTERO LA COMPRAVENDITA INTERNAZIONALE PROFILI OPERATIVI DELLE OPERAZIONI CON L'ESTERO LA COMPRAVENDITA INTERNAZIONALE PARTE I: PROBLEMI E RISCHI DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE 1 - Operazioni con l estero: diversità rispetto alle operazioni interne

Dettagli

PROFILI OPERATIVI DELLE OPERAZIONI CON L'ESTERO LA COMPRAVENDITA INTERNAZIONALE

PROFILI OPERATIVI DELLE OPERAZIONI CON L'ESTERO LA COMPRAVENDITA INTERNAZIONALE PROFILI OPERATIVI DELLE OPERAZIONI CON L'ESTERO LA COMPRAVENDITA INTERNAZIONALE UNIONCAMERE UNIONE ITALIANA DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA A cura di ICC Italia Camera di

Dettagli

Per effettuare un acquisto su 10m2.it il l Utente dovrà fornire i dati necessari alla consegna e compilare l ordine.

Per effettuare un acquisto su 10m2.it il l Utente dovrà fornire i dati necessari alla consegna e compilare l ordine. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Ottobre 2014 I prodotti venduti sul sito 10m2.it sono prodotti in Italia dall omonima azienda, con sede legale a Cavenago Brianza (MB), P.zza Libertà 12 20873 partita IVA

Dettagli

CONTRATTO PER LA VENDITA ON LINE DI BENI DI CONSUMO

CONTRATTO PER LA VENDITA ON LINE DI BENI DI CONSUMO CONTRATTO PER LA VENDITA ON LINE DI BENI DI CONSUMO L acquirente dichiara espressamente di compiere l acquisto per fini estranei all attività commerciale o professionale esercitata. Identificazione dei

Dettagli

Contratto per la vendita on line di beni di consumo

Contratto per la vendita on line di beni di consumo Contratto per la vendita on line di beni di consumo Identificazione del Fornitore I beni oggetto delle presenti condizioni generali sono posti in vendita dalla Art Production di Albanese Vincenzo con sede/filiale

Dettagli

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. Scambi economici

Albez edutainment production. Economia Aziendale I. Scambi economici Albez edutainment production Economia Aziendale I Scambi economici 1 La compravendita Secondo l articolo 1470 del Codice Civile: La vendita è il contratto che ha per oggetto il trasferimento della proprietà

Dettagli

Maurizio Favaro. Guida Ragionata agli INCOTERMS

Maurizio Favaro. Guida Ragionata agli INCOTERMS Maurizio Favaro Guida Ragionata agli INCOTERMS 2010 Guida Ragionata agli INCOTERMS 2010 CON LA COLLABORAZIONE DI: Indice Presentazione Prefazione Introduzione 11 13 15 Il campo di utilizzo degli Incoterms

Dettagli

Condizioni generali di vendita.

Condizioni generali di vendita. CERTIFICATO N 9165 CRE1 NORMA UNI EN ISO 9001 Condizioni generali di vendita. Le presenti condizioni generali di vendita si applicano ai contratti conclusi tra CREA S.p.A. [di seguito CREA ] con sede in

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO COMEC-BINDER S.r.l.

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO COMEC-BINDER S.r.l. CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO COMEC-BINDER S.r.l. 1. Oggetto del contratto Le forniture di materiali, semilavorati e prodotti finiti a COMEC-BINDER S.r.l. (nel seguito per brevità COMEC ) sono regolate

Dettagli

CONTRATTO DI VENDITA (CON RISERVA DELLA PROPRIETA') DI APPARECCHIATURE PER L ELABORAZIONE ELETTRONICA DEI DATI

CONTRATTO DI VENDITA (CON RISERVA DELLA PROPRIETA') DI APPARECCHIATURE PER L ELABORAZIONE ELETTRONICA DEI DATI Ent 1 CONTRATTO DI VENDITA (CON RISERVA DELLA PROPRIETA') DI APPARECCHIATURE PER L ELABORAZIONE ELETTRONICA DEI DATI... (Ragione Sociale dell Azienda) 1) Compravendita. La... (qui di seguito denominata

Dettagli

marzo 2012 Le rimanenze di magazzino aspetti di Revisione

marzo 2012 Le rimanenze di magazzino aspetti di Revisione marzo 2012 Le rimanenze di magazzino aspetti di Revisione Indice Obiettivo della Revisione Attività del revisore Il rischio di revisione e le componenti del rischio Obiettivo della revisione delle rimanenze

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Le nostre Condizioni Generali di Vendita sono conformi alla normativa prevista dal Codice Civile Italiano. 1. Premesse 1.1. Le relazioni negoziali relative all acquisto di

Dettagli

LE NORME STUDIO LEGALE ANDREELLO VIA MEDOACO 4 PADOVA TEL. 0498765327 FAX 0498647543

LE NORME STUDIO LEGALE ANDREELLO VIA MEDOACO 4 PADOVA TEL. 0498765327 FAX 0498647543 LE NORME La responsabilità del produttore per i danni derivanti da prodotto difettoso è stata introdotta nel nostro ordinamento dal D.P.R. 224/1988 che ha dato attuazione alla Direttiva 85/374/CEE relativa

Dettagli

Condizioni generali di vendita

Condizioni generali di vendita Condizioni generali di vendita 1. DEFINIZIONI Nelle presenti condizioni generali di vendita i seguenti termini avranno il significato di seguito attribuito: Italbras: indica la società Italbras S.p.A.

Dettagli

1.3 Con l espressione Press Up S.r.l. si intendono il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei servizi di informazione.

1.3 Con l espressione Press Up S.r.l. si intendono il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei servizi di informazione. CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. Identificazione della Press Up S.r.l. I servizi oggetto delle presenti condizioni generali sono offerti dalla Press Up s.r.l. con sede in Roma, Via Catone, 6 iscritta

Dettagli

Condizioni generali di acquisto

Condizioni generali di acquisto Condizioni generali di acquisto 1. Generalità 1.1 Ogni ordine è valido solo se recante la firma del Committente 1.2 L'evasione dell ordine comporta l'esplicita accettazione delle presenti condizioni di

Dettagli

I Contratti Internazionali

I Contratti Internazionali I Contratti Internazionali Avv. Luisa Brevi 18.06.2014 Programma: Quadro generale: cos è un contratto internazionale Impostazione generale dell operazione: Due diligence Impostazione specifica: i documenti

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini avranno il significato di seguito

Dettagli

FISCALITÀ INTERNAZIONALE. n. 1 2012. Aspetti ed elementi contrattuali Aspetti fiscali Imposte e tasse Doganale Societario Giurisprudenza Varie Quesiti

FISCALITÀ INTERNAZIONALE. n. 1 2012. Aspetti ed elementi contrattuali Aspetti fiscali Imposte e tasse Doganale Societario Giurisprudenza Varie Quesiti FISCALITÀ n. 1 2012 INTERNAZIONALE Aspetti ed elementi contrattuali Aspetti fiscali Imposte e tasse Doganale Societario Giurisprudenza Varie Quesiti FISCALITÀ INTERNAZIONALE Fiscalità Internazionale Rivista

Dettagli

PROGRAMMA DI DETTAGLIO

PROGRAMMA DI DETTAGLIO PROGRAMMA DI DETTAGLIO 1 Contesto: Obiettivo specifico del corso per Spedizionieri è la formazione di una figura professionale in possesso delle competenze necessarie per operare nel settore dei Trasporti,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. GRUPPO GEFRAN S.p.A.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. GRUPPO GEFRAN S.p.A. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA GRUPPO GEFRAN S.p.A. In vigore dal 01/07/2007 Revisione ottobre 2011 Il presente documento contiene le Condizioni Generali di Vendita che disciplinano i rapporti di compravendita

Dettagli

DISPENSA MANAGEMENT. Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Dispensa GUIDA ALL EXPORT

DISPENSA MANAGEMENT. Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Dispensa GUIDA ALL EXPORT DISPENSA MANAGEMENT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Dispensa GUIDA ALL EXPORT ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE INDICE...2 COME SCEGLIERE UN PAESE

Dettagli

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO RISOLUZIONE N. 346/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 agosto 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 ALFA ITALIA S.p.A. Articolo 19 del

Dettagli

Condizioni di Vendita sul sito www.it.tdk-lambda.com

Condizioni di Vendita sul sito www.it.tdk-lambda.com CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni I seguenti termini avranno nelle presenti Condizioni Generali, in uno qualunque dei documenti contrattuali ed in generale in ogni offerta di vendita conclusa

Dettagli

Termine e condizione per la vendita on line

Termine e condizione per la vendita on line Termine e condizione per la vendita on line L Acquirente dichiara espressamente di compiere l acquisto per fini estranei all attività commerciale o professionale esercitata. Identificazione del Fornitore

Dettagli

Condizioni Generali di Trasporto

Condizioni Generali di Trasporto CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO Qualora Lei ne faccia l uso in nome proprio dei servizi della Ferrara 2006 Kft, Lei come Mittente accetta che per i servizi prevalgano quelli stabiliti nelle presenti Condizioni

Dettagli

Termini e Condizioni di Vendita

Termini e Condizioni di Vendita Termini e Condizioni di Vendita Identificazione del Fornitore I beni oggetto delle presenti condizioni generali sono posti in vendita dalla PASTICCERIA MOSAICO S.A.S. con sede in Aquileia, Piazza Capitolo

Dettagli

Il contratto di compravendita

Il contratto di compravendita Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 1 Il contratto di compravendita Rosa Sciamanna COMPETENZE DI BASE E DI CITTADINANZA Individuare le strategie appropriate per la soluzione di

Dettagli

Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi

Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi I. Disposizioni generali 1. Validità Le presenti condizioni generali disciplinano la conclusione, il testo e l esecuzione

Dettagli

Camera di Commercio di Cuneo Cuneo, 19 novembre 2012. con committente francese. Avv. Marina Motta Centro Estero per l Internazionalizzazione

Camera di Commercio di Cuneo Cuneo, 19 novembre 2012. con committente francese. Avv. Marina Motta Centro Estero per l Internazionalizzazione Camera di Commercio di Cuneo Cuneo, 19 novembre 2012 Il contratto d opera d con committente francese Avv. Marina Motta Centro Estero per l Internazionalizzazione Il contratto internazionale d opera Quale

Dettagli

Condizioni generali di vendita (CGV) del Cham Paper Group e delle sue società affiliate

Condizioni generali di vendita (CGV) del Cham Paper Group e delle sue società affiliate Condizioni generali di vendita (CGV) del Cham Paper Group e delle sue società affiliate 1. Campo d applicazione Salvo diversi accordi tra le parti, le presenti Condizioni generali di vendita (di seguito

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESPORTARE IN RUSSIA

LINEE GUIDA PER ESPORTARE IN RUSSIA LINEE GUIDA PER ESPORTARE IN RUSSIA Per tutte le esportazioni dall Italia alla Russia, i documenti accompagnatori richiesti sono: AWB (lettera di vettura), Fattura (originale + 1 copia) in lingua inglese,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

CONTRATTO DI ACQUISTO

CONTRATTO DI ACQUISTO CONTRATTO DI ACQUISTO L Acquirente dichiara espressamente di compiere l acquisto per fini estranei all attività commerciale o professionale esercitata. Identificazione del Fornitore I beni oggetto delle

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1) PREMESSA 1. Le presenti condizioni generali di vendita si considerano conosciute da tutti i compratori. 2. Le nostre vendite, salvo stipulazione contraria che deve risultare

Dettagli

COD - CASH ON DELIVERY

COD - CASH ON DELIVERY COD - CASH ON DELIVERY Il pagamento contestuale o «cash on delivery» (COD) si ha quando il regolamento del prezzo della fornitura avviene contestualmente alla consegna della merce. In questo caso si incaricherà

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. Condizioni generali di esecuzione del mandato di spedizione. Applicabilità 2. Assunzione degli incarichi 3. Obblighi e responsabilità della Società 4. Obblighi e responsabilità

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI Le Condizioni Generali del presente contratto sono state revisionate dal 1 settembre 2002.

CONDIZIONI GENERALI Le Condizioni Generali del presente contratto sono state revisionate dal 1 settembre 2002. Contratto Italiano per Risi e Rotture di Riso n. 110 ( Interassociativo : Associazioni Granarie Bo, Ge, Mi, To e Vr ) (in vigore dal 1 settembre 1994) (Rinfusa - Franco camion e/o altro veicolo) Redatto

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DI PANNELLI FOTOVOLTAICI

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DI PANNELLI FOTOVOLTAICI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DI PANNELLI FOTOVOLTAICI Articolo 1 Condizioni generali Le condizioni generali stabiliscono le condizioni di acquisto e vendita dei prodotti della ditta BISOL s.r.l. (in

Dettagli

CONTRATTO PER VENDITA FUORI DAI LOCALI COMMERCIALI

CONTRATTO PER VENDITA FUORI DAI LOCALI COMMERCIALI CONTRATTO PER VENDITA FUORI DAI LOCALI COMMERCIALI CONTRATTO DI VENDITA DI BENI STIPULATO FUORI DEI LOCALI COMMERCIALI DELL IMPRESA. 1. CONTRAENTI: VENDITORE: DENOMINAZIONE... INDIRIZZO SEDE LEGALE: VIA...

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA VENETA TRAFILI SPA Società Unipersonale Stabilimento ed Amministrazione: 36075 Montecchio Maggiore (Vicenza) Italy Via E. Majorana 9 Zona Industriale Tel. +39 0444 499322 - Fax +39 0444 492157 E-mail info@venetatrafili.com

Dettagli

Condizioni generali di vendita Art. 1 Oggetto del contratto Art. 2 Ricevimento dell ordine Art. 3 Esecuzione del contratto e tempi di consegna

Condizioni generali di vendita Art. 1 Oggetto del contratto Art. 2 Ricevimento dell ordine Art. 3 Esecuzione del contratto e tempi di consegna Condizioni generali di vendita Art. 1 Oggetto del contratto Le presenti condizioni generali di vendita si applicano a tutti i contratti stipulati dalla società Ghibli Design srl (d ora innanzi Ghibli)

Dettagli

CONTRATTO DI FORNITURA

CONTRATTO DI FORNITURA CONTRATTO DI FORNITURA Contratto di fornitura tra la società UNION srl con sede in Via Trasporti 23, 41012 CARPI, in persona del suo legale rappresentante Ing. Arrigo Po, Codice Fiscale e Partita IVA 00664520368,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA Federazione delle Associazioni Nazionali dell Industria Meccanica Varia ed Affine 20161 Milano Via Scarsellini 13 Tel. 02/45418.500 ric. aut. Telefax 02/45418.716 URL: http: / /www.ucif.net e-mail: info@ucif.net

Dettagli

Modalità di vendita e consegna Art. 12

Modalità di vendita e consegna Art. 12 TITOLO V COMPRAVENDITA DI PRODOTTI Cap. 16 Prodotti delle Industrie Chimiche d) Prodotti farmaceutici e) Colori e vernici COMMERCIO DEI PRODOTTI CHIMICI IN GENERE, DEI PRODOTTI CHIMICO-FARMACEUTICI, DEI

Dettagli

della loro natura numerose proprietà non sono più nel loro stato originario.

della loro natura numerose proprietà non sono più nel loro stato originario. Condizioni di Vendita Informazioni Utili Per Acquistare Importante Avvertenze OFFERTE DI RILANCIO E DI RISPOSTA Il banditore può aprire le offerte su ogni lotto formulando un offerta nell interesse del

Dettagli

La tutela dei crediti commerciali nell'unione Europea. Avv. Luca Davini

La tutela dei crediti commerciali nell'unione Europea. Avv. Luca Davini La tutela dei crediti commerciali nell'unione Europea Avv. Luca Davini Causa in Italia o causa all'estero: criteri di scelta Area "giurisdizionale" europea Regolamento CE 44/2001 concernente la competenza

Dettagli