REGIONE LAZTO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminillo, RIETI - Tel

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE LAZTO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminillo,42-02100 RIETI - Tel. 0746 2781"

Transcript

1 REGIONE LAZTO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminillo, RIETI - Tel Codice Fiscale e Partita IVA UO: Servizio Prevenzione e Protezione DIRETTORE: ing. Erminio Pace T el F A it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI OODIPARTIMENTO DI PREVENZIOi\E" I" STESURA OTTOBRE 2012 Datore di lavoro Dr. Rodolfo Gianani if n iìir, i!"i1t Resp.le Dipartimento di Prev Dr. Angelo Toni,. Responsabile del Servjzia di /' Ing. Erminio Pace '*-"- ne e Protezione ne e Protezione Medico Com Dr.ssa: Barbara /ca/"lc/s f9r u (Vedasi comunicazione di informazione allegata)

2 Sommario CAPITOLO I Organigramma Sottostrutture Attività svolte... 7 CAPITOLO II DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA Planimetria con destinazione d uso dei locali Classificazione dei locali uso medico gruppo 0 gruppo 1 gruppo Classificazione ambienti marci maggior rischio in caso di incendio CAPITOLO III DATI EPIDEMIOLOGICI Situazione infortunistica Risultati della sorveglianza sanitaria CAPITOLO IV FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO CAPITOLO V PROCEDURE DI SICUREZZA CAPITOLO VI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI : SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA CAPITOLO VII VALUTAZIONE DEI RISCHI Ricognizione dei fattori di rischio Rischi dovuti alle strutture Rumore Vibrazioni Illuminamento Microclima CAPITOLO VIII STRESS LAVORO CORRELATO Riferimenti normativi Metodo di valutazione utilizzato Valutazione CAPITOLO I RISCHI DOVUTI AGLI IMPIANTI CAPITOLO RISCHI DOVUTI ALLE ATTREZZATURE DI LAVORO E ALLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI CAPITOLO I RISCHIO DA VIDEOTERMINALI Cenni normativi Risultati del sopralluogo effettuato (piano primo) Piano secondo La tutela dei lavoratori addetti al V.D.T CAPITOLO II RISCHI DOVUTI ALL INCENDIO Riferimenti Normativi Valutazione del Rischio Identificazione dei pericoli di Incendio Identificazione dei lavoratori e di altre persone presenti esposti a rischio incendio Misure intese alla riduzione della probabilità di insorgenza degli incendi

3 CAPITOLO III RISCHIO CHIMICO Sanita pubblica veterinaria Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (PSAL) Servizio igiene e sanità pubblica (SISP) Servizio igiene alimenti e nutrizione (SIAN) Medicina Sportiva CAPITOLO IV RISCHIO BIOLOGICO Sanità Pubblica Veterinaria Prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro (PSAL) Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP) Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN) Medicina sportiva CAPITOLO V VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE CARICHI E PAZIENTI Definizione e riferimenti normativi Metodi di valutazione del rischio da movimentazione manuale carichi U.O.C. I.P.T.C.A. (Igiene della Produzione, Trasformazione, Commercializzazione, Conservazione e Trasporto degli Alimenti di Origine Animale). U.O.C. I.A.P.Z. (Servizio Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche) U.O.C. Servizio igiene alimenti e nutrizione ( I.AN.) Movimentazione manuale carichi U.O.C. Igiene e sanità pubblica ( I.S.P.) U.O.C. Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro (P.S.A.L.) U.O.S.D. Medicina dello sport ambulatorio via delle ortensie n CAPITOLO VI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI DERIVANTE DALL USO DI AUTOVEICOLI. RIFERIMENTI NORMATIVI Valutazione del rischio Misure di prevenzione e protezione CAPITOLO VII INDICAZIONI PER IL MIGLIORAMENTO DEI LIVELLI DI SICUREZZA E SALUTE Rischi dovuti alle strutture e impianti Microclima Rumore Videoterminali Rischio incendio Rischio da movimentazione manuale dei carichi e dei pazienti CAPITOLO VIII SCHEDE INDICATIVE DELLE PRIORITA DI INTERVENTI DI RISANAMENTO Indicazioni per il miglioramento della salute e della sicurezza Indicazioni per il miglioramento della salute e della sicurezza indicazioni per il miglioramento della salute e della sicurezza ALLEGATOA.222 ALLEGATO B 227 3

4 CAPITOLO I 1.1 ORGANIGRAMMA L ORGANIGRAMMA del Dipartimento di Prevenzione, è rappresentato come appresso indicato: a) Datore di Lavoro: Dr. Rodolfo Gianani; b) Dirigente Delegato: Dr. Angelo Toni c) Dirigenti Responsabili: Dr. Angelo Toni, Dr Sandro Rinaldi, Dr.ssa Marina Palla, Dr. Pietro Dionette, Dr. Luigi Bellagamba, Grillo Mauro d) Preposti: - Sanità animale: Fabio Benedetti - IPTCA: Fabiola Di Vetta - IAPZ: Valerio Mozzetti, Mario Ricciardi - PSAL: Domenico Giuliani, Massimo Giordani, Giovambattista Blasetti - SIAN: Enrico Vicari, Sandro Antonacci, Giovanni Baselli - ISP: Michele Amorosi, Andrea Fusacchia, Fabio Tomassini - Medicina dello Sport: Maria Teresa Manzi e) Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione: Ing. Erminio Pace f) Medico Competente: Dr.ssa: dott.ssa Barbara Sed g) Rappresentanti dei Lavoratori: Sig. Antonacci Sandro Sig. Mauro Biscetti Sig.Stefano Biscetti Sig.Fabri Gabriele Sig.Rosati Domenico Sig.Martellucci Andrea 1.2 SOTTOSTRUTTURE 4

5 Il Dipartimento di Prevenzione Diretto dal Dr. Angelo Toni, comprende i seguenti servizi: a) Sanità pubblica veterinaria b) Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro c) Igiene e Sanità Pubblica d) Igiene Alimenti e Nutrizione e) Medicina dello Sport f) Anagrafe zootecnica e delle attività produttive A) Il Servizio Sanità Pubblica e Veterinaria, è composto dalle Strutture sotto riportate: 1) Sanità Animale Responsabile: Dr. Angelo Toni Medici Veterinari: Giancarlo Colarieti, Dr. Mauro Grillo, Ottavio Orlandi, Fernando Salvi, Dino Cesare La Fiandra, Patrizia Silvestri, Massimo Di Tommaso, Dr. Tito Paolucci, Dr.Mario Imperatori. Tecnico della Prevenzione: Fabio Benedetti. Coadiutore Amministrativo: Angela Fiocchi, Silvia Pinnavaia, Simona Cornetta, Fabiola Di Vetta, Patrizia Cuomo, Giuseppe Imperatori. 1.a) Ambulatorio Veterinario Responsabile: Dr. Angelo Toni Medici Veterinari: Tito Paolucci, Mario Imperatori. Ausiliario Specializzato: Claudio Transvalle, Roberto Petrongari, Franco Bifarini, Franco Desideri, Roberto Greco. 1.b) Medici Veterinari con Contratto SUMAI che operano sul territorio: Laura Candio, Ettore Tomassetti, Fabrizio Di Nardo, Paolo Patacchiola, Angelo Amedei, Enrico Boni, Renzo Ianni, Giovanni Pagani. 1.c) Non dipendenti ASL ( Interinali/Convenzionati/Collaboratori Esterni ) Collaboratori Amministrativi: Alessandro Capparella, Alessandra Sciumè, Sabina Pasqualucci, Martina Cantonetti, Antonella Pisaniello, Annamaria Anglani. Personale Ausiliario: Roberto Petrongari, Roberto Greco. 5

6 2) Servizio Igiene della Produzione, Trasformazione, Commercializzazione, Conservazione e Trasporto degli Alimenti di Origine Animale e loro Derivati. Direttore: Dr. Sandro Rinaldi a) Medici Veterinari: Giuseppe Clementini, Renzo Palombini, Micci Michela, Mario Ricciardi, Otello Romano, Dina Caldarelli, Valentina D Ovidio. Tecnici della Prevenzione: Stefano Carotti, Antonini Giuseppe. Assistente Amministrativo: Fabiola di Vetta b) Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Direttore: Dr. Sandro Rinaldi Tecnico della Prevenzione: Dr. Ampelio Cocco Amministrativo: Dr. Valerio Mozzetti. 3) Servizio Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche. Direttore: Dr. Sandro Rinaldi 4) Responsabile Anagrafe Zootecnica e degli Insediamenti Produttivi Direttore: Dr. Mauro Grillo B) Prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro (PSAL) Direttore: Dr.ssa Marina Palla Coordinatori: T.P.D. Domenico Giuliani, T.D.P. Maria Gabriella Antonetti Dirigenti Medici: Dr.ssa Lorella Fiena, Dr. Massimiliano Angelucci, Carmine Falsarone Tecnici della Prevenzione: Isabella Bianchetti, Giovambattista Blasetti, Lanfranco Tosti, Simone Miccadei, Michele Maggiori, Massimo Giordani, Massimiliano Di Mario, Marco Ianni, Fabrizio Boncompagni. Personale Amministrativo: Sig. Marco Di Filippo, Sig. Franco Santoprete. C) Servizio igiene e sanità pubblica (SISP) Direttore: Dr. Pietro Dionette Coordinatore: Antonio Tavani Dirigenti Medici: D.ssa Felicetta Camilli, D.ssa Maddalena Morante, D.ssa Giuseppina Bartolomei, Dr. Gianluca Fovi. 6

7 Tecnici della Prevenzione: Michele Amorosi, Rossana Bertelli, Donato Di Carlo, Andrea Fusacchia, Fabio Tomassini, Gabriele Fabri, Tiziana Cipriani. Assistenti Sanitari: Sig.ra Nives Donini, Mirella Silvestri Collaboratore Amministrativo Esperto: D.ssa Annalisa Santoprete D) Servizio igiene alimenti e nutrizione (SIAN) Direttore: Dr.ssa Marina Palla Dirigente Responsabile: Dr.ssa Rosanna Guadagnoli Coordinatori: Dr. Alberto Brunelli, Dr. Claudio Felice Mari Tecnici della Prevenzione: Sandro Antonacci, Giovanni Baselli, Luigi Bussi, Paola Caluisi, Stefano dell Orso, Enrico Vicari. Collaboratore Amministrativo Esperto: D.ssa Annalisa Santoprete E) Medicina sportiva Responsabile: Dr. Luigi Bellagamba Dirigente medico: Dr.ssa Maria Teresa Manzi Referente per il personale infermieristico: Sig.ra Francesca Lalle Infermiera: Sig.ra Maria Pia Masini 1.3 ATTIVITÀ SVOLTE Descrizione generale delle attività svolte nei servizi del Dipartimento di Prevenzione: Servizio Sanità Animale (SA) Piani di Risanamento per la profilassi malattie; Profilassi antirabbica; Attività di vigilanza e controllo su programma; Attività di vigilanza e controllo epidemiologico; Riscontri agli Enti; Emergenze. Ambulatorio veterinario 7

8 Applicazione microchip (anagrafe canina), sterilizzazione cani e gatti randagi, assistenza cani randagi;prelievo campioni animali vivi e morti,attività di vigilanza e ispezione negli allevamenti e nei canili, prelievo mangimi, attività chirurgica ambulatoriale. Servizio di igiene della produzione, trasformazione, commercializzazione, conservazione e trasporto degli alimenti di origine animale e loro derivati (I.P.T.C.A.) Ispezione igienico sanitaria degli alimenti di origine animale negli stabilimenti di macellazione, a domicilio dei privati, nei laboratori di sezionamento e trasformazione, nei depositi frigoriferi e negli spacci di vendita;attività di vigilanza e controllo su programma dettate da norme comunitarie, nazionali e regionali ( tossinfezioni alimentari, adempimenti UVAC sui prodotti importati dai paesi CE, prelievo campioni per monitoraggi batteriologici e chimici);attività di vigilanza di iniziativa (verifica piani di autocontrollo, verifica documentale e/o degli alimenti mediante campionatura, provvedimenti e/o prescrizioni, verbali, sequestri);riscontro agli Enti;emergenze. Servizio igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche ( I.A.P.Z.) Vigilanza preventiva e permanente sugli impianti e concentramenti di animali, nonché sulla trasformazione e risanamento dei sottoprodotti, avanzi e rifiuti di origine animale, anche in relazione all ambiente;vigilanza sui farmaci ad uso veterinario; Vigilanza sulla fecondazione artificiale e riproduzione animale; vigilanza e controllo sull alimentazione animale;vigilanza sul benessere animale in allevamento e durante i trasporti; controllo latte delle produzioni aziendali;riscontro agli enti; emergenze. Responsabile UODS: Anagrafe zootecnica e degli insediamenti produttivi Registrazione e Aggiornamento in BDN degli Allevamenti delle specie ( bovine, bufaline,equine, ovicaprine, suine, avicole,api); registrazione e Aggiornamento in BDN capi bovini ed ovi-caprini, stampa passaporti bovini; censimento allevamenti ovi-caprini e suini; movimentazioni in ingresso ed uscita dei capi bovini/bufalini ed ovi-caprini, richiesta marche auricolari nuove e duplicati (bovine, bufaline, ovi-caprine); richiesta marche auricolari nuove (ovi-caprine,suine); registrazione nuovi insediamenti produttivi - DIA: modificazioni e cessazioni; vidimazione registri di carico e scarico delle varie specie allevate. Prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro (PSAL) 8

9 Attività di vigilanza (Funzioni di polizia giudiziaria che consentono di vigilare e sanzionare il mancato rispetto delle norme di igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro con dipendenti, di iniziativa del Servizio e su delega dell'autorità Giudiziaria),inchieste infortuni e malattie professionali (per individuare cause, modalità e responsabilità in merito all'evento dannoso),attività autorizzativi (eventuali prescrizioni su notifiche ex art. 67 D.Lgs.81/08 e certificati restituibilità ambienti bonificati da amianto friabile),attività sanitaria (accertamenti sanitari di legge previsti per apprendisti minori non a rischio,e minori (non apprendisti) non a rischio, accertamenti sanitari su categorie di lavoratori esposti a rischio per le quali la legge prevede il rilascio del certificato da parte della Azienda USL, profilassi vaccinale antitetanica obbligatoria),attività amministrativa e informativa (Vidimazione registri infortuni, informazioni e assistenza in sede). Servizio igiene e sanità pubblica (SISP) Atti Autorizzativi in materia di igiene edilizia (N.O., esame progetti), Conferenze dei Servizi;atti Autorizzati strutture sanitarie, strutture ricettive;problematiche relative alla presenza di amianto nell'ambiente (N.O su piani di lavoro, rimozione e smaltimento amianto);esposti su igiene edilizia ed ambientale;attività di vigilanza, Polizia cimiteriale;rilascio certificazioni varie;pareri in commissione per nuovi insediamenti produttivi (N.I.P.); epidemiologia: indagini, campagna di vaccinazione, educazione sanitaria, Rencam - Centro Vaccinazione Adulti. Servizio igiene alimenti e nutrizione (SIAN) Pareri preventivi su richiesta dei privati per progetti relativi ad esercizi da adibirsi a deposito all ingrosso, produzione, preparazione, confezionamento somministrazione di prodotti alimentari e di bevande,verifiche DIA normale e differita per stabilimenti, esercizi e laboratori di produzione, preparazione e confezionamento di sostanze alimentari e per depositi all ingrosso di sostanze alimentari, Industrie Insalubri alimentari e per automezzi per trasporto di alimenti,autorizzazioni, controllo e vigilanza dell acqua potabile destinata al consumo umano, distribuita sia tramite acquedotto pubblico sia attraverso approvvigionamenti idrici privati (pozzi e sorgenti) nella Provincia di Rieti,istruttorie per autorizzazioni di locali di deposito e vendita di prodotti fitosanitari e rilascio e / o rinnovo del certificato di abilitazione alla vendita di fitofarmaci,vigilanza e attività di P.G. su stabilimenti di acque minerali, sulle attività di deposito, produzione, preparazione, confezionamento, trasporto, somministrazione, commercializzazione di prodotti alimentari, con verifica dei relativi piani di autocontrollo ed eventuali campionamenti, reperti, sequestri di prodotti alimentari nonché vigilanza sugli esercizi di deposito e vendita di prodotti fitosanitari rilascio e/o rinnovo di libretti d idoneità sanitaria per alimentaristi (aboliti nella Regione Lazio. Il rilascio di tali 9

10 idoneità si effettua solo per i residenti che svolgono attività lavorativa nelle regioni in cui sono ancora in vigore), intervento sanitario nei casi presunti o accertati di intossicazioni e/o tossinfezioni alimentari,corsi di formazione per rivenditori di prodotti fitosanitari,interventi di prevenzione nutrizionale per la diffusione delle conoscenze di stili alimentari corretti e protettivi della popolazione generale e per gruppi di popolazione,interventi di prestazioni nutrizionali per la ristorazione collettiva con predisposizione, verifica e controllo sulle tabelle dietetiche, indagini sulla qualità nutrizionale dei pasti forniti e consulenza sui capitolati per i servizi di ristorazione, riconoscimento dei funghi epigei spontanei raccolti da privati cittadini e determinazione di quelli commestibili, interventi formativi alla popolazione e ai raccoglitori di funghi,rilascio dell attestato di abilitazione alla vendita dei funghi commestibili, vigilanza e controllo sulla produzione, commercializzazione, vendita e somministrazione dei funghi freschi, secchi e conservati. Medicina sportiva Rilascio certificazione d idoneità all attività agonistica con esecuzione di esame clinico generale - ECG basale, dopo sforzo, spirografia ed es. urine, rilascio certificazione di idoneità all attività non agonistica (esame clinico generale, ECG basale),rilascio certificazione di idoneità allo sport terapia per soggetti disabili, rilascio certificazione di idoneità all attività agonistica per soggetti disabili esecuzione di accertamenti integrativi di carattere cardiologico (Ergometria),visite per l esonero dall Educazione Fisica per i soggetti in età scolare. 10

11 CAPITOLO II DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA 2.1 PLANIMETRIA CON DESTINAZIONE D USO DEI LOCALI La struttura che ospita il Dipartimento di Prevenzione, per la quale il Direttore del SISP, Dr. Piero Dionette ha rilasciato in data , parere Igienico Sanitario favorevole, è ubicata all interno dell area ex OPP. Le destinazioni d uso dei locali, e la superficie delle stanze dell immobile in esame sono riportate nella planimetria allegata che è parte integrante e sostanziale del presente DVR. La struttura che ospita l Ambulatorio Veterinario,ubicato al piano terra di Via F.lli Sebastiani 221/223 a Rieti, non dispone della necessaria autorizzazione sanitaria, rilasciata dal Comune, previa istruttoria del Servizio Igiene degli Allevamenti delle Produzioni Zootecniche dell Area Dipartimentale di sanità Pubblica Veterinaria della AUSL di Rieti ( nota prot.46 del ). La destinazione d uso dei locali e la superficie delle stanze della struttura in esame, sono riportate nella planimetria allegata che è parte integrante e sostanziale del presente DVR. I locali che ospitano gli ambulatori di Medicina Sportiva, si trovano all interno della palazzina centrale di V.le Matteucci n 9 a Rieti. La destinazione d uso e la superficie delle stanze, sono riportate nella Planimetria allegata che è parte integrante e sostanziale del presente DVR. 2.2 CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI USO MEDICO GRUPPO 0 GRUPPO 1 GRUPPO 2 Norma CEI 64-8/710 i locali dell Ambulatorio Veterinario corrispondono ai locali di gruppo 1: ad uso medico nei quali si fa uso di apparecchi con parti applicate destinate ad essere utilizzate esternamente o anche invasivamente entro qualsiasi parte del corpo, esclusa la zona cardiaca. 2.3 CLASSIFICAZIONE AMBIENTI MARCI MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO. Norma CEI 64-8 sez. 751: impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 100 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua. 11

12 CAPITOLO III DATI EPIDEMIOLOGICI 3.1 SITUAZIONE INFORTUNISTICA Al fine di avere una panoramica più ampia dell andamento dell evento infortunistico all interno del Dipartimento di Prevenzione, è stata esaminata la documentazione agli atti del Servizio Prevenzione e Protezione relativa al periodo gennaio 2005 giugno Da tale indagine, è emerso quanto segue. Complessivamente, si sono verificati n. 13 infortuni, così ripartiti. Nel corso dell anno 2005, si sono verificati n. 3 infortuni, così dettagliati: - n. 1 infortunio è stato determinato da una caduta accidentale sulle scale ed è occorso ad un Tecnico del SIAN, - n. 2 infortuni sono avvenuti in itinere. Negli anni 2006 e 2008 non sono stati registrati infortuni. Nell anno 2007, l unico infortunio verificatosi è stato a potenziale rischio biologico e ha visto coinvolto un ausiliario del Servizio di Sanità Animale, il quale è stato morso da un cane durante la sua attività lavorativa. Nel 2009 si sono verificati n. 2 infortuni. Dei due infortuni: - n. 1 si è verificato per scivolamento dell operatore durante prelievo ematico ad un animale, - n. 1 perché l operatore ha urtato, accidentalmente, la mandibola contro un vano dell auto di servizio. Nell anno 2010 è stato registrato un infortunio in itinere, occorso ad un medico veterinario mentre si recava al lavoro. Nell anno 2011 si sono verificati n. 4 infortuni. Di questi, - n. 2 si sono verificati in itinere, durante il tragitto che va dall ambiente di lavoro alla propria abitazione, - n. 1 si è verificato a seguito di inciampo dell operatore all interno del luogo di lavoro e ha richiesto 15 giorni di prognosi, - n. 1 è occorso ad un medico veterinario che, mentre si accingeva a visitare un bovino, veniva colpito ad un braccio dal bovino stesso; la prognosi è stata di 35 giorni. Nell anno in corso, dalla documentazione agli atti, risultano, ad oggi, n. 2 infortuni, così dettagliati: - n. 1 infortunio in itinere, occorso ad un ausiliario mentre si recava al lavoro, - n. 1 infortunio a seguito di caduta a terra, occorso ad un tecnico della prevenzione, mentre eseguiva sopralluogo in una stalla. 12

13 3.2 RISULTATI DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA La relazione redatta dal Medico Competente, dove vengono riportati i risultati della sorveglianza sanitaria, non è stata ancora acquisita al protocollo del Servizio di Prevenzione e Protezione, in quanto in via di definizione. 13

14 CAPITOLO IV FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO Formazione e addestramento del personale: 1. Servizio Sanità Pubblica e Veterinaria Cognome e Nome /Qualifica Tecnico della Prevenzione Fabio Benedetti Coadiutori Amministrativi Angela Fiocchi Silvia Pinnavaia Simona Cornetta Fabiola Di Vetta Patrizia Cuomo Giuseppe Imperatori 1.a) Ambulatorio Veterinario Corsi Effettuati Corso rischio incendio VVF anno 2003, rischio medio. Corso rischio incendio VVF anno 2002, rischio medio. Ausiliari Claudio Tranvalle Roberto Petrongari Franco Bifarini Franco Desideri Roberto Greco Corso rischio incendio VVF anno 2001, rischio elevato. 1.b) Servizio Igiene della Produzione, Trasformazione, Commercializzazione, Conservazione e Trasporto degli Alimenti di Origine Animale e loro Derivati. Tecnici della Prevenzione Stefano Carotti 14

15 Antonini Giuseppe Assistente Amministrativo Fabiola di Vetta 1.c) Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Tecnico della Prevenzione Dr. Ampelio Cocco Assistente Amministrativo Dr. Valerio Mozzetti 2. Psal Coordinatori Gabriella Antonetti Domenico Giuliani Tecnico della Prevenzione Isabella Bianchetti G. Battista Blasetti Massimiliano Di Mario Massimo Giordani Marco Ianni Michele Maggiori Simone Miccadei Lanfranco Tosti Assistente Amministrativo Raffaella Pulcini 3. Ian Coordinatori Alberto Brunelli Claudio Mari Tecnico della Prevenzione Sandro Antonacci Corso rischio incendio VVF anno 2001, rischio elevato. Corso rischio incendio VVF anno 2002, rischio medio. Corso rischio incendio VVF anno 2002, rischio medio. Corso rischio incendio VVF anno 2002, rischio medio. 15

16 Giovanni Baselli Luigi Bussi Paola Caluisi Stefano Dell Orso Enrico Vicari Corso rischio incendio VVF anno 2002, rischio medio. Corso rischio incendio VVF anno 2002, rischio medio. Corso rischio incendio VVF anno 2002, rischio medio. 16

17 CAPITOLO V PROCEDURE DI SICUREZZA Le procedure generali di sicurezza sono pubblicate nella pagina web SPP: 17

18 CAPITOLO VI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI : SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA Nell ambito della Valutazione dei Rischi ( Agenti Biologici, Fisici, Meccanici), sono stati individuati i DPI riportati nella tabella della pagina seguente, che ogni operatore deve indossare in relazione alla specifica attività lavorativa svolta. Nell individuazione di tali D.P. I., si è tenuto conto del contenuto della nota 46/DP del 05/06/2012, inviataci dal Coordinatore dei Servizi Veterinari Dr. Sandro Rinaldi, sintetizzata nel seguente schema: DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI IN USO - Guanti in lattice; - Calzari monouso ; - Tute bianche monouso; - Mascherine; - Cuffie monouso; - Stivali in gomma; - Piumini. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI DA METTERE A DISPOSIZIONE - Tute protettive tipo Du Pont Tyvek classic, modello CHF5; - Camici tipo Sonetti SAS PL 565; - Camici monouso in TNT bianchi con elastico al polso - Guanti zootecnici elasticizzati tipo Tognazzoni; - Stivali antinfortunistici; - Guanti metallici per la protezione mano sinistra; - Guanti antitaglio in filato - Piumini trapuntati senza maniche; - Elmetti; - Occhiali di plastica con lenti trasparenti monouso 18

19 Indumenti di lavoro e Dispositivi di protezione individuale (D.P.I.): Area Sanità Animale - IPTCA IAPZ 1. camice in stoffa INDUMENTI DA LAVORO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AGENTI BIOLOGICI ESPOSIZIONE CUTANEA 1. Guanti non sterili: di categoria III (D.P.I.), marcati CE e rispondenti alle norme tecniche EN374, EN Camici e/o tute non sterili: di categoria III (DPI), marcati CE e rispondenti alla norma tecnica UNI EN ESPOSIZIONE MUCO-CUTANEA 1. occhiali (con protezione laterale o a maschera) oppure visiera: marcati CE e rispondenti alle norme tecniche EN 166, EN 167, EN 168 ESPOSIZIONE AEREA - ATTRAVERSO DROPLET 1. Facciale filtrante : marcato CE per la protezione da agenti biologici di gruppo 2 e 3 2. Mascherine chirurgiche: si precisa che sono utili per ridurre l emissione nell ambiente di particelle potenzialmente contagiose, ma non proteggono dall inalazione delle stesse ESPOSIZIONE PERCUTANEA: - Area Sanità Animale: 19

20 1. Guanti di protezione in neoprene: marcati CE e rispondenti alle norme tecniche EN 420 EN 388 EN Area IPTCA IAPZ: 1. Guanto in maglia d acciaio lungo fino all avambraccio: marcato CE e rispondente alle norme tecniche EN 420 EN 388 ; da indossare sempre sopra, al guanto di protezione in neoprene oppure ad un doppio guanto non sterile categoria III (D.P.I.), marcato CE e rispondente alle norme tecniche EN374, EN 420) 2. Grembiule di protezione per l utilizzo di coltelli a mano: marcati CE e rispondenti alle norme tecniche EN 340, EN 1082, EN 412 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AGENTI MECCANICI (possibili colpi/urti, determinati dalla vicinanza all animale anche di grossa mole) 1. Elmetto di Protezione : marcato CE e rispondente alla norma tecnica EN Stivali di protezione : marcati CE e rispondenti alla norma tecnica EN EN 345 S5 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AGENTI FISICI ( basse temperature all interno delle celle frigo) - Area IPTCA IAPZ : 1. Guanti antifreddo: marcati CE e rispondenti alla norma tecnica EN 420, EN Giacche antifreddo: marcate CE e rispondenti alla norma tecnica EN 340, EN

21 CAPITOLO VII VALUTAZIONE DEI RISCHI 7.1 RICOGNIZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO Le schede di ricognizione dei fattori di rischio per gruppi omogenei sono agli atti del SPP. 7.2 RISCHI DOVUTI ALLE STRUTTURE La struttura definita BLOCCO 4 dispone di due bagni per portatori di Handicap che presentano le carenze appresso elencate: Assenza di maniglioni o corrimano posti a parete. La porta non apre verso l esterno. La porta non è munita di maniglione interno di richiamo. La struttura dispone in prossimità dei posti di lavoro,di gabinetti separati per uomini e donne, di lavabi con acqua corrente calda, dotati di mezzi per asciugarsi. I gabinetti sono privi di locale antibagno. I pavimenti dei locali sono fissi, stabili e antisdrucciolevoli, nonché esenti da protuberanze, cavità o piani inclinati pericolosi. Le pareti dei locali di lavoro sono a tinta chiara. Le scale fisse a gradini, destinate al normale accesso agli ambienti di lavoro, sono state costruite in modo da resistere a carichi massimi derivanti da affollamento per situazioni di emergenza. I gradini hanno pedata e alzata dimensionate a regola d arte e larghezza adeguata alle esigenze del traffico. I gradini della rampa della scala che conduce al primo piano, presentano pericolo di scivolamento e caduta. I locali posti al piano primo con destinazione d uso ufficio definiti negli elaborati progettuali con i numeri , privi di aria e luce naturale, non soddisfano i requisiti previsti per i locali di categoria A del vigente Regolamento Edilizio del Comune di Rieti. La Direzione della AUSL, ha inviato richiesta di deroga secondo procedura definita dall articolo 43 del sopraccitato regolamento edilizio. Il rilascio della autorizzazione all abitabilità dei locali, è subordinato al collaudo dell impianto di aerazione da parte dell Ufficiale Sanitario che ad oggi non risulta effettuato. La disposizione e il numero delle scrivanie all interno dell ufficio per amministrativi dell Unità Operativa Anagrafe Zootecnica e dell ufficio per Tecnici della Prevenzione 21

22 dell Unità Operativa I.P.T.C.A. e A.P.Z, non consentono al lavoratore il normale movimento della persona in relazione al lavoro da compiere. Il locale adibito ad uso ufficio occupato dal Dr.Dino La Fiandra, nell elaborato progettuale approvato dagli uffici competenti, è indicato come BAGNO. La porta d ingresso dello stesso locale non rispetta in altezza le misure minimi di legge definite dal regolamento edilizio del comune di Rieti. L immobile che ospita l Ambulatorio Veterinario, non risponde ai requisiti minimi strutturali,definiti nell allegato A della DGR 6 Marzo 2007,n 135. Il coordinatore dei servizi veterinari Dr.Sandro Rinaldi,con nota n 46/DP del ,comunica che la struttura sopramenzionata non dispone della necessaria autorizzazione sanitaria. Il sopralluogo effettuato in data , ha evidenziato le problematiche appresso elencate: a) In tutti i locali dove accedono animali e/o si svolgono attività diagnostiche e/o di laboratorio, il pavimento e le pareti non sono rivestiti fino all altezza di due metri con materiale lavabile e disinfettabile, ed i pavimenti non sono raccordati alle pareti con sagoma curva. b) La struttura non dispone di un area per la degenza giornaliera degli animali. c) L area per gli adempimenti amministrativi, non è separata dalla sala dove accedono gli animali per la visita d) La struttura non dispone di locali spogliatoi e armadi per il vestiario. e) Il bagno della struttura,dispone di antibagno occupato da un frigorifero per la conservazione dei vaccini. f) Il pavimento del bagno non è esente da protuberanze. g) Per accedere al bagno il personale della struttura deve obbligatoriamente transitare nella sala dove vengono eseguiti interventi chirurgici. h) Le pareti completamente vetrate non sono chiaramente segnalate e costituite da materiale di sicurezza fini all altezza da 1 metro dal pavimento. L immobile che ospita gli ambulatori di Medicina Sportiva, si trova in Viale Matteucci n 9 a Rieti. Il servizio dispone di due locali ubicati al quarto piano, utilizzati per effettuare gli esami clinici, rilascio certificazione d idoneità all attività agonistica con esecuzione di esame clinico generale - ECG basale, dopo sforzo, spirografia ed es. urine, rilascio certificazione di idoneità all attività non agonistica (esame clinico generale, ECG basale),rilascio certificazione di idoneità allo sport terapia per soggetti disabili, rilascio certificazione di idoneità all attività agonistica per soggetti disabili 22

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Risultati della valutazione e azioni correttive in Ulss 13 Ottobre Novembre 2013 Ulss 13 Dolo-Mirano-Noale 2013 Irma Seminara Rischi psicosociali: stress da lavoro correlato-

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute

Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute OBIETTIVI(1) Miglioramento della Qualità delle inchieste infortunio svolte dal SPSAL della ASL di Milano attraverso l utilizzo di indicatori e dei flussi informativi INAIL OBIETTIVI(2) Garantire Omogeneità

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli