Prefazione: on. Giuseppe Zamberletti, Presidente ISPRO Presentazione: sen. Giovanni Pellegrino, Presidente Provincia di Lecce PARTE I.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefazione: on. Giuseppe Zamberletti, Presidente ISPRO Presentazione: sen. Giovanni Pellegrino, Presidente Provincia di Lecce PARTE I."

Transcript

1

2

3 INDICE Prefazione: on. Giuseppe Zamberletti, Presidente ISPRO Presentazione: sen. Giovanni Pellegrino, Presidente Provincia di Lecce PARTE I Il Forum Introduzione: dott. Giancarlo Ciricugno, Direttore Agenzia Assistenza Tecnica.. pag. 3 Saluto ai partecipanti: dott. Gianfranco Casilli, Prefetto di Lecce pag. 9 L attività della Provincia di Lecce nel servizio di protezione civile: sen. Maria Rosaria Manieri, assessore provinciale alla protezione civile. pag. 13 L attività della Città di Lecce nel servizio di protezione civile: dott. Paolo Perrone, vice sindaco di Lecce pag. 18 Interventi dei partecipanti: Giovanni Tritto-Ass. Volontariato di protezione civile Emergenza Salento... pag. 21 Rocco Foti- Associazione Vigili del Fuoco in Congedo.. pag. 23 Mario D ostuni- Distaccamento Ass.Volontariato C. B. Olimpo Lizzanello.. pag. 25 Antonio Quarta Centro Servizi Volontariato Salento pag. 27 Gabriele Falco Polizia Municipale del Comune di Nardò.. pag. 28 Marcello Seclì Presidente Associazione Italia Nostra Lecce pag. 30 Salvatore Bisanti Associazione di Volontariato La Torre... pag. 32 La collaborazione tra Istituzioni ed associazioni di volontariato: dott.sa Paola Mauro, vice Prefetto Aggiunto -Dirigente 3^ Area Protezione Civile pag. 33 Interventi dei partecipanti: Gerardo Filippo Sindaco del Comune di Aradeo. pag. 41 Mario Cavalera Polizia Municipale del Comune di Galatone. pag. 45 Conclusioni: prof. Lorenzo Alessandrini Direttore ISPRO.. pag. 47 PARTE II Il corso di formazione per operatori comunali di protezione civile Presentazione e programma pag.67 I giudizi dei partecipanti. pag. 71 La protezione civile pag. 74 Il Glossario. pag. 131 L attività del Dipartimento di Protezione Civile.. pag. 135 L esercitazione. pag. 151 La prova finale d esame.. pag. 175 La rassegna stampa. Pag. 183 L archivio fotografico. Pag..185

4 APPENDICE Legge 24 febbraio 1992, n. 225: Istituzione del servizio nazionale della protezione civile.. pag. 190 Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112: Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della Legge 15 marzo 1997, n pag. 198 Legge 9 novembre 2001, n. 401: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, recante disposizioni urgenti per assicurare il coordinamento operativo delle strutture preposte alle attività di protezione civile pag. 200 Decreto del Presidente della Repubblica 194/2001: Regolamento recante norme concernenti la partecipazione delle organizzazioni di volontariato nelle attività di protezione civile pag. 206 DPCM 2 marzo 2002: Costituzione del Comitato operativo della protezione civile... pag. 214 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 12 aprile 2002 Dipartimento della Protezione Civile: Costituzione della Commissione nazionale per la previsione e la prevenzione dei grandi rischi pag. 216 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 28 marzo 2003: Dichiarazione dello stato di emergenza in relazione alla tutela della pubblica incolumità nell'attuale situazione internazionale. pag. 218 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004: Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale e regionale per il rischio idrogeologico ed idraulico ai fini di protezione civile... pag. 219 Regione Puglia Legge del , n. 11: Norme di attuazione della legge quadro sul volontariato pag. 241 Regione Puglia n. 18 del : Conferimento di funzioni e compiti amministrativi in materia di boschi e foreste, protezione civile e lotta agli incendi boschivi pag. 247 Elenco Associazioni di Protezione Civile pag. 256

5 Prefazione Ho seguito con molta attenzione il lavoro svolto dall Amministrazione Provinciale di Lecce attraverso le iniziative promosse dalla sua Agenzia di Assistenza Tecnica agli Enti Locali. La Puglia è terra feconda, ricca di intelligenza e di buona volontà. Il rinnovato interesse per la protezione civile è segno di grande maturità civica e prova evidente della volontà degli enti territoriali di tenere le istituzioni il più vicino possibile ai cittadini. Sono rimasto assai colpito dal grado di efficacia che ha caratterizzato l iniziativa, che ha mirato a far coincidere da subito la formazione con la massima operatività, coinvolgendo anche emotivamente gli operatori locali in attività che sono state caratterizzate da concretezza e aderenza con la realtà viva del quotidiano. Sono convinto che con questa impostazione i risultati non tarderanno ad arrivare e saranno copiosi. Esprimo tutta la mia ammirazione per il coraggio e la determinazione con i quali, da Lecce, gli amministratori locali si propongono come i portabandiera della nuova protezione civile pugliese. A tutti vada per questo il mio augurio di sempre crescenti successi. On. Giuseppe Zamberletti Presidente Istituto Studi e Ricerche di protezione civile (ISPRO)

6 Presentazione Mi compiaccio con l Agenzia per il corso di formazione sulla protezione civile, indirizzato agli operatori comunali, sia per il programma svolto che per l alto livello dei relatori intervenuti. E la conferma di quanto la Provincia di Lecce abbia scelto bene nel promuovere l Agenzia ed è anche la conferma di un attività svolta nell interesse degli Enti Locali salentini. La crescita di un territorio è possibile nella misura in cui viene garantita anche la crescita professionale degli operatori pubblici; per questo, posso affermare che nel campo della formazione e dell assistenza tecnica in favore dei nostri Comuni l attività dell Agenzia svolge un ruolo determinante, contribuendo alla crescita complessiva del Salento. Questa pubblicazione, che raccoglie gi atti del corso di formazione sulla protezione civile, è anche la sintesi di un lavoro di gruppo, certamente utile per quanti hanno a cuore la sicurezza del nostro territorio. Giovanni Pellegrino Presidente della Provincia di Lecce

7 PARTE I

8

9 ATTI DEL 1 FORUM PROVINCIALE SULLA PROTEZIONE CIVILE Lecce, 24 Novembre 2005 Complesso Ecotekne dell Università degli Studi di Lecce Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 1

10 2 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

11 Introduzione Dott. Giancarlo Ciricugno, Direttore Agenzia Assistenza Tecnica agli Enti Locali Benvenuti al 1 forum provinciale sulla protezione civile organizzato dall Agenzia d intesa con la Prefettura di Lecce ed il competente assessorato provinciale retto dalla Senatrice Manieri, che saluto, insieme a sua Eccellenza il Prefetto. Saluto e ringraziamento, per la collaborazione fornita, che estendo alla dottoressa Mauro, Viceprefetto aggiunto e dirigente della Protezione civile della Prefettura di Lecce, all arch. Massimo Evangelista ed al geometra Luigi Scarcella, rispettivamente dirigente e funzionario del servizio di Protezione Civile della Provincia di Lecce. Ringrazio, altresì, il dott. Paolo Perrone, Vicesindaco di Lecce e consigliere provinciale, per essere intervenuto all appuntamento odierno. Grazie, infine, al dott. Lorenzo Alessandrini, Direttore dell ISPRO, per l attività resa nell ambito del percorso formativo. Credo che, ricevendo la convocazione, qualcuno si sia posta la domanda del perché del forum, del perché si sia inserito un forum nel programma del corso di formazione. Abbiamo pensato, insieme alla Senatrice e a Sua Eccellenza il Prefetto, che questo appuntamento fosse opportuno, per creare un contatto, un incontro fra i soggetti che costituiscono il servizio nazionale di protezione civile; fosse necessario mettere tutti insieme, per presentare il lavoro svolto in queste settimane e definire le prospettive future, affinché l attività corsuale non restasse confinata ad una dimensione teorico-conoscitiva; d altronde, sarebbe riduttivo limitare l impegno istituzionale al corso di formazione in fase di svolgimento. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 3

12 La senatrice Manieri, nella conferenza stampa dell altro ieri, ha tracciato le direttrici del percorso successivo che la Provincia intende realizzare; percorso che l assessore Manieri illustrerà nel suo intervento. Manifesto la mia soddisfazione per la buona riuscita del corso che può evincersi agevolmente dall impegno e dall assidua partecipazione degli aderenti. Ho letto in questi giorni alcuni approfondimenti di studiosi che hanno esaminato il fenomeno della protezione civile; ho letto, in particolare, un trattato che riprendeva degli studi che erano stati fatti da alcuni organismi delle Nazioni Unite che paragonavano la situazione della protezione civile a quella sanitaria che aveva interessato i paesi anche in via di sviluppo all inizio degli anni 800, quando iniziò la lotta contro le malattie, le epidemie che colpivano e falcidiavano centinaia di migliaia di persone. Questo studioso diceva che, all inizio della rivoluzione sanitaria, quando c erano dei grossi sforzi finanziari, nessuno riusciva a capire il perché una società dovesse spendere tanto in ricerca e dovesse impegnarsi in questa direzione. È chiaro che oggi nessuno di noi, di fronte alla rivoluzione sanitaria che c è stata, di fronte ai traguardi che la medicina ha raggiunto, avrebbe delle perplessità sulla bontà di talune scelte. Oggi tutti ritengono normale e doveroso contribuire alla protezione dalle malattie ed epidemie e accettano, di buon grado, gli alti costi che comporta questa battaglia intrapresa dalla società contemporanea. Fino ad epoca recente, si guardava alle calamità naturali, ecco il parallelismo con la protezione civile, in modo molto simile a quello con cui si guardava alle epidemie all inizio dell ottocento: le calamità apparivano imprevedibili e determinate dal destino avverso, dal fato sfavorevole, alla stregua dei molti altri rischi della vita quotidiana. Invece, la scienza che ordina sistematicamente la dinamica degli eventi catastrofici dimostra che essi sono, almeno per larga parte, prevedibili e che 4 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

13 esistono tante modalità per ridurre e mitigare l impatto attraverso la conoscenza preventiva dei fenomeni. Analogamente alla battaglia contro le malattie, la lotta contro le calamità va combattuta dalla società e dalle istituzioni nel loro insieme, richiedendo interventi privati e pubblici, sforzi organizzativi e strutturali, impegno culturale e sensibilità diffusa. Un primo traguardo, credo sia stato raggiunto; ho maturato la convinzione che il corso di formazione abbia, innanzitutto, sollecitato nei partecipanti una nuova sensibilità verso la materia della protezione civile. Nel Paese avremo un servizio efficace ed efficiente di Protezione Civile quando ogni soggetto che costituisce il sistema reciterà con puntualità i compiti assegnatigli dalla normativa di settore. Perché questo accada c è bisogno che si affermi una cultura in grado di individuare nel servizio di protezione civile l insieme di quelle azioni indispensabili per la sicurezza dei cittadini, la salvaguardia dei beni materiali, la tutela delle ordinarie attività sociali di una comunità, la conservazione del territorio, rispetto agli agenti perturbatori esterni, di natura calamitosa, e alla individuazione ed alla eliminazione delle cause di turbamento dell assetto sociale e territoriale. Quello del corso rappresenta un percorso che ha attraversato tutte le problematiche di carattere normativo, ha dato degli spunti sulla sicurezza, si è soffermato sull importanza dei piani comunali di protezione civile, sulla cui adozione da parte dei Comuni credo bisogna continuare ad insistere. Il corso in fase di realizzazione rappresenta la prima tappa di un percorso formativo che ha fornito idonei strumenti di conoscenza relativi a: normativa, sicurezza, organizzazione, comunicazione; in particolare, il corso ha fornito gli elementi di conoscenza del sistema, partendo dalla legge 8 dicembre 1970, n. 966 (recante norme sul soccorso e l assistenza alle popolazioni colpite da Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 5

14 calamità-protezione civile) ed approfondendo la successiva normativa nazionale e regionale di settore. In una apposita pubblicazione raccoglieremo, oltre al resoconto della odierna giornata, una sintesi del lavoro svolto. La società del benessere è anche la società dei grandi rischi: il riscaldamento della crosta terrestre, gas nell atmosfera ed il conseguente effetto serra, il disboscamento selvaggio, incendi boschivi a volte dolosi, abusivismo edilizio, interruzione e la deviazione dei corsi d acqua rappresentano delle violenze nei confronti della natura che paghiamo con un un accresciuta forza catastrofica degli eventi calamitosi. Cosa fare quindi? Innanzitutto accrescere la cultura del rispetto dell ambiente, evitando violenze contro la natura, tenendo ben presente che presto o tardi la natura non manca di vendicarsi contro ogni azione dell uomo diretta contro di lei come affermava nell 800, il pedagogista svizzero Johann Heinrich Pestolazzi; in secondo luogo, guardando alla protezione civile come un investimento per la sicurezza di ognuno di noi. Infatti, l approccio da garantire ad una moderna concezione della protezione civile è relegare al passato il rassegnato fatalismo, con cui per secoli sono state accettate tutte le calamità; una società moderna deve essere capace di prevenire e operare nell interesse della collettività, deve garantire quei sistemi di difesa che la scienza, la tecnologia e l organizzazione pongono a disposizione nella salvaguardia della vita e dei beni. Da ciò deriva il valore e l interesse primario che il nostro Paese deve oggi riservare ai problemi della protezione civile. Come nell ottocento si è verificata una rivoluzione sanitaria per effetto dello sviluppo di una cultura della salute pubblica e di una crescita civile della società, così oggi la mitigazione delle calamità dovrebbe diffondersi mediante un analoga cultura dell impegno pubblico, che coinvolga diffusamente comunità sociale e poteri pubblici. 6 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

15 A fianco all impegno delle istituzioni e degli enti pubblici c è bisogno che i singoli cittadini si attivino per garantire autoprotezione; in questo caso come la salute pubblica dipende dall igiene personale, così la protezione civile può dipendere anche dalle scelte di sicurezza personale (staticità di un immobile, di un ascensore,di un impianto di riscaldamento, ecc.). E questa una nuova concezione che il legislatore ha segnalato anche nella legge 146/90, che disciplina le norme sul diritto allo sciopero nei servizi pubblici; infatti, il legislatore qualifica la protezione civile come servizio pubblico essenziale, a conferma che il contenuto tipico della politica di protezione civile è non soltanto la gestione delle emergenze di vario livello, ma anche l attività di previsione e prevenzione delle varie ipotesi di rischio, di soccorso alle popolazioni colpite ed al superamento dell emergenza. La legge 225/92 disegna un sistema definito a cascata che implica una sequenza logica di dipendenza tra un livello di competenza ed un altro; Stato, Regioni, Enti Locali hanno compiti di programmazione ai vari livelli. Per quello che riguarda gli enti locali, per tradurre la previsione normativa in un efficace strumento di previsione e prevenzione, è necessario definire specifiche attività di monitoraggio e studio a livello provinciale o comunale (ovvero intercomunale) sulla base delle quali strutturare le misure di emergenza da disciplinare nell ambito degli strumenti pianificatori di rispettiva competenza degli Enti Locali. Purtroppo, la nostra- come altre realtà- registra gravi ritardi nell attività di pianificazione delle emergenze. A proposito cito una dichiarazione di Guido Bertolaso a margine di un convegno nazionale: Il 60% delle Province Italiane ha piani di Protezione Civile già operativi, a differenza dei Comuni, i quali, almeno per il 50%, non hanno ancora predisposto un piano. La Provincia di Lecce, da tempo, si è dotata del piano, ma, la stragrande maggioranza dei comuni, ancora ne è sprovvista. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 7

16 Se l Assessorato lo richiederà, l Agenzia è pronta costituire un pool di esperti che, a richiesta, garantisca la necessaria assistenza tecnico-giuridica nella stesura dei piani comunali, grazie anche al contribuito importante che potrà essere assicurato dalle associazioni di volontariato di protezione civile, che rappresentano una fondamentale risorsa cui attingere non solo in situazioni di emergenza. In provincia di Lecce abbiamo oltre cento associazioni di volontariato, una risorsa immensa, (oserei definirli gli Angeli custodi della sicurezza del territorio); c è la necessità di utilizzarli al meglio. Credo il mio intervento si possa sintetizzare in tre parole: insieme, sicurezza, tranquillità; tre parole che racchiudono l'essenza e l'obiettivo del corso, cioè : insieme si può garantire la sicurezza e si può vivere in una situazione di maggiore tranquillità nel proprio territorio. Prestando fede a questi principi, potremmo avere un servizio di protezione civile degno di una società moderna. Credo, infatti, che sarebbe imperdonabile dover constatare che- in caso di calamità- la società o le istituzioni non siano in grado di rispondere con la necessaria efficacia. Se l inefficienza nei soccorsi può registrarsi in un paese nel terzo mondo, sicuramente, in una delle società più avanzate questo non può accadere. Insieme, sicurezza e territorio, io li assumerei come slogan per i prossimi appuntamenti e per un impegno che mi auguro sia sempre continuo affinché, il contributo di ognuno di noi si traduca in azioni a favore delle nostre comunità. Grazie. 8 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

17 Saluto ai partecipanti Dott. Gianfranco Casilli, Prefetto di Lecce Ben volentieri intervengo per portare il mio saluto che sicuramente non è formale, ringrazio la Senatrice Manieri, per avermi invitato, come saluto il Vicesindaco e gli altri relatori. Un saluto particolare ai Comuni e alle associazioni di volontariato che oggi qui sono presenti. Ho avuto il piacere anche di essere presente il giorno in cui è partito questo corso di protezione civile, in effetti questo corso è stato organizzato congiuntamente tra la Prefettura e la Provincia di Lecce. Vorrei evidenziare come il sistema della protezione civile è un sistema complesso, che ha bisogno di grande collaborazione, soprattutto per quanto riguarda gli organi che hanno una responsabilità a livello intermedio, quindi a livello provinciale; e io posso testimoniare che in provincia di Lecce c è questa collaborazione; esiste questo colloquio continuo che è il presupposto perché si possa realizzare un fattivo e proficuo rapporto interistituzionale che si traduca in efficaci azioni di intervento a tutela della sicurezza ed incolumità dei cittadini e di salvaguardia del territorio. Siamo stati tutti d accordo nel ritenere che i Comuni rappresentano il fronte nel momento in cui c è un emergenza di protezione civile, è inutile nascondere che qualunque sistema, il più organizzato, di protezione civile non può garantire l immediato intervento delle risorse centrali sul territorio. E evidente che il problema lo deve affrontare il Comune, prima conoscendo i rischi e poi seguendo l evolversi di un fenomeno che può essere di piccolo, di medio o di grande impatto sul territorio. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 9

18 Il Comune, quindi, ha le maggiori responsabilità, ma perché il Sindaco possa esercitare questo ruolo importante, che è quello di garantire la sicurezza dei cittadini, evidentemente, deve anche essere messo in condizione di poterlo fare, al di là della disponibilità che tutti i Sindaci hanno dimostrato di avere nelle diverse situazioni di emergenza che hanno interessato il territorio provinciale. Posso testimoniare ciò, proprio perché ci sono state alcune emergenze, fortunatamente in questa provincia di piccolo impatto, ma che si sono svolte nei giorni festivi (di notte) ed i Sindaci sono sempre intervenuti. Tuttavia un Comune che non ha una discreta organizzazione non può mai rispondere con quella efficacia ed efficienza che la situazione richiede. Allora, perché possa essere fatto questo, al di là delle capacità di organizzazione, di inventiva del Sindaco, ci vuole una struttura comunale che sappia quello che deve fare. Si è pensato di agire immediatamente su questo, la Provincia, con grande sensibilità, ha risposto positivamente e ha pensato di dare un contributo che ritengo importante. Ha organizzato un corso che mi sembra di alta qualità per gli operatori comunali, praticamente per il funzionario, che sia pure part-time, segue queste problematiche in Comune. Ribadisco, che ho avuto piacere a intervenire il giorno in cui questo corso è stato avviato, è proseguito ed infine è stato arricchito da questo momento che vede la possibilità del confronto non solo degli operatori comunali ma anche delle associazioni che sono l'altra struttura presente nel Comune, che è indispensabile. Infatti, essendo medio/piccoli, i nostri Comuni non hanno una struttura comunale che è in grado di fronteggiare una situazione di emergenza, devono necessariamente fare riferimento al supporto del volontariato, che però deve essere disponibile e deve essere professionale. Io direi che per la protezione civile la cosa fondamentale sia che chi vi opera ci deve credere e deve essere disponibile, infatti, spesso, le emergenze si 10 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

19 verificano di venerdì, di sabato, di domenica o di sera, quindi, è indispensabile che ci sia questa passione di fondo nel dare. Per concludere, i dipendenti dei Comuni hanno avuto questa possibilità di formazione di alto livello, adesso ci saranno delle ulteriori iniziative per quanto riguarda l organizzazione della protezione civile a livello provinciale, con l attrezzamento dei mezzi necessari perché possano svolgere il loro ruolo, però i Comuni devono cominciare a rispondere. Adesso vorrei sapere chi sono i dipendenti a cui noi faremo riferimento, vorrei sapere per ogni Comune, dato che il Sindaco non può essere onnipresente, quale è l assessore cui fare riferimento nel momento in cui il Sindaco non c è, e, soprattutto, ogni Comune deve fare il piano, che non è necessario che sia un piano fatto da un grande stratega; è sufficiente che sia un piano elementare purché sia fatto da qualcuno che conosce il territorio, che sa quali sono i rischi presenti nel territorio, e nel territorio leccese questi rischi non sono molti e particolarmente complessi, e soprattutto che sia dimensionato per il Comune o per il gruppo di Comuni che predispongono il piano. Se tutto questo non si fa noi non possiamo sopperire a questa mancanza con la buona volontà e con l organizzazione al momento, questo non serve assolutamente a niente. Come è stato detto, purtroppo moltissimi Comuni non hanno un piano e questo lo espone nel momento in cui dovesse accadere un evento calamitoso. Conoscete quali sono i rischi che incombono sul territorio; pertanto attrezzarsi appositamente per una grande nevicata sarebbe uno sperpero di risorse immenso; però, se il territorio è esposto al rischio di allagamento, evidentemente, bisogna conoscere il luogo ove ciò avviene e bisogna organizzarsi per cercare di fronteggiare un evento del genere e soprattutto bisogna fare quelle attività di prevenzione che spesso non ci sono e che espongono il territorio in maniera particolare. Affido a voi queste mie considerazioni; con l auspicio che nel momento in cui molti passi avanti sono stati fatti e una mano, come richiesto giustamente dai Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 11

20 Comuni, è stata data, si passi all operatività e si possa, in maniera più tranquilla, fronteggiare quegli eventi che non sono sicuramente catastrofici ma che possono intervenire sempre con maggiore frequenza, i cosiddetti eventi meteorologici estremi e si possano fronteggiare con delle risorse adeguate e con un'organizzazione idonea. Grazie. 12 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

21 L attività della Provincia nel servizio di protezione civile sen. Maria Rosaria Manieri, assessore provinciale alla protezione civile Io limiterò il mio intervento a un saluto, a un ringraziamento e a una breve riflessione. Innanzitutto un saluto a tutti voi, un saluto al Prefetto che ringrazio particolarmente per l attenzione che dà al nostro lavoro e per gli stimoli che continuamente offre alla Provincia, soprattutto in questo settore, perché il Salento si doti di un sistema moderno, efficiente ed efficace nel settore della protezione civile. Grazie signor Prefetto, grazie ai suoi collaboratori. Un saluto, naturalmente, al Vicesindaco della Città di Lecce, che testimonia lo spirito di collaborazione con cui noi vogliamo agire in questo settore. Diceva giustamente il Prefetto che la collaborazione è una chiave di successo per le azioni di protezione civile soprattutto nelle emergenze, anzi, io penso che tra di noi, tra istituzioni, associazioni, Comuni, corpi dello Stato che intervengono, bisognerebbe creare un vero e proprio family life, una vita familiare che parli lo stesso linguaggio, che si capisca al volo nel momento in cui interviene. Ad esempio, si dovrebbero dotare i volontari di un unica divisa, come mi veniva evidenziato l altro giorno a Seclì, non per una semplice questione di omologazione o soltanto per evitare una multicolorità, bensì per rendere riconoscibili. le associazioni di protezione civile del Salento su tutto il territorio. Un ringraziamento va al direttore dell Agenzia per l assistenza tecnica agli Enti locali della Provincia di Lecce, dott. Giancarlo Ciricugno, che ha portato avanti in modo così competente questo primo corso per operatori della protezione civile, che è diretto in particolare ai collaboratori dei Sindaci, che sono i primi referenti e responsabili sul territorio in caso di emergenza; difatti un povero Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 13

22 Sindaco, se non ha persone competenti e capaci di intervenire, difficilmente potrà gestire da solo tali situazioni. Da ciò deriva la necessità di formare. Noi riteniamo, e su questo stiamo molto investendo in quest'anno, che, insieme alla collaborazione e alla coesione, la formazione degli operatori sia l'altra chiave di volta del successo, insieme poi all'organizzazione. Parlando di protezione civile, sono solita ricordare una persona che considero essere stata un grande Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, che, in seguito al terremoto dell'irpinia, fece notare come il cuore degli italiani fosse sempre pronto e generoso; i volontari partirono a prestare soccorso da tutte le parti d Italia, ciò nonostante in quella circostanza si registrò un drammatico numero di vittime che, forse, sarebbe potuta essere inferiore se ci fosse stata un adeguata organizzazione nell attività di soccorso. Ecco la necessità; noi viviamo in una società a rischio. Il progresso scientifico e tecnologico ha migliorato le condizioni di vita nostre, delle nostre comunità, dei nostri paesi, però, ha anche aumentato i rischi. Allora, un principio etico per la politica e per i governi locali, un principio etico della nostra società è quello di far valere il principio di precauzione. Noi dobbiamo premunirci, attrezzarci, prevenire; da qui l'importanza da dare alla prevenzione e la necessità di attrezzarci per affrontare le situazioni di emergenza. Per affrontare questo, ribadisco, sono convinta che formazione, organizzazione, collaborazione, preparazione, informazione, siano quanto mai indispensabili, in modo da utilizzare, al massimo del loro potenziale, tutte le risorse di cui disponiamo. La Provincia si sta muovendo in questa direzione, colgo qui l occasione per ringraziare anche il nostro servizio, il nostro ufficio di protezione civile nelle persone dell'architetto Evangelista e del geometra Scarcella, che, fattivamente, si impegnano in questo settore, facendo tutto quello che è necessario, 14 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

23 nonostante l organico del servizio provinciale di protezione civile sia insufficiente. Difatti, si sta già procedendo all aggiornamento del piano provinciale di protezione civile di cui la Provincia si è dotata da tempo. Il nostro ufficio è a disposizione dei Comuni che vogliano aggiornare o predisporre i loro piani comunali di protezione civile; siamo a disposizione per offrire tutta la banca dati, ma anche la necessaria consulenza. Allo stato, Prefetto, solo 14 Comuni hanno il piano; e questo è un dato che ci preoccupa, perché nel momento di rischio non si può intervenire alla cieca. In una società moderna i rischi diventano complessi e bisogna avere tutte le informazioni necessarie, per sapere come intervenire, per non determinare più danni che aiuti. Da questa convinzione deriva l attività che stiamo svolgendo per spingere a una rapida attivazione dei centri operativi misti, che insieme con il Prefetto abbiamo definito nell'accorpamento dei Comuni. Abbiamo anche svolto un'azione di forte sollecitazione nei confronti dei comuni, affinchè mettano a disposizione le sedi; il lavoro è stato completato e ci auguriamo quanto prima, anche in un'ultima azione di concertazione, di renderli definitivi e operativi. La Provincia stanzia anche delle risorse per l'attivazione di questi COM, diamo euro per l attivazione, mettendo a disposizione di ogni centro operativo misto tutta la banca dati della Provincia e quindi dando le attrezzature necessarie. Noi riteniamo fondamentale per l efficienza del sistema il ruolo delle associazioni di protezione civile, che nel Salento rappresentano, sulla base di un indagine sul volontariato, il secondo settore per presenza di volontari sul territorio. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 15

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

Quando crescere resta l obiettivo primario

Quando crescere resta l obiettivo primario Quando crescere resta l obiettivo primario Nell intervista a Lucia Di Lauro, responsabile della Pro - tezione civile della Regione Puglia, le tappe di una carriera interamente dedicata alla Pubblica amministrazione

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Verso Nuovi Standards di Assistenza Sociale e Sanitaria: il ruolo del volontariato e delle associazioni private

Verso Nuovi Standards di Assistenza Sociale e Sanitaria: il ruolo del volontariato e delle associazioni private con il Patrocinio di Regione Lazio Assessorato alle Politiche Sociali e Promozione della Salute Presenta Atti del Convegno Verso Nuovi Standards di Assistenza Sociale e Sanitaria: il ruolo del volontariato

Dettagli

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Mi faccia dire innanzitutto, che è davvero molto bello entrare in questa gigantesca tensostruttura

Dettagli

I NUMERI PER L EMERGENZA

I NUMERI PER L EMERGENZA I NUMERI PER L EMERGENZA Il Comune di Gerenzano ha attivato, presso la sede in piazza XXV Aprile n.1 il servizio di Protezione Civile Comunale dedicato alle comunicazioni di emergenza. I numeri da comporre,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Sala del Parlamentino Commissione Tecnica per la Finanza Pubblica Avvio del progetto di Spending Review

Ministero dell Economia e delle Finanze Sala del Parlamentino Commissione Tecnica per la Finanza Pubblica Avvio del progetto di Spending Review Ministero dell Economia e delle Finanze Sala del Parlamentino Commissione Tecnica per la Finanza Pubblica Avvio del progetto di Spending Review Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Tommaso

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI PROTEZIONE CIVILE La normativa nazionale sulla protezione civile Legge n. 225 del 24 febbraio 1992 (Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE DOTT. GIUSEPPE CALABRESE Istituto di Vigilanza Città di Milano

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE 1 2 INDICE ART.1COSTITUZIONEDELGRUPPOECOMPOSIZIONE...4 ART.2AMMISSIONEEPARTECIPAZIONEDIALTRISOGGETTI...4 ART.3COMPITI,PRINCIPIESANZIONI...5 ART.4COMPITIDELSINDACO...6

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Le figure della protezione civile a livello comunale

Le figure della protezione civile a livello comunale Obiettivo della lezione: Conoscere la struttura e le attività di un gruppo comunale di protezione civile Le figure della protezione civile a livello comunale Il responsabile della protezione civile a livello

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Mercedes Bresso. Primo vicepresidente del Comitato delle Regioni. Palazzo Trissino, sede del Comune di Vicenza 18 ottobre 2013, Vicenza

Mercedes Bresso. Primo vicepresidente del Comitato delle Regioni. Palazzo Trissino, sede del Comune di Vicenza 18 ottobre 2013, Vicenza In occasione della giornata Internazionale della lotta contro la povertà: presentazione della Piattaforma Europea contro la Povertà e l'emarginazione e ruolo degli enti locali e regionali d'europa Mercedes

Dettagli

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 3 DICEMBRE 2008

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 3 DICEMBRE 2008 Atti Parlamentari 1 Camera Deputati Senato Repubblica COMITATO PARLAMENTARE DI CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI SCHENGEN, DI VIGILANZA SULL ATTIVITÀ DI EUROPOL, DI CON- TROLLO E VIGILANZA IN MATERIA

Dettagli

Telelavoro, un sistema flessibile per l organizzazione del lavoro

Telelavoro, un sistema flessibile per l organizzazione del lavoro BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F. 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Presentazione

Dettagli

Il Volontariato di Protezione civile in Emilia Romagna

Il Volontariato di Protezione civile in Emilia Romagna Il Volontariato di Protezione civile in Emilia Romagna Con l assessore Paola Gazzolo abbiamo rappresentato il percorso storico - legislativo e le motivazioni dell istituzione del nuovo elenco regionale

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consiglio Regionale della Campania IV Commissione Consiiare Permanente (Trasporti, Urbanistica, Lavori Pubblici) RESOCONTO INTEGRALE N. 62 SEDUTA IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DEL 21 DICEMBRE 2011

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 23/10/2014 APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MONTEFORTE

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Torino

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Torino INTERVENTO DEL PREFETTO DI TORINO, DOTT. GOFFREDO SOTTILE, AL CONVEGNO BANCHE E SICUREZZA 2005 - SOLUZIONI, STRUMENTI E METODOLOGIE PER UNA NUOVA STRATEGIA DI PROTEZIONE ROMA - 6/7 GIUGNO 2005 Dall angolo

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. Ultimo punto: Mozione in ordine alla istituzione dei tumori

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2014 Interventi dei Sigg. consiglieri Nuovo regolamento per la disciplina dell attività e spettacolo viaggiante, circhi e simili. Abbiamo il quarto punto che è: Nuovo regolamento

Dettagli

Servizio di Protezione Civile

Servizio di Protezione Civile COMUNE DI GAVARDO Provincia di Brescia Servizio di Protezione Civile Parliamo di Protezione Civile In Italia il Servizio Nazionale della Protezione Civile è costituito da una pluralità di Amministrazioni,

Dettagli

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software.

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. PREFAZIONE Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. Ho costituito, oltre 29 aziende in Italia e all estero, ed ormai ho una certa

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi Protocollo di intervista semi- strutturata Dati intervista Intervista n. 2 Data intervista: 16 maggio

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

TRASFORMATI A SUA IMMAGINE

TRASFORMATI A SUA IMMAGINE DOMENICA 29 MARZO 2015 TRASFORMATI A SUA IMMAGINE 2 CORINZI 3:18, dice; E noi tutti, a viso scoperto, contemplando come in uno specchio la gloria del Signore, siamo trasformati nella sua stessa immagine,

Dettagli

Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile

Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile Ex Dgr 4036/2007 - Scuola Superiore di Protezione

Dettagli

«Salus populi suprema lex esto» (Cicerone)

«Salus populi suprema lex esto» (Cicerone) INTERVENTO PER LA POSA DELLA PRIMA PIETRA DELLA NUOVA CASERMA DEI CARABINIERI DI OGGIONO 14 MARZO 2010. «Salus populi suprema lex esto» (Cicerone) In questa splendida giornata, in cui anche il clima dopo

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 Leggi attentamente le seguenti affermazioni e indica il grado di accordo con ciascuna

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

Documento unitario La buona scuola

Documento unitario La buona scuola 17 ottobre 2014 Forum nazionale delle Associazioni studentesche Documento unitario La buona scuola PREMESSE Il Forum delle associazioni studentesche maggiormente rappresentative ha analizzato e discusso

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 Caro Signor Presidente della Repubblica, Dott. Giorgio Napolitano, Cari ospiti stranieri e relatori,

Dettagli

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI.

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI. CONAPO "nella nostra autonomia la Vostra sicurezza" Sezione Provinciale PAVIA email : conapo.pavia@conapo.it uuu SINDACATO AUTONOMO VIGILI DEL FUOCO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE

Dettagli

Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari. della Protezione Civile

Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari. della Protezione Civile Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari della Protezione Civile di Paola Vitaletti (avvocato) Nel nostro Paese, da lungo tempo ormai, l intervento in emergenza è divenuto

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI CAMERA DEI DEPUTATI 1/8 SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

Dopo 30 anni una nuova legge resiliente

Dopo 30 anni una nuova legge resiliente Dopo 30 anni una nuova legge resiliente In Regione Lazio arrivano l'agenzia, la Consulta del volontariato e nuovi obiettivi sul fronte della formazione. Ne abbiamo parlato con Carlo Rosa, responsabile

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA MINISTERO DELL INTERNO Prefettura di Vibo Valentia MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei vigili del fuoco del soccorso pubblico e

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 Ottavo punto all O.d.G. O.d.G. del Consigliere Musa sulle celebrazioni matrimoniali in luoghi diversi della casa comunale Illustra il Consigliere

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

CONVEGNO: INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA

CONVEGNO: INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA ORDINE DEGLI PSICOLOGI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA CONVEGNO: IMPARARE DALL ESPERIENZA. L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE MAXIEMERGENZE INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA ZANHOTEL EUROPA VIA BOLDRINI,

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione

Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione Intervista a Paola Pagliara, dirigente del Centro Funzionale Centrale del Dipartimento Nazionale nonché responsabile del Servizio rischio idrogeologico

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza Corso per aspiranti volontari C.R.I. CROCE ROSSA ITALIANA AREA 3 Attività Emergenza a cura del VOLONTARIO Sandrino Guidarelli

Dettagli

UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA

UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA Sintesi del Documento Programmatico in occasione dei Congressi Territoriali UISP in Emilia Romagna gennaio 2013 - Mauro Rozzi 1. Premessa: le riflessioni/visione

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

vera e propria rigenerazione urbana.

vera e propria rigenerazione urbana. Elisabetta Meucci, Consigliera Regionale Toscana ed ex Assessore Urbanistica Comune di Firenze (intervento non rivisto dall autrice) L esperienza del Piano Strutturale e del Regolamento Urbanistico della

Dettagli

Non è vero che abbiamo poco tempo, la verità è che ne perdiamo molto. Insegnando s impara SENECA

Non è vero che abbiamo poco tempo, la verità è che ne perdiamo molto. Insegnando s impara SENECA Non è vero che abbiamo poco tempo, la verità è che ne perdiamo molto Insegnando s impara SENECA Se l evento non coinvolge zone abitate, insediamenti produttivi o beni culturali no. Ad esempio un maremoto,

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Esatto. Perché non pagate le tasse? Perché non fate le cose giuste? Per loro non esiste non pagare le tasse.

Esatto. Perché non pagate le tasse? Perché non fate le cose giuste? Per loro non esiste non pagare le tasse. A proposito di tasse: parliamo di evasione fiscale in Italia. Siamo campioni anche in quello. Noi siamo sempre i primi quando si parla di illegalità. Sempre a mia moglie norvegese: quando ho cercato di

Dettagli

CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi. Roma, 10-11 novembre 2011

CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi. Roma, 10-11 novembre 2011 CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi Rafforzare la cooperazione sul campo per una capacità di risposta internazionale più efficace Roma,

Dettagli

Comunicazione efficace: come imparare a comunicare al meglio in ogni occasione

Comunicazione efficace: come imparare a comunicare al meglio in ogni occasione 1 CORSI PER FACILITATORI 2014 DISPENSA N. 1 Carlo Di Marco Comunicazione efficace: come imparare a comunicare al meglio in ogni occasione Non importa se sei uomo o donna e nemmeno la tua età. Non ha importanza

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

COMUNICATO A TUTTE LE PERSONE CHE VOGLIONO BENE A PROGETTO SARAH :

COMUNICATO A TUTTE LE PERSONE CHE VOGLIONO BENE A PROGETTO SARAH : COMUNICATO A TUTTE LE PERSONE CHE VOGLIONO BENE A PROGETTO SARAH : LETTERA APERTA, SUOR TANTELY CONGREGAZIONE SUORE SAN GIUSEPPE D'AOSTA AI VOLONTARI DI PROGETTO SARAH I NUMERI e IL COSTO SOSTENUTO IN

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile IL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile Protezione Civile Con protezione civile si intende il complesso di attività messe

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005

LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005 LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005 Autorità, Signore, Signori, il tema centrale di Forum

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF

ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF Giovedì 29 settembre 2011, ore 14.30-18.00 Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore, 3- Milano Saluto del Presidente dell Ordine degli Avvocati di

Dettagli

Confindustria Giovani Imprenditori. Il Nuovo Rinascimento Uomini e tecnologie per il rilancio del sistema Italia XVIII Convegno di Capri

Confindustria Giovani Imprenditori. Il Nuovo Rinascimento Uomini e tecnologie per il rilancio del sistema Italia XVIII Convegno di Capri Confindustria Giovani Imprenditori CONVEGNO GIOVANI IMPRENDITORI Il Nuovo Rinascimento Uomini e tecnologie per il rilancio del sistema Italia XVIII Convegno di Capri On. Lucio Stanca - Ministro Innovazione

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli

NORMATIVA e PIANIFICAZIONE. Protezione Civile. - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli NORMATIVA e PIANIFICAZIONE in Protezione Civile - Formazione per Operatore di Protezione Civile - Daniele Lucarelli Obiettivi della Lezione: - Definire gli attori del Sistema Nazionale di Protezione Civile

Dettagli

Onorevole Ministro Bersani, Onorevole Presidente Vendola, Onorevole Sindaco Emiliano, Prof. Frey, Signore, Signori,

Onorevole Ministro Bersani, Onorevole Presidente Vendola, Onorevole Sindaco Emiliano, Prof. Frey, Signore, Signori, Discorso della Commissaria D. Hübner "Politica di Coesione ed energia sostenibile, competitiva e sicura Conferenza sulla nuova politica di sviluppo prevista dal QSN 2007-2013 Energia Sostenibile, Competitiva

Dettagli

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE 1 LEGENDA ABBREVIAZIONI Le dizioni per esteso saranno sintetizzate secondo le seguenti sigle: - Servizio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato. Quirinale, 4 dicembre 2009

Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato. Quirinale, 4 dicembre 2009 Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato Quirinale, 4 dicembre 2009 Saluto il Ministro Sacconi, il ministro Maroni, il sottosegretario

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE.

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE. Comune di Rometta Provincia di Messina DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N.37 del 15/11/2010 OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE

Dettagli

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Incontro 29 luglio 2010 - Fiorano Valutazione contesto esistente 1. Quali sono in generale i 3 punti di debolezza attuali del distretto

Dettagli

Psoprattutto nella fase di informazione,

Psoprattutto nella fase di informazione, UNA VISIONE DALLA PARTE DELL UTENZA DEBOLE, CICLISTI E PEDONI Marco Passigato FIAB, Federazione Italiana Amici della Bicicletta rima di iniziare vorrei ringraziare le associazioni che hanno collaborato,

Dettagli