Prefazione: on. Giuseppe Zamberletti, Presidente ISPRO Presentazione: sen. Giovanni Pellegrino, Presidente Provincia di Lecce PARTE I.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefazione: on. Giuseppe Zamberletti, Presidente ISPRO Presentazione: sen. Giovanni Pellegrino, Presidente Provincia di Lecce PARTE I."

Transcript

1

2

3 INDICE Prefazione: on. Giuseppe Zamberletti, Presidente ISPRO Presentazione: sen. Giovanni Pellegrino, Presidente Provincia di Lecce PARTE I Il Forum Introduzione: dott. Giancarlo Ciricugno, Direttore Agenzia Assistenza Tecnica.. pag. 3 Saluto ai partecipanti: dott. Gianfranco Casilli, Prefetto di Lecce pag. 9 L attività della Provincia di Lecce nel servizio di protezione civile: sen. Maria Rosaria Manieri, assessore provinciale alla protezione civile. pag. 13 L attività della Città di Lecce nel servizio di protezione civile: dott. Paolo Perrone, vice sindaco di Lecce pag. 18 Interventi dei partecipanti: Giovanni Tritto-Ass. Volontariato di protezione civile Emergenza Salento... pag. 21 Rocco Foti- Associazione Vigili del Fuoco in Congedo.. pag. 23 Mario D ostuni- Distaccamento Ass.Volontariato C. B. Olimpo Lizzanello.. pag. 25 Antonio Quarta Centro Servizi Volontariato Salento pag. 27 Gabriele Falco Polizia Municipale del Comune di Nardò.. pag. 28 Marcello Seclì Presidente Associazione Italia Nostra Lecce pag. 30 Salvatore Bisanti Associazione di Volontariato La Torre... pag. 32 La collaborazione tra Istituzioni ed associazioni di volontariato: dott.sa Paola Mauro, vice Prefetto Aggiunto -Dirigente 3^ Area Protezione Civile pag. 33 Interventi dei partecipanti: Gerardo Filippo Sindaco del Comune di Aradeo. pag. 41 Mario Cavalera Polizia Municipale del Comune di Galatone. pag. 45 Conclusioni: prof. Lorenzo Alessandrini Direttore ISPRO.. pag. 47 PARTE II Il corso di formazione per operatori comunali di protezione civile Presentazione e programma pag.67 I giudizi dei partecipanti. pag. 71 La protezione civile pag. 74 Il Glossario. pag. 131 L attività del Dipartimento di Protezione Civile.. pag. 135 L esercitazione. pag. 151 La prova finale d esame.. pag. 175 La rassegna stampa. Pag. 183 L archivio fotografico. Pag..185

4 APPENDICE Legge 24 febbraio 1992, n. 225: Istituzione del servizio nazionale della protezione civile.. pag. 190 Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112: Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della Legge 15 marzo 1997, n pag. 198 Legge 9 novembre 2001, n. 401: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, recante disposizioni urgenti per assicurare il coordinamento operativo delle strutture preposte alle attività di protezione civile pag. 200 Decreto del Presidente della Repubblica 194/2001: Regolamento recante norme concernenti la partecipazione delle organizzazioni di volontariato nelle attività di protezione civile pag. 206 DPCM 2 marzo 2002: Costituzione del Comitato operativo della protezione civile... pag. 214 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 12 aprile 2002 Dipartimento della Protezione Civile: Costituzione della Commissione nazionale per la previsione e la prevenzione dei grandi rischi pag. 216 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 28 marzo 2003: Dichiarazione dello stato di emergenza in relazione alla tutela della pubblica incolumità nell'attuale situazione internazionale. pag. 218 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004: Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale e regionale per il rischio idrogeologico ed idraulico ai fini di protezione civile... pag. 219 Regione Puglia Legge del , n. 11: Norme di attuazione della legge quadro sul volontariato pag. 241 Regione Puglia n. 18 del : Conferimento di funzioni e compiti amministrativi in materia di boschi e foreste, protezione civile e lotta agli incendi boschivi pag. 247 Elenco Associazioni di Protezione Civile pag. 256

5 Prefazione Ho seguito con molta attenzione il lavoro svolto dall Amministrazione Provinciale di Lecce attraverso le iniziative promosse dalla sua Agenzia di Assistenza Tecnica agli Enti Locali. La Puglia è terra feconda, ricca di intelligenza e di buona volontà. Il rinnovato interesse per la protezione civile è segno di grande maturità civica e prova evidente della volontà degli enti territoriali di tenere le istituzioni il più vicino possibile ai cittadini. Sono rimasto assai colpito dal grado di efficacia che ha caratterizzato l iniziativa, che ha mirato a far coincidere da subito la formazione con la massima operatività, coinvolgendo anche emotivamente gli operatori locali in attività che sono state caratterizzate da concretezza e aderenza con la realtà viva del quotidiano. Sono convinto che con questa impostazione i risultati non tarderanno ad arrivare e saranno copiosi. Esprimo tutta la mia ammirazione per il coraggio e la determinazione con i quali, da Lecce, gli amministratori locali si propongono come i portabandiera della nuova protezione civile pugliese. A tutti vada per questo il mio augurio di sempre crescenti successi. On. Giuseppe Zamberletti Presidente Istituto Studi e Ricerche di protezione civile (ISPRO)

6 Presentazione Mi compiaccio con l Agenzia per il corso di formazione sulla protezione civile, indirizzato agli operatori comunali, sia per il programma svolto che per l alto livello dei relatori intervenuti. E la conferma di quanto la Provincia di Lecce abbia scelto bene nel promuovere l Agenzia ed è anche la conferma di un attività svolta nell interesse degli Enti Locali salentini. La crescita di un territorio è possibile nella misura in cui viene garantita anche la crescita professionale degli operatori pubblici; per questo, posso affermare che nel campo della formazione e dell assistenza tecnica in favore dei nostri Comuni l attività dell Agenzia svolge un ruolo determinante, contribuendo alla crescita complessiva del Salento. Questa pubblicazione, che raccoglie gi atti del corso di formazione sulla protezione civile, è anche la sintesi di un lavoro di gruppo, certamente utile per quanti hanno a cuore la sicurezza del nostro territorio. Giovanni Pellegrino Presidente della Provincia di Lecce

7 PARTE I

8

9 ATTI DEL 1 FORUM PROVINCIALE SULLA PROTEZIONE CIVILE Lecce, 24 Novembre 2005 Complesso Ecotekne dell Università degli Studi di Lecce Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 1

10 2 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

11 Introduzione Dott. Giancarlo Ciricugno, Direttore Agenzia Assistenza Tecnica agli Enti Locali Benvenuti al 1 forum provinciale sulla protezione civile organizzato dall Agenzia d intesa con la Prefettura di Lecce ed il competente assessorato provinciale retto dalla Senatrice Manieri, che saluto, insieme a sua Eccellenza il Prefetto. Saluto e ringraziamento, per la collaborazione fornita, che estendo alla dottoressa Mauro, Viceprefetto aggiunto e dirigente della Protezione civile della Prefettura di Lecce, all arch. Massimo Evangelista ed al geometra Luigi Scarcella, rispettivamente dirigente e funzionario del servizio di Protezione Civile della Provincia di Lecce. Ringrazio, altresì, il dott. Paolo Perrone, Vicesindaco di Lecce e consigliere provinciale, per essere intervenuto all appuntamento odierno. Grazie, infine, al dott. Lorenzo Alessandrini, Direttore dell ISPRO, per l attività resa nell ambito del percorso formativo. Credo che, ricevendo la convocazione, qualcuno si sia posta la domanda del perché del forum, del perché si sia inserito un forum nel programma del corso di formazione. Abbiamo pensato, insieme alla Senatrice e a Sua Eccellenza il Prefetto, che questo appuntamento fosse opportuno, per creare un contatto, un incontro fra i soggetti che costituiscono il servizio nazionale di protezione civile; fosse necessario mettere tutti insieme, per presentare il lavoro svolto in queste settimane e definire le prospettive future, affinché l attività corsuale non restasse confinata ad una dimensione teorico-conoscitiva; d altronde, sarebbe riduttivo limitare l impegno istituzionale al corso di formazione in fase di svolgimento. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 3

12 La senatrice Manieri, nella conferenza stampa dell altro ieri, ha tracciato le direttrici del percorso successivo che la Provincia intende realizzare; percorso che l assessore Manieri illustrerà nel suo intervento. Manifesto la mia soddisfazione per la buona riuscita del corso che può evincersi agevolmente dall impegno e dall assidua partecipazione degli aderenti. Ho letto in questi giorni alcuni approfondimenti di studiosi che hanno esaminato il fenomeno della protezione civile; ho letto, in particolare, un trattato che riprendeva degli studi che erano stati fatti da alcuni organismi delle Nazioni Unite che paragonavano la situazione della protezione civile a quella sanitaria che aveva interessato i paesi anche in via di sviluppo all inizio degli anni 800, quando iniziò la lotta contro le malattie, le epidemie che colpivano e falcidiavano centinaia di migliaia di persone. Questo studioso diceva che, all inizio della rivoluzione sanitaria, quando c erano dei grossi sforzi finanziari, nessuno riusciva a capire il perché una società dovesse spendere tanto in ricerca e dovesse impegnarsi in questa direzione. È chiaro che oggi nessuno di noi, di fronte alla rivoluzione sanitaria che c è stata, di fronte ai traguardi che la medicina ha raggiunto, avrebbe delle perplessità sulla bontà di talune scelte. Oggi tutti ritengono normale e doveroso contribuire alla protezione dalle malattie ed epidemie e accettano, di buon grado, gli alti costi che comporta questa battaglia intrapresa dalla società contemporanea. Fino ad epoca recente, si guardava alle calamità naturali, ecco il parallelismo con la protezione civile, in modo molto simile a quello con cui si guardava alle epidemie all inizio dell ottocento: le calamità apparivano imprevedibili e determinate dal destino avverso, dal fato sfavorevole, alla stregua dei molti altri rischi della vita quotidiana. Invece, la scienza che ordina sistematicamente la dinamica degli eventi catastrofici dimostra che essi sono, almeno per larga parte, prevedibili e che 4 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

13 esistono tante modalità per ridurre e mitigare l impatto attraverso la conoscenza preventiva dei fenomeni. Analogamente alla battaglia contro le malattie, la lotta contro le calamità va combattuta dalla società e dalle istituzioni nel loro insieme, richiedendo interventi privati e pubblici, sforzi organizzativi e strutturali, impegno culturale e sensibilità diffusa. Un primo traguardo, credo sia stato raggiunto; ho maturato la convinzione che il corso di formazione abbia, innanzitutto, sollecitato nei partecipanti una nuova sensibilità verso la materia della protezione civile. Nel Paese avremo un servizio efficace ed efficiente di Protezione Civile quando ogni soggetto che costituisce il sistema reciterà con puntualità i compiti assegnatigli dalla normativa di settore. Perché questo accada c è bisogno che si affermi una cultura in grado di individuare nel servizio di protezione civile l insieme di quelle azioni indispensabili per la sicurezza dei cittadini, la salvaguardia dei beni materiali, la tutela delle ordinarie attività sociali di una comunità, la conservazione del territorio, rispetto agli agenti perturbatori esterni, di natura calamitosa, e alla individuazione ed alla eliminazione delle cause di turbamento dell assetto sociale e territoriale. Quello del corso rappresenta un percorso che ha attraversato tutte le problematiche di carattere normativo, ha dato degli spunti sulla sicurezza, si è soffermato sull importanza dei piani comunali di protezione civile, sulla cui adozione da parte dei Comuni credo bisogna continuare ad insistere. Il corso in fase di realizzazione rappresenta la prima tappa di un percorso formativo che ha fornito idonei strumenti di conoscenza relativi a: normativa, sicurezza, organizzazione, comunicazione; in particolare, il corso ha fornito gli elementi di conoscenza del sistema, partendo dalla legge 8 dicembre 1970, n. 966 (recante norme sul soccorso e l assistenza alle popolazioni colpite da Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 5

14 calamità-protezione civile) ed approfondendo la successiva normativa nazionale e regionale di settore. In una apposita pubblicazione raccoglieremo, oltre al resoconto della odierna giornata, una sintesi del lavoro svolto. La società del benessere è anche la società dei grandi rischi: il riscaldamento della crosta terrestre, gas nell atmosfera ed il conseguente effetto serra, il disboscamento selvaggio, incendi boschivi a volte dolosi, abusivismo edilizio, interruzione e la deviazione dei corsi d acqua rappresentano delle violenze nei confronti della natura che paghiamo con un un accresciuta forza catastrofica degli eventi calamitosi. Cosa fare quindi? Innanzitutto accrescere la cultura del rispetto dell ambiente, evitando violenze contro la natura, tenendo ben presente che presto o tardi la natura non manca di vendicarsi contro ogni azione dell uomo diretta contro di lei come affermava nell 800, il pedagogista svizzero Johann Heinrich Pestolazzi; in secondo luogo, guardando alla protezione civile come un investimento per la sicurezza di ognuno di noi. Infatti, l approccio da garantire ad una moderna concezione della protezione civile è relegare al passato il rassegnato fatalismo, con cui per secoli sono state accettate tutte le calamità; una società moderna deve essere capace di prevenire e operare nell interesse della collettività, deve garantire quei sistemi di difesa che la scienza, la tecnologia e l organizzazione pongono a disposizione nella salvaguardia della vita e dei beni. Da ciò deriva il valore e l interesse primario che il nostro Paese deve oggi riservare ai problemi della protezione civile. Come nell ottocento si è verificata una rivoluzione sanitaria per effetto dello sviluppo di una cultura della salute pubblica e di una crescita civile della società, così oggi la mitigazione delle calamità dovrebbe diffondersi mediante un analoga cultura dell impegno pubblico, che coinvolga diffusamente comunità sociale e poteri pubblici. 6 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

15 A fianco all impegno delle istituzioni e degli enti pubblici c è bisogno che i singoli cittadini si attivino per garantire autoprotezione; in questo caso come la salute pubblica dipende dall igiene personale, così la protezione civile può dipendere anche dalle scelte di sicurezza personale (staticità di un immobile, di un ascensore,di un impianto di riscaldamento, ecc.). E questa una nuova concezione che il legislatore ha segnalato anche nella legge 146/90, che disciplina le norme sul diritto allo sciopero nei servizi pubblici; infatti, il legislatore qualifica la protezione civile come servizio pubblico essenziale, a conferma che il contenuto tipico della politica di protezione civile è non soltanto la gestione delle emergenze di vario livello, ma anche l attività di previsione e prevenzione delle varie ipotesi di rischio, di soccorso alle popolazioni colpite ed al superamento dell emergenza. La legge 225/92 disegna un sistema definito a cascata che implica una sequenza logica di dipendenza tra un livello di competenza ed un altro; Stato, Regioni, Enti Locali hanno compiti di programmazione ai vari livelli. Per quello che riguarda gli enti locali, per tradurre la previsione normativa in un efficace strumento di previsione e prevenzione, è necessario definire specifiche attività di monitoraggio e studio a livello provinciale o comunale (ovvero intercomunale) sulla base delle quali strutturare le misure di emergenza da disciplinare nell ambito degli strumenti pianificatori di rispettiva competenza degli Enti Locali. Purtroppo, la nostra- come altre realtà- registra gravi ritardi nell attività di pianificazione delle emergenze. A proposito cito una dichiarazione di Guido Bertolaso a margine di un convegno nazionale: Il 60% delle Province Italiane ha piani di Protezione Civile già operativi, a differenza dei Comuni, i quali, almeno per il 50%, non hanno ancora predisposto un piano. La Provincia di Lecce, da tempo, si è dotata del piano, ma, la stragrande maggioranza dei comuni, ancora ne è sprovvista. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 7

16 Se l Assessorato lo richiederà, l Agenzia è pronta costituire un pool di esperti che, a richiesta, garantisca la necessaria assistenza tecnico-giuridica nella stesura dei piani comunali, grazie anche al contribuito importante che potrà essere assicurato dalle associazioni di volontariato di protezione civile, che rappresentano una fondamentale risorsa cui attingere non solo in situazioni di emergenza. In provincia di Lecce abbiamo oltre cento associazioni di volontariato, una risorsa immensa, (oserei definirli gli Angeli custodi della sicurezza del territorio); c è la necessità di utilizzarli al meglio. Credo il mio intervento si possa sintetizzare in tre parole: insieme, sicurezza, tranquillità; tre parole che racchiudono l'essenza e l'obiettivo del corso, cioè : insieme si può garantire la sicurezza e si può vivere in una situazione di maggiore tranquillità nel proprio territorio. Prestando fede a questi principi, potremmo avere un servizio di protezione civile degno di una società moderna. Credo, infatti, che sarebbe imperdonabile dover constatare che- in caso di calamità- la società o le istituzioni non siano in grado di rispondere con la necessaria efficacia. Se l inefficienza nei soccorsi può registrarsi in un paese nel terzo mondo, sicuramente, in una delle società più avanzate questo non può accadere. Insieme, sicurezza e territorio, io li assumerei come slogan per i prossimi appuntamenti e per un impegno che mi auguro sia sempre continuo affinché, il contributo di ognuno di noi si traduca in azioni a favore delle nostre comunità. Grazie. 8 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

17 Saluto ai partecipanti Dott. Gianfranco Casilli, Prefetto di Lecce Ben volentieri intervengo per portare il mio saluto che sicuramente non è formale, ringrazio la Senatrice Manieri, per avermi invitato, come saluto il Vicesindaco e gli altri relatori. Un saluto particolare ai Comuni e alle associazioni di volontariato che oggi qui sono presenti. Ho avuto il piacere anche di essere presente il giorno in cui è partito questo corso di protezione civile, in effetti questo corso è stato organizzato congiuntamente tra la Prefettura e la Provincia di Lecce. Vorrei evidenziare come il sistema della protezione civile è un sistema complesso, che ha bisogno di grande collaborazione, soprattutto per quanto riguarda gli organi che hanno una responsabilità a livello intermedio, quindi a livello provinciale; e io posso testimoniare che in provincia di Lecce c è questa collaborazione; esiste questo colloquio continuo che è il presupposto perché si possa realizzare un fattivo e proficuo rapporto interistituzionale che si traduca in efficaci azioni di intervento a tutela della sicurezza ed incolumità dei cittadini e di salvaguardia del territorio. Siamo stati tutti d accordo nel ritenere che i Comuni rappresentano il fronte nel momento in cui c è un emergenza di protezione civile, è inutile nascondere che qualunque sistema, il più organizzato, di protezione civile non può garantire l immediato intervento delle risorse centrali sul territorio. E evidente che il problema lo deve affrontare il Comune, prima conoscendo i rischi e poi seguendo l evolversi di un fenomeno che può essere di piccolo, di medio o di grande impatto sul territorio. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 9

18 Il Comune, quindi, ha le maggiori responsabilità, ma perché il Sindaco possa esercitare questo ruolo importante, che è quello di garantire la sicurezza dei cittadini, evidentemente, deve anche essere messo in condizione di poterlo fare, al di là della disponibilità che tutti i Sindaci hanno dimostrato di avere nelle diverse situazioni di emergenza che hanno interessato il territorio provinciale. Posso testimoniare ciò, proprio perché ci sono state alcune emergenze, fortunatamente in questa provincia di piccolo impatto, ma che si sono svolte nei giorni festivi (di notte) ed i Sindaci sono sempre intervenuti. Tuttavia un Comune che non ha una discreta organizzazione non può mai rispondere con quella efficacia ed efficienza che la situazione richiede. Allora, perché possa essere fatto questo, al di là delle capacità di organizzazione, di inventiva del Sindaco, ci vuole una struttura comunale che sappia quello che deve fare. Si è pensato di agire immediatamente su questo, la Provincia, con grande sensibilità, ha risposto positivamente e ha pensato di dare un contributo che ritengo importante. Ha organizzato un corso che mi sembra di alta qualità per gli operatori comunali, praticamente per il funzionario, che sia pure part-time, segue queste problematiche in Comune. Ribadisco, che ho avuto piacere a intervenire il giorno in cui questo corso è stato avviato, è proseguito ed infine è stato arricchito da questo momento che vede la possibilità del confronto non solo degli operatori comunali ma anche delle associazioni che sono l'altra struttura presente nel Comune, che è indispensabile. Infatti, essendo medio/piccoli, i nostri Comuni non hanno una struttura comunale che è in grado di fronteggiare una situazione di emergenza, devono necessariamente fare riferimento al supporto del volontariato, che però deve essere disponibile e deve essere professionale. Io direi che per la protezione civile la cosa fondamentale sia che chi vi opera ci deve credere e deve essere disponibile, infatti, spesso, le emergenze si 10 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

19 verificano di venerdì, di sabato, di domenica o di sera, quindi, è indispensabile che ci sia questa passione di fondo nel dare. Per concludere, i dipendenti dei Comuni hanno avuto questa possibilità di formazione di alto livello, adesso ci saranno delle ulteriori iniziative per quanto riguarda l organizzazione della protezione civile a livello provinciale, con l attrezzamento dei mezzi necessari perché possano svolgere il loro ruolo, però i Comuni devono cominciare a rispondere. Adesso vorrei sapere chi sono i dipendenti a cui noi faremo riferimento, vorrei sapere per ogni Comune, dato che il Sindaco non può essere onnipresente, quale è l assessore cui fare riferimento nel momento in cui il Sindaco non c è, e, soprattutto, ogni Comune deve fare il piano, che non è necessario che sia un piano fatto da un grande stratega; è sufficiente che sia un piano elementare purché sia fatto da qualcuno che conosce il territorio, che sa quali sono i rischi presenti nel territorio, e nel territorio leccese questi rischi non sono molti e particolarmente complessi, e soprattutto che sia dimensionato per il Comune o per il gruppo di Comuni che predispongono il piano. Se tutto questo non si fa noi non possiamo sopperire a questa mancanza con la buona volontà e con l organizzazione al momento, questo non serve assolutamente a niente. Come è stato detto, purtroppo moltissimi Comuni non hanno un piano e questo lo espone nel momento in cui dovesse accadere un evento calamitoso. Conoscete quali sono i rischi che incombono sul territorio; pertanto attrezzarsi appositamente per una grande nevicata sarebbe uno sperpero di risorse immenso; però, se il territorio è esposto al rischio di allagamento, evidentemente, bisogna conoscere il luogo ove ciò avviene e bisogna organizzarsi per cercare di fronteggiare un evento del genere e soprattutto bisogna fare quelle attività di prevenzione che spesso non ci sono e che espongono il territorio in maniera particolare. Affido a voi queste mie considerazioni; con l auspicio che nel momento in cui molti passi avanti sono stati fatti e una mano, come richiesto giustamente dai Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 11

20 Comuni, è stata data, si passi all operatività e si possa, in maniera più tranquilla, fronteggiare quegli eventi che non sono sicuramente catastrofici ma che possono intervenire sempre con maggiore frequenza, i cosiddetti eventi meteorologici estremi e si possano fronteggiare con delle risorse adeguate e con un'organizzazione idonea. Grazie. 12 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

21 L attività della Provincia nel servizio di protezione civile sen. Maria Rosaria Manieri, assessore provinciale alla protezione civile Io limiterò il mio intervento a un saluto, a un ringraziamento e a una breve riflessione. Innanzitutto un saluto a tutti voi, un saluto al Prefetto che ringrazio particolarmente per l attenzione che dà al nostro lavoro e per gli stimoli che continuamente offre alla Provincia, soprattutto in questo settore, perché il Salento si doti di un sistema moderno, efficiente ed efficace nel settore della protezione civile. Grazie signor Prefetto, grazie ai suoi collaboratori. Un saluto, naturalmente, al Vicesindaco della Città di Lecce, che testimonia lo spirito di collaborazione con cui noi vogliamo agire in questo settore. Diceva giustamente il Prefetto che la collaborazione è una chiave di successo per le azioni di protezione civile soprattutto nelle emergenze, anzi, io penso che tra di noi, tra istituzioni, associazioni, Comuni, corpi dello Stato che intervengono, bisognerebbe creare un vero e proprio family life, una vita familiare che parli lo stesso linguaggio, che si capisca al volo nel momento in cui interviene. Ad esempio, si dovrebbero dotare i volontari di un unica divisa, come mi veniva evidenziato l altro giorno a Seclì, non per una semplice questione di omologazione o soltanto per evitare una multicolorità, bensì per rendere riconoscibili. le associazioni di protezione civile del Salento su tutto il territorio. Un ringraziamento va al direttore dell Agenzia per l assistenza tecnica agli Enti locali della Provincia di Lecce, dott. Giancarlo Ciricugno, che ha portato avanti in modo così competente questo primo corso per operatori della protezione civile, che è diretto in particolare ai collaboratori dei Sindaci, che sono i primi referenti e responsabili sul territorio in caso di emergenza; difatti un povero Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 13

22 Sindaco, se non ha persone competenti e capaci di intervenire, difficilmente potrà gestire da solo tali situazioni. Da ciò deriva la necessità di formare. Noi riteniamo, e su questo stiamo molto investendo in quest'anno, che, insieme alla collaborazione e alla coesione, la formazione degli operatori sia l'altra chiave di volta del successo, insieme poi all'organizzazione. Parlando di protezione civile, sono solita ricordare una persona che considero essere stata un grande Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, che, in seguito al terremoto dell'irpinia, fece notare come il cuore degli italiani fosse sempre pronto e generoso; i volontari partirono a prestare soccorso da tutte le parti d Italia, ciò nonostante in quella circostanza si registrò un drammatico numero di vittime che, forse, sarebbe potuta essere inferiore se ci fosse stata un adeguata organizzazione nell attività di soccorso. Ecco la necessità; noi viviamo in una società a rischio. Il progresso scientifico e tecnologico ha migliorato le condizioni di vita nostre, delle nostre comunità, dei nostri paesi, però, ha anche aumentato i rischi. Allora, un principio etico per la politica e per i governi locali, un principio etico della nostra società è quello di far valere il principio di precauzione. Noi dobbiamo premunirci, attrezzarci, prevenire; da qui l'importanza da dare alla prevenzione e la necessità di attrezzarci per affrontare le situazioni di emergenza. Per affrontare questo, ribadisco, sono convinta che formazione, organizzazione, collaborazione, preparazione, informazione, siano quanto mai indispensabili, in modo da utilizzare, al massimo del loro potenziale, tutte le risorse di cui disponiamo. La Provincia si sta muovendo in questa direzione, colgo qui l occasione per ringraziare anche il nostro servizio, il nostro ufficio di protezione civile nelle persone dell'architetto Evangelista e del geometra Scarcella, che, fattivamente, si impegnano in questo settore, facendo tutto quello che è necessario, 14 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

23 nonostante l organico del servizio provinciale di protezione civile sia insufficiente. Difatti, si sta già procedendo all aggiornamento del piano provinciale di protezione civile di cui la Provincia si è dotata da tempo. Il nostro ufficio è a disposizione dei Comuni che vogliano aggiornare o predisporre i loro piani comunali di protezione civile; siamo a disposizione per offrire tutta la banca dati, ma anche la necessaria consulenza. Allo stato, Prefetto, solo 14 Comuni hanno il piano; e questo è un dato che ci preoccupa, perché nel momento di rischio non si può intervenire alla cieca. In una società moderna i rischi diventano complessi e bisogna avere tutte le informazioni necessarie, per sapere come intervenire, per non determinare più danni che aiuti. Da questa convinzione deriva l attività che stiamo svolgendo per spingere a una rapida attivazione dei centri operativi misti, che insieme con il Prefetto abbiamo definito nell'accorpamento dei Comuni. Abbiamo anche svolto un'azione di forte sollecitazione nei confronti dei comuni, affinchè mettano a disposizione le sedi; il lavoro è stato completato e ci auguriamo quanto prima, anche in un'ultima azione di concertazione, di renderli definitivi e operativi. La Provincia stanzia anche delle risorse per l'attivazione di questi COM, diamo euro per l attivazione, mettendo a disposizione di ogni centro operativo misto tutta la banca dati della Provincia e quindi dando le attrezzature necessarie. Noi riteniamo fondamentale per l efficienza del sistema il ruolo delle associazioni di protezione civile, che nel Salento rappresentano, sulla base di un indagine sul volontariato, il secondo settore per presenza di volontari sul territorio. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 15

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione

Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione Intervista a Paola Pagliara, dirigente del Centro Funzionale Centrale del Dipartimento Nazionale nonché responsabile del Servizio rischio idrogeologico

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring 1 / 5 a S 399932 E Classifica: 468 h Crea sito cooperator-veritatis Rassegna Stampa Giornaliera Cerca Home di esempio. Pubblicato il 27 luglio 2015 da Gianni-Taeshin Da Valle Precedente Successivo Sempre

Dettagli

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti INTERVISTA 8 I- Ha avuto qualche altra esperienza lavorativa prima di mettere in piedi questa attività A- Io ho 50 anni, ho iniziato a lavorare a 17 anni e per 10 anni ho lavorato in un impresa stradale,

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consiglio Regionale della Campania IV Commissione Consiiare Permanente (Trasporti, Urbanistica, Lavori Pubblici) RESOCONTO INTEGRALE N. 62 SEDUTA IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DEL 21 DICEMBRE 2011

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 Leggi attentamente le seguenti affermazioni e indica il grado di accordo con ciascuna

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE DOTT. GIUSEPPE CALABRESE Istituto di Vigilanza Città di Milano

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico.

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico. Prestazione di servizi e contratto di assicurazione: resoconto del convegno sull argomento e intervista al Prof. Gabriele Racugno Presidente dell AIDA Sardegna, Ordinario di Diritto Commerciale e Avvocato

Dettagli

La Biennale 2015. A Genova, dal 5 al 7 giugno 2015. Cos è la Biennale della Prossimità. Chi partecipa alla Biennale della Prossimità

La Biennale 2015. A Genova, dal 5 al 7 giugno 2015. Cos è la Biennale della Prossimità. Chi partecipa alla Biennale della Prossimità La Biennale 2015 Cos è la Biennale della Prossimità La Biennale della Prossimità si svolgerà a Genova dal 5 al 7 giugno 2015. È un appuntamento nazionale dedicato interamente alle comunità locali, alle

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Standard di sicurezza e nuove frontiere tecnologiche per l energia nucleare

Standard di sicurezza e nuove frontiere tecnologiche per l energia nucleare ANTONIO COSTATO, Vicepresidente per l energia e il mercato di Confindustria. Signor presidente, sono qui non per fare una presentazione, ma per fare delle considerazioni di carattere generale e politico,

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO Si trasmette in copia l esecuzione a... Il Segretario Generale COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO INSEDIAMENTO INTERVENTI VARI. L anno

Dettagli

Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE

Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE Legge 996/1970 La P.C. è concepita come soccorso pubblico D.P.R. 66/81 Il presidio

Dettagli

(Durante la discussione entrano in aula il sindaco e i consiglieri Bonomo, Cagnoni, Cattaneo, Ferraro; sono presenti n. 33 consiglieri).

(Durante la discussione entrano in aula il sindaco e i consiglieri Bonomo, Cagnoni, Cattaneo, Ferraro; sono presenti n. 33 consiglieri). Il presidente propone la trattazione dell ordine del giorno n. 16 avente per oggetto: Sostegno al disegno di legge per il finanziamento statale della manutenzione delle Mura Venete e trasferimento della

Dettagli

Le comunità resilienti

Le comunità resilienti Le comunità resilienti INCONTRO PUBBLICO PRESSO LA SALA CONSILIARE DEL COMUNE DI SARZANA GIOVEDÌ 3 APRILE 2014 L incontro L incontro All incontro organizzato nell ambito del Progetto Europeo Risc kit dalla

Dettagli

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software.

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. PREFAZIONE Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. Ho costituito, oltre 29 aziende in Italia e all estero, ed ormai ho una certa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO (di seguito denominato U.S.R. Lazio) E ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE (di seguito denominato Protezione Civile)

Dettagli

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE di Daniela Morandi Prefazione di Barry Sears. Con la partecipazione di Claudio Belotti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-409-3 Prefazione del dottor Barry

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 23/10/2014 APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MONTEFORTE

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI BUSALLA REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE Il presente Regolamento contiene norme intese ad organizzare, nell ambito delle funzioni attribuite per i fini di prevenzione e

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli dicembre 2010 Percorso formativo sperimentale di educazione economico-finanziaria Educare i giovani alla finanza e alle scelte di risparmio consapevoli La fiducia 2 La fiducia Durata: 1 ora. Obiettivo

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE PROTEZIONE CIVILE. Pagina I. Indice Rassegna Stampa

INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE PROTEZIONE CIVILE. Pagina I. Indice Rassegna Stampa INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE Gazzettino 18/11/14 P. 6 A rischio 6.600 comuni, in Friuli il 92% 1 PROTEZIONE CIVILE Gazzettino 18/11/14 P. 6 L'Italia è fragile, sono 6.600 i comuni a rischio 2 Gazzettino

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE 1 2 INDICE ART.1COSTITUZIONEDELGRUPPOECOMPOSIZIONE...4 ART.2AMMISSIONEEPARTECIPAZIONEDIALTRISOGGETTI...4 ART.3COMPITI,PRINCIPIESANZIONI...5 ART.4COMPITIDELSINDACO...6

Dettagli

5^ Green Globe Banking Conference. 14 giugno 2011. Touring Club Italiano Palazzo Bertarelli

5^ Green Globe Banking Conference. 14 giugno 2011. Touring Club Italiano Palazzo Bertarelli Since 2006 Approved by 5^ Green Globe Banking Conference 14 giugno 2011 Touring Club Italiano Palazzo Bertarelli Il ruolo del sistema bancario italiano nell era della Green Economy: cosa chiedono Famiglie,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

Cristina Tajani, ricercatrice, Università Statale di Milano

Cristina Tajani, ricercatrice, Università Statale di Milano Cristina Tajani, ricercatrice, Università Statale di Milano A me dispiace non poter portare un contributo concreto come quelli interessantissimi che sono stati presentati. Io penso che soprattutto i dati

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45. 1/6 MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 16.45. PRESIDENTE. Vi ringrazio della vostra presenza, voi sapete naturalmente, anche per l impegno

Dettagli

Dissesto idrogeologico è un termine

Dissesto idrogeologico è un termine Il Dissesto idrogeologico un disastro italiano di Giovanni Maria Di Buduo* Dissesto idrogeologico è un termine infelice perché molto fuorviante: frane e alluvioni non sono dissesti, ma sono la concretizzazione

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista del cliente: quali vantaggi sensibili rappresenta il fornitore certificato

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista del cliente: quali vantaggi sensibili rappresenta il fornitore certificato CAPITOLO 3 Anna Rita Bove Ministero della Pubblica Istruzione La relazione cliente/fornitore dal punto di vista del cliente: quali vantaggi sensibili rappresenta il fornitore certificato QUALI VANTAGGI

Dettagli

COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Costituzione E costituito il Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile, cui possono aderire cittadini

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626

LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626 LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626 Introduzione pag. 02 Quali sono i lavoratori tutelati dal 626? pag. 04 Il datore di lavoro pag. 05 Il responsabile del servizio

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE

2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE 2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE Presentazione del Moderatore dottor Grimaldi: La prossima relazione, l ultima, ha come tema Prospettive e criticità per il legno di castagno. La relazione è svolta

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI Pochi giorni fa a un incontro organizzato dalla Provincia di Roma in occasione dei 60 anni dell Unesco, ho conosciuto un sacerdote,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA MINISTERO DELL INTERNO Prefettura di Vibo Valentia MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei vigili del fuoco del soccorso pubblico e

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011. Bruxelles, 26 gennaio 2011. Fa fede solo il discorso pronunciato

Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011. Bruxelles, 26 gennaio 2011. Fa fede solo il discorso pronunciato Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011 Bruxelles, 26 gennaio 2011 DISCORSO DI MERCEDES BRESSO, PRESIDENTE DEL COMITATO DELLE REGIONI Fa fede solo il discorso pronunciato

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16 Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 OFFERTE LAVORO PSICOLOGI: Consigli per trovare lavoro in psicologia Trovare lavoro come psicologi non è sempre semplice.

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"G. CAVALCANTI " LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014!

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADOG. CAVALCANTI  LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014! SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"G. CAVALCANTI " LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014! Giornata della lettura nella scuola Cavalcanti RESPONSABILE DEL PROGETTO: Docente bibliotecaria Donatella Di Nardo ORARIO

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale Il servizio nazionale di protezione civile è regolato dalla legge 225/92 (modificata in seguito dal D. Lgs. 112/98 e dalla L. 152/2005), la quale - assegna al Sindaco il compito della prima emergenza sul

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DELL 11.07.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri. Approvazione verbali seduta precedente

CONSIGLIO COMUNALE DELL 11.07.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri. Approvazione verbali seduta precedente CONSIGLIO COMUNALE DELL 11.07.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri Approvazione verbali seduta precedente Buonasera a tutti i cittadini presenti, al signor Sindaco, al segretario Emanuele dott. Mirabile,

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

ProdoGo: Sito web realizzato con Google sites

ProdoGo: Sito web realizzato con Google sites Creazione sito web Tema generale: Realizzare sito web per insegnare Tema di gruppo: Storia Egizi e Micenei Alunni: primo anno secondaria secondo grado, n.30 prevalentemente ragazze. Tempi: 2 ore la secmana

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI)

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Purtroppo noi scontiamo, in Italia, il fatto che l odontoiatria come branca autonoma rispetto alla medicina si sia affermata solo in anni recenti, e nel passato l odontoiatria

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

La mia scuola per la pace

La mia scuola per la pace La mia scuola per la pace Programma nazionale di educazione alla pace e ai diritti umani Anno scolastico 2005-2006 promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

Rapporto del Garante della Comunicazione

Rapporto del Garante della Comunicazione PROVINCIA DI PISTOIA Il Garante della Comunicazione Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Variante Generale Fase di Approvazione Rapporto del Garante della Comunicazione ex art. 5 del Regolamento

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI. Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali

ATTI PARLAMENTARI. Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali ATTI PARLAMENTARI Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali DOCUMENTI COMMISSIONE I MERCOLEDÌ 22 MARZO 2000 Presidenza del Presidente ROSA JERVOLINO RUSSO Interviene il Ministro

Dettagli

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Trento, 9 novembre 2006 DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327 BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Presidente. Io sono stato più parco nei consumi di tempo e quindi mi ritrovo

Dettagli

ESPERIENZE E PROSPETTIVE DEL SERVIZIO CIVILE IN SICILIA

ESPERIENZE E PROSPETTIVE DEL SERVIZIO CIVILE IN SICILIA ESPERIENZE E PROSPETTIVE DEL SERVIZIO CIVILE IN SICILIA Slide n. 1 A nome dei componenti dell Ufficio regionale del Servizio Civile desidero ringraziare per gli interventi di saluto l Assessore prof. Andrea

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

vuoto o una ferita" come dice Antonio Origgi.

vuoto o una ferita come dice Antonio Origgi. Cambiare la vita... dalla Auto-Osservazione Cambiare vita richiede prima di tutto una consapevolezza del punto reale in cui ci si trova adesso. Cambiare vita richiede poi una consapevolezza di cosa realmente

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante di Alice Vaccaro - 25, giu, 2015 http://www.siciliajournal.it/adrano-fabio-mancuso-bilancio-comunale-falso-e-ferrante/ 1 / 6 ADRANO Ex sindaco

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

Via Milano 4 26100 CREMONA Tel. 0372-22178 Fax 0372-460764 RELAZIONE DEL PRESIDENTE

Via Milano 4 26100 CREMONA Tel. 0372-22178 Fax 0372-460764 RELAZIONE DEL PRESIDENTE ASSOCIAZIONE PROV.LE IMPRESE DI MECCANIZZAZIONE AGRICOLA Via Milano 4 26100 CREMONA Tel. 0372-22178 Fax 0372-460764 RELAZIONE DEL PRESIDENTE 18 febbraio 2015 1 Autorità, amici Soci, cortesi Ospiti, nel

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli