Prefazione: on. Giuseppe Zamberletti, Presidente ISPRO Presentazione: sen. Giovanni Pellegrino, Presidente Provincia di Lecce PARTE I.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefazione: on. Giuseppe Zamberletti, Presidente ISPRO Presentazione: sen. Giovanni Pellegrino, Presidente Provincia di Lecce PARTE I."

Transcript

1

2

3 INDICE Prefazione: on. Giuseppe Zamberletti, Presidente ISPRO Presentazione: sen. Giovanni Pellegrino, Presidente Provincia di Lecce PARTE I Il Forum Introduzione: dott. Giancarlo Ciricugno, Direttore Agenzia Assistenza Tecnica.. pag. 3 Saluto ai partecipanti: dott. Gianfranco Casilli, Prefetto di Lecce pag. 9 L attività della Provincia di Lecce nel servizio di protezione civile: sen. Maria Rosaria Manieri, assessore provinciale alla protezione civile. pag. 13 L attività della Città di Lecce nel servizio di protezione civile: dott. Paolo Perrone, vice sindaco di Lecce pag. 18 Interventi dei partecipanti: Giovanni Tritto-Ass. Volontariato di protezione civile Emergenza Salento... pag. 21 Rocco Foti- Associazione Vigili del Fuoco in Congedo.. pag. 23 Mario D ostuni- Distaccamento Ass.Volontariato C. B. Olimpo Lizzanello.. pag. 25 Antonio Quarta Centro Servizi Volontariato Salento pag. 27 Gabriele Falco Polizia Municipale del Comune di Nardò.. pag. 28 Marcello Seclì Presidente Associazione Italia Nostra Lecce pag. 30 Salvatore Bisanti Associazione di Volontariato La Torre... pag. 32 La collaborazione tra Istituzioni ed associazioni di volontariato: dott.sa Paola Mauro, vice Prefetto Aggiunto -Dirigente 3^ Area Protezione Civile pag. 33 Interventi dei partecipanti: Gerardo Filippo Sindaco del Comune di Aradeo. pag. 41 Mario Cavalera Polizia Municipale del Comune di Galatone. pag. 45 Conclusioni: prof. Lorenzo Alessandrini Direttore ISPRO.. pag. 47 PARTE II Il corso di formazione per operatori comunali di protezione civile Presentazione e programma pag.67 I giudizi dei partecipanti. pag. 71 La protezione civile pag. 74 Il Glossario. pag. 131 L attività del Dipartimento di Protezione Civile.. pag. 135 L esercitazione. pag. 151 La prova finale d esame.. pag. 175 La rassegna stampa. Pag. 183 L archivio fotografico. Pag..185

4 APPENDICE Legge 24 febbraio 1992, n. 225: Istituzione del servizio nazionale della protezione civile.. pag. 190 Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112: Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della Legge 15 marzo 1997, n pag. 198 Legge 9 novembre 2001, n. 401: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, recante disposizioni urgenti per assicurare il coordinamento operativo delle strutture preposte alle attività di protezione civile pag. 200 Decreto del Presidente della Repubblica 194/2001: Regolamento recante norme concernenti la partecipazione delle organizzazioni di volontariato nelle attività di protezione civile pag. 206 DPCM 2 marzo 2002: Costituzione del Comitato operativo della protezione civile... pag. 214 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 12 aprile 2002 Dipartimento della Protezione Civile: Costituzione della Commissione nazionale per la previsione e la prevenzione dei grandi rischi pag. 216 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 28 marzo 2003: Dichiarazione dello stato di emergenza in relazione alla tutela della pubblica incolumità nell'attuale situazione internazionale. pag. 218 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004: Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale e regionale per il rischio idrogeologico ed idraulico ai fini di protezione civile... pag. 219 Regione Puglia Legge del , n. 11: Norme di attuazione della legge quadro sul volontariato pag. 241 Regione Puglia n. 18 del : Conferimento di funzioni e compiti amministrativi in materia di boschi e foreste, protezione civile e lotta agli incendi boschivi pag. 247 Elenco Associazioni di Protezione Civile pag. 256

5 Prefazione Ho seguito con molta attenzione il lavoro svolto dall Amministrazione Provinciale di Lecce attraverso le iniziative promosse dalla sua Agenzia di Assistenza Tecnica agli Enti Locali. La Puglia è terra feconda, ricca di intelligenza e di buona volontà. Il rinnovato interesse per la protezione civile è segno di grande maturità civica e prova evidente della volontà degli enti territoriali di tenere le istituzioni il più vicino possibile ai cittadini. Sono rimasto assai colpito dal grado di efficacia che ha caratterizzato l iniziativa, che ha mirato a far coincidere da subito la formazione con la massima operatività, coinvolgendo anche emotivamente gli operatori locali in attività che sono state caratterizzate da concretezza e aderenza con la realtà viva del quotidiano. Sono convinto che con questa impostazione i risultati non tarderanno ad arrivare e saranno copiosi. Esprimo tutta la mia ammirazione per il coraggio e la determinazione con i quali, da Lecce, gli amministratori locali si propongono come i portabandiera della nuova protezione civile pugliese. A tutti vada per questo il mio augurio di sempre crescenti successi. On. Giuseppe Zamberletti Presidente Istituto Studi e Ricerche di protezione civile (ISPRO)

6 Presentazione Mi compiaccio con l Agenzia per il corso di formazione sulla protezione civile, indirizzato agli operatori comunali, sia per il programma svolto che per l alto livello dei relatori intervenuti. E la conferma di quanto la Provincia di Lecce abbia scelto bene nel promuovere l Agenzia ed è anche la conferma di un attività svolta nell interesse degli Enti Locali salentini. La crescita di un territorio è possibile nella misura in cui viene garantita anche la crescita professionale degli operatori pubblici; per questo, posso affermare che nel campo della formazione e dell assistenza tecnica in favore dei nostri Comuni l attività dell Agenzia svolge un ruolo determinante, contribuendo alla crescita complessiva del Salento. Questa pubblicazione, che raccoglie gi atti del corso di formazione sulla protezione civile, è anche la sintesi di un lavoro di gruppo, certamente utile per quanti hanno a cuore la sicurezza del nostro territorio. Giovanni Pellegrino Presidente della Provincia di Lecce

7 PARTE I

8

9 ATTI DEL 1 FORUM PROVINCIALE SULLA PROTEZIONE CIVILE Lecce, 24 Novembre 2005 Complesso Ecotekne dell Università degli Studi di Lecce Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 1

10 2 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

11 Introduzione Dott. Giancarlo Ciricugno, Direttore Agenzia Assistenza Tecnica agli Enti Locali Benvenuti al 1 forum provinciale sulla protezione civile organizzato dall Agenzia d intesa con la Prefettura di Lecce ed il competente assessorato provinciale retto dalla Senatrice Manieri, che saluto, insieme a sua Eccellenza il Prefetto. Saluto e ringraziamento, per la collaborazione fornita, che estendo alla dottoressa Mauro, Viceprefetto aggiunto e dirigente della Protezione civile della Prefettura di Lecce, all arch. Massimo Evangelista ed al geometra Luigi Scarcella, rispettivamente dirigente e funzionario del servizio di Protezione Civile della Provincia di Lecce. Ringrazio, altresì, il dott. Paolo Perrone, Vicesindaco di Lecce e consigliere provinciale, per essere intervenuto all appuntamento odierno. Grazie, infine, al dott. Lorenzo Alessandrini, Direttore dell ISPRO, per l attività resa nell ambito del percorso formativo. Credo che, ricevendo la convocazione, qualcuno si sia posta la domanda del perché del forum, del perché si sia inserito un forum nel programma del corso di formazione. Abbiamo pensato, insieme alla Senatrice e a Sua Eccellenza il Prefetto, che questo appuntamento fosse opportuno, per creare un contatto, un incontro fra i soggetti che costituiscono il servizio nazionale di protezione civile; fosse necessario mettere tutti insieme, per presentare il lavoro svolto in queste settimane e definire le prospettive future, affinché l attività corsuale non restasse confinata ad una dimensione teorico-conoscitiva; d altronde, sarebbe riduttivo limitare l impegno istituzionale al corso di formazione in fase di svolgimento. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 3

12 La senatrice Manieri, nella conferenza stampa dell altro ieri, ha tracciato le direttrici del percorso successivo che la Provincia intende realizzare; percorso che l assessore Manieri illustrerà nel suo intervento. Manifesto la mia soddisfazione per la buona riuscita del corso che può evincersi agevolmente dall impegno e dall assidua partecipazione degli aderenti. Ho letto in questi giorni alcuni approfondimenti di studiosi che hanno esaminato il fenomeno della protezione civile; ho letto, in particolare, un trattato che riprendeva degli studi che erano stati fatti da alcuni organismi delle Nazioni Unite che paragonavano la situazione della protezione civile a quella sanitaria che aveva interessato i paesi anche in via di sviluppo all inizio degli anni 800, quando iniziò la lotta contro le malattie, le epidemie che colpivano e falcidiavano centinaia di migliaia di persone. Questo studioso diceva che, all inizio della rivoluzione sanitaria, quando c erano dei grossi sforzi finanziari, nessuno riusciva a capire il perché una società dovesse spendere tanto in ricerca e dovesse impegnarsi in questa direzione. È chiaro che oggi nessuno di noi, di fronte alla rivoluzione sanitaria che c è stata, di fronte ai traguardi che la medicina ha raggiunto, avrebbe delle perplessità sulla bontà di talune scelte. Oggi tutti ritengono normale e doveroso contribuire alla protezione dalle malattie ed epidemie e accettano, di buon grado, gli alti costi che comporta questa battaglia intrapresa dalla società contemporanea. Fino ad epoca recente, si guardava alle calamità naturali, ecco il parallelismo con la protezione civile, in modo molto simile a quello con cui si guardava alle epidemie all inizio dell ottocento: le calamità apparivano imprevedibili e determinate dal destino avverso, dal fato sfavorevole, alla stregua dei molti altri rischi della vita quotidiana. Invece, la scienza che ordina sistematicamente la dinamica degli eventi catastrofici dimostra che essi sono, almeno per larga parte, prevedibili e che 4 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

13 esistono tante modalità per ridurre e mitigare l impatto attraverso la conoscenza preventiva dei fenomeni. Analogamente alla battaglia contro le malattie, la lotta contro le calamità va combattuta dalla società e dalle istituzioni nel loro insieme, richiedendo interventi privati e pubblici, sforzi organizzativi e strutturali, impegno culturale e sensibilità diffusa. Un primo traguardo, credo sia stato raggiunto; ho maturato la convinzione che il corso di formazione abbia, innanzitutto, sollecitato nei partecipanti una nuova sensibilità verso la materia della protezione civile. Nel Paese avremo un servizio efficace ed efficiente di Protezione Civile quando ogni soggetto che costituisce il sistema reciterà con puntualità i compiti assegnatigli dalla normativa di settore. Perché questo accada c è bisogno che si affermi una cultura in grado di individuare nel servizio di protezione civile l insieme di quelle azioni indispensabili per la sicurezza dei cittadini, la salvaguardia dei beni materiali, la tutela delle ordinarie attività sociali di una comunità, la conservazione del territorio, rispetto agli agenti perturbatori esterni, di natura calamitosa, e alla individuazione ed alla eliminazione delle cause di turbamento dell assetto sociale e territoriale. Quello del corso rappresenta un percorso che ha attraversato tutte le problematiche di carattere normativo, ha dato degli spunti sulla sicurezza, si è soffermato sull importanza dei piani comunali di protezione civile, sulla cui adozione da parte dei Comuni credo bisogna continuare ad insistere. Il corso in fase di realizzazione rappresenta la prima tappa di un percorso formativo che ha fornito idonei strumenti di conoscenza relativi a: normativa, sicurezza, organizzazione, comunicazione; in particolare, il corso ha fornito gli elementi di conoscenza del sistema, partendo dalla legge 8 dicembre 1970, n. 966 (recante norme sul soccorso e l assistenza alle popolazioni colpite da Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 5

14 calamità-protezione civile) ed approfondendo la successiva normativa nazionale e regionale di settore. In una apposita pubblicazione raccoglieremo, oltre al resoconto della odierna giornata, una sintesi del lavoro svolto. La società del benessere è anche la società dei grandi rischi: il riscaldamento della crosta terrestre, gas nell atmosfera ed il conseguente effetto serra, il disboscamento selvaggio, incendi boschivi a volte dolosi, abusivismo edilizio, interruzione e la deviazione dei corsi d acqua rappresentano delle violenze nei confronti della natura che paghiamo con un un accresciuta forza catastrofica degli eventi calamitosi. Cosa fare quindi? Innanzitutto accrescere la cultura del rispetto dell ambiente, evitando violenze contro la natura, tenendo ben presente che presto o tardi la natura non manca di vendicarsi contro ogni azione dell uomo diretta contro di lei come affermava nell 800, il pedagogista svizzero Johann Heinrich Pestolazzi; in secondo luogo, guardando alla protezione civile come un investimento per la sicurezza di ognuno di noi. Infatti, l approccio da garantire ad una moderna concezione della protezione civile è relegare al passato il rassegnato fatalismo, con cui per secoli sono state accettate tutte le calamità; una società moderna deve essere capace di prevenire e operare nell interesse della collettività, deve garantire quei sistemi di difesa che la scienza, la tecnologia e l organizzazione pongono a disposizione nella salvaguardia della vita e dei beni. Da ciò deriva il valore e l interesse primario che il nostro Paese deve oggi riservare ai problemi della protezione civile. Come nell ottocento si è verificata una rivoluzione sanitaria per effetto dello sviluppo di una cultura della salute pubblica e di una crescita civile della società, così oggi la mitigazione delle calamità dovrebbe diffondersi mediante un analoga cultura dell impegno pubblico, che coinvolga diffusamente comunità sociale e poteri pubblici. 6 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

15 A fianco all impegno delle istituzioni e degli enti pubblici c è bisogno che i singoli cittadini si attivino per garantire autoprotezione; in questo caso come la salute pubblica dipende dall igiene personale, così la protezione civile può dipendere anche dalle scelte di sicurezza personale (staticità di un immobile, di un ascensore,di un impianto di riscaldamento, ecc.). E questa una nuova concezione che il legislatore ha segnalato anche nella legge 146/90, che disciplina le norme sul diritto allo sciopero nei servizi pubblici; infatti, il legislatore qualifica la protezione civile come servizio pubblico essenziale, a conferma che il contenuto tipico della politica di protezione civile è non soltanto la gestione delle emergenze di vario livello, ma anche l attività di previsione e prevenzione delle varie ipotesi di rischio, di soccorso alle popolazioni colpite ed al superamento dell emergenza. La legge 225/92 disegna un sistema definito a cascata che implica una sequenza logica di dipendenza tra un livello di competenza ed un altro; Stato, Regioni, Enti Locali hanno compiti di programmazione ai vari livelli. Per quello che riguarda gli enti locali, per tradurre la previsione normativa in un efficace strumento di previsione e prevenzione, è necessario definire specifiche attività di monitoraggio e studio a livello provinciale o comunale (ovvero intercomunale) sulla base delle quali strutturare le misure di emergenza da disciplinare nell ambito degli strumenti pianificatori di rispettiva competenza degli Enti Locali. Purtroppo, la nostra- come altre realtà- registra gravi ritardi nell attività di pianificazione delle emergenze. A proposito cito una dichiarazione di Guido Bertolaso a margine di un convegno nazionale: Il 60% delle Province Italiane ha piani di Protezione Civile già operativi, a differenza dei Comuni, i quali, almeno per il 50%, non hanno ancora predisposto un piano. La Provincia di Lecce, da tempo, si è dotata del piano, ma, la stragrande maggioranza dei comuni, ancora ne è sprovvista. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 7

16 Se l Assessorato lo richiederà, l Agenzia è pronta costituire un pool di esperti che, a richiesta, garantisca la necessaria assistenza tecnico-giuridica nella stesura dei piani comunali, grazie anche al contribuito importante che potrà essere assicurato dalle associazioni di volontariato di protezione civile, che rappresentano una fondamentale risorsa cui attingere non solo in situazioni di emergenza. In provincia di Lecce abbiamo oltre cento associazioni di volontariato, una risorsa immensa, (oserei definirli gli Angeli custodi della sicurezza del territorio); c è la necessità di utilizzarli al meglio. Credo il mio intervento si possa sintetizzare in tre parole: insieme, sicurezza, tranquillità; tre parole che racchiudono l'essenza e l'obiettivo del corso, cioè : insieme si può garantire la sicurezza e si può vivere in una situazione di maggiore tranquillità nel proprio territorio. Prestando fede a questi principi, potremmo avere un servizio di protezione civile degno di una società moderna. Credo, infatti, che sarebbe imperdonabile dover constatare che- in caso di calamità- la società o le istituzioni non siano in grado di rispondere con la necessaria efficacia. Se l inefficienza nei soccorsi può registrarsi in un paese nel terzo mondo, sicuramente, in una delle società più avanzate questo non può accadere. Insieme, sicurezza e territorio, io li assumerei come slogan per i prossimi appuntamenti e per un impegno che mi auguro sia sempre continuo affinché, il contributo di ognuno di noi si traduca in azioni a favore delle nostre comunità. Grazie. 8 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

17 Saluto ai partecipanti Dott. Gianfranco Casilli, Prefetto di Lecce Ben volentieri intervengo per portare il mio saluto che sicuramente non è formale, ringrazio la Senatrice Manieri, per avermi invitato, come saluto il Vicesindaco e gli altri relatori. Un saluto particolare ai Comuni e alle associazioni di volontariato che oggi qui sono presenti. Ho avuto il piacere anche di essere presente il giorno in cui è partito questo corso di protezione civile, in effetti questo corso è stato organizzato congiuntamente tra la Prefettura e la Provincia di Lecce. Vorrei evidenziare come il sistema della protezione civile è un sistema complesso, che ha bisogno di grande collaborazione, soprattutto per quanto riguarda gli organi che hanno una responsabilità a livello intermedio, quindi a livello provinciale; e io posso testimoniare che in provincia di Lecce c è questa collaborazione; esiste questo colloquio continuo che è il presupposto perché si possa realizzare un fattivo e proficuo rapporto interistituzionale che si traduca in efficaci azioni di intervento a tutela della sicurezza ed incolumità dei cittadini e di salvaguardia del territorio. Siamo stati tutti d accordo nel ritenere che i Comuni rappresentano il fronte nel momento in cui c è un emergenza di protezione civile, è inutile nascondere che qualunque sistema, il più organizzato, di protezione civile non può garantire l immediato intervento delle risorse centrali sul territorio. E evidente che il problema lo deve affrontare il Comune, prima conoscendo i rischi e poi seguendo l evolversi di un fenomeno che può essere di piccolo, di medio o di grande impatto sul territorio. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 9

18 Il Comune, quindi, ha le maggiori responsabilità, ma perché il Sindaco possa esercitare questo ruolo importante, che è quello di garantire la sicurezza dei cittadini, evidentemente, deve anche essere messo in condizione di poterlo fare, al di là della disponibilità che tutti i Sindaci hanno dimostrato di avere nelle diverse situazioni di emergenza che hanno interessato il territorio provinciale. Posso testimoniare ciò, proprio perché ci sono state alcune emergenze, fortunatamente in questa provincia di piccolo impatto, ma che si sono svolte nei giorni festivi (di notte) ed i Sindaci sono sempre intervenuti. Tuttavia un Comune che non ha una discreta organizzazione non può mai rispondere con quella efficacia ed efficienza che la situazione richiede. Allora, perché possa essere fatto questo, al di là delle capacità di organizzazione, di inventiva del Sindaco, ci vuole una struttura comunale che sappia quello che deve fare. Si è pensato di agire immediatamente su questo, la Provincia, con grande sensibilità, ha risposto positivamente e ha pensato di dare un contributo che ritengo importante. Ha organizzato un corso che mi sembra di alta qualità per gli operatori comunali, praticamente per il funzionario, che sia pure part-time, segue queste problematiche in Comune. Ribadisco, che ho avuto piacere a intervenire il giorno in cui questo corso è stato avviato, è proseguito ed infine è stato arricchito da questo momento che vede la possibilità del confronto non solo degli operatori comunali ma anche delle associazioni che sono l'altra struttura presente nel Comune, che è indispensabile. Infatti, essendo medio/piccoli, i nostri Comuni non hanno una struttura comunale che è in grado di fronteggiare una situazione di emergenza, devono necessariamente fare riferimento al supporto del volontariato, che però deve essere disponibile e deve essere professionale. Io direi che per la protezione civile la cosa fondamentale sia che chi vi opera ci deve credere e deve essere disponibile, infatti, spesso, le emergenze si 10 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

19 verificano di venerdì, di sabato, di domenica o di sera, quindi, è indispensabile che ci sia questa passione di fondo nel dare. Per concludere, i dipendenti dei Comuni hanno avuto questa possibilità di formazione di alto livello, adesso ci saranno delle ulteriori iniziative per quanto riguarda l organizzazione della protezione civile a livello provinciale, con l attrezzamento dei mezzi necessari perché possano svolgere il loro ruolo, però i Comuni devono cominciare a rispondere. Adesso vorrei sapere chi sono i dipendenti a cui noi faremo riferimento, vorrei sapere per ogni Comune, dato che il Sindaco non può essere onnipresente, quale è l assessore cui fare riferimento nel momento in cui il Sindaco non c è, e, soprattutto, ogni Comune deve fare il piano, che non è necessario che sia un piano fatto da un grande stratega; è sufficiente che sia un piano elementare purché sia fatto da qualcuno che conosce il territorio, che sa quali sono i rischi presenti nel territorio, e nel territorio leccese questi rischi non sono molti e particolarmente complessi, e soprattutto che sia dimensionato per il Comune o per il gruppo di Comuni che predispongono il piano. Se tutto questo non si fa noi non possiamo sopperire a questa mancanza con la buona volontà e con l organizzazione al momento, questo non serve assolutamente a niente. Come è stato detto, purtroppo moltissimi Comuni non hanno un piano e questo lo espone nel momento in cui dovesse accadere un evento calamitoso. Conoscete quali sono i rischi che incombono sul territorio; pertanto attrezzarsi appositamente per una grande nevicata sarebbe uno sperpero di risorse immenso; però, se il territorio è esposto al rischio di allagamento, evidentemente, bisogna conoscere il luogo ove ciò avviene e bisogna organizzarsi per cercare di fronteggiare un evento del genere e soprattutto bisogna fare quelle attività di prevenzione che spesso non ci sono e che espongono il territorio in maniera particolare. Affido a voi queste mie considerazioni; con l auspicio che nel momento in cui molti passi avanti sono stati fatti e una mano, come richiesto giustamente dai Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 11

20 Comuni, è stata data, si passi all operatività e si possa, in maniera più tranquilla, fronteggiare quegli eventi che non sono sicuramente catastrofici ma che possono intervenire sempre con maggiore frequenza, i cosiddetti eventi meteorologici estremi e si possano fronteggiare con delle risorse adeguate e con un'organizzazione idonea. Grazie. 12 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

21 L attività della Provincia nel servizio di protezione civile sen. Maria Rosaria Manieri, assessore provinciale alla protezione civile Io limiterò il mio intervento a un saluto, a un ringraziamento e a una breve riflessione. Innanzitutto un saluto a tutti voi, un saluto al Prefetto che ringrazio particolarmente per l attenzione che dà al nostro lavoro e per gli stimoli che continuamente offre alla Provincia, soprattutto in questo settore, perché il Salento si doti di un sistema moderno, efficiente ed efficace nel settore della protezione civile. Grazie signor Prefetto, grazie ai suoi collaboratori. Un saluto, naturalmente, al Vicesindaco della Città di Lecce, che testimonia lo spirito di collaborazione con cui noi vogliamo agire in questo settore. Diceva giustamente il Prefetto che la collaborazione è una chiave di successo per le azioni di protezione civile soprattutto nelle emergenze, anzi, io penso che tra di noi, tra istituzioni, associazioni, Comuni, corpi dello Stato che intervengono, bisognerebbe creare un vero e proprio family life, una vita familiare che parli lo stesso linguaggio, che si capisca al volo nel momento in cui interviene. Ad esempio, si dovrebbero dotare i volontari di un unica divisa, come mi veniva evidenziato l altro giorno a Seclì, non per una semplice questione di omologazione o soltanto per evitare una multicolorità, bensì per rendere riconoscibili. le associazioni di protezione civile del Salento su tutto il territorio. Un ringraziamento va al direttore dell Agenzia per l assistenza tecnica agli Enti locali della Provincia di Lecce, dott. Giancarlo Ciricugno, che ha portato avanti in modo così competente questo primo corso per operatori della protezione civile, che è diretto in particolare ai collaboratori dei Sindaci, che sono i primi referenti e responsabili sul territorio in caso di emergenza; difatti un povero Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 13

22 Sindaco, se non ha persone competenti e capaci di intervenire, difficilmente potrà gestire da solo tali situazioni. Da ciò deriva la necessità di formare. Noi riteniamo, e su questo stiamo molto investendo in quest'anno, che, insieme alla collaborazione e alla coesione, la formazione degli operatori sia l'altra chiave di volta del successo, insieme poi all'organizzazione. Parlando di protezione civile, sono solita ricordare una persona che considero essere stata un grande Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, che, in seguito al terremoto dell'irpinia, fece notare come il cuore degli italiani fosse sempre pronto e generoso; i volontari partirono a prestare soccorso da tutte le parti d Italia, ciò nonostante in quella circostanza si registrò un drammatico numero di vittime che, forse, sarebbe potuta essere inferiore se ci fosse stata un adeguata organizzazione nell attività di soccorso. Ecco la necessità; noi viviamo in una società a rischio. Il progresso scientifico e tecnologico ha migliorato le condizioni di vita nostre, delle nostre comunità, dei nostri paesi, però, ha anche aumentato i rischi. Allora, un principio etico per la politica e per i governi locali, un principio etico della nostra società è quello di far valere il principio di precauzione. Noi dobbiamo premunirci, attrezzarci, prevenire; da qui l'importanza da dare alla prevenzione e la necessità di attrezzarci per affrontare le situazioni di emergenza. Per affrontare questo, ribadisco, sono convinta che formazione, organizzazione, collaborazione, preparazione, informazione, siano quanto mai indispensabili, in modo da utilizzare, al massimo del loro potenziale, tutte le risorse di cui disponiamo. La Provincia si sta muovendo in questa direzione, colgo qui l occasione per ringraziare anche il nostro servizio, il nostro ufficio di protezione civile nelle persone dell'architetto Evangelista e del geometra Scarcella, che, fattivamente, si impegnano in questo settore, facendo tutto quello che è necessario, 14 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

23 nonostante l organico del servizio provinciale di protezione civile sia insufficiente. Difatti, si sta già procedendo all aggiornamento del piano provinciale di protezione civile di cui la Provincia si è dotata da tempo. Il nostro ufficio è a disposizione dei Comuni che vogliano aggiornare o predisporre i loro piani comunali di protezione civile; siamo a disposizione per offrire tutta la banca dati, ma anche la necessaria consulenza. Allo stato, Prefetto, solo 14 Comuni hanno il piano; e questo è un dato che ci preoccupa, perché nel momento di rischio non si può intervenire alla cieca. In una società moderna i rischi diventano complessi e bisogna avere tutte le informazioni necessarie, per sapere come intervenire, per non determinare più danni che aiuti. Da questa convinzione deriva l attività che stiamo svolgendo per spingere a una rapida attivazione dei centri operativi misti, che insieme con il Prefetto abbiamo definito nell'accorpamento dei Comuni. Abbiamo anche svolto un'azione di forte sollecitazione nei confronti dei comuni, affinchè mettano a disposizione le sedi; il lavoro è stato completato e ci auguriamo quanto prima, anche in un'ultima azione di concertazione, di renderli definitivi e operativi. La Provincia stanzia anche delle risorse per l'attivazione di questi COM, diamo euro per l attivazione, mettendo a disposizione di ogni centro operativo misto tutta la banca dati della Provincia e quindi dando le attrezzature necessarie. Noi riteniamo fondamentale per l efficienza del sistema il ruolo delle associazioni di protezione civile, che nel Salento rappresentano, sulla base di un indagine sul volontariato, il secondo settore per presenza di volontari sul territorio. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 15

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1 LEGGE 12 luglio 2012, n. 100 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59, recante disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile. (12G0123) La Camera

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Affrontare l anno che verrà (e quelli successivi) responsabilmente

Dettagli

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA RHO, DAL 25 AL 28 NOVEMBRE 2008 Un quarto di secolo di storia,

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli