Prefazione: on. Giuseppe Zamberletti, Presidente ISPRO Presentazione: sen. Giovanni Pellegrino, Presidente Provincia di Lecce PARTE I.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefazione: on. Giuseppe Zamberletti, Presidente ISPRO Presentazione: sen. Giovanni Pellegrino, Presidente Provincia di Lecce PARTE I."

Transcript

1

2

3 INDICE Prefazione: on. Giuseppe Zamberletti, Presidente ISPRO Presentazione: sen. Giovanni Pellegrino, Presidente Provincia di Lecce PARTE I Il Forum Introduzione: dott. Giancarlo Ciricugno, Direttore Agenzia Assistenza Tecnica.. pag. 3 Saluto ai partecipanti: dott. Gianfranco Casilli, Prefetto di Lecce pag. 9 L attività della Provincia di Lecce nel servizio di protezione civile: sen. Maria Rosaria Manieri, assessore provinciale alla protezione civile. pag. 13 L attività della Città di Lecce nel servizio di protezione civile: dott. Paolo Perrone, vice sindaco di Lecce pag. 18 Interventi dei partecipanti: Giovanni Tritto-Ass. Volontariato di protezione civile Emergenza Salento... pag. 21 Rocco Foti- Associazione Vigili del Fuoco in Congedo.. pag. 23 Mario D ostuni- Distaccamento Ass.Volontariato C. B. Olimpo Lizzanello.. pag. 25 Antonio Quarta Centro Servizi Volontariato Salento pag. 27 Gabriele Falco Polizia Municipale del Comune di Nardò.. pag. 28 Marcello Seclì Presidente Associazione Italia Nostra Lecce pag. 30 Salvatore Bisanti Associazione di Volontariato La Torre... pag. 32 La collaborazione tra Istituzioni ed associazioni di volontariato: dott.sa Paola Mauro, vice Prefetto Aggiunto -Dirigente 3^ Area Protezione Civile pag. 33 Interventi dei partecipanti: Gerardo Filippo Sindaco del Comune di Aradeo. pag. 41 Mario Cavalera Polizia Municipale del Comune di Galatone. pag. 45 Conclusioni: prof. Lorenzo Alessandrini Direttore ISPRO.. pag. 47 PARTE II Il corso di formazione per operatori comunali di protezione civile Presentazione e programma pag.67 I giudizi dei partecipanti. pag. 71 La protezione civile pag. 74 Il Glossario. pag. 131 L attività del Dipartimento di Protezione Civile.. pag. 135 L esercitazione. pag. 151 La prova finale d esame.. pag. 175 La rassegna stampa. Pag. 183 L archivio fotografico. Pag..185

4 APPENDICE Legge 24 febbraio 1992, n. 225: Istituzione del servizio nazionale della protezione civile.. pag. 190 Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112: Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della Legge 15 marzo 1997, n pag. 198 Legge 9 novembre 2001, n. 401: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, recante disposizioni urgenti per assicurare il coordinamento operativo delle strutture preposte alle attività di protezione civile pag. 200 Decreto del Presidente della Repubblica 194/2001: Regolamento recante norme concernenti la partecipazione delle organizzazioni di volontariato nelle attività di protezione civile pag. 206 DPCM 2 marzo 2002: Costituzione del Comitato operativo della protezione civile... pag. 214 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 12 aprile 2002 Dipartimento della Protezione Civile: Costituzione della Commissione nazionale per la previsione e la prevenzione dei grandi rischi pag. 216 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 28 marzo 2003: Dichiarazione dello stato di emergenza in relazione alla tutela della pubblica incolumità nell'attuale situazione internazionale. pag. 218 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004: Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale e regionale per il rischio idrogeologico ed idraulico ai fini di protezione civile... pag. 219 Regione Puglia Legge del , n. 11: Norme di attuazione della legge quadro sul volontariato pag. 241 Regione Puglia n. 18 del : Conferimento di funzioni e compiti amministrativi in materia di boschi e foreste, protezione civile e lotta agli incendi boschivi pag. 247 Elenco Associazioni di Protezione Civile pag. 256

5 Prefazione Ho seguito con molta attenzione il lavoro svolto dall Amministrazione Provinciale di Lecce attraverso le iniziative promosse dalla sua Agenzia di Assistenza Tecnica agli Enti Locali. La Puglia è terra feconda, ricca di intelligenza e di buona volontà. Il rinnovato interesse per la protezione civile è segno di grande maturità civica e prova evidente della volontà degli enti territoriali di tenere le istituzioni il più vicino possibile ai cittadini. Sono rimasto assai colpito dal grado di efficacia che ha caratterizzato l iniziativa, che ha mirato a far coincidere da subito la formazione con la massima operatività, coinvolgendo anche emotivamente gli operatori locali in attività che sono state caratterizzate da concretezza e aderenza con la realtà viva del quotidiano. Sono convinto che con questa impostazione i risultati non tarderanno ad arrivare e saranno copiosi. Esprimo tutta la mia ammirazione per il coraggio e la determinazione con i quali, da Lecce, gli amministratori locali si propongono come i portabandiera della nuova protezione civile pugliese. A tutti vada per questo il mio augurio di sempre crescenti successi. On. Giuseppe Zamberletti Presidente Istituto Studi e Ricerche di protezione civile (ISPRO)

6 Presentazione Mi compiaccio con l Agenzia per il corso di formazione sulla protezione civile, indirizzato agli operatori comunali, sia per il programma svolto che per l alto livello dei relatori intervenuti. E la conferma di quanto la Provincia di Lecce abbia scelto bene nel promuovere l Agenzia ed è anche la conferma di un attività svolta nell interesse degli Enti Locali salentini. La crescita di un territorio è possibile nella misura in cui viene garantita anche la crescita professionale degli operatori pubblici; per questo, posso affermare che nel campo della formazione e dell assistenza tecnica in favore dei nostri Comuni l attività dell Agenzia svolge un ruolo determinante, contribuendo alla crescita complessiva del Salento. Questa pubblicazione, che raccoglie gi atti del corso di formazione sulla protezione civile, è anche la sintesi di un lavoro di gruppo, certamente utile per quanti hanno a cuore la sicurezza del nostro territorio. Giovanni Pellegrino Presidente della Provincia di Lecce

7 PARTE I

8

9 ATTI DEL 1 FORUM PROVINCIALE SULLA PROTEZIONE CIVILE Lecce, 24 Novembre 2005 Complesso Ecotekne dell Università degli Studi di Lecce Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 1

10 2 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

11 Introduzione Dott. Giancarlo Ciricugno, Direttore Agenzia Assistenza Tecnica agli Enti Locali Benvenuti al 1 forum provinciale sulla protezione civile organizzato dall Agenzia d intesa con la Prefettura di Lecce ed il competente assessorato provinciale retto dalla Senatrice Manieri, che saluto, insieme a sua Eccellenza il Prefetto. Saluto e ringraziamento, per la collaborazione fornita, che estendo alla dottoressa Mauro, Viceprefetto aggiunto e dirigente della Protezione civile della Prefettura di Lecce, all arch. Massimo Evangelista ed al geometra Luigi Scarcella, rispettivamente dirigente e funzionario del servizio di Protezione Civile della Provincia di Lecce. Ringrazio, altresì, il dott. Paolo Perrone, Vicesindaco di Lecce e consigliere provinciale, per essere intervenuto all appuntamento odierno. Grazie, infine, al dott. Lorenzo Alessandrini, Direttore dell ISPRO, per l attività resa nell ambito del percorso formativo. Credo che, ricevendo la convocazione, qualcuno si sia posta la domanda del perché del forum, del perché si sia inserito un forum nel programma del corso di formazione. Abbiamo pensato, insieme alla Senatrice e a Sua Eccellenza il Prefetto, che questo appuntamento fosse opportuno, per creare un contatto, un incontro fra i soggetti che costituiscono il servizio nazionale di protezione civile; fosse necessario mettere tutti insieme, per presentare il lavoro svolto in queste settimane e definire le prospettive future, affinché l attività corsuale non restasse confinata ad una dimensione teorico-conoscitiva; d altronde, sarebbe riduttivo limitare l impegno istituzionale al corso di formazione in fase di svolgimento. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 3

12 La senatrice Manieri, nella conferenza stampa dell altro ieri, ha tracciato le direttrici del percorso successivo che la Provincia intende realizzare; percorso che l assessore Manieri illustrerà nel suo intervento. Manifesto la mia soddisfazione per la buona riuscita del corso che può evincersi agevolmente dall impegno e dall assidua partecipazione degli aderenti. Ho letto in questi giorni alcuni approfondimenti di studiosi che hanno esaminato il fenomeno della protezione civile; ho letto, in particolare, un trattato che riprendeva degli studi che erano stati fatti da alcuni organismi delle Nazioni Unite che paragonavano la situazione della protezione civile a quella sanitaria che aveva interessato i paesi anche in via di sviluppo all inizio degli anni 800, quando iniziò la lotta contro le malattie, le epidemie che colpivano e falcidiavano centinaia di migliaia di persone. Questo studioso diceva che, all inizio della rivoluzione sanitaria, quando c erano dei grossi sforzi finanziari, nessuno riusciva a capire il perché una società dovesse spendere tanto in ricerca e dovesse impegnarsi in questa direzione. È chiaro che oggi nessuno di noi, di fronte alla rivoluzione sanitaria che c è stata, di fronte ai traguardi che la medicina ha raggiunto, avrebbe delle perplessità sulla bontà di talune scelte. Oggi tutti ritengono normale e doveroso contribuire alla protezione dalle malattie ed epidemie e accettano, di buon grado, gli alti costi che comporta questa battaglia intrapresa dalla società contemporanea. Fino ad epoca recente, si guardava alle calamità naturali, ecco il parallelismo con la protezione civile, in modo molto simile a quello con cui si guardava alle epidemie all inizio dell ottocento: le calamità apparivano imprevedibili e determinate dal destino avverso, dal fato sfavorevole, alla stregua dei molti altri rischi della vita quotidiana. Invece, la scienza che ordina sistematicamente la dinamica degli eventi catastrofici dimostra che essi sono, almeno per larga parte, prevedibili e che 4 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

13 esistono tante modalità per ridurre e mitigare l impatto attraverso la conoscenza preventiva dei fenomeni. Analogamente alla battaglia contro le malattie, la lotta contro le calamità va combattuta dalla società e dalle istituzioni nel loro insieme, richiedendo interventi privati e pubblici, sforzi organizzativi e strutturali, impegno culturale e sensibilità diffusa. Un primo traguardo, credo sia stato raggiunto; ho maturato la convinzione che il corso di formazione abbia, innanzitutto, sollecitato nei partecipanti una nuova sensibilità verso la materia della protezione civile. Nel Paese avremo un servizio efficace ed efficiente di Protezione Civile quando ogni soggetto che costituisce il sistema reciterà con puntualità i compiti assegnatigli dalla normativa di settore. Perché questo accada c è bisogno che si affermi una cultura in grado di individuare nel servizio di protezione civile l insieme di quelle azioni indispensabili per la sicurezza dei cittadini, la salvaguardia dei beni materiali, la tutela delle ordinarie attività sociali di una comunità, la conservazione del territorio, rispetto agli agenti perturbatori esterni, di natura calamitosa, e alla individuazione ed alla eliminazione delle cause di turbamento dell assetto sociale e territoriale. Quello del corso rappresenta un percorso che ha attraversato tutte le problematiche di carattere normativo, ha dato degli spunti sulla sicurezza, si è soffermato sull importanza dei piani comunali di protezione civile, sulla cui adozione da parte dei Comuni credo bisogna continuare ad insistere. Il corso in fase di realizzazione rappresenta la prima tappa di un percorso formativo che ha fornito idonei strumenti di conoscenza relativi a: normativa, sicurezza, organizzazione, comunicazione; in particolare, il corso ha fornito gli elementi di conoscenza del sistema, partendo dalla legge 8 dicembre 1970, n. 966 (recante norme sul soccorso e l assistenza alle popolazioni colpite da Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 5

14 calamità-protezione civile) ed approfondendo la successiva normativa nazionale e regionale di settore. In una apposita pubblicazione raccoglieremo, oltre al resoconto della odierna giornata, una sintesi del lavoro svolto. La società del benessere è anche la società dei grandi rischi: il riscaldamento della crosta terrestre, gas nell atmosfera ed il conseguente effetto serra, il disboscamento selvaggio, incendi boschivi a volte dolosi, abusivismo edilizio, interruzione e la deviazione dei corsi d acqua rappresentano delle violenze nei confronti della natura che paghiamo con un un accresciuta forza catastrofica degli eventi calamitosi. Cosa fare quindi? Innanzitutto accrescere la cultura del rispetto dell ambiente, evitando violenze contro la natura, tenendo ben presente che presto o tardi la natura non manca di vendicarsi contro ogni azione dell uomo diretta contro di lei come affermava nell 800, il pedagogista svizzero Johann Heinrich Pestolazzi; in secondo luogo, guardando alla protezione civile come un investimento per la sicurezza di ognuno di noi. Infatti, l approccio da garantire ad una moderna concezione della protezione civile è relegare al passato il rassegnato fatalismo, con cui per secoli sono state accettate tutte le calamità; una società moderna deve essere capace di prevenire e operare nell interesse della collettività, deve garantire quei sistemi di difesa che la scienza, la tecnologia e l organizzazione pongono a disposizione nella salvaguardia della vita e dei beni. Da ciò deriva il valore e l interesse primario che il nostro Paese deve oggi riservare ai problemi della protezione civile. Come nell ottocento si è verificata una rivoluzione sanitaria per effetto dello sviluppo di una cultura della salute pubblica e di una crescita civile della società, così oggi la mitigazione delle calamità dovrebbe diffondersi mediante un analoga cultura dell impegno pubblico, che coinvolga diffusamente comunità sociale e poteri pubblici. 6 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

15 A fianco all impegno delle istituzioni e degli enti pubblici c è bisogno che i singoli cittadini si attivino per garantire autoprotezione; in questo caso come la salute pubblica dipende dall igiene personale, così la protezione civile può dipendere anche dalle scelte di sicurezza personale (staticità di un immobile, di un ascensore,di un impianto di riscaldamento, ecc.). E questa una nuova concezione che il legislatore ha segnalato anche nella legge 146/90, che disciplina le norme sul diritto allo sciopero nei servizi pubblici; infatti, il legislatore qualifica la protezione civile come servizio pubblico essenziale, a conferma che il contenuto tipico della politica di protezione civile è non soltanto la gestione delle emergenze di vario livello, ma anche l attività di previsione e prevenzione delle varie ipotesi di rischio, di soccorso alle popolazioni colpite ed al superamento dell emergenza. La legge 225/92 disegna un sistema definito a cascata che implica una sequenza logica di dipendenza tra un livello di competenza ed un altro; Stato, Regioni, Enti Locali hanno compiti di programmazione ai vari livelli. Per quello che riguarda gli enti locali, per tradurre la previsione normativa in un efficace strumento di previsione e prevenzione, è necessario definire specifiche attività di monitoraggio e studio a livello provinciale o comunale (ovvero intercomunale) sulla base delle quali strutturare le misure di emergenza da disciplinare nell ambito degli strumenti pianificatori di rispettiva competenza degli Enti Locali. Purtroppo, la nostra- come altre realtà- registra gravi ritardi nell attività di pianificazione delle emergenze. A proposito cito una dichiarazione di Guido Bertolaso a margine di un convegno nazionale: Il 60% delle Province Italiane ha piani di Protezione Civile già operativi, a differenza dei Comuni, i quali, almeno per il 50%, non hanno ancora predisposto un piano. La Provincia di Lecce, da tempo, si è dotata del piano, ma, la stragrande maggioranza dei comuni, ancora ne è sprovvista. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 7

16 Se l Assessorato lo richiederà, l Agenzia è pronta costituire un pool di esperti che, a richiesta, garantisca la necessaria assistenza tecnico-giuridica nella stesura dei piani comunali, grazie anche al contribuito importante che potrà essere assicurato dalle associazioni di volontariato di protezione civile, che rappresentano una fondamentale risorsa cui attingere non solo in situazioni di emergenza. In provincia di Lecce abbiamo oltre cento associazioni di volontariato, una risorsa immensa, (oserei definirli gli Angeli custodi della sicurezza del territorio); c è la necessità di utilizzarli al meglio. Credo il mio intervento si possa sintetizzare in tre parole: insieme, sicurezza, tranquillità; tre parole che racchiudono l'essenza e l'obiettivo del corso, cioè : insieme si può garantire la sicurezza e si può vivere in una situazione di maggiore tranquillità nel proprio territorio. Prestando fede a questi principi, potremmo avere un servizio di protezione civile degno di una società moderna. Credo, infatti, che sarebbe imperdonabile dover constatare che- in caso di calamità- la società o le istituzioni non siano in grado di rispondere con la necessaria efficacia. Se l inefficienza nei soccorsi può registrarsi in un paese nel terzo mondo, sicuramente, in una delle società più avanzate questo non può accadere. Insieme, sicurezza e territorio, io li assumerei come slogan per i prossimi appuntamenti e per un impegno che mi auguro sia sempre continuo affinché, il contributo di ognuno di noi si traduca in azioni a favore delle nostre comunità. Grazie. 8 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

17 Saluto ai partecipanti Dott. Gianfranco Casilli, Prefetto di Lecce Ben volentieri intervengo per portare il mio saluto che sicuramente non è formale, ringrazio la Senatrice Manieri, per avermi invitato, come saluto il Vicesindaco e gli altri relatori. Un saluto particolare ai Comuni e alle associazioni di volontariato che oggi qui sono presenti. Ho avuto il piacere anche di essere presente il giorno in cui è partito questo corso di protezione civile, in effetti questo corso è stato organizzato congiuntamente tra la Prefettura e la Provincia di Lecce. Vorrei evidenziare come il sistema della protezione civile è un sistema complesso, che ha bisogno di grande collaborazione, soprattutto per quanto riguarda gli organi che hanno una responsabilità a livello intermedio, quindi a livello provinciale; e io posso testimoniare che in provincia di Lecce c è questa collaborazione; esiste questo colloquio continuo che è il presupposto perché si possa realizzare un fattivo e proficuo rapporto interistituzionale che si traduca in efficaci azioni di intervento a tutela della sicurezza ed incolumità dei cittadini e di salvaguardia del territorio. Siamo stati tutti d accordo nel ritenere che i Comuni rappresentano il fronte nel momento in cui c è un emergenza di protezione civile, è inutile nascondere che qualunque sistema, il più organizzato, di protezione civile non può garantire l immediato intervento delle risorse centrali sul territorio. E evidente che il problema lo deve affrontare il Comune, prima conoscendo i rischi e poi seguendo l evolversi di un fenomeno che può essere di piccolo, di medio o di grande impatto sul territorio. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 9

18 Il Comune, quindi, ha le maggiori responsabilità, ma perché il Sindaco possa esercitare questo ruolo importante, che è quello di garantire la sicurezza dei cittadini, evidentemente, deve anche essere messo in condizione di poterlo fare, al di là della disponibilità che tutti i Sindaci hanno dimostrato di avere nelle diverse situazioni di emergenza che hanno interessato il territorio provinciale. Posso testimoniare ciò, proprio perché ci sono state alcune emergenze, fortunatamente in questa provincia di piccolo impatto, ma che si sono svolte nei giorni festivi (di notte) ed i Sindaci sono sempre intervenuti. Tuttavia un Comune che non ha una discreta organizzazione non può mai rispondere con quella efficacia ed efficienza che la situazione richiede. Allora, perché possa essere fatto questo, al di là delle capacità di organizzazione, di inventiva del Sindaco, ci vuole una struttura comunale che sappia quello che deve fare. Si è pensato di agire immediatamente su questo, la Provincia, con grande sensibilità, ha risposto positivamente e ha pensato di dare un contributo che ritengo importante. Ha organizzato un corso che mi sembra di alta qualità per gli operatori comunali, praticamente per il funzionario, che sia pure part-time, segue queste problematiche in Comune. Ribadisco, che ho avuto piacere a intervenire il giorno in cui questo corso è stato avviato, è proseguito ed infine è stato arricchito da questo momento che vede la possibilità del confronto non solo degli operatori comunali ma anche delle associazioni che sono l'altra struttura presente nel Comune, che è indispensabile. Infatti, essendo medio/piccoli, i nostri Comuni non hanno una struttura comunale che è in grado di fronteggiare una situazione di emergenza, devono necessariamente fare riferimento al supporto del volontariato, che però deve essere disponibile e deve essere professionale. Io direi che per la protezione civile la cosa fondamentale sia che chi vi opera ci deve credere e deve essere disponibile, infatti, spesso, le emergenze si 10 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

19 verificano di venerdì, di sabato, di domenica o di sera, quindi, è indispensabile che ci sia questa passione di fondo nel dare. Per concludere, i dipendenti dei Comuni hanno avuto questa possibilità di formazione di alto livello, adesso ci saranno delle ulteriori iniziative per quanto riguarda l organizzazione della protezione civile a livello provinciale, con l attrezzamento dei mezzi necessari perché possano svolgere il loro ruolo, però i Comuni devono cominciare a rispondere. Adesso vorrei sapere chi sono i dipendenti a cui noi faremo riferimento, vorrei sapere per ogni Comune, dato che il Sindaco non può essere onnipresente, quale è l assessore cui fare riferimento nel momento in cui il Sindaco non c è, e, soprattutto, ogni Comune deve fare il piano, che non è necessario che sia un piano fatto da un grande stratega; è sufficiente che sia un piano elementare purché sia fatto da qualcuno che conosce il territorio, che sa quali sono i rischi presenti nel territorio, e nel territorio leccese questi rischi non sono molti e particolarmente complessi, e soprattutto che sia dimensionato per il Comune o per il gruppo di Comuni che predispongono il piano. Se tutto questo non si fa noi non possiamo sopperire a questa mancanza con la buona volontà e con l organizzazione al momento, questo non serve assolutamente a niente. Come è stato detto, purtroppo moltissimi Comuni non hanno un piano e questo lo espone nel momento in cui dovesse accadere un evento calamitoso. Conoscete quali sono i rischi che incombono sul territorio; pertanto attrezzarsi appositamente per una grande nevicata sarebbe uno sperpero di risorse immenso; però, se il territorio è esposto al rischio di allagamento, evidentemente, bisogna conoscere il luogo ove ciò avviene e bisogna organizzarsi per cercare di fronteggiare un evento del genere e soprattutto bisogna fare quelle attività di prevenzione che spesso non ci sono e che espongono il territorio in maniera particolare. Affido a voi queste mie considerazioni; con l auspicio che nel momento in cui molti passi avanti sono stati fatti e una mano, come richiesto giustamente dai Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 11

20 Comuni, è stata data, si passi all operatività e si possa, in maniera più tranquilla, fronteggiare quegli eventi che non sono sicuramente catastrofici ma che possono intervenire sempre con maggiore frequenza, i cosiddetti eventi meteorologici estremi e si possano fronteggiare con delle risorse adeguate e con un'organizzazione idonea. Grazie. 12 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

21 L attività della Provincia nel servizio di protezione civile sen. Maria Rosaria Manieri, assessore provinciale alla protezione civile Io limiterò il mio intervento a un saluto, a un ringraziamento e a una breve riflessione. Innanzitutto un saluto a tutti voi, un saluto al Prefetto che ringrazio particolarmente per l attenzione che dà al nostro lavoro e per gli stimoli che continuamente offre alla Provincia, soprattutto in questo settore, perché il Salento si doti di un sistema moderno, efficiente ed efficace nel settore della protezione civile. Grazie signor Prefetto, grazie ai suoi collaboratori. Un saluto, naturalmente, al Vicesindaco della Città di Lecce, che testimonia lo spirito di collaborazione con cui noi vogliamo agire in questo settore. Diceva giustamente il Prefetto che la collaborazione è una chiave di successo per le azioni di protezione civile soprattutto nelle emergenze, anzi, io penso che tra di noi, tra istituzioni, associazioni, Comuni, corpi dello Stato che intervengono, bisognerebbe creare un vero e proprio family life, una vita familiare che parli lo stesso linguaggio, che si capisca al volo nel momento in cui interviene. Ad esempio, si dovrebbero dotare i volontari di un unica divisa, come mi veniva evidenziato l altro giorno a Seclì, non per una semplice questione di omologazione o soltanto per evitare una multicolorità, bensì per rendere riconoscibili. le associazioni di protezione civile del Salento su tutto il territorio. Un ringraziamento va al direttore dell Agenzia per l assistenza tecnica agli Enti locali della Provincia di Lecce, dott. Giancarlo Ciricugno, che ha portato avanti in modo così competente questo primo corso per operatori della protezione civile, che è diretto in particolare ai collaboratori dei Sindaci, che sono i primi referenti e responsabili sul territorio in caso di emergenza; difatti un povero Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 13

22 Sindaco, se non ha persone competenti e capaci di intervenire, difficilmente potrà gestire da solo tali situazioni. Da ciò deriva la necessità di formare. Noi riteniamo, e su questo stiamo molto investendo in quest'anno, che, insieme alla collaborazione e alla coesione, la formazione degli operatori sia l'altra chiave di volta del successo, insieme poi all'organizzazione. Parlando di protezione civile, sono solita ricordare una persona che considero essere stata un grande Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, che, in seguito al terremoto dell'irpinia, fece notare come il cuore degli italiani fosse sempre pronto e generoso; i volontari partirono a prestare soccorso da tutte le parti d Italia, ciò nonostante in quella circostanza si registrò un drammatico numero di vittime che, forse, sarebbe potuta essere inferiore se ci fosse stata un adeguata organizzazione nell attività di soccorso. Ecco la necessità; noi viviamo in una società a rischio. Il progresso scientifico e tecnologico ha migliorato le condizioni di vita nostre, delle nostre comunità, dei nostri paesi, però, ha anche aumentato i rischi. Allora, un principio etico per la politica e per i governi locali, un principio etico della nostra società è quello di far valere il principio di precauzione. Noi dobbiamo premunirci, attrezzarci, prevenire; da qui l'importanza da dare alla prevenzione e la necessità di attrezzarci per affrontare le situazioni di emergenza. Per affrontare questo, ribadisco, sono convinta che formazione, organizzazione, collaborazione, preparazione, informazione, siano quanto mai indispensabili, in modo da utilizzare, al massimo del loro potenziale, tutte le risorse di cui disponiamo. La Provincia si sta muovendo in questa direzione, colgo qui l occasione per ringraziare anche il nostro servizio, il nostro ufficio di protezione civile nelle persone dell'architetto Evangelista e del geometra Scarcella, che, fattivamente, si impegnano in questo settore, facendo tutto quello che è necessario, 14 Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile

23 nonostante l organico del servizio provinciale di protezione civile sia insufficiente. Difatti, si sta già procedendo all aggiornamento del piano provinciale di protezione civile di cui la Provincia si è dotata da tempo. Il nostro ufficio è a disposizione dei Comuni che vogliano aggiornare o predisporre i loro piani comunali di protezione civile; siamo a disposizione per offrire tutta la banca dati, ma anche la necessaria consulenza. Allo stato, Prefetto, solo 14 Comuni hanno il piano; e questo è un dato che ci preoccupa, perché nel momento di rischio non si può intervenire alla cieca. In una società moderna i rischi diventano complessi e bisogna avere tutte le informazioni necessarie, per sapere come intervenire, per non determinare più danni che aiuti. Da questa convinzione deriva l attività che stiamo svolgendo per spingere a una rapida attivazione dei centri operativi misti, che insieme con il Prefetto abbiamo definito nell'accorpamento dei Comuni. Abbiamo anche svolto un'azione di forte sollecitazione nei confronti dei comuni, affinchè mettano a disposizione le sedi; il lavoro è stato completato e ci auguriamo quanto prima, anche in un'ultima azione di concertazione, di renderli definitivi e operativi. La Provincia stanzia anche delle risorse per l'attivazione di questi COM, diamo euro per l attivazione, mettendo a disposizione di ogni centro operativo misto tutta la banca dati della Provincia e quindi dando le attrezzature necessarie. Noi riteniamo fondamentale per l efficienza del sistema il ruolo delle associazioni di protezione civile, che nel Salento rappresentano, sulla base di un indagine sul volontariato, il secondo settore per presenza di volontari sul territorio. Lecce, 24 Novembre 2005 Forum provinciale sulla protezione civile 15

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA 1/6 La seduta inizia alle 18.29. PRESIDENTE. Siamo in audizione durante la seconda missione in Puglia come Commissione parlamentare

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Federazione Friuli V.G LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Venerdì 6 marzo 2009 Sede Regione FVG Via Sabbadini, 31 - UDINE ABSTRACT CONTRIBUTO

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico.

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico. Prestazione di servizi e contratto di assicurazione: resoconto del convegno sull argomento e intervista al Prof. Gabriele Racugno Presidente dell AIDA Sardegna, Ordinario di Diritto Commerciale e Avvocato

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile

Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile Ex Dgr 4036/2007 - Scuola Superiore di Protezione

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM INTERVENTO DELL'ASSESSORE REGIONALE ALLE POLITICHE DEL TURISMO E DELLA MONTAGNA DELLA REGIONE

Dettagli

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del PRESIDENTE: Passiamo adesso al terzo punto all'ordine del Giorno, avente ad oggetto: " Approvazione Regolamento sponsorizzazione per la disciplina e la gestione dello spazio pubblicitario on-line sul sito

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Banca d'italia Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Saluto di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 ottobre 2011 Do il benvenuto

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ Convegno sull inserimento lavorativo delle persone con disabilità: iniziative, servizi, esperienze e riflessioni Esperienze aziendali tratte dal video prodotto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Com.stampa coordinamenti 2015 Raggruppamento Coordinamenti Regionali Volontariato Protezione Civile L A Z I O COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Il volontariato di protezione civile è fra le più importanti

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Convegno LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici 14 dicembre 2011 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Introduzione. Gentile lettore,

Introduzione. Gentile lettore, Le 5 regole del credito 1 Introduzione Gentile lettore, nel ringraziarti per aver deciso di consultare questo e-book vorrei regalarti alcune indicazioni sullo scopo e sulle modalità di lettura di questo

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012)

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) POLITIKA Napolitano e Nikolic, Non si devono porre nuove

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

Progetto vita indipendente

Progetto vita indipendente Buon giorno io sono Leda mamma di Giulia, una ragazza disabile che ha usufruito del Progetto vita indipendente fornito dalla Cooperativa Primavera 85. Mia figlia ha 24 anni e da sempre mi sono impegnata

Dettagli

Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione

Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione FOCUS La formazione dei volontari di Protezione civile, settore che dal 2002 è in continua crescita ed evoluzione, rappresenta il fiore all occhiello dell

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.31 del 14 Maggio 2008 Articolo 1 È costituito, ai sensi della lettera c, punto,

Dettagli

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA FORMAZIONE PUBBLICA TRA SPENDING REVIEW E RIORGANIZZAZIONE PRESENTAZIONE DEL 15 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE DEI DIPENDENTI PUBBLICI 21 MAGGIO 2013

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE CAMPANIA E L ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI

Dettagli

HEAD OF THE BOARD 2015. Corso per Consiglieri di Amministrazione

HEAD OF THE BOARD 2015. Corso per Consiglieri di Amministrazione HEAD OF THE BOARD 2015 Corso per Consiglieri di Amministrazione Che cos è Head of the board Il progetto Head of the Board 2015 : - è il corso per consigliere di amministrazione finalizzato a sostenere

Dettagli

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla legge al 30 di novembre, questi assestamenti al bilancio previsionale che abbiamo

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI)

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Purtroppo noi scontiamo, in Italia, il fatto che l odontoiatria come branca autonoma rispetto alla medicina si sia affermata solo in anni recenti, e nel passato l odontoiatria

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco. Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco. Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE

Dettagli

Federica Danesi federica.danesi@unife.it. Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014

Federica Danesi federica.danesi@unife.it. Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014 Federica Danesi federica.danesi@unife.it Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014 Com è cominciata Ho due bimbe, una di 6 e l altra di 2 anni, mio marito spesso lavora fuori città e da febbraio 2013 IO

Dettagli

24-NOV-2015 da pag. 37 foglio 1

24-NOV-2015 da pag. 37 foglio 1 Tiratura 09/2015: 391.681 Diffusione 09/2015: 270.207 Lettori Ed. II 2015: 2.458.000 Quotidiano - Ed. nazionale Dir. Resp.: Ezio Mauro da pag. 37 24/11/2015 Responsabilità professionale. Intervista a Trojano

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 Care e cari Sanganesi, egregi Assessori, egregi Consiglieri, caro Dott. Russo, carissima Flavia oggi si insedia il nuovo Consiglio

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Rel. sig. Giancarlo Cavallin Volontarinsieme Coordinamento delle Associazioni di volontariato della provincia di Treviso. Gruppo Salute, ospedale

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

DANNI DA CALAMITA NATURALI E GESTIONE DEL TERRITORIO

DANNI DA CALAMITA NATURALI E GESTIONE DEL TERRITORIO DANNI DA CALAMITA NATURALI E GESTIONE DEL TERRITORIO E tempo di cambiare decisamente la modalità di governare il problema. Da una gestione delle emergenze ad una gestione innovativa e preventiva del territorio

Dettagli

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle proteste dei docenti contro le ultime disposizioni del governo, avevamo deciso di non offrire nessuna attività extra-

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

Ordine degli Architetti

Ordine degli Architetti Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori Provincia - Barletta Andria Trani Assemblea iscritti Sala Convegni PALAZZO COVELLI Trani 28 29 MAGGIO 2015 Relazione del Presidente Trani,

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi alla Conferenza Internazionale Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Padova, 15 giugno 2007 1 Il servizio civile come celebrazione del 50 dei trattati

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli