L ASSICURAZIONE DANNI DA INTERRUZIONE DI ESERCIZIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ASSICURAZIONE DANNI DA INTERRUZIONE DI ESERCIZIO"

Transcript

1 L ASSICURAZIONE DANNI DA INTERRUZIONE DI ESERCIZIO Giorgio Pennazzato Marzo 2010

2 Nel caso di sinistro da incendio, ad un azienda, i primi danni tangibili ed evidenti sono di tipo MATERIALE: la distruzione dei beni assicurati, fabbricato, macchinario, merci. Simili danni sono coperti dalla polizza Incendio. Domandiamoci allora: si può star tranquilli ipotizzando che la polizza indennizzi completamente i danni materiali che hanno colpito l azienda?

3 E ben noto che accanto ai danni materiali e diretti, vi sono altri danni (spesso più rilevanti di quelli materiali), di tipo economico, che emergono a seguito dell incendio. Basti pensare che finché si effettua la riparazione e si riacquistano i beni perduti, l azienda deve far fronte ai costi che rimangono a suo carico, anche se inattiva: mutui, personale, affitto, leasing, quote fisse dei consumi energetici, assicurazioni, pubblicità, consulenze, manutenzione

4 CHIARIMENTO DEI TERMINI USATI Quando si parla di danni indiretti, si usano termini di tipo diverso. Ad es. nella letteratura specialistica si usa Danni da Interruzione di Esercizio (acronimo: D.I.E.) Nell uso comune, corrente, si ricorre al termine Danni Indiretti (acronimo: D.I.) perché più breve e semplice. Anche se impreciso (nel novero dei danni indiretti ricadono sia quelli immateriali che materiali), tale termine è molto significativo perchè si contrappone a DANNI DIRETTI, quindi fa meglio intuire di quale tipo di danni si stia trattando. Il danno DIRETTO è di tipo MATERIALE (riguarda la fisicità dei beni danneggiati) Il danno INDIRETTO è IMMATERIALE (riguarda gli aspetti economico-finanziari). Nel seguito si farà ricorso perciò al termine DANNI INDIRETTI

5 Come hanno risposto, nel tempo, gli assicuratori ai problemi di copertura delle aziende danneggiate? Nel periodo della rivoluzione industriale inglese si ha la prima risposta sotto forma di Indennità aggiuntiva a percentuale del DD (1797: Minerva Universal) = fatto 100 il DD, l assicuratore eroga un 10% in più a titolo di copertura del DI. Si tratta di una risposta minimale, derivante soprattutto dalla mancanza di standardizzazione delle scritture contabili (bilanci). Per avere una copertura D.I. valida occorre attendere circa 100 anni, finchè, maturata la struttura economico-finanziaria industriale, il broker scozzese Mac Lellan, propone la polizza LOSS of PROFIT (1899). Si tratta di una polizza ben strutturata, che ha dimostrato nel tempo la sua efficienza, perché è usata tuttora dal mercato assicurativo italiano e internazionale.

6 RISPOSTE ASSICURATIVE DANNI INDIRETTI Minerva Universal = Danno diretto 1899 Mac Lellan lancia la polizza Loss Of Profit (L.O.P.) dal 1899??? +10% INDENNITA AGGIUNTIVA

7 Dal 1899 però la società è cambiata, l economia ha subito grandi modifiche, le aziende si sono evolute. La polizza L.O.P. è rimasta invece ancorata agli schemi economici di fine 800, agganciata perdipiù alla terminologia economica anglosassone.

8 Fino a anni fa, quando la LOP era l unica polizza che copriva i DI, l assicuratore aveva notevoli difficoltà a presentarla al cliente: doveva usare termini quasi sconosciuti per la contabilità italiana (Profitto lordo Rapporto di Profitto Lordo Volume di affari di riferimento ) e pertanto trovava una certa diffidenza nel cliente. La situazione subì un profondo sconvolgimento con la nascita di una nuova polizza DI

9 A seguito di un grave sinistro accaduto nel 1992, ad un industria coperta con polizza LOP, il perito di parte (eminente economista), avendo rilevato varie disfunzioni in detta polizza, propose agli assicuratori di studiare una nuova forma di assicurazione DI, aggiornata e adatta al mercato italiano.

10 Ottobre 1994 In ANIA viene presentata la nuova Polizza Danni Indiretti basata sul Margine di Contribuzione (M.d.C.)

11 Quali cambiamenti importanti ha introdotto la nuova polizza MdC? 1. Uso del linguaggio economico-finanziario italiano, con l evidente vantaggio di abbattere le barriere di scarsa comprensione tra assicuratore e assicurando 2. Determinazione della somma da assicurare nella forma per differenza, secondo un criterio quasi a Primo Rischio Assoluto 3. Calcolo del danno indiretto in tempo reale Approfondiamo i punti 2 e 3

12 2. La somma da assicurare Lo scopo di una polizza DI è quello di coprire appunto i danni indiretti, che emergono a seguito ad es. di un incendio all azienda assicurata. Pertanto, la copertura dovrebbe elencare i costi fissi, che l assicurato deve sostenere anche durante il periodo di inattività (totale o parziale) e il mancato utile che si crea in assenza di vendite. Si avrebbe così: S.A.= costo 1 + costo costo n + mancato utile. Seguendo questa impostazione (nota come forma per addizione ) rimarrebbe sempre il dubbio di non aver esaurito la casistica dei possibili costi emergenti in caso di danno. Si tratta dello stesso problema che si ha nel campo dei danni materiali e diretti quando si adotta la forma a rischi elencati

13 Sempre in analogia alle polizze DD, è ben noto che la forma ottimale di copertura è dato dalla ALL RISKS, secondo cui tutti i rischi non esclusi sono coperti. Nel campo economico, l equivalente della A.R. è dato dai ricavi di vendita, che contengono tutti i costi aziendali più l utile. A detti ricavi si andranno a sottrarre i costi che l assicurato non sopporta più in caso di danno. Si ha perciò: Ricavi di Vendita - Costi Cessanti (o variabili) = SOMMA DA ASSICURARE* Così facendo si ha la certezza di aver assicurato tutti i Costi fissi + l Utile operativo *Questa maniera di calcolare la Somma Assicurata viene indicata con forma per differenza. Il risultato della suddetta sottrazione è detto, in linguaggio economico, MARGINE di CONTRIBUZIONE

14 Per realizzare in pratica il suddetto calcolo, si deve utilizzare l ultimo bilancio aziendale approvato disponibile. Dal Conto Economico di bilancio si individuano i Costi cessanti (variabili): Costi per materie prime, materiali di consumo (al 100%) Costi per servizi (consumi energetici) (al 70%) Costi del personale (allo 0%) Oneri diversi di gestione (al 30%)

15 Commentiamo questo calcolo - Le materie prime e i materiali di consumo sono certamente un costo cessante in caso di inattività: se gli impianti si fermano, non si utilizzano più dette materie prime nè i materiali di consumo. Pertanto sono costi cessanti al 100%. -Nei costi per servizi, costituiti perlopiù dai costi dei consumi energetici (luce, gas, acqua ), c è una parte che va attribuita come quota fissa ed una parte come quota variabile, legata appunto ai consumi (ad es. kwh, mc, ). E questa seconda quota (pari mediamente al 70% dell intera voce specifica di bilancio) che va sottratta dai ricavi di vendita. segue

16 - I costi del personale sono valutati come fissi, interamente, perché le aziende tengono a proprio carico detti costi del personale, anche inutilizzato in caso di fermata, per averlo pronto e disponibile non appena riparta l attività produttiva. - Gli oneri diversi di gestione (che raccolgono la molteplicità di piccoli costi, non rientranti nelle macrocategorie già viste) si ritengono variabili o cessanti al 30% dell importo che figura a bilancio.

17 Per completare il calcolo vanno considerate infine le rimanenze finali ed iniziali di magazzino. Le prime vanno equiparate ai ricavi di vendita, perché rappresentano le vendite future potenziali; le seconde vanno considerate come costo, perché sono il primo acquisto che l azienda deve effettuare all inizio dell esercizio. Tutte queste quantità figurano in uno schema, da usare appunto per la determinazione della somma assicurata, che è riportato in parte nella slide seguente e che figura completo tra gli ALLEGATI; esso costituisce parte integrante della polizza DI emittenda.

18 DETERMINAZIONE DELLA SOMMA ASSICURATA +Ricavi di vendita (*) +Rimanenze finali (**) - Rimanenze iniziali (***) - Costi per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci ( 100 % ) - Costi per servizi (ivi inclusi i consumi energetici, se non indicati altrove) ( %) - Costi per il personale ( %) - Oneri diversi di gestione ( %) - TOTALI [A] [B] MARGINE DI CONTRIBUZIONE ([A]-[B]) Somma Assicurata

19 Una volta compilata la tabella di calcolo, si arriva al risultato indicato come MARGINE di CONTRIBUZIONE Possiamo così renderci conto anche della motivazione per cui è stato scelto il termine M.d.C., per la quantità economica di cui si tratta. Essa risulta da un operazione di sottrazione (Ricavi di Vendita Costi Cessanti) e quindi si tratta di un margine ; al suo interno, il contenuto rimasto, è costituito dai Costi Fissi + l Utile mancato, quantità economiche che contribuiscono alla sopravvivenza dell azienda. Perciò giustamente tale quantità economica ha assunto il nome di MARGINE DI CONTRIBUZIONE

20 Dall esame della scheda di calcolo Determinazione della Somma Assicurata si nota che una volta calcolato il M.d.C. si trova una ulteriore riga, con la voce Somma Assicurata il chè fa pensare che la S.A. sia maggiore del M.d.C. appena calcolato. Somma ass.ta Perché S.A. > M.d.C.? MdC

21 La prima risposta, spontanea, che arriva alla mente è: La somma assicurata va maggiorata rispetto al MdC perché il MdC è stato ricavato dal bilancio dello scorso anno; per evitare eventuali riduzioni di indennizzo, derivanti dall applicazione della regola proporzionale, è bene che si aumenti detto MdC per adeguarlo allo sviluppo aziendale. Tale risposta si scontra però con l art. Regola proporzionale della polizza DI, che recita: La regola proporzionale non sarà operativa purchè la somma assicurata sia uguale o maggiore del MdC ricavato dall ultimo bilancio approvato disponibile. Quindi, secondo tale disposto, sarebbe sufficiente che S.A. = MdC (si dice infatti che la polizza DI basata sul MdC è quasi una forma a primo rischio assoluto ) Riponiamoci dunque la domanda: perché S.A. > MdC?

22 Ricordiamo che in caso di danno totale l indennizzo e al max pari alla somma assicurata in polizza. Pertanto, se la somma assicurata in polizza è uguale al M.d.C. ricavato dall ultimo bilancio, l indennizzo sarà al massimo pari al M.d.C. dell esercizio già trascorso. Quindi l assicuratore indennizza sì il danno al 100%, senza alcuna decurtazione legata alla regola proporzionale, ma fino al max costituito dalla S.A. Se questa è eguale al M.d.C. ricavato dall ultimo bilancio disponibile, tale M.d.C. costituirà il tetto dell indennizzo. Invece l azienda assicurata richiederebbe un indennizzo basato sul M.d.C. dell anno corrente, quindi superiore al M.d.C. del decorso esercizio. Ecco perché S.A. > M.d.C.

23 Quanto maggiore dovrà essere la somma assicurata in polizza rispetto al margine di contribuzione ricavato dal bilancio del decorso esercizio? In polizza, nel definire la S.A., è detto che S.A. > M.d.C. fino ad un + 20%. Di solito è sufficiente un + 5-7%, incremento che sta ad indicare il trend dei ricavi di vendita dell azienda. Nel contesto dell economia attuale, tale cifra è più che ragguardevole. Si fa presente che l incremento di M.d.C. va calibrato perché determina un incremento di S.A. e quindi di premio.

24 Sinora ci siamo occupati delle azioni che deve intraprendere l assicurato. E l assicuratore??? L art. 25 delle C.G.A. della polizza DI stabilisce una sorta di tolleranza di + 20% della S.A. Ciò significa che l indennizzo può superare del 20% la somma stessa assicurata in polizza

25 Regola del 144 Sfruttando al massimo le possibilità viste sinora, si può verificare quanto segue: MdC = 100 S.A. (incremento +20% del MdC) = 120 Art. 25 (incremento +20% della S.A.) = 144 Pertanto, partendo da un MdC pari a 100, ricavato dal bilancio dell ultimo esercizio, si può arrivare a percepire un indennizzo pari al 144% di tale MdC

26 Condizione necessaria per l operatività dell art. 25 è che ad ogni cadenza annuale, quando viene approvato il nuovo bilancio dell azienda assicurata, si provveda all Operazione Giano bifronte Infatti, dal bilancio appena approvato si ricava il valore effettivo del MdC del decorso anno e lo si confronta con la S.A. in polizza. Si effettua quindi la regolazione pro-passato che prevede un conguaglio di premio positivo o negativo a seconda che la S.A. sia inferiore o maggiore del MdC, col max del 20%. Si passa poi a calcolare la nuova somma assicurata pro futuro, basandosi sul MdC effettivo da bilancio e applicando l eventuale incremento legato al trend dell azienda assicurata.

27 SCUOLA FORMAZIONE AGENTI Primo caso Secondo caso S.A = M.d.C = L assicurato versa un conguaglio premio conteggiato su ? ? ? S.A = M.d.C = L assicuratore restituisce una parte del premio calcolato su ? ? ? E S E M P I O

28 3. IL CALCOLO DEL DANNO INDIRETTO Nel presentare le innovazioni apportate dall introduzione della polizza DI basata sul MdC, oltre al linguaggio economico-finanziario italiano e al calcolo della S.A. (per differenza), si è accennato al diverso modo di calcolare il danno, in tempo reale. Per comprenderne appieno il significato occorre vedere prima come opera la polizza LOP

29 Criteri di indennizzo della polizza LOP VA X RPL = PL dove VA = perdita del Volume d Affari (equivalente ai Ricavi di Vendita) RPL = rapporto di Profitto Lordo,PL/VA in % (calcolato dal bilancio del decorso esercizio) PL = perdita di Profitto Lordo (equivalente al MdC) Per calcolare la perdita del volume d affari, si confrontano i due andamenti del VA: in presenza di danno (VA nel periodo di indennizzo) in assenza di danno (= anno precedente); quindi VA nel periodo di riferimento, con vari aggiustamenti per tener conto della diversità tra i due anni

30 VA Volume di affari Volume di affari di riferimento realizzato in presenza del danno aggiustato Anno indenne 1 Anno danneggiato 2 T

31 Esempio di danno semplificato: fabbrica di pentole Vendita normale: 100 pentole al mese, a 10 per pentola = VA mensile: Il PL è pari a 250 ; quindi RPL è 25% Marzo 06: danno, fermata della produzione per un mese, la fabbrica perde le vendite di un mese; VA di marzo 06 = 0 Nel marzo 05 l azienda aveva venduto pentole per 900 ; il VA di marzo 05 va aggiustato tenendo conto che c è stato un incremento dell 11,10% dei prezzi di vendita; pertanto il VA di marzo 05 aggiustato è pari a 999 VA(periodo di riferimento = marzo 05, aggiustato) VA (periodo di indennizzo = marzo 06) = = 999 La perdita di PL sarà = VA x RPL = 999 x 25% = 249,75

32 In realtà, seguendo il dettato della polizza LOP, per effettuare i calcoli dell indennizzo, sarebbe necessario attendere i dati di bilancio dell anno danneggiato per passare a confrontarli coi dati dell anno indenne. Ciò significa attendere mesi per avere la chiusura dell esercizio in corso, colpito dal danno, e la successiva approvazione del suo bilancio, che viene effettuata, nella prassi italiana, nel mese di maggio dell anno susseguente.

33 Criteri di indennizzo con la polizza MdC Si considera, nel periodo di indennizzo, il M.d.C previsto cui si sottrae il M.d.C. reale MdC previsto MdC reale MdC perso Periodo di indennizzo * * Periodo di indennizzo = periodo nel quale l azienda assicurata risente dell inattività totale o parziale causata dal sinistro

34 In pratica si tratta di compilare uno schema di questo tipo Ricavi di vendita Rimanenze finali Risultati previsti ( sperati ) nel periodo di indennizzo Risultati reali nel periodo di indennizzo Rimanenze iniziali Costi per materie prime e materiali di consumo Costi del Personale Costi per Servizi ( consumi energetici) Oneri diversi di gestione Totali Margini di contribuzione A B Margine di contribuzione perso (A - B)

35 In pratica, per arrivare a determinare il MdC comunque realizzato nel periodo di indennizzo, sarà sufficiente un incontro con la contabilità dell azienda per farsi fornire i dati necessari; il cammino è un po più arduo per riuscire a identificare il MdC sperato e non realizzato per colpa del sinistro. Come calcolare tale ipotetico MdC? Ricorrendo alla miglior documentazione utile, presente in azienda: budget, previsioni, contratti in essere, ordinativi.. In definitiva, al perito assicurativo serviranno le stesse evidenze che l assicurato ha per dimostrare a sé stesso la perdita subita.

36 La polizza DI, oltre alla perdita di MdC, prevede l indennizzo delle spese supplementari (o maggiori costi) sostenute per limitare l inattività. Si tratta ad es. di affitto di macchinari ausiliari, di costi di personale straordinario, di ricorso a lavorazioni presso terzi,

37 Qual è il loro limite economico? La perdita di MdC evitata grazie al sostenimento di tali spese, usualmente concordate col perito dell assicuratore Spesso l entità di tali spese supera in % il peso della perdita di MdC 25% MdC 75% SS

38 Esame del testo di polizza Danni Indiretti basata sul MdC Art. 11 delle C.G.A.: Condizione necessaria per l operatività della D.I. è che accada un sinistro indennizzabile dalla Polizza di riferimento (di solito Incendio, ma può anche essere una Guasti Macchine, Informatica, Furto )

39 Art Le esclusioni a) Eventi catastrofali / gravosi = trattasi di esclusioni, che riguardano rischi notevoli, ma che si possono derogare, previo accordo con l assicuratore, a condizioni adeguate al rischio b) Prolungamento inattività = non rientra nel calcolo dell indennizzo il prolungamento dell inattività a causa di scioperi, miglioramenti, mancanza di autorizzazioni, deficienze finanziarie, sequestri da parte dell Autorità c) Estensioni postume = la polizza non opera per estensioni di copertura introdotte nella polizza DD di riferimento, successivamente alla stipula della polizza DI (tale limitazione ha senso qualora siano diversi l assicuratore DD e quello DI)

40 Le estensioni di copertura (condizioni particolari) Le più frequenti estensioni di garanzia sono: Fornitori (copre la perdita di MdC dovuta alla mancata fornitura di materie o prodotti, essenziali per la produzione, a seguito di un danno diretto al fornitore) Clienti (copre la perdita di MdC causata dal mancato assorbimento della produzione da parte di un cliente strategico, che ha subito un danno diretto) Inagibilità (copre il fermo dell attività produttiva imposta dall Autorità Pubblica) Interdipendenza (copre le perdite di MdC in aziende collegate a quella danneggiata, che subiscano delle conseguenze a causa del danno alla stessa).

41 Si fa notare che da qualche tempo è invalso l uso della franchigia IN CIFRA, anziché TEMPORALE, ricorrendo alla formula: FRANCHIGIA = (S.A. / GG lav. an.) x GG fr dove GG lav. an. = Giorni lavorativi annui GG fr. = Giorni di franchigia L utilità di tale formula consiste nel tener sì conto della franchigia temporale, ma di tradurla in una quantità fissa, a superamento del contenzioso che un tempo si innescava nel determinare il momento da cui detta franchigia temporale aveva effetto

42 L ASSICURAZIONE DANNI DA INTERRUZIONE DI ESERCIZIO FINE Giorgio Pennazzato marzo 2010

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare;

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare; Appunti di Economia Documenti costituenti il bilancio d esercizio di una impresa Introduzione... 1 Stato patrimoniale... 2 Debiti e crediti... 3 Equazione contabile fondamentale dello stato patrimoniale...

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Copertura Multiline per la PMI. Obiettivi, confini e struttura

Copertura Multiline per la PMI. Obiettivi, confini e struttura Copertura Multiline per la PMI Obiettivi, confini e struttura 0 ASSICURAZIONE MULTIRISCHI AZIENDE Struttura Sezione I Danni Materiali All risks Sezione II Danni Indiretti Loss of profit Sezione III Responsabiltà

Dettagli

Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati.

Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati. Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati. Esiste un metodo semplice per ottenere i Costi sotto

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1 4.00 3.50 3.00 2.50 2.00 1.50 1.00 0.50 18/1/00 J F M A M J J A S O N D J SEAT-PAGINE GIALLE SEAT-PAGINE GIALLE RNC HIGH 3.49 28/12/99, LOW 0.70 1/1/99, LAST 3.09 14/1/00 HIGH 2.30 28/12/99, LOW 0.54 1/1/99,

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Prima Puntata www.studiobarale.it Parte 1 di 6 Obiettivi spiegare le diverse metodologie di calcolo dei costi di prodotto, mostrandone logiche

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

LA POLITICA DEI PREZZI:

LA POLITICA DEI PREZZI: LA POLITICA DEI PREZZI: I VINCOLI DI MERCATO E LA CORRETTA DETERMINAZIONE DEL COSTO DEL PRODOTTO 1 DETERMINAZIONE DEL PREZZO APPROCCIO CENTRATO SULL AZIENDA APPROCCIO CENTRATO SUL MERCATO 2 APPROCCIO CENTRATO

Dettagli

RISCHIO INQUINAMENTO & SOLUZIONI ASSICURATIVE

RISCHIO INQUINAMENTO & SOLUZIONI ASSICURATIVE RISCHIO INQUINAMENTO & SOLUZIONI ASSICURATIVE Sala delle Colonne BPM Milano 29 aprile 2010 Francesco G. Paparella Presidente AIBA PERCHE IL BROKER Nel 2009 i broker: hanno intermediato il 46,1% dei rami

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

Magazzino: regole di bilancio e fiscali

Magazzino: regole di bilancio e fiscali Numero 53/2011 Pagina 1 di 8 Magazzino: regole di bilancio e fiscali Numero : 53/2011 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : BILANCIO LA VALUTAZIONE DEL MAGAZZINO PRINCIPIO CONTABILE OIC N. 13, CODICE CIVILE

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità.

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. NOTA OPERATIVA N. 7/2013 OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. - Introduzione Nella formazione del bilancio di esercizio civilistico, bisogna porre molta

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO 1. INTRODUZIONE... 2 2. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 3 3. DATI GENERALI... 4 4. ILLUMINAZIONE... 5 5. LAVORAZIONI... 6 6. UFFICIO... 7 7. CONDIZIONAMENTO...

Dettagli

Dati regolazione premio PATRIMONIO

Dati regolazione premio PATRIMONIO Dati regolazione premio PATRIMONIO INSERIMENTO DI INSEDIAMENTI E BENI DA GARANTIRE ORD DESCRIZIONE (UBICAZIONE E USO) SUP. /MC FA DATA VARIAZ. ESCLUSIONE DI INSEDIAMENTI E BENI DA GARANTIRE ORD DESCRIZIONE

Dettagli

LE COPERTURE ASSICURATIVE PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

LE COPERTURE ASSICURATIVE PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI LE COPERTURE ASSICURATIVE PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Roberto Manzato Convegno Il solare fotovoltaico: la nascita della nuova industria per il Mediterraneo - Fiera di Roma Roma, 3 ottobre 2008 Come altre

Dettagli

CONTI PATRIMONIALI (E FINANZIARI )

CONTI PATRIMONIALI (E FINANZIARI ) IL BILANCIO D ESERCIZIO: COSA E E COME SI LEGGE (e soprattutto come si utilizza nel controllo di gestione dell impresa) STATO PATRIMONIALE = FOTOGRAFIA DEL PATRIMONIO CONTO ECONOMICO = FILM DELLA GESTIONE

Dettagli

Responsabilità Professionale del tecnico. Tutela Assicurativa

Responsabilità Professionale del tecnico. Tutela Assicurativa Responsabilità Professionale del tecnico Tutela Assicurativa Tipi di responsabilità La responsabilità nel nostro ordinamento si suddivide in: PENALE AMMINISTRATIVA CIVILE La Responsabilità Civile Contrattuale

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

L analisi dei costi: il costing

L analisi dei costi: il costing L analisi dei Costi - a.a. 2012/2013 L analisi dei costi: il costing 1 La tecnica del costing (1) Il termine costing indica la tecnica specificatamente rivolta alla rilevazione dei costi. Negli ultimi

Dettagli

LA STIMA PREVENTIVA 13 marzo 2013

LA STIMA PREVENTIVA 13 marzo 2013 Corso di GESTIONE DEI RISCHI E DELLE ASSICURAZIONI A. A. 2012-13 LA STIMA PREVENTIVA 13 marzo 2013 Elisa Bocchialini Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia La STIMA E espressione di un

Dettagli

Indice di rischio globale

Indice di rischio globale Indice di rischio globale Di Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione Con tale studio abbiamo cercato di creare un indice generale capace di valutare il rischio economico-finanziario

Dettagli

GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività

GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività GESTIRE I COSTI E PIANIFICARE I RICAVI: come realizzare il prospetto economico dell attività CONTABILITA GENERALE e CONTABILITA ANALITICA le informazioni derivanti dalla Contabilità Generale (C.G.) si

Dettagli

SCHEDE dei RISCHI CONVENZIONE MULTIRISCHI ALL RISKS RCT/O - RCP

SCHEDE dei RISCHI CONVENZIONE MULTIRISCHI ALL RISKS RCT/O - RCP SCHEDE dei RISCHI CONVENZIONE MULTIRISCHI ALL RISKS RCT/O - RCP PER I CONSORZIATI A Consorzio Brokers Italiani di Assicurazione e Riassicurazione Indipendenti Via Soperga 2 20127 - Milano ed operante esclusivamente

Dettagli

Il nuovo diritto contabile

Il nuovo diritto contabile fondounimpresa.ch Seminario annuale di economia e di didattica del far impresa Il nuovo diritto contabile Presentazione a cura di Claudio Delmenico Museo nazionale del S.Gottardo 18 agosto 2014 IL NUOVO

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Istanza Unica ai sensi del D.Lgs 387/2003 con pronuncia di Compatibilità Ambientale

Istanza Unica ai sensi del D.Lgs 387/2003 con pronuncia di Compatibilità Ambientale ALLEGATO A7 INDICE 1. PREMESSA...1 2. VALUTAZIONE ECONOMICA...1 2.1 COSTI DI INVESTIMENTO...1 2.2 STIMA ORIENTATIVA DEI RICAVI DALLA VENDITA DI ENERGIA...2 2.3 COSTI DI ESERCIZIO...2 2.4 CANONI E SOVRACANONI

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista*

CONTROLLO. FRANCO CELLINO Economista* 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 2 001-008 Cellino 29-03-2004 8:44 Pagina 1 CONTROLLO G E S T I O N E FRANCO CELLINO Economista* I l controllo di gestione rappresenta uno dei momenti, o meglio il

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Parte 2 «Mix» Margini e Break Even Point Mix vendite e margine medio GAMMA SpA (Tavola 4) Prodotti Vendite Mix vendite Margine di contribuzione

Dettagli

Roma, 09 settembre 2003

Roma, 09 settembre 2003 RISOLUZIONE N. 178/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 09 settembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 48 del TUIR: regime tributario dei

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2)

Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2) Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2) 1 IL SISTEMA DEGLI ACCADIMENTI L economia aziendale si occupa, in generale, delle azioni e dei fenomeni che si manifestano

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Software Specifico per la Gestione e la Bilanciatura della Linea di Assemblaggio

Software Specifico per la Gestione e la Bilanciatura della Linea di Assemblaggio Tempi & Metodi di Giorgio Andreani Servizi di Controllo e di Organizzazione dei Processi Produttivi Iscrizione al Registro delle Imprese CCIAA di Verona REA 357269 Partita Iva 03686020235 - Cod. Fisc.

Dettagli

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013. DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. del.07.

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013. DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. del.07. ALLEGATO 4 - Pag. 1 di 13 ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. del.07.2011 RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE I CRITERI DI VALUTAZIONE APPLICABILI NELLA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO 1 IL BILANCIO DI ESERCIZIO DOCUMENTO CHE EVIDENZIA, PER CIASCUN ESERCIZIO, IL CAPITALE

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO. Dati quantitativi del prodotto. Descrizione Amministrazione:... Anno:.. Mese:..

CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO. Dati quantitativi del prodotto. Descrizione Amministrazione:... Anno:.. Mese:.. CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO Descrizione Amministrazione:.... Anno:.. Mese:.. Dati quantitativi del prodotto (1) CdR (2) prodotto (3) Prodotto (4) Volume nell anno (5) Tempo

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra)

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) La GESTIONE (operazioni che l azienda compie per raggiungere i suoi fini) può essere: ORDINARIA

Dettagli

LE COPERTURE ASSICURATIVE PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

LE COPERTURE ASSICURATIVE PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI LE COPERTURE ASSICURATIVE PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Romina Ronchi Convegno Il IV conto energia: novità e aspetti di rilievo introdotti dal 4 conto energia in materia di fonti rinnovabili Pisa, 4 aprile

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Lotto 1. Copertura assicurativa della responsabilità civile auto e garanzie auto rischi diversi. Autobus. Scheda di offerta tecnica

Lotto 1. Copertura assicurativa della responsabilità civile auto e garanzie auto rischi diversi. Autobus. Scheda di offerta tecnica Spett.le ATAP S.p.A. Lotto 1 Copertura assicurativa della responsabilità civile auto e garanzie auto rischi diversi Autobus Scheda di offerta tecnica Il concorrente dovrà indicare le eventuali varianti

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006 Allegato 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006 1. GENERALITÀ Ciascun depositario autorizzato o altro soggetto senza impianto

Dettagli

Nuove Misure per il Credito alle PMI

Nuove Misure per il Credito alle PMI Seminario 10 maggio 2012 Nuove Misure per il Credito alle PMI In collaborazione con: Confapi Padova Viale dell Industria, 23 Padova Tel. 049 80 72 273 Powered by info@confapi.padova.it www.confapi.padova.it

Dettagli

Circolare N.126 del 31 Luglio 2013

Circolare N.126 del 31 Luglio 2013 Circolare N.126 del 31 Luglio 2013 RC professionisti. Dal 15 agosto diventa un obbligo! Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che entro il prossimo 15.08.2013, secondo quanto previsto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CONTROLLO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CONTROLLO FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CONTROLLO SEZIONE 1. INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione sociale: UniCredit Banca per la Casa S.p.A. capitale sociale Euro 483.500.000,00 i.v. Codice ABI 03198.9 Banca iscritta

Dettagli

Contabilità finanziaria e aziendale

Contabilità finanziaria e aziendale Esami modulari SVF-ASFC Edizione primavera 2010 Contabilità finanziaria e aziendale Domande d esame Durata dell esame 60 minuti Mezzi ausiliari ammessi: calcolatrice standard non programmabile e non in

Dettagli

L ASSICURAZIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Le risposte del mercato assicurativo

L ASSICURAZIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Le risposte del mercato assicurativo 1 L ASSICURAZIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Le risposte del mercato assicurativo Indice Premessa L intervento di Gpa I rischi individuati Altre particolarità Il prodotto individuato Le fasce di rischio

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Roma, 16 gennaio 2001 Alle Aziende Associate Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Circolare n. 16465 L o r o S e d i OGGETTO: Ccnl 23 maggio 2000 per i dirigenti di aziende industriali. Art. 12. Facciamo seguito

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 9 MAGGIO 2013 191/2013/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEI CLIENTI FINALI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI E DI RETI DI TRASPORTO, PER IL PERIODO 1 GENNAIO

Dettagli

Circolare N.120 del 4 Settembre 2012. Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa

Circolare N.120 del 4 Settembre 2012. Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa Circolare N.120 del 4 Settembre 2012 Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa Professioni regolamentate: più tempo per la copertura assicurativa Gentile cliente, con la presente

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani IAS 17 : LEASING Schemi di analisi Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani INDICE SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE CLASSIFICAZIONE CONTABILIZZAZIONE VENDITA E RETROLOCAZIONE PRINCIPI CONTABILI

Dettagli

Riclassificazione del bilancio

Riclassificazione del bilancio Riclassificazione del bilancio 02 2015-2016 Vedere sussidio didattico sul bilancio SIGNIFICATO DI RICLASSIFICAZIONE DEI DOCUMENTI DEL BILANCIO raggruppare i valori presenti nei documenti di bilancio in

Dettagli

PROGETTO PMI. Studio di Consulenza Assicurativa. Dedicato alle Piccole Medie Imprese. consulenza assicurativa

PROGETTO PMI. Studio di Consulenza Assicurativa. Dedicato alle Piccole Medie Imprese. consulenza assicurativa PROGETTO PMI Studio di Consulenza Assicurativa Dedicato alle Piccole Medie Imprese SOCIETÀ POINT SPA Prospetto Polizze Assicurative in Essere Compagnia N. Polizza Rischio Scadenza Premio Lordo ALLIANZ

Dettagli

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato Relazione tecnica Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato 1. Premessa e contesto normativo Il provvedimento

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

A tutti i Clienti Loro sedi. Ravenna, 13/12/2013. Circolare informativa n. 22/2013

A tutti i Clienti Loro sedi. Ravenna, 13/12/2013. Circolare informativa n. 22/2013 Dott. Danilo Cortesi A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 13/12/2013 Circolare informativa n. 22/2013 Oggetto: 1. PAGAMENTO COMPENSI AMMINISTRATORI 2. INVENTARIO DI MAGAZZINO DI FINE ANNO 1. PAGAMENTO

Dettagli

PCN 24 IAS 38 attività immateriali

PCN 24 IAS 38 attività immateriali PCN 24 IAS 38 attività immateriali 1 Art. 2424 B I 1) Costi di impianto e di ampliamento 2) Costi di ricerca, sviluppo e pubblicità 3) Brevetti industriali e di utilizzo di opere dell ingegno 4) Concessioni,

Dettagli

Guida alle POLIZZE 2015 per gli iscritti di LIBERO/Sinfub

Guida alle POLIZZE 2015 per gli iscritti di LIBERO/Sinfub Guida alle POLIZZE 2015 per gli iscritti di LIBERO/Sinfub Il datore di lavoro è tenuto ad assicurare il quadro intermedio contro il rischio di responsabilità civile verso terzi conseguente a colpa nello

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 Appunti di estimo Il fine economico dell imprenditore Le motivazioni che spingono un imprenditore ad avviare attività di impresa sono: Produrre beni e servizi,

Dettagli

Condizioni generali (CGA) Helvetia Assicurazione della Cauzione d Affitto. Edizione aprile 2012

Condizioni generali (CGA) Helvetia Assicurazione della Cauzione d Affitto. Edizione aprile 2012 Condizioni generali (CGA) Helvetia Assicurazione della Cauzione d Affitto Edizione aprile 2012 Semplice. Chiedete a noi. T 058 280 1000 (24 h), www.helvetia.ch Sommario A Informazione al cliente 3 1 Partner

Dettagli

Gli elementi della retribuzione

Gli elementi della retribuzione Gli elementi della retribuzione Che cosa è la retribuzione netta Con questa lezione entriamo nel vivo della compilazione della busta paga, dopo aver appreso le nozioni preliminari necessarie alla comprensione

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247

I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247 I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247 Sono investimenti che vengono fatti in agricoltura e che riguardano il Capitale Fondiario Un investimento è un impiego di denaro in un attività produttiva

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.6.2009 COM(2009) 258 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE Relazione annuale della Commissione sulla situazione e la gestione del Fondo di garanzia

Dettagli

Capitolo 4 - LEASING. Sommario

Capitolo 4 - LEASING. Sommario Capitolo 4 - LEASING Sommario Sezione I Leasing mobiliare Definizione Art. 1 Scelta del fornitore 2 Forma del contratto 3 Ordinazione del bene 4 Consegna del bene 5 Legittimazione attiva dell utilizzatore

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Riclassificazione del bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio

Riclassificazione del bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio Riclassificazione del bilancio Vedere sussidio didattico sul bilancio RAGIONI DELLA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE raggruppare i valori delle attività e delle passività in poche

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

Il / la sottoscritto / a..., residente in...prov...cap..., via / piazza..., n..., indirizzo e-mail..., telefono fisso... telefono mobile...

Il / la sottoscritto / a..., residente in...prov...cap..., via / piazza..., n..., indirizzo e-mail..., telefono fisso... telefono mobile... Inviare il modulo compilato, datato e sottoscritto a: email:assicurazioni@uilfpl.it oppure fax: 06-86508234 CONVENZIONE ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE COLPA GRAVE per il Personale della DIRIGENZA

Dettagli

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA CONTABILITA GENERALE 21 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA 8 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 H. Scritture di assestamento

Dettagli

O B x P A O C Dove: [O B : offerta più bassa] [P A : punteggio massimo attribuibile] [O C : offerta a confronto]

O B x P A O C Dove: [O B : offerta più bassa] [P A : punteggio massimo attribuibile] [O C : offerta a confronto] ALLEGATO 1 I punteggi saranno assegnati come segue: A) PREZZO Massimo Punteggio= 70 PUNTI B) QUALITÀ Massimo Punteggio= 30 PUNTI A) PREZZO: Premio annuo lordo riportato nell offerta economica dell Allegato

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE INVESTIMENTI: LEASING E FINANZIAMENTI A CONFRONTO Dott. Aldo Canal e Dott. Gianluca Giacomello Mestre (VE), 30 Ottobre 2015 Agenda Parte 1 Parte 2 SCELTE DI INVESTIMENTO

Dettagli

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories)

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA VALUTAZIONE

Dettagli

Fiscal News N. 105. Rimanenze: valutazione di materie e merci. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2014. Rivalutazione beni d impresa

Fiscal News N. 105. Rimanenze: valutazione di materie e merci. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2014. Rivalutazione beni d impresa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 105 08.04.2014 Rimanenze: valutazione di materie e merci Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Scritture contabili In chiusura del

Dettagli

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio In un periodo nel quale si è parlato tanto (e spesso a sproposito) di gabbie salariali

Dettagli

La assicurazione obbligatoria per gli avvocati

La assicurazione obbligatoria per gli avvocati La assicurazione obbligatoria per gli avvocati 1. Le premesse. 1.1. L art. 12 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, stabilisce che 1. L avvocato, l associazione o la società fra professionisti devono stipulare,

Dettagli