L ASSICURAZIONE DANNI DA INTERRUZIONE DI ESERCIZIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ASSICURAZIONE DANNI DA INTERRUZIONE DI ESERCIZIO"

Transcript

1 L ASSICURAZIONE DANNI DA INTERRUZIONE DI ESERCIZIO Giorgio Pennazzato Marzo 2010

2 Nel caso di sinistro da incendio, ad un azienda, i primi danni tangibili ed evidenti sono di tipo MATERIALE: la distruzione dei beni assicurati, fabbricato, macchinario, merci. Simili danni sono coperti dalla polizza Incendio. Domandiamoci allora: si può star tranquilli ipotizzando che la polizza indennizzi completamente i danni materiali che hanno colpito l azienda?

3 E ben noto che accanto ai danni materiali e diretti, vi sono altri danni (spesso più rilevanti di quelli materiali), di tipo economico, che emergono a seguito dell incendio. Basti pensare che finché si effettua la riparazione e si riacquistano i beni perduti, l azienda deve far fronte ai costi che rimangono a suo carico, anche se inattiva: mutui, personale, affitto, leasing, quote fisse dei consumi energetici, assicurazioni, pubblicità, consulenze, manutenzione

4 CHIARIMENTO DEI TERMINI USATI Quando si parla di danni indiretti, si usano termini di tipo diverso. Ad es. nella letteratura specialistica si usa Danni da Interruzione di Esercizio (acronimo: D.I.E.) Nell uso comune, corrente, si ricorre al termine Danni Indiretti (acronimo: D.I.) perché più breve e semplice. Anche se impreciso (nel novero dei danni indiretti ricadono sia quelli immateriali che materiali), tale termine è molto significativo perchè si contrappone a DANNI DIRETTI, quindi fa meglio intuire di quale tipo di danni si stia trattando. Il danno DIRETTO è di tipo MATERIALE (riguarda la fisicità dei beni danneggiati) Il danno INDIRETTO è IMMATERIALE (riguarda gli aspetti economico-finanziari). Nel seguito si farà ricorso perciò al termine DANNI INDIRETTI

5 Come hanno risposto, nel tempo, gli assicuratori ai problemi di copertura delle aziende danneggiate? Nel periodo della rivoluzione industriale inglese si ha la prima risposta sotto forma di Indennità aggiuntiva a percentuale del DD (1797: Minerva Universal) = fatto 100 il DD, l assicuratore eroga un 10% in più a titolo di copertura del DI. Si tratta di una risposta minimale, derivante soprattutto dalla mancanza di standardizzazione delle scritture contabili (bilanci). Per avere una copertura D.I. valida occorre attendere circa 100 anni, finchè, maturata la struttura economico-finanziaria industriale, il broker scozzese Mac Lellan, propone la polizza LOSS of PROFIT (1899). Si tratta di una polizza ben strutturata, che ha dimostrato nel tempo la sua efficienza, perché è usata tuttora dal mercato assicurativo italiano e internazionale.

6 RISPOSTE ASSICURATIVE DANNI INDIRETTI Minerva Universal = Danno diretto 1899 Mac Lellan lancia la polizza Loss Of Profit (L.O.P.) dal 1899??? +10% INDENNITA AGGIUNTIVA

7 Dal 1899 però la società è cambiata, l economia ha subito grandi modifiche, le aziende si sono evolute. La polizza L.O.P. è rimasta invece ancorata agli schemi economici di fine 800, agganciata perdipiù alla terminologia economica anglosassone.

8 Fino a anni fa, quando la LOP era l unica polizza che copriva i DI, l assicuratore aveva notevoli difficoltà a presentarla al cliente: doveva usare termini quasi sconosciuti per la contabilità italiana (Profitto lordo Rapporto di Profitto Lordo Volume di affari di riferimento ) e pertanto trovava una certa diffidenza nel cliente. La situazione subì un profondo sconvolgimento con la nascita di una nuova polizza DI

9 A seguito di un grave sinistro accaduto nel 1992, ad un industria coperta con polizza LOP, il perito di parte (eminente economista), avendo rilevato varie disfunzioni in detta polizza, propose agli assicuratori di studiare una nuova forma di assicurazione DI, aggiornata e adatta al mercato italiano.

10 Ottobre 1994 In ANIA viene presentata la nuova Polizza Danni Indiretti basata sul Margine di Contribuzione (M.d.C.)

11 Quali cambiamenti importanti ha introdotto la nuova polizza MdC? 1. Uso del linguaggio economico-finanziario italiano, con l evidente vantaggio di abbattere le barriere di scarsa comprensione tra assicuratore e assicurando 2. Determinazione della somma da assicurare nella forma per differenza, secondo un criterio quasi a Primo Rischio Assoluto 3. Calcolo del danno indiretto in tempo reale Approfondiamo i punti 2 e 3

12 2. La somma da assicurare Lo scopo di una polizza DI è quello di coprire appunto i danni indiretti, che emergono a seguito ad es. di un incendio all azienda assicurata. Pertanto, la copertura dovrebbe elencare i costi fissi, che l assicurato deve sostenere anche durante il periodo di inattività (totale o parziale) e il mancato utile che si crea in assenza di vendite. Si avrebbe così: S.A.= costo 1 + costo costo n + mancato utile. Seguendo questa impostazione (nota come forma per addizione ) rimarrebbe sempre il dubbio di non aver esaurito la casistica dei possibili costi emergenti in caso di danno. Si tratta dello stesso problema che si ha nel campo dei danni materiali e diretti quando si adotta la forma a rischi elencati

13 Sempre in analogia alle polizze DD, è ben noto che la forma ottimale di copertura è dato dalla ALL RISKS, secondo cui tutti i rischi non esclusi sono coperti. Nel campo economico, l equivalente della A.R. è dato dai ricavi di vendita, che contengono tutti i costi aziendali più l utile. A detti ricavi si andranno a sottrarre i costi che l assicurato non sopporta più in caso di danno. Si ha perciò: Ricavi di Vendita - Costi Cessanti (o variabili) = SOMMA DA ASSICURARE* Così facendo si ha la certezza di aver assicurato tutti i Costi fissi + l Utile operativo *Questa maniera di calcolare la Somma Assicurata viene indicata con forma per differenza. Il risultato della suddetta sottrazione è detto, in linguaggio economico, MARGINE di CONTRIBUZIONE

14 Per realizzare in pratica il suddetto calcolo, si deve utilizzare l ultimo bilancio aziendale approvato disponibile. Dal Conto Economico di bilancio si individuano i Costi cessanti (variabili): Costi per materie prime, materiali di consumo (al 100%) Costi per servizi (consumi energetici) (al 70%) Costi del personale (allo 0%) Oneri diversi di gestione (al 30%)

15 Commentiamo questo calcolo - Le materie prime e i materiali di consumo sono certamente un costo cessante in caso di inattività: se gli impianti si fermano, non si utilizzano più dette materie prime nè i materiali di consumo. Pertanto sono costi cessanti al 100%. -Nei costi per servizi, costituiti perlopiù dai costi dei consumi energetici (luce, gas, acqua ), c è una parte che va attribuita come quota fissa ed una parte come quota variabile, legata appunto ai consumi (ad es. kwh, mc, ). E questa seconda quota (pari mediamente al 70% dell intera voce specifica di bilancio) che va sottratta dai ricavi di vendita. segue

16 - I costi del personale sono valutati come fissi, interamente, perché le aziende tengono a proprio carico detti costi del personale, anche inutilizzato in caso di fermata, per averlo pronto e disponibile non appena riparta l attività produttiva. - Gli oneri diversi di gestione (che raccolgono la molteplicità di piccoli costi, non rientranti nelle macrocategorie già viste) si ritengono variabili o cessanti al 30% dell importo che figura a bilancio.

17 Per completare il calcolo vanno considerate infine le rimanenze finali ed iniziali di magazzino. Le prime vanno equiparate ai ricavi di vendita, perché rappresentano le vendite future potenziali; le seconde vanno considerate come costo, perché sono il primo acquisto che l azienda deve effettuare all inizio dell esercizio. Tutte queste quantità figurano in uno schema, da usare appunto per la determinazione della somma assicurata, che è riportato in parte nella slide seguente e che figura completo tra gli ALLEGATI; esso costituisce parte integrante della polizza DI emittenda.

18 DETERMINAZIONE DELLA SOMMA ASSICURATA +Ricavi di vendita (*) +Rimanenze finali (**) - Rimanenze iniziali (***) - Costi per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci ( 100 % ) - Costi per servizi (ivi inclusi i consumi energetici, se non indicati altrove) ( %) - Costi per il personale ( %) - Oneri diversi di gestione ( %) - TOTALI [A] [B] MARGINE DI CONTRIBUZIONE ([A]-[B]) Somma Assicurata

19 Una volta compilata la tabella di calcolo, si arriva al risultato indicato come MARGINE di CONTRIBUZIONE Possiamo così renderci conto anche della motivazione per cui è stato scelto il termine M.d.C., per la quantità economica di cui si tratta. Essa risulta da un operazione di sottrazione (Ricavi di Vendita Costi Cessanti) e quindi si tratta di un margine ; al suo interno, il contenuto rimasto, è costituito dai Costi Fissi + l Utile mancato, quantità economiche che contribuiscono alla sopravvivenza dell azienda. Perciò giustamente tale quantità economica ha assunto il nome di MARGINE DI CONTRIBUZIONE

20 Dall esame della scheda di calcolo Determinazione della Somma Assicurata si nota che una volta calcolato il M.d.C. si trova una ulteriore riga, con la voce Somma Assicurata il chè fa pensare che la S.A. sia maggiore del M.d.C. appena calcolato. Somma ass.ta Perché S.A. > M.d.C.? MdC

21 La prima risposta, spontanea, che arriva alla mente è: La somma assicurata va maggiorata rispetto al MdC perché il MdC è stato ricavato dal bilancio dello scorso anno; per evitare eventuali riduzioni di indennizzo, derivanti dall applicazione della regola proporzionale, è bene che si aumenti detto MdC per adeguarlo allo sviluppo aziendale. Tale risposta si scontra però con l art. Regola proporzionale della polizza DI, che recita: La regola proporzionale non sarà operativa purchè la somma assicurata sia uguale o maggiore del MdC ricavato dall ultimo bilancio approvato disponibile. Quindi, secondo tale disposto, sarebbe sufficiente che S.A. = MdC (si dice infatti che la polizza DI basata sul MdC è quasi una forma a primo rischio assoluto ) Riponiamoci dunque la domanda: perché S.A. > MdC?

22 Ricordiamo che in caso di danno totale l indennizzo e al max pari alla somma assicurata in polizza. Pertanto, se la somma assicurata in polizza è uguale al M.d.C. ricavato dall ultimo bilancio, l indennizzo sarà al massimo pari al M.d.C. dell esercizio già trascorso. Quindi l assicuratore indennizza sì il danno al 100%, senza alcuna decurtazione legata alla regola proporzionale, ma fino al max costituito dalla S.A. Se questa è eguale al M.d.C. ricavato dall ultimo bilancio disponibile, tale M.d.C. costituirà il tetto dell indennizzo. Invece l azienda assicurata richiederebbe un indennizzo basato sul M.d.C. dell anno corrente, quindi superiore al M.d.C. del decorso esercizio. Ecco perché S.A. > M.d.C.

23 Quanto maggiore dovrà essere la somma assicurata in polizza rispetto al margine di contribuzione ricavato dal bilancio del decorso esercizio? In polizza, nel definire la S.A., è detto che S.A. > M.d.C. fino ad un + 20%. Di solito è sufficiente un + 5-7%, incremento che sta ad indicare il trend dei ricavi di vendita dell azienda. Nel contesto dell economia attuale, tale cifra è più che ragguardevole. Si fa presente che l incremento di M.d.C. va calibrato perché determina un incremento di S.A. e quindi di premio.

24 Sinora ci siamo occupati delle azioni che deve intraprendere l assicurato. E l assicuratore??? L art. 25 delle C.G.A. della polizza DI stabilisce una sorta di tolleranza di + 20% della S.A. Ciò significa che l indennizzo può superare del 20% la somma stessa assicurata in polizza

25 Regola del 144 Sfruttando al massimo le possibilità viste sinora, si può verificare quanto segue: MdC = 100 S.A. (incremento +20% del MdC) = 120 Art. 25 (incremento +20% della S.A.) = 144 Pertanto, partendo da un MdC pari a 100, ricavato dal bilancio dell ultimo esercizio, si può arrivare a percepire un indennizzo pari al 144% di tale MdC

26 Condizione necessaria per l operatività dell art. 25 è che ad ogni cadenza annuale, quando viene approvato il nuovo bilancio dell azienda assicurata, si provveda all Operazione Giano bifronte Infatti, dal bilancio appena approvato si ricava il valore effettivo del MdC del decorso anno e lo si confronta con la S.A. in polizza. Si effettua quindi la regolazione pro-passato che prevede un conguaglio di premio positivo o negativo a seconda che la S.A. sia inferiore o maggiore del MdC, col max del 20%. Si passa poi a calcolare la nuova somma assicurata pro futuro, basandosi sul MdC effettivo da bilancio e applicando l eventuale incremento legato al trend dell azienda assicurata.

27 SCUOLA FORMAZIONE AGENTI Primo caso Secondo caso S.A = M.d.C = L assicurato versa un conguaglio premio conteggiato su ? ? ? S.A = M.d.C = L assicuratore restituisce una parte del premio calcolato su ? ? ? E S E M P I O

28 3. IL CALCOLO DEL DANNO INDIRETTO Nel presentare le innovazioni apportate dall introduzione della polizza DI basata sul MdC, oltre al linguaggio economico-finanziario italiano e al calcolo della S.A. (per differenza), si è accennato al diverso modo di calcolare il danno, in tempo reale. Per comprenderne appieno il significato occorre vedere prima come opera la polizza LOP

29 Criteri di indennizzo della polizza LOP VA X RPL = PL dove VA = perdita del Volume d Affari (equivalente ai Ricavi di Vendita) RPL = rapporto di Profitto Lordo,PL/VA in % (calcolato dal bilancio del decorso esercizio) PL = perdita di Profitto Lordo (equivalente al MdC) Per calcolare la perdita del volume d affari, si confrontano i due andamenti del VA: in presenza di danno (VA nel periodo di indennizzo) in assenza di danno (= anno precedente); quindi VA nel periodo di riferimento, con vari aggiustamenti per tener conto della diversità tra i due anni

30 VA Volume di affari Volume di affari di riferimento realizzato in presenza del danno aggiustato Anno indenne 1 Anno danneggiato 2 T

31 Esempio di danno semplificato: fabbrica di pentole Vendita normale: 100 pentole al mese, a 10 per pentola = VA mensile: Il PL è pari a 250 ; quindi RPL è 25% Marzo 06: danno, fermata della produzione per un mese, la fabbrica perde le vendite di un mese; VA di marzo 06 = 0 Nel marzo 05 l azienda aveva venduto pentole per 900 ; il VA di marzo 05 va aggiustato tenendo conto che c è stato un incremento dell 11,10% dei prezzi di vendita; pertanto il VA di marzo 05 aggiustato è pari a 999 VA(periodo di riferimento = marzo 05, aggiustato) VA (periodo di indennizzo = marzo 06) = = 999 La perdita di PL sarà = VA x RPL = 999 x 25% = 249,75

32 In realtà, seguendo il dettato della polizza LOP, per effettuare i calcoli dell indennizzo, sarebbe necessario attendere i dati di bilancio dell anno danneggiato per passare a confrontarli coi dati dell anno indenne. Ciò significa attendere mesi per avere la chiusura dell esercizio in corso, colpito dal danno, e la successiva approvazione del suo bilancio, che viene effettuata, nella prassi italiana, nel mese di maggio dell anno susseguente.

33 Criteri di indennizzo con la polizza MdC Si considera, nel periodo di indennizzo, il M.d.C previsto cui si sottrae il M.d.C. reale MdC previsto MdC reale MdC perso Periodo di indennizzo * * Periodo di indennizzo = periodo nel quale l azienda assicurata risente dell inattività totale o parziale causata dal sinistro

34 In pratica si tratta di compilare uno schema di questo tipo Ricavi di vendita Rimanenze finali Risultati previsti ( sperati ) nel periodo di indennizzo Risultati reali nel periodo di indennizzo Rimanenze iniziali Costi per materie prime e materiali di consumo Costi del Personale Costi per Servizi ( consumi energetici) Oneri diversi di gestione Totali Margini di contribuzione A B Margine di contribuzione perso (A - B)

35 In pratica, per arrivare a determinare il MdC comunque realizzato nel periodo di indennizzo, sarà sufficiente un incontro con la contabilità dell azienda per farsi fornire i dati necessari; il cammino è un po più arduo per riuscire a identificare il MdC sperato e non realizzato per colpa del sinistro. Come calcolare tale ipotetico MdC? Ricorrendo alla miglior documentazione utile, presente in azienda: budget, previsioni, contratti in essere, ordinativi.. In definitiva, al perito assicurativo serviranno le stesse evidenze che l assicurato ha per dimostrare a sé stesso la perdita subita.

36 La polizza DI, oltre alla perdita di MdC, prevede l indennizzo delle spese supplementari (o maggiori costi) sostenute per limitare l inattività. Si tratta ad es. di affitto di macchinari ausiliari, di costi di personale straordinario, di ricorso a lavorazioni presso terzi,

37 Qual è il loro limite economico? La perdita di MdC evitata grazie al sostenimento di tali spese, usualmente concordate col perito dell assicuratore Spesso l entità di tali spese supera in % il peso della perdita di MdC 25% MdC 75% SS

38 Esame del testo di polizza Danni Indiretti basata sul MdC Art. 11 delle C.G.A.: Condizione necessaria per l operatività della D.I. è che accada un sinistro indennizzabile dalla Polizza di riferimento (di solito Incendio, ma può anche essere una Guasti Macchine, Informatica, Furto )

39 Art Le esclusioni a) Eventi catastrofali / gravosi = trattasi di esclusioni, che riguardano rischi notevoli, ma che si possono derogare, previo accordo con l assicuratore, a condizioni adeguate al rischio b) Prolungamento inattività = non rientra nel calcolo dell indennizzo il prolungamento dell inattività a causa di scioperi, miglioramenti, mancanza di autorizzazioni, deficienze finanziarie, sequestri da parte dell Autorità c) Estensioni postume = la polizza non opera per estensioni di copertura introdotte nella polizza DD di riferimento, successivamente alla stipula della polizza DI (tale limitazione ha senso qualora siano diversi l assicuratore DD e quello DI)

40 Le estensioni di copertura (condizioni particolari) Le più frequenti estensioni di garanzia sono: Fornitori (copre la perdita di MdC dovuta alla mancata fornitura di materie o prodotti, essenziali per la produzione, a seguito di un danno diretto al fornitore) Clienti (copre la perdita di MdC causata dal mancato assorbimento della produzione da parte di un cliente strategico, che ha subito un danno diretto) Inagibilità (copre il fermo dell attività produttiva imposta dall Autorità Pubblica) Interdipendenza (copre le perdite di MdC in aziende collegate a quella danneggiata, che subiscano delle conseguenze a causa del danno alla stessa).

41 Si fa notare che da qualche tempo è invalso l uso della franchigia IN CIFRA, anziché TEMPORALE, ricorrendo alla formula: FRANCHIGIA = (S.A. / GG lav. an.) x GG fr dove GG lav. an. = Giorni lavorativi annui GG fr. = Giorni di franchigia L utilità di tale formula consiste nel tener sì conto della franchigia temporale, ma di tradurla in una quantità fissa, a superamento del contenzioso che un tempo si innescava nel determinare il momento da cui detta franchigia temporale aveva effetto

42 L ASSICURAZIONE DANNI DA INTERRUZIONE DI ESERCIZIO FINE Giorgio Pennazzato marzo 2010

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Tech in One Macchine e installazioni tecniche. L assicurazione degli oggetti tecnici può essere così semplice

Tech in One Macchine e installazioni tecniche. L assicurazione degli oggetti tecnici può essere così semplice Tech in One Macchine e installazioni tecniche L assicurazione degli oggetti tecnici può essere così semplice Assicurare le macchine e le installazioni tecniche Tech in One, l assicurazione semplice Perché

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

GESTIONE CENTRI DI COSTO

GESTIONE CENTRI DI COSTO GESTIONE CENTRI DI COSTO Basta attribuire un conto economico ad un solo centro di costo fisso, oppure ad un centro di costo generico che, a sua volta, ridistribuisce a percentuale fissa su altri centri

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli