DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 (Come modificato dal D.Lgs. 106/09) Nuraxinieddu - Oristano Provincia OR.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 (Come modificato dal D.Lgs. 106/09) Nuraxinieddu - Oristano Provincia OR."

Transcript

1 Azienda Ubicazione Azienda COMUNE DI Nuraxinieddu - Oristano Provincia OR Datore di Lavoro Prof. Demuro Gian Domenico Resp. Servizio Prevenzione e Protezione Prof. Raffaele Vigilante Medico Competente Dott.ssa Cuccu Luisa Rappresentante Lavoratori Sicurezza Sig. Giorgino Soi Tavola n Revisione n 1 Data 11/0/01 Elaborato DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs. 9 aprile 008 n 81 (Come modificato dal D.Lgs. 106/09)

2 DVR PREMESSA Il presente documento deve essere considerato una revisione del Documento di Valutazione del rischio già redatto in data 0/04/010

3 DVR Sezione 1 ANAGRAFICA AZIENDA DATI GENERALI DELL AZIENDA Anagrafica Azienda Ragione Sociale Natura Giuridica Attività Codice ISTAT Data Inizio Attività Partita IVA Codice Fiscale Enti pubblici non economici Formazione P 01/01/ Sede Legale Comune Nuraxinieddu - Oristano Provincia OR Indirizzo Località Palloni - Nuraxinieddu Sede Operativa Comune Oristano Provincia OR Indirizzo Località Palloni - Nuraxinieddu Rappresentante Legale Rappresentante Legale Data di Nomina Indirizzo Città CAP Provincia Demuro Gian Domenico 01/09/01 Pardu Nou Pod. n. 68/E Solarussa OR Figure e Responsabili Datore di Lavoro RSPP Medico Competente RLS Prof. Demuro Gian Domenico Prof. Raffaele Vigilante Dott.ssa Cuccu Luisa Sig. Giorgino Soi Iscrizioni Num. Iscrizione REA Ex Registro Ditte Data Iscrizione REA Num. Iscrizione Albo Artigiani AIA Data Iscrizione AIA Num. Iscrizione Registro Esercenti CommercioREC Data Iscrizione REC Comune ISTAT Camera Commercio CCIAA di Oristano

4 DVR DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA AZIENDALI Istituto Professionale di Stato per l'agricoltura e l'ambiente e per i Servizi della Ristorazione "Don Deodato Meloni" Località Palloni - Nuraxinieddu Sezione RELAZIONE INTRODUTTIVA OBIETTIVI E SCOPI Il presente documento, redatto ai sensi del D. Lgs. 9 aprile 008, n. 81, ha lo scopo di effettuare la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza. CONTENUTI Ai sensi dell art. 8 del D.Lgs. n. 81/08, il presente documento, redatto a conclusione della valutazione, contiene: una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l attività lavorativa, nella quale sono stati specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; l indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione di cui all articolo 17, comma 1, lettera a); il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; l individuazione delle procedure per l attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; l indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio; l individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento. Il contenuto del documento rispetta le indicazioni previste dalle specifiche norme sulla valutazione dei rischi contenute nel D.Lgs. 81/08. In armonia con quanto definito dalle linee guida di provenienza comunitaria, con la Circolare del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale n. 10 del , con le linee guida emesse dall ISPESL, con le linee guida emesse dal Coordinamento delle Regioni e Province Autonome si è proceduto a: Individuare i lavoratori così come definiti all art., comma 1, lettera a) del D. Lgs. 81/08. Individuare le singole fasi lavorative a cui ciascun lavoratore può essere addetto Individuare i rischi a cui sono soggetti i lavoratori in funzione delle fasi lavorative a cui possono essere addetti. Individuare ed analizzare le metodologie operative ed i dispositivi di sicurezza già predisposti. Analizzare e valutare i rischi a cui è esposto ogni singolo lavoratore. Ricercare le metodologie operative, gli accorgimenti tecnici, le procedure di sistema che, una volta attuate, porterebbero ad ottenere un grado di sicurezza accettabile. 4

5 DVR Analizzare e valutare i rischi residui comunque presenti anche dopo l attuazione di quanto previsto per il raggiungimento di un grado di sicurezza accettabile. Identificare eventuali D.P.I. necessari a garantire un grado di sicurezza accettabile. Il presente documento non è quindi stato predisposto solamente per ottemperare alle disposizioni di cui al D. Lgs. 81/08 ma anche per essere lo strumento principale per procedere alla individuazione delle procedure aziendali atte a mantenere nel tempo un grado di sicurezza accettabile. Si procederà alla rielaborazione del documento in caso di variazioni nell organizzazione aziendale ed ogni qualvolta l implementazione del sistema di sicurezza aziendale, finalizzato ad un miglioramento continuo del grado di sicurezza, la faccia ritenere necessaria. Per la redazione del documento si è proceduto alla individuazione delle ATTIVITA LAVORATIVE presenti nell Unità Produttiva (intese come attività che non presuppongano una autonomia gestionale ma che sono finalizzate a fornire un servizio completo e ben individuabile nell ambito della produzione). All interno di ogni attività lavorativa sono state individuate le singole FASI a cui sono associate: Macchine ed attrezzature impiegate Sostanze e preparati chimici impiegati Addetti D.P.I. Ad ogni singola fase sono stati attribuiti i rischi: derivanti dalla presenza dell operatore nell ambiente di lavoro indotti sul lavoratore dall ambiente esterno conseguenti all uso di macchine ed attrezzature connessi con l utilizzo di sostanze, preparati o materiali pericolosi per la salute. DEFINIZIONI RICORRENTI Pericolo: proprietà o qualità intrinseca di un determinato fattore avente il potenziale di causare danni; Rischio: probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di impiego o di esposizione ad un determinato fattore o agente oppure alla loro combinazione; Il rischio (R) è funzione della magnitudo (M) del danno provocato e della probabilità (P) o frequenza del verificarsi del danno. Valutazione dei rischi: valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza; Lavoratore: persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un attività lavorativa nell ambito dell organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un arte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari. Al lavoratore così definito è equiparato: il socio lavoratore di cooperativa o di società, anche di fatto, che presta la sua attività per conto delle società e dell ente stesso; l associato in partecipazione di cui all articolo 549, e seguenti del codice civile; il soggetto beneficiario delle iniziative di tirocini formativi e di orientamento di cui all articolo 18 della legge 4 giugno 1997, n. 196, e di cui a specifiche disposizioni delle leggi regionali promosse al fine di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro o di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro; l allievo degli istituti di istruzione ed universitari e il partecipante ai corsi di formazione professionale nei quali si faccia uso di laboratori, attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici, ivi comprese le apparecchiature fornite di videoterminali limitatamente ai periodi in cui l allievo sia effettivamente applicato alla strumentazioni o ai laboratori in questione; i volontari del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e della protezione civile; il lavoratore di cui al decreto legislativo 1 dicembre 1997, n. 468, e successive modificazioni; 5

6 DVR Datore di lavoro: il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l assetto dell organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell organizzazione stessa o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa. Nelle pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma, del decreto legislativo 0 marzo 001, n. 165, per datore di lavoro si intende il dirigente al quale spettano i poteri di gestione, ovvero il funzionario non avente qualifica dirigenziale, nei soli casi in cui quest ultimo sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale, individuato dall organo di vertice delle singole amministrazioni tenendo conto dell ubicazione e dell ambito funzionale degli uffici nei quali viene svolta l attività, e dotato di autonomi poteri decisionali e di spesa. In caso di omessa individuazione, o di individuazione non conforme ai criteri sopra indicati, il datore di lavoro coincide con l organo di vertice medesimo; Azienda: il complesso della struttura organizzata dal datore di lavoro pubblico o privato ; Unità produttiva: stabilimento o struttura finalizzati alla produzione di beni o all erogazione di servizi, dotati di autonomia finanziaria e tecnico funzionale ; Dirigente: persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell incarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando l attività lavorativa e vigilando su di essa; Preposto: persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa; Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione : persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali di cui all articolo designata dal datore di lavoro, a cui risponde, per coordinare il servizio di prevenzione e protezione dai rischi; Servizio di prevenzione e protezione dei rischi insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all azienda finalizzati all attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori; Addetto al servizio di prevenzione e protezione : persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali di cui all articolo, facente parte del servizio di prevenzione e protezione dei rischi Medico competente: medico in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali di cui all articolo 8, che collabora, secondo quanto previsto all articolo 9, comma 1, con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei rischi ed è nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti di cui al presente decreto; Requisiti formativi e professionali del medico competente (art. 8) Per svolgere le funzioni di medico competente è necessario possedere uno dei seguenti titoli o requisiti: a) specializzazione in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica; b) docenza in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o in igiene industriale o in fisiologia e igiene del lavoro o in clinica del lavoro; c) autorizzazione di cui all articolo 55 del decreto legislativo 15 agosto 1991, n. 77; d) specializzazione in igiene e medicina preventiva o in medicina legale. I medici in possesso dei titoli di cui al comma 1, lettera d), sono tenuti a frequentare appositi percorsi formativi universitari da definire con apposito decreto del Ministero dell Università e della ricerca scientifica di concerto con il Ministero della salute. I soggetti di cui al precedente periodo i quali, alla data di entrata in vigore del presente decreto, svolgano le attività di medico competente o dimostrino di avere svolto tali attività per almeno un anno nell arco dei tre anni anteriori all entrata in vigore del presente decreto legislativo, sono abilitati a svolgere le medesime funzioni. A tal fine sono tenuti a produrre alla Regione attestazione del datore di lavoro comprovante l espletamento di tale attività. Per lo svolgimento delle funzioni di medico competente è altresì necessario partecipare al programma di educazione continua in medicina ai sensi del decreto legislativo 19 giugno 1999, n. 9, e successive modificazioni e integrazioni, a partire dal programma triennale successivo all entrata in vigore del presente decreto legislativo. I crediti previsti dal programma triennale dovranno essere conseguiti nella misura non inferiore al 70 per cento del totale nella disciplina "medicina del lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro". I medici in possesso dei titoli e dei requisiti di cui al presente articolo sono iscritti nell elenco dei medici competenti istituito presso il Ministero della salute. 6

7 DVR Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza: persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro; Sorveglianza sanitaria: insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e alle modalità di svolgimento dell attività lavorativa; Salute : stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non consistente solo in un assenza di malattia o d infermità; Sistema di promozione della salute e sicurezza : complesso dei soggetti istituzionali che concorrono, con la partecipazione delle parti sociali, alla realizzazione dei programmi di intervento finalizzati a migliorare le condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori; Prevenzione il complesso delle disposizioni o misure necessarie anche secondo la particolarità del lavoro, l esperienza e la tecnica, per evitare o diminuire i rischi professionali nel rispetto della salute della popolazione e dell integrità dell ambiente esterno; Agente L agente chimico, fisico o biologico, presente durante il lavoro e potenzialmente dannoso per la salute. Norma tecnica: specifica tecnica, approvata e pubblicata da un organizzazione internazionale, da un organismo europeo o da un organismo nazionale di normalizzazione, la cui osservanza non sia obbligatoria; Buone prassi: soluzioni organizzative o procedurali coerenti con la normativa vigente e con le norme di buona tecnica, adottate volontariamente e finalizzate a promuovere la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro attraverso la riduzione dei rischi e il miglioramento delle condizioni di lavoro, elaborate e raccolte dalle regioni, dall Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro (ISPESL), dall Istituto nazionale per l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL) e dagli organismi paritetici di cui all articolo 51, validate dalla Commissione consultiva permanente di cui all articolo 6, previa istruttoria tecnica dell ISPESL, che provvede a assicurarne la più ampia diffusione; Linee Guida: atti di indirizzo e coordinamento per l applicazione della normativa in materia di salute e sicurezza predisposti dai ministeri, dalle regioni, dall ISPESL e dall INAIL e approvati in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano; Formazione: processo educativo attraverso il quale trasferire ai lavoratori ed agli altri soggetti del sistema di prevenzione e protezione aziendale conoscenze e procedure utili alla acquisizione di competenze per lo svolgimento in sicurezza dei rispettivi compiti in azienda e alla identificazione, alla riduzione e alla gestione dei rischi; Informazione: complesso delle attività dirette a fornire conoscenze utili alla identificazione, alla riduzione e alla gestione dei rischi in ambiente di lavoro; Addestramento: complesso delle attività dirette a fare apprendere ai lavoratori l uso corretto di attrezzature, macchine, impianti, sostanze, dispositivi, anche di protezione individuale, e le procedure di lavoro; Modello di organizzazione e di gestione: modello organizzativo e gestionale per la definizione e l attuazione di una politica aziendale per la salute e sicurezza, ai sensi dell articolo 6, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 8 giugno 001, n. 1, idoneo a prevenire i reati di cui agli articoli 589 e 590, terzo comma, del codice penale, commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela della salute sul lavoro; Organismi paritetici: organismi costituiti a iniziativa di una o più associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, quali sedi privilegiate per: la programmazione di attività formative e l elaborazione e la raccolta di buone prassi a fini prevenzionistici; lo sviluppo di azioni inerenti alla salute e alla sicurezza sul lavoro; la l assistenza alle imprese finalizzata all attuazione degli adempimenti in materia; ogni altra attività o funzione assegnata loro dalla legge o dai contratti collettivi di riferimento; Responsabilità sociale delle Imprese: integrazione volontaria delle preoccupazioni sociali ed ecologiche delle aziende e organizzazioni nelle loro attività commerciali e nei loro rapporti con le parti interessate. 7

8 DVR Libretto formativo del cittadino: libretto personale del lavoratore definito, ai sensi dell'accordo Stato-regioni del 18 febbraio 000, di concerto tra il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, previa intesa con la Conferenza unificata Stato-regioni e sentite le parti sociali, in cui vengono registrate le competenze acquisite durante la formazione in apprendistato, la formazione in contratto di inserimento, la formazione specialistica e la formazione continua svolta durante l'arco della vita lavorativa ed effettuata da soggetti accreditati dalle regioni, nonche' le competenze acquisite in modo non formale e informale secondo gli indirizzi della Unione europea in materia di apprendimento permanente, purche' riconosciute e certificate; 8

9 DVR OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO E DEL DIRIGENTE Il datore di lavoro, oltre alla valutazione di tutti i rischi con la conseguente adozione dei documenti previsti dall articolo 8 del D.Lgs. 81/08 e alla designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi, ha provveduto a nominare il medico competente per l effettuazione della sorveglianza sanitaria designare preventivamente i lavoratori incaricati dell attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell emergenza; affidare i compiti ai lavoratori tenendo conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza; fornire ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale, sentito il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, ove presente; prendere le misure appropriate affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni e specifico addestramento accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; richiedere l osservanza da parte dei singoli lavoratori delle norme vigenti, nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e di igiene del lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuali messi a loro disposizione; inviare i lavoratori alla visita medica entro le scadenze previste dal programma di sorveglianza sanitaria e richiedere al medico competente l osservanza degli obblighi previsti a suo carico nel presente decreto; nei casi di sorveglianza sanitaria di cui all articolo 41, comunicare tempestivamente al medico competente la cessazione del rapporto di lavoro; adottare le misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato ed inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa; informare il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione; adempiere agli obblighi di informazione, formazione e addestramento di cui agli articoli 6 e 7 del D.Lgs. 81/08.; astenersi, salvo eccezione debitamente motivata da esigenze di tutela della salute e sicurezza, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave e immediato; consentire ai lavoratori di verificare, mediante il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, l applicazione delle misure di sicurezza e di protezione della salute; consegnare tempestivamente al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, su richiesta di questi e per l'espletamento della sua funzione, copia del documento di cui all'articolo 17, comma 1, lettera a), anche su supporto informatico come previsto dall'articolo 5, comma 5, nonché consentire al medesimo rappresentante di accedere ai dati di cui alla lettera r); il documento è consultato esclusivamente in azienda; elaborare il documento di cui all articolo 6, comma, anche su supporto informatico come previsto dall articolo 5, comma 5, e, su richiesta di questi e per l espletamento della sua funzione, consegnarne tempestivamente copia ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza. Il documento è consultato esclusivamente in azienda. prendere appropriati provvedimenti per evitare che le misure tecniche adottate possano causare rischi per la salute della popolazione o deteriorare l'ambiente esterno verificando periodicamente la perdurante assenza di rischio; comunicare in via telematica all INAIL e all IPSEMA, nonché per loro tramite, al sistema informativo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro di cui all articolo 8, entro 48 ore dalla ricezione del certificato medico, a fini statistici e informativi, i dati e le informazioni relativi agli infortuni sul lavoro che comportino l assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell evento e, a fini assicurativi, quelli relativi agli infortuni sul lavoro che comportino un assenza dal lavoro superiore a tre giorni; l obbligo di comunicazione degli infortuni sul lavoro che comportino un assenza dal lavoro superiore a tre giorni si considera comunque assolto per mezzo della denuncia di cui all articolo 5 del testo unico delle disposizioni per l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 0 giugno 1965, n. 114; (L obbligo relativo alla comunicazione a fini statistici dei dati relativi agli infortuni che comportano l assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell evento, decorre dalla scadenza del termine di sei mesi dall adozione del decreto interministeriale di cui all articolo 8, comma 4) consultare il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza nelle ipotesi di cui all articolo 50; adottare le misure necessarie ai fini della prevenzione incendi e dell evacuazione dei luoghi di lavoro, nonché per il caso di pericolo grave e immediato, secondo le disposizioni di cui all articolo 4 del D.Lgs. 81/08. Tali misure risultano adeguate alla natura dell attività, alle dimensioni dell azienda o dell unità 9

10 DVR produttiva, e al numero delle persone presenti; nell ambito dello svolgimento di attività in regime di appalto e di subappalto, munire i lavoratori di apposita tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l indicazione del datore di lavoro; nelle unità produttive con più di 15 lavoratori, convocare la riunione periodica di cui all articolo 5; aggiornare le misure di prevenzione in relazione ai mutamenti organizzativi e produttivi che hanno rilevanza ai fini della salute e sicurezza del lavoro, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica della prevenzione e della protezione; Il datore di lavoro, inoltre, provvederà a: comunicare in via telematica all INAIL e all IPSEMA, nonché per loro tramite, al sistema informativo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro di cui all articolo 8, in caso di nuova elezione o designazione, i nominativi dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; in fase di prima applicazione l obbligo di cui alla presente lettera riguarda i nominativi dei rappresentanti dei lavoratori già eletti o designati; vigilare affinché i lavoratori per i quali vige l obbligo di sorveglianza sanitaria non siano adibiti alla mansione lavorativa specifica senza il prescritto giudizio di idoneità. fornire al servizio di prevenzione e protezione ed al medico competente informazioni in merito a: o o o o o la natura dei rischi; l organizzazione del lavoro, la programmazione e l attuazione delle misure preventive e protettive; la descrizione degli impianti e dei processi produttivi; i dati di cui al comma 1, lettera q), e quelli relativi alle malattie professionali; i provvedimenti adottati dagli organi di vigilanza. Il datore di lavoro e i dirigenti sono tenuti altresì a vigilare in ordine all adempimento degli obblighi di cui agli articoli 19, 0,,, 4 e 5, ferma restando l esclusiva responsabilità dei soggetti obbligati ai sensi dei medesimi articoli qualora la mancata attuazione dei predetti obblighi sia addebitabile unicamente agli stessi e non sia riscontrabile un difetto di vigilanza del datore di lavoro e dei dirigenti. INFORMAZIONE FORMAZIONE - ADDESTRAMENTO Il datore di lavoro provvede periodicamente affinché ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione: o o o o sui rischi per la salute e sicurezza sul lavoro connessi alla attività della impresa in generale; sulle procedure che riguardano il primo soccorso, la lotta antincendio, l evacuazione dei luoghi di lavoro; sui nominativi dei lavoratori incaricati di applicare le misure di cui agli articoli 45 e 46; sui nominativi del responsabile e degli addetti del servizio di prevenzione e protezione, e del medico competente. Il datore di lavoro provvede altresì affinché ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione: o o o sui rischi specifici cui è esposto in relazione all attività svolta, le normative di sicurezza e le disposizioni aziendali in materia; sui pericoli connessi all uso delle sostanze e dei preparati pericolosi sulla base delle schede dei dati di sicurezza previste dalla normativa vigente e dalle norme di buona tecnica; sulle misure e le attività di protezione e prevenzione adottate. Il contenuto della informazione risulta facilmente comprensibile per i lavoratori e consente loro di acquisire le relative conoscenze. Ove la informazione dovesse riguardare lavoratori immigrati, essa avverrà previa verifica della comprensione della lingua utilizzata nel percorso informativo. Il datore di lavoro assicura che ciascun lavoratore riceva periodicamente una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza, anche rispetto alle conoscenze linguistiche, con particolare riferimento a: 10

11 DVR o o concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti e doveri dei vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, controllo, assistenza; rischi riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell azienda. Il datore di lavoro assicura, altresì, che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata in merito ai rischi specifici di cui ai titoli del D.Lgs. 81/08 successivi al I. La formazione e, ove previsto, l addestramento specifico avverranno in occasione: o o o della costituzione del rapporto di lavoro o dell inizio dell utilizzazione qualora si tratti di somministrazione di lavoro; del trasferimento o cambiamento di mansioni; della introduzione di nuove attrezzature di lavoro o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati pericolosi. L addestramento verrà effettuato da persona esperta e sul luogo di lavoro. La formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti verrà periodicamente ripetuta in relazione all evoluzione dei rischi o all insorgenza di nuovi rischi. OBBLIGHI DEI PREPOSTI In riferimento alle attività indicate all articolo del D.Lgs. 81/08, i preposti, secondo le loro attribuzioni e competenze, dovranno: a) sovrintendere e vigilare sulla osservanza da parte dei singoli lavoratori dei loro obblighi di legge, nonché delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione e, in caso di persistenza della inosservanza, informare i loro superiori diretti; b) verificare affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; c) richiedere l osservanza delle misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa; d) informare il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione; e) astenersi, salvo eccezioni debitamente motivate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave ed immediato; f) segnalare tempestivamente al datore di lavoro o al dirigente sia le deficienze dei mezzi e delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale, sia ogni altra condizione di pericolo che si verifichi durante il lavoro, delle quali venga a conoscenza sulla base della formazione ricevuta; g) frequentare appositi corsi di formazione secondo quanto previsto dall articolo 7 del D.Lgs. 81/08. OBBLIGHI DEI LAVORATORI Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui ricadono gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione, alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro. I lavoratori dovranno in particolare: 11

12 DVR a) contribuire, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti, all adempimento degli obblighi previsti a tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro; b) osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti e dai preposti, ai fini della protezione collettiva ed individuale; c) utilizzare correttamente le attrezzature di lavoro, le sostanze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto e, nonché i dispositivi di sicurezza; d) utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione; e) segnalare immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dei dispositivi di cui alle lettere c) e d), nonché qualsiasi eventuale condizione di pericolo di cui vengano a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell ambito delle proprie competenze e possibilità e fatto salvo l obbligo di cui alla successiva lettera f) per eliminare o ridurre le situazioni di pericolo grave e incombente, dandone notizia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza; f) non rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo; g) non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di loro competenza ovvero che possono compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori; h) partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro; i) sottoporsi ai controlli sanitari previsti dal presente decreto legislativo o comunque disposti dal medico competente. Nel caso di svolgimento di attività in regime di appalto o subappalto, devono esporre apposita tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l indicazione del datore di lavoro. Tale obbligo grava anche in capo ai lavoratori autonomi che esercitano direttamente la propria attività nel medesimo luogo di lavoro, i quali sono tenuti a provvedervi per proprio conto. OBBLIGHI DEL MEDICO COMPETENTE Il medico competente, come prescritto dall art. 5 del D.Lgs. 81/08 dovrà: collaborare con il datore di lavoro e con il servizio di prevenzione e protezione alla valutazione dei rischi, (arresto fino a tre mesi o ammenda da 400 a euro) anche ai fini della programmazione, ove necessario, della sorveglianza sanitaria, alla predisposizione della attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori, all attività di formazione e informazione nei confronti dei lavoratori, per la parte di competenza, e alla organizzazione del servizio di primo soccorso considerando i particolari tipi di lavorazione ed esposizione e le peculiari modalità organizzative del lavoro. Collabora inoltre alla attuazione e valorizzazione di programmi volontari di promozione della salute, secondo i principi della responsabilità sociale; programmare ed effettuare la sorveglianza sanitaria di cui all articolo 41 attraverso protocolli sanitari definiti in funzione dei rischi specifici e tenendo in considerazione gli indirizzi scientifici più avanzati; istituire, aggiornare e custodire, sotto la propria responsabilità, una cartella sanitaria e di rischio per ogni lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria. Tale cartella è conservata con salvaguardia del segreto professionale e, salvo il tempo strettamente necessario per l esecuzione della sorveglianza sanitaria e la trascrizione dei relativi risultati, presso il luogo di custodia concordato al momento della nomina del medico competente; consegnare al datore di lavoro, alla cessazione dell incarico, la documentazione sanitaria in suo possesso, nel rispetto delle disposizioni di cui al decreto legislativo del 0 giugno 00 n.196, e con salvaguardia del segreto professionale; consegnare al lavoratore, alla cessazione del rapporto di lavoro, copia della cartella sanitaria e di rischio, e gli fornisce le informazioni necessarie relative alla conservazione della medesima; l originale della 1

13 DVR cartella sanitaria e di rischio va conservata, nel rispetto di quanto disposto dal decreto legislativo 0 giugno 00, n. 196, da parte del datore di lavoro, per almeno dieci anni, salvo il diverso termine previsto da altre disposizioni del presente decreto; fornire informazioni ai lavoratori sul significato della sorveglianza sanitaria cui sono sottoposti e, nel caso di esposizione ad agenti con effetti a lungo termine, sulla necessità di sottoporsi ad accertamenti sanitari anche dopo la cessazione della attività che comporta l esposizione a tali agenti. Fornisce altresì, a richiesta, informazioni analoghe ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; informare ogni lavoratore interessato dei risultati della sorveglianza sanitaria di cui all articolo 41 e, a richiesta dello stesso, gli rilascia copia della documentazione sanitaria; comunicare per iscritto, in occasione delle riunioni di cui all articolo 5, al datore di lavoro, al responsabile del servizio di prevenzione protezione dai rischi, ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, i risultati anonimi collettivi della sorveglianza sanitaria effettuata e fornisce indicazioni sul significato di detti risultati ai fini della attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori; visitare gli ambienti di lavoro almeno una volta all anno o a cadenza diversa che stabilisce in base alla valutazione dei rischi; la indicazione di una periodicità diversa dall annuale deve essere comunicata al datore di lavoro ai fini della sua annotazione nel documento di valutazione dei rischi; partecipare alla programmazione del controllo dell esposizione dei lavoratori i cui risultati gli sono forniti con tempestività ai fini della valutazione del rischio e della sorveglianza sanitaria; comunicare, mediante autocertificazione, il possesso dei titoli e requisiti di cui all articolo 8 al Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali entro il termine di sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto. ALCOL DIPENDENZA In caso di svolgimento di attività lavorative che comportano un elevato rischio di infortuni sul lavoro ovvero per la sicurezza, l incolumità e la salute dei terzi (riportate nel documento di INTESA DELLA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO del 16/0/006) verranno eseguiti gli opportuni accertamenti sanitari per verificare l assenza di condizioni di alcol dipendenza nei lavoratori addetti. TOSSICODIPENDENZA Per le attività lavorative che comportano particolari rischi per la sicurezza, l incolumità o la salute dei terzi (riportate nel Provvedimento Conferenza Permanente Stato-Regioni del 0/10/007) verranno eseguiti gli opportuni accertamenti sanitari per verificare l assenza di condizioni di tossicodipendenza nei lavoratori addetti. 1

14 DVR SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il Datore di Lavoro ha ottemperato a quanto disposto dall art. 1 del D. Lgs. 81/08 per la costituzione del Servizio di Prevenzione e Protezione. Le modalità seguite dal datore di lavoro per l organizzazione e la composizione del servizio sono le seguenti: Affidamento dell incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione a: Prof. Raffaele Vigilante Il suddetto, accettato l incarico, ha collaborato con il datore di lavoro ed il medico competente, alla redazione del presente documento di valutazione dei rischi. Il datore di lavoro ha fornito al servizio di prevenzione e protezione ed al medico competente informazioni in merito a: a) la natura dei rischi; b) l organizzazione del lavoro, la programmazione e l attuazione delle misure preventive e protettive; c) la descrizione degli impianti e dei processi produttivi; d) i dati di cui al comma 1, lettera r del D.Lgs. 81/08 e quelli relativi alle malattie professionali; e) eventuali provvedimenti adottati dagli organi di vigilanza. ELENCO COMPLETO DELLE FIGURE RESPONSABILI Qui di seguito viene riportato l elenco completo di tutte le persone, interne o esterne, con compiti di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori, con la indicazione dei rispettivi ruoli. Funzione Datore di Lavoro Responsabile Protezione Servizio Prevenzione e Medico Competente Rappresentante Sicurezza dei Lavoratori per la Generalità Prof. Demuro Giandomenico Prof. Raffaele Vigilante Dott.ssa Cuccu Luisa Indirizzo Città Via Silvio Pellico 10 Oristano Via Sa Pippia de Maiu 8/A Oristano Via Calamandrei 7 Samugheo Sig. Giorgino Soi Località Palloni Oristano Nucleo Gestione Emergenza Ai sensi dell Art. 18, comma 1, lett. b, il Datore di Lavoro ha individuato e nominato i seguenti lavoratori come incaricati della gestione delle Emergenze: COGNOME CAMEDDA COSSU GARAU MANCA MELONI PERRA PULIGA PULIGA SABA SARDARA SCINTU SCINTU SCOTTO DI MINICO SOI NOME ASSUNTINA STEFANIA GIULIANA ANTONELLO GIUSEPPINA SEBASTIANO MARIA CATERINA ISA TERESA LUCIANA ANTONIO ANTONIO LAURA GIORGINO CORSO ANTINCENDIO MODULO A D. LGS. 81 ANTINCENDIO ANTINCENDIO ANTINCENDIO MODULI A E B D. LGS. 81 ANTINCENDIO ANTINCENDIO ANTINCENDIO ANTINCENDIO ANTINCENDIO MODULI A E B D. LGS. 81 ANTINCENDIO MODULI A E B D. LGS 81 FREQ. SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI DATA 0/0/009 /1/009 /1/009 /1/009 14

15 DVR TOCCO ZANCUDI ADALGISA MARINA MARIA IMMACOLATA ANTINCENDIO ANTINCENDIO SI SI Nucleo Primo Soccorso Ai sensi dell Art. 18, comma 1, lett. b, il Datore di Lavoro ha individuato e nominato i seguenti lavoratori come incaricati del Primo Soccorso: COGNOME MURTAS NOME ANNA RITA 15

16 DVR Sezione CRITERI DI VALUTAZIONE DEI RISCHII CONSIDERAZIONI GENERALI La Valutazione dei Rischi di cui all articolo 17, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/08, anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro, ha riguardato tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli relativi a gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8 ottobre 004, e quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, secondo quanto previsto dal decreto legislativo 6 marzo 001, n. 151, nonché quelli connessi alle differenze di genere, all età, alla provenienza da altri Paesi e quelli connessi alla specifica tipologia contrattuale attraverso cui viene resa la prestazione di lavoro. La Valutazione dei Rischi cui sono esposti i lavoratori ha richiesto un attenta analisi delle situazione specifiche nelle quali gli addetti alle varie postazioni di lavoro vengono a trovarsi durante l espletamento delle proprie mansioni. La Valutazione dei RISCHI è: correlata con le scelte fatte per le attrezzature, per le sostanze, per la sistemazione dei luoghi di lavoro; finalizzata all individuazione e all attuazione di idonee misure e provvedimenti da attuare. Pertanto la Valutazione dei Rischi è legata sia al tipo di fase lavorativa svolta nell unità produttiva, sia a situazioni determinate da sistemi quali ambiente di lavoro, strutture ed impianti utilizzati, materiali e prodotti coinvolti nei processi. Gli orientamenti considerati sono basati sui seguenti aspetti: osservazione dell ambiente di lavoro (requisiti dei locali di lavoro, vie di accesso, sicurezza delle attrezzature, microclima, illuminazione, rumore, agenti fisici e nocivi); identificazione dei compiti eseguiti sul posto di lavoro (per individuare i pericoli derivanti dalle singole mansioni); osservazione delle modalità di esecuzione del lavoro (in modo da controllare il rispetto delle procedure e se queste comportano ulteriori pericoli); esame dell ambiente per rilevare i fattori esterni che possono avere effetti negativi sul posto di lavoro (microclima, aerazione); esame dell organizzazione del lavoro; rassegna dei fattori psicologici, sociali e fisici che possono contribuire a creare stress sul lavoro e studio del modo in cui essi interagiscono fra di loro e con altri fattori nell organizzazione e nell ambiente di lavoro. Le osservazioni compiute vengono confrontate con criteri stabiliti per garantire la sicurezza e la salute, soprattutto in base a: 1. norme legali nazionali ed internazionali;. norme di buona tecnica;. norme e orientamenti pubblicati; La valutazione dei rischi verrà immediatamente rielaborata in occasione di modifiche del processo produttivo o della organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione o della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. A seguito di tale rielaborazione, le misure di prevenzione verranno aggiornate. METODOLOGIA E CRITERI ADOTTATI L analisi valutativa effettuata può essere, nel complesso, suddivisa nelle seguenti due fasi principali: A) Individuazione di tutti i possibili PERICOLI per ogni lavoro esaminato 16

17 DVR B) Valutazione dei RISCHI relativi ad ogni pericolo individuato nella fase precedente Nella fase A il lavoro svolto è stato suddiviso, ove possibile, in singole fasi (evitando eccessive frammentazioni) e sono stati individuati i possibili pericoli osservando il lavoratore nello svolgimento delle proprie mansioni. Nella fase B, per ogni pericolo accertato, si è proceduto a: 1) individuazione delle possibili conseguenze, considerando ciò che potrebbe ragionevolmente accadere, e scelta di quella più appropriata tra le quattro seguenti possibili MAGNITUDO del danno e precisamente MAGNITUDO (M) VALORE LIEVE 1 MODESTA GRAVE GRAVISSIMA 4 DEFINIZIONE Infortunio o episodio di esposizione acuta o cronica rapidamente reversibile che non richiede alcun trattamento Infortunio o episodio di esposizione acuta o cronica con inabilità reversibile e che può richiedere un trattamento di primo soccorso Infortunio o episodio di esposizione acuta o cronica con effetti irreversibili o di invalidità parziale e che richiede trattamenti medici Infortunio o episodio di esposizione acuta o cronica con effetti letali o di invalidità totale ) valutazione della PROBABILITA della conseguenza individuata nella precedente fase A, scegliendo quella più attinente tra le seguenti quattro possibili: PROBABILITA (P) VALORE IMPROBABILE 1 POSSIBILE PROBABILE M.PROBABILE 4 DEFINIZIONE L evento potrebbe in teoria accadere, ma probabilmente non accadrà mai. Non si ha notizia di infortuni in circostanze simili. L evento potrebbe accadere, ma solo in rare circostanze ed in concomitanza con altre condizioni sfavorevoli L evento potrebbe effettivamente accadere, anche se non automaticamente. Statisticamente si sono verificati infortuni in analoghe circostanze di lavoro. L evento si verifica nella maggior parte dei casi, e si sono verificati infortuni in azienda o in aziende similari per analoghe condizioni di lavoro. ) valutazione finale dell entità del RISCHIO in base alla combinazione dei due precedenti fattori e mediante l utilizzo della seguente MATRICE di valutazione, ottenuta a partire dalle curve Iso-Rischio. 17

18 DVR MATRICE DI VALUTAZIONE 4 MAGNITUDO GRAVISSIMA GRAVE MODESTA LIEVE (4) (8) (1) (16) (6) 4 4 (9) (1) 1 () (4) (6) (8) 1 1 (1) () () (4) M.PROBABILE 1 PROBABILE IMPROBABILE POSSIBILE PROBABILITA 0 () 4 Dalla combinazione dei due fattori precedenti (PROBABILITA e MAGNITUDO) viene ricavata, come indicato nella Matrice di valutazione sopra riportata, l Entità del RISCHIO, con la seguente gradualità: DxP < DxP 4 4 < DxP 8 8 < DxP 16 M. ALTO AZIONI DA INTRAPRENDERE IN FUNZIONE DEL RISCHIO In funzione dell entità del RISCHIO, valutato mediante l utilizzo della matrice già illustrata, e dei singoli valori della Probabilità e della Magnitudo (necessari per la corretta individuazione delle misure di prevenzione e protezione, come indicato nella figura seguente), si prevedono, in linea generale, le azioni riportate nella successiva Tabella A (Tabella delle Azioni da intraprendere). 18

19 DVR Figura 4 Curve Iso-Rischio ed azioni di prevenzione e protezione Per ogni pericolo individuato sono stati sempre riportati, oltre alla Entità del Rischio i valori della Probabilità e della Magnitudo, in modo da poter individuare le azioni più idonee da intraprendere. Principi gerarchici della prevenzione dei rischi: eliminazione dei pericoli e dei relativi rischi; sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non è pericoloso o lo è meno; intervento sui rischi alla fonte; applicazione di provvedimenti collettivi di protezione piuttosto che individuali; adeguamento al progresso tecnico ed ai cambiamenti nel campo dell informazione; miglioramento del livello di prevenzione e protezione nel tempo. Le misure di prevenzione e protezione adottate non devono assolutamente: introdurre nuovi pericoli compromettere le prestazioni del sistema adottato 19

20 DVR Tabella A - Tabella delle Azioni da intraprendere Valore 1 RISCHIO M. 4 ALTO Azioni da Intraprendere Instaurare un sistema di verifica che consenta di mantenere nel tempo le condizioni di sicurezza preventivate Predisporre gli strumenti necessari a minimizzare il rischio ed a verificare l efficacia delle azioni preventivate Programmare con urgenza interventi correttivi tali da eliminare le anomalie che portano alla determinazione di livelli di rischio non accettabili Intervenire immediatamente sulla fonte di rischio provvedendo a sospendere le lavorazioni sino al raggiungimento di livelli di rischio accettabili Scala di Tempo UN ANNO UN ANNO SEI MESI IMMEDIATAMENTE 0

21 DVR ELENCO DEI RISCHI INDIVIDUATI ED ANALIZZATI Dopo aver preso in considerazione tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori di cui al D.Lgs. 81/08, come previsto dall art. 8, comma, lettera a) dello stesso Decreto, sono stati individuati, nel complesso, i seguenti rischi, analizzati e valutati nei capitoli successivi: AFFATICAMENTO VISIVO ALLERGENI CADUTA DALL'ALTO CADUTA DI MATERIALE DALL'ALTO CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO ELETTROCUZIONE GAS E VAPORI GETTI E SCHIZZI INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE INCIDENTI TRA AUTOMEZZI INFEZIONI INVESTIMENTO MICROCLIMA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI OLII MINERALI E DERIVATI POSTURA PROIEZIONE DI SCHEGGE PUNTURE, MORSI DI INSETTI O RETTILI PUNTURE, TAGLI E ABRASIONI RADIAZIONI NON IONIZZANTI RIBALTAMENTO RISCHIO BIOLOGICO RISCHIO CHIMICO RUMORE SCHIACCIAMENTO SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI USTIONI VIBRAZIONI Non risultano presenti, o sono comunque inferiori ai corrispondenti valori d azione, i seguenti ulteriori Rischi comunque presi in considerazione: AMIANTO ANNEGAMENTO ATMOSFERE ESPLOSIVE ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI ESPOSIZIONE A RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI MOVIMENTI RIPETITIVI PROIEZIONE DI MATERIALE USTIONANTE RADIAZIONI IONIZZANTI RISCHIO CANCEROGENO RISCHIO RAPINA SEPPELLIMENTO, SPROFONDAMENTO SOFFOCAMENTO, ASFISSIA STRESS PSICOFISICO 1

22 DVR Sezione 4 MISURE GENERALI DI TUTELA ED EMERGENZE MISURE GENERALI DI TUTELA Sono state osservate tutte le misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, come definite all art. 15 del D.Lgs. 81/08, e precisamente: E stata effettuata la valutazione di tutti i rischi per la salute e la sicurezza, così come descritta nel presente DVR. E stata prevista la programmazione della prevenzione, mirata ad un complesso che integri in modo coerente nella prevenzione le condizioni tecniche produttive dell azienda nonché l influenza dei fattori cm dell ambiente e dell organizzazione del lavoro Come dettagliato nel documento di valutazione, si è provveduto all eliminazione dei rischi e, ove ciò non è possibile, alla loro riduzione al minimo in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico Sono stati rispettati i principi ergonomici nell organizzazione del lavoro, nella concezione dei posti di lavoro, nella scelta delle attrezzature e nella definizione dei metodi di lavoro e produzione, in particolare al fine di ridurre gli effetti sulla salute del lavoro monotono e di quello ripetitivo E stata attuata, per quanto possibile, la riduzione dei rischi alla fonte E stata prevista a sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o è meno pericoloso E stato limitato al minimo il numero dei lavoratori che sono, o che possono essere, esposti al rischio E stato previsto un utilizzo limitato degli agenti chimici, fisici e biologici sui luoghi di lavoro E stata data la priorità alle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale E stato previsto il controllo sanitario dei lavoratori Si provvederà all allontanamento del lavoratore dall esposizione al rischio per motivi sanitari inerenti la sua persona e all adibizione, ove possibile, ad altra mansione Verrà effettuata l adeguata informazione e formazione per i lavoratori, per dirigenti, i preposti e per i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza Verranno impartite istruzioni adeguate a tutti i lavoratori E stata prevista la partecipazione e la consultazione dei lavoratori e dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza E stata effettuata un attenta programmazione delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza, anche attraverso l adozione di codici di condotta e di buone prassi. A tale proposito è stato istituito uno specifico scadenziario che consentirà il controllo nel tempo delle azioni previste per il miglioramento nel tempo della sicurezza dei lavoratori Sono state dettagliate le misure di emergenza da attuare in caso di primo soccorso, di lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori e di pericolo grave e immediato, compreso l uso di segnali di avvertimento e di sicurezza E stata programmata la regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, impianti, con particolare riguardo ai dispositivi di sicurezza in conformità alla indicazione dei fabbricanti. Schermo regolabile PUNTO DI APPOGGIO LIBERO Tastiera separata SPAZIO SUFFICIENTE min.8 cm) 90 5 RAZZE CON RUOTE EVENTUALE POGGIAPIEDI Le misure relative alla sicurezza, all igiene ed alla salute durante il lavoro non comporteranno mai oneri finanziari per i lavoratori.

23 DVR ACCERTAMENTO DI ASSENZA DI TOSSICODIPENDENZA E ALCOL DIPENDENZA MANSIONI PER LE QUALI VIGE L OBBLIGO DI ACCERTAMENTO DI TOSSICODIPENDENZA Come previsto dall art. 41, comma 4, del D.Lgs. 81/08, in alcuni casi le visite mediche devono essere anche finalizzate alla verifica di assenza di condizioni di alcol dipendenza e di assunzione di sostanze psicotrope e stupefacenti. Il Provvedimento della Conferenza Permanente Stato-Regioni del 0/10/007, nell allegato I, riporta l elenco delle Mansioni che comportano particolari rischi per la sicurezza, l'incolumità e la salute dei terzi e che richiedono, pertanto, l accertamento di assenza di tossicodipendenza. 1) Attività per le quali è richiesto un certificato di abilitazione per l'espletamento dei seguenti lavori pericolosi: a) impiego di gas tossici (art. 8 del regio decreto 197, e successive modificazioni); b) fabbricazione e uso di fuochi di artificio (di cui al regio decreto 6 maggio 1940, n. 65) e posizionamento e brillamento mine (di cui al decreto del Presidente della Repubblica 19 marzo 1956, n. 0); c) direzione tecnica e conduzione di impianti nucleari (di cui al decreto del Presidente della Repubblica 0 dicembre 1970, n. 1450, e s.m.). ) Mansioni inerenti le attività di trasporto: a) conducenti di veicoli stradali per i quali è richiesto il possesso della patente di guida categoria C, D, E, e quelli per i quali è richiesto il certificato di abilitazione professionale per la guida di taxi o di veicoli in servizio di noleggio con conducente, ovvero il certificato di formazione professionale per guida di veicoli che trasportano merci pericolose su strada; b) personale addetto direttamente alla circolazione dei treni e alla sicurezza dell'esercizio ferroviario che esplichi attività di condotta, verifica materiale rotabile, manovra apparati di sicurezza, formazione treni, accompagnamento treni, gestione della circolazione, manutenzione infrastruttura e coordinamento e vigilanza di una o più attività di sicurezza; c) personale ferroviario navigante sulle navi del gestore dell'infrastruttura ferroviaria con esclusione del personale di camera e di mensa; d) personale navigante delle acque interne con qualifica di conduttore per le imbarcazioni da diporto adibite a noleggio; e) personale addetto alla circolazione e a sicurezza delle ferrovie in concessione e in gestione governativa, metropolitane, tranvie e impianti assimilati, filovie, autolinee e impianti funicolari, aerei e terrestri; f) conducenti, conduttori, manovratori e addetti agli scambi di altri veicoli con binario, rotaie o di apparecchi di sollevamento, esclusi i manovratori di carri ponte con pulsantiera a terra e di monorotaie; g) personale marittimo di prima categoria delle sezioni di coperta e macchina, limitatamente allo Stato maggiore e sottufficiali componenti l'equipaggio di navi mercantili e passeggeri, nonchè il personale marittimo e tecnico delle piattaforme in mare, dei pontoni galleggianti, adibito ad attività off-shore e delle navi posatubi; h) controllori di volo ed esperti di assistenza al volo; i) personale certificato dal registro aeronautico italiano; l) collaudatori di mezzi di navigazione marittima, terrestre ed aerea; m) addetti ai pannelli di controllo del movimento nel settore dei trasporti; n) addetti alla guida di macchine di movimentazione terra e merci. ) Funzioni operative proprie degli addetti e dei responsabili della produzione, del confezionamento, della detenzione, del trasporto e della vendita di esplosivi. Per i lavoratori con mansioni ricadenti tra quelle elencate verranno, quindi, predisposti da parte del medico competente e a spese del sottoscritto Datore di Lavoro, appositi esami medici tesi ad accertare l assenza di condizioni di assunzione di sostanze psicotrope e stupefacenti. Il lavoratore per il quale sia stata accertata la tossicodipendenza verrà adibito a mansioni diverse da quelle comprese nell'elenco di cui all'allegato I, fermo restando il diritto alla conservazione del posto di lavoro nell'ipotesi di cui all'art. 14, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 09, e successive modificazioni.

24 DVR MANSIONI PER LE QUALI VIGE L OBBLIGO DI ACCERTAMENTO DI ALCOL DIPENDENZA Per quanto riguarda gli accertamenti di alcol dipendenza, nella Conferenza Stato Regioni (G.U. 75 del ) vengono individuate le attività lavorative che comportano elevato rischio di infortuni o per la sicurezza di terzi ai fini del divieto di assunzione e somministrazione di bevande alcoliche. 1) attività per le quali e' richiesto un certificato di abilitazione per l'espletamento dei seguenti lavori pericolosi: a) impiego di gas tossici (art. 8 del regio decreto 9 gennaio 197, e successive modificazioni); b) conduzione di generatori di vapore (decreto ministeriale 1 marzo 1974); c) attività di fochino (art. 7 del decreto del Presidente della Repubblica 9 marzo 1956, n. 0); d) fabbricazione e uso di fuochi artificiali (art. 101 del regio decreto 6 maggio 1940, n. 65); e) vendita di fitosanitari, (art. del decreto del Presidente della Repubblica aprile 001, n. 90); f) direzione tecnica e conduzione di impianti nucleari ( decreto del Presidente della Repubblica 0 dicembre 1970, n. 1450, e successive modifiche); g) manutenzione degli ascensori (decreto del Presidente della Repubblica 0 aprile 1999, n. 16); ) dirigenti e preposti al controllo dei processi produttivi e alla sorveglianza dei sistemi di sicurezza negli impianti a rischio di incidenti rilevanti (art. 1 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 4); ) sovrintendenza ai lavori previsti dagli articoli 6 e 7 del decreto dei Presidente della Repubblica 7 aprile 1955, n. 547; 4) mansioni sanitarie svolte in strutture pubbliche e private in qualità di: medico specialista in anestesia e rianimazione; medico specialista in chirurgia; medico ed infermiere di bordo; medico comunque preposto ad attività diagnostiche e terapeutiche; infermiere; operatore socio-sanitario; ostetrica caposala e ferrista; 5) vigilatrice di infanzia o infermiere pediatrico e puericultrice, addetto ai nidi materni e ai reparti per neonati e immaturi; mansioni sociali e socio-sanitarie svolte in strutture pubbliche e private; 6) attività di insegnamento nelle scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado; 7) mansioni comportanti l'obbligo della dotazione del porto d'armi, ivi comprese le attività di guardia particolare e giurata; 8) mansioni inerenti le seguenti attività di trasporto: a) addetti alla guida di veicoli stradali per i quali è richiesto il possesso della patente di guida categoria B, C, D, E, e quelli per i quali e' richiesto il certificato di abilitazione professionale per la guida di taxi o di veicoli in servizio di noleggio con conducente, ovvero il certificato di formazione professionale per guida di veicoli che trasportano merci pericolose su strada; b) personale addetto direttamente alla circolazione dei treni e alla sicurezza dell'esercizio ferroviario; c) personale ferroviario navigante sulle navi del gestore dell'infrastruttura ferroviaria con esclusione del personale di carriera e di mensa; d) personale navigante delle acque interne; e) personale addetto alla circolazione e alla sicurezza delle ferrovie in concessione e in gestione governativa, metropolitane, tranvie e impianti assimilati, filovie, autolinee e impianti funicolari aerei e terrestri; f) conducenti, conduttori, manovratori e addetti agli scambi di altri veicoli con binario, rotaie o di apparecchi di sollevamento, esclusi i manovratori di carri ponte con pulsantiera a terra e di monorotaie; g) personale marittimo delle sezioni di coperta e macchina, nonché il personale marittimo e tecnico delle piattaforme in mare, dei pontoni galleggianti, adibito ad attività off-shore e delle navi posatubi; h) responsabili dei fari; i) piloti d'aeromobile; l) controllori di volo ed esperti di assistenza al volo; m) personale certificato dal registro aeronautico italiano; n) collaudatori di mezzi di navigazione marittima, terrestre ed aerea; o) addetti ai pannelli di controllo del movimento nel settore dei trasporti; p) addetti alla guida di' macchine di movimentazione terra e merci; 9) addetto e responsabile della produzione, confezionamento, detenzione, trasporto e vendita di esplosivi; 4

25 DVR 10) lavoratori addetti ai comparti della edilizia e delle costruzioni e tutte le mansioni che prevedono attività in quota, oltre i due metri di altezza; 11) capiforno e conduttori addetti ai forni di fusione; 1) tecnici di manutenzione degli impianti nucleari; 1) operatori e addetti a sostanze potenzialmente esplosive e infiammabili, settore idrocarburi; 14) tutte le mansioni che si svolgono in cave e miniere. Per i lavoratori con mansioni ricadenti tra quelle elencate verranno, quindi, predisposti da parte del medico competente e a spese del sottoscritto Datore di Lavoro, appositi esami medici tesi ad accertare l assenza di condizioni di alcol dipendenza. Il lavoratore per il quale sia stata accertata la tossicodipendenza verrà adibito a mansioni diverse da quelle comprese nell'elenco sopra riportato. PROCEDURE D EMERGENZA ED ADDETTI COMPITI E PROCEDURE GENERALI Come previsto dall art. 4, comma 1, del D.Lgs. 81/08, sono stati organizzati i necessari rapporti con i servizi pubblici competenti in materia di primo soccorso, salvataggio, lotta antincendio e gestione dell emergenza. Sono stati, infatti, designati preventivamente i lavoratori incaricati dell attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell emergenza; Sono stati informati tutti i lavoratori che possono essere esposti a un pericolo grave ed immediato circa le misure predisposte e i comportamenti da adottare; Sono stati programmati gli interventi, presi i provvedimenti e date le istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave e immediato che non può essere evitato, possano cessare la loro attività, o mettersi al sicuro, abbandonando immediatamente il luogo di lavoro; Sono stati adottati i provvedimenti necessari affinché qualsiasi lavoratore, in caso di pericolo grave ed immediato per la propria sicurezza o per quella di altre persone e nell impossibilità di contattare il competente superiore gerarchico, possa prendere le misure adeguate per evitare le conseguenze di tale pericolo, tenendo conto delle sue conoscenze e dei mezzi tecnici disponibili. Ai fini delle designazioni si è tenuto conto delle dimensioni dell azienda e dei rischi specifici dell azienda o della unità produttiva secondo i criteri previsti nei decreti di cui all articolo 46 del D.Lgs. 81/08 (decreto del Ministro dell interno in data 10 marzo 1998 e decreto legislativo 8 marzo 006, n. 19) In azienda saranno sempre presenti gli addetti al pronto soccorso, alla prevenzione incendi ed alla evacuazione. In azienda verrà esposta una tabella ben visibile riportante almeno i seguenti numeri telefonici: Vigili del Fuoco Pronto soccorso Ospedale Vigili Urbani Carabinieri Polizia 5

26 DVR In situazione di emergenza (incendio, infortunio, calamità) il lavoratore dovrà chiamare l addetto all emergenza che si attiverà secondo le indicazioni sotto riportate. Solo in assenza dell addetto all emergenza, il lavoratore potrà attivare la procedura sotto elencata. CHIAMATA SOCCORSI ESTERNI In caso d incendio Chiamare i vigili del fuoco telefonando al 115. Rispondere con calma alle domande dell operatore dei vigili del fuoco che richiederà: indirizzo e telefono dell azienda, informazioni sull incendio. Non interrompere la comunicazione finché non lo decide l operatore. Attendere i soccorsi esterni al di fuori dell azienda. In caso d infortunio o malore Chiamare il SOCCORSO PUBBLICO componendo il numero telefonico 118. Rispondere con calma alle domande dell operatore che richiederà: cognome e nome, indirizzo, n. telefonico ed eventuale percorso per arrivarci, tipo di incidente: descrizione sintetica della situazione, numero dei feriti, ecc. Conclusa la telefonata, lasciare libero il telefono: potrebbe essere necessario richiamarvi. REGOLE COMPORTAMENTALI Seguire i consigli dell operatore della Centrale Operativa 118. Osservare bene quanto sta accadendo per poterlo riferire. Prestare attenzione ad eventuali fonti di pericolo (rischio di incendio, ecc.). Incoraggiare e rassicurare il paziente. Inviare, se del caso, una persona ad attendere l ambulanza in un luogo facilmente individuabile. Assicurarsi che il percorso per l accesso della lettiga sia libero da ostacoli. 6

27 DVR USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Come indicato all art. 69 del D.Lgs. 81/08, si intende per attrezzatura di lavoro qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto destinato ad essere usato durante il lavoro, mentre si intende per uso di un attrezzatura di lavoro qualsiasi operazione lavorativa connessa ad una attrezzatura di lavoro, quale la messa in servizio o fuori servizio, l'impiego, il trasporto, la riparazione, la trasformazione, la manutenzione, la pulizia, il montaggio, lo smontaggio Qualsiasi zona all'interno ovvero in prossimità di una attrezzatura di lavoro nella quale la presenza di un lavoratore costituisce un rischio per la salute o la sicurezza dello stesso viene definita zona pericolosa e qualsiasi lavoratore che si trovi interamente o in parte in una zona pericolosa viene definito quale lavoratore esposto. REQUISITI DI SICUREZZA Come indicato all art. 70 del D.Lgs. 81/08, le attrezzature di lavoro messe a disposizione dei lavoratori devono essere conformi alle specifiche disposizioni legislative e regolamentari di recepimento delle direttive comunitarie di prodotto. Per le attrezzature di lavoro costruite in assenza di disposizioni legislative e regolamentari o messe a disposizione dei lavoratori antecedentemente all emanazione di norme legislative e regolamentari di recepimento delle direttive comunitarie di prodotto verrà controllata la conformità ai requisiti generali di sicurezza riportati nell allegato V del D.Lgs. 81/08. Le attrezzature di lavoro costruite secondo le prescrizioni dei decreti ministeriali adottati ai sensi dell articolo 95 del decreto Presidente della Repubblica 7 aprile 1955, n. 547, ovvero dell articolo 8 del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 66, potranno essere considerate conformi, come indicato al comma dello stesso art. 70 del D.Lgs. 81/08. Saranno messe a disposizione dei lavoratori esclusivamente attrezzature conformi ai requisiti di sicurezza indicati, idonee ai fini della salute e sicurezza ed adeguate al lavoro da svolgere o adattate a tali scopi che devono essere utilizzate conformemente alle disposizioni legislative di recepimento delle direttive comunitarie. All'atto della scelta delle nuove attrezzature di lavoro, come indicato all art. 71, comma, del D.Lgs. 81/08, il datore di lavoro prenderà in considerazione: le condizioni e le caratteristiche specifiche del lavoro da svolgere; i rischi presenti nell ambiente di lavoro; i rischi derivanti dall impiego delle attrezzature stesse i rischi derivanti da interferenze con le altre attrezzature già in uso. Al fine di ridurre al minimo i rischi connessi all uso delle attrezzature di lavoro e per impedire che dette attrezzature possano essere utilizzate per operazioni e secondo condizioni per le quali non sono adatte, verranno adottate adeguate misure tecniche ed organizzative e verranno rispettate tutte quelle riportate nell allegato VI del D.Lgs. 81/08. Tutte le attrezzature di lavoro sono state installate correttamente e si controllerà, tramite un preposto a ciò incaricato, che le stesse vengano utilizzate conformemente alle istruzioni d uso. Si assicurerà, inoltre, che le attrezzature di lavoro: siano oggetto di idonea manutenzione al fine di garantire nel tempo la permanenza dei requisiti di sicurezza siano corredate, ove necessario, da apposite istruzioni d uso e libretto di manutenzione siano assoggettate alle misure di aggiornamento dei requisiti minimi di sicurezza eventualmente stabilite con specifico provvedimento regolamentare o in relazione al grado di evoluzione della tecnica della prevenzione e della protezione 7

28 DVR CONTROLLI E REGISTRO Verrà, curata la tenuta e l aggiornamento del registro di controllo delle attrezzature di lavoro per le quali lo stesso è previsto. Per le attrezzature di lavoro la cui sicurezza dipende dalle condizioni di installazione si provvederà a che le stesse vengano sottoposte a un controllo iniziale (dopo l'installazione e prima della messa in esercizio) e ad un controllo dopo ogni eventuale successivo montaggio, al fine di assicurarne l'installazione corretta e il buon funzionamento. Per le attrezzature soggette a influssi che possono provocare deterioramenti suscettibili di dare origine a situazioni pericolose, si provvederà a che esse siano sottoposte a: a controlli periodici, secondo frequenze stabilite in base alle indicazioni fornite dai fabbricanti, ovvero dalle norme di buona tecnica, o in assenza di queste ultime, desumibili dai codici di buona prassi; a controlli straordinari al fine di garantire il mantenimento di buone condizioni di sicurezza, ogni volta che intervengano eventi eccezionali che possano avere conseguenze pregiudizievoli per la sicurezza delle attrezzature di lavoro, quali riparazioni trasformazioni, incidenti, fenomeni naturali o periodi prolungati di inattività. I controlli, volti ad assicurare il buono stato di conservazione e l efficienza a fini di sicurezza delle attrezzature di lavoro e saranno effettuati da persona competente. I risultati dei controlli saranno riportati per iscritto e, almeno quelli relativi agli ultimi tre anni, verranno conservati e tenuti a disposizione degli organi di vigilanza. INFORMAZIONE E FORMAZIONE Come indicato nell art. 7 del D.Lgs. 81/08, per ogni attrezzatura di lavoro messa a disposizione, i lavoratori incaricati dell uso disporranno di ogni necessaria informazione e istruzione e riceveranno una formazione adeguata in rapporto alla sicurezza relativamente: alle condizioni di impiego delle attrezzature; alle situazioni anormali prevedibili. I lavoratori saranno informati sui rischi cui sono esposti durante l uso delle proprie attrezzature di lavoro, sui rischi relativi alle attrezzature di lavoro presenti nell ambiente immediatamente circostante, anche se da essi non usate direttamente, nonché sui cambiamenti di tali attrezzature, come indicato al comma dell art. 7 del D.Lgs. 81/08 Tutte le informazioni e le istruzioni d uso verranno impartite in modo comprensibile ai lavoratori interessati e ci si accerterà che esse siano state recepite. Per le attrezzature che richiedono, in relazione ai loro rischi, conoscenze e responsabilità particolari di cui all art. 71, comma 7, del D.Lgs. 81/08, verrà impartita una formazione adeguata e specifica, tale da consentirne l utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro, anche in relazione ai rischi che possano essere causati ad altre persone. 8

29 DVR DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (D.P.I.) Come indicato all art. 74 del D.Lgs. 81/08, si intende per Dispositivo di Protezione Individuale, di seguito denominato DPI, qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo. Come indicato nelle diverse attività lavorative oggetto del presente documento di valutazione dei rischi, e come previsto dall art. 75 del D.Lgs. 81/08, è stato previsto l impiego obbligatorio dei DPI quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione collettiva, da misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro. Come prescritto dall art. 76 del D.Lgs. 81/08, i DPI saranno conformi alle norme di cui al D.Lgs. 4 dicembre 199 n. 475, e sue successive modificazioni e saranno: adeguati ai rischi da prevenire, senza comportare di per sé un rischio maggiore adeguati alle condizioni esistenti sul luogo di lavoro Essi, inoltre : terranno conto delle esigenze ergonomiche o di salute del lavoratore potranno essere adattati all'utilizzatore secondo le sue necessità In caso di rischi multipli che richiedono l'uso simultaneo di più DPI, come indicati nelle schede di sicurezza riportate nel seguito, questi devono essere tra loro compatibili e tali da mantenere, anche nell'uso simultaneo, la propria efficacia nei confronti del rischio e dei rischi corrispondenti. Ai fini della scelta dei DPI, il datore di lavoro: ha effettuato l'analisi e la valutazione dei rischi che non possono essere evitati con altri mezzi ha individuato le caratteristiche dei DPI necessarie affinché questi siano adeguati ai rischi stessi, tenendo conto delle eventuali ulteriori fonti di rischio rappresentate dagli stessi DPI ha valutato, sulla base delle informazioni e delle norme d'uso fornite dal fabbricante a corredo dei DPI, le caratteristiche dei DPI disponibili sul mercato e le ha raffrontate con le caratteristiche individuate nella scelta degli stessi provvederà ad aggiornare la scelta ogni qualvolta intervenga una variazione significativa negli elementi di valutazione. Anche sulla base delle norme d'uso fornite dal fabbricante, sono state individuate, come indicato nell art. 77, comma del D.Lgs. 81/08, le condizioni in cui i DPI devono essere usati, specie per quanto riguarda la durata dell'uso, in funzione di: a) entità del rischio; b) frequenza dell'esposizione al rischio; c) caratteristiche del posto di lavoro di ciascun lavoratore; d) prestazioni del DPI. Sarà cura del Datore di lavoro: Mantenere in efficienza i DPI e assicurarne le condizioni d igiene, mediante la manutenzione, le riparazioni e le sostituzioni necessarie e secondo le eventuali indicazioni fornite dal fabbricante; Provvedere a che i DPI siano utilizzati soltanto per gli usi previsti, salvo casi specifici ed eccezionali, conformemente alle informazioni del fabbricante; Fornire istruzioni dettagliate, ma comprensibili per i lavoratori Destinare ogni DPI ad un uso personale e, qualora le circostanze richiedano l uso di uno stesso DPI da parte di più persone, prendere misure adeguate affinché tale uso non ponga alcun problema sanitario e igienico ai vari utilizzatori 9

30 DVR Informare preliminarmente il lavoratore dei rischi dai quali il DPI lo protegge; Rendere disponibile nell azienda ovvero unità produttiva informazioni adeguate su ogni DPI; Stabilire le procedure aziendali da seguire, al termine dell utilizzo, per la riconsegna e il deposito dei DPI; Assicurare una formazione adeguata e organizzare uno specifico addestramento circa l uso corretto e l utilizzo pratico dei DPI. Particolare addestramento verrà effettuato in caso di utilizzo dei DPI di protezione dell udito e dei seguenti DPI rientranti in terza categoria: gli apparecchi di protezione respiratoria filtranti contro gli aerosol solidi, liquidi o contro i gas irritanti, pericolosi, tossici o radiotossici gli apparecchi di protezione isolanti, ivi compresi quelli destinati all'immersione subacquea; i DPI che assicurano una protezione limitata nel tempo contro le aggressioni chimiche e contro le radiazioni ionizzanti i DPI per attività in ambienti con condizioni equivalenti ad una temperatura d'aria non inferiore a 100 C, con o senza radiazioni infrarosse, fiamme o materiali in fusione; i DPI per attività in ambienti con condizioni equivalenti ad una temperatura d'aria non superiore a -50 C; i DPI destinati a salvaguardare dalle cadute dall'alto; i DPI destinati a salvaguardare dai rischi connessi ad attività che espongano a tensioni elettriche pericolose o utilizzati come isolanti per alte tensioni elettriche; ESPOSIZIONE AL RUMORE Ai sensi dell art. 190 del D.Lgs. 81/08, dovrà essere valutato il rumore durante le effettive attività lavorative, prendendo in considerazione in particolare: Il livello, il tipo e la durata dell esposizione, ivi inclusa ogni esposizione a rumore impulsivo I valori limite di esposizione ed i valori di azione di cui all art. 189 del D.Lgs. 81/08 Tutti gli effetti sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori particolarmente sensibili al rumore Gli effetti sulla salute e sicurezza dei lavoratori derivanti dalle interazioni tra rumore e sostanze ototossiche connesse all attività svolta e fra rumore e vibrazioni, seguendo attentamente l orientamento della letteratura scientifica e sanitaria ed i suggerimenti del medico competente Le informazioni sull emissione di rumore fornite dai costruttori delle attrezzature impiegate, in conformità alle vigenti disposizioni in materia L'esistenza di attrezzature di lavoro alternative progettate per ridurre l'emissione di rumore; Il prolungamento del periodo di esposizione al rumore oltre l'orario di lavoro normale, in locali di cui e' responsabile Le informazioni raccolte dalla sorveglianza sanitaria, comprese, per quanto possibile, quelle reperibili nella letteraturascientifica; La disponibilita' di dispositivi di protezione dell'udito con adeguate caratteristiche di attenuazione CLASSI DI RISCHIO E RELATIVE MISURE DI PREVENZIONE Fascia di appartenenza (Classi di Rischio) Classe di Rischio 0 LE 80 db(a) Sintesi delle Misure di prevenzione (Per dettagli vedere le singole valutazioni) Nessuna azione specifica (*) Lpicco 15 db(c) Classe di Rischio 1 80 < LE 85 db(a) 15 < Lpicco 17 db(c) INFORMAZIONE E FORMAZIONE: formazione ed informazione in relazione ai rischi provenienti dall esposizione al rumore DPI : messa a disposizione dei lavoratori dei dispositivi di protezione individuale dell udito (art. 19 D.Lgs. 81/08, comma 1, lettera a) VISITE MEDICHE : solo su richiesta del lavoratore o qualore il medico competente ne confermi l opportunità (art. 196, comma, D.Lgs. 81/08) 0

31 DVR Classe di Rischio 85 < LE 87 db(a) 17 < Lpicco 140 db(c) Classe di Rischio LE > 87 db(a) Lpicco > 140 db(c) INFORMAZIONE E FORMAZIONE: formazione ed informazione in relazione ai rischi provenienti dall esposizione al rumore; adeguata informazione e formazione sull'uso corretto delle attrezzature di lavoro in modo da ridurre al minimo la loro esposizione al rumore DPI : Scelta di DPI dell'udito che consentano di eliminare il rischio per l'udito o di ridurlo al minimo, previa consultazione dei lavoratori o dei loro rappresentanti (Art. 19, comma 1, lettera c, del D.Lgs. 81/08). Si esigerà che vengano indossati i dispositivi di protezione individuale dell udito (art. 19 D.Lgs. 81/08, comma 1, lettera b) VISITE MEDICHE : Obbligatorie (art. 196, comma 1, D.Lgs. 81/08) MISURE TECNICHE ORGANIZZATIVE : Vedere distinta INFORMAZIONE E FORMAZIONE: formazione ed informazione in relazione ai rischi provenienti dall esposizione al rumore; adeguata informazione e formazione sull'uso corretto delle attrezzature di lavoro in modo da ridurre al minimo la loro esposizione al rumore DPI : Scelta di dispositivi di protezione individuale dell'udito che consentano di eliminare il rischio per l'udito o di ridurlo al minimo, previa consultazione dei lavoratori o dei loro rappresentanti (Art. 19, comma 1, lettera c, del D.Lgs. 81/08) Imposizione dell obbligo di indossare DPI dell udito in grado di abbassare l esposizione al di sotto dei valori inferiori di azione salvo richiesta e concessione di deroga da parte dell organo di vigilanza competente (art. 197 D.Lgs. 81/08) Verifica l efficacia dei DPI e verifica che l esposizione scenda al di sotto del valore inferiore di azione VISITE MEDICHE : Obbligatorie (art. 196, comma 1, D.Lgs. 81/08) MISURE TECNICHE ORGANIZZATIVE : Vedere distinta (*) Nel caso in cui il Livello di esposizione sia pari a 80 db(a) verrà effettuata la Formazione ed informazione in relazione ai rischi provenienti dall esposizione al rumore. MISURE TECNICHE ORGANIZZATIVE Per le Classi di Rischio e, verranno applicate le seguenti misure tecniche ed organizzative volte a ridurre l'esposizione al rumore, come previsto : Segnalazione, mediante specifica cartellonistica, dei luoghi di lavoro dove i lavoratori possono essere esposti ad un rumore al di sopra dei valori superiori di azione, nonché. Dette aree saranno inoltre delimitate e l'accesso alle stesse sarà limitato. Adozione di altri metodi di lavoro che implicano una minore esposizione al rumore; Scelta di attrezzature di lavoro adeguate, tenuto conto del lavoro da svolgere, che emettano il minor rumore possibile, inclusa l'eventualita' di rendere disponibili ai lavoratori attrezzature di lavoro conformi ai requisiti di cui al titolo III, il cui obiettivo oeffetto e' di limitare l'esposizione al rumore; Progettazione della struttura dei luoghi e dei posti di lavoro; Adozione di misure tecniche per il contenimento del rumore trasmesso per via aerea, quali schermature,involucri o rivestimenti realizzati con materiali fonoassorbenti; Adozione di misure tecniche per il contenimento del rumore strutturale, quali sistemi di smorzamento o di isolamento; Opportuni programmi di manutenzione delle attrezzature di lavoro, del luogo di lavoro e dei sistemi sul posto di lavoro; Riduzione del rumore mediante una migliore organizzazione del lavoro attraverso la limitazione della durata e dell'intensita' dell'esposizione e l'adozione di orari di lavoro appropriati, con sufficienti periodi di riposo. Nel caso in cui, data la natura dell'attivita', il lavoratore benefici dell'utilizzo di locali di riposo messi a disposizione dal datore di lavoro, il rumore in questi locali sarà ridotto a un livello compatibile con il loro scopo e le loro condizioni di utilizzo 1

32 DVR ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI Dal punto di vista igienistico, l'esposizione umana a vibrazioni si differenzia in: Esposizione del Sistema Mano-Braccio, indicata con acronimo inglese HAV (Hand Arm Vibration). Si riscontra in lavorazioni in cui s impugnino utensili vibranti o materiali sottoposti a vibrazioni o impatti. Questo tipo di vibrazioni possono indurre a disturbi neurologici e circolatori digitali e lesioni osteoarticolari a carico degli arti superiori, definito con termine unitario Sindrome da Vibrazioni Mano-Braccio. L'esposizione a vibrazioni al sistema mano-braccio è generalmente causata dal contatto delle mani con l'impugnatura di utensili manuali o di macchinari condotti a mano. Esposizione del corpo intero, indicata con acronimo inglese WBV (Whole Body Vibration). Si riscontra in lavorazioni a bordo di mezzi di movimentazione usati in industria ed in agricoltura, mezzi di trasporto e in generale macchinari industriali vibranti che trasmettano vibrazioni al corpo intero. Tale esposizione può comportare rischi di lombalgie e traumi del rachide per i lavoratori esposti. Per effettuare la valutazione dell esposizione al rischio vibrazioni si procederà nel seguente modo: 1. Individuazione dei lavoratori esposti al rischio.. Individuazione, per ogni lavoratore, del tempo di esposizione (rappresentativo del periodo di maggior esposizione in relazione alle effettive situazioni di lavoro).. Individuazione (marca e tipo) delle singole macchine o attrezzature utilizzate. 4. Individuazione, in relazione alle macchine ed attrezzature utilizzate, del livello di esposizione durante il loro utilizzo. 5. Determinazione del livello di esposizione giornaliero normalizzato al periodo di riferimento di 8 ore. I criteri igienistici formulati nell ambito degli attuali standard sono basati su previsioni di prevalenza del fenomeno di Raynaud o del dito bianco, a seguito dell esposizione a vibrazioni mano-braccio.si assume inoltre che tali criteri siano sufficientemente cautelativi, anche ai fini della prevenzione di altri effetti patologici a carico degli arti superiori, associati all esposizione a vibrazioni. LIVELLI DI ESPOSIZIONE La valutazione del rischio derivante da vibrazioni consiste nella determinazione del livello di esposizione a cui sono soggetti tutti i lavoratori che fanno uso di macchine o attrezzature che producono vibrazioni interessanti il sistema mano-braccio o corpo intero. Il D.Lgs. 81/08, all art. 01, fissa i valori di riferimento (valori limite e valori di esposizione che fanno scattare l azione), riportati nella tabella sottostante: VIBRAZIONI TRASMESSE AL SISTEMA MANO-BRACCIO (HAV) Livello d azione giornaliero di esposizione Valore limite giornaliero di esposizione A(8) =,5 m/s A(8) = 5 m/s A(8) = 0 m/s (su brevi periodi) Si intende per: Livello di azione il valore oltre il quale si ha l obbligo di attuare misure di tutela dei lavoratori esposti, come l informazione, di ridurre il rischio e di attivare la sorveglianza sanitaria. Livello limite il valore oltre il quale l esposizione è vietata. Nello specifico, per determinare la fascia di appartenenza e le misure di prevenzione da adottare si dovranno confrontare i valori di A(8) con i seguenti range:

33 DVR Livello di Rischio Entità A(8),5 RISCHIO,5 < A(8) 5 RISCHIO A(8) > 5 A(8) > 0 (brevi periodi) RISCHIO INACCETTABILE Azione da Intraprendere Nessuna misura specifica obbligatoria. E consigliata, comunque, l informazion e la formazione dei lavoratori esposti al rischio Informazione/Formazione dei lavoratori esposti al rischio Controlli sanitari periodici Misure per abbattere il rischio Sostituzione immediata della macchina/attrezzo/apparecchiatura o riduzione dei tempi di esposizione Anche per il corpo intero, il D.Lgs. 81/08, all art. 01, fissa i valori di riferimento (valori limite e valori di esposizione che fanno scattare l azione), riportati nella tabella sottostante: VIBRAZIONI TRASMESSE AL CORPO INTERO (WBV) Livello d azione giornaliero di esposizione A(8) = 0,5 m/s Valore limite giornaliero di esposizione A(8) = 1,00 m/s A(8) = 1,50 m/s (su brevi periodi) Si intende per: Livello di azione il valore oltre il quale si ha l obbligo di attuare misure di tutela dei lavoratori esposti, come l informazione, di ridurre il rischio e di attivare la sorveglianza sanitaria. Livello limite il valore oltre il quale l esposizione è vietata. Nello specifico, per determinare la fascia d appartenenza e le misure di prevenzione da adottare si dovranno confrontare i valori di A(8) con i seguenti range: Livello di Rischio Entità A(8) 0,5 RISCHIO 0,5 <A(8) 1,00 A(8) > 1,00 A(8) > 1,50 (brevi periodi) RISCHIO RISCHIO INACCETTABILE Azione da Intraprendere Nessuna misura specifica obbligatoria. E consigliata, comunque, l informazion e la formazione dei lavoratori esposti al rischio Informazione/Formazione dei lavoratori esposti al rischio Controlli sanitari periodici Misure per abbattere il rischio Sostituzione immediata della macchina/attrezzo/apparecchiatura o riduzione dei tempi di esposizione

34 DVR MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Per i lavoratori addetti alla movimentazione manuale dei carichi, sono state valutate attentamente le condizioni di movimentazione e, con la metodologia del NIOSH (National Institute for Occupational Safety and Health), sono stati calcolati sia i pesi limite raccomandati, sia gli indici di sollevamento. In funzione dei valori di questi ultimi sono state determinare le misure di tutela, come meglio illustrato nelle allegate schede di rilevazione. 4

35 DVR SOSTANZE E PRODOTTI CHIMICI ATTIVITA INTERESSATE Risultano interessate tutte le attività lavorative nelle quali vi sia la presenza di prodotti, originati da una reazione chimica voluta e controllata dall uomo, potenzialmente pericolosi per l uomo stesso. Prima dell attività tutte le lavorazioni devono essere precedute da una valutazione tesa ad evitare l impiego di sostanze chimiche nocive e a sostituire ciò che è nocivo con ciò che non lo è o lo è meno; prima dell impiego della specifica sostanza occorre consultare l etichettatura e le istruzioni per l uso al fine di applicare le misure di sicurezza più opportune (il significato dei simboli, le frasi di rischio ed i consigli di prudenza sono di seguito riportati); la quantità dell agente chimico da impiegare deve essere ridotta al minimo richiesto dalla lavorazione; tutti i lavoratori addetti o comunque presenti devono essere adeguatamente informati e formati sulle modalità di deposito e di impiego delle sostanze, sui rischi per la salute connessi, sulle attività di prevenzione da porre in essere e sulle procedure anche di pronto soccorso da adottare in caso di emergenza. Durante l attività è fatto assoluto divieto di fumare, mangiare o bere sul posto di lavoro; è indispensabile indossare l equipaggiamento idoneo (guanti, calzature, maschere per la protezione delle vie respiratorie, tute etc.) da adottarsi in funzioni degli specifici agenti chimici presenti. Dopo l attività tutti gli esposti devono seguire una scrupolosa igiene personale che deve comprendere anche il lavaggio delle mani, dei guanti, delle calzature e degli altri indumenti indossati; deve essere prestata una particolare attenzione alle modalità di smaltimento degli eventuali residui della lavorazione (es. contenitori usati). PRONTO SOCCORSO E MISURE DI EMERGENZA Al verificarsi di situazioni di allergie, intossicazioni e affezioni riconducibili all utilizzo di agenti chimici è necessario condurre l interessato al più vicino centro di Pronto Soccorso. SORVEGLIANZA SANITARIA Sono sottoposti a sorveglianza sanitaria, previo parere del medico competente, tutti i soggetti che utilizzano o che si possono trovare a contatto con agenti chimici considerati pericolosi in conformità alle indicazioni contenute nell etichetta delle sostanze impiegate. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI In funzione delle sostanze utilizzate, occorrerà indossare uno o più dei seguenti DPI marcati CE (o quelli indicati in modo specifico dalle procedure di sicurezza di dettaglio): guanti calzature occhiali protettivi indumenti protettivi adeguati maschere per la protezione delle vie respiratorie RICONOSCIMENTO DELLE SOSTANZE PERICOLOSE NEI PRODOTTI CHIMICI 5

36 DVR Nella stesura del documento di valutazione, si è specificato per ciascun agente chimico: 1. il numero CAS: da Chemical Abstract Service, è la designazione numerica attribuita ad ogni agente chimico. E utilizzato nella gestione di banche dati delle sostanze chimiche dalla CE e da organismi internazionali per definire, in maniera inequivocabile, l identità di un agente chimico. Viene assegnato dalla American Chemical Society (Società Chimica USA). Un altro numero identificativo è il Numero Indice;. la classificazione di pericolo o etichettatura secondo la Direttiva 67/548/CEE recante: simbolo/i, frasi di rischio (Frasi R, descrivono in maniera sintetica i rischi potenziali associati all impiego dell agente chimico) e consigli di prudenza (frasi S, descrivono le comuni norme di sicurezza da adottare per rendere minimi i rischi);. la classificazione di pericolo o etichettatura secondo il Regolamento CE 17/08 recante: pittogramma, indicazioni di pericolo (Frasi H, descrivono in maniera sintetica i rischi potenziali associati all impiego dell agente chimico) e consigli di prudenza (Frasi P, descrivono le comuni norme di sicurezza da adottare per rendere minimi i rischi); 4. lo stato fisico (se solido, liquido, gassoso) e le proprietà fisiche e chimiche; 5. i limiti di esposizione professionale TLV (Threshold Limit Values) quando presenti; 6. le proprietà tossicologiche: LD50 per via orale e cutanea e LC50 per via inalatoria quando presenti; 7. la possibilità di reazioni di decomposizione termica e/o fotochimica e di reazioni accidentali con altri agenti chimici o con l aria e l acqua e la pericolosità degli eventuali prodotti di reazione; 8. eventuali altri pericoli derivanti da prelievo e travaso di liquidi, riscaldamento di sostanze infiammabili, esplosive e/o comburenti, collegamenti (raccordi e/o tubazioni) non segnalati di agenti chimici pericolosi, refrigerazione con liquidi criogenici, presenza di gas asfissianti, ecc. Per ogni agente chimico è prevista l etichettatura secondo la seguente normativa: - Direttiva 67/548/CEE; Regolamento CE 17/08 Il Regolamento CLP 17/008 è il regolamento europeo relativo alla classificazione, all etichettatura ed all imballaggio delle sostanze e delle miscele chimiche che introduce, in tutta l Unione europea, un nuovo sistema per la classificazione e l etichettatura delle sostanze chimiche, basato sul Sistema mondiale armonizzato delle Nazioni Unite (GHS dell ONU). Il regolamento annuncia la contemporaneità del sistema previsto dalla Direttiva e del sistema CLP durante un periodo di transizione. A partire dal 1 dicembre 010, le etichette delle sostanze devono essere conformi al nuovo sistema CLP ma, oltre alla nuova classificazione, nelle schede dei dati di sicurezza deve essere menzionata anche quella prevista dal sistema precedente. A partire dal 1 giugno 015 varrà unicamente il regolamento CLP. Di seguito sono riportate in maniera dettagliata le informazioni sugli agenti chimici: 6

37 DVR CLASSIFICAZIONE SECONDO LA DIRETTIVA 67/548/CEE La normativa stabilisce e codifica le Frasi di rischio (R) ed i Consigli di prudenza (S) che devono essere riportati sulle etichette degli agenti chimici pericolosi. Le Frasi R mettono in guardia i rischi che si possono correre con l impiego di un agente pericoloso e sono scelte in relazione alle caratteristiche di una determinata sostanza; sono composte da un codice che le identifica e da una descrizione. Le Frasi S, invece, danno informazioni sulle misure di sicurezza da adottare quando si utilizzano agenti chimici pericolosi; devono essere scelte in relazione alle caratteristiche di una determinata sostanza e, come le Frasi R, sono composte da un codice e dalla relativa descrizione. Insieme alle Frasi di rischio ed ai Consigli di prudenza, gli agenti chimici sono identificati da Simboli che servono ad informare immediatamente riguardo ai pericoli connessi all uso, alla manipolazione, al trasporto ed alla conservazione degli stessi. 7

38 DVR I SIMBOLI Nel campo di applicazione del D.Lgs. 81/08 sono inclusi gli agenti chimici riportati nelle seguenti tabelle con relativo simbolo, tipo di pericolo e precauzioni. Sono esclusi dal campo di applicazione di tale legge, gli agenti chimici pericolosi solo per l ambiente (recanti l etichetta e/o simbolo N e le frasi di rischio da R50 a R59 e loro combinazioni). AGENTI CHIMICI PERICOLOSI PER LA SICUREZZA: Simbolo Significato Esplosivo (E): una bomba che esplode Comburente (O): una fiamma sopra un cerchio Estremamente infiammabile (F+); Facilmente infiammbile (F): una fiamma Pericoli e Precauzioni Pericolo: Sostanza o miscela che può esplodere, detonare o deflagrare anche senza l'azione dell'ossigeno atmosferico, per mezzo di fiamme o scintille o per effetto di urti e attrito, con rapida formazione di gas. Precauzioni: Evitare urti, attriti, scintille, calore. Pericolo: Sostanza o miscela che, a contatto con altre sostanze soprattutto se infiammabili, provoca una forte reazione esotermica (elevato sviluppo di calore con conseguente pericolo di incendio). Precauzioni: Tenere lontano da materiale combustibile. Pericolo: Sono infiammabili i gas combustibili, i solidi e i liquidi che emettono, in condizioni normali di temperatura e pressione, vapori in grado di consentire lo svolgimento e di mantenere la combustione, indipendentemente dalla sorgente di ignizione cui sono sottoposti. Quindi senza ulteriore apporto di energia, possono riscaldarsi e infiammarsi. Precauzioni: Evitare la formazione di miscele aria gas infiammabile e tenere lontano da fonti di accensione (calore, fiamme o scintille). AGENTI CHIMICI PERICOLOSI PER LA SALUTE: Simbolo Significato Molto tossico (T+); tossico (T): un teschio su tibie incrociate Nocivo (n): una croce di Sant Andrea Cancerogeno: un teschio su tibie incrociate (T+ o T) con croce di Sant Andrea (n) Tossico per il ciclo riproduttivo: un teschio su tibie incrociate (T) con croce di Sant Andrea (n) Mutageno: un teschio su tibie incrociate (T) con croce di Sant Andrea (n) Corrosivo (C): la raffigurazione dell azione corrosiva di un acido Irritante (i): una croce di Sant Andrea Pericoli e Precauzioni Pericolo: Sostanza o miscela che per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, può comportare rischi gravi, acuti o cronici ed anche la morte, provocando lesioni gravi agli organi vitali quali il sistema nervoso, reni, vie respiratorie ecc. Precauzioni: Evitare il contatto, inclusa l'inalazione di vapori e, in caso di malessere, consultare il medico. Pericolo: Sostanza o miscela che per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, può comportare rischi di gravità limitata. Precauzioni: Evitare il contatto, inclusa l'inalazione di vapori e, in caso di malessere, consultare il medico. Pericolo: Sono agenti chimici molto pericolosi perché possono provocare tumori o aumentarne la probabilità di insorgenza. R45 identifica le sostanze che possono provocare tumori R49 identifica le sostanze che possono provocare tumori anche per la semplice inalazione dei vapori Precauzioni: Evitare il contatto, inclusa l'inalazione di vapori e, in caso di malessere, consultare il medico. Pericolo: Sono agenti chimici che presentano un alto grado di tossicità e possono causare effetti nocivi nella catena riproduttiva e quindi danni alla prole o danni alle funzioni riproduttive sia maschili che femminili Precauzioni: Evitare il contatto, inclusa l'inalazione di vapori e, in caso di malessere, consultare il medico. Pericolo: Sono agenti chimici che possono avere ripercussioni sulla riproduzione. Possono causare anomalie genetiche anche ereditarie o semplicemente aumentarne il rischio di insorgenza. Precauzioni: Evitare il contatto, inclusa l'inalazione di vapori e, in caso di malessere, consultare il medico. Pericolo: Agenti chimici che per contatto distruggono sia tessuti viventi che attrezzature. Precauzioni: Non respirare i vapori ed evitare il contatto con la pelle, occhi ed indumenti. Pericolo: Questo simbolo indica agenti chimici che possono avere effetto irritante per pelle, occhi ed apparato respiratorio. Precauzioni: Non respirare i vapori ed evitare il contatto con pelle. 8

39 DVR È da notare che tutto il contenuto di una etichetta deve essere tradotto nella lingua del paese di utilizzo del prodotto e che anche i recipienti utilizzati sui luoghi di lavoro e le relative tubazioni visibili, destinate a contenere o trasportare agenti chimici, devono essere muniti dell etichettatura prescritta, oppure, in taluni casi i cartelli di avvertimento possono sostituire negli ambienti di lavoro l etichettatura. IL CODICE DEI RISCHI SPECIFICI Vengono indicati mediante le cosiddette frasi di rischio. Tali frasi sono sintetizzate tramite la lettera R e un numero, secondo il seguente codice: Frase di Rischio R1 R R R4 R5 R6 R7 R8 R9 R10 R11 R1 R14 R15 R16 R17 R18 R19 R0 R1 R R R4 R5 R6 R7 R8 R9 R0 R1 R R R4 R5 R6 R7 R8 R9 R40 R41 R4 R4 R44 R45 R46 R47 R48 R49 R60 R61 R6 R6 R64 Significato Esplosivo allo stato secco Rischio di esplosione per urto, sfregamento, fuoco o altre sorgenti d ignizione Elevato rischio di esplosione per urto, sfregamento, fuoco o altre sorgenti d ignizione Forma composti metallici esplosivi molto sensibili Pericolo di esplosione per riscaldamento Esplosivo a contatto o senza contatto con l aria Può provocare un incendio Può provocare l accensione di materie combustibili Esplosivo in miscela con materie combustibili Infiammabile Facilmente infiammabile Estremamente infiammabile Reagisce violentemente con l acqua A contatto con l acqua libera gas facilmente infiammabili Pericolo di esplosione se mescolato con sostanze comburenti Spontaneamente infiammabile all aria Durante l uso può formare con aria miscele esplosive/infiammabili Può formare perossidi esplosivi Nocivo per inalazione Nocivo a contatto con la pelle Nocivo per ingestione Tossico per inalazione Tossico a contatto con la pelle Tossico per ingestione Molto tossico per inalazione Molto tossico a contatto con la pelle Molto tossico per ingestione A contatto con l acqua libera gas tossici Può divenire facilmente infiammabile durante l uso A contatto con acidi libera gas tossico A contatto con acidi libera gas altamente tossico Pericolo di effetti cumulativi Provoca ustioni Provoca gravi ustioni Irritante per gli occhi Irritante per le vie respiratorie Irritante per la pelle Pericolo di effetti irreversibili molto gravi Possibilità di effetti cancerogeni - Prove insufficienti Rischio di gravi lesioni oculari Può provocare sensibilizzazione per inalazione Può provocare sensibilizzazione per contatto con la pelle Rischio di esplosione per riscaldamento in ambiente confinato Può provocare il cancro Può provocare alterazioni genetiche ereditarie Può provocare malformazioni congenite Pericolo di gravi danni per la salute in caso di esposizione prolungata Può provocare il cancro per inalazione Può ridurre la fertilità Può danneggiare i bambini non ancora nati rischio di ridotta fertilità rischio di danni ai bambini non ancora nati rischio per i bambini allattati al seno 9

40 DVR Frase di Rischio R65 R66 R67 R68 R14/15 R15/9 R0/1 R0/ R0/1/ R1/ R/4 R/5 R/4/5 R4/5 R6/7 R6/8 R6/7/8 R7/8 R6/7 R6/8 R6/7/8 R7/8 R9/ R9/4 R9/5 R9//4 R9//5 R9/4/5 R9/ R9/4 R9/5 R9//4 R9//5 R9/4/5 R4/4 R9//4/5 R9/6 R9/7 R9/8 R9/6/7 R9/6/8 R9/7/8 R9/6/7/8 R40/0 R40/1 R40/ R40/0/1 R40/0/ R40/1/ R40/0/1/ R4/4 R48/0 R48/1 R48/ R48/0/1 R48/0/ R48/1/ R48/0/1/ Significato Può causare danni polmonari se ingerito L esposizione ripetuta può provocare secchezza e screpolatura della pelle L inalazione dei vapori può provocare sonnolenza e vertigini Possibilità di effetti irreversibili Reagisce violentemente con l acqua liberando gas estremamente infiammabili A contatto con l acqua libera gas tossici estremamente infiammabili Nocivo per inalazione e contatto con la pelle Nocivo per inalazione e ingestione Nocivo per inalazione, ingestione e contatto con la pelle Nocivo a contatto con la pelle e per ingestione Tossico per inalazione e contatto con la pelle Tossico per inalazione e ingestione Tossico per inalazione, ingestione e contatto con la pelle Tossico a contatto con la pelle e per ingestione Molto tossico per inalazione e contatto con la pelle Molto tossico per inalazione e per ingestione Molto tossico per inalazione, ingestione e contatto con la pelle Molto tossico a contatto con la pelle e per ingestione Irritante per gli occhi e le vie respiratorie Irritante per gli occhi e per la pelle Irritante per gli occhi, le vie respiratorie e la pelle Irritante per le vie respiratorie e la pelle Tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per inalazione Tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi a contatto con la pelle Tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per ingestione Tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per inalazione e a contatto con la pelle Tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per inalazione ed ingestione Tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi a contatto con la pelle e per ingestione Tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per inalazione Tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi a contatto con la pelle Tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per ingestione Tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per inalazione e a contatto con la pelle Tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per inalazione ed ingestione Tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi a contatto con la pelle e per ingestione Può provocare sensibilizzazione per inalazione e contatto con la pelle Tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per inalazione, a contatto con la pelle e per ingestione Molto tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per inalazione Molto tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per a contatto con la pelle Molto tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per ingestione Molto tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per inalazione e a contatto con la pelle Molto tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per inalazione ed ingestione Molto tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi a contatto con la pelle e per ingestione Molto tossico: pericolo di effetti irreversibili molto gravi per inalazione, a contatto con la pelle e per ingestione Nocivo: possibilità di effetti irreversibili per inalazione Nocivo: possibilità di effetti irreversibili a contatto con la pelle Nocivo: possibilità di effetti irreversibili per ingestione Nocivo: possibilità di effetti irreversibili per inalazione e a contatto con la pelle Nocivo: possibilità di effetti irreversibili per inalazione ed ingestione Nocivo: possibilità di effetti irreversibili a contatto con la pelle e per ingestione Nocivo: possibilità di effetti irreversibili per inalazione, a contatto con la pelle e per ingestione Può provocare sensibilizzazione per inalazione e contatto con la pelle Nocivo: pericolo di gravi danni per la salute in caso di esposizione prolungata per inalazione Nocivo: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata a contatto con la pelle Nocivo: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata per ingestione Nocivo: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata per inalazione e a contatto con la pelle Nocivo: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata per inalazione e ingestione Nocivo: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata a contatto con la pelle e per ingestione Nocivo: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata per inalazione, a 40

41 DVR Frase di Rischio R48/ R48/4 R48/5 R48//4 R48//5 R48/4/5 R48//4/5 R68/0 R68/1 R68/ R68/0/1 R68/0/ R68/1/ R68/0/1/ R68/1 Significato contatto con la pelle e per ingestione Tossico: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata per inalazione Tossico: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata a contatto con la pelle Tossico: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata per ingestione Tossico: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata per inalazione e a contatto con la pelle Tossico: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata per inalazione ed i ingestione Tossico: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata a contatto con la pelle e per ingestione Tossico: pericolo di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata per inalazione, a contatto con la pelle e per ingestione Nocivo: possibilità di effetti irreversibili per inalazione Nocivo: possibilità di effetti irreversibili a contatto con la pelle Nocivo: possibilità di effetti irreversibili per ingestione Nocivo: possibilità di effetti irreversibili per inalazione e a contatto con la pelle Nocivo: possibilità di effetti irreversibili per inalazione e ingestione Nocivo: possibilità di effetti irreversibili a contatto con la pelle e per ingestione Nocivo: possibilità di effetti irreversibili per inalazione, a contatto con la pelle e per ingestione Nocivo: possibilità di effetti irreversibili a contatto con la pelle I CONSIGLI DI PRUDENZA Sono sintetizzati dalla lettera S seguita da un numero, secondo il seguente codice: Codice di Prudenza S1 S S S4 S5 S6 S7 S8 S9 S1 S1 S14 S15 S16 S17 S18 S0 S1 S S S4 S5 S6 S7 S8 S9 S0 S S4 S5 S6 S7 S8 S9 Misura di prevenzione Conservare sotto chiave Conservare fuori della portata dei bambini Conservare in luogo fresco Conservare lontano da locali di abitazione Conservare sotto... (liquido appropriato da indicarsi da parte del fabbricante) Conservare sotto... (gas inerte da indicarsi da parte del fabbricante) Conservare il recipiente ben chiuso Conservare al riparo dell umidità Conservare il recipiente in luogo ben ventilato Non chiudere ermeticamente il recipiente Conservare lontano da alimenti o mangimi e da bevande Conservare lontano da... (sostanze incompatibili da precisare da parte del produttore) Conservare lontano dal calore Conservare lontano da fiamme e scintille - Non fumare Tenere lontano da sostanze combustibili Manipolare ed aprire il recipiente con cautela Non mangiare né bere durante l impiego Non fumare durante l impiego Non respirare le polveri Non respirare i gas/fumi/vapori/aerosol (termini appropriati da precisare da parte del produttore) Evitare il contatto con la pelle Evitare il contatto con gli occhi In caso di contatto con gli occhi, lavare immediatamente e abbondantemente con acqua e consultare il medico Togliersi di dosso immediatamente gli indumenti contaminati In caso di contatto con la pelle lavarsi immediatamente ed abbondantemente con i prodotti indicati da parte del fabbricante Non gettare i residui nelle fognature Non versare acqua sul prodotto Evitare l accumulo di cariche elettrostatiche Evitare l urto e lo sfregamento Non disfarsi del prodotto e del recipiente se non con le dovute precauzioni Usare indumenti protettivi adatti Usare guanti adatti In caso di ventilazione insufficiente, usare un apparecchio respiratorio adatto Proteggersi gli occhi e la faccia 41

42 DVR Codice di Prudenza S40 S41 S4 S4 S44 S45 S46 S47 S48 S49 S50 S51 S5 S5 S1/ S/7/9 S/9 S/9/14 S/9/14/49 S/9/49 S/14 S7/8 S7/9 S0/1 S4/5 S6/7 S6/7/9 S6/9 S7/9 S47/9 Misura di prevenzione Per pulire il pavimento e gli oggetti contaminati da questo prodotto, usare...(da precisare da parte del produttore) In caso di incendio e/o esplosione non respirare i fumi Durante le fumigazioni usare un apparecchio respiratorio adatto (termini appropriati da precisare da parte del produttore) In caso di incendio usare... (mezzi estinguenti idonei da indicarsi da parte del fabbricante. Se l acqua aumenta il rischio precisare Non usare acqua ) In caso di malessere consultare il medico (se possibile mostrargli l etichetta) In caso di incidente o di malessere consultare immediatamente il medico (se possibile mostragli l etichetta) In caso d ingestione consultare immediatamente il medico (se possibile mostrargli l etichetta) Conservare a temperatura non superiore a... C (da precisare da parte del fabbricante) Mantenere umido con... (mezzo appropriato da precisare da parte del fabbricante) Conservare soltanto nel recipiente originale Non mescolare con...(da specificare da parte del fabbricante) Usare soltanto in luogo ben ventilato Non utilizzare su grandi superfici in locali abitati Evitare l esposizione - procurarsi speciali istruzioni prima dell uso Conservare sotto chiave e fuori della portata dei bambini Tenere il recipiente ben chiuso in luogo fresco e ben ventilato Tenere il recipiente in luogo fresco e ben ventilato Conservare in luogo fresco e ben ventilato lontano da..(materiali incompatibili, da precisare da parte del fabbricante) Conservare soltanto nel contenitore originale in luogo fresco e ben ventilato lontano da (materiali incompatibili, da precisare da parte del fabbricante) Conservare soltanto nel contenitore originale in luogo fresco e ben ventilato Conservare in luogo fresco lontano da... (materiali incompatibili, da precisare dal fabbricante) Conservare il recipiente ben chiuso e al riparo dall umidità Tenere il recipiente ben chiuso e in luogo ben ventilato Non mangiare, né bere, né fumare durante l impiego Evitare il contatto con gli occhi e con la pelle Usare indumenti protettivi e guanti adatti Usare indumenti protettivi e guanti adatti e proteggersi gli occhi/la faccia Usare indumenti protettivi adatti e proteggersi gli occhi/la faccia Usare guanti adatti e proteggersi gli occhi/la faccia Conservare solo nel contenitore originale a temperatura non superiore a... C (da precisare da parte del fabbricante) 4

43 DVR CLASSIFICAZIONE SECONDO IL REGOLAMENTO CE 17/08 Il Regolamento CLP definisce 8 classi di pericolo: 16 classi di pericolo fisico, 10 classi di pericolo per la salute umana, una classe di pericolo per l'ambiente e una classe supplementare per le sostanze pericolose per lo strato di ozono. Alcune classi di pericolo possono comprendere differenziazioni, altre possono comprendere categorie di pericolo. Il regolamento CLP prevede, inoltre, l indicazione di informazioni aggiuntive Avvertenza : tale informazione è funzione della classe e categoria. L Avvertenza può essere: - Attenzione, - Pericolo Si utilizza l avvertenza Pericolo per le categoria più gravi, Attenzione per le categorie meno gravi. Per alcune sostanze (per le classificazioni della tossicità acuta della categoria 1 e della tossicità cronica della categoria 1 per l ambiente acquatico), anziché i limiti di concentrazione specifici, devono essere fissati i cosiddetti fattori M (fattori moltiplicatori). Il regolamento CLP prevede l indicazione di informazioni aggiuntive, Notazioni, per sostanze e miscele. Per una sostanza classificata secondo le regole previste dal CLP, vengono fornite le informazioni circa: - i Pittogrammi; l Avvertenza; le Frasi H; le Frasi EUH (eventuali); le Frasi P. I PITTOGRAMMI Il Regolamento CLP prevede 9 pittogrammi di cui 5 per i pericoli fisici, per i pericoli per la salute ed 1 per i pericoli per l ambiente. Alcune classi e categorie non prevedono l uso di un pittogramma. Per ogni Pittogramma sono identificate le classi e categorie di pericolo associate. Simbolo Codice Classi e categorie GHS01 Esplosivi instabili; Esplosivi delle divisioni 1.1, 1., 1. e 1.4 Sostanze e miscele autoreattive, tipi A e B Perossidi organici, tipi A e B GHS0 Gas infiammabili, categoria di pericolo 1 Aerosol infiammabili, categorie di pericolo 1 e Liquidi infiammabili, categorie di pericolo 1, e Solidi infiammabili, categorie di pericolo 1 e Solidi infiammabili, categorie di pericolo 1 e Sostanze e miscele autoreattive, tipi B, C, D, E, F Liquidi piroforici, categoria di pericolo 1 Solidi piroforici, categoria di pericolo 1 Sostanze e miscele autoriscaldanti, categorie di pericolo 1 e Sostanze e miscele che a contatto con l acqua emettono gas infiammabili, categorie di pericolo 1, e Perossidi organici, tipi B, C, D, E, F 4

44 DVR Non è necessario un pittogramma GHS0 Gas comburenti, categoria di pericolo 1 Liquidi comburenti, categorie di pericolo 1, e Solidi comburenti, categorie di pericolo 1, e GHS04 Gas sotto pressione: Gas compressi; Gas liquefatti; Gas liquefatti refrigerati; Gas disciolti. GHS05 Corrosivo per i metalli, categoria di pericolo 1 Corrosione cutanea, categorie di pericolo 1A, 1B e 1C Gravi lesioni oculari, categoria di pericolo 1 GHS06 Tossicità acuta (per via orale, per via cutanea, per inalazione), categorie di pericolo 1, e GHS07 Tossicità acuta (per via orale, per via cutanea, per inalazione), categoria di pericolo 4 Irritazione cutanea, categoria di pericolo Irritazione oculare, categoria di pericolo Sensibilizzazione cutanea, categoria di pericolo 1 Tossicità specifica per organi bersaglio esposizione singola, categoria di pericolo Irritazione delle vie respiratorie Narcosi GHS08 Sensibilizzazione delle vie respiratorie, categoria di pericolo 1 Mutagenicità sulle cellule germinali, categorie di pericolo 1A, 1B e Cancerogenicità, categorie di pericolo 1A, 1B, Tossicità per la riproduzione, categorie di pericolo 1A, 1B e Tossicità specifica per organi bersaglio esposizione singola, categorie di pericolo 1 e Tossicità specifica per organi bersaglio esposizione ripetuta, categorie di pericolo 1 e Pericolo in caso di aspirazione, categoria di pericolo 1 GHS09 Pericoloso per l ambiente acquatico pericolo acuto, categoria 1 pericolo cronico, categorie 1 e Esplosivi della divisione 1.5 Esplosivi della divisione 1.6 Gas infiammabili, categoria di pericolo Sostanze e miscele autoreattive, tipo G Perossidi organici, tipo G Tossicità per la riproduzione, effetti sull allattamento o attraverso l allattamento, categoria di pericolo supplementare 44

45 DVR LE INDICAZIONI DI PERICOLO Le Frasi H, che corrispondono alle Frasi R previste dalla classificazione secondo la Direttiva 67/548/CE, costituiscono gli Indicatori di pericolo ( Hazard statements ): sono sintetizzati dalla lettera H seguita da un numero, secondo il seguente codice: Indicazione di pericolo H00 H01 H0 H0 H04 H05 H0 H1 H H H4 H5 H6 H8 H40 H41 H4 H50 H51 H5 H60 H61 H70 H71 H7 H80 H81 H90 H00 H01 H0 H04 H10 H11 H1 H14 H15 H17 H18 H19 H0 H1 H H4 H5 H6 H40 H41 H50 H50i H51 H60 Significato Esplosivo instabile Esplosivo; pericolo di esplosione di massa Esplosivo; grave pericolo di proiezione. Esplosivo; pericolo di incendio, di spostamento d'aria o di proiezione Pericolo di incendio o di proiezione Pericolo di esplosione di massa in caso d'incendio Gas altamente infiammabile Gas infiammabile Aerosol altamente infiammabile Aerosol infiammabile Liquido e vapori altamente infiammabili Liquido e vapori facilmente infiammabili Liquido e vapori infiammabili Solido infiammabile Rischio di esplosione per riscaldamento Rischio d'incendio o di esplosione per riscaldamento Rischio d'incendio per riscaldamento Spontaneamente infiammabile all'aria Autoriscaldante; può infiammarsi Autoriscaldante in grandi quantità; può infiammarsi A contatto con l'acqua libera gas infiammabili che possono infiammarsi spontaneamente A contatto con l'acqua libera gas infiammabili Può provocare o aggravare un incendio; comburente Può provocare un incendio o un'esplosione; molto comburente Può aggravare un incendio; comburente Contiene gas sotto pressione; può esplodere se riscaldato Contiene gas refrigerato; può provocare ustioni o lesioni criogeniche Può essere corrosivo per i metalli Letale se ingerito Tossico se ingerito Nocivo se ingerito Può essere letale in caso di ingestione e di penetrazione nelle vie respiratorie Letale per contatto con la pelle Tossico per contatto con la pelle Nocivo per contatto con la pelle Provoca gravi ustioni cutanee e gravi lesioni oculari Provoca irritazione cutanea Può provocare una reazione allergica cutanea Provoca gravi lesioni oculari Provoca grave irritazione oculare Letale se inalato Tossico se inalato Nocivo se inalato Può provocare sintomi allergici o asmatici o difficoltà respiratorie se inalato Può irritare le vie respiratorie Può provocare sonnolenza o vertigini Può provocare alterazioni genetiche <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun'altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo> Sospettato di provocare alterazioni genetiche <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun'altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo> Può provocare il cancro<indicare la via di esposizione se è accertato che nessun'altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo> Può provocare il cancro se inalato Sospettato di provocare il cancro <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun'altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo> Può nuocere alla fertilità o al feto <indicare l'effetto specifico, se noto> <indicare la via di 45

46 DVR Indicazione di pericolo H60F H60D H61 H61f H61d H60FD H61fd H60Fd H60Df H6 H70 H71 H7 H7 H400 H410 H411 H41 H41 Significato esposizione se è accertato che nessun'altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo> Può nuocere alla fertilità Può nuocere al feto Sospettato di nuocere alla fertilità o al feto <indicare l'effetto specifico, se noto> <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun'altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo> Sospettato di nuocere alla fertilità Sospettato di nuocere al feto Può nuocere alla fertilità. Può nuocere al feto Sospettato di nuocere alla fertilità Sospettato di nuocere al feto Può nuocere alla fertilità. Sospettato di nuocere al feto Può nuocere al feto. Sospettato di nuocere alla fertilità Può essere nocivo per i lattanti allattati al seno Provoca danni agli organi <o indicare tutti gli organi interessati, se noti> <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun'altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo>. Può provocare danni agli organi <o indicare tutti gli organi interessati, se noti> <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun'altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo> Provoca danni agli organi <o indicare tutti gli organi interessati, se noti> in caso di esposizione prolungata o ripetuta <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun'altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo> Può provocare danni agli organi <o indicare tutti gli organi interessati, se noti> in caso di esposizione prolungata o ripetuta <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun'altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo> Molto tossico per gli organismi acquatici Molto tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata Tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata Nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata Può essere nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata Alcune Frasi R non trovano un corrispondente nel sistema GHS, ma sono state comunque inglobate nel CLP nel principio di mantenere il livello di protezione più elevato già esistente. Tali frasi sono indicate con la lettera EUH seguita da un numero, secondo il seguente codice: Indicazione di pericolo EUH 001 EUH 006 EUH 014 EUH 018 EUH 019 EUH 044 EUH 09 EUH 01 EUH 0 EUH 066 EUH 070 EUH 071 EUH 059 EUH 01 EUH 01A EUH 0 EUH 0 EUH 04 EUH 05 EUH 06 EUH 07 EUH 08 EUH 09 EUH 09A EUH 10 Significato Esplosivo allo stato secco Esplosivo a contatto o senza contatto con l'aria Reagisce violentemente con l'acqua. Durante l'uso può formarsi una miscela vapore-aria esplosiva/infiammabile Può formare perossidi esplosivi Rischio di esplosione per riscaldamento in ambiente confinato A contatto con l'acqua libera un gas tossico A contatto con acidi libera gas tossici A contatto con acidi libera gas molto tossici L'esposizione ripetuta può provocare secchezza o screpolature della pelle Tossico per contatto oculare Corrosivo per le vie respiratorie Pericoloso per lo strato di ozono Contiene piombo. Non utilizzare su oggetti che possono essere masticati o succhiati da bambini Attenzione! Contiene piombo Cianoacrilato. Pericolo. Incolla la pelle e gli occhi in pochi secondi. Tenere fuori dalla portata dei bambini Contiene cromo (VI). Può provocare una reazione allergica Contiene isocianati. Può provocare una reazione allergica Contiene componenti epossidici. Può provocare una reazione allergica Attenzione! Non utilizzare in combinazione con altri prodotti. Possono formarsi gas pericolosi (cloro) Attenzione! Contiene cadmio. Durante l'uso si sviluppano fumi pericolosi. Leggere le informazioni fornite dal fabbricante. Rispettare le disposizioni di sicurezza Contiene (denominazione della sostanza sensibilizzante). Può provocare una reazione allergica Può diventare facilmente infiammabile durante l'uso Può diventare infiammabile durante l'uso Scheda dati di sicurezza disponibile su richiesta 46

47 DVR Indicazione di pericolo EUH 401 Significato Per evitare rischi per la salute umana e per l'ambiente, seguire le istruzioni per l'uso I CONSIGLI DI PRUDENZA I consigli di prudenza, che corrispondono alle Frasi S previste dalla classificazione secondo la Direttiva 67/548/CE, sono suddivisi in quattro tipologie: Prevenzione (es. P64: lavare accuratamente con dopo l uso), Reazione (es. P01: in caso di ingestione ), Conservazione (es. P405: conservare sotto chiave) e Smaltimento (es. P501: smaltire il prodotto/recipiente in ). Sono sintetizzati dalla lettera P seguita da un numero, secondo il seguente codice: Consigli di prudenza di carattere generale Codice di Prudenza P101 P10 P10 Misura di prevenzione In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l'etichetta del prodotto Tenere fuori dalla portata dei bambini Leggere l etichetta prima dell uso Consigli di prudenza - prevenzione Codice di Prudenza P01 P01 P10 P11 P0 P1 P P P0 P1 P P P4 P5 P40 P41 P4 P4 P44 P50 P51 P60 Misura di prevenzione Procurarsi le istruzioni prima dell uso Non manipolare prima di avere letto e compreso tutte le avvertenze Tenere lontano da fonti di calore/scintille/fiamme libere/superfici riscaldate - Non fumare. (Fonti di accensione da precisarsi dal fabbricante/fornitore; Liquidi comburenti, Solidi comburenti, specificare: Tenere lontano da fonti di calore) Non vaporizzare su una fiamma libera o altra fonte di accensione Tenere/conservare lontano da indumenti/ /materiali combustibili. (Materiali incompatibili da precisarsi dal fabbricante/fornitore; Liquidi comburenti, Solidi comburenti, Specificare: Tenere lontano da indumenti e da altri materiali incompatibili.) Prendere ogni precauzione per evitare di miscelare con sostanze combustibili/ (Materiali incompatibili da precisarsi dal fabbricante/fornitore.) Evitare il contatto con l aria Evitare qualsiasi contatto con l acqua. Pericolo di reazione violenta e di infiammazione spontanea Mantenere umido con [Materiale appropriato da precisarsi dal fabbricante. Se l essiccazione aumenta il pericolo di esplosione, tranne se è necessaria per processi di fabbricazione o di funzionamento (per es. nitrocellulosa)] Manipolare in gas inerte Proteggere dall umidità Tenere il recipiente ben chiuso. Per Tossicità acuta - per inalazione, Tossicità specifica per organi bersaglio - esposizione singola; irritazione delle vie respiratorie, Tossicità specifica per organi bersaglio - esposizione singola; narcosi: Tenere il recipiente ben chiuso se la volatilità del prodotto è tale da generare un atmosfera pericolosa Conservare soltanto nel contenitore originale Conservare in luogo fresco Mettere a terra/a massa il contenitore e il dispositivo ricevente. Per Esplosivi: se l esplosivo è sensibile all elettricità statica. Per Liquidi infiammabili: se un materiale sensibile all elettricità statica deve essere ricaricato; se la volatilità del prodotto è tale da generare un atmosfera pericolosa. Per Solidi infiammabili: se un materiale sensibile all elettricità statica deve essere ricaricato Utilizzare impianti elettrici/di ventilazione/d illuminazione a prova di esplosione. Per Liquidi infiammabili: Altri apparecchi da precisarsi dal fabbricante/fornitore. Per Solidi infiammabili: Altri apparecchi da precisarsi dal fabbricante/fornitore se possono formarsi nubi di polvere Utilizzare solo utensili antiscintillamento Prendere precauzioni contro le scariche elettrostatiche Mantenere le valvole di riduzione libere da grasso e olio. Evitare le abrasioni/gli urti/ /gli attriti (Tipo di manipolazione da precisarsi dal fabbricante/fornitore) Recipiente sotto pressione: non perforare né bruciare, neppure dopo l uso Non respirare la polvere/i fumi/i gas/la nebbia/i vapori/gli aerosol. Condizioni applicabili da precisarsi dal fabbricante/fornitore. Per Corrosione cutanea, Tossicità per la riproduzione effetti sull allattamento o attraverso l allattamento, specificare: Non respirare le polveri o le 47

48 DVR Codice di Prudenza P61 P6 P6 P64 P70 P71 P7 P7 P80 P81 P8 P8 P84 P85 P1 + P P5 + P410 Misura di prevenzione nebbie; se particelle inalabili di polveri o nebbie possono liberarsi durante l uso Evitare di respirare la polvere/i fumi/i gas/la nebbia/i vapori/gli aerosol (Condizioni applicabili da precisarsi dal fabbricante/fornitore.) Evitare il contatto con gli occhi, la pelle o gli indumenti Evitare il contatto durante la gravidanza/l allattamento Lavare accuratamente dopo l uso (Parti del corpo da lavare dopo la manipolazione da precisarsi dal fabbricante/fornitore) Non mangiare, né bere, né fumare durante l uso Utilizzare soltanto all aperto o in luogo ben ventilato Gli indumenti da lavoro contaminati non dovrebbero essere portati fuori dal luogo di lavoro Non disperdere nell ambiente (se questo non è l uso previsto) Indossare guanti/indumenti protettivi/proteggere gli occhi/proteggere il viso. Tipo di dispositivo da precisarsi dal fabbricante/fornitore. Per Esplosivi precisare: proteggere il viso. Per Liquidi infiammabili, Solidi infiammabili, Sostanze e miscele autoreattive. Liquidi piroforici, Solidi piroforici, Sostanze e miscele autoriscaldanti, Sostanze e miscele che, a contatto con l'acqua, liberano gas infiammabili, Liquidi comburenti, Solidi comburenti, Perossidi organici, precisare: indossare guanti protettivi e proteggere gli occhi/il viso. Per Tossicità acuta - per via cutanea precisare: indossare guanti/indumenti protettivi. Per Corrosione cutanea, Precisare: indossare guanti/indumenti protettivi e proteggere gli occhi/il viso. Per Irritazione cutanea, Sensibilizzazione della pelle, Precisare: indossare guanti protettivi. Per Gravi danni oculari/irritazione oculare, Irritazione oculare, Precisare: proteggere gli occhi/il viso Utilizzare il dispositivo di protezione individuale richiesto Utilizzare guanti termici/schermo facciale/proteggere gli occhi Indossare indumenti resistenti al fuoco/alla fiamma/ignifughi Utilizzare un apparecchio respiratorio. (Apparecchio da precisarsi dal fabbricante/fornitore) In caso di ventilazione insufficiente utilizzare un apparecchio respiratorio. (Apparecchio da precisarsi dal fabbricante/fornitore) Manipolare in gas inerte. Tenere al riparo dall umidità Tenere in luogo fresco. Proteggere dai raggi solari Consigli di prudenza - reazione Codice di Prudenza P01 P0 P0 P04 P05 P06 P07 P08 P09 P10 P11 P1 P1 P14 P15 P0 P1 P P0 P1 P Misura di prevenzione IN CASO DI INGESTIONE: IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE (o con i capelli): IN CASO DI INALAZIONE: IN CASO DI CONTATTO CON GLI OCCHI: IN CASO DI CONTATTO CON GLI INDUMENTI: IN CASO DI ESPOSIZIONE: In caso di esposizione o di possibile esposizione: In caso di esposizione o di malessere: Contattare immediatamente un CENTRO ANTIVELENI o un medico Contattare un CENTRO ANTIVELENI o un medico In caso di malessere, contattare un CENTRO ANTIVELENI o un medico Consultare un medico In caso di malessere, consultare un medico Consultare immediatamente un medico Trattamento specifico urgente (vedere su questa etichetta). Riferimento a istruzioni supplementari di pronto soccorso, se è necessaria la somministrazione immediata di un antidoto Trattamento specifico (vedere su questa etichetta). Per Tossicità acuta - per via orale: Riferimento a istruzioni supplementari di pronto soccorso se è necessaria la somministrazione immediata di un antidoto. Per Tossicità acuta - per inalazione, Tossicità specifica per organi bersaglio - esposizione singola: Riferimento a istruzioni supplementari di pronto soccorso se sono necessari interventi immediati. Per Sensibilizzazione della pelle, Corrosione cutanea, Irritazione cutanea: Riferimento a istruzioni supplementari di pronto soccorso, il fabbricante/fornitore può specificare, se del caso, un prodotto di pulizia Interventi specifici (vedere su questa etichetta). Riferimento a istruzioni supplementari di pronto soccorso, se sono consigliati interventi (immediati) quali l uso di un prodotto di pulizia particolare Sciacquare la bocca NON provocare il vomito In caso di irritazione della pelle: 48

49 DVR Codice di Prudenza P P4 P5 P6 P7 P8 P40 P41 P4 P50 P51 P5 P5 P60 P61 P6 P6 P70 P71 P7 P7 P74 P75 P76 P77 P78 P80 P81 P90 P91 P01 + P10 P01 + P1 P01 + P0 + P1 P0 + P4 P0 + P50 P0 + P5 P0 + P61 + P5 P04 + P40 P04 + P41 P05 + P51 + P8 P06 + P60 P07 P08 P09 P P P11 P1 P11 P1 P1 P5 + P4 Misura di prevenzione In caso di irritazione o eruzione della pelle: Immergere in acqua fredda/avvolgere con un bendaggio umido Rimuovere dalla pelle le particelle Sgelare le parti congelate usando acqua tiepida. Non sfregare la parte interessata Se l irritazione degli occhi persiste: Togliere le eventuali lenti a contatto se è agevole farlo. Continuare a sciacquare Trasportare l'infortunato all aria aperta e mantenerlo a riposo in posizione che favorisca la respirazione Se la respirazione è difficile, trasportare l'infortunato all aria aperta e mantenerlo a riposo in posizione che favorisca la respirazione In caso di sintomi respiratori: Lavare delicatamente e abbondantemente con acqua e sapone Sciacquare accuratamente per parecchi minuti Lavare abbondantemente con acqua e sapone Sciacquare la pelle/fare una doccia Sciacquare immediatamente e abbondantemente gli indumenti contaminati e la pelle prima di togliersi gli indumenti Togliersi di dosso immediatamente tutti gli indumenti contaminati Togliersi di dosso gli indumenti contaminati e lavarli prima di indossarli nuovamente Lavare gli indumenti contaminati prima di indossarli nuovamente In caso di incendio: In caso di incendio grave e di grandi quantità: Rischio di esplosione in caso di incendio. Tranne se gli esplosivi sono MUNIZIONI 1.4S E LORO COMPONENTI NON utilizzare mezzi estinguenti se l incendio raggiunge materiali esplosivi Utilizzare i mezzi estinguenti con le precauzioni abituali a distanza ragionevole. Se gli esplosivi sono MUNIZIONI 1.4S E LORO COMPONENTI Rischio di esplosione. Utilizzare i mezzi estinguenti a grande distanza Bloccare la perdita se non c è pericolo In caso d incendio dovuto a perdita di gas, non estinguere a meno che non sia possibile bloccare la perdita senza pericolo Estinguere con (Agenti appropriati da precisarsi dal fabbricante/fornitore, se l acqua aumenta il rischio) Evacuare la zona Eliminare ogni fonte d accensione se non c è pericolo Assorbire la fuoriuscita per evitare danni materiali Raccogliere la fuoriuscita IN CASO DI INGESTIONE: contattare immediatamente un CENTRO ANTIVELENI o un medico IN CASO DI INGESTIONE accompagnata da malessere: contattare un CENTRO ANTIVELENI o un medico IN CASO DI INGESTIONE: sciacquare la bocca. NON provocare il vomito IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: immergere in acqua fredda/avvolgere con un bendaggio umido IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: lavare delicatamente e abbondantemente con acqua e sapone IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: lavare abbondantemente con acqua e sapone IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE (o con i capelli): togliersi di dosso immediatamente tutti gli indumenti contaminati. Sciacquare la pelle/fare una doccia IN CASO DI INALAZIONE: trasportare l'infortunato all aria aperta e mantenerlo a riposo in posizione che favorisca la respirazione IN CASO DI INALAZIONE: se la respirazione è difficile, trasportare l'infortunato all aria aperta e mantenerlo a riposo in posizione che favorisca la respirazione IN CASO DI CONTATTO CON GLI OCCHI: Sciacquare accuratamente per parecchi minuti. Togliere le eventuali lenti a contatto se è agevole farlo. Continuare a sciacquare IN CASO DI CONTATTO CON GLI INDUMENTI: sciacquare immediatamente e abbondantemente gli indumenti contaminati e la pelle prima di togliersi gli indumenti In caso di esposizione, contattare un CENTRO ANTIVELENI o un medico In caso di esposizione o di temuta esposizione, consultare un medico In caso di esposizione o di malessere, contattare un CENTRO ANTIVELENI o un medico In caso di irritazione della pelle, consultare un medico In caso di irritazione o eruzione della pelle, consultare un medico Rimuovere dalla pelle le particelle. Immergere in acqua fredda/avvolgere con un bendaggio umido 49

50 DVR Codice di Prudenza P7 + P1 P4 + P11 P70 + P76 P70 + P78 P70 + P80 P70 + P80 + P75 P71 + P80 + P75 Misura di prevenzione Se l irritazione degli occhi persiste, consultare un medico In caso di sintomi respiratori, contattare un CENTRO ANTIVELENI o un medico In caso di incendio, bloccare la perdita, se non c è pericolo In caso di incendio, estinguere con (Agenti appropriati da precisarsi dal fabbricante/fornitore, se l acqua aumenta il rischio) Evacuare la zona in caso di incendio In caso di incendio, evacuare la zona. Rischio di esplosione. Utilizzare i mezzi estinguenti a grande distanza In caso di incendio grave e di grandi quantità, evacuare la zona. Rischio di esplosione. Utilizzare i mezzi estinguenti a grande distanza Consigli di prudenza - conservazione Codice di Prudenza P401 P40 P40 P404 P405 P406 P407 P410 P411 P41 P41 P40 P4 P40 + P404 P40 + P P40 + P5 P410 + P40 P410 + P41 P411 + P5 Misura di prevenzione Conservare in conformità alla regolamentazione locale/regionale/nazionale/internazionale (da specificare) Conservare in luogo asciutto Conservare in luogo ben ventilato. (se la volatilità del prodotto è tale da generare un atmosfera pericolosa) Conservare in un recipiente chiuso Conservare sotto chiave Conservare in recipiente resistente alla corrosione/provvisto di rivestimento interno resistente. (Altri materiali compatibili da precisarsi dal fabbricante/fornitore) Mantenere uno spazio libero tra gli scaffali/i pallet Proteggere dai raggi solari Conservare a temperature non superiori a C/ F. (Temperatura da precisarsi dal fabbricante/fornitore.) Non esporre a temperature superiori a 50 C/1 F Conservare le rinfuse di peso superiore a kg/ lb a temperature non superiori a C/ F. (Massa e temperatura da precisarsi dal fabbricante/fornitore.) Conservare lontano da altri materiali Conservare sotto (Liquido o gas inerte da precisarsi dal fabbricante/fornitore.) Conservare in luogo asciutto e in recipiente chiuso Tenere il recipiente ben chiuso e in luogo ben ventilato, se la volatilità del prodotto è tale da generare un atmosfera pericolosa Conservare in luogo fresco e ben ventilato Conservare in luogo ben ventilato e proteggere dai raggi solari Proteggere dai raggi solari. Non esporre a temperature superiori a 50 C/1 F Conservare in luogo fresco a temperature non superiori a C/ F. (Temperatura da precisarsi dal fabbricante/fornitore.) Consigli di prudenza - smaltimento Codice di Prudenza P501 Misura di prevenzione Smaltire il prodotto/recipiente in (in conformità locale/regionale/nazionale/internazionale (da specificare) alla regolamentazione 50

51 DVR TABELLA DI CONVERSIONE DALLA CLASSIFICAZIONE SECONDO DIR. 67/548/CEE ALLA CLASSIFICAZIONE SECONDO IL REG. CE 17/08 Classificazione secondo la direttiva 67/548/CEE Stato fisico della sostanza (se pertinente) Classificazione secondo il Reg. 17/08 Classe e categoria di Indicazione di pericolo pericolo E; R La conversione diretta non è possibile. E; R O; R7 La conversione diretta non è possibile. Org. Perox. CD H4 Org. Perox. EF H4 Nota O; R8 O; R8 O; R9 gas liquido, solido liquido Ox. Gas. 1 O; R9 R10 solido liquido F; R11 liquido F; R11 F+; R1 solido gas F+; R1 F+; R1 liquido liquido Ox. Sol. 1 H71 La conversione diretta non è possibile. La conversione corretta di R10, liquido è: Flam. Liq. 1, H4 se il punto di infiammabilità < C e il punto iniziale di ebollizione 5 C Flam. Liq., H5 se il punto di infiammabilità < C e il punto iniziale di ebollizione 5 C Flam. Liq., H6 se il punto di infiammabilità C La conversione diretta non è possibile. La conversione corretta di F; R11, liquido è: Flam. Liq. 1, H4 se il punto iniziale di ebollizione 5 C Flam. Liq., H5 se il punto iniziale di ebollizione > 5 C La conversione diretta non è possibile. La conversione diretta non è possibile. La conversione corretta di F+; R1, gas risulta in Flam. Gas. 1, H0 o in Flam. Gas., H1 Flam. Liq. 1 H4 Self-react. CD H4 Self-react. EF H4 Self-react. G nulla La conversione non è possibile. F; R15 Ox. Liq. 1 H70 La conversione diretta non è possibile. H71 F; R17 liquido Pyr. Liq. 1 H50 F; R17 n; R0 n; R0 n; R0 solido gas vapori polvere/nebbia Pyr. Sol. 1 Acute Tox.4 Acute Tox.4 Acute Tox.4 H50 H H H (1) (1) Acute Tox.4 H1 (1) n; R1 n; R T; R T; R T; R T; R4 gas vapori polvere/nebbia Acute Acute Acute Acute Acute Tox.4 Tox. Tox. Tox. Tox. H0 H1 H0 H1 H11 (1) (1) T; R5 T+; R6 T+; R6 T+; R6 T+; R7 gas vapori polvere/nebbia Acute Acute Acute Acute Acute Tox. Tox. Tox.1 Tox. Tox.1 H01 H0 H0 H0 H10 (1) (1) T+; R8 Acute Tox. H00 (1) R STOT RE H7 () C; R4 Skin Corr. 1B H14 () C; R5 Skin Corr. 1A H14 i; R6 Eye Irrit. H19 i; R7 STOT SE H5 i; R8 Skin Irrit. H15 T; R9/ STOT SE 1 H70 (1) (1) (1) () 51

52 DVR T; R9/4 STOT SE 1 H70 () T; R9/5 STOT SE 1 H70 () T+; R9/6 STOT SE 1 H70 () T+; R9/7 STOT SE 1 H70 () T+; R9/8 STOT SE 1 H70 () i; R41 Eye Dam. 1 H18 R4 Resp. Sens. 1 H4 R4 Skin Sens. 1 H17 n; R48/0 STOT RE H7 () n; R48/1 STOT RE H7 () n; R48/ STOT RE H7 () T; R48/ STOT RE 1 H7 () T; R48/4 STOT RE 1 H7 () T; R48/5 STOT RE 1 H7 () R64 Lact. H6 n; R65 Asp. Tox. 1 H04 R67 STOT SE H6 n; R68/0 STOT SE H71 () n; R68/1 STOT SE H71 () n; R68/ STOT SE H71 () Carc. Cat. 1; R45 Carc. 1A H50 Carc. Cat. ; R45 Carc. 1B H50 Carc. Cat. 1; R49 Carc. 1A H50i Carc. Cat. ; R49 Carc. 1B H50i Carc. Cat. ; R40 Carc. H51 Muta. Cat. ; R46 Muta. 1B H40 Muta. Cat. ; R68 Muta. H41 Repr. Cat. 1; R60 Repr. 1A H60F (4) Repr. Cat. ; R60 Repr. 1B H60F (4) Repr. Cat. 1; R61 Repr. 1A H60D (4) Repr. Cat. ; R61 Repr. 1B H60D (4) Repr. Cat. ; R6 Repr. H61f (4) Repr. Cat. ; R6 Repr. H61d (4) Repr. Cat. 1; R60-61 Repr. Cat. 1; R60 ReprRepr. Cat. ; R61 Repr. Cat. ; R60 Repr. Cat. 1; R61 Repr. Cat. ; R60-61 Repr. 1A H60FD Repr. 1A H60FD Repr. 1A H60FD Repr. 1B H60FD Repr. Cat. ; Repr. Cat. Repr. Cat. ; Repr. Cat. Repr. Cat. ; Repr. Cat. Repr. Cat. ; Repr. Cat. Repr. Cat. ; N; R50 N; R50-5 Repr. Repr. 1A H61fd H60Fd Repr. 1B H60Fd Repr. 1A H60Df Repr. 1B H60Df R6-6 1; R60 R6 ; R60 R6 1; R61 R6 ; R61 R6 N; R51-5 Aquatic. Acute 1 Aquatic. Acute 1 Aquatic Chronic 1 Aquatic Chronic H400 H400 H410 H411 R5-5 Aquatic Chronic H41 5

53 DVR R5 Aquatic Chronic 4 N; R59 Ozone H41 EUH059 CONVERSIONE TRA LE FRASI DI RISCHIO ATTRIBUITE SECONDO DIR. 67/548/CEE E LE PRESCRIZIONI SUPPLEMENTARI RELATIVE ALL ETICHETTATURA SECONDO IL REG. CE 17/08 Direttiva 67/548/CEE Regolamento CE 17/08 R1 R6 R14 R18 R19 R44 R9 R1 R R66 R9-41 EUH001 EUH006 EUH014 EUH018 EUH019 EUH044 EUH09 EUH01 EUH0 EUH066 EUH070 5

54 DVR PRESIDI DI PRIMO SOCCORSO In azienda, così come previsto dall art.45, commi 1 e del D.Lgs. 81/08, saranno presenti i presidi sanitari indispensabili per prestare le prime immediate cure ai lavoratori feriti o colpiti da malore improvviso. Detti presidi saranno contenuti in una Cassetta di Pronto Soccorso. CONTENUTO MINIMO DELLA CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO Guanti sterili monouso (5 paia) Visiera paraschizzi Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro (1) Flaconi di soluzione fisiologica ( sodio cloruro - 0, 9%) da 500 ml () Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (10) Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole () Teli sterili monouso () Pinzette da medicazione sterili monouso () Confezione di rete elastica di misura media (1) Confezione di cotone idrofilo (1) Confezioni di cerotti di varie misure pronti all'uso () Rotoli di cerotto alto cm.,5 () Un paio di forbici Lacci emostatici () Ghiaccio pronto uso (due confezioni) Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari () Termometro Apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa 54

55 DVR LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA D.Lgs. 6 marzo 001, n 151 La tutela della salute lavoratrici madri attraverso l eliminazione o riduzione dell esposizione a fattori di rischio professionali per le gravide, per l embrione ed il feto, con particolare attenzione a fattori di rischio abortigeni, mutageni e teratogeni, ha comportato la valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento fino a sette mesi dopo il parto, per le lavoratrici addette alle lavorazioni. A seguito della suddetta valutazione, sono state individuate le seguenti misure di prevenzione e protezione di ordine generale da adottare: Verranno modificati i ritmi lavorativi, in modo che essi non siano eccessivi e, che non comportino una posizione particolarmente affaticante. Se richiesto dal medico competente, o se obbligatorio per legge a causa di rischi specifici, si predisporrà che la lavoratrice venga adibita, in via provvisoria, ad altra mansione. In caso di ulteriori prescrizioni specifiche, esse verranno indicate nelle attività lavorative oggetto della valutazione dei rischi, riportate nel seguito. Le lavoratrici addette alle rispettive mansioni ed il rappresentante per la sicurezza sono stati informati sui risultati della valutazione e sulle conseguenti misure adottate. Nota L art.1, comma 1, del D.lgs. 151/001 ha introdotto la facoltà, per le lavoratrici dipendenti di datori di lavoro pubblici o privati, di utilizzare in forma flessibile il periodo dell interdizione obbligatoria dal lavoro di cui all art.4 della Legge 104/71 (due mesi prima del parto e tre mesi dopo il parto), posticipando un mese dell astensione prima del parto al periodo successivo al parto. Per poter avvalersi di tale facoltà, la lavoratrice gestante dovrà presentare apposita domanda al datore di lavoro e all ente erogatore dell indennità di maternità (INPS), corredata da certificazione del medico ostetrico-ginecologo del SSN o con esso convenzionato la quale esprima una valutazione, sulla base delle informazioni fornite dalla lavoratrice sull attività svolta, circa la compatibilità delle mansioni e relative modalità svolgimento ai fini della tutela della salute della gestante e del nascituro e, qualora la lavoratrice sia adibita a mansione comportante l obbligo di sorveglianza sanitaria, un certificato del Medico Competente attestante l assenza di rischi per lo stato di gestazione Qui di seguito viene riportato, anche a titolo informativo per le lavoratrici madri e per i soggetti interessati, l elenco dei principali pericoli per le lavoratrici stesse, con l indicazione delle principali conseguenze e dei divieti derivanti dalla vigente normativa in materia. ERGONOMIA PERICOLO ATTIVITÀ IN POSTURA ERETTA PROLUNGATA POSTURE INCONGRUE CONSEGUENZE Mutamenti fisiologici in corso di gravidanza (maggior volume sanguigno e aumento delle pulsazioni cardiache, dilatazione generale dei vasi sanguigni e possibile compressione delle vene addominali o pelviche ). favoriscono la congestione periferica durante la postura eretta. La compressione delle vene può ridurre il ritorno venoso con conseguente accelerazione compensativa del battito cardiaco materno e il manifestarsi di contrazioni uterine. Se la compensazione è insufficiente ne possono derivare vertigini e perdita di coscienza. Periodi prolungati in piedi durante la giornata lavorativa determinano per le donne un maggior rischio di parto prematuro. E' potenzialmente pericoloso lavorare in posti di lavoro ristretti o in postazioni non sufficientemente adattabili per tenere conto del crescente volume addominale, in particolare nelle ultime fasi della gravidanza. Ciò può determinare stiramenti o strappi muscolari. La destrezza, l'agilità, il DIVIETI D.Lgs 151/01 allegato A, lett.g (i lavori che comportano una stazione in piedi per piu' di meta' dell'orario) DIVIETO IN GRAVIDANZA durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro D.Lgs 151/01 allegato A, lett.g (lavori che obbligano ad una postazione particolarmente affaticante). DIVIETO IN GRAVIDANZA 55

56 DVR coordinamento, la velocità dei movimenti e l'equilibrio possono essere anch'essi limitati e ne può derivare un rischio accresciuto d'infortunio. LAVORO IN POSTAZIONI ELEVATE LAVORI CON MACCHINA MOSSA A PEDALE, QUANDO IL RITMO SIA FREQUENTE O ESIGA SFORZO MANOVALANZA PESANTE MOVIMENTAZIONE MANUALE CARICHI LAVORI SU MEZZI IN MOVIMENTO E' potenzialmente pericoloso per le lavoratrici gestanti lavorare in postazioni sopraelevate (ad esempio scale, piattaforme, ecc) a causa del rischio di cadute dall alto. Le attività fisiche particolarmente affaticanti sono considerate tra le cause di aborti spontanei. E' importante assicurare che il volume e il ritmo dell'attività non siano eccessivi e, dove possibile, le lavoratrici abbiano un certo controllo del modo in cui il lavoro è organizzato. La manovalanza pesante e/o la movimentazione manuale dei carichi pesanti è ritenuta pericolosa in gravidanza in quanto può determinare lesioni al feto e un parto prematuro. Con il progredire della gravidanza la lavoratrice è esposta ad un maggior rischio di lesioni causato dal rilassamento ormonale dei legamenti e dai problemi posturali ingenerati dalla gravidanza L'esposizione a vibrazioni a bassa frequenza, come accade per uso di mezzi in movimento, può accrescere il rischio di aborti spontanei. Il lavoro a bordo di veicoli può essere di pregiudizio per la gravidanza soprattutto per il rischio di microtraumi, scuotimenti, colpi, oppure urti, sobbalzi o traumi che interessino l'addome. durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro D.Lgs 151/01 allegato A, lett.e (i lavori su scale ed impalcature mobili e fisse) DIVIETO IN GRAVIDANZA durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro D.Lgs 151/01 allegato A, lett.h (i lavori con macchina mossa a pedale, o comandata a pedale, quando il ritmo del movimento sia frequente, o esiga un notevole sforzo) DIVIETO IN GRAVIDANZA durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro D.Lgs 151/01 allegato A, lett.f (lavori di manovalanza pesante ) D.Lgs 151/01 allegato C, ett.a,1,b (movimentazione manuale di carichi pesanti che comportano rischi, soprattutto dorsolombari) DIVIETO IN GRAVIDANZA durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro D.Lgs 151/01 allegato A, lett.o (i lavori a bordo delle navi, degli aerei, dei treni, dei pullman e di ogni altro mezzo di comunicazione in moto) DIVIETO IN GRAVIDANZA durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro 56

57 DVR AGENTI FISICI PERICOLO RUMORE CONSEGUENZE L'esposizione prolungata a rumori forti (> 80 dba) può determinare un aumento della pressione sanguigna e un senso di stanchezza; si ipotizza una vasocostrizione arteriolare che potrebbe essere responsabile di una diminuzione del flusso placentare. Sono, inoltre, possibili riduzioni di crescita del feto, con conseguente minor peso alla nascita. Evidenze sperimentali suggeriscono che una esposizione prolungata del nascituro a rumori forti durante la gravidanza può avere un effetto sulle sue capacità uditive dopo la nascita. DIVIETI D.Lgs 151/01 allegato C lett.a,1,c D.Lgs 151/01 allegato A lett. A (lavori vietati ai minori ai sensi dei DD.lgss. 45/99 e 6/00) D.Lgs 151/01 allegato A lett.c (malattie professionali) DIVIETO IN GRAVIDANZA (per esposizioni 80 dba) DIVIETO FINO A SETTE MESI DOPO IL PARTO (per esposizioni 85 dba) D.Lgs. 151/01 all.egato A lett.i (lavori con macchine scuotenti o con utensili che trasmettono intense vibrazioni) SCUOTIMENTI VIBRAZIONI SOLLECITAZIONI TERMICHE RADIAZIONI IONIZZANTI Un'esposizione di lungo periodo a vibrazioni che interessano il corpo intero può accrescere il rischio di parto prematuro o di neonati sotto peso e/o complicanze in gravidanza e parti prematuri. Durante la gravidanza le donne sopportano meno il calore ed è più facile che svengano o risentano dello stress da calore. L'esposizione a calore può avere esiti nocivi sulla gravidanza. Il lavoro a temperature molto fredde può essere pregiudizievole per la salute per gestanti, nascituro e puerpere. I rischi aumentano in caso di esposizione a sbalzi improvvisi di temperatura Una esposizione a radiazioni ionizzanti comporta dei rischi per il nascituro. Se una lavoratrice che allatta opera con liquidi o polveri radioattivi può determinarsi un' esposizione del bambino in particolare a seguito della contaminazione della pelle della madre. Sostanze contaminanti radioattive inalate o digerite dalla madre possono passare attraverso la placenta al nascituro e, attraverso il latte, al neonato. L esposizione durante il primo trimestre di gravidanza può DIVIETO IN GRAVIDANZA durante la gestazione e fino al termine del periodo di interdizione dal lavoro D.Lgs. 151 Allegato A lett. B (Lavori che impiegano utensili vibranti ad aria compressa o ad asse flessibile soggetti all obbligo di sorveglianza sanitaria) DIVIETO IN GRAVIDANZA E FINO A SETTE MESI DOPO IL PARTO D.Lgs. 151/01 Allegato A lett. A (celle frigorifere) D.Lgs. 151/01 allegato C lett.a,1,f (esposizione a sollecitazioni termiche rilevanti evidenziata dalla valutazione dei rischi) DIVIETO IN GRAVIDANZA DIVIETO FINO A SETTE MESI DOPO IL PARTO PER ESPOSIZIONI A TEMP. MOLTO BASSE (es. lavori nelle celle frigorifere) D.Lgs 151/01 art.8 (Le donne, durante la gravidanza, non possono svolgere attivita' in zone classificate o, comunque, essere adibite ad attivita' che potrebbero esporre il nascituro ad una dose che ecceda un millisievert durante il periodo della gravidanza) 57

58 DVR DIVIETO IN GRAVIDANZA Se esposizione nascituro > 1 msv provocare aborto, aumento malformazioni e deficit funzionali RADIAZIONI NON IONIZZANTI delle Al momento attuale non esistono dati certi sugli effetti provocati sulla gravidanza o sulla lattazione dalle radiazioni non ionizzanti. Non si può escludere che esposizioni a campi elettromagnetici intensi, come ad esempio quelli associati a fisioterapie (marconiterapia, radarterapia) o alla saldatura a radiofrequenza delle materie plastiche, possano determinare un rischio accresciuto per il nascituro. Sulla base degli studi epidemiologici effettuati, il lavoro al videoterminale non espone a RNI in grado di interferire con la normale evoluzione della gravidanza. D.Lgs 151/01 allegato A lett.d (i lavori che comportano l'esposizione alle radiazioni ionizzanti). DIVIETO IN GRAVIDANZA E FINO A SETTE MESI DOPO IL PARTO D.Lgs 151/01 allegato A lett.c (malattie professionali di cui all.4 al decreto 114/65 e successive modifiche) D.Lgs 151/01 allegato C lett.a,1,e (rischio da radiazioni non ionizzanti evidenziato dalla valutazione dei rischi ) DIVIETO IN GRAVIDANZA Per esposizioni superiori a quelle ammesse per la popolazione generale AGENTI BIOLOGICI PERICOLO AGENTI BIOLOGICI DEI GRUPPI DI RISCHIO da a 4 CONSEGUENZE Le malattie infettive contratte in gravidanza possono avere notevoli ripercussioni sull andamento della stessa. Molti agenti biologici appartenenti ai gruppi di rischio,,4 possono interessare il nascituro in caso di infezione della madre durante la gravidanza. Essi possono giungere al bambino per via placentare oppure durante e dopo il parto, in caso di allattamento o a seguito dello stretto contatto fisico tra madre e bambino. Agenti che possono infettare il bambino in uno di questi modi sono ad esempio i virus dell'epatite B, C, rosolia, l HIV, il bacillo della tubercolosi, quello della sifilide, la salmonella del tifo e il toxoplasma. In particolare possono essere esposte determinate categorie di lavoratori (es.sanità). DIVIETI D.Lgs 151/01 allegato A lett B (rischi per i quali vige l'obbligo delle visite mediche preventive e periodiche). D.Lgs 151/01 allegato B lett. A punto 1 lett b (per virus rosolia e toxoplasma in assenza di comprovata immunizzazione) D.Lgs 151/01 allegato C lett.a, (rischio di esposizione ad agenti biologici evidenziato dalla valutazione dei rischi) DIVIETO IN GRAVIDANZA E FINO A SETTE MESI DOPO IL PARTO AGENTI CHIMICI PERICOLO SOSTANZE O PREPARATI CLASSIFICATI COME PERICOLOSI (TOSSICI, NOCIVI, CORROSIVI, IRRITANTI) CONSEGUENZE L'effettivo rischio per la salute costituito dalle singole sostanze può essere determinato esclusivamente a seguito di una valutazione del rischio. Una esposizione occupazionale prevede spesso la presenza di una combinazione di più sostanze, e in questi casi non è sempre possibile conoscere le conseguenze delle interazioni fra le diverse sostanze ed i possibili effetti sinergici che le associazioni chimiche possono produrre. Alcuni agenti chimici possono penetrare attraverso la pelle integra ed essere assorbiti DIVIETI D.Lgs 151/01 allegato A lett.a (lavori vietati ai minori ai sensi dei DD.lgss. 45/99 e 6/00) D.Lgs 151/01 allegato A lett.c (malattie professionali) D.Lgs 151/01 allegato C lett,a punto lett. a,b,c,d,e,f, e lett B (esposizione ad agenti chimici pericolosi evidenziata dalla 58

59 DVR dal corpo con ripercussioni negative sulla salute. Molte sostanze possono passare nel latte materno e per questa via contaminare il bambino. Tra gli effetti degli agenti chimici sulla gravidanza molti studi hanno evidenziato il verificarsi di aborti spontanei correlati ad una esposizione occupazionale a numerose sostanze, tra cui solventi organici, gas anestetici e farmaci antiblastici, anche per bassi livelli di esposizione. PIOMBO E DERIVATI CHE POSSONO ESSERE ASSORBITI DALLO ORGANISMO UMANO Vi sono forti evidenze che l'esposizione al piombo, sia del nascituro che del neonato, determini problemi nello sviluppo, danno del sistema nervoso e degli organi emopoietici. Le donne, i neonati e i bambini in tenera età sono maggiormente sensibili al piombo che gli adulti maschi. Il piombo passa dal sangue al latte. valutazione dei rischi) DIVIETO IN GRAVIDANZA E FINO A SETTE MESI DOPO IL PARTO Può essere consentito l uso di sostanze o preparati classificati esclusivamente irritanti per la pelle e con frase di rischio può provocare sensibilizzazione per contatto con la pelle (R4), a condizione che il rischio sia evitabile con l uso dei DPI. D.Lgs 151/01 allegato A lett.a (lavori vietati ai minori ai sensi dei DD.lgss. 45/99 e 6/00) D.Lgs 151/01 allegato A lett.c (malattie professionali) D.Lgs 151/01 allegato B lett. A numero 1 lett.c e lett. B numero 1 lett.a (allegato DL 645/96) DIVIETO IN GRAVIDANZA E FINO A SETTE MESI DOPO IL PARTO ALTRI LAVORI VIETATI DESCRIZIONE DIVIETI LAVORO NOTTURNO DIVIETO IN GRAVIDANZA E FINO A UN ANNO DI VITA DEL BAMBINO LAVORI A BORDO DI NAVI, AEREI, TRENI, PULMAN O ALTRI MEZZI DI COMUNICAZIONE IN MOTO LAVORI DI MONDA E TRAPIANTO DEL RISO LAVORI DI ASSISTENZA E CURA DEGLI INFERMI NEI SANATORI E NEI REPARTI PER MALATTIE INFETTIVE E PER MALATTIE NERVOSE E MENTALI LAVORI AGRICOLI CHE IMPLICANO LA MANIPOLAZIONE E L USO DI SOSTANZE TOSSICHE O ALTRIMENTI NOCIVE NELLA CONCIMAZIONE DEL TERRENO E NELLA CURA DEL BESTIAME DIVIETO IN GRAVIDANZA durante la gestazione e periodo di interdizione dal DIVIETO IN GRAVIDANZA durante la gestazione e periodo di interdizione dal fino al termine del lavoro fino al termine del lavoro DIVIETO IN GRAVIDANZA E FINO A SETTE MESI DOPO IL PARTO DIVIETO IN GRAVIDANZA E FINO A SETTE MESI DOPO IL PARTO LAVORI CHE ESPONGONO ALLA SILICOSI E ALL ASBESTOSI O ALLE ALTRE MALATTIE PROFESSIONALI (di cui agli allegati 4 e 5 al decreto del Presidente della Repubblica 0 giugno 1965, n. 114, e successive modificazioni) DIVIETO IN GRAVIDANZA E FINO A SETTE MESI DOPO IL PARTO LAVORI PREVISTI DAL D.LGS. 45/99 LAVORI PREVISTI DAL D.LGS. 6/000 LAVORI INDICATI NELLA TABELLA ALLEGATA AL DPR 0/1956 PER I QUALI VIGE L OBBLIGO DELLE VISITE MEDICHE PREVENTIVE E PERIODICHE DIVIETO IN GRAVIDANZA E FINO A SETTE MESI DOPO IL PARTO 59

60 DVR STRESS LAVORO-CORRELATO Accordo europeo dell 8 ottobre 004 Lo stress è uno stato, che si accompagna a malessere e disfunzioni fisiche, psicologiche o sociali ed che consegue dal fatto che le persone non si sentono in grado di superare i gap rispetto alle richieste o alle attese nei loro confronti. L individuo è capace di reagire alle pressioni a cui è sottoposto nel breve termine, e queste possono essere considerate positive (per lo sviluppo dell individuo stesso), ma di fronte ad una esposizione prolungata a forti pressioni egli avverte grosse difficoltà di reazione. Inoltre, persone diverse possono reagire in modo diverso a situazioni simili e una stessa persona può, in momenti diversi della propria vita, reagire in maniera diversa a situazioni simili. Lo stress non è una malattia ma una esposizione prolungata allo stress può ridurre l efficienza sul lavoro e causare problemi di salute. Lo stress indotto da fattori esterni all ambiente di lavoro può condurre a cambiamenti nel comportamento e risurre l efficienza sul lavoro. Tutte le manifestazioni di stress sul lavoro non vanno considerate causate dal lavoro stesso. Lo stress da lavoro può essere causato da vari fattori quali il contenuto e l organizzazione del lavoro, l ambiente di lavoro, una comunicazione povera, ecc. I sintomi più frequenti sono : affaticamento mentale, cefalea, gastrite, insonnia, modificazione dell umore, depressione ed ansia, dipendenza da farmaci. I fattori che causano stress possono essere : lavoro ripetitivo ed arido carico di lavoro e di responsabilità eccessivo o ridotto rapporto conflittuale uomo - macchina conflitti nei rapporti con colleghi e superiori fattori ambientali (rumore, presenza di pubblico...) lavoro notturno e turnazione Si provvederà alla tutela, in particolare, della salute psichica lesa o messa in pericolo dalla cattiva organizzazione delle risorse umane, la tutela del rischio specifico da stress lavorativo di una particolare categoria di lavoratori che in ragione delle peculiarità della prestazione lavorativa sono i soggetti più esposti alla sindrome in esame. Verranno effettuati adeguati controlli periodici sui lavoratori, in quanto solo attraverso i singoli controlli è possibile acquisire quelle conoscenze sulla base delle quali il datore di lavoro è in grado evitare il rischio specifico dello stress lavorativo (ad esempio non assegnare turni notturni una persona che ha già manifestato e magari curato sindromi depressive) con una diversa organizzazione del personale, secondo il normale criterio del prevedibile ed evitabile. Ai tradizionali fattori di rischio inoltre si affiancano oggi "nuovi fattori", legati al rapporto persona-lavoro, agli aspetti relazionali e motivazionali, alla disaffezione, all'insoddisfazione, al malessere collegato al ruolo del singolo lavoro, alle relazioni con i colleghi ed i capi, alle vessazioni morali e sessuali, al rapporto con le tecnologie e con le loro continue evoluzioni. Il fenomeno del disagio lavorativo sta assumendo sempre maggiore rilevanza ed esprime il cedimento psicofisico del lavoratore-lavoratrice nel tentativo di adattarsi alle difficoltà del confronto quotidiano con la propria attività lavorativa. Lo stress non è una malattia, ma può causare problemi di natura fisica e mentale quando le pressioni e le richieste diventano eccessive e assillanti, con effetti negativi per i lavoratori e le aziende. Lo stress dipende dal contesto di lavoro (organizzazione, ruolo, carriera, autonomia, rapporti interpersonali) e dal contenuto del lavoro (ambiente, attrezzature, orario, carico-ritmi, formazione, compiti). Esso si può prevenire attraverso una valutazione del rischio simile a quella applicata a tutti gli altri rischi sul posto di lavoro, coinvolgendo i lavoratori e le lavoratrici e i loro rappresentanti, gli RLS. Il mobbing produce stress e lo stress facilita l'insorgere di situazioni di mobbing. E' importante distinguerli, perché diverse sono le cause e diversi i rimedi. In particolare il mobbing si configura come l'insieme di azioni personali e impersonali aggressive, violente, ripetute, immotivate, individuali o di gruppo che incidono in modo significativo sulla condizione emotiva e psicofisica di un individuo o di un gruppo di individui. 60

61 DVR MISURE DI PREVENZIONE ADOTTATE Verrà data ai singoli lavoratori la possibilità di scegliere le modalità di esecuzione del proprio lavoro; Si cercherà di diminuire il più possibile l entità delle attività monotone e ripetitive; Verranno aumentate le informazioni concernenti gli obiettivi; Sarà sviluppato uno stile di leadership; Si eviteranno definizioni imprecise di ruoli e mansioni. Verranno distribuiti/comunicati efficacemente gli standard ed i valori dell organizzazione a tutti i livelli organizzativi, per esempio tramite manuali destinati al personale, riunioni informative, bollettini; Si farà in modo che gli standard ed i valori dell organizzazione siano noti ed osservati da tutti i lavoratori dipendenti; Si provvederà al miglioramento della responsabilità e della competenza del management per quanto riguarda la gestione dei conflitti e la comunicazione; Si stabilirà un contatto indipendente per i lavoratori; Verranno coinvolti i dipendenti ed i loro rappresentanti nella valutazione del rischio e nella prevenzione dello stress lavoro-correlato. DIFFERENZE DI GENERE, ETA E PROVENIENZA DA ALTRI PAESI Studi statistici effettuati anche in altri paesi (tra cui l Institute for Work & Health di Toronto) hanno evidenziato una correlazione tra genere, età e rischi. Nella fase di valutazione si è tenuto conto di tali fattori, considerando sempre le condizioni più sfavorevoli in funzione dei lavoratori effettivamente addetti alle rispettive attività lavorative oggetto delle analisi. In caso di presenza o di assunzione di lavoratori provenienti da altri paesi, si provvederà ad una più attenta verifica dei loro livelli formativi, anche in funzione delle difficoltà determinate dalla diversità del linguaggio. MONITORAGGIO INTERNO DELLA SICUREZZA SUL LAVORO RESPONSABILIZZAZIONE DEI LAVORATORI Ogni dipendente è responsabile sul proprio luogo di lavoro della sorveglianza dello stato di sicurezza reale raggiunto dalle attrezzature, dagli impianti, dalle macchine, dall ambiente, dalle materie, in relazione alla formazione ricevuta ed alle disposizioni aziendali vigenti. Il coinvolgimento da parte di tutti i dipendenti, ottenuto con una specifica campagna informativa, ha consentito di ottenere direttamente le Segnalazioni di Incidente o le anomalie che danno luogo alle più elementari valutazioni di efficienza delle procedure di sicurezza adottate. Con il raggiungimento di un sufficiente grado di consapevolezza e di competenza i lavoratori sono progressivamente in grado di contribuire efficacemente al miglioramento della sicurezza aziendale. MONITORAGGIO Per il monitoraggio dei provvedimenti tecnici organizzativi e procedurali di prevenzione e protezione, così come definiti nelle singole attività lavorative oggetto della valutazione dei rischi e riportate nel seguito sono state individuate le seguenti linee principali. Frequenza massima delle verifiche Addetti al monitoraggio e compiti : trimestrale (valore iniziale, suscettibile di variazione in funzione dei risultati accertati) : vedi Servizio di Prevenzione e Protezione con distinta dei compiti Metodologia da seguire 61

62 DVR Gli addetti al controllo dovranno effettuare (periodicamente o a seguito di segnalazione pervenuta o accertata di non conformità) l individuazione puntuale di tutti i provvedimenti tecnici, organizzativi e procedurali di prevenzione e protezione previsti per il reparto e per il lavoratore o la mansione oggetto del controllo, con la segnalazione delle eventuali situazioni di non conformità e con la individuazione dei soggetti cui competono gli interventi di rettifica delle non conformità. Tutti i dati ed i documenti di riscontro dovranno essere archiviati ed occorrerà redigere, al termine dell attività, uno specifico verbale scritto firmato e datato che riporta le conclusioni e le eventuali proposte. In funzione dei risultati del monitoraggio verranno presi i provvedimenti opportuni, compresa la eventuale revisione delle procedure di sicurezza oggetto del monitoraggio. PROGRAMMA PER IL MIGLIORAMENTO NEL TEMPO DEI LIVELLI DI SICUREZZA Per il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza è prevista l implementazione in azienda di un SISTEMA di GESTIONE della SALUTE E SICUREZZA dei LAVORATORI basato sui seguenti elementi principali: Sistemazione dei luoghi, degli ambienti e delle attrezzature di lavoro esistenti e programma di controllo e manutenzione degli stessi. Valutazione preventiva dei RISCHI ogni qualvolta verranno introdotti nuove attrezzature o nuove sostanze o comunque modificati i regimi di esposizione. Controlli periodici degli impianti, delle attrezzature, delle sostanze e dei dispositivi di protezione individuali a garanzia che tutti i processi vengano svolti in conformità alle specifiche di sicurezza. Definizione di istruzioni scritte per l utilizzo corretto delle attrezzature di lavoro. Periodica informazione, formazione e addestramento dei lavoratori sui rischi lavorativi e sui modi per prevenirli. Controllo del comportamento in sicurezza dei lavoratori, come indicato nel precedente capitolo. Controllo sanitario periodico, ove prescritto, per prevenire l insorgenza di eventuali malattie professionali. Procedure per la gestione dell emergenza per fronteggiare le situazioni anomale con l intento di minimizzare i danni alle persone ed al patrimonio aziendale. Procedure per la disciplina dei lavori affidati ad imprese esterne per garantire che i lavori stessi vengano svolti in condizioni di sicurezza, previa compilazione e sottoscrizione del documento unico di valutazione dei rischi da interferenze (DUVRI), quando necessario. 6

63 DVR Sezione 5 QUADRO RIEPILOGATIVO DELLE LAVORAZIONI ATTIVITA' E FASI DI LAVORO Nella seguente tabella vengono riportate le lavorazioni oggetto del presente Documento di Valutazione dei RISCHI, suddivise in ATTIVITÀ (costituenti i diversi raggruppamenti) ed in FASI DI LAVORO (o reparti). ATTIVITÀ/FASI DESCRIZIONE ATTIVITA' 1 Fase 1 Fase Fase Fase 4 Fase 5 Fase 6 Fase 7 Fase 8 Fase 9 Fase 10 Fase 11 Fase 1 SCUOLE ATTIVITA' DIDATTICA ATTIVITA' OPERATORI SCOLASTICI ATTIVITA' DI LABORATORIO BIBLIOTECA SCOLASTICA LABORATORIO INFORMATICO SCOLASTICO RIUNIONI E CONFERENZE SEGRETERIA SCOLASTICA ATTIVITA' RICREATIVA ALL'APERTO SCUOLE LAVORI IN CUCINA SCUOLE LOCALE CALDAIA PULIZIA SERVIZI IGIENICI SALA MENSA SCUOLE ATTIVITÀ/FASI DESCRIZIONE ATTIVITA' Fase 1 Fase Fase Fase 4 Fase 5 Fase 6 Fase 7 Fase 8 Fase 9 AGRICOLTURA AGRICOLTURA ARATURA ED ERPICATURA AGRICOLTURA FERTILIZZAZIONE TERRENI AGRICOLTURA GESTIONE AZIENDA AGRICOLA AGRICOLTURA IMPIANTO ARBOREO AGRICOLTURA IRRIGAZIONE CON MOTOPOMPA AGRICOLTURA MIETITREBBIATURA AGRICOLTURA MANUTENZIONE VEGETAZIONE AGRICOLTURA REALIZZAZIONE DI STACCIONATE AGRICOLTURA UTILIZZO TRATTRICE ATTIVITÀ/FASI DESCRIZIONE ATTIVITA' Fase 1 BAR SALA BAR ATTIVITÀ/FASI DESCRIZIONE ATTIVITA' 4 Fase 1 LABORATORI LABORATORI BIOLOGICI LAVORATORI E MANSIONI SVOLTE 6

64 DVR Nella seguente tabella sono riportati i dipendenti presenti in azienda e le rispettive mansioni. Matricola Cognome ALLEGRA ARACU ARCA ARDU BARRACCA BONETTI BOSU BOTTA BURLINI CABIDDU SALIS SANNA SANNA SCALISE SCINTU SECHI SERRA SERUSI SERUSI SGRIGNANI CABONI SICCU SIMBULA SOI SOLINAS SUCCU TOCCO TRUDU USAI VARGIU VARONE CADEDDU VIGILANTE VIRDIS ZANCUDI ARIU ATZORI ATZORI CARBONI CARIA CARTA CAU CADONI CELLUCCI COCCO COCCO CONTINI CORRIAS CORRIAS D'AMBRA DEIANA DEIDDA CADONI DORE DURANTE Nome GIOACCHINO PAOLA PASQUALINA FLAVIANO MARIA FRANCA ELISABETTA CRISTINA MARIO MARCO SERGIO LORELLA GIOVANNI EUGENIO GIANFRANCA GAVINO PIETRO ANTONIO PIERGIUSEPPE GIANBACHISIO MARIA GIOVANNI VINCENZO LILIANA MARIA CARMELA FRANCESCO GIORGINO MARIA FRANCA VITALIA ADALGISA MARIA LUIGINO ANTONINA ANDREA FRANCESCA RAIMONDO IGNAZIO RAFFAELE ANNA MARIA MARIA IMMACOLATA SANDRA LOREDANA PAOLA MARIA FRANCESCA ROSA MARILENA ROSSANA TIZIANA PIETRINA STEFANO SUSANNA FLAVIO ROSELLA ANDREA MARIA MARIA CARMELA FRANCESCO GIUSEPPA ROSA FRANCESCO GILDA Mansione Docente Docente Docente tecnico-pratico Docente Docente Cucina Docente Docente Docente Educazione Fisica Docente Diritto Docente Amministrativo Docente Docente Docente Operaio Docente Docente Docente Docente tecnico-pratico Personale ATA Personale ATA Personale ATA Docente Personale ATA Amministrativo Docente Personale ATA Personale ATA Docente tecnico-pratico Docente Cucina Docente Docente Matematica Docente Docente Docente tecnico-pratico Personale ATA Docente Docente Personale ATA Personale ATA Docente Docente Docente Docente Docente Docente Personale ATA Docente Docente tecnico-pratico Docente Personale ATA Docente Amministrativo Docente Docente 64

65 DVR ENA FRONGIA GHINAMI GIAMPAOLI LALLAI LANGELLA LEO LOI CAMEDDA LOI LONGU MADEDDU MANNONI MARRAS MASALA MELIS MELONI MEREU MURRU CAPONE NANU PISANU PULPO PUTZOLU SANNA SANNA SANNA SANNA SARDARA SAULLE CARBONI SCANU SCANU SEDDA SERUSI TOLA USAI ZOCCHEDDU ZONCU SIMBULA CAREDDA MANCONI PIRODDI PODDA SANNA URGU SIMBULA STERI CARTA CASTI CASU CASULA COCO CONTI GALLENTI CONTINI COSSU COSSU COSSU CUBEDDU MARTA DIEGO CARLO ALESSANDRO NICOLETTA VALERIA DOMENICO GIAMPAOLA RITA ASSUNTINA SIMONA SALVATORE CONCETTA ANNA GLORIA ORNELLA IOLANDA ANNALISA MONICA PATRIZIA ANTONELLA RITA ADA LAURA MARIA SALVATORICA MARGHERITA PERLA ROSINA BLANCHE NICOLA CINZIA LUIGIA LUCIANA VITTORIA MARIA FRANCESCA FERNANDO CARMELINA MARIA CRISTINA PIETRO MARIA ANTONIO FABIO ROSARIA NILO LILIANA ADOLFO MARIAANTONIA MARTINA MAURIZIO ALESSANDRO SALVATORANGELO GIOVANNI FEDERICA ANNA RACHELE ERIKA MANUELA ALBERTO ALESSANDRA DANIELA FLAVIO GIANCARLO STEFANIA GIANCARLO LUCIANA Docente Docente Docente Docente Docente Docente Personale ATA Personale ATA Personale ATA Docente Docente Cucina Personale ATA Docente Docente Docente Personale ATA Docente Docente Personale ATA Docente Personale ATA Docente Docente Docente Docente Docente Personale ATA Personale ATA Amministrativo Docente Personale ATA Docente Personale ATA Personale ATA Docente Docente tecnico-pratico Personale ATA Personale ATA Amministrativo Docente Docente Docente Cuoco Docente Personale ATA Docente Docente Docente Docente Docente Docente tecnico-pratico Docente Amministrativo Docente Personale ATA Docente tecnico-pratico Docente Docente Cucina Personale ATA 65

66 DVR CULTRERA DAGA DAGA DAGA DALLA LIBERA DASSO DE SENEEN DEDOLA DEFRAIA DEIDDA DELEDDA DELUCCHI M DESSI DETTORI FERRANTE FILANGERI FOIS FRAU GARAU GIARRUSSO GRANARA IDDA LISCIA LODDO LOI LUGLIE' MANCA MANCA MARCEDDU MARONGIU MARRAS MASALA MASTINU MELE MELIS MELONI MEREU MOCCI MORETTI MOTZO MURA MURA MURTAS MUSCAS NIOLA ORE ORTU PALA PALMAS PAMPALONI PANI PANI PANI PEDROTTI PERRA PIANEZZI PINNA PINNA PINNA LUIGI FRANCESCO SIMONA GIAMPAOLA MARIA CINZIA WILLIAM BEATRICE CHRISTIAN GIANLUCA ELIA MARIA TERESA MARCO AGOSTINO FRANCESCA MARIA ELENA MARIA ROSA SALVO RITA GESUINELLA GIULIANA BIAGIO BATTISTINA MARIA ANGELA SEBASTIANA FELICE GIOVANNI MARIA ROSARIA ANTONIO MARIA SARA ENRICO GIANLUCA IVO IGNAZIO GIOVANNA ANTONIA MARIA ANTONELLO GIUSEPPINA GIANNI ROSALBA CATERINANGELA PIERO MARIA CRISTINA ANTONIO ANNA RITA MARIA GIUSEPPA ANNAMARIA COSTANTINO SARA FRANCESCO MAURIZO STEFANO MARIA ANTONIA NEVA DINA IGNAZIA VINCENZO CARLO SEBASTIANO MARCELLO MARIA REGINA MARIA GIORGIO Docente Docente Docente Docente Docente Docente Cucina Docente Docente Cucina Docente Personale ATA Docente Docente Docente Docente Docente Docente Cucina Infermiera Docente Cuoco Personale ATA Docente Docente Docente Docente Docente Docente Docente Docente Docente Docente Docente Educazione Fisica Amministrativo Cuoco Amministrativo Docente Personale ATA Personale ATA Docente Docente Docente Docente Amministrativo Infermiera Docente Docente Operaio Docente Docente Docente Educazione Fisica Docente Docente Docente Docente tecnico-pratico Docente Docente tecnico-pratico Docente Docente Docente Docente tecnico-pratico 66

67 DVR PIREDDA PIU PODDA PORCU PUDDU PULIGA PULIGA ROSA ROSSI SABA SALARIS OLGA MARIA ANTONIA MICHELA IGNAZIO MARIA BONARIA MARIA IGNAZIA CATERINA ANDREINA IRMA ISA TERESA GIUSEPPE Guardiano Docente Guardiano Docente Docente Personale ATA Personale ATA Docente Docente Personale ATA Docente LIVELLI E AMBIENTI/REPARTI Nelle seguenti tabelle sono riportati i livelli e gli ambienti/reparti dell azienda. Liv. N Denominazione Direzione Segreteria Personale A.T.A. Formazione Discenti Azienda Agraria Cucina Aula mensa Convitto Infermeria Guardiania Guardaroba Ambiente/Reparto Descrizione Datore di Lavoro Segretario Personale addetto alle pulizie e controllo discenti Personale docente Addetti azienda agraria Preparazione pasti Consumo pasti Controllo studenti convittori Infermeria Guardiania Guardaroba Sup. mq Direzione N Lavoratori Non definibile Sala Mensa 150 Convitto Segreteria Personale ATA Docenza Cucine Gurdaroba Descrizione 5 67

68 DVR Sezione 6 MISURE GENERALI DI PREVENZIONE Qui di seguito vengono riportate le misure di prevenzione generali nei confronti dei rischi specifici individuati nell azienda oggetto del presente Documento di Valutazione, e riportati in dettaglio nelle Sezioni 7, 8, 9 e 10. Oltre alle indicazioni di ordine generale riportate occorrerà attenersi alle istruzioni dettagliate nelle singole attività lavorative e nelle schede relative all utilizzo di attrezzature, sostanze ed opere provvisionali. MISURE GENERALI DI TUTELA CADUTA DALL ALTO Situazioni di pericolo : Ogni volta che si transita o lavora in quota (anche a modesta altezza), in prossimità di aperture nel vuoto (botole, aperture nei solai, vani scala, vani ascensore, ecc.), durante l utilizzo di mezzi di collegamento verticali (scale, scale a pioli, passerelle, ecc.) Le perdite di stabilità dell equilibrio di persone che possono comportare cadute da un piano di lavoro ad un altro posto a quota inferiore (di norma con dislivello maggiore di metri), devono essere impedite con misure di prevenzione, generalmente costituite da parapetti di trattenuta applicati a tutti i lati liberi di travi, impalcature, piattaforme, ripiani, balconi, passerelle e luoghi di lavoro o di passaggio sopraelevati. Si dovrà provvedere alla copertura e segnalazione di aperture su solai, solette e simili o alla loro delimitazione con parapetti a norma. Qualora risulti impossibile l applicazione di tali protezioni dovranno essere adottate misure collettive o personali atte ad arrestare con il minore danno possibile le cadute. A seconda dei casi potranno essere utilizzate: superfici di arresto costituite da tavole in legno o materiali semirigidi; reti o superfici di arresto molto deformabili; dispositivi di protezione individuale di trattenuta o di arresto della caduta Lo spazio corrispondente al percorso di un eventuale caduta deve essere reso preventivamente libero da ostacoli capaci di interferire con le persone in caduta, causandogli danni o modificandone la traiettoria. Per i lavori di ufficio, la situazione più a rischio è relativa all utilizzo di scale portatili, per le quali occorre attenersi alle procedure di utilizzo in sicurezza. MISURE GENERALI DI TUTELA CADUTA DI MATERIALE DALL ALTO Situazioni di pericolo : Ogni volta che si transita o lavora al di sotto di carichi sospesi nel raggio d azione di apparecchi di sollevamento oppure in prossimità di scaffali, mensole, palchetti, armadi, ripiani e piani di appoggio. Le perdite di stabilità incontrollate dell equilibrio di masse materiali in posizione ferma o nel corso di maneggio e trasporto manuale o meccanico ed i conseguenti moti di crollo, scorrimento, caduta inclinata su pendii o verticale nel vuoto devono, di regola, essere impediti mediante la corretta sistemazione delle masse o attraverso l adozione di misure atte a trattenere i corpi in relazione alla loro natura, forma e peso. Gli effetti dannosi conseguenti alla possibile caduta di masse materiali su persone o cose dovranno essere eliminati mediante dispositivi rigidi o elastici di arresto aventi robustezza, forme e dimensioni proporzionate alle caratteristiche dei corpi in caduta. Per tutti i lavori in altezza i lavoratori dovranno assicurare gli attrezzi di uso comune ad appositi cordini o deporli in appositi contenitori. 68

69 DVR MISURE GENERALI DI TUTELA URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI Situazioni di pericolo : Presenza di oggetti sporgenti (tavole di legno, spigoli, elementi di opere provvisionali, attrezzature, scaffalature, arredamenti, ecc.). Le attività che richiedono sforzi fisici violenti e/o repentini dovranno essere eliminate o ridotte al minimo anche attraverso l impiego di attrezzature idonee alla mansione. Gli utensili, gli attrezzi e gli apparecchi per l impiego manuale dovranno essere tenuti in buono stato di conservazione ed efficienza e quando non utilizzati dovranno essere tenuti in condizioni di equilibrio stabile e non dovranno ingombrare posti di passaggio o di lavoro. I depositi di materiali in cataste, pile e mucchi dovranno essere organizzati in modo da evitare crolli o cedimenti e permettere una sicura e agevole movimentazione. Fare attenzione durante gli spostamenti nelle aree di lavoro e riferire al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione o al Datore di Lavoro eventuali oggetti o materiali o mezzi non idoneamente segnalati. Dovrà essere vietato lasciare in opera oggetti sporgenti pericolosi e non segnalati. Operare sempre a ritmi regolari, evitando movimenti bruschi in tutte le attività lavorative. MISURE GENERALI DI TUTELA PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Situazioni di pericolo : Durante il carico, lo scarico e la movimentazione di materiali ed attrezzature di lavoro.ogni volta che si maneggia materiale scabroso in superficie (legname, punesse, oggetti taglienti ecc.) e quando si utilizzano attrezzi (taglierina, martello, cutter, ecc.) Dovrà essere evitato il contatto del corpo dell operatore con elementi taglienti o pungenti o comunque capaci di procurare lesioni. Tutti gli organi lavoratori delle apparecchiature dovranno essere protetti contro i contatti accidentali. Effettuare sempre una presa salda del materiale e delle attrezzature che si maneggiano Utilizzare sempre Guanti protettivi in caso di utilizzo di attrezzature taglienti. MISURE GENERALI DI TUTELA SCIVOLAMENTI E CADUTE A LIVELLO Situazioni di pericolo : Presenza di materiali vari, cavi elettrici. Presenza di pavimenti scivolosi o irregolari. Perdita di equilibrio durante la movimentazione dei carichi, anche per la irregolarità dei percorsi. I percorsi per la movimentazione dei carichi ed il dislocamento dei depositi dovranno essere scelti in modo da evitare quanto più possibile le interferenze con zone in cui si trovano persone. Utilizzare detergenti/sostanze che non lasciano patine scivolose/schiumose sui pavimenti. Dotare i gradini delle scale di idonee strisce antiscivolo. I percorsi pedonali interni dovranno sempre essere mantenuti sgombri da attrezzature, materiali, macerie o altro capace di ostacolare il cammino degli operatori. Per ogni postazione di lavoro occorrerà individuare la via di fuga più vicina. Si dovrà altresì provvedere per il sicuro accesso ai posti di lavoro situati in piano, in elevazione o in profondità. Le vie d accesso e quelle corrispondenti ai percorsi interni dovranno essere illuminate ed adeguatamente segnalate secondo le necessità diurne e notturne. 69

70 DVR MISURE GENERALI DI TUTELA ELETTROCUZIONE Situazioni di pericolo : Ogni volta che si lavora con attrezzature funzionanti ad energia elettrica o si transita in prossimità di lavoratori che ne fanno uso.. L' impianto elettrico deve essere realizzato a regola d'arte; vale a dire secondo le norme CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano). Per non pregiudicare le sue caratteristiche di sicurezza anche le apparecchiature devono essere "a norma" (marchio IMQ o equivalente). Un livello di sicurezza assoluto non è raggiungibile. E' possibile invece raggiungere un livello di sicurezza accettabile mediante: un'accurata realizzazione dell'impianto seguita da scrupolose verifiche; l'impiego di apparecchiature elettriche di qualità garantita; la manutenzione e le verifiche periodiche eseguite da personale specializzato. Utilizzare materiale elettrico (cavi, prese) solo dopo attenta verifica di personale esperto (elettricista). Verificare sempre, prima dell utilizzo di attrezzature elettriche, i cavi di alimentazione per accertare la assenza di usure ed eventuali abrasioni. Non manomettere il polo di terra. Usare spine di sicurezza omologate CEI. Usare attrezzature con doppio isolamento. Controllare i punti di appoggio delle scale metalliche. Evitare di lavorare in ambienti molto umidi o bagnati o con parti del corpo umide. RACCOMANDAZIONI Non togliere la spina dalla presa tirando il filo. Si potrebbe rompere il cavo o l'involucro della spina rendendo accessibili le parti in tensione. Se la spina non esce, evitare di tirare con forza eccessiva, perché si potrebbe strappare la presa dal muro. Quando una spina si rompe occorre farla sostituire con una nuova marchiata IMQ (Istituto italiano del Marchio di Qualità). Non tentare di ripararla con nastro isolante o con l'adesivo. E' un rischio inutile! Non attaccare più di un apparecchio elettrico a una sola presa. In questo modo si evita che la presa si surriscaldi con pericolo di corto circuito e incendio. 70

71 DVR Se indispensabili, e previa autorizzazione del responsabile della sicurezza, usare sempre adattatori e prolunghe idonei a sopportare la corrente assorbita dagli apparecchi utilizzatori. Su tutte le prese e le ciabatte è riportata l'indicazione della corrente, in Ampere (A), o della potenza massima, in Watt (W). Spine di tipo tedesco (Schuko) possono essere inserite in prese di tipo italiano solo tramite un adattatore che trasferisce il collegamento di terra effettuato mediante le lamine laterali ad uno spinotto centrale. E' assolutamente vietato l'inserimento a forza delle spine Schuko nelle prese di tipo italiano. Infatti, in tale caso dal collegamento verrebbe esclusa la messa a terra. Situazioni che vedono installati più adattatori multipli, uno sull'altro, vanno eliminate. Segnalare immediatamente eventuali condizioni di pericolo di cui si viene a conoscenza, adoperandosi direttamente nel caso di urgenza ad eliminare o ridurre l'anomalia o il pericolo, notificando l'accaduto al Dirigente e al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. (ad esempio se vi sono segni di cedimento o rottura, sia da usura che da sfregamento, nei cavi o nelle prese e spine degli apparecchi utilizzatori, nelle prese a muro non adeguatamente fissate alla scatola, ecc.). Allontanare le tende o altro materiale combustibile dai faretti e dalle lampade. Le spine di alimentazione degli apparecchi con potenza superiore a 1 kw devono essere estratte dalla presa solo dopo aver aperto l'interruttore dell'apparecchio o quello a monte della presa. Non effettuare nessuna operazione su apparecchiature elettriche quando si hanno le mani bagnate o umide. E' vietato alle persone non autorizzate effettuare qualsiasi intervento sulle apparecchiature e sugli impianti elettrici. E inoltre vietata l'installazione di apparecchi e/o materiali elettrici privati. Il dipendente è responsabile degli eventuali danni a cose e/o persone dovuti all'eventuale installazione ed utilizzo di apparecchi elettrici di sua proprietà. 71

72 DVR MISURE GENERALI DI TUTELA RUMORE Situazioni di pericolo: Durante l utilizzo di attrezzature rumorose o durante le lavorazioni che avvengono nelle vicinanze di attrezzature rumorose. Nell acquisto di nuove attrezzature occorrerà prestare particolare attenzione alla silenziosità d uso. Le attrezzature dovranno essere correttamente mantenute ed utilizzate, in conformità alle indicazioni del fabbricante, al fine di limitarne la rumorosità eccessiva. Durante il funzionamento, gli schermi e le paratie delle attrezzature dovranno essere mantenute chiuse e dovranno essere evitati i rumori inutili. Quando il rumore di una lavorazione o di una attrezzatura non potrà essere eliminato o ridotto, si dovranno porre in essere protezioni collettive quali la delimitazione dell area interessata e/o la posa in opera di schermature supplementari della fonte di rumore. Se la rumorosità non è diversamente abbattibile dovranno essere adottati i dispositivi di protezione individuali conformi a quanto indicato nel rapporto di valutazione del rumore e prevedere la rotazione degli addetti alle mansioni rumorose. Inserti auricolari Modellabili Tipo: UNI EN 5- Inserti auricolari Ad archetto Tipo: UNI EN 5- In materiale comprimibile Modellabili, autoespandenti In silicone, gomma o materie plastiche morbide Cuffia Antirumore In materiale plastico UNI EN 5-1 Protezione dell udito In base alla valutazione dell esposizione al rumore, occorrerà attenersi alle misure di tutela di cui al D.Lgs. 81/008. 7

73 DVR MISURE GENERALI DI TUTELA INVESTIMENTO Situazioni di pericolo: Presenza di veicoli in genere circolanti o comunque nelle immediate vicinanze della zona di lavoro. All interno dell area aziendale la circolazione dei veicoli dovrà essere regolata con norme il più possibile simili a quelle della circolazione sulle strade pubbliche e la velocità dovrà essere limitata a seconda delle caratteristiche e condizioni dei percorsi e dei mezzi. Per l accesso degli addetti ai rispettivi luoghi di lavoro dovranno essere approntati percorsi sicuri e, quando necessario, separati da quelli degli autoveicoli a altri mezzi. Le vie d accesso e quelle corrispondenti ai percorsi interni dovranno essere illuminate secondo le necessità diurne o notturne e mantenute costantemente in condizioni soddisfacenti. Occorrerà controllare gli automezzi prima di ogni lavoro, in modo da accertarsi che tutte le parti e accessori possano operare in condizioni di sicurezza. Dovrà essere vietato condurre veicoli in retromarcia in condizioni di scarsa visibilità ed occorrerà utilizzare un sistema di segnalazione sonoro e visivo specifico e farsi segnalare da un altro lavoratore che la retromarcia può essere effettuata. I veicoli potranno essere condotti solo su percorsi sicuri. Occorrerà assicurarsi che tutti i lavoratori siano visibili e a distanza di sicurezza prima di utilizzare qualsiasi veicolo. Indumenti Alta Visibilità Giubbotti, tute, ecc. UNI EN 471 Utilizzare in caso di scarsa visibilità o lavori notturni Sarà obbligatorio l inserimento del freno di stazionamento durante le soste e la messa a dimora di idonee zeppe alle ruote se il mezzo è posizionato in pendenza. I lavoratori devono essere perfettamente visibili in ogni condizione di illuminamento. Utilizzare indumenti ad alta visibilità, di tipo rifrangente in lavori notturni o in aree scarsamente illuminate. Tutti gli addetti alla guida su strada di autoveicoli o automezzi in genere dovranno avere in dotazione idonei indumenti ad alta visibilità. 7

74 DVR MISURE GENERALI DI TUTELA INALAZIONE DI POLVERI Situazioni di pericolo : inalazione di polveri durante lavori di pulizia in genere, che avvengono con l utilizzo di materiali in grana minuta o in polvere oppure fibrosi. Nelle lavorazioni che prevedono l impiego di materiali in grana minuta o in polvere oppure fibrosi e nei lavori che comportano l emissione di polveri o fibre dei materiali lavorati, la produzione e/o la diffusione delle stesse deve essere ridotta al minimo utilizzando tecniche e attrezzature idonee. Le polveri e le fibre captate e quelle depositatesi, se dannose, devono essere sollecitamente raccolte ed eliminate con i mezzi e gli accorgimenti richiesti dalla loro natura. Mascherina Facciale Filtrante UNI EN 405 Qualora la quantità di polveri o fibre presenti superi i limiti tollerati e comunque nelle operazioni di raccolta ed allontanamento di quantità importanti delle stesse, devono essere forniti ed utilizzati indumenti di lavoro e DPI idonei alle attività ed eventualmente, ove richiesto, il personale interessato deve essere sottoposto a sorveglianza sanitaria. Durante le demolizioni di murature, tremezzi, intonaci ecc, al fine di ridurre sensibilmente la diffusione di polveri, occorrerà irrorare di acqua le parti da demolire. Facciale filtrante FFP1 a doppia protezione Utilizzare idonea mascherina antipolvere o maschera a filtri, in funzione delle polveri o fibre presenti. MISURE GENERALI DI TUTELA INFEZIONE DA MICRORGANISMI Situazioni di pericolo : Lavori di bonifica, operazioni in ambienti insalubri in genere. Prima dell inizio dei lavori di bonifica deve essere eseguito un esame della zona e devono essere assunte informazioni per accertare la natura e l entità dei rischi presenti nell ambiente e l esistenza di eventuali malattie endemiche. Sulla base dei dati particolari rilevati e di quelli generali per lavori di bonifica, deve essere approntato un programma tecnico-sanitario con la determinazione delle misure da adottare in ordine di priorità per la sicurezza e l igiene degli addetti nei posti di lavoro e nelle installazioni igienico assistenziali, da divulgare nell ambito delle attività di informazione e formazione. Mascherina Facciale Filtrante UNI EN 405 Facciale filtrante FFP1 a doppia protezione Quando si fa uso di mezzi chimici per l eliminazione di insetti o altro, si devono seguire le indicazioni dei produttori. L applicazione deve essere effettuata solamente da persone ben istruite e protette. La zona trattata deve essere segnalata con le indicazioni di pericolo e di divieto di accesso fino alla scadenza del periodo di tempo indicato. Gli addetti devono essere sottoposti a sorveglianza sanitaria e devono utilizzare indumenti protettivi e DPI appropriati.. 74

75 DVR MISURE GENERALI DI TUTELA CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO Situazioni di pericolo : Presenza di macchine con parti mobili o automezzi e equipaggiamenti in genere in posizione instabile. Il cesoiamento e lo stritolamento di persone tra parti mobili di macchine e parti fisse delle medesime o di opere, strutture provvisionali o altro, dovrà essere impedito limitando con mezzi materiali il percorso delle parti mobili o segregando stabilmente la zona pericolosa. Qualora ciò non risulti possibile dovrà essere installata una segnaletica appropriata e dovranno essere osservate opportune distanze di rispetto; ove necessario dovranno essere disposti comandi di arresto di emergenza in corrispondenza dei punti di potenziale pericolo. Dovrà essere obbligatorio abbassare e bloccare le lame dei mezzi di scavo, le secchie dei caricatori, ecc., quando non utilizzati e lasciare tutti i controlli in posizione neutra Prima di utilizzare mezzi di scarico o di sollevamento o comunque con organi in movimento, occorrerà assicurarsi che tutti i lavoratori siano visibili e a distanza di sicurezza. In caso di non completa visibilità dell area, occorrerà predisporre un lavoratore addetto in grado di segnalare che la manovra o la attivazione può essere effettuata in condizioni di sicurezza ed in grado di interrompere la movimentazione in caso di pericolo. MISURE GENERALI DI TUTELA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Situazioni di pericolo: Ogni volta che si movimentano manualmente carichi di qualsiasi natura e forma. Tutte le attività che comportano operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o più lavoratori, comprese le azioni del sollevare, deporre, spingere, tirare, portare o spostare un carico che, per le loro caratteristiche o in conseguenza delle condizioni ergonomiche sfavorevoli, comportano tra l altro rischi di lesioni dorso lombari (per lesioni dorso lombari si intendono le lesioni a carico delle strutture osteomiotendinee e nerveovascolari a livello dorso lombare). La movimentazione manuale dei carichi deve essere ridotta al minimo e razionalizzata al fine di non richiedere un eccessivo impegno fisico del personale addetto. In ogni caso è opportuno ricorrere ad accorgimenti quali la movimentazione ausiliata o la ripartizione del carico. Il carico da movimentare deve essere facilmente afferrabile e non deve presentare caratteristiche tali da provocare lesioni al corpo dell operatore, anche in funzione della tipologia della lavorazione. In relazione alle caratteristiche ed entità dei carichi, l attività di movimentazione manuale deve essere preceduta ed accompagnata da una adeguata azione di informazione e formazione, previo accertamento, per attività non sporadiche, delle condizioni di salute degli addetti. 75

76 DVR I carichi costituiscono un rischio nei casi in cui ricorrano una o più delle seguenti condizioni: Caratteristiche dei carichi troppo pesanti ingombranti o difficili da afferrare in equilibrio instabile o con il contenuto che rischia di spostarsi collocati in posizione tale per cui devono essere tenuti e maneggiati ad una certa distanza dal tronco o con una torsione o inclinazione del tronco. Sforzo fisico richiesto eccessivo effettuato soltanto con un movimento di torsione del tronco comportante un movimento brusco del carico compiuto con il corpo in posizione instabile. Caratteristiche dell ambiente di lavoro spazio libero, in particolare verticale, insufficiente per lo svolgimento dell attività pavimento ineguale, con rischi di inciampo o scivolamento per le scarpe calzate dal lavoratore posto o ambiente di lavoro che non consentono al lavoratore la movimentazione manuale di carichi ad una altezza di sicurezza o in buona posizione pavimento o piano di lavoro con dislivelli che implicano la movimentazione del carico a livelli diversi pavimento o punto d appoggio instabili temperatura, umidità o circolazione dell aria inadeguate. Esigenze connesse all attività sforzi fisici che sollecitano in particolare la colonna vertebrale, troppo frequenti o troppo prolungati periodo di riposo fisiologico o di recupero insufficiente distanze troppo grandi di sollevamento, di abbassamento o di trasporto ritmo imposto da un processo che il lavoratore non può modulare. Fattori individuali di rischio inidoneità fisica al compito da svolgere indumenti calzature o altri effetti personali inadeguati portati dal lavoratore insufficienza o inadeguatezza delle conoscenze o della formazione. AVVERTENZE GENERALI non prelevare o depositare oggetti a terra o sopra l'altezza della testa il raggio di azione deve essere compreso, preferibilmente, fra l'altezza delle spalle e l'altezza delle nocche (considerando le braccia tenute lungo i fianchi) se è inevitabile sollevare il peso da terra, compiere l'azione piegando le ginocchia a busto dritto, tenendo un piede posizionato più avanti dell'altro per conservare un maggiore equilibrio la zona di prelievo e quella di deposito devono essere angolate fra loro al massimo di 90 (in questo modo si evitano torsioni innaturali del busto); se è necessario compiere un arco maggiore, girare il corpo usando le gambe fare in modo che il piano di prelievo e quello di deposito siano approssimativamente alla stessa altezza (preferibilmente fra i 70 e i 90 cm. da terra) per il trasposto in piano fare uso di carrelli, considerando che per quelli a ruote il carico massimo è di 100 kg. ca, mentre per quelli a 4 ruote è di 50 kg. ca soltanto in casi eccezionali è possibile utilizzare i carrelli sulle scale e, in ogni caso, utilizzando carrelli specificamente progettati per posizionare un oggetto in alto è consigliabile utilizzare una base stabile (scaletta, sgabello, ecc.) ed evitare di inarcare la schiena. 76

77 DVR PRIMA DELLA MOVIMENTAZIONE le lavorazioni devono essere organizzate al fine di ridurre al minimo la movimentazione manuale dei carichi anche attraverso l impiego di idonee attrezzature meccaniche per il trasporto ed il sollevamento. DURANTE LA MOVIMENTAZIONE per i carichi che non possono essere movimentati meccanicamente occorre utilizzare strumenti per la movimentazione ausiliata (carriole, carrelli) e ricorrere ad accorgimenti organizzativi quali la riduzione del peso del carico e dei cicli di sollevamento e la ripartizione del carico tra più addetti tutti gli addetti devono essere informati e formati in particolar modo su: il peso dei carichi, il centro di gravità o il lato più pesante, le modalità di lavoro corrette ed i rischi in caso di inosservanza. MISURE GENERALI DI TUTELA GETTI E SCHIZZI Situazioni di pericolo: Nei lavori a freddo e a caldo, eseguiti a mano o con apparecchi, con materiali, sostanze e prodotti che danno luogo a getti e schizzi dannosi per la salute. In presenza di tali sostanze, devono essere adottati provvedimenti atti ad impedirne la propagazione nell ambiente di lavoro, circoscrivendo la zona di intervento. Gli addetti devono indossare adeguati indumenti di lavoro e utilizzare i DPI necessari. MISURE GENERALI DI TUTELA ALLERGENI Situazioni di pericolo: Utilizzo di sostanze capaci di azioni allergizzanti (riniti, congiuntiviti, dermatiti allergiche da contatto). I fattori favorenti l azione allergizzante sono: brusche variazioni di temperatura, azione disidratante e lipolitica dei solventi e dei leganti, presenza di sostanze vasoattive. La sorveglianza sanitaria va attivata in presenza di sintomi sospetti anche in considerazione dei fattori personali di predisposizione a contrarre questi tipi di affezione. In tutti i casi occorre evitare il contatto diretto di parti del corpo con materiali resinosi, polverulenti, liquidi, aerosol e con prodotti chimici in genere, utilizzando indumenti da lavoro e DPI appropriati (guanti, maschere, occhiali etc.). MISURE GENERALI DI TUTELA PROIEZIONE DI SCHEGGE Situazioni di pericolo: Ogni volta che si transita o si lavora nelle vicinanze di macchine o attrezzature con organi meccanici in movimento, per la sagomatura di materiali (flessibile, sega circolare, scalpelli, martelli demolitori, ecc.) Non manomettere le protezioni degli organi in movimento. Eseguire periodicamente la manutenzione sulle macchine o attrezzature (ingrassaggio, sostituzione parti danneggiate, sostituzione dischi consumati, affilatura delle parti taglienti, ecc.). Occhiali Di protezione Tipo: UNI EN 166 In policarbonato antigraffio Visiera Antischegge UNI EN 166 Visiera antischegge volto. In presenza di tale rischio occorre utilizzare gli occhiali protettivi o uno schermo di protezione del 77

78 DVR MISURE GENERALI DI TUTELA OLI MINERALI E DERIVATI Situazioni di pericolo: Nelle attività che richiedono l impiego di oli minerali o derivati (es. attività di manutenzione attrezzature e impianti). In tali circostanze devono essere attivate le misure necessarie per impedire il contatto diretto degli stessi con la pelle dell operatore. Occorre altresì impedire la formazione di aerosol durante le fasi di lavorazione utilizzando attrezzature idonee. Guanti Rivestimento in nitrile UNI EN 88,40 I lavoratori addetti devono essere sottoposti a sorveglianza sanitaria e devono Indossare costantemente gli indumenti protettivi ed i DPI adeguati (in particolare guanti) Per lavorazioni di entità media/leggera 78

79 DVR MISURE GENERALI DI TUTELA GAS E VAPORI Situazioni di pericolo: Nei lavori a freddo o a caldo, eseguiti a mano o con apparecchi, con materiali, sostanze e prodotti che possono dar luogo, da soli o in combinazione, a sviluppo di gas, vapori, nebbie, aerosol e simili, dannosi alla salute. Devono essere adottati provvedimenti atti ad impedire che la concentrazione di inquinanti nell aria superi il valore massimo tollerato indicato nelle norme vigenti. La diminuzione della concentrazione può anche essere ottenuta con mezzi di ventilazione generale o con mezzi di aspirazione localizzata seguita da abbattimento. In ambienti confinati deve essere effettuato il controllo del tenore di ossigeno, procedendo all insufflamento di aria pura secondo le necessità riscontrate o utilizzando i DPI adeguati all agente. Deve, comunque, essere organizzato il rapido deflusso del personale per i casi di emergenza. Semimaschera Filtrante Antigas UNI EN 405 Antigas e antipolvere Qualora sia accertata o sia da temere la presenza o la possibilità di produzione di gas tossici o asfissianti o la irrespirabilità dell aria ambiente e non sia possibile assicurare una efficace aerazione ed una completa bonifica, gli addetti ai lavori devono essere provvisti di idonei respiratori dotati di sufficiente autonomia. Deve inoltre sempre essere garantito il continuo collegamento con persone all esterno in grado di intervenire prontamente nei casi di emergenza. Utilizzare maschere o semimaschere di protezione adeguate in funzione dell agente. MISURE GENERALI DI TUTELA CALORE, FIAMME, ESPLOSIONI Situazioni di pericolo: Lavori con presenza di fiamme libere o che possono produrre scintille sia di origine elettrica che elettrostatica. Lavori in ambienti con vapori o polveri combustibili di sostanze instabili e reattive o con materie esplosive. Presenza, movimentazione e stoccaggio di bombole di gas. L incendio è una combustione che si sviluppa in modo incontrollato nel tempo e nello spazio. La combustione è una reazione chimica tra un corpo combustibile ed un comburente. I combustibili sono numerosi: legno, carbone, carta, petrolio, gas combustibile, ecc. Il comburente che interviene in un incendio è l aria o, più precisamente, l ossigeno presente nell aria (1% in volume). Il rischio di incendio, quindi, esiste in tutti i locali. L esplosione è una combustione a propagazione molto rapida con violenta liberazione di energia. Può avvenire solo in presenza di gas, vapori o polveri combustibili di alcune sostanze instabili e fortemente reattive o di materie esplosive. Le cause, che possono provocare un incendio, sono: fiamme libere (ad esempio nelle operazioni di saldatura) particelle incandescenti provenienti da un qualsiasi fonte scintille di origine elettrica scintille di origine elettrostatica scintille provocate da un urto o sfregamento superfici e punti caldi innalzamento della temperatura dovuto alla compressione di gas reazioni chimiche getto conglomerato cementizio (vedi scheda specifica) messa in opera pozzetti ripristino e pulizia Precauzioni: 79

80 DVR Non effettuare saldature, operazioni di taglio o che possano comunque sviluppare calore o scintille in presenza di sostanze o polveri infiammabili. Non utilizzare contenitori che hanno contenuto sostanze infiammabili o tossiche prima di averli riempiti con acqua e lavati convenientemente. Durante le operazioni di saldatura non utilizzare ossigeno per ventilazione o pulizia. Attenersi alle istruzioni riportate nella scheda di sicurezza delle sostanze infiammabili utilizzate. Dovrà essere assolutamente vietato fumare nelle aree a rischio di incendio. In caso di utilizzo di bombole di gas occorrerà attenersi alle seguenti misure minime preventive: Verificare l esistenza della documentazione di prevenzione incendi prevista. Scegliere l ubicazione delle bombole e loro posizionamento, considerando un possibile rischio d incendio o d esplosione. Tenere le bombole lontano dai luoghi di lavoro e da eventuali fonti di calore (fiamme, fucine, stufe, calore solare intenso e prolungato). Tenere in buono stato di funzionamento le valvole di protezione, i tubi, i cannelli, e gli attacchi, non sporcare con grasso od olio le parti della testa della bombola. Tenere ben stretti ai raccordi i tubi flessibili e proteggerli da calpestamenti. Evitare qualsiasi fuoriuscita di GPL perché essendo più pesante dell aria può depositarsi nei punti più bassi (cantine, fosse), creando una miscela esplosiva che si può innescare anche solo con una scintilla (evitare pavimentazioni metalliche). Verificare l adeguatezza ed il funzionamento dei sistemi di estinzione presenti (idranti, estintori, ecc.). MISURE GENERALI DI TUTELA USTIONI Situazioni di pericolo: Quando si transita o lavora nelle vicinanze di attrezzature che producono calore (fiamma ossidrica, saldatrici, ecc.) o macchine funzionanti con motori (generatori elettrici, compressori, ecc.); quando si effettuano lavorazioni con sostanze ustionanti. Spegnere l attrezzatura o il motore delle macchine se non utilizzate. Seguire scrupolosamente le indicazioni fornite dal produttore o riportate sull etichetta delle sostanze utilizzate. Guanti Anticalore UNI EN 407 Non transitare o sostare nell area in cui vengono eseguite lavorazioni con sviluppo di calore, scintille, ecc. o nelle quali vengono utilizzare sostanze pericolose. Guanti di protezione contro i rischi termici Utilizzare guanti ed indumenti protettivi adeguati in funzione delle lavorazioni in atto. MISURE GENERALI DI TUTELA RIBALTAMENTO Situazioni di pericolo: Nella conduzione di automezzi di cantiere in genere o nel sollevamento meccanico di carichi, si può verificare il ribaltamento del mezzo con il rischio di schiacciamento di persone estranee o dello stesso operatore. Le cause principali che portano i mezzi di cantiere all instabilità si verificano quando essi sono in movimento. 80

81 DVR Le due cause principali, che possono provocare il ribaltamento sono: il sovraccarico lo spostamento del baricentro i percorsi accidentati ed eventuali ostacoli. La perdita dell equilibrio in senso trasversale non può essere causata dal carico, ma solo da una manovra sbagliata: la più frequente è costituita dall errore di frenare il mezzo, mentre esso sta percorrendo una traiettoria curvilinea. Tanto più alto è il baricentro del mezzo, tanto più facilmente esso si può ribaltare, per cui, soprattutto durante la marcia in curva, sia a vuoto che a carico, è assolutamente necessario procedere con prudenza ed evitare brusche manovre. Tutti i mezzi con rischio di ribaltamento devono essere dotati di cabina ROPS (Roll Over Protective Structure), cioè di una cabina progettata e costruita con una struttura atta a resistere a più ribaltamenti completi del mezzo. Occorre effettuare sempre un sopralluogo sulle aree da percorrere, controllandone la stabilità, la assenza di impedimenti e valutando che le pendenze da superare siano al di sotto delle capacità del mezzo. Adeguare tutte le attrezzature mobili, semoventi o non semoventi, e quelle adibite al sollevamento di carichi, con strutture atte a limitare il rischio di ribaltamento, e di altri rischi per le persone, secondo quanto stabilito dal D. Lgs. 81/08. MISURE GENERALI DI TUTELA INCIDENTI TRA AUTOVEICOLI Situazioni di pericolo: Durante la circolazione di autoveicoli su strada, si possono verificare incidenti tra gli stessi, con conseguenti gravi danni a persone e/o a cose. La guida pericolosa è spesso causa di incidenti; per guida pericolosa si intende: o o o o un'eccessiva velocità in rapporto alle caratteristiche della strada, alla tipologia della vettura e all'intensità del traffico il mancato rispetto degli stop o dei segnali di precedenza; un'insufficiente distanza di sicurezza tra un veicolo e l'altro; il trasporto di un carico eccessivo o sbilanciato; gli errori di valutazione in una situazione di pericolo e la mancanza di riflessi, spesso dovuta a stanchezza o all'uso di alcol, eccitanti o sostanze stupefacenti. Tra le carenze delle strade che a volte provocano incidenti si possono citare: o o o la mancanza di segnaletica o di semafori agli incroci; il fondo stradale sconnesso o sdrucciolevole; la presenza di buche; l'esistenza di ostacoli imprevisti, ad esempio di un veicolo in sosta per un guasto. Tra le carenze delle strade che a volte provocano incidenti si possono citare: o o o la mancanza di segnaletica o di semafori agli incroci; il fondo stradale sconnesso o sdrucciolevole; la presenza di buche; l'esistenza di ostacoli imprevisti, ad esempio di un veicolo in sosta per un guasto. Utilizzare sempre le cinture di sicurezza che, in caso di incidente : o o evitano che l occupante del veicolo venga proiettato in avanti, in modo da prevenire sia l impatto traumatico con le parti rigide dell interno del veicolo (volante, cruscotto, parabrezza, ecc.), sia la fuoriuscita dal veicolo stesso; distribuiscono la forza di impatto dell urto sulle parti più forti del corpo. Preferire sempre autovetture dotate di ABS 81

82 DVR L ABS e un sistema che impedisce alle ruote di pattinare durante la frenata, conservandone quindi la direzionalità (possibilità di sterzare la vettura), e che consente di ridurre gli spazi d arresto nella maggioranza dei casi, specie sui fondi scivolosi Comportamento di guida Per ridurre al minimo il rischio di incidenti stradali occorre rispettare gli interventi previsti nel libretto d uso e manutenzione, ma soprattutto occorre attenersi alle norme di comportamento dettate dal Codice Stradale, con particolare attenzione all uso delle cinture di sicurezza, al controllo della velocità ed al mantenimento della distanza di sicurezza. Attenersi alle disposizioni di prevenzione relative ai rischi comportati dalla propria attività e osservare le norme di sicurezza attinenti. Non trasportare un numero di persone superiore a quello indicato sulla carta di circolazione del veicolo. Tenere allacciate le cinture di sicurezza e osservare scrupolosamente tutte le disposizioni di sicurezza possibili (distanza di sicurezza, limiti di velocità, ecc.), attenendosi nella guida alla massima prudenza. Interrompere immediatamente la guida in caso di stanchezza o sonnolenza o di malessere, anche leggero. Non lasciare il veicolo incustodito senza aver provveduto a garantire la sua amovibilità. In caso di sosta imprevista su strada aperta al traffico, non uscire dall autoveicolo senza avere indossato prima gli indumenti ad alta visibilità. MISURE GENERALI DI TUTELA MICROCLIMA Situazioni di pericolo: Tutte le attività che comportano, per il lavoratore, una permanenza in ambienti con parametri climatici (temperatura, umidità, ventilazione, etc.) non confortevoli. Le attività che si svolgono in condizioni climatiche avverse senza la necessaria protezione possono dare origine sia a bronco-pneumopatie, soprattutto nei casi di brusche variazioni delle stesse, che del classico colpo di calore in caso di intensa attività fisica durante la stagione estiva. I lavoratori devono indossare un abbigliamento adeguato all attività e alle caratteristiche dell ambiente di lavoro, qualora non sia possibile intervenire diversamente sui parametri climatici. Utilizzare indumenti protettivi adeguati in funzione delle condizioni atmosferiche e climatiche. MISURE GENERALI DI TUTELA VIBRAZIONI Situazioni di pericolo: Ogni qualvolta vengono utilizzate attrezzature che producono vibrazioni al sistema mano-braccio, quali: Scalpellatori, Scrostatori, Rivettatori Martelli Perforatori Martelli Demolitori e Picconatori Trapani a percussione Cesoie Levigatrici orbitali e roto-orbitali Seghe circolari Smerigliatrici Motoseghe Decespugliatori Tagliaerba Durante l utilizzo di tali attrezzature, vengono trasmesse vibrazioni al sistema mano-braccio, che comportano un rischio per la salute e la sicurezza dei lavoratori, in particolare disturbi vascolari, osteoarticolari, neurologici o muscolari. 8

83 DVR Situazioni di pericolo: Ogni qualvolta vengono utilizzate attrezzature che producono vibrazioni al corpo intero, quali: Ruspe, pale meccaniche, escavatori Perforatori Carrelli elevatori Autocarri Autogru, gru Piattaforme vibranti Durante l utilizzo di tali attrezzature, vengono trasmesse vibrazioni al corpo intero, che comportano rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, in particolare lombalgie e traumi del rachide. Riduzione del rischi In linea con i principi generali di riduzione del rischio formulati dal D. Lgs. 81/08, tenendo conto del progresso tecnico e della disponibilità di misure per controllare il rischio alla fonte, i rischi derivanti dall'esposizione alla vibrazioni meccaniche devono essere eliminati alla fonte o Guanti ridotti al minimo. Tale principio si applica sempre, indipendentemente se siano Imbottiti, Antivibrazioni superati o meno i livelli di azione o i valori limite di esposizione individuati dalla UNI EN normativa. In quest ultimo caso sono previste ulteriori misure specifiche miranti a ridurre o escludere l'esposizione a vibrazioni. In presenza di tale rischio, è utile l utilizzo di idonei guanti contro le vibrazioni. Guanti di protezione contro le vibrazioni Il datore di lavoro della Impresa esecutrice dovrà valutare la esposizione totale dei lavoratori esposti a tale rischio, come indicato dal D. Lgs. 81/08. MISURE GENERALI DI TUTELA PUNTURE E MORSI DI INSETTI, RETTILI O ALTRI ANIMALI Situazioni di pericolo: Ogni volta che si lavora in zone malsane o con possibile presenza di rettili velenosi si corre il rischio di punture di insetti o, in casi più rari, di morsi di rettili velenosi o animali. Un morso di animale, quale cane, gatto, topo, criceto, porcellino d'india, scoiattolo, non deve essere trascurato in quanto può essere responsabile insieme alla ferita anche di severe infezioni, quali la rabbia o il tetano ed altre malattie virali. MORSI DI RETTILI In caso di morso di vipera potrebbero essere necessari, in situazioni gravi, anche la respirazione artificiale e il massaggio cardiaco. Chiedete il soccorso il più presto possibile. Se il serpente è stato ucciso, portatelo con voi, affinché possa essere identificato. Precauzioni Camminare facendo rumore. Non infilare le mani tra i sassi, soprattutto quelli al sole. Non sedersi a terra o su sassi senza prima dare qualche colpo di bastone. Utilizzare se possibile scarpe abbastanza alte e resistenti. PUNTURE DI INSETTI La puntura d'insetti può essere pericolosa solo se colpisce particolari zone del corpo (occhi, labbra e in generale il viso, lingua e gola), oppure se ad essere punto è un bambino molto piccolo o se la persona soffre di forme allergiche. In quest'ultimo caso esiste il rischio del cosiddetto "shock anafilattico". Precauzioni 8

84 DVR indossare pantaloni e indumenti a manica lunga introducendone il fondo all interno delle calze; evitare abiti scuri dopo il tramonto; nelle operazioni di sistemazione del verde indossare i guanti; eliminare profumi e deodoranti e lacche per capelli; evitare movimenti bruschi se l insetto ronza nei paraggi; applicare insetto-repellenti nelle zone cutanee scoperte, rinnovandoli più volte specie se si suda o ci si bagna; nelle persone particolarmente sensibili alle punture di zanzare, o con storia di anafilassi grave occorre consultare ed informare il medico competente. DPI: indumenti protettivi adeguati. MISURE GENERALI DI TUTELA RADIAZIONI NON IONIZZANTI Situazioni di pericolo: i campi elettromagnetici oscillanti nello spazio e nel tempo alle diverse frequenze formano lo spettro elettromagnetico. In funzione della frequenza di oscillazione vengono così definiti tutti i tipi di radiazione, in particolare, al crescere della frequenza si passa dalla radiazione a RF-MW a quella ottica (infrarosso, visibile e ultravioletto) fino ad arrivare alle radiazioni ionizzanti (raggi ) che, a differenza di quelle prima elencate, trasportano energia sufficiente a ionizzare gli atomi. Con il termine "radiazioni non ionizzanti" si intendono comunemente quelle forme di radiazione il cui meccanismo di interazione con la materia non sia quello della ionizzazione. In generale esse comprendono quella parte delle onde elettromagnetiche costituita da fotoni aventi lunghezze d'onda superiori a 0,1 um. Spesso tali radiazioni sono indicate con la sigla "NIR" (non ionizing radiations): campi magnetici statici; campi elettrici statici; campi a frequenze estremamente basse (ELF) (v <= 00 Hz); comprendenti le frequenze di rete dell'energia elettrica, a Hz; radiazione a radiofrequenza; radiazione infrarossa; radiazione visibile; radiazione ultravioletta. Il campo delle NIR comprende inoltre le onde di pressione, come gli ultrasuoni. PRINCIPALI MISURE DI PREVENZIONE Consiste nell'adozione di adeguati sistemi di protezione ambientale (schermature delle sorgenti) e di protezione personale (occhiali idonei, guanti, indumenti). L'ACGIH (American Conference Governmental Industrial Hygienist) ha stabilito che un'irradiazione totale nell UV-A minore di 10 W/m e un'irradianza efficace nell'uv-b e UV-C minore di 1mW/m non comportano rischi professionali da radiazioni ultraviolette per effetti a breve termine. Sarebbe inoltre utile non esporre i soggetti con una maggiore suscettibilità agli ultravioletti per difetti congeniti o acquisiti (albini, soggetti affetti da porfiria) o affetti da alterazioni oculari recidivanti o lesioni cutanee di tipo cronico. DPI: occhiali di protezione, guanti di protezione, schermo protettivo, indumenti. 84

85 DVR MISURE GENERALI DI TUTELA POSTURA Situazioni di pericolo: il rischio da posture incongrue è assai diffuso e, seguendo una classificazione basata sul tipo di rischio posturale si possono individuare contesti lavorativi in cui sono presenti: sforzi fisici ed in particolare spostamenti manuali di pesi; posture fisse prolungate (sedute o erette); movimenti ripetitivi e continui di un particolare segmento corporeo. E' ovvio che vi sono contesti lavorativi in cui si realizzano contemporaneamente due, anche più, di queste condizioni; tuttavia è utile rifarsi a questa classificazione unicamente per semplicità espositiva. Nei lavori d ufficio, il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non ergonomici o se le attrezzature di lavoro non sono disposte in maniera funzionale. In questi casi i lavoratori sono costretti ad assumere una postura innaturale e scomoda con dolorose contrazioni muscolari, affaticamento precoce, calo del rendimento e difficoltà di concentrazione, per non parlare del maggior rischio di commettere errori. MISURE DI PREVENZIONE Modifiche strutturali del posto di lavoro Nei lavori pesanti andrà favorita la meccanizzazione, negli altri il posto dovrà essere progettato "ergonomicamente" tenuto conto cioè delle dimensioni e delle esigenze e capacità funzionali dell'operatore. Modifiche dell organizzazione del lavoro Nei lavori pesanti, oltre alla meccanizzazione, servono a garantire l'adeguato apporto numerico di persone alle operazioni più faticose che dovessero essere svolte comunque manualmente. Negli altri lavori servono a introdurre apposite pause o alternative posturali per evitare il sovraccarico di singoli distretti corporei. Training, informazione sanitaria ed educazione alla salute Sono di fondamentale importanza per la riuscita di qualsiasi intervento preventivo. Sono finalizzati non solo ad accrescere la consapevolezza dei lavoratori sull'argomento ma anche all'assunzione o modifica da parte di questi, tanto sul lavoro che nella vita extralavorativa, di posture, atteggiamenti e modalità di comportamento che mantengano la buona efficienza fisica del loro corpo. 85

86 DVR MISURE GENERALI DI TUTELA RISCHIO CHIMICO Situazioni di pericolo: presenza di agenti chimici sul luogo di lavoro. In particolare i rischi sono legati a: proiezioni di schizzi; inalazione di agenti chimici gassosi o in evaporazione (in particolare presenza di CO ed ossido di azoto in luoghi chiusi), vapori, nebbie ecc.; aggressioni chimiche da acidi o alcali; contatti con agenti chimici troppo caldi o troppo freddi con rischio di ustioni, congelamento/raffreddamento repentino. MISURE DI PREVENZIONE I lavoratori esposti ad agenti chimici devono attenersi alle seguenti istruzioni minime di sicurezza: custodire gli agenti chimici in contenitori chiusi ed in luoghi protetti, lontano da fonti di calore, fiamme e scintille. Verificare che gli agenti chimici utilizzati o stoccati dispongano delle schede di sicurezza aggiornate Prima di iniziare le attività verificare che non vi siano elementi di ostacolo o di pericolo per il corretto svolgimento delle attività stesse. Prima di iniziare le attività verificare la presenza di eventuali mezzi di contenimento (sabbia, segatura, stracci, ecc.) degli agenti chimici in caso di fuoriuscita accidentale, in conformità a quanto previsto al punto 6 della scheda di sicurezza o da specifiche procedure interne. Verificare che i dispositivi di protezione collettiva (D.P.C.) siano presenti e funzionanti, in caso contrario, informare il diretto superiore. Verificare che i DPI destinati allo svolgimento delle mansioni siano in dotazione e che non presentino elementi di deterioramento. Durante le attività usare i DPI in dotazione e previsti nell apposita procedura. Informare il diretto superiore di ogni eventuale anomalia riscontrata. Durante l uso degli agenti chimici non mangiare e non fumare. Prima di bere assicurarsi che non vi siano elementi di contaminazione chimica e, nel caso, togliere eventuali guanti e lavarsi le mani e/o il volto. Prima delle pause per il pranzo effettuare una scrupolosa pulizia delle mani, del viso e del vestiario. In caso di malessere, ingestione indiretta o altra situazione di sovraesposizione da agenti chimici procedere attraverso le seguenti azioni: o o o informare il preposto; consultare la scheda di sicurezza; attivare, se necessario, le procedure di primo soccorso; in ogni caso, il telefono di emergenza da ricordare è il n DPI Dovranno essere utilizzati idonei DPI marcati CE, al fine di ridurre i rischi di danni diretti alla salute dei lavoratori derivanti dalle attività effettuate durante l uso di agenti chimici pericolosi. In funzione degli agenti chimici utilizzati, occorrerà indossare uno o più dei seguenti DPI marcati CE (o quelli indicati in modo specifico dalle procedure e dalle schede di sicurezza). In dettaglio : D.P.I. degli occhi: occhiali, visiere e schermi. D.P.I dell'apparato respiratorio: maschere, semimaschere, facciali filtranti ed autorespiratori. Le maschere sono diverse, specifiche per il tipo di agente chimico dal quale ci si vuole proteggere: o mascherine igieniche per polveri innocue o irritanti, per filtrazione di materiale con diametro >=5µ; FFP1 per la protezione da polveri nocive, aerosol a base acquosa di materiale particellare (>=0,0µ) oppure quando la concentrazione di contaminante è al massimo 4,5 volte il corrispondente TLV (valore limite di soglia); FFP1 per la protezione da vapori organici e vapori acidi per concentrazione di contaminante inferiore al rispettivo TLV; 86

87 DVR FFP per la protezione da polveri a media tossicità, fibre e aerosol a base acquosa di materiale particellare (>=0,0 µ) e fumi metallici per concentrazioni di contaminante fino a 10 volte il valore limite (buona efficienza di filtrazione); FFP per la protezione da polveri tossiche, fumi aerosol a base acquosa di materiale particellare tossico con granulometria >=0,0 µ per concentrazioni di contaminante fino a 50 volte il TLV (ottima efficienza di filtrazione); maschere con filtri antigas di classe 1,,, rispettivamente con piccola, media e grande capacità di assorbimento e con colorazioni distinte dei filtri, in particolare: marrone per gas e vapori organici grigio per gas e vapori inorganici giallo per anidride solforosa, altri gas e vapori acidi verde per ammoniaca e suoi derivati organici blu/bianco per ossidi di azoto rosso/bianco per mercurio D.P.I. delle mani: guanti. La scelta deve essere fatta in base a ciò che potrebbe aggredire le mani, infatti esistono guanti specifici contro le aggressioni chimiche da acidi o alcali e guanti per possibili contatti con sostanze calde o fredde. Indumenti di protezione: capi di abbigliamento particolari che tutelano il corpo intero da aggressioni chimiche. 87

88 DVR MISURE GENERALI DI TUTELA RISCHIO BIOLOGICO Situazioni di pericolo: Tutte le attività nelle quali vi sia la presenza di qualsiasi microrganismo, anche se geneticamente modificato, coltura cellulare ed endoparassita umano che potrebbe provocare infezioni, allergie o intossicazioni. Le principali sono quelle svolte in possibili ambienti insalubri quali: manutenzione di fognature (canali, pozzi e gallerie) ed impianti di depurazione manutenzione del verde attività in ambito cimiteriale manutenzioni in sedi ferroviarie e stradali MISURE DI PREVENZIONE PRIMA DELL ATTIVITA prima dell inizio di qualsiasi attività nella quale i lavoratori possano venire a contatto con agenti biologici nocivi è necessario effettuare una preventiva valutazione ambientale, seguita da una eventuale bonifica del sito il personale, a qualunque titolo presente, deve essere adeguatamente informato e formato sulla modalità di corretta esecuzione del lavoro e sulle attività di prevenzione da porre in essere DURANTE L ATTIVITA è fatto assoluto divieto di fumare, mangiare o bere sul posto di lavoro è indispensabile indossare l equipaggiamento idoneo (guanti, stivali, ecc.) DOPO L ATTIVITA tutti i lavoratori devono seguire una scrupolosa igiene personale, che deve comprendere anche il lavaggio delle mani, dei guanti, delle calzature e degli altri indumenti in soluzione disinfettante. PRONTO SOCCORSO E MISURE DI EMERGENZA in caso di allergia, intossicazione o infezione da agenti biologici è necessario condurre l interessato al più vicino centro di Pronto Soccorso. SORVEGLIANZA SANITARIA tutti gli addetti sono sottoposti a sorveglianza sanitaria e, previo parere del medico competente, alle eventuali vaccinazioni ritenute necessarie (es. antiepatite) 88

89 DVR MISURE GENERALI DI TUTELA AFFATICAMENTO VISIVO Situazioni di pericolo: lavori che prevedono l utilizzo di video, monitor, palmari, ecc. o che comportano lavori di precisione; lavori effettuati con scarsa illuminazione o con posizione errata dell operatore rispetto alle fonti luminose. I sintomi più frequenti sono : bruciore, lacrimazione, secchezza congiuntivale, ammiccamento frequente, fotofobia, visione annebbiata, difficoltà di messa a fuoco. Le cause possono dipendere da : uso dei videoterminali ininterrotto per molte ore scorretta illuminazione artificiale illuminazione naturale scarsa, assente o non ben regolata arredo inadeguato dal punto di vista cromatico difetti visivi individuali privi di adeguata correzione posizione errata dei VDT rispetto alle fonti di luce PRINCIPALI MISURE DI PREVENZIONE Garantire una corretta illuminazione nei luoghi di lavoro, sia per la qualità che per la quantità Qualità La luce migliore è quella naturale diretta, che deve poter essere regolata, per attenuare la luce diurna. Si devono evitare effetti di abbagliamento La luce deve avere una temperatura di colore intorno ai 4000 K (gradi Kelvin) Va garantita una corretta distribuzione delle fonti di luce Quantità Tra la profondità dell ambiente e la misura che va dall architrave della finestra al pavimento deve essere rispettato un rapporto almeno di : 1 La superficie illuminante deve essere almeno 1/8 della superficie del pavimento (con finestre apribili) Le finestre devono essere facili da pulire Le finestre devono essere distribuite in maniera tale da garantire un illuminazione adeguata in tutto l ambiente L intensità della luce deve raggiungere i valori previsti dalla vigente normativa in materia. 89

90 Sezione 7 VALUTAZIONE RISCHI ATTIVITA LAVORATIVE Qui di seguito sono riportate le diverse fasi lavorative effettuate in azienda. Per ognuna di esse sono stati individuati e valutati i rischi con la metodologia indicata nella Sezione e sono state dettagliate le misure di prevenzione e protezione ed indicati i Dispositivi di Protezione Individuale da indossare. Per ogni attività lavorativa sono state, inoltre, indicate le eventuali attrezzature, opere provvisionali e sostanze impiegate, per il cui utilizzo si farà riferimento alle rispettive Sezioni 8,9 e10. ATTIVITA' 1 : SCUOLE FASE LAVORATIVA FASE 1.1 : ATTIVITA' DIDATTICA La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione Convitto-Livello 1 (Direzione) Controllo discenti ATTIVITA CONTEMPLATA L'attività è caratterizzata dallo svolgimento di lezioni in materie specifiche svolte dal docente che si avvale di strumenti cartacei, tra cui testi, fotocopie e dispense e, talvolta, di strumenti informatici o di attrezzature quali, ad esempio, la lavagna luminosa. Egli ha inoltre la responsabilità degli alunni durante lo svolgimento delle attività. Soprattutto nelle scuole medie e superiori, negli ultimi anni anche in alcune scuole elementari, sono stati introdotti corsi di informatica, pertanto in questi casi l'attività viene svolte in aule attrezzate in cui ciascuno studente ha a disposizione un videoterminale. ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : PERSONAL COMPUTER SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : INCHIOSTRI TONER Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI 90

91 La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Postura Microclima Allergeni Inalazione di polveri e fibre Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Probabile Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Verifica dello stato di conservazione delle attrezzature utilizzate durante l'attività Divieto di utilizzo di utenze non a norma rispetto ai requisiti minimi di sicurezza elettrica Maggiore flessibilità nell'organizzazione del lavoro Prevedere adeguate condizioni di illuminamento, sia come fattore di sicurezza che come fattore di igiene, attraverso una corretta potenza degli impianti e garantendo, attraverso una periodica e sistematica attività manutentiva, la costante disponibilità, specie degli impianti di emergenza Evitare di parlare continuamente per più ore consecutive, ed alternare le attività didattiche opportunamente INFEZIONE DA MICROORGANISMI Accertarsi della corretta igiene delle aule MICROCLIMA Predisporre adeguati sistemi di ventilazione e di condizionamento/riscaldamento dell'aria POSTURA Formazione ed informazione sulle corrette posture da adottare durante lo svolgimento delle lezioni, ed in particolar modo per le attività che comportano la movimentazione dei carichi DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. 91

92 FASE LAVORATIVA FASE 1. : ATTIVITA' OPERATORI SCOLASTICI La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Attività di pulizia dei locali nonché di custodia e sorveglianza dei locali. svolta dal collaboratore scolastico (già bidello) che si occupa inoltre dei servizi generali della scuola ed in particolare ha compiti di accoglienza e sorveglianza nei confronti degli alunni e del pubblico ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : ASPIRAPOLVERE ATTREZZI MANUALI DI USO COMUNE SCALE SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : CANDEGGIANTI CON IPOCLORITO DI SODIO DETERGENTI Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Rumore Vedere valutazione specifica Caduta dall'alto Elettrocuzione Allergeni Inalazione di polveri e fibre Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Probabile Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: 9

93 GENERALE Ogni sostanza del tipo in esame deve essere opportunamente conservata Predisporre idonee tabelle per intervento di primo soccorso per le sostanze adoperate ELETTROCUZIONE Assicurarsi sull'integrità dei collegamenti elettrici dell'aspirapolvere Assicurarsi dell'integrità degli attrezzi in tutte le loro parti, soprattutto per quelle elettriche ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame non devono essere consumati cibi e bevande Prevedere idonea etichettatura delle sostanze chimiche o tossiche presenti Durante l'uso di sostanze del tipo in esame devono essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo Acquisire le schede di sicurezza delle sostanze chimiche e tossiche utilizzate Durante i lavori di pulizia attenersi alle schede tecniche dei prodotti in uso, mantenere le etichette, non usare contenitori inadeguati Per le pulizie utilizzare i prodotti meno nocivi e sostituire quelli maggiormente nocivi Adottare una scrupolosa igiene personale: abito da lavoro e pulizia frequente con le mani Nelle operazioni di pulizia utilizzare le sostanze meno tossiche e meno volatili possibili Dotarsi sempre di DPI idonei nelle fasi di pulizia delle attrezzature Scegliere prodotti detergenti con ph vicini al neutro RISCHIO BIOLOGICO Gli addetti alle pulizie devono essere vaccinati contro l'epatite B, la TBC ed il Tetano DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Guanti in lattice (Conformi UNI EN 74-40) Calzature antiscivolo (Conformi UNI EN 47) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. 9

94 FASE LAVORATIVA FASE 1. : ATTIVITA' DI LABORATORIO La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA L'attività di laboratorio viene svolta in locali adeguatamente attrezzati per le attività da svolgere. Più frequentemente si incontrano laboratori nelle scuole medie e superiori per le quali il corso di studio può prevedere applicazioni pratiche delle materie studiate. ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : CANNELLO PER SALDATURA OSSIACETILENICA FORBICI PIALLA A FILO PRESSE SEGHETTO MANUALE TORNIO A CONTROLLO NUMERICO TRAPANO ELETTRICO UTENSILI ELETTRICI PORTATILI SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : COLLANTE DETERGENTI SOLVENTI VERNICI Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Proiezione di schegge Cesoiamento, stritolamento Rumore Vedere valutazione specifica Caduta di materiale dall'alto Elettrocuzione Punture, tagli e abrasioni Microclima Probabilità Probabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio 94

95 Allergeni Improbabile MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Ogni sostanza del tipo in esame deve essere opportunamente conservata Predisporre idonee tabelle per intervento di primo soccorso per le sostanze adoperate Verificare l'integrità della macchina, in tutte le sue parti Installare schermature che rendano inaccessibili le zone in cui operano gli organi lavoratori delle macchine Verificare l'efficienza dei comandi e dell'interruttore di emergenza La presenza attenta e costante del docente impedisce l'utilizzo improprio degli strumenti a disposizione e quindi evita ferimenti accidentali non legati all'attività didattica Dotare i locali di attrezzature idonee e migliorare la dotazione di arredi di servizio CADUTA DI MATERIALE DALL'ALTO Verificare il corretto ancoraggio delle scaffalature ai muri PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Utilizzare e conservare gli attrezzi taglienti con la dovuta attenzione e cura ELETTROCUZIONE I lavoratori non devono adoperare gli attrezzi manuali di uso comune su parti di impianti elettrici in tensione Per l'uso degli utensili elettrici portatili saranno osservate le ore di silenzio imposte dai regolamenti locali. Riferimento:DPCM 01/0/91 RUMORE Per l'uso del compressore saranno osservate le ore di silenzio imposte dai regolamenti locali. Riferimento:DPCM 01/0/91 CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO Nell'utilizzo di macchinari ed attrezzature con organi meccanici in movimento e con dispositivi rotanti non indossare indumenti con parti libere e svolazzanti che potrebbero impigliarsi negli ingranaggi Non effettuare interventi su apparecchiature con organi in movimento prima che siano disattivate ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame non devono essere consumati cibi e bevande Prevedere idonea etichettatura delle sostanze chimiche o tossiche presenti Acquisire le schede di sicurezza delle sostanze chimiche o tossiche utilizzate Durante l'uso di sostanze del tipo in esame devono essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo Nelle operazioni di pulizia utilizzare le sostanze meno tossiche e meno volatili possibile Scegliere prodotti detergenti con ph vicini al neutro 95

96 PROIEZIONE DI SCHEGGE Verificare l'efficienza dello schermo paraschegge MICROCLIMA Predisporre adeguati sistemi di ventilazione e di condizionamento/riscaldamento dell'aria Ricambio dell'aria frequente DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Guanti in lattice (Conformi UNI EN 74-40) Scarpe di sicurezza a slacciamento rapido (Conformi UNI EN 45-44) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE 1.4 : BIBLIOTECA SCOLASTICA La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi delle attività connesse alla gestione del servizio biblioteca 96

97 ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : CICLOSTILE FOTOCOPIATRICE MACCHINA DA SCRIVERE PERSONAL COMPUTER SPILLATRICE STAMPANTE A GETTO D'INCHIOSTRO STAMPANTE LASER VIDEOPROIETTORE SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : INCHIOSTRI Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Gas e vapori Caduta di materiale dall'alto Calore, fiamme, esplosione Punture, tagli e abrasioni Postura Microclima Allergeni Inalazione di polveri e fibre Probabilità Improbabile Probabile Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Effettuare semplici esercizi di rilassamento, stiramento e rinforzo muscolare durante la giornata Verificare l'integrità delle attrezzature in tutte le sue parti Eseguire le operazioni di fotocopiatura sempre con lo schermo protettivo abbassato Posizionare la stampante in ambienti opportuni Effettuare periodica manutenzione Verificare le condizioni di illuminamento, sia come fattore di sicurezza che come fattore di igiene CADUTA DI MATERIALE DALL'ALTO Verificare il corretto ancoraggio delle scaffalature ai muri 97

98 PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Utilizzare la spillatrice con la dovuta attenzione e cura INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE La sostituzione del toner, essendo quest'ultimo tossico, deve essere effettuata da personale esperto GAS E VAPORI Adottare adeguati sistemi di ventilazione e di condizionamento/riscaldamento dell'aria CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE Vietare il fumo categoricamente e non utilizzare attrezzature difettose o che possano innescare incendi Accertarsi della presenza di estintori nel numero sufficiente in funzione del carico d'incendio, o di altri sistemi di estinzione automatica MICROCLIMA Ricambio dell'aria frequente POSTURA Non mantenere a lungo posizioni scomode o viziate.in caso di impossibilità in tal senso, interrompere spesso il lavoro per rilassare la muscolatura Attuare misure tecnico organizzative in modo da evitare il più possibile la ripetitività e la monotonia delle operazioni : pause, turni,ecc DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Calzature antiscivolo (Conformi UNI EN 47) Guanti monouso (Conformi UNI EN 74-40) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. 98

99 FASE LAVORATIVA FASE 1.5 : LABORATORIO INFORMATICO SCOLASTICO La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi delle attività didattiche di un laboratorio informatico scolastico. ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : CICLOSTILE PERSONAL COMPUTER PLOTTER A GETTO D'INCHIOSTRO PLOTTER ELETTROSTATICO STAMPANTE A GETTO D'INCHIOSTRO STAMPANTE LASER VIDEOPROIETTORE SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : INCHIOSTRI TONER Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Rumore Vedere valutazione specifica Affaticamento visivo Punture, tagli e abrasioni Probabilità Probabile Magnitudo Rischio 99

100 Postura Radiazioni non ionizzanti Microclima Allergeni Probabile Improbabile Lieve MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Il rumore emesso dalle attrezzature appartenenti al/ai posto/i di lavoro deve essere preso in considerazione al momento della sistemazione del posto di lavoro, in particolare al fine di non perturbare l'attenzione e la comunicazione verbale Le attrezzature appartenenti al/ai posto/i di lavoro non devono produrre un eccesso di calore che possa essere fonte di disturbo per i lavoratori L'utilizzazione dei videoterminali non deve essere fonte di rischio per gli studenti E' possibile utilizzare un sostegno separato per lo schermo o un piano regolabile La tastiera deve avere una superficie opaca onde evitare i riflessi I simboli dei tasti devono presentare sufficiente contrasto ed essere leggibili dalla normale posizione di lavoro L'illuminazione generale ovvero l'illuminazione specifica (lampade di lavoro) devono garantire un'illuminazione sufficiente ed un contrasto appropriato tra lo schermo e l'ambiente, tenuto conto delle caratteristiche del lavoro e delle esigenze visive dell'utilizzatore Fastidiosi abbagliamenti e riflessi sullo schermo o su altre attrezzature devono essere evitati strutturando l'arredamento del locale e del posto di lavoro in funzione dell'ubicazione delle fonti di luce artificiale e delle loro caratteristiche tecniche I posti di lavoro devono essere sistemati in modo che le fonti luminose quali le finestre e le altre aperture, le pareti trasparenti o traslucide, nonchè le attrezzature e le pareti di colore chiaro non producano riflessi sullo schermo Le finestre devono essere munite di un opportuno dispositivo di copertura regolabile per attenuare la luce diurna che illumina il posto di lavoro MICROCLIMA Si deve fare in modo da ottenere e mantenere un'umidità soddisfacente RADIAZIONI NON IONIZZANTI La brillanza e/o il contrasto tra i caratteri e lo sfondo dello schermo devono essere facilmente regolabili da parte dell'utilizzatore del videoterminale e facilmente adattabili alle condizioni ambientali Tutte le radiazioni, eccezione fatta per la parte visibile dello spettro elettromagnetico, devono essere ridotte a livelli trascurabili dal punto di vista della tutela della sicurezza e della salute degli studenti I caratteri sullo schermo devono avere una buona definizione e una forma chiara, una grandezza sufficiente e vi deve essere uno spazio adeguato tra i caratteri e le linee L'immagine sullo schermo deve essere stabile; esente da sfarfallamento o da altre forme d'instabilità Lo schermo non deve avere riflessi e riverberi che possano causare molestia all'utilizzatore POSTURA Il supporto per i documenti deve essere stabile e regolabile e deve essere collocato in modo tale da ridurre al massimo i movimenti fastidiosi della testa e degli occhi Un poggiapiedi sarà messo a disposizione di coloro che lo desiderino Il posto di lavoro deve essere ben dimensionato e allestito in modo che vi sia spazio sufficiente per permettere cambiamenti di posizione e di movimenti operativi 100

101 Lo schermo deve essere orientabile ed inclinabile liberamente e facilmente per adeguarsi alle esigenze dell'utilizzatore La tastiera dev'essere inclinabile e dissociata dallo schermo per consentire al lavoratore di assumere una posizione confortevole e tale da non provocare l'affaticamento delle braccia o delle mani Lo spazio davanti alla tastiera dev'essere sufficiente onde consentire un appoggio per le mani e le braccia dell'utilizzatore La disposizione della tastiera e le caratteristiche dei tasti devono tendere ad agevolare l'uso della tastiera stessa Il piano di lavoro deve avere una superficie poco riflettente, essere di dimensioni sufficienti e permettere una disposizione flessibile dello schermo, della tastiera, dei documenti e del materiale accessorio E' necessario uno spazio sufficiente che permetta agli studenti una posizione comoda Il sedile di lavoro dev'essere stabile, permettere all'utilizzatore una certa libertà di movimento ed una posizione comoda. I sedili debbono avere altezza regolabile Il loro schienale deve essere regolabile in altezza e in inclinazione DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Lenti oftalmiche (in caso di utilizzo intensivo dei VDT) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE 1.6 : RIUNIONI E CONFERENZE La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA 101

102 Si tratta di attività culturali a scopo didattico e non, come conferenze o seminari, riunioni, cerimonie religiose importanti, o infine consultazioni elettorali. Mentre i primi eventi sono caratterizzati soprattutto dalla presenza di strumenti quali microfoni, amplificatori, e talvolta lavagne luminose, l'ultimo è caratterizzato soprattutto dalla presenza di impianti elettrici temporanei per l'illuminazione delle cabine, dei seggi e altro. Nel complesso tutte queste attività prevedono la presenza nell'edificio di persone non facenti parte dell'organico dell'istituto ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : PERSONAL COMPUTER VIDEOPROIETTORE SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : POLVERI TONER Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Microclima Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Effettuare la denuncia dell'impianto di messa a terra (Mod. B) e documentare le successive verifiche biennali Una disposizione adeguata delle luci nelle aule da adibire a riunioni evita la realizzazione di impianti temporanei Non rimuovere i filtri ottici presenti per modificare il funzionamento del videoproiettore Attenersi nell'uso e nella manutenzione delle attrezzature a quanto descritto nel libretto delle istruzioni Assicurarsi dell'integrità e del corretto funzionamento delle attrezzature in tutte le loro parti ELETTROCUZIONE 10

103 Il frequente controllo dell'impianto microfono - amplificatore e dell'attacco della lavagna luminosa limita il rischio di elettrocuzione L'impianto elettrico deve essere realizzato in conformità alle norme vigenti MICROCLIMA Predisporre adeguati sistemi di ventilazione e di condizionamento/riscaldamento dell'aria DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE 1.7 : SEGRETERIA SCOLASTICA La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi dei lavori d'ufficio delle segreterie scolastiche ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : FA FOTOCOPIATRICE MACCHINA DA SCRIVERE PERSONAL COMPUTER SPILLATRICE STAMPANTE TIMBRATRICE 10

104 SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : POLVERI TONER Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Rumore Vedere valutazione specifica Punture, tagli e abrasioni Postura Inalazione di polveri e fibre Probabilità Probabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Posizionare la stampante in ambienti opportuni Effettuare semplici esercizi di rilassamento, stiramento e rinforzo muscolare durante la giornata lavorativa in ufficio PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Utilizzare la spillatrice con la dovuta attenzione e cura INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE La sostituzione del toner, essendo quest'ultimo tossico, deve essere effettuata da personale esperto POSTURA Non mantenere a lungo posizioni scomode o viziate.in caso di impossibilità in tal senso, interrompere spesso il lavoro per rilassare la muscolatura Assumere una comoda posizione di lavoro DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Lenti oftalmiche (in caso di utilizzo intensivo dei VDT) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) 104

105 Mascherina con carboni attivi (Conforme UNI EN 149) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE 1.8 : ATTIVITA' RICREATIVA ALL'APERTO SCUOLE La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Consiste nella pausa di ricreazione durante la quale si utilizzano le attrezzature presenti, in giochi di gruppo, nonché in attività didattiche. I docenti o altro personale scolastico sono tenuti al controllo degli allievi, durante l'attività. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. 105

106 Descrizione del Pericolo Rumore Vedere valutazione specifica Caduta dall'alto Infezioni Urti, colpi, impatti e compressioni Microclima Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Probabile Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Maggiore flessibilità nell'organizzazione del lavoro Assicurarsi che il lavoro non venga svolto costantemente in condizioni di stress (tempi ridotti a causa di personale insufficiente) Prevedere personale di riserva per coprire ferie, malattie, periodi di punta, ecc. (es. servendosi di agenzie di collocamento) Verifica dello stato di conservazione delle attrezzature utilizzate durante l'attività ricreativa Riporre in luogo adeguato, dopo la pausa ricreativa, tutti gli oggetti utilizzati durante la stessa CADUTA DALL'ALTO Predisporre scivoli in blocco unico aventi la parte finale meno ripida per diminuire la velocità, bordi laterali alti almeno 10 cm, piattaforma e parapetti di sicurezza URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI Rimuovere gli spigoli e arrotondare i bordi; porre delle protezioni agli orli Predisporre le attrezzature per giochi rispettando le dovute distanze di sicurezza tra di loro Installare altaleni con seggiolini in materiale capace di assorbire colpi e con bordi arrotondati Delimitare l'area dove è installata la giostra girevole INFEZIONE DA MICROORGANISMI Accertarsi della corretta igiene dello spazio MICROCLIMA Predisporre adeguati sistemi di ventilazione e di condizionamento/riscaldamento dell'aria DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa 106

107 presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE 1.9 : LAVORI IN CUCINA SCUOLE La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi di attività che prevede la preparazione e cottura dei cibi da servire successivamente nella sala mensa. ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : AFFETTATRICE ATTREZZI MANUALI CUCINA E PENTOLAME BISTECCHIERA ELETTRICA CELLA FRIGORIFERA COLTELLO CUCINA CRISTALLERIA CUCINA CUCINA ELETTRICA FORNO A GAS FORNO A GAS VENTILATO FORNO A LEGNA FORNO A MICROONDE FORNO ELETTRICO FRIGGITRICE FRIGOCONGELATORE FRIGORIFERO IMPASTATRICE PIZZA LAVABICCHIERI LAVASTOVIGLIE MACCHINA DA CAFFE' ESPRESSO POSATERIA SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : DETERGENTI POLVERI 107

108 Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Ustioni Punture, tagli e abrasioni Elettrocuzione Calore, fiamme, esplosione Ribaltamento Urti, colpi, impatti e compressioni Postura Microclima Allergeni Getti e schizzi Inalazione di polveri e fibre Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Probabile Improbabile Improbabile Probabile Improbabile Probabile Probabile Magnitudo Lieve Lieve Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Predisporre idonee tabelle per intervento di primo soccorso per le sostanze adoperate Assicurarsi che il lavoro non venga svolto costantemente in condizioni di stress (tempi ridotti a causa di personale insufficiente) Prevedere personale di riserva per coprire ferie, malattie, periodi di punta, ecc. (es. servendosi di agenzie di collocamento) Attenersi alle istruzioni riportate nella allegata scheda PROCEDURE D'EMERGENZA Il libretto d'uso e manutenzione delle macchine sarà tenuto a disposizione di tutti i lavoratori ed in particolare di quelli deputati ad eseguire gli interventi manutentivi Si provvederà preventivamente alla valutazione dei rischi, qualora vengano adoperate le attrezzature in disuso, attualmente in deposito Le celle frigorifere devono avere la possibilità di essere aperte anche dall'interno. Utilizzare contenitori idonei per la conservazione di alimenti nel frigorifero Informazione e formazione degli addetti sul corretto utilizzo delle attrezzature di lavoro, sulla natura dei rischi e sui comportamenti conseguenti Effettuare periodica manutenzione, con controllo dei tubi ed eventuale loro sostituzione, in caso di usura I dispositivi di sicurezza (termostati, valvole di sovrap pressione) di pentole ribaltabili, bagnomaria, steamer devono essere controllati periodicamente da uno specialista secondo le indicazioni del fornitore. ll termostato di regolazione e quello di sicurezza delle friggitrici devono essere controllati periodicamente da uno specialista secondo le indicazioni del fornitore. Il personale deve essere istruito su come pulire correttamente la friggitrice : prima di svuotare la friggitrice far raffreddare l olio per circa min. e quindi sistemare il recipiente con l olio usato lontano dalle vie di circolazione. Verificare che i filtri antigrasso e la cappa aspirante vengono puliti periodicamente all interno e all esterno. Durante i travasi o l' impiego di detergenti o prodotti di lavaggio concentrati occorre utilizzare occhiali e guanti di protezione ed osservare le indicazioni delle schede di sicurezza. Verificare che nella cella frigorifera vi sia un sistema di allarme udibile in qualsiasi momento che può essere tacitato solo nella cella frigorifera. L allarme deve essere udibile anche se la persona che si è rinchiusa lavora da sola in cucina. 108

109 URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI Rimuovere gli spigoli e arrotondare i bordi; porre delle protezioni agli orli I pavimenti e passaggi devono essere sgombri da attrezzature o materiali PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Durante l'uso dei coltelli, controllare frequentemente lo stato del manico Posizionare la cristalleria in maniera opportuna Posizionare e conservare gli oggetti da posateria in maniera opportuna Verificare che il coperchio del tagliaverdure si porti automaticamente in posizione di protezione. In caso contrario provvedere alla riparazione o sostituzione della attrezzatura. Verificare che i ripari del tritatutto e del pelapatate siano sorvegliati elettricamente, ossia che risulti impossibile entrare in contatto con le parti taglienti in movimento. SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Frequente pulizia del pavimento con prodotti detergenti Disporre di pavimentazione idonea (grigliati, trattamento antiscivolo, pendenze giuste, pulizia frequente) ELETTROCUZIONE Assicurarsi dell'integrità del forno a microonde in tutte le sue parti, soprattutto per i collegamenti elettrici Assicurarsi che l'impianto elettrico e di terra sia a norma e che le attrezzature elettriche utilizzate siano in buono stato di conservazione e collegate all'impianto di terra, se non dotate di doppio isolamento Assicurarsi periodicamente dell'integrità degli elettrodomestici, soprattutto per i cavi di alimentazione, i tubi per l'acqua e lo stato delle guarnizioni Verificare che tutte le prese e le apparecchiature elettriche siano sistemate in alto al riparo dagli spruzzi o comunque protette. INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE Provvedere ad una idonea ventilazione ambientale CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO Segregare gli organi lavoratori pericolosi delle affettatrici Le affettatrici devono essere dotate di microinterruttori di sicurezza sul blocco affilatoio e sul carter paralama e di elsa di protezione sull'impugnatura del carrello portamerce Per il tritacarne a funzionamento elettrico attenersi alle disposizioni di cui alla Circolare Ministero Lavoro e Previdenza Sociale n.66 del ALLERGENI Scegliere prodotti detergenti con ph vicini al neutro Durante l'uso delle sostanze per la pulizia, adottare gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo Ogni sostanza deve essere opportunamente conservata in appositi contenitori Durante l'uso delle sostanze per la pulizia non devono essere consumati cibi e bevande Acquisire le schede di sicurezza delle sostanze utilizzate Nelle operazioni di pulizia, utilizzare le sostanze meno tossiche e meno volatili possibile 109

110 CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE Assicurarsi che le porte tagliafuoco, se presenti, siano funzionanti e siano mantenute sempre sgombre. In presenza di odori tipo gas, non accendere assolutamente luci o fiamme (accendini, fornelli, ecc.) Verificare la scadenza del Certificato Prevenzione Incendi (CPI) e/o del Nulla Osta Provvisorio (NOP) Predisporre mezzi di estinzione portatili o fissi ed effettuare le verifiche periodiche Con la friggitrice utilizzare soltanto oli e grassi difficilmente infiammabili e con elevato punto di fumo. In prossimità della friggitrice deve essere presente in posizione ben visibile una coperta antifiamma da utilizzare all'occorrenza. MICROCLIMA Utilizzare calzature antiscivolo e giacconi imbottiti per i lavori nelle celle frigorifere. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti in lattice (Conformi UNI EN 74-40) Calzature antiscivolo (Conformi UNI EN 47) Guanti in maglia d'acciaio (Conformi UNI EN 108/1) Tuta antifreddo per celle frigorifere (Conforme EN 4) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE 1.10 : LOCALE CALDAIA La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA 110

111 Trattasi di attività che prevede il controllo e una manutenzione leggera della caldaia alimentata con vari combustibili (gas metano oppure olio combustibile) e posta in locale apposito ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : ATTREZZI MANUALI DI USO COMUNE SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : CARBURANTI POLVERI VAPORI Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Cesoiamento, stritolamento Gas e vapori Rumore Vedere valutazione specifica Elettrocuzione Ustioni Calore, fiamme, esplosione Urti, colpi, impatti e compressioni Postura Microclima Allergeni Inalazione di polveri e fibre Vibrazioni Probabilità Probabile Improbabile Probabile Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Lieve Lieve Rischio M. 1 MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Informazione e formazione degli addetti sul corretto utilizzo delle attrezzature di lavoro, sulla natura dei rischi e sui comportamenti conseguenti Per effettuare ogni operazione indossare solo abiti adatti, nonché guanti e calzature idonei Gli addetti al locale caldaia devono conoscere in anticipo la parte di macchina o impianto che vanno a manipolare, attraverso la consultazione del manuale di uso e manutenzione in sicurezza. Pertanto il 111

112 datore di lavoro deve fornire al personale tutte le informazioni necessarie oltre a quelle dettate dalla pratica di esperienza giornaliera Verificare, in caso di presenza di serbatoi interrati, se essi sono realizzati secondo la recente emanazione del Ministero dell'ambiente D.M. del "Requisiti tecnici per la costruzione, l'installazione e l'esercizio di serbatoi interrati" URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI Rimuovere gli spigoli e arrotondare i bordi; porre delle protezioni agli orli ELETTROCUZIONE Assicurarsi che l'impianto elettrico e di terra sia a norma e che le attrezzature elettriche utilizzate siano in buono stato di conservazione e collegate all'impianto di terra, se non dotate di doppio isolamento RUMORE Effettuare la manutenzione preventiva e programmarla nei giorni o negli orari di fermo impianto per evitare eventuale esposizione indiretta al rumore Nei casi di livelli di esposizione personale al rumore superiori a 80 db(a) si applicano le misure di prevenzione stabilite dal D.Lgs.81/08 INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE Provvedere ad una idonea ventilazione ambientale I pavimenti non devono essere polverosi; le pareti devono essere intonacate ed imbiancate CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO Occorre in primo luogo accertarsi che gli impianti siano conformi alle norme di sicurezza. Le macchine e gli impianti devono essere dotate di dispositivo di arresto di emergenza e di dispositivo che impedisca il riavvio intempestivo della macchina in caso ritorni l'alimentazione elettrica dopo che questa era venuta a mancare ALLERGENI Durante l'uso delle sostanze per la pulizia, adottare gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo È importante osservare le norme igieniche, tra le quali non bere, mangiare, fumare durante il lavoro CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE Assicurarsi che le porte tagliafuoco, se presenti, siano funzionanti e siano mantenute sempre sgombre. Il locale della centrale termica deve essere provvisto almeno di estintori (normalmente del tipo a polvere od anidride carbonica) omologati Verificare la scadenza del Certificato Prevenzione Incendi (CPI) e/o del Nulla Osta Provvisorio (NOP) ove previsti USTIONI Proteggere tutte le superfici calde mediante coibentazione e indossare guanti anticalore ed indumenti adeguati 11

113 VIBRAZIONI Per ridurre l'esposizione alle vibrazioni localizzate al sistema mano - braccio è necessario utilizzare utensili caratterizzati da bassi livelli di vibrazione o minore impatto vibratorio, utilizzare impugnature smorzanti le vibrazioni, riscaldare l'ambiente di lavoro nei mesi freddi, ridurre i tempi di esposizione alternando le lavorazioni tra più addetti DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Calzature antiscivolo (Conformi UNI EN 47) Indumenti protettivi adeguati (Conforme UNI EN 4-4) Guanti imbottiti contro le vibrazioni (Durante l'utilizzo di attrezzi che producono vibrazioni) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE 1.11 : PULIZIA SERVIZI IGIENICI La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA 11

114 Consiste nella pulizia e disinfezione di pavimenti, pareti e apparecchiature igienico-sanitarie presenti nei bagni ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : ASCIUGATORI ASPIRAPOLVERE SCALE UTENSILI ELETTRICI PORTATILI SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : CANDEGGIANTI CON IPOCLORITO DI SODIO DETERGENTI DISINFETTANTI Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Rischio Biologico Rumore Vedere valutazione specifica Caduta dall'alto Elettrocuzione Punture, tagli e abrasioni Postura Allergeni Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Probabile Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Ogni sostanza del tipo in esame deve essere opportunamente conservata Predisporre idonee tabelle per intervento di primo soccorso per le sostanze adoperate Eseguire un controllo dei locali da pulire allo scopo di rilevare l'esistenza di eventuali anomalie funzionali, che, qualora sussistano devono essere prontamente comunicate al preposto 114

115 CADUTA DALL'ALTO I pioli della scala dovranno risultare incastrati nei montanti. (Art.11 - D.Lgs.81/08) La scala prevedera' dispositivi antisdrucciolevoli alle estremità inferiori dei due montanti. (Art.11, comma, D.Lgs. 81/08) Quando la scala supera gli 8 metri verra' munita di rompitratta per ridurre la freccia di inflessione. (Art.11, comma 8 - D.Lgs. 81/08) Durante l'uso della scala la stessa presenta sempre minimo un montante sporgente di almeno un metro oltre il piano di accesso. Durante l'uso saltuario della scala la stessa viene trattenuta al piede da altra persona. Durante i lavori di pulizia in altezza utilizzare piattaforme a norma ed utilizzare calzature antisdrucciolo SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Prima di iniziare il lavoro, l'operatore deve indossare l'abito da lavoro, i guanti di protezione, le calzature adeguate ELETTROCUZIONE Assicurarsi sull'integrità dei collegamenti elettrici dell'aspirapolvere Assicurarsi dell'integrità degli attrezzi in tutte le loro parti, soprattutto per quelle elettriche Predisporre le eventuali macchine da impiegare nel programma di manutenzione giornaliera e di pulizie periodiche, con gli accessori necessari ed i relativi prodotti chimici e/o materiali d'uso, previa verifica del regolare funzionamento della macchina stessa e dell'integrità delle sue parti ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame non devono essere consumati cibi e bevande Prevedere idonea etichettatura delle sostanze chimiche o tossiche presenti Acquisire le schede di sicurezza delle sostanze chimiche o tossiche utilizzate Durante l'uso di sostanze del tipo in esame devono essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo Durante i lavori di pulizia attenersi alle schede tecniche dei prodotti in uso, mantenere le etichette, non usare contenitori inadeguati Per le pulizie utilizzare i prodotti meno nocivi e sostituire quelli maggiormente nocivi Adottare una scrupolosa igiene personale: abito da lavoro e pulizia frequente con le mani Nelle operazioni di pulizia utilizzare le sostanze meno tossiche e meno volatili possibili Dotarsi sempre di DPI idonei nelle fasi di pulizia delle attrezzature Acquisire le schede tecniche delle sostanze chimiche e tossiche utilizzate RIBALTAMENTO Durante l'uso della scala la stessa viene vincolata con ganci all'estremità superiore o altri sistemi per evitare sbandamenti, slittamenti, rovesciamenti, ecc.. RISCHIO BIOLOGICO Gli addetti alle pulizie devono essere vaccinati contro l'epatite B, la TBC ed il Tetano DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : 115

116 Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Calzature antiscivolo (Conformi UNI EN 47) Stivali antinfortunistici (Conformi UNI EN 45-44) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE 1.1 : SALA MENSA SCUOLE La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi di attività che prevede l'organizzazione ed il servizio di distribuzione dei pasti agli alunni presenti nella scuola, nonché al corpo dei docenti e di tutto il personale dipendente ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : CRISTALLERIA POSATERIA Nota: Per le attrezzature di lavoro sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. 116

117 RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Calore, fiamme, esplosione Punture, tagli e abrasioni Urti, colpi, impatti e compressioni Microclima Allergeni Inalazione di polveri e fibre Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Improbabile Probabile Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Predisporre idonee tabelle per intervento di primo soccorso per le sostanze adoperate Assicurarsi che il lavoro non venga svolto costantemente in condizioni di stress (tempi ridotti a causa di personale insufficiente) Prevedere personale di riserva per coprire ferie, malattie, periodi di punta, ecc. (es. servendosi di agenzie di collocamento) Attenersi alle istruzioni riportate nella allegata scheda PROCEDURE D'EMERGENZA Informazione e formazione degli addetti sul corretto utilizzo delle attrezzature di lavoro, sulla natura dei rischi e sui comportamenti conseguenti Per effettuare ogni operazione indossare solo abiti adatti, nonché guanti e calzature idonei Utilizzare tutti i tipi di protezione individuali forniti dall'azienda ( guanti, mascherine, ect...) URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI Rimuovere gli spigoli e arrotondare i bordi; porre delle protezioni agli orli PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Posizionare e conservare gli oggetti da posateria in maniera opportuna ELETTROCUZIONE Assicurarsi che l'impianto elettrico e di terra sia a norma e che le attrezzature elettriche utilizzate siano in buono stato di conservazione e collegate all'impianto di terra, se non dotate di doppio isolamento INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE Provvedere ad una idonea ventilazione ambientale I pavimenti non devono essere polverosi; le pareti devono essere intonacate ed imbiancate ALLERGENI Scegliere prodotti detergenti con ph vicini al neutro Durante l'uso delle sostanze per la pulizia, adottare gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo 117

118 Durante l'uso delle sostanze per la pulizia non devono essere consumati cibi e bevande Acquisire le schede di sicurezza delle sostanze utilizzate Nelle operazioni di pulizia, utilizzare le sostanze meno tossiche e meno volatili possibile Non conservare mai un prodotto chimico in un recipiente che non sia quello originale e non versarlo mai in un recipiente anonimo CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE Assicurarsi che le porte tagliafuoco, se presenti, siano funzionanti e siano mantenute sempre sgombre. Verificare la scadenza del Certificato Prevenzione Incendi (CPI) e/o del Nulla Osta Provvisorio (NOP) Predisporre mezzi di estinzione portatili o fissi ed effettuare le verifiche periodiche MICROCLIMA I locali refettori devono avere una corretta disposizione di tavoli e sedili e devono essere ben illuminati, aereati, riscaldati in inverno DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Calzature antiscivolo (Conformi UNI EN 47) Indumenti protettivi adeguati (Conforme UNI EN 4-4) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. ATTIVITA' : AGRICOLTURA FASE LAVORATIVA FASE.1 : AGRICOLTURA ARATURA ED ERPICATURA 118

119 La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi delle operazioni di aratura ed erpicatura meccanizzata delle attività agricole in genere. ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : ARATRO ATTREZZI MANUALI VARI PER USO AGRICOLO FALCE MOTOCOLTIVATORE MOTOZAPPA VANGA ZAPPA SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : POLVERI Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Ribaltamento Ustioni Proiezione di schegge Gas e vapori Rumore Vedere valutazione specifica Vibrazioni Calore, fiamme, esplosione Punture, tagli e abrasioni Probabilità Probabile Probabile Probabile Improbabile Magnitudo Rischio ALTO 4 MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: 119

120 GENERALE Si procederà all'istituzione di un sistema di controllo sanitario dei lavoratori concordando i protocolli con il Medico Competente Si procederà alla verifica programmata e periodica della presenza e dell'integrità dei dispositivi inamovibili posti a segregazione delle aree in cui siano presenti parti in movimento Si procederà ad esperire opera di formazione ed informazione affinchè ogni operatore proceda, prima dell'uso, alla verifica dell'integrità del dispositivo di segregazione della parte di organo lavoratore non necessaria alla lavorazione In collaborazione con il Medico Competente si individueranno tutti i lavoratori sottoposti a sforzi fisici che comportino una sollecitazione della colonna vertebrale e si sottoporranno a visita medica finalizzata alla rilevazione di eventuali impedimenti Si provvederà a dotare i lavoratori di Dispositivi di Protezione Individuale provvedendo alla loro sistematica e programmata sostituzione Si procederà alla periodica e sistematica verifica della pressione dei pneumatici Ai lavoratori che prestino o possano prestare la loro attività in luoghi isolati sarà fornito un pacchetto di medicazione il cui contenuto sarà determinato avvalendosi delle indicazioni fornite dal Servizio di Prevenzione e Protezione e dal Medico Competente Prima dell'inizio delle operazioni si provvederà alla verifica dell'adeguatezza del fissaggio dell'organo ruotante del decespugliatore Si predisporrà opera di formazione ed informazione tendente ad evidenziare la necessità di verifica dell'adeguatezza del fissaggio dell'organo ruotante del decespugliatore prima dell'inizio delle operazioni e dopo ogni rimontaggio Si procederà ad opera di formazione ed informazione, in collaborazione con il Medico Competente, circa l'assunzione della posizione più ergonomicamente favorevole durante l'uso degli attrezzi portatili Si provvederà alla sistematica e periodica verifica dell'efficienza del dispositivo che impedisce l'inserimento della retromarcia del motocoltivatore con elementi lavoratori in moto Si procederà alla periodica e programmata verifica dell'efficienza del dispositivo di blocco del motocoltivatore in caso di abbandono delle stegole Si procederà alla informazione e formazione degli operatori affinchè predispongano il carico e scarico del motocoltivatore mediante l'uso della gru su autocarro evitando l'uso di rampe Si provvederà alla verifica periodica e programmata dell'efficienza del dispositivo di sgancio dell'organo di messa in moto a strappo dei motori a combustione interna PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Si procederà alla verifica periodica della leggibilità dell'indicazione del senso di rotazione degli alberi e/o degli organi lavoratori ruotanti Si provvederà a segnalare i rischi residui della macchina mediante l'esposizione di pittogrammi o cartelli riportanti le indicazioni specifiche Nella predisposizione del lavoro si farà in modo che in prossimità dell'operatore che usa il decespugliatore non stazionino o transitino altri operatori Si predisporrà opera di formazione ed informazione tendente ad evidenziare la necessità di sgombero dell'area circostante l'operatore che usa il decespugliatore Si procederà alla verifica programmata e periodica dell'intergità delle protezioni mobili poste a segregazione della zona di lavoro dell'organo ruotante del motocoltivatore Si procederà ad opera di formazione ed informazione nei confronti degli operatori a cui viene affidato il motocoltivatore affinchè sappiano dei pericoli derivanti dal sollevamento della macchina con organi ruotanti in movimento RUMORE Si procederà a nuova valutazione dell'esposizione personale al rumore in modo programmato e periodico Si provvederà a fornire una adeguata informazione sui rischi dovuti a rumore agli addetti che risultano esposti a rumore superiore a 80 dba Si procederà alla valutazione dell'esposizione personale al rumore dei nuovi assunti prima di adibirli alla lavorazione Si procederà alla verifica strumentale del rumore a cui è esposto l'operatore 10

121 CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE Si acquisirà la scheda tossicologica e di sicurezza del carburante impiegato portando a conoscenza degli operatori le pericolosità proprie di tale prodotto USTIONI Si procederà alla verifica periodica dell'efficienza e dell'integrità dagli schermi posti a protezione delle parti degli attrezzi portatili che assumono temperature pericolose Si provvederà alla verifica sistematica e periodica dell'integrità delle protezioni poste a segregazione delle parti calde del motore a scoppio RIBALTAMENTO Si procederà ad opera di formazione ed informazione specifica tendente ad evidenziare l'inadeguatezza del motocoltivatore ad operare su terreni scoscesi se non procedendo dal basso verso l'alto DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) Visiera di protezione (Conforme UNI EN 166) Stivali antinfortunistici (Conformi UNI EN 45-44) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO ALTO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di riportare immediatamente il RISCHIO ad un livello accettabile. 11

122 FASE LAVORATIVA FASE. : AGRICOLTURA FERTILIZZAZIONE TERRENI La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi delle operazioni di nutrizione del terreno mediante l'aggiunta di concimi in grado di modificare la fertilità agronomica. La distribuzione dei fertilizzanti avviene mediante macchine spandiconcime (centrifughi o pneumatici). Gli spandiconcime sono di tipo portato e/o trainato, azionate dalla presa di forza, costituite da una tramoggia a forma di cono rovesciato nella cui porzione inferiore localizzato il dispositivo distributore, nella maggior parte dei casi costituito da un piatto orizzontale dove sono applicate delle palette. Mediante la rotazione del piatto avviene la distribuzione del concime granulare. ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : ATTREZZI MANUALI VARI PER USO AGRICOLO CARRELLO ELEVATORE SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : ANTIPARASSITARI FERTILIZZANTI Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Rischio Chimico In caso di presenza di sostanze pericolose effettuare valutazione specifica - Attenersi alle misure specifiche di prevenzione riportate nella stessa valutazione Gas e vapori Rumore Vedere valutazione specifica Inalazione di polveri e fibre Vibrazioni Movimentazione manuale dei carichi Allergeni Probabilità Magnitudo Rischio Probabile Probabile Probabile Probabile Lieve 1

123 Scivolamenti, cadute a livello MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Distribuire convenientemente i periodi di riposo e ferie L'utilizzo e la manutenzione delle macchine devono essere effettuati nel rispetto del libretto d'uso e manutenzione Utilizzare i DPI previsti : calzature antinfortunistiche, guanti, indumenti adeguati, mascherina antipolvere Quando le macchine sono in movimento, l'operatore deve essere correttamente seduto al posto di guida e non trasportare mai passeggeri neanche in cabina di guida; non salire e non scendere con la macchina in movimento - con i modelli più recenti ciò non possibile perché il movimento consentito solamente con comandi a uomo presente Sottoporre gli addetti alle visite mediche periodiche RUMORE Effettuare la valutazione della esposizione quotidiana al rumore ed attuare le conseguenti misure di prevenzione MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Per la movimentazione manuale dei carichi, gli addetti devono mettere in atto specifici accorgimenti per ridurre il rischio, come chiedere l'aiuto di un'altra persona per sollevare carichi pesanti o di conformazione tale da renderli di difficile e faticosa presa, sollevare adeguatamente i pesi flettendo le gambe, e, quando possibile, utilizzare mezzi meccanici, quali carrelli elevatori RISCHIO CHIMICO Utilizzare sacchi di grandi dimensioni, che diminuiscono e velocizzano le operazioni di caricamento delle tramogge, diminuendo pertanto il tempo di esposizione alle sostanze pericolose Acquistare i prodotti in confezioni integre ed etichettate Durante le pause, che devono essere piuttosto frequenti, allontanarsi dalla zona trattata e lavarsi accuratamente le mani e il viso Alla fine del trattamento lavare accuratamente i dispositivi di protezione individuale ed effettuare una doccia accurata In caso di utilizzo di sostanze o prodotti classificati come pericolosi occorrerà procedere alla valutazione specifica del rischio chimico, ai sensi del D.Lgs. 81/08. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) Stivali antinfortunistici (Conformi UNI EN 45-44) 1

124 Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE. : AGRICOLTURA GESTIONE AZIENDA AGRICOLA La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi delle attività tipiche di una azienda agricola con utilizzo di attrezzature specifiche e sostanze di diversa natura. ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : ARATRO ATTREZZATURA MANUALE DA TAGLIO ATTREZZI MANUALI DI USO COMUNE TRINCIATRICE SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : DISINFETTANTI FERTILIZZANTI 14

125 Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Movimentazione manuale dei carichi Cesoiamento, stritolamento Rumore Vedere valutazione specifica Postura Elettrocuzione Calore, fiamme, esplosione Ribaltamento Gas e vapori Punture, tagli e abrasioni Urti, colpi, impatti e compressioni Allergeni Inalazione di polveri e fibre Probabilità Probabile Improbabile Improbabile Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Il libretto d'uso e manutenzione delle macchine sarà tenuto a disposizione di tutti i lavoratori ed in particolare di quelli deputati ad eseguire gli interventi manutentivi Si predisporrà opera di formazione ed informazione tendente ad evidenziare la necessità di verifica dell'adeguatezza del fissaggio dell'organo ruotante del decespugliatore prima dell'inizio delle operazioni e dopo ogni rimontaggio Si procederà predisponendo D.P.I. conformi alle indicazioni fornite dalle schede tossicologiche e di sicurezza Si provvederà affinchè i nominativi del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, del Rappresentante dei Lavoratori, degli addetti al Nucleo Gestione dell'emergenza e del Medico Competente siano noti a tutti gli addetti In collaborazione con il Medico Competente, caso di stato di gravidanza si provvederà alla verifica dell'organizzazione del lavoro al videoterminale in maniera da evitare rischi aggiuntivi alla madre ed al nascituro Indipendentemente dalla dotazione personale di D.P.I., si provvederà a tenere a disposizione degli addetti alla vendita e al deposito dei fitofarmaci occhiali, guanti e stivali resistenti a prodotti chimici, grembiule o tuta di gomma, maschera facciale Si procederà alla verifica programmata e periodica della presenza e dell'integrità dei dispositivi inamovibili posti a segregazione delle aree in cui siano presenti parti in movimento Si provvederà alla verifica periodica e programmata della efficienza del fissaggio all'albero degli organi ruotanti Si procederà alla formazione ed informazione specifica dell'operatore affinchè prima di farne uso proceda alla verifica dell'efficienza dei dispositivi di segnalazione acustica dei mezzi semoventi In collaborazione con il Medico Competente si individueranno tutti i lavoratori sottoposti a sforzi fisici che comportino una sollecitazione della colonna vertebrale e si sottoporranno a visita medica finalizzata alla rilevazione di eventuali impedimento Si provvederà alla formazione ed informazione dei lavoratori tendente a illustrare il divieto di intervenire manualmente su macchine in movimento. Si esperirà opera di formazione ed informazione in maniera che gli operatori dispongano i depositi di materiale in modo che non impedisca il pronto accesso ai dispositivi predisposti per la gestione delle emergenze 15

126 Si procederà alla distribuzione programmata dei D.P.I. ritenuti necessari a ridurre i rischi residui per la salute emersi dalla valutazione Si procederà alla formazione degli operatori evidenziando la necessità dell'uso dei D.P.I. predisposti per limitare l'esposizione a rischi residui per la salute evidenziati in sede di valutazione Si procederà alla instaurazione di un sistema di verifica programmata e periodica della leggibilità ed integrità della segnaletica di sicurezza Prima di introdurre nel ciclo lavorativo nuovi prodotti chimici si provvederà a verificarne l'opportunità acquisendo il parere del Servizio di Prevenzione e Protezione In caso di affidamento di lavori all'interno dell'azienda ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi, se ne verificherà preventivamente la capacità di assicurare l'integrità fisica dei propri dipendenti e dei dipendenti operanti in questa unità operativa Si provvederà ad istituire un sistema di controllo della presenza e della integrità dei D.P.I. e dei D.P.C. predisposti a corredo del veicolo Si procederà ad opera di formazione ed informazione circa la necessità di adoperare gli attrezzi manuali per la funzione per cui sono stati progettati e costruiti Nella scelta dei fitofarmaci da impiegarsi si privilegeranno quelli a minore pericolosità In collaborazione con il Medico Competente, si espleterà opera di formazione ed informazione degli addetti al nucleo di pronto soccorso in funzione degli specifici rischi di natura biologica evidenziati Controllare che l'utilizzo delle attrezzature sia appropriato alle finalità per cui sono state progettate e costruite, seguendo le indicazioni contenute nel manuale di istruzioni ed uso Gli addetti saranno formati in merito al divieto di indossare indumenti che possano impigliarsi (es. maniche trattenute al polso da elastici) nè braccialetti od altro Munire tutte le trattrici agricole di cabina o telaio di sicurezza Per ogni albero motore che fuoriesca dal corpo della macchina deve essere predisposta apposita protezione da asportare solo in caso di applicazione di cardani, alberi di trasmissione del moto Proteggere contro il pericolo di azionamenti accidentale le leve e gli alti organi deputati al comando delle attrezzature di cui è dotata la trattrice Accertarsi che gli attrezzi siano congruenti con la capacità del sollevatore della trattrice le cui portate sono indicate nel libretto di istruzione che accompagna ogni mezzo Predisporre un sistema per interrompere la trasmissione del moto tra il motore della trattrice e gli organi mobili istallati sul carro trainato.predisporre apposito programma di formazione ed informazione tendente ad evidenziare le modalità operative Sulle macchine semoventi predisporre un apposito quadro di controllo munito di chiave stabile. URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI Si predisporranno elementi di copertura per le parti di utensile che risultino affilate, scabrose, acuminate o comunque pericolose per contatto o urto Si verificherà che gli organi in movimento delle macchine siano protetti contro urti accidentali PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Si predisporrà opera di formazione ed informazione tendente ad evidenziare la necessità di sgombero dell'area circostante l'operatore che usa il decespugliatore Si provvederà alla periodica verifica della affilatura degli organi di taglio Si procederà alla verifica periodica dell'integrità dei setti di segregazione predisposti per evitare contatti accidentali con parti in movimento ELETTROCUZIONE Si predisporrà opera di formazione ed informazione tendente ad evidenziare la necessità di verificare, prima di farne uso, che gli utensili elettrici portatili siano provvisti di doppio isolamento e non siano collegati all'impianto di terra Al momento dell'acquisto si verificherà che gli utensili portatili alimentati elettricamente siano a doppio isolamento e riportino l'indicazione dell'istituto che ha provveduto ad emettere la certificazione di tale caratteristica 16

127 Si esperirà opera di formazione ed informazione circa i rischi generici inerenti l'utilizzo degli impianti elettrici RUMORE Si procederà alla verifica strumentale del rumore a cui è esposto l'operatore In caso di introduzione nel ciclo produttivo di nuovi impianti o macchine, su indicazione del Servizio di Prevenzione e Protezione, si adotteranno le misure tecniche, organizzative e procedurali al fine di ridurre al minimo l'esposizione al rumore INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE Prima di introdurre nel ciclo lavorativo nuovi prodotti chimici si provvederà ad informare i lavoratori sui rischi lavorativi connessi con il loro uso Si esplicherà opera di formazione ed informazione affinchè i fitofarmaci di prima e seconda classe tossicologica vengano tenuti separati dai prodotti delle altre classi Si istituirà un sistema di controllo affinchè, prima di introdurre i contenitori di sostanze chimiche negli ambienti di lavoro, si provveda alla verifica della presenza della etichettatura di sicurezza Si esplicherà opera di formazione ed informazione affinchè i fitofarmaci di prima e seconda classe tossicologica vengano immagazzinati esclusivamente nell'apposito locale chiudibile a chiave CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO Si provvederà ad instaurare un sistema di verifica periodica tendente a garantire la segregazione e/o la protezione delle parti in movimento e degli organi lavoratori delle macchine E' vietato effettuare operazioni di pulizia e manutenzione con organi in movimento MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Si predisporranno le operazioni di carico e scarico in maniera da consentire la movimentazione manuale dei carichi senza affaticare i muscoli del tronco e/o caricare la colonna vertebrale Si procederà alla specifica opera di formazione verso quegli operatori che saranno addetti alle postazioni di lavoro in cui vi sia la necessità della movimentazione manuale dei carichi In sede di programmazione del lavoro si procederà all'analisi delle caratteristiche dei colli da movimentare prevedendo la predisposizione di punti di presa che ne consentano la movimentazione manuale in condizioni ottimali Si procederà ad organizzare la movimentazione mediante transpallet movimentati manualmente in maniera che i percorsi risultino ben evidenziati e predisposti in maniera da non interferire con altre line di movimentazione Si procederà ad organizzare la movimentazione mediante transpallet azionati manualmente in maniera che i percorsi risultino i più brevi possibile Si procederà ad organizzare la movimentazione mediante transpallet movimentati manualmente in maniera che gli stessi possano essere spinti e non trainati In collaborazione con il Medico Competente si provvederà ad esperire opera di formazione ed informazione circa le metodologie operative da attuare per esporsi in maniera minimale ai pericoli derivanti dalla movimentazione manuale dei carichi ALLERGENI Si provvederà affinchè le schede tossicologiche e di sicurezza dei prodotti chimici usati in azienda siano a disposizione degli addetti alla squadra di primo soccorso per essere inoltrati alla struttura di pronto soccorso in caso di intossicazione Per gli operatori che manipolino, usino o possano rimanere colpiti agli occhi da sostanze pericolose saranno predisposti appositi siti in cui eseguire i lavaggi oculari Adibire personale qualificato e specializzato alle operazioni che prevedono l'uso di macchine complesse, lavori di manutenzione o l'utilizzo di sostanze pericolose 17

128 GAS E VAPORI Si provvederà ad apporre su ogni recipiente, serbatoio, silos pittogrammi ed avvisi richiamanti la pericolosità delle sostanze contenute CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE Si procederà alla formazione ed informazione dei lavoratori circa il corretto utilizzo dei mezzi antincendio di primo impiego Si provvederà a predisporre la segnalazione dei siti in cui sono installate le attrezzature antincendio Si procederà alla predisposizione di un sistema finalizzato alla verifica programmata e periodica della efficienza dei dispositivi antincendio POSTURA In collaborazione con il Medico Competente si provvederà ad esperire opera di formazione ed informazione circa le metodologie operative da attuare per esporsi in maniera minimale ai pericoli derivanti dalla assunzione della postura eretta per lunghi periodi DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) Stivali antinfortunistici (Conformi UNI EN 45-44) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le 18

129 Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE.4 : AGRICOLTURA IMPIANTO ARBOREO La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi della realizzazione di impianti arborei di diversa natura. ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : ATTREZZI MANUALI VARI PER USO AGRICOLO SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : FERTILIZZANTI Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Punture, tagli e abrasioni Microclima Punture, morsi di insetti o rettili Urti, colpi, impatti e compressioni Allergeni Inalazione di polveri e fibre Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Probabile Probabile Improbabile Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: 19

130 GENERALE Usare i DPI previsti dalle operazioni specifiche PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Impedire l'avvicinamento, la sosta ed il transito di persone non addette ai lavori, soprattutto durante l'utilizzo di attrezzi taglienti, con segnalazioni e delimitazioni idonee SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Prima di dare inizio ai lavori, verificare la assenza di eventuali opere non visibili ALLERGENI Attenersi alle istruzioni riportate nelle schede di sicurezza delle attrezzature e dei prodotti o sostanze chimiche utilizzate MICROCLIMA Utilizzare indumenti adeguati in funzione delle diverse condizioni climatiche ed atmosferiche Evitare esposizione prolungata ai raggi solari senza le protezioni necessarie (copricapo) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Stivali antinfortunistici (Conformi UNI EN 45-44) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA 10

131 FASE.5 : AGRICOLTURA IRRIGAZIONE CON MOTOPOMPA La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi della irrigazione nel settore agricolo, eseguita mediante motopompa ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : ATTREZZI MANUALI VARI PER USO AGRICOLO MOTOPOMPA SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : POLVERI VAPORI Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Calore, fiamme, esplosione Gas e vapori Rumore Vedere valutazione specifica Punture, tagli e abrasioni Punture, morsi di insetti o rettili Urti, colpi, impatti e compressioni Postura Microclima Inalazione di polveri e fibre Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Probabile Probabile Probabile Probabile Magnitudo Lieve Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI 11

132 Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE È vietato compiere sugli organi in moto dell'attrezzatura qualsiasi operazione di riparazione o registrazione.qualora sia necessario eseguire tali operazioni durante il moto, si devono adottare adeguate cautele a difesa dell'incolumità del lavoratore.del divieto indicato devono essere resi edotti i lavoratori mediante avvisi chiaramente visibili (punto 1.6., Allegato VI D.Lgs. 81/08) Utilizzare i DPI previsti : guanti, stivali antinfortunistici, indumenti adeguati Effettuare pause tecniche URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI È vietato pulire, oliare o ingrassare a mano gli organi e gli elementi in moto del compressore, a meno che ciò non sia richiesto da particolari esigenze tecniche, nel quale caso deve essere fatto uso di mezzi idonei ad evitare ogni pericolo. Del divieto stabilito dal presente punto devono essere resi edotti i lavoratori mediante avvisi chiaramente visibili. (Allegato VI, punto 1.6.1, D.Lgs. 81/08) CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE Non effettuare rifornimento con il motore in moto Durante le operazioni di rifornimento e/o rabbocco è assolutamente vietato fumare ed usare fiamme libere MICROCLIMA Utilizzare indumenti adeguati in funzione delle condizioni metereologiche Evitare esposizioni prolungate ai raggi solari senza le necessarie protezioni, in particolare del capo DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Mascherina con carboni attivi (Conforme UNI EN 149) Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) Guanti imbottiti contro le vibrazioni (Durante l'utilizzo di attrezzi che producono vibrazioni) Stivali antinfortunistici (Conformi UNI EN 45-44) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le 1

133 Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE.6 : AGRICOLTURA MIETITREBBIATURA La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi delle operazioni di trebbiatura meccanizzata mediante mietitrebbiatrice, nelle attività agricole in genere. ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : ATTREZZI MANUALI VARI PER USO AGRICOLO SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : POLVERI Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Vibrazioni Cesoiamento, stritolamento Rumore Vedere valutazione specifica Caduta dall'alto Inalazione di polveri e fibre Incidenti tra automezzi Infezioni Ustioni Urti, colpi, impatti e compressioni Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Probabile Probabile Improbabile Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI 1

134 Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L'utilizzo e la manutenzione devono essere effettuati nel rispetto del libretto d'uso e manutenzione Sulla macchina devono essere applicate targhette di avvertimento riportanti le principali norme di comportamento utili ai fini della sicurezza L'apertura di accesso per le persone o per il movimento dei materiali deve essere provvista di barriera mobile Evitare sempre, in caso di intasamento o bloccaggio di qualsiasi organo in movimento, di effettuare alcuna manovra se il motore non fermo Per particolari esigenze connesse alla circolazione stradale, la protezione della coclea deve essere ribaltabile in avanti, e comunque incernierata in basso Le fiancate esterne dell'aspo devono essere a parete piena e senza parti salienti Indossare sempre idonei indumenti di lavoro come tute con polsini ben stretti o arricciati Prima di riprendere il lavoro dopo un intervento di manutenzione, ripristinare tutte le protezioni, verificare di non aver dimenticato delle parti allentare e di aver levato dalla macchina tutti gli attrezzi usati in precedenza Verranno forniti occhiali di protezione all'operaio imboccatore e ai suoi aiutanti e adatto copricapo a tutto il personale addetto alla trebbiatrice (Punto 5., Allegato VI, D.Lgs. 81/08) CADUTA DALL'ALTO La scala di accesso ed i gradini devono essere parti integranti della macchina; la scala deve essere dotata di corrimano e/o maniglie e formata da gradini piani (ad eccezione del primo gradino); il parapetto ed i gradini devono essere parti integranti della macchina; i gradini devono avere una superficie antisdrucciolo La altezza del primo gradino don deve essere superiore a 55 cm (in caso di macchina autolivellante o a cingoli l'altezza può arrivare a 70 cm) L'intervallo tra i gradini deve essere compreso tra 0 e 5 cm Verificare la presenza di idonee protezioni contro la caduta dall'alto dell'operatore La piattaforma del posto di guida e la piattaforma di servizio devono essere munite di parapetto normale con arresto al piede o di protezioni equivalenti Scendere dalle macchine usando i gradini e le maniglie di trattenute evitando di saltare dalla piattaforma a terra URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI All'interno la protezione e la parete sottostante non devono presentare punti di possibile appoggio; devono quindi essere prive di sporgenze o rientranze SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO La piattaforma del posto guida e la piattaforma di servizio (se in dotazione) devono avere superficie piana ed il piano di calpestio deve essere antisdrucciolevole e tale da evitare ristagni d'acqua RUMORE Per ridurre il rumore, il sistema di protezione più efficace è la presenza di cabina insonorizzata Se la macchina è sprovvista di cabina insonorizzata e di filtri antipolvere adeguati, utilizzare la mascherina antipolvere e idonei dispositivi antirumore. Anche durante interventi di manutenzione straordinari di macchine, effettuati talvolta direttamente in campo, opportuno valutare l'utilità di dotarsi di adeguati DPI ad esempio guanti e/o scarpe antinfortunistiche 14

135 INVESTIMENTO Anche il transito dei carri deve essere effettuato con le dovute cautele, nel rispetto della norme che riguardano la viabilità. Per il traino deve essere utilizzato un trattore di adeguata potenza con gancio di traino omologato e idoneo alla portata del carro INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE Per evitare la inalazione di polveri durante la lavorazione, il sistema di protezione più efficace, garanzia sufficiente di ridotta esposizione,è la presenza di cabina chiusa e condizionata per tutti i tipi di macchine. E' opportuno ricordare l'importanza delle manutenzioni dell'impianto di condizionamento CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO Deve essere possibile bloccare il dispositivo di avvio della testata nella posizione disinserita in modo che non sia possibile il reinserimento accidentale Le parti in movimento e i giunti cardanici devono essere protetti Superiormente, e per tutta la lunghezza della testata, deve essere prevista una protezione in lamiera - o in robusta rete a maglie fitte -, leggermente inclinata in avanti Il lato superiore della protezione deve distare almeno 1 m. dall'asse della coclea Sulle fiancate la protezione deve essere tale da distanziare i punti di presa fra tavola e coclea convogliatrice di almeno cm. 85 dal suo bordo La piattaforma di taglio deve essere munita, posteriormente e lateralmente, di protezioni atte a impedire il raggiungimento dei punti di presa fra tavola e coclea convogliatrice; tali protezioni devono distanziare la coclea di almeno 1 mt. dal loro bordo nella parte superiore e cm. 85 lateralmente sul lato non a contatto con il prodotto da mietere Con targa ben visibile deve essere posta l'avvertenza per l'operatore che, in caso di intasamento della coclea, deve essere disinserita o invertita la trasmissione alla coclea e che, su terreno in pendenza, prima di fermare il motore, occorre portare la macchina in posizione piana INCIDENTI TRA AUTOMEZZI Per evitare incidenti stradali durante lo spostamento su strada della mietitrebbiatrice, occorre dotarsi delle speciali autorizzazioni per la circolazione su strada ed attenersi alle dovute prevenzioni: scortare sempre e segnalare adeguatamente le macchine durante il transito su strada e porre altrettanta attenzione per gli spostamenti sulle strade poderali, date le grandi dimensioni di questi macchinari. Le mietitrebbie inoltre, durante gli spostamenti sulle strade poderali, sono accoppiate alle testate, fatto che aumenta la pericolosità VIBRAZIONI Per ridurre le vibrazioni, effettuare scrupolosamente tutti gli interventi di manutenzione consigliati dai costruttori, sostituire, quando necessario le parti usurate e tenere sempre lubrificati tutti gli ingranaggi Quando si alla guida di macchine, sia trattori sia semoventi, dotate di sedili ergonomici e antivibranti indispensabile effettuare le dovute regolazioni (correlate a peso e altezza del conducente), altrimenti si rischia di vanificare l'effetto ammortizzante del sedile e alla lunga di inficiarne il corretto funzionamento DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) Guanti imbottiti contro le vibrazioni (Durante l'utilizzo di attrezzi che producono vibrazioni) 15

136 Stivali antinfortunistici (Conformi UNI EN 45-44) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE.7 : AGRICOLTURA MANUTENZIONE VEGETAZIONE La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi della ripulitura dalla vegetazione di strade, fossati, percorsi, aree verdi ecc. In caso di utilizzo del decespugliatore manuale occorrerà che la sua impugnatura e le cinghie abbiano disegno ergonomico e la macchina deve essere bilanciata. Devono, inoltre, essere dotati di una valvola di bloccaggio per prevenire da qualsiasi azione accidentale. Occorrerà attenersi, comunque, alle istruzioni relative all'utilizzo del decespugliatore o di altre attrezzature specifiche. ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : ATTREZZI MANUALI VARI PER USO AGRICOLO DECESPUGLIATORE A MOTORE POTATRICE 16

137 SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : FERTILIZZANTI POLVERI Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Rumore Vedere valutazione specifica Punture, tagli e abrasioni Urti, colpi, impatti e compressioni Microclima Scivolamenti, cadute a livello Punture, morsi di insetti o rettili Postura Inalazione di polveri e fibre Probabilità Probabile Probabile Probabile Probabile Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Usare i DPI previsti dalle operazioni specifiche Attenersi alle istruzioni riportate nelle allegate schede di sicurezza delle attrezzature utilizzate PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Impedire l'avvicinamento, la sosta ed il transito di persone non addette ai lavori, soprattutto durante l'utilizzo di attrezzi taglienti quali falci, decespugliatori,forbici per potatura, ecc., con segnalazioni e delimitazioni idonee Effettuare interruzioni periodiche e pause durante l'utilizzo delle attrezzature da taglio SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Prima di dare inizio ai lavori, verificare la assenza di eventuali opere non visibili MICROCLIMA Utilizzare indumenti adeguati in funzione delle diverse condizioni climatiche ed atmosferiche Evitare esposizione prolungata ai raggi solari senza le protezioni necessarie (copricapo) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI 17

138 I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Visiera di protezione (Conforme UNI EN 166) Stivali antinfortunistici (Conformi UNI EN 45-44) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE.8 : AGRICOLTURA REALIZZAZIONE DI STACCIONATE La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi della realizzazione di staccionate mediante paletti in legno realizzati in loco o forniti da ditta esterna ed infissi nel terreno per mezzo di idonea attrezzatura manuale di uso comune. La attività prevede, tra l'altro, l'accatastamento e la movimentazione dei paletti. ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : 18

139 ASCIA ATTREZZI MANUALI DI USO COMUNE MOTOSEGA CON MOTORE A COMBUSTIONE PALA PICCONE SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : POLVERI Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Movimentazione manuale dei carichi Punture, tagli e abrasioni Microclima Punture, morsi di insetti o rettili Inalazione di polveri e fibre Probabilità Probabile Probabile Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Verificare l'efficienza degli utensili utilizzati ed attenersi alle istruzioni specifiche Effettuare interruzioni periodiche e pause durante il lavoro PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Impedire l'avvicinamento, la sosta ed il transito di persone non addette ai lavori, soprattutto durante l'utilizzo di attrezzi taglienti quali asce, accette, ecc MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI La movimentazione manuale dei carichi deve essere razionalizzata al fine di non richiedere un eccessivo impegno fisico del personale addetto In ogni caso è opportuno ricorrere ad accorgimenti quali la ripartizione del carico e l'effettuazione di turni di riposo nel caso di movimentazione intensiva e continuativa In relazione alle caratteristiche ed entità dei carichi, l'attività di movimentazione manuale deve essere preceduta ed accompagnata da una adeguata azione di informazione e formazione, previo accertamento, per attività non sporadiche, delle condizioni di salute degli addetti MICROCLIMA 19

140 Utilizzare indumenti adeguati in funzione delle diverse condizioni climatiche ed atmosferiche Evitare esposizione prolungata ai raggi solari senza le protezioni necessarie (copricapo) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) Visiera di protezione (Conforme UNI EN 166) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE.9 : AGRICOLTURA UTILIZZO TRATTRICE La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA 140

141 Per trattrice agricola o forestale di intende qualsiasi veicolo a motore, a ruote o a cingoli, munito di almeno due assi, la cui funzione principale consiste nella potenza di trazione.la trattrice viene utilizzata soprattutto per tirare, spingere, portare o azionare determinati strumenti, macchine o rimorchi destinati ad essere impiegati nell'attività agricola o forestale. ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : ATTREZZI MANUALI VARI PER USO AGRICOLO SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : ANTIPARASSITARI CARBURANTI FERTILIZZANTI Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Ribaltamento Cesoiamento, stritolamento Rumore Vedere valutazione specifica Scivolamenti, cadute a livello Olii minerali e derivati Incidenti tra automezzi Movimentazione manuale dei carichi Calore, fiamme, esplosione Punture, tagli e abrasioni Urti, colpi, impatti e compressioni Caduta dall'alto Getti e schizzi Probabilità Probabile Probabile Probabile Improbabile Probabile Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Lieve Rischio ALTO 4 MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Trasportare persone solo in presenza di idonei sedili per accompagnatori Prima di utilizzare la macchina, assicurarsi che tutti i dispositivi di protezione siano collocati correttamente al loro posto ed in buono stato 141

142 Per ogni chiarimento sul funzionamento e sulla manutenzione della macchina, rivolgersi esclusivamente alla casa costruttrice o ad officine autorizzate Utilizzare solo ricambi originali Prima di inoltrarsi su strada pubblica, assicurarsi che la macchina sia in regola rispetto alle norme di circolazione stradale La trattrice deve essere dotata di dispositivi che mantengano sollevati i bracci dell'attacco a tre punti e allo stesso tempo ne consentano la regolazione in altezza per rendere agevoli e sicure le operazioni di aggancio e sgancio Il conducente e l'operatore a terra devono essere coordinati nell'operazione di attacco e distacco Preferire i sistemi ad attacco rapido Nel caso di macchine operatrici trainate, l'accoppiamento gancio-occhione deve essere effettuato utilizzando per i movimenti verticali l'apposito supporto di appoggio Verificare che la trattrice sia omologata con una massa superiore o pari alla massa della macchina trainata e che ci sia compatibilità tra i ganci e gli occhioni Utilizzare zavorre metalliche fornite dal costruttore, recanti marcate le masse approssimative Verificare l'esistenza della protezione dell'albero di ricezione del moto della macchina operatrice e che si sovrapponga alla protezione dell'albero cardanico, per almeno 50 mm Evitare interventi in prossimità della presa di potenza, quando è in movimento Verificare che l'albero e i giunti siano dotati di una protezione in materiale plastico ai cui estremi sono collegate due semicuffie preposte a coprire i giunti nei punti di attacco alla trattrice ed alla macchina operatrice Scegliere l'albero cardanico in funzione dell'accoppiamento trattrice-operatrice L'albero cardanico che deve essere marcato CE Sostituire le protezioni usurate o rotte Tenere lontano gli estranei durante le lavorazioni Appoggiare l'albero cardanico sull'apposito supporto, quando non viene utilizzato Verificare lo stato di efficienza dei freni e dei pneumatici Mantenere in buono stato la viabilità aziendale Non disinserire mai la marcia in discesa Per evitare l'impennamento, impiegare trattrici adeguate alla macchina trainata o all'attrezzatura portata, graduare l'innesto della frizione nelle partenze e nei cambi di marcia, evitare impedimenti nell'avanzamento, applicare idonee zavorre, verificare che la linea di traino sia in asse con quella della trattrice Prevedere spazi minimi per consentire al conducente l'esecuzione, dal suo sedile, di qualsiasi manovra in tutta sicurezza Tutti gli organi di comando, posti all'interno dell'abitacolo della trattrice, devono essere posizionati con criteri ergonomici e ben visibili Utilizzare sedili ammortizzati omologati Prevedere uno specchietto sul lato sinistro, in caso di traino che limiti la visibilità posteriore Utilizzare solo pneumatici previsti dalla casa costruttrice e rispettare le prescrizioni di gonfiamento e carico indicate nel manuale di istruzione Gli apparecchi di sollevamento collegati ad un organo di presa (quali: pinze, polipi) devono essere collaudati prima della messa in funzione e verificati annualmente Effettuare l'informazione e la formazione degli addetti sui rischi derivati dall'utilizzo della trattrice, sulle misure da adottare e sui DPI da utilizzare Utilizzare sempre gli opportuni ed adeguati DPI Operare secondo le prescrizioni indicate nel manuale istruzioni Utilizzare idonee protezioni termiche per i silenziatori di scarico Utilizzare silenziatori (marmitte) omologati Nel caso la trattrice venga utilizzata in ambienti chiusi, verificare l'esistenza di impianti di estrazione dell'aria per garantire un sufficiente ricambio. In caso di assenza apporre il divieto di accesso E' auspicabile anche la presenza di una cassetta di pronto soccorso Verificare che sia tenuta la opportuna manutenzione della macchina secondo le istruzioni d'uso Migliorare la viabilità aziendale, con adeguata segnaletica stradale Le trattrici, per poter circolare su strada pubblica, devono essere immatricolate e dotate di carta di circolazione e devono avere copertura assicurativa di responsabilità civile verso terzi Tutte le macchine devono essere dotate di marcatura CE, devono avere una targhetta di identificazione, devono essere presenti dei pittogrammi di segnalazione del pericolo, e devono essere dotate di manuale di istruzione e manutenzione 14

143 CADUTA DALL'ALTO Prevedere l'istallazione di una scaletta, dotata di superficie antiscivolo Dotare la trattrice di elementi di appoggio per i piedi, in materiale antisdruciolevole, e di elementi corrimano e maniglie per le mani Usare sempre gli specifici elementi di appoggio in salita e discesa URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI Prevedere spazi minimi di sicurezza per evitare schiacciamenti PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Accertare la stabilità ed il corretto fissaggio della sega a disco per metalli Tenere le macchine pulite eliminando detriti o materiali estranei che potrebbero danneggiarne il funzionamento o provocare lesioni all'operatore Prima di intervenire sulle parti in movimento della macchina, arrestare il motore della trattrice, estrarre la chiave dal quadro comando ed inserire il freno di stazionamento SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Usare calzature idonee, bene allacciate e con suola antiscivolo Tenere puliti i gradini di accesso e le pedane, eliminando fango o altri materiali che le rendano scivolose ELETTROCUZIONE Mantenere l'impianto elettrico e la fanaleria in efficienza INVESTIMENTO Accertarsi che non vi siano persone o animali nella zona di manovra o di lavoro della macchina e rispettare le distanze di sicurezza Eseguire tutte le operazioni di attacco e distacco e le regolazioni con la macchina in piano e la trattrice frenata CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO Non indossare indumenti che possano impigliarsi negli organi in movimento, come sciarpe, camici ecc Verificare l'esistenza della protezione della presa di potenza della trattrice e in sua assenza installare carter a protezione della presa di forza e degli organi in movimento (cinghie e pulegge) Coprire l'albero della presa di potenza con una protezione metallica, quando non utilizzato MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Utilizzare dispositivi di sollevamento per masse superiori al limite consentito GETTI E SCHIZZI I tubi idraulici devono essere protetti in modo da evitare fuoriuscite di liquido in caso di rotture Prevedere un tergicristallo motorizzato, in presenza di parabrezza anteriore e in mancanza di visibilità anteriore 14

144 OLII MINERALI E DERIVATI Le prese olio della trattrice e gli innesti rapidi delle macchine devono essere dotati di un codice di riconoscimento Divieto di pulire, oliare ed ingrassare, di eseguire operazioni di riparazione su organi in moto CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE Le parti che raggiungono temperature pericolose devono essere protette con griglie e reti metalliche posizionate ad adeguata distanza dalla fonte di calore Le attrezzature che comportano un rischio di incendio, devono essere dotate di appropriati dispositivi antincendio, ossia è obbligatoria, a bordo della trattrice, la presenza di un estintore RIBALTAMENTO Controllare che la macchina non abbia subito danni durante la fase di trasporto Prevedere idonei telai di protezione o roll-bar per evitare lo schiacciamento dell'operatore in caso di ribaltamento Quando si stacca una macchina operatrice, accertarsi sempre che essa sia posizionata e bloccata in modo sicuro per evitare movimenti accidentali e ribaltamenti Per prevenire il ribaltamento, scegliere trattrici di peso e potenza adeguate alle lavorazioni e alle attrezzature impiegate, condurre in modo attento e prudente, evitando manovre brusche Adottare telai o archi di protezione a due o a quattro montanti con targhetta di identificazione, montati posteriormente al sedile del conducente Verificare la stabilità del complesso trattrice-operatrice INCIDENTI TRA AUTOMEZZI Consentire l'uso della macchina solo a personale autorizzato e dotato di patente di categoria B La trattrice deve essere munita di dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione, conformi al codice della strada DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Elmetto (Conforme UNI EN 97) Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) Stivali antinfortunistici (Conformi UNI EN 45-44) 144

145 Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO ALTO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di riportare immediatamente il RISCHIO ad un livello accettabile. ATTIVITA' : BAR FASE LAVORATIVA FASE.1 : CASSA BAR La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi delle operazioni di cassa tipiche del Bar. ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : CALCOLATRICE PERSONAL COMPUTER POS LETTORE CARTE DI CREDITO REGISTRATORE DI CASSA 145

146 STAMPANTE TELEFONO VERIFICATORE CARTA MONETA SOSTANZE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : POLVERI TONER Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Postura Movimentazione manuale dei carichi Calore, fiamme, esplosione Urti, colpi, impatti e compressioni Caduta di materiale dall'alto Radiazioni non ionizzanti Elettrocuzione Microclima Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Probabile Probabile Improbabile Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Si provvederà affinchè i nominativi del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, del Rappresentante dei Lavoratori, degli addetti al Nucleo Gestione dell'emergenza e del Medico Competente siano noti a tutti gli addetti In collaborazione con il Medico Competente, caso di stato di gravidanza si provvederà alla verifica dell'organizzazione del lavoro al videoterminale in maniera da evitare rischi aggiuntivi alla madre ed al nascituro Si provvederà ad illuminare il locale in cui è installata la fotocopiatrice in maniera da limitare la differenza di luminosità tra quella propria dell'ambiente e quella prodotta dalla macchina Si procederà alla verifica periodica della presenza e della leggibilità del cartello indicante i numeri da chiamare in caso di necessità, posto in prossimità dell'apparecchio telefonico destinato alle chiamate in caso di emergenza Si provvederà a informare i lavoratori sulla ubicazione della cassetta contenente i presidi sanitari necessari per il primo soccorso provvedendo alla esposizione della cartellonistica necessaria alla sua individuazione Si procederà alla verifica programmata e periodica della dotazione delle cassette di primo soccorso predisponendo per il tempestivo rimpiazzo del materiale di consumo Si provvederà a completare l'informazione di tutti i lavoratori sui rischi riscontrabili in azienda, sulle misure precauzionali adottate e sulle attività di prevenzione da mettere in atto Si provvederà a completare l'informazione dei lavoratori sui rischi connessi all'attività in senso generale e specificatamente per le lavorazioni a cui sono destinati 146

147 Si procederà ad opera di formazione ed informazione, in collaborazione con il Medico Competente, sui rischi connessi alla permanenza in ambienti con microclima avverso Si provvederà alla verifica programmata e periodica dello sportello della fotocopiatrice predisposto per la copertura del vano in cui porre l'originale da riprodurre Si espleterà opera di formazione ed informazione nei confronti delle lavoratrici affinchè siano a conoscenza della presenza di rischi lavorativi che, in caso di gravidanza, potrebbero nuocere sia al nascituro che alla gestante stessa Sottoporre i videoterminalisti a visita medica quinquennale o biennale in base alle disposizioni di legge ed a eventuali prescrizioni del Medico Competente CADUTA DI MATERIALE DALL'ALTO Si procederà a sostituire le scaffalature lesionate e/o che risultino in cattivo stato di conservazione.scaffali adibiti a deposito Si provvederà alla predisposizione di piani di stoccaggio che offrano resistenza adeguata ad evitare crolli o ribaltamenti conseguenti a cedimenti o deformazioni URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI Nella predisposizione delle operazioni di scarico e carico si terrà conto della necessità di garantire la sicura presa di ogni singolo pezzo SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Prima di predisporre prolunghe elettriche si verificherà che le stesse non possano essere motivo di inciampo I conduttori flessibili di collegamento alla rete saranno disposti in maniera da non essere di intralcio alla libera circolazione delle persone ELETTROCUZIONE Nella predisposizione di prolunghe elettriche provvisorie si procederà in maniera che le stesse risultino protette contro possibili azioni meccaniche che potrebbero danneggiarle Si provvederà a fissare le "ciabatte" elettriche ad una altezza non inferiore a 15 cm dal pavimento Si provvederà alla predisposizione di un programma di verifica periodica dello stato di conservazione dei conduttori flessibili facenti parte del circuito elettrico delle macchine Si predisporrà un sistema di verifica periodica e programmata tendente a verificare che i collegamenti dei conduttori elettrici non diano luogo a scintillio e surriscaldamento Si provvederà alla immediata sostituzione dei cavi di alimentazione, delle prese e delle spine che ad un esame visivo risultassero logore Nella predisposizione di prolunghe elettriche provvisorie si procederà in maniera che le stesse risultino le più corte possibili Nella predisposizione di nuove prese a cui faranno capo i conduttori flessibili si procederà in modo da consentire l'allaccio senza che i conduttori risultino poi di intralcio alla libera circolazione delle persone MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Si procederà alla specifica opera di formazione verso quegli operatori che saranno addetti alle postazioni di lavoro in cui vi sia la necessità della movimentazione manuale dei carichi Si predisporranno le operazioni di carico e scarico in maniera da consentire la movimentazione manuale dei carichi senza affaticare i muscoli del tronco e/o caricare la colonna vertebrale In caso di variazione della lavorazione si procederà preventivamente alla verifica della possibilità di predisporre mezzi meccanici adatti alla movimentazione dei carichi In sede di programmazione del lavoro si procederà all'analisi delle caratteristiche dei colli da movimentare prevedendo la predisposizione di punti di presa che ne consentano la movimentazione manuale in condizioni ottimali 147

148 In collaborazione con il Medico Competente si provvederà ad esperire opera di formazione ed informazione circa le metodologie operative da attuare per esporsi in maniera minimale ai pericoli derivanti dalla movimentazione manuale dei carichi Si indicherà ai dipendenti la necessità di utilizzare un carrello per la movimentazione di carichi che abbiano una mole superiore ai 0 chilogrammi CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE Si provvederà a completare l'informazione dei lavoratori sui rischi connessi alla lotta antincendio ed alla evacuazione dei locali Si predisporranno gli scaffali in maniera che il materiale cartaceo o comunque combustibile venga archiviato lasciando un franco di un metro dai componenti dell'impianto elettrico RIBALTAMENTO Si provvederà al fissaggio delle scaffalature alle strutture portanti, o comunque stabili, del fabbricato MICROCLIMA Si procederà alla verifica programmata e periodica del microclima ambientale POSTURA Si provvederà a predisporre il piano di lavoro in maniera che risulti in posizione ottimale per garantire l'ergonomicità della posizione degli operatori Saranno messi a disposizione degli operatori supporti per i videoterminali in maniera che ognuno di essi possa posizionare lo schermo secondo le proprie esigenze Si terranno a disposizione degli addetti al videoterminale che ne facciano richiesta poggiapiedi e/o pedane Si espleterà opera di formazione affinchè ogni operatore predisponga la tastiera in modo da scaricare il peso delle mani e/o degli avambracci Si forniranno agli addetti ai videoterminali sedili registrabili in altezza in maniera che possano predisporli secondo le proprie esigenze e nella maniera più ergonomicamente valida Si predisporranno scrivanie aventi il piano di lavoro a superficie opaca Agli addetti al videoterminale per un tempo significativo, anche se non classificabili come "videoterminalisti", si forniranno tutti gli elementi conoscitivi affinchè possano predisporre il loro posto di lavoro in maniera ergonomicamente corretta Si provvederà affinchè tutti i videoterminalisti vengano a conoscenza delle pause previste nel protocollo che formalizza i tempi di lavoro al videoterminale e le relative pause Per gli addetti ai videoterminali si predisporrà il lavoro in maniera da garantirne l'interruzione per almeno 15 minuti ogni due ore Per l'apparecchio telefonico sarà realizzato un piano di appoggio posizionato in maniera da non costringere l'operatore ad assumere posizioni scomode o ergonomicamente scorrette Si provvederà a predisporre videoterminali di dimensioni adatte a visualizzare quanto appare sullo schermo senza doversi avvicinarsi allo stesso con il volto Si organizzerà il lavoro in maniera che ogni singolo operatore possa alternare le posizioni sedute con posizioni erette Si procederà alla formazione degli operatori affinchè possano predisporre i sedili secondo principi ergonomicamente validi Si provvederà a fornire agli addetti al personal computer apposite sedie dichiarate dal costruttore conformi alla normativa vigente Predisporre sedili di lavoro montati su 5 ruote, muniti di schienale registrabile in altezza ed inclinabile secondo le esigenze proprie di ogni operatore DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI 148

149 I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. FASE LAVORATIVA FASE. : SALA BAR La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione ATTIVITA CONTEMPLATA I caffè ed i bar possono essere dotati di: - area lavoro con annesso bancone di somministrazione; - area attrezzata per la somministrazione ai tavoli anche assistita. ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : ARMADI FRIGORIFERI BANCO FRIGORIFERO CRISTALLERIA FRIGORIFERO GRANITORE MACCHINA DA CAFFE' ESPRESSO MACINACAFFE' POSATERIA PRODUTTORE GHIACCIO SCAFFALI VETRINA REFRIGERATA VETRINA TERMOREGOLATA Nota: Per le attrezzature di lavoro sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Probabilità Magnitudo Rischio 149

150 Movimentazione manuale dei carichi Calore, fiamme, esplosione Punture, tagli e abrasioni Urti, colpi, impatti e compressioni Microclima Allergeni Inalazione di polveri e fibre Scivolamenti, cadute a livello Probabile Improbabile Probabile Improbabile Probabile Lieve Lieve Lieve MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Predisporre idonee tabelle per intervento di primo soccorso per le sostanze adoperate Assicurarsi che il lavoro non venga svolto costantemente in condizioni di stress (tempi ridotti a causa di personale insufficiente) Prevedere personale di riserva per coprire ferie, malattie, periodi di punta, ecc. (es. servendosi di agenzie di collocamento) Attenersi alle istruzioni riportate nella allegata scheda PROCEDURE D'EMERGENZA Informazione e formazione degli addetti sul corretto utilizzo delle attrezzature di lavoro, sulla natura dei rischi e sui comportamenti conseguenti Per effettuare ogni operazione indossare solo abiti adatti, nonché guanti e calzature idonei Utilizzare tutti i tipi di protezione individuali forniti dall'azienda ( guanti, mascherine, ect...) URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI Rimuovere gli spigoli e arrotondare i bordi; porre delle protezioni agli orli PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Posizionare e conservare gli oggetti da posateria in maniera opportuna ELETTROCUZIONE Assicurarsi che l'impianto elettrico e di terra sia a norma e che le attrezzature elettriche utilizzate siano in buono stato di conservazione e collegate all'impianto di terra, se non dotate di doppio isolamento INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE Provvedere ad una idonea ventilazione ambientale I pavimenti non devono essere polverosi; le pareti devono essere intonacate ed imbiancate ALLERGENI Scegliere prodotti detergenti con ph vicini al neutro Durante l'uso delle sostanze per la pulizia, adottare gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo Durante l'uso delle sostanze per la pulizia non devono essere consumati cibi e bevande Acquisire le schede di sicurezza delle sostanze utilizzate Nelle operazioni di pulizia, utilizzare le sostanze meno tossiche e meno volatili possibile Non conservare mai un prodotto chimico in un recipiente che non sia quello originale e non versarlo mai in un recipiente anonimo 150

151 CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE Assicurarsi che le porte tagliafuoco, se presenti, siano funzionanti e siano mantenute sempre sgombre. Verificare la scadenza del Certificato Prevenzione Incendi (CPI) e/o del Nulla Osta Provvisorio (NOP) Predisporre mezzi di estinzione portatili o fissi ed effettuare le verifiche periodiche MICROCLIMA I locali refettori devono avere una corretta disposizione di tavoli e sedili e devono essere ben illuminati, aereati, riscaldati in inverno DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Calzature antiscivolo (Conformi UNI EN 47) Indumenti protettivi adeguati (Conforme UNI EN 4-4) Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di conseguire un livello di RISCHIO accettabile. ATTIVITA' 4 : LABORATORI FASE LAVORATIVA FASE 4.1 : LABORATORI BIOLOGICI La fase lavorativa oggetto dell analisi viene effettuata all interno dei seguenti ambienti/reparti: Ambiente/Reparto Descrizione 151

152 ATTIVITA CONTEMPLATA Nei laboratori biomedici il biologo utilizza diverse metodiche con il conseguente impiego di numerosi reattivi. Tali sostanze possono contaminare l'ambiente di lavoro sotto forma di liquidi, aerosol, polveri, gas e vapori e rappresentare pertanto un rischio per la salute degli operatori che esplicano la loro attività in tali ambienti. Le matrici biologiche che vengono analizzate nei laboratori biomedici possono essere infette e rappresentare una possibile fonte di contagio microbiologico per il personale di laboratorio. I laboratori di analisi possono essere luoghi ad alto rischio infettivo per gli operatori. Tuttavia, anche se nei laboratori di microbiologia (deputati alla diagnosi batteriologica o virologica di malattie infettive) vengono convogliati materiali patologici frequentemente infetti, i laboratori a rischio più elevato sono (o meglio erano) quelli di ematologia o di analisi chimico-cliniche. Questo apparente paradosso è dovuto al fatto che il microbiologo è conscio che qualunque materiale biologico su cui opera è potenzialmente patogeno. Inoltre il microbiologo lavora in sterilità (il che non si verifica negli altri tipi di laboratori) e le modalità operative comportano un'estrema attenzione anche al fine di non contaminare il materiale in esame per non alterarne il valore diagnostico. Negli ultimi anni, con le migliorate conoscenze sui processi di diffusione dei virus dell'epatite B e dell'aids, le probabilità di contrarre infezioni in laboratorio sono diminuite in quanto l'operatore pone maggiore attenzione alla manipolazione dei campioni rispetto al passato. Tale evenienza è tuttavia sempre possibile, anche se spesso è difficile documentare che tali infezioni siano realmente legate a questa pratica lavorativa. Il rapporto di causalità è documentabile con relativa certezza solo in quei casi in cui l'agente eziologico circola raramente. In Francia, ad esempio, viene considerata malattia professionale una polmonite pneumococcica insorta in un laboratorista che, per ragioni lavorative, nelle due settimane precedenti l'insorgenza della malattia abbia avuto contatti con tale microrganismo. Nelle infezioni contratte in laboratorio, a volte, le vie di penetrazione dell'agente patogeno sono diverse da quelle naturali. È noto infatti che la popolazione può contrarre la brucellosi per ingestione di alimenti contaminati. Nei laboratoristi (così come nei veterinari), il germe penetra viceversa per via transcutanea, attraverso irrilevanti soluzioni di continuità della cute o addirittura la cute integra. I microrganismi possono penetrare nell'organismo dell'operatore sanitario per via digestiva, come nel caso di ingestione accidentale di batteri. È questo il caso dei microrganismi responsabili dell'ileotifo o delle salmonellosi (anche se le cariche microbiche infettanti, cioè le quantità di batteri indispensabili per superare le barriere difensive dell'organismo, sono relativamente alte, nell'ordine di microrganismi). Questa modalità di trasmissione è legata spesso, specialmente nei piccoli laboratori, alla conservazione di bevande o alimenti nei frigoriferi dei laboratori stessi o alla consumazione di cibi e bevande o al fumare nei locali di lavoro. La terza modalità di trasmissione è l'inalazione. In molte pratiche di laboratorio si producono degli aerosol come conseguenza dell'uso improprio dell'ansa. Un'ansa troppo lunga o con un occhiello troppo grande, in certe manovre, tende a disperdere nell'ambiente piccole goccioline contaminate da batteri. Anche un flambaggio non corretto può comportare lo stesso fenomeno. Il germe più frequentemente responsabile di eventi infettivi a seguito delle suddette manovre è sicuramente il Mycobacterium tuberculosis in quanto, come è noto, questo germe dà origine a colonie secche che facilmente si disperdono nell'aria degli ambienti di analisi se non si usano idonei accorgimenti, quali l'utilizzo di apposite camere di sterilizzazione per l'ansa. La quarta e ultima modalità di infezione è l'inoculazione accidentale. Questo evento è la conseguenza di incidenti come la puntura di aghi o altri oggetti taglienti quali bisturi o vetreria rotta ed è responsabile di numerose malattie infettive, sia batteriche (quali ad esempio brucellosi, difterite, sifilide) che virali (epatite B e C, AIDS, mononucleosi infettiva ed altre ancora). ATTREZZATURE UTILIZZATE Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti ATTREZZATURE : CAPPA A FLUSSO LAMINARE CENTRIFUGA SOSTANZE UTILIZZATE 15

153 Nello svolgimento dell attività lavorativa si prevede l utilizzo delle seguenti SOSTANZE : CANDEGGIANTI CON IPOCLORITO DI SODIO DISINFETTANTI Nota: Per le attrezzature di lavoro, le sostanze sopra indicate, si farà riferimento alle schede specifiche, riportanti i relativi rischi, misure di prevenzione e dispositivi di protezione da indossare. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nella fase di lavoro, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Rischio Biologico Allergeni Probabilità Probabile Improbabile Magnitudo Rischio ALTO 4 MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Le principali misure atte a prevenire il rischio di infezioni riguardano l'ambiente di lavoro, la strumentazione e l'operatore Gli addetti a lavorazioni a rischio biologico devono essere sottoposti a sorveglianza sanitaria La protezione personale del lavoratore è basata sull'impiego di camici, guanti ed eventualmente mascherine L'operatore deve inoltre segnalare al responsabile del laboratorio ogni esposizione accidentale ed ogni incidente INFEZIONE DA MICROORGANISMI Per quanto riguarda la strumentazione è consigliabile l'utilizzo di materiali a perdere che, dopo l'uso, devono essere riposti in contenitori rigidi da avviare rapidamente alla sterilizzazione RISCHIO BIOLOGICO Si raccomanda inoltre l'utilizzo di pipette automatiche che riducono la formazione di aerosol e di cappe a flusso laminare. Anche le centrifughe possono rappresentare un ricettacolo di germi e devono quindi essere periodicamente bonificate con disinfettanti compatibili Buona norma infine è quella di sottoporsi a vaccinazione (ad esempio nei confronti dell'epatite B e dell'ileotifo) in quanto queste vaccinazioni conferiscono un buon grado di protezione Il laboratorio diagnostico deve essere bonificato mediante accurata detersione e disinfezione (ad esempio con una soluzione di ipoclorito di sodio all'1%) che deve riguardare soprattutto i posti di lavoro. È buona norma quella di provvedere alla disinfezione notturna dei locali mediante raggi ultravioletti DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI I lavoratori addetti alla fase di lavoro devono indossare obbligatoriamente i seguenti DPI con marcatura CE : Indumenti di lavoro resistenti alla permeazione (Conformi UNI EN 40-69) Guanti in lattice (Conformi UNI EN 74-40) Facciale Filtrante FFPS (Conforme UNI EN 149) Occhiali di protezione a mascherina (Conformi UNI EN 166) 15

154 Conclusioni Individuati tutti i singoli FATTORI DI RISCHIO presenti nella FASE DI LAVORO analizzata e le POSSIBILI CONSEGUENZE per la salute e la sicurezza dei lavoratori, si può presumibilmente ritenere che la stessa presenti nel suo complesso un RISCHIO ALTO. Dovranno, pertanto, essere obbligatoriamente seguite tutte le Misure di Prevenzione indicate ed utilizzati i D.P.I. indicati, al fine di riportare immediatamente il RISCHIO ad un livello accettabile. 154

155 SEZIONE 8 VALUTAZIONE RISCHI ATTREZZATURE IMPIEGATE Qui di seguito viene riportata l analisi dei rischii derivanti dalle attrezzature utilizzate nelle precedenti attività lavorative ed indicate in ogni singola attività. Anche per le attrezzature sono stati individuati e valutati (con la metodologia di cui alla Sezione ) i singoli rischi derivanti dal loro utilizzo e sono state dettagliate le misure di prevenzione e protezione ed indicati i Dispositivi di Protezione Individuale da indossare. ATTREZZATURA AFFETTATRICE DESCRIZIONE Apparecchio utilizzato per affettare gli alimenti mediante una lama rotante. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Cesoiamento, stritolamento Punture, tagli e abrasioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) ELETTROCUZIONE L'attrezzatura dovrà portare l'indicazione della tensione, dell'intensità e del tipo di corrente e delle altre eventuali caratteristiche costruttive necessarie per l'uso (Punto 9.4, Allegato V, D.Lgs. 81/08) CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO Segregare gli organi lavoratori pericolosi delle affettatrici Le affettatrici devono essere dotate di microinterruttori di sicurezza sul blocco affilatoio e sul carter paralama e di elsa di protezione sull'impugnatura del carrello portamerce 155

156 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) Scarpe di sicurezza a slacciamento rapido (Conformi UNI EN 45-44) Guanti antitaglio in tessuto wizard (Conformi UNI EN 108/1 - Per le operazioni fini di taglio della carne) Spugna con manico distanziatore (per la pulizia delle affettatrici) ATTREZZATURA ARATRO DESCRIZIONE L'aratro è uno strumento usato in agricoltura per smuovere il terreno e prepararlo per successive lavorazioni o direttamente per la semina. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Investimento Postura Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Accertare la stabilità ed il corretto posizionamento della macchina INVESTIMENTO 156

157 Accertarsi che non vi siano persone o animali nella zona di manovra o di lavoro della macchina e rispettare le distanze di sicurezza DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) ATTREZZATURA ARMADI FRIGORIFERI DESCRIZIONE E' un elettrodomestico che serve alla preservazione del cibo attraverso bassa temperatura: in questo modo si rallenta la crescita dei batteri. È un apparecchio relativamente nuovo in cucina: sostituisce la vecchia ghiacciaia. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Utilizzare contenitori idonei per la conservazione negli armadi frigoriferi ELETTROCUZIONE Assicurarsi periodicamente dell'integrità degli armadi frigoriferi, soprattutto per i cavi di alimentazione e lo stato delle guarnizioni 157

158 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) ATTREZZATURA ASCIA DESCRIZIONE Attrezzatura manuale utilizzata per il taglio di materiale in legno di diversa natura. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Proiezione di schegge Caduta di materiale dall'alto Punture, tagli e abrasioni Urti, colpi, impatti e compressioni Postura Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" Evitare turni prolungati nell'utilizzo dell'ascia ed effettuare pause opportune. Controllare lo stato di manutenzione dell'ascia prima del suo utilizzo. CADUTA DI MATERIALE DALL'ALTO Non abbandonare l'attrezzo in modo casuale ed assicurarli da una eventuale caduta dall'alto 158

159 SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Dovendo riporre momentaneamente l'attrezzo a terra, assicurasi che le parti taglienti non possano essere fonte di pericolo per se stessi e per altri, anche a seguito di cadute accidentali CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO Controllare che non vi siano persone nel raggio d'azione dell'ascia. PROIEZIONE DI SCHEGGE Nelle operazioni di scalpellatura, sbavatura, taglio di chiodi e in genere nei lavori eseguiti mediante utensili a mano o a motore, che possono dar luogo alla proiezione pericolosa di schegge o di materiali, si devono predisporre schermi o adottare altre misure atte ad evitare che le materie proiettate abbiano a recare danno alle persone (punto 1.5, Allegato VI D.Lgs. 81/08) POSTURA Assumere una posizione corretta e stabile durante l'uso dell'utensile DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Elmetto (Conforme UNI EN 97) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) ATTREZZATURA ASCIUGATORI DESCRIZIONE Trattasi di un elettrodomestico che genera un getto di aria calda allo scopo di disperdere l'umidità e conseguentemente asciugare gli oggetti verso cui è indirizzato. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI 159

160 La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) ELETTROCUZIONE Assicurarsi dell'integrità dei collegamenti elettrici della macchina DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI ATTREZZATURA ASPIRAPOLVERE DESCRIZIONE L'aspirapolvere è un'apparecchiatura destinata alle pulizie provvista di una pompa ad aria che crea una depressione che permette l'aspirazione di polvere e altre particelle. Tramite un filtro o un ciclone l'aria aspirata viene depurata dalle particelle di polvere che vengono accumulate in un contenitore apposito. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Inalazione di polveri e fibre Probabilità Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE 160

161 L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) ELETTROCUZIONE Assicurarsi dell'integrità dei collegamenti elettrici della macchina L'attrezzatura dovrà portare l'indicazione della tensione, dell'intensità e del tipo di corrente e delle altre eventuali caratteristiche costruttive necessarie per l'uso (Punto 9.4, Allegato V, D.Lgs. 81/08) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Mascherina con carboni attivi (Conforme UNI EN 149) ATTREZZATURA ATTREZZATURA MANUALE DA TAGLIO DESCRIZIONE Attrezzi manuali da taglio, quali falci, accette, taglierine, ecc. utilizzati in lavori generici di cantiere. Devono essere integri, di buona qualità ed idonei alle lavorazioni da effettuare; i manici devono essere correttamente fissati e non devono presentare incrinature o scheggiature in grado di produrre ferite. Le parti taglienti non devono presentare difetti di alcun tipo e devono essere protette in caso di inutilizzo, anche temporaneo. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Punture, tagli e abrasioni Caduta di materiale dall'alto Urti, colpi, impatti e compressioni Postura Inalazione di polveri e fibre Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Probabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI 161

162 Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) Gli utensili dovranno essere provvisti del marchio di qualità. Gli utensili non rispondenti a tali requisiti dovranno essere sostituiti. (Art.70 D.Lgs.81/08) Selezionare il tipo di utensile adeguato all'impiego CADUTA DI MATERIALE DALL'ALTO Non abbandonare gli utensili in modo casuale ed assicurarli da una eventuale caduta dall'alto URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI Verificare il corretto fissaggio dei manici degli utensili Per gli utensili a punta e scalpelli utilizzare idonei paracolpi ed eliminare le sbavature dalle impugnature PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Controllare che gli utensili non siano deteriorati Sostituire i manici degli utensili che presentino incrinature o scheggiature SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Dovendo riporre momentaneamente l'attrezzo a terra, assicurasi che le parti taglienti non possano essere fonte di pericolo per se stessi e per altri, anche a seguito di cadute accidentali PROIEZIONE DI SCHEGGE Nelle operazioni di scalpellatura, sbavatura, taglio di chiodi e in genere nei lavori eseguiti mediante utensili a mano o a motore, che possono dar luogo alla proiezione pericolosa di schegge o di materiali, si devono predisporre schermi o adottare altre misure atte ad evitare che le materie proiettate abbiano a recare danno alle persone (punto 1.5, Allegato VI D.Lgs. 81/08) POSTURA Assumere una posizione corretta e stabile durante l'uso dell'utensile DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI 16

163 Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Elmetto (Conforme UNI EN 97) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) ATTREZZATURA ATTREZZI MANUALI CUCINA E PENTOLAME DESCRIZIONE Utensili manuali di uso comune, quali mestoli, schiumarole ecc., e pentole padelle, scolapasta ecc. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Punture, tagli e abrasioni Ustioni Urti, colpi, impatti e compressioni Postura Probabilità Probabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti 16

164 L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Gli utensili dovranno essere provvisti del marchio di qualità. Gli utensili non rispondenti a tali requisiti dovranno essere sostituiti. (Art.70 D.Lgs.81/08) Selezionare il tipo di utensile adeguato all'impiego CADUTA DI MATERIALE DALL'ALTO Non abbandonare gli utensili in modo casuale ed assicurarli da una eventuale caduta dall'alto URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI Verificare il corretto fissaggio dei manici degli utensili PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Controllare che gli utensili non siano deteriorati Sostituire i manici degli utensili che presentino incrinature o scheggiature SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Dovendo riporre momentaneamente l'attrezzo a terra, assicurasi che le parti taglienti non possano essere fonte di pericolo per se stessi e per altri, anche a seguito di cadute accidentali POSTURA Assumere una posizione corretta e stabile durante l'uso dell'utensile DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) ATTREZZATURA ATTREZZI MANUALI DI USO COMUNE DESCRIZIONE 164

165 Utensili manuali quali martelli, pinze, cazzuole, pale, ecc. Devono essere integri, di buona qualità ed idonei alle lavorazioni da effettuare; i manici devono essere correttamente fissati e non devono presentare incrinature o scheggiature in grado di produrre ferite. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Caduta di materiale dall'alto Elettrocuzione Punture, tagli e abrasioni Urti, colpi, impatti e compressioni Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti Selezionare il tipo di utensile adeguato all'impiego ed accertarsi che sia integro in tutte le sue parti Impugnare saldamente gli utensili L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. CADUTA DI MATERIALE DALL'ALTO Gli utensili, gli attrezzi e gli apparecchi per l'impiego manuale devono essere tenuti in condizioni di equilibrio stabile (es.: riposti in contenitori o assicurati al corpo dell'addetto). SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Utilizzare l'attrezzo in condizioni di stabilità adeguata ELETTROCUZIONE I lavoratori non devono adoperare gli attrezzi manuali di uso comune su parti di impianti elettrici in tensione PROIEZIONE DI SCHEGGE 165

166 Nelle operazioni di scalpellatura, sbavatura, taglio di chiodi e in genere nei lavori eseguiti mediante utensili a mano o a motore, che possono dar luogo alla proiezione pericolosa di schegge o di materiali, si devono predisporre schermi o adottare altre misure atte ad evitare che le materie proiettate abbiano a recare danno alle persone (punto 1.5, Allegato VI D.Lgs. 81/08) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Elmetto (Conforme UNI EN 97) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) ATTREZZATURA ATTREZZI MANUALI VARI PER USO AGRICOLO DESCRIZIONE Trattasi delle attrezzature tipiche per uso agricolo, quali zappe, vanghe, ecc. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Proiezione di schegge Elettrocuzione Punture, tagli e abrasioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE 166

167 L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Assicurarsi dell'integrità degli attrezzi in tutte le loro parti PROIEZIONE DI SCHEGGE Nelle operazioni di scalpellatura, sbavatura, taglio di chiodi e in genere nei lavori eseguiti mediante utensili a mano o a motore, che possono dar luogo alla proiezione pericolosa di schegge o di materiali, si devono predisporre schermi o adottare altre misure atte ad evitare che le materie proiettate abbiano a recare danno alle persone (punto 1.5, Allegato VI D.Lgs. 81/08) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Stivali antinfortunistici (Conformi UNI EN 45-44) ATTREZZATURA BANCO FRIGORIFERO DESCRIZIONE Apparecchiatura refrigerante per la conservazione degli alimenti. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: 167

168 GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) Utilizzare contenitori idonei per la conservazione negli armadi frigoriferi ELETTROCUZIONE Assicurarsi periodicamente dell'integrità degli armadi frigoriferi, soprattutto per i cavi di alimentazione e lo stato delle guarnizioni DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) ATTREZZATURA BISTECCHIERA ELETTRICA DESCRIZIONE Elettrodomestico specialistico per la cottura di bistecche e simili. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Ustioni Punture, tagli e abrasioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI 168

169 Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) ELETTROCUZIONE L'attrezzatura dovrà portare l'indicazione della tensione, dell'intensità e del tipo di corrente e delle altre eventuali caratteristiche costruttive necessarie per l'uso (Punto 9.4, Allegato V, D.Lgs. 81/08) L' attrezzatura di lavoro verrà installata in modo da proteggere i lavoratori esposti contro i rischi di un contatto diretto o indiretto con la corrente elettrica (punto 6.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) Assicurarsi dell'integrità e del corretto montaggio della bistecchiera elettrica, soprattutto per il cavo di collegamento elettrico DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) ATTREZZATURA CALCOLATRICE DESCRIZIONE La calcolatrice è un dispositivo in grado di eseguire calcoli numerici. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Postura Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE 169

170 L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) POSTURA Assumere una comoda posizione di lavoro. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI ATTREZZATURA CANNELLO PER SALDATURA OSSIACETILENICA DESCRIZIONE Attrezzo manuale utilizzato per saldare materiali termoplastici in genere (fogli, tubi, manufatti, pavimenti, teloni,ecc.). RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Calore, fiamme, esplosione Gas e vapori Rumore Vedere valutazione specifica Ustioni Probabilità Probabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Verificare la funzionalità dei riduttori di pressione e dei manometri prima di utilizzare il cannello per saldatura ossiacetilenica Le saldature dovranno essere eseguite da personale particolarmente addestrato Accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" 170

171 Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) RUMORE Effettuare la valutazione del rischio rumore ai sensi dell'art.190 del D.Lgs.81/08 ed adottare le conseguenti misure di prevenzione in funzione del livello di esposizione calcolato. CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE Durante l'uso dell'attrezzatura dovranno essere allontanati gli eventuali materiali che, per la loro natura, risultino infiammabili, facilmente combustibili o danneggiabili. Quando ciò non è possibile detti materiali dovranno essere opportunamente protetti contro le scintille I lavori di saldatura o taglio non dovranno essere eseguiti su recipienti o tubi chiusi o che contengano o che abbiano contenuto sostanze pericolose prima di aver provveduto ad eliminare le condizioni di pericolo. Verificare l'assenza di gas o materiale infiammabile nell'ambiente o su tubazioni e/o serbatoi sui quali si effettuano gli interventi con il cannello per saldatura ossiacetilenica Verificare la stabilità e il vincolo delle bombole sul carrello portabombole prima di utilizzare il cannello per saldatura ossiacetilenica In caso di lavorazione in ambienti confinati predisporre un adeguato sistema di aspirazione fumi e/o di ventilazione durante l'utilizzo del cannello per saldatura ossiacetilenica Non effettuare operazioni di saldatura in presenza di materiali infiammabili Durante la esecuzione delle saldature, osservare le seguenti regole: - In caso di lavori di saldatura a terra o in quota, evitare il diffondersi delle scintille nell'ambiente circostante ed utilizzare delimitazioni o barriere, anche mobili, idonee a contenere le scintille e fiamme. - Durante le operazioni di saldatura i gas prodotti non devono interessare le aree di lavoro e, se non risultano sufficientemente diluiti, devono essere aspirati e filtrati. - Acquisizione delle schede di sicurezza delle materie prime utilizzate, nonché degli elettrodi di saldatura. - Gli addetti devono fare uso dei previsti dispostivi di protezione delle vie respiratorie e di idonei indumenti protettivi e occhiali, poiché, durante le operazioni di saldatura, si possono liberare gas contenenti ossidi di azoto e ozono, nonché sostanze provenienti da pezzi trattati (pezzi zincati, nichelati, cadmiati, cromati, verniciati), oppure fumi contenenti ossidi di ferro, cromo, nichel, manganese o composti del fluoro derivanti dal rivestimento degli elettrodi basici, oppure polveri contenenti prevalentemente ossidi di ferro, carburo di silicio, resine e più raramente silice cristallina. - I lavori di saldatura devono essere contenuti con barriere e schermi, anche mobili, in modo da evitare l'esposizione alle radiazioni da parte dei non addetti. - Tenere spenta la saldatrice quando non si utilizza e lasciare raffreddare sufficientemente i pezzi saldati. - Le operazioni di trattamento con prodotti protettivi e/o vernici degli elementi metallici devono essere segnalate o delimitate per evitare l'accesso alle persone non direttamente interessate ai lavori. Non effettuare saldature in concomitanza con il trattamento con resine epossidiche o altre sostanze a rischio d'incendio Il trasporto nell'interno delle aziende e dei locali di lavoro degli apparecchi mobili di saldatura al cannello deve essere effettuato mediante mezzi atti ad assicurare la stabilità dei gasogeni e dei recipienti dei gas compressi o disciolti e ad evitare urti pericolosi (Punto 8., Allegato VI D.Lgs. 81/08) I recipienti dei gas compressi o sciolti, ad uso di impianti fissi di saldatura, devono essere efficacemente ancorati, al fine di evitarne la caduta accidentale (punto 8., Allegato VI D.Lgs. 81/08) Non devono eseguirsi lavorazioni ed operazioni con fiamme libere o con corpi incandescenti a meno di 5 metri di distanza dai generatori o gasometri di acetilene (Punto 8.1, Allegato VI, D.Lgs. 81/08) 171

172 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) Occhiali con ripari laterali dotati di vetri inattinici (Conformi UNI EN ) Guanti anticalore (Conformi UNI EN 407) Indumenti protettivi in cuoio (Conformi UNI EN 470-1) ATTREZZATURA CAPPA A FLUSSO LAMINARE DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Ustioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Operare sempre al centro della cappa a flusso laminare Effettuare periodicamente la manutenzione e la sostituzione dei filtri della cappa a flusso laminare DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) 17

173 ATTREZZATURA CARRELLO ELEVATORE DESCRIZIONE Attrezzatura meccanica per la movimentazione ed il sollevamento di materiali in genere RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Investimento Incidenti tra automezzi Ribaltamento Urti, colpi, impatti e compressioni Probabilità Improbabile Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" Se l'attrezzatura di lavoro manovra in una zona con presenza di lavoratori, devono essere stabilite e rispettate apposite regole di circolazione. In particolare si devono prendere misure organizzative atte e evitare che lavoratori a piedi si trovino nella zona di attività di attrezzature di lavoro semoventi. Qualora la presenza di lavoratori a piedi sia necessaria per la buona esecuzione dei lavori, si devono prendere 17

174 misure appropriate per evitare che essi siano feriti dall' attrezzatura (punti. e., Allegato VI D.Lgs. 81/08) Il carrello elevatore sara' dotato di adeguato segnalatore acustico e luminoso lampeggiante. Verificare la stabilità del carico prima di procedere al sollevamento col carrello elevatore Durante l'uso del carrello elevatore il carico sarà opportunamente vincolato e fissato. (Punto.1.1, Allegato V - D.Lgs.81/08) Il carrello elevatore verrà utilizzato esclusivamente da personale esperto preparato attraverso uno specifico corso di formazione. (Punto.1, Allegato VI - D.Lgs.81/08) Le attrezzature di lavoro mobili dotate di un motore a combustione possono essere utilizzate nella zona di lavoro soltanto qualora sia assicurata una quantità sufficiente di aria senza rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori (Punto.5, Allegato VI, D.Lgs. 81/08) URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI Il carrello elevatore sara' dotato di appositi dispositivi antiscarrucolamento. ELETTROCUZIONE Prima dell'uso della attrezzatura, verificare che nella zona di lavoro non vi siano linee elettriche aeree che possano interferire con le manovre INVESTIMENTO Il carrello elevatore dovra' avere le leve di comando conformate in modo tale da risultare protette contro l'azionamento accidentale. I percorsi riservati al carrello elevatore dovranno presentare un franco di almeno 70 centimetri per la sicurezza del personale a piedi. (Punto.., Allegato V - D.Lgs.81/08) Verificare il funzionamento dei comandi di guida con particolare riguardo ai freni del carrello elevatore Verificare che l'avvisatore acustico, il segnalatore di retromarcia ed il girofaro del carrello elevatore siano regolarmente funzionanti Garantire la visibilità del posto di guida del carrello elevatore RIBALTAMENTO Il carrello elevatore sara' munito di tabella delle portate variabili. Verificare l'integrità e la stabilità del carrello prima dell'uso e contollare preventivamente l'accessibilità e lo stato del percorso. Controllare i percorsi e le aeree di manovra del carrello elevatore approntando gli eventuali rafforzamenti Controllare i percorsi e le aree di manovra approntando gli eventuali rafforzamenti prima di utilizzare il carrello elevatore Le attrezzature di lavoro smontabili o mobili che servono a sollevare carichi devono essere utilizzate in modo tale da garantire la stabilità dell'attrezzatura di lavoro durante il suo impiego, in tutte le condizioni prevedibili e tenendo conto della natura del suolo (Punto.1., Allegato VI, D.Lgs. 81/08) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Elmetto (Conforme UNI EN 97) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) 174

175 ATTREZZATURA CELLA FRIGORIFERA DESCRIZIONE La cella frigorifera è un locale di conservazione degli alimenti dove viene mantenuta una temperatura costante. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Movimentazione manuale dei carichi Microclima Probabilità Probabile Probabile Magnitudo Lieve Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) Attenersi alle istruzioni d'uso contenute nel libretto di funzionamento del dispositivo Le celle frigorifere devono avere la possibilità di essere aperte anche dall'interno. Assicurarsi dell'integrità del macchinaro in tutte le sue parti, soprattutto per quelle elettriche e per i circuiti di refrigerazione Utilizzare contenitori idonei per la conservazione nella cella frigorifera ELETTROCUZIONE I cavi di alimentazione saranno provvisti di adeguata protezione meccanica e sicurezza elettrica. 175

176 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Si procederà alla specifica opera di formazione verso quegli operatori che saranno addetti alle postazioni di lavoro in cui vi sia la necessità della movimentazione manuale dei carichi Si predisporranno le operazioni di carico e scarico in maniera da consentire la movimentazione manuale dei carichi senza affaticare i muscoli del tronco e/o caricare la colonna vertebrale Utilizzare sempre i guanti durante la movimentazione manuale dei carichi MICROCLIMA Utilizzare calzature antiscivolo e giacconi imbottiti per i lavori nelle celle frigorifere. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) Indumenti protettivi adeguati (Conforme UNI EN 4-4) ATTREZZATURA CENTRIFUGA DESCRIZIONE La centrifuga è un'apparecchiatura atta ad accelerare la separazione tra corpi aventi differente densità. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Rumore Vedere valutazione specifica Punture, tagli e abrasioni Getti e schizzi Probabilità Probabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI 176

177 Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) ELETTROCUZIONE L' attrezzatura di lavoro verrà installata in modo da proteggere i lavoratori esposti contro i rischi di un contatto diretto o indiretto con la corrente elettrica (punto 6.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) RUMORE Effettuare la valutazione del rischio rumore ai sensi dell'art.190 del D.Lgs.81/08 ed adottare le conseguenti misure di prevenzione in funzione del livello di esposizione calcolato. GETTI E SCHIZZI Predisporre dispositivi di sicurezza che non consentano l'apertura del coperchio della centrifuga con cestello ancora in movimento nei laboratori di analisi cliniche DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) ATTREZZATURA CICLOSTILE DESCRIZIONE Il ciclostile è un sistema di stampa meccanico utilizzato per produrre stampe in piccola tiratura. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI 177

178 La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Cesoiamento, stritolamento Punture, tagli e abrasioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO Verificare l'integrità del ciclostile, in tutte le sue parti e non effettuare manutenzioni con i rulli in movimento DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) ATTREZZATURA COLTELLO CUCINA DESCRIZIONE Il coltello è un utensile di uso manuale utilizzato per il taglio. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Probabilità Magnitudo Rischio 178

179 Punture, tagli e abrasioni MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Durante l'uso del coltello viene controllato frequentemente lo stato del manico Durante l'uso del coltello viene controllato frequentemente lo stato della lama Dopo l'uso, riporre il coltello in apposito luogo DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti speciali antitaglio (Conformi UNI EN 108/) ATTREZZATURA CRISTALLERIA DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. 179

180 Descrizione del Pericolo Proiezione di schegge Punture, tagli e abrasioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Posizionare la cristalleria in maniera opportuna Manipolare con cautela la cristalleria per evitare rotture con conseguenze infortunistiche DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI ATTREZZATURA CUCINA DESCRIZIONE Con il termine cucina si intende quell'insieme di attrezzature ed elettrodomestici legati alla cottura, più in generale alla preparazione, di cibi e bevande. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Gas e vapori Ustioni Calore, fiamme, esplosione Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: 180

181 GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Effettuare periodica manutenzione, con controllo dei tubi ed eventuale loro sostituzione, in caso di usura SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Realizzare pavimentazioni antisdrucciolo e con pendenze sufficienti per l'allontanamento di liquidi nelle cucine INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE Provvedere ad una idonea ventilazione ambientale CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE In presenza di odori tipo gas, non accendere assolutamente luci o fiamme (accendini, fornelli, ecc.) USTIONI Tenere i bambini lontano dalle manopole, dai fornelli e dai liquidi e pentole bollenti DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Calzature antiscivolo (Conformi UNI EN 47) Guanti anticalore (Conformi UNI EN 407) Grembiule impermeabile (Nel lavaggio manuale della strumentazione da sala operatoria) ATTREZZATURA CUCINA ELETTRICA DESCRIZIONE Cucina elettrica utilizzata per diverse attività. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI 181

182 La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Gas e vapori Elettrocuzione Ustioni Calore, fiamme, esplosione Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Effettuare verifica biennale di legge dell'impianto affidando l'incarico ad Organismo Notificato o ad altro ente quale ASL/ARPA Effettuare la corretta informazione e formazione al personale sui rischi presenti SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Realizzare pavimentazioni antisdrucciolo e con pendenze sufficienti per l'allontanamento di liquidi nelle cucine ELETTROCUZIONE L' attrezzatura di lavoro verrà installata in modo da proteggere i lavoratori esposti contro i rischi di un contatto diretto o indiretto con la corrente elettrica (punto 6.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) Verificare l'integrità dei collegamenti elettrici e di terra dei fusibili e delle coperture delle parti sotto tensione (scatole morsettiere - interruttori) I conduttori e gli elementi elettrici devono avere un rivestimento isolante continuo adeguato alla tensione di esercizio ed alle condizioni di temperatura, umidità ed acidità dell'ambiente INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE Provvedere ad una idonea ventilazione ambientale Effettuare costantemente la pulizia periodica degli ambienti di lavoro USTIONI Tenere i bambini lontano dalle manopole, dai fornelli e dai liquidi e pentole bollenti DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Calzature antiscivolo (Conformi UNI EN 47) Guanti anticalore (Conformi UNI EN 407) 18

183 Grembiule impermeabile (Nel lavaggio manuale della strumentazione da sala operatoria) ATTREZZATURA DECESPUGLIATORE A MOTORE DESCRIZIONE Il decespugliatore viene utilizzato per ripulire dalla vegetazione strade, fossati, fiumi, percorsi, aree verdi ecc. L'impugnatura e le cinghie devono avere disegno ergonomico e la macchina deve essere bilanciata. Deve, inoltre, essere dotato di una valvola di bloccaggio per prevenire da qualsiasi azione accidentale. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Calore, fiamme, esplosione Proiezione di schegge Rumore Vedere valutazione specifica Punture, tagli e abrasioni Vibrazioni Probabilità Probabile Magnitudo Lieve Rischio M. 1 MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" È vietato pulire, oliare o ingrassare a mano gli organi e gli elementi in moto dell' attrezzatura di lavoro, a meno che ciò non sia richiesto da particolari esigenze tecniche, nel quale caso deve essere fatto uso di mezzi idonei ad evitare ogni pericolo. Del divieto devono essere resi edotti i lavoratori mediante avvisi chiaramente visibili (punto 1.6.1, Allegato VI TU) Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, 18

184 tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Verificare l'integrità delle protezioni degli organi lavoratori e delle parti ustionanti prima dell'utilizzo del decespugliatore a motore Controllare il fissaggio degli organi lavoratori prima dell'utilizzo del decespugliatore a motore Verificare il funzionamento dei dispositivi di accensione e di arresto prima di utilizzare il decespugliatore a motore RUMORE Effettuare la valutazione del rischio rumore ai sensi dell'art.190 del D.Lgs.81/08 ed adottare le conseguenti misure di prevenzione in funzione del livello di esposizione calcolato. PROIEZIONE DI SCHEGGE Nelle operazioni di scalpellatura, sbavatura, taglio di chiodi e in genere nei lavori eseguiti mediante utensili a mano o a motore, che possono dar luogo alla proiezione pericolosa di schegge o di materiali, si devono predisporre schermi o adottare altre misure atte ad evitare che le materie proiettate abbiano a recare danno alle persone (punto 1.5, Allegato VI D.Lgs. 81/08) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) Visiera di protezione (Conforme UNI EN 166) ATTREZZATURA FALCE DESCRIZIONE Attrezzo utilizzato per il taglio di arbusti in genere. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI 184

185 La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Punture, tagli e abrasioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" Prestare la massima attenzione alla presenza di persone nel raggio d'azione della falce. Effettuare interruzioni periodiche e pause durante l'utilizzo della falce. Controllare lo stato di manutenzione della falce prima del suo utilizzo. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) ATTREZZATURA FA DESCRIZIONE Il fax è un servizio telefonico consistente nella trasmissione e ricezione di immagini fisse (tipicamente copie di documenti). RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI 185

186 La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Postura Inalazione di polveri e fibre Probabilità Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L' operazione di sostituzione del toner va effettuata con cautela e da personale esperto Accertarsi che il materiale sia conforme a quanto previsto dalle attuali norme tecniche e di sicurezza per le apparecchiature per I'ufficio EN (norme CEI 74-) Le apparecchiature devono essere provviste di regolare marcatura "CE" prevista dalle norme vigenti (9/68 CEE del /07/199, attuazione della direttiva CEE 7/ del Consiglio del 19/0/197) Accertarsi che la installazione sia stata eseguita a regola d'arte, giusta prescrizione della legge n. 168 del e che il materiale sia conforme a quanto previsto dalle attuali norme tecniche e di sicurezza per le apparecchlature per l'ufficio EN (norme CEI 74-) SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Accertare la stabilità ed il corretto posizionamento della macchina ELETTROCUZIONE Verificare l'integrità dei collegamenti elettrici di messa a terra visibili e relative protezioni Verificare l'efficienza dell'interruttore di alimentazione Evitare di utilizzare o toccare l'apparecchiatura con mani umide INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE Evitare di effettuare la sostituzione del toner se non si è pratici di tale operazione POSTURA Verificare di poter assumere una posizione di lavoro adeguata Adeguare la posizione di lavoro Evitare di mantenere la stessa posizione per tempi prolungati DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina con carboni attivi (Conforme UNI EN 149) 186

187 ATTREZZATURA FORBICI DESCRIZIONE Strumento utilizzato per tagliare materiali sottili. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Punture, tagli e abrasioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Utilizzare e conservare gli attrezzi taglienti con la dovuta attenzione e cura DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) 187

188 ATTREZZATURA FORNO A GAS DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Gas e vapori Ustioni Calore, fiamme, esplosione Probabilità Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) GAS E VAPORI Effettuare periodica manutenzione, con controllo dei tubi ed eventuale loro sostituzione, in caso di usura. CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE 188

189 In presenza di odori tipo gas, non accendere assolutamente luci o fiamme (accendini, fornelli, ecc.) Controllare frequentemente che la valvola di intercettazione del gas sia accessibile e funzionante, intervenendo al ripristino se necessario DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti anticalore (Conformi UNI EN 407) ATTREZZATURA FORNO A GAS VENTILATO DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Gas e vapori Elettrocuzione Ustioni Calore, fiamme, esplosione Probabilità Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) 189

190 Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) ELETTROCUZIONE Verificare l'integrità dei collegamenti elettrici di messa a terra visibili e relative protezioni prima di chiudere il contatto del dispositivo di accensione Accertarsi che non vi siano acqua e liquidi conduttori che interferiscano con i collegamenti elettrici Provvedere alla manutenzione e al controllo rigoroso dell'apparato e dell'impainto elettrico, che devono essere idonei ad ambiente umido GAS E VAPORI Effettuare periodica manutenzione, con controllo dei tubi ed eventuale loro sostituzione, in caso di usura. CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE In presenza di odori tipo gas, non accendere assolutamente luci o fiamme (accendini, fornelli, ecc.) Controllare frequentemente che la valvola di intercettazione del gas sia accessibile e funzionante, intervenendo al ripristino se necessario DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti anticalore (Conformi UNI EN 407) ATTREZZATURA FORNO A LEGNA DESCRIZIONE 190

191 Forno utilizzato per la cottura di pane, pizza ecc. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Gas e vapori Ustioni Calore, fiamme, esplosione Probabilità Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) Effetturare periodica manutenzione, in particolare con controllo del camino e della cappa CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE Assicurarsi che la legna sia depositata lontano da possibili sorgenti di fiamme, scintille DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti anticalore (Conformi UNI EN 407) 191

192 ATTREZZATURA FORNO A MICROONDE DESCRIZIONE Il forno a microonde è un tipo di forno da cucina in cui la cottura del cibo è principalmente dovuto all'effetto riscaldante delle microonde. Il meccanismo di funzionamento del forno è abbastanza semplice: un dispositivo, chiamato magnetron, genera un campo elettromagnetico variabile, ovvero la radiazione a microonde. L'oscillazione del campo elettromagnetico, che si ripete miliardi e 450 milioni di volte al secondo (,45 GHz), è capace di produrre oscillazioni nelle molecole che possiedono polarizzazione, principalmente acqua, ma anche lipidi, proteine e zuccheri. Una spiegazione molto diffusa chiamerebbe in causa a questo punto una presunta (ma inesistente) frizione intermolecolare da cui si genererebbe il calore capace di aumentare la temperatura dei cibi. In realtà la temperatura stessa di un corpo altro non è se non l'agitazione molecolare dei suoi costituenti. Dunque il meccanismo di funzionamento del microonde è semplicemente quello di scaldare l'acqua (ovvero di aumentarne l'agitazione termica grazie all'interazione fra il dipolo molecolare e, appunto, la radiazione a microonde), che costituisce la componente principale della maggior parte dei cibi, permeandoli quasi sempre in tutto il loro volume. Questo modo di riscaldamento è completamente diverso rispetto al metodo convenzionale: nel caso di cibi molto ricchi di acqua o lipidi al loro interno, l'interno stesso si riscalderà più velocemente rispetto allo strato esterno più secco, che assorbe dunque meno radiazione a microonde. Al contrario, in un forno elettrico normale il calore può passare per irraggiamento e conduzione solo dagli strati più esterni a quelli interni. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) ELETTROCUZIONE Assicurarsi dell'integrità del forno a microonde, in tutte le sue parti, soprattutto per i collegamenti elettrici DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti anticalore (Conformi UNI EN 407) 19

193 ATTREZZATURA FORNO ELETTRICO DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Ustioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) ELETTROCUZIONE L'attrezzatura dovrà portare l'indicazione della tensione, dell'intensità e del tipo di corrente e delle altre eventuali caratteristiche costruttive necessarie per l'uso (Punto 9.4, Allegato V, D.Lgs. 81/08) L' attrezzatura di lavoro verrà installata in modo da proteggere i lavoratori esposti contro i rischi di un contatto diretto o indiretto con la corrente elettrica (punto 6.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) Assicurarsi periodicamente dell'integrità del forno elettrico, soprattutto per i cavi di alimentazione 19

194 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti anticalore (Conformi UNI EN 407) ATTREZZATURA FOTOCOPIATRICE DESCRIZIONE Macchina da ufficio per la esecuzione di copie fotostatiche. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Postura Radiazioni non ionizzanti Elettrocuzione Inalazione di polveri e fibre Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Probabile Probabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L' operazione di sostituzione del toner va effettuata con cautela e da personale esperto Liberare l'area di lavoro da eventuali materiali d'ingombro SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Accertare la stabilità ed il corretto posizionamento della macchina 194

195 Verificare la disposizione del cavo di alimentazione affinché non intralci i passaggi e non sia danneggiamenti esposto a ELETTROCUZIONE Verificare l'integrità dei collegamenti elettrici di messa a terra visibili e relative protezioni Verificare l'efficienza dell'interruttore di alimentazione INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE Evitare di effettuare la sostituzione del toner se non si è pratici di tale operazione RADIAZIONI NON IONIZZANTI Verificare il corretto funzionamento del pannello che copre lo schermo Tenere sempre abbassato il pannello prima di azionare l'avvio della copiatura POSTURA Verificare di poter assumere una posizione di lavoro adeguata Adeguare la posizione di lavoro Evitare di mantenere la stessa posizione per tempi prolungati DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) ATTREZZATURA FRIGGITRICE DESCRIZIONE Le friggitrici (a gas ed elettriche) sono costituite da una vasca stampata con fondo arrotondato per una facile pulizia. Nei modelli a gas un gruppo bruciatore permette di aumentare lo scambio termico e garantisce elevate prestazioni con rendimenti del 60%. La temperatura (in genere da 100 a 190 C) è regolata da una valvola termostatica mentre nella versione elettrica il riscaldamento è ottenuto tramite elementi riscaldanti a contatto diretto con l'olio. 195

196 RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Ustioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) ELETTROCUZIONE Assicurarsi dell'integrità della friggitrice, soprattutto riguardo allo stato del cavo di alimentazione elettrica DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) ATTREZZATURA FRIGOCONGELATORE DESCRIZIONE Per la congelazione e conservazione di prodotti deperibili a temperature sotto 0 C. Di solito a pozzetto e, a volte, a colonna con sportello cieco o a giorno 196

197 RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Movimentazione manuale dei carichi Probabilità Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Attenersi alle istruzioni d'uso contenute nel libretto di funzionamento dell'elettrodomestico Utilizzare contenitori idonei per la conservazione nel frigorifero Assicurarsi dell'integrità del macchinaro in tutte le sue parti, soprattutto per quelle elettriche e per i circuiti di refrigerazione Utilizzare contenitori idonei per la conservazione nel frigocongelatore ELETTROCUZIONE I cavi di alimentazione saranno provvisti di adeguata protezione meccanica e sicurezza elettrica. MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Si procederà alla specifica opera di formazione verso quegli operatori che saranno addetti alle postazioni di lavoro in cui vi sia la necessità della movimentazione manuale dei carichi Si predisporranno le operazioni di carico e scarico in maniera da consentire la movimentazione manuale dei carichi senza affaticare i muscoli del tronco e/o caricare la colonna vertebrale Utilizzare sempre i guanti durante la movimentazione manuale dei carichi DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) ATTREZZATURA FRIGORIFERO 197

198 DESCRIZIONE Il frigorifero è un elettrodomestico che serve alla preservazione del cibo attraverso bassa temperatura. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Utilizzare contenitori idonei per la conservazione nel frigorifero ELETTROCUZIONE L' attrezzatura di lavoro verrà installata in modo da proteggere i lavoratori esposti contro i rischi di un contatto diretto o indiretto con la corrente elettrica (punto 6.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) Assicurarsi periodicamente dell'integrità del frigorifero, soprattutto per i cavi di alimentazione e lo stato delle guarnizioni DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) ATTREZZATURA 198

199 GRANITORE DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Movimentazione manuale dei carichi Probabilità Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Attenersi alle istruzioni d'uso contenute nel libretto di funzionamento dell'elettrodomestico Assicurarsi dell'integrità del macchinaro in tutte le sue parti, soprattutto per quelle elettriche e per i circuiti di refrigerazione ELETTROCUZIONE I cavi di alimentazione saranno provvisti di adeguata protezione meccanica e sicurezza elettrica. MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Si procederà alla specifica opera di formazione verso quegli operatori che saranno addetti alle postazioni di lavoro in cui vi sia la necessità della movimentazione manuale dei carichi Si predisporranno le operazioni di carico e scarico in maniera da consentire la movimentazione manuale dei carichi senza affaticare i muscoli del tronco e/o caricare la colonna vertebrale DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) 199

200 ATTREZZATURA IMPASTATRICE PIZZA DESCRIZIONE Macchina costituita da una vasca, dove vengono posti gli ingredienti, e braccia ruotanti che effettuano un movimento che consente di lavorare l'impasto ossigenandolo perfettamente. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Cesoiamento, stritolamento Elettrocuzione Urti, colpi, impatti e compressioni Postura Allergeni Inalazione di polveri e fibre Probabilità Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" Assicurarsi dell'integrità e del corretto funzionamento dell'attrezzatura in tutte le sue parti Controllare il funzionamento e l'integrità dei dispositivi di comando dell'idropulitrice Accertarsi del corretto montaggio di tutte le parti della macchina Addestrare il personale al corretto utilizzo delle macchine ed attrezzature Attenersi al manuale d'uso e alla manutenzione in sicurezza di ogni macchina Informazione e formazione degli addetti sul corretto utilizzo delle attrezzature di lavoro, sulla natura dei rischi e sui comportamenti conseguenti In presenza di malfunzionamenti o di anomalie il personale non deve utilizzare macchinari ed attrezzi, fino a riparazione avvenuta o sostituzione degli stessi Accertarsi della stabilità della macchina e mentenere libera da ingombri l'area di lavoro Controllare periodicamente il funzionamento del pulsante d'emergenza delle macchine ELETTROCUZIONE Assicurarsi dell'integrità dei collegamenti elettrici della macchina L'attrezzatura dovrà portare l'indicazione della tensione, dell'intensità e del tipo di corrente e delle altre eventuali caratteristiche costruttive necessarie per l'uso (Punto 9.4, Allegato V, D.Lgs. 81/08) CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO 00

201 Ai lavoratori è vietato effettuare operazioni di manutenzione o pulizia con la macchina in moto Devono essere munite di solido coperchio dotato del dispositivo di blocco collegato con gli organi di messa in moto e di movimento della macchina tale da impedire di aprire il coperchio quando, la macchina è in moto o che provochi l'arresto della macchina all'atto dell'apertura. Inoltre questo sistema di blocco deve impedire l'avviamento della macchina se il coperchio non è nella posizione di chiusura MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Si predisporranno le operazioni di carico e scarico in maniera da consentire la movimentazione manuale dei carichi senza affaticare i muscoli del tronco e/o caricare la colonna vertebrale GETTI E SCHIZZI Chiudere sempre i mescolatori e gli agitatori ALLERGENI Acquisire le schede di sicurezza delle materie prime da impiegare POSTURA Assumere una posizione corretta e stabile durante l'uso dell'utensile DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Calzature antiscivolo (Conformi UNI EN 47) ATTREZZATURA LAVABICCHIERI DESCRIZIONE Si tratta di un dispositivo idraulico che serve a lavare (e può spesso anche asciugare) i bicchieri. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI 01

202 La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) ELETTROCUZIONE Assicurarsi periodicamente dell'integrità degli elettrodomestici, soprattutto per i cavi di alimentazione, i tubi per l'acqua e lo stato delle guarnizioni DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) ATTREZZATURA LAVASTOVIGLIE DESCRIZIONE La lavastoviglie è un dispositivo idraulico che serve a lavare (e può spesso anche asciugare) stoviglie e altre suppellettili domestiche di piccole dimensioni. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Probabilità Magnitudo Rischio 0

203 Elettrocuzione MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) ELETTROCUZIONE Assicurarsi periodicamente dell'integrità degli elettrodomestici, soprattutto per i cavi di alimentazione, i tubi per l'acqua e lo stato delle guarnizioni DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) ATTREZZATURA MACCHINA DA CAFFE' ESPRESSO DESCRIZIONE Si tratta della macchina con cui si prepara il caffè espresso. Nelle macchine per espresso, l'acqua viene portata ad ebollizione e quindi fatta passare attraverso un sistema di serpentine sino ad attraversare il contenitore dove è alloggiata la polvere di caffè torrefatto. In questo tipo di caffettiera l'acqua passa in pressione e la riuscita del caffè è più rapida, da cui il termine espresso, cioè veloce. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Ustioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI 0

204 Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Verificare l'integrità della macchina, in tutte le sue parti ELETTROCUZIONE L' attrezzatura di lavoro verrà installata in modo da proteggere i lavoratori esposti contro i rischi di un contatto diretto o indiretto con la corrente elettrica (punto 6.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti anticalore (Conformi UNI EN 407) ATTREZZATURA MACCHINA DA SCRIVERE DESCRIZIONE La macchina da scrivere è un dispositivo meccanico consistente di una serie di tasti che, premuti, producono la stampa del carattere desiderato su una superficie, generalmente un foglio di carta. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Postura Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE 04

205 L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) POSTURA Assumere una comoda posizione di lavoro. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI ATTREZZATURA MACINACAFFE' DESCRIZIONE Si tratta di una macchina utilizzata per frantumare i chicchi di caffè, riducendoli allo stato di polvere. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Rumore Vedere valutazione specifica Punture, tagli e abrasioni Urti, colpi, impatti e compressioni Scivolamenti, cadute a livello Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Accertarsi del corretto montaggio di tutte le parti della macchina Rimuovere materiale di risulta Verificare che l'area di lavoro sia libera da materiale d'ingombro Verificare la facile accessibilità ai dispositivi di arresto della macchina Verificare la pulizia della macchina (eventuali residui di materiale di risulta non rimosso possono Provocare malfunzionamenti indesiderati) 05

206 Non lubrificare le parti della macchina Non rimuovere le protezioni presenti Mantenere sempre accessibile il pulsante di arresto della macchina URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI Verificare la presenza ed il corretto fissaggio delle protezioni PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Utilizzare indumenti ben aderenti al corpo o che comunque non presentino parti libere che potrebbero impigliarsi negli ingranaggi della macchina Evitare di usare le mani in prossimità degli ingranaggi della macchina per pulire o per SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Accertare la stabilità ed il corretto posizionamento della macchina Verificare che il cavo di alimentazione non intralci i passaggi e non sia esposto a danneggiamenti ELETTROCUZIONE L' attrezzatura di lavoro verrà installata in modo da proteggere i lavoratori esposti contro i rischi di un contatto diretto o indiretto con la corrente elettrica (punto 6.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) Verificare l'integrità dei collegamenti elettrici di messa a terra visibili e relative protezioni Verificare l'efficienza dell'interruttore di alimentazione RUMORE Effettuare la valutazione del rischio rumore ai sensi dell'art.190 del D.Lgs.81/08 ed adottare le conseguenti misure di prevenzione in funzione del livello di esposizione calcolato. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) ATTREZZATURA MOTOCOLTIVATORE DESCRIZIONE Il Motocoltivatore è una macchina agricola motorizzata per la lavorazione del terreno; ha generalmente una 06

207 potenza non superiore a 15 kw ed è guidato da una persona a piedi. Viene usato particolarmente nell'orticultura e nel giardinaggio. È dotato di un motore a scoppio (a benzina o diesel), di un unico albero, di due ruote motrici, di un manubrio a stegoli che porta i comandi e di una presa di potenza che permette di azionare i diversi attrezzi trascinati o portati. La gamma di attrezzi che può essere agganciata al motocoltivatore è vasta e comprende : aratri, frese, seminatrici, irroratrici, rimorchi, ecc. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Cesoiamento, stritolamento Rumore Vedere valutazione specifica Incidenti tra automezzi Punture, tagli e abrasioni Postura Probabilità Probabile Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) È vietato compiere sugli organi in moto dell'attrezzatura qualsiasi operazione di riparazione o registrazione.qualora sia necessario eseguire tali operazioni durante il moto, si devono adottare adeguate cautele a difesa dell'incolumità del lavoratore.del divieto indicato devono essere resi edotti i lavoratori mediante avvisi chiaramente visibili (punto 1.6., Allegato VI D.Lgs. 81/08) Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) Assicurarsi dell'integrità dell'attrezzo in tutte le sue parti Effettuare la corretta manutenzione del mezzo (freni, avviamento, ecc.) La conduzione dell' attrezzatura di lavoro, essendo semovente, è riservata ai lavoratori che abbiano ricevuto un'adeguata formazione per la guida di tali attrezzature di lavoro (punto.1, Allegato VI TU) Se l'attrezzatura di lavoro manovra in una zona con presenza di lavoratori, devono essere stabilite e rispettate apposite regole di circolazione. In particolare si devono prendere misure organizzative atte e evitare che lavoratori a piedi si trovino nella zona di attività di attrezzature di lavoro semoventi. Qualora la presenza di lavoratori a piedi sia necessaria per la buona esecuzione dei lavori, si devono prendere misure appropriate per evitare che essi siano feriti dall' attrezzatura (punti. e., Allegato VI D.Lgs. 81/08) RUMORE Effettuare la valutazione del rischio rumore ai sensi dell'art.190 del D.Lgs.81/08 ed adottare le conseguenti misure di prevenzione in funzione del livello di esposizione calcolato. INVESTIMENTO 07

208 Se l' attrezzatura di lavoro manovra in una zona di lavoro, devono essere stabilite e rispettate apposite regole di circolazione (Punto., Allegato VI, D.Lgs. 81/08) CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO Nell'utilizzo di macchinari ed attrezzature con organi meccanici in movimento e con dispositivi rotanti non indossare indumenti con parti libere e svolazzanti che potrebbero impigliarsi negli ingranaggi INCIDENTI TRA AUTOMEZZI L'interruttore di avviamento della macchina deve essere dotato di dispositivo che eviti l'azionamento accidentale Evitare di mettersi alla guida del mezzo in condizioni di non perfetto stato fisico (stanchezza, affaticamento, vertigini, ecc.) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) Scarpe di sicurezza a slacciamento rapido (Conformi UNI EN 45-44) Stivali antinfortunistici (Conformi UNI EN 45-44) Cintura di sicurezza del mezzo (Indossare sempre prima della partenza) ATTREZZATURA MOTOPOMPA DESCRIZIONE 08

209 Motopompa mobile utilizzata per interventi su acque fangose e prosciugamenti. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Rumore Vedere valutazione specifica Punture, tagli e abrasioni Probabilità Probabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) Assicurarsi dell'integrità della motopompa in tutte le sue parti RUMORE Effettuare la valutazione del rischio rumore ai sensi dell'art.190 del D.Lgs.81/08 ed adottare le conseguenti misure di prevenzione in funzione del livello di esposizione calcolato. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) 09

210 ATTREZZATURA MOTOSEGA CON MOTORE A COMBUSTIONE DESCRIZIONE Motosega con motore a combustione utilizzata per il taglio di arbusti ed alberi e di legni in genere. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Proiezione di schegge Calore, fiamme, esplosione Rumore Vedere valutazione specifica Inalazione di polveri e fibre Urti, colpi, impatti e compressioni Vibrazioni Probabilità Probabile Probabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio ALTO M. 4 1 MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Non eseguire operazioni di pulizia con organi in movimento o comunque a motore acceso Accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" È vietato compiere sugli organi in moto dell'attrezzatura qualsiasi operazione di riparazione o registrazione.qualora sia necessario eseguire tali operazioni durante il moto, si devono adottare adeguate cautele a difesa dell'incolumità del lavoratore.del divieto indicato devono essere resi edotti i lavoratori mediante avvisi chiaramente visibili (punto 1.6., Allegato VI D.Lgs. 81/08) Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI La motosega dovrà essere munita di dispositivo frizione con manopola di trattenuta che interrompe la trasmissione del moto alla catena in caso di improvviso rilascio. Prima di eseguire i lavori, verificare 'integrità delle protezioni per le mani della motosega RUMORE 10

211 Effettuare la valutazione del rischio rumore ai sensi dell'art.190 del D.Lgs.81/08 ed adottare le conseguenti misure di prevenzione in funzione del livello di esposizione calcolato. Per l'uso della motosega elettrica dovranno essere osservate le ore di silenzio imposte dai regolamenti locali. PROIEZIONE DI SCHEGGE Nelle operazioni di scalpellatura, sbavatura, taglio di chiodi e in genere nei lavori eseguiti mediante utensili a mano o a motore, che possono dar luogo alla proiezione pericolosa di schegge o di materiali, si devono predisporre schermi o adottare altre misure atte ad evitare che le materie proiettate abbiano a recare danno alle persone (punto 1.5, Allegato VI D.Lgs. 81/08) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) Guanti speciali antitaglio (Conformi UNI EN 108/) ATTREZZATURA MOTOZAPPA DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Cesoiamento, stritolamento Rumore Vedere valutazione specifica Incidenti tra automezzi Postura Probabilità Probabile Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI 11

212 Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Verificare l'integrità della macchina, in tutte le sue parti È vietato pulire, oliare o ingrassare a mano gli organi e gli elementi in moto dell' attrezzatura di lavoro, a meno che ciò non sia richiesto da particolari esigenze tecniche, nel quale caso deve essere fatto uso di mezzi idonei ad evitare ogni pericolo. Del divieto devono essere resi edotti i lavoratori mediante avvisi chiaramente visibili (punto 1.6.1, Allegato VI TU) È vietato compiere sugli organi in moto dell'attrezzatura qualsiasi operazione di riparazione o registrazione.qualora sia necessario eseguire tali operazioni durante il moto, si devono adottare adeguate cautele a difesa dell'incolumità del lavoratore.del divieto indicato devono essere resi edotti i lavoratori mediante avvisi chiaramente visibili (punto 1.6., Allegato VI D.Lgs. 81/08) Effettuare la corretta manutenzione del mezzo (freni, avviamento, ecc.) La conduzione dell' attrezzatura di lavoro, essendo semovente, è riservata ai lavoratori che abbiano ricevuto un'adeguata formazione per la guida di tali attrezzature di lavoro (punto.1, Allegato VI TU) Se l'attrezzatura di lavoro manovra in una zona con presenza di lavoratori, devono essere stabilite e rispettate apposite regole di circolazione. In particolare si devono prendere misure organizzative atte e evitare che lavoratori a piedi si trovino nella zona di attività di attrezzature di lavoro semoventi. Qualora la presenza di lavoratori a piedi sia necessaria per la buona esecuzione dei lavori, si devono prendere misure appropriate per evitare che essi siano feriti dall' attrezzatura (punti. e., Allegato VI D.Lgs. 81/08) RUMORE Effettuare la valutazione del rischio rumore ai sensi dell'art.190 del D.Lgs.81/08 ed adottare le conseguenti misure di prevenzione in funzione del livello di esposizione calcolato. CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO Nell'utilizzo di macchinari ed attrezzature con organi meccanici in movimento e con dispositivi rotanti non indossare indumenti con parti libere e svolazzanti che potrebbero impigliarsi negli ingranaggi Le protezioni amovibili devono avere un dispositivo di blocco collegato con gli organi di messa in moto della macchina in modo da impedire di rimuovere ed aprire il riparo quando la macchina è in movimento e non consentire l'avviamento se il riparo non è in posizione di chiusura INCIDENTI TRA AUTOMEZZI L'interruttore di avviamento della macchina deve essere dotato di dispositivo che eviti l'azionamento accidentale Evitare di mettersi alla guida del mezzo in condizioni di non perfetto stato fisico (stanchezza, affaticamento, vertigini, ecc.) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) 1

213 Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) ATTREZZATURA PALA DESCRIZIONE Attrezzo manuale utilizzato per scavi di piccola entità. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Punture, tagli e abrasioni Urti, colpi, impatti e compressioni Inalazione di polveri e fibre Probabilità Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" Controllare che la pala non sia deteriorata o danneggiata INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE Durante l'uso dell'attrezzatura, i materiali verranno irrorati con acqua per ridurre il sollevamento della polvere. (Art. 15, comma 5, D.Lgs. 81/08) 1

214 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Elmetto (Conforme UNI EN 97) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) ATTREZZATURA PERSONAL COMPUTER DESCRIZIONE Un computer, anche detto calcolatore, o elaboratore, è un dispositivo fisico che implementa il funzionamento di programmi. Tutti i computer hanno quindi bisogno di programmi. Il programma di gran lunga più importante per un computer è il sistema operativo, che si occupa di gestire la macchina, le sue risorse e i programmi che vi sono eseguiti, e fornisce all'utente un mezzo per inserire ed eseguire gli altri programmi, comunemente chiamati applicazioni o software, in contrapposizione all'hardware che è la parte fisica degli elaboratori. Tutti i computer possiedono due cose: (almeno) una CPU e (almeno) una memoria. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Postura Radiazioni non ionizzanti Probabilità Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI 14

215 Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE Effettuare la corretta informazione, formazione e sorveglianza sanitaria dei lavoratori che utilizzano in modo abituale una attrezzatura munita di videoterminale per almeno 0 ore settimanali L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) RADIAZIONI NON IONIZZANTI La brillanza e/o il contrasto tra i caratteri e lo sfondo dello schermo devono essere facilmente regolabili da parte dell'utilizzatore del videoterminale e facilmente adattabili alle condizioni ambientali Prevedere una interruzione di lavoro di 15 minuti ogni ore di lavoro al videoterminale POSTURA Non mantenere a lungo posizioni scomode o viziate.in caso di impossibilità in tal senso, interrompere spesso il lavoro per rilassare la muscolatura Effettuare semplici esercizi di rilassamento, stiramento e rinforzo muscolare durante la giornata lavorativa in ufficio Il piano di lavoro deve avere una superficie poco riflettente, essere di dimensioni sufficienti e permettere una disposizione flessibile dello schermo, della tastiera, dei documenti e del materiale accessorio. Il supporto per i documenti deve essere stabile e regolabile e deve essere collocato in modo tale da ridurre al massimo i movimenti fastidiosi della testa e degli occhi. E' necessario uno spazio sufficiente che permetta ai lavoratori una posizione comoda Il supporto per i documenti deve essere stabile e regolabile e deve essere collocato in modo tale da ridurre al massimo i movimenti fastidiosi della testa e degli occhi Un poggiapiedi sarà messo a disposizione di coloro che lo desiderino Predisporre sedili di lavoro montati su 5 ruote, muniti di schienale registrabile in altezza ed inclinabile secondo le esigenze proprie di ogni operatore della reception AFFATICAMENTO VISIVO I caratteri sullo schermo devono avere una buona definizione e una forma chiara, una grandezza sufficiente e vi deve essere uno spazio adeguato tra i caratteri e le linee. L'immagine sullo schermo deve essere stabile; esente da sfarfallamento o da altre forme d'instabilità. La brillanza e/o il contrasto tra i caratteri e lo sfondo dello schermo devono essere facilmente regolabili da parte dell'utilizzatore del videoterminale e facilmente adattabili alle condizioni ambientali. Lo schermo deve essere orientabile ed inclinabile liberamente e facilmente per adeguarsi alle esigenze dell'utilizzatore. E' possibile utilizzare un sostegno separato per lo schermo o un piano regolabile. Lo schermo non deve avere riflessi e riverberi che possano causare molestia all'utilizzatore DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Lenti oftalmiche (in caso di utilizzo intensivo dei VDT) 15

216 ATTREZZATURA PIALLA A FILO DESCRIZIONE La pialla a filo è composta da una struttura metallica, generalmente viene usata la ghisa, la quale sostiene due piani di lavoro, registrabili in altezza, chiamati piano di entrata e piano di uscita. Al centro della struttura fra i due piani si trova un cilindro metallico detto albero porta-utensile, dove sono alloggiati, o 4 coltelli. I coltelli sono tenuti bloccati da un cuneo metallico detto lardone. L'albero porta utensile, tramite un sistema di cinghie e pulegge, è collegato ad un motore elettrico che lo fa ruotare ad una velocità di 5000 giri al minuto, con una potenza elettrica che può superare i 4 kilowatt. La larghezza della superficie piallabile è determinata dalla lunghezza dei coltelli sul cilindro, può variare da 15-0 cm fino a oltre 60 cm. Il piano di entrata viene regolato qualche millimetro più in basso rispetto il piano di uscita, tale misura vene detta profondità di taglio. La lavorazione avviene appoggiando il pezzo da piallare sul piano di entrata e spingendolo verso il piano di uscita. L'albero porta utensile ruotando, asporta dal pezzo uno spessore pari alla profondità di taglio. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Proiezione di schegge Punture, tagli e abrasioni Inalazione di polveri e fibre Probabilità Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Verificare l'integrità della macchina, in tutte le sue parti Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Protezione della parte di coltello non necessaria al taglio per la pialla a filo 16

217 La lavorazione di pezzi di piccole dimensioni ancorché la macchina sia provvista dei prescritti mezzi di protezione, deve essere effettuata facendo uso di idonee attrezzature quali portapezzi, spingitoi e simili (punto 9, Allegato VI D.Lgs. 81/08) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) Scarpe di sicurezza senza suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) ATTREZZATURA PICCONE DESCRIZIONE Attrezzatura manuale utilizzata per lavori diversi in cantiere. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Proiezione di schegge Rumore Vedere valutazione specifica Inalazione di polveri e fibre Punture, tagli e abrasioni Probabilità Probabile Probabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) 17

218 Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Si raccomanda ai lavoratori di valutare con attenzione l'entità dei colpi del piccone in riferimento soprattutto ai punti su cui l'attrezzo si andrà a conficcare RUMORE Effettuare la valutazione del rischio rumore ai sensi dell'art.190 del D.Lgs.81/08 ed adottare le conseguenti misure di prevenzione in funzione del livello di esposizione calcolato. Per l'uso del piccone dovranno essere osservate le ore di silenzio imposte dai regolamenti locali DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) ATTREZZATURA PLOTTER A GETTO D'INCHIOSTRO DESCRIZIONE Il plotter è una periferica specializzata nella stampa di supporti di grande formato. È il dispositivo di output ideale per i sistemi CAD, dove è impiegato per la stampa di prospetti e progetti architettonici, meccanici, elettrici, mappe topografiche, curve geometriche ecc. Con lo sviluppo della stampa a getto di inchiostro il plotter classico con le penne è stato sostituito da stampanti in grado di muovere la testina di stampa in senso trasversale sul foglio (o sul rullo) che scorre sotto la testina stessa in senso longitudinale. 18

219 RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Verificare l'integrità della macchina, in tutte le sue parti DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI ATTREZZATURA PLOTTER ELETTROSTATICO DESCRIZIONE Il plotter è una periferica specializzata nella stampa di supporti di grande formato. È il dispositivo di output ideale per i sistemi CAD, dove è impiegato per la stampa di prospetti e progetti architettonici, meccanici, elettrici, mappe topografiche, curve geometriche ecc. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) 19

220 Verificare l'integrità della macchina, in tutte le sue parti ELETTROCUZIONE L' attrezzatura di lavoro verrà installata in modo da proteggere i lavoratori esposti contro i rischi di un contatto diretto o indiretto con la corrente elettrica (punto 6.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI ATTREZZATURA POS LETTORE CARTE DI CREDITO DESCRIZIONE Il POS (dall'inglese Point Of Sale, letteralmente punto di vendita) è un'apparecchiatura automatica diffusa presso numerosi esercizi commerciali, mediante la quale è possibile effettuare, con l'utilizzo di una tessera magnetica o con microcircuito tipo Bancomat e la digitazione o meno di un codice d'identificazione personale o PIN, il pagamento dei beni acquistati o dei servizi ricevuti. L'apparecchiatura è collegata con il centro di elaborazione della banca o del gruppo di banche che offrono il servizio, affinché venga autorizzato ed effettuato il relativo addebito (in tempo reale o differito) sul conto corrente del soggetto abilitato e l'accredito sul conto dell'esercente. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Postura Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) POSTURA Effettuare semplici esercizi di rilassamento, stiramento e rinforzo muscolare durante la giornata lavorativa in ufficio DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI 0

221 Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI ATTREZZATURA POSATERIA DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Punture, tagli e abrasioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Posizionare e conservare gli oggetti da posateria in maniera opportuna DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI ATTREZZATURA POTATRICE 1

222 DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Punture, tagli e abrasioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Assicurarsi dell'integrità e del corretto funzionamento dell'attrezzatura in tutte le sue parti DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Stivali antinfortunistici (Conformi UNI EN 45-44) ATTREZZATURA PRESSE DESCRIZIONE

223 RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Schiacciamento Cesoiamento, stritolamento Punture, tagli e abrasioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Gli schermi fissi montati sulle presse devono permettere soltanto il passaggio dei materiali nella zona di lavoro pericolosa, ma non quello delle mani del lavoratore Gli schermi mobili montati sulle presse devono consentire il movimento del punzone esclusivamente quando sono nella posizione di chiusura Le presse azionate elettricamente devono essere provviste di apparecchi automatici o semiautomatici di alimentazione Le presse meccaniche alimentate a mano devono essere munite di dispositivo antiripetitore del colpo Le presse a bilanciere azionate a mano, quando il volano in movimento rappresenti un pericolo per il lavoratore, devono avere le masse rotanti protette mediante schermo circolare fisso o anello di guardia solidale con le masse stesse Prima di procedere nella lavorazione, verificare l'efficienza ed integrità delle presse in tutte le loro parti Nei lavori di meccanica minuta le operazioni di collocamento e ritiro dei pezzi in lavorazione nelle presse devono essere effettuate mediante attrezzi opportuni e di lunghezza sufficiente a mantenere le mani dell'addetto fuori della zona di pericolo Non eseguire operazioni di pulizia con organi in movimento o comunque a motore acceso Accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" È vietato compiere sugli organi in moto dell'attrezzatura qualsiasi operazione di riparazione o registrazione.qualora sia necessario eseguire tali operazioni durante il moto, si devono adottare adeguate cautele a difesa dell'incolumità del lavoratore.del divieto indicato devono essere resi edotti i lavoratori mediante avvisi chiaramente visibili (punto 1.6., Allegato VI D.Lgs. 81/08) URTI, COLPI, IMPATTI E COMPRESSIONI

224 Le presse devono essere munite di ripari e dispositivi appropriati atti ad evitare che le mani o altre parti del corpo dei lavoratori siano colpite dal punzone o da altri organi mobili in movimento CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO Non effettuare interventi su apparecchiature con organi in movimento prima che siano disattivate E' vietato l'utilizzo di macchine sprovviste di regolari protezioni In caso di un solo operatore accertarsi della presenza del dispositivo di comando a due pulsanti da manovrare contemporaneamente con ambo le mani e a uomo presente (pressione continua). In caso di più operatori accertarsi della presenza di una barriera immateriale (fotocellule a più fasci collegati con il sistema di comando che impedisca la discesa del punzone quando le mani o altre pari del corpo si trovano in posizione di pericolo. Devono essere a "sicurezza intrinseca" di livello 4. Devono essere istallate a una distanza di sicurezza dalla zona pericolosa secondo la tabella: Tempo di arresto totale* ms Distanza minima di sicurezza mm *Tempo di arresto della pressa più il tempo di reazione del comando DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti in kevlar (UNI EN ) ATTREZZATURA PRODUTTORE GHIACCIO DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Movimentazione manuale dei carichi Probabilità Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: 4

225 GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Attenersi alle istruzioni d'uso contenute nel libretto di funzionamento dell'elettrodomestico Assicurarsi dell'integrità del macchinaro in tutte le sue parti, soprattutto per quelle elettriche e per i circuiti di refrigerazione ELETTROCUZIONE I cavi di alimentazione saranno provvisti di adeguata protezione meccanica e sicurezza elettrica. MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Si procederà alla specifica opera di formazione verso quegli operatori che saranno addetti alle postazioni di lavoro in cui vi sia la necessità della movimentazione manuale dei carichi Si predisporranno le operazioni di carico e scarico in maniera da consentire la movimentazione manuale dei carichi senza affaticare i muscoli del tronco e/o caricare la colonna vertebrale DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) ATTREZZATURA SCAFFALI DESCRIZIONE Lo scaffale è un mobile a ripiani usato per riporvi oggetti vari. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. 5

226 Descrizione del Pericolo Caduta di materiale dall'alto Ribaltamento Probabilità Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) CADUTA DI MATERIALE DALL'ALTO Posizionare e conservare oggetti, attrezzi e materiali negli scaffali in maniera opportuna RIBALTAMENTO Assicurarsi che gli scaffali siano stabilmente posizionati e che non possano rovesciarsi DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI ATTREZZATURA SCALE DESCRIZIONE Una scala è un attrezzo con montanti e o più gradini o pioli sui quali una persona può salire o scendere. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Caduta di materiale dall'alto Caduta dall'alto Ribaltamento Probabilità Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI 6

227 Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) CADUTA DALL'ALTO I pioli della scala dovranno risultare incastrati nei montanti. (Art.11 - D.Lgs.81/08) La scala prevedera' dispositivi antisdrucciolevoli alle estremità inferiori dei due montanti. (Art.11, comma, D.Lgs. 81/08) Quando la scala supera gli 8 metri verra' munita di rompitratta per ridurre la freccia di inflessione. (Art.11, comma 8 - D.Lgs. 81/08) Durante l'uso della scala la stessa presenta sempre minimo un montante sporgente di almeno un metro oltre il piano di accesso. Durante l'uso saltuario della scala la stessa viene trattenuta al piede da altra persona. CADUTA DI MATERIALE DALL'ALTO Durante il lavoro sulle scale, gli utensili, nel tempo in cui non sono adoperati, devono essere tenuti entro apposite guaine o assicurati in modo da impedirne la caduta (punto 1.7, Allegato VI, D.Lgs. 81/08) RIBALTAMENTO Durante l'uso della scala la stessa viene vincolata con ganci all'estremità superiore o altri sistemi per evitare sbandamenti, slittamenti, rovesciamenti, ecc.. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) 7

228 ATTREZZATURA SEGHETTO MANUALE DESCRIZIONE Il seghetto manuale è un utensile adopertao per il taglio di lamiere di limitato spessore, profilati a freddo, barre di limitata sezione. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Punture, tagli e abrasioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI ATTREZZATURA SPILLATRICE DESCRIZIONE Attrezzo per unire fogli con punti metallici. 8

229 RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Punture, tagli e abrasioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Utilizzare la spillatrice con la dovuta attenzione e cura DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI ATTREZZATURA STAMPANTE DESCRIZIONE La stampante è la periferica di uscita che trasferisce su carta, o su materiali di altra natura, le informazioni digitali contenute in un computer. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Rumore Vedere valutazione specifica Inalazione di polveri e fibre Probabilità Probabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI 9

230 Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Posizionare la stampante in ambienti opportuni ELETTROCUZIONE L' attrezzatura di lavoro verrà installata in modo da proteggere i lavoratori esposti contro i rischi di un contatto diretto o indiretto con la corrente elettrica (punto 6.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE La sostituzione del toner, essendo quest'ultimo tossico, deve essere effettuata da personale esperto DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina con carboni attivi (Conforme UNI EN 149) ATTREZZATURA STAMPANTE A GETTO D'INCHIOSTRO DESCRIZIONE Stampante in cui una schiera di centinaia di microscopici ugelli spruzzano minuscole gocce di inchiostro a base di acqua sulla carta durante lo spostamento del carrello. Il movimento dell'inchiostro è ottenuto per mezzo di due distinte tecnologie: -pompe piezoelettriche che comprimono il liquido in una minuscola camera; -resistenze elettriche che scaldano bruscamente il fluido all'interno della camera di compressione aumentandone il volume e quindi facendolo schizzare dall'ugello. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. 0

231 Descrizione del Pericolo Rumore Vedere valutazione specifica Inalazione di polveri e fibre Probabilità Probabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Posizionare la stampante in ambienti opportuni ELETTROCUZIONE L' attrezzatura di lavoro verrà installata in modo da proteggere i lavoratori esposti contro i rischi di un contatto diretto o indiretto con la corrente elettrica (punto 6.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE La sostituzione del toner, essendo quest'ultimo tossico, deve essere effettuata da personale esperto DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina con carboni attivi (Conforme UNI EN 149) ATTREZZATURA STAMPANTE LASER DESCRIZIONE La stampante è la periferica di uscita che trasferisce su carta, o su materiali di altra natura, le informazioni digitali contenute in un computer. In particolare, nella stampante laser un raggio laser infrarosso viene modulato secondo la sequenza di pixel che deve essere impressa sul foglio. Viene poi deflesso da uno specchio rotante su un tamburo fotosensibile elettrizzato che si scarica dove colpito dalla luce. L'elettricità statica attira una fine polvere di materiali sintetici e pigmenti, il toner, che viene trasferito sulla carta (sviluppo). Il foglio passa poi sotto un rullo riscaldato che fonde il toner facendolo aderire alla carta 1

232 (fissaggio). Per ottenere la stampa a colori si impiegano quattro toner: nero, cìano, magenta e giallo, trasferiti da un unico tamburo oppure da quattro distinti. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Rumore Vedere valutazione specifica Inalazione di polveri e fibre Probabilità Probabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Posizionare la stampante in ambienti opportuni ELETTROCUZIONE L' attrezzatura di lavoro verrà installata in modo da proteggere i lavoratori esposti contro i rischi di un contatto diretto o indiretto con la corrente elettrica (punto 6.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) INALAZIONE DI POLVERI E FIBRE La sostituzione del toner, essendo quest'ultimo tossico, deve essere effettuata da personale esperto DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina con carboni attivi (Conforme UNI EN 149)

233 ATTREZZATURA TELEFONO DESCRIZIONE Il telefono è uno strumento per telecomunicazioni che trasmette la voce attraverso l'invio di segnali elettrici. Esistono diversi tipi di telefono a seconda che la linea telefonica utilizzata sia fissa o mobile. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Postura Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Accertarsi che il materiale sia conforme a quanto previsto dalle attuali norme tecniche e di sicurezza per le apparecchiature per I'ufficio EN (norme CEI 74-) Le apparecchiature devono essere provviste di regolare marcatura "CE" prevista dalle norme vigenti (9/68 CEE del /07/199, attuazione della direttiva CEE 7/ del Consiglio del 19/0/197) Accertarsi che la installazione sia stata eseguita a regola d'arte, giusta prescrizione della legge n. 168 del e che il materiale sia conforme a quanto previsto dalle attuali norme tecniche e di sicurezza per le apparecchlature per l'ufficio EN (norme CEI 74-) POSTURA Verificare di poter assumere una posizione di lavoro adeguata Adeguare la posizione di lavoro Evitare di mantenere la stessa posizione per tempi prolungati DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI ATTREZZATURA TIMBRATRICE DESCRIZIONE

234 RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Cesoiamento, stritolamento Gas e vapori Elettrocuzione Punture, tagli e abrasioni Allergeni Probabilità Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Assicurarsi dell'integrità e del corretto funzionamento dell'attrezzatura in tutte le sue parti ELETTROCUZIONE Assicurarsi dell'integrità degli attrezzi in tutte le loro parti, soprattutto per quelle che hanno a che fare con l'elettricità CESOIAMENTO, STRITOLAMENTO Nell'utilizzo di macchinari ed attrezzature con organi meccanici in movimento e con dispositivi rotanti non indossare indumenti con parti libere e svolazzanti che potrebbero impigliarsi negli ingranaggi Proteggere idoneamente gli organi di trasmissione delle macchine DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina con carboni attivi (Conforme UNI EN 149) 4

235 ATTREZZATURA TRAPANO ELETTRICO DESCRIZIONE Trapano ad alimentazione elettrica per la esecuzione di fori in materiali di diversa natura e consistenza. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Proiezione di schegge Rumore Vedere valutazione specifica Elettrocuzione Inalazione di polveri e fibre Punture, tagli e abrasioni Urti, colpi, impatti e compressioni Probabilità Probabile Probabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" I pezzi da forare al trapano, che possono essere trascinati in rotazione dalla punta dell'utensile, devono essere trattenuti mediante morsetti od altri mezzi appropriati (Punto 5.4.4, Allegato V, D.Lgs. 81/08) PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Il trapano portatile sara' munito di interruttore incorporato nell'incastellatura, che consenta di eseguire con facilità e sicurezza la messa in moto e l'arresto. (Punto., Allegato V - D.Lgs.81/08) Durante l'uso del trapano verrà accertato frequentemente lo stato di affilatura della punta. ELETTROCUZIONE L'attrezzatura dovrà portare l'indicazione della tensione, dell'intensità e del tipo di corrente e delle altre eventuali caratteristiche costruttive necessarie per l'uso (Punto 9.4, Allegato V, D.Lgs. 81/08) Il cavo di alimentazione del trapano portatile sara' provvisto di adeguata protezione meccanica e sicurezza elettrica. Il trapano portatile sara' provvisto di doppio isolamento, riconoscibile dal simbolo del 'doppio quadrato'. 5

236 Durante l'uso dell'attrezzatura dovrà essere accertato che non vi siano cavi elettrici, tubi, tondini di ferro od altro all'interno dei materiali su cui intervenire L' attrezzatura di lavoro verrà installata in modo da proteggere i lavoratori esposti contro i rischi di un contatto diretto o indiretto con la corrente elettrica (punto 6.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) E' vietato l'uso dell'attrezzo a tensione superiore a 50 V verso terra nei lavori in luoghi bagnati o molto umidi, e nei lavori a contatto od entro grandi masse metalliche (punto 6.., Allegato VI D.Lgs. 81/08) RUMORE Per l'uso del trapano portatile dovranno essere osservate le ore di silenzio imposte dai regolamenti locali. Effettuare la valutazione del rischio rumore ai sensi dell'art.190 del D.Lgs.81/08 ed adottare le conseguenti misure di prevenzione in funzione del livello di esposizione calcolato. PROIEZIONE DI SCHEGGE Nelle operazioni di scalpellatura, sbavatura, taglio di chiodi e in genere nei lavori eseguiti mediante utensili a mano o a motore, che possono dar luogo alla proiezione pericolosa di schegge o di materiali, si devono predisporre schermi o adottare altre misure atte ad evitare che le materie proiettate abbiano a recare danno alle persone (punto 1.5, Allegato VI D.Lgs. 81/08) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Elmetto (Conforme UNI EN 97) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) ATTREZZATURA TRINCIATRICE DESCRIZIONE 6

237 RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Punture, tagli e abrasioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" Presso la macchina, poichè vengono effettuate operazioni che presentano particolari pericoli, per prodotti o materie (infiammabili, esplodenti, corrosivi, a temperature dannose, asfissianti, irritanti, tossici o infettanti, taglienti o pungenti) dovranno essere esposte le disposizioni e le istruzioni concernenti la sicurezza delle specifiche lavorazioni (punto 1.8.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) Verificare preliminarmente l'efficienza ed integrità della trinciatrice in tutte le sue parti Non effettuare assolutamente sulla trinciatrice, quando essa è azionata, operazioni di manutenzione o di altro genere PUNTURE, TAGLI ED ABRASIONI Verificare la funzionalità della leva d'azionamento della trinciatrice ELETTROCUZIONE L'attrezzatura dovrà portare l'indicazione della tensione, dell'intensità e del tipo di corrente e delle altre eventuali caratteristiche costruttive necessarie per l'uso (Punto 9.4, Allegato V, D.Lgs. 81/08) RIBALTAMENTO Verificare preliminarmente i percorsi della trinciatrice DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) 7

238 ATTREZZATURA UTENSILI ELETTRICI PORTATILI DESCRIZIONE Piccoli utensili ad alimentazione elettrica utilizzati per lavori diversi nei cantieri edili. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Proiezione di schegge Rumore Vedere valutazione specifica Elettrocuzione Urti, colpi, impatti e compressioni Probabilità Probabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" È vietato compiere sugli organi in moto dell'attrezzatura qualsiasi operazione di riparazione o registrazione.qualora sia necessario eseguire tali operazioni durante il moto, si devono adottare adeguate 8

239 cautele a difesa dell'incolumità del lavoratore.del divieto indicato devono essere resi edotti i lavoratori mediante avvisi chiaramente visibili (punto 1.6., Allegato VI D.Lgs. 81/08) CADUTA DI MATERIALE DALL'ALTO Non abbandonare gli utensili in modo casuale ed assicurarli da una eventuale caduta dall'alto ELETTROCUZIONE L'attrezzatura dovrà portare l'indicazione della tensione, dell'intensità e del tipo di corrente e delle altre eventuali caratteristiche costruttive necessarie per l'uso (Punto 9.4, Allegato V, D.Lgs. 81/08) Gli utensili elettrici portatili provvisti di doppio isolamento elettrico non verranno collegati all'impianto di terra L' attrezzatura di lavoro verrà installata in modo da proteggere i lavoratori esposti contro i rischi di un contatto diretto o indiretto con la corrente elettrica (punto 6.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) E' vietato l'uso dell'attrezzo a tensione superiore a 50 V verso terra nei lavori in luoghi bagnati o molto umidi, e nei lavori a contatto od entro grandi masse metalliche (punto 6.., Allegato VI D.Lgs. 81/08) RUMORE Per l'uso degli utensili elettrici portatili dovranno essere osservate le ore di silenzio imposte dai regolamenti locali. Effettuare la valutazione del rischio rumore ai sensi dell'art.190 del D.Lgs.81/08 ed adottare le conseguenti misure di prevenzione in funzione del livello di esposizione calcolato. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Elmetto (Conforme UNI EN 97) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) Cuffia o inserti antirumore (Se necessario da valutazione) ATTREZZATURA 9

240 VANGA DESCRIZIONE La vanga è un attrezzo utilizzato nel campo agricolo per smuovere superficialmente la terra. È simile ad una pala, ma si differenzia nell'uso perché viene spinta nel terreno con la forza del piede anziché delle braccia. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Punture, tagli e abrasioni Postura Inalazione di polveri e fibre Probabilità Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Assicurarsi dell'integrità dell'attrezzo in tutte le sue parti PROIEZIONE DI SCHEGGE Nelle operazioni di scalpellatura, sbavatura, taglio di chiodi e in genere nei lavori eseguiti mediante utensili a mano o a motore, che possono dar luogo alla proiezione pericolosa di schegge o di materiali, si devono predisporre schermi o adottare altre misure atte ad evitare che le materie proiettate abbiano a recare danno alle persone (punto 1.5, Allegato VI D.Lgs. 81/08) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) 40

241 ATTREZZATURA VETRINA REFRIGERATA DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Utilizzare contenitori idonei per la conservazione nella vetrina ELETTROCUZIONE Assicurarsi periodicamente dell'integrità della vetrina refrigerata, soprattutto per i cavi di alimentazione e lo stato delle guarnizioni DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) 41

242 ATTREZZATURA VETRINA TERMOREGOLATA DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Utilizzare contenitori idonei per la conservazione nella vetrina ELETTROCUZIONE Assicurarsi periodicamente dell'integrità della vetrina termoregolata, soprattutto per i cavi di alimentazione e lo stato delle guarnizioni DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) 4

243 ATTREZZATURA VIDEOPROIETTORE DESCRIZIONE Un videoproiettore è l'apparecchio elettronico per la visualizzazione del video che esegue tale visualizzazione su una superficie qualsiasi attraverso un processo di proiezione utilizzante la luce. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Elettrocuzione Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) Assicurarsi dell'integrità e del corretto funzionamento dell'attrezzatura in tutte le sue parti Non rimuovere i filtri ottici presenti per modificare il funzionamento del videoproiettore Attenersi nell'uso e nella manutenzione del videoproiettore a quanto descritto nel libretto delle istruzioni ELETTROCUZIONE L' attrezzatura di lavoro verrà installata in modo da proteggere i lavoratori esposti contro i rischi di un contatto diretto o indiretto con la corrente elettrica (punto 6.1, Allegato VI D.Lgs. 81/08) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Non si prevede l'utilizzo obbligatorio di DPI ATTREZZATURA ZAPPA DESCRIZIONE 4

244 La zappa è un attrezzo agricolo manuale per lavorare la terra. RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati nell utilizzo dell attrezzatura esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Punture, tagli e abrasioni Urti, colpi, impatti e compressioni Probabilità Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI ADDETTI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), nell utilizzo dell attrezzatura vengono applicate le seguenti misure di prevenzione e protezione: GENERALE L' attrezzatura di lavoro deve essere installata, disposta ed usata in maniera tale da ridurre i rischi per i loro utilizzatori e per le altre persone (punto 1.1 Allegato V - D.Lgs. 81/08) L'attrezzatura dovrà essere corredata da apposite istruzioni d'uso e libretto di manutenzione (Art. 71, comma 4, D.Lgs. 81/08) Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti L'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza. Accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" Controllare lo stato di manutenzione della zappa prima del suo utilizzo. PROIEZIONE DI SCHEGGE Nelle operazioni di scalpellatura, sbavatura, taglio di chiodi e in genere nei lavori eseguiti mediante utensili a mano o a motore, che possono dar luogo alla proiezione pericolosa di schegge o di materiali, si devono predisporre schermi o adottare altre misure atte ad evitare che le materie proiettate abbiano a recare danno alle persone (punto 1.5, Allegato VI D.Lgs. 81/08) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo dell attrezzatura, i lavoratori devono indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Scarpe di sicurezza con suola imperforabile (Conformi UNI EN 45-44) 44

245 45

246 Sezione 9 VALUTAZIONE RISCHI OPERE PROVVISIONALI IMPIEGATE Per le Attività oggetto del presente documento di Valutazione dei Rischi non vengono impiegate Opere Provvisionali. 46

247 Sezione 10 VALUTAZIONE RISCHI SOSTANZE IMPIEGATE Qui di seguito viene riportata l analisi dei rischii relativi alle Sostanze utilizzate nelle diverse attività lavorative ed indicate in ogni singola attività. Anche per le Sostanze sono stati individuati e valutati (con la metodologia di cui alla Sezione ) i singoli rischi derivanti dal loro utilizzo, e sono state dettagliate le misure di prevenzione e protezione ed indicati i Dispositivi di Protezione Individuale da utilizzare. SOSTANZA ANTIPARASSITARI DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati per la Sostanza esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Gas e vapori Allergeni Inalazione di polveri e fibre Probabilità Probabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI UTILIZZATORI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), i lavoratori addetti all utilizzo dovranno osservare le seguenti misure preventive: GENERALE Ogni sostanza del tipo in esame deve essere opportunamente conservata Predisporre idonee tabelle per intervento di primo soccorso per le sostanze adoperate ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame non devono essere consumati cibi e bevande Prevedere idonea etichettatura delle sostanze chimiche o tossiche presenti Acquisire le schede di sicurezza delle sostanze chimiche o tossiche utilizzate Durante l'uso di sostanze del tipo in esame devono essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo. Nel caso di contatto cutaneo lavarsi abbondantemente con acqua; per situazioni gravi (ustioni, ingestione, irritazioni, ecc.) sottoporsi a cure mediche. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo della sostanza in oggetto, i lavoratori dovranno indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Indumenti di lavoro resistenti alla permeazione (Conformi UNI EN 40-69) Maschera pieno facciale (Conforme UNI EN 16) 47

248 SOSTANZA CANDEGGIANTI CON IPOCLORITO DI SODIO DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati per la Sostanza esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Gas e vapori Allergeni Probabilità Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI UTILIZZATORI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), i lavoratori addetti all utilizzo dovranno osservare le seguenti misure preventive: GENERALE Ogni sostanza del tipo in esame deve essere opportunamente conservata e tenuta in ambienti adeguati In caso di contatto con sostanze del tipo in esame, ai lavoratori viene raccomandato di utilizzare i prodotti specifici indicati per la detersione, e non altri, e di lavarsi con abbondante acqua e sapone; nei casi gravi occorre sottoporsi a cure mediche. Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame, non devono essere consumati cibi e bevande Durante l'uso del cemento modificato con polvere di resina, devono essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare ogni possibile contatto con la pelle, con gli occhi e con altre parti del corpo Attenersi scrupolosamente alle istruzioni riportate nelle schede di sicurezza dei prodotti impiegati DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo della sostanza in oggetto, i lavoratori dovranno indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Indumenti di lavoro resistenti alla permeazione (Conformi UNI EN 40-69) Mascherina con carboni attivi (Conforme UNI EN 149) 48

249 SOSTANZA CARBURANTI DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati per la Sostanza esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Calore, fiamme, esplosione Allergeni Getti e schizzi Probabilità Improbabile Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI UTILIZZATORI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), i lavoratori addetti all utilizzo dovranno osservare le seguenti misure preventive: CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE Accertarsi che sia sempre rispettato, anche dal pubblico, in tutta l'area del distributore, il divieto di fumare e usare fiamme libere MICROCLIMA Utilizzare indumenti adeguati in funzione delle condizioni metereologiche DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo della sostanza in oggetto, i lavoratori dovranno indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Indumenti di lavoro resistenti alla permeazione (Conformi UNI EN 40-69) 49

250 SOSTANZA COLLANTE DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati per la Sostanza esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Calore, fiamme, esplosione Gas e vapori Allergeni Probabilità Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI UTILIZZATORI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), i lavoratori addetti all utilizzo dovranno osservare le seguenti misure preventive: GENERALE Ogni sostanza del tipo in esame deve essere opportunamente conservata e tenuta in ambienti adeguati Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame, non devono essere consumati cibi e bevande Attenersi scrupolosamente alle istruzioni riportate nelle schede di sicurezza dei prodotti impiegati Nel caso di contatto cutaneo con collante ai lavoratori viene raccomandato di lavarsi con abbondante acqua e sapone. Durante l'uso della sostanza dovranno essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare contatti con la pelle e con gli occhi CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE Durante l'uso del collante viene tenuto nelle vicinanze un estintore DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo della sostanza in oggetto, i lavoratori dovranno indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) 50

251 Indumenti di lavoro resistenti alla permeazione (Conformi UNI EN 40-69) Mascherina con carboni attivi (Conforme UNI EN 149) SOSTANZA DETERGENTI DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati per la Sostanza esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Gas e vapori Allergeni Inalazione di polveri e fibre Probabilità Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI UTILIZZATORI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), i lavoratori addetti all utilizzo dovranno osservare le seguenti misure preventive: GENERALE Ogni sostanza del tipo in esame deve essere opportunamente conservata Predisporre idonee tabelle per intervento di primo soccorso per le sostanze adoperate ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame non devono essere consumati cibi e bevande Prevedere idonea etichettatura delle sostanze chimiche o tossiche presenti Durante l'uso di sostanze del tipo in esame devono essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo. Nelle operazioni di pulizia utilizzare le sostanze meno tossiche e meno volatili possibile Scegliere prodotti detergenti con ph vicini al neutro. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo della sostanza in oggetto, i lavoratori dovranno indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) 51

252 Maschera pieno facciale (Conforme UNI EN 16) SOSTANZA DISINFETTANTI DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati per la Sostanza esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Allergeni Inalazione di polveri e fibre Probabilità Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI UTILIZZATORI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), i lavoratori addetti all utilizzo dovranno osservare le seguenti misure preventive: GENERALE Ogni sostanza del tipo in esame deve essere opportunamente conservata Predisporre idonee tabelle per intervento di primo soccorso per le sostanze adoperate ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame non devono essere consumati cibi e bevande Prevedere idonea etichettatura delle sostanze chimiche o tossiche presenti Durante l'uso di sostanze del tipo in esame devono essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo. Nel caso di contatto cutaneo lavarsi abbondantemente con acqua; per situazioni gravi (ustioni, ingestione, irritazioni, ecc.) sottoporsi a cure mediche. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo della sostanza in oggetto, i lavoratori dovranno indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) 5

253 SOSTANZA FERTILIZZANTI DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati per la Sostanza esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Gas e vapori Allergeni Probabilità Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI UTILIZZATORI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), i lavoratori addetti all utilizzo dovranno osservare le seguenti misure preventive: GENERALE Ogni sostanza del tipo in esame deve essere opportunamente conservata Predisporre idonee tabelle per intervento di primo soccorso per le sostanze adoperate ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame non devono essere consumati cibi e bevande Prevedere idonea etichettatura delle sostanze chimiche o tossiche presenti Acquisire le schede di sicurezza delle sostanze chimiche o tossiche utilizzate Durante l'uso di sostanze del tipo in esame devono essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo. Nel caso di contatto cutaneo lavarsi abbondantemente con acqua; per situazioni gravi (ustioni, ingestione, irritazioni, ecc.) sottoporsi a cure mediche. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo della sostanza in oggetto, i lavoratori dovranno indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Maschera pieno facciale (Conforme UNI EN 16) Mascherina con carboni attivi (Conforme UNI EN 149) Indumenti protettivi adeguati (Conforme UNI EN 4-4) 5

254 SOSTANZA INCHIOSTRI DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati per la Sostanza esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Allergeni Getti e schizzi Probabilità Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI UTILIZZATORI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), i lavoratori addetti all utilizzo dovranno osservare le seguenti misure preventive: GENERALE Ogni sostanza del tipo in esame deve essere opportunamente conservata Predisporre idonee tabelle per intervento di primo soccorso per le sostanze adoperate ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame non devono essere consumati cibi e bevande Prevedere idonea etichettatura delle sostanze chimiche o tossiche presenti Durante l'uso di sostanze del tipo in esame devono essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo. Nel caso di contatto cutaneo lavarsi abbondantemente con acqua; per situazioni gravi (ustioni, ingestione, irritazioni, ecc.) sottoporsi a cure mediche. Nel caso di utilizzo di inchiostri contenenti piombo effettuare la valutazione dell'esposizione personale dei lavoratori DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo della sostanza in oggetto, i lavoratori dovranno indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) 54

255 SOSTANZA POLVERI DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati per la Sostanza esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Allergeni Inalazione di polveri e fibre Probabilità Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI UTILIZZATORI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), i lavoratori addetti all utilizzo dovranno osservare le seguenti misure preventive: GENERALE Ogni sostanza del tipo in esame deve essere opportunamente conservata SCIVOLAMENTI, CADUTE A LIVELLO Frequente pulizia del pavimento con prodotti detergenti ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame non devono essere consumati cibi e bevande Durante l'uso di sostanze del tipo in esame devono essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo della sostanza in oggetto, i lavoratori dovranno indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) Indumenti di lavoro resistenti alla permeazione (Conformi UNI EN 40-69) 55

256 SOSTANZA SOLVENTI DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati per la Sostanza esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Calore, fiamme, esplosione Gas e vapori Allergeni Probabilità Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI UTILIZZATORI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), i lavoratori addetti all utilizzo dovranno osservare le seguenti misure preventive: GENERALE Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti Nel caso di contatto cutaneo con i solventi ai lavoratori viene raccomandato di utilizzare le sostanze specifiche indicate per la detersione e di lavarsi con abbondante acqua e sapone. L'uso e la conservazione dei solventi devono avvenire sempre secondo quanto riportato sull'etichettà dei prodotti ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame, non devono essere consumati cibi e bevande Attenersi scrupolosamente alle istruzioni riportate nelle schede di sicurezza dei prodotti impiegati Durante l'uso della sostanza dovranno essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare contatti con la pelle e con gli occhi CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE In presenza di lavorazioni con fiamme libere o che comportino scintille o temperature elevate, l'uso della sostanza dovrà avvenire con la dovuta accortezza e dopo aver adottato tutte le misure necessarie per eliminare o far fronte ad un eventuale incendio DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI 56

257 Durante l utilizzo della sostanza in oggetto, i lavoratori dovranno indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Indumenti di lavoro resistenti alla permeazione (Conformi UNI EN 40-69) Maschera speciale per vapori organici (Conforme UNI EN 149) SOSTANZA TONER DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati per la Sostanza esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Allergeni Inalazione di polveri e fibre Probabilità Improbabile Probabile Magnitudo Lieve Rischio MISURE DI PREVENZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI UTILIZZATORI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), i lavoratori addetti all utilizzo dovranno osservare le seguenti misure preventive: ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame non devono essere consumati cibi e bevande Prevedere idonea etichettatura delle sostanze chimiche o tossiche presenti Acquisire le schede di sicurezza delle sostanze chimiche o tossiche utilizzate Durante l'uso di sostanze del tipo in esame devono essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo della sostanza in oggetto, i lavoratori dovranno indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina antipolvere (Conforme UNI EN 149) Occhiali protettivi (Conformi UNI EN 166) 57

258 SOSTANZA VAPORI DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati per la Sostanza esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Gas e vapori Infezioni Allergeni Probabilità Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI UTILIZZATORI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), i lavoratori addetti all utilizzo dovranno osservare le seguenti misure preventive: GENERALE Predisporre idonee tabelle per intervento di primo soccorso per le sostanze adoperate ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame non devono essere consumati cibi e bevande Durante l'uso di sostanze del tipo in esame devono essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare il contatto con la pelle, con gli occhi o con altre parti del corpo. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo della sostanza in oggetto, i lavoratori dovranno indossare i seguenti DPI con marcatura CE : Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Maschera speciale per vapori organici (Conforme UNI EN 149) Indumenti protettivi adeguati (Conforme UNI EN 4-4) 58

259 SOSTANZA VERNICI DESCRIZIONE RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI La seguente tabella riporta l elenco dei pericoli individuati per la Sostanza esaminata, per ognuno dei quali è stato valutato il relativo Rischio in funzione della probabilità e della magnitudo del danno. Descrizione del Pericolo Calore, fiamme, esplosione Gas e vapori Allergeni Probabilità Improbabile Magnitudo Rischio MISURE DI PREVENZIONE ED ISTRUZIONI PER GLI UTILIZZATORI Oltre alle misure di prevenzione di ordine generale nei confronti dei rischi sopra individuati (riportate nella relazione introduttiva), i lavoratori addetti all utilizzo dovranno osservare le seguenti misure preventive: GENERALE Ogni sostanza del tipo in esame deve essere opportunamente conservata e tenuta in ambienti adeguati Utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuali previsti Nel caso di contatto cutaneo con vernici ai lavoratori viene raccomandato di lavarsi con abbondante acqua e sapone o comunque di utilizzare le sostanze specifiche indicate per la detersione ALLERGENI Durante l'uso di sostanze del tipo in esame, non devono essere consumati cibi e bevande Attenersi scrupolosamente alle istruzioni riportate nelle schede di sicurezza dei prodotti impiegati Durante l'uso della sostanza dovranno essere adottati gli accorgimenti necessari per evitare contatti con la pelle e con gli occhi CALORE, FIAMME, ESPLOSIONE In presenza di lavorazioni con fiamme libere o che comportino scintille o temperature elevate, l'uso della sostanza dovrà avvenire con la dovuta accortezza e dopo aver adottato tutte le misure necessarie per eliminare o far fronte ad un eventuale incendio DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Durante l utilizzo della sostanza in oggetto, i lavoratori dovranno indossare i seguenti DPI con marcatura CE : 59

260 Guanti rischi meccanici (Conformi UNI EN 88-40) Mascherina con carboni attivi (Conforme UNI EN 149) Tuta in Tyvec ad uso limitato (Conformi UNI EN ) 60

COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV)

COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV) COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV) DIRIGENTE SCOLASTICO CARPENTIERO FLORA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER MANSIONI AZIENDALI D. Lgs. 3 agosto 2009 n. 106 RSPP: ING. PANNESE NICOLA Data:30/10/2013

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 (Come modificato dal D.Lgs. 106/09) Azienda

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 (Come modificato dal D.Lgs. 106/09) Azienda Azienda Ubicazione Azienda COMUNE DI Nuraxinieddu - Oristano Provincia OR Datore di Lavoro Prof. Demuro Giandomenico Resp. Servizio Prevenzione e Protezione Prof. Raffaele Vigilante Medico Competente Dott.ssa

Dettagli

Office 2007 All apertura viene visualizzata la barra messaggi per notificare la presenza di una macro potenzialmente non sicura.

Office 2007 All apertura viene visualizzata la barra messaggi per notificare la presenza di una macro potenzialmente non sicura. Guida Utilizzo Modello DVR Nei nostri modelli DVR è presente una Macro che permette di complilare automaticamente in modo semplice e veloce il documento con i vostri dati. All apertura del documento di

Dettagli

Comune di Spinea Provincia VE. Azienda Nuovo Cinema Teatro Ai Bersaglieri di Barbato Francesco. Barbato Francesco

Comune di Spinea Provincia VE. Azienda Nuovo Cinema Teatro Ai Bersaglieri di Barbato Francesco. Barbato Francesco P Comune di Spinea Provincia VE Azienda Nuovo Cinema Teatro Ai Bersaglieri di Barbato Francesco Datore di Lavoro Barbato Francesco Si richiede l apposizione del timbro postale per la data certa. Si tratta

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 (Come modificato dal D.Lgs. 106/09) COMUNE DI COTRONEI. Provincia di Crotone.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 (Come modificato dal D.Lgs. 106/09) COMUNE DI COTRONEI. Provincia di Crotone. COMUNE DI COTRONEI Provincia di Crotone Datore di Lavoro Dott. Nicola Belcastro (Sindaco pro-tempore) Resp. Servizio Prevenzione e Protezione Ing. Alberto Miletta Medico Competente Dott.ssa Katiuscia Trimboli

Dettagli

Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11

Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11 Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11 Programma del corso: Modulo 2: Trattazione di: 1. Organizzazione della prevenzione aziendale 2. Diritti, doveri e per i vari soggetti aziendali

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 LE NUOVE SANZIONI D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 Obblighi e sanzioni per i Datori di Lavoro Art. 17 Obblighi del Datore di Lavoro non delegabili Datore di Lavoro a) la valutazione di tutti

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 COMUNE Azienda Datore di Lavoro Elaborato DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 DATORE DI LAVORO: RSPP: Data : Figure Nominativo Firma Datore di Lavoro Medico Competente Rappr.

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 (Come modificato dal D.Lgs. 106/09) Scuola Media Statale Q.Maiorana.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 (Come modificato dal D.Lgs. 106/09) Scuola Media Statale Q.Maiorana. Azienda Scuola Media Statale Q.Maiorana Ubicazione Azienda COMUNE DI Catania Provincia CT Datore di Lavoro Preside Elvira Corrao Rspp. Servizio Prevenzione e Protezione Arch.Salvatore Virzì Medico Competente

Dettagli

NUCLEO COMUNE DI PROTEZIONE CIVILE Del Comune di Polla

NUCLEO COMUNE DI PROTEZIONE CIVILE Del Comune di Polla Azienda NUCLEO COMUNE DI PROTEZIONE CIVILE Del Comune di Polla Ubicazione Sede Legale Piazza G. Ritorto C.a.p. 84036 Polla (Sa) Presidente e Datore di Lavoro Rag. Massimo Loviso Resp. Servizio Prevenzione

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E.FERMI LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE UMANE E LINGUISTICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E.FERMI LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE UMANE E LINGUISTICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E.FERMI LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE UMANE E LINGUISTICO 1Via Vitulanese, 82016 MONTESARCHIO (BN) Italia TEL./FAX N 0824-847260/91 Codice fiscale: 80000020620 Codice

Dettagli

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Dr. Sebastiano Papa Principali soggetti

Dettagli

IMPIANTO DEPURAZIONE INDICE STRUTTURA

IMPIANTO DEPURAZIONE INDICE STRUTTURA DVR CIPNES IMP. DEPURAZIONE IMPIANTO DEPURAZIONE INDICE STRUTTURA TITOLO CODICE REVISIONE Organizzazione e responsabilità (Sez. 01) 15/10/2013 Misure generali di tutela e criteri di valutazione Valutazione

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E STUDI PROFESSIONALI Ing. REGE Paolo Biella, 17 aprile 2009 Decreto Legislativo 81/08 Organizzazione e Gestione Valutazione dei rischi Informazione e

Dettagli

Office 2007 All apertura viene visualizzata la barra messaggi per notificare la presenza di una macro potenzialmente non sicura.

Office 2007 All apertura viene visualizzata la barra messaggi per notificare la presenza di una macro potenzialmente non sicura. Guida Utilizzo Modello DVR Nei nostri modelli DVR è presente una Macro che permette di complilare automaticamente in modo semplice e veloce il documento con i vostri dati. All apertura del documento di

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli

COMUNE DI. Azienda. Datore di Lavoro. Elaborato. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 RSPP : Data :

COMUNE DI. Azienda. Datore di Lavoro. Elaborato. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 RSPP : Data : COMUNE DI Azienda Datore di Lavoro Elaborato DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 RSPP : Data : Sezione 1 ANAGRAFICA AZIENDA DATI GENERALI DELL AZIENDA Anagrafica Azienda Sede

Dettagli

INFORMAZIONE, FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO

INFORMAZIONE, FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO A.S. 2013 2014 INFORMAZIONE, FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO di tutto il personale presente nella scuola sull igiene, salute e sicurezza sul posto di lavoro ( ex artt. 36 e 37 D.Lgs. 81/08 e s.m.i. ) Il Rappresentante

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA

LAVORARE IN SICUREZZA STUDIO STUDIO TECNICO TECNICO SICUREZZA SICUREZZA ING ING LEO LEO DE DE SANTIS SANTIS via Matteotti 8/B Giulianova (TE) via Matteotti 8/B Giulianova (TE) tel/fax: 085 8007276 tel/fax: 085 8007276 LAVORARE

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro. Francesco Stucchi

L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro. Francesco Stucchi L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro Francesco Stucchi Fonti D.Lgs.81/08 Art. 2 (Definizioni) 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format IL DATORE DI LAVORO LA FIGURA DEL RSPP La figura del Datore di Lavoro quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Materiale Didattico

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87 Biagianti Marialivia e Cruciano Francesco tel. 0321 398464 Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

Via Santa Colomba 50 e 52/A. Elaborato

Via Santa Colomba 50 e 52/A. Elaborato Azienda Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri e di Ristorazione "LE STREGHE" Ubicazione Azienda COMUNE di BeNevento Provincia BN Via Santa Colomba 50 e 52/A Datore di Lavoro FORMICOLA Carmela

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

INTERVENTO FORMATIVO in materia di SICUREZZA nei LUOGHI di LAVORO

INTERVENTO FORMATIVO in materia di SICUREZZA nei LUOGHI di LAVORO INTERVENTO FORMATIVO in materia di SICUREZZA nei LUOGHI di LAVORO A cura dell R.S.P.P. Ing. Eugenio Lucchesini 1 Introduzione: Con questa piccola raccolta di normative, in materia di sicurezza nei luoghi

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Legislativo Attuazione dell art. 1 della L. 123/2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 9 aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 81/2008 ABROGA: D.P.R. 27 aprile 1955,

Dettagli

DATORE DI LAVORO DIRIGENTE PREPOSTO L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS

DATORE DI LAVORO DIRIGENTE PREPOSTO L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS Bologna, 15 MAGGIO 2015 Dr. Leopoldo Magelli Perché a volte le criticità nel rapporto tra RLS e

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08 Scienza dell Architettura e dell Ingegneria Edile Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08.81/08 Organizzazione del Cantiere a.a. 2008-2009 Struttura organizzativa aziendale di tipo piramidale

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO Repubblica Italiana CITTÁ DI MAZARA DEL VALLO REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO (in attuazione del decreto

Dettagli

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Ascom Vittorio Veneto Servizio Corsi e Formazione Corso Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione - a cura di Giovanni Benincà La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

LE FIGURE PER LA SICUREZZA

LE FIGURE PER LA SICUREZZA La Sicurezza in azienda LE FIGURE PER LA SICUREZZA 1 La Sicurezza in azienda Sommario 1. Organigramma per la sicurezza 2. Definizioni 3. Obblighi e compiti delle figure per la sicurezza 2 La Sicurezza

Dettagli

La responsabilità degli incaricati nel sistema di sicurezza di sicurezza della scuola

La responsabilità degli incaricati nel sistema di sicurezza di sicurezza della scuola La responsabilità degli incaricati nel sistema di sicurezza di sicurezza della scuola Avv. Hilaria Piraccini Progetto Sto bene a scuola 2 Istituto comprensivo Beinasco-Gramsci 11 dicembre 2013 Indice degli

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA 1 " E. IACCARINO " Via Doglie, n. 20 80056 Ercolano Napoli

SCUOLA SECONDARIA 1  E. IACCARINO  Via Doglie, n. 20 80056 Ercolano Napoli SCUOLA SECONDARIA 1 " E. IACCARINO " Via Doglie, n. 20 80056 Ercolano Napoli Documento Valutazione dei Rischi (Ai sensi art. 17 comma 1 lettera a e art. 28 del D. Lgs. 81/2008 - D.Lgs. 106/09) Il Datore

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. 106/09)

VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. 106/09) Prot.n. VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. 106/09) Il giorno al lavoratore Prof./Prof.ssa : Insegnante Tecnico Pratico (ITP): Ass. amministrativo

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA Pagina 1 di 54 Sede direzionale / amministrativa Tel. Fax. E-mail Sito Web NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA C.F. 8 RIFERIMENTI DELL UNITA PRODUTTIVA OGGETTO DELLA VALUTAZIONE NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

Dettagli

OBBLIGHI DEL PREPOSTO ART. 19 D.LGS. 81/08

OBBLIGHI DEL PREPOSTO ART. 19 D.LGS. 81/08 PREPOSTO Il PREPOSTO è la persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell incarico conferitogli, sovrintende alla attività

Dettagli

CORSO PER DATORI DI LAVORO DI STUDI MEDICI E ODONTOIATRICI CHE INTENDONO ESERCITARE LA FUNZIONE DI RSPP (D.Lgs.81/08- D.M.

CORSO PER DATORI DI LAVORO DI STUDI MEDICI E ODONTOIATRICI CHE INTENDONO ESERCITARE LA FUNZIONE DI RSPP (D.Lgs.81/08- D.M. Ordine provinciale medici chirurghi e odontoiatri di Modena In collaborazione con Sicurezza sul lavoro in ambito medico CORSO PER DATORI DI LAVORO DI STUDI MEDICI E ODONTOIATRICI CHE INTENDONO ESERCITARE

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO -0-01/08/2014 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Ex art. 30 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 e successive integrazioni e modificazioni redatto secondo le Linee Guida UNI INAIL

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE RSPP, direzione, datore di lavoro

1. DISTRIBUZIONE RSPP, direzione, datore di lavoro Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Valutazione dei rischi P01 Rev. 00 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

BREVE STORIA DELLE NORME E LEGGI SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

BREVE STORIA DELLE NORME E LEGGI SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO INTRODUZIONE BREVE STORIA DELLE NORME E LEGGI SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO CIRF Corso Operatori Call Center Evoluto Modulo RSPP Mod. A SLIDE 1 LA SICUREZZA NON NASCE OGGI La Bibbia prescrive di

Dettagli

Buone prassi e regole di base per la sicurezza dei lavoratori calamità naturali

Buone prassi e regole di base per la sicurezza dei lavoratori calamità naturali Buone prassi e regole di base per la sicurezza dei lavoratori calamità naturali Ing. Marco MASO Dir. Gen. Serv.1 Pianificazione e controllo Tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro 1 La norma

Dettagli

DOCOMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCOMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCOMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 17, comma 1, lettera a; D. Lgs. N 81 del 9 aprile 2008 E vietata la riproduzione, con qualsiasi mezzo, compreso la fotocopia non autorizzata dal Responsabile del

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI ENNA C.F. 01151150867 www.asp.enna.it SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE : REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA GENERALE

FUNZIONIGRAMMA GENERALE DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO San Giuseppe SASSARI FUNZIONIGRAMMA GENERALE 2015-2016 Lo scopo del presente funzionigramma aziendale è quello di delineare gli ambiti di competenza di ciascuna responsabilità

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda Attualmente in Italia vige il cosiddetto Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (T.U. Sicurezza), rappresentato dal D.Lgs.81/2008,.e ss.mm.ii..

Dettagli

D. Lgs. 626/94. Testo coordinato con le modifiche: D.Lgs. 242/96; D.Lgs. 359/99; D.Lgs. 66/2000; Legge 422/2000; Legge 1/2002.

D. Lgs. 626/94. Testo coordinato con le modifiche: D.Lgs. 242/96; D.Lgs. 359/99; D.Lgs. 66/2000; Legge 422/2000; Legge 1/2002. D. Lgs. 626/94 Testo coordinato con le modifiche: D.Lgs. 242/96; D.Lgs. 359/99; D.Lgs. 66/2000; Legge 422/2000; Legge 1/2002. Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE,

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 Castelvetrano Via Bonsignore, 14 Tel. 0924 89322 Fax 0924

Dettagli

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali TITOLO

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell articolo 1 della Legge 123/2007, in materia

Dettagli

La sicurezza nelle attività di volontariato

La sicurezza nelle attività di volontariato La sicurezza nelle attività di volontariato 1 Il D. Lgs. 81/08 Articolo 3 Campo di applicazione Il presente decreto legislativo si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici, e a tutte le

Dettagli

CENTRO AGRO ALIMENTARE RIMINI. Documento unico formato da n 72 Pagine C.A.A.R S.P.A. Rimini (RN) Il Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione

CENTRO AGRO ALIMENTARE RIMINI. Documento unico formato da n 72 Pagine C.A.A.R S.P.A. Rimini (RN) Il Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione CENTRO AGRO ALIMENTARE RIMINI Data: 20 Novembre 2014 Documento unico formato da n 72 Pagine DVR DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (Titolo I Capo III Sezione II ( Art da 28 a 30 ) del D. Lgs. 81/08) Azienda:

Dettagli

MACCHINA TECNICA UOMO CULTURA - FORMAZIONE

MACCHINA TECNICA UOMO CULTURA - FORMAZIONE MACCHINA TECNICA CONTROLLO UOMO CULTURA - FORMAZIONE IL PRIMO FINE DELLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA E SEMPRE LA PREVENZIONE DELL INFORTUNIO PER TUTELARE IL BENE PIU PREZIOSO CIOE LA SALUTE DELLE PERSONE

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO Art. 1 Campo di applicazione Il regolamento si applica a tutte le attività istituzionali dell Università

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELL AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI AGRIGENTO

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELL AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI AGRIGENTO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELL AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI AGRIGENTO REDATTO A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Novembre 2014 Sommario PARTE PRIMA Introduzione...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PAVONE CANAVESE Via Vignale n. 2 Pavone Canavese (TO)

ISTITUTO COMPRENSIVO PAVONE CANAVESE Via Vignale n. 2 Pavone Canavese (TO) ISTITUTO COMPRENSIVO PAVONE CANAVESE Via Vignale n. 2 Pavone Canavese (TO) FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI ai sensi degli art.li 36-37 del D.Lgs. 81/2008 secondo accordo STATO-REGIONI del 21/12/2011

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 1 UCTSP MILANO 27 GIUGNO 2008 STEFANIA CASOTTO RESPONSABILE DEI SERVIZI AMBIENTE - SICUREZZA - POLITICHE ENERGETICHE Agenda 2 La definizione di

Dettagli

ATTORI DELLA SICUREZZA

ATTORI DELLA SICUREZZA Il titolo I del D. Lgs. 81/08 altri materiali 1 ATTORI DELLA SICUREZZA DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI RSPP e ASPP MEDICO COMPETENTE RLS ADDETTI ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO 2 1 IL NOSTRO

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) NEL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA ADEMPIMENTI E RESPONSABILITA isp. arch. Valeria

Dettagli

Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8.

Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8. Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8.98 Art. 1 - Individuazione del Datore di lavoro e definizione

Dettagli

Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato

Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato Cinzia Frascheri Giuslavorista Responsabile nazionale CISL salute e sicurezza sul lavoro Tutti i

Dettagli

SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA. Slide 1 di 69

SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA. Slide 1 di 69 SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA Slide 1 di 69 SafetyCorsiFormativi Formazione di Eccellenza SICUREZZA E SALUTE NEL LAVORO DI UFFICIO Slide 2 di 69 Programma Rischi per la salute e la sicurezza

Dettagli

DIARIO 81 Dott. Lattanzio Carlo Marzo 2013

DIARIO 81 Dott. Lattanzio Carlo Marzo 2013 DIARIO 81 Marzo 2013 DIARIO 81 Questa pubblicazione denominata DIARIO 81 è rivolta a clienti, colleghi e collaboratori, e nasce per dare risposte alle numerose sollecitazioni pervenute circa l applicazione

Dettagli

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 Servizio Prevenzione e Protezione FORMAZIONE GENERALE AI LAVORATORI SUI RISCHI AZIENDALI art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO DEI LAVORATORI

Dettagli

La Valutazione dei Rischi

La Valutazione dei Rischi Progetto Green Safety: attività di formazione relative al progetto sperimentale per la promozione e la diffusione della sicurezza sul lavoro e nell'uso delle macchine agricole nel contesto t rurale e stradale

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I.R.P.E.T Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (in attuazione degli articoli 16 ss. del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81

Dettagli

Egr. Via. Mod Delega Delega delle funzioni. Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

Egr. Via. Mod Delega Delega delle funzioni. Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) Egr. Via Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) Il sottoscritto C.F. in qualità di Datore di Lavoro della Ditta con sede in al fine di provvedere agli incombenti posti dalla

Dettagli

Ditta CONFEZIONI SUD S.r.l.

Ditta CONFEZIONI SUD S.r.l. Ditta CONFEZIONI SUD S.r.l. Città COMUNE DI SALERNO Indirizzo: via Roma, 22 Datore di Lavoro VERDI GIULIO Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP) VERDI GIULIO Medico Competente Dott.ssa

Dettagli

25 ottobre 2013. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente

25 ottobre 2013. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente 25 ottobre 2013 Dall obbligo normativo alla promozione della salute negli ambienti di lavoro Relatore: dr.ssa Roberta

Dettagli

Gli attori della sicurezza

Gli attori della sicurezza Gli attori della sicurezza Materiali didattici elaborati CHANGE srl Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Emilia Romagna DG n 1182 e 255/08 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n 10270 20/12/05 Organizzare

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it VERBALE DI INFORMAZIONE

Dettagli

La formazione e informazione dei lavoratori

La formazione e informazione dei lavoratori La formazione e informazione dei lavoratori La formazione dei lavoratori Il D.Lgs. 81/08 riserva una particolare attenzione alla formazione dei soggetti responsabili della sicurezza (addetti antincendio,

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Novità introdotte dal D.Lgs. 81/08 rispetto al precedente D.Lgs. 626/94 Novità introdotta dal D.Lgs. 106/09 Indicazioni e suggerimenti 6 81 D.Lgs. 81/2008 Attuazione

Dettagli

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 Obblighi Datore di Lavoro - Misure generali di tutela (D.Lgs. 81/08, art. 15)...1 Obblighi Datore di Lavoro - Delega di funzioni (D.Lgs. 81/08, art. 16)...1 Obblighi

Dettagli

Corso di base della sicurezza sul lavoro. Ing. Andrea Govoni

Corso di base della sicurezza sul lavoro. Ing. Andrea Govoni Corso di base della sicurezza sul lavoro Ing. Andrea Govoni La sicurezza sul lavoro in Italia Decreto legislativo 81 del 2008 = D.Lgs. 81/08 Ha sostituito la 626 È stato integrato e corretto nel 2009 con

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI. COMUNE DI BARANZATE Provincia Mi. D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81. Azienda Comune di Baranzate.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI. COMUNE DI BARANZATE Provincia Mi. D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81. Azienda Comune di Baranzate. COMUNE DI BARANZATE Provincia Mi Azienda Comune di Baranzate Datore di Lavoro Dott. Pietro San Martino, D.ssa Sabrina Agosteo, D.ssa Patrizia Dolcimele, Dott. Nicola Visalli, Arch. Sonia Pagnacco, Dott.

Dettagli

VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI PER GLI STUDI PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI PER GLI STUDI PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI PER GLI STUDI PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Lo svolgimento dell attività all interno degli studi professionali costringe ormai ad un numero crescente

Dettagli

ITALIA: Estratto dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 con le modifiche apportate dal D.lgs 3 agosto 2009, n. 106 (in vigore dal 20 agosto 2009)

ITALIA: Estratto dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 con le modifiche apportate dal D.lgs 3 agosto 2009, n. 106 (in vigore dal 20 agosto 2009) ITALIA: Estratto dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 con le modifiche apportate dal D.lgs 3 agosto 2009, n. 106 (in vigore dal 20 agosto 2009) (Attenzione: di seguito sono riportati solo degli estratti degli

Dettagli