Seminario sull Assicurazione Qualità dei Corsi di Studio e della Ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seminario sull Assicurazione Qualità dei Corsi di Studio e della Ricerca"

Transcript

1 UNIVERSITA TELEMATICA PEGASO Seminario sull Assicurazione Qualità dei Corsi di Studio e della Ricerca 17 Settembre /12/2014 COSTANTINO FORMICA 1

2 1. È un etica (Feigenbaum) Che cos è la Qualità? 2. Amore per il cliente (Alberto Galgano) 3. Il grado con cui uno specifico prodotto soddisfa le esigenze di uno specifico utilizzatore finale (Juran) 4. Il livello di eccellenza che possiede un prodotto o un servizio 5. Adeguatezza all uso (Juran) 6. È l opinione del cliente (Feigenbaum) 7. Un prodotto/servizio che ha qualcosa che gli altri prodotti/servizi similari non hanno 8. Garantire la soddisfazione delle esigenze esplicite ed implicite dei clienti, al costo 9. minimo e confrontandosi di continuo con la concorrenza 10. Un prodotto/servizio che è la migliore combinazione di caratteristiche e di prezzo 11. Cercare sempre il modo migliore per fare una cosa 12. Conformità ai requisiti (Crosby) 13. Il fondamento su cui costruire il proprio business 14. Mantenere le deviazioni entro le tolleranze stabilite (Toyota) 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 2

3 Che cos è la Qualità? Oggi, la qualità di un servizio è comunemente definita la capacità di conseguire il soddisfacimento delle esigenze dei relativi utenti-clienti A sua volta, la soddisfazione dell utente-cliente risulta conseguita quando il servizio, considerato nel suo complesso e nei suoi singoli aspetti, viene percepito dall utente come rispondente alle sue attese In altre parole si può dire: un servizio è soddisfacente quando è giudicato così da chi lo usa e non da chi lo produce 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 3

4 La certificazione di Qualità - Generalità Certificazione prodotti/servizi Certificazione sistemi di gestione per la qualità (processo volontario) Certificazione persone (processo volontario) Attesta la conformità del prodotto/servizio a specifiche norme o altri documenti normativi Attesta la conformità del sistema qualità dell'azienda alle prescrizioni della norma ISO 9001 per una azienda che vuole operare in regime di Gestione della qualità Attesta che una determinata persona (Valutatori di SGQ, Prove non distruttive, Saldatori) possiede i requisiti necessari e sufficienti per operare con competenza e professionalità in un determinato settore 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 4

5 Qualità: cenni storici Primi sviluppi della cultura creazione di normative tecniche: standard di unificazione dimensionale; controlli di conformità alle specifiche per laboratori di prova indipendenti Anni produzione con catene di montaggio esigenza di accrescere la produttività necessità di garantire la qualità del prodotto finale controlli durante le principali fasi della lavorazione 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 5

6 Qualità: cenni storici Anni incremento della produzione militare richiesta maggiori garanzie sul prodotto nascita di modelli organizzativi per assicurare la qualità del prodotto sulle diverse fasi del ciclo produttivo: qualificazione del personale controllo della progettazione valutazioni affidabilità del prodotto requisiti di qualità anche su fornitori di componenti e/o semilavorati 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 6

7 Qualità: cenni storici Cultura occidentale Visione e modelli legati a struttura gerarchico-funzionale Giappone Qualità come controllo statistico del processo, partendo da teorie americane, con sviluppo di logica più interfunzionale e responsabilità distribuite Coinvolgimento del personale a tutti i livelli 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 7

8 Qualità: cenni storici Anni evoluzione della qualità da garanzia sul prodotto a garanzia sul processo produttivo nascita dei sistemi di assicurazione qualità necessità di certificare i prodotti esigenza di standardizzare con norme il concetto di qualità ISO 1987: insieme di norme sulla qualità 1994: prima revisione norme ISO : da ISO 9000 a Vision 2000 (introduzione concetti di TQM) 2008: nuova revisione ISO 9001 in parallelo è cambiato il concetto: da qualità del prodotto a qualità delle organizzazioni 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 8

9 Qualità: definizioni La definizione di Qualità ha subito la stessa evoluzione storica: Conformità alle specifiche Idoneità all uso Definizione ISO 9000: grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti Requisito: esigenza o aspettativa che può essere espressa, generalmente implicita o cogente Generalmente implicita significa che è uso o prassi comune, per l organizzazione, per i suoi clienti e per le altre parti interessate, che l esigenza o l aspettativa in esame sia implicita 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 9

10 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 10

11 Qualità: definizioni Un prodotto è di qualità se le sue prestazioni corrispondono a quanto dichiarato ed è eccellente se il livello delle prestazioni è elevato Un prodotto può essere eccellente, ma non di qualità Fornire un prodotto di qualità ha impatto su ambiente società mondo economico Come si può garantire la qualità di un prodotto? mediante l immagine che l azienda si è costruita nel tempo tramite la certificazione di un ente esterno 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 11

12 Qualità: definizioni Sistema di Qualità dell azienda consente di fornire la garanzia di qualità richiesta dal mercato permette di realizzare prodotti conformi alle specifiche dichiarate o previste dalle normative assicura di mantenere nel tempo il livello di qualità consente di ottenere la certificazione che qualifica l azienda verso il mercato 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 12

13 Qualità: definizioni Qualità Totale (TQM) cosa significa agire secondo la qualità totale? competere sul rapporto valore/costo percepito dal cliente sviluppare la qualità riferita ai processi credere nel rapporto fornitore/cliente anche dentro l azienda (K.Ishikawa) operare secondo la strategia del miglioramento continuo estendere gli approcci precedenti a tutta l organizzazione avere una visione dinamica e proattiva è di complessità estrema e richiede un impegno ed un convincimento straordinario per il management aziendale, oltre che tempi lunghi per non incorrere in crisi di rigetto Qualità come variabile strategica competitiva e non più soltanto come rispondenza alle norme 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 13

14 Qualità: definizioni Processo: insieme di attività correlate o interagenti che trasformano elementi in ingresso in elementi in uscita Insieme di attività di lavoro, organizzate e gestite per raggiungere un risultato prestabilito (prodotto = risultato del processo) Gestione per processi: spostare il focus dai risultati ai mezzi necessari per ottenerli 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 14

15 Qualità: definizioni Introdurre il rapporto fornitore/cliente dentro l azienda implica un grande impegno da parte della Direzione, anche con l ausilio di sistemi di valutazione e di riconoscimento delle prestazioni (es. adozione di un sistema premiante formale) Operare secondo la strategia del miglioramento continuo significa togliere dal prodotto/servizio le difettosità, progressivamente, e con continuità Due possibili approcci: 1. revisione generale dei processi (B.P.R. per Business Process Reengineering), tipica mentalità occidentale; 2. miglioramento a piccoli passi con coinvolgimento di tutto il personale del reparto coinvolto nel progetto (fattori chiave: pianificazione, stabilizzazione), tipica cultura giapponese 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 15

16 Qualità: gestione per processi I processi sono composti da una combinazione di persone, strumenti, materiali e metodi Processi produttivi, processi di servizi, Elementi fondamentali di un processo: Fornitore Cliente Input PROCESSO Output Attività Risorse Organizzazione Risultato Prodotto Parametri: Obiettivi Costo Tempo attraversamento Rispondenza requisiti 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 16

17 Qualità: gestione per processi Ottimizzare un processo: ridurre al minimo e, possibilmente, eliminare, tutte le attività che non creano valore aggiunto per il cliente Reti di processi: insieme di processi interagenti o interdipendenti (è la normalità) Progettazione di un processo: insieme delle azioni necessarie ad attivare un processo La progettazione, per essere efficace, non può essere fatta a tavolino da poche persone, ma deve coinvolgere profondamente tutti coloro che operano nella struttura, in quanto massimi esperti 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 17

18 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 18

19 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 19

20 Qualità: gestione per processi Fasi della progettazione schematizzazione grafica del processo con descrizione elementi fondamentali identificazione dei processi collegati e relative relazioni definizione obiettivi interni al processo assegnazione delle responsabilità e dei ruoli valutazione delle risorse necessarie determinazione dei punti di misura intermedi redazione dei documenti di gestione 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 20

21 Qualità: gestione per processi Mappatura dei processi Rappresentazione grafica semplificata del processo reale (es: flow chart). Deve comprendere: clienti finali output finali attività significative esecutori delle attività (ruoli) interfacce fra fornitori e clienti (interni e/o esterni) 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 21

22 Qualità: la normativa LE NORME DELLA SERIE 9000 UNI EN ISO 9000:2005 Sistemi di gestione per la qualità - Fondamenti e vocabolario UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti UNI EN ISO 9004:2009 Gestire un'organizzazione per il successo durevole - L'approccio della gestione per la qualità 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 22

23 La norma UNI EN ISO 9000/9001 La serie ISO 9000 sulla conduzione aziendale per la qualità ha riscosso, soprattutto negli ultimi anni, un grande successo L ottenimento della certificazione del Sistema Qualità, da parte di un ente terzo (cioè non legato al fornitore o all acquirente), ha contribuito e contribuisce tuttora ad assicurare al cliente il rispetto delle caratteristiche tecniche del prodotto/servizio e delle condizioni contrattuali pattuite, per tutte le tipologie d azienda dalla piccola struttura artigianale alla filiale della grande multinazionale 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 23

24 La norma UNI EN ISO 9001 Lo scopo dichiarato della ISO 9001 è quello di raggiungere i propri obiettivi e soddisfare i clienti, mediante un sistema efficace e che sa migliorarsi La logica della norma è capire cosa vogliono i clienti, fissare i propri obiettivi, stabilire con quali processi raggiungere gli obiettivi, padroneggiare e migliorare tali processi Insomma, la soddisfazione dei clienti, la bontà degli obiettivi, l efficacia dei processi, costituiscono la vera finalità ovvero supportare le organizzazioni nel raggiungere i propri obiettivi 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 24

25 I principi della Gestione della Qualità 1. Organizzazione orientata al cliente 2. Leadership 3. Coinvolgimento del personale 4. Approccio basato sui processi 5. Approccio sistemico della gestione (governo dei processi) 6. Miglioramento continuo 7. Decisioni basate su dati di fatto 8. Rapporti di beneficio reciproco con i fornitori 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 25

26 Principio 1: Organizzazione orientata al cliente Le organizzazioni dipendono dai loro clienti e dovrebbero pertanto comprendere le loro esigenze presenti e future, ottemperare ai loro requisiti e tendere a superare le loro stesse aspettative Benefici attesi Aumento del reddito e delle quote di mercato, attraverso una risposta flessibile e rapida alle opportunità offerte dal mercato Miglior efficacia, nell'uso delle risorse di un organizzazione, nel perseguire la soddisfazione dei clienti Maggior fidelizzazione dei clienti, che porta continuità di affari e stimola il passa parola 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 26

27 Applicazione del principio di ORIENTAMENTO AL CLIENTE Individuare e comprendere le esigenze e le aspettative del cliente Assicurarsi che gli obiettivi ed i traguardi dell organizzazione siano coerenti con le esigenze e le aspettative dei clienti Segnalare queste esigenze ed aspettative a tutta l organizzazione Misurare la soddisfazione del cliente ed agire di conseguenza Gestire con sistematicità i rapporti con il cliente Assicurare un approccio bilanciato tra i clienti e le altri Parti Interessate (la proprietà, il personale, i fornitori, i finanziatori, la comunità locale e la società in generale) 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 27

28 Principio 2: Leadership Il vertice aziendale deve stabilire unità di intenti e di indirizzo dell'organizzazione. Esso dovrebbe creare e mantenere un ambiente interno che coinvolga pienamente il personale nel perseguimento degli obiettivi della organizzazione Benefici attesi Il personale comprenderà e sarà motivato nel perseguimento degli obiettivi e dei traguardi dell organizzazione Le attività verranno valutate, rese coerenti e messe in atto in modo unificato Saranno ridotti i disguidi di comunicazione tra i diversi livelli dell organizzazione 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 28

29 Applicazione del principio di LEADERSHIP Tener conto di tutte le parti Interessate inclusi i clienti, proprietari, personale, fornitori, comunità locali e la società in generale Stabilire una chiara visione del futuro dell organizzazione Fissare obiettivi e traguardi stimolanti Creare e sostenere valori comuni e modelli di regole etiche e di correttezza a tutti il livelli dell organizzazione Creare fiducia e dissipare timori Fornire al personale le necessarie risorse, l addestramento e la libertà per agire con responsabilità Stimolare, incoraggiare e riconoscere i contributi forniti dal personale 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 29

30 Principio 3 Coinvolgimento del personale Le persone, a tutti i livelli, costituiscono l'essenza di un'organizzazione ed il loro pieno coinvolgimento permette di porre le loro capacità al servizio di tutta la organizzazione Benefici attesi Motivazione, rispondenza e coinvolgimento del personale nell'ambito dell'organizzazione Innovazione e creatività nel raggiungimento degli obiettivi dell'organizzazione Responsabilizzazione del personale per le proprie prestazioni Desiderio del personale di partecipare e contribuire al miglioramento continuativo 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 30

31 Applicazione del principio COINVOLGIMENTO DEL PERSONALE Comprendere l importanza del contributo del personale e del suo ruolo nell organizzazione Individuare i vincoli attinenti alle proprie prestazioni Accettare l incarico e la responsabilità di risolvere i problemi Valutare le prestazioni a fronte di obiettivi e traguardi Ricercare attivamente occasioni per sviluppare le proprie competenze, conoscenze ed esperienze Condividere liberamente conoscenze ed esperienze Discutere apertamente di problemi e situazioni 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 31

32 Principio 4 Approccio per processi Un risultato desiderato si ottiene con maggior efficienza quando le relative risorse ed attività sono gestite come un processo Benefici attesi Minori costi e cicli più brevi, mediante un efficace uso delle risorse Risultati migliori, coerenti e prevedibili Occasioni per la messa a fuoco e la scelta delle priorità dei miglioramenti 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 32

33 Applicazione del principio APPROCCIO PER PROCESSI Utilizzare metodi strutturati nella definizione delle attività necessarie ad ottenere i risultati desiderati Stabilire chiaramente le responsabilità per la gestione delle attività principali Analizzare e misurare le potenzialità delle attività principali Individuare le interfacce delle attività principali tra ed all interno delle funzioni dell organizzazione Mettere a fuoco i fattori (le risorse, i metodi, i materiali) in grado di migliorare le principali attività dell organizzazione Valutare i rischi, le conseguenze e l impatto delle attività sui clienti, sui fornitori e sulle altre parti interessate 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 33

34 Il Modello di processo La norma ISO 9001:2008 si appoggia sui processi che caratterizzano la vita di un organizzazione, inquadrandoli in una logica evolutiva ben riassunta nella formula PDCA: pianificazione operativa del miglioramento (Plan); esecuzione sperimentale del processo migliorato (Do); verifica dei risultati attraverso indicatori di processo (Check); consolidamento del miglioramento verificato (Act) 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 34

35 Principio 5 Approccio sistemico della gestione Identificare, comprendere e gestire un sistema di processi interconnessi, mirati a determinati obiettivi, migliora l'efficacia e l'efficienza della organizzazione Benefici attesi Integrazione ed allineamento dei processi per meglio favorire il raggiungimento dei risultati desiderati Capacità di mettere a fuoco i processi che più contano Dar fiducia alle parti interessate sulla solidità, efficacia ed efficienza dell'organizzazione 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 35

36 Applicazione dell APPROCCIO SISTEMICO DELLA GESTIONE Strutturare il sistema per raggiungere gli obiettivi dell organizzazione nel modo più efficace ed efficiente Comprendere le interdipendenze tra i processi del sistema Impostare approcci che armonizzino ed integrino tra loro i processi Capire i ruoli e le responsabilità necessari per raggiungere gli obiettivi comuni, riducendo quindi le barriere tra le funzioni dell organizzazione Capire le potenzialità organizzative ed individuare i vincoli sulle risorse prima di iniziare le attività Individuare obiettivi e definire come le attività specifiche dovrebbero inquadrarsi nel sistema Migliorare continuamente il sistema mediante misure e valutazioni 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 36

37 Principio 6 Miglioramento continuo Il miglioramento continuo dovrebbe essere un obiettivo permanente dell organizzazione Benefici attesi Vantaggi prestazionali attraverso migliorate potenzialità organizzative Razionalizzazione delle attività di miglioramento a tutti i livelli, per perseguire gli obiettivi strategici dell organizzazione Flessibilità nel rispondere con prontezza alle opportunità che si presentano L applicazione di questo principio seleziona le organizzazioni eccellenti dalle mediocri, perché il miglioramento continuo (il mettersi sempre in discussione) è l unico sprone a non adagiarsi sugli allori 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 37

38 Applicazione del principio - Miglioramento continuo Adottare, per l intera organizzazione, un approccio coerente nel miglioramento continuo Addestrare il personale sui metodi e gli strumenti per perseguire il miglioramento continuo Fare del miglioramento continuo di prodotti, processi e sistemi, un obiettivo per tutto il personale dell organizzazione Stabilire traguardi per il miglioramento continuo e misure per seguirne l andamento Riconoscere e dare credito dei miglioramenti 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 38

39 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 39

40 Principio 7 Decisioni basate su dati di fatto Le decisioni efficaci si basano sull analisi di dati ed informazioni Decisioni razionali Benefici attesi Maggior capacità nel dimostrare l efficacia di precedenti decisioni, sulla base di situazioni di fatto Miglior capacità di esaminare, confrontare e modificare opinioni e decisioni L applicazione di questo principio implica una rilevante attenzione alla efficacia dei sistemi informativi aziendali 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 40

41 Applicazione del principio Decisioni basate su dati di fatto Assicurarsi che i dati e le informazioni siano accurati e affidabili Rendere accessibili dati ed informazioni a chi ne ha bisogno Analizzare i dati e le informazioni utilizzando metodi validi Assumere decisioni a decidere azioni basandosi su analisi di fatti reali, bilanciandole con l esperienza e l intuizione 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 41

42 Principio 8 Rapporti di mutuo beneficio con i fornitori Una organizzazione ed i suoi fornitori sono interdipendenti ed un rapporto di reciproco beneficio migliora, per entrambi, la capacità di creare valore Benefici attesi Maggior capacità di creare valore, per entrambe le parti Flessibilità e prontezza nel dare risposte congiunte al mutare del mercato o delle esigenze e aspettative dei clienti Ottimizzazione di costi e risorse L applicazione di questo principio implica una dovuta attenzione alla identificazione e definizione delle attività in outsourcing 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 42

43 Applicazione del principio Rapporti di mutuo beneficio con i fornitori Stabilire rapporti in grado di bilanciare i guadagni a breve con logiche di lungo termine Condividere esperienze e risorse con i principali partner Identificare e selezionare i fornitori principali Stabilire comunicazioni chiare ed aperte Scambiarsi informazioni e piani per il futuro Individuare attività congiunte per lo sviluppo ed il miglioramento Suggerire, incoraggiare e riconoscere i miglioramenti e gli obiettivi raggiunti 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 43

44 LA DOCUMENTAZIONE DEI SISTEMI QUALITA Affinché un organismo esterno possa effettuare una verifica e rilasciare la certificazione, il Sistema Qualità deve essere documentato 1 livello Manuale ORGANIZZAZIONE A 4 LIVELLI 2 livello Procedure gestionali 3 livello Istruzioni operative 4 livello Allegati, deleghe, documenti registrazione QUALITÀ 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 44

45 Strutturazione della documentazione Manuale di gestione Qualità Documento di carattere generale che descrive il sistema Qualità aziendale indicando: il Sistema di Gestione Qualità predisposto per la gestione delle attività o servizi che possono produrre aspetti/impatti sulla Qualità aziendale le responsabilità interne dell'organizzazione la mappatura dei processi gli obiettivi, le responsabilità e gli impegni per lo sviluppo ed il mantenimento del Sistema Qualità 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 45

46 Strutturazione della documentazione Procedure di gestione Qualità Sono documenti che descrivono, in modo dettagliato, le modalità operative attraverso cui si realizzano i processi aziendali ed i processi del Sistema Qualità Le procedure precisano sia le attività che vengono svolte all interno dei processi, sia le responsabilità di chi le esegue 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 46

47 Strutturazione della documentazione Istruzioni operative e di controllo Sono documenti che forniscono in modo conciso e sequenziale disposizioni sulle modalità di esecuzione e/o di controllo di una specifica attività legata ad un processo Il fine che si prefigge una istruzione operativa e di controllo è quello di consentire a chi la utilizza di: operare in condizioni prestabilite e controllate prevenire situazioni pregiudizievoli la qualità o comunque, situazioni che potrebbero portare ad una non completa soddisfazione del cliente 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 47

48 Documenti di registrazione I documenti di registrazione sono la documentazione di supporto ai processi e relative attività descritte nel manuale, nelle procedure e nelle istruzioni I documenti di supporto sono i seguenti: Moduli ovvero documenti predisposti per la compilazione, come una comunicazione interna Allegati ovvero documenti già compilati, come lo statuto dell Organizzazione Tabelle Targhette, timbri, ecc. 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 48

49 Riflessione Confrontare con pag.2 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 49

50 IL PROCESSO DI BOLOGNA Nel 1999 l Europa si pose l'obiettivo di accrescere la competitività internazionale del sistema europeo dell'istruzione superiore. Di conseguenza, vennero assunti i seguenti obiettivi: Adozione di un sistema di titoli di semplice leggibilità e comparabilità Adozione di un sistema essenzialmente fondato su due cicli principali, rispettivamente di primo e di secondo livello Consolidamento di un sistema di crediti didattici, acquisibili anche in contesti diversi, compresi quelli di formazione continua e permanente, purché riconosciuti dalle università di accoglienza, quale strumento atto ad assicurare la più ampia e diffusa mobilità degli studenti Promozione della mobilità mediante la rimozione degli ostacoli al pieno esercizio della libera circolazione Promozione della cooperazione europea nella valutazione della qualità al fine di definire criteri e metodologie comparabili Promozione della necessaria dimensione europea dell'istruzione superiore, con particolare riguardo allo sviluppo dei curricula, alla cooperazione fra istituzioni, ecc. 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 50

51 CONSEGUENZE DEL PROCESSO DI BOLOGNA Conseguenza principale: introduzione del sistema a tre cicli - Laurea, Master, Dottorato - che ha reso (avrebbe dovuto rendere!) necessaria la riprogettazione di tutti i CdS non basati sul concetto di cicli Infatti, tali corsi erano prevalentemente «centrati sul docente»: l oggetto degli studi era quello che i singoli docenti pensavano che lo studente dovesse apprendere nei loro insegnamenti In un sistema a cicli i corsi di studio devono essere progettati considerando ogni ciclo come una entità a sé stante. I primi due cicli, infatti, dovrebbero non solo permettere l accesso al ciclo successivo ma anche al mondo del lavoro L introduzione di un sistema a tre cicli implica il passaggio da un approccio centrato sul docente ad un approccio centrato sullo studente, assumendo lo studente come centro del processo di insegnamento e di apprendimento Conseguenza secondaria: Per assicurare la propria Qualità un CdS deve stabilire risultati di apprendimento attesi del servizio di formazione offerto coerenti con i fabbisogni e le aspettative della società e del mercato del lavoro 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 51

52 CONSEGUENZE DEL PROCESSO DI BOLOGNA Nei nuovi corsi di studio l attenzione non deve essere posta su quello che bisogna insegnare allo studente, ma su quello che lo studente deve apprendere e sullo sviluppo delle sue competenze. E lo studente, infatti, che deve essere preparato al meglio per il suo futuro ruolo nella società Pertanto, in un sistema a cicli i corsi di studio dovrebbero essere organizzati in vista dei risultati di apprendimento attesi e delle competenze che devono essere sviluppate/acquisite da parte dello studente nel corso del processo formativo Da ciò deriva anche l importanza dell utilizzo del concetto di competenza come base per la definizione dei risultati di apprendimento attesi 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 52

53 Le competenze Le competenze sono una combinazione dinamica di conoscenze, comprensione e capacità (intellettuali, interpersonali e pratiche) e possono essere articolate tra «competenze specifiche», riferite al campo di studio e «competenze generiche (o trasversali)», comuni ad ogni corso di studio Le competenze sono acquisite o sviluppate dallo studente durante il percorso formativo. La loro acquisizione da parte degli studenti è l obiettivo di ogni corso di studio. In particolare le competenze devono essere coerenti con i fabbisogni e le aspettative delle parti interessate (studenti e mondo del lavoro in primis) 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 53

54 Risultati di apprendimento attesi e competenze I risultati di apprendimento attesi rappresentano quello che ci si aspetta uno studente conosca, abbia compreso e sia in grado di dimostrare alla fine del percorso formativo I risultati di apprendimento devono essere stabiliti dal CdS in coerenza con le competenze che lo studente deve acquisire o sviluppare durante il percorso formativo. Conseguentemente, i risultati di apprendimento devono essere allineati con le competenze 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 54

55 ENQUA: Standard e procedure per l Assicurazione Qualità nella formazione superiore Nel 2005 (a Bergen/Norvegia, maggio) i Ministri dell Istruzione di 45 Stati, firmatari del Processo di Bologna, sottoscrissero un accordo fondato su una base condivisa di standard, procedure e linee guida sui processi di assicurazione della qualità nell istruzione superiore La base condivisa suddetta, elaborata dall ENQA (European Association for Quality Assurance in Higher Education), ha apportato un rilevante contributo allo sviluppo della dimensione europea in materia di assicurazione della qualità, contribuendo così al conseguimento degli obiettivi del Processo di Bologna 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 55

56 ENQUA: Standard e procedure per l Assicurazione Qualità nella formazione superiore Standard e linee guida europei per l assicurazione interna ed esterna della qualità nell istruzione superiore Parte 1: Standard e linee guida europei per l assicurazione interna della qualità nelle istituzioni di istruzione superiore Parte 2: Standard e linee guida europei per l assicurazione esterna della qualità dell istruzione Superiore.. Parte 3: Standard europei per le agenzie di assicurazione esterna della qualità 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 56

57 ENQUA: Standard e procedure per l Assicurazione Qualità nella formazione superiore Parte 1: Standard e linee guida europei per l assicurazione interna della qualità nelle istituzioni di istruzione superiore 1.1 Linee di indirizzo e procedure per l assicurazione della qualità: le istituzioni dovrebbero formulare chiare politiche e procedure per l assicurazione della qualità e degli standard dei propri corsi e titoli di studio. Esse dovrebbero, altresì, impegnarsi esplicitamente a sviluppare una cultura che riconosca l importanza della qualità e della sua assicurazione. A tal fine, dovrebbero progettare e porre in essere strategie per il continuo miglioramento della qualità. Strategie, politiche e procedure devono essere formalizzate e rese note al pubblico. Devono inoltre prevedere il coinvolgimento degli studenti e delle altre parti interessate 1.2 Approvazione, monitoraggio e revisione periodica di corsi e titoli di studio: le istituzioni dovrebbero prevedere un meccanismo formale per l approvazione, la revisione periodica ed il monitoraggio dei loro corsi di studio e dei titoli rilasciati 1.3 Verifica del profitto degli studenti: gli studenti dovrebbero essere valutati usando criteri, regole e procedimenti resi pubblici ed applicati in modo coerente 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 57

58 ENQUA: Standard e procedure per l Assicurazione Qualità nella formazione superiore 1.4 Assicurazione della qualità dei docenti: le istituzioni dovrebbero accertare che i docenti siano qualificati e competenti. Inoltre, i docenti dovrebbero essere disponibili a sottoporsi a valutazioni esterne con relativi rapporti 1.5 Risorse didattiche e sostegno agli studenti: le istituzioni dovrebbero garantire che le risorse messe a disposizione degli studenti siano adeguate e appropriate al corso di studi offerto 1.6 Sistemi informativi: le istituzioni devono assicurare la raccolta, l analisi e l utilizzo delle informazioni necessarie per l efficace gestione dei propri corsi di studio e delle altre attività svolte 1.7 Pubblicità delle informazioni: le istituzioni dovrebbero pubblicare regolarmente informazioni aggiornate, imparziali e oggettive, sia di carattere quantitativo che qualitativo, sui corsi di studio e i titoli offerti 01/12/2014 COSTANTINO FORMICA 58

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 09 gennaio 2013 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore

Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore 1 Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore European Association for Quality Assurance in Higher Education La stampa della presente Guida è

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA PRESIDIO PER LA QUALITA DELLA FORMAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI 1) La Scheda Unica Annuale del (SUA-) e in particolare la sezione

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 SUA-RD Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 Finalità della presentazione Questa presentazione ha lo scopo di esaminare le modalità di compilazione della

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10)

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) Roma, aprile 2011 DENTRO IL LABIRINTO La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) di Emanuela Stefani e Vincenzo Zara DENTRO IL LABIRINTO. LA SOSTENIBILITA'

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233 ed in particolare l articolo 1, comma 8; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli