CORSO DI ALPINISMO Dispensa informativa sulla progressione su ghiacciaio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI ALPINISMO Dispensa informativa sulla progressione su ghiacciaio"

Transcript

1 CORSO DI ALPINISMO Dispensa informativa sulla progressione su ghiacciaio

2 INTRODUZIONE La conoscenza della neve e dei fenomeni legati alla sua trasformazione e l'esperienza di numerose ascensioni non sono sufficienti di per sé ad azzerare il fattore di rischio insito nell'attraversamento dei ghiacciai. Se la superficie del ghiacciaio è ricoperta da uno strato di neve non esiste alcun metodo o accorgimento che possa garantire la certezza nell'individuazione dei crepacci nascosti o della stabilità dei ponti di neve. Essendo la caduta in un crepaccio il rischio maggiore nell'attraversamento di un ghiacciaio, è buona norma legarsi in cordata adottando perlopiù l'andatura di "conserva", giusto compromesso tra le esigenze di sicurezza e rapidità di progressione, limitando le manovre di assicurazione su ancoraggi fissi a particolari ed evidenti situazioni di pericolo. Nelle seguenti pagine vi saranno fornite alcune indicazioni di massima in merito ai materiali, all'organizzazione dell'ascensione, della formazione della cordata e delle tecniche di progressione. SOMMARIO MORFOLOGIA DEI GHIACCIAI PREPARAZIONE DELL'ASCENSIONE E SCELTA DELL'ITINERARIO FORMAZIONE DELLA CORDATA MODALITÀ DI ASSICURAZIONE - OPERAZIONI PRELIMINARI MODALITÀ DI ASSICURAZIONE - DISTANZE DI COLLEGAMENTO TECNICHE DI MOVIMENTO DELLA CORDATA SUL GHIACCIAIO TECNICHE DI MOVIMENTO SUL GHIACCIAIO - PREDISPOSIZIONE DELL'ANCORAGGIO TECNICHE DI MOVIMENTO SUL GHIACCIAIO - MANOVRE DI AUTOSOCCORSO PRINCIPALI ATTREZZI DA GHIACCIO TECNICHE DI PROGRESSIONE SU GHIACCIO

3 MORFOLOGIA DEI GHIACCIAI Illustrazioni a Tavola I Un ghiacciaio si può scomporre in due zone principali: il bacino di collettore, dove si accumulano le precipitazioni nevose e dove a causa di vari fenomeni, quali ad esempio la pressione degli strati di neve ed i processi termici avviene la trasformazione della neve in ghiaccio; il bacino di erosione, ove defluisce la suddetta massa. Le tensioni dovute alle diverse velocità di deflusso causate dai cambi di pendenza, strozzature, ostacoli e accidenti del letto di scorrimento provocano nella massa di ghiaccio in movimento delle spaccature più o meno profonde. Tali spaccature sono definite comunemente crepacci (Fi.1), e rispetto alla loro posizione all'interno del ghiacciaio si distinguono in: crepacciate terminali ovvero spaccature più o meno ampie situate nella parte alta del ghiacciaio al limitare del bacino di alimentazione. Separano la parte in movimento del ghiacciaio da quella parte di ghiaccio che rimane fissa sulle pareti delle montagne che circondano il bacino di alimentazione; crepacci marginali situati nella parte laterale del ghiacciaio a contatto con le pareti del letto di scorrimento del ghiacciaio; crepacci centrali situati appunto nella zona centrale della lingua ghiacciaio; crepacci frontali situati sulla fronte della colata del ghiacciaio. Esistono due principali tipologie di crepacci: crepacci a forma di "V" - ovvero più o meno larghi in superficie ed in progressivo restringimento verso il fondo; crepacci a forma di "campana " - ossia più o meno stretti in superficie ed in progressivo allargamento verso il fondo. Quando il letto di scorrimento si affaccia su di un brusco cambio di pendenza (scarpata o dirupo), nel ghiaccio si producono delle fratture molto più marcate ed evidenti, che provocano la formazione di blocchi di ghiaccio accavallati. Ciò da luogo ad un paesaggio caotico e tormentato di crepacci e blocchi di ghiaccio; questa zona del ghiacciaio vene definita Seraccata. Crepacci e seracchi essendo provocati dalle suddette concause, si vengono a trovare sempre nello stesso posto e sono normalmente segnalati nelle carte topografiche. Altri segnali per l'individuazione dei crepacci possono essere rilevati direttamente sul terreno di salita; ma questi saranno riconoscibili soltanto ad un occhio esperto che sa valutare i cambiamenti di stato del manto nevoso, le linee di prolungamento delle fessurazioni dei crepacci ecc. ecc. A seconda delle condizioni climatiche e delle stagioni il ghiacciaio può presentarsi in due stati: umido quando la superficie del ghiacciaio è rivestita da uno strato di neve, secco quando lo strato di neve si è dissolto, in tal caso i crepacci saranno più facilmente individuabili.

4 PREPARAZIONE DELL'ASCENSIONE E SCELTA DELL'ITINERARIO Prima della partenza per il luogo dell'ascensione: Informarsi sulle previsioni del tempo possibilmente ascoltando i bollettini meteorologici almeno una settimana prima della data dell'ascensione. Preparare con cura il materiale occorrente per l'ascensione. Sul luogo dell'ascensione: A meno che non conosciate già l'itinerario, non confidare mai esclusivamente della presenza di una traccia di salita precostituita, ma seguire sempre la seguente procedura: Informarsi dal gestore del rifugio o dalle Guide Alpine o altri Alpinisti che già hanno effettuato l'ascensione, sulle condizioni del ghiacciaio, e sulle sue zone maggiormente pericolose e crepacciate. Avvalendosi delle informazioni raccolte, della relazione della salita, e delle osservazioni effettuate in loco, studiare il percorso di salita sulla cartina, e quindi redigere lo schizzo di rotta, importantissimo per orientarsi sul ghiacciaio in caso di scarsa visibilità. È buona norma partire molto presto, anche nel pieno della notte, si potrà così transitare sul ghiacciaio nelle ore più fredde della giornata; condizione essenziale per trovare in uno stato di maggiore stabilità ponti di neve e seracchi. FORMAZIONE DELLA CORDATA La formazione di cordata si determina valutando attentamente una serie di fattori che sinteticamente vi elenchiamo: 1. CONDIZIONI ESTERNE DEL GHIACCIAIO secco (se ghiaccio vivo); umido (se ricoperto di neve). 2. CONDIZIONI OGGETTIVE DEL GHIACCIAIO poco tormentato (con pochi crepacci e seracchi); molto tormentato. 3. TIPOLOGIA DEL PERCORSO salita; in piano; in discesa. 4. NUMERO DEGLI ELEMENTI DELLA CORDATA due persone tre persone 5. ABILITÀ ALPINISTICHE DEI COMPONENETI DELLA CORDATA 6. MATERIALE TECNICO A DISPOSIZIONE 7. LIVELLO DI CONOSCENZA DELLE MANOVRE DI AUTOSOCCORSO

5 Si deve tenere conto che al verificarsi delle seguenti situazioni ci si trova ad operare in condizioni di Estrema difficoltà. il ghiacciaio risulta ricoperto di neve dura o fresca (Ghiacciaio Umido); il ghiacciaio presenta molti crepacci e zone seraccate (molto tormentato); il percorso presenta dei tratti in discesa in zone presumibilmente crepacciate; il numero dei componenti della cordata ed il materiale a disposizione è minimale; non tutti i componenti della cordata possiedono abilità alpinistiche atte ad affrontare una situazione di emergenza e risultano carenti nella conoscenza delle manovre di autosoccorso. Soltanto dopo aver vagliato attentamente le condizioni sopra citate, si potrà decidere il modo migliore per formare la cordata. MODALITÀ DI ASSICURAZIONE - OPERAZIONI PRELIMINARI Illustrazioni a Tavola II Le modalità di collegamento tra i componenti della cordata si traducono in diverse regole, alcune valide in ogni occasione, altre variabili in quanto relative alla valutazione di una serie di fattori contingenti, quali le condizioni ambientali e le capacità ed esperienza dei membri della cordata. Le regole sempre valide sono le seguenti: Il collegamento della corda di cordata con l imbragatura deve avvenire tramite un nodo mezzo barcaiolo realizzato su di un moschettone a ghiera collegato all anello di servizio. Sia in testa alla cordata, che in coda deve avanzare una certa quantità di corda da tenere a spalla, o infilata nello zaino, il capo libero finale della corda va assicurato all imbragatura mediante un nodo delle guide con frizione, come per un normale incordamento. Cordata di due elementi: I componenti della cordata realizzano una maniglia (comunemente chiamata cordino da ghiacciaio) con nodo auto bloccante (prusik) sulla corda usando un cordino lungo circa 3.50m e di diametro non inferiore a 7 mm. L anello del cordino deve essere chiuso mediante un asola di bloccaggio e controasola. Per la realizzazione di tale maniglia si produce su di un capo del cordino un nodo semplice delle guide, in modo tale da produrre una piccola asola. In questa si fa passare l altro capo del cordino e lo si blocca con asola e controasola di bloccaggio, poi sull anello di cordino che sta dalla parte del nodo semplice fare un nodo con entrambe i rami del cordino producendo così un altra asola, questa deve essere sufficientemente lunga da poter realizzare il prusik sulla corda di cordata (vedi figura) È importante notare che il prusik deve stare dal lato descritto del cordino altrimenti al momento dello scioglimento dell asola e controasola per aprire il cordino si potrebbero avere dei problemi (vedi paranco mezzo poldo). La funzione della maniglia è di poter scaricare in fretta il peso di un compagno caduto in un crepaccio, che inizialmente grava sull imbracatura di chi ha trattenuto la caduta, su di un primo ancoraggio di fortuna. Durante la marcia normale la maniglia non si impugna ma va fatta passare sotto una fettuccia dell imbragatura in modo che non entri in tensione anche in caso di tensionamento della corda.

6 Cordata di tre elementi: Il componente intermedio si lega a metà corda realizzando con un nodo delle guide con frizione un asola lunga circa 50/60 cm che viene collegata all imbracatura tramite moschettone con ghiera e nodo barcaiolo. L asola distanziatrice consente che in caso di caduta di uno dei componenti della cordata possa intervenire anche il terzo componente per aiutare nella trattenuta mentre il nodo barcaiolo evita il movimento dell asola all interno del moschettone. Nell eventualità di una caduta di uno dei compagni la corda in tensione porterà il nodo verso terra, l asola quindi va realizzata abbastanza ampia, in modo tale da permettere all individuo di restare in piedi. Sul ramo di corda che va verso il primo di cordata si realizza una maniglia come nel caso della cordata di due elementi. Tutti i componenti della cordata dovranno tenere nella mano opposta a quella che porta la piccozza la corda distesa, in tal modo si eviterà di inciampare nella corda stessa; ma soprattutto si potrà avvertire anche se distratti (nel caso che uno dei membri cada in un crepaccio) la tensione della corda prima che lo strappo venga a trasmettersi all imbracatura (punto di collegamento con la corda). le regole variabili sono: La distanza di collegamento tra i membri della cordata (corda distesa). La posizione del capocordata, dove per capocordata deve intendersi il più esperto tra i componenti della cordata. L'opportunità di ricavare dei nodi a palla sulla corda. Per la valutazione dei fattori variabili occorre comunque tenere presente che: Per poter effettuare il paranco veloce di Vanzo o triangolo, occorre aver a disposizione una scorta di corda pari a circa il doppio della distanza di collegamento tra il compagno caduto e quello che lo trattiene (corda distesa). Le probabilità di caduta in un crepaccio sono notevolmente superiori per il primo di cordata. È inutile mettere a disposizione corda sufficiente per effettuare le manovre di autosoccorso al componente che non sa realizzare le manovre stesse. In questo caso è preferibile garantirsi la tenuta, aumentando la distanza di collegamento ed eventualmente realizzando dei nodi a palla intermedi. Nel caso in cui si disponga di due corde (attraversamento di ghiacciaio per raggiungere l'attacco della via), sarà opportuno che la seconda sia affidata all'ultimo di cordata. La posizione del capo cordata dipende generalmente dal tipo di percorso da seguire. Normalmente costui si pone davanti in piano e in salita, da ultimo in discesa.

7 È buona norma che ogni componente della cordata abbia a disposizione sempre almeno 2 chiodi da ghiaccio. Ciò consentirà a chi è rimasto fuori di realizzare un buon ancoraggio (una sosta) e a chi è caduto (naturalmente se è cosciente) di infiggere il chiodo nella parete del crepaccio e di auto-assicurarsi a questo, impedendo ulteriori scivolate a maggiore profondità. Questo accorgimento aumenta la sicurezza della cordata durante le prime fasi dell allestimento delle manovre di soccorso, mentre il compagno sta predisponendo gli opportuni punti di ancoraggio, oltre a conferire una maggiore tranquillità psicologica al caduto. L'uso dei ramponi è consigliato, anche nei casi in cui la condizione della neve tende a formare un accumulo sotto i ramponi comunemente definito zoccolo (ghiacciaio umido). In ogni caso essi contribuiranno ad aumentare il grado di tenuta, e, di non secondaria importanza, potranno facilitare la risalita autonoma. Esistono in commercio delle suolette antizoccolo che opportunamente installate sui ramponi impediscono di fatto il formarsi dei pericolosi zoccoli di neve. MODALITÀ DI ASSICURAZIONE - DISTANZE DI COLLEGAMENTO Illustrazioni a Tavola III Cordata di due elementi: Nel caso in cui prevalga la scelta che ogni componente della cordata debba essere in condizioni di poter effettuare qualsiasi tipo di manovra di autosoccorso è necessario disporre di una corda da 50 metri o superiore, non potendo la distanza di collegamento tra i due componenti della cordata essere inferiore ai 10 metri. Cordata di tre elementi: Ferma l'esigenza di mantenere una distanza minima di 10 metri tra membri della cordata, anche in questo caso è necessario disporre di una corda di almeno 50 metri; è comunque meglio utilizzare corde di lunghezza superiore (60mt) che consentono di rispettare in ogni caso la proporzione "scorta/distanza" consigliata. Tra le varie formazioni possibili, la cordata da tre elementi è senza dubbio quella che garantisce una maggiore sicurezza nelle trattenute delle cadute e nelle manovre di soccorso. Cordata di quattro e più elementi: In considerazione dei vincoli della distanza minima di collegamento dei componenti della cordata (10 metri), e della relativa scorta di corda (circa il doppio della distanza di collegamento), riteniamo che tali formazioni siano da sconsigliarsi. Meglio comporre più distinte cordate delle due tipologie precedenti.

8 In situazioni particolari le suddette disposizioni possono essere modificate, o integrate con accorgimenti particolari, come ad esempio: nell attraversamento di un ghiacciaio molto tormentato, la distanza di 10 metri potrebbe non essere sufficiente a garantire la sicurezza della cordata. In tal caso, e comunque nei tratti del percorso ritenuti più pericolosi, è buona norma che la distanza di collegamento venga aumentata anche a scapito della riduzione della scorta di corda. Un altro metodo per aumentare il grado di tenuta della caduta è quello di effettuare dei nodi intermedi sul tratto della corda distesa (generalmente due nodi alla distanza di 3 m. dai componenti). Tali nodi (detti nodi a palla) esercitano un effetto frenante in quanto tendono a bloccarsi nel bordo del crepaccio. Questo accorgimento risulta efficace solamente in presenza di ghiacciaio umido. Si osservi che i nodi a palla, se da un lato danno maggiori garanzie di tenuta, dall'altro rendono un poco più problematica e lenta la realizzazione del recupero del caduto attraverso l'esecuzione di paranchi. Per l esecuzione dei nodi a palla e quelli relativi ai cordini sulla corda di cordata, fare riferimento alla tavola IV TECNICHE DI MOVIMENTO DELLA CORDATA SUL GHIACCIAIO Illustrazioni a Tavola V Come già indicato nella scheda - Preparazione e scelta dell'itinerario - la scelta del percorso teorico di salita va effettuata tenendo conto di tutta una serie di indicazioni (informazioni raccolte dal rifugista, Guide alpine o alpinisti, consultazione della carta topografiche, relazioni, ecc. ecc.). Il percorso reale però, deve anche tenere presente delle condizioni oggettive del ghiacciaio (ad esempio una zona crepacciata non rilevabile dalla relazione o dalla carta topografica) e potrebbe pertanto prevedere delle variazioni rispetto all'itinerario teorico. Sia che ci si trovi ad operare in condizioni particolarmente delicate (es. ghiacciaio "umido") sia in condizioni di relativa tranquillità, è indispensabile progredire sempre a corda distesa, anche quando si viaggia su di una traccia precostituita. In tale modo lo strappo, nel caso di una inavvertita caduta di un compagno in un crepaccio, sarà più facilmente controllabile. Non di rado si vedono cordate di alpinisti che erroneamente procedono ravvicinati con anelli di corda tenuti nella mano: tale modo di procedere è assolutamente da evitare, la corda tra i vari membri della cordata deve invece essere il meno lasca possibile. I crepacci, quando non possono essere aggirati, devono essere affrontati perpendicolarmente al loro asse longitudinale, cercando di individuare un ponte di neve stabile o un punto sufficientemente stretto da consentire il loro scavalcamento (Fig. 1). Generalmente si procedere in fila indiana, cercando di scostarsi il meno possibile dalla traccia del compagno che ci precede, tale condizione non è valida nel caso in cui la zona crepacciata presenti fessure orientate nella direzione di marcia. In tal caso occorre affrontare la zona procedendo sfalsati, ovvero ogni alpinista dovrà progredire seguendo un suo itinerario. Questo accorgimento riduce notevolmente il rischio di trovarsi contemporaneamente sullo stesso ponte di neve (Fig. 2).

9 Durante le soste, i membri della cordata devono restare disposti lungo la corda evitando di raggrupparsi tutti in un unico punto. I componenti potranno eventualmente raggrupparsi soltanto nelle zone esaminate e ritenute sicure dal capocordata. In ogni caso evitare di sostare nei pressi di zone a rischio di scarico (caduta di sassi, slavine, valanghe e sotto o nei pressi di seraccate). TECNICHE DI MOVIMENTO SUL GHIACCIAIO - ARRESTO DI UNA CADUTA Illustrazioni a Tavola VI Il modo in cui scorre la corda al momento di una caduta in un crepaccio, ha un grande effetto sulla gravità della caduta stessa. È per tale ragione che diventa di fondamentale importanza l'attenzione che ogni componente della cordata pone nel fare in modo che il tratto di corda tra lui ed il compagno si allenti il meno possibile. Ogni centimetro di allentamento della corda è uno spazio lungo il quale chi cade aumenta la velocità di caduta, prima che il compagno vicino possa iniziare a trattenere la caduta. Diversamente se la corda viene mantenuta alla giusta tensione, la forza generata dalla caduta arriva al compagno immediatamente, prima che il caduto sia ormai affondato nel crepaccio e prima che si generi una alta velocità e di conseguenza un forte strappo. Bisogna fare attenzione comunque a non tendere troppo la corda, infatti chi tira eccessivamente la corda non fa altro che trasmettere tensione emotiva ai compagni, infastidendone la progressione. La corda dovrebbe scendere dall'imbracatura di ogni componente della cordata e arrivare all'altro senza allentamenti ne tensioni (fig. 1). In questo modo la maggior parte delle cadute, può essere arrestata tempestivamente, semplicemente opponendo una resistenza contraria al senso di caduta. Non appena si avverte la trazione della corda, ci si predispone ad arrestare la caduta puntando la gamba in avanzamento, arretrando le spalle, abbassando compatibilmente con la forza di trazione il baricentro: ciò si ottiene flettendo le gambe in modo di avvicinare il bacino al terreno, fino ad arrestare la caduta (fig. 2). Anche l'alpinista caduto nel crepaccio dovrà adoperarsi, condizioni fisiche permettendo, per aiutare i compagni, ancorandosi se gli è possibile con un chiodo da ghiaccio sulla parete del crepaccio ed eventualmente, curandosi di avvertite i compagni fuori, risalendo autonomamente la corda a mezzo dei prusik o scalando le pareti del crepaccio. ANCORAGGIO DEL CADUTO Se nonostante la tempestività dell'azione di arresto, il caduto venisse a trovarsi a diversi metri di profondità all'interno del crepaccio, per poter porre in atto una qualsiasi manovra di soccorso, l'alpinista che ha trattenuto la caduta, deve svincolarsi dalla corda agganciandola ad un d'ancoraggio fisso. Ancora una volta le condizioni del ghiacciaio (se "umido" ricoperto di neve o "secco" superficie di ghiaccio più o meno duro) diventano determinati per la scelta delle modalità e del materiale con cui predisporre l'ancoraggio.

10 TECNICHE DI MOVIMENTO SUL GHIACCIAIO - PREDISPOSIZIONE DELL'ANCORAGGIO Illustrazioni a Tavola VII Ghiacciaio umido Come abbiamo già visto, le cadute in un crepaccio per ovvie ragioni, sono molto più frequenti quando uno strato di neve ricopre il ghiacciaio. In questo caso la tenuta dei chiodi da ghiaccio nella neve è del tutto nulla pertanto, il primo punto d'ancoraggio sarà realizzato con l'ausilio della piccozza. La piccozza dovrà essere inserita nella neve con un angolo di entrata acuto (fig. 1) sulla testa sarà fissato un cordino con nodo a bocca di lupo incrociato. Inserite un moschettone a ghiera nel cordino e collegate il prusik giá predisposto sulla corda, scaricando gradualmente il peso del compagno caduto sull'ancoraggio così predisposto. Dopo esservi a vostra volta auto assicurati e svincolati dalla corda, conviene consolidare l'ancoraggio predisponendone un altro da collegare al primo, utilizzando una seconda piccozza o se disponibile uno degli attrezzi a seguito descritti. Il corpo morto È un attrezzo composto da una piastra in lega di alluminio predisposta con un cavetto di acciaio, abbastanza lungo da facilitare l'inserimento della piastra in profondità nella neve, dove in seguito ci si assicurerà per eseguire le manovre (fig. 2). È importante che il punto di ancoraggio si trovi alcuni metri più in basso rispetto al punto di inserimento del corpo morto (fig. 2 - A). Può essere utile pressare la neve dopo aver infisso il corpo morto. All'occorrenza anche lo zaino, una pietra, la piccozza e sci possono essere usati come corpo morto. Il fittone È costituito da tubolare o profilato in lega leggera e ha una lunghezza non inferiore a 40 cm, si infigge nella neve con un'inclinazione di circa 30 rispetto alla perpendicolare di carico (fig. 2). Nella neve molto solida o dura, come è la neve ghiacciata o battuta dal vento freddo tipica delle vette più alte, i fittoni rappresentano forse il migliore sistema di ancoraggio, essi si infiggono con colpi di martello o con la pressione degli scarponi. In caso di neve inconsistente anziché infisso può essere eventualmente seppellito di lato nella neve come corpo morto (fig. 2 - B), tale operazione può essere effettuata anche con la piccozza. Ghiacciaio secco Con l'aiuto della piccozza rimuovere lo strato di ghiaccio friabile fino a mettere a nudo il ghiaccio vivo, quindi con la becca creare un invito nel quale avvitare il chiodo da ghiaccio avendo cura di introdurlo con una leggera angolazione dal lato opposto alla linea di trazione per evitare che si sfili durante la sollecitazione. Il chiodo deve essere infisso fino a quando l'anello o la leva di avvitamento non appoggi sulla superficie del ghiaccio, se ciò non fosse possibile, non inserire mai il moschettone nell'anello di servizio del chiodo perché si verrebbe a creare una leva sfavorevole, ma strozzate sul gambo del chiodo un cordino tramite un nodo a bocca di lupo. A questo punto agganciate un moschettone al cordino ed inseritegli il prusik predisposto sulla corda scaricando progressivamente il peso del compagno caduto sull'ancoraggio. Conviene consolidare l ancoraggio inserendo un secondo chiodo, andando così a formare una vera e propria sosta su ghiaccio. Una volta assicurato il vostro compagno potete, dopo esservi auto assicurati in modo opportuno, svincolarvi dalla corda acquisendo in tal modo la libertà di movimento necessaria per approntare le manovre di auto soccorso.

11 TECNICHE DI MOVIMENTO SUL GHIACCIAIO - MANOVRE DI AUTOSOCCORSO Acquisita la necessaria libertà di movimento, la prima cosa da farsi è verificare le condizioni del vostro compagno; il suo stato di salute sarà determinante nella scelta del tipo di manovra da porre in atto. Se il caduto è cosciente e non si è ferito, sarà in grado di aiutare i compagni nell'azione di autosoccorso, a tal fine dovrà cercare innanzi tutto di ancorarsi con un chiodo da ghiaccio sulla parete del crepaccio. Cone gia accennato il caduto potrebbe anche riuscire ad uscire da solo dal crepaccio, ad esempio risalendo lungo la corda tramite la predisposizione di due nodi auto bloccanti (nel caso di crepaccio a campana), o risalendo la parete del crepaccio con la tecnica più idonea. Nel caso che il compagno caduto non sia comunque in grado di uscire autonomamente dal crepaccio, Vi indichiamo due particolari manovre di autosoccorso. 1. CARRUCOLA SEMPLICE CON RINVIO AL COMPAGNO (metodo del collegamento a triangolo o paranco di Vanzo). Tale manovra è la più semplice e veloce tra quelle attuabili quando si è in possesso di una sola corda ed in presenza di nodi a palla. 2. MEZZO POLDO. Illustrazioni a Tavola VIII CARRUCOLA SEMPLICE CON RINVIO AL COMPAGNO La preparazione di questa manovra è abbastanza semplice, la sua realizzazione è comunque vincolata alla soddisfazione seguenti condizioni: il compagno caduto deve essere in grado di collaborare; si deve disporre di una scorta di corda libera pari al doppio della lunghezza del ramo di corda che va dall'ancoraggio al compagno caduto. Descrizione delle fasi operative (fig. 1): 1. dopo aver bloccato con un nodo barcaiolo nel vertice della sosta la corda di cordata che esce dal prusik con cui si è scaricato il peso sul primo ancoraggio infisso, predisporre un cordino del diametro di 7-8 mm e lungo circa 3-3,5 m; in mancanza si potranno utilizzare più cordini opportunamente giuntati; 2. con il cordino eseguire un nodo auto bloccante (prusik o maschard) sul tratto di corda della scorta. Un capo del cordino deve essere collegato all'imbracatura del soccorritore con nodo barcaiolo con nodo semplice di sicurezza nel tratto di corda in uscita dal nodo. Ciò consentirà al soccorritore, facendo scorrere sulla corda il nodo prusik, di avvicinarsi al bordo del crepaccio restando comunque assicurato all'ancoraggio. Essendo il nodo barcaiolo facilmente regolabile, risulta comodo per poter regolare la distanza dell imbragatura dal prusik posto sulla corda di cordata (vedi fig. 1) 3. inviare al compagno caduto il tratto di corda libera con un moschettone affinché questi provveda a collegarlo all'imbracatura; Se si dispone di una piastrina è meglio inviare questa al compagno, tale oggetto se piazzato correttamente dal compagno si comporterà da bloccante automatico (deve bloccare dal lato della corda ch non viene tirata, quella fissa in sosta) e si potrà così evitare di costruire un bloccante di sicurezza come ai successivi punti 4 e 5.

12 4. eseguire sulla parte di corda di ritorno un nodo auto bloccante (prusik) con il ramo libero del cordino utilizzato per auto assicurarsi. Questo nodo ha la funzione di bloccare la corda anche quando il soccorritore lascia la presa sulla corda che sta recuperando, così da non far ricadere il compagno nel crepaccio per tutto il tratto di corda precedentemente recuperato; 5. costruire un asola con un cordino e infilare un moschettone da rinvio (piccolo e stretto) nell asola e attorno alla corda da recuperare appena a monte del nodo autobloccante di sicurezza di cui al punto 4. Con le punte anteriori di un rampone infilare l asola e trattenerla a terra. Se non si dispone del moschettone idoneo è possibile realizzare un asola di cordino doppiato bloccata con un nodo qualsiasi intorno alla corda da recuperare e bloccare a terra l asola con le punte dei ramponi (come in figura); il risultato è il medesimo ma con il moschettone si hanno meno attriti e la manovra risulta facilitata. Questo accorgimento serve ad evitare che l autobloccante di sicurezza si muova verso l alto durante il recupero, ostacolando notevolmente la manovra (vedi fig. 2) 6. recuperare progressivamente la corda di ritorno dal caduto tirando non con le braccia ma usando gli arti inferiori. Per fare ciò bisogna vestire la corda come nel caso della sicura a spalla, rannicchiarsi e poi estendere le gambe, far agire l autobloccante per fermare la corda, rannicchiarsi di nuovo e così via; in questa operazione il compagno caduto aiuterà il soccorritore scaricando la corda di recupero sollevandosi a braccia sulla corda di ancoraggio. MEZZO POLDO Illustrazioni a Tavola IX Da utilizzare quando si ritiene necessario recuperare un ferito dopo la caduta in un crepaccio quando questi non può collaborare (se ci sono attriti o un effetto taglio del bordo del crepaccio con la corda, bisogna cercare di attenuarli, ponendo sotto la corda una piccozza o un indumento). Una volta bloccata la caduta, trasferito il peso su un chiodo e costruita la sosta come nel caso del triangolo: 1. piazzare nel vertice della sosta una piastrina e infilare la corda di cordata in modo che la piastrina blocchi dal lato in cui e appeso il compagno. 2. Realizzare un machard sulla corda tesa che sostiene il compagno e inserire nei due anelli del cordino un moschettone. 3. Se l anello di cordino su cui si è scaricata la corda dispone di chiusura con asola e controasola, sciogliere la controasola e scaricare lentamente il peso sulla piastrina piazzata in sosta. Si noti l importanza di realizzare il prusik sul cordino dalla parte del nodo semplice, infatti in questo caso il capo che si sfila dal moschettone in sosta è privo di nodi, viceversa avremmo dovuto far passare il nodo semplice, rischiando possibili incastri. Se non siamo in presenza di un cordino con asola e controasola far passare la corda che esce dalla piastrina nel moschettone del machard, tirare la corda per pochi centimetri in modo da scaricare il prusik che si era piazzato subito dopo la caduta e che bloccava la corda trasmettendo il peso su un solo chiodo. In questo modo si è automaticamente passati nella piastrina al vertice della sosta. (nella figura si fa riferimento a questo caso più sfortunato). 4. eliminare il prusik piazzato inizialmente e che ora si trova a valle della piastrina e intralcia la manovra di recupero.

13 5. Posizionare un moschettone a base larga nel vertice della sosta o nel foro della piastrina. Far passare il capo libero di uno spezzone di cordino (minimo 9 mm), o il capo della corda alla quale siamo legati (dopo esserci auto assicurati alla sosta con altri mezzi, per esempio una longe), nel moschettone del machard e creare un nodo barcaiolo, con nodo di sicurezza, in cui inserire un moschettone. 6. Passare l altro capo libero del cordino o corda, prima nel moschettone posizionato al vertice della sosta o nel foro della piastrina, poi nel moschettone con barcaiolo e nodo sicurezza al capo della corda. A questo punto abbiamo costruito il paranco mezzo poldo. 7. Agire sul paranco recuperando la corda. Recuperare subito il lasco che si crea nella piastrina bloccando momentaneamente il paranco con una mano. Quando il moschettone nel capo della corda ha raggiunto la piastrina è possibile rimandarlo a contatto con il machard facendo ruotare il mezzo poldo. Una volta recuperato tutto il possibile, ovvero quando il machard si trova vicino alla piastrina, per proseguire, manderemo in carico la corda sulla piastrina e sposteremo verso il compagno il machard. Da qui in poi si continua come precedentemente descritto. PRINCIPALI ATTREZZI DA GHIACCIO Piccozza Le parti che compongono l'attrezzo piccozza sono: puntale, manico, dragone o lacciolo e testa, quest ultima a sua volta formata dalla lama o becca e dalla paletta o martello. A seconda del tipo di progressione varia la lunghezza dell'attrezzo. Per quanto riguarda la progressione su pendii non troppo ripidi la piccozza viene utilizzata principalmente come bastone, quindi si consiglia di utilizzare un attrezzo relativamente lungo. Prima di impugnare la piccozza bisogna far passare il lacciolo attorno al polso, quindi appoggiare il palmo della mano sulla paletta, stringendola tra le dita; la becca deve essere rivolta in avanti. In caso di progressione frontale la piccozza può essere impugnata indifferentemente sia dalla mano destra sia da quella sinistra, mentre nel caso di progressione diagonale la piccozza deve essere impugnata sempre dalla mano a monte. Anche in discesa la piccozza può essere impugnata indifferentemente dalla mano sinistra che destra, in questo caso però la becca deve essere rivolta a monte (vedi fig. 2), tale disposizione per agevolare i movimenti dell arresto in scivolata di un eventuale caduta. Utilizzo: Il braccio che porta la piccozza deve essere disteso lungo il corpo, il puntale deve penetrare nella neve o nel ghiaccio. Muovere i passi soltanto ad attrezzo piantato e impostare una sequenza ritmata: piantare la piccozza, muovere due passi - piantare la piccozza muovere due passi e cosi via. La piccozza deve essere piantata quando la gamba opposta al braccio che la porta è in posizione avanzata. Ramponi I ramponi sono stati ideati per consentire una progressione più rapida e sicura sui pendii ghiacciati. Prima della loro invenzione si utilizzava la tecnica del "gradinamento", che consisteva nell'intagliare con la piccozza nel pendio ghiacciato, dei gradini su cui posizionare i piedi. Tale operazione però oltre che ridurre la velocità di marcia, richiedeva anche un notevole dispendio di energie. I ramponi sono composti da un supporto di acciaio o lega leggera, dal quale si diramano, nella parte inferiore ed anteriore, una serie di punte o lame.

14 I ramponi vengono fissati agli scarponi per mezzo di legacci, di leve (attacco rapido) o un sistema misto di leve e legacci (semiautomatici). Esistono di diversi tipi di ramponi che si differenziano principalmente per la rigidità della struttura, per il numero delle punte e la loro posizione ed inclinazione, ognuno atto ad uno specifico terreno d'azione (es. progressione su pendii ghiacciati non ripidi, progressione mista roccia ghiaccio, cascate di ghiaccio ecc. ecc.). Per il corretto impiego, occorre che i ramponi siano perfettamente adattati alle calzature e che i sistemi di allacciatura consentano un fissaggio rapido e sicuro. Utilizzo: Con i ramponi si cammina distanziando i piedi (almeno cm) onde di evitare di inciampare o "ramponarsi" la gamba. Utilizzando i ramponi su neve molle, si deve fare attenzione ai pericolosi "zoccoli di neve" (accumuli di neve) che tendono a formarsi sotto ai ramponi. Questi possono essere eliminati con un colpetto del manico della piccozza sul fianco dello scarpone. Si noti che a seconda delle condizioni della neve può essere necessario ripetere tale operazione ad ogni passo, quando il piede sollevato e la gamba che compie il passo è felessa: risulta evidente la maggiore comodità e sicurezza fornita dall antizoccolo. Normalmente su neve molle i ramponi non devono essere calzati, fa eccezione a tale regola il caso in cui uno strato di questo tipo di neve ricopre un pendio il cui fondo è ghiacciato, in questo caso invece i ramponi diventano indispensabili. Per la progressione con i ramponi si adottano due tecniche fondamentali: la tecnica delle punte a piatto e la tecnica delle punte avanti. TECNICHE DI PROGRESSIONE SU PENDENZE MODERATE PROGRESSIONE FRONTALE CON RAMPONI PUNTE A PIATTO Il terreno appropriato per questo tipo di progressione è un pendio a pendenza moderata formato da neve dura o ghiaccio morbido: in queste condizioni questa tecnica si può adottare sia in salita che in discesa. Il passo si esegue alzando bene il piede dal suolo per evitare di inciampare con le punte dei rampini e pestando bene di piatto la pianta del piede sul terreno, con un unico colpo deciso per non sbriciolare il ghiaccio sotto le punte, condizione che renderebbe instabile la presa del rampone. Si cammina con le gambe leggermente divaricate in modo da far penetrare nel ghiaccio tutte le punte inferiori del rampone. È importante abituarsi a trasferire il peso del corpo sulla gamba in appoggio prima di spostare l'altra, per far ciò si deve spostare il bacino sulla perpendicolare della gamba d'appoggio: i movimenti degli arti inferiori vanno sempre preparati con il movimento del baricentro. Inoltre, con l'aumentare della pendenza diventa sempre più difficile far aderire tutte le punte al ghiaccio, risulta allora necessario aprire progressivamente le punte dei piedi (piede a papera) e piegare le caviglie. Durante la discesa posizionarsi faccia a valle, lungo la massima pendenza; il busto deve essere leggermente piegato in avanti, le gambe leggermente divaricate e flesse. Il passo si porta come descritto nella salita.

15 PROGRESSIONE DIAGONALE CON RAMPONI PUNTE A PIATTO In questo caso il terreno su cui utilizzare questo tipo di progressione è un pendio di neve dura o ghiaccio morbido che presenti una pendenza massima circa 35. Poiché con l'aumentare della pendenza la progressione frontale diventa sempre più difficile e faticosa, a causa dell'impossibilità di piegare ad oltranza le caviglie (movimento indispensabile per appoggiare l'intera pianta del suolo sul terreno), diventa quindi necessario adottare una linea di salita diagonale rispetto alla massima pendenza del pendio. Come per la progressione frontale, nella progressione diagonale occorre appoggiare energicamente al suolo l'intera pianta del piede in modo di far penetrare tutte le punte inferiori del rampone. Il piede a monte va posizionato parallelo alla direzione di marcia, il piede a valle aperto, con la punta che guarda a valle. La corretta posizione del piede a valle si ottiene con una torsione laterale della caviglia e, all aumentare della pendenza, per favorire la penetrazione delle punte, è necessario volgere maggiormente verso valle la punta del piede. Il busto deve essere leggermente flesso in avantie ruotato verso valle. La piccozza deve essere impugnata dalla mano a monte e viene utilizzata come appoggio, facendo penetrare il puntale nella neve o ghiaccio Deve essere spostata quando è avanzato il piede a valle. La progressione avviene con un ritmo costante: due passi, piccozza - due passi, piccozza ecc. ecc.

16 TAVOLA I - MORFOLOGIA DEI GHIACCIAI Figura 1. Tipologie e forme dei crepacci Pendio ripido ghiaccio stabile Crepaccia terminale o Bergschrund Ghiaccio in movimento Crepaccio a V o imbuto Crepaccio a Botte o Campana

17 TAVOLA II - MODALITÀ DI ASSICURAZIONE

18 TAVOLA IV- NODI Nodo a Palla Solo A+B+C per corde intere, anche C+D per mezze corde Cordino da tenere in mano, con prusik sulla corda di cordata e asola e controasola di sbloccaggio.

19 TAVOLA V - TECNICA DI MOVIMENTO SU GHIACCIO (Fig. 1) I crepacci, quando non possono essere aggirati, devono essere affrontati perpendicolarmente al loro asse longitudinale, cercando di individuare il punto più stretto che consenta il loro scavalcamento. (Fig. 2) Nel caso in cui la zona crepacciata presenti fessure orientate nella direzione di marcia, bisogna affrontare la zona procedendo sfalsati, ovvero ogni alpinista dovrà avanzare seguendo un suo itinerario. Questo accorgimento riduce notevolmente il rischio di trovarsi contemporaneamente sullo stesso ponte di neve.

20 TAVOLA VI - ARRESTO DI UNA CADUTA (fig. 1). Il modo in cui scorre la corda al momento di una caduta in un crepaccio, ha un grande effetto sulla gravità della caduta stessa. È per tale ragione che diventa di fondamentale importanza l'attenzione che ogni componente della cordata pone nel fare in modo che il tratto di corda tra lui ed il compagno si allenti il meno possibile. La corda dovrebbe scendere dall'imbracatura di ogni componente della cordata e arrivare all'altro senza allentamenti ne tensioni. Non appena si avverte la trazione della corda, ci si predispone ad arrestare la caduta puntando la gamba in avanzamento, arretrando le spalle, abbassando compatibilmente con la forza di trazione il baricentro: ciò si ottiene flettendo le gambe in modo di avvicinare il bacino al terreno, fino ad arrestare la caduta. Porre attenzione alla mano che tiene la corda: non deve trattenere, altrimenti si ricadrebbe nella condizione in cui lo strappo viene applicato lontano dal baricentro (alla spalla). La mano sulla corda va tenuta come in figura e serve soltanto per avvertire in tempo lo strappo nel caso in cui non si fosse attenti. (fig. 2)

PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA

PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA Dispensa informativa sulla PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA Nota: questa dispensa e stata realizzata a cura di M.Meroni e L.Castelli ed e frutto sia dell esperienza degli istruttori della Scuola

Dettagli

RECUPERO da CREPACCIO

RECUPERO da CREPACCIO recupero da crepaccio 1 RECUPERO da CREPACCIO G. Galli - maggio 2010 recupero da crepaccio 2 premessa 1 condizioni dell incidente la caduta in un crepaccio può verificarsi per un alpinista: legato e preventivamente

Dettagli

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo Scuola Centrale di Alpinismo Scuola Centrale di Sci Alpinismo TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO Approvato dalla CNSASA il

Dettagli

Manovre di autosoccorso: Paranchi

Manovre di autosoccorso: Paranchi Angela Montanari Paranchi Pag. 1/8 Manovre di autosoccorso: Paranchi Recupero di ferito con paranco mezzo Poldo con piastrina. Questo sistema di recupero va adottato, oltre che in alpinismo su ghiaccio

Dettagli

Le Fasi della manovra sono:

Le Fasi della manovra sono: È indispensabile per una questione di sicurezza imparare a svolgere la manovra seguendo una sequenza di operazioni predeterminate. Le Fasi della manovra sono: 1. Auto-assicurazione 2. Predisposizione dell'ancoraggio

Dettagli

La "sosta classica" Nella "sosta classica", i due ancoraggi sono collegati tra loro con due moschettoni ed un anello di cordino.

La sosta classica Nella sosta classica, i due ancoraggi sono collegati tra loro con due moschettoni ed un anello di cordino. La "sosta classica" 6 aprile 2005 La progressione della cordata su una parete è caratterizzata dal movimento non contemporaneo degli alpinisti. Durante la progressione della cordata, la sosta è il punto

Dettagli

SISTEMA VANZO. descrizione sequenza operativa

SISTEMA VANZO. descrizione sequenza operativa PARANCO MEZZO POLDO Il "mezzo Poldo" è un paranco utilizzato nella pratica alpinistica e scialpinistica, non è molto veloce ma garantisce il successo del recupero anche se ad agire si è da soli. Il "mezzo

Dettagli

NODI E CORDE APPUNTI

NODI E CORDE APPUNTI NODI E CORDE APPUNTI I NODI di base, pag.1 I NODI Autobloccanti, pag.5 I NODI per l imbragatura e la sicura, pag.7 I NODI di giunzione. pag.11 1 I nodi di base: Pagina quadro I nodi autobloccanti I nodi

Dettagli

ANCORAGGI SOSTE INDICE DELLA SERATA TECNICHE DI ASSICURAZIONE DISCESA IN CORDA DOPPIA. Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione La corda doppia

ANCORAGGI SOSTE INDICE DELLA SERATA TECNICHE DI ASSICURAZIONE DISCESA IN CORDA DOPPIA. Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione La corda doppia ANCORAGGI SOSTE TECNICHE DI ASSICURAZIONE DISCESA IN CORDA DOPPIA (CAPP. 4-5-6 MANUALE GHIACCIO VERTICALE) INDICE DELLA SERATA Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione La corda doppia 1 ANCORAGGI Ancoraggi

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO

CLUB ALPINO ITALIANO CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo Scuola centrale di Alpinismo Scuola centrale di Sci Alpinismo AGGIORNAMENTO SU TECNICHE E MANOVRE DI CORDA Approvato dalla

Dettagli

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E.

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E. Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E. Bertini Prato La parola chiave in montagna è Sicurezza 2 Materiale I cordini e i

Dettagli

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO CLU LPINO ITLINO C I CLU LPINO ITLINO E S C U RSIONISMO Club lpino Italiano SEZIONE DI TREGNGO Ettore Castiglioni CLU LPINO ITLINO CLU LPINO ITLINO SEZIONE DI TREGNGO Vicolo Cipolla, 20-37039 Tregnago

Dettagli

CDR LA SCALETTA DELLA SCALATA

CDR LA SCALETTA DELLA SCALATA CDR L E D I S P E N S E D E L C ORSO D I R O C C I A P R O G R E S S I O N E D E L L A C O R D A T A LA SCALETTA DELLA SCALATA Questa dispensa riporta in maniera schematica: 1. le fasi della progressione

Dettagli

Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI

Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI SCUOLA INTERSEZIONALE SIBILLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO Corso Base di Alpinismo A1 2009-2010 DISPENSA SUI NODI NODI A cosa servono i nodi in Alpinismo? formare una cordata congiungere corde e chiudere

Dettagli

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE PER RIPASSARE NODI E MANOVRE COLLEGAMENTO DELLA CORDATA Nodo delle guide con frizione Detto anche nodo Savoia o Otto ripassato. Deve essere eseguito il più vicino possibile all'imbrago e possibilmente

Dettagli

Tike Saab guide alpine

Tike Saab guide alpine Tike Saab guide alpine Arrampicata su roccia e vie ferrate Dalla mia esperienza di guida alpina ho cercato di sintetizzare al massimo le cose più utili e necessarie per iniziare a frequentare la montagna

Dettagli

VIA FERRATA. Premessa

VIA FERRATA. Premessa VIA FERRATA Premessa Una via ferrata è un percorso in parete, attrezzato con infissi metallici (fittoni, cavi d acciaio, gradini, scale, ponti, ecc) da utilizzare per la progressione. Questo tipo d attrezzatura

Dettagli

Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione

Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione 11 Corso di Alpinismo su Roccia 2013 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione a cura di Claudio Luperini Stasera parleremo di: _ come

Dettagli

AUTOSOCCORSO SU ROCCIA

AUTOSOCCORSO SU ROCCIA AUTOSOCCORSO SU ROCCIA LE OPERAZIONI SEGUENTI DEVONO ESSERE BEN CHIARE NELLA MENTE DI CHI LE ESEGUE E FRUTTO DI PERIODICHE ESERCITAZIONI, AFFINCHÈ NON SIANO CAUSA DI FATALI CONSEGUENZE, ALTRIMENTI FERMARSI

Dettagli

PROGRESSIONE IN CONSERVA CON MINORI

PROGRESSIONE IN CONSERVA CON MINORI 2012 CAI - Scuola Centrale di Alpinismo Giovanile PROGRESSIONE IN CONSERVA CON MINORI Dispensa di Alpinismo Giovanile edita nel mese di settembre 2012 a cura della Scuola Centrale di Alpinismo Giovanile.

Dettagli

Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione

Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione ATTENZIONE Il materiale di questo "pdf" è una parte del PowerPoint "Soste e tecniche di assicurazione -2013" che trovate nel DVD

Dettagli

Ancoraggi e tecniche di assicurazione

Ancoraggi e tecniche di assicurazione Scuola di Alpinismo e Scialpinismo FALC CORSO DI ALPINISMO AVANZATO A2 2012 Ancoraggi e tecniche di assicurazione Claudio Caldini (INSA) Ramon Maj (IA) Ancoraggi su roccia Ancoraggi naturali spuntoni,

Dettagli

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE La sicurezza sui sentieri attrezzati: materiali e tecniche Con la collaborazione del Centro Studi Materiali e Tecniche. Questo documento riporta

Dettagli

LA QUASI TOTALITÀ DEL TESTO CONTENUTO IN QUESTA DISPENSA È STATO TRATTO DAI MANUALI DEL C.A.I. PREMESSA

LA QUASI TOTALITÀ DEL TESTO CONTENUTO IN QUESTA DISPENSA È STATO TRATTO DAI MANUALI DEL C.A.I. PREMESSA LA QUASI TOTALITÀ DEL TESTO CONTENUTO IN QUESTA DISPENSA È STATO TRATTO DAI MANUALI DEL C.A.I. ALPINISMO SU GHIACCIO E MISTO E ALPINISMO SU ROCCIA ; SONO STATE CAMBIATE LA QUASI TOTALITÀ DELLE FOTO ED

Dettagli

SCUOLA SCIALPINISMO VAL RENDENA CORSO AVANZATO SA2 PROGRAMMA TECNICO PERISTRUTTORI SA2 2014. ISTRUTTORE RESPONSABILE Matteo e Mattia

SCUOLA SCIALPINISMO VAL RENDENA CORSO AVANZATO SA2 PROGRAMMA TECNICO PERISTRUTTORI SA2 2014. ISTRUTTORE RESPONSABILE Matteo e Mattia PROGRAMMA TECNICO PERISTRUTTORI SA2 2014 SERATA DI APERTURA DEL CORSO 1 marzo 2014 presentazione del corso e del programma delle uscite; lezione sui materiali. Matteo e Mattia Paolo e Matteo RITROVO: ore

Dettagli

La Catena di Assicurazione (CdA)

La Catena di Assicurazione (CdA) La Catena di Assicurazione (CdA) Agenda: Richiami di fisica I materiali che compongono la CdA Ancoraggi e soste Tecniche di assicurazione Cos e È l insieme degli elementi che permettono, in caso di caduta,

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo Allegato n 9 PIANO DIDATTICO CORSI DI FORMAZIONE E VERIFICA PER ACCOMPAGNATORI DI ESCURSIONISMO AE 1 LIVELLO STRUTTURA DEI CORSI (Art. 22) I corsi

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla progressione su roccia

Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla progressione su roccia Paolo Gaetani, Marcello Meroni 17/06/2003 Corso di Alpinismo Dispensa informativa sulla progressione su roccia INDICE INTRODUZIONE...1 1. PREPARAZIONE DELLA CORDATA...2 2. COME LEGARSI IN CORDATA...2 3.

Dettagli

Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO

Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO Rev. 1.02 22/07/2014 Numerosi sono i metodi ed i mezzi con cui si possono trasportare pazienti ed infortunati. Quelli maggiormente usati sono: 1. La sedia portantina

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo PIANO DIDATTICO Allegato n 9 CORSI DI FORMAZIONE E VERIFICA PER ACCOMPAGNATORI DI ESCURSIONISMO 1 LIVELLO AE/AC STRUTTURA DEI CORSI (Art. 22) I corsi

Dettagli

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Specifico per il tiro con la pistola ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA

CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA CLUB ALPINO ITALIANO Sez. Finale Ligure LA CATENA DI SICUREZZA Considerazioni sui metodi di contenimento delle sollecitazioni durante la caduta nell arrampicata libera Gola di Gorropu LA CATENA DI ASSICURAZIONE

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 Posizione preparatoria 2 : con entrambi i piedi ravvicinati parallelamente, ergersi con naturalezza mantenendo ferma la {posizione di} attenti; ambedue

Dettagli

Nodi e Manovre per l Escursionismo C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario

Nodi e Manovre per l Escursionismo C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario Club Alpino Italiano Sezione di Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento Nodi e Manovre per l Escursionismo Sommario Introduzione... 3 1. Nodi per legarsi... 4 1.1. Nodo delle Guide... 4 1.2. Nodo a

Dettagli

AUTO SOCCORSO in parete CORSO di Tecniche e Manovre

AUTO SOCCORSO in parete CORSO di Tecniche e Manovre AUTO SOCCORSO in parete CORSO di Tecniche e Manovre Diamo pure per scontato, e già questo è un azzardo, che sappiate che passare da una situazione orizzontale, condizione che consideriamo normale, ad una

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

AUTOSOCCORSO REGOLE DI COMPORTAMENTO

AUTOSOCCORSO REGOLE DI COMPORTAMENTO AUTOSOCCORSO REGOLE DI COMPORTAMENTO 2013 AUTOSOCCORSO & Soccorso Organizzato E l azione di soccorso attuata immediatamente dalle persone superstiti all evento 2 Fase di sopravvivenza Fase di asfissia

Dettagli

Schede tecniche per lavoro su funi

Schede tecniche per lavoro su funi Schede tecniche per lavoro su funi Tecniche e materiali per i lavori in quota nell attività di soccorso, quadro didattico ANVVFC,, Presidenza Nazionale, marzo 2008 pag 1 Scheda : 0 PRINCIPI GENERALI: lavori

Dettagli

primo avamposto roccioso, spostandosi, al suo termine, a sinistra ove si trova una sosta su chiodi uniti da cordino rosso. Noi abbiamo sostato qui,

primo avamposto roccioso, spostandosi, al suo termine, a sinistra ove si trova una sosta su chiodi uniti da cordino rosso. Noi abbiamo sostato qui, Relazione attinente alla scalata sulla via di roccia "Salluard" al Pic Adolphe Rey sul gruppo del Monte Bianco. Ascensione effettuata il 21 giugno 2014 da Toso, Damiano e Laura. Itinerario automobilistico:

Dettagli

Tecniche di Assicurazione: confronto tra classica e ventrale

Tecniche di Assicurazione: confronto tra classica e ventrale Club Alpino Italiano Commissione Centrale Materiali e Tecniche Tecniche di Assicurazione: confronto tra classica e ventrale A cura di Giuliano Bressan, Claudio Melchiorri 1/65 Nota introduttiva Questo

Dettagli

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7.

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. lunedì datti lo sprint martedì RINVIGORISCITI mercoledì tonificati

Dettagli

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin www.febat.com. Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv)

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin www.febat.com. Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv) 1 GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO a cura di Federico Battaglin www.febat.com La Grotta Bortolomiol è la maggiore verticale della zona montuosa la cui elevazione massima è Monte Cesen, proprio sopra al

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

La catena di assicurazione in ferrata

La catena di assicurazione in ferrata Club Alpino Italiano Sezione Pontedera Scuola Cosimo Zappelli Scuola Lucca Scuola Alpi Apuane Corso monotematico su vie ferrate 2013 (M-F1) La catena di assicurazione in ferrata giovedì 9 maggio 2013 a

Dettagli

Serie. Codice 30PA312. 30pa10000. 30pa10004cl. 30pa10013 30pa10012 30pa10015. Serie Percorso 16 staz. Codice 30PA316. Codice stazione.

Serie. Codice 30PA312. 30pa10000. 30pa10004cl. 30pa10013 30pa10012 30pa10015. Serie Percorso 16 staz. Codice 30PA316. Codice stazione. Percorso staz. Percorso staz. 0PA0 0pa000cl 0pa00 Percorso 0 staz. 0PA 0 0pa000cl 0pa000 0pa000 0pa00 0pa00 0pa00 0pa000 0pa000 Si tratta di un insieme armonico di stazioni per esercizi fisici, studiati

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

Guida rapida ai percorsi formativi

Guida rapida ai percorsi formativi Guida rapida ai percorsi formativi Aspirante Guida alpina e Guida alpina Maestro d Alpinismo Corsi Propedeutici I Corsi Propedeutici sono moduli informativi organizzati dal Collegio Regionale delle Guide

Dettagli

Catena di assicurazione

Catena di assicurazione 12 Corso di Roccia 2015 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» 9 aprile 2015 Catena di assicurazione lezione a cura di Sergio Pistolesi - slide di Claudio Luperini Stasera parleremo di: catena

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE.

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE. I componenti la catena di assicurazione li possiamo individuare semplicemente negli elementi che insieme concorrono alla sicurezza della cordata, ovviamente in caso di caduta. Gli elementi quali corda,

Dettagli

4.1 TECNICA DI BASE DELLA PAGAIATA IN KAYAK DI ACQUA PIATTA

4.1 TECNICA DI BASE DELLA PAGAIATA IN KAYAK DI ACQUA PIATTA 4.1 TECNICA DI BASE DELLA PAGAIATA IN KAYAK DI ACQUA PIATTA A questo punto è necessario analizzare la tecnica di base del kayak da velocità. Per tecnica di base infatti si intende la tecnica da insegnare

Dettagli

CAI - ALPINISMO GIOVANILE. Primo Corso Di Avvicinamento Alla Montagna 2011. Segnaletica

CAI - ALPINISMO GIOVANILE. Primo Corso Di Avvicinamento Alla Montagna 2011. Segnaletica CAI - ALPINISMO GIOVANILE Primo Corso Di Avvicinamento Alla Montagna 2011 Segnaletica C A I B o r g o m a n e r o A l p i n i s m o G i o v a n i l e 2 0 1 1 Pagina 1 Classificazione dei sentieri Sentiero

Dettagli

ATTIVITÀ PROMOSSE E SVILUPPATE DAL GS CAI NAPOLI

ATTIVITÀ PROMOSSE E SVILUPPATE DAL GS CAI NAPOLI ATTIVITÀ PROMOSSE E SVILUPPATE DAL GS CAI NAPOLI 179 CARLO TERRANOVA & PIERANGELO TERRANOVA NOTIZIE SULLE TECNICHE DI RISALITA SU SOLE CORDE, COME PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I SOCI DEL CAI. SEZ. DI NAPOLI

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE La prova motorio-attitudinale è suddivisa in quattro moduli il cui ordine verrà stabilito dalla commissione esaminatrice, in relazione alle esigenze organizzative. Per ciascuno

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA FIPCF FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA E CULTURA FISICA PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA PETTORALI PANCA PIANA APERTURE PANCA 30 SPALLE LENTO AVANTI ALZATE LATERALI ALZATE 90 GAMBE SQUAT AFFONDI

Dettagli

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva.

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva. Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva. L associazione DirezioneVerticale, impegnata nello sviluppo e nella valorizzazione del territorio Ambientale

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO SCUOLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO SILVIO SAGLIO - MILANO

CLUB ALPINO ITALIANO SCUOLA DI ALPINISMO E SCIALPINISMO SILVIO SAGLIO - MILANO Questa dispensa è dedicata all impegno, appassionato e competente, di un amico e di un compagno di cordata, Marcello Meroni (INA) Ultimo aggiornamento e revisione: Massimo Pantani (INA, CLSASA) Sett 2010

Dettagli

2015 CLIMBING EQUIPMENT

2015 CLIMBING EQUIPMENT 2015 CLIMBING EQUIPMENT CLIMBING PASSION Climbing Technology (CT) è il marchio commerciale di Aludesign S.p.A., azienda con quasi 30 anni di esperienza internazionale nella progettazione e produzione di

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

TECNICHE DI MOBILIZZAZIONE E IMMOBILIZZAZIONE ATRAUMATICA SECONDO LINEE GUIDA A.R.E.U. A.A.T. Bergamo

TECNICHE DI MOBILIZZAZIONE E IMMOBILIZZAZIONE ATRAUMATICA SECONDO LINEE GUIDA A.R.E.U. A.A.T. Bergamo TECNICHE DI MOBILIZZAZIONE E IMMOBILIZZAZIONE ATRAUMATICA SECONDO LINEE GUIDA A.R.E.U. A.A.T. Bergamo INDICE 1. APPLICAZIONE COLLARE CERVICALE..Pag. 2 2. RIMOZIONE CASCO INTEGRALE..Pag. 3 3. PRONOSUPINAZIONE

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 INTRODUZIONE Il bagher è un fondamentale di base nella pallavolo, cioè concorre con varianti diverse a formare i fondamentali complessi della ricezione

Dettagli

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta)

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta) MANI IN POSIZIONE BASE Posizione base, fondamentale per guidare con qualità e sicurezza: mani sul volante come sul quadrante di un orologio, per indicare le ore 9:15, con i pollici bene ancorati alle razze.

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

Ente Scuola per l Addestramento Professionale Edile

Ente Scuola per l Addestramento Professionale Edile Ente Scuola per l Addestramento Professionale Edile (Costituito ai sensi dell art. 93 del C.C.N.L. 05.07. 95 per imprese edili ed affini e dagli accordi collettivi provinciali) CORSO PER ADDETTO MONTAGGIO,

Dettagli

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva e il trekking.

Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva e il trekking. Oggetto: Progetto di valorizzazione turistico-ambientale attraverso l arrampicata sportiva e il trekking. L associazione DirezioneVerticale, impegnata, nello sviluppo e nella valorizzazione del territorio

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

Condizioni di equilibrio: 2 tipi Equilibrio statico: la capacità di un segmento corporeo o del corpo nel suo insieme di mantenere una posizione

Condizioni di equilibrio: 2 tipi Equilibrio statico: la capacità di un segmento corporeo o del corpo nel suo insieme di mantenere una posizione Condizioni di equilibrio: 2 tipi Equilibrio statico: la capacità di un segmento corporeo o del corpo nel suo insieme di mantenere una posizione statica Equilibrio dinamico: la capacità di mantenere, durante

Dettagli

Corso Avanzato di Scialpinismo SA2 2014

Corso Avanzato di Scialpinismo SA2 2014 Corso Avanzato di Scialpinismo SA2 2014 La Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera Franco Alletto della Sezione de CAI di Roma organizza il corso avanzato di scialpinismo che si svolgerà

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

Mobilizzazione Spalle

Mobilizzazione Spalle Mobilizzazione Spalle www.osteopathicenter.com Appoggiare i gomiti con tutto l avambraccio sull arco di una porta. I gomiti debbono essere allineati un po al di sopra della linea delle spalle. I piedi

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo 1 Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

Scienze Motorie e Sportive

Scienze Motorie e Sportive Scienze Motorie e Sportive GLOSSARIO DEI MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (Testo e disegni di Stelvio Beraldo) DOCENTE: prof Pieraldo Carta CLASSI: 1^A, 1^B, 2^B A.S. 2013-2014 1 Atteggiamenti POSIZIONI

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO LE ANDATURE Le andature sono una serie di esercizi simili alla corsa o alla marcia che sono funzionali alla tecnica, alla coordinazione o alla mobilità. 1 Sono andature speciali utilizzate per allenare

Dettagli

Sci alpinismo nel gruppo di Puez

Sci alpinismo nel gruppo di Puez Sci alpinismo nel gruppo di Puez Questo articolo di Alberto De Giuli propone tre itinerari inediti per scialpinisti esperti. Si tratta di percorsi ad anello che presentano tutti i caratteri dello sci alpinismo

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

I metodi di assicurazione dinamica

I metodi di assicurazione dinamica Club lpino Italiano Commissione Materiali e Tecniche I metodi di assicurazione dinamica Giuliano Bressan CMT - CI contenuto: lcuni concetti base Tecniche di assicurazione - generalità ssicurazione CLSSIC

Dettagli

CONTROLLI INIZIALI MANOVRE E PARCHEGGI POSIZIONAMENTO DEL MEZZO

CONTROLLI INIZIALI MANOVRE E PARCHEGGI POSIZIONAMENTO DEL MEZZO CONTROLLI INIZIALI MANOVRE E PARCHEGGI POSIZIONAMENTO DEL MEZZO I CONTROLLI INIZIALI PRIMA DI METTERSI AL VOLANTE E OPPORTUNO CONTROLLARE: REGOLAZIONE DELLA POSIZIONE DI GUIDA QUANTITA DI CARBURANTE DISPONIBILE

Dettagli

Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN

Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN La normativa italiana in tema di sicurezza e salute sul lavoro riporta, al decreto legislativo 3 agosto 2009,

Dettagli

Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Guida al paziente con frattura di femore trattato con UNITA' OPERATIVA SERVIZI DI ASSISTENZA RIABILITATIVA AI SOGGETTI DISABILI DISTRETTO GHILARZA - BOSA Responsabile Dr.ssa Luisella Congiu 0785/562535 Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Dettagli

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE Corso MSTER nno 2000 / 2001 L DIDTTIC DELL DIFES TRE di DVIDE BLLRDINI relatori : prof. prof. Roberto Clagluna Franco Ferrari 1 INDICE : PREMESS 4 LE CRTTERISTICHE DEI DIFENSORI 6 L DIDTTIC. 7 CONCLUSIONI.

Dettagli

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA L obiettivo della Copia dal Vero è la trasposizione grafica di ciò che vediamo nella Realtà Tridimensionale (la natura morta), nella Realtà Bidimensionale (il foglio

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima

Dettagli

DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE

DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE Con il termine fascite s intende l infiammazione di una fascia anatomica, nel caso specifico della fascite plantare si fa riferimento ad un processo infiammatorio

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Recupero della palla ( anticipo, intercettamento, contrasto) Marcamento ( principi

Dettagli

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI Il gruppo della Marmolada detiene, in Dolomiti, una indiscussa sovranità, da cui il nome di Regina delle Dolomiti, appunto per la massima elevazione dell intero sistema dolomitico di cui ne ospita anche

Dettagli

Imbracature a confronto: prove comparative sull uso dell imbraco basso, completo e combinato a cura della Commissione Materiali e Tecniche

Imbracature a confronto: prove comparative sull uso dell imbraco basso, completo e combinato a cura della Commissione Materiali e Tecniche Imbracature a confronto: prove comparative sull uso dell imbraco basso, completo e combinato a cura della Commissione Materiali e Tecniche Prendendo spunto da una serie di articoli apparsi su riviste francesi

Dettagli

CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET)

CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET) CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET) IL CHO OYU VISTO DALLA PIANA DI TINGRI LA VIA NORMALE SUL VERSANTE NORD-OVEST TEMPISTICA PER LA SALITA E DISCESA CAMPO

Dettagli

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA Prima dell uso occorre predisporre una procedura per il recupero

Dettagli

Corso Avanzato di Scialpinismo SA2 2016

Corso Avanzato di Scialpinismo SA2 2016 Corso Avanzato di Scialpinismo SA2 2016 La Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera Franco Alletto della Sezione de CAI di Roma organizza il corso avanzato di scialpinismo che si svolgerà

Dettagli

Il Carroponte 1 il carroponte

Il Carroponte 1 il carroponte Il Carroponte Il Carroponte è uno strumento portentoso, ma che deve essere utilizzato con la massima prudenza. In commercio ne esistono di vari tipi, anche se alcuni elementi sono comuni fra molti modelli.

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO SCUOLA INTERREGIONALE PER L ESCURSIONISMO VENETO FRIULANO GIULIANA

CLUB ALPINO ITALIANO SCUOLA INTERREGIONALE PER L ESCURSIONISMO VENETO FRIULANO GIULIANA 1 CORSO DI FORMAZIONE E VERIFICA PER LA SPECIALIZZAZIONE E.E.A. per l accompagnamento su percorsi misti, attrezzati e su vie ferrate, riservato agli Accompagnatori di Escursionismo di 1 livello (AE) La

Dettagli