Utilità Attesa. Solito preambolo e qualche richiamo alle scelte rischiose:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Utilità Attesa. Solito preambolo e qualche richiamo alle scelte rischiose:"

Transcript

1 Utilità Attesa Solito preambolo e qualche richiamo alle scelte rischiose: In Economia le scelte/decisioni vengono distinte in: 1. decisioni in situazioni di certezza 2. decisioni in situazioni di rischio 3. decisioni in situazioni di incertezza Come nella precedente lezione, anche qui ci avventuriamo nella situazione decisionale numero 2. Dunque si studia l allocazione del portafoglio tra attività rischiose (azioni, assicurazioni, lotterie, scommesse ). L utilità scontata ci aiuta a studiare i comportamenti tipo cicala vs formica. L utilità attesa ci aiuta a studiare i comportamenti tipo prudente vs spericolato In ogni caso, si parla sempre di noi. Il rischio consta nella presenza di due o più stati del mondo che, ex ante, possono realizzarsi con una nota e costante probabilità ma che, ex post, sono alternativi: se ne realizza uno solo. Il rischio è appunto che potrebbe realizzarsi lo stato meno favorevole. A differenza della precedente lezione, dove si parlava di vincoli di bilancio e CI, qui esplicitiamo meglio la funzione di utilità in condizioni di rischio. Il modello dell Utilità Attesa descrive le preferenze individuali sottostanti il comportamento del consumatore razionale, informato e auto-interessato in condizioni di rischio. Alla pari del modello dell Utilità Scontata questo modello EMPIRICAMENTE è, entro certi limiti, abbastanza realistico; NORMATIVAMENTE è valido: se sei walrasiano dovresti comportarti così. Perché dovremmo comportarci così? Le potenzialità normative del modello dell Utilità Attesa possono essere comprese illustrando l Assioma di Indipendenza (dalle alternative irrilevanti). La logica di fondo è: se sei razionale, semplicemente non puoi violare l assioma di indipendenza. Vediamo perché con un esempio. M. Bovi Pag. 1

2 ESEMPIO: INDIPENDENZA => RAZIONALITA Supponiamo che C e D siano due combinazioni rischiose di consumo e che l individuo preferisca C a D. Supponiamo anche che E è una terza combinazione rischiosa. Definiamo ora: G la lotteria che ha per risultato C con probabilità p e E con probabilità (1-p) H la lotteria che ha per risultato D con probabilità p ed E con probabilità (1-p) L Assioma di Indipendenza afferma che l individuo: preferirà la lotteria G alla lotteria H. Perché? Perché i possibili risultati di G sono C ed E, mentre i possibili risultati di H sono D ed E. Dato che il soggetto preferisce C a D, => egli preferirà G a H. Il risultato descrive dunque una situazione razionale, cioè coerente: l agente preferisce G a H poiché l agente preferisce C a D In termini non rigorosi ma per capire: chi ha un certo ordine di preferenze (ad esempio C D), non dovrebbe farsi distrarre dalla presenza di alternative irrilevanti (come, nel nostro esempio lo è E). Insomma, se sono irrilevanti le alternative esse non devono incidere sull ordine delle preferenze tra C e D. NB se non lo avete già fatto, ripassate gli assiomi sulle preferenze. Che succede se, invece, l agente vìola l Assioma di Indipendenza? M. Bovi Pag. 2

3 ESEMPIO: NO INDIPENDENZA => NO RAZIONALITA. Esattamente come prima supponiamo che: C e D siano due combinazioni rischiose di consumo e che l individuo preferisca C a D. G è la lotteria che ha per risultato C con probabilità p e E con probabilità (1-p) H è la lotteria che ha per risultato D con probabilità p ed E con probabilità (1-p) In più, assumiamo ora che p sia uguale a 0.5 e che G e H siano due lanci consecutivi della stessa moneta: se il risultato del lancio è testa, l individuo ottiene C se ha scelto il lancio della moneta G D se ha scelto il lancio della moneta H; se il risultato del lancio è croce l individuo ottiene E in ogni caso. Se l individuo sceglie H allora l agente NON soddisfa l Assioma di Indipendenza poiché, pur preferendo C a D, sceglie il lancio H. Il problema dell incoerenza è che se, ex post, il lancio H ha avuto per risultato testa, allora l individuo ottiene D nonostante che ex ante preferiva C a D. Infatti, se avesse scelto G, il risultato testa gli avrebbe consentito di ottenere C. A questo punto, ovviamente, l individuo vorrà cambiare la sua decisione. Dunque, l Assioma di Indipendenza impedisce l incoerenza del comportamento individuale indicando, normativamente, come dovrebbe comportarsi un agente razionale/coerente. Al solito: Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze. Le due vie non sono identiche a meno che non esistano dei vincoli particolari sulle preferenze. Ebbene, se le preferenze sulle lotterie sono razionali (cioè complete, riflessive e transitive), continue e soddisfano l assioma di indipendenza, allora si può indifferentemente passare dalla funzione di utilità alle preferenze e, di qui, alle CI (è simile al teorema della rappresentazione di Debreu nelle scelte contemporanee). M. Bovi Pag. 3

4 Investitori italiani avversi al rischio, ma vogliono rendimenti oltre il 9% E ben il 65% non ha obiettivi chiari. Priorità: la sicurezza previdenziale. È quanto emerge da una ricerca condotta da Natixis. Gli investitori italiani si confermano decisamente avversi al rischio, ma allo stesso tempo presentano alte, e poco realistiche, aspettative di rendimento. È la fotografia scattata da una ricerca condotta da Natixis Global Asset Management su investitori di 17 paesi diversi, dei quali ben 500 in Italia. Nella ricerca pubblicata oggi, emerge che in Italia gli investitori affermano di aver bisogno di rendimenti medi del 9,1% all anno sopra l inflazione, una cifra ben al di sopra dei rendimenti medi annuali dei mercati registrati negli ultimi cento anni. Una elevata, e storicamente non realistica. Non solo. Si tratta di un'aspettativa di guadagno che risulta in netto contrasto con il comportamento degli investitori e la loro consolidata avversione al rischio. "Alla luce del buon andamento dei mercati finanziari negli ultimi tempi, gli investitori hanno una view positiva sui rendimenti ottenibili nel 2015" ha affermato Antonio Bottillo, Country Head ed Executive Managing Director per l Italia di Natixis Global Asset Management. "Tuttavia l ottimismo può essere dannoso al successo degli investimenti e alla sicurezza finanziaria quando i risparmiatori hanno aspettative non realistiche o non hanno obiettivi ben definiti. Molti risparmiatori, infatti, non hanno ancora pianificato, non intendono assumersi dei rischi o non hanno una chiara comprensione del rischio di portafoglio". Nonostante le elevate aspettative, solo il 52% degli investitori italiani afferma di esser disposto ad assumersi più rischio rispetto a un anno fa, il 65% non ha obiettivi finanziari chiari e solo il 31% ha un piano finanziario per raggiungerli. Un capito a parte è dedicato alla sicurezza previdenziale, che resta la priorità finanziaria a livello globale. Il 71% degli italiani intervistati (69% a livello globale) dichiara che la pensione è il primo focus degli investimenti e il 64% ritiene che la responsabilità per la propria sicurezza post-pensionamento stia ricadendo sempre più sugli individui. In Italia, il 45% (36% a livello globale) dichiara che le non sufficienti pensioni statali sono un problema per il proprio benessere finanziario dopo il pensionamento. M. Bovi Pag. 4

5 Il Modello dell Utilità Attesa Il modello dell Utilità Attesa studia le preferenze individuali in condizioni di rischio. Come sappiamo il rischio implica che l individuo è chiamato a prendere una decisione senza conoscere con certezza ex ante quale stato del mondo si verificherà ex post. Ma non c è incertezza: l agente conosce la lista dei possibili eventi, a ciascuno dei quali associa una probabilità di realizzazione. Per semplicità, assumiamo che i possibili stati del mondo siano solo due, gli stati del mondo 1 e 2, con probabilità di realizzazione π1 e π2. Chiamiamo c1 il reddito/consumo contingente allo stato del mondo 1 c2 il reddito/consumo contingente allo stato del mondo 2. NB Come nella lezione precedente, in questa economia semplificata si ipotizza che l agente consuma tutto il reddito. Dunque reddito e consumo sono termini intercambiabili per cui c1 può anche essere visto come il reddito contingente allo stato del mondo 1. Conosciamo già il significato di contingente=condizionale. Come descrivere le preferenze ex ante relativamente alle combinazioni di consumo rischiose (c1, c2)? Ce lo dice il modello dell Utilità Attesa, che è specificato nel seguente modo: U(c1, c2) = π1 u(c1) + π2 u(c2) E facile capire perché si parla di utilità attesa. Ricordate la definizione di valore atteso (VA)? Ve la riporto: Se la variabile (aleatoria=casuale) X assume valori x1 e x2 con probabilità pari rispettivamente a π1 e π2, il VA di X è definito come segue: VA(X) = π1 x1 + π2 x2 = media ponderata con le probabilità. A parole: Il Valore atteso di una lotteria è il valore che in media ci si aspetta di vincere e si calcola come media ponderata dei diversi valori, con pesi dati dalle corrispondenti probabilità. Non dipende dalla psicologia dell agente e, graficamente, è una retta che va confrontata con la curvatura della funzione di utilità. Ecco perché il neutrale al rischio ha CI lineari: la sua psiche non considera il rischio, ma solo il VA. M. Bovi Pag. 5

6 Torniamo a noi. I valori delle probabilità π1 e π2 sono noti al consumatore, per cui l unico elemento da specificare nell espressione è la funzione di utilità u(.). Essa è conosciuta come funzione di utilità di Von Neumann-Morgenstern (VNM). La funzione u(.) informa, al solito, sul livello soggettivo di utilità che l individuo associa al reddito/consumo: elementi oggettivi e soggettivi. Nota la forma funzionale di u(.), l interpretazione dell espressione è chiara: U(c1, c2) = π1 u(c1) + π2 u(c2) lo stato del mondo 1 si realizza con probabilità π1, l individuo consuma c1 e ottiene un utilità pari a u(c1); lo stato del mondo 2 si realizza con probabilità π2, l individuo consuma c2 e ottiene un utilità pari a u(c2). Il lato destro dell espressione rappresenta l utilità (VNM) che l individuo si aspetta di ottenere ex ante (l utilità attesa, appunto) dalla combinazione di consumo rischiosa (c1, c2). E ragionevole assumere che l individuo scelga tra varie combinazioni rischiose sulla base dei rispettivi valori di utilità attesa. Più in particolare egli, homo economicus à la Bentham, sceglierà la combinazione alla quale è associata l utilità attesa più elevata. M. Bovi Pag. 6

7 Teorema dell utilità attesa e relativi assiomi L analisi della scelta in condizioni di rischio assume che il sistema delle preferenze sia razionale, cioè, non solo che il criterio di scelta sia rappresentabile con un sistema regolare (ossia, completo e transitivo) di preferenza, ma anche che questo presenti proprietà specifiche che lo qualificano come razionale (ricordate la coerenza?). Il teorema dell Utilità Attesa si basa su alcuni Assiomi sul comportamento razionale dell individuo. Von Neumann è un (grande) matematico: non sorprende il suo approccio assiomatico Come anticipato, se questi Assiomi sono verificati si può concludere che il comportamento individuale è razionale. Per noi è sufficiente definirli senza entrare nei dettagli. Assioma di Continuità Consideriamo lotterie i cui esiti siano uno dei possibili risultati=payoff A1, A2,, AI. Se le preferenze dell individuo sono tali da poter ordinare tutti i possibili risultati di una lotteria, è possibile definire i payoff che l individuo ritiene il peggiore e il migliore. Ricordo che è importante distinguere tra misurazione ordinale e cardinale. Un numero può essere usato per due scopi differenti: 1) per descrivere la grandezza => numero cardinale, 2) per descrivere la posizione => numero ordinale. Ammettiamo di poter ordinare i payoff di una lotteria in maniera tale che: A1 sia il payoff migliore (il preferito dell individuo) AI sia il peggiore (il meno preferito dall individuo). Secondo l Assioma di Continuità, per ogni payoff Ai esiste una probabilità, ui, per la quale per l individuo è indifferente scegliere la certezza di ottenere Ai oppure la combinazione rischiosa del payoff pari a ui A1 + (1 ui)ai M. Bovi Pag. 7

8 L Assioma di Dominanza stabilisce che, se ci sono due combinazioni rischiose che hanno solamente due possibili risultati: il peggior payoff il migliore payoff allora la combinazione rischiosa che associa la probabilità più alta al payoff migliore è da preferirsi all altra: la prima domina la seconda. NB se la combinazione rischiosa associa la probabilità più alta al payoff migliore è ovvio che essa associa la probabilità minore al payoff peggiore: la somma delle due probabilità deve valere 1 (gioco a somma uno). Assioma dell Indipendenza E il più importante, ma lo abbiamo già visto. Accennati i tre assiomi si potrebbe dimostrare il seguente teorema ma noi cerchiamo solo di capire cosa dice: Teorema dell Utilità Attesa (UA): un soggetto razionale sceglie tra due combinazioni di consumo rischiose in base all utilità attesa (UA) delle due combinazioni (nb si decide in base all utilità, i.e. a elementi soggettivi); una combinazione di consumo rischiosa caratterizzata da un UA maggiore deve essere preferita ad una combinazione con UA minore. Tranne per il fatto che le scelte qui sono rischiose, la razionalità di scelta è la solita. M. Bovi Pag. 8

9 Inclinazione delle curve di indifferenza nel modello dell Utilità Attesa. Ripeto ancora una volta: la funzione di utilità mi converte un elemento oggettivo (consumo, reddito, ) che è misurato dall ascissa - in un valore soggettivo (piacere, benessere, ) - che è misurato dall ordinata. Una generica curva di indifferenza (CI) nello spazio dei punti (c1, c2) è definita dalla seguente equazione (pari ad una costante poiché è CI => U=costante): U(c1, c2) = costante Sostituendo la formula già vista che riporto U(c1, c2) = π1 u(c1) + π2 u(c2) in questa espressione, otteniamo: π1 u(c1) + π2 u(c2) = costante Seguendo i soliti calcoli differenziali, si ottiene l espressione dell inclinazione delle curve di indifferenza: - π1 du(c1)/dc1[ π2 du(c2)/dc2] dove du(c)/dc rappresenta la derivata prima di u(c) rispetto a c, ovvero l inclinazione della funzione di utilità u(c). Insomma, niente di nuovo: anche l UA prevede CI con inclinazione negativa. Se, poi, u è concava, per punti sempre più in basso lungo ogni CI: c1 aumenta c2 diminuisce du(c1)/dc1 decresce du(c2)/dc2 aumenta l inclinazione dc2/dc1 diminuisce (in valore assoluto). Anche qui niente di nuovo. Facendo seguito alle considerazioni delle lezioni precedenti, possiamo ripetere che: se u è concava, lineare o convessa [nello spazio (consumo, utilità)] le CI sono convesse, lineari o concave [nello spazio (c1, c2)]. M. Bovi Pag. 9

10 Ribadendo quanto detto nella precedente lezione, e con c1 = c2, l inclinazione delle curve di indifferenza diventa pari a - π1/ π2. Chiamiamo la retta definita da c1 = c2 la linea della certezza e concludiamo quanto segue: Nel modello dell Utilità Attesa, l inclinazione delle CI lungo la linea della certezza è pari a - π1/ π2. Sembra tutto già visto. Ma, allora, che c è di nuovo? Vi accontento subito: M. Bovi Pag. 10

11 L'importanza dell'utilità Attesa Analizziamo il comportamento di un soggetto con una funzione di utilità u concava come quella rappresentata nella figura seguente: La forma funzionale della funzione di utilità rappresentata in figura è u(c)=(1 e -0.03c ) / (1 e -3.3 ), Essa è un esempio della tipologia più generale di funzione di utilità di avversione assoluta al rischio costante (CARA=constant absolute risk averse) di cui ci occuperemo in seguito. Supponiamo che all individuo venga offerto di partecipare ad una lotteria in base alla quale egli riceve, alternativamente un reddito di 30 con probabilità 0.5 un reddito di 70 con probabilità 0.5. Come si comporta l individuo? Il reddito atteso della combinazione rischiosa (30,70) è pari a 50 (= media ponderata di 30 e 70 con pesi 0.5). Ma - e qui è il punto cruciale! - se le preferenze dell individuo sono quelle descritte dal modello dell Utilità Attesa allora la sua valutazione si basa sull utilità attesa della lotteria, NON sul reddito atteso della lotteria. Qual è, dunque, l utilità attesa? M. Bovi Pag. 11

12 Dato che conosciamo la forma della funzione di utilità, è possibile calcolare l utilità attesa associata alla scelta rischiosa (30, 70). Consumare 30 implica un utilità di circa 0.616, Consumare 70 implica un utilità di circa NB calcolo in Excel: 0.616~(1-EXP(-0.03*30))/(1-EXP(-3.3)) Dato che entrambi i livelli di utilità, e 0.912, si ottengono con una probabilità di 0.5, l utilità attesa è pari a ½ ½ = Ricordo: U(c1, c2) = π1 u(c1) + π2 u(c2) Le tre rette orizzontali disegnate nella figura 24.1 ci quantificano l utilità e vanno interpretate come segue. La combinazione consumo-utilità più vicina all asse delle ascisse si riferisce all utilità di un consumo pari a 30, la più alta delle tre rette all utilità che si trae consumando 70. I conti visivi tornano il piacere è, rispettivamente: e La combinazione consumo-utilità in rosso rappresenta l utilità attesa. Osservate che l utilità attesa si colloca perfettamente al centro dei livelli di utilità associati ai due stati del mondo alternativi perché abbiamo assunto stati del mondo equiprobabili. M. Bovi Pag. 12

13 Equivalente certo (ce, certainty equivalent) L equivalente certo di una combinazione rischiosa di reddito/consumo è concetto molto importante. Si definisce equivalente certo di una combinazione rischiosa di reddito/consumo l ammontare di moneta, ricevuto con certezza (i.e. senza rischio), che l individuo considera equivalente alla combinazione rischiosa di reddito/consumo. Nell ambito del modello dell Utilità Attesa, l ammontare di moneta che l individuo considera equivalente alla combinazione rischiosa di reddito/consumo è quella che restituisce l utilità attesa della combinazione rischiosa stessa. NB per quantificare l utilità di una somma di denaro la si deve inserire nella funzione di utilità che, appunto, converte il denaro in felicità (piacere, benessere, ). Concetto identico, descrizione alternativa L equivalente certo (ce) è quella somma di denaro non rischiosa che, inserita nella funzione di utilità, dà un utilità [(U(ce)] pari all utilità attesa del reddito rischioso, i.e. del reddito contingente (UA): U(ce) = UA. NB Come studiato nella lezione sulle scelte rischiose, reddito ATTESO = reddito OGGETTIVAMENTE CERTO. Infatti il reddito atteso si ottiene INDIPENDENTEMENTE dal mondo che si realizza. NOTIAMO BENE: 1) Il reddito atteso è un valore OGGETTIVO: è il calcolo matematico di una media che deve dare lo stesso identico risultato per chiunque lo faccia. 2) L equivalente certo (ce) è un valore SOGGETTIVO: l avverso al rischio calcolerà psicologicamente un ce diverso da un amante del rischio. 3) Se aumenta la distanza dal reddito atteso, allora aumenta la rischiosità. M. Bovi Pag. 13

14 Nel nostro esempio, l equivalente certo della scelta rischiosa di guadagnare 30 o 70 con la stessa probabilità, è dato dalla seguente espressione: u(ce) = ½u(30) + ½u(70) = Dalla figura 24.1 risulta che ce è una somma pari a 44.5 (l utilità di consumare 44.5 unità del bene è pari a 0.764). Fate, come esercizio, il calcolo analitico. Avete la funzione di utilità: esplicitatela rispetto alla somma=reddito=consumo. Notate che l equivalente certo (44.5) è inferiore al valore atteso (=>certo) della combinazione rischiosa (50) (la linea rossa è a sinistra di quella verticale più larga). Ricordate la stranezza della minore utilità associata a maggiori redditi? In questo esempio, sia 44.5 che 50 sono certi eppure l agente preferisce Ma perché ce risulta minore del valore atteso della lotteria? R. Perché il VA è contingente alla partecipazione ad una lotteria, il ce no. E, ancora, il valore atteso non tiene conto delle preferenze dell agente, il ce sì. A livello grafico, la risposta è nella forma della funzione di utilità. Qui stiamo confrontando: a) una combinazione rischiosa (il VA) che è una combinazione lineare, i.e. una retta, con b) una funzione di utilità concava => c) una funzione che, per definizione, è curvata in modo tale che una retta che unisce due suoi punti ne è sempre al di sotto => d) la retta (=comb. rischiosa) è sempre al di sotto della funzione di utilità => e) l'ua del reddito atteso (VA) è sempre maggiore dell'ua connessa al ce. Ecco perché un soggetto avverso al rischio ha una funzione di utilità concava: egli è avverso dunque, anche se oggettivamente equivalenti, preferisce il certo al rischio => dà un peso negativo, in termini di utilità, al rischio (ovvero dà un peso positivo, in termini di utilità, alla sicurezza). M. Bovi Pag. 14

15 ANALISI GRAFICA Consideriamo un soggetto che abbia una funzione di utilità concava. Supponiamo che costui possa scegliere se partecipare ad una lotteria equa i cui due esiti monetari, ALTO e BASSO, sono indicati nella seguente figura come OA e OB. Il valore monetario atteso, OX, si situa a metà strada fra OB e OA poiché ipotizziamo che le probabilità dei due esiti siano ½. OX è anche il costo di partecipazione alla lotteria. Se l agente decide di non giocare/rischiare, come vediamo dalla figura egli risparmia OX euro, che si ritrova in tasca per certo e che gli garantiscono un utilità pari a U(OX). Se invece decide di giocare, egli potrà ottenere due diversi livelli di utilità, ciascuno con probabilità ½ a seconda dell esito monetario. Se la vincita monetaria è quella più alta, l utilità ottenuta sarà U(OA), altrimenti sarà U(OB). Ciò che conta ai fini della decisione è l utilità attesa UA, cioè la media fra U(OA) e U(OB): siccome le probabilità di ottenere questi due livelli di utilità sono pari a ½, l utilità attesa si trova a metà strada fra i due (in verticale!) e corrisponde all altezza della linea continua riportata in figura. Siccome l utilità attesa di partecipare alla lotteria, UA, è chiaramente inferiore all utilità di non partecipare, U(OX), questo soggetto decide di non partecipare. D altronde, la sua funzione di UA è concava => è avverso. M. Bovi Pag. 15

16 ESEMPIO Tizio ha una funzione di utilità (concava) u=1000x 1/2 (x è il reddito). Egli può effettuare un investimento/lotteria (=prendersi un rischio) che produce un reddito netto pari a 60 con probabilità ½ e pari a 400 con probabilità ½. => VA=Reddito atteso=230 (=½ 60+½ 400) L equivalente certo (ce) è la somma di denaro che dà a Tizio un utilità [(U(ce)] pari all utilità attesa del reddito rischioso (UA): U(ce) = UA. Cominciamo quindi col calcolare l UA del VA: UA = ½[1000(60) 1/2 ] + ½[1000(400) 1/2 ] = 3.872, = ,5 Trovata l UA, ricaviamo l equivalente certo: qual è quella somma (=ce) che inserita nella funzione di utilità mi dà UA=13.872,5? U(ce) = 1000(ce) 1/2 = UA = ,5 (ce) 1/2 = ,5/1000 ce = (13,8725) 2 = 192,44 Dunque: equivalente certo della lotteria=192,44 reddito atteso (certo)=230 Sono avverso e, psicologicamente, la sicurezza mi dà più utilità di una lotteria equivalentemente certa => la mia funzione di utilità è concava. In questo esempio, è la radice quadrata. M. Bovi Pag. 16

17 Quantifichiamo la paura/prudenza. Il premio per il rischio (PR) Definiamo ora un altro concetto molto importante, il premio per il rischio: Esso è la differenza tra l equivalente certo (ce) della combinazione rischiosa di reddito/consumo e il valore atteso (VA) associato alla stessa combinazione rischiosa di reddito/consumo: PR=VA-ce. Questa differenza è misurata dalla distanza indicata con un tratto orizzontale (-) nella già vista figura 24.1, ovvero, la differenza tra 50 (il valore atteso della lotteria) e 44.5 (l equivalente certo), vale a dire 5.5(= ). Prima ci eravamo concentrati sulle rette orizzontali. Osserviamo ora le rette verticali disegnate nella figura Le rette estreme sulla sinistra (30) e sulla destra (70) rappresentano i due possibili risultati della lotteria in termini di consumo; la retta in posizione centrale è il reddito atteso della lotteria (è perfettamente al centro tra i due possibili risultati della lotteria perché questi sono equiprobabili); a sinistra del reddito atteso della lotteria troviamo la retta verticale (rossa) in corrispondenza dell equivalente certo. Qual è il significato economico del premio per il rischio? Esso rappresenta il massimo pagamento che l individuo è disposto a sborsare per ottenere, dalla lotteria, un risultato certo. PR=VA-ce In altri termini, il PR misura quanto si è disposti a pagare per eliminare il rischio: ce=va-pr. Il valore del PR dipende dal grado di concavità della funzione di utilità: maggiore è la concavità della funzione di utilità, maggiore è il premio per il rischio. M. Bovi Pag. 17

18 ANALISI GRAFICA Consideriamo nuovamente la situazione di un avverso al rischio. Di fronte alla solita lotteria con due esiti possibili ed equiprobabili B e A (dunque in figura il valore monetario atteso è VA X=punto equidistante da A e B), l utilità attesa è UA che è il punto equidistante da U(OA) e U(OB). Ci chiediamo ora qual è il valore monetario certo che darebbe a questo soggetto la medesima utilità (attesa) della lotteria? Si tratta ovviamente del valore EC (=equivalente certo della lotteria in questione). Se questo soggetto potesse disporre di EC starebbe altrettanto bene di quanto starebbe disponendo della possibilità di partecipare alla lotteria. Ovvero, sarebbe disposto a rinunciare ad un ammontare di valore atteso monetario pari a (X EC) a patto che EC sia certo (certa è una lotteria il cui valore atteso è EC stesso). La differenza (X EC) si chiama premio per il rischio (nb PR=VA-ce) che, quindi, è una misura di quanto quel soggetto è disposto a pagare per non rischiare/giocare. Infine tre ultime note: la retta è oggettiva : è uguale per tutti; la curva è soggettiva : dipende dalla propensione al rischio; PR, EC e VA sono tutte quantità monetarie (=> ascisse) da trasformare in utilità. M. Bovi Pag. 18

19 ESEMPIO (è quello di prima, ma ora calcoliamo il PR): Tizio ha una funzione di utilità (concava) u=1000x 1/2 (x è il reddito). Egli può effettuare un investimento/lotteria che produce un reddito netto pari a 60 con probabilità ½ e pari a 400 con probabilità ½. Il Premio al Rischio (PR) può essere definito come la somma di denaro con cui bisogna compensare un individuo per indurlo ad accettare il reddito incerto al posto di quello certo. Ovvero, il PR è: la differenza tra il valore atteso di un reddito incerto, VA, e il suo ce. Per cui: PR = VA ce Abbiamo già calcolato il ce= e il VA = ½(60) + ½(400) = = 230 da cui PR = ,44 = 37,56 M. Bovi Pag. 19

20 Generalizziamo ora i risultati che abbiamo ottenuto per i concetti di equivalente certo e premio per il rischio. L equivalente certo (ce) della combinazione rischiosa (c1, c2), date le probabilità π1 e π2 di consumare rispettivamente c1 e c2, è il guadagno certo che l individuo considera equivalente alla combinazione rischiosa (c1, c2) ed è definito dalla seguente espressione: u(ce) = π1 u(c1) + π2 u(c2) E importante ribadire che questa definizione implica che l individuo è psicologicamente indifferente tra ricevere ce con certezza e partecipare alla scelta rischiosa (c1, c2). Ne consegue che: se l individuo dovesse scegliere tra un ammontare certo di moneta maggiore di ce e la combinazione rischiosa, egli sceglierebbe l ammontare certo di moneta. se l individuo dovesse scegliere tra un ammontare certo di moneta minore di ce e la combinazione rischiosa, egli sceglierebbe la combinazione rischiosa. Il premio per il rischio PR, è definito come segue: PR = VA ce = (π1c1 + π2c2) ce La differenza tra il reddito atteso della lotteria e l equivalente certo della lotteria stessa rappresenta il PR=ilmassimo pagamento che l individuo è disposto a fare per eliminare completamente il rischio e ottenere con certezza l equivalente certo. M. Bovi Pag. 20

21 PROPRIETA DI ALCUNE FUNZIONI DI UTILITA ATTESA Prima di studiare le proprietà di alcuni tipi particolari di funzioni di utilità, ricordiamo che la funzione di utilità che definisce l insieme delle preferenze in condizioni di rischio non è unica. Infatti, si può dimostrare che se una data funzione di utilità descrive un insieme di preferenze in condizioni di rischio, lo stesso insieme di preferenze può essere descritto da qualsiasi trasformazione lineare della funzione di utilità stessa. Ciò si deve al fatto che se la funzione v è la trasformazione lineare monotonicamente crescente della funzione u, il valore atteso di v è pari alla trasformazione lineare del valore atteso di u. Ad esempio, se le preferenze sono descritte da u, le stesse preferenze possono essere descritte dalla funzione di utilità v = a + bu, dove a e b sono due costanti. Se il valore atteso di u rappresenta le preferenze, lo stesso è vero per il valore atteso di v: se il valore atteso di u è maggiore per una data combinazione rischiosa di reddito/consumo, lo stesso è vero per il valore atteso di v. A questo punto dovrebbe essere chiaro che la scala della funzione di utilità è precisa, ma arbitraria. Il punto qui è che solo se conosci la scala allora il numero diventa informativo. Esempio di come la funzione di utilità possa essere precisa, ma al contempo arbitraria: Se qualcuno vi dice che ci sono 40 gradi di temperatura e che si tratta di gradi Celsius, voi sapete precisamente che si tratta di un giorno particolarmente caldo. Tuttavia, fossero stati gradi Farheneit, il discorso sarebbe ben diverso (40 F~4 C). M. Bovi Pag. 21

22 Approccio al rischio: avversione assoluta al rischio costante Anzitutto una nota: in inglese si dice: Constant Absolute Risk Aversion (CARA). In italiano occorre fare attenzione: quando si dice costante, ci si riferisce all avversione, non al rischio. La funzione di utilità con avversione assoluta costante al rischio (o, se volete, avversione assoluta al rischio costante) è molto popolare e fornisce un approssimazione relativamente accettabile della realtà. Essa è definita dalla seguente espressione generica (c è il solito reddito/consumo): ESEMPIO: u(c)=-(1/r) -rc u(c) proporzionale a - exp(-rc) Il parametro r è conosciuto come coefficiente di avversione assoluta al rischio. Se r è positivo, la funzione di utilità CARA è concava e il soggetto è avverso al rischio. Inoltre, maggiore è r, maggiore è il grado di concavità della funzione, maggiore è l avversione al rischio. A cosa si deve la denominazione di questa funzione di utilità? Risp. Al fatto che il PR non dipende dal livello della combinazione rischiosa. ESEMPIO. La funzione di utilità disegnata nella figura 24.1 è del tipo CARA con r = u(c)=(1 e -0.03c ) / (1 e -3.3 ), In uno degli esempi precedenti, il soggetto era disposto a pagare un premio per il rischio pari a 5.5 (= ) per la combinazione (30, 70) rischiosa al 50%. Come si comporterebbe lo stesso individuo di fronte alla combinazione (5,45) rischiosa al 50%? Che premio per il rischio sarebbe disposto a pagare? M. Bovi Pag. 22

Utilità Attesa (Cap. 24 Hey)

Utilità Attesa (Cap. 24 Hey) Utilità Attesa (Cap. 24 Hey) Solito preambolo: In Economia le scelte/decisioni vengono distinte in: 1. decisioni in situazioni di certezza 2. decisioni in situazioni di rischio 3. decisioni in situazioni

Dettagli

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia.

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Richiami essenziali: Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Tasso di sconto intertemporale soggettivo

Dettagli

Incertezza, assicurazioni, deterrenza

Incertezza, assicurazioni, deterrenza Incertezza, assicurazioni, deterrenza (anche questo è adattato da altri pezzi per mancanza di tempo) Scelta sotto incertezza come scelta tra lotterie L esperienza ci insegna che in generale le conseguenze

Dettagli

L avversione al rischio e l utilità attesa

L avversione al rischio e l utilità attesa L avversione al rischio e l utilità attesa Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE In questa lezione introdurremo il modello dell utilità attesa, che descrive le scelte individuali

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Scelte Rischiose (cap. 23 Hey)

Scelte Rischiose (cap. 23 Hey) Scelte Rischiose (cap. 23 Hey) Solito preambolo: In Economia le scelte/decisioni vengono distinte in: 1. decisioni in situazioni di certezza 2. decisioni in situazioni di rischio 3. decisioni in situazioni

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5)

Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5) Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5) Che cos è il rischio? Come possiamo indicare le preferenze del consumatore riguardo al rischio? C è chi acquista assicurazione (non ama il

Dettagli

SCELTE INTERTEMPORALI (cap. 20 Hey) Qui siamo nella situazione decisionale numero 1. Detto ciò:

SCELTE INTERTEMPORALI (cap. 20 Hey) Qui siamo nella situazione decisionale numero 1. Detto ciò: SCELTE INTERTEMPORALI (cap. 20 Hey) Anzitutto un preambolo: In Economia le scelte/decisioni vengono distinte in: 1. decisioni in situazioni di certezza 2. decisioni in situazioni di rischio 3. decisioni

Dettagli

Scelte Rischiose (Cap. 23 libro di Hey)

Scelte Rischiose (Cap. 23 libro di Hey) Scelte Rischiose (Cap. 23 libro di Hey) Nelle precedenti lezioni abbiamo visto come analizzare la scelta: con un periodo e due beni/panieri (preferenze in gioco: i gusti) con due (o più) periodi e un bene/paniere

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa II

Esercizi di Ricerca Operativa II Esercizi di Ricerca Operativa II Raffaele Pesenti January 12, 06 Domande su utilità 1. Determinare quale è l utilità che un giocatore di roulette assegna a 100,00 Euro, nel momento che gioca tale cifra

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Incertezza, assicurazioni, deterrenza

Incertezza, assicurazioni, deterrenza Incertezza, assicurazioni, deterrenza (anche questo è adattato da altri pezzi per mancanza di tempo) Scelta sotto incertezza come scelta tra lotterie L esperienza ci insegna che in generale le conseguenze

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

3 Scegliere quando il mondo è incerto

3 Scegliere quando il mondo è incerto 3 Scegliere quando il mondo è incerto (Parte del cap. 3 di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) 1. Introduzione Nel capitolo precedente abbiamo

Dettagli

Capitolo 5: Preferenze

Capitolo 5: Preferenze Capitolo 5: Preferenze 5.1: Introduzione Le preferenze individuali alla base dell analisi dei capitoli 3 e 4 vengono rappresentate graficamente da curve di indifferenza parallele in direzione verticale

Dettagli

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni:

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni: ASIMMETRIE INFORMATIVE (Cap. 34 di Hey) Tener conto delle asimmetrie informative consente di evidenziare alcuni importanti elementi che la teoria standard - assumendo informazione completa e simmetrica

Dettagli

La scelta di portafoglio

La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio 1 La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio: il modo in cui un individuo decide di allocare la propria ricchezza tra più titoli Il mercato dei titoli è un istituzione che

Dettagli

Scegliere quando il mondo è incerto

Scegliere quando il mondo è incerto Scegliere quando il mondo è incerto (Tratto da I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) 1. Introduzione Nei capitoli precedenti abbiamo studiato

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Le operazioni di assicurazione e la teoria

Le operazioni di assicurazione e la teoria Capitolo 1 Le operazioni di assicurazione e la teoria dell utilità 1.1 Introduzione In questo capitolo si discutono alcuni aspetti di base della teoria delle assicurazioni. In particolare, si formalizza

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione propone esplora due problemi fondamentali: Se esiste un rischio in una transazione chi lo deve

Dettagli

Economia Pubblica Rischio e Incertezza

Economia Pubblica Rischio e Incertezza Economia Pubblica Rischio e Incertezza Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Seconda parte del corso di Economia Pubblica I problemi dell

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

Un modello matematico di investimento ottimale

Un modello matematico di investimento ottimale Un modello matematico di investimento ottimale Tiziano Vargiolu 1 1 Università degli Studi di Padova Liceo Scientifico Benedetti Venezia, giovedì 30 marzo 2011 Outline 1 Preliminari di calcolo delle probabilità

Dettagli

La teoria dell utilità attesa

La teoria dell utilità attesa La teoria dell utilità attesa 1 La teoria dell utilità attesa In un contesto di certezza esiste un legame biunivoco tra azioni e conseguenze: ad ogni azione corrisponde una e una sola conseguenza, e viceversa.

Dettagli

CAPITOLO TERZO LE PREFERENZE DEL CONSUMATORE E LA FUNZIONE DI UTILITÀ

CAPITOLO TERZO LE PREFERENZE DEL CONSUMATORE E LA FUNZIONE DI UTILITÀ CAPITL TERZ LE PREFERENZE DEL CNSUMATRE E LA FUNZINE DI UTILITÀ SMMARI: 3. Le preferenze. - 3. Le curve di indifferenza. - 3.. L inclinazione negativa della curva di indifferenza. - 3.. Altre forme delle

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Le preferenze e la scelta

Le preferenze e la scelta Capitolo 3: Teoria del consumo Le preferenze e la scelta 1 Argomenti trattati in questo capitolo Usiamo le preferenze dei consumatori per costruire la funzione di domanda individuale e di mercato Studiamo

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

Analisi Decisionale. (Decision Analysis) Caratteristiche:

Analisi Decisionale. (Decision Analysis) Caratteristiche: Analisi Decisionale 1 Analisi Decisionale (Decision Analysis) Metodologia che si applica quando un decisore può scegliere tra varie azioni future il cui esito dipende da fattori esterni che non possono

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Scelte finanziarie delle famiglie: a determinano i flussi di risparmio che alimentano lo stock di ricchezza; selezionano le attività patrimoniali

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

Studia lo scambio di importi monetari aleatori, dunque di operazioni che comportano un RISCHIO FINANZIARIO.

Studia lo scambio di importi monetari aleatori, dunque di operazioni che comportano un RISCHIO FINANZIARIO. TEORIA MATEMATICA DEL PORTAFOGLIO FINANZIARIO ELEMENTI DI TEORIA DELL UTILITÀ Studia lo scambio di importi monetari aleatori, dunque di operazioni che comportano un RISCHIO FINANZIARIO. es. Generica operazione

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione fornisce la principale motivazione economica dell esistenza

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di Scienze

Dettagli

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore Lezione 5 Argomenti Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore 5.1 PREESSA Nonostante le preferenze portino a desiderare quantità crescenti di beni, nella realtà gli individui non sono

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore Temi da discutere Capitolo 3 Il comportamento del consumatore L utilità marginale Il comportamento del consumatore Due applicazioni che illustrano l importanza della teoria economica del consumatore sono:

Dettagli

Università di Milano Bicocca. Esercitazione 6 di Matematica per la Finanza. 14 Maggio 2015

Università di Milano Bicocca. Esercitazione 6 di Matematica per la Finanza. 14 Maggio 2015 Università di Milano Bicocca Esercitazione 6 di Matematica per la Finanza 14 Maggio 2015 Esercizio 1 Un agente presenta una funzione di utilitá u(x) = ln(1 + 6x). Egli dispone di un progetto incerto che

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

Il comportamento del consumatore

Il comportamento del consumatore Il comportamento del consumatore Le preferenze del consumatore I vincoli di bilancio La scelta del consumatore Preferenze rivelate Utilità marginale e scelta del consumatore 1 Teoria del comportamento

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

I costi. Costi economici vs. costi contabili

I costi. Costi economici vs. costi contabili I costi Costi economici vs. costi contabili I costi economici connessi alla produzione di una certa quantità di output Y includono tutte le spese per i fattori produttivi. In altre parole, i costi economici

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Esercitazione del 5/10/09

Esercitazione del 5/10/09 Esercitazione del 5/10/09 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) Corso di Microeconomia, Docente Luigi Marattin 1 Esercizi. 1.1 Le curve di domanda e di offerta in un dato mercato sono date da:

Dettagli

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1.

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1. Appendice 5A La struttura temporale dei tassi di interesse, dei tassi spot e del rendimento alla scadenza Nel capitolo 5 abbiamo ipotizzato che il tasso di interesse rimanga costante per tutti i periodi

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

6.4 Risposte alle domande di ripasso

6.4 Risposte alle domande di ripasso Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza 45 6.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Se si potesse falsificare il segnale, questo cesserebbe di essere un segnale perché diventerebbe

Dettagli

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO 1-1. Quante ore allocherà un individuo alle attività di tempo libero se le sue curve di indifferenza tra consumo e beni sono concave verso l origine? Il lavoratore o lavorerà

Dettagli

Parte II - Microeconomia

Parte II - Microeconomia 76 3.3 DL ONETTO DI UTILITÀ RDINLE LL TEORI DEL- L UTILITÀ ORDINLE La teoria economica neoclassica ha sviluppato due diversi approcci per risolvere il problema di scelta del consumatore: l utilità cardinale;

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Microeconomia. Una sola delle cinque risposte fornite per ogni domanda è giusta.

ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Microeconomia. Una sola delle cinque risposte fornite per ogni domanda è giusta. ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Microeconomia. Una sola delle cinque risposte fornite per ogni domanda è giusta. TEORIA DEL CONSUMO prima parte (Varian, capp. 1-7) 1. Antonio compra

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

Ottimo del consumatore. a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

Ottimo del consumatore. a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici Ottimo del consumatore a.a. 2008/2009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 13:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore,

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

Capitolo 5. La teoria della domanda. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 5. La teoria della domanda. Soluzioni delle Domande di ripasso Capitolo 5 La teoria della domanda Soluzioni delle Domande di ripasso 1. La curva prezzo-consumo mostra l insieme dei panieri ottimi di due beni, diciamo X e Y, corrispondenti a diversi livelli del prezzo

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 ECONOMIA POLITICA TESTO R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 (capp. 2,3,4,5,6,7,8,9,12,13,14,16,17,20,23) introduzione alla

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Economia Applicata ai sistemi produttivi 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Schema della lezione di oggi Argomento della lezione: il comportamento del consumatore. Gli economisti assumono che il

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7]

OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7] OFFERTA DI LAVORO [Borjas 1.1-1.7] hi lavora nel mercato? dipende, offerta di lavoro varia tra tipi di persona (uomini/donne, giovani/adulti) tra Paesi (configurazioni diverse) nel tempo (al variare delle

Dettagli

= variazione diviso valore iniziale, il tutto moltiplicato per 100. \ Esempio: PIL del 2000 = 500; PIL del 2001 = 520:

= variazione diviso valore iniziale, il tutto moltiplicato per 100. \ Esempio: PIL del 2000 = 500; PIL del 2001 = 520: Fig. 10.bis.1 Variazioni percentuali Variazione percentuale di x dalla data zero alla data uno: x1 x 0 %x = 100% x 0 = variazione diviso valore iniziale, il tutto moltiplicato per 100. \ Esempio: PIL del

Dettagli

Scelta intertemporale. Lezione 9. Valori presenti e futuri. Valore futuro

Scelta intertemporale. Lezione 9. Valori presenti e futuri. Valore futuro Scelta Lezione 9 Scelta Di solito il reddito arriva ad intervalli, per esempio lo stipendio mensile. Quindi si pone il problema di decidere se (e quanto) risparmiare in un periodo per consumare più tardi.

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Fino a questo punto abbiamo considerato solo modelli statici, cioè modelli che non hanno una dimensione temporale. In realtà i consumatori devono scegliere

Dettagli

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione. ELBORTO SULL BSE DEL PR ON LINE 5.7 DI NICIT-SCOPP, ECONOMI DEI CONTRTTI (versione CZ del 10.12.2012) 5.7. ssicurazione, selezione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività

Dettagli