DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DUVRI derivanti da lavori di appalto relativi ai PV della Rete api-ip

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DUVRI derivanti da lavori di appalto relativi ai PV della Rete api-ip"

Transcript

1 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DUVRI derivanti da lavori di appalto relativi ai PV della Rete api-ip (Adeguamento al D.Lgs. 81/08) Ed. novembre 2008 Questo documento è di proprietà di api anonima petroli italiana S.p.A. Non può essere, neppure parzialmente, riprodotto o distribuito a persone ed enti, senza la preventiva autorizzazione scritta.

2 INDICE 1 CAMPO DI APPLICAZIONE OBBLIGHI E COMPETENZE Obblighi del Gestore Obblighi dell Appaltatore RISCHI INTERFERENTI ALL INTERNO DEI PUNTI VENDITA CARBURANTI Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi Identificazione e valutazione dei rischi interferenti Indicazione delle misure di sicurezza PROCEDURA PER IL COORDINAMENTO DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI IN APPALTO Obiettivo del coordinamento Procedura applicativa DESCRIZIONE LUOGHI DI LAVORO Classificazione delle aree pericolose in Zone 0, Zone 1 e Zone Rischi Generali all interno dei Punti Vendita Carburanti GESTIONE DELLE EMERGENZE E PRONTO SOCCORSO Procedura in caso di emergenza incendio Norme comportamentali generali Procedura di comportamento per prevenire l incendio Procedura in caso d incendio Procedura di evacuazione Procedura di gestione infortunio o emergenza sanitaria APPALTATORI E SUBAPPALTATORI Mantenimento del requisito di qualifica Tessera di riconoscimento COSTI PER LA SICUREZZA ALLEGATI DUVRI Pagina 2 di 20

3 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente documento, conforme a quanto stabilito dalla L 123/07 così come recepita dal D.Lgs 81/08, si applica alle attività svolte presso il PV dagli Appaltatori e disciplinate da uno dei contratti di seguito elencati: Contratto manutenzione; Contratto ambiente; Contratto Immagine e verniciature; Contratto GPL; Contratto manutenzione attrezzature antincendio; Contratto Lavori Edili; Contratto impianti antintrusione e TVCC; Fornitura in opera di pensiline, chioschi, flag, arredi, ecc.; Scarico prodotti petroliferi; Contratto per la manutenzione degli impianti di trattamento delle acque. DUVRI Pagina 3 di 20

4 2 OBBLIGHI E COMPETENZE 2.1 Obblighi del Gestore Partecipare attivamente alla riunione di coordinamento preliminare ai lavori con le ditte appaltate; controfirmare il Verbale riunione di coordinamento; conservare copia del suddetto Verbale riunione di coordinamento; applicare tutte le misure di sicurezza previste dalla normativa vigente e dal presente documento di valutazione dei rischi interferenti; comunicare al Responsabile per la committente eventuali anomalie riscontrate. 2.2 Obblighi dell Appaltatore Partecipare attivamente alla riunione di coordinamento preliminare ai lavori con il Gestore; possedere e compilare il Verbale riunione di coordinamento; informare il gestore sull utilizzo di eventuali prodotti pericolosi e allegare le relative schede di sicurezza al Verbale riunione di coordinamento; controfirmare il Verbale riunione di coordinamento; conservare copia del suddetto Verbale riunione di coordinamento; applicare tutte le misure di sicurezza previste dalla normativa vigente e dal presente documento di valutazione dei rischi interferenti; comunicare al Responsabile per la committente eventuali anomalie riscontrate; dotare il proprio personale di tessere identificative di riconoscimento; adempiere a quanto previsto nel Cap. 7 relativamente ai subappalti; adempiere a quanto previsto nel Cap. 7 relativamente al mantenimento della qualifica. DUVRI Pagina 4 di 20

5 3 RISCHI INTERFERENTI ALL INTERNO DEI PUNTI VENDITA CARBURANTI In considerazione delle attività svolte nei Punti Vendita di carburanti, sono valutati i rischi interferenti specifici determinati dalle attività di lavoro svolte dagli appaltatori individuando le relative misure conseguenti. 3.1 Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi Ogni lavoro in appalto è stato suddiviso in attività lavorative elementari; a queste ultime sarà associato un singolo Appaltatore (una sola impresa esecutrice o un lavoratore autonomo) e il luogo di lavoro interessato. In relazione all analisi effettuata, all interno dei PV o aree di servizio autostradali di proprietà del Committente è vietata l esecuzione di due o più attività/servizi dati in appalto, svolte contemporaneamente e nella stessa zona o in zone limitrofe da ditte diverse: si avrà interferenza nel momento in cui almeno un attività lavorativa dell Appaltatore ha sovrapposizione spaziale e temporale con una o più attività lavorative svolte dal Gestore, da un suo dipendente o dai clienti del PV. Variazioni a quanto sopra detto potranno essere valutate di caso in caso e autorizzate da un Responsabile per la committente. Il personale dell Appaltatore dovrà fare uso dei soli spazi appositamente concessi e nei quali le interferenze operative sono ridotte a quelle necessarie per lo svolgimento delle proprie attività. Per ogni attività lavorativa svolta da un singolo Appaltatore sono stati identificati e valutati i rischi interferenti. La valutazione è stata qualitativa, su una scala a tre livelli: accettabile; accettabile con prescrizioni; non accettabile. Per i rischi non accettabili sono stati adottati appositi provvedimenti attraverso la procedura operativa di gestione appalti (divieto di lavoro di più ditte contemporaneamente, chiusura del Punto Vendita, etc.) e pertanto non vengono evidenziati dalle tabelle. I rischi accettabili, con o senza prescrizioni, sono riportati nelle tabelle relativi ai rischi interferenti generali e specifici, nelle quali, per tipologia di lavorazione, sono riportate le prescrizioni alle quali l Appaltatore dovrà attenersi e i cui costi sono già inclusi nei costi delle singole attività. 3.2 Identificazione e valutazione dei rischi interferenti L individuazione dei rischi interferenti, presenti durante ogni attività lavorativa, è delle riportata nelle singole tabelle in cui sono stati considerati sia i «rischi specifici del luogo di lavoro causati da impianti, attrezzature e attività del Committente durante le attività lavorative oggetto dell appalto», sia i «rischi introdotti dagli appaltatori che operano contemporaneamente all attività del PV nell ambiente di lavoro». Tali attività sono considerate solo nel caso di PV aperto alle vendite e pertanto si considerano le interferenze tra Gestore/cliente del PV e Appaltatore. DUVRI Pagina 5 di 20

6 3.3 Indicazione delle misure di sicurezza Le misure di sicurezza e di prevenzione per i rischi specifici del luogo di lavoro causati da impianti, attrezzature e attività del Committente durante le attività lavorative oggetto dell appalto e i rischi introdotti dagli appaltatori che operano contemporaneamente all attività del PV nell ambiente di lavoro sono tutte le misure di prevenzione previste nell area di lavoro, eventualmente formalizzate per mezzo di procedure di accesso e comportamentali vigenti nell area, nonché i dispositivi di protezione individuale da utilizzare a causa dei rischi specifici presenti nei luoghi di lavoro. La valutazione delle interferenze è stata effettuata sulla base delle premesse esposte e pertanto è stata considerata solo l interferenza tra un Appaltatore e le attività di gestione ordinaria del PV. Nel caso in cui due o più appaltatori dovessero intervenire nella stessa zona o area del PV o in zone limitrofe, tali attività devono essere eseguite in due momenti temporali distinti. Se ciò non fosse tecnicamente possibile, il Committente, tramite il Responsabile per la committente (o un suo incaricato) si farà carico della cooperazione e coordinamento di tutti i soggetti coinvolti. Eventuali ulteriori rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori e le specifiche misure di sicurezza adottate dal Committente e dell Appaltatore sono riportate, all occorrenza, nei verbali di coordinamento che saranno compilati al momento dell assegnazione delle singole attività presso i PV oggetto delle opere e sottoscritto dall Appaltatore e dal Gestore previa approvazione del Committente. Le misure di sicurezza previste per l eliminazione (quando e se possibile) dei rischi generali, ovvero per la riduzione e il controllo di questi rischi, vengono riportate in apposite tabelle nel Capitolo 5.2. Nell Allegato 2, invece, sono riportate le tabelle con l individuazione dei rischi interferenti specifici e le relative misure di prevenzione e protezione da attuarsi. Le tabelle sono relative ad ogni contratto d appalto e suddivise in funzione dell attività svolta. Qualora, durante lo svolgimento della propria attività, l Appaltatore prendesse coscienza di ricadere nel campo applicativo del Titolo IV Capo I e II D. Lgs 81/08, dovrà immediatamente sospendere le lavorazioni ed avvisare il Committente. DUVRI Pagina 6 di 20

7 4 PROCEDURA PER IL COORDINAMENTO DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI IN APPALTO La procedure prende in esame le attività da eseguire per lo svolgimento di quanto previsto dai vari contratti di appalto, a seguito dell autorizzazione ad eseguire i lavori. In linea del tutto generale ed in prima battuta, all interno dei PV o aree di servizio autostradali, è vietata l esecuzione di due o più attività/servizio dati in appalto, svolte contemporaneamente e nella stessa zona o in zone limitrofe, da appaltatori diversi. Pertanto si avrà interferenza nel momento in cui almeno un attività lavorativa data in appalto ha sovrapposizione spaziale e temporale con una o più attività lavorative svolte dal Gestore, da un suo dipendente o dai clienti del PV. 4.1 Obiettivo del coordinamento accertarsi che le ditte terze presenti nel PV siano informate e a conoscenza dei rischi presenti nell'ambiente e nell'area in cui andranno ad effettuare il lavoro, evidenziando inoltre l'importanza del coordinamento fra imprese che operano sul medesimo Punto Vendita; far cooperare il Gestore con le ditte appaltatrici all'attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro. 4.2 Procedura applicativa L Appaltatore, una volta formalizzata l autorizzazione ad intervenire da parte del Committente, si deve recare sul PV ed eseguire la verifica preliminare. Tale verifica può essere svolta nei giorni precedenti l esecuzione del lavoro o nella stessa giornata lavorativa. L Appaltatore dovrà quindi collaborare e coordinarsi con il Gestore effettuando una riunione di coordinamento in cui dovranno essere sinergicamente definite le misure di prevenzione e di protezione da adottare per eliminare le interferenze e il conseguente programma dei lavori, analizzando preventivamente le aree di lavoro, l organizzazione dei lavori stessi e le lavorazioni che si svolgeranno durante l esecuzione dell appalto. In questa occasione verrà compilato il Verbale riunione di coordinamento (unico per tutti i contratti d appalto) in cui dovranno essere riportate le seguenti informazioni: anagrafica PV; tipologia del lavoro da svolgere; ditta esecutrice; scambio di informazioni sui rischi connessi all attività da eseguire; scambio di informazioni sui rischi connessi all attività del PV; Se, a seguito di questo scambio di informazioni, le misure di sicurezza definite nel presente DUVRI vengono valutate non sufficienti ad eliminare i rischi interferenti, l Appaltatore dovrà proporre delle soluzioni alternative consistenti in misure di sicurezza aggiuntive. Tali misure dovranno essere sottoposte dall Appaltatore al Responsabile per la committente per l approvazione e gli saranno riconosciute dal Committente facendo riferimento all Elenco Prezzi della Sicurezza allegato al Contratto d appalto. DUVRI Pagina 7 di 20

8 Quanto scaturito e condiviso da questa riunione di coordinamento dovrà essere formalizzato nel Verbale riunione di coordinamento costituendo, nel contempo, lo strumento operativo che dovrà guidare le attività lavorative del Gestore e degli Appaltatori in quelle aree del PV dove si concretizzeranno le interferenze lavorative tra le due attività. Solo a seguito della firma congiunta del Verbale riunione di coordinamento potranno essere effettuate le attività appaltate. Nel caso in cui l Appaltatore, recatosi sul posto, si accorga della presenza di un altro Appaltatore commissionato dal Committente e già operante nella medesima area di lavoro o in un area attigua ad essa, entrambi dovranno sospendere l attività. Il criterio con cui definire quale Appaltatore potrà continuare la lavorazione è definito dalla seguente priorità: 1. scarico autobotte; 2. contratti di manutenzione a forfait. Per gli altri contratti di appalto, la decisione sarà sottoposta al Responsabile per la committente. Nel caso in cui l Appaltatore, recatosi sul posto, si accorga della presenza di un altro Appaltatore non commissionato dal Committente e già operante nella medesima area di lavoro o in un area attigua ad essa, l Appaltatore dovrà coordinarsi con il Gestore per la definizione della priorità d intervento. Il Verbale riunione di coordinamento sarà compilato in triplice copia di cui una conservata a cura del Gestore presso il Punto Vendita, una archiviata dall Appaltatore presso i propri archivi e l altra inviata in copia al Committente secondo quanto stabilito nel Capitolo 7. DUVRI Pagina 8 di 20

9 5 DESCRIZIONE LUOGHI DI LAVORO (ai sensi dell art. 26 comma 1 lett. b del D. Lgs 81/08) Prima di recarsi sul Punto Vendita o durante l esecuzione del sopralluogo congiunto con il Gestore (riunione di coordinamento come da procedura al Capitolo 4), l Appaltatore deve acquisire le informazioni generali relative al PV, in particolare informazioni relative a: Caratteristiche del territorio circostante (autostrada, strada extraurbana, strada urbana); Prodotti erogati; Strutture del Punto Vendita oil e non-oil (numero di serbatoi, colonnine di distribuzione, self-service, officina, autolavaggio, disoleatore acque di piazzale, altro); Rischi specifici del luogo dove l appaltatore va ad operare (schede di sicurezza dei proddotti erogati, Rischio Atex, ecc.); Misure di sicurezza previste. 5.1 Classificazione delle aree pericolose in Zone 0, Zone 1 e Zone 2 Per la classificazione delle aree pericolose si utilizza lo Studio sulle atmosfere esplosive degli impianti di distribuzione stradale di carburanti per autotrazione effettuato dalla società Icaro srl per conto di Unione Petrolifera nell aprile del 2006, redatto secondo il procedimento, i criteri, le tecniche e le formule, in pieno accordo con quanto previsto dalla nuova Norma EN ( CEI 3130 ), così come indicato dal D.Lgs 233/ Rischi Generali all interno dei Punti Vendita Carburanti Per quanto attiene ai rischi di tipo generale, cioè quei rischi indipendenti dal tipo di lavorazione che si va ad eseguire, le fonti di rischio potenziali sono riconducibili a: ambienti di lavoro; impianti, attrezzature e macchinari non oil; impianti, attrezzature e macchinari oil. Nel seguito vengono trasmesse al Gestore e all Appaltatore, che si appresta ad eseguire delle attività presso il PV, le informazioni circa i rischi generali esistenti nei PV, nonché le misure di sicurezza di carattere generale definite e applicabili a qualsivoglia lavorazione. Tale elenco è da intendersi esemplificativo e non esaustivo. Per la completa trattazione dei rischi all interno dei Punto Vendita si deve fare sempre riferimento al Documenti di Valutazione dei Rischi e al Piano d Emergenza del Punto Vendita stesso. 1 Decreto abrogato e sostituito dal D.Lgs 81/08 DUVRI Pagina 9 di 20

10 Fonti di rischio potenziali Rischio Misure di sicurezza poste in essere dal Gestore Ambiente di lavoro Caduta dall alto o sprofondamento Caduta carichi Caduta o inciampo investimento da veicoli Collisione con mezzi in movimento Agenti biologici/chimici/ Polveri Contatto con organi in movimento rumore vibrazioni Incendio Esplosione E tenuto all'osservanza di tutte le leggi e norme vigenti che lo riguardano in qualità di lavoratore autonomo e di datore di lavoro. Avrà cura di addestrare adeguatamente i dipendenti su infortunistica, igiene del lavoro, medicina del lavoro e prevenzione. Mantiene le generali condizioni di sicurezza ed igiene degli ambienti di lavoro. Concede in uso ed indica all Appaltatore quali sono gli ambienti e/o le aree in cui può operare, sostare, transitare e/o effettuare eventuale deposito di materiali, mezzi e prodotti necessari allo svolgimento delle proprie attività, indica i punti di accesso alle aree di lavoro per le macchine e le attrezzature degli appaltatori. Rende disponibile la planimetria dei luoghi di lavoro fornita dal Committente con la classificazione delle aree a rischio esplosione e le indicazioni relative alla gestione delle emergenze. Assicura la disponibilità e il facile accesso delle attrezzature antincendio (estintori, etc.) previste dal CPI; Tenere in evidenza gli appositi cartelli indicanti divieti e norme di antinfortunistica; Il personale del Punto Vendita deve prestare sempre attenzione ai veicoli che sopraggiungono nell area nella quale si opera e disporre l eventuale segnaletica nel modo più efficace per prevenire possibili investimenti/incidenti, sistemando la segnaletica mobile e gli eventuali espositori di prodotti in modo stabile/tenendo conto di possibili urti, che possono pregiudicarne la stabilità e della forza del vento) e senza creare intralcio. In caso di lavori che creino intralcio al traffico provvedere a segnalarli adeguatamente e predisporre percorsi alternativi sicuri. Folgorazione Impianti, attrezzature e macchinari non oil Contatto con organi in movimento rumore Incendio Informa l Appaltatore sulla mappatura degli impianti e delle attrezzature in esercizio sul PV (tipologia, posizione ecc.); Indica i punti di consegna e le modalità/procedure di utilizzo delle utenze (energia elettrica, acqua, scarichi, ecc.); DUVRI Pagina 10 di 20

11 Fonti di rischio potenziali Rischio Misure di sicurezza poste in essere dal Gestore Impianti, attrezzature e macchinari oil Folgorazione Contatto con organi in movimento Incendio Esplosione Agenti chimici/biologici Utilizza scarpe e vestiario antistatici, quando previsto; Utilizza attrezzature antiscintilla e antideflagranti, quando previsto; Non utilizzar fiamme libere, cellulari e apparecchiature elettroniche; E obbligatorio tenere sempre copia delle schede di sicurezza presso il Punto Vendita per eventuale consultazione da parte degli addetti, per l informazione e la formazione del personale ed anche per eventuali ispezioni da parte degli organi di vigilanza. Predispone un corretto immagazzinamento dei prodotti; controllare periodicamente che non vi siano state perdite dai contenitori con conseguenti sversamenti;. Verifica che vi sia una corretta etichettature delle sostanze e dei preparati pericolosi; verificare che siano rispettate le prescrizioni previste dal CPI. Rimuove i cartoni unti e le confezioni di oli lubrificanti che risultano danneggiate o soggette a perdite; Toglie sempre le confezioni di oli lubrificanti aperte da ambienti di deposito chiusi; Stocca i materiali infiammabili rispettando i limiti imposti dal CPI; Assicura l efficienza dei dispositivi di scarico contenenti liquidi oleosi ed infiammabili, attraverso controlli periodici; Pulisce il pavimento ogni volta si verifichi uno spandimento, utilizzando materiale assorbente; DUVRI Pagina 11 di 20

12 Fonti di rischio potenziali Rischio Misure di sicurezza poste in essere dall Appaltatore Impianti, attrezzature e macchinari oil Impianti, attrezzature e macchinari non oil Ambiente di lavoro Folgorazione Contatto con organi in movimento Incendio Esplosione Folgorazione Contatto con organi in movimento rumore Caduta dall alto o sprofondamento Caduta carichi Caduta o inciampo investimento da veicoli Collisione con mezzi in movimento Agenti biologici/polveri/ Chimici Contatto con organi in movimento rumore vibrazioni Posiziona di attrezzature antincendio (estintori) nelle immediate vicinanze e cassetta di pronto soccorso; Utilizza scarpe e vestiario antistatici, quando previsto; Utilizza attrezzature antiscintilla e antideflagranti, quando previsto; Non utilizza fiamme libere, cellulari e apparecchiature elettroniche; In accordo con il Gestore toglie il collegamento elettrico dal quadro ed espone, sul Quadro elettrico, il cartello Non Collegare Lavori in corso ; Verifica, in relazione ai rischi presenti all interno del Punto Vendita, la rispondenza normativa per l introduzione, l utilizzo, lo stoccaggio e lo smaltimento di sostanze e materiali pericolosi. In accordo con il gestore toglie il collegamento elettrico dal quadro ed espone, sul Quadro elettrico, il cartello Non Collegare Lavori in corso ; Utilizza ai fini delle proprie attività e per il deposito delle proprie attrezzature e prodotti, esclusivamente le aree che sono messe a sua disposizione. Non intralcia i passaggi nonché le uscite d emergenza e le vie che a queste conducono. Mantiene le generali condizioni di sicurezza degli ambienti di lavoro. Comunica al Gestore del Punto Vendita eventuali anomalie di tipo strutturale, impiantistico e tecnico riscontrate durante lo svolgimento dell attività lavorativa. Delimita l area di lavoro con interdizione al personale e agli automezzi non addetti ai lavori chiude al transito dei veicoli l area interessata e le immediate vicinanze, quando questo non è possibile, deve essere valutata la chiusura totale del PV; Segnala l attività lavorativa tramite apposita cartellonistica; Indossa divise ad alta visibilità, quando previsto; Predispone eventuali percorsi alternativi per i clienti del PV; Eventualmente chiede la collaborazione delle Forze Pubbliche nel caso di situazioni di lavoro con occupazione, anche parziale, della sede stradale DUVRI Pagina 12 di 20

13 6 GESTIONE DELLE EMERGENZE E PRONTO SOCCORSO Al fine di rendere efficaci le misure definite e ad evitare l'insorgenza di rischi per tutti i lavoratori presenti, si prescrive che: in ciascun Punto Vendita deve essere affissa una planimetria dei luoghi con la indicazione delle zone di sicurezza e dei numeri di Enti esterni utili in caso di emergenza (polizia stradale, ospedale, Vigili del Fuoco, etc.); tutti i lavoratori dell'appaltatore devono prendere visione delle planimetrie presenti sul PV e delle norme comportamentali che devono essere obbligatoriamente rispettate in caso di emergenza; qualora si abbia necessità di effettuare accumuli o stoccaggi di materiali e prodotti, apportando così modifiche nello spazio lavorativo, si deve preventivamente richiedere autorizzazione al Gestore del PV, indicando tipologia e quantità di materiale da stoccare; è cura del Gestore indicare una zona idonea per lo stoccaggio. 6.1 Procedura in caso di emergenza incendio Criteri Generali Lo scopo di questa procedura è quello di contribuire alla salvaguardia della vita delle persone presenti, al momento dell'emergenza, presso il Punto Vendita, alla conservazione dei beni e delle attrezzature ed offrire uno strumento che consenta al personale stesso di affrontare in sicurezza e con efficacia, le prime fasi della gestione di un emergenza a seguito di un incendio. Gli obiettivi che si pone la presente procedura sono quelli di ottenere, nella giusta sequenza: la diramazione dell'allarme; il salvataggio delle persone; il confinamento e l'estinzione dell'incendio; la salvaguardia dei beni. La procedura è strutturata temporalmente nelle seguenti fasi : preventiva; allarme; evacuazione; 6.2 Norme comportamentali generali Prima del verificarsi dell emergenza tutti gli operatori presenti sul Punto Vendita devono: segnalare prontamente la presenza di anomalie, di comportamenti scorretti, la presenza di personale non autorizzato e la mancanza di attrezzature antincendio; non creare intralci alle vie di fuga; DUVRI Pagina 13 di 20

14 rispettare le procedure e le disposizioni vigenti; non fumare; mettere in sicurezza macchinari e attrezzature; Durante il verificarsi dell emergenza: mantenere la calma; rispettare le disposizioni impartite dagli addetti; avvisare il Gestore se non vi è già emergenza in atto; non prendere iniziative; rispettare le disposizioni impartite dai responsabili; interrompere le attività lavorative; mettere in sicurezza (spegnere) nei limiti del possibile, eventuali attrezzature o materiali che possono creare situazioni di pericolo; non tornare indietro, se non per motivi di grande necessità e sotto l autorizzazione del Responsabile dell emergenza; raggiungere il luogo di raccolta seguendo le indicazioni delle planimetrie affisse e la segnaletica. Dopo il verificarsi dell emergenza: seguire le istruzioni fornite al punto di raccolta; tornare al posto di lavoro solo se esplicitamente autorizzati; segnalare l esistenza di situazioni di pericolo ancora presente; facilitare il normale ripristino delle attività; informare i superiori del danno generato e delle problematiche legate all interruzione del lavoro; segnalare al responsabile dell Emergenza anomalie e possibili migliorie osservati durante l evoluzione dell emergenza. 6.3 Procedura di comportamento per prevenire l incendio Misure preventive È severamente vietato impiegare: fornelli di qualsiasi tipo per il riscaldamento di vivande, stufe ed apparecchi di riscaldamento o di illuminazione in genere a funzionamento elettrico con resistenza a vista o alimentati con combustibili solidi, liquidi e gassosi. è vietato l'utilizzo improprio dell'impianto elettrico; è necessario mantenere sempre liberi i percorsi di esodo; è fatto obbligo di astenersi dal compiere azioni che potrebbero compromettere la propria e la altrui incolumità; è vietato tenere depositi, anche modesti, di sostanze infiammabili a meno di quanto strettamente necessario per eseguire il lavoro. DUVRI Pagina 14 di 20

15 6.4 Procedura in caso d incendio Come comportarsi se si scopre un incendio Chiunque scopra un incendio è tenuto a: in caso di un principio di incendio, avvertire immediatamente il Gestore del PV; mettere in sicurezza macchinari e attrezzature; raggiungere punto di raccolta; in caso di cortocircuito di una apparecchiatura elettrica, allontanare immediatamente dalla sorgente d'innesco eventuali materiali facilmente combustibili presenti nelle vicinanze e far interrompere l'alimentazione elettrica dell'eventuale utilizzatore, disinserendo se possibile la spina dalla presa, e se del caso richiedere lo sgancio dell interruttore del quadro elettrico di pertinenza; mantenere i percorsi di esodo sempre liberi da ostacoli; astenersi dal compiere azioni che potrebbero compromettere la propria e la altrui incolumità; E inoltre responsabilità del Gestore: avvisare il Responsabile per la committente o gli Enti esterni se necessario; avvisare il responsabile di cantiere dell Appaltatore, se non presente; favorire l allontanamento del pubblico; impedire l accesso al pubblico; valutare, in collaborazione con l eventuale squadra di pronto intervento dell Appaltatore, la situazione, fornire prima assistenza agli eventuali infortunati, decidere se richiedere intervento esterno, attendere l intervento degli enti esterni. 6.5 Procedura di evacuazione Alla diramazione dell'ordine di evacuazione i presenti nel PV sono tenuti a: mantenere la calma, non urlare, allontanarsi senza spingere; non portare con se oggetti che per la loro natura a dimensione possano essere di intralcio durante l'evacuazione; utilizzare le vie di fuga che allontanano dall evento; raggiungere l'uscita di emergenza seguendo i cartelli indicatori; è vietato prendere iniziative di alcun genere che potrebbero compromettere la propria e la altrui incolumità; seguire le indicazioni fornite dal Gestore; agevolare l'arrivo e l intervento delle squadre di soccorso. DUVRI Pagina 15 di 20

16 6.6 Procedura di gestione infortunio o emergenza sanitaria In caso di infortunio di un operatore dell Appaltatore i colleghi applicano le procedure previste dall Appaltatore, attenendosi alle seguenti norme comportamentali generali: avvisare il Gestore; soccorrere il collega utilizzando presidi e attrezzature rese disponibili e per le quali si è addestrati; mettere in sicurezza macchinari e attrezzature in uso; avvisare in accordo con il Gestore gli enti esterni, se necessario; attendere l arrivo dei soccorsi, se necessario. DUVRI Pagina 16 di 20

17 7 APPALTATORI E SUBAPPALTATORI Fermo restando quanto previsto dal contratto e dalla documentazione ad esso allegata in materia di subappalti, l Appaltatore deve: nel contratto tra Appaltatore e Subappaltatore definire i costi per la sicurezza conformemente al contratto generale di appalto; trasmettere il DUVRI al subappaltatore che lo approva. L Appaltatore si farà carico di dare evidenza alla Committente della condivisione del DUVRI da parte di tutti i suoi Subappaltatori; verificare che il subappaltatore sia in grado di gestire gli aspetti inerenti la sicurezza con particolare riferimento alla formazione e all informazione dei lavoratori, in relazione alle specifiche attività svolte presso il Punto Vendita. I Subappaltatori devono a loro volta rispettare gli obblighi stabiliti nel paragrafo Mantenimento del requisito di qualifica L Appaltatore è tenuto ad inviare, su supporto informatico, al Responsabile per la committente la seguente documentazione trasmessa secondo le scadenze riportate: Documentazione Scadenza Destinatari Informazioni generali Appaltatore Alla firma del contratto Tutti DUVRI controfirmato Alla firma del contratto Tutti Certificato CCIAA Ogni 6 mesi Tutti Copia di tutti i Verbale riunione di coordinamento redatti Dichiarazione dell organico medio annuo, distinto per qualifica, nonché una dichiarazione relativa al contratto collettivo stipulato dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative, applicato ai lavoratori dipendenti Documento Unico di regolarità contributiva (DURC). bimestrale annualmente Trimestralmente Tutti Chi esegue lavorazioni ricadenti nel campo di applicazione della normativa sui cantieri temporanei o mobili Chi esegue lavorazioni edili o lavorazioni ricadenti nel campo di applicazione della normativa sui cantieri temporanei o mobili Documento attestante la regolarità contributiva Annualmente Tutti Piano di sicurezza relativo alle lavorazioni previste dal contratto Autocertificazione del possesso dei requisiti di idoneità tecnoco-professionale Alla firma del contratto Alla firma del contratto Tutti Tutti Documentazione attestante l avvenuta formazione ed informazione del proprio personale Alla firma del contratto Ulteriore documentazione potrà essere richiesta in occasione di cantieri temporanei o mobili da parte del Committente o del Responsabile dei Lavori. Tutti DUVRI Pagina 17 di 20

18 L Appaltatore è responsabile delle attività a lui affidate e, pertanto, se si avvale di ditte in subappalto, è responsabile della raccolta e verifica di tutta la documentazione relativa ad ogni Subappaltatore e del successivo inoltro al Committente secondo la tempistica sopra riportata. L Appaltatore pertanto è anche responsabile dell invio al Subappaltatore del presente DUVRI e della ricezione di una copia firmata da parte dello stesso. 7.2 Tessera di riconoscimento I lavoratori degli Appaltatori e dei Subappaltatori devono essere muniti e portare indosso, in chiara evidenza, la tessera di riconoscimento. Medesimo obbligo fa capo ai lavoratori autonomi che operano nell ambito dell appalto, i quali sono tenuti a provvedervi per proprio conto (ad esempio artigiani). I dati contenuti nella tessera di riconoscimento devono consentire l inequivocabile ed immediato riconoscimento del lavoratore interessato e pertanto, oltre alla fotografia, deve essere riportato in modo leggibile almeno il nome, il cognome e la data di nascita. La tessera inoltre deve indicare il nome o la ragione sociale dell impresa datrice di lavoro. DUVRI Pagina 18 di 20

19 8 COSTI PER LA SICUREZZA I costi ordinari di sicurezza sono sia derivanti dall applicazione del piano delle misure di sicurezza previste dall Appaltatore (formazione, sorveglianza sanitaria, organizzazione del SPP, DPI, ecc.) sia dal costo derivante dalle misure predisposte per eliminare o limitare le interferenze presenti negli ambienti di competenza del datore di lavoro Committente nei quali si va ad operare, così come previste nel DUVRI. Eventuali attività in aggiunta alle attività previste nel presente documento e nei suoi allegati, necessarie alla eliminazione o riduzione di rischi interferenti ad oggi non previsti, dovranno essere computati in maniera congrua e analitica per voci singole, a corpo o a misura, utilizzando lo specifico Elenco Prezzi per Oneri di Sicurezza predisposto dal Committente ed allegato al contratto d appalto. DUVRI Pagina 19 di 20

20 9 ALLEGATI Fanno parte integrante del presente documento i seguenti allegati: 1. Allegato 1: Verbale Riunione di Coordinamento 2. Allegato 2: Interferenze Specifiche e Misure conseguenti - Contratto Ambiente - Contratto di Manutenzione - Contratto di Manutenzione dell Immagine dei PV - Contratto di Manutenzione GPL - Contratto Fornitura in opera di chioschi, pensiline e flags - Contatto per il Rifornimento Impianti - Contratto Manutenzione Impianti Trattamento Acque 3. Allegato 3: Schede Sicurezza Prodotto 4. Allegato 4: Classificazione delle zone ATEX 5. Allegato 5: Esempi di Piani di Emergenza DUVRI Pagina 20 di 20

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali Ministero per i Beni e le attività Culturali Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo Via Guido Reni, 4a - Roma DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs 81/08)

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV DOCUMENTI A CURA DELL APPALTATORE DA INOLTRARE ALL AREA ACQUISTI ALMENO 10 GIORNI PRIMA DELLA DATA PRESUNTA DI INIZIO LAVORI (DA ALLEGARE ALLA

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info I contenuti ti minimi i i del PSC- PSS-POSPOS Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Titolo III - DISPOSIZIONI ULTERIORI PER I CONTRATTI RELATIVI AI LAVORI

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

PRIME PER. Edificio. Il Coordinatore progettazio. Aprile 2013. one. P.le T (+ +39) 06 49694150 www.uniroma1.it

PRIME PER. Edificio. Il Coordinatore progettazio. Aprile 2013. one. P.le T (+ +39) 06 49694150 www.uniroma1.it PRIME INDICAZIONI E MISURE SULLA SICUERZZA PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art. 17 D.P.R. 207/2010 0) SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA Realizzazionee di nuovo Stabulario Edificio B, Piano

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO Delibera n. 1036/10 Consiglio Direttivo 08/02/2010 GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO in APPLICAZIONE DI Codice Civile

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli