Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO"

Transcript

1 GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1

2 INDICE 1. INTRODUZIONE LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE LA METODOLOGIA NEI PROGETTI DI PARTENARIATO PRINICPALLI DIFFICOLTÀ / STRATEGIE PER IL SUPERAMENTO COME ACCEDERE AL QUESTIONARIO BIBLIOGRAPHY

3 1. INTRODUZIONE Quest guida ha lo scopo di illustrare a tutti i partner del progetto il sistema di autovalutazione adottato, che si basa sulla metodologia EFQM. Lo sviluppo dell autovalutazione è stato presentato mediante l uso di un questionario. In questa guida verrà riportata l esperienza nel progetto 2WORKSAFE, la descrizione delle varie fasi di attuazione, le principali difficoltà incontrate e i metodi per superarle, così come alcuni consigli per applicazioni future. 3

4 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE Oltre alla valutazione esterna, è stata anche prevista, per questo progetto, un autovalutazione interna basata sul metodologia di EFQM (European Foundation for Quality Management), metodologia che prevede l utilizzo di un questionario di autovalutazione (Determinazione Eccellenza, questionario di approccio EFQM).Durante lo sviluppo del progetto sono stati previsti due momenti per la somministrazione ai partner del questionario, la prima somministrazione è avvenuta durante lo sviluppo del progetto e più precisamente nella sua fase centrale, la seconda tappa invece è stata identificata alla fine del progetto, in modo da chiudere il ciclo di valutazioni. Il questionario ha lo scopo di aiutare le aziende, qualsiasi tipo di azienda, ad autovalutarsi, prendendo come misura di riferimento una scala di eccellenza. Si tratta di una metodologia collaudata di valutazione organizzativa che affronta una vasta gamma di aspetti, che insieme definiscono l'eccellenza in termini di capacità e risultati organizzativi. Il questionario considera il concetto di ECCELLENZA in senso molto più ampio rispetto ai sistemi di gestione della qualità (come la ISO 9000). Esso analizza temi come l'efficienza delle procedure per un miglioramento continuo dei prodotti e dei servizi, e l'impegno dell'organizzazione per lo sviluppo delle risorse umane, al fine di raggiungere obiettivi e risultati eccellenti. Il questionario si compone di 50 domande, tutte hanno la stessa importanza ai fini del risultato finale. Le domande sono suddivise in nove sezioni, di seguito riportate: 1. Qualità della Leadership 2. Politica e strategia 3. Persone 4. Partnerships e risorse 5. Processi 6. Risultati per i clienti/target-groups 7. Risultati per le persone coinvolte 8. Risultati per la società 9. Risultati delle prestazioni 4

5 Questi nove aspetti costituiscono la EFQM Modello di Eccellenza. Sono stati sviluppati da EFQM, e oggi questo modello di autovalutazione è largamente usato dai paesi Europei per identificare quelle organizzazioni che dimostrano prestazioni superiori. Le organizzazioni che decidono di compilare il questionario possono aspettarsi i seguenti benefici: Supporto per l'identificazione nel mondo imprenditoriale della sua attuale posizione e sulla identificazione di indicazioni e priorità per il futuro; Possibilità di confrontarsi con altre organizzazioni; Supporto per il monitoraggio dei progressi, partendo da un punto base; Supporto alla valutazione, attraverso l analisi dei diversi punti di vista, da parte dei membri dell'organizzazione per quanto riguarda i successi e le carenze dell organizzazione; Crea un punto di partenza per l'attuazione di miglioramento, impostando nelle aziende un sistema di miglioramento continuo di tipo programmato. Ci sono differenti modi di compilare il questionario: Individualmente, per meglio identificarsi con il modello di eccellenza EFQM così da dare una valutazione individuale dell azienda; Da più persone individualmente, con lo scopo di sommare i risultati finali in modo da ottenere una valutazione media e rilevare i punti discordanti e quelli concordanti. come un esercizio di gruppo in cui vengono analizzati i punti di forza e le aree di miglioramento, al fine di ottenere un risultato dal gruppo sulla valutazione dell'organizzazione. La metodologia definisce anche le formule per il calcolo dei risultati finali, ottenuti a seguito della compilazione del questionario. Questi risultati possono essere espressi in vari modi, che risultano comunque complementari, mentari, ovvero: grafici (barre, radar, etc.); all'interno di una tabella, che mostrano sia i risultati parziali che totali. 5

6 3. LA METODOLOGIA NEI PROGETTI DI PARTENARIATO Questa metodologia è sviluppata per essere usata da aziende e organizzazioni. Per poterla quindi applicare a progetti come il nostro, in cui sono previsti più partner, si devono fare degli adattamenti. A. Il primo adattamento è stato quello di pensare il gruppo come un unica società/organizzazione, aventi le seguenti figure: Responsabile Senior persona che rappresenta ogni partner Comitato direttivo; Responsabile persona nominate per ogni partner, per le varie attività, con il compito di partecipare al coordinamento e monitoraggio dei meetings; Persone elementi di ogni partner, coinvolti o meno nel progetto. Clienti target-groups, Enti gestori del programma, Società, dipendenti, individui; Fornitori altri progetti in corso nello stesso ambito, fornitori di servizi. B. Il passo successivo è stato quello di rispondere alle domanda presentate all interno delle varie sezioni, analizzando la loro rilevanza e il loro contenuto, adattandole quindi alla realta del gruppo. Per questo motivo il gruppo 2WORKSAFE, ha scelto una persona che facesse da facillitatore, ovvero affiancando il coordinatore, andasse a spiegare il significato della domande e l obiettivo che ci si proponeva di analizzare. Inoltre ad ogni partner è stato chiesto, oltre a dare una valutazione quantitava, anche di riportare eventuali commenti utili alla valutazione finale. Nella prima applicazione del questionario alcune domande sono state ritenute non rilevanti, queste sono: - 4. Partnerships e risorse Domande 4 e 5-7. Risultati per le persone coinvolte Domande 1, 2 e 3. Queste domande riguardavano risorse aziendali quali attrezzature, materiali, nuove tecnologie e altro, ed aspetti come l'assenteismo, il turnover del personale, la formazione, il tasso di incidenti, che non riguardano il campo di applicazione scelto dal gruppo. 6

7 C. I tempi di sviluppo del questionario (esercizio di autovalutazione) sono risultati rilevanti. Durante la prima applicazione si deve rilevare che alcune domande dovevano essere considerate con un punteggio come non iniziato, a causa della mancanza di risultati o del fatto che le fasi di progetto sviluppate non permettevano una valutazione di quei punti. Gli argomenti in questione erano il numero 6,8 e 9, relativi ai punti descritti in precedenza. Durante la seconda applicazione è stato possibile sviluppare anche questi punti in modo da rendere la valutazione completa. D. Il gruppo ha usato modalità divere per la compilazione one del questionario durante i due momenti previsti, ovvero a metà e a fine del progetto. Durante il primo momento di valutazione, si è optato per un esercizio individuale (un partner, una risposta). Alla fine del progetto il partenariato ha scelto di rispondere alle domande in un modo più ampio (una sola risposta per ogni argomento) a causa della difficoltà di differenziare le risposte per domanda E. È stato usato un grafico a barre per la rappresentazione dei risultati. Sono stati riportati risultati globali e per singola domanda. È stato anche aggiunto un analisi delle domande, sottolineando le principali osservazioni emerese durante l autovalutazione. 7

8 Risultati dell applicazione della metodolgia EFQM alla fine del progetto: Final EFQM Evaluation 2WORKSAFE Final EFQM Evaluation 2WORKSAFE Total score Key Performance Results Society Results People Results Customer Results Processes Partnerships & Resources People Policy & Strategy Leadership 0% 76% 52% 78% 84% 67% 100% 89% 67% 92% 80% 20% 40% 60% 80% 100% Achievement Leadership 100% Total score 80% Policy & Strategy 60% 40% People 20% 0% Key Performance Results Partnerships & Resources Society Results Processes People Results Customer Results Esempio di analisi delle domande: 1. Leadership Il successo della Leadership è stato dell <80% Piano di gestione è un nostro punto strategico e risulta in uso. La struttura organizzativa è stata istituita. La piattaforma di gestione è stata istituita e i documento sono stati pubblicati. C'è stato un aggiornamento nella comunicazione tra le riunioni. La piattaforma di gestione e le sono ora attive. Dobbiamo ancora fare di più nel contatto con i nostri clienti. 5. Processi Il successo dei processi è del 100 % Abbiamo istituito un buon sistema di documentazione: Piattaforma di gestione. - Abbiamo disponibili on-line i documenti di: Diagnosi dei bisogni formativi e Questionari relativi ai bisogni formativi. Abbiamo un sistema di autovalutazione: Determinazione di eccellenza EFQM. Abbiamo un piano operativo di progetto. Abbiamo una valutazione di ogni meeting. Abbiamo discusso i risultati della valutazione all inizio di ogni meeting. - Abbiamo il gruppo di esperti esterni Abbiamo i risultati e ora è possibile capire se gli obiettivi saranno raggiunti. 8

9 4. PRINICPALLI DIFFICOLTÀ / STRATEGIE PER IL SUPERAMENTO Le principali difficoltà incontrate negli esercizi di auto valutazione sono state relative all abilità di vedere il partenariato come un organizzazione e di adattare le domande presentate nel questionario alla realtà del partenariato. Perciò è importante fornire elementi nel partenariato con esperienze precedenti nell applicazione di questa metodologia in un contesto similare, in modo da chiarire qualsiasi domanda e adattarla alla realtà del partenariato. I vantaggi di usare questa metodologia vanno oltre il fatto che è uno strumento ampiamente utilizzato in Europa e disponibile in diverse lingue, essendo capace di analizzare la performance del partenariato, in un grande numero di aspetti che possono essere considerati chiavi per il successo del progetto, supportando la riflessione individuale, così come il contributo di ciascun partner agli obiettivi di progetto, facilitando l individuazione di punti sensibili per azioni di miglioramento e correttive. 9

10 5. COME ACCEDERE AL QUESTIONARIO Il questionario descritto sopra è accessibile solo attraverso la pubblicazione: EFQM Determining Excellence, Taking the first steps a questionnaire approach, EFQM, Brussels. Ci sono versioni in spagnolo, italiano e altre lingue. 6. BIBLIOGRAPHY Occupational EFQM Determining Excellence, Taking the first steps a questionnaire approach, EFQM, Brussels 10

TAB I Confronto tra modello di accreditamento della Regione Toscana e modello di accreditamento ASFOR

TAB I Confronto tra modello di accreditamento della Regione Toscana e modello di accreditamento ASFOR ALLEGATO D: MATRICE DI CONFRONTO TRA DISPOSITIVO REGIONALE DI ACCREDITAMENTO E MODELLI DI CERTIFICAZIONE/ACCREDITAMENTO DI QUALITA RICONOSCIUTI DALLA REGIONE TOSCANA Si riportano le tabelle di confronto

Dettagli

Requisito imprescindibile di ogni processo

Requisito imprescindibile di ogni processo La Qualità è LA QUALITA E Requisito imprescindibile di ogni processo Prodotti di Qualità sono generati da Macroprocessi (Innovation e Supply Chain) di Qualità Gestiti da Aziende Eccellenti Quality Management

Dettagli

Otto Principi sulla Gestione per la Qualità previsti dalla ISO 9000:2005

Otto Principi sulla Gestione per la Qualità previsti dalla ISO 9000:2005 Questionario di Autovalutazione di un Sistema di Gestione per la Qualità verso: Otto Principi sulla Gestione per la Qualità previsti dalla ISO 9000:2005 newsletter TECSE N. 02- Febbraio 2012 (Allegato

Dettagli

IL MODELLO EFQM IN APSS

IL MODELLO EFQM IN APSS Auditorium del Centro per i Servizi Sanitari giovedì 13.12.2007 IL MODELLO EFQM IN APSS Carlo Favaretti, direttore generale Ospedale S.Chiara la governance il modello EFQM l approccio APSS IL MODELLO EFQM

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

Descrizione del processo. Autovalutazione CAF

Descrizione del processo. Autovalutazione CAF Descrizione del processo Autovalutazione CAF 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DELL'AUTOVALUTAZIONE IL PROCESSO DI ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DELL'AUTOVALUTAZIONE Inizio: settembre 2013 I dieci step: 1. Decidere

Dettagli

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA 1 PROGRAMMA: La misura

Dettagli

Credibilità delle certificazioni ISO9001, un problema solo italiano? L'opinione di un utilizzatore.

Credibilità delle certificazioni ISO9001, un problema solo italiano? L'opinione di un utilizzatore. Convegno AICQ Comitato SGQ Milano, 20 novembre 2008 Credibilità delle certificazioni ISO9001, un problema solo italiano? L'opinione di un utilizzatore. Diego Rovigo Consigliere uscente, Comitato SGQ AICQ

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO: IL SIGNIFICATO, L URGENZA, LE TECNICHE E IL PROCESSO PER REALIZZARLO

IL MIGLIORAMENTO: IL SIGNIFICATO, L URGENZA, LE TECNICHE E IL PROCESSO PER REALIZZARLO WORKSHOP LA GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA IL MIGLIORAMENTO: IL SIGNIFICATO, L URGENZA, LE TECNICHE E IL PROCESSO PER REALIZZARLO GIOVANNI MATTANA Palazzo Torriani 29 novembre 2007 EVOLUZIONE DEI MODELLI

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE

CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE A quali temi la vostra organizzazione è al momento interessata? TEMI - relativi ai vostri FORNITORI - relativi ai vostri PROCESSI: efficacia,

Dettagli

IPMA DELTA l Assessment in project management p e r l o r g a n i z z a z i o n e a z i e n d a l e

IPMA DELTA l Assessment in project management p e r l o r g a n i z z a z i o n e a z i e n d a l e IPMA DELTA l in project management p e r l o r g a n i z z a z i o n e a z i e n d a l e UNA UNA VISIONE A 360 INDIPENDENTE AL 100% P E R U N A MIG LIO R E C O M P ETITIVITÀ a product of L EFFETTO DELTA.

Dettagli

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA www.isemoa.eu Il progetto ISEMOA è iniziato nel Maggio 2010 e durerà fino al Maggio 2013. ISEMOA è cofinanziato dall Unione Europea con il

Dettagli

I PERCORSI DI ECCELLENZA EFQM E CAF

I PERCORSI DI ECCELLENZA EFQM E CAF I PERCORSI DI ECCELLENZA EFQM E CAF Roma, 23 settembre 2011 Italo Benedini Responsabile Area Modelli d Eccellenza di AICQ 1 maturità I Modelli d Eccellenza Come applicarli Misurare il proprio grado di

Dettagli

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento SCELTA DELL APPROCCIO A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento 1 SCELTA DELL APPROCCIO l approccio all autovalutazione diffusa può essere normale o semplificato, a seconda delle

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

Marchio di Qualità ad adesione volontaria e gratuita per i rifugi alpini ed escursionistici della provincia di Torino

Marchio di Qualità ad adesione volontaria e gratuita per i rifugi alpini ed escursionistici della provincia di Torino Marchio di Qualità ad adesione volontaria e gratuita per i rifugi alpini ed escursionistici della provincia di Torino Nell ottica di sviluppare la qualità dei rifugi, la Camera di commercio di Torino in

Dettagli

Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE

Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Indire Milano 21 Novembre 2013 Il progetto VSQ Sperimentazione finalizzata

Dettagli

PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF COMUNICAZIONE ESITI RAV COMUNICAZIONE PRIORITÀ DI INTERVENTO

PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF COMUNICAZIONE ESITI RAV COMUNICAZIONE PRIORITÀ DI INTERVENTO Istituto Comprensivo Alighieri- Cartiera PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF COMUNICAZIONE ESITI RAV COMUNICAZIONE PRIORITÀ DI INTERVENTO Dirigente Scolastico dott.ssa Marialba Pugliese Referente prof.ssa

Dettagli

I.C. CRISPI PALERMO S.S.1 GRADO DANTE ALIGHIERI - CT 22/23-11-2010. A cura di Mirella Pezzini

I.C. CRISPI PALERMO S.S.1 GRADO DANTE ALIGHIERI - CT 22/23-11-2010. A cura di Mirella Pezzini I.C. CRISPI PALERMO S.S.1 GRADO DANTE ALIGHIERI - CT 22/23-11-2010 A cura di Mirella Pezzini Lina Barone è uno strumento di Total Quality Management ispirato dal modello di eccellenza EFQM della European

Dettagli

Le norme della Qualità

Le norme della Qualità Le norme ISO9000 e la loro evoluzione L evoluzione delle ISO 9000 in relazione alla evoluzione delle prassi aziendali per la Qualita 3 Evoluzione della serie ISO 9000 2 1 Rev. 1 ISO 9000 Rev. 2 ISO 9000

Dettagli

EFQM: UN MODELLO DI AUTOVALUTAZIONE PER FARE IL PUNTO NEL PERCORSO VERSO L ECCELLENZA 1

EFQM: UN MODELLO DI AUTOVALUTAZIONE PER FARE IL PUNTO NEL PERCORSO VERSO L ECCELLENZA 1 EFQM: UN MODELLO DI AUTOVALUTAZIONE PER FARE IL PUNTO NEL PERCORSO VERSO L ECCELLENZA 1 Nerino Arcangeli 1. La carta di identità di EFQM For more than 10 years, EFQM has been helping European businesses

Dettagli

Corso su MANAGEMENT PER OBIETTIVI E PER PROCESSI NELL UNIVERSITÀ

Corso su MANAGEMENT PER OBIETTIVI E PER PROCESSI NELL UNIVERSITÀ Corso su MANAGEMENT PER OBIETTIVI E PER PROCESSI NELL UNIVERSITÀ Roma, 29 febbraio 1 marzo 2012 Roma, 7-8 giugno 2012 (replica) sede Fondazione CRUI Piazza Rondanini, 48 00186 Roma Il corso assegna i crediti

Dettagli

PLUS. Syllabus rev. 1.04

PLUS. Syllabus rev. 1.04 PLUS Syllabus rev. 1.04 Al fine di facilitare il collegamento tra i Syllabus degli EQDL Start, Plus e quello del EQDL Full, nel testo che segue sotto il numero di codice di ogni sezione, tema e argomento

Dettagli

GReening business through the Enterprise Europe Network

GReening business through the Enterprise Europe Network GReening business through the Enterprise Europe Network Energy Management System UNI 14064 Audit Energetici Romano Selva, SOGESCA srl European Commission Enterprise and Industry UNI CEI EN 16001:2009 I

Dettagli

MENTORING MENTORING MENTORING FOR SALES & MARKETING B2B

MENTORING MENTORING MENTORING FOR SALES & MARKETING B2B I programmi di Mentoring sono un approccio multidisciplinare allo sviluppo del Leader al fine di aumentare la performance manageriale, acquisire e ampliare competenze di ruolo. MENTORING MENTORING FOR

Dettagli

EVOLUZIONE E PROSPETTIVE NELLA QUALITÀ. Giovanni Mattana ANIMA 4/7/2007

EVOLUZIONE E PROSPETTIVE NELLA QUALITÀ. Giovanni Mattana ANIMA 4/7/2007 EVOLUZIONE E PROSPETTIVE NELLA QUALITÀ Giovanni Mattana ANIMA 4/7/2007 EVOLUZIONE DEI MODI DI FARE QUALITÀ RADICAMENTO VALORI CONFRONTI L AFFIDABILITÀ SUPPORTI PUBBLICI Iso 14.000-Rinforzo dei legami con

Dettagli

I premi per l eccellenza a supporto dell innovazione. Marco Gentilini AICQ-CI

I premi per l eccellenza a supporto dell innovazione. Marco Gentilini AICQ-CI I premi per l eccellenza a supporto dell innovazione Marco Gentilini AICQ-CI PERCHE' IL TQM? METAMORFOSI DEL MERCATO NUOVO SCENARIO COMPETITIVO Nuova e maggiore concorrenza Ridotti margini di profitto

Dettagli

Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva

Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva MARIA GISELLA CONCA GESTIONE DELLA QUALITÀ Gli approcci alla Qualità Lo scenario della Certificazione Lezione introduttiva LIUC - Castellanza febbraio - maggio 2001 CERTIFICAZIONE: DIFFUSIONE E NORMATIVA

Dettagli

Development & Assessment Tools

Development & Assessment Tools Development & Assessment Tools Grazie a una partnership internazionale offriamo una gamma di strumenti che consentono di: rendere più efficace ed efficiente la fase di analisi delle esigenze aziendali

Dettagli

Documento generale progetto MIUR-CAF AMBITO, OBIETTIVI, VANTAGGI

Documento generale progetto MIUR-CAF AMBITO, OBIETTIVI, VANTAGGI 52 Distretto Scolastico DIREZIONE DIDATTICA 4 CIRCOLO Piazza F. Baldi, S. Lucia 84013 Cava de Tirreni (SA) Sito Web: www.cavaquartocircolo.gov.it e-mail: saee044007@istruzione.it Casella Pec: saee044007@pec.istruzione.it

Dettagli

EFQM per l Eccellenza d Impresa

EFQM per l Eccellenza d Impresa EFQM per l Eccellenza d Impresa Prof. Vittorio Cesarotti Università di Roma Tor Vergata Chairman EFQM Italia Vittorio Cesarotti Professore all Università of Rome «Tor Vergata» Direttore 1994-1996 2006-2009

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Allegato all Atto d indirizzo al Collegio dei docenti per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa.

Dettagli

I.S.I. Sandro Pertini

I.S.I. Sandro Pertini I.S.I. Sandro Pertini CAF EXTERNAL FEEDBACK La procedura europea per ottenere l attestazione CAF effective user I.S.I Sandro Pertini D.S. Daniela Venturi RGQ Monica Biagini 2 ISI SANDRO PERTINI Visione

Dettagli

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Il Sodalitas Social Award acquista respiro europeo Promuovere

Dettagli

The ITIL Foundation Examination

The ITIL Foundation Examination The ITIL Foundation Examination Esempio di Prova Scritta A, versione 5.1 Risposte Multiple Istruzioni 1. Tutte le 40 domande dovrebbero essere tentate. 2. Le risposte devono essere fornite negli spazi

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Sei un operatore di biblioteca? *(se si sceglie Altro, specificare) Altro: Qual è il tuo nome o il tuo nickname? *

Sei un operatore di biblioteca? *(se si sceglie Altro, specificare) Altro: Qual è il tuo nome o il tuo nickname? * Questionario per un'indagine sul grado di conoscenza della qualità nelle biblioteche Gentile Collega, stiamo conducendo un indagine per valutare il grado di conoscenza dei principi e delle tecniche per

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

- La pianificazione strategica (strategical planning) viene sostituita dal pensiero strategico (strategical thinking)

- La pianificazione strategica (strategical planning) viene sostituita dal pensiero strategico (strategical thinking) 3. LE EVOLUZIONI DEI SISTEMI DI MANAGEMENT I trend in atto L'esame delle attuali migliori aziende del mondo e dei maggiori casi di successo non lascia dubbi. I cambiamenti in atto nei sistemi manageriali

Dettagli

STRUMENTO DI AUTO VALUTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITA BASATO SULLO STANDARD DI SCUOLA ELOS

STRUMENTO DI AUTO VALUTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITA BASATO SULLO STANDARD DI SCUOLA ELOS Come usare lo strumento di auto-valutazione della Certificazione di Qualità La scuola sarà valutata sulla base della raccolta e dell analisi delle prove scritte seguite o dalla visita della scuola, intervista

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE città, data REPORT INDAGINE Nome ente RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO "XXXX" Strumento n 11: modello report di rilevazione della soddisfazione degli utenti

Dettagli

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it ADVISORY People & Change Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane kpmg.com/it La Soluzione P&C in Italia In contesti di mercato fortemente competitivi e

Dettagli

PLUS Syllabus rev. 1.03

PLUS Syllabus rev. 1.03 PLUS Syllabus rev. 1.03 Syllabus EQDL Rev. 1.03 1 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Scopi del modulo: Contenere i complementi al modulo 1 della EQDL START per completare il modulo 1 ed il modulo

Dettagli

SMART MANAGEMENT. LA GESTIONE DEL CLIENTE NELLE UTILITY: normative, tecnologie supporto IT

SMART MANAGEMENT. LA GESTIONE DEL CLIENTE NELLE UTILITY: normative, tecnologie supporto IT SMART MANAGEMENT LA GESTIONE DEL CLIENTE NELLE UTILITY: normative, tecnologie supporto IT Questa survey ha l obiettivo di mettere a confronto le aziende distributrici di energia e gas per individuare le

Dettagli

PERCORSO LABORATORIO CAF

PERCORSO LABORATORIO CAF PERCORSO LABORATORIO CAF I.I.S.S. Majorana-Laterza Il progetto FORMIUR Miglioramento delle performance delle Istituzioni scolastiche, realizzato nell'ambito del PON 2007-2013 "Competenze per lo sviluppo"

Dettagli

Indagine di opinione 2015. Maggio 2015

Indagine di opinione 2015. Maggio 2015 Indagine di opinione 2015 Maggio 2015 Introduzione A distanza di circa 5 anni, il 21 maggio Poste Italiane avvierà un indagine di opinione rivolta a tutti i dipendenti del Gruppo, guidata dalle priorità

Dettagli

Corsi E-Learning a catalogo

Corsi E-Learning a catalogo E-Learning a catalogo Indice documento gratuiti (12 titoli)... "compliance" (7 titoli)... software & IT (16 titoli)... di lingua (36 titoli)... (136 titoli)... Caratteristiche e modalità di acquisto...

Dettagli

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato Firenze, 22 Febbraio 2008 Massimo Maraziti presentiamoci Process Factory

Dettagli

PROGETTO DI PARTENARIATO STRATEGICO ERASMUS + MOBILITA GIOVANILE IN EUROPA

PROGETTO DI PARTENARIATO STRATEGICO ERASMUS + MOBILITA GIOVANILE IN EUROPA PROGETTO DI PARTENARIATO STRATEGICO ERASMUS + MOBILITA GIOVANILE IN EUROPA 2014 2016 La mobilità accademica tra i cittadini degli Stati membri è altamente promossa nel quadro giuridico e istituzionale

Dettagli

per le organizzazioni sanitarie Come migliorare le performance

per le organizzazioni sanitarie Come migliorare le performance per le organizzazioni sanitarie Come migliorare le performance Servizi per le organizzazioni sanitarie Sanitanova ha sviluppato una specifica area dedicata alla consulenza organizzativa, marketing, comunicazione

Dettagli

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE ONLINE TOOL FOR SELF-EVALUATION OF KEY COMPETENCES IN ADULT AGE Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE L Aquila, 13th Marzo 2014 Laura VETTRAINO Reference:

Dettagli

Il Percorso CAF: stato dell arte

Il Percorso CAF: stato dell arte Il Percorso CAF: stato dell arte Tappe del CAF in Europa(2000-2006) 2006 CAF 2006 alla IV Quality Conference Pubblicazione CAF works Slide 2 IV CORSO EFAC Tappe del CAF in Europa(2007-2012) 2011-12 V Evento

Dettagli

Piano di formazione linguistica comunicativa e metodologico didattica in lingua inglese per i docenti di scuola primaria a.s.

Piano di formazione linguistica comunicativa e metodologico didattica in lingua inglese per i docenti di scuola primaria a.s. Piano di formazione linguistica comunicativa e metodologico didattica in lingua inglese per i docenti di scuola primaria a.s. 2005/2006 Sintesi della riunione con i referenti regionali 13/14 settembre

Dettagli

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI EMPLOYEE (PEOPLE) SATISFACTION Non bisogna mai dimenticare che i primi clienti di un organizzazione sono i collaboratori interni e che un indicatore molto importante

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PDIS003009 "C.CATTANEO" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Migliorare le organizzazioni pubbliche attraverso l autovalutazione

Migliorare le organizzazioni pubbliche attraverso l autovalutazione SINTESI del MODELLO CAF & EDUCATI ON 201 3 Migliorare le organizzazioni pubbliche attraverso l autovalutazione 1 SOMMARIO Sommario 1. Origini e Sviluppo... 3 2. Finalità... 5 3. La Struttura... 5 Collegamenti

Dettagli

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL)

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) Feedback report Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) 13 febbraio 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: Telefono: Fax: Direzione Didattica -2 Circolo Niscemi Via Calatafimi,

Dettagli

Il Sistema della performance e le direttive CIVIT. Università di Cagliari monfardini@unica.it

Il Sistema della performance e le direttive CIVIT. Università di Cagliari monfardini@unica.it Il Sistema della performance e le direttive CIVIT Dott. Patrizio Monfardini Università di Cagliari monfardini@unica.it Art. 4 (ciclo di gestione della performance) 2 comma 1: [.] le amministrazioni pubbliche

Dettagli

Lean Leadership. 30 Settembre 2014 Alberto Portioli. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. alberto.portioli@polimi.

Lean Leadership. 30 Settembre 2014 Alberto Portioli. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. alberto.portioli@polimi. Lean Leadership Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it E il momento di decidere di sopravvivere e reagire

Dettagli

M.A.San. Management degli Approvvigionamenti in Sanità

M.A.San. Management degli Approvvigionamenti in Sanità Milano Italy M.A.San. Management degli Approvvigionamenti in Sanità Da giugno 2010 a febbraio 2011 www.sdabocconi.it/masan Empower your vision significa confrontarsi e acquisire prospettive differenti

Dettagli

Dall Audit al recupero dei Certificati Bianchi e all efficienza energetica: Un percorso dall obbligo all opportunità. In collaborazione con:

Dall Audit al recupero dei Certificati Bianchi e all efficienza energetica: Un percorso dall obbligo all opportunità. In collaborazione con: Dall Audit al recupero dei Certificati Bianchi e all efficienza energetica: Un percorso dall obbligo all opportunità Taormina, 24 Aprile 2015 Diagnosi Energetica cosa è Abbiamo visto in precedenza che

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

L INSERIMENTO DI GIOVANI RISORSE UMANE IN AZIENDA griglia per la conduzione di gruppi di lavoro con imprenditori e tutor aziendali

L INSERIMENTO DI GIOVANI RISORSE UMANE IN AZIENDA griglia per la conduzione di gruppi di lavoro con imprenditori e tutor aziendali La griglia si compone di due livelli: una parte "a testo libero", in cui si chiede di descrivere e rispondere in modo discorsivo; una parte codificata tramite una scala a punteggio (intervallo da 1 a 5)

Dettagli

Emotional Intelligence Stress Audit

Emotional Intelligence Stress Audit Emotional Intelligence Stress Audit Valutazione del rischio stress lavoro correlato per il benessere delle persone e dell organizzazione Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio

Dettagli

Management della Qualità

Management della Qualità Management della Qualità Prof.ssa S.Zanda A.A. 2015/2016 La gestione: funzioni direzionali e operative Le decisioni gestionali: strategiche tattiche e operative Le priorità competitive dell azienda moderna

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici

Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici 1 Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici PECULIARITÀ DELLA NORMA Il quadro di definizione delle competenze

Dettagli

LE FASI DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

LE FASI DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE DIREZIONE DIDATTICA STATALE I CIRCOLO VIA MAZZIERE 90018 TERMINI IMERESE TEL 091 8113191 TEL/FAX 091 8144600/ FAX 091/6197479 E-MAIL paee09300v@istruzione.it E-MAIL paee09300v@pec.it Sito web : www.primocircolotermini.it

Dettagli

Catalogo Offerta Formativa

Catalogo Offerta Formativa Catalogo Offerta Formativa Indice delle Aree Tematiche Area A - Amministrazione & Finanza Area B - Area Legale Area C - Sicurezza Qualità e Ambiente Area D - Produzione & Manutenzione Area E - Sviluppo

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08 Ufficio stage "formazienda" Incubatore di imprese innovative (Centro ISO - Industrial Spin-Off); Sportello informativo Start-up I.F.eG. (Imprenditorialità Femminile e Giovanile) Rilevazione annuale presso

Dettagli

LA REVISIONE DELLA ISO 14001:2015

LA REVISIONE DELLA ISO 14001:2015 LA REVISIONE DELLA ISO 14001:2015 Dr. Tatone Vito Nicola Doc/CSAD/2/Rev0 del 11/05/2015 La revisione della ISO 14001:2015 ad oggi è in fase di chiusura con l imminente rilascio del final draft, per cui

Dettagli

TOTAL QUALITY MANAGEMENT

TOTAL QUALITY MANAGEMENT TOTAL QUALITY MANAGEMENT 2005 TUZZI - Riproduzione vietata 2/49 IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT (TQM) ED I PREMI INTRODUZIONE LE SFIDE DALLA SOCIETÀ DEL 2000: UN NUOVO MODELLO DI IMPRESA IL TQM COME UNICA

Dettagli

MASTER TQM - QUALITA AMBIENTE E SICUREZZA

MASTER TQM - QUALITA AMBIENTE E SICUREZZA MASTER Management Istituto Studi Direzionali Academy MASTER TQM - QUALITA AMBIENTE E SICUREZZA SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com MILANO BOLOGNA PARMA

Dettagli

CV MONICA MALAVASI. V.le N. Bixio, 2 37126 Verona www.formazione-network.it

CV MONICA MALAVASI. V.le N. Bixio, 2 37126 Verona www.formazione-network.it CV MONICA MALAVASI Sono socia fondatrice di Formazione Network, azienda di formazione e consulenza che attraverso le molteplici esperienze professionali dei propri fondatori ed una profonda conoscenza

Dettagli

Usare al Meglio. Come usare il Report del. Mystery Shopper. per migliorare i risultati del tuo punto vendita

Usare al Meglio. Come usare il Report del. Mystery Shopper. per migliorare i risultati del tuo punto vendita Usare al Meglio Come usare il Report del Mystery Shopper per migliorare i risultati del tuo punto vendita Se leggi questo documento significa che o gestisci un tuo punto vendita o una catena di punti vendita

Dettagli

Allegato 2 al Protocollo d Intesa del Progetto One Safety. Vademecum per l adesione delle imprese appaltatrici al Progetto One Safety

Allegato 2 al Protocollo d Intesa del Progetto One Safety. Vademecum per l adesione delle imprese appaltatrici al Progetto One Safety Allegato 2 al Protocollo d Intesa del Progetto One Safety Vademecum per l adesione delle imprese appaltatrici al Progetto One Safety Revisione 3 - Settembre 2015 Indice 1. Premessa... 3 2. Introduzione

Dettagli

UNA GUIDA PER RIFLETTERE E AUTOVALUTARSI nella scuola dell infanzia paritaria e nei servizi prima infanzia

UNA GUIDA PER RIFLETTERE E AUTOVALUTARSI nella scuola dell infanzia paritaria e nei servizi prima infanzia UNA GUIDA PER RIFLETTERE E AUTOVALUTARSI nella scuola dell infanzia paritaria e nei servizi prima infanzia. INTRODUZIONE. 1) Alle origini fondative dello strumento: le premesse valoriali. 2) La storia

Dettagli

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni - 85100 Potenza INCONTRI DEL 13/19/25 FEBBRAIO 2015 AVVIO

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

Azioni per il miglioramento della qualitàdegli uffici giudiziari

Azioni per il miglioramento della qualitàdegli uffici giudiziari Ministero della Giustizia Azioni per il miglioramento della qualitàdegli uffici giudiziari Rimini, 3-6 dicembre 2009 Salone della giustizia Gli obiettivi generali Migliorare il servizio all utente; Rendere

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER PROFESSIONAL DELLE HUMAN RESURCES

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER PROFESSIONAL DELLE HUMAN RESURCES CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER PROFESSIONAL DELLE HUMAN RESURCES Il modello metodologico seguito per la progettazione di questo corso privilegia la centratura sull'apprendimento degli adulti inseriti in

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE SCUOLE IN ALCUNI PAESI EUROPEI. Unità italiana di Eurydice, giugno 2009

LA VALUTAZIONE DELLE SCUOLE IN ALCUNI PAESI EUROPEI. Unità italiana di Eurydice, giugno 2009 LA VALUTAZIONE DELLE SCUOLE IN ALCUNI PAESI EUROPEI Unità italiana di Eurydice, giugno 2009 INGHILTERRA L OFSTED Si tratta di un dipartimento governativo non ministeriale, che non riferisce ai ministri

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento

benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento I I modelli d eccellenza d applicati al benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento Dott. Vincenzo Mazzaro Presidente AICQ NAZIONALE Spinea 3 giugno 2010 Presentazione di AICQ La AICQ è

Dettagli

La gestione della qualità è in grado di portare benefici economici e finanziari? Ing Massimo Tuccoli

La gestione della qualità è in grado di portare benefici economici e finanziari? Ing Massimo Tuccoli La gestione della qualità è in grado di portare benefici economici e finanziari? Ing Massimo Tuccoli 1 QUALITA E REDDITIVITA MIGLIORE QUALITA' = RIDUZIONE ELEMENTI DIFETTOSI Nel ciclo produttivo Sul mercato

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

COORDINATE PER CRESCERE

COORDINATE PER CRESCERE COORDINATE PER CRESCERE E COORDINATE PER CRESCERE COORDINATE PER CRESCERE CHI SIAMO Attraverso un approccio integrato, una struttura flessibile e una spiccata preparazione professionale, Consilia offre

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO M.I.U.R. U.S.R. per la Campania Direzione Generale ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - GADDA Via A. Gramsci,22 80010 Quarto (Na) Tel & Fax: 081/8768767 e-mail : naic8fc004@istruzione.it Sito web : www.icterzogadda.it

Dettagli

II incontro 23 novembre 2015. prof. Giancarlo Cencetti

II incontro 23 novembre 2015. prof. Giancarlo Cencetti Perugia I.T.T. Alessandro Volta Piano formazione Never Stop Learning - Percorso A I processi di valutazione e autovalutazione della scuola II incontro 23 novembre 2015 prof. Giancarlo Cencetti Obiettivi

Dettagli

Domanda 1.1. Corrispondenza dei contenuti alle sue aspettative 2% 10% 34% Domanda 1.2

Domanda 1.1. Corrispondenza dei contenuti alle sue aspettative 2% 10% 34% Domanda 1.2 ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DELLA DIDATTICA: STRUMENTI E RUOLI PERUGIA 24 MARZO 2015 AULA A INGEGNERIA Giudizi raccolti tramite il questionario di valutazione somministrato nell incontro di formazione.

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli