Il progetto strategico di un idea di città

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il progetto strategico di un idea di città"

Transcript

1 Il progetto strategico di un idea di città Un progetto urbano di luoghi per la riqualificazione della fascia dei viali di circonvallazione e la riscoperta della memoria delle mura Il sistema perimetrale verde degli spazi pubblici come occasione per attivare indotti di rigenerazione urbana verso il centro storico e verso la periferia

2 IL RUOLO URBANO DELLE MURA COME SPAZIO PUBBLICO VERDE Il pubblico passeggio e i caselli daziari delle porte urbane come occasione ottocentesca di trasformazione delle mura farnesiane in luoghi di belvedere e di socialità

3 PER UN RING VERDE DELLE MURA: GLI ESEMPI DI VIENNA E LUCCA VIENNA 1860 La fascia delle mura demolite diviene un ambito dove disporre in sequenza edifici e servizi pubblici all interno della nuova viabilità e del verde della città del Novecento LUCCA 2016 Il sistema storico delle mura presente è un parco che circonda la città storica

4 LA MEMORIA ATTUALE DELLA STRUTTURA STORICA E I FRAMMENTI DELLE MURA LEGENDA A TORRENTE PARMA B DIRETTRICI URBANE C CASTRUM ROMANO D MURA FARNESIANE porte e tratti superstiti delle mura farnesiane 1_PORTA SANTA CROCE 2_PORTA SAN MICHELE 3_PARCO CITTADELLA 4_PORTA SAN FRANCESCO 5_CORTINA DEL PARCO DUCALE 6_RESTI DEL BASTIONE DELL AQUILA 7_RESTI DEL BASTIONE DEL FIENILE 8_RESTI DEL BALUARDO DELLA TRINITÀ 9_CORTINA LUNGO IL TORRENTE PARMA 10_TORRIONE D OLTRETORRENTE E POLARITÀ URBANE 11_OSPEDALE VECCHIO 12_CHIESA DELLA SANTISSIMA ANNUNZIATA 13_BARRIERA BIXIO 14_CHIESA DI S.M. DEL QUARTIERE 15_BASILICA DI S.M. DELLA STECCATA 16_CASINO PETITOT 17_DUOMO 18_BATTISTERO 19_PALAZZO DEL VESCOVADO 20_PALAZZO DELLA PILOTTA 21_REGGIA DEL PARCO DUCALE 22_PARCO DUCALE 23_CONVENTO DI SAN PAOLO 24_MONASTERO DI SAN GIOVANNI 25_COLLEGIO DEI GESUITI - UNIVERSITÀ 26_COLLEGIO DELLE ORSOLINE 27_VIALE MARTIRI DELLA LIBERTÀ 28_COLLEGIO LALATTA 29_CHIESA E CONVENTO DI S. FRANCESCO DEL PRATO, CARCERE E PALAZZO CUSANI 30_CHIESA DI S. LUCA DEGLI EREMITANI La storia della città e il sistema urbano dei suoi monumenti sono il fondamento identitario di Parma ed uno dei suoi principali elementi di valore. Il significato civile, sociale, economico e la capacità di attrattività turistica dei luoghi storici sono legati alla presenza di fatti urbani decisivi ancora presenti. La memoria delle mura farnesiane è oggi riscontrabile in alcuni punti isolati come la cittadella cinquecentesca, il basamento del Baluardo della Trinità (presso il DUC comunale) alcune porte urbane isolate come quella di Santa Croce e San Francesco e interventi integrati successivi come il Casino del Petitot, Barriera Bixio e una serie di frammenti di mura lungo il torrente F IL VUOTO DELLE MURA

5 LA DEMOLIZIONE DELLE MURA E LA REALIZZAZIONE DEI VIALI

6 LA CITTÀ ESISTENTE: GLI AMBITI DEL VERDE ACCESSIBILI E RISERVATI Il verde pubblico suddiviso e non comunicante I parchi pubblici della città costituiscono un importante dotazione che si dispone sul limite della città storica come sistema di ambiti isolati e non comunicanti. Alcuni ambiti di verde hanno accessibilità pubblica, altri vedono un utilizzo riservato mq verde pubblico accessibile esistente mq verde con utilizzo riservato esistente Superfici calcolate in maniera indicativa alla scala urbana

7 LE POTENZIALITÀ DI INTERVENTO SUL SISTEMA DEI VIALI E SULL ALVEO DELLA PARMA Gli ambiti di connessione tra le aree verdi della città L alluvione che ha colpito il quartiere Montanara ha sollecitato la realizzazione della cassa d espansione del Baganza. Questa opera consentirà un diverso utilizzo del torrente che potrà essere immaginato come parco lineare realmente praticabile. In questo scenario una riqualificazione urbana dei viali di circonvallazione costituisce una straordinaria occasione di messa a sistema delle dotazioni di verde pubblico della città mq il sistema del verde pubblico integrato mq aree di connessione attivabili Superfici calcolate in maniera indicativa alla scala urbana

8 LA NUOVA VIABILITÀ PER LO SPAZIO PUBBLICO Le connessioni del sistema verde del parco lineare delle mura VIALE DEI MILLE E VITTORIA VIA SAN MICHELE E PIER MARIA ROSSI VIALI DEI MILLE E VITTORIA viabilità attuale viabilità di progetto Lo spostamento verso l esterno dei viali restituisce alla città storica un anello pubblico e un sistema di congiunzione verde tra i parchi esistenti VIA SAN MICHELE E PIER MARIA ROSSI viabilità attuale viabilità di progetto

9 IL PROGETTO URBANO PER IL NUOVO RING VERDE DELLE MURA Con lo spostamento della viabilità di circonvallazione verso l esterno sarà possibile riscoprire e valorizzare il basamento delle mura e costruire una corona verde di spazi ciclo pedonali di connessione degli ambiti di verde esistente. Il parco delle mura potrtà svilupparsi lungo tutto il sistema dei viali dando continuità e organicità al sistema del verde pubblico della città mq il sistema del verde pubblico integrato mq aree recuperabili per il parco verde delle mura mq aree destinate a modifiche viabilistiche Superfici calcolate in maniera indicativa alla scala urbana

10 L INDOTTO STRATEGICO I luoghi sul ring verde come inneschi per processi di rigenerazione urbana ALVEO NORD il sistema verde del torrente, il nuovo ponte, gli scali ferroviari REGGIA via delle Fonderie e le aree verdi verso le sedi dell Autority Europea SANTA CROCE il sistema universitario tra la Barriera e l Ospedale Vecchio OSPEDALE il sistema di spazi ed edifici tra viale dei Mille e via Abbeveratoia DA BIXIO AL TORRENTE il sistema degli spazi pubblici ed i plessi scolastici dalla Barriera a ponte Caprazucca TEP AD PERSONAM il sistema urbano tra il ponte di via Po, piazzale Fiume, l ex deposito Tep e la Barriera Bixio BAGANZA l affaccio sui corsi d acqua tra Piazzale Varese e gli impianti sportivi sulla confluenza CITTADELLA il patrimonio verde tra l orto botanico e il parco cittadino TARDINI il sistema di relazioni tra il Casino del Petitot e parco Giacomo Ferrari COLLEGIO MARIA LUIGIA il parco e gli impianti sportivi tra i viali e S. Lucia degli Eremitani AEMILIA tra il ponte romano con la Ghiaia, San Quirino e Piazza Garibaldi BARILLA EX ERIDANIA tra Barriera Repubblica e l Auditorium Paganini SAN FRANCESCO il sistema urbano dell ex carcere tra il Battistero e il Bastione del Diavolo ARCO NORD EST gli ambiti di riqualificazione tra i viali e la ferrovia ad est della stazione PILOTTA il sistema stazione, piazza dei Guasti e ferrovia SAN LEONARDO oltre la stazione, verso la periferia urbana

11 I LIVELLI DI INTERVENTO ALLA SCALA URBANA L INDOTTO STRATEGICO DEL PROGETTO URBANO PER LA RIGENERAZIONE I sistemi di relazione e di rigenerazione urbana sollecitati dal progetto urbano ed i luoghi sui viali come innesco delle trasformazioni aree di indotto LE INTEGRAZIONI DI PROGETTO DEL VERDE ACCESSIBILE E LA MESSA A SISTEMA DELL ALVEO DEL TORRENTE COME PARCO FLUVIALE Il sistema degli spazi pubblici di progetto come recupero e valorizzazione della memoria e della forma delle mura a costituire il parco delle mura mq sistema verde aggiuntivo di progetto LA NUOVA VIABILITÀ PER LO SPAZIO PUBBLICO Le modifiche sui viali di circonvallazione per il progetto urbano con lo spostamento delle strade verso l esterno mq aree destinate a modifica viabilistica LA CITTÀ ESISTENTE: GLI AMBITI DEL VERDE E LE POTENZIALITÀ DI INTERVENTO I parchi e gli spazi verdi separati e la viabilità di circonvallazione come occasione di ricucitura mq aree di verde pubblico integrato Superfici calcolate in maniera indicativa alla scala urbana PROGETTO PARMA CITTÀ FUTURA I LIVELLI DELLE TRASFORMAZIONI

PARMA CITTÀ FUTURA _ 10 tavoli di discussione trasversali ed inclusivi

PARMA CITTÀ FUTURA _ 10 tavoli di discussione trasversali ed inclusivi PARMA CITTÀ FUTURA _ 10 tavoli di discussione trasversali ed inclusivi In occasione delle scadenze amministrative gli urban centers di tutto il mondo organizzano momenti di dibattito finalizzati ad attivare

Dettagli

Ambito di Trasformazione Urbana. Se + Ve. Scva (verde pubblico, parcheggi) Scers. Nuova viabilità interna. Permeabilità e/o connessioni ciclo-pedonali

Ambito di Trasformazione Urbana. Se + Ve. Scva (verde pubblico, parcheggi) Scers. Nuova viabilità interna. Permeabilità e/o connessioni ciclo-pedonali Ambito di Trasformazione Urbana Se + Ve Scva (verde pubblico, parcheggi) Scers Nuova viabilità interna Permeabilità e/o connessioni ciclo-pedonali Connessioni verdi e percorsi ciclo-pedonali Verde esistente

Dettagli

ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE DI GENOVA

ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE DI GENOVA ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA PERCORSI DEFINITI DAL VERDE SEQUENZA GIOCHI D ACQUA E RIQUALIFICAZIONE DEL PARCO DI PONENTE NUOVO SPAZIO PER RIVITALIZZAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

COMPRENSORIO PRATI DI CAPRARA OVEST (n. 19)

COMPRENSORIO PRATI DI CAPRARA OVEST (n. 19) COMPRENSORIO PRATI DI CAPRARA OVEST (n. 19) Il Comprensorio Prati di Caprara Ovest è tra le aree considerate strategiche per estensione territoriale, con forte prevalenza di aree verdi. Si sviluppa a ovest

Dettagli

Centralità locali. Municipio IV. IV.1 Settebagni. IV.2 Fidene. IV.3 Conca D Oro. IV.4 Talenti. IV.5 Castel Giubileo

Centralità locali. Municipio IV. IV.1 Settebagni. IV.2 Fidene. IV.3 Conca D Oro. IV.4 Talenti. IV.5 Castel Giubileo Centralità locali Municipio IV IV.1 Settebagni IV.2 Fidene IV.3 Conca D Oro IV.4 Talenti IV.5 Castel Giubileo Schemi di riferimento per le centralità locali IV/1 CENTRALITA LOCALE n IV-1: Settebagni Inquadramento

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 9. danni più gravi sono dovuti alle frequenti esondazioni del

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 9. danni più gravi sono dovuti alle frequenti esondazioni del Sintesi degli incontri di ascolto di Zona 9 Una serie di esigenze ricorrono in tutti i quartieri della Zona 9: - risolvere i problemi di manutenzione delle strade (alcuni dei danni più gravi sono dovuti

Dettagli

DIREZIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO E CITTA' SOSTENIBILE PIANI E PROGETTI PER L AREA OVEST DELLA CITTÀ STORICA DI VENEZIA. IUAV, 8 Novembre 2016

DIREZIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO E CITTA' SOSTENIBILE PIANI E PROGETTI PER L AREA OVEST DELLA CITTÀ STORICA DI VENEZIA. IUAV, 8 Novembre 2016 DIREZIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO E CITTA' SOSTENIBILE PIANI E PROGETTI PER L AREA OVEST DELLA CITTÀ STORICA DI VENEZIA IUAV, 8 Novembre 2016 MESTRE MARGHERA VENEZIA LIDO PELLESTRINA VENEZIA E IL SUO TERRITORIO:

Dettagli

GIUBILEO della misericordia PRIMO PIANO INTERVENTI DEL COMUNE DI ROMA. mercoledì 12 agosto 15

GIUBILEO della misericordia PRIMO PIANO INTERVENTI DEL COMUNE DI ROMA. mercoledì 12 agosto 15 GIUBILEO della misericordia PRIMO PIANO INTERVENTI DEL COMUNE DI ROMA Interventi ATAC Viabilità Aree verdi Ponti sul Tevere Accessi su rotaia Aree di pregio Viabilità di collegamento Collegamenti aree

Dettagli

Conoscere è la premessa per valorizzare

Conoscere è la premessa per valorizzare Conoscere è la premessa per valorizzare La Piazza genera idee Il vuoto ci parla,basta ascoltare Piazza = CONDIVISIONE Ricuciamo lo strappo Conoscere è la premessa per valorizzare La cultura si forma con

Dettagli

INDICE 01-A Settore urbano centrale Città storica 02 Area urbana centrale Ex mura 03 Quartiere urbano I Crocetta-S.Pancrazio

INDICE 01-A Settore urbano centrale Città storica 02 Area urbana centrale Ex mura 03 Quartiere urbano I Crocetta-S.Pancrazio TERRITORIO N.35 del 26.04.2007 TERRITORIO N.88 del 29.07.2008 TERRITORIO N.46 del 08.04.2008 VARIANTE N.134 approvata con atto di C.C. 164 del 05.12.2008 TERRITORIO N.28 del 18.03.2010 TERRITORIO N.45

Dettagli

ABITARE RIMINI Concorso per idee di spazi urbani

ABITARE RIMINI Concorso per idee di spazi urbani 1983-2013 30 anni di impegno del Rotary Rimini Riviera per la salvaguardi e valorizzazione del centro storico di Rimini ABITARE RIMINI Concorso per idee di spazi urbani Bando concorso anno 2012-13 Ri-scoprire

Dettagli

INPUT PROVENIENTI DAL TERRITORIO INDIRIZZI DI POLITICA URBANISTICA CITTA DI TORINO

INPUT PROVENIENTI DAL TERRITORIO INDIRIZZI DI POLITICA URBANISTICA CITTA DI TORINO STADIO JUVENTUS DI TORINO ARENA ROCK CITTA DI TORINO SHOPPING CENTER INTEGRATO ALLO STADIO JUVENTUS DI TORINO Superficie commerciale 34.000 mq Superficie di vendita 19.500 mq, suddivisi tra: > N. 1 ipermercato

Dettagli

Città inclusiva e periferie urbane

Città inclusiva e periferie urbane Città inclusiva e periferie urbane 29gennaio2017 Città, comunità, inclusione Termini Imerese città accogliente e comunità La città storica La piazza Il giardino pubblico Il progetto dello spazio pubblico

Dettagli

Recupero e riqualificazione del sistema degli spazi pubblici

Recupero e riqualificazione del sistema degli spazi pubblici Progetto Urbano San Lorenzo - Schema di Assetto Preliminare Aggiornamento della fase di consultazione preventiva Incontro tematico Recupero e riqualificazione del sistema degli spazi pubblici Casa della

Dettagli

Situazione Bolognina. Schema ideogrammatico della Situazione urbana Bolognina

Situazione Bolognina. Schema ideogrammatico della Situazione urbana Bolognina Situazione Bolognina Il tessuto edilizio è prevalentemente di impianto storico, sviluppato in attuazione del Piano regolatore del 1889, con una elevata densità ed una scarsa presenza di spazi aperti. Luogo

Dettagli

Presentazione dei lavori di recupero del Centro Storico di Umbertide

Presentazione dei lavori di recupero del Centro Storico di Umbertide REGIONE UMBRIA COMUNE DI UMBERTIDE PROVINCIA DI PERUGIA Presentazione dei lavori di recupero del Centro Storico di Umbertide Perugia Giovedì 26 maggio 2011 Sala Fiume Palazzo Donini Riqualificazione aree

Dettagli

Accordo Territoriale. Bologna, 18 Luglio Comune di Bologna. Comune di Bologna

Accordo Territoriale. Bologna, 18 Luglio Comune di Bologna. Comune di Bologna Accordo Territoriale relativo agli assetti territoriali, urbanistici, infrastrutturali della Nuova Stazione Ferroviaria di Bologna ai sensi dell art. 15. L.R. 20/2000 Bologna, 18 Luglio 2006 Obiettivi

Dettagli

ASSEMBLEA PUBBLICA EX OSPEDALI RIUNITI LARGO BAROZZI VIA XXIV MAGGIO VIA STATUTO

ASSEMBLEA PUBBLICA EX OSPEDALI RIUNITI LARGO BAROZZI VIA XXIV MAGGIO VIA STATUTO ASSEMBLEA PUBBLICA EX OSPEDALI RIUNITI LARGO BAROZZI VIA XXIV MAGGIO VIA STATUTO SALA PARROCCHIALE SANTA LUCIA Bergamo, 23 novembre 2015 Comune di Bergamo Progetto Interventi di Riqualificazione Urbana

Dettagli

PERCHE LA NUOVA CITTADELLA DELLA GIUSTIZIA

PERCHE LA NUOVA CITTADELLA DELLA GIUSTIZIA PERCHE LA NUOVA CITTADELLA DELLA GIUSTIZIA SOVRAFFOLLAMENTO DI SAN VITTORE STRUTTURE OBSOLETE SOVRAFFOLLAMENTO DI PALAZZO DI GIUSTIZIA ALTI COSTI DI MANUTENZIONE ALTI COSTI PER LE TRADOTTE DEI DETENUTI

Dettagli

La corona, la rete e l orto

La corona, la rete e l orto facoltà di architettura luigi vanvitelli corso di analisi e tecniche di pianificazione urbanistica docente enrico formato La corona, la rete e l orto Il piano urbanistico comunale di Acerra di Leonardo

Dettagli

Tabella 3 matrice di autovalutazione sul livello di concorrenza dei singoli interventi e dell intera Proposta sugli obiettivi del Piano

Tabella 3 matrice di autovalutazione sul livello di concorrenza dei singoli interventi e dell intera Proposta sugli obiettivi del Piano Tabella 3 matrice di autovalutazione sul livello di concorrenza dei singoli interventi e dell intera Proposta sugli obiettivi del Piano interventi funzioni/ destinazioni d uso, Opere tensione abitativa

Dettagli

Complesso Monumentale dell ex Ospedale Vecchio

Complesso Monumentale dell ex Ospedale Vecchio COMUNE DI PARMA Complesso Monumentale dell ex Ospedale Vecchio DICEMBRE 2015 Gruppo di Progettazione Progetto Architettonico Arch. Domenico Biondi Arch. Gaetano Marzani Arch. Paolo Vandelli Arch. Vincenzo

Dettagli

PROPOSTA PRELIMINARE DI VALORIZZAZIONE

PROPOSTA PRELIMINARE DI VALORIZZAZIONE COMUNE DI FORLI Terzo Forum Forlì - 9 ottobre 2007 - PROGETTO CENTRO STORICO PROPOSTA PRELIMINARE DI VALORIZZAZIONE Gruppo di lavoro Comune di Forlì Stefania Pondi Roberto Cavallucci Piero Ghetti Rossana

Dettagli

Variante Generale al PGT di Brescia Illustrazione variante PGT alle parti sociali ed economiche (Art. 13 c. 3 l.r.

Variante Generale al PGT di Brescia Illustrazione variante PGT alle parti sociali ed economiche (Art. 13 c. 3 l.r. Variante Generale al PGT di Brescia 09.07.2015 Illustrazione variante PGT alle parti sociali ed economiche (Art. 13 c. 3 l.r. 12/2005) QUADRO STRATEGICO - SISTEMA AMBIENTALE MESSA A SISTEMA DELLE COMPONENTI

Dettagli

Sez. 4. Vincoli, pianificazione urbanistica generale e particolareggiata

Sez. 4. Vincoli, pianificazione urbanistica generale e particolareggiata Vincoli, pianificazione urbanistica generale e particolareggiata Dipartimento VI U.O. 3 Mobilità Generale e Riqualificazione Aree Ferroviarie U.O. 6 Ufficio per la Città Storica Questa sezione fornisce

Dettagli

Programma «Periferie aperte»

Programma «Periferie aperte» Programma «Periferie aperte» D.P.C.M. 25 maggio 2016 Bando per la presentazione di progetti per la predisposizione del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza

Dettagli

Comune di Rimini MASTERPLAN STRATEGICO DOCUMENTO TECNICO DI ELABORAZIONE PROGETTUALE E METODOLOGICA DEL MASTERPLAN

Comune di Rimini MASTERPLAN STRATEGICO DOCUMENTO TECNICO DI ELABORAZIONE PROGETTUALE E METODOLOGICA DEL MASTERPLAN Comune di Rimini MASTERPLAN STRATEGICO DOCUMENTO TECNICO DI ELABORAZIONE PROGETTUALE E METODOLOGICA DEL MASTERPLAN ALLEGATO ALLA RELAZIONE TECNICA DEL DIRETTORE PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE il

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA

RELAZIONE DESCRITTIVA RELAZIONE DESCRITTIVA Il progetto nasce dalla conoscenza del luogo ma, al tempo stesso, la mia architettura ridefinisce quel luogo. Anzi, l architettura è il processo di ridefinizione del luogo. F.Távora

Dettagli

6-2 SCHEDA N. Via Petrarca. L'area è a prato con alcuni alberi. L'area è in buono stato di manutenzione. Sempre accessibile. Si accede da via Petrarca

6-2 SCHEDA N. Via Petrarca. L'area è a prato con alcuni alberi. L'area è in buono stato di manutenzione. Sempre accessibile. Si accede da via Petrarca 6-2 Giardino Via Petrarca Via Petrarca Superficie territoriale 161,65 Superficie coperta / Superficie Lorda di Pavimento / N piani / L'area è a prato con alcuni alberi L'area è in buono stato di manutenzione.

Dettagli

IL CONSOLIDAMENTO DEI TESSUTI URBANI. - manutenzione, efficientamento energetico LA MOBILITA. - miglioramento della viabilità

IL CONSOLIDAMENTO DEI TESSUTI URBANI. - manutenzione, efficientamento energetico LA MOBILITA. - miglioramento della viabilità AMBITO DI RIGENERAZIONE URBANA LAURENTINO FONTE OSTIENSE LA RIQUALIFICAZIONE DEI PONTI - demolizione e ricostruzione degli elementi degradati - sostituzione e riqualificazione architettonica e funzionale

Dettagli

Tabella 4 costi e tempi

Tabella 4 costi e tempi Tabella 4 costi e tempi interventi funzioni/destinazioni d uso, Opere importo investimento da QE costo sintetico unitario ( /mq) stato progettazione (SDF, prel, def, ) data di apertura cantiere data chiusura

Dettagli

Sezione 4. Ambito n 1 LUNIGIANA Province: Massa. BENI PAESAGGISTICI SOGGETTI A TUTELA AI SENSI DELL' ART.136 DEL D.Lgs.

Sezione 4. Ambito n 1 LUNIGIANA Province: Massa. BENI PAESAGGISTICI SOGGETTI A TUTELA AI SENSI DELL' ART.136 DEL D.Lgs. Ambito n 1 LUNIGIANA Province: Massa Territori appartenenti ai Comuni: Aulla, Bagnone, Casola in Lunigiana, Comano, Filattiera, Fivizzano, Licciana Nardi, Mulazzo, Podenzana, Pontremoli, Tresana, Villafranca

Dettagli

Tratta AV/AC Verona-Padova: 2 Lotto Funzionale "Attraversamento di Vicenza" 31 ottobre 2017

Tratta AV/AC Verona-Padova: 2 Lotto Funzionale Attraversamento di Vicenza 31 ottobre 2017 Tratta AV/AC Verona-Padova: 2 Lotto Funzionale "Attraversamento di Vicenza" 31 ottobre 2017 Tratta AV/AC Verona - Padova La Tratta AV/AC Verona-Padova si inserisce nel Corridoio Mediterraneo della rete

Dettagli

IL CASO STUDIO DEL TORRENTE SEVESO

IL CASO STUDIO DEL TORRENTE SEVESO IL CASO STUDIO DEL TORRENTE SEVESO le criticità le opportunità la sfida le criticità: livello di rischio idrogeologico elevato Studio idraulico dell AdBPO al fine di integrare il PAI CORSO SULLA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

San Giuseppe. Complesso di

San Giuseppe. Complesso di Complesso di San Giuseppe Recupero funzionale del complesso di San Giuseppe a Empoli, con interventi finalizzati al recupero dell impianto storico, alla riorganizzazione dei percorsi e delle connessioni

Dettagli

Polo funzionale 6 Stazione ferroviaria di Ravenna

Polo funzionale 6 Stazione ferroviaria di Ravenna Polo funzionale 6 Stazione ferroviaria di Ravenna Comune: Ravenna Tav.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 6-1 Tav.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività

Dettagli

PROGRAMMA PLURIENNALE OO.PP.

PROGRAMMA PLURIENNALE OO.PP. PROGRAMMA PLURIENNALE OO.PP. NR DESCRIZIONE CDC TOTALE 2016 1 2 EDIFICI NON DI INTERESSE STORICO UFFICIO TECNICO EDIFICI DI INTERESSE STORICO UFFICIO TECNICO F.V.P. / A.A. 45.000,00 45.000,00 45.000,00

Dettagli

PROGETTO URBANO INTERPRETAZIONE INDIRIZZI PROGRAMMATICI E SCENARI

PROGETTO URBANO INTERPRETAZIONE INDIRIZZI PROGRAMMATICI E SCENARI PROGETTO URBANO INTERPRETAZIONE INDIRIZZI PROGRAMMATICI E SCENARI cosa abbiamo fatto fino ad ora? sommaria analisi storica ed evolutiva del quartiere verifiche di Piano : contesto territoriale, spazi pubblici

Dettagli

Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano 1

Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano 1 Piano di Governo del Territorio - Documento di Piano Indice Aree di trasformazione di interesse pubblico...3 TRP Area per la localizzazione di servizi per l istruzione...4 TRP - Nuova area a servizi tecnologici

Dettagli

EX MAGAZZINI DEL SALE DISAMPIERDARENA

EX MAGAZZINI DEL SALE DISAMPIERDARENA PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE EX MAGAZZINI DEL SALE DISAMPIERDARENA Attività relative al Programma di valorizzazione ex art. 5, comma 5 del D.Lgs.85/2010 Aprile 2016 Direzione Patrimonio, Demanio, Impiantistica

Dettagli

5 capitolo VERSO IL PGT: TEMI E SCENARI. 5.1 Progettare per sistemi

5 capitolo VERSO IL PGT: TEMI E SCENARI. 5.1 Progettare per sistemi 5 capitolo VERSO IL PGT: TEMI E SCENARI Verso il PGT: temi e scenari Progettare per sistemi 5.1 Progettare per sistemi Le indicazioni progettuali attribuite ai diversi strumenti che compongono il PGT devono

Dettagli

ATTREZZATURE RELIGIOSE AR1 Chiesa parrocchiale di Sant'Antonio AR2 Centro ricreativo parrocchiale AR3 Chiesa al monte di Comonte AR4 Chiesa della

ATTREZZATURE RELIGIOSE AR1 Chiesa parrocchiale di Sant'Antonio AR2 Centro ricreativo parrocchiale AR3 Chiesa al monte di Comonte AR4 Chiesa della ATTREZZATURE RELIGIOSE AR1 Chiesa parrocchiale di Sant'Antonio AR2 Centro ricreativo parrocchiale AR3 Chiesa al monte di Comonte AR4 Chiesa della Sacra Famiglia AR5 Chiesa e oratorio di San Giuseppe AR6

Dettagli

Prato Domani. la città discute il suo Piano Strutturale. Percorso di condivisione con i cittadini

Prato Domani. la città discute il suo Piano Strutturale. Percorso di condivisione con i cittadini Prato Domani la città discute il suo Piano Strutturale Percorso di condivisione con i cittadini 2 3 4 5 una fotografia della città La dorsale della Calvana e il Monteferrato Sono ambiti di alto valore

Dettagli

Comune di Pisa 10 ANNI DI NUMERI E TENDENZE Alcuni esempi

Comune di Pisa 10 ANNI DI NUMERI E TENDENZE Alcuni esempi Comune di Pisa 10 ANNI DI NUMERI E TENDENZE Alcuni esempi Investimenti effettuati dal 2008 al 2017 SETTORE infrastrutture mobilità viabilità e riqualificazioni beni culturali e investimenti per il turismo

Dettagli

IDENTITA FLUVIALI: luoghi e percorsi per vivere il fiume. L Arno da Pontassieve a Firenze

IDENTITA FLUVIALI: luoghi e percorsi per vivere il fiume. L Arno da Pontassieve a Firenze PARCO FIUME ARNO - ANALISI: AMBITO 6. Pontassieve VEGETAZIONE e AREE AGRICOLE - Lungo la sponda destra è presente una estesa fascia di coltivi, vigneti ultiveti e seminativi, in relazione diretta con il

Dettagli

Allegato A Ob. 9: COMUNI CON POPOLAZIONE INFERIORE A ABITANTI INTERVENTI PRIORITARI - PARTE I

Allegato A Ob. 9: COMUNI CON POPOLAZIONE INFERIORE A ABITANTI INTERVENTI PRIORITARI - PARTE I Allegato A Ob. 9: COMUNI CON POPOLAZIONE INFERIORE A 5.000 ABITANTI INTERVENTI PRIORITARI - PARTE I STRALCIO ATTUATIVO Codice CUP Costo stralcio locali DUP/RER Montescudo Riqualificazione accessi al centro

Dettagli

FONDAMENTI DI URBANISTICA

FONDAMENTI DI URBANISTICA Corso di FONDAMENTI DI URBANISTICA Prof. Valter Fabietti Arch. Michele Manigrasso DOCENTE ASSISTENTE http://urbanistica1fabietti.jimdo.com Contenuti della presentazione Temi del corso Struttura del corso

Dettagli

VIABILITA E PARCHEGGI

VIABILITA E PARCHEGGI VIABILITA E PARCHEGGI E Risistemazione Area pedonale in porfido Piazza I Maggio 44.408,00 0,00 Lavori terminati Ante C:\DANIELA\2016\FINE MANDATO\DefinitivaVISCA.doc 20 Post intervento C:\DANIELA\2016\FINE

Dettagli

CITTADINI IN TRANSITO Mobilità efficace per gli abitanti metropolitani. Mobilità e territori nella rinnovata agenda metropolitana

CITTADINI IN TRANSITO Mobilità efficace per gli abitanti metropolitani. Mobilità e territori nella rinnovata agenda metropolitana CITTADINI IN TRANSITO Mobilità efficace per gli abitanti metropolitani Milano, Palazzo Isimbardi - 25 novembre 2016 Mobilità e territori nella rinnovata agenda metropolitana Isabella Susi Botto Responsabile

Dettagli

UNIVERCITY. Città Università Architettura. Antonello Sanna Facoltà di Architettura

UNIVERCITY. Città Università Architettura. Antonello Sanna Facoltà di Architettura Università degli Studi di Cagliari Inaugurazione dell Anno Accademico 2010-2011 12.01.2011 Città Università Architettura Antonello Sanna Facoltà di Architettura Il campus urbano Università e città: la

Dettagli

L AREA DI INSEDIAMENTO

L AREA DI INSEDIAMENTO LA CENTRALITÀ DI Roma nord L AREA DI INSEDIAMENTO L area di Massimina, con un estensione territoriale di circa 112 ettari, è racchiusa tra la ferrovia Roma-Civitavecchia e la via di Casal Lumbroso, la

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI PADOVA Settore Pianificazione Urbanistica PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE adottata ai sensi della lettera l del 4 comma dell art.50 della L.R. 61/85 così come previsto dall art.48 della L.R.11/2004.

Dettagli

Progr. N.Int. Oggetto Presentatore Giunta Relatore. Molinari Riccardo

Progr. N.Int. Oggetto Presentatore Giunta Relatore. Molinari Riccardo Tipologia :3 Proposte 1 12 APPROVAZIONE DI DUE NUOVI REGOLAMENTI:1) REGOLAMENTO INIZIATIVE A FAVORE DELL'ECONOMIA LOCALE; 2) REGOLAMENTO PER LE AGEVOLAZIONI SU TRIBUTI LOCALI PER LE IMPRESE OPERANTI E

Dettagli

ALLEGATO D MATRICI DI SCOPING: ANALISI DI INTERFERENZA

ALLEGATO D MATRICI DI SCOPING: ANALISI DI INTERFERENZA ALLEGATO D MATRICI DI SCOPING: ANALISI DI INTERFERENZA Matrici di Scoping Interferenza potenzialmente negativa Interferenza potenzialmente positiva Interferenza incerta o potenzialmente non rilevante OG.

Dettagli

Incontro GIAROL GRANDE

Incontro GIAROL GRANDE AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Incontro GIAROL GRANDE Discussione delle proposte per valorizzare l area Parco Adige Sud http://prevenzione.ulss20.verona.it/giarol.html 14 giugno

Dettagli

COMUNE DI CESENA Settore Programmazione Urbanistica QUALITA DEI SERVIZI ANALISI DEI TESSUTI QUARTIERE RAVENNATE

COMUNE DI CESENA Settore Programmazione Urbanistica QUALITA DEI SERVIZI ANALISI DEI TESSUTI QUARTIERE RAVENNATE COMUNE DI CESENA Settore Programmazione Urbanistica QUALITA DEI SERVIZI ANALISI DEI TESSUTI QUARTIERE RAVENNATE 2 giugno 20 INQUADRAMENTO TERRITORIALE QUARTIERE RAVENNATE Scala :0.000 SAN MARTINO IN F.

Dettagli

COMUNE DI CESENA Settore Programmazione Urbanistica QUALITA DEI SERVIZI ANALISI DEI TESSUTI QUARTIERE AL MARE

COMUNE DI CESENA Settore Programmazione Urbanistica QUALITA DEI SERVIZI ANALISI DEI TESSUTI QUARTIERE AL MARE COMUNE DI CESENA Settore Programmazione Urbanistica QUALITA DEI SERVIZI ANALISI DEI TESSUTI QUARTIERE AL MARE 10 luglio 2013 INQUADRAMENTO TERRITORIALE QUARTIERE AL MARE Scala 1:30.000 CAPANNAGUZZO CESENATICO

Dettagli

Etg 021. Servizio: Pianificazione Strategica e Territoriale, Politiche Comunitarie. Pianificazione Territoriale. Ufficio: Dirigente:

Etg 021. Servizio: Pianificazione Strategica e Territoriale, Politiche Comunitarie. Pianificazione Territoriale. Ufficio: Dirigente: Servizio: Ufficio: Dirigente: Consulenza: Riferimento: Codice: Titolo: Pianificazione Strategica e Territoriale, Politiche Comunitarie Pianificazione Territoriale Ing. Salvatore Farci Università degli

Dettagli

An integrated process between cultural heritage conservation and hydraulics: the case of the Ducal Palace of Colorno (Parma)

An integrated process between cultural heritage conservation and hydraulics: the case of the Ducal Palace of Colorno (Parma) An integrated process between cultural heritage conservation and hydraulics: the case of the Ducal Palace of Colorno (Parma) Francesca Aureli, Carlo Mambriani, Paolo Mignosa, Federica Ottoni Inquadramento

Dettagli

Bolognina aree in trasformazione

Bolognina aree in trasformazione Dipartimento Riqualificazione Urbana Settore Piani e Progetti Urbanistici U.I. Progettazione Urbanistica Bolognina aree in trasformazione 12 7 2017 Francesco Evangelisti Direttore Settore Piani e Progetti

Dettagli

Possibilità di adeguamento rete stradale di 1 e 2 livello Capillare infrastrutturazione viaria del territorio POTENZIALITA

Possibilità di adeguamento rete stradale di 1 e 2 livello Capillare infrastrutturazione viaria del territorio POTENZIALITA POTENZIALITA Possibilità di adeguamento rete stradale di 1 e 2 livello Capillare infrastrutturazione viaria del territorio Scarsa efficienza sistema interconnessioni (tra rete stradale locale e nodi grande

Dettagli

programma innovativo in ambito urbano marzo 2004 relazione

programma innovativo in ambito urbano marzo 2004 relazione programma innovativo in ambito urbano marzo 2004 relazione Riqualificazione Trieste Nord: azioni volte a favorire la connessione pedonale delle aree residenziali poste a monte della ferrovia e del PortoVecchio

Dettagli

10 ANNI DI CITTÀ VERDI PREMIO AI COMUNI E ALLE PROVINCE VERDI D ITALIA

10 ANNI DI CITTÀ VERDI PREMIO AI COMUNI E ALLE PROVINCE VERDI D ITALIA 10 ANNI DI CITTÀ VERDI PREMIO AI COMUNI E ALLE PROVINCE VERDI D ITALIA LE CATEGORIE 1ª Categoria - Comuni fino a 5.000 abitanti 2ª Categoria - Comuni da 5.000 a 15.000 abitanti 3ª Categoria - Comuni da

Dettagli

BA_09. AMBITO PGT : Verde urbano ( PGT adottato), Area boscata (PGT approvato in fase di pubblicazione). PROFILO DESCRITTIVO DELL AREA

BA_09. AMBITO PGT : Verde urbano ( PGT adottato), Area boscata (PGT approvato in fase di pubblicazione). PROFILO DESCRITTIVO DELL AREA SCHEDA n. : BA_09 AMBITO PGT : Verde urbano ( PGT adottato), Area boscata (PGT approvato in fase di pubblicazione). Data: 31.10.2011 Rilevatore: CG/cv DENOMINAZIONE: : Via Presolala/Via Resegone (ambito

Dettagli

VARIANTE DI CASSANO ALLA SP EX SS 11 PADANA SUPERIORE

VARIANTE DI CASSANO ALLA SP EX SS 11 PADANA SUPERIORE VARIANTE DI CASSANO ALLA SP EX SS 11 PADANA SUPERIORE Presentazione del 6 maggio 2009 Pagina 1 di 22 L intervento si colloca interamente nell ambito del territorio comunale di Cassano d Adda. Si tratta

Dettagli

i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e Quadro Conoscitivo PIL dei servizi - Caso di studio del quartiere Montanara

i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e Quadro Conoscitivo PIL dei servizi - Caso di studio del quartiere Montanara Comune di Parma PSC P i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e 2030 Quadro Conoscitivo Sistema Insediativo PIL dei servizi - Caso di studio del quartiere Montanara SI 4d Adozione Controdeduzione Approvazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE. campani cristiana architetto

CURRICULUM VITAE. campani cristiana architetto CURRICULUM VITAE campani cristiana architetto campani cristiana architetto via a.volta,1 42100 reggio emilia Tel: 0522-305655 / 347-5849169 email: ic.group@libero.it dati personali stato civile: divorziata

Dettagli

Stato di avanzamento degli interventi infrastrutturali al 31/12/2007 PIT 22 - Stretto

Stato di avanzamento degli interventi infrastrutturali al 31/12/2007 PIT 22 - Stretto Stato di avanzamento degli interventi infrastrutturali al 31/12/2007 PIT 22 Stretto Comune di Villa S. Percorso Naturalistico: SIC Costa Viola (sentieri Croce e Palombari) Laboratorio territoriale Mediterraneo

Dettagli

Accordo per la riqualificazione e lo sviluppo dell ambito della stazione ferroviaria di Crema e dell interscambio modale

Accordo per la riqualificazione e lo sviluppo dell ambito della stazione ferroviaria di Crema e dell interscambio modale Accordo per la riqualificazione e lo sviluppo dell ambito della stazione ferroviaria di Crema e dell interscambio modale C.RE.M.A. 2020 C.rescita RE.sponsabile M.obilità A.mbiente Le strategie: INTERSCAMBIO

Dettagli

Comunicare un progetto Di territorio

Comunicare un progetto Di territorio UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura CdL in Scienze dell Architettura Corso di Fondamenti di Urbanistica a.a. 2013/14 Prof. Giuseppe De Luca Comunicare un progetto Di territorio La

Dettagli

La piazza urbana ed il centro servizi dello scalo merci di viale Fratti PUA Scheda Norma D1 STU area stazione Società di trasformazione urbana SPA

La piazza urbana ed il centro servizi dello scalo merci di viale Fratti PUA Scheda Norma D1 STU area stazione Società di trasformazione urbana SPA La piazza urbana ed il centro servizi dello scalo merci di viale Fratti PUA Scheda Norma D1 STU area stazione Società di trasformazione urbana SPA COMUNE DI PARMA La vista sulla città storica del rilevato

Dettagli

CEFALU XXI LABORATORIO TERRITORIALE CITTÀA RETE MADONIE-TERMINI SPAZI PUBBLICI E BUONE PRATICHE NELLE CITTÀ-TERRITORIO E A RETE IN SICILIA

CEFALU XXI LABORATORIO TERRITORIALE CITTÀA RETE MADONIE-TERMINI SPAZI PUBBLICI E BUONE PRATICHE NELLE CITTÀ-TERRITORIO E A RETE IN SICILIA SPAZI PUBBLICI E BUONE PRATICHE NELLE CITTÀ-TERRITORIO E A RETE IN SICILIA LABORATORIO TERRITORIALE CITTÀA RETE MADONIE-TERMINI CEFALU XXI Ph.D. Arch. Luigi Piazza Centro Cultura ex Convento dei Cappuccini

Dettagli

Percorso Ciclabile di Interesse Regionale

Percorso Ciclabile di Interesse Regionale SCHEDA DESCRITTIVA PCIR 16 Valle Olona Allegato 2 aprile 2014 Percorso Ciclabile di Interesse Regionale 16 Valle Olona Lunghezza: 54 Km Territori provinciali attraversati: Como Varese Milano 16 Collegamenti

Dettagli

CAMPO DEFINIZIONE OGTD sch. OGTD abbazia A OGTD abbeveratoio A OGTD acquedotto A

CAMPO DEFINIZIONE OGTD sch. OGTD abbazia A OGTD abbeveratoio A OGTD acquedotto A CAMPO DEFINIZIONE OGTD sch. OGTD abbazia A OGTD abbeveratoio A OGTD aeroporto A OGTD albergo A OGTD anfiteatro A OGTD antiquarium A OGTD archivio A OGTD arco A OGTD arsenale A OGTD asilo nido A OGTD auditorium

Dettagli

COMPLESSO IMMOBILIARE «LE TRE NAVI» VIA GIAMBELLINO, 123 MILANO

COMPLESSO IMMOBILIARE «LE TRE NAVI» VIA GIAMBELLINO, 123 MILANO COMPLESSO IMMOBILIARE «LE TRE NAVI» VIA GIAMBELLINO, 123 MILANO Localizzazione Localizzazione La struttura si trova nella zona sud-ovest della città di Milano, nel quartiere "Lorenteggio". Esso è vicino

Dettagli

LE REGGE IN MOVIMENTO

LE REGGE IN MOVIMENTO Mappatura 2015 LE REGGE IN MOVIMENTO Quadro sintetico di restituzione dei bisogni/necessità emersi sugli interventi relativi ai Beni Culturali dei Comuni Soci Aprile 2015 Considerazioni metodologiche e

Dettagli

Avvio del bando di concessione di valorizzazione di Bastione San Sisto Ex Bastione e Torrione Borghetto Ex Caserma Jacopo dal Verme

Avvio del bando di concessione di valorizzazione di Bastione San Sisto Ex Bastione e Torrione Borghetto Ex Caserma Jacopo dal Verme Futuro prossimo per gli immobili dello Stato a Piacenza Avvio del bando di concessione di valorizzazione di Bastione San Sisto Ex Bastione e Torrione Borghetto Ex Caserma Jacopo dal Verme 25 luglio 2016

Dettagli

SEGNALAZIONI E PROPOSTE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA VIVIBILITA NEL QUARTIERE GIULIANO-DALMATA

SEGNALAZIONI E PROPOSTE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA VIVIBILITA NEL QUARTIERE GIULIANO-DALMATA SEGNALAZIONI E PROPOSTE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA VIVIBILITA NEL QUARTIERE GIULIANO-DALMATA E COLLE DI MEZZO, CECCHIGNOLA, E.U.R., LAURENTINO APPROFONDIMENTI - B - Verde pubblico e parchi 1. Realizzazione

Dettagli

Il sistema ambientale: nuovi parchi e giardini e riqualificazione del patrimonio esistente

Il sistema ambientale: nuovi parchi e giardini e riqualificazione del patrimonio esistente Il sistema ambientale: nuovi parchi e giardini e riqualificazione del patrimonio esistente L incremento del verde a Brescia Incremento dell'estensione dei giardini attrezzati e dei parchi pubblici esistenti

Dettagli

Scheda norma A2 Stazione FF SS (Tav. P.O.C. 22). Sub ambito di Trasformazione 06 SN1

Scheda norma A2 Stazione FF SS (Tav. P.O.C. 22). Sub ambito di Trasformazione 06 SN1 Scheda norma A2 Stazione FF SS (Tav. P.O.C. 22). Sub ambito di Trasformazione 06 SN1 Var. 23 var.132 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA L'area è collocata sul bordo

Dettagli

stato di fatto capisaldi del progetto idea di progetto S.EUSEBIO DESCRIZIONE STANZA ABSTRACT PROGETTO

stato di fatto capisaldi del progetto idea di progetto S.EUSEBIO DESCRIZIONE STANZA ABSTRACT PROGETTO documento di piano: idea di progetto aree di possibile trasformazione + snodo di rilevanza territoriale varco ambientale da mantenere risalite e percorsi pedonali da valorizzare recupero e valorizzazione

Dettagli

PIT 20 - Aspromonte DENOMINAZIONE INTERVENTO

PIT 20 - Aspromonte DENOMINAZIONE INTERVENTO PIT 20 - Aspromonte MISURA FONDO TIPOLOGIA DENOMINAZIONE 3.13.d FSE F Rete dei Servizi. Creazione di lavoro autonomo e nuova imprenditorialità femminile. Incentivi economici alle persone per il lavoro

Dettagli

Regione Campania Programma Operativo FESR Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa

Regione Campania Programma Operativo FESR Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa Allegato D Regione Campania Programma Operativo FESR 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1 Programma PIU Europa II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO DI PROGRAMMA TRA REGIONE CAMPANIA E AUTORITÀ CITTADINA

Dettagli

NON SOLO PALLADIO Alla scoperta di Vicenza sotterranea - Proposta di segnaletica per i siti archeologici aperti al pubblico

NON SOLO PALLADIO Alla scoperta di Vicenza sotterranea - Proposta di segnaletica per i siti archeologici aperti al pubblico 13 NON SOLO PALLADIO Alla scoperta di Vicenza sotterranea - Proposta di segnaletica per i siti archeologici aperti al pubblico Descrizione Realizzazione di un adeguato sistema di segnaletica che riporti

Dettagli

MOLINO DEL PIANO. 46,36 [ab/ha] (e) Superficie coperta [mq] (f) Volume edificato [mc] (g) Rapporto di copertura [e/a]

MOLINO DEL PIANO. 46,36 [ab/ha] (e) Superficie coperta [mq] (f) Volume edificato [mc] (g) Rapporto di copertura [e/a] MOLINO DEL PIANO Funzione prevalente residenziale (a) Superficie territoriale 32,52 [ha] (b) Abitanti censimento 2001 1.508 (c) Addetti - censimento 2001 46 (d) Densità territoriale abitativa 46,36 [ab/ha]

Dettagli

Ambito CS 1a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito CS 1a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito CS 1a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: L ambito urbano è rappresentato dalla zona intra-mura del centro storico, compresa quindi entro gli attuali viali di circonvallazione.

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE Parte Operativa LIMITI E ARTICOLAZIONI PIANIFICATORIE DEL TERRITORIO

PIANO REGOLATORE GENERALE Parte Operativa LIMITI E ARTICOLAZIONI PIANIFICATORIE DEL TERRITORIO PIANO REGOLATORE GENERALE Parte Operativa LEGENDA ( gli art. indicati sono riferiti al Testo Unico delle Norme di Attuazione ) LIMITI E ARTICOLAZIONI PIANIFICATORIE DEL TERRITORIO Base cartografica : mosaico

Dettagli

REM (Rete Ecologica Marche) Attuazione macroprogetto Parco del Conero_07 marzo arch. Roberta Caprodossi arch. Massimo Spigarelli

REM (Rete Ecologica Marche) Attuazione macroprogetto Parco del Conero_07 marzo arch. Roberta Caprodossi arch. Massimo Spigarelli REM (Rete Ecologica Marche) Attuazione macroprogetto Parco del Conero_07 marzo 2013 Visione guida alcune linee strategiche Rappresentazione ideogrammatica degli interventi strategici proposti in

Dettagli

PIUSS Pisa2: Pisa x Patrimonio culturale, innovazione, Saperi e Accoglienza Il PIUSS del Comune di Pisa si articola in 14 operazioni:

PIUSS Pisa2: Pisa x Patrimonio culturale, innovazione, Saperi e Accoglienza Il PIUSS del Comune di Pisa si articola in 14 operazioni: Il PIUSS del Comune di Pisa si articola in 14 operazioni: - 2 afferenti alla linea 5.1 a (sviluppo economico) - 3 alla linea 5.1b (turismo e commercio) - 3 alla linea 5.1c (sociale) - 1 alla linea 5.1

Dettagli

SCHEDA DI RILIEVO PARCHI E GIARDINI PRIVATI DI USO PUBBLICO. Scheda n 5 Data rilievo 15/05/2008

SCHEDA DI RILIEVO PARCHI E GIARDINI PRIVATI DI USO PUBBLICO. Scheda n 5 Data rilievo 15/05/2008 SCHEDA DI RILIEVO PARCHI E GIARDINI PRIVATI DI USO PUBBLICO Scheda n 5 Data rilievo 15/05/2008 Via Tagliamento Parco privato ad uso pubblico Pista ciclabile Foto 1 vista dal parco Stazione carabinieri

Dettagli

, ,00

, ,00 SCUOLE 2015 2017 BANDA LARGA OPERE DI ADEGUAMENTO E CONNETTIVITA'SCUOLE 400.000,00 200.000,00 200.000,00 0,00 NIDI VARI PALESTRA SCUOLA DON BOSCO MALISETI SCUOLA DALLA CHIESA MEZZANA manutenzione straordinaria

Dettagli

VARIANTE AL P.I.I. SCATOLIFICIO TASSI RELAZIONE ILLUSTRATIVA. Il progettista Arch. Franco Oggioni. Imm. Onda S.R.L. Sig.

VARIANTE AL P.I.I. SCATOLIFICIO TASSI RELAZIONE ILLUSTRATIVA. Il progettista Arch. Franco Oggioni. Imm. Onda S.R.L. Sig. VARIANTE AL P.I.I. SCATOLIFICIO TASSI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il progettista Arch. Franco Oggioni Imm. Onda S.R.L. Sig. Roberto Speretta Luglio 2014 1 La proposta di variante è caratterizzata dai seguenti

Dettagli

BIDDAS Proposta di Valorizzazione dell'edificato Storico della. Sardegna. Unione dei Comuni dell'anglona e della bassa valle del.

BIDDAS Proposta di Valorizzazione dell'edificato Storico della. Sardegna. Unione dei Comuni dell'anglona e della bassa valle del. Unione dei Comuni dell'anglona e della bassa valle del Coghinas Chiaramonti - Erula - Laerru - Martis - Perfugas - S.M. Coghinas - Valledoria - Viddalba BIDDAS 2008 Proposta di Valorizzazione dell'edificato

Dettagli

stato di fatto capisaldi del progetto idea di progetto CASARICO DESCRIZIONE STANZA ABSTRACT PROGETTO

stato di fatto capisaldi del progetto idea di progetto CASARICO DESCRIZIONE STANZA ABSTRACT PROGETTO CASARICO DESCRIZIONE STANZA Definita a nord-est dal tracciato della ferroa e a sud-ovest dalle pendici di due dossi, la zona di Casarico si presenta come un lembo di territorio fortemente articolato e

Dettagli

UN PROGETTO CULTURALE INTEGRATO PER LA CITTA DI PORTICI

UN PROGETTO CULTURALE INTEGRATO PER LA CITTA DI PORTICI UN PROGETTO CULTURALE INTEGRATO PER LA CITTA DI PORTICI Il 3 ottobre 1839 con la cerimonia di inaugurazione della linea Napoli-Portici iniziava, in Italia, la storia delle ferrovie. 174 anni di storia

Dettagli

AMPLIAMENTI E TRASFORMAZIONI ENTRO LA CERCHIA DEI CORSI

AMPLIAMENTI E TRASFORMAZIONI ENTRO LA CERCHIA DEI CORSI AMPLIAMENTI E TRASFORMAZIONI ENTRO LA CERCHIA DEI CORSI :ontesti urbani di interesse culturale ambientale ~appa redatta dal dipartimento ISET per il Comune di Torino e pubblicata dal Comune stesso nel

Dettagli

Programma Integrato d'area CA 04 Cod. PIA CA AA. Provincia di Cagliari. Decimoputzu. R.A.S.: ,00 Cap. SC (UPB S07.10.

Programma Integrato d'area CA 04 Cod. PIA CA AA. Provincia di Cagliari. Decimoputzu. R.A.S.: ,00 Cap. SC (UPB S07.10. Cod. PIA CA 04.40.AA Strada di collegamento Decimoputzu - SS 196 Provincia di Cagliari Decimoputzu Costo del progetto: 1.200.000,00 R.A.S.: 1.200.000,00 Cap. SC07.1264 (UPB S07.10.005) L opera consiste

Dettagli

ALLEGATO C2 alle Linee Guida CRITERI E SCHEMI GRAFICI ESEMPLIFICATIVI PER LA PROGETTAZIONE URBANA E ARCHITETTONICA

ALLEGATO C2 alle Linee Guida CRITERI E SCHEMI GRAFICI ESEMPLIFICATIVI PER LA PROGETTAZIONE URBANA E ARCHITETTONICA ALLEGATO C2 alle Linee Guida CRITERI E SCHEMI GRAFICI ESEMPLIFICATIVI PER LA PROGETTAZIONE URBANA E ARCHITETTONICA Criteri e riferimenti progettuali Le presenti Linee Guida costituiscono parte integrante

Dettagli

UN PROGETTO PER OLGELASCA

UN PROGETTO PER OLGELASCA UN PROGETTO PER OLGELASCA Giovedì 29 Giugno 2017 LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA Definizione di scenari e strategie per l aumento della qualità dello spazio pubblico, dei servizi, degli spazi per la collettività

Dettagli

4 - LA DOTAZIONE DI SERVIZI

4 - LA DOTAZIONE DI SERVIZI 4 - LA DOTAZIONE DI SERVIZI 1 4.1. Accessibilità ai servizi di vicinato 4.1.1 Localizzazione degli asili nido e accessibilità pedonale 4.1.2 Accessibilità pedonale e ciclabile degli asili nido 4.1.3 Localizzazione

Dettagli