Corso di Progetto di Strutture. POTENZA, a.a Le piastre anulari

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Progetto di Strutture. POTENZA, a.a Le piastre anulari"

Transcript

1 Coso di Pogetto di Stuttue POTENZA, a.a. 3 Le piaste anulai Dott. aco VONA Scuola di Ingegneia, Univesità di Basilicata

2 LE PIASTE CICOLAI CAICATE ASSIALENTE Sono consideate tali le piaste che abbiano caichi e vincoli dotati di simmetia adiale Tutte le gandezze (spostamenti, defomazioni, tensioni ) dipendono soltanto dalla vaiabile aggio Il poblema si isolve con equazioni diffeenziali odinaie

3 LE PIASTE CICOLAI CAICATE ASSIALENTE Le equazioni si iducono a: equazioni di equilibio di collegamento a ed t dθ t b z t t EQUAZIONE DELLA SUPEFICIE ELASTICA w ( w ) bz D

4 PIASTA ANULAE Non valgono più le consideazioni svolte pe le piaste cicolai ϕ pe Quindi in geneale saà: C Studiamo il caso della piasta anulae incastata al bodo esteno e libea su quello inteno che sia soggetta ad un caico ipatito lungo una ciconfeenza. Utilizziamo il pocedimento dietto Sia P il caico totale applicato sulla ciconfeenza di aggio

5 PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Caico applicato lungo una ciconfeenza P Pe Q Pe Q P π

6 PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Caico applicato lungo una ciconfeenza. CONDIZIONI AL CONTONO Pe P Bodo inteno libeo Pe Bodo esteno incastato ϕ

7 PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Caico applicato lungo una ciconfeenza. CALCOLO DELLE COSTANTI C e C ETODO DI SOVAPPOSIZIONE Invece di pocedee diettamente alla deteminazione delle costanti d integazione C e C e conseguentemente dei momenti e t si può applicae il pincipio di SOVAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI La piasta anulae si studia come somma di una piasta cicolae con caico lungo una ciconfeenza più una piasta anulae soggetta ad un momento pai a sul bodo inteno

8 PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Caico applicato lungo una ciconfeenza SOVAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI P Piasta anulae P Piasta cicolae. Pe: - Piasta anulae soggetta a: sul bodo inteno

9 PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Caico applicato lungo una ciconfeenza SOVAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI Si ha quindi: t t m tm Con ; t momenti della piasta cicolae ; Con m tm momenti adiale e tangenziale dovuti ad un momento unitaio applicato al bodo inteno

10 PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Caico applicato lungo una ciconfeenza SOVAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI Valutiamo quindi gli effetti dovuti ad un momento unitaio applicato al bodo inteno della piasta anulae Si ha Q su tutta la piasta e quindi anche: Qdρ ρ ρ Qdρ dρ Consideando le condizioni al contono ϕ

11 Caico applicato lungo una ciconfeenza PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Si icava: C C C C isolvendo ispetto alle costanti C e C si ottiene C C

12 Caico applicato lungo una ciconfeenza PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Sostituendo tali espessioni delle costanti nelle espessioni dei momenti unitai : C C C C m Si ottiene quindi: tm tm m

13 PIASTA ANULAE Studiamo il caso della piasta anulae incastata al bodo esteno e libea su quello inteno che sia soggetta ad un caico ipatito unifomemente ipatito

14 PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Caico ipatito unifomemente ETODO DI SOVAPPOSIZIONE Anche in questo caso possiamo applicae il pincipio di SOVAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, invece di pocedee diettamente alla deteminazione delle costanti d integazione C e C, e conseguentemente dei momenti e t La piasta anulae si studia quindi come somma di una piasta cicolae con caico unifomemente ipatito più una piasta anulae soggetta ad un momento pai a e Q sul bodo inteno

15 PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Caico ipatito unifomemente SOVAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI Piasta anulae Piasta cicolae. Pe: - -Q Piasta anulae soggetta a: e Q sul bodo inteno

16 PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Caico ipatito unifomemente Lungo la ciconfeenza intena la piasta cicolae saà soggetta sia ad un momento adiale sia ad uno sfozo di taglio. Tali sollecitazioni, cambiate di segno, devono essee iapplicate alla piasta anulae m Q q t t tm Q tq ; Con m tm momenti adiale e tangenziale dovuti ad un taglio unitaio applicato al bodo inteno

17 PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Caico ipatito unifomemente Valutiamo quindi gli effetti dovuti ad un taglio unitaio applicato al bodo inteno della piasta Consideando le condizioni al contono Q Pe un geneico aggio invece: Quindi si icava: Qdρ Qdρ π π Q dρ ρ ln ρ ρ Qdρ dρ ρ ρ 3 ln dρ ρ ln ρ d ρ

18 PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Ponendo Caico ipatito unifomemente Si icava: 3 3 ln ln d d ρ ln ln d d 3 ln 4

19 PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Caico ipatito unifomemente Consideando le condizioni al contono ϕ Si icava: ( ) ln ( ) ln ( ) ( ) ( ) C C 4 Che foniscono infine i valoi dei momenti unitai

20 PIASTA ANULAE INCASTATA SUL CONTONO ESTENO Caico ipatito unifomemente Che foniscono infine i valoi dei momenti unitai q ln ( ) ( ) ( ) ln 4 ( ) [ ] ( ) tq ( ) ln( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ln 4 ( ) [ ] ( ) ( )

21 PIASTA ANULAE APPOGGIATA SUL CONTONO ESTENO Anche in questo caso la soluzione del poblema consiste nel deteminae gli effetti del momento unitaio e del taglio unitaio al bodo inteno Valutiamo quindi gli effetti dovuti ad UN OENTO UNITAIO applicato al bodo inteno della piasta Pe le condizioni al contono si ha:

22 Si icava: C C C C PIASTA ANULAE APPOGGIATA SUL CONTONO ESTENO Si ottiene quindi: C C

23 PIASTA ANULAE APPOGGIATA SUL CONTONO ESTENO Da cui si icavano i momenti: m tm E le otazioni: ( ) ( ) [ ] [ ] ϕ m D ( ) ( ) ( ) ( )

24 PIASTA ANULAE APPOGGIATA SUL CONTONO ESTENO Valutiamo oa gli effetti dovuti ad UN TAGLIO UNITAIO applicato al bodo inteno della piasta Q Pe le espessioni Qdρ ρ ρ Qdρ dρ Vale quanto è stato icavato in pecedenza Pe le condizioni al contono si ha:

25 Si icava: PIASTA ANULAE APPOGGIATA SUL CONTONO ESTENO 3 ln 4 ln 4 C C Da cui si icavano i momenti: E le otazioni: [ ] [ ] ln ln 4 ln ln 4 tq q ln ln 4 D q ϕ

26 PIASTA ANULAE VINCOLATA SUL CONTONO INTENO Valgono le stesse applicazioni viste in pecedenza Infatti, nei casi tattati non esistono limitazioni alla condizione > Quindi pe tutte le fomule esposte vale l estapolazione al caso delle piaste vincolate sul bodo inteno, incastate o appoggiate che siano, a condizione di attibuie ai i significati descitti

27 PIASTA APPOGGIATA LUNGO UNA CICONFEENZA Nel caso di una piasta cicolae vincolata come in figua Con un caico applicato otogonalmente :

28 PIASTA APPOGGIATA LUNGO UNA CICONFEENZA Piasta appoggiata, caicata unifomemente La eazione del vincolo di appoggio è isostatica e vale: F V π Dove V è la isultate di tutti i caichi esteni

29 PIASTA APPOGGIATA LUNGO UNA CICONFEENZA Valgono le stesse applicazioni viste in pecedenza ovveo si applica il PINCIPIO DI SOVAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI Piasta appoggiata lungo una ciconfeenza Piasta cicolae caicata unifomemente Piasta cicolae caicata lungo una ciconfeenza

30 PIASTA APPOGGIATA LUNGO UNA CICONFEENZA La eazione del vincolo di appoggio vale F V π V isultante dei caichi applicati Le sollecitazioni si calcolano sovapponendo le soluzioni già viste In modo analogo si pocede pe le piaste anulai F F

31 PIASTA APPOGGIATA LUNGO DUE CICONFEENZE Pe analogia con la tave continua si definisce piasta continua L incognita è la eazione vincolae Si pocede come in pecedenza ovveo applicando il PINCIPIO DI SOVAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI Piasta appoggiata lungo due ciconfeenze

32 PIASTA APPOGGIATA LUNGO DUE CICONFEENZE Si pescive l annullasi dell abbassamento in coispondenza dell appoggio intemedio Piasta appoggiata lungo due ciconfeenze Piasta cicolae caicata unifomemente Piasta cicolae caicata lungo una ciconfeenza

33 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO Sono piuttosto fequenti casi in cui una piasta è iigidita da uno o più anelli concentici Un semplice caso è quello di una piasta con un anello iigidente concentico posto sul peimeto È evidente che la pesenza di anelli modifica le caatteistiche di sollecitazione e di defomazione della piasta

34 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO La piasta isulta vincolata con un incasto elastico petanto le sue sollecitazioni e defomazioni saanno intemedie ta quelle di piasta appoggiata e di piasta incastata La ipatizione ta queste due componenti dipende ovviamente dalle igidezze elative di piasta ed anello

35 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO Studiamo quindi l anello sepaatamente. Consideiamo un anello cicolae, anche con sezione di foma qualsiasi, sollecitato da un momento pe unità di lunghezza, misuata lungo la ciconfeenza baicentica

36 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO Studio dell anello isolato Caico: momento pe unità di lunghezza (otazione intono alla ciconfeenza baicentica) Definiamo il aggio baicentico della sezione come σ z ϕ P ϕ

37 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO Sotto l azione del momento tutte le sezioni subiscono la stessa otazione ϕ. Il aggio elativo ad un geneico punto P, posto alla distanza z dall asse baicentico, diviene pe effetto della otazione pai a: zϕ La defomazione è quindi pai a: zϕ σ z ϕ P ϕ

38 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO σ z ϕ P ϕ Lungo tutta la fiba cicolae passante pe P ci saà la stessa defomazione Quindi è possibile deteminae la tensione che (in egime elastico) saà: z σ E ϕ

39 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO σ z ϕ P ϕ Se consideiamo un ipotesi semplificativa secondo cui le dimensioni dell anello sono piccole ispetto a si avà e quindi z σ E ϕ La sezione è soggetta ad una distibuzione di tensioni lineae ovveo a FLESSIONE SEPLICE

40 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO σ z ϕ P ϕ Si è supposto che la otazione baicentica ϕ avvenga attono alla fiba In tale ipotesi si ha N, infatti : N A σda Eϕ A zda

41 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO σ z ϕ P ϕ Le distanze z sono misuate a patie da un asse baicentico. Quindi in tale caso Quindi: A N zda Come deve essee in assenza di foze estene (o vincoli) capaci di esecitae uno sfozo assiale N

42 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO Infatti, un caso di foze estene capaci di fonie uno sfozo assiale, con N, è appesentato dall esempio di una pessione intena all anello : f N p N f Il momento isultante delle σ vale f Eϕ σzda A A z da EJ ϕ Essendo J il momento d inezia della sezione ispetto all asse baicentico nomale all asse dell anello EQUAZIONE DI COLLEGAENTO DELL ANELLO

43 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO Sciviamo oa l EQUAZIONE DI EQUILIBIO Consideiamo un elemento di anello di ampiezza angolae dθ dϑ dϑ f f f Da cui tenendo conto dell equazione di collegamento f ϕ EJ dθ

44 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO Casi paticolai L anello vincolato Consideiamo gli spostamenti impediti da un vincolo lungo una ciconfeenza posta ad una distanza t dal piano baicentico ϕ t ϕ Tale condizione si può ealizzae ad esempio pe una piasta che possa consideasi indefomabile nel suo piano. In tal caso il vincolo è appesentato dal piano della Supeficie edia della piasta

45 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO Casi paticolai L anello vincolato La defomazione può scivesi ε Da cui: ( z t) ϕ ( z t) ϕ ( z t ) ϕ σ E ϕ ϕ t EQUAZIONI DI COLLEGAENTO f Eϕ EAt N ( z t) da ϕ A Eϕ σzda ( z t) zda A A EJ ϕ

46 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO L anello vincolato Sciviamo oa le EQUAZIONI DI EQUILIBIO f Sia Z la eazione del vincolo pe unita di lunghezza Z t N dθ N f Le equazioni di equilibio si scivono come: Zdϑ Ndϑ dϑ Ztdϑ f dϑ Z N Zt f

47 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO L anello vincolato EQUAZIONE DI EQUILIBIO f Z t N dθ N f icavando Z dalla pima equazione e sostituendo nella seconda e icodando le equazioni di collegamento: N Z EAt ϕ EAt ϕ EJ ϕ

48 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO L anello vincolato EQUAZIONE DI EQUILIBIO f Z t N dθ N f J A ρ α ρ Poiché e posto: si ha: Ovveo: ( At J ) ϕ EJ ( α )ϕ E ϕ EJ ( α ) t

49 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO L anello vincolato icaviamo quindi le EQUAZIONE DI COLLEGAENTO Z t f N dθ N f N EAt ϕ EAt EJ ( α ) t α α f EJ ϕ EJ EJ ( α ) α

50 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO L anello vincolato ϕ ϕ t Dal confonto con l anello isolato si conclude che:. La igidezza / ϕ cesce nel appoto α;. Il momento flettente f diminuisce nello stesso appoto 3. Nasce uno sfozo assiale N del quale si deve tene conto insieme a f nelle veifiche dell anello stesso

51 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO ISOLUZIONE DI PIASTA IIGIDITA DA UN ANELLO h s b In assenza dell anello la otazione in coispondenza del bodo è quella podotta dal momento d incasto pefetto cambiato di segno e applicato al contono esteno: ϕ D p D p

52 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO ISOLUZIONE DI PIASTA IIGIDITA DA UN ANELLO s h b Consideiamo una piasta iigidita da un anello che sia caicata da un caico unifomemente distibuito In assenza dell anello il poblema è stato già isolto

53 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO ISOLUZIONE DI PIASTA IIGIDITA DA UN ANELLO s h b Sotto l azione del momento tale otazione diviene quindi: ϕ p 8D 3 ( ) D( )

54 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO ISOLUZIONE DI PIASTA IIGIDITA DA UN ANELLO s h b Poiché come abbiamo visto la otazione dell anello vale ϕ EJ ( α ) E inolte pe la conguenza deve essee: ϕ ϕ

55 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO ISOLUZIONE DI PIASTA IIGIDITA DA UN ANELLO s h b isulta infine: p 8 p β ( D( )) ( EJ ( α )) 8 Avendo posto β ( D( )) ( EJ ( α ))

56 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO ISOLUZIONE DI PIASTA IIGIDITA DA UN ANELLO s h b Z La piasta con anello iigidente può quindi consideasi come una piasta semplice più una piasta anulae che si scambiano il momento e lo sfozo assiale indicato con Z Z pincipio di SOVAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI

57 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO ISOLUZIONE DI PIASTA IIGIDITA DA UN ANELLO Il paameto β D EJ ( ) ( α ) appesenta il GADO DI INCASTO Vale pe la piasta senza anello Vale pe la piasta munita di anello molto igido e quindi pefettamente incastata all anello stesso

58 PIASTA CICOLAI CON ANELLI DI IIGIDIENTO Il GADO DI INCASTO è notevole anche pe dimensioni elativamente modeste dell anello. Ad esempio consideiamo: h 5; b 8 ( α ) D ( ) Si ha: EJ ( α ) Ovveo: β Pe isulta β / ovveo la condizione di SEINCASTO

STUDIO DELLA RESISTENZA DI UN DISCO A SPESSORE COSTANTE UTILIZZANDO IL METODO DEGLI ELEMENTI FINITI

STUDIO DELLA RESISTENZA DI UN DISCO A SPESSORE COSTANTE UTILIZZANDO IL METODO DEGLI ELEMENTI FINITI POLITECNICO DI TORINO Facoltà di Ingegneia I Anno accademico xxxx/xxxx Coso di COSTRUZIONE DI MACCHINE Elettix1 STUDIO DELLA RESISTENZA DI UN DISCO A SPESSORE COSTANTE UTILIZZANDO IL METODO DEGLI ELEMENTI

Dettagli

ESERCIZI DI CALCOLO STRUTTURALE

ESERCIZI DI CALCOLO STRUTTURALE ESERCIZIO A1 ESERCIZI DI CACOO SRUURAE Pate A: ave incastata Calcolo delle eazioni vincolai con caichi concentati o distibuiti P 1 P 1 = 10000 N = 1.2 m Sia la stuttua in figua soggetta al caico P 1 applicato

Dettagli

Conduttori in equilibrio elettrostatico

Conduttori in equilibrio elettrostatico onduttoi in equilibio elettostatico In un conduttoe in equilibio, tutte le caiche di conduzione sono in equilibio Se una caica di conduzione è in equilibio, in quel punto il campo elettico è nullo caica

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) Esercizi 2 Legge di Gauss

( ) ( ) ( ) ( ) Esercizi 2 Legge di Gauss Esecizi Legge di Gauss. Un involuco sfeico isolante ha aggi inteno ed esteno a e b, ed e caicato con densita unifome ρ. Disegnae il diagamma di E in funzione di La geometia e mostata nella figua: Usiamo

Dettagli

CASO 2 CASO 1. δ Lo. e N. δ Lo. e L. PROBLEMA A Corso di Fisica 1- Prima provetta- 22 maggio 2004 Facoltà di Ingegneria dell Università di Trento

CASO 2 CASO 1. δ Lo. e N. δ Lo. e L. PROBLEMA A Corso di Fisica 1- Prima provetta- 22 maggio 2004 Facoltà di Ingegneria dell Università di Trento PROBEMA A Coso di Fisica 1- Pima povetta- maggio 004 Facoltà di Ingegneia dell Univesità di Tento Un anello di massa m= 70 g, assimilabile ad un copo puntifome, è infilato in una asta igida liscia di lunghezza

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Fisica II Compito A

Facoltà di Ingegneria Fisica II Compito A Facoltà di ngegneia Fisica 66 Compito A Esecizio n Un filo di mateiale isolante, con densità di caica lineae costante, viene piegato fino ad assumee la foma mostata in figua (la pate cicolae ha aggio e

Dettagli

Appunti su argomenti monografici per il corso di FM1 Prof. Pierluigi Contucci. Gravità e Teorema di Gauss

Appunti su argomenti monografici per il corso di FM1 Prof. Pierluigi Contucci. Gravità e Teorema di Gauss 1 Appunti su agomenti monogafici pe il coso di FM1 Pof. Pieluigi Contucci Gavità e Teoema di Gauss Vogliamo dimostae, a patie dalla legge di gavitazione univesale che il campo gavitazionale geneato da

Dettagli

Legge di Gauss. Superficie Σ immersa nel campo elettrostatico generato da una carica q. da! r 2. d!(! E) "! E #! n da = q r 2! er!!

Legge di Gauss. Superficie Σ immersa nel campo elettrostatico generato da una carica q. da! r 2. d!(! E) ! E #! n da = q r 2! er!! Legge di Gauss Legge di Gauss in foma integale e locale Esempi Equazioni di Poisson e di Laplace Poblemi di Diichlet e Neumann Poblema geneale dell elettostatica Legge di Gauss Supeficie Σ immesa nel campo

Dettagli

La struttura stellare

La struttura stellare La stuttua stellae La stuttua stellae Una stella è una sfea di gas tenuta insieme dall auto gavità ed il cui collasso è impedito dalla pesenza di gadienti di pessione. Con ottima appossimazione una stella

Dettagli

Lo schema seguente spiega come passare da una equazione all altra e al grafico della circonferenza. Svolgere i calcoli.

Lo schema seguente spiega come passare da una equazione all altra e al grafico della circonferenza. Svolgere i calcoli. D4. Ciconfeenza D4.1 Definizione di ciconfeenza come luogo di punti Definizione: una ciconfeenza è fomata dai punti equidistanti da un punto detto cento. La distanza (costante) è detta aggio. Ci sono due

Dettagli

CAPITOLO 12 GONIOMETRIA

CAPITOLO 12 GONIOMETRIA CAPITOLO 1 GONIOMETRIA 1.01 - Misua degli Angoli e degli Achi 1.01.a) Unità di Misua degli Angoli o degli Achi Dato un angolo, è possibile scegliee come unità di misua un ulteioe (ovviamente) angolo definito

Dettagli

AI VERTICI DI UN QUADRATO DI LATO 2L SONO POSTE 4 CARICHE UGUALI Q. DETERMINARE: A) IL CAMPO ELETTRICO IN UN PUNTO P DELL ASSE.

AI VERTICI DI UN QUADRATO DI LATO 2L SONO POSTE 4 CARICHE UGUALI Q. DETERMINARE: A) IL CAMPO ELETTRICO IN UN PUNTO P DELL ASSE. ESERCIZIO 1 AI VERTICI DI UN UADRATO DI LATO SONO POSTE 4 CARICHE UGUALI. DETERMINARE: A) IL CAMPO ELETTRICO IN UN PUNTO P DELL ASSE. 4 caiche uguali sono poste ai vetiti di un quadato. L asse di un quadato

Dettagli

Comportamento meccanico dei materiali. Intagli e meccanica della frattura. Intagli. Cenni di meccanica della frattura Politecnico di Torino 1

Comportamento meccanico dei materiali. Intagli e meccanica della frattura. Intagli. Cenni di meccanica della frattura Politecnico di Torino 1 Compotamento meccanico dei mateiali e meccanica della fattua Cenni di meccanica della fattua 2 2006 olitecnico di Toino 1 e meccanica della fattua Fattoi di concentazione delle tensioni Veifica di componenti

Dettagli

4. DINAMICA. I tre principi della dinamica per un corpo puntiforme (detto anche punto materiale o particella) sono:

4. DINAMICA. I tre principi della dinamica per un corpo puntiforme (detto anche punto materiale o particella) sono: 4.1 Pincipi della dinamica 4. DINAMICA I te pincipi della dinamica pe un copo puntifome (detto anche punto mateiale o paticella) sono: 1) pincipio di intezia di Galilei; 2) legge dinamica di Newton; 3)

Dettagli

int Schiusa Schiusa r r Φ = r r S o 1 Anno scolastico

int Schiusa Schiusa r r Φ = r r S o 1 Anno scolastico Anno scolastico 4 + ε ε int dt E d C dt d E C Q E S o S Schiusa Schiusa gandezza definizione fomula Foza di Loentz Foza agente su una caica q in moto con velocità v in una egione in cui è pesente un campo

Dettagli

Lezione mecc n.13 pag 1

Lezione mecc n.13 pag 1 Lezione mecc n.3 pag Agomenti di questa lezione Intoduzione alla dinamica dei sistemi Definizione di cento di massa Foze estene ed intene ad un sistema Quantità di moto e sue vaiazioni (pima equazione

Dettagli

Nome..Cognome. classe 5D 29 Novembre VERIFICA di FISICA: Elettrostatica Domande

Nome..Cognome. classe 5D 29 Novembre VERIFICA di FISICA: Elettrostatica Domande Nome..ognome. classe 5 9 Novembe 8 RIFI di FISI: lettostatica omande ) ai la definizione di flusso di un campo vettoiale attaveso una supeficie. nuncia il teoema di Gauss pe il campo elettico (senza dimostalo)

Dettagli

ESERCIZIO n.2. y B. rispetto alle rette r e t indicate in Figura. GA#2 1

ESERCIZIO n.2. y B. rispetto alle rette r e t indicate in Figura. GA#2 1 ESERCZO n. Data la sezione a T ipotata in Figua, deteminae: a) gli assi pincipali centali di inezia; ) l ellisse pincipale centale di inezia; c) il nocciolo centale di inezia; d) i momenti di inezia e

Dettagli

CAP.2. cavo. corpo. = 0 il corpo si comporta come se su di esso non agisse alcuna forza, cioè è in equilibrio. Si noti che è implicitamente anche M r

CAP.2. cavo. corpo. = 0 il corpo si comporta come se su di esso non agisse alcuna forza, cioè è in equilibrio. Si noti che è implicitamente anche M r CP.2 Statica del punto mateiale Si definisce punto mateiale un copo pe il quale le dimensioni possono itenesi tascuabili ispetto alle alte dimensioni del poblema in esame e tutte le foze agenti possono

Dettagli

GEOMETRIA ELEMENTARE. h = 2 2 S. h =

GEOMETRIA ELEMENTARE. h = 2 2 S. h = QUESITI 1 GEOMETRI ELEMENTRE 1. (Da Veteinaia 015) Le diagonali (ossia le linee che uniscono i vetici opposti) di un ombo misuano ispettivamente 4 cm e 8 cm. Qual è il peimeto del ombo in cm? a) 8 3 b)

Dettagli

Lezione XV Cinghie. Organi di trasmissione. Normalmente gli assi di rotazione delle due pulegge sono paralleli.

Lezione XV Cinghie. Organi di trasmissione. Normalmente gli assi di rotazione delle due pulegge sono paralleli. Ogani di tasmissione Ogani flessibili Nelle macchine tovano numeose applicazioni tanto ogani flessibili popiamente detti (cinghie e funi), quanto ogani costituiti da elementi igidi ta loo aticolati (catene).

Dettagli

ed è pari a: 683 lumen/watt, pertanto:

ed è pari a: 683 lumen/watt, pertanto: RICIAI GRADEZZE FOTOMETRICHE Fattoe di visibilità (o di sensibilità visiva) K ( λ) : funzione che appesenta la sensibilità media dell occhio umano a adiazioni di diffeente lunghezza d onda ma di eguale

Dettagli

Q AB = Q AC + Q CB. liquido vapore. δq AB = δq AC + δq CB. δq = c x dt + r dx. Le 5 espressioni del δq nel campo dei vapori saturi

Q AB = Q AC + Q CB. liquido vapore. δq AB = δq AC + δq CB. δq = c x dt + r dx. Le 5 espressioni del δq nel campo dei vapori saturi Le 5 espessioni del Q nel campo dei vapoi satui A C K B Consideiamo la tasfomazione AB che si svolge tutta all inteno della campana dei vapoi satui di una sostanza qualsiasi. Supponiamo quindi di andae

Dettagli

ESERCIZIO n.1. rispetto alle rette r e t indicate in Figura. h t. d b GA#1 1

ESERCIZIO n.1. rispetto alle rette r e t indicate in Figura. h t. d b GA#1 1 Esecizi svolti di geometia delle aee Aliandi U., Fusci P., Pisano A., Sofi A. ESERCZO n.1 Data la sezione ettangolae ipotata in Figua, deteminae: a) gli assi pincipali centali di inezia; ) l ellisse pincipale

Dettagli

A.A. 2009/ Appello del 15 giugno 2010

A.A. 2009/ Appello del 15 giugno 2010 Fisica I pe Ing. Elettonica e Fisica pe Ing. Infomatica A.A. 29/21 - Appello del 15 giugno 21 Soluzione del poblema n. 1a 1. All uscita della guida, nel punto D, il copo compie un moto paabolico con velocità

Dettagli

IL POTENZIALE. = d quindi: LAB

IL POTENZIALE. = d quindi: LAB 1 IL POTENZIALE Sappiamo che il campo gavitazionale è un campo consevativo cioè nello spostamento di un copo ta due punti del campo gavitazionale teeste, le foze del campo compiono un lavoo che dipende

Dettagli

Lezione 3. Applicazioni della Legge di Gauss

Lezione 3. Applicazioni della Legge di Gauss Applicazioni della Legge di Gauss Lezione 3 Guscio sfeico di aggio con caica totale distibuita unifomemente sulla supeficie. immetia sfeica, dipende solo da supeficie sfeica di aggio

Dettagli

Fisica per Medicina. Lezione 22 - Campo magnetico. Dr. Cristiano Fontana

Fisica per Medicina. Lezione 22 - Campo magnetico. Dr. Cristiano Fontana Fisica pe Medicina Lezione 22 - Campo magnetico D. Cistiano Fontana Dipatimento di Fisica ed Astonomia Galileo Galilei Univesità degli Studi di Padova 1 dicembe 2017 ndice Elettomagnetismo Campo magnetico

Dettagli

Il Problema di Keplero

Il Problema di Keplero Il Poblema di Kepleo Il poblema di Kepleo nel campo gavitazionale Intoduzione Con Poblema di Kepleo viene indicato il poblema del moto di un copo in un campo di foze centali. Nel caso specifico gavitazionale

Dettagli

Gravitazione. Dati due corpi di massa m 1 e m 2, posti ad una distanza r, tra di essi si esercita una forza attrattiva data in modulo da

Gravitazione. Dati due corpi di massa m 1 e m 2, posti ad una distanza r, tra di essi si esercita una forza attrattiva data in modulo da Gavitazione Dati due copi di massa m 1 e m 2, posti ad una distanza, ta di essi si esecita una foza attattiva data in modulo da F = G m 1m 2 dove G è una costante univesale, avente lo stesso valoe pe tutte

Dettagli

IL POTENZIALE. Nello spostamento successivo B B, poiché la forza elettrica risulta perpendicolare allo spostamento, il lavoro L è nullo.

IL POTENZIALE. Nello spostamento successivo B B, poiché la forza elettrica risulta perpendicolare allo spostamento, il lavoro L è nullo. 1 I POTENZIAE Sappiamo che il campo gavitazionale è un campo consevativo cioè nello spostamento di un copo ta due punti del campo gavitazionale teeste, le foze del campo compiono un lavoo che dipende dalla

Dettagli

Docente Francesco Benzi

Docente Francesco Benzi MACCHINE ELETTRICHE Coso di Lauea in Ingegneia Industiale Anno Accademico 2015-2016 CONVERSIONE ELETTROMECCANICA - PRINCIPI Docente Fancesco Benzi Univesità di Pavia e-mail: fbenzi@unipv.it Dispense in

Dettagli

Elementi di Dinamica

Elementi di Dinamica Elementi di Dinamica ELEMENTI DI DINAMICA Mente la cinematica si limita allo studio delle possibilità di movimento di un ceto sistema ed alla elativa descizione matematica, la dinamica si occupa delle

Dettagli

AZIONE A DISTANZA E TEORIA DI CAMPO (1)

AZIONE A DISTANZA E TEORIA DI CAMPO (1) Il campo elettico AZION A DITANZA TOIA DI CAMPO () Come fanno due caiche elettiche ad inteagie fa di loo? All inizio del 9 si sono confontate due ipotesi:.le caiche si scambiano dei messaggei e uindi si

Dettagli

Effetto Hall. flusso reale dei portatori se positivi. flusso reale dei portatori se negativi

Effetto Hall. flusso reale dei portatori se positivi. flusso reale dei portatori se negativi Appunti di Fisica II Effetto Hall L'effetto Hall è un fenomeno legato al passaggio di una coente I, attaveso ovviamente un conduttoe, in una zona in cui è pesente un campo magnetico dietto otogonalmente

Dettagli

Equilibrio dei corpi rigidi- Statica

Equilibrio dei corpi rigidi- Statica Equilibio dei copi igidi- Statica Ci ifeiamo solo a situazioni paticolai in cui i copi igidi non si muovono in nessun modo: ne taslano ( a 0 ), ne uotano ( 0 ), ossia sono femi in un oppotuno sistema di

Dettagli

GONIOMETRIA. MISURA DEGLI ANGOLI La misura di un angolo si può esprimere in diversi modi, a seconda dell unità di misura che si sceglie.

GONIOMETRIA. MISURA DEGLI ANGOLI La misura di un angolo si può esprimere in diversi modi, a seconda dell unità di misura che si sceglie. of. Luigi Cai Anno scolastico 4-5 GONIOMETRIA MISURA DEGLI ANGOLI La misua di un angolo si può espimee in divesi modi, a seconda dell unità di misua che si sceglie. Sistema sessagesimale Si assume come

Dettagli

Geometria analitica in sintesi

Geometria analitica in sintesi punti distanza ta due punti coodinate del punto medio coodinate del baicento ta due punti di un tiangolo di vetici etta e foma implicita foma esplicita foma segmentaia equazione della etta m è il coefficiente

Dettagli

Politecnico di Milano Fondamenti di Fisica Sperimentale a.a Facoltà di Ingegneria Industriale - Ind. Aero-Energ-Mecc

Politecnico di Milano Fondamenti di Fisica Sperimentale a.a Facoltà di Ingegneria Industriale - Ind. Aero-Energ-Mecc Politecnico di Milano Fondamenti di Fisica Speimentale a.a. 9-1 - Facoltà di Ingegneia Industiale - Ind. Aeo-Eneg-Mecc II pova in itinee - 5/7/1 Giustificae le isposte e scivee in modo chiao e leggibile.

Dettagli

Esercizi Scheda N Fisica II. Esercizi con soluzione svolti

Esercizi Scheda N Fisica II. Esercizi con soluzione svolti Esecizi Scheda N. 45 Fisica II Esecizio. Esecizi con soluzione svolti Un filo ettilineo, indefinito, pecoso da una coente di intensità i=4 A, è immeso in un mezzo omogeneo, isotopo, indefinito e di pemeabilità

Dettagli

Lunghezza della circonferenza e area del cerchio

Lunghezza della circonferenza e area del cerchio Come possiamo deteminae la lunghezza di una ciconfeenza di aggio? Poviamo a consideae i poligoni egolai inscitti e cicoscitti alla ciconfeenza: è chiao che la lunghezza della ciconfeenza è maggioe del

Dettagli

Massimi e minimi con le linee di livello

Massimi e minimi con le linee di livello Massimi e minimi con le linee di livello Pe affontae questo agomento è necessaio sape appesentae i fasci di cuve ed in paticolae: Fasci di paabole. Pe affontae questo agomento si consiglia di ivedee l

Dettagli

SETTIMA-OTTAVA LEZIONE: sorgenti del campo magnetico, legge di Ampere, legge di Biot-Sawart

SETTIMA-OTTAVA LEZIONE: sorgenti del campo magnetico, legge di Ampere, legge di Biot-Sawart . Chiodoni esecizi di Fisica II SETTIM-OTTV LEZIONE: sogenti del campo magnetico, legge di mpee, legge di Biot-Sawat Esecizio 1 Due spie cicolai di aggio 3cm, aventi lo stesso asse, sono poste in piani

Dettagli

Per migliorare la trasmissione tra satellite e Terra, emerge la necessità di portare il satellite ad un orbita circolare diversa.

Per migliorare la trasmissione tra satellite e Terra, emerge la necessità di portare il satellite ad un orbita circolare diversa. 1 Esecizio (tatto dagli esempi 5.3 e 5.4 del cap. V del Mazzoldi-Nigo-Voci) Un satellite atificiale di massa m 10 3 Kg uota attono alla Tea descivendo un obita cicolae di aggio 1 6.6 10 3 Km. 1. Calcolae

Dettagli

Fabio Peron. Illuminazione artificiale degli interni. Metodo del flusso totale. Metodo punto-punto

Fabio Peron. Illuminazione artificiale degli interni. Metodo del flusso totale. Metodo punto-punto illuminotecnica 9 illuminotecnica 9 Illuminazione atificiale degli inteni Il pogetto di illuminazione degli inteni deve essee studiato e calcolato in funzione della destinazione d uso e dei compiti visivi

Dettagli

1 Potenziale elettrostatico e seconda equazione di Maxwell per E

1 Potenziale elettrostatico e seconda equazione di Maxwell per E 1 Potenziale elettostatico e seconda equazione di Maxwell pe E Consideiamo il campo elettico oiginato da una caica puntifome q che ipotizziamo fissa nell oigine degli assi: E( ) = q ˆ 2 = q 3 (1) Pe definizione,

Dettagli

Cinematica III. 11) Cinematica Rotazionale

Cinematica III. 11) Cinematica Rotazionale Cinematica III 11) Cinematica Rotazionale Abbiamo già tattato il moto cicolae unifome come moto piano (pa. 8) intoducendo la velocità lineae v e l acceleazione lineae a, ma se siamo inteessati solo al

Dettagli

Vista dall alto. Vista laterale. a n. Centro della traiettoria

Vista dall alto. Vista laterale. a n. Centro della traiettoria I poblema Un ciclista pedala su una pista cicolae di aggio 5 m alla velocità costante di 3.4 km/h. La massa complessiva del ciclista e della bicicletta è 85.0 kg. Tascuando la esistenza dell aia calcolae

Dettagli

SECONDA LEZIONE: lavoro elettrico, potenziale elettrostatico, teorema di Gauss (prima parte)

SECONDA LEZIONE: lavoro elettrico, potenziale elettrostatico, teorema di Gauss (prima parte) A. Chiodoni esecizi di Fisica II SECONDA LEZIONE: lavoo elettico, potenziale elettostatico, teoea di Gauss (pia pate) Esecizio Te caiche sono poste ai vetici di un tiangolo euilateo di lato l, calcolae

Dettagli

Esistono due tipi di forze di attrito radente: le forze di attrito statico, per cui vale la relazione:

Esistono due tipi di forze di attrito radente: le forze di attrito statico, per cui vale la relazione: oze di attito f N P Le foze di attito adente si geneano sulla supeficie di contatto di due copi e hanno la caatteistica di opposi sepe al oto elativo dei due copi. Le foze di attito adente non dipendono,

Dettagli

Piastre assial-simmetriche

Piastre assial-simmetriche Piaste assial-sietiche Leone Coadi II vol. pag 58 Consideiao il caso di laste cicolai in condizioni di sietia polae, il cui copotaento si descive con il sistea di coodinate cilindiche 0;,, z z uscente

Dettagli

Momenti d'inerzia di figure geometriche semplici

Momenti d'inerzia di figure geometriche semplici Appofondimento Momenti d'inezia di figue geometice semplici Pidatella, Feai Aggadi, Pidatella, Coso di meccanica, maccine ed enegia Zanicelli 1 Rettangolo Pe un ettangolo di ase e altezza (FGURA 1.a),

Dettagli

IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze

IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze 1. Completa. a. Il peso di un copo dipende dal volume e dalla sostanza di cui è costituito b. Ogni sostanza ha il suo peso specifico, che è il peso dell unità di volume

Dettagli

ψ β F ESERCIZIO PIEGAMENTI SULLE BRACCIA

ψ β F ESERCIZIO PIEGAMENTI SULLE BRACCIA S ϕ α E h W ψ β ESERCIZIO PIEGMENTI SULLE BRCCI W Un atleta compie una seie di piegamenti sulle baccia, mantenendo il movimento dei segmenti del baccio (omeo ed avambaccio) paalleli al piano sagittale.

Dettagli

13b. Reattore omogeneo con riflettore. Due gruppi di neutroni

13b. Reattore omogeneo con riflettore. Due gruppi di neutroni b. Reattoe omogeneo con iflettoe ue guppi di neutoni Assumiamo oa una appossimazione in teoia della diffusione consistente in due guppi enegetici: uno elativo ai neutoni temici (guppo temico) ed uno elativo

Dettagli

Energia cinetica di un corpo rigido in rotazione. ogni elemento del corpo ha la stessa velocità angolare m 2

Energia cinetica di un corpo rigido in rotazione. ogni elemento del corpo ha la stessa velocità angolare m 2 Enegia cinetica di un copo igido in otazione z Copo igido con asse di otazione fisso (Z) 1 1 ogni eleento del copo ha la stessa velocità angolae K un eleento a distanza K dall asse di otazione ha velocità

Dettagli

Piastre assial-simmetriche

Piastre assial-simmetriche Piaste assial-sietiche Leone Coadi II vol. pag 158 Consideiao il caso di laste cicolai in condizioni di sietia polae, il cui copotaento si descive con il sistea di coodinate cilindiche 0;,, z z uscente

Dettagli

dove per i simboli si sono adottate le seguenti notazioni: 2 Corpo girevole attorno ad un asse fisso

dove per i simboli si sono adottate le seguenti notazioni: 2 Corpo girevole attorno ad un asse fisso Il volano 1 Dinamica del copo igido Il poblema dello studio del moto di un copo igido libeo è il seguente: data una ceta sollecitazione F e del copo, cioè cete foze estene F i applicate nei punti del copo

Dettagli

Le Galassie. Lezione 4

Le Galassie. Lezione 4 Le Galassie Lezione 4 Fotometia delle ellittiche Le galassie ellittiche pesentano isofote ben appossimabili con ellissi. In geneale la fomula di Sesic fonisce un fit miglioe al pofilo di billanza a tutte

Dettagli

Si considerino le rette:

Si considerino le rette: Si consideino le ette: Eseciio (tipo tema d esame) : s : + () ) Si dica pe quali valoi del paameto eale le ette e s isultano sghembe, paallele o incidenti. ) Nel caso paallele si emino i paameti diettoi

Dettagli

v t V o cos t Re r v t

v t V o cos t Re r v t Metodo Simbolico, o metodo dei Fasoi Questo metodo applicato a eti lineai pemanenti consente di deteminae la soluzione in egime sinusoidale solamente pe quanto attiene il egime stazionaio. idea di appesentae

Dettagli

FENOMENI DI TRASPORTO: NATURA E RUOLO

FENOMENI DI TRASPORTO: NATURA E RUOLO FENOMENI DI TRSPORTO: NTUR E RUOLO tasfeimento di quantità di moto, di caloe e di mateia (momentum, heat, mass tansfe) pocessi comuni in campo industiale, biologico/medico, ambientale/geologico esempi

Dettagli

Gravitazione universale

Gravitazione universale INGEGNERIA GESTIONALE coso di Fisica Geneale Pof. E. Puddu LEZIONE DEL 22 OTTOBRE 2008 Gavitazione univesale 1 Legge della gavitazione univesale di Newton Ogni paticella attae ogni alta paticella con una

Dettagli

Lezione 27 - Torsione nelle sezioni circolari ed ellittiche

Lezione 27 - Torsione nelle sezioni circolari ed ellittiche Lezione 7 - Tosione nelle sezioni cicolai ed ellittiche ü [A.a. 11-1 : ultima evisione 7 agosto 11] In questa lezione si applicano i isultati della lezione pecedente allo studio di alcune sezione di foma

Dettagli

F 1 F 2 F 3 F 4 F 5 F 6. Cosa è necessario per avere una rotazione?

F 1 F 2 F 3 F 4 F 5 F 6. Cosa è necessario per avere una rotazione? Cosa è necessaio pe avee una otazione? Supponiamo di vole uotae il sistema in figua intono al bullone, ovveo intono all asse veticale passante pe, usando foze nel piano oizzontale aventi tutte lo stesso

Dettagli

DISTRIBUZIONE DELLA CARICA NEI CONDUTTORI

DISTRIBUZIONE DELLA CARICA NEI CONDUTTORI 1 DISTRIBUZIONE DELLA CARICA NEI CONDUTTORI I copi conduttoi sono caatteizzati dal fatto di avee moltissimi elettoni libei di muovesi (elettoni di conduzione). Cosa accade se un copo conduttoe viene caicato

Dettagli

f = coefficiente di attrito

f = coefficiente di attrito La tasmissione di potenza ta albei con uote di fizione non è utilizzata peché ichiedeebbe enomi foze di contatto a fonte di modeste coppie tasmesse M = F t = N f f = coefficiente di attito Angolo d attito

Dettagli

Idraulica e Idrologia: Lezione 18 Agenda del giorno

Idraulica e Idrologia: Lezione 18 Agenda del giorno Idaulica e Idologia: Lezione 18 Agenda del giono L espeienza di Reynolds Regime laminae e tubolento Leggi di distibuzione pe tensioni tangenziali e velocità Legge di Hagen-Poiseuille Pg 1 Regimi laminae

Dettagli

Tutorato di Fisica 1 - AA 2014/15

Tutorato di Fisica 1 - AA 2014/15 Tutoato di Fisica - AA 4/5 Emanuele Fabbiani 5 mazo 5 Dinamica del copo igido. Esecizio Si calcoli il momento d'inezia di una sbaa sottile di lunghezza l = 3 cm, la cui densità lineae di massa è descitta

Dettagli

Fondamenti di Gravitazione

Fondamenti di Gravitazione Fondamenti di Gavitazione Intoduzione all Astofisica AA 205/206 Pof. Alessando Maconi Dipatimento di Fisica e Astonomia Univesità di Fienze Dispense e pesentazioni disponibili all indiizzo http://www.aceti.asto.it/

Dettagli

Campi scalari e vettoriali (1)

Campi scalari e vettoriali (1) ampi scalai e vettoiali (1) 3 e ad ogni punto P = (x, y, z) di una egione di spazio Ω R è associato uno ed uno solo scalae φ diemo che un campo scalae è stato definito in Ω. In alti temini: φ 3 : P R φ(p)

Dettagli

Elettrostatica. P. Maestro Elettrostatica pag. 1

Elettrostatica. P. Maestro Elettrostatica pag. 1 Elettostatica Composizione dell atomo Caica elettica Legge di Coulomb Campo elettico Pincipio di sovapposizione Enegia potenziale del campo elettico Moto di una caica in un campo elettico statico Teoema

Dettagli

Esercizi Scheda N Fisica II. Esercizi con soluzione

Esercizi Scheda N Fisica II. Esercizi con soluzione Esecizio 9.1 Esecizi con soluzione Te divese onde sonoe hanno fequenza ν ispettivamente 1 Hz, 1 Hz e 5 Mhz. Deteminae le lunghezze d onda coispondenti ed i peiodi di oscillazione, sapendo che la velocità

Dettagli

Se i corpi 1 e 2 interagiscono solo fra loro e non con altri corpi si ha quindi l importante principio di conservazione della quantità di moto: dp r

Se i corpi 1 e 2 interagiscono solo fra loro e non con altri corpi si ha quindi l importante principio di conservazione della quantità di moto: dp r 3. Dinamica Leggi di Newton Si intoduce il concetto di foza come misua della vaiazione dello stato di moto di un copo, ossevato in un sistema di ifeimento di pe se stesso non soggetto a foze (sistema ineziale).

Dettagli

Capacità ele+rica. Condensatori

Capacità ele+rica. Condensatori Capacità ele+ica Condensatoi Condensatoi Il sistema più semplice pe immagazzinae enegia elettostatica è caicae un condensatoe. Genealmente il condensatoe è costituito da due piani metallici sepaati da

Dettagli

CENTRO DI MASSA. Il centro di massa C divide il segmento AB in parti inversamente proporzionali alle masse: AC. x C = m A x A + m B x B.

CENTRO DI MASSA. Il centro di massa C divide il segmento AB in parti inversamente proporzionali alle masse: AC. x C = m A x A + m B x B. Due paticelle: CENTRO DI MASSA 0 A m A A C m B B B C Il cento di massa C divide il segmento AB in pati invesamente popozionali alle masse: AC CB = m B m A C A B C = m B m A m A C m A A = m B B m B C (

Dettagli

M.T., M.T.T. Appunti di Fisica per Scienze Biologiche Vers /09/2005

M.T., M.T.T. Appunti di Fisica per Scienze Biologiche Vers /09/2005 MT, MTT Appunti di Fisica pe Scienze iologiche Ves 4 /9/5 L Elettostatica costituenti elementai della mateia possiedono, olte alla massa, la caica elettica La caica elettica si misua in oulomb () ed il

Dettagli

IL CAMPO ELETTROMAGNETICO DIPENDENTE DAL TEMPO

IL CAMPO ELETTROMAGNETICO DIPENDENTE DAL TEMPO IL CAMPO ELETTROMAGNETICO DIPENDENTE DAL TEMPO Legge di Faaday-Heny (o dell induzione elettomagnetica); Applicazioni della legge dell induzione e.m., caso della spia otante; Il fenomeno dell autoinduzione

Dettagli

Circuiti RLC RIASSUNTO: L(r)C serie: impedenza Z(ω) Q valore risposta in frequenza L(r)C parallelo Circuiti risonanti Circuiti anti-risonanti

Circuiti RLC RIASSUNTO: L(r)C serie: impedenza Z(ω) Q valore risposta in frequenza L(r)C parallelo Circuiti risonanti Circuiti anti-risonanti icuiti R RIASSUNTO: () seie: impedenza () valoe isposta in fequenza () paallelo icuiti isonanti icuiti anti-isonanti icuito in seie I cicuiti pesentano caatteistiche inteessanti. Ad esempio, ponendo un

Dettagli

SELEZIONE DI ESERCIZI DI ELETTROSTATICA.

SELEZIONE DI ESERCIZI DI ELETTROSTATICA. Fisica geneale II, a.a. 13/14 SELEZIONE DI ESEIZI DI ELETTOSTATIA..1. Un pocesso elettolitico divide 1.3 mg di Nal (massa di una mole = 59 g) in Na + e l. Le caiche positive vengono allontanate da quelle

Dettagli

Il magnetismo. Il Teorema di Ampere: la circuitazione del campo magnetico.

Il magnetismo. Il Teorema di Ampere: la circuitazione del campo magnetico. Il magnetismo Il Teoema di Ampee: la cicuitazione del campo magnetico. Richiamiamo la definizione geneale di cicuitazione pe un campo vettoiale Definizione: si definisce cicuitazione di un campo vettoiale

Dettagli

Equilibrio del corpo rigido e vincoli

Equilibrio del corpo rigido e vincoli Equilibio del copo igido e vincoli Gadi di libetà nello spazio Punto mateiale e copo igido z z z' P α P z α P' θ ' α O z P O z P P P ' P P Gadi di libetà nel piano Punto mateiale e copo igido P P P' P

Dettagli

Moto su traiettorie curve: il moto circolare

Moto su traiettorie curve: il moto circolare Moto su taiettoie cuve: il moto cicolae Così come il moto ettilineo è un moto che avviene lungo una linea etta, il moto cicolae è un moto la cui taiettoia è cicolae, cioè un moto che avviene lungo una

Dettagli

Potenza volumica. Legge di Joule in forma locale

Potenza volumica. Legge di Joule in forma locale Potenza volumica. Legge di Joule in foma locale Si considei un tubo di flusso elementae all inteno di un copo conduttoe nel quale ha sede un campo di coente. n da La potenza elettica che fluisce nel bipolo

Dettagli

Nicola De Rosa maturità 2015

Nicola De Rosa maturità 2015 www.matematicamente.it Nicola De Rosa matuità 5 Esame di stato di istuzione secondaia supeioe Indiizzi: LI SCIENTIFICO LI - SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE Tema di matematica (Testo valevole anche

Dettagli

Fisica II Secondo Appello - 7/2/2008

Fisica II Secondo Appello - 7/2/2008 Fisica II Secondo Appello - 7/2/2008 Chi ecupea il pimo compitino fa il pimo esecizio in due oe Chi ecupea il secondo compitino fa gli ultimi due esecizi in due oe Chi non ecupea fa le pime 4 domande del

Dettagli

TEORIA DELLA GRAVITAZIONE

TEORIA DELLA GRAVITAZIONE LEGGI DI KEPLEO EOI DELL GVIZIONE Dopo la ivoluzionaia teoia eliocentica del monaco polacco Copenico, Giovanni Kepleo fomulò te leggi a coeggee e miglioae ulteiomente il modello copenicano. Egli è infatti

Dettagli

E, ds. - Flusso totale uscente dalla superficie chiusa S: è la somma di tutti i flussi elementari, al tendere a zero delle aree infinitesime: r )

E, ds. - Flusso totale uscente dalla superficie chiusa S: è la somma di tutti i flussi elementari, al tendere a zero delle aree infinitesime: r ) Flusso del campo elettico e legge di Gauss. - Si definisce supeficie gaussiana una ipotetica supeficie S chiusa, che contiene un volume V. - La legge di Gauss mette in elazione i valoi dei campi elettici

Dettagli

Sorgenti del campo magnetico.

Sorgenti del campo magnetico. Sogenti del campo magnetico. n Campo magnetico podotto da una coente n ima legge elementae di Laplace n Legame campo elettico e magnetico Campo magnetico podotto da una coente n ima legge elementae di

Dettagli

Idraulica Scale di deflusso

Idraulica Scale di deflusso Idaulica Scale di deflusso amando caavetta 31/05/007 1 efinizione La scala di deflusso esplicita il legame che, in un alveo di assegnata pendenza, si istituisce ta potata e tiante idico Questo legame è

Dettagli

Equazioni e disequazioni irrazionali

Equazioni e disequazioni irrazionali Equazioni e disequazioni iazionali 8 81 Equazioni iazionali con un solo adicale Definizione 81 Un equazione si dice iazionale quando l incognita compae sotto il segno di adice Analizziamo le seguenti equazioni:

Dettagli

Macchina di Atwood. Serve a studiare i moti accelerati nel campo gravitazionale terrestre variando a piacimento l accelerazione di gravità g.

Macchina di Atwood. Serve a studiare i moti accelerati nel campo gravitazionale terrestre variando a piacimento l accelerazione di gravità g. acchina di Atwood E costituita da due asse attacate l una all alta da una fune ideale (inestendibile e di assa tascuabile) e sospese taite una caucola anch essa ideale (attito e assa tascuabili). Seve

Dettagli

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria

Corso di Elettrotecnica 1 - Cod N Diploma Universitario Teledidattico in Ingegneria Informatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandria Schede di Elettotecnica oso di Elettotecnica 1 - od. 9200 N Diploma Univesitaio Teledidattico in Ingegneia Infomatica ed Automatica Polo Tecnologico di Alessandia A cua di uca FEAIS Scheda N 8 icuiti in

Dettagli

Energia potenziale elettrica

Energia potenziale elettrica Enegia potenziale elettica L ultima ossevazione del capitolo pecedente iguadava le analogie e le diffeenze ta il campo elettico e il campo gavitazionale pendendo in esame la foza di Coulomb e la legge

Dettagli

di Enzo Zanghì pag 1 applichiamo il teorema di Pitagora e otteniamo:

di Enzo Zanghì pag 1 applichiamo il teorema di Pitagora e otteniamo: m@th_cone di Enzo Zanghì pag Distanza di due punti Pe deteminae la distanza ta i punti ( ; ) ( ; ) applichiamo il teoema di Pitagoa e otteniamo: = ( ) + ( ) Punto medio di un segmento M O M + Osseviamo

Dettagli

Le equazioni di Maxwell

Le equazioni di Maxwell Le equazioni di Maxwell Il campo elettico indotto Abbiamo visto nel capitolo pecedente che un campo magnetico vaiabile genea in un cicuito una foza elettomotice indotta. Riconsideiamo questa popietà nella

Dettagli

Esame di stato di istruzione secondaria superiore Indirizzi: Scientifico e Scientifico opzione scienze applicate Tema di matematica

Esame di stato di istruzione secondaria superiore Indirizzi: Scientifico e Scientifico opzione scienze applicate Tema di matematica wwwmatematicamenteit Nicola De osa matuità Esame di stato di istuzione secondaia supeioe Indiizzi: Scientifico e Scientifico opzione scienze applicate Tema di matematica Il candidato isolva uno dei due

Dettagli

FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 5

FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 5 8360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 014/15 Poblemi dal libo di testo: D. Giancoli, Fisica, a ed., CEA Capitolo 5 Poblema 1 Un bimbo su una giosta si muove con una velocità di 1.5 m/s quando è a 1.10 m dal

Dettagli

IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze

IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze IL VOLUME DEI SOLIDI Conoscenze 1. Completa. a. Il peso di un copo dipende dal...e dalla...di cui è costituito b. Ogni sostanza ha il suo peso specifico, che è... di quella sostanza c. Il peso specifico

Dettagli

Biomeccanica. Cinematica Dinamica Statica dei corpi rigidi Energia e principi di conservazione

Biomeccanica. Cinematica Dinamica Statica dei corpi rigidi Energia e principi di conservazione Biomeccanica Cinematica Dinamica Statica dei copi igidi Enegia e pincipi di consevazione Posizione: definita da : z modulo, diezione, veso vettoe s s z s s y unità di misua (S.I.) : meto x s x y Taiettoia:

Dettagli