Progetto STARS LOCAL WORKSHOP per le scuole primarie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto STARS LOCAL WORKSHOP per le scuole primarie"

Transcript

1 Progetto STARS LOCAL WORKSHOP per le scuole primarie Meeting/Event Name

2 Obiettivi e contenuti del workshop Iniziare a creare un gruppo di lavoro degli insegnanti STARS Presentare la guida al Percorso di Accreditamento Spiegare come si compila il Piano di Attività on line Presentare il Toolkit delle iniziative per le scuole 2

3 La guida al Percorso di Accreditamento In questo worshop vi verrà consegnata la Guida al percorso di Accreditamento per le scuole primarie Il documento raccoglie tutte le informazioni necessarie per l implementazione della campagna STARS Descriviamo qui di seguito le linee generali della guida, mentre per i dettagli vi invitiamo a leggere la guida stessa. Ogni scuola avrà un Advisor STARS che vi aiuterà a sviluppare il progetto. 3

4 Cos è il progetto europeo STARS STARS è un progetto che mira a stimolare un cambiamento nei comportamenti sulla mobilità urbana. Per assicurare un cambiamento dei comportamenti di viaggio a lungo termine, la nostra priorità devono essere i bambini e i giovani. È rivolto dunque agli studenti (e alle loro famiglie) per invogliarli a utilizzare mezzi sostenibili per il tragitto casa-scuola Quali sono gli obiettivi del programma per le primarie? Incrementare di almeno il 5% l uso di mezzi sostenibili sul percorso casa scuola con il coinvolgimento della comunità scolastica (studenti, insegnanti e genitori) Aumentare l autonomia degli studenti e creare città più vivibili Creare un programma europeo di accreditamento per permettere alle scuole primarie di lavorare in modo autonomo Condividere la conoscenza del programma tra città e scuole 4

5 Come funziona il percorso di Accreditamento? Le scuole primarie che aderiscono a STARS vengono aiutate a sviluppare progetti, lezioni e attività per promuovere l uso di mezzi sostenibili nei percorsi casa scuola: tanto più realizzano, tanto più vengono premiate In ogni scuola andrà individuato un gruppo di lavoro formato dall Advisor e da rappresentanti di insegnanti, genitori, ecc. a cui spetterà il compito di sviluppare un Piano delle Attività. Il Piano delle Attività andrà compilato on line, sul sito del progetto previa registrazione dell insegnante referente. Il progetto STARS ha sviluppato un sistema di controllo in base al quale le scuole potranno ottenere un livello Bronzo, Argento o Oro. Alla fine dell anno scolastico l Advisor STARS redigerà un report di valutazione per ogni scuola sulla base delle informazioni presenti nei piani di attività e, nel caso abbiano raggiunto almeno il Bronzo, assegnerà una targa. 5

6 Il report di valutazione Il report di valutazione è basato su 6 TEMI ognuno dei quali comprende una serie di criteri. Allo scopo di raggiungere uno dei tre livelli (Bronzo, Argento o Oro) le scuole ricevono un punteggio a seconda del grado con cui hanno rispettato i criteri. Alcuni criteri devono essere rispettati per tutti i 3 livelli, altri saranno necessari solo per raggiungere il livello Argento e Oro. TEMI 6 NUMERO DI CRITERI BRONZO ARGENTO ORO A. L implementazione nella politica e nell organizzazione della scuola B. Questionari, cambiamenti nella modalità di trasporto e obiettivi C. Questioni legati alla mobilità D. Iniziative per la sicurezza di viaggio e delle strade per studenti e famiglie E. Comunicazione e iniziative promozionali F. Finanziamento (se applicabile) (1) (2) (3) Totale 13( +1) 19 (+2) 19 (+3)

7 Schema di Accreditamento: in sintesi Le scuole sono informate su STARS TEMPISTICA Le scuole partecipano ad un Worskhop locale STARS 21 ottobre 2014 Le scuole firmano una lettera d impegno Entro fine ottobre 2014 Alle scuole viene assegnato un Advisor STARS 21 ottobre 2014 Le scuole creano un gruppo di lavoro interno Entro metà novembre 2014 Le scuole elaborano un piano di attività Da metà novembre Le scuole portano avanti le attività guidati dall Advisor Le scuole finiscono di compilare il piano di attività Gli Advisor premiano le scuole con i livelli Bronzo, Argento o Oro Le scuole continuano a lavorare per raggiungere il livello oro Metà novembre 2014 maggio 2015 Maggio 2015 Ottobre 2015 a.s (da definire termine)

8 Le scuole primarie partecipanti Scuola primaria Insegnante referente Advisor assegnato Cadorna Anita Colombini, Giovanni del Monica Vercesi Bene Martin L. King Anita Colombini, Giovanni del Monica Vercesi Bene Capponi Sonia Conte, Rita Arcodia Monica Vercesi Pietro Micca Daniela Bellucci Monica Vercesi Locatelli Annamaria Petrosino Monica Vercesi Deutsche Schule? Monica Vercesi Ilaria Alpi Patrizia Pezzati Matteo Pietripaoli Russox Laura Salmoiraghi Matteo Pietripaoli Monte Velino Maurizio Losardo Matteo Pietripaoli Colletta Maurizio Losardo Matteo Pietripaoli Bottego Gina Tribuzio Matteo Pietripaoli Perasso Gina Tribuzio Matteo Pietripaoli Scarpa? Rosita Cremonesi Matteo Pietripaoli 8

9 Riferimenti degli Advisors Matteo Pietripaoli Mail: Cell.: Monica Vercesi Mail: Cell.:

10 I TOOLKIT per le scuole primarie Meeting/Event Name

11 La metodologia STARS per le primarie Il progetto STARS non prevede un percorso unico, ma la valorizzazione di quanto le scuole stanno già facendo e la promozione di nuove iniziative. Al termine dell anno scolastico ciascuna scuola verrà premiata in base al numero di iniziative messe in campo e ai risultati ottenuti. 11

12 I toolkit Il Toolkit ufficiale STARS Verrà pubblicato a breve sul sito del progetto. Contiene un elenco di progetti sviluppati nelle città che partecipano al progetto con una breve descrizione. Il Toolkit milanese Contiene spunti di attività, iniziative e progetti che riteniamo più realizzabili nel nostro contesto. 12

13 Il Toolkit milanese Le iniziative sono stati selezionate da: il Toolkit del Progetto STARS; esperienze realizzate in altri contesti italiani o esteri; progetti presenti a livello milanese. Alcune iniziative possono essere realizzate dai singoli insegnanti; altre con l aiuto di esperti esterni (vigili, associazioni, ecc.); altre ancora da o con i genitori. 13

14 Attività di gruppo Obiettivi Raccogliere e confrontarsi su: 1. Vostre aspettative sul progetto e sul gruppo di lavoro degli insegnanti STARS 2. Elementi positivi del vostro contesto locale (scuola/ quartiere) che potranno favorire lo sviluppo del progetto 3. Ostacoli ed elementi di debolezza che potrebbero «remare contro» lo sviluppo del progetto 14

15 Grazie dell attenzione lo Staff STARS del Comune di Milano 15

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

CAF per il nostro restyling

CAF per il nostro restyling ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO STATALE MADRE TERESA DI CALCUTTA Via Antonio Iannotta, Medaglia d oro V. M. - Pignataro Maggiore (Caserta) Tel. e fax. 0823 871059 ceic82400g@istruzione.it www.iacpignataromaggiore.it

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE Pistoia, 01-09- 2015 Pistoia Social Business City Via Abbi Pazienza, 1-51100 Pistoia Ai soggetti interessati Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno

Dettagli

Principali risultati:

Principali risultati: www.starseurope.org Principali risultati: Nove città qualificate che portano avanti il programma STARS Almeno 180 scuole medie partecipanti al Programma di Accreditamento STARS che raggiungano il livello

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti di italiano e matematica nelle classi II e V della scuola primaria.

Rilevazione degli apprendimenti di italiano e matematica nelle classi II e V della scuola primaria. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Papa Giovanni Paolo II, 2/4-20013 MAGENTA (MI) SCUOLA PRIMARIA STATALE Alla D.S. Istituto

Dettagli

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 8 mesi GLI STEP DEL VIAGGIO CAF FASI PROCESSO AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO. Monitorare per migliorare

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO. Monitorare per migliorare SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO Monitorare per migliorare ISTITUTO COMPRENSIVO PASCOLI-CRISPI ( MEIC87300T ) MESSINA RESPONSABILE : Dirigente Prof. Gianfranco Rosso GRUPPO DI MIGLIORAMENTO:

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

COORDINAMENTO INTERPROFESSIONALE PARI OPPORTUNITÀ Provincia di Padova

COORDINAMENTO INTERPROFESSIONALE PARI OPPORTUNITÀ Provincia di Padova Incontro Commissione Provinciale di Padova Club Sommozzatori Padova Via Cornaro 1, 22/04/2015, ore 17.30 19.30 COORDINAMENTO INTERPROFESSIONALE PARI OPPORTUNITÀ Provincia di Padova CPO Interprofessionale

Dettagli

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data)

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data) definitivo (scheda basata sulla Relazione Finale) validata dal status scheda proponente Valdarno Inferiore - Società della salute PROPONENTE con i Comuni di San Miniato e Santa Croce PROVINCIA PI sull

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

Descrizione del processo. Autovalutazione CAF

Descrizione del processo. Autovalutazione CAF Descrizione del processo Autovalutazione CAF 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DELL'AUTOVALUTAZIONE IL PROCESSO DI ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DELL'AUTOVALUTAZIONE Inizio: settembre 2013 I dieci step: 1. Decidere

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E

P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E P I A N O D I A U T O V A L U T A Z I O N E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA PREVISTE DAL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO La programmazione delle attività avviene mediante l assegnazione

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE città, data REPORT INDAGINE Nome ente RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO "XXXX" Strumento n 11: modello report di rilevazione della soddisfazione degli utenti

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE:

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: Allegato A PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: - l Amministrazione Comunale di Carbonera da alcuni mesi sta collaborando con l'istituto

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

Università degli Studi di SIENA

Università degli Studi di SIENA Page 1 of 6 Università degli Studi di SIENA Relazione del NdV Indicazioni e raccomandazioni home Appendice degli Allegati 4. Descrizione e valutazione delle modalità e dei risultati della rilevazione dell'opinione

Dettagli

A SCUOLA CON GLI AMICI PERCORSI SICURI A PIEDI E IN BICI A MILANO

A SCUOLA CON GLI AMICI PERCORSI SICURI A PIEDI E IN BICI A MILANO Il progetto A SCUOLA CON GLI AMICI PERCORSI SICURI A PIEDI E IN BICI A MILANO (finanziato con Fondi Legge 285/97) Soggetto proponente Comune di Milano Enti Attuatori Arciragazzi e MeglioMilano in collaborazione

Dettagli

INIZIATIVA SOCIALE ECONOMICO-FINANZIARIA rivolta a TUTTI gli alunni delle Scuole Superiori italiane (classi 4 e 5 )

INIZIATIVA SOCIALE ECONOMICO-FINANZIARIA rivolta a TUTTI gli alunni delle Scuole Superiori italiane (classi 4 e 5 ) Alla c.a. del DIRIGENTE SCOLASTICO e p. c. del Prof./a fax. INIZIATIVA SOCIALE ECONOMICO-FINANZIARIA rivolta a TUTTI gli alunni delle Scuole Superiori italiane (classi 4 e 5 ) Milano, Ottobre 2009 GRUPO

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS. Io vado a piedibus. ad Arcore

PROGETTO PIEDIBUS. Io vado a piedibus. ad Arcore PROGETTO PIEDIBUS Io vado a piedibus ad Arcore PREMESSA Il progetto vuole inserirsi nella famiglia dei progetti che mirano a migliorare la qualità della vita nelle nostre città attraverso la mobilità sostenibile

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

Modello SLEST. scrivere (livello B1) contenuto generale della comunicazione

Modello SLEST. scrivere (livello B1) contenuto generale della comunicazione Modello SLEST scrivere (livello B1) contenuto generale della comunicazione Sa redigere testi relativamente semplici su tematiche generali e conosciute; può stilare articoli e relazioni in modo generale

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS 2014/2015 IL PIEDIBUS NON E UN AUTOBUS COME GLI ALTRI

PROGETTO PIEDIBUS 2014/2015 IL PIEDIBUS NON E UN AUTOBUS COME GLI ALTRI PROGETTO PIEDIBUS 2014/2015 IL PIEDIBUS NON E UN AUTOBUS COME GLI ALTRI 1 PREMESSE OBIETTIVI ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI CONVOLTI PERCORSI PIEDIBUS REGOLAMENTO ALLEGATO 2 PREMESSE Il piedibus è un autobus

Dettagli

E-learning. Struttura dei moduli formativi

E-learning. Struttura dei moduli formativi E-learning Per e-learning (o apprendimento on-line) s intende l uso delle tecnologie multimediali e di Internet per migliorare la qualità dell apprendimento facilitando l accesso alle risorse e ai servizi,

Dettagli

CONOSCI I TUOI CLIENTI?

CONOSCI I TUOI CLIENTI? CONOSCI I TUOI CLIENTI? L innovazione nella Forza Vendita Marzo 2015 Conosci i tuoi clienti? Quali sono i tuoi migliori clienti? Hai traccia delle relazioni, incontri ed esigenze che loro hanno manifestato

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione Ancor prima dell unificazione in entrambi i Plessi erano state avviate iniziative volte al

Dettagli

Le azioni vengono descritte più dettagliatamente dopo il riepilogo dei costi e del contributo dei partner.

Le azioni vengono descritte più dettagliatamente dopo il riepilogo dei costi e del contributo dei partner. Invito a presentare progetti per la valorizzazione di biblioteche e archivi storici di enti locali o di interesse locale (l.r. 81/1985 anno 2015) Scheda del progetto Soggetto presentatore: Consorzio Sistema

Dettagli

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Istituzione Scolastica P I A N O D I M I G L I O R A M E N T O Nome: Liceo Scientifico A. Genoino Codice meccanografico: SAPS09000C PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Responsabile del Piano (DS) Cognome e Nome:

Dettagli

COMUNE DI PADOVA Informazione - Settore Ambiente Via dei Salici, 35 (ingresso da via dell Orna) Tel. 049 8022488 - Fax 049 8022492

COMUNE DI PADOVA Informazione - Settore Ambiente Via dei Salici, 35 (ingresso da via dell Orna) Tel. 049 8022488 - Fax 049 8022492 COMUNE DI PADOVA Informazione - Settore Ambiente Via dei Salici, 35 (ingresso da via dell Orna) Tel. 049 8022488 - Fax 049 8022492 informambiente@comune.padova.it PEC:ambiente@comune.padova.legalmail.it

Dettagli

Progetto Raccogliamo Miglia Verdi. Andiamo a Kyoto, prendiamo il Protocollo e riportiamolo nella nostra città!

Progetto Raccogliamo Miglia Verdi. Andiamo a Kyoto, prendiamo il Protocollo e riportiamolo nella nostra città! Progetto Raccogliamo Miglia Verdi Andiamo a Kyoto, prendiamo il Protocollo e riportiamolo nella nostra città! PREMESSA Nel 2003, in concomitanza alla Nona Conferenza Mondiale sul Clima (COP 9), l associazione

Dettagli

CONOSCI I TUOI CLIENTI?

CONOSCI I TUOI CLIENTI? CONOSCI I TUOI CLIENTI? L innovazione nella Forza Vendita In questo numero Conosci i tuoi clienti Metodo per profilare i clienti Una analisi sulla tipologia dei clienti La Brand Reputation Conosci i tuoi

Dettagli

Vi chiediamo di scrivere di seguito alle indicazioni le vostre risposte rispettando il limite orientativo di 20 righe per punto.

Vi chiediamo di scrivere di seguito alle indicazioni le vostre risposte rispettando il limite orientativo di 20 righe per punto. Questa scheda si inserisce nelle attività di valutazione che il LaREA intende sviluppare nell ambito del Bando 2005/2006. La scheda vuole essere uno strumento che ci permetta di fare una valutazione in

Dettagli

(Provincia di Milano) Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING. Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO

(Provincia di Milano) Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING. Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO 1 Denominazione e referenti Il Progetto Andiamo a scuola con il car pooling è promosso dal Comune

Dettagli

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA REALIZZATO DA Comune di Padova Settore Ambiente Informambiente CAPO SETTORE Patrizio Mazzetto A CURA DI Antonella

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

PROGETTO PRIMO SPORT PADOVA. Conoscenza e gradimento del progetto da parte delle famiglie. Padova 8 aprile 2014

PROGETTO PRIMO SPORT PADOVA. Conoscenza e gradimento del progetto da parte delle famiglie. Padova 8 aprile 2014 Conoscenza e gradimento del progetto da parte delle famiglie Padova 8 aprile 2014 I motivi di un indagine con le famiglie Per monitorare utilità e efficacia dell investimento pubblico Perché la promozione

Dettagli

IISS G.SALVEMINI ALESSANO - C.A.F. DALL AVVIO DEL PERCORSO DI AV ALLA STESURA DEL RAV

IISS G.SALVEMINI ALESSANO - C.A.F. DALL AVVIO DEL PERCORSO DI AV ALLA STESURA DEL RAV DALL AVVIO DEL PERCORSO DI AV ALLA STESURA DEL RAV ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 6 mesi GLI

Dettagli

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 IL RAV Il RAV (di seguito nominato Report) rappresenta la prima esperienza di autovalutazione dell Ist. Comprensivo

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

DEL CONSIGLIO D ISTITUTO ISIS IL PONTORMO

DEL CONSIGLIO D ISTITUTO ISIS IL PONTORMO VERBALE N. 4 DEL CONSIGLIO D ISTITUTO ISIS IL PONTORMO In data 11 giugno 2014 ore 17.30 nei locali del Liceo I.S.I.S. Il Pontormo di Empoli si è riunito il Consiglio di Istituto, come regolare convocazione

Dettagli

Design Briefing. Ester Liquori Design +39 328 0744522 info@esterliquoridesign.com www.esterliquoridesign.com

Design Briefing. Ester Liquori Design +39 328 0744522 info@esterliquoridesign.com www.esterliquoridesign.com Design Briefing Ester Liquori Design +39 328 0744522 www.esterliquoridesign.com Il questionario che segue ha lo scopo di aiutarci a raccogliere informazioni per il preventivo, la progettazione e le ulteriori

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS. ad ARCORE. 23/01/2009 pag. 1/13

PROGETTO PIEDIBUS. ad ARCORE. 23/01/2009 pag. 1/13 PROGETTO PIEDIBUS ad ARCORE 23/01/2009 pag. 1/13 INDICE del CONTENUTO 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI DEL PROGETTO 3. COS E E COME FUNZIONA IL PIEDIBUS 4. ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI COINVOLTI 5. LINEE GUIDA E

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

seconda edizione sede dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Verona Verona, Via Tezone n. 5 gennaio aprile 2014

seconda edizione sede dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Verona Verona, Via Tezone n. 5 gennaio aprile 2014 seconda edizione sede dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Verona Verona, Via Tezone n. 5 gennaio aprile 2014 Ordine degli Avvocati di Verona E un corso promosso dagli Ordini

Dettagli

Smart School Mobility

Smart School Mobility Direzione Centrale Cultura e Educazione ITER, Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile Laboratorio Città Sostenibile ITER MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Provincia di Torino

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

VERBALE N 1. Il D.S. illustra brevemente gli obiettivi del triennio: Migliorare il senso di appartenenza all IC

VERBALE N 1. Il D.S. illustra brevemente gli obiettivi del triennio: Migliorare il senso di appartenenza all IC VERBALE N 1 Oggi, 1 Settembre 2015, alle ore 9.00 presso la scuola primaria Ignoto Militi si riunisce il Collegio Docenti dell Istituto Comprensivo Statale A. De Gasperi di Caronno Pertusella (VA) col

Dettagli

REGISTRO CONTRATTI Esercizio finanziario 2014. (Art.29 c. 1 l.g) Ore* Retr. Lorda / Imp. Contratto. Periodo* Pagina n. 1. Oneri a carico Amm.

REGISTRO CONTRATTI Esercizio finanziario 2014. (Art.29 c. 1 l.g) Ore* Retr. Lorda / Imp. Contratto. Periodo* Pagina n. 1. Oneri a carico Amm. Pagina n. 1 1 08/01/2014 ESPOSITO AGOSTINO Supplenza breve e saltuaria (N01) 08/01/2014 05/02/2014 18,00 19.324,27 0,00 19.324,27 N 2 08/01/2014 ACITOUR Altra (N09) 14.800,00 0,00 14.800,00 N 3 08/01/2014

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio III

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio III MIUR.AOODRCAL.Registro Ufficiale(U).0017891.30-12-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ai Dirigenti delle scuole statali LORO SEDI Ai Coordinatori delle attività didattiche delle

Dettagli

IMPRONTE IN MOVIMENTO

IMPRONTE IN MOVIMENTO IMPRONTE IN MOVIMENTO concorso fotografico online riservato alle scuole di Roma e provincia ANNO SCOLASTICO 2009 2010 Promotori del concorso: Istituto Tecnico per il Turismo C. Colombo - Roma Vocabolomacchia_teatro.studio

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2014-15

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2014-15 Scuola Secondaria di 1 Grado G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO Via G.Carducci n.3-72023 MESAGNE (BR) Sede Materdona 0831 771421 Fax n. 0831 730667 Sede Moro / Fax 0831738266 C.F. 91062130744 - C.M. BRMM06500N

Dettagli

Lavoro di scienze in gruppi

Lavoro di scienze in gruppi Lavoro di scienze in gruppi Destinatari alunni di 3 media Argomento dell unità didattica: L ambiente e le sue risorse A cura di Martina Palazzolo Insegnante di matematica e scienze nell Istituto comprensivo

Dettagli

Proposta Alpha Test a.s. 2015/2016

Proposta Alpha Test a.s. 2015/2016 Proposta Alpha Test a.s. 2015/2016 Preparazione ai test d accesso all Università Collegio Villoresi San Giuseppe Indice Alpha Test Proposta Alpha Test Come aderire alle proposte Simulazione dei test d

Dettagli

Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci 10.04.2011)

Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci 10.04.2011) Regolamento Interno Bambini nel Deserto (approvato dall Assemblea dei Soci 10.04.2011) Indice 1 Premessa 1 Definizioni 2 Sostenitore 2 Volontario 2 Socio 2 Settore 2 Gruppo di Lavoro 2 Gruppo Locale 2

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone Ufficio, esecutore Ufficio Educazione Ai genitori degli Alunni Ns. riferimento e data della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE P.C. Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone PROGETTI: Andiamo a scuola

Dettagli

IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale

IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale RISULTATI E PROSPETTIVE Antonio Danieli Direttore Generale Fondazione Golinelli GLI ATTORI Promotori

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

Workshop. Servizi compresi nella quota di partecipazione. Gran festival del workshop

Workshop. Servizi compresi nella quota di partecipazione. Gran festival del workshop PIANO DI MARKETING L obiettivo di questi spunti è favorire la visibilità attraverso la partecipazione ad ExpoTraining. In qualità di organizzatori, sentiamo il dovere di facilitare il contatto con il mercato

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

In fase iniziale, giugno/luglio 2011, si è resa necessaria soprattutto un attività di sensibilizzazione

In fase iniziale, giugno/luglio 2011, si è resa necessaria soprattutto un attività di sensibilizzazione Relazione annuale 26 maggio 2011 26 maggio 2012 L Ufficio Provinciale Giovani, servizio istituito dalla Provincia del Medio Campidano con l obiettivo di informare e supportare la popolazione giovanile

Dettagli

Il programma del corso

Il programma del corso Il programma del corso Su questi temi è possibile avviare un sistematico confronto con i referenti della scuola e della sanità per la promozione della salute, all interno di un percorso di sensibilizzazione

Dettagli

La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento

La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento Progetto Valutazione e Miglioramento Strumenti per valutare le scuole Seminario con gli osservatori 21 25 marzo 2011 Radisson Blu Hotel Roma La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento Il Progetto

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

collezioni paul duvet www.grmgioielli.it

collezioni paul duvet www.grmgioielli.it collezioni paul duvet 2011 www.grmgioielli.it Gioielleria. 1/19 i Diamanti. 1/3 le Perle. 4/5 i Diamanti e le Gemme. 6/11 le Perle e le Gemme. 12/13 i Diamanti. 14/19 Oreficeria. 20/29 Fashion. 30/32 1.

Dettagli

Verbale n. 1 del 1 settembre 2015

Verbale n. 1 del 1 settembre 2015 Verbale n. 1 del 1 settembre 2015 Il giorno 1 settembre 2015 alle ore 9.30 nella sala riunioni si è tenuto il Collegio dei Docenti dell I.C. A. Gramsci per discutere il seguente o.d.g.: 1. Lettura ed approvazione

Dettagli

Il Sistema di Gestione per la Qualità nelle RSA. Principi metodologici della consulenza

Il Sistema di Gestione per la Qualità nelle RSA. Principi metodologici della consulenza Via M.G. Terruzzi n. 44 20050 Sovico (MI) tel. 0392010901 cell. 3938805260 fax 02700430740 E-mail micronbeta@lombardiacom.it Il Sistema di Gestione per la Qualità nelle RSA Implementazione del Sistema

Dettagli

CENTRO FORMAZIONE REGIONALE

CENTRO FORMAZIONE REGIONALE CENTRO FORMAZIONE REGIONALE ANPAS EMILIA ROMAGNA Istituito ai sensi della delibera Giunta Regionale 44 del 26.1.2009 ACCREDITAMENTO REQUISITI ACCREDITAMENTO RENDICONTAZIONE ACCREDITAMENTO FORMAZIONE Mission

Dettagli

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO DIGITAL TRANSFORMATION Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO AL VOSTRO FIANCO NELLA DIGITAL TRANSFORMATION Le nuove tecnologie, tra cui il cloud computing, i social

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER CARE ALLE IMPRESE CERTIFICATE OSPITALITA ITALIANA

INDAGINE DI CUSTOMER CARE ALLE IMPRESE CERTIFICATE OSPITALITA ITALIANA INDAGINE DI CUSTOMER CARE ALLE IMPRESE CERTIFICATE OSPITALITA ITALIANA MARCHIO OSPITALITA ITALIANA Luglio 2014 A cura di Premessa L indagine di seguito presentata svolta dalla Comitel&Partners per conto

Dettagli

Programma di Formazione

Programma di Formazione Direzione Generale Area Formazione Programma di Formazione LE DIIREZIIONII SANIITARIIE DII PRESIIDIIO competenze tecniche, organizzative e gestionali in collaborazione con settembre dicembre 2008 Il programma

Dettagli

LA SALUTE IN MOVIMENTO

LA SALUTE IN MOVIMENTO PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) LA SALUTE IN MOVIMENTO

Dettagli

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE Italo Benedini Esperto del Centro Risorse CAF ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 3: STEP 1 Wf STEP 2 Wf STEP 3 Wf Decidere Come organizzare

Dettagli

PROGETTO LA BIBLIOTECA CHE PIACE

PROGETTO LA BIBLIOTECA CHE PIACE PROGETTO LA BIBLIOTECA CHE PIACE Indagini di Customer Satisfaction del Sistema Bibliotecario di Ateneo Università degli Studi di Siena DESCRIZIONE GENERALE DEL PROGETTO [aggiornamento del 19 dicembre 2012]

Dettagli

FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO. Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it

FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO. Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it PROGRAMMA COMUNITARIO CON COFINANZIAMENTO NAZIONALE Progetto di educazione alimentare

Dettagli

FondItalia fa un salto da te

FondItalia fa un salto da te FONDO FORMAZIONE ITALIA Campagna informativa 2011 FondItalia fa un salto da te PREMESSA I Fondi Paritetici Interprofessionali sono stati chiamati, in questa fase di crisi economica, a svolgere una funzione

Dettagli

Progetto aqua - Piano di miglioramento Azione 1 Creazione di un archivio di documentazione dell offerta formativa

Progetto aqua - Piano di miglioramento Azione 1 Creazione di un archivio di documentazione dell offerta formativa Progetto aqua - Piano di miglioramento Azione 1 Creazione di un archivio di documentazione dell offerta formativa Responsabile dell azione: prof.ssa Anna De Zordi Coordinamento: prof.ssa Laura Cesarini

Dettagli

Mattinate FAI per la scuola, in collaborazione con il MIUR. Obiettivi delle iniziative

Mattinate FAI per la scuola, in collaborazione con il MIUR. Obiettivi delle iniziative Iniziative didattiche Delegazione di Roma a.s. 2012/2013 Obiettivi delle iniziative Ampliare la conoscenza del FAI e delle sue iniziative attraverso un coinvolgimento diretto di studenti e corpo docenti.

Dettagli

Autovalutazione e miglioramento continuo

Autovalutazione e miglioramento continuo Autovalutazione e miglioramento continuo Percorso formativo per i Dirigenti Scolastici della Regione Abruzzo 2^ giornata Relatore: Germano Cipolletta Questo documento è stato ideato per una fruizione a

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA Paola Molteni Dottorato di Ricerca in Pedagogia (Education) Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Largo Gemelli, 1 20123 Milano (ITALY) Tel:

Dettagli

Videoproiezioni: Studio Materia sta sviluppando un circuito di videoproiezioni su alcuni muri significativi della città.

Videoproiezioni: Studio Materia sta sviluppando un circuito di videoproiezioni su alcuni muri significativi della città. Milano, novembre 2005 Chi Siamo Studio Materia è un agenzia di comunicazione urbana che nasce con l obiettivo di sviluppare un sistema di comunicazione specifico per il contesto urbano milanese. Per raggiungere

Dettagli

Prot. N. 3348 C/27 d Matelica, 17 settembre 2014. Ai Signori Genitori degli alunni Loro Indirizzi

Prot. N. 3348 C/27 d Matelica, 17 settembre 2014. Ai Signori Genitori degli alunni Loro Indirizzi Istituto Comprensivo "E. Mattei Centro Territoriale Permanente per l'istruzione e la Formazione in età adulta Viale Roma, 30 - Tel/Fax 0737/ 787634 E-mail: mcic80700n@istruzione.it C.F. 92010940432 - Cod.

Dettagli

PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA

PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA FORMAZIONE SULLE EVIDENZE SCIENTIFICHE E SULLE STRATEGIE DI IMPLEMENTAZIONE DELLA CAMPAGNA Leonardo Speri - Lara Simeoni - Elizabeth Tamang Formatore Azienda

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO. Miglioramento continuo

PIANO DI MIGLIORAMENTO. Miglioramento continuo PIANO DI MIGLIORAMENTO Miglioramento continuo Scuola Sec. Primo grado Materdona-Moro Di Mesagne (BR) BRMM06500N RESPONSABILE : Anna Maria Pagano GRUPPO DI MIGLIORAMENTO: Agnese Gallo Roberto Guadalupi

Dettagli

Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus

Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus Rovereto, 20 aprile 2012 RELAZIONE PRESIDENTE Cari amici, grazie per la vostra presenza alla nostra assemblea che quest anno abbiamo programmato in un giorno settimanale,

Dettagli

in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano

in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano L Assessorato alla Protezione Civile della Provincia di Lodi in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano XI Corso base

Dettagli

Il ruolo della Pubblica Amministrazione per lo sviluppo locale.

Il ruolo della Pubblica Amministrazione per lo sviluppo locale. 1 Il ruolo della Pubblica Amministrazione per lo sviluppo locale. Le strategie di sostegno in tempi di crisi. 2 Azioni della Pubblica Amministrazione P.A. SOSTEGNO ALLE IMPRESE S. DIRETTI S. INDIRETTI

Dettagli

Prot. n. 2127/C40a Ancona, 13 febbraio 2015. e, p.c.: Ai Dirigenti amministrativi e tecnici SEDE Ai Dirigenti degli Ambiti territoriali

Prot. n. 2127/C40a Ancona, 13 febbraio 2015. e, p.c.: Ai Dirigenti amministrativi e tecnici SEDE Ai Dirigenti degli Ambiti territoriali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Direzione Generale SEGRETERIA DEL DIRETTORE GENERALE Prot. n. 2127/C40a Ancona, 13 febbraio 2015 Ai

Dettagli

I documenti del SGQ un peso o un supporto?

I documenti del SGQ un peso o un supporto? Metodi e strumenti per il controllo dei processi:certificazione ed accreditamento I documenti del SGQ un peso o un supporto? Relatore:Dott.ssa Maria Rita Cavallo ASL TO 3 Pinerolo documenti L approccio

Dettagli

UMBICELLI SPRINT. Organizzazione: ATLETICA CAPANNE PRO ATH TEAM. 60 piani PULCINI 2010 in poi Serie - RISULTATI IMPIANTO DI BASE DI CAPANNE

UMBICELLI SPRINT. Organizzazione: ATLETICA CAPANNE PRO ATH TEAM. 60 piani PULCINI 2010 in poi Serie - RISULTATI IMPIANTO DI BASE DI CAPANNE 60 piani PULCINI 2010 in poi 1 4 7 NUCCIARELLI Davide 2010 EM PG014 ATL.CAPANNE PRO LOCO ATHL.TEAM 14.3 2 3 81 DE FEO Pietro 2010 EM PG004 ATL.LIBERTAS A.R.C.S. PERUGIA 18.9 60 piani Esordienti `C` Maschi

Dettagli

IL PERCORSO DELLA DIREZIONE REGIONALE SICILIA INPS - GESTIONE EX INPDAP NEL PROGETTO MIGLIORAPA

IL PERCORSO DELLA DIREZIONE REGIONALE SICILIA INPS - GESTIONE EX INPDAP NEL PROGETTO MIGLIORAPA IL PERCORSO DELLA DIREZIONE REGIONALE SICILIA INPS - GESTIONE EX INPDAP NEL PROGETTO MIGLIORAPA PELLEGRINO MARINELLI (DIRIGENTE UFFICIO RELAZIONI CON L UTENZA, D.C. COMUNICAZIONE, GESTIONE EX INPDAP) La

Dettagli

PROGETTO PER L INTRODUZIONE DI APPARECCHI E-READER E/O TABLET NELLE BIBLIOTECHE DEL SUD OVEST MILANESE

PROGETTO PER L INTRODUZIONE DI APPARECCHI E-READER E/O TABLET NELLE BIBLIOTECHE DEL SUD OVEST MILANESE PROGETTO PER L INTRODUZIONE DI APPARECCHI E-READER E/O TABLET NELLE BIBLIOTECHE DEL SUD OVEST MILANESE Elaborato dal Comitato collezioni e dal focus group e-book della Fondazione Febbraio 2015 www.fondazioneperleggere.it

Dettagli

EDUCARSI AL FUTURO. Questionario di gradimento per le Consulte Provinciali degli Studenti

EDUCARSI AL FUTURO. Questionario di gradimento per le Consulte Provinciali degli Studenti Allegato n. 1 EDUCARSI AL FUTURO Questionario di gradimento per le Consulte Provinciali degli Studenti Ai Presidenti delle Consulte Provinciali degli Studenti di: Ancona, Arezzo, Bari, Bergamo, Bologna,

Dettagli

1. Approvazione verbale seduta precedente; 2. Restituzione F.S. e referenti di progetto; 3. Delibera PAI; 4. RAV: presentazione piattaforma;

1. Approvazione verbale seduta precedente; 2. Restituzione F.S. e referenti di progetto; 3. Delibera PAI; 4. RAV: presentazione piattaforma; VERBALE N 5 DEL 18.06.15 Addì 18 giugno duemilaquindici alle ore 16.30, nei locali della scuola Olga Visentini di Suzzara si è riunito, a seguito di regolare convocazione, il Collegio Docenti. Sono presenti

Dettagli

www.cittainvisibili.org

www.cittainvisibili.org Iniziativa realizzata in collaborazione con Vice Presidenza e Assessorato alla Cultura Regione del Veneto www.cittainvisibili.org Presentazione «Vola solo chi osa farlo» Luis Sepúlveda Città Invisibili

Dettagli