COMUNE DI LONGONE AL SEGRINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI LONGONE AL SEGRINO"

Transcript

1 COMUNE DI LONGONE AL SEGRINO PROVINCIA DI COMO STUDIO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO A SUPPORTO DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO P.G.T. L.R. 12/05 D.G.R. N 8/1566 del 22/12/2005 e successive modifiche RELAZIONE GEOLOGICA E NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alle osservazioni di Regione Lombardia) SETTEMBRE 2008 Relatori : Dott. Flavio Rossini Dott. Samuele Azzan 1

2 INDICE 1 PREMESSA pg METODOLOGIA DI LAVORO pg. 5 2 INQUADRAMENTO GEOGRAFICO DELL AREA pg. 6 3 CARATTERI GEOLOGICI E STRUTTURALI pg. 8 DEPOSITI SUPERFICIALI pg. 10 SUBSTRATO pg. 12 ASSETTO STRUTTURALE pg CARTA GEOLOGICA pg CARATTERI GEOMORFOLOGICI pg CARTA GEOMORFOLOGICA pg CARTA DEI DISSESTI PAI pg IDROGRAFIA ED IDROGEOLOGIA pg IDROGRAFIA SUPERFICIALE pg IDROGEOLOGIA DEL SOTTOSUOLO pg PERMEABILITA pg CARTA IDROGEOLOGICA E DELLA PERMEABILITA pg CARTA DI SINTESI pg CARTA DEI VINCOLI pg ANALISI SISMICA pg CARTA DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE pg NORMATIVA SISMICA pg CARTA DI FATTIBILITA E DELLE AZIONI DI PIANO pg NORME GEOLOGICHE D ATTUAZIONE pg NORME GENERALI pg CLASSI DI FATTIBILITA NORME GEOLOGICHE DI ATTUAZIONE pg. 58 2

3 1. PREMESSA Il Comune di Longone al Segrino (Como), nell ambito della redazione del Piano di Governo del Territorio, ha affidato al Dr. Geol. Flavio Rossini con delibera della Giunta Comunale n 33 del 11/06/2008, l incarico di effettuare un indagine geologica, geologico-tecnica ed idrogeologica, al fine di definire la componente geologica nella pianificazione comunale, tale da fornire un valido supporto agli estensori del P.G.T. Il presente studio rappresenta un aggiornamento, secondo la Normativa vigente, in particolare per quanto riguarda la Normativa PAI e la Normativa sismica, dello Studio Geologico a supporto del P.R.G., redatto dallo scrivente e Approvato dalla Regione Lombardia con Del. n del 14/02/2000. L indagine è stata eseguita secondo le direttive della D.G.R. n. 8/1566 del 22 Dicembre 2005 e successive modifiche - Criteri ed indirizzi per la definizione della componente geologica, idrogeologica e sismica del Piano del Governo del Territorio, in attuazione dell articolo 57, comma 1, della L.R. n 12 dell 11 Marzo Lo studio si è sviluppato secondo le seguenti fasi: 1 a FASE: raccolta ed analisi dei dati geologici, strutturali, geomorfologici, idrogeologici, idrologici, ambientali e di vincolista esistenti in bibliografia e reperibili presso gli uffici dell Amministrazione comunale 2 a FASE: indagini in sito per il rilevamento di nuovi dati e la verifica di quelli raccolti durante la 1 a FASE; 3 a FASE: elaborazione dei dati raccolti e stesura di carte tematiche di base, di dettaglio e di sintesi estese a tutto il territorio comunale. Più in particolare sono state redatte le seguenti carte: carta geologica scala 1:5.000 carta geomorfologica scala 1:5.000 carta idrogeologica scala 1:5.000 carta della pericolosità sismica locale scala 1:5.000 carta di sintesi scala 1:

4 carta dei vincoli scala 1:2.000 carta di fattibilità geologica per le azioni di piano scala 1: a FASE: stesura di una relazione finale, che riassume i risultati raggiunti nelle fasi precedenti. 4

5 1.1 METODOLOGIA DI LAVORO Il lavoro è consistito nel rilevamento geologico, strutturale, geomorfologico ed idrogeologico in scala 1:5.000 di tutto il territorio comunale di Longone al Segrino, tenendo in particolare riguardo gli ambiti urbanizzati o potenzialmente interessati da una progettazione urbanistica; Nella fase preliminare si è proceduto alla ricerca, raccolta ed analisi attenta e critica dei dati bibliografici esistenti che è stato possibile reperire e/o consultare direttamente presso gli uffici dell Amministrazione Comunale ed altri Enti Pubblici e Privati Da questa base di partenza si è proceduto, successivamente, ad una verifica diretta dei dati bibliografici esistenti mediante l esecuzione di un rilevamento di campagna che ha permesso un ulteriore acquisizione di dati necessari alla successiva loro elaborazione e alla stesura delle carte tematiche di base (carta geologica, geomorfologica ed idrogeologica) e derivate (sintesi). La valutazione critica di tutti i dati presenti nella cartografia sopra citata, unitamente all acquisizione della vincolistica vigente nel territorio comunale ed alla valutazione dello stato di fatto antropico, ha permesso la compilazione delle carte dei vincoli e della fattibilità geologica e delle azioni di piano Sulla base della vigente normativa sismica è stata infine realizzata una Carta della pericolosità sismica locale (PSL) al fine di caratterizzare del punto di vista sismico il territorio comunale di Longone al Segrino 5

6 2. INQUADRAMENTO GEOGRAFICO DELL AREA Il territorio comunale di Longone al Segrino ricopre una superficie di circa 1,40 km 2 ; è situato nella zona centro-orientale della Provincia di Como ed i suoi confini amministrativi sono di seguito elencati: Zona Est e Sud-Est : Zona Nord : Zona Ovest : Zone Sud e Sud-Ovest : Comune di Eupilio Comune di Canzo Comune di Proserpio Comune di Erba Dal punto di vista geografico, il territorio comunale risulta ubicato in corrispondenza del limite meridionale dei "Triangolo Lariano", territorio montuoso appartenente al dominio delle Prealpi Comasche, avente planimetria triangolare, che risulta compreso tra i due rami del Lago di Como e che trova il suo vertice superiore in corrispondenza della Punta di Bellagio. In dettaglio, il territorio comunale di Longone al Segrino si sviluppa essenzialmente in senso longitudinale, risultando delimitato, nel suo settore Nord, ad occidente dai versanti orientali del Monte Scioscia (667.3 m slm) e del Monte Alto (558.9 m slm), ad oriente dal Lago del Segrino che rappresenta l'elemento idrografico principale del territorio. Nel suo proseguimento meridionale il territorio comunale risulta quasi interamente urbanizzato e rimane compreso ad occidente dal rilievo morfologico di Montone (434.5 m slm), in Comune di Proserpio, e, più a Sud, dal dosso morenico di Torricella; mentre ad oriente risulta delimitato dai rilievi morfologici di Torrione (420.0 m slm), in Comune di Eupilio, e di Beldosso (384.7 m slm) che costituiscono le propaggini Sudoccidentali del Monte Cornizzolo. Infine l'elemento morfologico che delimita il settore meridionale del territorio comunale di Longone al Segrino è rappresentato dall' orlo di terrazzo di Longone- Arzago-Campolungo in corrispondenza del quale s'individua un salto morfologico tra il sovrastante altipiano, formato dalla valle sospesa del Segrino, e la sottostante piana di Erba. 6

7 Le altitudini nel territorio comunale di Longone al Segrino non sono mai elevate e vanno da un massimo di m slm (versante orientale del Monte Scioscia) ad un minimo di m slm (località Boffalora). In particolare, l'area urbanizzata risulta pressoché pianeggiante e compresa tra le quota di circa 318,00 m. s.l.m. e 400,000 m s.l.m. 7

8 3. CARATTERI GEOLOGICI E STRUTTURALI La successione rocciosa presente nella zona di Longone al Segrino appartiene alla copertura sedimentaria mesozoica del Sudalpino, dominio strutturale compreso tra l'allineamento Insubrico a Nord, linea tettonica di età Alpina (Neogene), ed i sedimenti della Pianura Padana a Sud. Il settore centro-occidentale del Sudalpino Lombardo è costituito dalle Alpi Lariane il cui limite settentrionale coincide con la già citata Linea Insubrica, mentre a Sud risulta delimitata dalla Flessura Marginale, piega asimmetrica, a direzione prevalente WNW- ESE, costituita dalle successioni mesozoiche delle Prealpi stesse ed immergente al di sotto dei rilievi morenici dell'alta Brianza. Ad Ovest le Alpi Lariane confinano con l'area del Luganese e del Varesotto, mentre ad Est con le Alpi Bergamasche. Nel Sudalpino Lariano affiora l'intera serie costituita dalle potenti successioni carbonatiche aventi età compresa tra il Carbonifero Superiore ed il PaleogeneNeogene basale, rappresentato dalle molasse alpine. La copertura sedimentaria è in contatto tettonico, nel settore centrale del Lario, con il basamento cristallino ercinico polimetamorfico affiorante nell'area lariana settentrionale fino al contatto con la Linea Insubrica. Il Sudalpino può essere suddiviso in aree ad evoluzione tettonica differente; in particolare l'area investigata rientra nella zona Sud del cosiddetto "Triangolo Lariano", settore delle Prealpi Comasche a planimetria triangolare, i cui vertici coincidono con le città di Lecco, di Como e, nel vertice settentrionale, con la Punta di Bellagio. Nel "Triangolo Lariano" affiorano esclusivamente le successioni sedimentarie mesozoiche che vanno dai gessi del Carnico, affioranti presso Limonta, ai flysch del Cretaceo superiore, presenti in corrispondenza della linea pedemontana. Manca pertanto la base della successione mesozoica (Triassico inferiore e medio), presente invece sulla sponda orientale del Lario lecchese, in corrispondenza del Gruppo delle Grigne. Dal punto di vista tettonico il "Triangolo Lariano" si configura come un edificio a pieghe con assi a direzione circa E-W prevalente, variamente dislocato da deformazioni 8

9 a carattere fragile (faglie) che testimoniano le varie vicende evolutive dell'orogenesi Alpina. Il territorio comunale di Longone al Segrino è situato nel settore meridionale del "Triangolo Lariano", in corrispondenza dell' affacciarsi della Valle sospesa del Segrino sulla Piana di Erba entro cui sono incastonati i laghi pedeprealpini di Alserio, Pusiano ed Annone. Dal punto di vista geologico, la zona in esame risulta impostata in corrispondenza della Flessura Marginale, piega anticlinale asimmetrica, ad andamento WNW-ESE. Nel suo sviluppo da Ovest ad Est, l'anticlinale Marginale è ben identificabile dal suo delinearsi al monte di Brunate ed attraverso i pianalti di Fontana della Rovere e dell' Alpe del Vicerè, in comune di Albavilla, quindi attraverso i dossi di Castelmarte-Proserpio- Longone ed infine la catena del Monte Cornizzolo-Monte Rai; il suo fianco meridionale s'immerge al di sotto dei depositi quaternari, di prevalente origine glaciale e periglaciale, presenti in corrispondenza della linea pedemontana della Piana di Erba. A settentrione l'anticlinale Marginale è limitata da un sovrascorrimento di importanza regionale che decorre con andamento anch'esso circa W-E e che è noto in letteratura come Sovrascorrimento del Bollettone - Faglia di Val Ravella. Il territorio comunale di Longone al Segrino è sviluppato sul fianco meridionale, profondamente eroso dall' erosione post-orogenica e dal erosione glaciale quaternaria, dell' Anticlinale Marinale e le rocce affioranti, pur con locali divagazioni geometriche connesse con la presenza di faglie e fratture secondarie, mostrano quasi costantemente immersione circa verso meridione. Nell'area in esame affiorano in modo discontinuo le rocce che costituiscono la successione giurassica che va dal Calcare di Moltrasio (Lias inferiore) alla Maiolica (Cretaceo inferiore); le rocce più antiche sono presenti nella parte settentrionale del territorio comunale, verso il nucleo dell' Anticlinale Marginale coincidente con localmente con la vetta del M. te Scioscia, mentre i termini più recenti della successione affiorano sul versante digradante, a meridione, verso la piana di Erba 9

10 Le rocce del substrato, in particolare a meridione del nucleo storico di Longone, sono in gran parte coperte dai sedimenti sciolti di età quaternaria, costituiti in prevalenza dai depositi eluvio-colluviali, morenici, fluvioglaciali e dai detriti di falda del Monte Scioscia e del Monte Alto. Di seguito si dà una breve descrizione dei principali litotipi riconosciuti. DEPOSITI SUPERFICIALI Si tratta di depositi superficiali sciolti a granulometria molto eterogenea prevalentemente ubicati nelle zone di fondovalle o in corrispondenza di aree a morfologia dolce. Possono essere cosi distinti nei seguenti litotipi terrigeni: Depositi morenici: si tratta di depositi di origine glaciale che ricoprono, con spessori variabili, mediamente inferiori ai 3,00 m - 5,00 m, buona parte del territorio comunale. Litologicamente sono costituiti da una miscellanea caotica di ciottoli, di dimensione e natura eterogenee, immersi in una matrice limoso-argillosa talora passante a limo sosabbiosa. I clasti sono costituiti prevalentemente da litotipi di origine alpina e prealpina, gneiss, micascisti, serpentini e granitoidi, cui si associano clasti di chiara provenienza dalla disgregazione del substrato roccioso locale e che sono costituiti da calcari, calcari selciosi e selci. La loro natura in parte cristallina testimonia come il loro territorio di provenienza appartenga ai settori più settentrionali del bacino lariano e della Valtellina, dove affiorano rocce del basamento cristallino. Essi sono infatti il prodotto del trasporto e dell'accumulo laterale, derivato dall'esarazione glaciale dei versanti, ad opera dei ghiacciai che occupavano il territorio in esame durante la glaciazione wurmiana (il Wurm rappresenta l'ultima delle grandi fasi di espansione glaciale quaternaria ). Sono presenti un po' ovunque nel territorio in esame e vengono a costituire una "spalmatura" addossata al substrato roccioso in corrispondenza degli alti morfologici presenti a N di Campolungo, in località Villa Torre e in località Beldosso; talvolta sono presenti come dossi morenici di forma allungata e stretta e con spessori maggiori (località Campolungo, Boffalora). 10

11 Depositi fluvioglaciali : Presentano caratteristiche litologiche simili ai precedenti, tuttavia si caratterizzano per una maggiore presenza di livelli sabbiosi, ghiaiosi e ciottolosi con clasti di natura prevalentemente calcarea, derivanti dall'erosione del substrato in sito operata dal ghiacciaio. Si sono depositati durante la fase di ritiro dei ghiacci in corrispondenza delle valli scavate dagli stessi. In passato sono stati anche sfruttati economicamente, come testimoniano le vecchie cave di ghiaia presenti a N di Campolungo. Sono localizzati in corrispondenza dei terrazzi di origine fluvioglaciale presenti a N di Campolungo e ad W di Beldosso e, probabilmente, costituiscono il substrato di copertura nelle principali valli di origine strutturale. Depositi di versante: Sono costituiti da materiali a granulometria decisamente eterogenea, con clasti a spigoli vivi, ricoprono quelle porzioni di territorio che soggiacciono alle pareti rocciose più acclivi; localmente appaiono ricementati da cemento calcareo originando una breccia. La natura dei materiali costituenti questi accumuli è prevalentemente calcarea e ca1careo-silicea. Si rinvengono principalmente alla base del versante orientale del Monte Scioscia - Monte Alto, lungo una stretta fascia parallela alla Valle del Segrino. Depositi eluvio-colluviali : Sono composti da ciottoli e schegge di roccia immersi in una matrice sabbioso - limosa che aumenta con il grado di alterazione del substrato. Derivano dall'alterazione e dalla degradazione chimico-fisica del substrato roccioso in sito (eluvium) e dall'accumulo di materiale lisciviato a monte (colluvium). Si sviluppano in modo diffuso in tutta l'area, dove la copertura morenica è poco spessa ed il substrato affiora in modo discontinuo; presentano spessori piuttosto ridotti probabilmente a causa delle caratteristiche litologiche del substrato. 11

12 Depositi lacustri recenti: Rappresentano i depositi recenti della piana alluvionale all'estremità meridionale del Lago del Segrino e, con spessore esiguo, sono presenti anche lungo le sponde dello stesso. Sono costituiti da materiali pelitici (limi ed argille) e sono colonizzati da vegetazione lacuo- palustre. SUBSTRATO ROCCIOSO Calcare di Moltrasio (Lias inf) : La Formazione dei Calcari di Moltrasio è costituita da calcari e calcari-marnosi di colore scuro, con superficie di alterazione grigio - biancastra e frequenti liste e noduli di selce presenti all'interno degli strati in forme diverse: liste disposte parallelamente alla stratificazione, noduli di dimensioni anche decimetriche. Gli strati presentano uno spessore variabile tra i 20 ed i 60 cm, con rari livelli sub-centimetrici di materiale argilloso interstratificato. La stratificazione è piuttosto monotona e regolare, con immer\e verso SW (fianco meridionale dell' Anticlinale Marginale) ed inclinazioni blande tra 10 e 30. Il Calcare di Moltrasio affiora in modo discontinuo nell'area in esame a causa della diffusa copertura quaternaria per la quale, tuttavia, dall'esame degli spaccati e/o tagli stradali presenti nella zona, si possono ipotizzare spessori limitati e mediamente inferiori ai 3 metri; pertanto, il Moltrasio si può considerare in gran parte subaffiorante o quantomeno prossimo al piano campagna. E' possibile osservare affioramenti di Moltrasio lungo i versanti a S-E del Monte Scioscia e, nella zona abitata del territorio comunale a Sud di C.na Inarca, della costiera del M. te Scioscia, ed in corrispondenza di un primo alto morfologico posto a N di Campolungo, di un secondo in località Villa Torre e di un terzo sito in località Beldosso. Il Calcare di Moltrasio è un deposito di bacino sedimentatosi al margine della piattaforma carbonatica di età triassica, oggi affiorante a N del Monte S. Primo e nella zona del Moregallo, la quale, durante il Giurassico inferiore, si è frammentata in vari 12

13 blocchi subsidenti ad evoluzione bacinale, a seguito della tettonica distensiva connessa con l'apertura del bacino della Tetide. Nelle zone più elevate (horst) della piattaforma carbonatica spezzettata proseguiva la sedimentazione carbonatica analoga a quella triassica, mentre nei settori depressi (graben) si depositavano successioni carbonatico-silicee quali il Calcare di Moltrasio. In particolare il Moltrasio della zona del Triangolo Lariano appartiene alla serie liassica depositatasi in quella che viene denominata "Fossa di Lugano", limitata ad oriente dall' alto strutturale dei Corni di Canzo. Maiolica (Cretaceo inf) : La Formazione della Maiolica è costituita da calcari stratificati compatti di colore bianco, ricchi di strati e noduli di selce. Affiorano al contatto con il sottostante Rosso ad Aptici subito sotto la piazzetta di Bindella; un altro interessante affioramento di questa unità litologica è rinvenibile subito a valle della zona di scambio della teleferica della Cementerie di Merone in frazione Penzano di Eupilio. 13

14 ASSETTO TETTONICO E STRUTTURALE Come già accennato nel paragrafo precedente, le successioni dell'area in esame sono state coinvolte, durante le fasi dell'orogenesi Alpina, in fenomeni plicativi a carattere duttile, associati a fenomeni di deformazione fragile: i primi hanno originato la struttura a pieghe del "Triangolo Lariano", di cui la Flessura Marginale rappresenta l'estremità meridionale, i secondi sono responsabili di una serie di linee tettoniche e/o faglie più o meno intuibili dalla morfologia dei versanti e dall'allineamento ordinato degli alti morfologici presenti nel territorio. Si possono quindi individuare tre linee tettoniche principali, a direzione prevalente NNE-SSW, che durante il Quaternario hanno rappresentato le direzioni preferenziali di avanzamento delle lingue glaciali, come testimoniano i depositi fluvioglaciali in esse presenti e che isolano le seguenti zone: => Zona del Monte Scioscia-Monte Alto ed alto morfologico a N di Campolungo: tale settore è confinato a Sud-Est dalla "faglia di Caslino", che corre circa parallelamente alla sponda del lago per proseguire poi nella piana che porta a Longone al Segrino; la "faglia di Caslino" si può considerare responsabile della formazione della Valle sospesa del Lago del Segrino. =>Zona dell'alto di Villa Torre (o Torrione) : in parte è esterna al territorio comunale; risulta limitata a Nord-Ovest dalla già citata "faglia di Caslino" e a Sud-Est da una seconda linea tettonica che da Galliano (in Comune di Eupilio) prosegue verso Arzago. => Zona dell' Alto di Corneno e di Beldosso : in parte risulta esterna al territorio comunale; viene limitata a Nord-Ovest dalla linea tettonica sopra citata di Villa Torre ed a Sud-Est da una terza linea tettonica che da Corneno (in Comune di Eupilio) prosegue verso Beldosso. 14

15 Di questi presunti disturbi non esistono dirette e macroscopiche evidenze sul terreno; tuttavia si possono collegare ad essi le superfici di faglia trascorrente presenti lungo le ripide scarpate che costituiscono i versanti opposti del Lago del Segrino. Più evidente appare la faglia a direzione NW -SE rilevata in corrispondenza della sella tra il Monte Scioscia ed il Monte Alto che sembrerebbe da collegarsi ad altri disturbi tettonici responsabili con ogni probabilità delle vallecole sviluppate in senso circa E-W, sul pendio digradante dal Segrino alla Piana di Erba, tra le quali citiamo la valle interposta tra Boffalora e Torricella Le faglie trascorrenti e quelle a direzione NW-SE sembrerebbero da associare ad un sistema coniugato avente direzione di compressione da NE verso SW, in accordo con i campi di stress regionali che hanno interessato il territorio durante le fasi dell'orogenesi Alpina. 15

16 3.1 CARTA GEOLOGICA Tutti i dati di campagna e i dati bibliografici raccolti sono stati riportati nella Tavola N. 1 - Carta geologica, redatta in scala 1:5.000 dove si possono riconoscere le diverse Unità litologiche sia rocciose che terrigene individuate sul territorio comunale di Longone al Segrino. Sulla carta vengono inoltre delimitate le aree a caratteristiche geotecniche omogenee individuate sulla base di indagini già svolte sul territorio comunale e su dati reperiti sulla cartografia ufficiale e presenti in letteratura.; la caratterizzazione geotecnica è stata eseguita confrontando i principali parametri geotecnici dei terreni superficiali e cioè angolo di attrito, coesione e coefficiente di permeabilità. I terreni sono stati divisi in classi omogenee per caratteristiche geotecniche. Le Classi vengono distinte in due diverse categorie una per i depositi superficiali, l altra per il substrato roccioso. CARATTERISTICHE GEOTECNICHE DEI DEPOSITI SUPERFICIALI: TERRENI A CARATTERISTICHE GEOTECNICHE BUONE Sono rappresentati dai depositi di Detrito di falda e da Depositi fluvioglaciali e sono costituiti da depositi ghiaioso-sabbiosi in cui può essere presente della matrice fine costituita da limo. Presentano parametri geotecnici e drenaggio generalmente buoni, influenzati comunque dalla percentuale del contenuto di materiali fini. Il detrito di falda si ritrova principalmente nella parte centro- settentrionale del territorio comunale addossato alle pareti rocciose che affiorano nei versanti del Monte Scioscia del Monte alto. I depositi fluvioglaciali si ritrovano principalmente in corrispondenza di due pianalti, limitati da deboli pendii che li raccordano al fondovalle, nella parte meridionale del territorio comunale. Parametri geotecnici medi: peso di volume = 1.9 ton/mc angolo di attrito = permeabilità k = > 10-2 cm/sec 16

17 TERRENI A CARATTERISTICHE GEOTECNICHE DISCRETE Comprendono essenzialmente i depositi morenici, costituiti da terreni clastici con ciottoli con percentuale variabile di matrice sabbioso-limosa; generalmente sono caratterizzati da un buon grado di addensamento che conferisce al deposito discrete caratteristiche geotecniche. Evidentemente essendo questi depositi caratterizzati da estrema eterogeneità tessiturale anche le caratteristiche geotecniche possono variare sensibilmente a seconda del prevalere di una matrice fine più o meno abbondante. Presentano un drenaggio da medio a scarso. Si ritrovano si gran parte del territorio comunale e occupano il centro abitato. Parametri geotecnici medi: peso di volume = ton/mc angolo di attrito = permeabilità k = 10-4 < K < 10-2 cm/sec Coesione Cu = T/m 2 TERRENI A CARATTERISTICHE GEOTECNICHE SCADENTI Comprendono le aree caratterizzate da tutti quei depositi di origine lacustre che si caratterizzano per una elevata percentuale di materiali fini argilloso-limosi e che localmente possono passare a vera e propria torba con contenuto organico vegetale. Si tratta di materiali con caratteristiche geotecniche da scarse a pessime e sono caratterizzati da un drenaggio scarso e da locali ristagni d acqua. Sono ubicati nelle zone limitrofe al bacino lacustre del Segrino. Si ritrovano inoltre in tre zone nella parte centro-meridionale del territorio comunale ove sono presenti fenomeni di ristagno d acqua superficiale. Parametri geotecnici medi: * peso di volume = ton/mc * angolo di attrito = * permeabilità k = < 10-4 cm/sec 17

18 * coesione non drenata Cu = T/m 2 CARATTERISTICHE GEOTECNICHE DEL SUBSTRATO ROCCIOSO E DEI DEPOSITI ELUVIO-COLLUVIALI TERRENI A CARATTERISTICHE GEOMECCANICHE MEDIO/ BUONE Comprendono le rocce stratificate costituenti la successione giurassica. Presentano in generale caratteristiche geomeccaniche da medie a buone; tuttavia localmente possono presentare caratteristiche geomeccaniche da scadenti a discrete in funzione di un locale elevato grado di fatturazione. Possiedono un drenaggio di tipo secondario per fessurazione Parametri geotecnici medi: * peso di volume = 2.3 ton/mc * angolo di attrito = >35 TERRENI A CARATTERISTICHE GEOTECNICHE SCADENTI Comprendono i depositi eluvio-colluviali che ricoprono il substrato roccioso e sono costituiti da terreni a composizione granulometrica variabile principalmente sabbiosa con percentuali molto variabili di materiali coesivi ed anche incoerenti. Ricoprono con spessori piuttosto contenuti il substrato roccioso. Le caratteristiche geotecniche sono da ritenersi scadenti e il drenaggio è solitamente medio-scarso. Parametri geotecnici medi: * peso di volume = 1.8 ton/mc * angolo di attrito = * Coesione Cu = T/m 2 18

19 Nella carta vengono inoltre evidenziati le indagini in situ effettuate nel territorio comunale. Più precisamente vengono riportati: prove penetrometriche dinamiche (P 7 ) relazioni geologiche e geotecniche (R) Inoltre vengono riportati gli elementi strutturali presenti nel territorio comunale e più in particolare: giacitura degli strati faglie 19

20 4. CARATTERI GEOMORFOLOGICI Il territorio comunale di Longone al Segrino è sito nel settore meridionale del "Triangolo Lariano"; il settore Nord è compreso tra il Lago del Segrino e la base dei rilievi montuosi del Monte Scioscia (667.0 m s.l.m.) e del Monte Alto (558.9 m s.l.m.), mentre il territorio urbanizzato risulta compreso tra le propaggini meridionali di tali rilievi montuosi costituite dagli alti morfologici del Torrione (420.0 m s.l.m.), di Beldosso (384.7 m s.l.m.) e di Campolungo (392.7 m s.l.m.). I dislivelli sono poco variabili infatti la quota massima raggiunta è quella della parete orientale del Monte Scioscia (limite comunale settentrionale, m s.l.m.), mentre quella minima è presente in località Boffalora (318.1 m s.l.m.). L'area urbanizzata si sviluppa essenzialmente in corrispondenza della Valle pianeggiante del Segrino impostata su un altipiano, confinato a Sud dall'orlo di terrazzo di Longone-Arzago-Campolungo, in prossimità del salto morfologico con la sottostante Piana di Erba. Da ciò risulta che l'area urbanizzata di Longone al Segrino è pressoché pianeggiante, caratterizzata da modeste ondulazioni morfologiche e le quote sono comprese tra i m s.l.m. ed i m s.l.m. La morfologia del territorio è direttamente controllata da fattori geologici quali la litologia, la giacitura delle rocce e le caratteristiche tettonico-strutturali che hanno agito in concomitanza con gli agenti morfogenetici come i ghiacciai, le acque superficiali, il clima e l'intervento antropico In particolare i ghiacciai hanno modellato il paesaggio smussando le vette rocciose degli alti morfologici, conferendo loro morfologie dolci e collinari e "spalmandoli" di depositi morenici; lungo le linee tettoniche descritte nel capitolo precedente i ghiacci trovavano i loro sbocchi principali verso Sud e, durante le fasi del ritiro, l'esarazione glaciale ha prodotto le valli ed i bassi morfologici in cui si rinvengono i depositi fluvioglaciali; in ultimo sono ascrivibili alle fasi di ritiro anche le cerchie moreniche terminali e laterali formanti dei dossi a forma allungata e costituiti dal materiale eroso e trasportato in testa e lateralmente alle lingue glaciali e gli ampi terrazzi che digradano verso la Piana di Erba. I ghiacciai quaternari che hanno interessato il territorio in esame discendevano dalla Valassina e venivano a raccordarsi alla lingua principale che occupava la Piana di Erba e che proveniva da Valmadrera e dalla Valle di Pontelambro. 20

21 Di seguito si riporta una breve descrizione delle singole forme morfologiche riconosciute, ascrivibili a quattro tipi principali: FORME DI VERSANTE: sono legate a processi dinamici che interessano i versanti impostati sia su substrato roccioso che su terreni di copertura. Tali processi sono innescati principalmente dalla gravità, che agisce come causa primaria nella modellazione ed evoluzione dei versanti; cause secondarie, agenti in concomitanza con la gravità, sono l'azione erosiva delle acque non incanalate, l'erosione al piede dei versanti e degli accumuli di frana quiescenti, ma riattivabili, le variazioni del contenuto d'acqua sia nei terreni che nelle fratture delle rocce e l'azione del gelo e disgelo (fenomeni criogenici). Tra le forme di versante è possibile riconoscere: Orlo di terrazzo morfologico: rappresenta il limite sommitale dei pendii, dove si verifica un brusco cambio di pendenza. Possono essere aree soggette a distacchi parietali puntuali (crollo di blocchi rocciosi e/o di materiale detritico), oppure, più in generale, possono costituire le aree sorgenti del detrito di falda attivo che si accumula alla base dei versanti. Gli orli di terrazzi morfologici isolano gli alti morfologici quali quello a N di Campolungo e Beldosso. In ultimo, sono da considerare anche l'orlo che limita a Sud la morena di Campolungo e quello più ampio che indica il salto morfologico con la sotto stante Piana erbese e che risulta esterno al territorio comunale. Soliflusso : trattasi di un lento movimento gravitativo dei terreni di copertura, specialmente se saturi d'acqua, accentuato dall'eventuale presenza versanti a pendenza elevata. Il fenomeno viene spesso reso evidente da deformazioni di manufatti (ad es. muri a secco) e/o dall'inclinarsi degli alberi. Fenomeni di soliflusso sono stati individuati lungo i versanti laterali degli alti morfologici presenti nel territorio comunale, convergenti verso il fondovalle del Segrino. 21

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

1.1 Zona geotecnica 1: piano generale terrazzato della pianura

1.1 Zona geotecnica 1: piano generale terrazzato della pianura Comune di Cigole PROVINCIA DI BRESCIA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO NORME GEOLOGICHE 1 Caratterizzazione geotecnica del territorio All'interno del territorio comunale, possono essere distinte 3 diverse

Dettagli

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia INDICE 1. PREMESSA pag. 2 2. AGGIORNAMENTO DELLA CARTA DEI VINCOLI GENERATORI DI RISCHIO pag. 3 2.1 rischio idrogeologico pag. 5 3 CARTA DI SINTESI FINALIZZATA ALL EDIFICABILITA pag. 7 1 1. PREMESSA Per

Dettagli

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI)

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) VERIFICHE GEOLOGICHE E IDROGEOLOGICHE A SUPPORTO DELLARICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE EX ART. 208 D.LGS. 152/06 SEDE:

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO Allegato B COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE ED ADEGUAMENTO AI SENSI DELLA L.R. 12/05 VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato 1. PREMESSA In seguito alle forti piogge verificatesi negli ultimi due inverni un tratto di circa 30 m della strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Dott. Geol. ALESSANDRO VIDALI INDAGINI GEOLOGICO-GEOTECNICHE Via Roma, 20 30027 San Donà di Piave 0421-51616 335-8336809 FAX 0421-51616 E-mail ak.vidali@aliceposta.it C.F. VDL LSN 59P15 F130X P.I. 02793580271

Dettagli

7.c RISCHIO GEOLOGICO

7.c RISCHIO GEOLOGICO 7.c RISCHIO GEOLOGICO I- Introduzione In questo paragrafo viene analizzato il territorio sotto l aspetto della pericolosità geologica, intesa come l attitudine del territorio a manifestare eventi di dissesto

Dettagli

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO"

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO" LAVORI: Intervento n. 36: adeguamento idraulico attraversamenti Rio Galli, copertura ial km 0+000, ponticello

Dettagli

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs)

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs) AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 2508 Rovato (Bs) Cedimenti differenziali e fessurazioni vasca di ossidazione linea 2 ed annesso magazzino Depuratore comunale acque reflue di Chiari (Bs) INDAGINE GEOLOGICA

Dettagli

IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA

IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA 2 COMUNE DI OLBIA IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

IMPRESA GUERINI LEGNANO (MI) Boffalora Ticino: estensione della fognatura alla via Folletta e Località Magnana nonché alla Frazione Pontenuovo

IMPRESA GUERINI LEGNANO (MI) Boffalora Ticino: estensione della fognatura alla via Folletta e Località Magnana nonché alla Frazione Pontenuovo IMPRESA GUERINI LEGNANO (MI) Boffalora Ticino: estensione della fognatura alla via Folletta e Località Magnana nonché alla Frazione Pontenuovo RELAZIONE GEOLOGICA AI SENSI DEL D.M. 14.01.08 Solbiate (CO),

Dettagli

ALPENGEO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI SANT AMBROGIO

ALPENGEO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI SANT AMBROGIO ALPENGEO dott. geologo Michele TARABIONO Geologo libero professionista Consulente Tecnico del Giudice e Perito presso il Tribunale di Torino 1 Strada Truc Carlevè 10090 VILLARBASSE Torino cell.347-4513866

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R.12/2005 DOCUMENTO DI PIANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R.12/2005 DOCUMENTO DI PIANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA Comune di Carimate (CO) PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R.12/2005 DOCUMENTO DI PIANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA ai sensi della D.G.R. n. 8/7374 del 28 maggio 2008 Relazione Area Studi

Dettagli

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48.

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48. Indice Indice Indice Premessa 11 1 Le acque sotterranee 13 1.1 Principali caratteristiche delle acque sotterranee 13 1.2 La circolazione idrica nelle terre sciolte 14 1.2.1 Gli acquiferi 14 1.2.2 Classificazione

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 4^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Come tutti

Dettagli

Application: the Giumello Landslide

Application: the Giumello Landslide Application: the Giumello Landslide Extract from a meeting in Lecco about landslides By M. Papini www.engeology.eu LA FRANA DEL GIUMELLO EVENTO ALLUVIONALE Novembre 2002 FINALITA DEL LAVORO Riconoscere

Dettagli

02 - Indagine geologica e idraulica

02 - Indagine geologica e idraulica Rotatoria sulla SR435 Lucchese all intersezione con via Falciano nel Comune di Buggiano Progetto definitivo Relazione geologica ed idraulica 02 - Indagine geologica e idraulica CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

Integrazione a seguito di parere espresso dalla Provincia di Milano in data 17/3/2008 (Atti n. 64984/5.2/2003/10848)

Integrazione a seguito di parere espresso dalla Provincia di Milano in data 17/3/2008 (Atti n. 64984/5.2/2003/10848) COMUNE DI BARLASSINA Provincia di MILANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELLA L.R. 12/2005 E SECONDO I CRITERI DELLA D.G.R. n. 8/1566/05 Integrazione

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE

INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE PIEMME s.r.l. INGEGNERIA E COSTRUZIONI Nuova costruzione di edifici plurifamiliari in Via Goldoni 31 a Varese INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE N. Riferimento: 05-008 Data: Febb. 2005

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

Relazione geotecnica A-06

Relazione geotecnica A-06 Relazione geotecnica A-06 Elaborato A-06.doc Settembre 2009 1 Emissione Ing. Cosimo Convertino Ing. Nicola Mori Ing. Remo Chiarini INDICE 1. Introduzione... 3 2. Inquadramento generale dell area di intervento...

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA APPENDICE A Pagina 1 di 29 1 Capoluogo, via degli Imberti Tavola in scala 1:2.000 1 AT1 Area di trasformazione per nuova edificazione ad uso residenziale. calcareniti; suoli di copertura derivati dal disfacimento

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI 1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI Le opere oggetto della presente relazione si riferiscono alla realizzazione di un edificio per n. 4 alloggi, da realizzarsi a Copertino (LE), in Via Pirro

Dettagli

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento Identificativo schede tecniche D1 Ubicazione Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento territoriale da P.S. Ambito agrario storico Geologia e litologia Terreni lapidei : Gabbri Aree di bordo valle

Dettagli

Relazione geologica ed indagine geotecnica

Relazione geologica ed indagine geotecnica COLLEGAMENTO CICLABILE TRA I COMUNI DI MARACALAGONIS SINNAI E SETTIMO SAN PIETRO PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO Relazione geologica ed indagine geotecnica Indice 1 Premessa... 3 2 Inquadramento geografico...

Dettagli

Comune di Albiolo Componente geologica PGT Piano delle Regole Pag.1

Comune di Albiolo Componente geologica PGT Piano delle Regole Pag.1 Pag.1 INTRODUZIONE AMBITO DI APPLICAZIONE Le presenti norme costituiscono parte integrante del Piano di Governo del Territorio, in dettaglio del Piano delle Regole, come definito nella L.R. 11 marzo 2005,

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

Progetto ampliamento capannone industriale RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA

Progetto ampliamento capannone industriale RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA REGIONE LOMBARDIA... Progetto ampliamento capannone industriale Ottobre 2011 Provincia di MILANO Via Passavone Robecco S/N MI Proprietà RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA COSMOGRAFICA ALBERTINI S.p.A. Via Passavone,

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i versanti boscati di molte parti del mondo nell emisfero

Dettagli

COMUNE DI SAN BARTOLOMEO AL MARE PIANO URBANISTICO COMUNALE PRELIMINARE RELAZIONE GEOLOGICA-GEOMORFOLOGICA- IDROGEOLOGICA

COMUNE DI SAN BARTOLOMEO AL MARE PIANO URBANISTICO COMUNALE PRELIMINARE RELAZIONE GEOLOGICA-GEOMORFOLOGICA- IDROGEOLOGICA STUDIO DI GEOLOGIA DR. GEOL. LIONELLO BELMONTE Via Belgrano, 13-18100 IMPERIA Tel 0183 767551 Cell 335 6843151 Fax 0183 767551 e mail lionello@studiobelmonte.191.it COMUNE DI SAN BARTOLOMEO AL MARE (PROVINCIA

Dettagli

Analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnici, idraulici, idrogeologici

Analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnici, idraulici, idrogeologici Regione Piemonte Comune di Torino (TO) Analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnici, idraulici, idrogeologici per la realizzazione di un nuovo fabbricato all interno del complesso CNR di Torino

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

Ciclo idrogeologico e bilancio. Ricarica e recapito delle acque sotterranee. Riserve e risorse sfruttabili

Ciclo idrogeologico e bilancio. Ricarica e recapito delle acque sotterranee. Riserve e risorse sfruttabili Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Ciclo idrogeologico e bilancio Ricarica e recapito delle acque sotterranee Riserve e risorse sfruttabili Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi,

Dettagli

INDICE. 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8

INDICE. 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8 INDICE 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8 2 CARTA DELLA PERICOLOSITÀ IDRAULICA pag. 11 2.1 Analisi qualitativa del rischio. Le casse di espansione e i benefici sulla

Dettagli

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8 Idrogeologico 1/8 3.2.1 INTRODUZIONE E CONCETTI GENERALI Il rischio idrogeologico è conseguenza di una modificazione geomorfologica e climatica in un tempo più o meno breve e si può definire come dissesto

Dettagli

PREMESSA... 3 OBIETTIVI... 3 STATO ATTUALE... 3 STATO DI PROGETTO...

PREMESSA... 3 OBIETTIVI... 3 STATO ATTUALE... 3 STATO DI PROGETTO... INDICE 1 PREMESSA... 3 2 OBIETTIVI... 3 3 STATO ATTUALE... 3 4 STATO DI PROGETTO... 4 4.1 IL BACINO DI DISCARICA... 4 4.2 STRUTTURE DI SERVIZIO ED OPERE COMPLEMENTARI... 5 4.3 LA SISTEMAZIONE FINALE...

Dettagli

Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO

Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROGETTO DEFINITIVO R.2.1 Relazione geologica-geotecnica Rovato,

Dettagli

STUDIO TECNICO GEOLOGIA APPLICATA GEOTECNICA. PREMESSA...2 GENERALITÀ...5 Elaborato C 05 01 01 - CARTA LITOLOGICA...6

STUDIO TECNICO GEOLOGIA APPLICATA GEOTECNICA. PREMESSA...2 GENERALITÀ...5 Elaborato C 05 01 01 - CARTA LITOLOGICA...6 INDICE PREMESSA...2 GENERALITÀ...5 Elaborato C 05 01 01 - CARTA LITOLOGICA...6 LITOLOGIA DEL SUBSTRATO... 6 MATERIALI delle COPERTURE del SUBSTRATO ROCCIOSO... 9 MATERIALI ALLUVIONALI, FLUVIOGLACIALI e

Dettagli

LAVORI DI CONSOLIDAMENTO DI UN TRATTO DI SCARPATA A VALLE DI VIA FONTANA ORO CON RIPRISTINO DELLA VIABILITA

LAVORI DI CONSOLIDAMENTO DI UN TRATTO DI SCARPATA A VALLE DI VIA FONTANA ORO CON RIPRISTINO DELLA VIABILITA Regione Piemonte PREMESSA A seguito di incarico determinazione del Responsabile del Servizio n. 538/132 del 06.12.2012 ( è stato redatto il seguente progetto DEFINITIVO ESECUTIVO dopo l approvazione del

Dettagli

VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO

VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO Sede : via T. Nani, 7 23017 Morbegno (SO) Tel 0342 610774 Fax: 0342 1971501 VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO STUDIO DI APPROFONDIMENTO AI SENSI DELL ALLEGATO 2 ALLA D.G.R. 30 NOVEMBRE 2011

Dettagli

L Indagine geologica ai sensi della DGR 2649/99 e successive modifiche e integrazioni

L Indagine geologica ai sensi della DGR 2649/99 e successive modifiche e integrazioni Corso di Aggiornamento Professionale I CONTENUTI DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA ALLA LUCE DELLA NORMATIVA VIGENTE Roma, 29 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica Via Appia

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08.

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08. MARCA DA BOLLO Comune di Capannori (Prov. di Lucca) Al Sindaco del Comune di Capannori Piazza Aldo Moro, 1 55012 Capannori (LU) Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art.

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

III LOTTO QUINTO STRALCIO

III LOTTO QUINTO STRALCIO IMPIANTO DI TRATTAMENTO DI RSU E VALORIZZAZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A SERVIZIO DELL'AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE DELLA PROVINCIA DI ORISTANO III LOTTO QUINTO STRALCIO AMPLIAMENTO DELLE AREE DI

Dettagli

SOMMARIO. 5 ASPETTI CLIMATICI 5.1 Temperatura dell aria 5.2 Precipitazioni 5.3 Indici climatici 5.4 Definizione del clima

SOMMARIO. 5 ASPETTI CLIMATICI 5.1 Temperatura dell aria 5.2 Precipitazioni 5.3 Indici climatici 5.4 Definizione del clima SOMMARIO 1. PREMESSA 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO 2.1 Mesozoico 2.1.1 Calcare di Moltrasio 2.2 Cenozoico 2.2.1 Gonfolite 2.3 Quaternario 2.3.1 Depositi morenici 2.3.2 Depositi fluvioglaciali 2.3.3 Depositi

Dettagli

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE RILEVAZIONE DEI FATTORI METEO-CLIMATICI E IDROLOGICI PER IL CALCOLO DEL BILANCIO IDRICO DEGLI ACQUIFERI PREMESSA Con riferimento a quanto indicato

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE 03/09

VARIANTE STRUTTURALE 03/09 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONTANERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE STRUTTURALE 03/09 (ai sensi art. 1 L.R. 1/07) RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA SULLE AREE DII NUOVA ESPANSIIONE

Dettagli

Spett. Amministrazione Comunale di Travedona Monate (Provincia di Varese) Via Don Sturzo, 204 21028 Travedona Monate

Spett. Amministrazione Comunale di Travedona Monate (Provincia di Varese) Via Don Sturzo, 204 21028 Travedona Monate Ing. Angelo S. Rabuffetti Via Trincea Delle Frasche, 2 20136 Milano. Tel. 02/89423088 Fax 02/83200126 www.terrain.it STRUTTURE, FONDAZIONI SPECIALI, CONSOLIDAMENTI GEOTECNICI Spett. Amministrazione Comunale

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini La distanza di quota tra isoipse è costante e prende il nome di EQUIDISTANZA. Generalmente il valore dell

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA STRADA PROVINCIALE N 115 TRONCO: Cimitero di Igliano in località Cornati CONSOLIDAMENTO FRANA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1) PREMESSA 2) INTERVENTI PROPOSTI 3) CENNI DI GEOLOGIA 4)

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5. Consolidamento della strada comunale del Canalicchio

SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5. Consolidamento della strada comunale del Canalicchio SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RELAZIONE TECNICA... 5 2.1 INTERVENTI DI PROGETTO... 5 2.2 GESTIONE DELLE INTERFERENZE... 7 Progetto esecutivo 1 1 PREMESSA L Amministrazione Comunale di Montalcino, con l obiettivo

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA Dott. Geol. Antonio Forini Dott. Geol. Sara Serena Fabris Dott. Geol. Carlo Ricci PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA PIANO

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

ASSOCIAZIONE PRO LOCO TORRE VADO Iscritta nel Registro Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale in data 20/01/2004 - legge 383/00

ASSOCIAZIONE PRO LOCO TORRE VADO Iscritta nel Registro Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale in data 20/01/2004 - legge 383/00 ASSOCIAZIONE PRO LOCO TORRE VADO Iscritta nel Registro Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale in data 20/01/2004 - legge 383/00 ALLEGATO N.3 RELAZIONE GEOLOGICA COSTA TORRE VADO Geologo dott.

Dettagli

Modificate a seguito delle controdeduzioni alle osservazioni

Modificate a seguito delle controdeduzioni alle osservazioni Modificate a seguito delle controdeduzioni alle osservazioni Documento di Piano art.8 L.R. 12/2005 1 IL PROGETTISTA Dott. Cosimo Caputo PIANIFICATORE TERRITORIALE Collaboratori: Dott. Ilaria Mazzoleni

Dettagli

Piano Operativo Comunale

Piano Operativo Comunale ALLEGATO 1 Relazione geologica sismica Variante al Piano Operativo Comunale L.R. 20/2000 e s.m. ai sensi dell art. 34 Adozione C.C. n.171 del 18.12.2008 Approvazione C.C. n. 57 del 28.05.2009 Comune di

Dettagli

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.)

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) REGIONE LOMBARDIA Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) Dicembre 2011 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Studio

Dettagli

NORME GEOLOGICHE PER LE AZIONI DI PIANO Giugno 2013 - Rev. 01

NORME GEOLOGICHE PER LE AZIONI DI PIANO Giugno 2013 - Rev. 01 Provincia di Pavia Regione Lombardia COMUNE DI TORRE BERETTI E CASTELLARO A cura di: COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA (ai sensi dell'art. 57 comma 1 della L.R. 12/2005 - DGR N. VIII/1566 del

Dettagli

Il crollo di Afragola causato da un cedimento strutturale. Ma che cosa ha provocato il cedimento?

Il crollo di Afragola causato da un cedimento strutturale. Ma che cosa ha provocato il cedimento? Il crollo di Afragola causato da un cedimento strutturale. Ma che cosa ha provocato il cedimento? L edificio crollato verso le 1,30 del 31 luglio scorso in Via Calvanese di Afragola ha evidenziato la precarietà

Dettagli

GEOMORFOLOGIA E GEOLOGIA GENERALE. Introduzione alla realizzazione delle CARTE di PERICOLOSITA CARTA GEOLOGICA E GEOMORFOLOGICA

GEOMORFOLOGIA E GEOLOGIA GENERALE. Introduzione alla realizzazione delle CARTE di PERICOLOSITA CARTA GEOLOGICA E GEOMORFOLOGICA COMUNE DI G R O S S E T O CARTA GEOLOGICA Indagini geologico-tecniche di supporto alla variante di P.R.G. 1)Complesso edilizio di Via Fiesole, ex campo della Fiera 2)Edificio di Via Cairoli, sede camerale

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE PAESAGGISTICA RELAZIONE PAESAGGISTICA COMUNE DI SCICLI (RG) 1 RICHIEDENTE persona fisica società impresa X ente: D.R.P.C servizio di Protezione Civile per la provincia di Ragusa 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL 'INTERVENTO

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9. Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche. Ciclo Integrato Acque SETTORE 2

Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9. Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche. Ciclo Integrato Acque SETTORE 2 Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9 Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche Ciclo Integrato Acque SETTORE 2 CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOMORFOLOGICI PER I DIFFERENTI

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

INDAGINI GEOLOGICO-IDROGEOLOGICHE

INDAGINI GEOLOGICO-IDROGEOLOGICHE REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI SALGAREDA INDAGINI GEOLOGICO-IDROGEOLOGICHE relative al progetto impianto recupero inerti Proprietà: Adria Recuperi S.r.l. Cividale del Friuli, /0/ Dott. Davide

Dettagli

APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI

APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI A1.1. I Dati Pluviometrici All'interno della zona in indagine, che comprende i bacini del versante jonico e tirrenico ed alcuni bacini interni del versante

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE 1 COMUNE DI VALVERDE Il comune di Valverde si trova in provincia di Pavia e

Dettagli

2.1 La struttura di difesa soffolta 2.2 Ripascimento 2.3.Nucleo in massi e pietra a difesa delle fondazioni del muro di controripa.

2.1 La struttura di difesa soffolta 2.2 Ripascimento 2.3.Nucleo in massi e pietra a difesa delle fondazioni del muro di controripa. INDICE 1.PREMESSA 2. FINALITÀ E DESCRIZIONE DELL INTERVENTO. 2.1 La struttura di difesa soffolta 2.2 Ripascimento 2.3.Nucleo in massi e pietra a difesa delle fondazioni del muro di controripa. 3. ASPETTI

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli