Lettura da tastiera e scrittura su monitor

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lettura da tastiera e scrittura su monitor"

Transcript

1 Lettura da tastiera e scrittura su monitor Per poter leggere UN SINGOLO CARATTERE dalla tastiera e visualizzare UN SINGOLO CARATTERE sul monitor si possono utilizzare le funzioni: int getchar (void) (per leggere dalla tastiera) int putchar (int) (per visualizzare un carattere sul monitor) Per utilizzare tali funzioni è necessario richiamare il file stdio.h della libreria standard. Valori restituiti dalle funzioni: la funzione getchar() restituisce il codice ASCII del tasto viene premuto la funzione putchar() restituisce il codice ASCII del carattere che viene visualizzato Ad esempio, per stampare la lettera 'a' si deve usare l'istruzione: char lettera = 'a'; putchar (97); // o anche l'istruzione putchar (lettera); // o anche l'istruzione putchar ('a'); // Tutte queste sono equivalenti a printf ("%c",lettera); // oppure a printf ("%c",'a'); Viceversa, per acquisire un carattere premuto sulla tastiera si usa l'istruzione:

2 char lettera; lettera=getchar(); ATTENZIONE : notare la differenza tra a rappresenta il nome di una variabile [senza apici] 'a' rappresenta un carattere costante (la lettera dell'alfabeto, a) [singoli apici] "a" rappresenta una stringa contenente la lettera a [doppi apici] Esempio #include < stdio.h > // per poter usare printf () e getchar() int main(){ char leggo; printf ("\ ninserire un carattere : "); leggo=getchar (); printf ("\n E\' stato inserito il carattere: %c",leggo); }

3 Gestione del buffer di input In C, l'acquisizione di caratteri immessi mediante tastiera (la tastiera rappresenta il canale di input standard) avviene in generale in questo modo (trattiamo il caso semplice dei caratteri, ma il ragionamento rimarrà valido anche per la gestione di tipi di dati più complessi): char carattere; carattere = funzione_di_input(parametri); ovvero, tramite una generica funzione (qui chiamata funzione_di_input(); un esempio diretto e' dato dalla funzione getchar()) il valore del carattere digitato sulla tastiera viene assegnato alla variabile carattere, in modo tale che tale valore possa essere gestito dall'interno del codice. In che modo il valore di tale carattere (ovvero, il suo codice ASCII), valore che viene generato dalla tastiera, cioè da un dispositivo esterno al programma, viene assegnato alla variabile, che è un elemento interno al programma? Esistono due modalità per effettuare questa operazione: modalità senza buffer modalità con buffer Prima di descriverle nel dettaglio, vediamo cosa si intende con buffer. Tale termine indica, in generale, un'area di memoria temporanea. Nel caso specifico, per buffer si intende un'area di memoria temporanea in cui vengono temporaneamente salvati i valori dei caratteri prima che questi ultimi siano passati al programma. Modalità senza buffer Nel caso in cui l'input sia gestito in modalità senza buffer i valori dei caratteri vengono passati direttamente al programma non appena il tasto corrispondente viene premuto, ovvero il programma non si aspetta che l'utente prema un tasto speciale per far capire che è terminata l'immissione dei caratteri.

4 In questa modalità, quindi, nell'istante in cui l'utente preme un tasto il valore del carattere corrispondente viene passato alla variabile, dichiarata all'interno del programma, che è preposta alla memorizzazione di tale valore. NOTA : in C esistono delle funzioni, getche() e getch(), che utilizzano questa modalità per accettare input da parte dell'utente. Esse sono disponibili all'interno della libreria del compilatore (includendo il file conio.h) solo su sistemi windows. Per sistemi linux esistono degli analoghi (v. qui ) ma non fanno parte della libreria standard. Nel seguito, quindi, faremo uso solamente di getchar() Modalità con buffer Nel caso in cui l'input venga gestito mediante un buffer, tutti i valori (=codice ASCII) dei caratteri inseriti mediante la tastiera ( a prescindere da quanti la funzione inserita nel programma ne preveda ) vengono salvati temporaneamente nel buffer e rimangono lì fino a quando l'utente non preme il tasto ENTER. A questo punto, dal buffer vengono prelevati tanti caratteri quanti la funzione richiamata all'interno del programma ne può accettare; ad esempio, se uso una funzione che prevede l'immissione di un solo carattere, dal buffer viene prelevato solo il primo carattere. Gli altri rimangono disponibili per successive chiamate alla funzione. getchar() gestisce l'input utilizzando questa modalità. NOTA : quando viene premuto il tasto ENTER, esso corrisponde a due caratteri, CR [codice ASCII = 13] ovvero a capo LF [codice ASCII = 10] ovvero nuova linea Dei due, il carattere CR viene eliminato dal buffer, mentre il carattere LF vi rimane.

5 Proviamo a scrivere un programma che ci permetta di "vedere" l'effetto dell'utilizzo del buffer. Qual è una possibilità per notare la presenza di quest'area di memoria temporanea? Proviamo a riempirla di caratteri e preleviamoli poi, uno per uno, utilizzando la funzione getchar() /* inizio codice */ #include <stdio.h> int main() { // utilizzeremo questa variabile per leggere dal buffer char lettura; printf("\n Inserisci almeno 3 caratteri (e poi premi ENTER o INVIO): "); lettura = getchar(); // prelevo il primo carattere // inserisco due "a capo" putchar('\n'); putchar('\n'); printf("\n ecco il primo carattere del buffer : %c (codice ASCII %d)", lettura,lettura); // ora preleviamo il secondo carattere lettura = getchar(); printf("\n ecco il secondo carattere del buffer : %c (codice ASCII %d)", lettura,lettura); // ora preleviamo il terzo carattere

6 lettura = getchar(); printf("\n ecco il terzo carattere del buffer : %c (codice ASCII %d)",lettura,lettura); // se l'utente ha inserito SOLO 3 CARATTERI, il quarto è il LF (ASCII-> 10) lettura = getchar(); printf("\n ecco il quarto carattere del buffer : %c (codice ASCII %d)",lettura,lettura); // visualizziamo un messaggio di avviso, nel caso il quarto sia il carattere LF printf("\n se l'ultimo carattere letto e\' LF visualizzo 1: -> %d", lettura == 10 ); } /* fine codice */ Supponiamo ora di creare un file all'interno del quale vengano scritte le istruzioni riportate qui sopra e di salvarlo dandogli il nome prova_buffer.c Compiliamo poi il file, per verificare che non siano presenti errori nel codice gcc -o prog_buffer prova_buffer.c gcc nome del compilatore -o prog_buffer opzione -> scelta del nome del programma creato a partire dal codice C prova_buffer.c nome del file contenente il codice C (file da compilare) Ecco l'output del codice

7 Oltre ad effettuare operazioni di lettura e visualizzazione possiamo effettuare anche dei confronti, per determinare quale tipo di carattere sia stato inserito dall'utente Riprendiamo il codice di prima e stampiamo un messaggio d'avviso che indichi che siamo in grado di riconoscere le lettere minuscole Le lettere minuscole possiedono codice ASCII variabile da 97 fino a 122. Quindi una lettera minuscola, supponiamo sia rappresentata dalla variabile lettera, deve soddisfare CONTEMPORANEAMENTE a queste condizioni lettera >= 97 lettera <= 122 quindi l'and logico tra le due espressioni deve dare come risultato 1 (VERO) (lettera >= 97 ) && (lettera <= 122) Se, viceversa, voglio verificare che la lettera NON sia minuscola, allora è sufficiente che UNA DELLE DUE condizioni che seguono sia verificata lettera < 97 lettera > 122 quindi l'or logico tra le due espressioni deve dare come risultato 1 (VERO) (lettera < 97 ) (lettera > 122)

8 /* inizio codice */ #include <stdio.h> int main() { // utilizzeremo questa variabile per leggere dal buffer char lettura; printf("\n Inserisci almeno 3 caratteri (e poi premi ENTER o INVIO): "); lettura = getchar(); // prelevo il primo carattere // inserisco due "a capo" putchar('\n'); putchar('\n'); printf("\n ecco il primo carattere del buffer : %c",lettura); printf("\n e\' una lettera minuscola se visualizzo 1 -> %d", (lettura>=97) && (lettura<=122) ) printf("\n non e\' una minuscola se visualizzo 1 -> %d", (lettura < 97) (lettura > 122) ) // ora preleviamo il secondo carattere lettura = getchar(); printf("\n ecco il secondo carattere del buffer : %c (codice ASCII %d)", lettura,lettura); printf("\n e\' una lettera minuscola se visualizzo 1 -> %d", (lettura>=97) && (lettura<=122) ) printf("\n non e\' una minuscola se visualizzo 1 -> %d", (lettura < 97) (lettura > 122) ) // ora preleviamo il terzo carattere lettura = getchar(); printf("\n ecco il terzo carattere del buffer : %c (codice ASCII %d)",lettura,lettura); printf("\n e\' una lettera minuscola se visualizzo 1 -> %d", (lettura>=97) && (lettura<=122) ) printf("\n non e\' una minuscola se visualizzo 1 -> %d", (lettura < 97) (lettura > 122) ) // se l'utente ha inserito SOLO 3 CARATTERI, il quarto è il LF (ASCII-> 10) lettura = getchar(); printf("\n ecco il quarto carattere del buffer : %c (codice ASCII %d)",lettura,lettura); printf("\n e\' una lettera minuscola se visualizzo 1 -> %d", (lettura>=97) && (lettura<=122) ) printf("\n non e\' una minuscola se visualizzo 1 -> %d", (lettura < 97) (lettura >

9 122) ) // visualizziamo un messaggio di avviso, nel caso il quarto sia il carattere LF printf("\n se l'ultimo carattere letto e\' LF visualizzo 1: -> %d", lettura == 10 ); } /* fine codice */ Esercizio dichiarare due variabili di tipo char visualizzare un messaggio in cui si indica all'utente che deve inserire due caratteri usando la funzione getchar(), memorizzare il primo utilizzando la prima variabile usando la funzione getchar(), memorizzare il secondo utilizzando la seconda variabile visualizzare un messaggio per indicare se il primo carattere sia un carattere numerico visualizzare un messaggio per indicare se il secondo carattere sia un carattere numerico con UNA SOLA CHIAMATA A PRINTF() visualizzare un messaggio in cui si indica se entrambi i caratteri siano delle lettere minuscole chiedere all'utente di inserire un terzo carattere e memorizzarlo nella prima variabile di tipo char quest'ultima chiamata a getchar() permette all'utente di insere un carattere? si/no, perché

10

Rappresentazione binaria delle variabili (int e char)

Rappresentazione binaria delle variabili (int e char) Rappresentazione binaria delle variabili (int e char) int e char son i due tipi utilizzati dal linguaggio C per la rappresentazione di valori interi; ai valori delle variabili del primo tipo sono assegnati

Dettagli

La gestione dei caratteri in C

La gestione dei caratteri in C in C In C i caratteri sono gestiti mediante variabili di tipo char (interi a 8 bit) Ad ogni carattere corrisponde un codice numerico ASCII (American Standard Code for Information Interchange) Un esempio

Dettagli

ERRATA CORRIGE. void SvuotaBuffer(void); void SvuotaBuffer(void) { if(getchar()!=10) {svuotabuffer();} }

ERRATA CORRIGE. void SvuotaBuffer(void); void SvuotaBuffer(void) { if(getchar()!=10) {svuotabuffer();} } ERRATA CORRIGE Pulizia del buffer di input: come fare? (1) Dopo aver richiamato getchar() per prelevare un carattere dal buffer di input, inseriamo una seconda chiamata a getchar(), senza assegnare il

Dettagli

Indovina la lettera...

Indovina la lettera... Indovina la lettera... La lezione di oggi consiste nel preparare un programma che chiede all'utente di indovinare quale sia il carattere generato dal programma stesso in modo casuale. Il numero totale

Dettagli

Input/Output. Lettura e scrittura Caratteri e Stringhe: Terminale e file. Input/output. caratteri stringhe formattato ascii binari

Input/Output. Lettura e scrittura Caratteri e Stringhe: Terminale e file. Input/output. caratteri stringhe formattato ascii binari Input/Output Lettura e scrittura Caratteri e Stringhe: Terminale e file Input/output console file caratteri stringhe formattato ascii binari Linguaggio ANSI C Input/Output - 1 La libreria standard del

Dettagli

I puntatori. Il C ci permette di conoscere tale indirizzo, ovvero di determinare dove la variabile sia stata effettivamente memorizzata.

I puntatori. Il C ci permette di conoscere tale indirizzo, ovvero di determinare dove la variabile sia stata effettivamente memorizzata. I puntatori La memoria RAM del calcolatore è formata da un insieme di celle di memoria; per poter localizzare ciascuna cella, ad ognuna di esse è associato un numero, ovvero il suo indirizzo, che viene

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docente: Camillo Fiorentini 16 ottobre 2007 1 Rappresentazioni di caratteri in C In C un carattere è una costante intera il cui valore è dato dal codice ASCII

Dettagli

Gli array. impone al programma, in fase di esecuzione, di riservare dello spazio in memoria per 10 variabili di tipo int

Gli array. impone al programma, in fase di esecuzione, di riservare dello spazio in memoria per 10 variabili di tipo int Gli array Gli array rappresentano una modalità molto compatta per accedere ad un gruppo di variabili; tale gruppo è identificato dal nome dell'array; i tipi delle variabili appartenenti al gruppo devono

Dettagli

Variabili e Istruzioni

Variabili e Istruzioni Exit Menù Variabili e Istruzioni 1 Le Variabili Una VARIABILE è un oggetto identificato da un NOME e da uno STATO, detto CONTENUTO o VALORE. Possiamo immaginarla come una scatola contenuto Pippo 11 nome

Dettagli

File binari e file di testo

File binari e file di testo I file File binari e file di testo distinzione tra file binari file di testo si possono usare funzioni diverse per la gestione di tipi di file diversi Programmazione Gestione dei file 2 File binari e file

Dettagli

Caratteri e stringhe

Caratteri e stringhe Caratteri e stringhe Caratteri Dato che un computer può memorizzare esclusivamente sequenze di bit, per memorizzare un carattere (e quindi testi) è necessario stabilire una convenzione che associa a un

Dettagli

Corso sul linguaggio C Modulo Tipi di dato

Corso sul linguaggio C Modulo Tipi di dato Corso sul linguaggio C Modulo 1 1.3 - Tipi di dato 1 Prerequisiti Concetto di espressione Cenni sulla struttura del calcolatore 2 1 Introduzione In questa lezione si esaminano i tipi di dato. I tipi di

Dettagli

Il generatore di numeri casuali

Il generatore di numeri casuali Il generatore di numeri casuali file di libreria: stdlib.h int rand(void) La funzione restituisce un numero casuale di tipo intero compreso tra 0 e RAND_MAX (estremi compresi) Esempio: scriviamo un programma

Dettagli

Introduzione a. Funzioni di Ingresso e Uscita. Compilazione

Introduzione a. Funzioni di Ingresso e Uscita. Compilazione Introduzione a Funzioni di Ingresso e Uscita Compilazione 2 Come si termina...... un programma in esecuzione (processo)? Ctrl + C In UNIX ci si basa sul concetto di terminale Anche da GUI, quello che si

Dettagli

prova.c #include <stdio.h> char funzione(char); codice oggetto del main()

prova.c #include <stdio.h> char funzione(char); codice oggetto del main() prova.c #include char funzione(char); {char c= a ; printf( Ecco il carattere: %c\n,c); c=funzione(c); printf( Ecco il carattere modificato: %c\n,c); char funzione(char tmp) {if(tmp

Dettagli

Esercitazione 6. Array

Esercitazione 6. Array Esercitazione 6 Array Arrays Array (o tabella o vettore): è una variabile strutturata in cui è possibile memorizzare un numero fissato di valori tutti dello stesso tipo. Esempio int a[6]; /* dichiarazione

Dettagli

I puntatori sono tipi di variabili il cui valore rappresenta un indirizzo della memoria.

I puntatori sono tipi di variabili il cui valore rappresenta un indirizzo della memoria. Puntatori I puntatori sono tipi di variabili il cui valore rappresenta un indirizzo della memoria. NOTA: quando un programma viene mandato in esecuzione, ad esso viene assegnata un area di memoria di lavoro

Dettagli

Caratteri e stringhe

Caratteri e stringhe Caratteri e stringhe Vettori di caratteri Il tipo stringa Terminatore nullo Input/output di stringhe 2 Vettori di caratteri Stringhe in C Nel linguaggio C non è supportato esplicitamente alcun tipo di

Dettagli

Input/Output di numeri

Input/Output di numeri Input/Output di numeri I/O di numeri Per utilizzare le funzioni di I/O occorre include il file di intestazione (o file header) stdio.h utilizzando all inizio del sorgente la direttiva #include

Dettagli

Introduzione all uso degli oggetti in Java (parte II) Walter Didimo

Introduzione all uso degli oggetti in Java (parte II) Walter Didimo Introduzione all uso degli oggetti in Java (parte II) Walter Didimo Esercizio all uso di oggetti Nel corso viene fornita una classe i cui oggetti permettono di leggere dati immessi dalla tastiera la classe

Dettagli

Caratteri e stringhe. Vettori di caratteri. Il tipo stringa Terminatore nullo Input/output di stringhe Politecnico di Torino 1

Caratteri e stringhe. Vettori di caratteri. Il tipo stringa Terminatore nullo Input/output di stringhe Politecnico di Torino 1 Caratteri e stringhe Il tipo stringa Terminatore nullo Input/output di stringhe 2 2006 Politecnico di Torino 1 Stringhe in C Nel linguaggio C non è supportato esplicitamente alcun tipo di dato stringa

Dettagli

I CARATTERI E LE STRINGHE

I CARATTERI E LE STRINGHE I CARATTERI E LE STRINGHE IL CODICE ASCII Per memorizzare i simboli grafici corrispondenti ai caratteri bisogna associare un numero intero a ciascuno di essi Il codice ASCII / æski/ (American Standard

Dettagli

Stringhe in C. Alessandra Giordani Lunedì 23 aprile 2012

Stringhe in C. Alessandra Giordani Lunedì 23 aprile 2012 Stringhe in C Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 23 aprile 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ Stringhe Sono particolari array: Ogni elemento del vettore è di tipo char La stringa è terminata

Dettagli

Le strutture /2. Iniziamo ora a progettare il codice per la gestione del database. Quali sono le funzionalità da implementare?

Le strutture /2. Iniziamo ora a progettare il codice per la gestione del database. Quali sono le funzionalità da implementare? Le strutture /2 Iniziamo ora a progettare il codice per la gestione del database. Quali sono le funzionalità da implementare? Per ora è possibile gestire l'elenco dei libri (e quindi delle strutture) mediante

Dettagli

Primi passi col linguaggio C

Primi passi col linguaggio C Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia Laurea in Informatica Corso di Programmazione part-time a.a. 2011/2012 Come introdurre un linguaggio di programmazione? Obiettivi: Introduciamo una macchina astratta

Dettagli

Esercitazione 11. Liste semplici

Esercitazione 11. Liste semplici Esercitazione 11 Liste semplici Liste semplici (o lineari) Una lista semplice (o lineare) è una successione di elementi omogenei che occupano in memoria una posizione qualsiasi. Ciascun elemento contiene

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C: introduzione La presente dispensa e da utilizzarsi

Dettagli

L accesso ai dispositivi esterni (tastiera, monitor, file,...) viene gestito mediante canali di comunicazione.

L accesso ai dispositivi esterni (tastiera, monitor, file,...) viene gestito mediante canali di comunicazione. I file L accesso ai dispositivi esterni (tastiera, monitor, file,...) viene gestito mediante canali di comunicazione. I canali, sono delle strutture dati che contengono informazioni sul dispositivo fisico,

Dettagli

Vettori di caratteri. Caratteri e stringhe. Stringhe in C. Vettori di caratteri. char saluto[10] ; B u o n g i o r n o 4. Esempio.

Vettori di caratteri. Caratteri e stringhe. Stringhe in C. Vettori di caratteri. char saluto[10] ; B u o n g i o r n o 4. Esempio. Vettori di caratteri Il tipo stringa Terminatore nullo Input/output di stringhe Caratteri e stringhe 2 Stringhe in C Vettori di caratteri Nel linguaggio C non è supportato esplicitamente alcun tipo di

Dettagli

Le funzioni, e le istruzioni di input/output

Le funzioni, e le istruzioni di input/output Linguaggio C Le funzioni, e le istruzioni di input/output 1 Funzioni! Sono sottoprogrammi per svolgere un particolare compito! Sequenze di istruzioni (raggruppate tramite le parentesi graffe) alle quali

Dettagli

Introduzione alla programmazione in linguaggio C

Introduzione alla programmazione in linguaggio C Introduzione alla programmazione in linguaggio C Il primo programma in C commento Header della libreria Funzione principale Ogni istruzione in C va terminata con un ; Corso di Informatica AA. 2007-2008

Dettagli

Struttura dei programmi C

Struttura dei programmi C Programmi C Struttura dei Programmi C Dichiarazione delle variabili Operazioni di Ingresso/Uscita Fondamenti di Informatica 1 Struttura dei programmi C Un programma C deve contenere, nell'ordine: una parte

Dettagli

Programmazione web lato client con JavaScript. Marco Camurri 1

Programmazione web lato client con JavaScript. Marco Camurri 1 Programmazione web lato client con JavaScript Marco Camurri 1 JavaScript E' un LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE che consente di inserire codice in una pagina web Sintassi simile a Java (e al C), ma NON E'

Dettagli

Input. Il tipo char Alcune modalità di acquisizione di input. Laboratorio di Programmazione - Luca Tesei

Input. Il tipo char Alcune modalità di acquisizione di input. Laboratorio di Programmazione - Luca Tesei Input Il tipo char Alcune modalità di acquisizione di input 1 Lettura di dati in input Vediamo due modi per acquisire dei dati di input dall utente: 1. Tramite una finestra grafica di dialogo 2. Tramite

Dettagli

Esercitazione 3. Oggi sono stati effettuati semplici esercizi in C utilizzando le seguenti istruzioni: if...else, while, printf, scanf

Esercitazione 3. Oggi sono stati effettuati semplici esercizi in C utilizzando le seguenti istruzioni: if...else, while, printf, scanf Riassunto Esercitazione 3 Oggi sono stati effettuati semplici esercizi in C utilizzando le seguenti istruzioni: if...else, while, printf, scanf Sono state introdotte anche le seguenti relazioni: uguaglianza:

Dettagli

LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO III Indice

LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO III Indice LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO 2014 2015 18.III.2015 VINCENZO MARRA Indice Parte 1. L algoritmo euclideo 3 Esercizio 1 3 L algoritmo euclideo

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 04 Input/Output

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 04 Input/Output Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009 Lab 04 Input/Output Input e output in C Input con formato: scanf( stringa formato, lista variabili); Output con formato:

Dettagli

Puntatori. Fondamenti di Programmazione

Puntatori. Fondamenti di Programmazione Puntatori Fondamenti di Programmazione Funzioni utili stdio.h c = getchar(); restituisce un carattere letto da tastiera. Equivale a: scanf( %c, &c); putchar(c); scrive un carattere sullo schermo. Equivale

Dettagli

Realizzare un programma che legga da input tre numeri interi e stampi a video la loro somma e la media.

Realizzare un programma che legga da input tre numeri interi e stampi a video la loro somma e la media. Esercizio 1 Realizzare un programma che legga da input tre numeri interi e stampi a video la loro somma e la media. #include Esercizio 1 - Soluzione int main() int num1, num2, num3, somma; float

Dettagli

APPELLO SCRITTO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO 2013 2014 20.VI.2014

APPELLO SCRITTO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO 2013 2014 20.VI.2014 APPELLO SCRITTO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO 2013 2014 20.VI.2014 VINCENZO MARRA Indice Esercizio 1 1 Leggere stringhe e caratteri 1 Esercizio 2 2

Dettagli

Introduzione al linguaggio C

Introduzione al linguaggio C Introduzione al linguaggio C Abbiamo già visto come un programma non sia altro che un algoritmo codificato in un linguaggio di programmazione. Problema: quale linguaggio scegliere per la codifica di un

Dettagli

Stringhe e allocazione dinamica della memoria

Stringhe e allocazione dinamica della memoria Stringhe e allocazione dinamica della memoria Esercizio Scrivere un programma strings.c che legge da standard input una sequenza di parole separate da uno o più spazi, e stampa le parole lette, una per

Dettagli

GESTIONE DEI FILE IN C. Docente: Giorgio Giacinto AA 2008/2009

GESTIONE DEI FILE IN C. Docente: Giorgio Giacinto AA 2008/2009 Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile - Strutture FONDAMENTI DI INFORMATICA 2

Dettagli

Input/output da file I/O ANSI e I/O UNIX FLUSSI E FILE FLUSSI FLUSSI di TESTO FLUSSI BINARI FILE

Input/output da file I/O ANSI e I/O UNIX FLUSSI E FILE FLUSSI FLUSSI di TESTO FLUSSI BINARI FILE Input/output da file Il linguaggio C non contiene istruzioni di I/O, in quanto tali operazioni vengono eseguite tramite funzioni di libreria standard. Questo approccio rende estremamente flessibile e potente

Dettagli

Perché il linguaggio C?

Perché il linguaggio C? Il linguaggio C 7 Perché il linguaggio C? Larga diffusione nel software applicativo Standard di fatto per lo sviluppo di software di sistema Visione a basso livello della memoria Capacità di manipolare

Dettagli

LIBRERIE STANDARD in C. LIBRERIE STANDARD in C

LIBRERIE STANDARD in C. LIBRERIE STANDARD in C LIBRERIE STANDARD in C La libreria standard del C è in realtà un insieme di librerie Per usare una libreria, non occorre inserirla esplicitamente nel progetto: ogni ambiente di sviluppo sa già dove cercarle

Dettagli

Esercitazione. Esercizio 1 Scrivere un programma che calcoli e visualizzi la somma degli interi pari da 2 a 1000 (estremi compresi)

Esercitazione. Esercizio 1 Scrivere un programma che calcoli e visualizzi la somma degli interi pari da 2 a 1000 (estremi compresi) Esercitazione Oggi dovremo di nuovo usare funzioni sui reali. Ma il C non ha operatori nativi del linguggio per queste operazioni, come la radice quadrata, l'elevamento a potenza o l'arrotondamento. Per

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Dipartimento di Informatica Università di Pisa Corso Informatica I - 2012/2013 Outline Introduzione alla compilazione C 1 Introduzione alla compilazione C 2 Ricapitolando...

Dettagli

CODIFICA DEL TESTO 0???????

CODIFICA DEL TESTO 0??????? CODIFICA DEL TESTO Simboli da rappresentare: lettere a,b,c,.z,a,b,c,.z cifre 0,1,2,3, 9 simboli di punteggiatura ;:,. Rappresentati mediante sequenze di bit Una codifica dei simboli è perciò (almeno) una

Dettagli

Esercizi su. Istruzioni di scelta multipla. Overflow

Esercizi su. Istruzioni di scelta multipla. Overflow Esercizi su Istruzioni di scelta multipla Overflow 2 Scelta multipla 3 Esercizio 1/2 Scrivere un programma che chieda all'utente di scegliere tra varie opzioni e stampi il nome dell'opzione scelta Esempio

Dettagli

Operazioni su file di caratteri

Operazioni su file di caratteri Operazioni su file di caratteri Apertura fopen Chiusura fclose Scrittura fprintf Lettura fscanf Controllo fine file feof Prof. E. Occhiuto INFORMATICA 242AA a.a. 2010/11 pag. 1 Apertura di un file: Si

Dettagli

Passare argomenti al programma

Passare argomenti al programma Passare argomenti al programma Quando si invoca un programma è possibile passare degli argomenti ad esso durante la chiamata. Gli argomenti ricevuti saranno stringhe (array di char) quindi l insieme di

Dettagli

Il linguaggio C. Prof. E. Occhiuto INFORMATICA 242AA a.a. 2010/11 pag. 1

Il linguaggio C. Prof. E. Occhiuto INFORMATICA 242AA a.a. 2010/11 pag. 1 Il linguaggio C I linguaggi di programmazione ad alto livello sono linguaggi formali ( sintassi e semantica formalmente definite) però sono compatti e comprensibili. Le tipologie di linguaggi sono: procedurali

Dettagli

Gestione di files Motivazioni

Gestione di files Motivazioni Gestione di files Motivazioni Un programma in esecuzione legge (sequenzialmente) una sequenza di caratteri prodotti "al volo" dall'utente (tramite tastiera) il programma in esecuzione scrive (sequenzialmente)

Dettagli

Breve riepilogo della puntata precedente:

Breve riepilogo della puntata precedente: Breve riepilogo della puntata precedente: 1. In C, il passaggio dei parametri alle funzioni avviene sempre per copia, ovvero il valore del parametro viene copiato all'interno della variabile che rappresenta

Dettagli

Linguaggio C. Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore.

Linguaggio C. Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore. Linguaggio C Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore. 1 Funzioni Generalizzazione del concetto di funzione algebrica: legge che associa a valori delle variabili

Dettagli

Caratteri e stringhe

Caratteri e stringhe Caratteri e stringhe Il tipo char Variabili char Input/output di char Operazioni sui char Esercizio Quadrati di lettere 2 Il tipo char Variabili char I caratteri in C si memorizzano in variabili di tipo

Dettagli

Gestione dei file. Stefano Ferrari. Università degli Studi di Milano Programmazione. anno accademico

Gestione dei file. Stefano Ferrari. Università degli Studi di Milano Programmazione. anno accademico Gestione dei file Stefano Ferrari Università degli Studi di Milano stefano.ferrari@unimi.it Programmazione anno accademico 2016 2017 Gli stream Si dice stream qualsiasi sorgente di dati in ingresso e qualsiasi

Dettagli

Unità F1. Obiettivi. Il linguaggio C. Il linguaggio C++ Linguaggio C. Pseudolinguaggio. Primi programmi

Unità F1. Obiettivi. Il linguaggio C. Il linguaggio C++ Linguaggio C. Pseudolinguaggio. Primi programmi Obiettivi Unità F1 Primi programmi Conoscere il significato di dichiarazione e definizione di variabili Conoscere i tipi di dato numerici Essere in grado di realizzare semplici algoritmi in pseudolinguaggio

Dettagli

L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore È necessario introdurre il software:

L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore È necessario introdurre il software: Il Software L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore È necessario introdurre il software: un insieme di programmi che permettono di trasformare un insieme di circuiti

Dettagli

Tipi di dato semplici

Tipi di dato semplici Tipi di dato semplici Perché dichiarare una variabile? 2 Una variabile rappresenta uno spazio di memoria centrale Prima dell esecuzione del programma deve essere chiaro quanto spazio serve al programma

Dettagli

Associazione Variabile-Indirizzo

Associazione Variabile-Indirizzo I puntatori Associazione Variabile-Indirizzo Tutte le volte che in un programma si dichiarano delle variabili, l'esecutore associa alla variabile un indirizzo. Es. Dato il programma #include

Dettagli

stringhe array monodimensionali char. libreria < string.h>

stringhe array monodimensionali char. libreria < string.h> Le stringhe Le stringhe sono array monodimensionali il cui tipo base è char. Il nucleo del linguaggio non prevede particolari istruzioni per il trattamento delle stringhe che potrebbero essere gestite

Dettagli

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Informatica B Sezione D Franchi Alessio Mauro,

Dettagli

Linguaggio C Informatica Grafica

Linguaggio C Informatica Grafica Linguaggio C Informatica Grafica Corsi di Informatica Grafica Prof. Manuel Roveri Dipartimento di Elettronica e Informazione roveri@elet.polimi.it Linguaggio C Breve storia Struttura di un programma Variabili

Dettagli

Non ci sono vincoli sul tipo degli elementi di un vettore Possiamo dunque avere anche vettori di

Non ci sono vincoli sul tipo degli elementi di un vettore Possiamo dunque avere anche vettori di ARRAY DI PUNTATORI Non ci sono vincoli sul tipo degli elementi di un vettore Possiamo dunque avere anche vettori di puntatori Ad esempio: char * stringhe[4]; definisce un vettore di 4 puntatori a carattere

Dettagli

Introduzione al C++ (continua)

Introduzione al C++ (continua) Introduzione al C++ (continua) I puntatori Un puntatore è una variabile che contiene un indirizzo di memoria pi_greco 3.141592 pi_greco_ptr indirizzo di 3.141592 & DEREFERENZIAZIONE RIFERIMENTO * se x

Dettagli

Allocazione dinamica della memoria

Allocazione dinamica della memoria Allocazione dinamica della memoria Allocazione statica: limiti Per quanto sappiamo finora, in C le variabili sono sempre dichiarate staticamente la loro esistenza deve essere prevista e dichiarata a priori

Dettagli

Fondamenti di Informatica L-A

Fondamenti di Informatica L-A Fondamenti di Informatica L-A Esercitazione del 30/10/07 Ing. Giorgio Villani Ripasso Teoria Ciclo do while do {istruzioni while(espressione); int i; do { printf( Scegli un numero tra 1 e 3 ); scanf( %d,

Dettagli

Funzioni di I/O per numeri. Input e output di valori numerici. Input formattato scanf. Stream preesistenti

Funzioni di I/O per numeri. Input e output di valori numerici. Input formattato scanf. Stream preesistenti Funzioni di I/O per numeri 2 Input e output di valori numerici Ver. 2.4.2 2012 - Claudio Fornaro - Corso di programmazione in C Per utilizzare le funzioni di Input/Output bisogna includere il file di intestazione

Dettagli

Introduzione. L elaborazione dei files in C. Elaborazione dei files (1) Elaborazione dei files (2) D.D. cap. 11+ pp K.P. pp.

Introduzione. L elaborazione dei files in C. Elaborazione dei files (1) Elaborazione dei files (2) D.D. cap. 11+ pp K.P. pp. Introduzione L elaborazione dei files in C D.D. cap. 11+ pp. 569-572 K.P. pp. 581-583 La memorizzazione dei dati nelle variabili e nei vettori è temporanea: tutti quei dati andranno persi quando il programma

Dettagli

Informatica 1. Prova di recupero 21 Settembre 2001

Informatica 1. Prova di recupero 21 Settembre 2001 Informatica 1 Prova di recupero 21 Settembre 2001 Si risolvano i seguenti esercizi. Ai fini della determinazione del voto finale il loro punteggio andrà sommato al punteggio del laboratorio. Il tempo complessivo

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docente: Camillo Fiorentini 27 novembre 2007 In C una stringa è rappresentata da una sequenza di caratteri terminante con il carattere nullo \0 il cui valore è

Dettagli

IL PRIMO PROGRAMMA IN C

IL PRIMO PROGRAMMA IN C IL PRIMO PROGRAMMA IN C LO SCOPO Si vuole scrivere un programma in linguaggio C che chieda all utente di introdurre da tastiera due numeri interi e visualizzi il valore della loro somma sul video SOLUZIONE

Dettagli

La programmazione nel linguaggio C

La programmazione nel linguaggio C 3 La programmazione nel linguaggio C 3.0 La programmazione nel linguaggio C c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2001/2002 3.0 0 Introduzione ai programmi

Dettagli

Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O. Un esempio. Funzioni ricorsive. La ricorsione

Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O. Un esempio. Funzioni ricorsive. La ricorsione Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O Tiziana Calamoneri Ricorsione DD Cap. 5, pp. 160-184 KP Cap. 5, pp. 199-208 Un esempio Problema: prendere in input un intero e calcolarne il fattoriale

Dettagli

Sono tipicamente causati da dispositivi hardware. normale flusso di esecuzione viene interrotto, e la CPU passa a gestire l interrupt

Sono tipicamente causati da dispositivi hardware. normale flusso di esecuzione viene interrotto, e la CPU passa a gestire l interrupt Interruzioni in MIPS 32 Input/Output Interrupt Sono tipicamente causati da dispositivi hardware esterni, e collegati al processore attraverso delle linee di controllo di bus, come ad esempio le periferiche

Dettagli

2) FILE BINARI: è una sequenza di byte avente una corrispondenza uno a uno con la sequenza ricevuta dal dispositivo esterno.

2) FILE BINARI: è una sequenza di byte avente una corrispondenza uno a uno con la sequenza ricevuta dal dispositivo esterno. Tipo File Per memorizzare un dato su un supporto magnetico come un hard disk o un nastro, o più in generale su un'unità di memoria di massa viene utilizzata un tipo di dato chiamato file. Un file può essere

Dettagli

Espressione di chiamata di funzione

Espressione di chiamata di funzione Avvertenza Quanto segue NON è un libro, ma è una copia dei lucidi usati a lezione che NON sostituisce i libri di testo adottati e consigliati per l insegnamento di Informatica Generale. Questa copia è

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Definizioni Programmare significa risolvere problemi col computer, cioè far risolvere problemi al computer attraverso un insieme di informazioni

Dettagli

Strutture Dati Dinamiche

Strutture Dati Dinamiche Strutture Dati Dinamiche Motivazioni Le variabili considerate fino a questo punto devono essere dichiarate staticamente, ossia la loro esistenza, il loro nome e la loro dimensione devono essere previsti

Dettagli

Informatica 1. Corso di Laurea Triennale in Matematica. Gianluca Rossi

Informatica 1. Corso di Laurea Triennale in Matematica. Gianluca Rossi Informatica 1 Corso di Laurea Triennale in Matematica Gianluca Rossi gianluca.rossi@uniroma2.it Dipartimento di Matematica Università di Roma Tor Vergata 11: Stringhe (www.informatica-uno.blogspot.com)

Dettagli

ARRAY E STRINGHE. ESERCIZIO 2 Scrivere un programma che calcola il numero di doppie e di dittonghi (2 vocali vicine) presenti in una stringa.

ARRAY E STRINGHE. ESERCIZIO 2 Scrivere un programma che calcola il numero di doppie e di dittonghi (2 vocali vicine) presenti in una stringa. 3 ITI - a.s. 2007-2008 Compiti di Informatica ESTATE 2008 ARRAY E STRINGHE Scrivere una funzione che carica da tastiera un array di n elementi e lo stampa invertendo il primo elemento con l'ultimo, il

Dettagli

Le librerie standard. ! La libreria standard del C è in realtà un insieme di librerie

Le librerie standard. ! La libreria standard del C è in realtà un insieme di librerie ! La libreria standard del C è in realtà un insieme di librerie! Per usare una libreria, non occorre inse -rirla esplicitamente nel progetto: ogni ambiente di sviluppo sa già dove cercarle! Ogni file sorgente

Dettagli

Allocazione Dinamica. Allocazione Statica. malloc() La funzione malloc()

Allocazione Dinamica. Allocazione Statica. malloc() La funzione malloc() Allocazione Statica Finora abbiamo visto che le variabili sono sempre definite staticamente. Questo è un limite perché la loro esistenza deve essere prevista e dichiarata a priori. In particolare per variabili

Dettagli

file fisico file logico

file fisico file logico I files Un file è una struttura di dati residente su una memoria di massa (file fisico) Un programma vede un file come una sequenza di bytes (file logico) Generalizzando, un file può comprendere qualsiasi

Dettagli

<programma> ::= {<unità-di-traduzione>} <main> {<unità-di-traduzione>}

<programma> ::= {<unità-di-traduzione>} <main> {<unità-di-traduzione>} STRUTTURA DI UN PROGRAMMA C In prima battuta, la struttura di un programma C è definita nel modo seguente: ::= {} {} Intuitivamente un programma

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori L-A

Corso di Reti di Calcolatori L-A Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori L-A Esercitazione 9 (svolta) RPC: Inizializzazione Strutture Dati sul Server Luca Foschini Anno accademico 2010/2011

Dettagli

Costruiamo un programma per crittografare del testo

Costruiamo un programma per crittografare del testo Costruiamo un programma per crittografare del testo Per codificare un messaggio in modo tale che il suo testo non risulti leggibile a persone che non siano in possesso dell'opportuna procedura di decodifica,

Dettagli

Primo passo: il preprocessor. Il preprocessore. Esempi di direttive al preprocessore: #include. Esempi di direttive al preprocessore: #define

Primo passo: il preprocessor. Il preprocessore. Esempi di direttive al preprocessore: #include. Esempi di direttive al preprocessore: #define Primo passo: il preprocessor Source code Preprocessor Pre-processed source code Compiler Libraries Linker Executable code 1 Il preprocessore Il preprocessore compie delle manipolazioni sul codice del programma.

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Capitolo 3 Funzioni Federico Ceriani federico.ceriani@nulltech.it ITS Meccatronico di Legnago A.S. 2016-2017 Contenuti Concetto di funzione Sintassi Tipo di ritorno Argomenti

Dettagli

Stringhe. Stringhe costanti. t[0] t[1] t[2] t[3] t[4] s o l e \0. Esempio. char t[5] = { l, u, n, a, \0 }; definisce l array

Stringhe. Stringhe costanti. t[0] t[1] t[2] t[3] t[4] s o l e \0. Esempio. char t[5] = { l, u, n, a, \0 }; definisce l array Stringhe Esempio char t[5] = { l, u, n, a,; definisce l array In ANSI C una stringa è una successione di caratteri terminata dal carattere (carattere nullo, il cui valore è 0, da non confondere con il

Dettagli

Compendio sottoinsieme del C++ a comune col C. (Libreria standard, Input/Output, Costanti, Dichiarazioni e typedef, Memoria Dinamica)

Compendio sottoinsieme del C++ a comune col C. (Libreria standard, Input/Output, Costanti, Dichiarazioni e typedef, Memoria Dinamica) Compendio sottoinsieme del C++ a comune col C (Libreria standard, Input/Output, Costanti, Dichiarazioni e typedef, Memoria Dinamica) Librerie 1/2 Il solo insieme di istruzioni di un linguaggio di programmazione

Dettagli

Esercizio 1: calcolo insieme intersezione

Esercizio 1: calcolo insieme intersezione Esercitazione Fondamenti di Informatica B Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica 3 Esercitazione: 19 ottobre 2005 Esercizi su array e matrici Esercizio 1: calcolo insieme intersezione Problema: *******************************************************************

Dettagli

Puntatori (in C) Emilio Di Giacomo

Puntatori (in C) Emilio Di Giacomo Puntatori (in C) Emilio Di Giacomo Puntatori In questa lezione parleremo di uno dei costrutti più potenti del C: i puntatori I puntatori vengono utilizzati per realizzare il passaggio di parametri per

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Programmare in C 1 Calcolare l area di un rettangolo /* Calcolo area rettangolo */ int base; int altezza; int area; Conosciamo base = 3; altezza = 7; area = base*altezza; printf("%d",

Dettagli

Linguaggio C. Tipi predefiniti. Università degli Studi di Brescia. Prof. Massimiliano Giacomin. Prof. M. Giacomin

Linguaggio C. Tipi predefiniti. Università degli Studi di Brescia. Prof. Massimiliano Giacomin. Prof. M. Giacomin Linguaggio C Tipi predefiniti Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 Il concetto di tipo (reprise) Nome che indica

Dettagli

UD 3.2b: Programmazione in Pascal (1)

UD 3.2b: Programmazione in Pascal (1) UD 3.2b: Programmazione in Pascal (1) Il Linguaggio di Programmazione Pascal Esistono molti linguaggi di programmazione. Per motivi didattici utilizzeremo una versione ridotta di un linguaggio di programmazione

Dettagli

PROVA SCRITTA 23 MARZO 2010

PROVA SCRITTA 23 MARZO 2010 PROVA SCRITTA 23 MARZO 2010 In un file binario, MY_FILE.DAT, si memorizzano per ciascuno studente universitario: nome e cognome (stringhe, 20 char), matricola (intero), codice del corso di laurea (stringa

Dettagli

Programmazione di base

Programmazione di base Fondamenti di Informatica Primo Appello 01-17 8 febbraio 017 Rispondi alle domande negli appositi spazi. I punti assegnati per ogni domanda sono indicati nel riquadro a lato. L'esame contiene 10 domande,

Dettagli